Dott. Duilio Loi Infermiere; esperto nella progettazione dei processi formativi e in ambito forense

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dott. Duilio Loi Infermiere; esperto nella progettazione dei processi formativi e in ambito forense"

Transcript

1 ATTO MEDICO, ATTO SANITARIO, ATTO INFERMIERISTICO: IL DE JURE E IL DE FACTO Dott. Duilio Loi Infermiere; esperto nella progettazione dei processi formativi e in ambito forense Come in ogni processo culturale, cambiamenti e modificazioni, avendo bisogno di essere metabolizzati provocano fermenti e discussioni tra le parti interessate. E quanto sta accadendo nelle Professioni Sanitarie; un mondo in continua evoluzione, dove i protagonisti essendo portatori di interessi non sempre coincidenti, manifestando le proprie posizioni, rischiano di non esprimerne i contenuti in forma comprensibile. Fare chiarezza, sui concetti che gravitano attorno a termini quali: atto medico, atto infermieristico e atto sanitario, inglobando mettendo in risalto i mutamenti giuridici e professionali che hanno interessato e accompagnato le professioni sanitarie e in particolare, l infermieristica negli ultimi 20 anni, sotto il profilo concettuale e contenutistico. I fatti recenti. Il dibattito politico professionale di questi ultimi mesi, tocca un tema di particolare rilevanza: le competenze degli Infermieri; argomento che nello scorso novembre, aveva sollecitato un aspra reazione da parte delle maggiori rappresentanze Sindacali di categoria Medica (Anaao Assomed, Cimo-Asmd, Aaroi- Emac, Fvm, Fassid, Cisl medici, Fesmed, Anpo-Ascoti-Fials medici, Sds Snabi, Aupi e Sinafo). Ad animare un dibattito che ormai sembrava concluso, è stata una lettera delle succitate organizzazioni sindacali, indirizzata al Ministro della Salute, alle Regioni e al comitato di settore, nella quale si chiede di riconsiderare l'iter previsto per il provvedimento esaminato, prevedendo ulteriori e più specifici momenti di confronto sulle procedure da adottare, necessariamente supportati da studi di fattibilità in un più globale disegno di razionalizzazione degli effettivi fabbisogni, anche al fine di apportare al testo le necessarie modifiche, ovvero, il documento che dopo un iter valutativo durato più di un anno e mezzo e finalmente, licenziato nel febbraio 2013, sta per ricevere le definitive approvazioni e diventare operativo. Nonostante il suo tortuoso e tutto sommato, fisiologico percorso, dove le parti in gioco hanno avuto in più occasioni la possibilità di far valere le reciproche ragioni e suggerire correttivi, si era e si è, alle battute finali del tipo: ok, tutti d accordo, aspettiamo la ratifica!! Una delle questioni calde sollevate nel testo della lettera, mette addirittura in rilievo uno sconfinamento nelle competenze Mediche che vedrebbe all orizzonte un esercizio a dir poco abusivo da parte degli Infermieri; cito testualmente 1 : configurandosi, infatti, tali modifiche come una legittimazione ad esercitare, de facto, competenze proprie di altre categorie professionali, le quali dovrebbero essere definite parallelamente de jure, appare appropriato uno specifico percorso legislativo, anche per evitare conflitti di ruoli e di responsabilità che sarebbero inevitabilmente generati dalla conseguente confusione nei rispettivi ambiti. L altro aspetto peculiare su cui poggia la levata di scudi, riguarda la legittimità dei percorsi formativi previsti per gli Infermieri e la relativa collocazione, anche qui, cito testualmente 2 : Un ulteriore criticità emerge dall ipotesi di percorsi formativi del tutto confondibili con i percorsi di specializzazione universitaria previsti per l area medica. Essi, infatti, rappresenterebbero, con ogni probabilità, una legittimazione specialistica di quegli stessi master, già in essere, che hanno finora dimostrato di porsi in una prospettiva di completa indipendenza istituzionale rispetto alla formazione professionale del personale del SSN, talora autoreferenziando le proprie qualifiche formative. Non è un caso che proprio alcuni master abbiano condotto, per esempio, a correnti di pensiero che già oggi considerano erroneamente legittime, per 1 Lettera Intersindacale del 20 novembre 2013 indirizzata a: Ministro della Salute, Presidente Conferenza Stato Regioni, Coordinatore Commissione salute delle Regioni, Presidente Comitato di Settore Comparto Sanitario 2 Ibidem

2 l infermiere, potestà certificatorie che la legge riserva invece esclusivamente al medico, sostenendo che la compilazione infermieristica della scheda di triage in PS o in Emergenza Territoriale rappresenti una certificazione stilata da pubblico ufficiale, mentre trattasi, a norma di legge, di un attestazione redatta da incaricato di pubblico servizio. Né appare, comunque, condivisibile il fatto che, ancora una volta, la formazione professionale di personale del SSN sia appaltata ad una diversa istituzione, attraversata peraltro da una innegabile crisi, senza nemmeno una verifica delle capacità formative disponibili. Insomma, una presa di posizione forte, aggressiva e poco comprensibile nei contenuti, dal momento in cui già ampio dibattito era stato speso al riguardo. Come si può ben immaginare, dopo aver dibattuto il 29 novembre 2013, in seno ad un Consiglio Nazionale (presenti tutte le rappresentanze Provinciali), la risposta a mezzo stampa della Federazione Nazionale dei Collegi IPASVI non si è fatta attendere e, in sintesi ne riporto un passaggio finale 3 : La professione infermieristica è chiamata ancora una volta a scendere in campo unita contro le pressioni di chi si oppone al riconoscimento del suo ruolo e delle sue competenze. Si reclutino pure improbabili armate; noi continuiamo -senza accettare provocazioni- nel nostro percorso, disponibili ad un confronto serio e costruttivo con tutti, Oss, medici, altre professionisti e rappresentanti dei cittadini, nella ferma convinzione che un infermiere più formato e più qualificato serva ai singoli e alla collettività nazionale e internazionale. Che di un infermiere con aggiornate, innovate e specialistiche competenze si possano giovare tutti e, non da ultime, le strutture sanitarie per sostenere e rilanciare il Sistema salute del Paese. E con questo spirito noi, unanimemente concordi andiamo avanti!! Chiara, netta, inequivocabile!! Fatta questa doverosa cronistoria, non solo finalizzata alla comprensione dello scenario che si è venuto a configurare, ma anche e soprattutto, utilissima allo scopo e alle ragioni di questo articolo, ovvero: la necessità di distinguere tra atto medico, atto infermieristico e atto sanitario. Nonostante avessi in più occasioni espresso, motivato e supportato con riferimenti di contenuto normativo, esperienziale e scientifico tale distinzione, oggi più che mai, sento di doverlo ribadire con forza, nella convinzione possa portare elementi di chiarezza all attuale dibattito e renderlo ragionevolmente interlocutorio sia all interno della nostra famiglia professionale, sia nei rapporti con gli altri professionisti sanitari, primi fra tutti, i Medici. Un ulteriore stimolo verso questa direzione, me lo fornisce il Sociologo Ivan Cavicchi, autorevole osservatore delle professioni sanitarie, il quale, nell effettuare un analisi 4 sullo scenario appena ricordato nella cronistoria, pone alla questione cinque punti di critica, il primo di essi, verte proprio sulla necessità (che lo stesso Cavicchi definisce prioritaria e strategica), nel definire e distinguere le peculiarità delle figure professionali sanitarie, in specifico Medico e Infermiere: prima di parlare di competenze si dovrebbero definire i soggetti professionali quindi le loro abilità, le loro autonomie, le loro responsabilità e le loro relazioni con gli altri. Che a seguito di una lettura sociologica si pongano dei punti di critica ad uno scenario così complesso, è sicuramente stimolante in termini di riflessione, soprattutto se pensiamo alla possibile asincronia tra il previsto a livello normativo e il realizzato, nei luoghi di lavoro. 3 Chi ha paura di un Infermiere più qualificato?, FNCI 4 dicembre Medici e Infermieri alla guerra delle competenze, Quotidiano Sanità, 3 dicembre 2013

3 Di sicuro le tempistiche che contraddistinguono i cambiamenti culturali, sono decisamente più lente rispetto all emanazione di leggi e dal momento in cui cominciano a riemergere nuovi fermenti, è giusto presidiare e monitorarne le evoluzioni e al tempo stesso, promuovere chiarezza. De jure e De facto: tempo di chiarezza Per comprendere appieno differenze e distinzioni di cui oggi si parla e anche le resistenze al cambiamento (attuale oggetto del contendere), è opportuno ricordare che più o meno fino a una ventina di anni fa, atto medico e atto sanitario, erano praticamente coincidenti e sovrapponibili. Tale simbiosi, legittimata da normative, oltre che da un consolidato storico, collocava il Medico in posizione gerarchica sovrastante rispetto a tutti gli altri lavoratori della Sanità. Infatti nel TULLS 5 (testo unico delle professioni sanitarie), gli appartenenti alle categorie sanitarie venivano classificati gerarchicamente in: Professioni Sanitarie Principali, Professioni Sanitarie Ausiliarie e Arti Ausiliarie delle Professioni Sanitarie; Arrivando nel 1994 il DM 739 ed essendo state regolamentati con medesima modalità altri 21 profili professionali, si apre la strada per una straordinaria oltre che epocale, revisione degli assetti, che si completerà nel 1999 con la legge n 42, attraverso la quale decade il vincolo di ausiliarietà, come visibile nelle figure 2 e 3. Fig.2 e 3) effetto della legge 42/99 5 TULLS - testo unico delle professioni sanitarie, RD n 1265/1934

4 Ecco che de jure, viene superato ciò che de facto rappresentava già per molti un implicito ossimoro, ovvero, una professione in quanto tale, non può essere ausiliaria!! In conseguenza di ciò, anche la formazione alle competenze viene revisionata (ordinamento didattico), cosi come, i comportamenti operativi (codice deontologico), determinando gradatamente sia il consolidamento dell atto infermieristico, sia la trasformazione dell atto sanitario. Atto medico, atto infermieristico, atto sanitario Nonostante non esista una definizione classificatoria assoluta e indiscutibile per identificare i tre termini, ci avvarremo a supporto di normative, identificazioni categoriali e concretezza esperienziale, maturata nelle professioni sanitarie, come già ricordato nel testo I principi dell organizzazione professionale dell Infermiere 6. Atto Medico Partiamo dall atto medico, attorno al quale si sviluppano una serie di orientamenti: a) secondo la giurisprudenza l attività medica consiste nella formulazione di diagnosi, nella indicazione di prognosi in relazione a malattie o disfunzioni del corpo o della mente, in atto o prevedibili, nonché nella prescrizione di terapie e pratiche di prevenzione, con eventuale prescrizione di farmaci, nella manipolazione del corpo umano, sempre a scopo curativo o preventivo, nella prescrizione o applicazione di protesi o nella utilizzazione di qualsiasi altro diverso strumento curativo e preventivo, idoneo ad attivare o ad arrestare processi evolutivi o involutivi fisici e psichici. (sentenza n. 3403/1996 della Cassazione Sezione Penale sez. IV) b) secondo i medici legali L atto medico è tale da individuare i caratteri della patologia, le modalità utili a curarla e/o prevenirla, le differenze fra lo specifico quadro morboso ed altri che abbiano sintomatologia simile, le caratteristiche del trattamento necessario ed eventualmente le professionalità (diverse da quella medica) preposte e competenti ad erogarlo, sostanzialmente individuando la nozione di atto medico con quella di atto diagnostico e segnatamente teso alla diagnosi differenziale (G.A. Norelli, C. Buccelli, V. Finschi, Medicina legale e delle assicurazioni ) c) secondo le Associazioni di categoria Mediche "L'atto medico ricomprende tutte le attività professionali, ad esempio di carattere scientifico, di insegnamento, di formazione, educative, organizzative, cliniche e di tecnologia medica, svolte al fine di promuovere la salute, prevenire le malattie, effettuare diagnosi e prescrivere cure terapeutiche o riabilitative nei confronti di pazienti, individui, gruppi o comunità, nel quadro delle norme etiche e deontologiche. L'atto medico è una responsabilità del medico abilitato e deve essere eseguito dal medico o sotto la sua diretta supervisione e/o prescrizione". (Union Europèenne des Mèdicins Specialist UEMS 2006) 6 Loi Duilio (co-autore), I principi dell organizzazione professionale dell Infermiere. Maggioli Editore, 2013,

5 Volendo schematizzare i tre orientamenti, se ne può trarre uno schema come riprodotto in figura 4. Fig.4) quadro di sintesi sull esercizio professionale medico avente come elemento fondamentale l atto medico In conseguenza di quanto sopra riportato, appare evidente -e lecito- che tutte le figure professionali (ex professioni sanitarie ausiliarie), abbiano rivisto al proprio interno gli assetti legati a formazione, esercizio professionale in relazione di un ottica di interdisciplinarietà. Ne consegue pertanto la delineazione di atto infermieristico Atto Infermieristico Analizzando i vari riferimenti normativi (DM 739/94 7 ; legge n 42/ ; legge 251/ e i codici deontologici e ) è possibile mettere in evidenza cosa si intende per atto infermieristico. Secondo Annalisa Silvestro, Presidente della Federazione Nazionale dei Collegi IPASVI, sviluppando alcune riflessioni nel commentario al codice deontologico definisce atto infermieristico, quel complesso dei saperi, delle prerogative, delle attività, delle competenze e delle responsabilità dell infermiere in tutti gli ambiti professionali e nelle diverse situazioni assistenziali. Definizione oltre che condivisibile, fortemente sostenuta e supportata: a) dalle normative sopra richiamate b) da un costrutto teorico di riferimento c) dalla consolidata declinazione operativa nel quotidiano a) dal momento in cui -attraverso il DM 739/1994- vengono definiti ambiti, responsabilità e azioni, ci sono gli estremi normativi per tracciare la cornice di riferimento che assume in forma chiara e ineludibile i confini operativi delle attuali competenze Infermieristiche; affermare che l Infermiere: è responsabile dell assistenza generale Infermieristica e che l'assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa è di natura tecnica, relazionale, educativa. Le 7 D.M. n 739/1994 Regolamento concernente l individuazione della figura e del relativo profilo professionale dell Infermiere 8 LEGGE 26 febbraio 1999, n Disposizioni in materia di professioni sanitarie 9 LEGGE 10 agosto 2000, n Disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche,tecniche, della riabilitazione, della prevenzione nonché della professione ostetrica 10 FEDERAZIONE NAZIONALE COLLEGI IPASVI, Codice Deontologico dell Infermiere, Roma, FEDERAZIONE NAZIONALE COLLEGI IPASVI, Codice Deontologico dell Infermiere, Roma, Silvestro Annalisa, Commentario al Codice Deontologico 2009

6 principali funzioni sono la prevenzione delle malattie, l'assistenza dei malati e dei disabili di tutte le età e l'educazione sanitaria. Identifica i bisogni di assistenza infermieristica della persona e della collettività e formula i relativi obiettivi pianifica, gestisce e valuta l intervento assistenziale infermieristico garantisce la corretta applicazione delle procedure diagnostiche e terapeutiche; e come se non bastasse, all articolo 5, si prevedeva che: la formazione infermieristica post-base per la pratica specialistica è intesa a fornire agli Infermieri di assistenza generale delle conoscenze cliniche avanzate e delle capacità che permettano loro di fornire specifiche prestazioni infermieristiche nelle seguenti aree: a) sanità pubblica: Infermiere di sanità pubblica; b) pediatria: Infermiere pediatrico; c) salute mentale-psichiatria: Infermiere psichiatrico; d) geriatria: Infermiere geriatrico; ulteriormente ri-confermato nell articolo 6: In relazione a motivate esigenze emergenti dal Servizio Sanitario Nazionale, potranno essere individuate, con decreto del Ministro della Sanità, ulteriori aree richiedenti una formazione complementare specifica. In sintesi, già questo quadro sarebbe sufficiente per identificare sotto il profilo normativo l atto infermieristico, nonché la volontà di prospettiva evidenziata dal legislatore, se aggiungiamo -come prima richiamato- la straordinaria svolta epocale delineata con la legge 42/99, attraverso la quale decade il vincolo di ausiliarietà e l esercizio professionale viene regolamentato da ordinamento didattico, dal profilo professionale appena citato e dal codice deontologico, ecco che il quadro si arricchisce e consolida ulteriormente, in quanto viene ribadita la componente autonomista potendo intervenire sui contenuti di esercizio (ordinamento didattico) e comportamentali (codice deontologico). Tenendo poi oltremodo sullo sfondo le leggi 251/2000 e 43/2006 l impianto normativo precedente, viene ancor più confermato, acquisendo ulteriori legittimazioni. b) il costrutto teorico di riferimento, ci proviene dai fondamentali modelli teorici e dalla loro declinazione nella pratica quotidiana. In particolare possiamo citare due aspetti, a mio parere importanti: il riferimento al modello delle prestazioni infermieristiche 13 di Marisa Cantarelli, che delinea con raffinatezza gli ambiti di specifica risposta ai bisogni di assistenza infermieristica. Modello che non solo è stato insegnato prima e dopo la riforma, ma anche e soprattutto declinato nelle unità organizzative da molti professionisti, in specifiche e concrete attività quotidiane; il riferimento al paradigma assistenza infermieristica elaborato nel 1994 da un gruppo di studio composto da Infermieri dell ANIN (associazione nazionale infermieri neuroscienze, una delle associazioni infermieristiche storiche, che frequentemente si è posta come avanguardia, propositiva e innovativa nel panorama associativo nazionale). Il gruppo di lavoro si dedicò in specifico alle Abilità Assistenziali: caratteristiche del ruolo professionale dell'infermiere nel 13 Cantarelli Marisa, Il modello delle prestazioni infermieristiche, Masson, 1993

7 processo di trasformazione del sistema sanitario" 14, contestualizzando al panorama Italiano, i vari orientamenti dei principali modelli infermieristici di rifermento e proponendo il concetto di assistenza infermieristica di seguito riportato: arte, disciplina, scienza è un processo dinamico che mira a promuovere lo sviluppo, la conservazione ed il ripristino dell' equilibrio tra gli elementi che compongono l'uomo in tutte le fasi della sua vita come singolo e inserito nell'ambiente, utilizzando come strumento il metodo scientifico Alla stessa stregua, il Codice Deontologico del 2009, coagulando molti dei concetti espressi, chiarisce ulteriormente cosa sia assistenza Infermieristica : l assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si realizza attraverso interventi specifici, autonomi e complementari di natura intellettuale, tecnico-scientifica, gestionale, relazionale ed educativa. c) A conferma della concretezza dei punti a e b, aggiungerei la consolidata declinazione operativa nel quotidiano, che si avvale delle molteplici e importantissime esperienze che negli anni si sono succedute e oggi a ragion veduta, rappresentano il solido substrato di una professione fatta di concretezze, in continua evoluzione. Per ricordare alcune tra le principali e rappresentative: CIVES, ovvero Coordinamento Infermieri Volontari per l Emergenza Sanitaria, una realtà ormai presente e consolidata nel territorio nazionale, in ben 13 regioni e 32 province. Attraverso il S.A.R.I. (Sistema Avanzato Risposta Infermieristica), persegue la finalità di fornire al Sistema Nazionale di Protezione Civile e alle popolazioni colpite da calamità, team infermieristici qualificati, immediatamente operativi e pienamente autosufficienti sotto il profilo logistico, muniti di attrezzature speciali in grado di fornire adeguato supporto alla presenza di medici sul territorio, anche con riferimento alla rete di medicina generale territoriale. Tali finalità si realizzano grazie alle due specifiche articolazioni del SARI, il MCI (modulo di coordinamento infermieristico e il MIA (modulo infermieristico avanzato); CreG, ovvero Chronic Related Group, importante iniziativa che vede un radicale cambiamento di prospettiva intrapreso nel 2011 dalla Regione Lombardia parallelamente, nell ambito del Programma Regionale di Sviluppo e nel Piano Socio-Sanitario. Dove si sta lavorando per completare e realizzare posti letto per le cure sub acute, attraverso la sperimentazione in 5 Asl; trattasi di un modello organizzativo per coordinare e integrare i servizi extraospedalieri a favore dei pazienti cronici; contesto operativo dove viene richiesta oltre alla presenza, la specifica competenza Infermieristica; Case Management ed esperienze correlate Partendo dalla pionieristica esperienza iniziata dal Centro Studi EBN di Bologna, già alla fine degli anni 90, con il successivo progetto inclusivo di specifico percorso formativo per Infermiere Case 14 Loi Duilio (co-autore), Ruolo e Funzioni dell infermiere alle porte del terzo millennio. Gruppo di Studio ANIN su Abilità Assistenziale: caratteristiche del ruolo professionale dell'infermiere nel processo di trasformazione del sistema sanitario"

8 Manager (ICM), oggi si possono apprezzare molteplici realtà formative e lavorative disseminate sul territorio nazionale, che gestiscono con elevati livelli di qualità i percorsi assistenziali sia a livello ospedaliero, sia territoriale, perseguendo l obiettivo di garantire una totale presa in carico secondo il modello organizzativo fondato sul: processo collaborativo di accertamento, pianificazione, facilitazione, coordinamento delle cure, valutazione ed advocacy delle scelte e dei servizi, che agevolino i bisogni sanitari generali dell individuo e della famiglia, attraverso la comunicazione e le risorse disponibili, al fine di promuovere outcomes di qualità, con un buon rapporto costo-efficacia 15. Essendo impossibile elencarle tutte (vuoi per ragioni di spazio, vuoi per difficoltà di reperimento dati), metto in evidenza le più significative scusandomi fin d ora per le eventuali esclusioni: o Policlinico S.Orsola Malpighi di Bologna, con una copertura pressoché totale delle unità organizzative, dove è presente in forma stabile e operativa la figura del ICM, nonché l estensione verso esperienze territoriali in ambito geriatrico, ortopedico, psichiatrico, oncologico; o Case Management internistico e chirurgico in Veneto, dove nella Ulss 6 di Vicenza, è attivo dal 2010 un progetto sperimentale riguardante il ruolo dell'infermiere case manager in ambito internistico e dell'infermiere stomatoterapista in ambito chirurgico. L obiettivo è sovrapponibile al precedente: promuovere e realizzare un assistenza centrata sulle reali esigenze del cittadino/utente, in un sistema coordinato e capace di gestire l intero processo in termini di continuità ospedale/territorio. Il progetto ha una durata triennale al termine del quale sarà valutato l'impatto in termini di risultati, fondati su indicatori di efficienza, efficacia ed economicità. Sia nell esperienza del case management internistico, sia in quello chirurgico, si possono mettere in evidenza le competenze avanzate dell infermiere, ottenute attraverso specifica formazione, arricchita e sostenuta da certificata esperienza nei settori di riferimento. Ad esempio, ai colleghi del settore chirurgico vengono richiesti come requisiti: un'esperienza lavorativa di almeno 5 anni in contesti di chirurgia addominale, specifico percorso formativo di master in assistenza a pazienti stomizzati e incontinenti (o titoli equiparabili per contenuti); ai colleghi del settore internistico, oltre che specifica esperienza nel settore, analogo iter formativo con master in case management. In sintesi: competenza clinica, gestionale e di ricerca; o Ospedale di Comunità a gestione Infermieristica, iniziativa che si lega profondamente con quella appena descritta, messa in campo in Emilia Romagna, che s inserisce nel quadro di una generale riorganizzazione del percorso del paziente fragile, promossa e attivata dall Ausl di Forlì, con l obiettivo di garantire un reale ponte tra ospedale e territorio. La gestione infermieristica si realizza attraverso la totale presa in carico del paziente, tesa a rispondere in senso olistico ai bisogni di salute. Basata anch essa sul modello del case management, consentendo la reale applicazione di atto medico, infermieristico e sanitario (per come appena descritti), in virtù delle necessità cliniche della persona assistita. I riflettori sono puntati sugli obiettivi del progetto che pone tra i suoi indicatori, alcune concretezze misurabili: appropriatezza di collocazione dell utenza 15 CMSA (Case Management Society of America), 2010

9 adeguate risposte in termini di miglioramento della qualità delle cure ottimizzazione e razionalizzazione delle risorse e dopo idoneo periodo di sperimentazione, se i risultati (come auspicato) saranno soddisfacenti, sarà destinato a replicarsi. o Infermiere di famiglia e comunità: la componente formativa E oggi sempre più una necessità del SSN. Una figura professionale specificamente preparata (come proposto dall OMS nel progetto salute 21 ), strategica e fondamentale per colmare l attuale vuoto in cui moltissima utenza dimessa dalle strutture sanitarie per problematiche acute, ma necessitanti di cure domiciliari, spesso si trova in seria difficoltà nel gestire le diverse situazioni. Allo stesso modo, molte fasce di utenza con vario livello di disabilità e problematiche, derivanti dal progressivo aumento di patologie ad andamento cronico degenerativo che non troverebbero collocazione adeguata nelle attuali strutture residenziali. Sono già attivi in molti atenei, percorsi di Master di 1 livello rivolti alla preparazione dei professionisti che intendono perseguire questa esperienza professionale. In questa esperienza formativa -con una nota di orgoglio per il Collegio IPASVI che ne è il principale promotore- comprendiamo l Ateneo Pavese, che ha strutturato il percorso attingendo alla consolidata esperienza teorica, formativa ed esperienziale, maturata nei vari settori dall ADI alla salute mentale 16. Percorsi formativi quindi, che tendono a offrire competenze avanzate, quelle competenze che guarda caso, vengono contestate dalla lettera intersindacale con la quale abbiamo introdotto l articolo. Continuità infermieristica interaziendale a Trieste, iniziato in forma sperimentale nel 2002 nei reparti di area medica, il servizio di presa in carico infermieristica; servizio che negli anni successivi si è praticamente esteso a tutte le aree appartenenti al contesto ospedaliero e, dall aprile 2010 include tutti i ricoverati con bisogni clinici e sociali complessi prescindendo dall età e dalla patologia che necessitano di continuità assistenziale. Un ponte ospedale-territorio, di dimensioni imponenti che si realizza grazie al sistematico raccordo tra il servizio infermieristico domiciliare dei Distretti territoriali, i Reparti ospedalieri, il PS, le RSA, fino all Hospice. See and Treat, ovvero guarda e tratta. Ulteriore esperienza ad alto contenuto di competenze avanzate portata avanti dai Colleghi della Regione Toscana, grazie a specifica normativa, pensata per snellire le attese sempre più lunghe nei pronto soccorso, dove si abilita l'infermiere a: o fare diagnosi per piccoli casi non urgenti (codici bianchi) o prescrivere farmaci o indirizzare verso specialisti (fast track) Il tutto, previo percorso formativo ad hoc che prevede 6 mesi di corso, articolato in 350 ore e dove al candidato viene richiesto come requisito principale, almeno tre anni di attività di triage in pronto soccorso. Tutti i riferimenti sopracitati, sono soltanto in minima parte rappresentativi delle molte esperienze, che hanno rappresentato nel tempo e rappresentano tuttora, lo spaccato della capacità manageriale (progettuale e gestionale), nonché elaborativa e pensante degli Infermieri; un pensiero al tempo stesso critico, creativo e 16 LOI Duilio (co-autore), Linee guida per il Master di primo livello Infermieristica in Salute Mentale

10 caring, a dimostrazione dello spessore proprio, della avanguardia intellettuale e operativa, presente della professione. Alla luce di quanto descritto, possiamo riassumere nella figura 5 un quadro di sintesi sull esercizio professionale dell infermiere, avente come elemento fondamentale l atto infermieristico. Per la professione Infermieristica (ma per estensione anche alle altre ex professioni sanitarie ausiliarie, con i debiti adattamenti), è dal 1994 che si è delineata una specifica configurazione, rispetto alla figura del Medico che possiamo schematizzare in sintesi, nella figura 6. Fig. 6) quadro di sintesi sull esercizio professionale medico e infermieristico Questo schema, evidenzia e sintetizza le aree di competenza del medico e dell infermiere in una configurazione che rispecchia le normative, in primis, legge 42/1999. In virtù della componente collaborativa, fondamentale e necessaria per le due figure professionali, nell ovale di sovrapposizione delle due aree, si apre uno spazio comune, nel quale con le reciproche competenze e in forza delle evidenze scientifiche, si possono collocare strumenti utili all operatività quali: linee guida,

11 protocolli, procedure e profili di cura, da costruire insieme, finalizzati a garantire una presa in carico del cittadino-paziente secondo canoni di qualità. Atto sanitario Seppur con le debite oscillazioni interpretative, legate ai diversi orientamenti poc anzi richiamati, abbiamo fatto chiarezza sia su atto medico, sia su atto infermieristico Per deduzione ed esclusione, è possibile definire pertanto, che con atto sanitario, si intenda l insieme di attività poste in essere dall operatore sanitario, nell ambito delle specifiche competenze e con gli strumenti propri, orientate a sostenere/garantire/potenziare la realizzazione del processo di salute di un individuo o a trattare le conseguenze derivanti dal processo di malattia 17. Quanto espresso nel quadro riassuntivo riportato in figura 6, possiamo dire che per estensività concettuale seppur con le debite differenze, può essere riprodotto per tutti e 22 i profili professionali. Rispetto alla responsabilità giuridica dell operatore sanitario, nei confronti dell utente, nel frattempo si è espressa anche la corte di cassazione, sottolineando e richiamando tutti ad una elevatura sotto il profilo etico: Gli operatori sanitari sono tutti, ex lege, portatori di una posizione di garanzia nei confronti dei pazienti, la posizione che va sotto il nome di posizione di protezione, la quale è contrassegnata dal dovere giuridico incombente al soggetto, di provvedere alla tutela di un certo bene giuridico contro qualsiasi pericolo atto a minacciarne l integrità. (Corte Cassazione, IV sez. pen. sent. 2/3/2000, n. 447) Conclusioni Appare evidente come il mutamento dei bisogni di salute delle persone (determinati prevalentemente da fattori socioculturali e clinico-epidemiologici), abbia influito/condizionato/indotto un conseguente processo di cambiamento dei sistemi sanitari e dei professionisti. Le problematiche anche qui dibattute, risiedono probabilmente nella asincronia esistente tra sistemi (organizzazioni) e professionisti, che evidentemente non sono ancora allineati. Stessa difficoltà nello sviluppare un rapporto dialogico costruttivo e coerente, che ritroviamo tra i professionisti appartenenti a categorie diverse e a volte, anche tra gli appartenenti alla stessa famiglia professionale. Tentare di far chiarezza su atto medico, atto infermieristico e atto sanitario, non è certo un punto di arrivo, ma può rappresentare un efficace punto di ripartenza nel virtuoso viaggio verso la costruzione di una Sanità migliore. Nella convinzione che in un quadro così delicato, rifugiarsi nel corporativismo, oltre che inutile sarebbe anche dannoso, ormai alla soglia dei vent anni dall emanazione del profilo professionale, dei quindici dalla legge 42, delle molteplici esperienze di declinazione operativa messe in campo e non ultimi: il consolidamento nella formazione, nella ricerca e la qualità aggregativa espressa dalle associazioni, si rimane davvero perplessi nel constatare che qualcuno non si sia ancora reso conto di quanto accaduto. Viene spontaneo: cosa altro, si dovrebbe ancora dimostrare? La consapevolezza che l atto medico non sia più coincidente e sovrapponibile agli altri due, evidentemente non è ancora patrimonio collettivo, poiché -come già precedentemente richiamato- i cambiamenti culturali viaggiano a velocità più lente rispetto a bisogni e normative. Anche se le resistenze, fisiologicamente tendono a rallentare i processi di 17 Loi Duilio, Atti Corso di aggiornamento Professione Infermieristica tra aspetti giuridici e responsabilità professionale, Pavia, 2011.

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Agosto 2004. Pagina 1 di 1

Agosto 2004. Pagina 1 di 1 Progetto per la riorganizzazione dell attività di assistenza infermieristica, ostetrica e di supporto nelle Unità Organizzative del Policlinico S. Orsola-Malpighi Gruppo di lavoro P. Taddia L. Angelini

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE)

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE) Brochure Montesilvano 2015 30/07/15 12: Pagina 1 Associazione Italiana Operatori Sanitari di Stomaterapia INCONTR- 2015 Certificazione EN ISO 9001:2008 IQ-0905-12 per formazione ed aggiornamento COMPETENZE

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli