ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "OTHOCA" ORISTANO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Anno scolastico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "OTHOCA" ORISTANO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Anno scolastico 2014-15"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "OTHOCA" ORISTANO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Anno scolastico Classe: V sezione F. Indirizzo: Informatica. Composizione del Consiglio di Classe. Materia Lingua e Lettere Italiane Storia ed Educazione Civica Lingua Straniera (Inglese) Informatica Scienze motorie e sportive Matematica Gestione progetto, organizzazione d impresa Tecnologie e progett. di sistemi inf. e di telecom. Sistemi e Reti Religione Componente Delogu Maria Delogu Maria Mura Mariangela Mercenaro Antonietta Gala Anna Rita Orrù Antonio Marongiu Maria Laura Marras Angelo Inconis Fabiola Marras Angelo Pia Massimiliano Marras Angelo Inconis Fabiola Fanari Adriana Coordinatrice: Prof.ssa Antonietta Mercenaro 1. Profilo professionale del corso di studi. Il Diplomato in Informatica e Telecomunicazioni : ha competenze specifiche nel campo dei sistemi informatici, dell elaborazione dell informazione, delle applicazioni e tecnologie Web, delle reti e degli apparati di comunicazione; ha competenze e conoscenze che si rivolgono all analisi, comparazione, progettazione, installazione e gestione di sistemi informatici, basi di dati, reti di sistemi di elaborazione, sistemi multimediali e apparati di trasmissione e ricezione dei segnali; ha competenze orientate alla gestione del ciclo di vita delle applicazioni che possono rivolgersi al software: gestionale orientato ai servizi per i sistemi dedicati incorporati ; collabora nella gestione di progetti, operando nel quadro di normative nazionali e internazionali, concernenti la sicurezza in tutte le sue accezioni e la protezione delle informazioni ( privacy ). È in grado di: collaborare, nell ambito delle normative vigenti, ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale e di intervenire nel miglioramento della qualità dei prodotti e nell organizzazione produttiva delle imprese; collaborare alla pianificazione delle attività di produzione dei sistemi, dove applica capacità di comunicare e interagire efficacemente, sia nella forma scritta che orale; esercitare, in contesti di lavoro caratterizzati prevalentemente da una gestione in team, un approccio razionale, concettuale e analitico, orientato al raggiungimento dell obiettivo, nell analisi e nella realizzazione delle soluzioni; utilizzare a livello avanzato la lingua inglese per interloquire in un ambito professionale caratterizzato da forte internazionalizzazione; definire specifiche tecniche, utilizzare e redigere manuali d uso. scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali. descrivere e comparare il funzionamento di dispositivi e strumenti elettronici e di telecomunicazione. configurare, installare e gestire sistemi di elaborazione dati e reti. sviluppare applicazioni informatiche per reti locali o servizi a distanza. 1

2 2. Quadro orario e ore effettive di lezione attuate da ciascun insegnante nell'anno scolastico Materia Ore settimanali ore svolte al Religione Lingua e Lettere Italiane Storia ed Educazione Civica Lingua Straniera (Inglese) Scienze motorie e sportive Matematica GPOI 3 (1) TPSIT 4 (2) Informatica 6 (3) Sistemi e Reti 4 (3) ore previste al Profilo della classe. La classe V F è composta da 20 alunni maschi quasi tutti pendolari e provenienti tutti dalla IV F. Nel corso dell anno scolastico gli alunni hanno partecipato attivamente alle attività didattiche proposte conseguendo una preparazione ed un profitto complessivamente buono nella maggior parte delle discipline, con alcune punte di eccellenza. L applicazione, l interesse e l impegno sono stati generalmente costanti e hanno supportato la discreta preparazione di base, favorendo il potenziamento delle capacità e delle competenze. I rapporti tra docenti e alunni sono stati sereni, nel reciproco rispetto dei propri ruoli. La classe, nel complesso molto affiatata e collaborativa, ha consentito un proficuo svolgimento delle attività didattiche e del dialogo educativo. Significativa è stata anche la crescita della preparazione complessiva nel corso del triennio durante il quale i ragazzi hanno preso parte attiva ad alcuni progetti proposti dal POF, elencati nell allegato n.3, i quali hanno contribuito alla loro crescita personale e arricchito la formazione di base. Si precisa tuttavia che diversi sono i gradi per quanto concerne l acquisizione di conoscenze, competenze e capacità: un gruppo di studenti ha raggiunto un livello alto di preparazione (ottimo e in un caso eccellente) in tutte le discipline, grazie a un impegno costante, profuso durante l intero triennio. Un secondo gruppo, invece, facendo ricorso ad un impegno consapevole, ha seguito un ritmo di lavoro in linea con quanto richiesto dalla didattica del corrente anno, raggiungendo risultati mediamente discreti. Alcuni studenti, infine, hanno ottenuto progressi rispetto alle situazioni di partenza in alcune materie, mostrando, solo nelle ultime fasi dell anno, un adeguata volontà di recupero nelle restanti. Nel periodo compreso fra il 21 e il 25 Marzo si è svolto il viaggio di istruzione a Praga programmato dal Consiglio di Classe. In questa occasione si è potuta apprezzare la maturità della classe che ha sempre rispettato gli impegni, collaborato per la buona riuscita e dimostrato vivo interesse per la cultura, la storia e l arte della città. 4. Programmazione didattica del Consiglio di Classe: Gli obiettivi fondamentali della programmazione didattica sono stati improntati alla promozione e all acquisizione di capacità, competenze e conoscenze strumentali permanenti, in sintonia col POF approvato dal Collegio dei Docenti. Obiettivi formativi 2 Promuovere un sistema di valori coerenti con i principi della costituzione, per valutare fatti e ispirare i propri comportamenti personali e sociali; Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici acquisiti per porsi con atteggiamento razionale, critico e responsabile di fronte alla realtà, anche ai fini dell apprendimento permanente;

3 Sviluppare e/o potenziare un proficuo metodo di studio. Promuovere la consapevolezza del valore sociale della propria attività, partecipando attivamente alla vita civile e culturale a livello locale, nazionale e comunitario. Insegnare l uso degli strumenti tecnologici cogliendo criticamente il contributo apportato dalla scienza e dalla tecnologia allo sviluppo dei saperi e dei valori, al cambiamento dei modi di fruizione culturale; Sviluppare il desiderio di scoprire le proprie radici storiche, di riconoscere il diritto alla diversità di considerare le opinioni altrui un'occasione di confronto. Obiettivi disciplinari A conclusione del percorso gli studenti - attraverso lo studio, le esperienze operative di laboratorio e in contesti reali, la disponibilità al confronto e al lavoro cooperativo, la valorizzazione della loro creatività ed autonomia sono in grado di: Padroneggiare il patrimonio lessicale della lingua italiana nei vari contesti: sociali, culturali, tecnologici e scientifici. Utilizzare i linguaggi settoriali della lingua inglese per interagire in diversi ambiti e contesti di studio e di lavoro; Riconoscere le linee essenziali della storia delle idee, della cultura, delle letteratura e orientarsi agevolmente fra testi e autori. Possedere gli strumenti matematici necessari per la comprensione delle discipline scientifiche; Utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici e algoritmici per affrontare situazioni problematiche, elaborando opportune soluzioni. Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare; Padroneggiare l uso degli strumenti tecnologici e analizzare criticamente il contributo apportato dalla scienza e dalla tecnologia allo sviluppo dei saperi e dei valori, al cambiamento dei modi di fruizione culturale; Identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti. cogliere l importanza dell orientamento al risultato, del lavoro per obiettivi e della necessità di assumere responsabilità nel rispetto dell etica e della deontologia professionale; Utilizzare, in contesti di ricerca applicata, procedure e tecniche per trovare soluzioni innovative e migliorative, in relazione ai campi di propria competenza; Saper interpretare il proprio autonomo ruolo nel lavoro di gruppo; Essere consapevole del valore sociale della propria attività, partecipando attivamente alla vita civile e culturale a livello locale, nazionale e comunitario. 5. Obiettivi specifici disciplinari Gli obiettivi disciplinari sono stati modificati in "itinere" in relazione alla risposta della classe. In quasi tutte le discipline si sono dovuti effettuare tagli rispetto al programma preventivo presentato e approvato dal consiglio di classe all inizio dell anno scolastico e gli obiettivi effettivamente realizzati in termini di conoscenze, competenze e capacità sono i seguenti: Italiano e Storia. Gli obiettivi iniziali prevedevano, oltre alla conoscenza degli argomenti trattati e a un corretto uso della lingua italiana (corredata anche di adeguati termini tecnici), una rielaborazione personale ed un'analisi critica approfondite. Per motivi di salute mi sono assentata per sei mesi, durante i quali mi ha sostituito un collega con cui sono rimasta costantemente in contatto. Nel complesso la classe ha raggiunto gli obiettivi minimi indispensabili in termini di conoscenze, capacità e competenze. Il programma di entrambe le discipline è stato inevitabilmente leggermente ridimensionato. Un discorso a parte si deve fare per lo scritto di italiano. Sin dalla terza classe sono state trattate tipologie di prima prova. Tutta la classe è riuscita a svolgerle in modo accettabile anche se talvolta non approfondito. Non sono state svolte attività extracurricolari perché il pendolarismo non permette agli studenti di raggiungere le proprie case in orari decenti. La lezione frontale è stata la metodologia didattica di base, coadiuvata da libri di testo ed integrazione con documenti forniti dall insegnante. La lezione frontale è stata talvolta arricchita dall uso di video. In particolare sono stati utilizzati: filmati dell Istituto Luce riguardanti la storia; video di Ungaretti, Montale, Pasolini in cui i poeti si raccontano. In generale il profitto è buono, qualche studente si attesta su risultati discreti, un gruppo invece eccelle per costanza nello studio, impegno e rielaborazione personale. 3

4 Lingua Straniera (Inglese) Obiettivi didattici perseguiti: Conoscenze: delle strutture morfosintattiche, del lessico specifico e fraseologia del linguaggio settoriale, di tematiche riguardanti il settore informatico e aspetti della società/cultura inglese, di strategie di comprensione/esposizione/interazione orale e delle modalità di traduzione di testi tecnici; Competenze: organizzare i contenuti in modo logico e coerente, esporre ed interagire utilizzando il lessico specifico dell indirizzo di studio, una corretta pronuncia e una corretta forma sintattica, redigere brevi testi corretti nella sintassi e nell ortografia e coerenti nel contenuto; Abilità: comprendere idee principali, dettagli e punto di vista in testi orali e scritti in lingua standard riguardanti argomenti di civiltà e del settore specifico d indirizzo, saper sintetizzare e rielaborare i contenuti, sostenere semplici conversazioni esprimendo le proprie opinioni, esporre, in forma scritta e orale, gli argomenti trattati utilizzando il lessico appropriato, trasporre in lingua italiana brevi testi scritti in inglese relativi al settore di indirizzo. Gli obiettivi raggiunti sono mediamente buoni per più di metà della classe, in un caso eccellente e in cinque casi ottimi. Questi hanno acquisito una discreta padronanza della lingua straniera e un ottima conoscenza dei contenuti. In particolare, gli alunni sono in grado di: - comprendere in maniera globale e analitica testi scritti e orali di media difficoltà del settore specifico di indirizzo, relativi alle tematiche trattate in classe; - rispondere a quesiti (scritti e orali) sulle tematiche affrontate in maniera essenziale; - riferire in forma scritta e orale sugli argomenti trattati con sufficiente coerenza, correttezza grammaticale e precisione lessicale; - trasporre in italiano testi scritti relativi al settore informatico. Metodologia: La lingua è stata acquisita in modo operativo focalizzando l attività didattica sul linguaggio settoriale e sull analisi di testi specifici dell indirizzo di studi. La comprensione e la produzione orale sono state esercitate attraverso la lettura di brani e articoli di argomento tecnologico che gli studenti hanno rielaborato con tecniche di lettura globale e analitica, verso una graduale discussione orale dei testi esaminati. Sono state curate, in particolare, le competenze lessicali volte all acquisizione e al consolidamento della terminologia specifica del settore informatico (anche mediante l impiego di sinonimi e di connettori) ed è stato privilegiato l aspetto interpretativo e critico delle conoscenze, onde evitare un approccio meramente descrittivo e mnemonico, sfruttando le conoscenze degli allievi nelle discipline di indirizzo. Gli studenti sono stati, inoltre, avviati all esercizio di traduzione dall inglese all italiano poiché nella loro futura attività di studio e di professione essi si troveranno nella necessità di tradurre testi specialistici. La produzione scritta (risposte aperte e chiuse relative a brani di contenuto tecnico e trattazione sintetica delle tematiche affrontate) è stata svolta mediante esercitazioni in classe e in sede domestica. Si fa notare tuttavia che, anche in chiusura di anno scolastico, alcuni allievi devono ancora essere guidati nella esposizione orale degli argomenti, hanno difficoltà a condurre il discorso in maniera autonoma e approfondita e si riscontrano sempre gli stessi errori grammaticali, lessicali e fonologici, nonostante si sia lavorato costantemente in classe per sensibilizzare gli studenti alla formazione di frasi logiche e corrette. La produzione scritta risulta, in generale, inferiore a quella orale anche negli alunni più motivati, a causa delle carenze grammaticali, lessicali ed ortografiche che essi non sono riusciti a superare, nonostante i frequenti interventi di recupero attivati in itinere per colmarle. Classe Nell arco del quinquennio c è stata continuità didattica per quattro anni, dalla seconda classe; ciò ha consentito di conoscere meglio gli allievi, le loro abilità, le loro difficoltà ma soprattutto i loro progressi non solo dal punto di vista didattico ma anche umano. L insegnante ha sempre lavorato con un gruppo classe affiatato e corretto e la maggior parte degli alunni ha partecipato con interesse alle attività proposte in classe. Lo svolgimento dei compiti assegnati a casa è stato però spesso carente e superficiale per metà classe, mancando in questi alunni un metodo di studio e l abitudine costante al lavoro di fissazione, rielaborazione e studio in sede domestica. Inoltre, le assenze di alcuni studenti e la partecipazione della classe a numerosi progetti di orientamento all università/lavoro e conferenze in orario curricolare hanno talvolta inciso negativamente sullo svolgimento del programma, interrompendo la continuità del dialogo educativo e incidendo negativamente sul profitto degli alunni più deboli. Matematica. Obiettivi perseguiti: Studio di una funzione ( algebriche: intere e fratte, facili casi di trascendenti) Ripasso Calcolo di integrali indefiniti, definiti, impropri. 4

5 Calcolo di aree e di volumi. Risoluzione di integrali con i metodi approssimati: rettangoli, trapezi, Simpson. Risoluzione di problemi di geometria solida euclidea. Risoluzione di alcuni casi di equazioni differenziali. Risoluzione approssimata di equazioni con i metodi di bisezione, delle corde, delle tangenti. Esposizione teorica dei vari argomenti affrontati con un linguaggio appropriato. Gli alunni hanno seguito in modo costruttivo le lezioni, ma diversi sono i ritmi di apprendimento, interesse, applicazione, livello base di preparazione, quindi anche gli obiettivi sono stati raggiunti in modo differenziato: un gruppo di alunni si è distinto per capacità intuitive, attenzione e impegno e, costantemente, le valutazioni sono state buone, talvolta ottime. Un altro gruppo ha riportando valutazioni discrete, un altro ancora, a causa di un applicazione discontinua, ha raggiunto una preparazione globalmente mediocre, e resta molto legato, nella risoluzione degli esercizi, a ricalcare modelli già visti. A certi è mancata la frequenza costante e la rielaborazione a casa. Non tutti riescono ad esporre un argomento con chiarezza, e con la giusta terminologia. In generale sanno orientarsi sui problemi proposti, e talvolta hanno bisogno di essere guidati per impostare o concludere un quesito. Il contegno e il comportamento generalmente buono. Scienze Motorie e Sportive Obiettivi perseguiti e realizzati Comprensione del significato di regola e della sua necessità nel vivere civile. Interiorizzazione di una modalità di riscaldamento che attivi le varie funzioni organiche in previsione di una attività fisica più intensa. Comprensione dell importanza di una sana alimentazione e della necessità di continuo esercizio fisico per una migliore qualità della vita. Acquisizione di una procedura che consenta un intervento efficace in caso di primo soccorso. Informatica. Il percorso didattico proposto è stato sviluppato al fine di raggiungere i seguenti obiettivi: Saper sviluppare un progetto concettuale di una base di dati Saper realizzare il progetto logico di una base di dati. Conoscere e sapere applicare il DDL del linguaggio SQL. Saper realizzare interrogazioni in una base di dati con il DML del linguaggio SQL. Individuare le principali funzionalità di un DBMS. Riuscire a sviluppare applicazioni orientate al web utilizzando estensioni lato server di HTML (PHP). Quasi tutti gli studenti hanno seguito le lezioni con interesse, partecipato con domande e osservazioni, si sono mostrati disponibili al dialogo educativo e all apprendimento delle problematiche proposte durante l attività didattica. Rispetto agli obiettivi indicati si registrano diversi gradi nell acquisizione di conoscenze e competenze: in generale hanno privilegiato l'aspetto pratico e applicativo, qualcuno ha trascurato i contenuti teorici di approfondimento e le verifiche orali ma si tratta di una piccola componente. Un gruppo di studenti ha conseguito una preparazione buona e, in alcuni casi eccellente, grazie anche a un impegno costante profuso durante l intero triennio, a spiccate attitudini allo studio autonomo e ad ampie e spesso complesse rielaborazioni personali; altri, grazie alla costanza nello studio e all attenzione in classe, hanno ottenuto risultati discreti; una parte, colmando con l impegno in quest ultima parte dell anno scolastico alcune lacune pregresse (soprattutto nelle verifiche scritte, ma anche nella metodologia di studio), ha conseguito risultati nel complesso sufficienti. Gestione progetto e organizzazione d impresa Obiettivi perseguiti: identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti; Saper valutare gli indici prestazionali Applicare le tecniche di costing gestire progetti secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali di gestione della qualità e della sicurezza; utilizzare i principali concetti relativi all'economia e all'organizzazione dei processi produttivi e dei servizi; 5

6 utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca ed approfondimento disciplinare redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali Gli obiettivi descritti non sono stati raggiunti in modo omogeneo da tutti i componenti della classe anche se il rendimento medio è da considerarsi positivo. In generale tutti gli allievi hanno comunque acquisito le competenze minime, prefissate nella programmazione di inizio anno, in termini di conoscenze, capacità e competenze. In alcuni casi il livello raggiunto è ottimo. Sistemi e reti Obiettivi perseguiti: Essere capaci di scegliere gli apparati e dispositivi per una rete geografica Saper progettare reti private Saper installare e configurare i principali servizi di rete. Scegliere gli strumenti adeguati per tenere sotto controllo la rete Mettere in atto le procedure per rendere la rete affidabile Progettare sistemi in base ai requisiti di sicurezza di un azienda Saper proporre soluzioni cloud Tali obiettivi sono stati in linea generale raggiunti da tutti gli allievi. Un gruppo consistente, grazie alla costanza nello studio e alle ottime capacità, ha raggiunto risultati eccelsi. Una parte della classe, grazie alle discrete capacità e conoscenze di base e ad un impegno sufficientemente continuo, è riuscita a conseguire una preparazione discreta. In alcuni casi le lacune nella preparazione di base e lo scarso impegno hanno parzialmente penalizzato la preparazione conseguita che è comunque da ritenere sufficiente. Tecnologie e Progettazione di Sistemi Informatici e di Telecomunicazioni Obiettivi perseguiti: Saper riconoscere le diverse tipologie di sistemi distribuiti Saper classificare le architetture distribuite Scegliere i protocolli per le applicazioni di rete Progettare e realizzare documenti XML Saper installare e configurare un web server Saper installare e configurare un servlet engine Saper installare e configurare un data base Progettare e realizzare web services Gli obiettivi prefissati, non sono stati raggiunti in modo omogeneo da tutta la classe. Un discreto gruppo di alunni si è impegnati con costanza e diligenza raggiungendo un ottimo livello di conoscenze. In diversi casi l impegno discontinuo e le lacune di base, hanno penalizzato la preparazione conseguita che consente di raggiungere solamente gli obiettivi minimi previsti. Religione Obiettivi perseguiti La classe per tutto il corso dell anno scolastico ha mantenuto un comportamento corretto e responsabile; il rapporto con l insegnante è stato sempre ottimo, sereno ed improntato a reciproca stima. Gli obiettivi didattici e formativi sono stati raggiunti per tutti gli allievi in modo soddisfacente, per alcuni in maniera completa ed approfondita. Il lavoro scolastico ha avuto come filo conduttore di ciascun argomento il superamento di pregiudizi e di valutazioni emotive, lo sviluppo della capacità di giudizio di fronte agli avvenimenti della storia, la capacità di confrontarsi con la proposta cristiana con impegno e serietà critica. La partecipazione costruttiva, l interesse vivo della maggior parte degli studenti hanno consentito al dialogo educativo di essere veramente proficuo; notevole è perciò, la crescita umana e culturale di ogni elemento. Buono per la maggior parte della classe è il profitto conseguito, così come il grado di preparazione raggiunto. Gli obiettivi specifici della disciplina, inseriti nella programmazione per l anno scolastico in corso, che possono essere così riassunti: - Apprezzare il dono della vita come bene inestimabile, da valorizzare a livello personale e comunitario non 6

7 solo da fruire. - Saper valutare la centralità della vita umana senza sminuire il dovuto rispetto a ogni forma di vita. - Saper identificare i principali significati e dimensioni del lavoro dell uomo. - Conoscere gli aspetti essenziali del pensiero cristiano riguardo il lavoro. 6. Metodologie didattiche utilizzate. Oltre all acquisizione di conoscenze e abilità tecniche si è voluto soprattutto favorire il miglioramento delle capacità logiche, critiche, di analisi e di sintesi, organizzative, per cui, pur curando l aspetto teorico ed espressivo, si è privilegiato l aspetto applicativo dei singoli argomenti ed il loro collegamento in relazione alla risoluzione di problemi di tipo diverso. Si è cercato di limitare le conoscenze di carattere nozionistico - sintattico a vantaggio di rielaborazioni personali e di capacità di ragionamento autonomo. In generale si è fatto uso di lezioni frontali interattive, aperte agli interventi degli alunni e al dialogo didattico educativo. Ma non sono mancati, in quasi tutte le discipline, lavori di gruppo (ricerche o progetti su determinati moduli disciplinari) e attività individualizzate (di recupero, di approfondimento e di sostegno). Tutti gli insegnanti hanno svolto le attività di recupero in "itinere" durante tutto l'arco dell'anno scolastico. 7. Strumenti didattici funzionali. Tutti gli insegnanti hanno utilizzato i mezzi tradizionali: libri, lim, lavagna, fotocopie, riviste specializzate, e, per alcune discipline, computer, laboratori e palestre. La disponibilità dei laboratori si è avuta per tutto l arco dell anno scolastico. 8. Elementi e criteri di valutazione. Strumenti. Prove scritte, prove orali, prove pratiche, relazioni sulle prove pratiche, prove individuali, prove di gruppo ed autonome. Criteri. Miglioramento rispetto alla situazione di partenza, in quanto indicativo di un graduale progresso nel metodo di studio e nell'apprendimento; partecipazione al dialogo educativo, contegno della classe, impegno e costanza nello studio, frequenza assidua; conoscenza, comprensione e rielaborazione degli argomenti trattati nelle varie discipline; capacità di organizzazione e di progettazione del lavoro proposto. 9. Programmazione del Consiglio di classe per l esame di stato Sono state realizzate esercitazioni pluridisciplinari. Il Consiglio di Classe, in fase di programmazione, ha optato per la tipologia B (10 quesiti a risposta singola). Sono state scelte cinque materie (Sistemi e reti, TPSIT, Inglese, Matematica, Storia). Durata della prova 120 minuti. Italiano e Informatica sono state escluse in quanto già presenti in altre prove scritte d'esame. Gli insegnanti delle varie discipline hanno comunque provveduto singolarmente a proporre dei quesiti per la propria materia, al fine di stimolare le abilità degli allievi nell affrontare questo tipo di prove e con l obiettivo di saper utilizzare e integrare conoscenze e competenze relative alle materie dell ultimo anno di corso. 10. Credito scolastico. Il credito scolastico sarà assegnato durante le operazioni di scrutinio finale e pubblicato all'albo della scuola unitamente ai voti conseguiti. Nello scrutinio finale verrà inoltre valutato ed assegnato il credito formativo. Allegati: Programma didattico relativo a ciascuna disciplina. Modelli di terza prova utilizzati. Attività extracurricolari. 7

8 Il Consiglio di Classe Mura Mariangela Orrù Antonio Delogu Maria Fanari Adriana Inconis Fabiola Gala Anna Rita Marongiu Maria Laura Marras Angelo Mercenaro Antonietta Pia Massimiliano Oristano, 14 maggio

9 ALLEGATO 1 Programma didattico relativo a ciascuna disciplina: ITALIANO REALISMO, NATURALISMO, VERISMO G. Verga: inquadramento storico-biografico; il pensiero; lo stile. Lettura, commento ed analisi della novella La lupa da Vita dei Campi ; cenni sulle altre opere. G. Deledda: inquadramento storico-biografico; Il pensiero; lo stile. Lettura, commento ed analisi di alcuni brani del romanza Canne al vento ; cenni sulle altre opere. DECADENTISMO G. D'Annunzio:inquadramento storico-biografico; il pensiero; lo stile. Lettura, commento ed analisi dell ultima strofa de La pioggia nel pineto ; cenni sulle altre opere. G. Pascoli: inquadramento storico-biografico; il pensiero; lo stile. Lettura, commento ed analisi di un brano antologizzato tratto dal saggio "Il fanciullino", della poesia "X Agosto" dalla raccolta "Myricae". L. Pirandello: inquadramento storico-biografico; il pensiero. Lettura, commento ed analisi delle novelle Il treno ha fischiato da Novelle per un anno ; cenni sulle altre opere. L'ERMETISMO G. Ungaretti: inquadramento storico-biografico; il pensiero; lo stile. Lettura, commento ed analisi delle poesie San Martina del Carso, Veglia, Soldati, Mattino da L'Allegria. E. Montale: inquadramento storico-biografico; il pensiero; lo stile. Lettura, commento ed analisi delle poesie Spesso il male di vivere ho incontrato, Meriggiare pallido e assorto da Ossi di seppia. P.P.Pasolini:inquadramento storico-biografico; il pensiero; lo stile. Lettura, commento ed analisi di Supplica a mia madre da Poesia in forma rosa. A.Merini: inquadramento storico-biografico; il pensiero; lo stile. Lettura, commento ed analisi della poesia L'anima da Clinica dell'abbandono ; cenni sulle altre opere. F. De Andrè: inquadramento storico-biografico; il pensiero; lo stile. Lettura, commento ed analisi delle poesie-canzoni Bocca di rosa e Una storia sbagliata ; cenni sulle altre opere. DIVINA COMMEDIA-PARADISO Inquadramento Terza Cantica STORIA IL NOVECENTO FRA GUERRA, CRISI E RIVOLUZIONE La prima guerra mondiale Lo svolgimento del conflitto e la vittoria dell'intesa Eredità della guerra L'ITALIA FASCISTA IL NAZISMO LA SECONDA GUERRA MONDIALE IL SECONDO DOPOGUERRA: sintesi GLI ANNI DI PIOMBO Rapimento e omicidio di Aldo Moro Peppino Impastato LINGUA STRANIERA (INGLESE) Libri di testo: M. Ravecca, Netlink, Minerva Italica M.G. Dandini, New Surfing the World, Zanichelli Il testo di civiltà New Surfing the World non è stato mai utilizzato essendo ormai inadeguato e datato nei contenuti, offrendo tematiche poco motivanti per gli allievi e non più rispondenti alle professionalità di indirizzo informatico/telecomunicazioni. Per gli stessi motivi, l insegnante ha preferito integrare o, molto spesso, sostituire anche il testo di informatica Netlink con materiali più aggiornati attinti da svariati testi scolastici di ICT, da documenti scaricati dalla Rete o preparando schede riassuntive (documenti forniti agli allievi in fotocopia o inviati via ). 9

10 CONTENUTI DISCIPLINARI COMPUTER SCIENCE OPERATING SYSTEMS AND PROGRAMMING LANGUAGES Types of Operating Systems: Definition and the Role of the O.S. the Components Typical Functions Types of Operating Systems - Windows Vs. Macintosh O.S. The UNIX O.S. - main Features of Linux - Linux vs. Windows User Interfaces Operating Systems for Mobile Devices Programming Languages: Programming - Definition Preparing a Program - Steps involved in Programming Main types of Programming Languages Low-Level and High-Level Languages Basic Aspects of Generations of Languages (Machine Code, Assembly Language... ) Types of High-Level Language - Object-Oriented Programming Java Technology The C Family Computer Language Translators: Assemblers, Interpreters and Compilers FILM The Matrix: Genre (Sci-Fi) Plot summary Setting Characters and Symbolism NETWORKS AND PROTOCOLS Networks and Networking: What is meant by the terms Network and Connectivity Advantages and Disadvantages of Networks Components of a Network Network Devices (Routers, Servers, Clients) Two Ways of Operating a Network: Peer-to-Peer / Client-Server networks the Communication Links LANs and WANs Main Features Differences Pros and Cons VPNs - Connecting Networks (Bridges, Routers, Gateways) Basic Network Topologies: Bus, Ring, Star Arrangement Advantages and Disadvantages Wireless Communication Wi-Fi networks Cloud Computing Communicating on the Net: Social networking around the world Skype Internet Protocols and Standards: Definition of a Protocol functions The OSI/ISO Model the OSI Layers The most common Internet Protocols: TCP/IP model The Internet - The World Wide Web CONTENUTI DISCIPLINARI DI CIVILTA HISTORY/CIVILIZATION FILM: The Imitation Game (in lingua italiana/inglese) THE VICTORIAN AGE Period social / electoral reforms - the Great Exhibition - The British Empire THE 20 TH 21 ST CENTURIES The early years of the 20 th century - Britain in the World War I Post War Britain the Commonwealth of Nations World War II Consequences The Post-War Period - The Cold War the End of the British Empire The Welfare State M. Thatcher From the New Labour (from the mid 1990s to the early 2000s) with Tony Blair to David Cameron Dal 15 maggio 2015 al 10 giugno 2015 si prevede lo svolgimento dei seguenti argomenti e attività: ICT SECURITY, HEALTH AND ENVIRONMENTAL IMPACT Computer Issues: Surfing Safely - Protection from Hackers, Viruses and Malware - Tips ICT and Health Environmental Impact Verifiche formative e sommative - Attività di revisione/approfondimento degli argomenti svolti. 10

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/i nome/i Castelli Flavio Email flavio.castelli@gmail.com Sito web personale http://www.flavio.castelli.name Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli