ACCETTARE L INCERTEZZA COME UNA CERTEZZA. IL CHANGE MANAGEMENT E LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN TEMPI DI CRISI.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACCETTARE L INCERTEZZA COME UNA CERTEZZA. IL CHANGE MANAGEMENT E LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN TEMPI DI CRISI."

Transcript

1 ACCETTARE L INCERTEZZA COME UNA CERTEZZA. IL CHANGE MANAGEMENT E LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN TEMPI DI CRISI. Intervista a Luca Stefano Vanni - Vice Presidente HR & Organizational Effectiveness, EMEA presso NEC Europa a cura di Lara Cortese, Agata Sofia Monteleone, Nikita Tyurin Master in Risorse Umane e Organizzazione 2013 Come gestire le persone nei processi di cambiamento organizzativo. Perché è importante comprendere i diversi sistemi sociali nazionali nella gestione di organizzazioni multinazionali. Quando è possibile utilizzare policy comuni e quando invece è importante contestualizzare la strategia rispetto al territorio e alla cultura. Gestire un organizzazione globale e le sue risorse umane, durante la crisi. La storia di un manager italiano di una società giapponese a Londra. Ci incontriamo su Skype. Abbattiamo così le barriere geografiche: da Baveno a Londra. Dalla sede della Business School Fondazione ISTUD alla nuova sede di Londra della NEC: grazie alla webcam riusciamo a immaginare l ufficio di Luca Stefano Vanni. Subito si mostra disponibile a dedicare il suo tempo e la sua esperienza a tre ragazzi, che, da qualche anno, hanno maturato l ambizione di avvicinarsi al mondo delle risorse umane e dell organizzazione aziendale. Dopo un paio di premesse e alcune interruzioni tecnologiche, desiderosi di sapere, iniziamo subito con alcune domande sulle differenze culturali nelle organizzazioni. Dopotutto è un italiano, che lavora a Londra, nella divisione EMEA (Europa, Middle-East, Africa) di una società giapponese

2 Sulla base delle esperienze maturate nel corso della sua carriera, come descriverebbe le differenze della cultura organizzativa di una società a stampo nipponico rispetto alle multinazionali anglosassoni? Ci sono delle fondamentali differenze, che, come tutte, hanno i loro pro e contro. Immaginate un triangolo. Se disegniamo un organizzazione piramidale, normalmente la dividiamo in ruoli e li analizziamo il più possibile in modo da presidiare tutti gli aspetti del processo con grande precisione. Il concetto giapponese è un po diverso: ci sono dei ruoli, le palle, che non si toccano e ci sono degli spazi ove il team lavora. C è una rete sociale fortissima e i ruoli sono meno definiti, permettendo così alle persone di occupare lo spazio in cui loro desiderano lavorare. Se il problema cade in una zona dove non c è un ruolo ed un responsabile definito, le palle intorno si stringono per risolvere quel problema. Per noi occidentali questo tipo di organizzazione crea un problema notevole in quanto, non individuando i responsabili delle attività, il sistema risulta confuso. Questo meccanismo inoltre richiede molte più persone che lavorano sullo stesso problema. Ciò, unito alla seconda caratteristica forte del sistema giapponese, che è quella della condivisione delle decisioni o Nemawashi, porta ad un rallentamento della presa di decisioni: siccome la loro modalità di leadership è il consenso, hanno bisogno che tutte le persone raggiungano un certo tipo di consenso prima di decidere. Così, in Giappone, i meeting sono solo momenti celebrativi e formali e ciò compensa in parte il problema della lentezza poiché gli argomenti sono già stati in precedenza discussi e condivisi. Tuttavia, questo meccanismo diventa ancora più lento con l aumentare delle persone che interagiscono nell organizzazione. Oggi, in una società che si muove a ritmi sempre più veloci, questo meccanismo antico entra in crisi. Non è un caso che, mentre in passato il Giappone era uno dei paradigmi delle teorie organizzative, oggi nessuno guarda più al Giappone cercando modelli manageriali efficienti. Le uniche tecniche che si prendono sono quelle legate al manufacturing, dove la logica incrementale, che è un altro degli elementi dell attenzione del management giapponese al dettaglio, funziona bene in ambienti di quel tipo. Per il resto nelle aziende giapponesi vi è un forte problema di leadership che stenta a emergere perché il condizionamento culturale è veramente forte. Come avete integrato all'interno della divisione EMEA tali differenze culturali? In EMEA stiamo cercando di compiere questo tipo di contaminazione. Adesso stiamo eseguendo un piano di riorganizzazione, che non è solo un ridimensionamento, purtroppo, in termini di organico, ma un cambiamento della nostra organizzazione da un modello basato sulle Country come unità indipendenti di profitto a un modello regionale, organizzato per funzioni regionali di supporto (HR, Finance, IT) e linee di

3 business. In questo cambiamento stiamo cercando di implementare un modello che sia più vicino alle nostre logiche organizzative, quindi con una definizione un po più chiara dei processi e delle responsabilità. Tuttavia il sistema giapponese comporta il dover chiedere un sacco di consensi a Tokyo la casa madre della NEC ha sede in Giappone anche per problemi che non avrebbero un legame diretto. Questo in un momento di cambiamento rende tutto più difficile e lento, perché non si può contare su una leadership all americana. Tuttavia ogni famiglia è una cultura e ognuno al suo interno trova i modi per gestirla e andare avanti. Noi siamo molto lontani da un modello teorico di leadership, che assegna un management team, crea un team, implementa una strategia, ha un processo di feedback ben chiaro e con le stesse persone che gli hanno dato la delega. Qui è tutto molto più complesso e più fluido. Seguendo questa logica, quali sono i diversi approcci, se vi sono, alla gestione delle risorse umane nelle diverse divisioni geografiche in NEC? Innanzi tutto bisogna dire che all interno dell area EMEA esistono due livelli di controllo: l Europa e poi Russia, Middle-East e Africa, territori che ci sono stati affidati recentemente e in cui, per un fattore sia dimensionale sia culturale, la mia attività è più limitata. Se parliamo, dunque, di Middle-East e Africa, mi sono limitato alle policy di governance principali sulla selezione e sulle politiche retributive, ma, di fatto, le risorse umane sono gestite dalla linea. Per quanto riguarda, invece, l Europa, sei anni fa, quando sono entrato in NEC, ogni paese non solo era un centro di profitto indipendente, ma ognuno aveva le sue policy e gli HR locali rispondevano al presidente locale. Oggi, attraverso il metodo, molto giapponese, del consenso, abbiamo creato tutte le politiche principali a livello europeo. All interno di questo gruppo, che in teoria adotta le stesse policy, ci sono comunque delle chiare differenze di applicazione, secondo quella che è la cultura nazionale. Nell applicazione delle policy bisogna avere dunque diversi pesi e misure, nonostante uno zoccolo uguale di base. È necessario tenere conto che l applicazione delle logiche organizzative deve rispettare i tempi necessari per far sì che un nuovo modo di lavorare sia digerito secondo la cultura che troviamo localmente. Può descriverci la struttura organizzativa in NEC prima e dopo la crisi del 2008? In realtà ci sono due driver principali che ci hanno fatto modificare l organigramma: uno è la crisi e l altro il passaggio di NEC da una produzione di massa (telefonini, PC, disc drive, proiettori, monitor) oggi alcuni di questi prodotti sono stati dismessi, alcuni ceduti, altri sono stati raggruppati in una società del gruppo, che si chiama NEC Display Solutions, società che gestisce i canali indiretti a un business prevalentemente B2B, come le infrastrutture per gli operatori di telefonie mobili, software di sicurezza e i sistemi voci-dati per la comunicazione aziendale. Ciò significa passare da muovere box a vendere sì prodotti ma soprattutto servizi, che devono risolvere un problema al cliente in maniera personalizzata.

4 Un approccio più consulenziale? Sì, ma anche molto più che consulenziale, perché non è neanche costruire una soluzione di fronte ad un problema dato, ma capire dove va la tecnologia e cercare di proporre un progetto che, di fatto, costituisca un business plan per l operatore. Tutto ciò ha richiesto di rivedere tutti i nostri processi interni e di adeguare la nostra struttura organizzativa. E qui ovviamente la crisi non ci ha aiutato. Ci siamo resi conto che, in un business che era un terzo rispetto al passato, la struttura precedente era troppo pesante e abbiamo, dunque, cominciato a clusterizzare le funzioni di staff. Il grande cambiamento ha quindi due driver, non solo la crisi, non solo l evoluzione della tecnologia, che ci porta a dover avere delle risorse più specializzate e sofisticate, ma anche un cambio di portafoglio prodotti da Business-to-Businesso-to-Consumer a Business-to-Business vero e proprio. In questo senso la gestione del cambiamento può essere vista come uno strumento che porta all'efficienza e all efficacia organizzativa? Assolutamente. Uno dei driver forti qui è che bisogna ridurre i costi. Un azienda per essere sana deve comunque produrre una redditività. Non credo alle aziende che non producono soldi, perché contro natura. Un azienda deve produrre profitto, poi eticamente possiamo disquisire: non è corretto licenziare 3000 persone, perché gli azionisti chiedono un incremento dal 10% al 15% della redditività, poiché la borsa cala. Questo è un modello malato, ma l azienda deve produrre un reddito. Noi in NEC Europa stiamo mettendo in atto proprio per questo un processo di cambiamento. Dove andiamo oggi? Oggi abbiamo annunciato le nuove strutture, assegnando tutti i ruoli e le responsabilità. È un processo molto complesso, anche per le implicazioni sociali e le discussioni sindacali. Nelle prossime settimane lanceremo il nuovo piano HR, che è il progetto principale di Change Management, che abbiamo chiamato Operazione Kon-tiki. La metafora del Kon-tiki è stata utilizzata giacché sta a indicare un impresa disperata, ma in cui si va a riscoprire qualcosa che è stato dimenticato. Noi vogliamo che le nostre persone riscoprano sia l orgoglio che il successo, che avevamo come gruppo NEC. Questo percorso di riscoperta avverrà tramite un processo di kick-off e formazione con l intento di creare nuovi gruppi transnazionali con valori e senso di appartenenza condivisi. Considerando questa logica del cambiamento organizzativo e l attuale scenario economico, crede che la tendenza verso fusioni e acquisizioni possa portare a un miglioramento delle performance aziendali? Se sì, come? Dipende. Io credo che l acquisizione sia una delle modalità di collaborazione, ma non necessariamente l unica: si può acquisire, prendere delle partecipazioni azionarie, fare partnership di tipo commerciale o di cosviluppo di alcune parti di una soluzione. La tendenza a fare rete, secondo me, continuerà, perché non è possibile dare oggi delle soluzioni complesse, padroneggiare tutti i pezzi di tecnologia (nel caso NEC) che servono a creare una certa soluzione. Difatti, in alcuni casi, il gruppo NEC ha anche pensato di acquisire altre società in situazioni particolarmente complesse che richiedevano competenze altrettanto articolate da poter essere risolte in casa.

5 Prima parlava di una riduzione dell organico. A seguito di questo processo di ristrutturazione, che tipo di politiche delle risorse umane sono state adottate in NEC, considerando anche l outpacement? L outplacement è una domanda interessante, in quanto sottintende una teoria che noi cerchiamo di utilizzare: essere buoni employer. Al di là del fatto che siamo sottoposti a forti vincoli di budget, abbiamo tuttavia cercato di equilibrare, per quanto possibile, il forte squilibrio che ancora oggi esiste tra i sistemi sociali in Europa. Ci sono paesi, quali Italia e Francia, molto tutelati dal punto di vista legale e paesi, come quelli anglosassoni, Nord ed Est Europa, in cui è molto più semplice dismettere persone. In certi casi abbiamo creato noi una politica, offrendo outplacement o raddoppio delle mensilità di buona uscita previste, mentre abbiamo cercato di essere severi nei paesi in cui c erano già della tutele molto forti e negoziare molto duramente con le rappresentanze sindacali. Le policy di outplacement sono state elaborate e consigliate caldamente, ma abbiamo lasciato ai vari paesi la discrezionalità di attuarli. Un altra politica che stiamo utilizzando, dopo aver individuato la mappatura dei talenti, per le persone che rimangono, come già spiegato in precedenza, è l inserimento di alcune risorse, all interno del progetto Kon-tiki: questo ci consente di esporli a lavorare con il nuovo management aziendale oltre ad inserirli all interno d interventi di formazione finalizzati alla gestione del cambiamento. Quindi questo progetto Kon-tiki può essere visto come la soluzione di lungo periodo, per così dire, anche in un ottica di talent retention e talent management? Di lungo periodo no, è il primo passo, sarà il nostro primo concreto passo della strategia di talent management e retention. Abbiamo da poco messo in piedi un sistema di retention per il 10% dell organizzazione, su cui fare dei benchmark di mercato per valutare, se richiedono, secondo il ruolo ricoperto all interno dell organizzazione, un adeguamento retributivo. Altrimenti interveniamo con dei retention bonus e un pacchetto d incentivazione legata agli obiettivi della ristrutturazione aziendale della durata di diciotto mesi, tempo necessario per mettere in linea un organizzazione. Più da un punto di vista personale e in vista delle nostre prospettive per il futuro, se fosse un giovane talento, in che settore si orienterebbe in questo momento? Io credo che sia importante fare le cose che ci piacciono. Non si riesce a essere eccellenti facendo le cose che non ci appassionano. Ogni scelta deve avere una motivazione che non può venire dal fatto che il lavoro è meglio pagato o socialmente riconosciuto: questi sono driver che prima o poi si esauriscono. Il mio suggerimento è, quindi, di perseguire qualsiasi cosa vi tocchi le corde perché è l unico modo per essere eccellenti. Inoltre penso che ci siano dei valori, delle competenze chiave sulle quali puntare. Se non ti senti realizzato dal punto vista professionale e personale e non sei in sintonia con i tuoi valori, non puoi diventare un buon professionista. Quindi ritengo che ognuno debba farsi il così detto esame di coscienza interrogandosi su quelli che sono i propri driver di motivazione, scommettendo su comportamenti e valori chiave, che ti mettono in sintonia con te stesso. In terza istanza credo che non bisogna essere rigidi nei

6 confronti delle sfide che la vita può metterci davanti, ritenendole pur sempre in linea con i valori e gli ideali perseguiti. A fronte delle sue esperienze cosa direbbe a tre ragazzi che tra poco si approcciano al mondo del lavoro? Io direi prima di tutto di chiedervi quali sono le cose che vi fanno brillare gli occhi. Ricordatele e cercate di declinarle nel mondo del lavoro. Secondo, di accettare l incertezza come una certezza: l incertezza è una parte della nostra vita quindi dobbiamo imparare a conviverci e viverla come un opportunità. Se siamo confidenti delle nostre risorse, l incertezza diventa una scoperta giorno dopo giorno di quello che possiamo fare nella vita. Inoltre tre sono le raccomandazioni che mi sento di farvi: continuare a imparare, non si smette mai di imparare. Una chiave di oggi per essere degli uomini liberi è l employability: se ho delle risorse sono un uomo libero e sono più disposto a correre dei rischi e scendere a compromessi. La seconda è ricordavi la differenza tra amici con la A maiuscola e conoscenti. Le prime sono le persone che vi seguiranno per tutta la vita, se avete dei valori e delle esperienze condivise, queste sono le persone che vi possono fare da specchio nei momenti di crisi e sono le uniche persone che vi troverete accanto quando tutti gli altri spariranno soprattutto quando avrete delle crisi professionali. La terza è di essere sempre voi stessi. Io sono comunque io. Se un uomo si sente libero, fa le scelte giuste perché sono meno vincolate da paure e calcoli di convenienza. Luca Stefano Vanni è Vice Presidente HR & Organizational Effectiveness, EMEA presso NEC Europa. Figlio d arte il padre era un noto direttore del personale da bambino sognava di diventare Ufficiale di Marina, sogno in parte coronato durante il periodo degli studi universitari. Laureato nel 1985 in Economia presso l Università Bocconi, ha precedentemente lavorato in Hoya, Bull, Indipendent Consultancy e Inaz. Oggi vive a Londra. È appassionato di golf e tiro con l arco.

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Un corso di Marco De Veglia Brand Positioning: la chiave segreta del marketing Mi occupo di Brand Positioning

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale

Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale Modesto Di Noia e il Potere della Mente nella Formazione Aziendale Modesto Di Noia. Trainer in PNL e Psicologia Analogica. Titolare di Mentaltra, giovane azienda appena insediatosi nella Zona Industriale

Dettagli

Sommario. DOCUMENTO RISERVATO AD USO INTERNO Pagina 2 di 10

Sommario. DOCUMENTO RISERVATO AD USO INTERNO Pagina 2 di 10 Piano di valutazione Horsa Anno 2013 Sommario Perché Horsa introduce un Piano di Valutazione... 3 I destinatari del Piano di Valutazione... 4 I criteri di acquisizione dei Punti... 4 Costi standard di

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli Materiali di scarto industriale per una pedagogia sostenibile Ho imparato a fare le idee Strategie per progettisti consapevoli Tasca Ilaria, insegnante di scuola dell infanzia Approfondimento: ruolo ed

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching

Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching Cosa ti puoi aspettare da una relazione di coaching L esperienza del coaching comincia nel momento in cui si decide di iniziare, nel momento in cui si programma la prima sessione, proprio perché la volontarietà

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario

Mentore. Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Mentore Rende ordinario quello che per gli altri è straordinario Vision Creare un futuro migliore per le Nuove Generazioni Come? Mission Rendere quante più persone possibili Libere Finanziariamente Con

Dettagli

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI www.previsioniborsa.net di Simone Fanton (trader indipendente) Disclaimer LE PAGINE DI QUESTO REPORT NON COSTITUISCONO SOLLECITAZIONE AL

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE OD&M Consulting è una società di consulenza specializzata nella gestione e valorizzazione delle persone e nella progettazione di sistemi

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI Scopri i Segreti della Professione più richiesta in Italia nei prossimi anni. www.tagliabollette.com Complimenti! Se stai leggendo questo

Dettagli

ALLINEARSI: IL DRIVER PER UNA INNOVAZIONE DI SUCCESSO!

ALLINEARSI: IL DRIVER PER UNA INNOVAZIONE DI SUCCESSO! ALLINEARSI: IL DRIVER PER UNA INNOVAZIONE DI SUCCESSO! L allineamento del team esecutivo è definibile come l accordo dei membri del team in merito a: 1. Allineamento personale -consapevolezza dell impatto

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

INDICE. Capitolo A. Lo stato patrimoniale e il conto profitti e perdite pag.7. Capitolo B. L attivo e il passivo dello stato patrimoniale

INDICE. Capitolo A. Lo stato patrimoniale e il conto profitti e perdite pag.7. Capitolo B. L attivo e il passivo dello stato patrimoniale INDICE Introduzione dell autore pag.4 Parte prima: Capire i bilanci e gli indicatori di redditività Capitolo A. Lo stato patrimoniale e il conto profitti e perdite pag.7 Capitolo B. L attivo e il passivo

Dettagli

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1) Qual è la prima cosa che un imprenditore o responsabile dovrebbe fare per far sì che i propri uomini

Dettagli

Virgin: un impresa diversificata. Fonte: Grant (2005)

Virgin: un impresa diversificata. Fonte: Grant (2005) Virgin: un impresa diversificata Fonte: Grant (2005) 1 Le motivazioni alla base della diversificazione Mancanza di opportunità nel settore di origine Sfruttamento di attuali risorse e competenze eccellenti

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

Anthony Robbins. Business Mastery

Anthony Robbins. Business Mastery Hi-Performance presenta: Il nuovo appuntamento con 2015 Anthony Robbins Business Mastery L esclusivo programma di Tony Robbins per rendere il tuo Business efficace, efficiente e redditizio. Sempre e comunque.

Dettagli

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i liste di controllo per il manager r il manager liste di controllo per il manager di contr liste di liste di controllo per il manager i controllo trollo per il man liste di il man liste di controllo per

Dettagli

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project TWUM-ANTWI KWUKU Età: 29 anni Ho finito la scuola superiore 5 anni fa nella regione Ashanti con un buon punteggio ma, per mancanza di denaro, non ho potuto continuare a studiare. Ho deciso quindi di lavorare

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

ARI LIENTI COLLEGHI. A) La Relazione B) La Posizione in Azienda

ARI LIENTI COLLEGHI. A) La Relazione B) La Posizione in Azienda BUSINESS CASE ARI LIENTI COLLEGHI Vi ringraziamo per la vostra attenzione e i numerosi feedback ricevuti; dopo l invio del Business Case proposto il 29 ottobre 2015, vi proponiamo una sintetica analisi

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

Organizzazione dello studio professionale

Organizzazione dello studio professionale Organizzazione dello studio professionale Roberto Spaggiari Attolini Spaggiari & Associati Studio Legale e Tributario Partner 2014 Pagina 1 Roberto Spaggiari Attolini Spaggiari & Associati Studio Legale

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 CORSO DATE OBIETTIVO DESCRIZIONE INTRODUZIONE Lunedì 8 Ottobre 9,30-13,30 Dare avvio al programma formativo, descrivendo il percorso e

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

Un altro anno di crescita per Media Vending

Un altro anno di crescita per Media Vending edia Vending Un altro anno di crescita per edia Vending e i t e n d i v R l I e r c a t o d d e l V e n d i n g edia Vending è una dinamica rivendita che da alcuni anni opera con successo nella Provincia

Dettagli

I TUOI ESAMI UNIVERSITARI

I TUOI ESAMI UNIVERSITARI COME PIANIFICARE Andrea Giuliodori autore di EfficaceMente.com I TUOI ESAMI UNIVERSITARI INDICE INTRODUZIONE 1 2 3 4 DECIDI A PRIORI QUANTO STUDIARE TROVA IL TUO RITMO IDEALE CREA IL TUO CALENDARIO DI

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi

Dettagli

Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori

Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori TANDEM A di Francesca Negri Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori g I venditori sono dipendenti della nostra azienda perché ci rappresentano sul mercato e anche perché

Dettagli

Christian Violi, Channel Director, Central East Europe SAS

Christian Violi, Channel Director, Central East Europe SAS 25 ottobre 2015 Marini (Arrow): Il business deve essere sostenibile di Emanuela Teruzzi Sono i vendor storici di network security a sostenere il fatturato di Arrow, che è in ritardo sul lancio dell offerta

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE. Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013

L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE. Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013 L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013 EUGENIO VANDA General Manager Un'organizzazione è un gruppo di persone formalmente unite per raggiungere uno o più obiettivi comuni che

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Geprim per il Settore Immobiliare

Geprim per il Settore Immobiliare Geprim per il Settore Immobiliare Strumenti, tecniche, competenze, per superare le criticità e raggiungere i propri obiettivi Geprim per il Settore Immobiliare Il settore immobiliare è caratterizzato da

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA?

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? 7+1 suggerimenti per preparare una richiesta di ristrutturazione finanziaria dell impresa. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO SARAH (UK) Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la

Dettagli

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte:

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte: Lezione 9 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano

Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano (Università di Bologna) Il Direttore come responsabile della gestione complessiva (1) Cosa vuol dire avere una visione gestionale complessiva,

Dettagli

Strategie di Personal Branding e Ricollocazione: un caso aziendale. Roma, ABI HR FORUM, 19 maggio 2013

Strategie di Personal Branding e Ricollocazione: un caso aziendale. Roma, ABI HR FORUM, 19 maggio 2013 Strategie di Personal Branding e Ricollocazione: un caso aziendale Roma, ABI HR FORUM, 19 maggio 2013 1 Principali fenomeni in corso nel sistema bancario Snellimento funzioni centrali Riduzione n. di filiali

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO MC n 68 I protagonisti LUCA SCOLARI UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO di Simona Calvi Insieme a Fabio e Marco è alla guida della società creata dal padre negli anni Cinquanta, specializzata

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

Politica: la voce dei giovani

Politica: la voce dei giovani Politica: la voce dei giovani m a r e a p e r t o La cupola trasparente del Bundestag (Berlino) sede del parlamento federale tedesco. È completamente trasparente: con la ricostruzione tedesca e dopo due

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

LA FORMAZIONE VINCENTE

LA FORMAZIONE VINCENTE CFMT E MANAGER LA FORMAZIONE VINCENTE Gli ultimi dati del nostro Centro di formazione del terziario confermano che i dirigenti non rinunciano a percorsi formativi. Ma cosa si chiede oggi alla formazione?

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA ZIMMERMANNUNDKOLL.IT PAG. 1 DI 8 INDICE INTRODUZIONE AL WEB MARKETING MIX PAG. 03 LE FASI CHIAVE PAG. 04 RISCHIO DI INVESTIMENTO PAG. 05 DETTAGLIO SERVIZI PAG. 07 BUDGET

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Consulenza e Formazione 2012

Consulenza e Formazione 2012 Consulenza e Formazione 2012 Settore: Hair Beauty - Wellness One day Seminar LA COMUNICAZIONE VERBALE, PARAVERBALE, NON VERBALE (T/C) Il buon comunicatore è quello che ottiene dalla propria comunicazione

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

BENVENUTO/A ALLA GUIDA CHE CAMBIERA' IL TUO STATUS ECONOMICO CON SFI SEI MESI PER...

BENVENUTO/A ALLA GUIDA CHE CAMBIERA' IL TUO STATUS ECONOMICO CON SFI SEI MESI PER... BENVENUTO/A ALLA GUIDA CHE CAMBIERA' IL TUO STATUS ECONOMICO CON SFI SEI MESI PER... SE STAI LEGGENDO QUESTA GUIDA VUOL DIRE CHE SEI VERAMENTE INTERESSATO/A A GUADAGNARE MOLTI SOLDI CON QUESTO NETWORK.

Dettagli

Sai rispondere VELOCEMENTE a queste domande:

Sai rispondere VELOCEMENTE a queste domande: Sai rispondere VELOCEMENTE a queste domande: Quante trasferte ha fatto un collaboratore lo scorso anno? Quando un collaboratore ha avuto l ultimo aumento e qual è il suo reddito lordo? Chi fa più straordinari

Dettagli

Rendite da 32.400 al mese!

Rendite da 32.400 al mese! Giacomo Bruno Rendite da 32.400 al mese! NOTA: puoi ripubblicare gratis questo ebook sul tuo sito o blog, a patto di non modificare il testo, nè l'autore. Mandalo gratis ai tuoi amici. Puoi modificare

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

IL MANUALE PER LA TUA BOLLETTA SEMPLICE

IL MANUALE PER LA TUA BOLLETTA SEMPLICE IL MANUALE PER LA TUA BOLLETTA SEMPLICE PER RISPARMIARE SU LUCE E GAS A CASA E IN AZIENDA STEFANO MACRI AZIONI VINCENTI PER RISULTATI ECCELLENTI 1 STEFANO MACRI Imprenditore fin dal 1994, coltivo da sempre

Dettagli

FARE PUBBLICITA IN TEMPO DI CRISI UNA SEMPLICE GUIDA PER AUMENTARE I VOSTRI CLIENTI ED I VOSTRI PROFITTI

FARE PUBBLICITA IN TEMPO DI CRISI UNA SEMPLICE GUIDA PER AUMENTARE I VOSTRI CLIENTI ED I VOSTRI PROFITTI UNA SEMPLICE GUIDA PER AUMENTARE I VOSTRI CLIENTI ED I VOSTRI PROFITTI 1 CONOSCERE IL PROPRIO PUBBLICO Tutte le attività commerciali, prima di programmare qualsiasi tipo di strategia di marketing, DEVONO

Dettagli

LE MEDIE MOBILI CENTRATE

LE MEDIE MOBILI CENTRATE www.previsioniborsa.net 2 lezione METODO CICLICO LE MEDIE MOBILI CENTRATE Siamo rimasti a come risolvere il precedente problema del ritardo sulle medie mobili Quindi cosa dobbiamo fare? Dobbiamo semplicemente

Dettagli

CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO

CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO Dal fallimento al successo La storia di un uomo che affronta la vita, estratto del libro in anteprima È il 1990: ho 42 anni e sono praticamente fallito. Sono con l acqua

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

POST MANAGER di Lorenzo Castelli, Bernardo Pandimiglio, Savino Paolella, Laura Tramezzani

POST MANAGER di Lorenzo Castelli, Bernardo Pandimiglio, Savino Paolella, Laura Tramezzani Indice Prefazione, di Michelangelo Patron e Gian Piero Scilio Premessa A chi è rivolto questo libro Chi ha scritto questo libro e perché 1. Appena uscito dall azienda: cosa fare 1.1. Elabora il lutto 1.2.

Dettagli

10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities

10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities 10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities 1. E difficile per un principiante fare trading con gli spread? A differenza di quanto potrebbe pensare un neofita, fare trading

Dettagli

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Pacchetto di lavoro N. 4 Prodotto N. 31 Data di consegna Luglio 2013 Versioni 1.0 Prima stesura Redatta da Ballymun Job Centre

Dettagli

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL CULTURA AZIENDALE RITENIAMO CHE UNA FORTE CULTURA AZIENDALE COSTITUISCA UN ENORME VANTAGGIO CONCORRENZIALE. QUANDO PARLO DELLA CULTURA DELLA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI

Dettagli

LA NUOVA STRATEGIA VINCENTE PER MERCATO DEL FOREX

LA NUOVA STRATEGIA VINCENTE PER MERCATO DEL FOREX Titolo LA NUOVA STRATEGIA VINCENTE PER MERCATO DEL FOREX Autore Dove Investire Siti internet www.doveinvestire.com Servizi necessari: ADVFN dati in tempo reale gratuiti e indicatori ATTENZIONE: tutti i

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per finanziamento lavori realizzazione sezione asilo nido rione Borgo, chi illustra? Romani, assessore Romani per

Dettagli

azioni di rigenerazione sociale

azioni di rigenerazione sociale azioni di rigenerazione sociale I contenuti di questo libro possono essere condivisi rispettando la licenza Chi siamo Indice 3 Chi siamo 5 Cos è concretamente Change Community Model? 6 Quali sono gli ingredienti

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA

CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA Indice 4.1 LA COMUNICAZIONE INTERNA...............................................69 Comprendere lo stato dell arte...................................................70

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli