Linee per uno scenario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee per uno scenario"

Transcript

1 Linee per uno scenario 13 Capitolo primo Linee per uno scenario «È maledettamente lunga la strada per arrivare da Pietroburgo a Stoccolma, ma dopo tutto, per uno che fa il mio mestiere, l idea che una linea retta rappresenti la distanza più breve tra due punti, ha perduto da un pezzo la sua attrattiva.» Questo pensiero può essere utile a dei giovani che da un loro perpetuo punto di partenza non vedono l ora di essere già arrivati a qualche traguardo della loro giusta ambizione. Cercano la linea retta, la più breve, mossi dall impazienza dell età e persuasi da un idea lineare dei tragitti. Non è così. Tra quei due punti scorre la vita che è una continua digressione, un imperterrito divagare che ha bisogno di ostacoli, rinunce, buona sorte e anche disgrazia, per compiersi. Solo da un arbitrario punto d arrivo si può credere a un percorso, dare un nome all intrico di questi giorni. [ ] Dal guazzabuglio del passato emerge allora non la linea tratteggiata di un disegno, ma la forza posseduta dal punto di partenza. (Erri De Luca, ALZAIA) L analisi della contemporaneità consente l emersione di una serie di termini che hanno ormai pienamente invaso non soltanto la produzione scientifica e/o le analisi sociologiche, ma anche la pubblicistica, i media, il linguaggio comune. Difficilmente incontreremo qualcuno che non abbia sentito parlare di termini quali globalizzazione, flessibilità, complessità, postmodernità, accelerazione del cambiamento, società multi o interculturale e così via. Quello che però si richiama all attenzione è che nessuno di questi termini riesce davvero a restituire un quadro esauriente

2 14 Narrazioni di narrazioni dello scenario nel quale oggi ci troviamo a vivere. Potremmo parlare, anche qui abusando di termini generalmente noti, di una ipercomplessità della contemporaneità le cui contraddizioni risultano davvero difficilmente riducibili. La fine delle metanarrazioni o grands récits (Lyotard, 1981; Geertz, 1995) costituisce una specie di resa: l uomo, in un certo senso, rinuncia alla pretesa di rappresentazione globale dello scenario nel quale è inserito. Eppure ciascuno di noi manifesta, in gradi diversi, il bisogno di autonomia, di affermazione di sé, il bisogno di essere riconosciuto come soggetto, di poter attribuire un senso e un significato alle cose che fa, che gli accadono, che vede nel mondo in cui è inserito. Potremmo dire che ciascuno di noi, affermando i bisogni appena elencati, evoca narrazioni capaci di includerli. Non potendo attingere queste narrazioni dai grandi repertori ormai poco frequentati, sempre più spesso decidiamo di acquistarle (nemmeno troppo metaforicamente) in «confezioni pronte all uso». Queste confezioni però, come ogni surrogato che si rispetti, non hanno né la potenza, né la credibilità, né la durata degli originali dei quali sono pallida copia. Quello che è richiesto al soggetto nella contemporaneità è dunque una sorta di conciliazione tra la rinuncia alle metanarrazioni e l appagamento dell urgenza di sintesi per ridurre la realtà a un quadro leggibile nel quale si possa inserire l agentività del soggetto. Il tentativo che facciamo nei paragrafi seguenti è quello di proporre alcune linee per leggere lo scenario che abbiamo appena descritto come non riducibile. Lo sforzo di sintesi è evidente e comporta la rinuncia alla pretesa di esaustività. Due ci appaiono i problemi principali da mettere in evidenza, testimonianza del fatto che, seppur inseriti nello stesso scenario, non tutti ci troviamo in realtà di fronte alla stessa tipologia di problemi (e alle stesse possibilità di risoluzione): 1. L informazione e la reale possibilità di accesso a occasioni formative e orientative, complice la burocratizzazione e la continua trasformazione delle modalità, nonché la difficoltà oggettiva delle stesse, non giunge in maniera equa, ma rischia di accumularsi dove già esiste un deposito di informazione e di competenza, distribuendo così risorse là dove già si trovano. L accesso è comunque un problema non riferibile soltanto alle possibilità di formazione e orientamento offerte, quanto piuttosto a ogni genere di informazione, per la quale il discorso si farebbe complesso:

3 Linee per uno scenario 15 sinteticamente si può dire che l accesso a un informazione omologata e omologante è consentito a una grandissima prevalenza di persone nel contesto italiano; l accesso alle fonti, a un informazione alternativa, al confronto è proprio di poche élite economiche, politiche, intellettuali. 2. Le scelte risultano viziate da un problema fondamentale: la recisione delle possibilità alternative. La proliferazione delle informazioni, delle possibilità alternative, nelle società occidentali, produce quella dolorosa sensazione di rinuncia ad altro ogni volta che una scelta viene compiuta. Più semplicemente: stasera ho la possibilità di vedere due concerti nutrendo un forte interesse per entrambi, questo provoca una serie di conseguenze sulla mia scelta. La prima conseguenza è che tenderò a scegliere sulla base di fattori periferici (Petty e Cacioppo, 1986); esemplificando ulteriormente, essi possono essere il prezzo del biglietto, la vicinanza-lontananza, le persone che potrebbero accompagnarmi all uno o all altro concerto. Mi allontanano dunque dal tema centrale della mia scelta: quale concerto vedere? quale artista preferisco? La seconda conseguenza è che qualunque scelta io faccia, tutto il resto passa da potenzialità a nulla, non può essere recuperato, non esiste più, viene reciso dal mio patrimonio esperienziale dopo essere stato molto prossimo a farne parte per sempre. La recente tendenza a trasformare, in conseguenza di questi processi, i desideri in bisogni (o perlomeno a percepirli-viverli come tali) dà vita a un fenomeno rilevante che è quello della sottrazione delle capacità progettuali. Infatti, nel momento in cui non si hanno le capacità di differire i propri desideri si perdono la capacità progettuale, le competenze in ordine alla costruzione di un progetto su di sé, la padronanza di tecnologie della scelta: tutto ciò che entra nella sfera del desiderabile diviene, immediatamente, bisogno, volontà di possesso e appagamento immediato. Questo processo non riguarda soltanto gli oggetti materiali, ma anche le dinamiche emozionali, affettive, esperienziali in genere. Nel momento stesso in cui premetto, ricorsivamente, alle mie scelte il presente, di qualunque tipo esso sia, tendo alla rimozione di una progettualità perlomeno a medio e lungo termine. Nel protrarsi di questo processo mi sottraggo alla possibilità di accumulare competenze di tipo progettuale (Batini e Zaccaria, 2000). Esiste, senza dubbio, una tensione, relativamente recente, a una cultura del presente, allo schiacciamento in una visione che non trova allettanti i nutrimenti del passato, non teme la propria incapacità progettuale, persuasa

4 16 Narrazioni di narrazioni dai media, da un modus vivendi diffuso, dalla molteplicità di stimoli che ogni istante comporta. Afferrare l attimo, comprare oggi e pagare domani si tratta di ritornelli ai quali siamo abituati. La pubblicità, i media in genere spingono a comportamenti di acquisto in virtù dei quali «si è», grazie ai quali abbiamo accesso al mondo: «compro dunque sono», compro anche se non ho bisogno perché esistono i sistemi di rateazione, di pagamento posticipato, acquisto in questo modo cose delle quali sino a ieri non avvertivo necessità alcuna. Così non riusciamo a concentrarci su noi stessi, estroflettiamo la nostra identità in direzione degli acquisti che facciamo. Già negli anni Ottanta l acquisto diviene un meccanismo ostentativo dello status sociale e l oscillazione tra qualità percepita socialmente e qualità reale si risolve a favore della prima; in quegli anni fanno la loro comparsa riferimenti a valori di tipo edonistico piuttosto che alla funzionalità dei prodotti, si accentua la sensibilità rispetto alla marca. Tutti questi aspetti vengono ulteriormente enfatizzati mescolandosi ad altri che fanno la loro comparsa più tardi: salubrità (supposta o reale), provenienza delle materie prime, servizi offerti dai punti d acquisto che diventano luoghi di vita. Vivere totalmente nell oggi è l ovvio risultato che deriva da comportamenti di questo tipo. Globale e locale: la glocalizzazione dal punto di vista del soggetto Ognuno di noi si trova oggi sottoposto a una miriade di tensioni nel tentativo di esercitare un controllo sulla propria esistenza. Effetto della globalizzazione è un incremento del rapporto tra la previsione e l influenza che essa ha sul verificarsi degli eventi previsti. Questo effetto è moltiplicato dalla velocità di diffusione delle notizie e delle credenze. Karl Popper descrisse la relazione tra previsione dell evento e influenza sul suo effettivo verificarsi come «riflessività» o «comportamento riflessivo». George Soros (già allievo di Popper alla London School of Economics) utilizza questo concetto per spiegare come le credenze degli azionisti e le informazioni diffuse dai mezzi di comunicazione abbiano un ruolo decisivo sull andamento dei mercati. Enunciati riflessivi sono quelli il cui valore di verità dipende dall effetto che producono e quest ultimo dipende a sua volta

5 Linee per uno scenario 17 dal fatto che essi siano o meno ritenuti veri, in una relazione circolare. Tutti gli enunciati di valore (di essi fanno parte i giudizi etici), afferma Soros, hanno un carattere riflessivo. Si evince facilmente come questa relazione confermi quanto sostenuto nel primo paragrafo. Ne La crisi del capitalismo globale egli dichiara che la riflessività agisce in modo simile a livello individuale come a livello collettivo (Soros, 1999). L effetto riflessivo si applica quindi anche a un progetto globale. Soros propone dunque due soluzioni: è necessario regolamentare i mercati; dal momento che la logica del profitto individuale non è in grado da sola di garantire il benessere collettivo, sono necessarie azioni specifiche di più individui a livello politico e sociale. Questo produce, come necessaria conseguenza, l impegno di aggregazioni di soggetti coordinati intorno ad azioni che mirino al benessere collettivo; nel momento in cui questa convinzione verrà interiorizzata da un numero sufficiente di persone, anche i governi, che saranno sostenuti solo se agiranno in tal senso, si adegueranno di conseguenza. A livello globale, ovviamente, la riflessività esercita un azione ancora più forte che nelle previsioni di mercato: qualora tutti si convincano che valori quali la collettività e la tutela dei beni comuni sono essenziali, sarà naturale e conseguente il loro impegno diretto o indiretto in azioni politiche che realizzino questi valori. Una previsione sul mercato finanziario, invece, pur cogliendo un aspetto reale, può essere invalidata dal prevalere di altri effetti riflessivi. 1 Al momento, però, le tendenze globali non aggregano gli individui intorno a valori comuni, anzi essi vanno incontro talvolta a forme di localismo, rifugio e protezione davanti alla confusione che avvertono e dalla quale non sanno districarsi. Viviamo in un epoca di sovrabbondanza informativa, con sperequazioni notevolissime in termini di accesso e possibilità di selezione delle informazioni medesime. L ambiente e l esperienza vengono trasformati dall innesto tecnologico. La tecnologia è una forma che plasma l ambiente modificando la percezione e ristrutturando completamente l esperienza ordinaria. La tecnologia insomma, senza che ce ne rendiamo conto, fissa i presupposti e le categorie attraverso i quali la realtà quotidiana viene interpretata. 1 Quest analisi della teoria di Soros ha un importante debito nei confronti di quella elaborata da Sara Fortuna nel sito

6 18 Narrazioni di narrazioni Nella scuola italiana questo «a priori interpretativo» ha mietuto già diversi successi: debiti, crediti, struttura didattica a moduli, learning objects, metodi di valutazione centrati sulla quantificazione delle prove e dei rendimenti scolastici pregressi, sul valore dell esperienza esterna alla scuola dello studente, tutti effetti provocati da una concezione del sapere e della sua trasmissione molto più «digitale» di quanto normalmente si pensi. Questa strumentazione tradisce un immagine assolutamente precisa dell uomo e dell esperienza che egli vive, in contraddizione con le percezioni di inesattezza, ambiguità, sovrapposizioni che quotidianamente ci troviamo a vivere. Siamo dunque di fronte a una sfida, alla quale occorre rispondere progettando delle strategie per raggiungere gli obiettivi proposti: raccogliere (e accogliere), selezionare (e dunque anche rifiutare) e amalgamare i tantissimi stimoli che ci circondano. I singoli soggetti hanno bisogno di esercitare un controllo e avere una percezione dello stesso sulla propria vita e sulle proprie scelte, dunque dare in qualche modo una risposta alla propria incertezza. Narrarsi non il futuro certo, ma alcuni futuri possibili. Quello che qui interessa è porsi una domanda riguardo all influenza del controllo individuale, delle credenze e delle previsioni rispetto al futuro e sulla previsione dello stesso: una società come quella che viene continuamente pensata come società della conoscenza non può ricalcare modalità del passato nel quale l elaborazione di modelli culturali è stata, storicamente, appannaggio di pochi mentre il resto, la massa, ne fruiva soltanto. Diviene quindi necessario pensare a modalità con le quali la produzione di idee, valori, modelli di gestione del futuro individuale e della «cosa pubblica» siano sempre più rispettivamente autonomi e partecipati: questo è però possibile soltanto a patto di iniziare a narrare un futuro di questo tipo. Frantumazioni identitarie La letteratura sul tema dell identità si è domandata, negli ultimi anni, se non stessimo assistendo a una crisi dell identità, a una specie di restringimento della stessa. L identità personale, già secondo Cristopher Lasch, rischiava di diventare un lusso:

7 Linee per uno scenario 19 In un epoca di turbamenti la vita quotidiana diventa un esercizio di sopravvivenza. Gli uomini vivono alla giornata, raramente guardano al passato, perché temono di essere sopraffatti da una debilitante «nostalgia», e se volgono l attenzione al futuro è soltanto per cercare di capire come scampare agli eventi disastrosi che ormai quasi tutti si attendono. In queste condizioni l identità personale è un lusso. [ ] L identità personale implica una storia personale, amici, una famiglia, il senso di appartenenza a un luogo. In stato d assedio l io si contrae, si riduce a un nucleo difensivo armato contro le avversità. L equilibrio emotivo richiede un IO MINIMO, non l io sovrano di ieri. (Lasch, 1996, p. 7) Lasch e altri analisti individuano quindi una difficoltà nella costruzione dell identità dovuta a una sorta di atteggiamento di difesa da parte di ogni soggetto rispetto a tensioni della contemporaneità. Già da tempo l appartenenza professionale contribuiva alla strutturazione dell identità personale, il ritmo del lavoro scandiva il tempo della vita, 2 adesso ancora di più le identità si compongono come pluriappartenenze: non è possibile scinderle nei vari aspetti costitutivi. Non si intende sostenere una sparizione dell identità: l identità esiste e la sua problematica principale riguarda, oggi, l autoconsapevolezza e l efficacia della costruzione identitaria, non l esistenza o meno dell identità medesima. Cambia semmai l accezione con la quale possiamo riferirci all identità: possiamo intenderla come un percorso, come un filo interiore continuo che ci offre sicurezza e percezione di sé. Queste prime semplici riflessioni ci conducono verso la metodologia narrativa, a rintracciarne innanzitutto un punto di forza: quello di consentire la costruzione attiva di significato da parte del soggetto su materiali suoi (Batini e Zaccaria, 2000 e 2002). La costruzione di un identità matura e consapevole passa attraverso forme di «bricolage identitario narrativo», si verifica cioè un accumulo di petits morceaux di storie udite, storie ascoltate, storie lette, ermeneutiche del visto 2 Si pensi alla grande grande trasformazione avvenuta nella stessa percezione e gestione del tempo in seguito all abbandono delle campagne e alla fuga in massa verso le città. Il tempo che prima era scandito dalle stagioni dell agricoltura, dai riti, dalle funzioni religiose, diviene, nelle grandi città operaie, il tempo della fabbrica. Che cosa provoca questo radicale cambiamento nel tessuto identitario? Lo sgretolamento delle reti di solidarietà e di relazione, l identificazione totale con il lavoro.

8 20 Narrazioni di narrazioni e dell accaduto, a noi e agli altri, interpretazioni non attraverso un processo di fissazione di un testo (ammesso e non concesso che esistano testi fissi), come può invece accadere con l interpretazione di un libro, ma di un testo in movimento (noi stessi, le relazioni che abbiamo, la nostra prospettiva spazio-temporale, ecc.). La narrazione agisce dunque, in questo senso, nella restituzione a se stessi di significato, contribuendo alla rilettura e alla riscrittura della propria storia, all apertura di uno sguardo differente sulla realtà, facilitando così la costruzione dell identità personale. Frantumazioni sociali Le società occidentali sono attraversate da una crisi delle istituzioni tradizionali, in particolare della famiglia e dello Stato. Questi cambiamenti si accompagnano a tensioni sociali, particolarmente intense in quegli Stati nei quali il carattere multietnico è accentuato (Batini e Zaccaria, 2000). Le modificazioni in corso conducono anche a una rimessa in causa dei modelli di autorità e di potere, alla perdita dei riferimenti sociali e ad un individualismo non bilanciato da obblighi sociali. I fondamenti del contratto sociale perdono senso nel venir meno della volontà e della possibilità delle istituzioni nazionali di rispettarli. Come ogni contratto, anche quello tra il cittadino e lo Stato perde valore quando uno dei due contraenti non è più in grado di attendere agli impegni presi (Surian, 2003; Batini e Surian, 2004). Nelle società di più antica tradizione democratica assistiamo a una nuova messa in discussione della forma di governo che, sino a pochi anni fa, avremmo creduto dovesse essere, in un progresso graduale ma continuo dell umanità, l unica a esistere in futuro nell intero pianeta. La democrazia rappresentativa conosce oggi una grande crisi: mentre le forme esteriori rimangono pienamente in vigore, le élite economiche affermano, con il tempo e in misura sempre maggiore, la loro influenza e il loro controllo sui governi, come accadeva nelle società pre-democratiche (Crouch, 2003). Tutto ciò avviene mentre nelle democrazie sostanziali l affezione alla politica e alla partecipazione, anche soltanto elettorale, sta mostrando evidenti segni di calo. Nello stesso momento, con svariate modalità e con obiettivi lievemente diversi o molto distanti, migliaia e migliaia di persone chiedono maggior potere decisionale per sé e per gli altri. Giunti a buon punto nella

9 Linee per uno scenario 21 transizione dalla democrazia rappresentativa alla democrazia liberale esplode la volontà di partecipazione. Ci si pone dunque oggi il problema di individuare se una democrazia rappresentativa deteriorata in una variante non prevista possa mutarsi in democrazia partecipativa: problema dalle molteplici sfaccettature, tra cui vi è in prima istanza la ricerca di nuove forme operative della democrazia partecipativa unitamente all individuazione di una strategia per scavalcare la resistenza delle lobby economiche profondamente contrarie a queste transizioni, 3 al punto da progettare una penetrazione nel settore pubblico con il duplice scopo di trarne profitto e di bloccare mutamenti in senso democratico degli apparati statuali. La penetrazione del «privato» nel dominio pubblico, sotto la forma concreta del passaggio di alcuni servizi essenziali, prima appannaggio dello stato, a soggetti privati, ma soprattutto secondo il refrain dell imparare dai modelli aziendali anche nella gestione del pubblico, se da una parte ha determinato, in alcuni casi, un recupero di efficienza, dall altra ha spesso prodotto una distorsione dello scopo, ulteriore motivazione per porsi come obiettivo il raggiungimento di nuovi equilibri. 4 Questo è possibile soltanto attraverso nuove forme di partecipazione, una riappropriazione dell agire e del decidere politico che non releghi più i cittadini in ruoli di passiva conferma o disconferma delle azioni politiche quanto piuttosto di espressione 3 Come nota Colin Crouch: «La maggior parte delle multinazionali hanno origine negli Stati Uniti, l unica superpotenza mondiale, e quindi possono sommare il governo di quel Paese alla loro forza lobbistica all interno delle organizzazioni internazionali. E il governo nordamericano è più coinvolto rispetto a molti altri nella libertà delle grandi aziende. Settori della politica un tempo considerate eccezioni dalle linee politiche del libero mercato, come la sanità o gli aiuti ai Paesi poveri [o l educazione, n.d.a.], oggi sono messi in discussione dal governo statunitense» (Crouch, 2003, p. 119). Il risultato finale di questo atteggiamento (progressiva liberalizzazione su scala internazionale dei commerci), anziché creare una libertà economica, un libero mercato in grado di autoregolarsi, produce in realtà un vantaggio per le multinazionali e dei veri e propri oligopoli; sono note al proposito le misure protezionistiche (ad esempio sull acciaio) imposte, in violazione di molti trattati internazionali, dal governo nordamericano che, nel 2002 hanno fatto definitivamente tramontare il miraggio degli Stati Uniti come esempio di un economia libera e funzionante (funzionante proprio perché libera e trasparente). 4 La privatizzazione di alcuni servizi essenziali come possono essere, per esempio, la fornitura dell acqua, ha spesso prodotto un incremento delle tariffe e dunque una traduzione «commerciale» di quelli che, sino a poco tempo fa, erano considerati servizi in un certo senso «dovuti» ai cittadini.

10 22 Narrazioni di narrazioni diretta della decisionalità e di pressione nei confronti delle élite politiche che hanno eletto. Il concetto, mai pronunciato apertamente, ma tanto caro alle élite politiche, di «massimo livello di minima partecipazione» che si traduce in una massiccia partecipazione alle elezioni e nella mancanza di altre forme di partecipazione deve essere superato mediante una serie di azioni che si stanno sperimentando nel mondo intero, pur in modo assolutamente disomogeneo e a «macchie di leopardo». Le possibilità di espressione della partecipazione trovano pertanto, attraverso un processo ben noto, maggiore attenzione, possibilità di sperimentazione e di accettazione man mano che si rafforza la legittimità sociale di queste soluzioni alternative, prendendo inizialmente le mosse dalle richieste maggiormente eterodosse e, in alcuni casi, anche violente, per poi raggiungere opportune forme di mediazione. 5 5 È noto come, storicamente, l affermazione dei diritti sia sempre passata attraverso uno scontro e una negoziazione successiva, partendo da punti di vista molto distanti tra loro.

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Indicazione per la scuola dell infanzia in lingua italiana di Bolzano

Indicazione per la scuola dell infanzia in lingua italiana di Bolzano I PRIMI PASSI DELLA RIFORMA SCOLASTICA IN PROVINCIA DI BOLZANO Per la scuola in lingua italiana della provincia autonoma di Bolzano, da un lato, abbiamo voluto evitare un atteggiamento attendista, che

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola,

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Franco Angeli, Milano TEORIA GENERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 2 di

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Daniel Goleman Intelligenza ecologica tr. it. a cura di D. Didero, Rizzoli, Milano 2009, pp. 314, 19

Daniel Goleman Intelligenza ecologica tr. it. a cura di D. Didero, Rizzoli, Milano 2009, pp. 314, 19 Daniel Goleman Intelligenza ecologica tr. it. a cura di D. Didero, Rizzoli, Milano 2009, pp. 314, 19 L ultimo lavoro di Daniel Goleman, Intelligenza ecologica, completa la trilogia che inizia con Intelligenza

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare Obiettivi e metodologia Presentazione e premessa Breve presentazione personale Il tema Curricolo per competenze e didattica disciplinare sarà trattato

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010

DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 DALLA PARTE DEI GENITORI Orciano (PU) 29.10.2010 La famiglia etica EDUCAZIONE AUTORITARIA 1. Comando 2. Responsabilità del padre 3. Severità 4. Esemplarità 5. Paura e senso di colpa del bambino La famiglia

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo Bambini malati in ospedale Prof.ssa Natascia Bobbo Infanzia A partire dalla nascita fino all adolescenza, verso gli 11, 12 anni, il bambino affronta numerosi compiti evolutivi su diverse dimensioni del

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman. Recensione a cura di Anna Lisa Pani

Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman. Recensione a cura di Anna Lisa Pani Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman Recensione a cura di Anna Lisa Pani Daniel Goleman, ha sviluppato il lavoro avviato nel libro Intelligenza

Dettagli

LA NARRAZIONE EMOTIVA. AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi

LA NARRAZIONE EMOTIVA. AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi LA NARRAZIONE EMOTIVA AFAIV Cassano Magnago, 3 ottobre 2014 Sara Lombardi NARRAZIONE EMOTIVA E RACCONTO DELLA STORIA ADOTTIVA Narrazione emotiva (Vadilonga e coll., 2010) come approccio al racconto delle

Dettagli

Liceo Classico E. Cairoli Varese

Liceo Classico E. Cairoli Varese ESA BAC Esame di Stato = Baccalauréat Liceo Classico E. Cairoli Varese Accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica francese relativo al doppio rilascio del diploma d

Dettagli

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2)

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Riprendiamo l analisi interrotta nel corso della precedente lezione b) struttura dialogica del fatto educativo Per rispondere a criteri ermenutici, l

Dettagli

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui?

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui? A PROPOSITO DI COACHING Giovanna Combatti intervista Giacomo Mosca Abbiamo chiesto a Giacomo Mosca, Formatore e Coach, Counsellor in Analisi Transazionale associato al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI)

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Finalità della disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classi prime IRC (= Insegnamento della religione cattolica)

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri C ERA UNA VOLTA ULISSE Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri OMERO, ODISSEA traduzione di G.A.PRIVITERA

Dettagli

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi IlCounselingMaieutico Orientamentiteoricieoperativi 1.IlconflittocomerisorsaperilCounselingMaieutico Dr.DanieleNovara Responsabilescientifico Il Counseling Maieutico è uno strumento innovativo nato dopo

Dettagli

Per i diritti umani di Barbara Pezzini

Per i diritti umani di Barbara Pezzini Accademia della Guardia di Finanza, Bergamo 25 novembre 2009 Premiazione del Concorso ScuolAccademia 2009 Per i diritti umani di Barbara Pezzini Questo intervento si rivolge ad una comunità di studenti

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO.

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. Appunti incontro di giovedì 11 nov. 2002 Italo Fiorin STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. E ormai convinzione consolidata che, nell insegnamento, non si possa parlare di un metodo capace

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI SEGRETERIA NAZIONALE Stazione di Roma Termini Via Marsala 65 00185 Roma Italia Po Box 2376 Roma 158 Tel. +39 0647826360 / 4 Fax +39 0648907864 redazione@onds.it direzione@onds.it

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015

LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015 LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015 INFANZIA E GIOVANI Open Group Lab Open Group Riferimenti e contatti Cittadinanza è il contenitore comune a tutte le nostre proposte. I nostri laboratori hanno come obiettivo

Dettagli

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Premessa Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Bastarono pochi mesi perché l impero sovietico si sfasciasse, pochi giorni per modificare radicalmente la situazione del Nordafrica. Potrebbero bastare pochi

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

Progetto educativo d Istituto

Progetto educativo d Istituto Istituto Privato d Istruzione Superiore Progetto educativo d Istituto A.S. 2014 / 2015 Progetto educativo del Nuovo Istituto Meucci PREMESSA Ai Genitori, quali titolari del Progetto Educativo, spetta la

Dettagli

LA CITTA Gioco di simulazione

LA CITTA Gioco di simulazione LA CITTA Gioco di simulazione Il gioco di simulazione La città propone ai partecipanti di affrontare il tema della legalità riportandolo a vissuti vicini al loro quotidiano e analizzandolo dalla prospettiva

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

UISP Emilia-Romagna APERTA, INTEGRATA E INNOVATIVA

UISP Emilia-Romagna APERTA, INTEGRATA E INNOVATIVA UISP Emilia-Romagna APERTA, INTEGRATA E INNOVATIVA Sintesi del Documento Programmatico in occasione dei Congressi Territoriali UISP in Emilia Romagna gennaio 2013 - Mauro Rozzi 1. Premessa: le riflessioni/visione

Dettagli

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati.

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati. Rubbettino Università, Soveria Mannelli 2009 Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati. Diversi sono tuttavia

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica

Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica Lezioni sulla democrazia Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica LUISS, Roma Lezioni sulla democrazia >> >> Livorno 28.11.2014 Livorno 28.11.2014 2 1 Di cosa parleremo 1. Che cos è la democrazia

Dettagli

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 La Rete di Andrea Morniroli Premessa In questi ultimi anni è cresciuta

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Sui criteri di scelta per selezionare un consulente finanziario

Sui criteri di scelta per selezionare un consulente finanziario Sui criteri di scelta per selezionare un consulente finanziario Blog http://epsilon-intervallo-grande.blogspot.com/ Linked in http://www.linkedin.com/in/guidogiaume 1/11 Criteri per selezionare un consulente

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI 2012

INDICAZIONI NAZIONALI 2012 FISM VENEZIA 2012 1 Il DPR 89/2009 prevedeva che le Indicazionidel 2007 potevano essere riviste dopo il triennio 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012. La Circolare Ministeriale n 101 del 4 novembre 2011 ha

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Vicino alle famiglie affidatarie. Dott. Tommaso Eredi

Vicino alle famiglie affidatarie. Dott. Tommaso Eredi Vicino alle famiglie affidatarie Dott. Tommaso Eredi L affidamento eterofamiliare è un esperienza complessa che mette in relazione tanti attori: il minore, la famiglia naturale, la famiglia affidataria,

Dettagli

LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO

LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO PERCEPIRE IL PROBLEMA, AVENDO BEN CHIARA LA DIFFERENZA

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

PROMUOVERE LA LETTURA. UN DIVERSO APPROCCIO PER CREARE LETTORI AUTENTICI A scuola e non solo

PROMUOVERE LA LETTURA. UN DIVERSO APPROCCIO PER CREARE LETTORI AUTENTICI A scuola e non solo PROMUOVERE LA LETTURA. UN DIVERSO APPROCCIO PER CREARE LETTORI AUTENTICI A scuola e non solo di Silvia Blezza Picherle (15 dicembre 2014) Di seguito vengono indicati alcuni principi teorici che costituiscono

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA CONTRAFFAZIONE SULL INTRODUZIONE DI UN ABBIGLIAMENTO DI LUSSO NEL MERCATO ITALIANO

GLI EFFETTI DELLA CONTRAFFAZIONE SULL INTRODUZIONE DI UN ABBIGLIAMENTO DI LUSSO NEL MERCATO ITALIANO GLI EFFETTI DELLA CONTRAFFAZIONE SULL INTRODUZIONE DI UN NUOVO MARCHIO DI ABBIGLIAMENTO DI LUSSO NEL MERCATO ITALIANO Alcuni punti chiave: CONTRAFFAZI ONE Marca del prodotto BRAND CONSUMER BEHAVIOR LUSSO

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Dott.ssa Chiara Magatti Psicologa psicoterapeuta, specialista in psicologia della salute 1 Stare bene! Senso di padronanza e controllo sulla propria

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO SULLA QUESTIONE DI FIDUCIA ON. CHIARELLI

DICHIARAZIONE DI VOTO SULLA QUESTIONE DI FIDUCIA ON. CHIARELLI 667 DICHIARAZIONE DI VOTO SULLA QUESTIONE DI FIDUCIA ON. CHIARELLI Disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 36 del 2014: Disposizioni urgenti in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze

Dettagli

IL MANAGER DIDATTICO:

IL MANAGER DIDATTICO: IL MANAGER DIDATTICO: RUOLO, FUNZIONI, COMPETENZE DI ANNA COMACCHIO * * Professore associato in Organizzazione Aziendale Università Cà Foscari di Venezia Anna Comacchio 50 ,, F RR UU OO LL L II, I FF UU

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

L orientamento ovvero una migliore percezione delle informazioni per migliori decisioni

L orientamento ovvero una migliore percezione delle informazioni per migliori decisioni L orientamento ovvero una migliore percezione delle informazioni per migliori decisioni I buoni giocatori si contraddistinguono per la capacità di agire rapidamente ed efficacemente nelle varie situazioni

Dettagli