Housing sociale, un nuovo strumento per realizzare interventi di edilizia sociale (a cura di Fondazione Housing Sociale)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Housing sociale, un nuovo strumento per realizzare interventi di edilizia sociale (a cura di Fondazione Housing Sociale)"

Transcript

1 Palazzo delle Stelline Milano 27 novembre ore 10,00 13,00 ATTI DEL SEMINARIO Housing sociale, un nuovo strumento per realizzare interventi di edilizia sociale (a cura di Fondazione Housing Sociale) L attuale scenario di emergenza abitativa vede impegnati numerosi operatori, pubblici e privati, nella ricerca di soluzioni che consentano di realizzare alloggi per studenti, immigrati, anziani, giovani coppie e soggetti a rischio di esclusione. Con le Leggi Regionali 12/2005 (legge di Governo del Territorio) e 14/2007 (disciplina dei Servizi Abitativi a Canone Convenzionato), sono stati fatti passi molto importanti per dotare le politiche locali di nuovi strumenti in grado di rendere disponibili aree a costi calmierati e nuove modalità di intervento. Data la scarsità di risorse pubbliche e il limitato rendimento economico di questo tipo di investimenti, per avviare nuove iniziative occorrono tuttavia anche strumenti capaci di intercettare risorse finanziarie a basso costo. In questo scenario, la possibilità di attivare delle forme di collaborazione pubblico privato per realizzare iniziative di edilizia dedicata alla locazione a canone calmierato, assume un ruolo strategico per le aree urbane, dove la pressione dei prezzi di mercato tende ad allontanare soprattutto i gruppi sociali con capacità reddituali medio - basse ma comunque troppo elevate per accedere all Edilizia Residenziale Pubblica. Fra di essi vi sono infatti anche figure chiave per il buon funzionamento della città: dai dipendenti pubblici, agli infermieri, dalle giovani coppie agli studenti universitari, gruppi sociali senza i quali è difficile immaginare la qualità del tessuto cittadino e il suo sviluppo economico. La Fondazione Housing Sociale, costituita dalla Fondazione Cariplo, con ANCI e con la Regione, ha sviluppato, attraverso il lancio del Fondo immobiliare etico Abitare Sociale 1 (gestito da Polaris SGR, nuova piattaforma no profit per la gestione di fondi comuni d investimento), intende realizzare alloggi e servizi con una forte connotazione sociale, destinati alla locazione a canone

2 calmierato. La Fondazione, insieme al Fondo e ai Comuni che hanno aderito a questa proposta progettuale, sta ora studiando e sviluppando le prime 4 iniziative immobiliari sociali per realizzare nel complesso circa 850 alloggi. Il workshop è finalizzato a discutere se e con quali modalità l housing sociale possa divenire uno strumento a disposizione delle Amministrazioni comunali per affrontare il disagio abitativo del loro territorio e, soprattutto, un importante leva per lo sviluppo e per la qualità della città.

3 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana Milano, novembre 2007

4 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 La Catena del Valore nei Progetti di Housing Sociale 2

5 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 Verso una Definizione di Housing Sociale La complessità del settore dell housing sociale inizia dalla sua definizione: nei vari paesi europei ne vengono adottate varie, diverse per le fasce sociali considerate rilevanti, per i criteri di assegnazione degli alloggi e per il grado di integrazione dei servizi abitativi con quelli sociali In Italia l housing sociale non ha definizione giuridica, ed è in corso un dibattito piuttosto ampio La sola definizione esistente è quella di Edilizia Residenziale Pubblica ( ERP ), che fa prevalentemente riferimento all intervento diretto del settore pubblico nel comparto abitativo (che incide per circa il 5% dell offerta residenziale) Immagine del Villaggio Barona, dic 2004, scatto FHS Il Tavolo di concertazione generale attivato dal Ministero delle Infrastrutture sta inoltre discutendo della definizione di alloggio sociale La definizione che ne da il CECODHAS, l organizzazione europea degli operatori del settore, richiama i seguenti concetti: alloggi per coloro che non riescono a soddisfare il proprio bisogno abitativo sul mercato (per ragioni economiche, per assenza di un offerta adeguata o anche per difficoltà di accesso al credito) Immagine del Villaggio Barona, dic 2004, scatto FHS presenza di criteri particolari di assegnazione degli alloggi che li connotano come servizio di interesse economico generale (SIEG) L housing sociale interseca quindi l Edilizia Residenziale Pubblica, ma mantiene un approccio più flessibile e orientato ai progetti, più esteso rispetto a target sociali, operatori coinvolti, canoni applicabili nonché alla progettazione dei servizi e delle comunità 3

6 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 Analisi delle Esperienze Europee nell Housing Sociale L analisi delle esperienze europee [1] evidenzia alcuni messaggi chiave: nei Paesi considerati, escludendo la Germania, l housing sociale rappresenta circa il 20% del mercato residenziale anche se esistono tendenze ricorrenti non vi sono formule di generale applicazione il reperimento di risorse private si accompagna spesso a meccanismi di garanzia, o ad altre forme di riduzione degli oneri finanziari e di sussidio, e all istituzione di un Autorità di vigilanza il livello dei canoni consente generalmente l equilibrio economico del proprietario: l inquilino è protetto da sussidi personali / assistenziali e da meccanismi di calmieramento dei canoni Danimarca Peso settore housing sociale: 19% Operatori: Housing Associations Reg. e controllo: Governo centrale, inquilini Gran Bretagna Peso settore housing sociale: 22% Operatori: Enti Locali, RSL (Housing Assoc.) Reg. e controllo: Housing Corporation Finlandia Peso settore housing sociale: 16% Operatori: Soggetti controllati da Enti Locali Reg. e controllo: ARA Olanda Peso settore housing sociale : 36% Operatori: Housing Associations Reg. e controllo: Enti Locali, WSW Svezia Peso settore housing sociale: 23% Operatori: Soggetti controllati da Enti Locali Reg. e controllo: Enti Locali, BKN [1] Rif.: Social Market or Safety Net: British Social Rented Housing in a European Context, Feb 2002, The Policy Press and Joseph Rowntree Foundation Francia Peso settore housing sociale: 20% Operatori: HLM (50% semi-pubb., 40% no profit) Reg. e controllo: Caisse des Depots, Ministero Germania Peso settore housing sociale: 6% Operatori: Enti Locali, operatori profit / non profit Reg. e controllo: deregolamentazione dal

7 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 Settore ad Alto Rischio L housing sociale è considerato un settore ad alto rischio Esistono varie possibilità per ridurre il rischio degli interventi e del settore Gli investitori considerano il settore ad alto rischio ed è probabile che questa percezione permarrà fino a che non vi siano sufficienti storie di successo I principali rischi possono essere di natura immobiliare (sviluppo, morosità, manutenzione, perdita di valore ecc.), finanziaria (tassi di interesse), sociale (danneggiamenti, criminalità ecc.) o politica (reperimento di aree, sussidi, convenzioni, autorizzazioni) Sul profilo di rischio dei progetti influiscono elementi: relativi al settore (sussidi, agevolazioni fiscali, fondi di garanzia ecc.) interni ai progetti (pianificazione, realizzazione di servizi, rafforzamento della comunità ecc.) Rischi Morosità, sfitto, sfratti Comportamenti anti-sociali e danneggiamenti Perdite di valore dell immobile Manutenzioni Perdita di sussidi Andamento dei tassi di interesse Andamento della politica Elementi di mitigazione Pianificazione operativa Strumenti ordinari per la tutela della proprietà Incentivi e controlli di comunità Caparre e anticipi Assicurazioni, garanzie / fondi di garanzia Sostegno politiche pubbliche 5

8 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 Fattori che Influenzano l Housing Sociale In generale, i fattori che influenzano il settore dell housing sociale possono essere analizzati utilizzando lo schema che segue (i segni sullo sfondo indicano quali sono quelli sui quali cerca di intervenire il Progetto Housing Sociale) Relazioni con le comunità e con i residenti Comunità sostenibili / servizi / controllo sociale / partecipazione Agevolazioni fiscali Legislazione e quadro normativo Immagine Christian Novak, Politecnico di Milano Imposte dirette / regime IVA speciale Housing sociale Definizione del settore / creazione di nuovi strumenti dedicati agli operatori accreditati Accesso al credito / strumenti finanziari Politiche nazionali, regionali e locali Canali di finanziamento agevolato / fondi di garanzia Accesso ad aree a costi calmierati / urbanistica Rilievo bisogni / obiettivi programmatori / sussidi livello dei canoni / criteri di assegnazione Pianificazione territoriale / identificazione delle aree 6

9 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 Calmieramento dei Prezzi e dei Canoni Da un punto di vista economico e finanziario, uno dei criteri di riferimento per un intervento di housing sociale è il calmieramento dei costi delle locazioni e degli alloggi di nuova realizzazione Il grafico che segue illustra i principali riferimenti per il calmieramento dei valori immobiliari sulla base delle ipotesi (riportate a 1 mq) elaborate per il Canone Moderato istituito dalla Regione Esempio: Canone Moderato, Comune di Milano, Zona A ( / mq SC) scomposizione esemplificativa del costo dell immobile Rendimento Lordo da canone (iniziale) 4,5% Rendimento Lordo da canone iniziale 60,0 /anno/mq Terreni Oneri di urbanizzazione Costo immobiliare Altri oneri Costo convenzionale Aree a costi calmierati Sconti su Oneri e contributi Procedure e tecniche di costruzione Sussidi all offerta (Co-fin.) Canali di Finanziamento agevolato Sussidi alla domanda (FSA) Regime IVA speciale Agevolazioni imposte dirette e ICI 7

10 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 La Catena del Valore nell Housing Sociale Valore delle aree Costo di costruzione Fonti finanziarie Fiscalità Costi di gestione Per massimizzare l efficacia di un progetto di housing sociale, occorre mantenere in equilibrio le varie componenti del valore delle iniziative Nella congiuntura attuale, dati i vincoli di bilancio delle amministrazioni pubbliche, è sempre più difficile raggiungere l equilibrio attraverso il ricorso ai sussidi e alla fiscalità I sussidi oltre che pubblici possono essere interni ai progetti, prevedendo delle iniziative che contribuiscano al sostegno di altre (es. alloggi con affitti o prezzi di vendita più elevati il cui sovra rendimento sussidia alloggi a canone calmierato) Nel settore si sta soprattutto sviluppando una notevole attenzione a leve quali quella fondiaria (valore delle aree) e finanziaria (canali di finanziamento agevolati) Inoltre, è opinione diffusa che vi siano margini per recuperare efficienza nella fase di realizzazione degli immobili e della loro successiva gestione, ad esempio attraverso: economie di scala nuove procedure e tecniche di costruzione Sussidi Comunità e servizi partecipazione degli inquilini e incentivazione di meccanismi di controllo sociale che aiutino a contenere fenomeni di vandalismo e di morosità Il valore, economico e sociale, di un intervento dipende infine dall attivazione di servizi e di altre funzioni di supporto alle nuove residenze che arricchiscano la qualità del nuovo tessuto sociale 8

11 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana 9

12 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 Il Progetto Villaggio alla Barona Il Villaggio Barona ha ispirato il Progetto Housing Sociale Il Villaggio è stato realizzato su di un area industriale dismessa di circa 4 ettari alla periferia sud di Milano Per comprendere meglio cosa possa concretamente significare housing sociale abbiamo ritenuto interessante illustrare il caso del Villaggio Barona, progetto che ha ispirato il Progetto Housing Sociale L iniziativa nasce nel 1994 quando la Fondazione Cassoni proprietaria di un area nella periferia sud di Milano (di circa mq), occupata da attività industriali capannoni, depositi, container e silos, inizia a valutarne il potenziale di riconversione per realizzare attività di interesse sociale L iniziativa viene poi sviluppata in collaborazione con un associazione di volontariato radicata nel territorio (l Associazione Sviluppo e Promozione) e con la parrocchia dei S.S. Nazaro e Celso Fra i soggetti che la sostengono in modo significativo vi sono il Comune di Milano (in quanto l area era a standard, utilizzabile solo attraverso una convenzione), la Fondazione Cariplo e la Banca Popolare di Milano, integrando con propri contributi le risorse disponibili Nelle case del villaggio oggi abitano 230 persone; gli spazi commerciali ospitano 12 attività, tutte con una connotazione sociale, di cui per brevità citiamo: Punto e Croce, laboratorio di avviamento al lavoro per ragazze madri Ciclofficina Barona, bottega per l inserimento lavorativo dei ragazzi usciti dal carcere minorile Oggi è un riferimento per la riqualificazione delle periferie della città I servizi di gestione immobiliare vengono svolti da una micro-impresa costituita da inquilini In questi anni moltissime iniziative hanno animato la piazza del Villaggio invitando gli abitanti del quartiere a prendere parte alla sua vita 10

13 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 Overview dell Area Prima dell Intervento Un area dismessa fonte di degrado ambientale e sociale (deposito di olii combustibili, baracche ecc.) L area su cui sorge il Villaggio Barona era per la maggior parte occupata da un deposito di carburanti, con annesso distributore, e da un deposito di materiali ferrosi Oltre ai depositi, nell area erano presenti edifici non a norma, con presenza di eternit, e baracche 11

14 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 Ambiente viabilità poco efficiente (non completato lo schema viabilistico e di servizio previsto dal PRG del 1976) ambiente costruito poco partecipato e condiviso dai residenti pochi i tratti del paesaggio che ne valorizzano l identità area con scarso ricircolo idrico inquinamento del terreno moderato inquinamento dell aria Valutazione dell Area Prima dell Intervento Aspetti sociali area industriale con innesti di residenze improprie spazi concepiti per la produttività industriale area poco accessibile (lo stesso recinto del deposito era una barriera urbanistica) Pochi servizi e attività per il tempo libero presenza di alcune attività dedicate all inclusione sociale Risorse naturali nessun trattamento particolare previsto per i rifiuti speciali presenti nell area industriale (serbatoi di olii combustibili, depositi di ferro e materiali inerti, coperture in eternit ecc.) utilizzo del suolo monofunzionale nessun accorgimento per il risparmio energetico nessun accorgimento per il riutilizzo e la depurazione delle acque edifici realizzati con materiali poveri Aspetti economici rapporto tra benefici e costi sociali poco significativo medio livello di copertura trasporti pubblici presenza locale di opportunità di lavoro riconducibili prevalentemente alla funzione industriale lavori non aperti alla competizione discreta capacità di generare reddito, tuttavia concentrata in poche attività Nota: il modello di analisi della sostenibilità dei progetti SPeAR (ARUP - è stato usato solo a fini esemplificativi dell impatto dell iniziativa Villaggio Barona sulla riqualificazione dell area. 12

15 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 I Contenuti del Villaggio Barona (1/2) Il Progetto è riuscito a via Ettore Ponti piazza Bilbao riqualificare l area urbana, ridisegnandone non solo l aspetto di periferia ma anche i contenuti sociali via Attilio e Teresa Cassoni Attività commerciali Attività commerciali Residenze (normali e protette) Piazza Residenze (normali e protette) Attività di servizio alla persona Palestra Parco a uso pubblico Pensionato Sociale Integrato via Italo Svevo Tendostruttura via Santander via Zumbini Sovrappasso strada via Venosta Un Villaggio alla Barona via Bitria SS. Nazaro e Celso Chiesa arch. Pier Luigi Saccheri 13

16 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 I Contenuti del Villaggio Barona (2/2) La riqualificazione è stata attuata collocando al centro della vita del quartiere una serie di realtà e di situazioni sociali tipicamente marginali, inserendole in un contesto urbano ordinario e di pregio Con l intento di avvicinare la comunità locale al processo di trasformazione (in un area per molti anni chiusa al quartiere), sono stati coinvolti gli abitanti in un percorso di progettazione partecipata. Sono stati realizzati: Residenze (82 appartamenti e 3 comunità-alloggio), locate a canone agevolato (30 /a/mq per il 30% degli alloggi e 60 /a/mq per i restanti), prevalentemente destinate a persone e famiglie in situazione di bisogno o che operano nei servizi del Villaggio Attività commerciali (12 negozi), collocate all interno del complesso e aperte alla città. Sono state privilegiate attività a sostegno delle finalità del Villaggio come ad esempio servizi di vicinato e attività che favoriscono l inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati Pensionato sociale integrato (120 posti letto) suddiviso in 5 parti: pensionato sociale integrato per studenti e soggetti deboli, foresteria/ostello, area autonomia abitativa (la quarta comunità-alloggio del Villaggio), ristorante e parti comuni a servizio anche del quartiere Attività di servizio alla persona (in fase di costruzione), per ospitare iniziative di assistenza e di accompagnamento sociale (circa 10 destinate ad anziani, adolescenti, immigrati, disabili fisici e psichici ecc.) oltre a una palestra aperta al vicinato Parco di circa mq, pensato come uno spazio di connessione tra il quartiere e le diverse unità del Villaggio 14

17 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 Ambiente completamento della viabilità locale con significativo miglioramento della permeabilità dell isolato urbano coinvolgimento della popolazione locale nella definizione delle funzioni, dello schema organizzativo e delle principali attrezzature di uso pubblico realizzazione di tratti del paesaggio che ne rafforzano l identità aumento della percolazione del suolo abbattimento delle attività che producono inquinanti del terreno moderato inquinamento dell aria Risorse naturali bonifica dei siti occupati da serbatoi di oli combustibili, da depositi di ferro e materiale inerte, rimozione e smaltimento delle coperture in eternit migliore utilizzo del suolo (più del 50% dell'area piantumata e restituita a verde attrezzato di uso pubblico) modesti accorgimenti per il risparmio energetico peggiora il carico insediativo rispetto alle risorse idriche disponibili edifici realizzati con materiali tradizionali di buona qualità Analisi dell Area Dopo l Intervento Aspetti sociali articolazione di servizi e di forme di auto organizzazione della comunità progettazione di comunità-alloggio, appartamenti protetti e servizi alla persona assieme con operatori e utenti cura dello spazio collettivo e degli spazi di distribuzione interna della quota residenziale struttura aperta, accessibile e utilizzabile in più fasi della giornata animazione sociale, attività per i giovani e per i fruitori della città contaminazione tra presenze ordinarie e situazioni di marginalità e di esclusione Aspetti economici contratto di locazione che valorizza gli scambi mutualistici e solidali (es. aiuto delle situazioni più difficili) lieve miglioramento della copertura trasporti pubblici agevolazioni per i servizi commerciali che inseriscono al lavoro soggetti svantaggiati. Sostegno alla nascita di nuove imprese (riduzione dell'affitto previsto - in 3 anni, ne sono nate 4) lavori non aperti alla competizione discreta capacità di generare reddito, meno concentrata rispetto a prima Nota: il modello di analisi della sostenibilità dei progetti SPeAR (ARUP - è stato usato solo a fini esemplificativi dell impatto dell iniziativa Villaggio Barona sulla riqualificazione dell area. 15

18 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 Riqualificazione Urbana La contrazione dell area del grafico fornisce un indicazione dell impatto del Villaggio Barona sulla riqualificazione dell area Progettazione partecipata Identità del paesaggio Minore inquinamento Servizi e auto organizzazione della comunità Nuove residenze e Comunità-alloggio Spazi pubblici Animazione sociale Completamento viabilità Mix sociale e inclusione Peggiora il carico insediativo sulle risorse locali Modesti accorgimenti per il risparmio energetico Migliore uso del suolo Bonifica del sito Contratto di locazione che incentiva la solidarietà Trasporti pubblici Nuove opportunità di lavoro Capacita di reddito Più diffusa Nota: il modello di analisi della sostenibilità dei progetti SPeAR (ARUP - è stato usato solo a fini esemplificativi dell impatto dell iniziativa Villaggio Barona sulla riqualificazione dell area. 16

19 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 Come Progettare la Sostenibilità 17

20 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 Sostenibilità dei Progetti Sostenibilità > tecnica e ambientale > sociale La progettazione della sostenibilità di un intervento di edilizia sociale dovrebbe toccare almeno tre livelli: tecnico e ambientale, attraverso un progetto urbano ben collocato nel territorio e un progetto edilizio efficiente dal punto di vista energetico e del possibile inquinamento sociale, ovvero mirando allo sviluppo di una comunità: - con una composizione eterogenea e bilanciata di giovani coppie, bambini, anziani ecc. - nella quale le fasce del disagio siano presenti e tutelate, ma non tali da connotare la comunità mettendola a rischio del c.d. effetto ghetto - che sviluppi servizi, strumenti di gestione della convivenza e attenzione diffusa per i soggetti più vulnerabili > economica e finanziaria economico / finanziario, includendo nel piano finanziario anche i costi relativi ai servizi e alla gestione delle parti comuni Uno degli aspetti principali del Progetto è di gestire questi tre livelli in modo congiunto, con l attenzione di un investitore socialmente responsabile chiamato a gestire l intervento per circa 15 anni di lungo periodo Per questa ragione la sostenibilità è valutata sempre in una prospettiva di lungo termine 18

21 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 Progettazione degli Interventi La collaborazione con i soggetti pubblici prevista dal Progetto si esprime attraverso la progettazione degli interventi in partenariato con le Amministrazioni comunali Partnership con i Comuni Mettere in comune le risorse e le competenze del Progetto con quelle dei Comuni consente di integrare l innovazione sociale con le politiche, gli obiettivi e le pratiche delle amministrazioni Ciò avviene nell ambito di Gruppi di Lavoro Integrati che riuniscono: le competenze amministrative, urbanistiche e sociali dei Comuni lo sforzo progettuale sociale e le capacità di montaggio del Progetto Fondazione Cariplo Progettazione Protocollo di intesa Progetto preliminare Progetto di dettaglio Avviso pubblico Implementazione Gruppo di Lavoro Integrato Approvazione Comune / Fondazione Eventuale aggiudicazione da parte del Fondo Amministrazioni comunali Comune di Crema Approvazione da parte dell AC del Fondo Esecuzione assicurata dal Fondo 19

22 Housing Sociale e Riqualificazione Urbana - novembre 2007 Istituzione e Attività di un Gruppo di Lavoro Integrato Dopo le verifiche preliminari e di inquadramento, che consentono di identificare l area per un intervento (termini economici della disponibilità, mercato immobiliare di riferimento, bisogno abitativo, condizioni generali del lotto, verifiche ambientali ecc.), la progettazione copre le seguenti aree: Avviso Pubblico Gruppo di Lavoro Integrato Attuazione Immagine del Villaggio Barona, dic 2004, scatto FHS Progetto urbano Progetto sociale Piano finanziario Caratteristiche dell insediamento, linee guida per la realizzazione degli immobili ecc. Servizi da insediare: commerciali sociali iniziative speciali (es. case protette, strutture comunitarie ecc.) Analisi finanziaria dell investimento e predisposizione della documentazione per il montaggio dell operazione Convenzione Stipula della convenzione Gara per la progettazione e la costruzione Costruzione Locazione degli alloggi Gestione rapporto con le comunità Immagine Christian Novak, Politecnico di Milano Gestione alloggi e comunità Gruppo di Lavoro sul Gestore Sociale 20

23 Fondi Immobiliari per il Social Housing Un Caso Pratico Milano, novembre 2007

24 Fondo Immobiliare Etico Abitare Sociale 1 2

25 Perché un Fondo Immobiliare Etico? Debito finanziario Investitori Il fondo immobiliare chiuso di diritto italiano è stato scelto quale veicolo per realizzare e finanziare interventi di edilizia sociale in quanto è: flessibile, la sua governance è modulabile attraverso la creazione di appositi comitati trasparente, soggetto alla vigilanza della Banca d Italia e alla produzione di rapporti sulla gestione ogni 6 mesi (basati sulle valutazioni di esperti indipendenti) risorse finanziarie e terreni Fondo immobiliare costruzione e locazione Alloggi / conduttori assoggettato a un regime fiscale mite Il fondo immobiliare è gestito dalla Società di Gestione del Risparmio ( SGR ) secondo le modalità previste dal Regolamento dello stesso, soggetto all autorizzazione della Banca d Italia Il Regolamento del fondo può prevedere come detto l istituzione di Comitati, partecipati anche da soggetti designati dagli investitori, che possono condividere con la SGR vari aspetti della gestione Al Fondo sono precluse per legge le attività di mero finanziamento, ovvero non può erogare mutui o attivare schemi di leasing finanziario, e di costruzione esercitata in modo diretto, mentre è possibile affidare la costruzione a soggetti terzi La SGR è responsabile della gestione del Fondo e, nel rispetto dei vincoli eventualmente previsti dal Regolamento di gestione, lo amministra con l obiettivo di massimizzarne il valore per gli investitori 3

26 Le Origini I L P R I M O F O N D O I M M O B I L I A R E E T I C O D E D I C A T O A L L E D I L I Z I A S O C I A L E Le tappe fino a oggi: > studio di fattibilità > costituzione della Fondazione Housing Sociale > lancio del Fondo immobiliare etico > intesa con il Comune di Milano per 700 alloggi > approvazione intervento a Crema per 90 alloggi Dalla prima concezione dell ipotesi di lanciare un fondo immobiliare dedicato all housing sociale, le principali tappe del progetto sono state: maggio 2003: il Politecnico di Milano completa lo Studio di Fattibilità giugno 2004: costituita la FHS con la partecipazione di Regione e ANCI luglio 2005: la Banca d Italia autorizza il Fondo Abitare Sociale 1, primo fondo immobiliare dedicato all edilizia sociale dicembre 2005: sottoscritto un Protocollo di Intesa con il Comune di Milano (a cui fa seguito una delibera della Giunta nel novembre 2006) gennaio 2007: chiusura del Fondo a 85 milioni di Euro. Oltre a Fondazione Cariplo vi partecipano Cassa Depositi e Prestiti, Regione, Intesa San Paolo, Banca Popolare di Milano, Cassa Geometri, Generali Assicurazioni e Gruppo Pirelli / Telecom aprile 2007: il Consiglio Comunale di Crema approva la previsione di cessione di un area al Fondo per realizzare i primi 90 alloggi 4

27 Il Fondo in sintesi I L P R I M O F O N D O I M M O B I L I A R E E T I C O D E D I C A T O A L L E D I L I Z I A S O C I A L E Il Fondo Abitare Sociale 1 nasce dalla collaborazione con la Fondazione Housing Sociale ( FHS ), dove la SGR è promotore e gestore del Fondo e la FHS il soggetto istituzionalmente preposto alla promozione dei contenuti sociali delle iniziative Il Fondo è un fondo immobiliare chiuso riservato avente le caratteristiche previste dalla L. 410/2001 e dai successivi relativi regolamenti applicativi Principali caratteristiche Le caratteristiche principali del Fondo in particolare sono: raccolta 85 milioni leverage obiettivo 50% capitale investito obiettivo 170 milioni durata 20 anni (60 mesi per il richiamo degli impegni) gestore Polaris SGR Fondo immobiliare etico target riservato a investitori qualificati La strategia d investimento del Fondo è specializzata in iniziative di housing sociale Data la particolare natura del Fondo, l attività della SGR prevede vari momenti di raccordo con: la Fondazione Housing Sociale (promotore del Progetto) e la Regione (autorità nel settore delle politiche per la casa) uno o più gestori sociali, soggetti non profit a cui demandare la gestione degli alloggi Il reperimento delle aree avviene tipicamente sulla base di convenzioni con amministrazioni comunali 5

28 Principi Etici del Fondo I L P R I M O F O N D O I M M O B I L I A R E E T I C O D E D I C A T O A L L E D I L I Z I A S O C I A L E Il Fondo investe il proprio patrimonio: per almeno 2/3 in iniziative immobiliari che consentano di realizzare l Abitare sociale (Investimento Tipico) Investimento Tipico: l Abitare Sociale Investimento Residuale conforme ai criteri della finanza etica per una quota non superiore a 1/3 in iniziative conformi ai criteri della finanza immobiliare etica (Investimento Residuale) L Abitare sociale è in particolare definito come insieme di alloggi e servizi, finalizzati a contribuire a risolvere il problema abitativo con particolare attenzione alle situazioni di svantaggio economico e/o sociale, collaborando con il terzo settore e con la pubblica amministrazione Gli investimenti sono finalizzati a sostenere iniziative abitative rivolte in via preferenziale a studenti, anziani, famiglie monoreddito, immigrati e altri soggetti in condizione di debolezza o di svantaggio Il Fondo si impegna a promuovere interventi a canoni inferiori al livello di mercato e a massimizzare la quota di alloggi locati al c.d. canone moderato, a canone convenzionato o a canone sociale Per quanto riguarda l Investimento Residuale, non si possono effettuare investimenti in immobili adibiti alla produzione, commercializzazione o stoccaggio di armi, tabacco, alcolici e altre attività analoghe Rendimento atteso e vincolo al rendimento Liberalità a favore della FHS Il rendimento del Fondo ha un obiettivo calmierato pari al 2,0% per anno oltre all inflazione e può essere al massimo pari al 4,0% per anno oltre all inflazione L eccesso di rendimento, al netto della performance fee della SGR, verrà devoluto a progetti di utilità sociale coerenti con la strategia di investimento del Fondo individuati dall Advisory Committee La SGR riconoscerà alla FHS, a titolo di contributo a sostegno delle iniziative assunte per il settore, un contributo corrispondente a circa lo 0,1% del NAV 6

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

PARTE PRIMA. Art. 2 Ambito di applicazione

PARTE PRIMA. Art. 2 Ambito di applicazione 11976 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 7 aprile 2014, n. 10 Nuova disciplina per l assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti IL NUOVO ISEE Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti Consorzio MIPA 2 Indice IL NUOVO ISEE: UN QUADRO D'INSIEME Riferimenti del nuovo Isee e ambiti di applicazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa Affitti in nero: convenienza ZERO Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa A cura del Comando Provinciale Guardia di Finanza Studia e vivi Roma Studia e vivi Roma è una guida di

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI SERVIZIO EDILIZIA RESIDENZIALE

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI SERVIZIO EDILIZIA RESIDENZIALE ALLEGATO A AVVISO PUBBLICO Manifestazione di interesse alla presentazione di progetti, iniziative e misure da inserire nella proposta di Accordo di Programma della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli