CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI"

Transcript

1 CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI Fondamenti di sicurezza elettrica PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA STUDIO DI INGEGENERIA MAGRINI POLLONI MARCO VIA SAN CARLO PAVIA TEL Impianti elettrici - Pericolosità della corrente elettrica

2 1.0 INTRODUZIONE Il pericolo più comune connesso con l uso dell elettricità è rappresentato dal contatto che una persona può avere con parti in tensione. Tale contatto può determinare il passaggio di una corrente attraverso il corpo umano con conseguenze che si possono rivelare anche mortali. La sicurezza può essere conseguita per mezzo di svariati sistemi di protezione, attivi o passivi, per mezzo dei quali si cerca di limitare la corrente o di ridurre il tempo per cui questa può fluire attraverso il corpo umano. L approntamento dei sistemi per la protezione dai pericoli della corrente elettrica presuppone la conoscenza degli effetti della corrente elettrica sul corpo umano e dei valori limite ammessi dalle norme. 2.0 PERCEZIONE DELLA CORRENTE ELETTRICA Gli organismi viventi sono molto sensibili alle correnti elettriche. Da studi fisiopatologici si rileva che la cellula possiede, nello stato di riposo, un potenziale elettrico negativo all interno rispetto all esterno chiamato potenziale di riposo. Nelle cellule del sistema nervoso centrale dei mammiferi il potenziale di riposo assume il valore di circa 70 mv. Applicando uno stimolo elettrico di intensità e durata appropriata il potenziale della cellula si modifica in valore e segno diventando positivo per poi tornare al potenziale iniziale ( Potenziale d azione ). L ampiezza dell impulso necessario per eccitare la cellula e determinare l inversione del potenziale diminuisce all aumentare della durata tendendo ad un valore costante secondo la curva dell eccitabilità Figura 1 riportata in figura 1. Gli stimoli elettrici applicati dall esterno che superano al soglia di eccitabilità generano effetti fisiopatologici che possono diventare pericolosi in funzione di vari fattori tra cui i più importanti sono: l intensità della corrente, la durata del contatto, la natura della corrente, la frequenza, la massa corporea, lo stato di salute e il sesso del soggetto interessato. La percezione della corrente è un fatto individuale pertanto per determinare dei valori di riferimento bisogna affidarsi a dati statistici. Su un campione di soggetti il valore minimo avvertito dal 50 % delle persone risulta essere: 5 ma ( uomini ) e 3,5 ma ( donne ) per la corrente continua; 1,1 ma ( uomini ) e 0,7 ma ( donne ) per la corrnte alternata a 60 Hz. Il valore superiore della corrente continua dipende dal fenomeno di accomodamento delle cellule le quali si adattano se sottoposte ad uno stimolo ininterrotto. Se si considerano come valori di soglia quelli avvertiti da una percentuale inferiore del campione si hanno, ovviamente, risultati diversi. Per percentuali dello 0,5% del campione si hanno i seguenti risultati: 0,5 ma per la corrente alternata a 60 Hz; 2 ma per la corrente continua. Impianti elettrici - Pericolosità della corrente elettrica 2

3 Ai fini della sicurezza le norme si riferiscono a questi valori e definiscono SOGLIA DI PERCEZIONE il valore minimo di corrente che causa una sensazione alla persona percorsa da corrente. La parte del corpo più sensibile alla corrente elettrica è la lingua con una soglia di percezione di 45 μa. Nel caso della corrente alternata assume notevole influenza la frequenza in quanto all aumentare di questa la corrente può essere considerata come una serie di impulsi di durata inversamente proporzionale alla frequenza stessa. Di conseguenza deve aumentare il valore dell intensità per produrre la modificazione de potenziale di riposo della cellula ( vedi figura 1 ). Per poter valutare quantitativamente l aumento della soglia di percezione al variare della frequenza si utilizza il FATTORE DI FREQUENZA F f definito dal rapporto tra la corrente di percezione o soglia alla frequenza considerata e la corrente di soglia a 50/60 Hz. L andamento del fattore di frequenza è riportato nella figura 2 per frequenza da 50/60 Hz a 1000 Hz e da 1 a 10 Hz. Figura EFFETTI FISIOPATOLOGICI Il passaggio di corrente elettrica attraverso il corpo umano può determinare numerose alterazioni delle funzioni vitali che possono riguardare il controllo de movimenti, la respirazione, il battito cardiaco e lesioni al sistema nervoso, ai vasi sanguinei, all apparato visivo e auditivo, all epidermide. Gli effetti più frequenti e importanti sono: Tetanizzazione dei muscoli; Difficoltà e arresto della respirazione; Ustioni. Fibrillazione ventricolare; 3.1 Tetanizzazione dei muscoli La tetanizzazione consiste nella contrazione involontaria dei muscoli interessati dal passaggio della corrente elettrica. Nella sua forma più grave non consente all interessato di staccarsi dalla parte in tensione. Sotto l azione di uno stimolo i muscoli si contraggono per poi ritornare allo stato di riposo. Se al primo stimolo ne segue un altro prima che il muscolo sia tornato allo stato di riposo i due effetti si possono sommare. Più stimoli contraggono ripetutamente il muscolo in modo progressivo ( Figura 3 ). Impianti elettrici - Pericolosità della corrente elettrica 3

4 Se la frequenza degli stimoli supera un certo limite il muscolo è portato alla contrazione completa e permane in questo stato finché non cessano gli stimoli, dopo di che ritorna allo stato di riposo. Figura 3 La norma CEI 64 definisce SOGLIA DI RILASCIO il massimo valore di corrente per il quale una persona può ancora lasciare la presa. Nel caso della corrente alternata a 50- /60 Hz viene assunto come soglia di rilascio un valore massimo di 10 ma. Anche in questo caso per valutare la variazione della soglia di rilascio al variare della frequenza si utilizza il fattore di frequenza. Figura 3 I valori del fattore di frequenza relativi alla soglia di rilascio sono riportati nella figura 4 per frequenza da 50/60 Hz a 1000 Hz e da 1 a 10 Hz. Figura 4 Nel caso di corrente continua la soglia di rilascio è individuata a 300 ma. 3.2 Difficoltà e arresto della respirazione Correnti superiori alla soglia di rilascio possono provocare difficoltà e arresto della respirazione. Il passaggio della corrente può determinare una contrazione dei muscoli addetti alla respirazione o una paralisi dei centri nervosi che sovrintendono alla funzione respiratoria. Se la corrente perdura l infortunato perde conoscenza e può morire soffocato. In questi casi è necessario intervenire prontamente per evitare l asfissia e lesione irreversibili ai tessuti cerebrali. Impianti elettrici - Pericolosità della corrente elettrica 4

5 3.3 Ustioni Il passaggio di corrente elettrica su di una resistenza è sempre accompagnato da uno sviluppo di calore per effetto Joule. A questa regola non fa eccezione il corpo umano. Le ustioni sono provocate del calore che si sviluppa per effetto Joule dalla corrente che fluisce nel corpo umano. L aumento di temperatura derivante risulta essere direttamente proporzionale al quadrato della densità di corrente, alla resistività del tessuto interessato e alla durata del contatto. Avendo la pelle resistività maggiore rispetto ad altre parti, risulta essere il tessuto più esposto alle ustioni. Densità di corrente dell ordine di qualche milliampere al millimetro quadrato per una durata dell ordine del secondo provocano già ustioni. Densità di circa 50 ma/mmq in pochi secondi provocano la carbonizzazione dei tessuti. Nell ambito dell alta tensione l effetto termico produce la distruzione dei tessuti e dei centri nervosi e la rottura delle arterie. 3.4 Fibrillazione ventricolare Tra gli effetti della corrente elettrica è quello che provoca il maggior numero di decessi per folgorazione elettrica. La fibrillazione ventricolare è uno stato di asincronismo delle fibre del cuore durante il quale ogni fibra sviluppa una contrazione propria e indipendente. La corrente elettrica proveniente dall esterno si sovrappone alle correnti fisiologiche interne provocando una contrazione scoordinata che impedisce al cuore di svolgere la sua funzione e che porta alla morte per arresto cardiaco e della circolazione sanguinea. Dato che al fibrillazione si automantiene per cui una volta innescata continua anche se cessa la causa che l ha provocata la morte può essere impedita solo attuando la defibrillazione tramite apposito apparecchio che causa shock elettrico permettendo di ristabilire il normale ciclo cardiaco. Esperimenti condotti su animali con corrnte alternata a 50 Hz e durata 5 secondi hanno fornito un limite di 180 ma con probabilità di innesco della fibrillazione del 50% del campione. Atri esperimenti con corrente a 60 Hz hanno consentito di estrapolare una formula che esprime la soglia di fibrillazione con probabilità dello 0,5 % pari a: ( ) t I = / dove t è la durata del contatto in secondi. In base alla formula riportata si può vedere che per un contatto di 0,5 s la probabilità di fibrillazione a 0,5% è pari a 80 ma, mentre per un contatto di 0,1 s la stessa probabilità richiede una corrente di 550 ma. Un fattore molto importante è rappresentato dal percorso della corrente elettrica attraverso il corpo umano. Per tenerne conto si è introdotto il FATTORE DI PERCORSO definito dal rapporto tra le intensità di corrente che hanno la stessa probabilità di innescare la fibrillazione relative al percorso di riferimento ( mano sinistra - piedi ) e a quello considerato. Un caso estremamente pericoloso è quello dei contatti interni che si può verificare in pazienti ricoverati presso le unità coronaiche aventi cateteri in prossimità del cuore. In questi casi la fibrillazione può essere provocata da correnti dell ordine dei 20 micro ampere con f= Hz. Si ritiene non pericoloso un valore di 10 μa. La pericolosità della corrente diminuisce all aumentare della frequenza ( aumenta la soglia di fibrillazione ) ( Figura 5 Figura 5 ). Impianti elettrici - Pericolosità della corrente elettrica 5

6 4.0 LIMITI DI PERICOLOSITA DELLA CORRENTE Per definire i limiti di pericolosità della corrente si utilizzano grafici tempo - corrente di pericolosità convenzionale. Nel caso di corrente alternata con frequenza di 50/60 Hz si utilizzano le curve di figura 6. Figura 6 ZONA 1 - E delimitata dalla soglia di percezione ( 0,5 ma ) e non vi sono reazioni al passaggio di corrente qualunque sia il tempo di esposizione. ZONA 2 - Si estende fino alla soglia di tetanizzazione e normalmente per corrente fino a 10 ma non di hanno effetti pericolosi indipendentemente dal tempo di esposizione. Per questo motivo tale valore viene chiamato valore di non pericolosità convenzionale. Per correnti superiori la durata ammissibile del contatto diminuisce. ZONA 3 - E delimitata dalla spezzata b e dalla curva c1 ( soglia di fibrillazione ventricolare con probabilità 0,5% ). In questa zona si possono verifica effetti fisiopatologici pericolosi ma reversibili quali contrazioni muscolari, disturbi cardiaci, difficoltà di respirazione. ZONA 4 - Delimitata dalla curva c1 ( soglia di fibrillazione con probabilità 0,5% ) e comprende le curve c2 e c3, rispettivamente soglie di fibrillazione con probabilità del 5% e 50%. In questa zona si innesca la fibrillazione con probabilità crescente allontanandosi dalla curva c1. Possono verificarsi arresto cardiaco, blocco della respirazione e ustioni. Per la corrente continua esiste un analogo grafico caratterizzato da valori diversi. Impianti elettrici - Pericolosità della corrente elettrica 6

7 5.0 RESISTENZA ELETTRICA DEL CORPO UMANO Figura 7 Figura 8 Si è visto che il limite convenzionale di pericolosità della corrente è di 10 ma. E importante conoscere quale è il valore di tensione che è in grado di far circolare nel corpo un determinato valore di corrente. Indicando con I b la corrente che attraversa il corpo e con Z b l impedenza del corpo tra i punti di contatto il prodotto Z b. I b = U T viene definito tensione di contatto a cui è sottoposto il corpo umano. Dovendo essere I b < 10 ma si ottiene U T / Z b < I b = 10 ma. Risulta molto importante definire con la maggiore approssimazione possibile il valore dell impedenza Z b del corpo umano che si può ritenere composta da tre termini: Impedenza del punto di ingresso della corrente dovuta essenzialmente al contatto tra l elettrodo e la pelle; Impedenza interna di carattere ohmico; Impedenza di uscita analoga al primo termine. Il circuito equivalente è quello di figura 7 in cui sono rappresentati la resistenza e la capacità del punto di contatto. Il carattere capacitivo dell impedenza assume importanza per frequenze superiori a 1000 Hz. Alle frequenze industriali ( Hz ) le capacità possono essere considerate come circuiti aperti, quindi l impedenza si riduce alla sola resistenza del corpo umano R b = R i + 2 R p. Assegnare un valore alla resistenza de corpo umano è molto difficile in quanto è una grandezza estremamente variabile con le condizioni ambientali. Nella stessa persona la resistenza varia in funzione delle condizioni fisiologiche. La figura 8 mostra le variazioni della resistenza elettrica della pelle di una persona prima, durante e dopo un periodo di intensa meditazione. 5.1 Le variabili La resistenza interna - Dipende soprattutto dal tragitto della corrente all interno del corpo. Posto uguale a cento il valore della resistenza tra le mani nella figura 9 sono indicati i valori delal resistenza corrispondente a un tragitto tra una mano e la parte del corpo considerata espressi in percentuale della resistenza misurata tra le due mani. Nella figura 10 sono riportati i valori percentuali relativi al tragitto tra due mani e la parte del corpo considerata. Stato della pelle - Fa diminuire la resistenza R p in caso di presenza di sudore, umidità, tagli o abrasioni. Aumenta in presenza di una maggior stato isolante, ad esempio calli. Superficie di contatto - Al suo aumentare fa diminuire la resistenza di contatto con la pelle. Pressione di contatto - Una elevata pressione fa diminuire la resistenza di contatto con la pelle Tensione di contatto - All aumentare della tensione applicata la resistenza diminuisce fino a diventare trascurabile per tensioni superiori a 100 V. Nella figura 11 è riportata la variazione della resistenza del corpo umano in funzione della tensione di contatto. Impianti elettrici - Pericolosità della corrente elettrica 7

8 Figura 9 - Tragitto tra una mano e la parte del corpo indicata con un cerchio dove è indicato il valore della resistenza in percentuale della resistenza tra le mani. Figura 10 - Tragitto tra due mani e la parte del corpo indicata con un cerchio dove è indicato il valore della resistenza in percentuale della resistenza tra le mani. Le tre curve rappresentano i valori di resistenza non superati rispettivamente dal 5%, 50% e 95% del campione. Per tensioni di contatto di circa 50 V il valore medio di resistenza osservato ( curva 50% ) è di circa 2600 Ω, mentre per il 5% del campione si osserva un valore di 1500 Ω. Sempre dalla curca 5% per una tensione di contatto di 230 V si deduce un valore di resistenza di circa 1000 Ω. Tale valore viene assunto in sede normativa come resistenza convenzionale del corpo umano. Figura 11 Impianti elettrici - Pericolosità della corrente elettrica 8

9 6.0 LIMITI DI PERICOLOSITA DELLA TENSIONE Il calcolo della tensione di contatto a cui è sottoposto il corpo a seguito del passaggio di una corrente è reso complicato dalla variabilità della resistenza del corpo umano in quanto è incerto il valore da attribuire a R b. Consideriamo lo schema equivalente di figura 12 in cui la persona avente resistenza R b è a contatto con il punto M di un sistema elettrico. La resistenza R EB rappresenta la resistenza verso terra della persona equivalente al complesso di resistenze esistenti tra i piedi della persona e il punto TO a cui viene associato il potenziale con valore 0. In assenza del contatto la tensione U ST tra il punto M e TO è la tensione di contatto a vuoto, mentre quando c è il contatto la tensione di contatto U T a cui è sottoposta la persona si ricava con la regola del partitore di tensione. La tensione di contatto U T, inferiore a quella di contatto a vuoto, può assumere valori molto inferiori a U ST quando la resistenza verso terra è molto grande rispetto a quella della persona, ad esempio nel Figura 12 caso di pavimenti o superfici molto isolanti, mentre può diventare circa uguale a U ST quando la resistenza verso terra è trascurabile rispetto alla resistenza del corpo umano, ad esempio nei bagni, piscine o in alcuni luoghi di lavoro particolari. Vista quindi la impossibilità di determinare con esattezza il valore di U T, mentre è abbastanza agevole ricavare U ST in sede normativa si è deciso di limitare i valori della tensione di contatto a vuoto tenendo conto che essa non è mai inferiore a quella effettiva di contatto. Si utilizzano per la valutazione un grafico detto curva di sicurezza che mette in relazione i valori della tensione di contatto a vuoto con il tempo di permanenza del guasto ( figura 13 ). Ne l grafico sono presenti una curva relativa a contatti che avvengono in condizioni ordinarie e una per quelli relativi a condizioni particolari ( cantieri di costruzione, locali ad uso medico, strutture ad uso agricolo ). Dalle curve si vede che all aumentare del tempo di contatto diminuisce il valore della tensione ammissibile. La norma CEI 64-8 definisce la tensione di contatto limite convenzionale U L come il massimo valore della tensione di contatto che è possibile mantenere per un tempo indefinito in condizioni ambientali specificate. I valori dedotti dai grafici sono: U L = 50 V per i contatti in condizioni ordinarie U L = 25 V per i contatti in condizioni particolari. Per la tensione continua i valori della tensione di contatto sono: U L = 1200 V per i contatti in condizioni ordinarie U L = 60 V per i contatti in condizioni particolari. U T = U ST R B R B + R EB Impianti elettrici - Pericolosità della corrente elettrica 9

10 Figura 13 - Curva di sicurezza per corrente alternata a 50/60 Hz Nel caso di impianti funzionanti a tensione superiore a 1000 V la norma CEI 11-1 prevede limiti di tensione considerando sia la tensione di contatto ammissibile U TP sia quella di contatto a vuoto ammissibile U STP. Impianti elettrici - Pericolosità della corrente elettrica 10

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

Sicurezza negli impianti elettrici

Sicurezza negli impianti elettrici Sicurezza negli impianti elettrici L energia elettrica, necessaria per la maggior parte delle attività dell uomo, costituisce un enorme vantaggio ma anche un elemento di rischio e di pericolosità. Per

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

17/09/2015 TETANIZZAZIONE ARRESTO DELLA RESPIRAZIONE FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE USTIONI

17/09/2015 TETANIZZAZIONE ARRESTO DELLA RESPIRAZIONE FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE USTIONI PRINCIPALI EFFETTI PRODOTTI DALLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO TETANIZZAZIONE ARRESTO DELLA RESPIRAZIONE FIBRILLAZIONE VENTRICOLARE USTIONI 1 CONSEGUENZE DELLE CORRENTI ELETTRICHE SUL CORPO UMANO

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose.

SICUREZZA ELETTRICA. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose. 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della corrente sul corpo umano). 2. Correnti e tensioni pericolose. 3. Contatti pericolosi 4. Metodi di protezione 1. Elementi di elettrofisiologia (effetti della

Dettagli

Definizione. La terra. Folgorazione. Rischi elettrico. Effetti. Tipi di corrente elettrica. Cavi. Adempimenti Primo Soccorso

Definizione. La terra. Folgorazione. Rischi elettrico. Effetti. Tipi di corrente elettrica. Cavi. Adempimenti Primo Soccorso 1 Tipi di corrente elettrica Rischi elettrico Definizione Cavi La terra Folgorazione Effetti Adempimenti Primo Soccorso 2 Possiamo paragonare la corrente elettrica ad una cascata e l energia trasferita

Dettagli

CORSO RSPP modulo B SAFETY CONTACT SRL RISCHIO ELETTRICO. Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica Antincendio

CORSO RSPP modulo B SAFETY CONTACT SRL RISCHIO ELETTRICO. Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica Antincendio SAFETY CONTACT SRL CORSO RSPP modulo B RISCHIO ELETTRICO D.Lgs. 81/08. IGIENE SICUREZZA AMBIENTE CERTIFICAZIONI ANTINCENDIO MEDICINA del LAVORO PRIVACY Divisione Consulenza e servizi Divisione Antinfortunistica

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO

IL RISCHIO ELETTRICO IL RISCHIO ELETTRICO Con quest articolo vorrei fornire alcune informazioni che interessano i radioamatori e più in generale tutti coloro che per hobby, o per vita quotidiana, sono interessati all utilizzo

Dettagli

Prof. Ing. Luigi Maffei. Impienti elettrici e speciali

Prof. Ing. Luigi Maffei. Impienti elettrici e speciali Conduttori: sostanze nelle quali alcune o tutte le cariche elettriche possono muoversi liberamente sotto l'azione di forze elettriche (es: metalli, soluzioni acquose). Isolanti (dielettrici): materiali

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE. RISCHIO ELETTRICO (d.lgs 81/08 Capo III)

CORSO DI FORMAZIONE. RISCHIO ELETTRICO (d.lgs 81/08 Capo III) Pedelombarda scarl CORSO DI FORMAZIONE RISCHIO ELETTRICO (d.lgs 81/08 Capo III) MODULO 1 Docente : dott.ing. Paolo Beghelli 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO 2 2. OBIETTIVI DEL CORSO 3 3. NORMATIVA ELETTRICA 4 4.

Dettagli

Si può classificare quattro fenomeni:

Si può classificare quattro fenomeni: Il rischio elettrico è certamente uno degli aspetti più complessi e concreti della prevenzione agli infortuni, il 4-5% di questi ha esito mortale, deriva dagli effetti dannosi che la corrente elettrica

Dettagli

AZIONAMENTI E MACCHINE ELETTRICHE. Prof. Masiello Luigi

AZIONAMENTI E MACCHINE ELETTRICHE. Prof. Masiello Luigi AZIONAMENTI E MACCHINE ELETTRICHE Prof. Masiello Luigi Enti normativi nazionali ed internazionali CAPITOLO 3 SCHEMI ELETTICI Comando di una lampada da un punto Comando di una lampada

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Sicurezza elettrica: Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Effetti della corrente sul corpo umano folgorazione ed arco elettrico - Protezione dai contatti elettrici - Aspetti costruttivi degli

Dettagli

Scaricato da www.sunhope.it 1

Scaricato da www.sunhope.it 1 SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA LESIONI DA ELETTRICITA PROF.SSA A. SCAFURO Le lesioni dovute all elettricità sono eventi relativamente rari, ma le manifestazioni

Dettagli

rischio elettrico generale

rischio elettrico generale rischio elettrico generale In Italia si verificano mediamente 5 infortuni elettrici mortali ogni settimana (per folgorazione), un primato europeo fortunatamente in lenta ma continua diminuizione. I luoghi

Dettagli

ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI

ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI ASPETTI DI SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI Ing. Domenico Corbo Siena, 24 ottobre 2014 SICUREZZA ELETTRICA IN IMPIANTI FOTOVOLTAICI perche' e' necessario parlarne? per i seguenti motivi : sempre

Dettagli

Per i rischi di natura elettrica vanno tenuti in considerazione tre aspetti fondamentali :

Per i rischi di natura elettrica vanno tenuti in considerazione tre aspetti fondamentali : RISCHIO ELETTRICO L art. 80 del D. Lgs. 81/08, modificato dal D. Lgs. 106/09, introduce l esplicito obbligo a carico del. datore di lavoro di effettuare una valutazione del rischio elettrico al quale sono

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

I.T.I.S. P. PALEOCAPA - BERGAMO. 1. Rischio elettrico 2. Rischio meccanico

I.T.I.S. P. PALEOCAPA - BERGAMO. 1. Rischio elettrico 2. Rischio meccanico I.T.I.S. P. PALEOCAPA - BERGAMO 1. Rischio elettrico 2. Rischio meccanico 13/02/2014 IL RISCHIO ELETTRICO (D. Lgs. 81/08, Titolo III artt. 80 87) Impianto elettrico sicuro Se si domandasse ad un esperto

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA. 1 Definizioni e richiami teorici. 1.1 Sicurezza. 1.2 Rischio

SICUREZZA ELETTRICA. 1 Definizioni e richiami teorici. 1.1 Sicurezza. 1.2 Rischio SICUREZZA ELETTRICA Sicurezza è un concetto indeterminato: occorre precisare chi, o che cosa, si vuole rendere sicuro e contro quale evento. Rischio è un altro termine molto usato e poco definito, fonte

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO

IL RISCHIO ELETTRICO P.I. Alberto Del Grande Consulenza Tecnica Edilizia - INAIL Direzione Regionale Lazio IL RISCHIO ELETTRICO Concetti base di sicurezza elettrica P. I. Alberto Del Grande INAIL Lazio CTE slide n. 1 L INAIL

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO NELLE CABINE MT/bt

IL RISCHIO ELETTRICO NELLE CABINE MT/bt Università degli studi di Padova Corso di PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI INDUSTRIALI IL RISCHIO ELETTRICO NELLE CABINE MT/bt Prof: Turri Roberto Gruppo: Berto Valerio Buna Davide Poletto Matteo ANNO

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI RISCHIO ELETTRICO DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Legge 186/68 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari,

Dettagli

Misure per la sicurezza elettrica

Misure per la sicurezza elettrica Misure per la sicurezza elettrica - 1 Misure per la sicurezza elettrica 1 - Il rischio elettrico e il contatto indiretto Pericolosità della corrente elettrica nell uomo L impiego dell energia elettrica

Dettagli

ELEMENTI DI SICUREZZA ELETTRICA NEL BLOCCO OPERATORIO

ELEMENTI DI SICUREZZA ELETTRICA NEL BLOCCO OPERATORIO ELEMENTI DI SICUREZZA ELETTRICA NEL BLOCCO OPERATORIO Piero Calvini Università di Genova, Dipartimento di Fisica e INFN, Sezione di Genova via Dodecaneso 33, I-16146 Genova, Italy DOWNLOAD Il file pdf

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO

IL RISCHIO ELETTRICO IL RISCHIO ELETTRICO Generalità L energia elettrica è presente nelle industrie, nei posti di lavoro, nelle nostre case con le più svariate applicazioni e per merito delle sue eccezionali caratteristiche

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO

IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO IL RISCHIO ELETTRICO NEI LOCALI AD USO MEDICO IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Individuazione del rischio L individuazione del rischio per il

Dettagli

4.5 IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE

4.5 IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE 4.5 IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE Con il termine impianto elettrico si intende l insieme di apparecchiature elettriche, meccaniche e fisiche atte alla trasmissione e all'utilizzo di energia elettrica.

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Marchi I.M.Q CESI IENGF

Marchi I.M.Q CESI IENGF Le apparecchiature elettroniche e gli impianti elettrici devono essere progettati, costruiti e impiegati in modo tale che eventuali malfunzionamenti o eventi dovuti all ambiente circostante non creino

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI. Impianti elettrici condominiali

IMPIANTI ELETTRICI. Impianti elettrici condominiali IMPIANTI ELETTRICI AGGIORNAMENTI TECNICO-NORMATIVI A cura di per.ind.marco STUDIO TECNICO OMEGA Via Herrsching,22 38100 TRENTO Tel: 0461/916222 E-mail: studioomega@marcoianes.it Sito web: www.studioomega.net

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI ELETTROMEDICALI: NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PROVE ELETTRICHE PREVISTE

LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI ELETTROMEDICALI: NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PROVE ELETTRICHE PREVISTE ARMANDO FERRAIOLI Bioingegnere LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI ELETTROMEDICALI: NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PROVE ELETTRICHE PREVISTE (Parte Prima) La sicurezza degli apparecchi

Dettagli

Dispense di Esercitazioni Pratiche classe 1D A.S.2009/10. Effetti di una scarica elettrica su un corpo umano

Dispense di Esercitazioni Pratiche classe 1D A.S.2009/10. Effetti di una scarica elettrica su un corpo umano Premessa I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e d i S t a t o p e r l I n d u s t r i a e l A r t i g i a n a t o CAVOUR-MARCONI Loc. Piscille Via Assisana, 40/d-06154 PERUGIA Tel. 075/5838322 Fax 075/32371

Dettagli

U.O. FISICA SANITARIA

U.O. FISICA SANITARIA REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U.O. FISICA SANITARIA RADIAZIONI IONIZZANTI E LASER IN AMBIENTE MEDICALE (Informazioni a cura del Dott. L. Chiatti) 1 Parametri caratteristici della radiazione

Dettagli

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Quali sono i Parametri Vitali? ATTIVITA RESPIRATORIA ATTIVITA CIRCOLATORIA - RILEVAZIONE DEL POLSO - RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Sicurezza elettrica ---- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni. prof. Ing.

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Sicurezza elettrica ---- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni. prof. Ing. I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2011/2012 -classe IV- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni ---- Sicurezza elettrica ---- alunni Paletta Francesco Scalise Pietro Iacoi Domenico Turco

Dettagli

Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra

Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra 3 Aprile 2008 1SDC007102G0902 Quaderni di Applicazione Tecnica Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Incontro tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Per. Ind. Gastone Guizzo 1 Padova, 04 febbraio 2012 La Norma CEI EN 50522

Dettagli

Quaderni di Applicazione Tecnica N.3 Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra

Quaderni di Applicazione Tecnica N.3 Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra Quaderni di Applicazione Tecnica N.3 Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti a terra Sistemi di distribuzione e protezione contro i contatti indiretti ed i guasti

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Guida tecnica 2013/2014. Protezione contro i guasti verso terra con gli interruttori differenziali

Guida tecnica 2013/2014. Protezione contro i guasti verso terra con gli interruttori differenziali Guida tecnica 2013/2014 Protezione contro i guasti verso terra con gli interruttori differenziali Protezione contro i guasti verso terra con gli interruttori differenziali Introduzione 1 Protezione contro

Dettagli

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO INDICE 1. Premessa 2. Infortuni da elettrocuzione 3. Pericolosità della corrente elettrica 4. Pericolosità della differenza di potenziale 5. Indicazione

Dettagli

CEM: EFFETTI SULLA SALUTE E SORVEGLIANZA SANITARIA. dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA 8 ottobre 2012

CEM: EFFETTI SULLA SALUTE E SORVEGLIANZA SANITARIA. dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA 8 ottobre 2012 CEM: EFFETTI SULLA SALUTE E SORVEGLIANZA SANITARIA dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA 8 ottobre 2012 D.Lgs. 81/08 Articolo 206 - Campo di applicazione 1. Il presente capo determina i requisiti

Dettagli

Dr. Annalisa Barbier, PhD - Psicologo Clinico

Dr. Annalisa Barbier, PhD - Psicologo Clinico Dr. Annalisa Barbier, PhD - Psicologo Clinico TECNICHE DI RILASSAMENTO Le tecniche di rilassamento sono finalizzale alla RIDUZIONE DELLA TENSIONE ATTRAVERSO IL CONTROLLO DI ALCUNE FUNZIONI FISIOLOGICHE

Dettagli

Impianti fotovoltaici allacciati alla rete e sicurezza elettrica

Impianti fotovoltaici allacciati alla rete e sicurezza elettrica Impianti fotovoltaici allacciati alla rete e sicurezza elettrica F. Groppi Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Effetti dell elettricità sul corpo umano Componenti di un

Dettagli

Elementi di impianti elettrici e sicurezza elettrica

Elementi di impianti elettrici e sicurezza elettrica Elementi di impianti elettrici e sicurezza elettrica www.die.ing.unibo.it/pers/mastri/didattica.htm (versione del 2-12-2012) Energia elettrica La maggior parte dell energia necessaria alle utenze industriali

Dettagli

Protezione dai contatti diretti. Sistemi a bassissima tensione

Protezione dai contatti diretti. Sistemi a bassissima tensione Elettrotecnica, Impianti e Rischio Elettrico A.A. 2013-2014 Università dell Insubria - Varese Protezione dai contatti diretti. Sistemi a bassissima tensione dott. ing. Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

L argomento trattato nella presente dispensa riguarda la macchina elettrica piú diffusa in

L argomento trattato nella presente dispensa riguarda la macchina elettrica piú diffusa in "!#%$& '( )* +-,./10 243#,5768)9;: / Nella presente trattazione verranno analizzate alcuni aspetti dell avviamento del motore asincrono trifase ed alcuni problemi relativi. L argomento trattato nella presente

Dettagli

La cute. La cute è l organo di maggiori dimensioni. del corpo umano, perché ne copre la. maggiore superficie

La cute. La cute è l organo di maggiori dimensioni. del corpo umano, perché ne copre la. maggiore superficie La cute La cute è l organo di maggiori dimensioni del corpo umano, perché ne copre la maggiore superficie I Strato: II Strato: III Strato: IV Strato: V Strato: La Cute ANATOMIA Epidermide Derma Tessuto

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Sicurezza del Paziente

Sicurezza del Paziente Sicurezza del Paziente a cura di Marcello Bracale Anno 2005 Sicurezza del Paziente Marcello Bracale Shock elettrico.. un pericolo sempre più preoccupante Fin da quando, alla fine del secolo scorso, l energia

Dettagli

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Che cos è la corrente elettrica? Nei conduttori metallici la corrente è un flusso di elettroni. L intensità della corrente è il rapporto tra la quantità

Dettagli

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono.

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono. 2012 11 08 pagina 1 Carica elettrica Esistono cariche elettriche di due tipi: positiva e negativa. Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa

Dettagli

APPARATO CIRCOLATORIO

APPARATO CIRCOLATORIO APPARATO CIRCOLATORIO 1 FUNZIONI F. respiratoria e nutritiva F. depuratrice F. di difesa (trasporto di O 2, principi alimentari...) (trasporto di CO 2 e altre sostanze di scarto) (nei confronti dei batteri

Dettagli

Patologia da incendio

Patologia da incendio USTIONI FUMI TOSSICI TRAUMI Patologia da incendio la vittima di un incendio può essere intossicata senza essere ustionata, al contrario ustioni gravi sono sempre concomitanti con una intossicazione da

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA. Obiettivi di apprendimento:

SICUREZZA ELETTRICA. Obiettivi di apprendimento: SICUREZZA ELETTRICA La sicurezza elettrica è una sezione molto importante degli impianti elettrici, perché deve proteggere contestualmente gli apparati/sistemi elettrici in qualunque condizione di funzionamento

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

La variabilità della frequenza cardiaca

La variabilità della frequenza cardiaca Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia C Corso integrato di metodologia medico-scientifica e scienze umane II Fisica ed epistemologia La variabilità della frequenza cardiaca Prof. C. Cammarota Dipartimento

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Effetti Biologici e Fisiologici della corrente nel corpo umano

Effetti Biologici e Fisiologici della corrente nel corpo umano Sicurezza elettrica 2 Effetti Biologici e Fisiologici della corrente nel corpo umano La differenza di potenziale tra l'interno di una cellula e l'ambiente circostante varia da circa 70 a 100 mv. Ciò è

Dettagli

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Corso BLSD per Laici Dott. Claudio Pagliara European Resuscitation Council Corso BLSD per Laici Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Negli

Dettagli

Fig. 22 Schema di principio di un relè elettromagnetico.

Fig. 22 Schema di principio di un relè elettromagnetico. i c A C M EM C Fig. 22 Schema di principio di un relè elettromagnetico. Nella accezione attuale il relè designa una gamma decisamente più ampia di dispositivi, anche molto complessi, ai quali viene asservita

Dettagli

La misura della resistenza di terra

La misura della resistenza di terra La misura della resistenza di terra Saveri Gianluigi 1. Generalità I rilievi strumentali da effettuare sugli impianti di terra hanno lo scopo, vista l importanza che riveste l impianto dal punto di vista

Dettagli

Tecniche volt-amperometriche in DC Tecniche volt-amperometriche in AC Tecniche di zero: ponte in DC Tecniche di zero: ponte in AC

Tecniche volt-amperometriche in DC Tecniche volt-amperometriche in AC Tecniche di zero: ponte in DC Tecniche di zero: ponte in AC Misura di impedenze Misura di impedenze Tecniche volt-amperometriche in D Tecniche volt-amperometriche in A Tecniche di zero: ponte in D Tecniche di zero: ponte in A Obiettivi della lezione Metodologici

Dettagli

UNIONE MONTANA DEI COMUNI DEL MUGELLO

UNIONE MONTANA DEI COMUNI DEL MUGELLO UNIONE MONTANA DEI COMUNI DEL MUGELLO INTRODUZIONE Nella vita quotidiana siamo costantemente esposti a rumori e suoni differenti: a casa, al lavoro, mentre viaggiamo o semplicemente durante i nostri svaghi.

Dettagli

Q t CORRENTI ELETTRICHE

Q t CORRENTI ELETTRICHE CORRENTI ELETTRICHE La corrente elettrica è un flusso di particelle cariche. L intensità di una corrente è definita come la quantità di carica netta che attraversa nell unità di tempo una superficie: I

Dettagli

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1 L apparato circolatorio e l attività sportiva a.s. 2004/2005 1 L apparato cardiocircolatorio Se riempiamo una vetta contenente del sangue e la mettiamo in una centrifuga, possiamo osservare che si separano

Dettagli

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE COMMISSIONE NAZIONALE PERMANENTE IGIENE-SICUREZZA-AMBIENTE TORINO 21-23 marzo 2006 ABAG S.r.l. www.abag.it 1 PANORAMA LEGISLATIVO SICUREZZA ELETTRICA MARCATURA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M334 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M334 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M334 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: ELETTROTECNICA E AUTOMAZIONE Tema di: ELETTROTECNICA (Testo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLA MANSIONE. mansione 1 - Didattica Supporto

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLA MANSIONE. mansione 1 - Didattica Supporto Provincia di Forlì-Cesena DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DELLA MANSIONE Infortunio generico Aggiornato ad agosto 2011 Pagina 1 di 25 Rischio - Infortunio generico Descrizione Rischio Il pericolo da

Dettagli

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

Guida all installazione dell impianto elettrico

Guida all installazione dell impianto elettrico Volume 1 Edizione aggiornata a settembre 2008 Guida all installazione dell impianto elettrico Criteri generali d impianto 1SDC007071E0903 Guida all installazione dell impianto elettrico Volume 1 L impianto

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA NEI CANTIERI

SICUREZZA ELETTRICA NEI CANTIERI Le pagine che seguono, redatte su invito della Commissione Sicurezza Cantieri che ci ha proposto questo incontro, sono il nostro contributo alla gestione della sicurezza sui luoghi di lavoro e sui cantiere

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro.

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. PREMESSA: Anche intuitivamente dovrebbe a questo punto essere ormai chiaro

Dettagli

Il cuore è l'organo centrale dell'apparato circolatorio, funge da pompa capace di produrre una pressione sufficiente a permettere la circolazione del

Il cuore è l'organo centrale dell'apparato circolatorio, funge da pompa capace di produrre una pressione sufficiente a permettere la circolazione del Il cuore è l'organo centrale dell'apparato circolatorio, funge da pompa capace di produrre una pressione sufficiente a permettere la circolazione del sangue Ciascuna di queste due parti è divisa in senso

Dettagli

Sovracorrenti e protezione

Sovracorrenti e protezione Sovracorrenti e protezione In un impianto elettrico possono accadere delle situazioni per cui la corrente che fluisce nei conduttori risulta maggiore della corrente nominale. Tali situazioni coincidono

Dettagli

Lezione 07. Traumi dell Apparato Tegumentario

Lezione 07. Traumi dell Apparato Tegumentario Lezione 07 Traumi dell Apparato Tegumentario La Cute Ferite Cosa è? Interruzione della continuità della cute Classificazione Taglio Punta Lacero Contusa Avulsione cutanea Complicanze: Gravità: Lesioni

Dettagli

Valori di riferimento per la Bioimpedenza

Valori di riferimento per la Bioimpedenza Valori di riferimento per la Bioimpedenza L Acqua Corporea Totale (TBW = Total Body Water) L acqua totale è il maggior componente dell organismo, per questo la corretta determinazione, in percentuale e

Dettagli

Tabacco, alcool, droghe

Tabacco, alcool, droghe Tabacco e prestaziome Tabacco, alcool, droghe Essere in pieno possesso delle proprie capacità cardio respiratorie e muscolari è indispensabile per la pratica di uno sport, qualunque esso sia. Alcune sigarette

Dettagli

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d nelle varie parti del cuore NSA NAV NSA Atri NAV Fascio His Fibre Purkinje Miociti ventricoli ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) L ECG è la registrazione, nel tempo,

Dettagli

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino

ELETTRONICA II. Circuiti misti analogici e digitali 2. Riferimenti al testo. Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino ELETTRONICA II Circuiti misti analogici e digitali 2 Prof. Dante Del Corso - Politecnico di Torino Parte E: Circuiti misti analogici e digitali Lezione n. 20 - E - 2: Oscillatori e generatori di segnale

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Sezione Trentino Alto Adige Südtirol Seminario tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Gastone Guizzo Trento, 13 novembre

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

Il rischio Elettrico. Massimo Ceraolo Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi

Il rischio Elettrico. Massimo Ceraolo Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi Il rischio Elettrico Massimo Ceraolo Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi 1 Sommario L elettricità e i suoi rischi In cosa consiste l elettricità (corrente, tensione) Quali gli effetti

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Croce Rossa Italiana LE FUNZIONI VITALI XI CORSO BASE PRIMO SOCCORSO ASPIRANTI VOLONTARI

Croce Rossa Italiana LE FUNZIONI VITALI XI CORSO BASE PRIMO SOCCORSO ASPIRANTI VOLONTARI Croce Rossa Italiana FUNZIONI VITALI LE FUNZIONI VITALI XI CORSO BASE PRIMO SOCCORSO ASPIRANTI VOLONTARI Croce Rossa Italiana FUNZIONI VITALI La vita di un organismo è assicurata da TRE funzioni essenziali

Dettagli

Cellula nervosa tipo. Polarizzazione dinamica. Specificità delle connessioni. Fessura sinaptica Terminazione sinaptica. dendri te Segmento iniziale

Cellula nervosa tipo. Polarizzazione dinamica. Specificità delle connessioni. Fessura sinaptica Terminazione sinaptica. dendri te Segmento iniziale Le funzioni del sistema nervoso, anche le più complesse, si fondano sulle proprietà funzionali dei neuroni. L attività specifica dei neuroni consiste nel generare, trasmettere ed elaborare informazioni.

Dettagli

Istruzioni per l operatore di Pediatric-Pak (Da utilizzare con il defibrillatore samaritan PAD modello SAM300P)

Istruzioni per l operatore di Pediatric-Pak (Da utilizzare con il defibrillatore samaritan PAD modello SAM300P) di Pediatric-Pak (Da utilizzare con il defibrillatore samaritan PAD modello SAM300P) AVVERTENZA: le leggi federali (USA) limitano la vendita di questo dispositivo a medici autorizzati o dietro loro ordine.

Dettagli

CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE

CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE Appunti a cura dell Ing. Stefano Usai Tutore del corso di ELETTROTECNICA per meccanici e chimici A. A. 2001/ 2002 e 2002/2003 Calcolo elettrico delle linee elettriche

Dettagli