ideeinlinea FIAGT WCM EVENTI UOMINIECCELLENTI 6 pilastro Controllo Qualità pag. 4 Nuova Maserati GranCabrio pag. 10

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ideeinlinea FIAGT WCM EVENTI UOMINIECCELLENTI 6 pilastro Controllo Qualità pag. 4 Nuova Maserati GranCabrio pag. 10"

Transcript

1 dicembre2009 a cura della direzione stampa e pubbliche relazioni 17 WCM EVENTI FIAGT UOMINIECCELLENTI 6 pilastro Controllo Qualità pag. 4 Nuova Maserati GranCabrio pag settembre Convention Maserati pag. 15 Bertolini e Bartels campioni! pag. 12 Beppe Montorsi Il signore in BLU pag. 14

2 2 notizie in pillole Il 2009 tra la torre e la linea Che augurio fare per il duemiladieci? Parto con questa domanda per provare a non essere troppo banale in questo piccolo pezzo finalizzato agli auspici per un anno che inizia. E parto quindi dall augurare a tutti che sia migliore. La parola migliore è parte integrante del nostro vocabolario Maserati. Il miglioramento dei nostri risultati, del nostro modo di lavorare, dei nostri sistemi e infine delle nostre vetture di lusso è da quando siamo rinati il nostro primo e ultimo obiettivo. Tutto questo spero si possa applicare anche alla nostra vita, un miglioramento continuo e mai banale. Mi permetto di aggiungere il mai banale perché il miglioramento non è frutto della fortuna o del caso bensì della tenacia. Certamente senza un pizzico di buona sorte nulla accade ma dando per scontato che ogni tanto capita a tutti il giro fortunato, il perseverare e l essere coerenti porta risultati. Avendo promesso di non essere banale vi propongo una idea di un filosofo dell antica Roma come momento di riflessione. Seneca sostiene che la felicità risiede non nel piacere ma nella virtù, in una vita conforme alla nostra natura, cioè secondo ragione. Polemizzando poi con coloro che accusano i filosofi di vivere bene, in contrasto con i loro insegnamenti, dice che il saggio, pur possedendo la ricchezza, non se ne cura, come non si cura del piacere, del dolore e della salute, ma che comunque preferisce prendere il meglio dalla borsa della Fortuna. Forse, in un mondo di contraddizioni, in cui va bene tutto e anche il contrario di tutto, la vera saggezza sta nella pura contemplazione e la vera felicità nel non aver bisogno di felicità. Chissà? Sara vero? Quando entro in Maserati e vedo le persone in linea e quando salgo nella torre e vedo le persone alle scrivanie provo una sensazione che non saprei definire in altro modo se non con la parola emozionante; una sensazione di adesione e attaccamento al Tridente, una sensazione che nonostante un 2009 così, il mio posto è questo e mai come adesso ho bisogno ogni giorno di sentirmi Maserati. Di sentire che i miei colleghi sono Maserati. Di sentire che il 2010 mi darà delle soddisfazioni. I m Maserati, e ora mi sento di poterlo dire per davvero. Buon duemiladieci a tutti, tutti proprio tutti. Massimo Zilioli Acquisti Convention per la presentazione della Maserati GranCabrio ai Top Suppliers La volontà di Maserati di non fermarsi di fronte alla crisi di quest ultimo periodo si può comprendere dalla presentazione della GranCabrio avvenuta lo scorso settembre durante la convention aziendale, quasi un vernissage dell autoveicolo. La presentazione ha accolto nella fase finale anche i Top Suppliers che hanno contribuito alla realizzazione della vettura sin dalla fase prototipale. Questo per celebrare gli sforzi e le energie spese e, nel contempo, per stimolarli alla continua collaborazione per arrivare entro le dovute tempistiche al S.O.P. (Start Of Production) della vettura. Il feedback positivo che l Ufficio Acquisti ha ricevuto a seguito dell incontro con tutto il management dei fornitori coinvolti, permette di proseguire con la partnership instaurata negli anni con l obiettivo di un continuo miglioramento per il futuro di Maserati. Marketing La GranCabrio debutta anche sul web Il lancio della GranCabrio è avvenuto in grande stile anche sul web, grazie ad un minisito (raggiungibile all indirizzo it) che illustra le esperienze possono essere vissute dagli occupanti della GranCabrio e l atteso car configurator (www.configurator.maserati. com/grancabrio/it), ora interamente rinnovato per tutta la gamma. Questo strumento rappresenta un punto di riferimento nel panorama web, sia per la qualità delle immagini sia per l assoluta libertà di configurazione offerta ai visitatori, che ha i miliardi di combinazioni possibili. Sviluppo Prodotto Attività 2009 Svoltato l angolo di metà anno, nel secondo semestre del 2009 noi dello Sviluppo Prodotto abbiamo visto avvicinarsi a grandi passi l avvio produttivo dell ultima creatura di Maserati, la GranCabrio. Clima concitato, eccitazione, agitazione, entusiasmo e grande attesa, tratti quasi febbricitanti mentre si profilava all orizzonte, e poi sempre più vicino, la data segnata di dicembre, punto di arrivo e di partenza al tem- po stesso della grande sfida che ha coinvolto e impegnato tutte le forze ingegneristiche di Maserati e che porterà sul mercato la prima cabriolet a quattro posti uscita dai nostri cancelli, completamento e coronamento dell attuale gamma. Una vettura dalle caratteristiche uniche ed inconfondibili nel panorama automobilistico, come si è potuto vedere al debutto mondiale, lo scorso settembre al Salone di Francoforte: lo splendido stile firmato Pininfarina e l abitabilità reale per quattro persone, allineata alla GranTurismo, ottenuta grazie al mantenimento del passo. Tipicamente, nel passaggio da coupé a cabriolet, si assiste infatti ad una riduzione di passo, per compensare l eliminazione delle strutture superiori e mantenere la rigidezza della vettura. Per continuare a garantire prestazioni e dinamica di guida eccellenti, che distinguono Maserati rispetto ai competitors, gli ingegneri hanno modificato profondamente il telaio della GranTurismo per raggiungere gli sfidanti target assegnati in fase di impostazione, sia in termini di rigidezza statica e dinamica sia in termini di sicurezza attiva. La GranCabrio si presenta perciò al mondo con le medesime prestazioni di handling e protezione verso gli occupanti della GranTurismo S Automatica. Dal punto di vista aerodinamico l attenzione si è focalizzata sul sottoscocca e sull integrazione della capote, ottenendo un valore di Cx di 0,35 che, grazie alla spinta del potente V8 da 440CV, permette alla vettura di raggiungere agevolmente velocità oltre i 280 km/h. Per vetture di questa classe e prestazioni, un impegno non trascurabile è costituito dallo sviluppo acustico ed aeroacustico effettuato durante gli innumerevoli test presso i più svariati proving ground (Balocco, Nurburgring,Vizzola, Nardò, Nuova Zelanda ) e le continue sessioni in galleria del vento. Il risultato è un cabriolet dalle linee affascinanti, adatto ad accogliere quattro adulti, assolutamente performante e divertente nella guida e confortevole in tutte le condizioni di marcia per tutti gli occupanti, anche sui lunghi viaggi. Confidiamo nel fatto che il tanto lavoro e impegno profusi dal team dello Sviluppo Prodotto, in completa sinergia ed integrazione con gli altri enti aziendali che hanno contribuito ai risultati tecnici ottenuti, si traduca in un altrettanto meritato riconoscimento da parte del mercato durante il prossimo anno.

3 Maserati Club Qualità Sulle tracce dei famosi a Montecarlo Considerato il successo della precedente edizione, il Maserati Club ha deciso di riorganizzare per i suoi soci l appuntamento nella città dei Ranieri. Dal 13 al 15 novembre il Club ha portato i suoi soci nella splendida cornice di Montecarlo ospiti del prestigioso Hotel de Paris alla scoperta dell entrotrerra della Costa Azzurra con scorci mozzafiato e panorami imperdibili. Oltre al piacere di guida il fine settimana nel Principato è stato allietato da un pomeriggio di shopping guidato nelle esclusive boutiques del centro e un gran finale al Casinò. Brand Development & Partners Nasce la prima linea di gioielli dedicata al Tridente Maserati e Damiani hanno firmato un accordo di licenza per la realizzazione di una esclusiva linea di gioielli che la prestigiosa maison orafa disegnerà, produrrà e commercializzerà per Maserati ispirandosi al mondo Marketing Prodotto GranTurismo MC Sport Line Special Edition Nel mese di novembre, Maserati ha presentato alla clientela dei mercati del Medio Oriente, presso l avveniristica struttura del circuito di Yas Marina ad Abu Dhabi, la Maserati GranTurismo S MC Sport Line Special Edition. La vettura, prodotta in serie limitata di dodici esemplari, presenta ricercate soluzioni sia per gli esterni che per gli interni. Gli esterni sono verniciati in Bianco Opaco ghiaccio per enfatizzare le linee sinuose della vettura e far risaltare i profili in carbonio di derivazione MC SportLine. Gli interni in carbonio sono accompagnati da soluzioni stilistiche specifiche: il battitacco celebrativo in carbonio, i sedili e all eleganza della Casa del Tridente. La commercializzazione avverrà presso selezionate gioiellerie multibrand, attraverso la rete commerciale del Gruppo Damiani e rivenditori Maserati in tutto il mondo. Maserati è un brand di altissimo livello apprezzato in tutto il mondo per l inconfondibile eleganza delle sue rivestiti in Alcantara traforata con cucitura losangata (a rombi) per la seduta e lo schienale, le cuciture in colore di contrasto rosso per sedili e volante. Sul tunnel è, inoltre, presente auto - ha commentato Federico Santoro, Direttore Marketing del Gruppo Damiani - Sono molto contento di questa collaborazione che annunciamo peraltro in un momento in cui Maserati sta presentando sul mercato internazionale modelli nuovi e particolarmente importanti come la prima auto cabriolet una placchetta in argento con il nome della città alla quale è destinata la vettura. La Maserati Special Edition celebra i titoli che compongono il prestigioso palmares a quattro posti dello storico marchio del Tridente. Un sodalizio quindi particolarmente interessante nato dall incontro di due aziende del Made in Italy che hanno fatto della qualità e della storia dei rispettivi brand e valori, un punto saldo riconosciuto e apprezzato in tutto il mondo. della MC12 nel campionato internazionale FIA GT dal 2005 ad oggi. Dodici sono inoltre le città del Medio Oriente dove Maserati è presente con un proprio showroom. Maserati ottiene il rinnovo e passaggio alla UNI EN ISO 9001:2008 Anche per il prossimo triennio Maserati sarà certificata ISO9001:2008, questo importante documento, che Maserati possiede dal 2000, è stato rilasciato da un team di auditor dell Ente di Certificazione DNV durante le verifiche del Ottobre Gli auditor, come riportato nel report finale, hanno trovato un Sistema Qualità strutturato e consolidato nella sua applicazione. Le interviste da loro svolte hanno evidenziato, in un contesto aziendale che affronta l attuale situazione economica e di mercato, una forte attenzione di tutte le persone coinvolte ed il Sistema Qualità, in generale, conferma la tensione positiva verso il miglioramento continuo. I punti di forza evidenziati sono stati: Nella revisione della Politica della Qualità e del Manuale della Qualità sono stati introdotti dei concetti topici di impostazione che trovano una loro tempestiva declinazione nelle attività di deployment delle strategie e nelle attività di learning a piano Ottima applicazione delle procedure di sviluppo nuovo prodotto in riferimento alle attività fondamentali di impostazione e fino alla delibera tecnica. Positivo il lavoro fatto dalla Logistica Ricambi nella chiusura delle azioni concordate relative alla precedente verifica. Aggiornamento del sistema informativo che consente la rimozione di errori umani in fase di abbinamento motopropulsore e vettura ed un controllo remoto delle operazioni di assemblaggio (es. intranet MaseratiTools ). Implementazione su nuovi impianti di una manutenzione tramite gestione a vista. Sono state rilevate delle anomalie classificabili come Osservazioni e, al fine di perseguire l obiettivo di migliorare continuamente le nostre prestazioni, sono stati proposti alcuni spunti di miglioramento già recepiti e pianificati. Ringraziamo tutti coloro che hanno contribuito all ottenimento del risultato finale e ricordiamo che il prossimo obiettivo è mantenimento del certificato previsto per l anno

4 Class Manufacturing Realizzare l eccellenza in casa Maserati WCMWorld 6 pilastro WCM: Controllo Qualità a cura di Alberto Zingarelli 4 Logica e obiettivi del World Class Manufacturing,, COS È Il World Class Manufacturng è un programma che modifica il modo di produrre, applicando con rigore strumenti e metodologie della migliore concorrenza. Aiuta a definire il problema da affrontare e a scegliere gli strumenti più appropriati per risolverlo. PILASTRI Per realizzare un ciclo logistico-produttivo eccellente, sono state individuate 10 aree (Pilastri del tempio o metodologie) all interno delle quali introdurre miglioramenti che si attuano gradualmente in 7 steps. OBIETTIVI 0 infortuni 0 perdite e sprechi 0 difetti 0 scorte Il viaggio verso la World Class è un percorso senza fine perché anche nelle aziende eccellenti ci sono sempre margini di miglioramento,, Il pilastro del Quality Control comprende le attività finalizzate all ottenimento nell ordine, di due obiettivi fondamentali, che sono: 1. Garantire la soddisfazione del Cliente (Qualità Percepita) 2. Garantire e migliorare la competitività sui Costi (Riduzione Costi Non Qualità). La soddisfazione del cliente è sicuramente il punto fondamentale per il business di qualunque azienda. Chi di noi infatti torna in un negozio o compra nuovamente un prodotto che non l ha soddisfatto, la cui qualità lo delude? Questo meccanismo vale per tutti, per qualunque tipo di prodotto, e direi, a maggior ragione per il tipo di mercato su cui la Maserati gioca la sua partita. Internamente allo stabilimento tutto questo si traduce nel cercar di far tendere a zero difetti le vetture, attraverso il mantenimento di condizioni standard sul prodotto e sul processo. Far tendere a zero i difetti delle vetture porta con sé un altro fondamentale parametro per la competitività sul mercato: la riduzione dei costi. I costi che il pilastro cerca di abbattere sono quelli di rilavorazione della vettura (re-work), cioè quelli dovuti a quanto non si è riusciti a far bene durante il normale ciclo (First Time Quality), e quelli dei materiali di fornitura (Supplier material non Quality), che nel caso di Non Conformità, generano difetti e quindi necessità di rilavorazioni. FMEA DI PROCESSO QA MATRIX Step 1 La metodologia del Quality Control in 7 steps Step 2 Approccio Reattivo QX E QM MATRIX 5 domande per zero difetti Step 3 Studio delle condizioni attuali Step 4 Ripristino e miglioramento degli standard operativi Analisi dei fattori di perdita cronici Step 5 Approccio Preventivo Riduzione ed eliminazione di tutte le possibili cause di perdita croniche Step 7 Step 6 Mantenimento delle condizioni idonee per zero difetti Individuazione delle condizioni idonee per zero difetti Miglioramento dei metodi di mantenimento delle condizioni per zero difetti PPA+QC Problem Solving Approccio Proattivo Approfondiamo l argomento parlandone con Alberto Zingarelli Responsabile Quality Manufacturing Ciao Alberto, qual è il tuo ruolo e che tipo di attività svolgi? Io mi occupo del Quality Manufacturing, cioè il mio compito è di guidare e coordinare le tre funzioni di Audit Prodotto, che si occupa della verifica della conformità Funzionale (Collaudo Strada) ed Estetica (Bollino Verde - Finizione) delle vetture, Audit Processo, che verifica la conformità ed il rispetto del processo produttivo nello stabilimento, e del Quality Engineer, che si occupa principalmente di diagnosi su problemi complessi ed analisi di indicatori di Qualità. Come le attività di Quality Control possono servire al miglioramento delle attività produttive? Potrei risponderti con la domanda opposta: è possibile pensare ad un sistema produttivo moderno in cui non servano attività di Quality Control? Non mi riferisco alla classica logica del controllo di alcune caratteristiche del prodotto a valle dei processi produttivi, in cui gli operatori della Qualità controllano e fanno mettere a posto, ma alla nuova visione che il WCM ha introdotto negli stabilimenti. Il Quality Control ha come compito fondamentale quello di portare in linea la voce del cliente, e in collaborazione con le funzioni della produzione, di mettere ben in evidenza i parametri fondamentali da mantenere lungo il processo per evitare che si generino Non Conformità. Questo nuovo approccio deve riguardare tutti, se consideriamo che la chiave del successo per il raggiungimento della soddisfazione del cliente è il dominio dei processi (capability) e la riduzione delle dispersioni, mi permetto di dire che è un approccio indispensabile. Quali strumenti il metodo WCM ha introdotto per il miglioramento delle attività di Quality Control?

5 Il principale e fondamentale strumento che il metodo ci ha messo a disposizione è la QA Matrix (Quality Assurance Matrix). Questo strumento evidenzia la correlazione tra le Non Conformità ed il processo di produzione, che viene analizzato nelle quattro macro aree (Causa Origine) di Man (Operatore), Machine (Macchinari), Method (Metodi di produzione, Progetto), Material (Forniture) (Figure 1 e 2). La matrice inoltre, ci permette di dare una priorità sia alle Non Conformità da risolvere sul prodotto sia alle aree del processo su cui intervenire. Insomma, la si può definire una vera e propria bussola del pilastro. Accanto alla QA Matrix ci sono diversi Tools tecnici che stiamo utilizzando prettamente nell area del problem solving, cioè in quella parte del Quality Control che si occupa dello studio e soluzione di problemi, in particolare posso dire che siamo ormai molto ferrati nell uso dei Major Kaizen, mentre ci siamo appena affacciati all uso di strumenti più complessi come il PPA (Process Point Analisys). Un ultimo fondamentale strumento, soprattutto per la tipologia di attività di Maserati che è prettamente l assemblaggio, è la Gestione degli Errori Umani (HEM - Human Error Management), che si occupa della analisi degli errori in postazione e delle metodologie (addestramento, strumenti anti-errore, ecc.) per risolverli. È imprescindibile per l utilizzo di questo strumento che ci sia una forte e rigorosa gestione / applicazione delle Delibere di Tratto (Quality Gates). Nel recente passato sono partite diverse iniziative sia relative alle Delibere che all applicazione del HEM, senza riuscire però ad applicare in modo continuativo il metodo. Probabilmente non eravamo ancora pronti, soprattutto sul versante delle Delibere. Devo dire invece che le iniziative partite su questo versante negli ultimi due mesi sono molto promettenti. Come è cambiato il modo di lavorare da quando si segue il metodo WCM? Sicuramente i problemi vengono affrontati dal Team con più metodo, siamo effettivamente diventati più efficienti nell affrontare e chiudere in modo definitivo le anomalie. Non a caso nel recente passato molte anomalie su cui si era lavorato, ricomparivano dopo qualche tempo. Oggi siamo in grado, a fronte di analisi che arrivano davvero alla causa origine (root cause) delle anomalie, di chiudere in modo definitivo i progetti (Figura 3). Quali sono i prossimi passi? Che tipo di attività andranno sviluppate? La sfida fondamentale per il futuro prossimo è quella dei Quality Gates (Delibera di Tratto). Fino ad oggi le attività di Quality Control sono state soprattutto mirate alle problematiche legate agli indicatori, potrei dire, più esterni allo stabilimento, come ad esempio ICP (Test estetico a campione), TOC (Test su strada a campione), Garanzia (Riparazioni Cliente). Adesso dobbiamo fortemente spostarci all interno dello stabilimento: il concetto fondamentale è che la delibera deve essere vissuta come un sensore per la UTE, capace di dare indicazioni immediate su cosa del processo del tratto stia variando. Non è un passaggio banale e veloce da realizzare, devo dire però che la nuova impostazione che si sta cercando di dare, coordinata dal collega Camillo Millefanti (Focus Improvement), è sicuramente indirizzata in modo corretto. Un altro passo importante che stiamo compiendo e quello della informatizzazione delle delibere. Partiremo all inizio del prossimo anno con le delibere di Qualità, attraverso l utilizzo di un Software interamente sviluppato dalla nostra Information Tecnology in collaborazione con il Quality Engineer. È un passo molto importante perché ci consentirà di avere in tempo reale la situazione di tutte le vetture dal Collaudo Strada fino alla Finizione, nonché di ridurre enormemente i tempi necessari alla realizzazione di report ed indicatori, oltre che della QA Matrix (Figure 4). Come vedi questa azienda tra 2 anni dal punto di vista delle attività di Quality Control? Il nostro obiettivo non è solo rivolto al posizionamento del pilastro rispetto al ranking ufficiale. Come ho detto all inizio dell articolo il Quality Control, inteso non come ente ma come mentalità e attività di tutti, è un passaggio fondamentale per la competitività sul mercato dei nostri modelli. Il vero obiettivo quindi è portare questa mentalità a tutti i livelli, fornendo i mezzi ed il supporto necessario. 5 QX MATRIX Figura 1 Figura 3 Figura 2 Figura 4

6 Dal mito all eroe: l inizio di un lungo viaggio Intervista a Francesco Eroico a cura di Serena Giulietti 6 Entro tutti i giorni negli uffici della Direzione Manufacturing, questa volta però con un compito differente: oggi sono un intervistatrice. Questo diverso ruolo mi dà la possibilità di notare alcuni aspetti ai quali non faccio caso tutti i giorni: la disposizione degli uffici è stata modificata, l arredamento è cambiato, è presente una nuova sala riunioni dove vedo alcuni colleghi all opera Infatti è proprio questa trasformazione, il motivo per cui sono qui: a nome di tutta la Redazione di vogliamo dare il benvenuto all ing. Francesco Eroico, da luglio nuovo responsabile Manufacturing di Maserati. Per conoscerlo meglio come persona e come manager ho preparato qualche domanda Chi è l ing. Eroico? come è iniziata la tua avventura in Maserati? Dopo la laurea in Ingegneria Aerospaziale ho cominciato a lavorare da subito in Fiat Auto, spostandomi tra vari stabilimenti ed enti, sia in Italia che all estero; ricordo con piacere i mesi trascorsi a Melfi e Pomigliano, a Betim in Brasile e poi a Torino. Prima di arrivare in Maserati ero Responsabile del Programma WCM in Iveco, ed ancor prima ero nel Team Centrale FGA a supporto della diffusione del WCM: in questo periodo ho avuto la possibilità di conoscere moltissimi stabilimenti ed in particolare tutti quelli di FGA ed IVECO. Poi, ad inizio 2009, è arrivata una telefonata da Modena e con entusiasmo mi sono trasferito in Maserati. Quali sono le esperienze passate che ritieni più rilevanti per l importante ruolo che ricopri? Sono tante le esperienze significative che ho avuto modo di fare in questi 9 anni all interno del Gruppo Fiat, ma di sicuro il periodo trascorso occupandomi del Programma World Class Manufacturing mi ha permesso di acquisire conoscenze e competenze, sia tecniche che manageriali, tali da permettermi di cogliere la sfida di guidare uno stabilimento importante e prestigioso come Maserati. Quali differenze ci sono, se ci sono, tra gli altri stabilimenti del Gruppo e Maserati nella mente, nelle mani e nel cuore di chi opera tutti i giorni? Il nostro è uno stabilimento piccolo che però raccoglie al suo interno tutte le funzioni necessarie per essere indipendenti. Qui, molto più che negli altri plant, tutte la persone sono attaccate al marchio che producono, sono attenti al proprio lavoro e dimostrano una disponibilità incondizio- nata in termini di tempo ed energia che è il vero valore aggiunto da me percepito al primo impatto. Da esperto di WCM a Responsabile Manufacturing: quali sfide e quali difficoltà nel passare dal dire al fare. Sono due ruoli profondamente diversi ed altrettanto complessi: da esperto WCM si ha il compito di fornire competenza ma anche saper guidare, consigliare, stimolare le persone; per essere efficaci però è necessario il commitment del Responsabile del Manufacturing. Mi piace ricordare la perfetta integrazione di questi elementi in TOFAS (stabilimento Fiat in Turchia) e la soddisfazione per i risultati raggiunti. Da Responsabile del Manufacturing le parti si invertono, ora tocca a me dare il giusto commitment, spingere a fare le cose, e soprattutto continuare a guidare e stimolare le persone. Nei prossimi mesi, io ed il mio team, dovremo riuscire a coinvolgere tutti quelli che lavorano in fabbrica in un nuovo modo di agire, pensare, più essenziale e mirato alla risoluzione dei problemi. Cos è il cambiamento? È facile dichiarare l intenzione di cambiare ma è molto difficile realizzarla. Anche quando se ne sente il bisogno, non sempre si ha la forza per farlo. In Maserati reputo sia necessario evolvere verso uno stile di gestione più moderno, che punti al coinvolgimento di tutti, al lavoro di squadra, a ridurre le distanze tra capo e collaboratore, avendo la convinzione che il contributo di tutti è determinante per il raggiungimento di risultati eccellenti. La sfida dei prossimi mesi, sarà proprio quella di tendere verso questo nuovo stile di leadership, quindi il cambiamento sarà fondamentale realizzarlo. Quali caratteristiche deve avere un team vincente? Prima di tutto è necessario rompere certe inibizioni, far si che i componenti del team riescano a parlarsi liberamente e con franchezza: è il passo fondamentale da fare. Poi è necessario un buon livello di integrazione, affiatamento, lealtà e spirito di competizione. Ma Eroico chi è? Stavolta intendo come persona, fuori dal cancello Maserati. Vivo a Torino con la mia splendida fidanzata, lavoro a Modena e quando posso scappo ad Ischia, l isola in cui sono nato e dove c è tutta la mia famiglia. Mi piace lo sport, ma è più quello a cui assisto che quello che pratico: a Torino vado allo stadio per la Juventus, qui a Modena c è del volley di alto livello, due mie grandi passioni. Tre pregi e tre difetti di Maserati. La differenza tra pregi e difetti è soggettiva. Per me Maserati è affascinante, passionale, dinamica, introversa, concentrata; lascio a voi stabilire quali sono i pregi e quali i difetti. La sfida più grande del 2010? Il lancio della Gran Cabrio: è la nostra nuova vettura, ci darà visibilità sui mercati e quindi avremo una buona occasione per dimostrare a tutto il mondo che siamo i più bravi a fare vetture sportive di lusso. Un augurio per il nuovo anno a tutto il mondo Maserati. Che dopo un anno difficile si possa riprendere di nuovo a correre, com è nel DNA di Maserati e della Gente che ne fa parte. Ringrazio l ing. Eroico per la disponibilità e penso che, se Maserati più che mai in questo momento ha bisogno di gesta eroiche, certamente possiamo dire di avere trovato un leader con tutte le caratteristiche... compreso il nome!

7 Team Building Io non ballo da solo di Roberto Calcinelli Quando a fine ottobre ci è giunta la comunicazione che avremmo partecipato ad un TEAM BUILDING nessuno di noi aveva bene in mente a cosa saremmo andati incontro ed è proprio in questo frangente che sono entrati in scena gli... anziani: si, si io l ho già fatto, mi sono travestito ed ho recitato in teatro ; no io di più, mi sono lanciato da un tavolo per farmi prendere dagli altri. Dopo storie simili si può solo immaginare cosa ci stesse passando per la mente. Abbiamo provato anche con il dizionario. Team building significa letteralmente costruire un gruppo, a livello più esteso sono l insieme di attività formative il cui scopo è la formazione di un gruppo di persone per ottenere il massimo in termini di performance. Bah, anche così di risposte ne abbiamo trovate poche... non ci rimaneva che attendere la partenza. Ore 16:00 del 5 novembre. Tutti pronti, presenti all appello: Calcinelli, Varini, Casolari, Antonacci, Ligabue, Paciotti, Lo Regio, Albertini, Drei, Langerano. Assenti per malattia Lavazza e Vanini, ne mancava solamente uno Tabacchini, ma nulla di grave, giusto il tempo di convincerlo a scendere dal suo muletto spiegandogli che la vettura aziendale era più comoda, e finalmente si parte. Dopo circa due ore di viaggio, un litigio al distributore e svariati km percorsi arriviamo a destinazione: Bedonia, ridente cittadina sulle colline parmensi, immersa nel... nulla! All arrivo ci accoglie uno strano tipo, simile al maggiordomo della famiglia Addams (che poi abbiamo scoperto essere il proprietario dell agriturismo). Appena ci vede, corre spedito verso di noi dimenandosi, urlando e facendo strani segni con le mani, sembrava un po agitato, ma poi abbiamo capito... non aveva molto gradito il nostro parcheggio... sulla sua aiuola. Chiarito l equivoco ci siamo sistemati nelle nostre stanze per una veloce rinfrescata prima dell incontro con Alessandro Vaglio, il nostro coach (in questi casi gli insegnanti si chiamano cosi) per la giornata successiva.dopo una breve presentazione, galvanizzati dall idea dell esperienza che avremmo fatto, ci siamo immediatamente cimentati nell esercizio che meglio ci riesce... la cena. Tra un bicchiere di vino, un aneddoto sulla Maserati ed una partita a calcio balilla si è fatta in un attimo notte, quindi tutti a riposare. L indomani, sveglia di buon ora, doccia colazione e poi... tutti in stalla! (iniziamo bene penso io!). Abbiamo trascorso l intera giornata eseguendo semplici esercizi, o meglio giochi che presupponevano una risoluzione da parte del gruppo come disporsi in ordine in base al mese di nascita senza potersi parlare o vedere, costruire degli sci da utilizzare tutti assieme per fare un percorso e realizzare un processo rispettando determinati vincoli nel minor tempo possibile. Ogni esercizio all inizio sembrava banale e senza senso ma ognuno nascondeva un insegnamento che ci è stato svelato dai nostri coach: l importanza della comunicazione, non necessariamente quella verbale, per avere uno scambio di opinioni efficace ed efficiente; l importanza dell affiatamento all interno di un gruppo, dove tutti siano consapevoli della rilevanza che il loro ruolo ha per il raggiungimento di un obiettivo comune; l importanza di mettersi e di mettere sempre in discussione le proprie convinzioni, perché in un gruppo tutti lavorino al meglio delle proprie capacità per raggiungere il risultato; l importanza di non arrendersi mai. Le frasi che ho scritto, emerse del team building, possono sembrare banalità, si potrebbe pensare c era bisogno di fare un team building per capire queste cose, chiunque nel privato le fa sempre. Beh penso proprio di si. Penso di si perché io in prima persona a volte con i miei colleghi non mi comporto al meglio; perchè non sempre ascolto le opinioni degli altri; perché in alcuni casi mi è più semplice lavorare per l obiettivo Team preparazione scocca e non per l obiettivo Maserati ; e ancora perché non sono sicuro di essere l unico che vede le cose in questo modo. Per questo mi auguro che tutti un giorno possano fare un esperienza simile, innanzitutto per la carica motivazionale che ha creato in ciascuno di noi ma anche per la possibilità di considerare diverse prospettive e punti di vista nell approccio al lavoro quotidiano. Un altro risultato è quello di osservare l ambiente lavorativo con occhi diversi: persone con cui ci troviamo a contatto tutti i giorni possono rivelare lati della proprio personalità che mai ci si immaginerebbe: Tabacchini che ride anche se non ha un aerografo in mano, Paciotti che ti rivolge la parola anche quando non ha anomalie da imputarti, Varini che quando non è intento a parlare al robot delle sigillature riesce anche a fare qualche battuta! In conclusione posso dire che è stata un esperienza bellissima e spero che gli ottimi risultati raggiunti dal nostro gruppo durante gli esercizi del corso possano essere replicati, con egual successo nella vita di tutti i giorni per raggiungere l obiettivo Maserati.

8 GruppiSportivi stagione 2009 Gruppo sci di Nicola Di Gennaro 8 Ogni stagione è annunciata da inequivocabili segnali: l arrivo delle ciliegie sui banchi di frutta è da sempre per me sinonimo di primavera, lo sfoggio dei costumi da bagno nelle vetrine dei negozi può voler dire solo una cosa, estate. Il ritorno all ora solare e la notte di Halloween ci riportano poi direttamente all inverno (dato che come dice qualcuno, sfruttando il più abusato dei luoghi comuni, non esistono più le mezze stagioni ) le giornate si accorciano, calano le prime nebbie e le cime delle montagne a noi più vicine tornano ad essere innevate. È tempo di rispolverare quello che è stato per mesi un oggetto dimenticato sull ultima mensola in alto, fungendo solo da ingombrante soprammobile: la mia tavola da snowboard, che mi fa piacere immaginare stia fremendo per tornare a fare quello per cui è stata progettata e costruita: scivolare sulla neve e scivolare sulla neve è quello che a me piace fare. A volte con i miei amici per poter ridere insieme alla caduta di un nostro compagno, fermarsi in gruppo per bere un goccio di grappa tutti dalla stessa fiaschetta gelosamente custodita all interno della giacca o ancora fermarsi in un rifugio per mangiare patate e bere birra. Mi piace scendere su piste poco battute in modo da poter ascoltare il silenzio della natura e magari scorgere le impronte di qualche animale in cerca di un posto più tranquillo e poi ogni tanto fermarmi ad osservare i rami piegati dal peso della neve o semplicemente godere dello spettacolo che sono le montagne in inverno, fino a quando l ineluttabile ciclo delle stagioni non riporterà le ciliegie sui banchi di frutta e la mia tavola tornerà ad essere uno scomodo, ingombrante soprammobile. GRUPPO SPORTIVO SCI MASERATI PROGRAMMA STAGIONE NOVEMBRE2009 Cena di inaugurazione stagione 2009/ DICEMBRE2009 Uscita in giornata sul monte Cimone 28-31GENNAIO2010 gita di 3 giorni in Val di Sole (Trentino) Ski area Folgarida-Marilleva-M. di Campiglio 5FEBBRAIO2010 ciaspolata in luogo da definire 20FEBBRAIO2010 uscita in giornata ad Andalo 5MARZO2010 uscita in giornata sull Abetone 25GIUGNO2010 cena di chiusura stagione 2009/2010

9 PostVendita Quelli della Ricambi a cura di Giovanna Zarzana...il reparto ricambi Il codice ricambio nasce. Creazione catalogo DEFINIZIONE PRODOTTO Soddisfare le esigenze e i desideri del cliente Maserati significa saper creare una realtà in cui coesistono progetti, idee e soprattutto individui che ogni giorno lavorano per il medesimo obiettivo e per il medesimo prodotto. Partiamo dall inizio. L idea c è, lo schizzo a quattroruote comincia a prendere forma e ad essere oggetto di tante decisioni che determineranno il lavoro di centinaia, anzi migliaia di persone, per i prossimi anni. Dall idea al progetto, dalle schede tecniche alle finizioni estetiche, dallo schizzo alla produzione dei primi esemplari. E poi il lancio della nuova vettura, il Salone internazionale, la presentazione a tutti i mercati, la prova della stampa internazionale, la preparazione di video e brochure, e tantissimo altro ancora. Tutto questo viene creato da ciascuno di noi per poter raggiungere un grande obiettivo: produrre e mettere su strada le nostre eleganti e grintose vetture. Ma non finisce qui. Cosa accadrebbe se il nostro interesse si fermasse proprio quando la penna del cliente sigla il legame di quest ultimo alla nostra azienda? Cosa accadrebbe se nessuno si occupasse di mantenere vivo l interesse dei nostri clienti e soprattutto l attenzione verso il nostro caro, vecchio e ancora tanto affascinante Tridente? Ecco allora che un numeroso gruppo di persone Maserati entra in gioco e completa il team della Casa modenese: il Postvendita. Faccio parte di questo gruppo da poco più di quattro anni e attraverso queste brevi considerazioni vorrei richiamare l attenzione su quanto ogni giorno il team Ricambi realizza per seguire e Analisi e definizione quantità da ordinare. Emissione ordini PIANIFICAZIONE Gestione ordini emessi a Fornitore & gestione Fermi Vettura GESTIONI AREA FORNITORI soprattutto soddisfare i nostri clienti. Appartenente al reparto postvendita diretto da George Mauro, l ente Ricambi si compone di due gruppi principali: la Logistica Ricambi affidata a Paolo Amadelli e il Commerciale Ricambi coordinato da Armando Bigliocchi e costituito da Definizione Prodotto, Parts Helpdesk e Commerciale Postvendita. Ad oggi il gruppo è formato sia da personale Maserati sia da personale Ferrari e rimane l unico ente in azienda operativo su entrambi i marchi. Parlando di Maserati vorrei darvi un idea delle attività gestite da questo ente, percorrendo l iter che ciascun ricambio segue, dalla sua nascita fino all installazione sulla vettura del cliente Maserati. Il team che inizia il processo è la Definizione Prodotto, ovvero il gruppo che provvede alla generazione del codice. Circa nuovi codici vengono generati ogni anno e inseriti nel Catalogo Ricambi. Con questo strumento on line la nostra Rete Assistenziale è in grado di identificare e ordinare i componenti necessari alla riparazione e alla manutenzione delle vetture. Parliamo di circa codici ricambi ad oggi presenti in anagrafica, e se aggiungessimo le parti di ricambio personalizzabili arriveremmo a 4 milioni di possibili combinazioni! Una volta creato il codice, il ricambio deve essere approvvigionato e reso vendibile; ecco quindi che ci si addentra nel complesso mondo della Logistica Ricambi: pianificazione di magazzino, gestione fornitori, ricevimenti, stoccaggio merce Verifica identificativa e quantitativa dei pezzi ed ubicazione RICEVIMENTO E STOCCAGGIO MAGAZZINO e trasporti sono il pane quotidiano di Paolo Amadelli e del suo team. Per avere un idea di quanto muove ogni giorno la Logistica Ricambi utilizzo alcuni numeri: fornitori, con un portafoglio di ordini di acquisto e righe all anno di materiale in ingresso dai fornitori verso il nostro magazzino. Dal magazzino ricambi escono righe ordine di vendita consegnate alla rete Maserati e Ferrari. Tuttavia la disponibilità di merce a magazzino non è sufficiente per soddisfare le richieste della nostra Rete. Per poterlo fare dobbiamo coinvolgere il Parts Helpdesk, un team di otto persone che rappresenta la trincea o più semplicemente la prima linea di contatto per la nostra rete di concessionari e importatori Ricevimento ordini dalla Rete, verifica ordini, delibera RICEVIMENTO ORDINI E DELIBERA PEZZI Preparazione spedizione, emissione della bolla, verifica trasporto. Fatturazione FATTURAZIONE E SPEDIZIONE RICAMBI sone che lavorano alla Ricambi porta alla nostra azienda: su base annua, nel 2009, parliamo di 45 milioni di euro! Infine il Commerciale Postvendita: il reparto responsabile di generare la domanda tramite i programmi rivolti ai dealer e ai clienti già possessori delle nostre auto, dai modelli più vecchi a quelli attualmente in produzione. La gamma accessori Genuine Accessories porta all azienda un fatturato di 7 milioni di euro ogni anno. Il programma pneumatici, lanciato appena due anni fa, raggiunge un venduto annuo di unità e un fatturato di 3 milioni di euro. Il programma lubrificanti con il quale quest anno realizzeremo un profitto di euro circa. Accanto a questo prende posto anche Reparto Ricambi - Personale Maserati e Ferrari composta da circa 300 punti di assistenza. Tramite le loro mani transitano circa euro di fatturato ogni giorno. Questo è il risultato che l intero team di perla gestione del merchandising, un area condivisa con i colleghi del Marketing che prevede le medesime attività definite per tutti i ricambi: gestione anagrafica degli articoli, gestione del magazzino, gestione degli ordini. Il tutto tradotto in un fatturato che nel 2008 ha raggiunto un milione e 400 mila euro. Oltre a queste iniziative, due importanti programmi di garanzia vengono offerti ai nostri clienti: l Extended Warranty e il Certfied Pre-owned. Il primo pacchetto dà la possibilità di estendere la garanzia contrattuale per altri 12 o 24 mesi e quindi di prolungare il piacere di guida fino al quinto anno. Il secondo invece è dedicato all Usato Maserati ed è il programma che certifica le qualità e gli standard che ogni vettura col Tridente sul cofano deve rispettare. Tutto questo ha un valore che fino ad oggi ha portato a Maserati un profitto netto di circa euro. Per un corretto funzionamento delle attività e un continuo miglioramento delle performance delle nostre concessionarie, abbiamo effettuato due corsi di formazione per il personale della Rete: nel caso del Service Advisor Training sono stati certificati 115 accettatori d officina, mentre nel caso del Parts Management Training (Corso Ricambi) sono stati certificati 110 responsabili Ricambi. Il Corso Ricambi, organizzato per la prima volta dalla nostra azienda, è stato interamente gestito da personale interno e ha visto la formazione sulle attività Ricambi a 360. Un ottimo feedback e interessanti suggerimenti sugli attuali processi sono il risultato di questa iniziativa che ha coinvolto l intera rete dei concessionari. A completare il personale presente in sede, nove area manager (i cosiddetti ABM - Aftersales Business Managers) seguono il business ricambi presso le nostre filiali e importatori monitorando le singole realtà dei nostri concessionari ed implementando i programmi definiti in HQ sui paesi esteri. Se penso ai risultati raggiunti in questi anni non posso che essere ottimista verso quanto verrà fatto il prossimo anno e soprattutto non posso che essere fiera di questo Team, fatto da persone competenti, appassionate e soprattutto legate al Tridente come me! Esprime bene questo mio punto di vista una frase spesso ripetuta dai nostri concessionari: la prima vettura si vende in showroom, la seconda, la terza, la quarta, si vende in postvendita. 9

10 Maserati GranCabrio 10 Per una estate intera siamo stati in molti a lavorare con una data-obiettivo in mente: lunedì 24 agosto, il giorno in cui il mondo avrebbe scoperto la Maserati GranCabrio attraverso le prime immagini ufficiali, quelle che in gergo si chiamano foto rivelazione. Quando il gran giorno è arrivato, sono trascorsi solo pochi minuti prima che le quattro fotografie venissero immediatamente messe sui vari siti, automobilistici e non, del mondo intero. Raramente in passato una vettura è stata aspettata con altrettanta trepidazione. Raramente in passato le prime immagini di una vettura - non solo di una nostra vettura: di qualsiasi vettura - hanno ottenuto un consenso così unanime e così immediato. Le foto rivelazione sono state diramate ai media internazionali alle ore 12 del 24 agosto. Alle 13:30 di quel quarto lunedì di agosto, Autolink usciva - in edizione straordinaria - con il primo numero speciale della sua storia. A metà pomeriggio, i siti web dal Giappone agli Stati Uniti straboccavano di immagini della GranCabrio. Il giorno dopo hanno iniziato ad uscire i quotidiani. Quelli italiani non hanno neppure aspettato le pagine Motori, ma hanno invece invaso con le immagini di un automobile le pagine di Cronaca e di Economia, tanta era stata l anticipazione per la prima scoperta a quattro posti prodotta dalla Maserati. Poi è stata la volta dei settimanali, quindi dei mensili al punto che, quando siamo partiti alla volta di Francoforte, le immagini della GranCabrio erano state pubblicate dappertutto, con enorme spazio e confortate da commenti tra l entusiasta e l estasiato. Al Salone di Francoforte, martedì 15 settembre, giorno si è ripetuto lo stesso copione già visto tre settimane prima. Alla anteprima mondiale, dove la GranCabrio si presentava per la prima volta in carne e ossa al selezionato pubblico di giornalisti specializzati, l accoglienza è stata altrettanto entusiasta. Al di là dei commenti degli astanti, la riprova l abbiamo avuta a partire da quello stesso pomeriggio attraverso i siti web, dove le immagini dell unveiling sono state immediatamente messe in circolo. Seguite da quelle pubblicate a partire dal giorno dopo sui quotidiani, seguite a loro volta dai settimanali, quindi dai mensili. A differenza delle foto rivelazione, a Francoforte un ruolo importante lo hanno giocato anche le reti televisive, con i vari telegiornali nazionali, non solo italiani, ma internazionali. Un nome per tutti: il New York Times, forse il quotidiano più prestigioso al mondo, che non pubblica normalmente novità di prodotto nel campo automobilistico e che pure, la domenica successiva le giornate stampa a Francoforte, ha messo la GranCabrio sulla copertina dell inserto domenicale dedicato ai Motori. Luca Dal Monte

11 Leggiamo in un articolo del Corriere della Sera: Bella vero? Un sogno. Italiano. Perché certi capolavori nascono solo a Modena e dintorni. Giù il cappello davanti alla Maserati GranCabrio. La nuova Maserati GranCabrio è la prima 4 posti nella lunga e gloriosa storia del Tridente: una rivoluzione. Con la GranCabrio - la terza punta del Tridente - si completa la gamma Maserati, che ora conta tre distinte famiglie di modelli: Quattroporte, Gran- Turismo, GranCabrio - cioè: berlina, coupé, cabriolet. La GranCabrio rappresenta la sintesi Maserati in tema di vetture scoperte. È una Maserati nel senso più puro del termine: dallo stile inconfondibile di Pininfarina alla spaziosità degli interni, dalla artigianalità di ogni particolare al piacere di guida e alle prestazioni. La Maserati GranCabrio arricchisce tutti i cinque sensi in un esperienza condivisa en plein air, senza rinunciare al comfort e alle prestazioni. Come tutti i modelli scoperti di Maserati, la GranCabrio è un auto speciale, destinata a raffinati intenditori. La GranCabrio continua infatti la tradizione Maserati nelle vetture aperte, andando ad aggiungersi a modelli che hanno fatto la storia della Casa modenese come la A6G Frua Spyder del 1950, la 3500GT Vignale Spyder del 1960, la Mistral Spyder del 1964, la Ghibli Spyder del 1968 e la Spyder del 2001, la vettura con la quale la Maserati è tornata a riproporsi negli Stati Uniti. Nel solco della tradizione, la Maserati GranCabrio apre tuttavia un nuovo capitolo, perché mai dagli stabilimenti di Viale Ciro Menotti 322 erano usciti in precedenza modelli open-air a quattro posti. Quattro posti veri, affinché i passeggeri posteriori siano co-protagonisti del viaggio. La Maserati GranCabrio è azionata da un motore V8 di 4.7 litri che si combina con la fluidità della trasmissione automatica a 6 rapporti. In modalità Sport, il V8 regala al guidatore e ai suoi passeggeri tutta la potenza dei suoi 440CV ed una sonorità coinvolgente, che diventa ancora più emozionante a capote abbassata, in un tutt uno con l ambiente circostante. GranCabrio ROMA Anteprima nazionale a Roma della Maserati GranCabrio che segue di pochi giorni il debutto mondiale a Francoforte. Gli ospiti, clienti, giornalisti e amici del Tridente si sono incontrati a bordo piscina nel nuovissimo centro dell Aquaniene per salutare la prima cabriolet a quattro posti della storia del marchio. GranCabrio NEW YORK Nel suo showroom su Park Avenue, per l occasione affollato da clienti e giornalisti invitati per l occasione, Maserati ha dato il benvenuto in America alla Maserati GranCabrio - che negli States sarà commercializzata col nome di GranTurismo Convertible. Pochi giorni prima, la cabriolet del Tridente aveva fatto da apripista per la parata del Columbus Day, assieme alla V16 con cui nel 1929 Bakunin Borzacchini a Cremona fece segnare il record di velocità su 10 km. GranCabrio LONDRA Spettacolo emozionate alle Royal Horticultural Halls di Londra per l anteprima britannica dell ultima creazione del Tridente, la Maserati GranCabrio. Al prestigioso evento hanno partecipato più di 400 ospiti, inclusi famosi appassionati del marchio come James Martin e la star del rugby Fabio Ongaro. GranCabrio MILANO Parterre d eccezione per la Maserati GranCabrio a Milano. L ultima nata del Tridente è stata svelata al selezionato pubblico milanese all interno dello Spazio Pelota, esclusivo palcoscenico degli eventi mondani. Gli ospiti l hanno potuta ammirare assieme alle altre vetture della gamma, la GranTurismo S Automatica e la Quattroporte Sport GT S. 11

12 campionato FIAGTstagione 2009 Ancora, ancora noi! Bertolini e Bartels campioni di Luca Giraldi Non era semplice, non era scontato. È stato difficile e molto sofferto ma, alla fine, è stato un campionato ampiamente meritato da parte di Michael Bartels ed Andrea Bertolini. Un successo giunto al termine di otto intensi round e dopo aver lottato sia in pista che fuori. La costanza nei risultati dei neo-campioni è risultata alla fine decisiva, così come quella volontà di non arrendersi che aveva permesso, durante la 24 Ore di Spa, di rimettere in pista una vettura praticamente distrutta per conquistare quei punti che, alla fine, sono risultati decisivi per l assegnazione del titolo. Diventare tre volte campioni, in una serie dove il livello delle vetture e degli avversari è molto alto, non è semplice e per farlo non è necessario solamente il talento dei piloti, ma anche un organizzazione impeccabile ed una vettura veloce, competitiva ed affidabile: la Maserati MC12, ancora una volta, non ha deluso, così come i neo campioni. 12 Round 7 Gara Paul Ricard Vitaphone Racing Team campione, undicesimo titolo per Maserati Con il secondo posto conquistato da Alex Müller e Miguel Ramos ed il quinto di Andrea Bertolini e Michael Bartels, il Vitaphone Racing Team si aggiudica matematicamente il quinto titolo consecutivo tra le squadre. Un risultato senza precedenti nel campionato FIA GT che porta ad undici i titoli con- quistati dalla Maserati MC12. In quello che rappresentava il circuito più ostico per le vetture modenesi, il bilancio può considerarsi positivo. Il podio di Müller/Ramos giunge al termine di una bella gara, condotta in maniera autorevole nelle prime fasi e quindi gestita nel finale dal ritorno della Corvette di Ruffier/Longin. Il quinto posto dell equipaggio Bertolini/Bartels, assieme al ritiro di Kumpen/Hezemans, consegna ai campioni in carica quattro punti di vantaggio nella graduatoria piloti prima dell ultimo appuntamento, in programma a Zolder il 25 ottobre. Bella anche la gara della terza Maserati MC12, affidata al duo Pier Guidi/Bobbi, sesti all arrivo, che hanno difeso i colori del Vitaphone Racing Team DHL. Per la cronaca, la gara è stata vinta da Bernoldi/Streiff su Corvette Z06.

13 Round 8 Gara Zolder Bertolini/Bartels campioni Pier Guidi/Bobbi vincono a Zolder Andrea Bertolini e Michael Bartels, grazie al terzo posto conquistato a Zolder, in Belgio, al termine dell ultimo round del FIA GT, si sono aggiudicati il titolo piloti, il secondo consecutivo ed il terzo assoluto (2006, 2008, 2009). Mai, prima d ora, un equipaggio era riuscito in un impresa simile e, sempre per gli amanti delle statistiche, Andrea Bertolini diventa il pilota con più punti all attivo nel FIA GT (438.5). I campioni in carica sono stati autori di una gara tattica, in marcatura sugli avversari Kumpen/Hezemans, retrocessi in mattinata di cinque posizioni per aver siglato la pole position in regime di bandiere gialle. La gara ha tuttavia avuto in Alessandro Pier Guidi e Matteo Bobbi due splendidi protagonisti. Dopo essere scattato dalla pole ed aver rintuzzato l attacco alla prima curva di Bernoldi, Pier Guidi ha impresso alla gara un ritmo insostenibile per tutti, guadagnando più di un secondo al giro. Bobbi, una volta rilevato il compagno, ha continuato ad incrementare il vantaggio sugli avversari prima di restituire la MC12 a Pier Guidi che, a quel punto, ha condotto la macchina sino alla bandiera a scacchi amministrando il vantaggio. Sfortunata la gara di Müller/ Ramos, condizionata da una sosta nel finale a causa di un uscita di pista mentre la vettura n 2 occupava la quarta posizione. L eccellente lavoro dei meccanici consentiva alla MC12 di riprendere la corsa, ma i giri accumulati per la riparazione compromettevano, di fatto, la prova dei due. Il round belga chiude la stagione 2009 del FIA GT, ancora una volta vincente per gli equipaggi al volante delle vetture modenesi. Con il titolo team, conquistato dal Vitaphone Racing al Paul Ricard, e quello piloti conquistato oggi da Bertolini/Bartels, salgono a dodici i titoli Maserati nel FIA GT dal 2005 ad oggi: 2 Coppe Costruttori (2005 e 2007), 4 Campionati Piloti (Bartels-Bertolini nel 2006, Thomas Biagi nel 2007, Bartels-Bertolini nel 2008 e 2009); 5 Campionati a Squadre (dal 2005 senza interruzioni, sempre con il Vitaphone Racing Team); 1 Citation Cup nel 2007 con il gentleman driver Ben Aucott, JMB Racing, oltre a tre successi assoluti nella 24 Ore di Spa (2005, 2006, 2008). 13

14 UominiEccellenti Beppe Montorsi Il signore in BLU Riservato, maniacalmente preciso ed elegante nei modi di fare ma soprattutto permeato di quell umiltà tipica che contraddistingue solo i grandi Signori, Giuseppe Montorsi (Classe 1958) è al volante di vetture Maserati dal Inizia la sua avventura in Ferrari nel 79, presso l assistenza tecnica (allora ancora in Viale Trento Trieste) dove muove i primi sudati passi nel mondo del collaudo vettura; dall 87 al 1992 milita presso il reparto esperienze del cavallino per poi cedere alle lusinghe di un ammaliante ma fuggevole impiego in Bugatti fino al 1995, per far rientro a Modena nell aprile del 96, in Maserati. Da allora Beppe Montorsi trascorre la sua vita lavorativa partecipando allo sviluppo ed al collaudo delle vetture del Tridente. Questo quando basta per dare spessore alla passione ed al carisma ma vediamo un po come se la cava alla guida! Ottima scusa per fare due chiacchiere e per spremere a dovere una GranTurismo S sui tornanti dell Appennino. 14 a cura di Cristian Bolzoni Giuseppe da dove è nata la tua passione? La mia passione per le automobili è innata. Dai tempi del motorino fino ad oggi sono sempre stato affascinato dal mondo dei motori, un amore che ho sempre avuto. Da piccolo me ne andavo a Fiorano per vedere girare i piloti, non immaginavo che dopo pochi anni sarei diventato collaudatore e proprio su quella pista avrei mosso i primi passi. Hai vissuto la realtà della sperimentazione fino al collaudo in Qualità. Di cosa ti occupi oggi? Mi occupo del CCP (Car Customer Profile). Sono il tester di riferimento per la valutazione delle vetture della concorrenza e dei nuovi progetti Maserati. Attualmente sono impegnato nel TOC (Test in Ottica Cliente) della GranCabrio, per verificare che la vettura abbia raggiunto gli obiettivi prefissati in fase di progetto. Prima di essere responsabile del CCP sei stato responsabile del collaudo. Qual è l iter che ti ha portato a quella posizione? L amore per questo lavoro nasce da molto lontano, come detto. La gavetta era lunga e molto diffcile poter anelare ad un sedile. Le vetture prodotte erano poche negli anno 80, conseguentemente pochi i test drivers. Ricordo che c erano lunghi test psicoattitudinali, lunghi sabati a Fiorano e poi mesi di guida a fianco dei collaudatori ufficiali per poi, finalmente, divenire arruolati. Cosa ti permette di continuare a fare bene il tuo lavoro? Certamente la passione, l amore per l automobile. Non è certo il denaro che ti lega a questo mondo. È il desiderio di far parte di questa realtà. Per essere un buon collaudatore serve competenza tecnica, predisposizione alla guida sportiva e grande sensibilità. Lavorando in diversi reparti esperienze (fra Ferrari, Bugatti e Maserati) ho potuto affinare le mie attitudini, potendo anche osare per capire e superare i miei limiti. Questo è un bagaglio tecnico e di sensibilità di guida che mi permette di dare un contributo al collaudo ed alla verifica della vettura. Qual è la vettura che più ti è piaciuto guidare? Mentre con un dito disattiva il sistema di controllo MSP sciogliendo le briglie alla Maserati risponde: Fra tutte le vetture collaudate nella mia carriera direi certamente la Maserati GranTurismo S; la Ferrari F40 e la Bugatti EB110SS. La GranTurismo furiosa urla dallo scarico e scivola libera sull asfalto, sapientemente guidata dalle mani di Beppe che con disarmante scioltezza riprende l esuberanza del retroreno spesso e volentieri danzante fra i tornanti Ti è mai successo un episodio grave? Non ho mai subito incidenti gravi per fortuna. Una circostanza incredibile che per fortuna si concluse senza conseguenze la ebbi nel Mentre ero sull Autostrada della Brennero, in sesta marcia, mi si sfilò il piantone dello sterzo! Per fortuna riuscii a fermarmi sull erba fra le due corsie di marcia, senza conseguenze. Incredibile! Non hai mai ceduto al richiamo delle corse? Mai pensato ad una carriera da pilota? Mi proposero in Bugatti anni fa, ma ero felice così. Forse mi è mancato lo slancio iniziale e certamente non potevo attingere a possibilità economiche per muovere i primi passi, ma non rimpiango la vita da pilota. Racconta di quella volta in cui Montezemolo fece aprire per te le porte di Fiorano All esordio la Maserati 3200GT aveva problemi di vibrazione della cinghia Poly-V. Andai a Fiorano, accompagnato da due tecnici francesi molto appassionati, provenienti da fornitore Dayco. Giunto alle porte della pista il veto fu assoluto: Gira Schumacher, la pista è off limits. Mentre rientriamo mestamente a Modena, i tecnici sognano foto ricordo davanti alla Ferrari. Rimango in attesa quand ecco sostare una vettura. Scende l Avvocato Montezemolo e mi si avvicina. Facile immaginare lo sgomento... Dopo aver spiegato l impossibilità di effettuare il test ed aver intrapreso il mesto rientro in sede avevo concesso qualche foto ricordo Pochi secondi per una telefonata e l avvocato replica: Montorsi vada pure a Fiorano, la pista ora è libera... Facile immaginare lo stupore e l entusiasmo dei tecnici francesi! Magie del nostro mondo aggiungo io Secondo te come dovrebbe essere una Maserati? Una Maserati deve poter trasmettere grandi emozioni! Deve distinguersi per le prestazioni, unite ad un handling di guida coinvolgente. Se riusciamo a trasferire in una Maserati questi valori il cliente appassionato non può che essere soddisfatto! Il test su strada si conclude, il tempo è trascorso troppo velocemente e gli aneddoti, innumerevoli, meriterebbero ben più dello spazio di un articolo. Giuseppe Montorsi si congeda, con fare garbato e stretta di mano mi saluta. Incontri come questi danno significato alla passione per le automobili. Affascinato mi allontano, sentendomi come la grassottella Valery che ascolta meravigliata Willie Wonka nella Fabbrica di cioccolato mentre dice: Noi siamo i creatori della musica e siamo anche i creatori dei nostri sogni

15 9 settembre Convention Maserati di Siliva Saporetti Il 9 di settembre il mondo Maserati si è incontrato qui a Modena, per fare il punto della situazione sul presente, nel corso di un anno che ha posto numerose sfide, e per condividere i piani per il futuro, un futuro che parte oggi da un impegno concreto, quello di tutta l azienda e del Gruppo, e da una promessa mantenuta, quella della GranCabrio. Il parcheggio si è trasformato in palco, le auto in sedie, il cielo in uno schermo. Presentare un modello nell azienda che lo produce è sempre un po strano: alcuni l hanno fatta nascere, altri ci lavorano al momento, altri ancora invece la conosceranno a breve. Ma l attenzione e l entusiasmo erano quelli propri dei momenti importanti. Sotto l imponente tensostruttura eretta per l occasione, guidati dall Amministratore Delegato e dal top management dell azienda si sono ripercorsi le sfide, i successi, i momenti difficili dell anno 2009 e si è aperta una finestra sul domani - e sul dopodomani. La convention del 9 settembre è stata infatti anche l occasione per svelare in anteprima - prima del debutto ufficiale che sarebbe avvenuto la settimana successiva al Salone di Francoforte - la nuova vettura alle diverse realtà che sono state, sono e saranno coinvolte nel rendere la GranCabrio un successo: i dipendenti Maserati, tutti, indistintamente; i partner commerciali, dealer e importatori di tutto il mondo; le aziende che sono fornitrici della vettura e - last but not least - i membri del Maserati Club, custodi della leggenda Maserati, persone che, con il loro entusiasmo, ci fanno capire giorno dopo giorno che questa azienda dove lavoriamo non è un azienda come tutte le altre. 15

16 TrofeoMaserati Forte del successo riscosso nelle precedenti edizioni, Maserati ha deciso di offrire nuovamente ai clienti più sportivi e ai gentlemen driver un campionato unico nel panorama automobilistico internazionale: il Trofeo Gran- Turismo MC. Un ritorno in grande stile, dopo due anni di attesa, grazie anche all immediato interesse suscitato dalla presentazione della GranTurismo MC Trofeo. Il calendario della serie si articola in sette appuntamenti, in concomitanza con il WTCC ed il GT Italiano, sui circuiti più prestigiosi d Europa quali Brands Hatch, Monza, Mugello, Valencia, Brno, Oschersleben, Zolder. Un campionato esclusivo: Trofeo GranTurismo MC a cura di Luca Giraldi 16 La formula organizzativa, uno dei punti di forza del Trofeo che andò in scena dal 2003 al 2007, rimarrà inalterata nell insieme, sebbene verranno apportati dei correttivi per rendere possibile la partecipazione alla serie anche a coloro i quali hanno acquistato una GranTurismo MC GT4. Con l iscrizione al campionato, i piloti partecipanti potranno usufruire di un pacchetto completo che comprenderà tutti gli aspetti tecnici e organizzativi per godersi senza pensieri le emozioni in pista. Il via a questa nuova, entusiasmante, iniziativa che rafforza ulteriormente il legame della Casa con la pista, è stato previsto per aprile, mese in cui si svolgerà un test precampionato che consentirà a tutti i piloti di conoscere lo staff tecnico che li supporterà durante l intera stagione e di prendere contatto con la vettura. La GranTurismo MC Trofeo, evoluzione della GranTurismo MC Concept presentata lo scorso anno a Monza, è spinta da un V8 da 450CV che saprà emozionare non solo i piloti ma anche il pubblico che accorrerà ad assistere alle gare. Il calendario ROUND 1 ROUND 2 ROUND 3 ROUND 4 ROUND 5 ROUND 6 ROUND 7 22/23 Maggio MONZA (ITA) in concomitanza con WTCC 19/20 Giugno ZOLDER (B) in concomitanza con WTCC 17/18 Luglio BRANDS HATCH (UK) in concomitanza con WTCC 31 Luglio/1 Agosto BRNO (CZ) in concomitanza con WTCC 4/05 Settembre OSCHERSLEBEN (GER) in concomitanza con WTCC 18/19 Settembre VALENCIA (SPA) in concomitanza con WTCC 9/10 Ottobre MUGELLO (ITA) in concomitanza con ITALIAN GT Buon esordio della GranTurismo MC GT4 alla 6 Ore di Luca Giraldi La 6 Ore di Vallelunga, classica endurance di fine stagione, ha visto il debutto, nelle gare sulla lunga distanza, della nuova Maserati GranTurismo MC GT4. Portata in gara dal team olandese Scuderia Corse ed affidata a Nicky Pastorelli ed al tre volte campione FIA GT Andrea Bertolini, la vettura modenese si è ben comportata concludendo la corsa senza inconvenienti tecnici di sorta al tredicesimo posto assoluto. Dopo aver qualificato la vettura in 17sima posizione (1:41.685), Pastorelli e Bertolini sono stati autori di una gara regolare, durante la quale i due hanno sfruttato la grande consistenza della GranTurismo MC combattendo con vetture di classe superiore, supportati anche dall eccellente rendimento dell impianto frenante. La prestazione dell ultima creazione del Reparto Corse avrebbe potuto essere anche migliore senza il tempo perso durante le soste, quantificabile in circa diciannove minuti, dal momento che la vettura non era dotata di Martinetti pneumatici per il sollevamento e del kit di rifornimento rapido, visto che le gare della GT4 non prevedono le operazioni di rifornimento. Alla luce di questa esperienza, in ogni caso, gli ingegneri modenesi sono già al lavoro per sviluppare un kit endurance per dotare la vettura di questi due particolari, pur mantenendo i cinque dadi per ruota previsti dal regolamento GT4. In considerazione di quanto scritto sopra, la GranTurismo MC GT4 avrebbe potuto chiudere la 6 Ore di Vallelunga nei primi sei posti. Il tredicesimo posto finale, in ogni caso, è estremamente positivo per una vettura alla sua prima esperienza in una gara di durata. Per la cronaca, l equipaggio vincitore della manifestazione è stato il trio della Racing Box Francioni/Piscopo/ Biagi su Lola Judd Lmp2, celebrati al termine da oltre persone accorse principalmente per assistere al debutto in gara di Valentino Rossi su una vettura di classe GT3.

17 Passioni Oltre al lavoro c è di più Intervista di Nunzio De Salvatore a Vittorio Capurso Sembra interessante e complesso. È sia interessante sia complesso. D altronde non stiamo parlando di un semplice corso, ma di un corso accademico peraltro costoso ma davvero utile per la mia crescita nonostante i grandi sacrifici economici che comporta. A proposito di crescita, arriviamo alla domanda cruciale: come immagini il tuo futuro in Maserati e fuori dall azienda? Sospira pensieroso... Nonostante il percorso formativo che ho deciso di intraprendere possa aprire nuovi orizzonti professionali, non mi precludo alcuna possibilità all interno dell azienda, qualora mi portasse ad una crescita professionale, anche perchè potrei riuscire a conciliare entrambe le cose. Ritengo che nella vita qualunque cosa ci accada, sia positiva sia negativa, possa contribuire al nostro percorso di vita, dal punto di vista personale e da quello lavorativo. Caro Vittorio mi auguro che tu possa completare il tuo percorso, facendo quel che più ti piace fare, ma sempre circondato dalla musica. Ogni giorno, qualsiasi cosa stiamo facendo e in qualunque luogo ci troviamo, c è una cosa che fa da contorno alla nostra vita. La trovi in macchina, ogni tanto al lavoro, a casa mentre guardi la televisione, al bar o la sera in qualche locale: stiamo parlando della musica. Per qualcuno significa poco, per qualcun altro è fonte di ricordi, belli o brutti. C è chi non ne può fare a meno e cerca di ascoltarla sempre o quasi. C è chi la crea o l ha creata, come Roberto Signorino (qualità accettazione arrivi), Armando Bertocco (elettrauto), Davide Lorenzini (servizio di prevenzione e protezione ) o Diego Giuliana (distinta base), tutti ex chitarristi. C è anche Roberto Calcinelli (tecnologo) che suonava il basso come Andrea Abbaterusso (linea sellata) che suona oltre al basso anche la batteria. E ci sarei anche io, che canto e suono. Ma la figura del musicista è già nota a tutti. Quello che mai nessuno prende in considerazione è il fonico, colui che regolando i volumi degli strumenti e delle voci fa in modo che un gruppo o un artista si possa piacevolmente ascoltare. Per questo motivo venerdì 20 novembre mi trovo casualmente seduto al tavolino di un bar proprio di fronte ad un negozio di strumenti musicali ad intervistare il mio amico e collega Vittorio Capurso, in Maserati da quasi 3 anni. Che lavoro fai in Maserati? Vittorio mi risponde ridendo: Lavoro dove c è bisogno, sono un tipo versatile. Fuori dalla Maserati però so che fai qualcosa di più specifico. Si, fuori mi occupo d altro. Sono appassionato di componentistica audio. Sono perito elettronico e sto frequentando un corso accademico di ingegneria del suono per incrementare il mio bagaglio culturale. Studio per diventare ingegnere del suono, più comunemente detto fonico. E questa passione per i componenti audio da dove nasce? È una passione innata. Fin da quando ero piccolo, dall età di circa 10 anni, prendevo da mia sorella le bambole che non usava più, quelle che parlavano e le smontavo per capirne il meccanismo. Crescendo ho acquisito esperienza e qualsiasi cosa suonasse mi attirava. Che studi hai intrapreso per specializzarti? Ho scelto di frequentare un istituto tecnico, indirizzo elettronico e telecomunicazioni. Mi è stato utile per approfondire la teoria ma anche la pratica. Purtroppo però, forse a causa di una perdita di fiducia ho abbandonato la scuola per poi riprenderla e diplomarmi nel 2005 non avendo avuto nel frattempo possibilità lavorative interessanti. Prima, ma soprattutto dopo aver ripreso gli studi, mi dilettavo ad installare e progettare impianti audio sia per auto sia per ambienti, ed è stato così che ho capito che era quello che desideravo fare, perché mi dava, e mi dà tuttora, emozioni che non ho provato in nessun altro lavoro. Nel 2006 approdi a Modena. Per lavoro o per piacere? Per vari motivi, soprattutto legati al lavoro. Prima di trasferirmi lavoravo come installatore audio nell officina di mio padre ma non era l ambiente adatto per la professione che avrei voluto fare. Cosa ne pensava la tua famiglia di questa tua passione? Mio padre non era d accordo. L unica persona che mi ha sempre sostenuto è stata mia madre (le mamme sono sempre le mamme...) pur non sapendo nulla in materia. Ma l atteggiamento di mio padre mi è stato comunque utile, per spronarmi a dimostrare che ce la potevo fare. Inoltre grazie all incoraggiamento di un collega che stimo molto sono riuscito a trovare la volontà per riprendere la mia formazione, iscrivendomi al corso accademico. E cosa ti insegnano in questo corso? Principalmente i componenti che dovrò utilizzare facendo il fonico, sia in studio che live ; mi insegnano a progettare e costruire secondo determinati criteri una sala insonorizzata per effettuare la registrazione di voci e strumenti; seguo lezioni anche di psicoacustica, vale a dire lo studio della psicologia della percezione acustica centrata sull emozione che l artista vuole trasmettere all ascoltatore, ovviamente passando dal fonico. CircoloCulturale Per poter favorire di questa interessante promozione potete contattare Silvia Orrù Telefono

18 schedatecnica a cura di Nicola Di Gennaro TIPO 420/M/58 ELDORADO Costruita nel 1958 per partecipare alla seconda edizione della 500 miglia di Monza grazie alla sponsorizzazione del Commendatore Gino Zanetti titolare di una nota casa produttrice di gelati, la Eldorado (dall industria omonima) fu il primo importante esempio italiano di auto da corsa sponsorizzata da un industria estranea al campo automobilistico. La vettura viene costruita con le caratteristiche delle monoposto statunitensi degli anni Cinquanta. Il motore, filiazione diretta del 450/S con cilindrata ridotta a 4200 come da regolamento, funzionante a miscela d alcol, era montato sulla sinistra del telaio e presentava uno sfalsamento di 90 mm rispetto all asse longitudinale della monoposto in considerazione del senso di marcia antiorario del circuito. La carrozzeria era in alluminio, il cambio a sole due marce: una per avviare la vettura, la seconda per raggiungere le massime velocità. Pilotata da Stirling Moss, purtroppo in gara non gode di molta fortuna: nonostante parta in buona posizione e nell ultima mance sia ben posizionata la rottura dello sterzo provoca una lunga serie di testacoda e lo scoppio delle gomme. MOTORE Anteriore 8 cilindri a V di 90 Alesaggio 93,8 mm Corsa 75,8 mm Cilindrata 4190 cm cubi Potenza 450 CV a 8000 giri/min 4 carburatori doppio corpo Weber Doppia accensione con due magneti Marelli 2 alberi a camme in testa per bancata Lubrificazione a carter secco con pompe mandata e recupero TRASMISSIONE Trazione posteriore Frizione a dischi multipli a secco Cambio a 2 marce e retromarcia CORPO VETTURA Monoposto in alluminio Telaio tubolare a traliccio Avantreno a ruote indipendenti, molle elicoidali Retrotreno con ponte De Dion Ammortizzatori telescopici Freni a tamburo Ruote a disco Halibrand Pneumatici Firestone ant.7.60x x16 post. 8.00x18 gonfiati con gas elio DIMENSIONI E PESO Passo 2400 mm Carreggiata anteriore 1300 mm Carreggiata posteriore 1250 mm Peso a vuoto 760 kg PRESTAZIONI Velocita max 350 km/h

19 vistidafuori Una Maserati a Londra di Diego Caporaso Capita spesso facendo un viaggio che qualcosa di familiare attragga la nostra attenzione, qualcosa che ci ricordi cosa facciamo e come viviamo. Ultimamente mi è capitato di trascorrere uno splendido fine settimana a Londra, in quella che è universalmente riconosciuta come la città europea per eccellenza, diversa da tutte le altre grandi metropoli del vecchio continente, ma anche diversa dalle stesse città del Regno Unito. Una incredibile varietà di colori e di vita, un luogo dove antico e moderno si fondono a volte armoniosi come un alba nel passare dal buio alla luce, a volte duri come un pugno allo stomaco. Una città dove la diversità è considerata un opportunità piuttosto che un handicap, dove culture diverse si mescolano e sembrano dare una visione più ampia del mondo. In questo sfarfallio di luci e colori, appena arrivato in albergo a South Kensington, vengo attratto dall insegna della concessionaria Maserati e penso tra me e me: Che fortuna, neanche a farlo apposta!. È già, perchè di tanto in tanto si vorrebbe staccare la spina, si vorrebbe pensare ad altro, anche se nei tre giorni successivi, mi sono meravigliato nello scoprire quante Quattroporte e GranTurismo fossero parcheggiate per strada o sfrecciassero per la città con il loro inconfondibile rombo. Londra è grande, sicuramente ricca, ma è possibile che in tre giorni abbia visto più Maserati di quante non ne riesca a vedere in un anno, in Italia, dove vengono prodotte? Poi ho capito che non è solo una questione di possibilità economiche, ma è il modo stesso di concepire l auto di lusso: non unicamente come uno status symbol dal design raffinato e sportivo da rinchiudere in un garage, ma anche come un oggetto da utilizzare ogni giorno per andare al lavoro, accompagnare i propri figli a scuola, fare la spesa e parcheggiare per strada come una vettura qualsiasi. E allora penso che forse siamo noi ad avere perso il senso delle cose vivendo il lusso in questa maniera così provinciale, come qualcosa da non vivere quotidianamente ma da ostentare nelle occasioni speciali, come il vestito buono della domenica, mentre sembra che i londinesi si siano liberati prima di noi dagli schemi della vita globalizzata anche se non hanno ancora capito da che lato della strada si guida! 19 Due nuovi amici in Maserati il campione di rugby Jonah Lomu L All Black più famoso di tutti i tempi ha utilizzato una Maserati Quattroporte Sport GT S per i suoi spostamenti in occasione del test match che ha visto i neozelandesi opposti agli italiani. l attore inglese Anthony Hopkins Anche l attore premio oscar Anthony Hopkins ha scelto Maserati per i suoi spostamenti durante un evento in Toscana al quale ha recentemente preso parte.

20 Natale2009 Numero 17 - dicembre 2009 Direttore responsabile: Massimo Zilioli Segreteria redazionale: Claudia Casarini Foto a cura di: Archivio Maserati Direzione, redazione e amministrazione: Maserati s.p.a. V.le Ciro Menotti, Modena Redazione: Nicola Di Gennaro Cristian Bolzoni Luca Giraldi Roberto Calcinelli Serena Giulietti Diego Caporaso Federico Landini Claudia Casarini Annamaria Marazzi Luca Dal Monte Mauro Menini Nunzio De Salvatore Paola Montorsi Silvia Orrù Silvia Saporetti Giovanna Zarzana Alberto Zingarelli Massimo Zilioli Progetto grafico e impaginazione: Avenida - Modena Stampa: OFG Graphics - Carpi (MO) Registrazione N.1750 del 1 luglio 2005 presso il Tribunale di Modena

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015 Ospitalità STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 BENVENUTI A SAN SIRO Il nuovo modo di vivere la partita Amala e colora un emozione di nero e d azzurro. Inter Corporate 2014-15 è l esclusivo programma di Corporate

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

SEAT LEON PIÙ POTENZA ALLE TUE EMOZIONI TECHNOLOGY TO ENJOY

SEAT LEON PIÙ POTENZA ALLE TUE EMOZIONI TECHNOLOGY TO ENJOY SEAT LEON PIÙ POTENZA ALLE TUE EMOZIONI TECHNOLOGY TO ENJOY E l anima sportiva di SEAT, l icona del marchio, la massima espressione dei valori del brand: design accattivante, tecnologia all avanguardia

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

NEL SEGNO DI VETTEL LA STORIA DI UN PILOTA CHE ARRIVA IN FERRARI PER LASCIARE UN IMPRONTA UNICA E INDIMENTICABILE + SPECIALE MONDIALE FORMULA UNO 2015

NEL SEGNO DI VETTEL LA STORIA DI UN PILOTA CHE ARRIVA IN FERRARI PER LASCIARE UN IMPRONTA UNICA E INDIMENTICABILE + SPECIALE MONDIALE FORMULA UNO 2015 NEL SEGNO DI VETTEL LA STORIA DI UN PILOTA CHE ARRIVA IN FERRARI PER LASCIARE UN IMPRONTA UNICA E INDIMENTICABILE + SPECIALE MONDIALE FORMULA UNO 2015 ANNO 16. N. 10 (726), 14 marzo 2015. Poste Italiane

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

obotica per il relax A New York un esperienza all insegna della tecnologia senza rinunciare ai comfort

obotica per il relax A New York un esperienza all insegna della tecnologia senza rinunciare ai comfort l hotel hi-tech R obotica Se siete persone indipendenti e cercate un ambiente alternativo davvero easy, potete organizzare un giro intercontinentale a New York. Non solo per la città pulsante di vita e

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli