L Impiego delle Acque Minerali nella Dietoterapia degli Stati Fisiologici e Patologici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Impiego delle Acque Minerali nella Dietoterapia degli Stati Fisiologici e Patologici"

Transcript

1 Giornate Reggiane di Dietetica e Nutrizione Clinica 1 a Edizione L Impiego delle Acque Minerali nella Dietoterapia degli Stati Fisiologici e Patologici Reggio Emilia, 28 Settembre 2007 A cura di William Giglioli - Salvatore Vaccaro

2 Giornate Reggiane di Dietetica e Nutrizione Clinica 1 a Edizione L Impiego delle Acque Minerali nella Dietoterapia degli Stati Fisiologici e Patologici Reggio Emilia, 28 Settembre 2007 A cura di William Giglioli - Salvatore Vaccaro

3 INDICE INTRODUZIONE Pag. 03 PARTE 1 - ACQUA ED ORGANISMO UMANO Pag. 04 Proprietà Chimico-Fisiche dell Acqua Pag. 05 Roberto Messori L Importanza Biologica dell Acqua Pag. 14 Emanuela Casini Fabbisogni Idrici nelle Varie Fasce d Età e Stati Fisiologici Pag. 23 Massimo Vincenzi PARTE 2 - LE ACQUE MINERALI Pag. 29 Acque Destinate al Consumo Umano Pag. 30 Maurizio Rosi Classificazione delle Acque Minerali Pag. 35 Salvatore Vaccaro Il Percorso delle Acque Minerali dalla Sorgente alla Tavola Pag. 44 Salvatore Vaccaro L Etichetta delle Acque Minerali Pag. 50 Antonia Maria Morini PARTE 3 - ACQUE MINERALI: INDICAZIONI E CONTROINDICAZIONI NELLA DIETOTERAPIA DEGLI STATI FISIOLOGICI E PATOLOGICI Pag. 62 L Acqua in Età Pediatrica ed Adolescenziale Pag. 63 Sergio Amarri, Anna Lasagni, Roberto Verri L Acqua in Gravidanza e nell Allattamento Pag. 70 Giovanni Battista La Sala L Acqua nello Sportivo Pag. 71 Nino Carlo Battistini L Acqua negli Stati Patologici Pag. 74 Barbara Paolini Fegato ed Acque Pag. 83 Giovanni Fornaciari Apparato Gastrointestinale ed Acque Pag. 85 Angela Mazzocchi

4 PARTE 4 - ABSTRACTS Pag. 88 Indagine sull intake idrico medio/die in pazienti ospedalizzati Pag. 89 Salvatore Vaccaro Valutazione della distribuzione dei fluidi corporei in soggetti con eccesso ponderale tramite l Analisi Bioimpedenziometrica Pag. 90 Salvatore Vaccaro PARTE 5 - ACQUE MINERALI E MERCATO ITALIANO Pag. 91 Le principali acque minerali presenti sul mercato italiano Pag. 92 Salvatore Vaccaro

5 Liscia, gassata, frizzante, effervescente naturale, piatta, leggermente gassata, oligominerale, purificata. Ci si può davvero perdere in un oceano d acqua. Cosa ci ha indotti ad affrontare questo tema? Gli italiani sono i maggiori produttori e bevitori mondiali d acqua minerale con un consumo di oltre 180 litri pro capite. Più del 50 per cento dei nostri connazionali beve acqua minerale in bottiglia, probabilmente perché la ritiene più sicura e piacevole. Le acque minerali ed il loro consumo possono presentare numerosi aspetti poco conosciuti e non del tutto definiti Molti ritengono che l'acqua minerale sia migliore e più garantita dell'acqua dell'acquedotto tanto da tutelare meglio la propria salute e quella della propria famiglia. L acqua minerale una volta imbottigliata, distribuita e pubblicizzata può arrivare però a costare dalle 500 alle 1000 volte in più rispetto all'acqua del rubinetto. Vale la pena spendere tanti soldi per acquistarla? L acqua minerale è di qualità superiore all acqua del rubinetto? La pubblicità fatta dalle aziende produttrici dell acqua minerale può creare false aspettative nei consumatori? Le etichette delle bottiglie sono sufficientemente chiare nel presentare un tipo di acqua rispetto ad un altra? E allora è possibile con l aiuto di esperti verificare se questo elemento-alimento, indispensabile alla nostra vita, possa essere consumato tramite una scelta responsabile? Accostare ad un determinato cibo un tipo di acqua minerale può essere un modo per migliorare la digestione ed arricchire la nostra gastronomia? Esistono acque minerali utili alla cura di patologie epatiche e gastroenterologiche? La legislazione vigente tutela i consumatori verso acque minerali non idonee? Quanta acqua è necessaria al nostro organismo nelle varie età della vita? Ecco perché abbiamo scelto questo tema, davvero appassionante, con la speranza che ai tanti quesiti posti venga data una risposta dissipando dubbi e confermando, se esistono, certezze. Dr. William Giglioli Responsabile U.O. Lungodegenza Post-Acuta Riabilitazione Estensiva - Cure Palliative Responsabile Team Nutrizionale Aziendale A.O. Arcispedale Santa Maria Nuova

6 Parte 1 Acqua ed Organismo Umano

7 PROPRIETÀ CHIMICO-FISICHE DELL ACQUA Roberto Messori ARPA Emilia Romagna - Sezione di Reggio Emilia Il convegno che si apre oggi pone al suo centro l acqua. Mai come ora, forse, il problema acqua è sentito, discusso ed è fonte di preoccupazione a livello mondiale. Come sappiamo non è possibile concepire una qualsiasi forma di vita, almeno sul nostro pianeta, a prescindere dall acqua. Tutti quanti siamo a conoscenza che la risorsa acqua, e soprattutto l acqua potabile, non può essere considerato un bene infinito: è un bene prezioso, strategico che va tutelato, innanzitutto pensando alle generazioni future. Ma veniamo all argomento del mio intervento: le qualità chimico-fisiche dell acqua. Dal punto di vista chimico l acqua è definita come l ossido di idrogeno, la sua molecola è da noi tutti conosciuta e la vita su questo pianeta (almeno per come la conosciamo) non si sarebbe mai sviluppata se l'acqua non avesse alcune proprietà chimicofisiche molto singolari che la fanno essere davvero una molecola straordinaria. Facciamo qualche esempio. L acqua allo stato liquido ha densità maggiore dell acqua allo stato solido; se così non fosse i ghiacci galleggianti affonderebbero, e si adagerebbero sui fondali marini. Altra proprietà particolarissima dell acqua è quella che, nonostante il suo basso peso molecolare, presenta punti di fusione e di ebollizione relativamente molto elevati, e possiede un alta capacità termica che permette all acqua di non risentire eccessivamente degli sbalzi di temperatura esterni. Questo fatto è di estrema importanza sia dal punto di vista ambientale (per la capacità di mari, laghi, oceani di mitigare il clima) che dal punto di vista fisiologico (il nostro corpo è formato in gran parte d acqua e la costanza della temperatura è, per le cellule, di capitale rilevanza). Molte delle proprietà dell acqua sono dovute e spiegate dalla sua forma e dalla sua struttura elettronica. La teoria del legame chimico aiuta a spiegarle.

8 Molte di queste proprietà e altre ancora risiedono nella particolare natura del legame fra l atomo di ossigeno e i due atomi di idrogeno, nella loro geometria e nella differenza di elettronegatività fra questi due elementi. Proprio a causa di questa differenza la molecola d acqua può interagire con altre molecole polari o forme ioniche (vedi il fenomeno della solvatazione), mentre le molecole apolari tenderanno a rifuggire l acqua (e per questo si usa per le specie apolari il termine idrofobico, cioè che teme l acqua ). In virtù della polarità delle molecole d acqua, poi, queste si possono legare fra di loro per mezzo dei cosiddetti legami idrogeno, in cui l ossigeno di una molecola si coordina all idrogeno di un altra con una direzionalità ben precisa. Proprio questo specialissimo legame spiega molte delle proprietà dell acqua prima enunciate. Quando però si parla di proprietà chimico-fisiche delle acque destinate al consumo umano (sia quelle di rubinetto che quelle minerali naturali in bottiglia ) ci si riferisce, solitamente, alle caratteristiche di soluzioni acquose contenenti diversi sali.

9 Principali parametri di composizione delle acque destinate al consumo umano e delle minerali Conducibilità elettrica In una soluzione, gli ioni presenti consentono il passaggio della corrente elettrica. Poiché la conducibilità elettrica aumenta in modo proporzionale alla concentrazione delle sostanze disciolte, la conducibilità elettrica è un parametro utile per ottenere una misura, seppur approssimativa, del contenuto salino di un acqua. La conducibilità elettrica è molto influenzata dalla temperatura e generalmente viene riportata la conducibilità elettrica specifica a 20 C con unità di misura in µs/cm. L acqua molto pura (cioè con un bassissimo contenuto di ioni in essa disciolti) ha una conducibilità elettrica molto bassa, mentre le acque sotterranee comunemente utilizzate per il consumo umano presentano valori di conducibilità elettrica specifica che comunemente va dai 100 ai 1000 µs/cm. ph Nell'acqua allo stato liquido una parte delle molecole si dissocia spontaneamente in ioni H + e ioni OH. Alla temperatura standard di 25 C la concentrazione di ioni H + è pari a 1,0 x 10-7 eq/l. Anziché esprimere la concentrazione degli ioni H + in questa forma, si utilizza il logaritmo decimale negativo (o cologaritmo) detto ph. Più esattamente il ph è però definito come il logaritmo negativo dell attività dello ione H +. ph = -log 10 a H+ Il ph di un acqua distillata. in assenza di anidride carbonica disciolta è 7,00 a 25 C. Questo valore di ph definisce la condizione di neutralità: ph inferiori a 7 indicano condizioni di acidità, superiori di basicità. Il ph delle acque sotterranee, con basso contenuto di anidride carbonica disciolta, è generalmente compreso tra 6,5 e 8,0. Le acque con bassa mineralizzazione, alimentate dalla fusione delle nevi o dalla pioggia, presentano generalmente un ph intorno a 5,5-6,5; nelle normali acque fluviali o di sorgente, di tipologia prevalentemente bicarbonato-calcica, il ph va da 7,0 a 8,0. Variazioni anche minime del ph hanno un ruolo importante nel modificare la solubilità di certe sostanze. La solubilità del calcare, ad esempio, è molto influenzata dal valore di questo parametro. Potenziale redox (ORP) La misura del potenziale redox, ovvero della capacità della soluzione di risultare donatore o accettore di elettroni (quindi riducente o ossidante) risulta molto utile per comprendere le dinamiche che avvengono all interno delle acque sotterranee. La stabilità e la solubilità di molte specie ioniche presenti in un acqua dipende fortemente dalle condizioni redox: ne sono un esempio, come si dirà più avanti, la presenza nelle acque di ferro, manganese e ammonio. È un parametro da valutare esclusivamente al momento del prelievo ma non è richiesto dalle normative di controllo delle acque.

10 Residuo fisso Il contenuto in sali di un'acqua può essere misurato attraverso il residuo fisso. Il residuo fisso o residuo totale a 180 C, corrisponde alla parte solida che rimane dopo aver evaporato ed essiccato alla temperatura di 180 C, una quantità nota di acqua, in genere 1 litro. Esso esprime la quantità totale di sali contenuti. Nelle acque destinate al consumo umano e in quelle minerali naturali il residuo fisso presenta valori che vanno dalle oligominerali (con residuo fisso minore di 500 mg/l), ad acque a media mineralizzazione (spesso comunque non superiori o di poco superiori ai 1000 mg/l). Forme di azoto nelle acque L azoto come gas può essere presente nelle acque sotterranee in fase di gas disciolto, ma molto più importanti sono le forme dell azoto presenti in composti a differenti stati di ossidazione. Ammonio L'ammoniaca deriva solitamente da sostanze proteiche non completamente degradate, principalmente dall azoto degli amminoacidi che per deamminazione passa a NH 3 secondo la sequenza: proteine amminoacidi urea azoto ammoniacale Nelle acque destinate al consumo umano e in quelle minerali naturali l ammoniaca è generalmente assente. Fanno eccezione le acque provenienti da acquiferi torbosi dove, in presenza di potenziale redox decisamente negativo, la concentrazione di ammonio può raggiungere valori di alcuni milligrammi al litro: nelle acque provenienti dai pozzi della bassa padana, ad esempio, è usuale riscontrare concentrazioni di ammonio fino anche a 5 mg/l. Nitrito e nitrato Queste forme di azoto, quando presenti, sono spesso in bassa concentrazione. Valori elevati sono indici di una risorsa compromessa da inquinamenti. Lo ione nitrato raggiunge le acque sotterranee principalmente come sostanza disciolta nelle acque piovane di infiltrazione, ma i valori di nitrato in acque a basso impatto antropico raramente superano i 4-5 mg/l. Per questo parametro il D.Lgs 31/2001 (relativo alle acque destinate al consumo umano) pone un limite di 50 mg/l, mentre la normativa vigente per le acque minerali naturali fissa a 45 mg/l il limite e addirittura a 10 mg/l per le acque destinate alla prima infanzia: il motivo di queste limitazioni è dovuto alla possibilità che il nitrato, nello stomaco (soprattutto dei lattanti), possa trasformarsi in nitrito e quindi, reagendo con alcune ammine introdotte col cibo, formare le nitrosammine, sostanze che, secondo la letteratura scientifica, nelle cavie sono risultate epatotossiche e cancerogene. A questo proposito c è da ricordare che nitrato e nitrito entrano spesso nella nostra dieta anche come conservanti nei salumi (nitrato e nitrito di sodio: E251 e E250). Lo ione nitrito è generalmente assente nelle acque destinate al consumo umano e/o minerali.

11 Fluoruro Nelle acque sotterranee, quando sono assenti particolari situazioni geochimiche, il contenuto di ione fluoruro è molto basso da < 0,05 a 0,20 mg/l. Il fluoruro ha una duplice veste: esso è un elemento necessario all organismo umano (l apporto alimentare di fluoro a basse dosi può avere un azione benefica sulla dentizione), ma potrebbe determinare fluorosi, in particolare nella popolazione più sensibile come lattanti e bambini in tenera età. Pertanto il recente D.M. 11 settembre 2003 sulle acque minerali prevede all art. 1 che «le acque minerali naturali, la cui concentrazione di fluoro è superiore a 1,5 mg/l, devono riportare la seguente indicazione in etichetta: Contiene più di 1,5 mg/l di fluoro: non ne è opportuno il consumo regolare da parte dei lattanti e dei bambini di età inferiore a sette anni». Cloruro Lo ione cloruro è presente nelle acque sotterranee in concentrazioni molto variabili in funzione della litologia degli acquiferi. In acque che circolano nelle arenarie uarzosofelspatiche, rocce molto comuni in aree appenniniche, o in aree carsiche, i cloruri si trovano in concentrazioni fra 5 e 20 mg/l. Questi derivano in gran parte dagli apporti della pioggia. Nelle acque delle piane alluvionali, il cloruro è quasi sempre in concentrazioni superiori, specialmente in zone costiere dove le falde di acqua dolce possono venire in contatto con quelle marine. Quasi sempre l estrazione eccessiva di acque dal sottosuolo determina risalita del cuneo salino dal mare con grave compromissione della risorsa. Nelle zone aride, le acque sotterranee profonde sono spesso ricche in cloruro per l assenza di diluizione da parte delle acque piovane di infiltrazione e per i tempi lunghi di contatto con le rocce dell acquifero che ne favoriscono l arricchimento. Solfato Lo ione solfato è presente in tutte le acque fluviali, lacustri e sotterranee; in acque sotterranee si possono riscontare concentrazioni da pochi mg/l fino, in alcuni casi, a oltre 1000 mg/l; le concentrazioni più elevate si riscontrano nelle acque che vengono in contatto con sedimenti evaporitici a gesso (CaSO4.2H2O) o anidrite (CaSO4). Carbonato e bicarbonato L anidride carbonica, disciolta nell acqua piovana di infiltrazione o generata per fenomeni di metamorfismo delle rocce si scioglie in acqua con formazione di acido carbonico, un acido debole con costante di dissociazione di 4,2x10 7. La presenza di carbonati e bicarbonati (o idrogenocarbonati) nelle acque dipende quindi dalla CO2 presente e dalle reazione di equilibrio di questa in funzione del ph. La distribuzione delle varie specie CO2 acquosa (acido carbonico), HCO3 - e CO3-2 in funzione del ph è riportata nella figura 1.

12 In molte acque sotterranee con ph intorno a 7,5 è presente prevalentemente la forma HCO3 - (bicarbonato) che quindi contribuisce totalmente all alcalinità dell acqua. Per questo motivo i carbonati risultano assenti o hanno concentrazioni normalmente molto basse mentre i bicarbonati possono raggiunge valori anche superiori a 500 mg/l. Calcio Il calcio è un elemento molto abbondante ed è presente in molti minerali costituenti la crosta terrestre; molte rocce contengono calcio in elevata percentuale. Concentrazioni elevate (rispetto al totale dei cationi) indicano generalmente la provenienza da rocce carbonatiche. Tuttavia, le acque che circolano nei sistemi carbonatici di tipo carsico, con rocce costituite da calcari e dolomie, sono generalmente a basso contenuto di calcio e magnesio per l elevata velocità di attraversamento che non dà luogo a significativi fenomeni di solubilizzazione. La dissoluzione dei calcari avviene per opera dell acqua ricca di anidride carbonica. Nelle acque sotterranee le concentrazioni di calcio che comunemente si riscontrano sono comprese fra 10 e 200 mg/l. L importanza del calcio nella nutrizione è da tutti riconosciuta (per le ossa, i denti, i muscoli, i nervi). Magnesio Anche il magnesio è un elemento diffuso in molti minerali della litosfera. Concentrazioni elevate si riscontrano nelle acque che hanno un lungo tempo di residenza in acquiferi costituiti da sabbie e ghiaie contenenti dolomia (carbonato doppio di calcio e magnesio) o ofioliti (rocce vulcaniche formatesi in ambiente marino profondo e ricche in silicio, alluminio, ferro, magnesio). In questi casi si raggiungono valori fino a 100 mg/l. L importanza del magnesio nella nutrizione è da molti riconosciuta, fra l altro, per la prevenzione delle malattie cardiovascolari.

13 Durezza La durezza è connessa alla presenza dei due ioni alcalino-terrosi ed è definita come la somma del contenuto dei sali di calcio e di magnesio espressi come CaCO3. In origine il concetto di durezza esprimeva la maggiore o minore capacità di un acqua di produrre schiuma insieme al sapone. La presenza di calcio e magnesio inibisce infatti la formazione di schiuma e limita il potere lavante dell acqua. La durezza è un parametro frequentemente tenuto sotto controllo, in particolare per l utilizzo domestico dell acqua dove, nei circuiti dell acqua calda, acque con durezza relativamente elevata possono dare luogo alla deposizione di carbonati di calcio e magnesio. In relazione alla durezza nelle acque si adottano principalmente le seguenti definizioni: durezza totale: concentrazione totale di sali di calcio e magnesio espressa come carbonato di calcio (è il parametro richiesto dalle normative su acque potabili e minerali). durezza permanente: concentrazione di sali di calcio e magnesio espressa come carbonato di calcio, misurata dopo ebollizione dell acqua. La durezza permanente è il contenuto di calcio e magnesio dovuto alla presenza di solfati o cloruri e, talora, nitrati, che persiste dopo aver fatto precipitare i carbonati e i bicarbonato per ebollizione. durezza temporanea: differenza fra la durezza totale e quella permanente. Essa rappresenta la concentrazione dei bicarbonati alcalino-terrosi ed è espressa come carbonato di calcio. La durezza totale è un parametro molto usato in idrogeologia e viene comunemente espressa in gradi francesi; 1 grado francese corrisponde a 10 mg/l di CaCO3, oppure a 8,7 mg/l di MgCO3. Vi sono scale di classificazione della durezza delle acque che non sempre sono in accordo; fra queste quella più comunemente usata è la seguente: leggere o dolci, se con durezza inferiore a 14 F; mediamente dure, se con durezza compresa tra 14 e 22 F; dure, se con durezza superiore a 22 F. Sodio Trattandosi di uno dei costituenti base di molti tipi di rocce, è sempre presente nelle acque sotterranee e superficiali principalmente a causa dell elevata solubilità dei suoi sali. Nelle acque il sodio deriva dalla lisciviazione dei depositi superficiali e sotterranei di sali, dalla alterazione dei minerali silicei, dalle intrusioni di acqua marina negli acquiferi di acqua dolce. Elevate concentrazioni di sodio sono spesso accompagnate da cloruri. Potassio Il potassio proviene per lo più dai principali silicati costituenti le rocce di origine magmatica o argillosa. Le concentrazioni che normalmente si riscontrano sono generalmente inferiori o intorno a 1 mg/l.

14 Metalli e altri elementi nelle acque Metalli ed altri elementi di natura non metallica (arsenico, selenio) possono essere presenti nelle acque naturali in concentrazioni, normalmente molto basse, e in forme diverse. Ferro Sono le condizioni riducenti del sistema, come frequentemente si riscontrano in acque sotterranee, che possono determinare mobilizzazioni di concentrazioni elevate di questo metallo nella forma dello ione Fe +2. Le acque che contengono elevate concentrazioni di ioni Fe+2 (talvolta fino a 5000 µg/l), una volta ossigenate a contatto con l aria, tendono a dar luogo ad intorbidamenti per la formazione di un precipitato di idrossido ferrico. Nelle acque il ferro, già con valori di concentrazione di µg/l, crea inconvenienti per la formazione di incrostazioni di idrossidi e carbonati e per il sapore metallico che impartisce all acqua. Concentrazioni elevate di ferro in soluzione possono determinare poi sviluppo di ferrobatteri con problemi di corrosione delle tubazioni. Il ruolo e l importanza del ferro nell organismo umano è noto: esso è il costituente dell emoglobina e come tale ricopre una funzione essenziale. Manganese Il manganese contenuto nelle acque sotterranee deriva frequentemente dalla solubilizzazione del carbonato di manganese, MnCO3, presente con una certa abbondanza nei paleosuoli. Spesso accompagna i minerali di ferro avendo un comportamento simile. Il manganese è presente nelle acque spesso come ione Mn+2, specie chimica piuttosto solubile. Generalmente, quando è presente in concentrazioni superiori a 50 µg/l e viene a contatto con l aria, si ha l ossidazione e la precipitazione come idrato Mn(OH)4, che provoca gli stessi inconvenienti del ferro: intorbidamento dell acqua, sapori sgradevoli, torbidità e depositi nelle tubazioni. Per l organismo umano il manganese è un costituente di alcuni enzimi e come tale risulta essenziale. Arsenico L arsenico costituisce un contaminante delle acque diffuso in numerose aree della Terra e la sua presenza è normalmente imputabile a rilasci di origine naturale. Numerosi sono i territori dove si rileva arsenico nelle acque in concentrazioni elevate. Particolarmente grave è la situazione nel West Bengala (India), dove una popolazione di 1,5 milioni di persone è interessata dall uso di acque contaminate da arsenico, con concentrazioni medie intorno a 200 µg/l. In Italia valori di arsenico, a volte anche superiori a 10 µg/l (l attuale concentrazione massima ammessa dal D.Lgs 31/2001) sono riscontrati ad esempio nelle acque sotterranee in alcune aree dell Emilia, in acque di pozzo di alcuni comuni della provincia di Mantova e in alcuni comuni del Veneto, ma anche in acque di sorgente di acque minerali o in laghi del Lazio settentrionale e nelle acque sotterranee dei Campi Flegrei (Napoli). Dalla maggior parte di queste indagini emerge che la presenza dell arsenico è legata a processi naturali di cessione dei minerali (spesso arsenopiriti) presenti negli acquiferi.

15 L arsenico è presente principalmente nelle due forme di ossidazione come As +3 e As +5. La forma stabile in condizioni ossidanti è As +5, mentre As +3 è presente in condizioni riducenti, in particolare nelle acque sotterranee, frequentemente associato a Fe +2 e ammonio. I limiti di legge sono comunque relativi all arsenico totale. Aspetti tossicologici dell'arsenico I composti inorganici dell'arsenico sono molto tossici e sono considerati cancerogeni. L'arsenico (come arsenic and compounds ) è inserito dalla International Agency for Research on Cancer (IARC, 1987) nel Gruppo 1 della lista dei cancerogeni umani. Gli effetti sulla salute umana sono diversi a seconda del tipo di esposizione. Quelli acuti, prodotti dall esposizione ad alte dosi, inducono gravi effetti sull apparato gastroenterico e sui reni, mentre le maggiori ricadute sanitarie sono dovute alle lunghe esposizioni a basse dosi, prevalentemente per l impiego dell acqua utilizzata a scopo potabile: studi epidemiologici hanno dimostrato gli effetti cancerogeni dell arsenico assunto attraverso questo veicolo. Un tempo era considerato un elemento di interesse per l organismo umano (sembra legato al processo della crescita), tanto che ancora oggi sono impiegate ad uso termale le acque arsenicali-ferrugginose che trovano impiego sia nella balneoterapia per la cura di particolari malattie delle pelle, sia nel trattamento di anemie. In realtà, come riportato in precedenza, l arsenico è molto più conosciuto e studiato per gli effetti tossici. Selenio Il selenio è presente nella crosta terrestre in piccole quantità come seleniuro e selenito Il selenio è un elemento essenziale per i sistemi biologici. Carenze di questo elemento possono determinare problemi alla salute, tuttavia la dose tossica è molto vicina a quella fisiologica, tanto che nelle acque minerali e in quelle potabili il valore limite è molto basso (10 µg/l). Stronzio, litio, bario ed altri elementi in traccia Stronzio litio e bario, sono contenuti generalmente in tutte le acque in concentrazioni variabili.

16 L IMPORTANZA BIOLOGICA DELL ACQUA Emanuela Casini Biologa Libero-Professionista - Modena Introduzione La vita come noi la conosciamo, si è evoluta nell acqua ed è sempre legata alla presenza dell acqua, l'esistenza sulla terra non sarebbe stata possibile senza questa materia dai molteplici aspetti e dalle fondamentali proprietà biologiche. Perciò le caratteristiche dell acqua hanno un importanza fondamentale per tutti gli esseri viventi. Ogni giorno l'acqua, elemento semplice ma preziosissimo, ricorre nella nostra vita. "If there is magic on this planet, it is contained in water" (Loran Eisely "The immense journey, dal sito Internet dell'epa - United States Environmental Protection Agency - Of water). Come ormai è noto, l'apporto di acqua è indispensabile alla vita; mentre si può sopravvivere anche 10 settimane senza mangiare, la morte sopraggiunge solo dopo pochi giorni se il digiuno è totale. Funzioni Le cellule degli organismi superiori sono in gran parte costituite di acqua e possono vivere soltanto se costantemente immerse in mezzi acquosi. Negli organismi terrestri la superficie corporea è esposta a un ambiente non acquoso; tuttavia, la maggior parte delle cellule che si trovano negli strati superficiali esposte all aria sono cellule morte che vengono costantemente rimpiazzate da elementi degli strati sottostanti (come per esempio, le cellule dello strato corneo dell epidermide) e il cui compito è quello di impedire l eccessiva perdita d acqua dagli strati sottostanti. Al di sotto delle superfici esposte all ambiente atmosferico, quindi, grazie al mantenimento di un ambiente acquoso e a parametri chimico-fisici relativamente costanti, le diverse funzioni cellulari possono svolgersi in condizioni ottimali. Dal punto di vista biologico, l acqua cellulare non ha proprietà uniformi. In ambito cellulare, le molecole di acqua possono essere suddivise in due popolazioni. Alcune infatti vanno a costituire la cosidetta acqua di idratazione, mentre le rimanenti formano l acqua di riempimento (o bulk water). Le due popolazioni, anche se chimicamente identiche, differiscono per alcune caratteristiche fisiche (capacità termica, costante dielettrica, potere di solvatazione, etc.) e per il rispettivo ruolo biologico. L acqua di idratazione è costituita da molecole altamente ordinate (basso contenuto entropico), strettamente addossate alle macromolecole biologiche. Essa rappresenta circa il 40% dell intero patrimonio idrico cellulare. L acqua di idratazione va considerata come l acqua strettamente necessaria al funzionamento dei principali componenti molecolari della cellula (es. una molecola enzimatica, anche in presenza della sola acqua di idratazione, manifesta già la massima attività catalitica). Le molecole ascrivibili all acqua di riempimento mostrano, al contrario, un marcato disordine (alto contenuto entropico). Anche se non direttamente implicata nel funzionamento

17 delle principali molecole di interesse biologico, l acqua di riempimento è impegnata a sostenere fenomeni il cui riflesso, nell ambito dell intera economia cellulare, è tutt altro che trascurabile (equilibrio osmotico, diffusione, solvatazione di elettroliti, etc.). Ciò che risulta essenziale è la possibilità di interconversione fra molecole d acqua appartenenti a popolazioni diverse. Molecole appartenenti all acqua di idratazione possono disorganizzarsi per poi andare a far parte dell acqua di riempimento e viceversa. Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita ed è anche quello presente in maggior quantità. La sua presenza è indispensabile per lo svolgimento di tutti i processi fisiologici e le reazioni biochimiche che avvengono nel nostro corpo. Il ruolo biologico dell'acqua deriva dalla struttura e dalle proprietà chimico-fisiche di questa singolarissima sostanza. Quindi l'acqua che beviamo non serve solo a dissetarci e rinfrescarci, ma svolge un grande numero di funzioni insostituibili: è solvente di gas, elettroliti e colloidi; trasporta i nutrienti e metaboliti all interno delle cellule partecipa ai processi di termoregolazione; costituisce il mezzo in cui avvengono le reazioni metaboliche e digestive; è il costituente fondamentale delle secrezioni e dell allontanamento delle sostanze di rifiuto; svolge una funzione plasmatica, conferendo turgore alle cellule e proteggendo l omeostasi corporea. Solvente di gas, elettroliti e colloidi L acqua possiede una struttura chimico-fisica straordinaria che costituisce una matrice coerente di coordinamento delle molecole in essa disciolte. Una delle più evidenti proprietà straordinarie dell acqua è la sua elevata solubilità per un gran numero di sostanze polarizzabili dette pertanto idrofile. Questa capacità ad interagire con il gradiente di polarità delle sostanze conduce l acqua ad avere una grande importanza nello sviluppo dei sistemi viventi. Infatti l acqua ha un ruolo primario nella trasformazione delle proteine da lineari a condensate in modo tridimensionale. Attraverso la condensazione il ripiegamento che le sostanze proteiche assumono diventa funzionale alla creazione di siti biologicamente attivi per interfaccia di gruppi chimici reattivi. Pertanto le reazioni idrofile e le reazioni idrofobiche delle molecole in acqua fanno ruotare le molecole proteiche che possono racchiudere e raggruppare le parti idrofile nel centro ed esporre le parti idrofobiche all esterno creando delle membrane proteiche flessibili a processi di osmosi. L acqua ha un ruolo primario anche nel meccanismo della respirazione. La respirazione è il processo mediante il quale gli organismi si procurano ossigeno (O 2 ) ed eliminano anidride carbonica (CO 2 ). Questi gas vengono veicolati dal sangue ad appositi organi respiratori dotati di particolari superfici membranose estremamente delicate, a livello delle quali avviene uno scambio di gas con l ambiente esterno. La funzione della respirazione è quella di apportare alle cellule l O 2 che, attraverso le reazioni della respirazione cellulare, permette la produzione di energia sotto forma di ATP (adenosin trifosfato), energia che verrà poi utilizzata nei processi vitali; i prodotti di scarto della respirazione cellulare (come CO 2 e

18 H 2 O) vengono eliminati dalla cellula sempre mediante il processo della respirazione. Il passaggio dell O 2 all interno degli organismi è basato sul fenomeno della diffusione, ovvero il movimento casuale delle molecole. La diffusione è il meccanismo attraverso il quale una sostanza migra spontaneamente da una regione in cui la sua concentrazione (misurata in pressione parziale) è più alta ad una regione in cui la sua concentrazione è più bassa. Maggiore è la differenza tra le pressioni parziali, maggiore è il tasso di diffusione. La concentrazione dell O 2 nelle cellule è bassa, mentre quando lascia i polmoni l emoglobina (pigmento respiratorio) contenuta nel sangue è satura al 100% (quattro molecole di ossigeno sono legate ad ogni molecola di emoglobina): così l ossigeno quando raggiunge i capillari diffonde dal sangue alle cellule. La situazione contraria si verifica con l anidride carbonica. Infatti, la concentrazione di CO 2 nelle cellule metabolicamente attive è maggiore che nei capillari, così l anidride carbonica diffonde dalle cellule ai capillari. L acqua contenuta nel sangue si combina con l anidride carbonica formando acido carbonico, il quale si dissocia in ione bicarbonato e ione ossigeno. In questo modo la molecola di anidride carbonica non risulta più presente nel sangue e l attività di diffusione di CO 2 dalle cellule al sangue può continuare. Infine, nei capillari degli alveoli polmonari il bicarbonato si combina con lo ione idrogeno formando acido carbonico che si dissocia in anidride carbonica e acqua. La CO 2 diffonde quindi negli alveoli e poi fuori dal corpo con l espirazione. Affinché le superfici respiratorie possano svolgere adeguatamente la loro funzione è necessario che siano umide: infatti sia l O 2 che la CO 2 devono essere sciolti nell acqua per poter diffondere. Trasporta nutrienti e metaboliti all interno delle cellule All interno dell organismo, i nutrienti e i metaboliti sono trasportati, in soluzione, essenzialmente dal plasma e dalla linfa. Il trasporto dei nutrienti all interno delle cellule e dei prodotti catabolici dall interno delle cellule al fluido extracellulare avvengono generalmente per processi di diffusione e di trasporto attraverso le pareti dei capillari e le membrane cellulari. I fluidi extracellulari trasportano anche una vasta serie di messaggeri, come gli ormoni, dai siti di sintesi a quelli dove queste sostanze esplicano la loro azione e sono quindi fondamentali nella coordinazione delle funzioni dell organismo. Partecipa ai processi di termoregolazione Il corretto svolgimento delle reazioni chimiche all interno dell organismo richiede che la temperatura corporea rimanga sostanzialmente costante nonostante le variazioni nella produzione di calore dipendenti dall attività metabolica. La grande capacità termica propria dell acqua è in grado di minimizzare le variazioni di calore e, in particolare, il compartimento intravascolare è in grado di disperdere gli eccessi di calore prodotto nei siti metabolicamente attivi. L acqua è indispensabile per la regolazione della temperatura corporea mediante la sudorazione, anche impercettibile, e il vapor acqueo eliminato attraverso i polmoni. Il suo alto calore latente di evaporazione è responsabile della sua capacità termoregolatrice. La termoregolazione corporea è un meccanismo tendente a mantenere costante la temperatura dell organismo attraverso l adattamento dei processi di produzione e di dispersione del calore ai cambiamenti della temperatura ambientale. Negli organismi animali la produzione di calore

19 deriva dai processi ossidativi del metabolismo energetico, dall attività muscolare e dall alimentazione; per quest ultima secondo l azione dinamica specifica degli alimenti. Le perdite di calore avvengono in gran parte (70% circa) per radiazione e conduzione e, in via secondaria, attraverso il sudore, la respirazione e gli emuntori intestinale ed urinario. I meccanismi di termoregolazione sono propri degli animali superiori a sangue caldo od omeotermi. Gli animali a sangue freddo o pecilotermi (rettili, anfibi, pesci) possiedono meccanismi di termoregolazione molto rudimentali, per cui la loro temperatura corporea varia entro limiti abbastanza estesi ed in rapporto alla temperatura dell ambiente circostante. Negli animali ibernanti poi i meccanismi termoregolatori sono operativi solo in determinati periodi dell anno e quando la temperatura esterna scende al di sotto di certi valori, essi cadono in letargo ed in tale condizione la temperatura corporea diminuisce raggiungendo valori di C. A seguito di variazioni della temperatura ambientale, gli organismi omeotermi mettono in atto risposte di tipo somatico, endocrino, comportamentale ed in modo particolare neurovegetativo attraverso cui viene adeguata l entità delle perdite e della produzione di calore. I meccanismi attivati dal freddo sono: l attività muscolare, la secrezione di adrenalina e di ormone tireotropo, l aumento dell appetito (tutti fattori che aumentano la produzione di calore), come pure la vasocostrizione cutanea ed i riflessi di orripilazione e di raggomitolamento, che tendono a diminuire la perdita di calore. Al contrario sono attivati dal caldo: la vasodilatazione cutanea, la ventilazione polmonare e la sudorazione che favoriscono la dispersione del calore; questi stimoli diminuiscono insieme l appetito, l attività motoria e la secrezione ipofisaria di ormone tireotropo con conseguente rallentamento del metabolismo e quindi della produzione di calore. L insieme dei meccanismi riflessi termoregolatori è integrato dall ipotalamo. Nell ipotalamo anteriore esiste un centro termolitico: cioè un gruppo di neuroni sensibili ad aumenti di temperatura di 1-2 C e capaci di reagire a questi aumenti con l attivazione dei meccanismi di attivazione termica. Lesioni a livello dell ipotalamo anteriore determinano ipertermia. Nell ipotalamo posteriore e laterale esiste un centro termogenetico costituito da neuroni che risentono della diminuzione della temperatura ambiente e che reagiscono con l attivazione di meccanismi conservativi e produttivi del calore. In determinate circostanze il controllo ipotalamico della temperatura corporea risulta spostato a livello più alto: ciò in particolare si osserva nella febbre dovuta il più delle volte alla liberazione di tossine che agiscono sui centri termoregolatori dell ipotalamo attraverso fattori pirogeni dei leucociti circolanti. La giusta quantità d'acqua permette al cervello di controllare correttamente i meccanismi di termoregolazione del nostro corpo. La mancanza d acqua da origine a scompensi come: crampi, sensazione di spossatezza e mancamenti nei casi di disidratazione più gravi. Un rischio da evitare è quello di bere solo quando ne avvertiamo strettamente il bisogno, perché potrebbe essere già troppo tardi. Infatti, il senso di sete è controllato dall'ipotalamo, ma questa ghiandola del cervello non è un indicatore sempre affidabile e a volte può scattare in ritardo. Perciò, bisogna imparare a idratarsi regolarmente durante la giornata, anche quando si crede di non averne bisogno.

20 Costituisce il mezzo in cui avvengono le reazioni metaboliche e digestive L'acqua costituisce un vero e proprio reagente in moltissime reazioni del chimismo cellulare. Da un punto di vista più strettamente biochimico, l'essenziale importanza dell'acqua deriva dalla considerazione che la condizione generale per lo svolgimento delle trasformazioni metaboliche è che le sostanze reagenti siano allo stato di soluzione acquosa. Per esempio l'acqua viene utilizzata nei numerosi processi di scissione enzimatica di legami che avvengono durante l'utilizzazione dei carboidrati, dei lipidi, delle proteine e negli svariati processi di degradazione, partecipa ai fenomeni digestivi facilitando il transito e la fluidificazione del chimo attraverso il tubo gastroenterico fino a che i nutrienti, in soluzione, passano attraverso la parete intestinale e vengono convogliati al sangue e alla linfa. I processi metabolici riguardano le trasformazioni di una sostanza e la trasformazione dell'energia chimica delle sostanze alimentari in calore o in lavoro meccanico. Nel metabolismo della materia si distinguono due momenti: l anabolismo, per mezzo del quale si ha la formazione delle sostanze o l'immagazzinamento di materiale di riserva, a partire dalle sostanze nutritive introdotte e che utilizza per accrescersi, riparare tessuti, ecc. e il catabolismo, per mezzo del quale avviene la scomposizione dei materiali di riserva o delle sostanze introdotte in costituenti più semplici, gli ultimi dei quali vengono eliminati attraverso gli organi di escrezione (rene, intestino, cute, polmoni); così variazioni anche piccole mettono in moto una serie di meccanismi di difesa atti a mantenere costante il rapporto tra acqua e sostanze in essa disciolte. Infine, l'acqua all interno dell'intestino fa volume prevenendo la stipsi. L'equilibrio idrico è essenziale per l'organismo e da esso dipende tutta l'attività metabolica. È il costituente fondamentale delle secrezioni e dell allontanamento delle sostanze di rifiuto L acqua è il mezzo attraverso il quale l organismo elimina le scorie metaboliche: trasporta le scorie fuori dal nostro organismo per mezzo degli organi emuntori ed escretori. Una volta avvenuto il metabolismo, il sangue, che contiene circa il 92% di acqua, trasporta i prodotti residui catabolici dalle cellule agli organismi deputati all escrezione: reni, polmoni, pelle. Un ruolo fondamentale è svolto dal rene che regola l'eliminazione dei soluti e quindi la loro concentrazione nell'organismo. Se si riduce l'apporto di liquidi, o se aumentano la frequenza respiratoria e le perdite per sudorazione, si avranno urine più concentrate in un volume giornaliero ridotto. Se aumentano i consumi e se le perdite extraurinarie sono modeste, le urine saranno più diluite. Il controllo si realizza comunque a partire dal sistema nervoso centrale che, istantaneamente e costantemente informato sulle condizioni dei vari sistemi corporei, inibisce o favorisce la produzione di specifici ormoni che agiscono a livello periferico e modula la sensazione della sete. La parola sete ha significati diversi in rapporto al contesto in cui viene usata. Negli studi sperimentali su animali, la sete coincide in sostanza con la misurazione della quantità di acqua ingerita. Nell uomo, l uso di questa parola non può essere ristretto al bisogno di acqua, in quanto intervengono meccanismi comportamentali e culturali che si sommano alle esigenze fisiologiche nel determinare la quantità ed il tipo di bevande ingerite. La definizione meno restrittiva è probabilmente quella di tendenza ad ingerire bevande. Tutti gli animali terrestri perdono continuamente liquidi

PARTE 1 - ACQUA ED ORGANISMO UMANO

PARTE 1 - ACQUA ED ORGANISMO UMANO INDICE INTRODUZIONE Pag. 03 PARTE 1 - ACQUA ED ORGANISMO UMANO Pag. 04 Proprietà Chimico-Fisiche dell Acqua Pag. 05 Roberto Messori L Importanza Biologica dell Acqua Pag. 14 Emanuela Casini Fabbisogni

Dettagli

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento:

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (PH) E' la misura della quantità di ioni idrogeno presenti nell'acqua, e ne fornisce di conseguenza

Dettagli

PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA

PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA ph E CONDUCIBILITA Conducibilità elettrica La conducibilità di un acqua è in stretta relazione al suo contenuto

Dettagli

Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della

Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della 1. ACQUA E PESO CORPOREO 36 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente in maggior

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Valori di riferimento per la Bioimpedenza

Valori di riferimento per la Bioimpedenza Valori di riferimento per la Bioimpedenza L Acqua Corporea Totale (TBW = Total Body Water) L acqua totale è il maggior componente dell organismo, per questo la corretta determinazione, in percentuale e

Dettagli

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone.

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Nei Comuni di Storo e Bondone viene analizzata regolarmente l acqua degli acquedotti per assicurarsi che rispetti i limiti stabiliti dal Decreto

Dettagli

A cura di Elena Conti

A cura di Elena Conti A cura di Elena Conti L acqua è l elemento principale delle cellule dell organismo, si trova fuori e dentro di esse. L ormone antidiuretico (Adh) regola i livelli di acqua nell organismo, aumentando il

Dettagli

ACQUA ALCALINA IONIZZATA

ACQUA ALCALINA IONIZZATA Dott.ssa M. Chiara Cuoghi ACQUA ALCALINA IONIZZATA... i benefici: IL CORPO UMANO ADULTO E COSTITUITO AL 70% D ACQUA QUANTA acqua si deve introdurre ogni giorno nel corpo per mantenere un adeguata idratazione?

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

A single water for a single person A ognuno la sua acqua Prof. Salvatore Sciacca Registro Tumori Integrato (CT-ME-SR-EN)

A single water for a single person A ognuno la sua acqua Prof. Salvatore Sciacca Registro Tumori Integrato (CT-ME-SR-EN) UNIVERSITÀ degli STUDI di CATANIA Dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche e Tecnologie Avanzate "F. G. Ingrassia" www.aqua-syn.eu con il patrocinio di Regione Siciliana Assessorato Regionale dell

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Il trasporto di sostanze attraverso la membrana cellulare può avvenire con la partecipazione attiva della membrana: in questo caso si parla di trasporto attivo

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

L Etichetta dell Acqua Minerale Naturale MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

L Etichetta dell Acqua Minerale Naturale MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L Etichetta dell Acqua Minerale Naturale 1 uno Come orientarsi nella scelta delle acque

Dettagli

Le sostanze che non dobbiamo temere nella nostra acqua

Le sostanze che non dobbiamo temere nella nostra acqua Le sostanze che non dobbiamo temere nella nostra acqua Silvana Galassi silvana.galassi@unimi.it Dipartimento di Biologia Università degli Studi di Milano 17 giugno 2011 Siamo fatti d acqua Le perdite giornaliere

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni. Termoregolazione. gravemente compromessa. Termoregolazione

Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni. Termoregolazione. gravemente compromessa. Termoregolazione La termoregolazione -10 C +40 C Limite superiore di sopravvivenza Termoregolazione gravemente compromessa Termoregolazione efficiente Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni Malattie febbrili e

Dettagli

Trattamenti delle acque primarie. Impianti Meccanici 1

Trattamenti delle acque primarie. Impianti Meccanici 1 Trattamenti delle acque primarie Impianti Meccanici 1 IMPUREZZE DELL ACQUA PRIMARIA Classificazione Per corpo idrico si intende una massa d acqua che presenti proprie caratteristiche idrologiche, fisiche,chimiche,

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

L omeostasi. Controllo dell ambiente interno

L omeostasi. Controllo dell ambiente interno L omeostasi Controllo dell ambiente interno Omeostasi (Homeo = simile + stasis = condizione) L insieme dei processi che permettono all organismo a vari livelli di mantenere costanti le caratteristiche

Dettagli

Giochi delle Scienze Sperimentali 2014

Giochi delle Scienze Sperimentali 2014 Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali Giochi delle Scienze Sperimentali 2014 A - GLI ENZIMI Gli enzimi sono macromolecole che agiscono da catalizzatori dei sistemi biologici, accelerano

Dettagli

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza ITI ENRICO MEDI Programmazione Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza L insegnamento di Igiene, Anatomia, Fisiologia e Patologia, in particolare, vuol far acquisire agli alunni:

Dettagli

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero Qualunque cibo introdotto nel corpo umano viene trasformato, tramite reazioni chimiche, nei suoi costituenti elementari che sono proteine, lipidi, carboidrati, vitamine, minerali e acqua, perché è solo

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto RIZA Sommario Capitolo 1 Le vitamine, sostanze indispensabili al corpo 7 Capitolo 2 La vitamina C: formula, storia

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

IL PLIMMER NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE CALDE E FREDDE SANITARIE

IL PLIMMER NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE CALDE E FREDDE SANITARIE IL PLIMMER NEL TRATTAMENTO DELLE ACQUE CALDE E FREDDE SANITARIE Negli ospedali, come pure nelle comunità, nelle case di riposo e nei grandi alberghi, gli impianti di riscaldamento e produzione di acqua

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Innanzitutto la domanda base: è meglio bere acqua del rubinetto (o potabile) o acqua minerale? Non è facile rispondere. Tutti sono convinti, anche a

Innanzitutto la domanda base: è meglio bere acqua del rubinetto (o potabile) o acqua minerale? Non è facile rispondere. Tutti sono convinti, anche a Innanzitutto la domanda base: è meglio bere acqua del rubinetto (o potabile) o acqua minerale? Non è facile rispondere. Tutti sono convinti, anche a causa del bombardamento pubblicitario, che le acque

Dettagli

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua

Incremento delle rese e della produttività del suolo. Migliore infiltrazione dell acqua ACIDO CARBOSSILICO CARBOSOIL PROMOTORE DELLA RADICAZIONE E DELLO SVILUPPO DELLE PIANTE A BASE DI ACIDI CARBOSSILICI STIMOLA LA DIVISIONE CELLULARE PRODUCE LA FORMAZIONE DI GERMOGLI RALLENTA L INVECCHIAMENTO

Dettagli

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Soluzioni Sistema Omogeneo (presenta le stesse proprietà in qualsiasi sua porzione) Monofasico Nella fase omogenea

Dettagli

I minerali: a cosa servono e dove li possiamo trovare

I minerali: a cosa servono e dove li possiamo trovare I minerali: a cosa servono e dove li possiamo trovare Calcio 700mg (2) Latte e prodotti derivati dal latte, verdure a foglia verde scuro, piccoli pesci in scatola (con le ossa), piselli secchi. Formazione

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz FARMACOCINETICA La farmacocinetica è quella branca della farmacologia che studia il destino del farmaco nell organismo, dal momento in cui entra fino a quando sarà eliminato.

Dettagli

Tutti dicono di bere molto, ma perché è così importante bere acqua per la nostra salute?

Tutti dicono di bere molto, ma perché è così importante bere acqua per la nostra salute? FAQ Tutti dicono di bere molto, ma perché è così importante bere acqua per la nostra salute? Sebbene siamo tutti consci dell importanza che l acqua riveste per la salute, spesso non diamo rilievo alla

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERE L'ACQUA

IMPARIAMO A CONOSCERE L'ACQUA IMPARIAMO A CONOSCERE L'ACQUA ACQUA: COSA C'È DI VERO? (Testo tratto da "Linee Guida per una Sana Alimentazione" Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione Ministero delle Politiche

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

Una dieta corretta, unita ad allenamenti adeguati, è infatti in grado di migliorare in modo significativo il rendimento sportivo.

Una dieta corretta, unita ad allenamenti adeguati, è infatti in grado di migliorare in modo significativo il rendimento sportivo. IL CIBO DEGLI ATLETI E ovvio supporre che agli atleti di alto livello venga prescritto un regime alimentare dettato dalle più avanzate conoscenze nutrizionali, affinchè possano esprimere il massimo delle

Dettagli

NOZIONI DI TERMOREGOLAZIONE

NOZIONI DI TERMOREGOLAZIONE NOZIONI DI TERMOREGOLAZIONE Marco Bonifazi Dipartimento di Fisiologia Università degli Studi di Siena Il calore acquistato e quello prodotto devono essere in equilibrio Il calore prodotto dall organismo

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca KIT PER L ANALISI CHIMICO FISICA DELL ACQUA DOMESTICA

Università degli Studi di Milano Bicocca KIT PER L ANALISI CHIMICO FISICA DELL ACQUA DOMESTICA Università degli Studi di Milano Bicocca KIT PER L ANALISI CHIMICO FISICA DELL ACQUA DOMESTICA Produzione ZooPlantLab Università degli Studi di Milano Bicocca Piazza della Scienza 2, 20126 Milano Referenti

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI Sistemi biologici: soggetti a complessi processi di trasformazione e scambio di energia; I sistemi biologici sono costituiti perlopiù da quattro elementi: H,

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore La materia è un sistema fisico a molti corpi Gran numero di molecole (N A =6,02 10 23 ) interagenti tra loro Descrizione mediante grandezze macroscopiche (valori medi su un gran numero

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

I minerali: a cosa servono e dove li possiamo trovare

I minerali: a cosa servono e dove li possiamo trovare I minerali: a cosa servono e dove li possiamo trovare Calcio Dose da assumere per una popolazione di riferimento composta da maschi adulti dai 18 anni in su per l Unione Europea; i valori in corsivo indicano

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG Il ciclo frigorifero Esempio di ciclo frigorifero ad assorbimento con generatore a fiamma diretta Il principio di funzionamento /informazioni utili La termodinamica

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

Le acque minerali dell Alto Adige

Le acque minerali dell Alto Adige Le acque minerali dell Alto Adige Perché le acque minerali sono diverse per sapore e quali minerali incidono sul gusto? Sebbene l acqua sia normalmente considerata una bevanda dal sapore neutro, esistono

Dettagli

LE CAUSE DELLA STANCHEZZA MUSCOLARE

LE CAUSE DELLA STANCHEZZA MUSCOLARE LE CAUSE DELLA STANCHEZZA MUSCOLARE Fausto Spagnoli (Unità Endocrino Metabolica) da "SPORT E SALUTE" (Anno II, numero 1 - Gennaio 2005) Molti atleti, professionisti e non, ancora ignorano tutti i fattori

Dettagli

Informazioni sugli elementi nutritivi

Informazioni sugli elementi nutritivi Informazioni sugli elementi nutritivi Nella terra e nello spazio Gli zuccheri Gli zuccheri (detti anche glucidi o carboidrati)) sono i composti organici più comuni sulla Terra. Le piante li producono con

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Il SERVIZIO DI DIETOLOGIA AIED offre: Visite mediche specialistiche Elaborazione diete computerizzate personalizzate

Dettagli

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI PARAMETRI CHIMICI E FISICI DI BASE

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI PARAMETRI CHIMICI E FISICI DI BASE INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI Di seguito vengono riportati i parametri chimico-fisici e microbiologici utilizzati da FEM2 Ambiente per valutare la qualità delle acque destinate al consumo umano. I valori

Dettagli

Elementi di bioenergetica

Elementi di bioenergetica Elementi di bioenergetica L uomo è paragonabile a una macchina e come tale necessita di un combustibile per le funzioni vitali Le immagini sono prese da vari siti internet, se qualcuno ne rivendica l esclusività

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

14808-60-7 Sabbia silicea-quarzo alfa ~ 50 (Frazione respirabile <5µm) < 0,02

14808-60-7 Sabbia silicea-quarzo alfa ~ 50 (Frazione respirabile <5µm) < 0,02 WCOLCLASSGR pag. 1 di 5 1 - Identificazione del prodotto (preparato) Codice del prodotto : 23023/23101/23391/23291/23431 Nome commerciale : WEBER.COL CLASSIC PLUS PRESTIGE - PROGRES GRIGIO Natura del prodotto

Dettagli

Produzione e proprietà. prof. A.Battistelli

Produzione e proprietà. prof. A.Battistelli Produzione e proprietà VINO 2 Bevanda alcoolica Il grado alcoolico di un vino è la percentuale di alcool contenuto in esso. In quanto alcolico, non dev essere consumato da bambini e ragazzini, perché non

Dettagli

Calcio, fosforo e magnesio

Calcio, fosforo e magnesio Calcio, fosforo e magnesio Calcio (Ca 2+) elemento più abbondante del corpo umano (dopo O, C, H, N) 1200 g in totale nell uomo adulto di cui 99% nello scheletro Fosforo (P) 850 g totali nel corpo umano

Dettagli

Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Tiroide: tiroide e follicoli tiroidei Biosintesi, meccanismi cellulari, iodio tiroideo, trasporto

Dettagli

I benefici dello ionizzatore d'acqua 9000 KM. Aurora D'Agostino

I benefici dello ionizzatore d'acqua 9000 KM. Aurora D'Agostino Presenta I benefici dello ionizzatore d'acqua 9000 KM Aurora D'Agostino Lo ionizzatore fu sviluppato in Korea nei primi anni dopo il 1950. L'acqua alcalina fu successivamente sperimentata dai medici giapponesi

Dettagli

Acqua e corretta alimentazione

Acqua e corretta alimentazione Acqua e corretta alimentazione LM Donini Dipartimento di Medicina Sperimentale Sezione di Fisiopatologia Medica, Scienza dell Alimentazione ed Endocrinologia Unità di Ricerca di Scienza dell Alimentazione

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli

L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante.

L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante. L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante. Iniziamo il percorso con una fase di spiegazione e un esperimento; successivamente lavoriamo in maniera cooperativa-guidata sul quaderno e con

Dettagli

AMIANTO E ACQUA POTABILE Dott. Daniele Grandesso Tecnico della Prevenzione ARPA Veneto

AMIANTO E ACQUA POTABILE Dott. Daniele Grandesso Tecnico della Prevenzione ARPA Veneto AMIANTO E ACQUA POTABILE Dott. Daniele Grandesso Tecnico della Prevenzione ARPA Veneto Fra le tipologie di manufatti realizzati utilizzando l amianto non si possono omettere di citare le tubazioni in cemento-amianto,

Dettagli

VIE DI INTRODUZIONE ED ASSORBIMENTO DEI FARMACI

VIE DI INTRODUZIONE ED ASSORBIMENTO DEI FARMACI VIE DI INTRODUZIONE ED ASSORBIMENTO DEI FARMACI I farmaci possono essere introdotti nell organismo per via enterale e per via parenterale.. Con la somministrazione enterale (enteron = intestino), il farmaco

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT)

Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Gruppo di ricerca Sorveglianza del rischio alimentare Sorveglianza dell esposizione

Dettagli

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Lavoro di Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Anno Scolastico 2009/2010 INDICE Presentazione Prima parte : -Gli elementi del computer (presentazione degli elementi del computer al fine

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI

INTEGRATORI ALIMENTARI INTEGRATORI ALIMENTARI IL VOSTRO BENESSERE E IL NOSTRO OBIETTIVO! NASCE UNA NUOVA LINEA PRODOTTO In un mondo sempre più frenetico ed esigente... In un ambiente sempre più pericoloso per il nostro organismo

Dettagli

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento ERIICA La struttura generale e il rivestimento Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Gli organismi unicellulari sono costituiti da tessuti In un organo ci sono tessuti di tipo diverso Un sistema è costituito

Dettagli

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA Impariamo a nutrirci per crescere meglio CIRCOLO DIDATTICO DI ARICCIA Centro Studi Regionale per l Analisi e la Valutazione del Rischio Alimentare (CSRA) - IZS Lazio e

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO TURBE del SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI APP. CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APP. CARDICIRCOLATORIO il

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

OSS Acidi e Basi. Acidi e basi. Il concetto di equilibrio:

OSS Acidi e Basi. Acidi e basi. Il concetto di equilibrio: 1 Acidi e basi Il concetto di equilibrio: Le reazioni chimiche sono generalmente irreversibili (non si può tornare alla situazione di partenza). Un esempio semplificato potrebbe essere il seguente: quando

Dettagli

VIETATA ai MINORI Quello che la MINERALE non dice

VIETATA ai MINORI Quello che la MINERALE non dice Consumi Test 19 VIETATA ai MINORI Quello che la MINERALE non dice Barbara Liverzani Arsenico, nitrati, fluoro. Le nostre analisi ne trovano in quantità preoccupanti per i bambini. Ènota la passione degli

Dettagli

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5 OSSIDORIDUZIONI Le reazioni acido-base sono quelle in cui viene scambiato, fra due specie reagenti, un H. Come si è visto, esistono casi di reazioni acido-base in cui ciò non avviene (definizione di Lewis),

Dettagli

AQUA GENOMICS. Trattamento auto-idratante

AQUA GENOMICS. Trattamento auto-idratante AQUA GENOMICS Trattamento auto-idratante Bruno Vassari lancia la nuova linea idratante AQUA GENOMICS, basata sui risultati della Cosmetogenomica, scienza che analizza le interazioni tra i principi attivi

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

Idratazione per il benessere dell organismo

Idratazione per il benessere dell organismo Idratazione per il benessere dell organismo 2 Idratazione per il benessere dell organismo Indice Introduzione 4 Acqua e vita Informazioni generali, curiosità 6 Acqua, componente primaria del corpo umano

Dettagli

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l.

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l. GAS PERFETTO Usando il principio di semplicità, si definisce il sistema termodinamico più semplice: il gas perfetto composto da molecole che non interagiscono fra loro se non urtandosi. Sfere rigide che

Dettagli

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana ATTIVITÀ SPORTIVA ENDURANCE ALIMENTAZIONE 2 1 ADEGUATO APPORTO DI TUTTI

Dettagli

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014 Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Le trasformazioni fisiche della materia Gli stati fisici della materia I sistemi omogenei ed eterogenei Le sostanze pure ed i miscugli

Dettagli

Benvenuti al training sui Prodotti Herbalife

Benvenuti al training sui Prodotti Herbalife Benvenuti al training sui Prodotti Herbalife Raggiungere una nutrizione equilibrata Nutrizione di Base Lascia che la ruota della nutrizione di base ti aiuti Raggiungi e mantieni la tua forma ideale con

Dettagli

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti Cosa succede con la chemioterapia e gli altri trattamenti SANGUE e SISTEMA CARDIO-CIRCOLATORIO: ALTERAZIONI EMATOLOGICHE Anemia Leucopenia Piastrinopenia FEBBRE ALTERAZIONI PSICHICHE Immagine corporea

Dettagli

Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi

Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi Se un giorno deciderai di scoprire la forza della vita che è in te, fermati a guardare un seme mentre germoglia. Pietro Farnedi 1 I GERMOGLI ( sprouts ) 2 Fa che il cibo sia la tua medicina Ippocrate 460-370

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL DEL RCUITO USO (parte 2) FOCUS TECNICO I PROBLEMI NELL IMPIANTO trattamenti Problemi quali corrosioni ed incrostazioni nel circuito dell impianto di riscaldamento / raffrescamento

Dettagli