LA GESTIONE PRESTITI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE PRESTITI"

Transcript

1 LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI DI INSOLVENZA (DEFAULT) LA BANCA PUÒ RECUPERARE O MENO LA TOTALITÀ DEL CREDITO GLI EFFETTI DELL INSOLVENZA SI MANIFESTANO COME: PERDITA IN CONTO CAPITALE E IN CONTO INTERESSI (RIMBORSO PARZIALE) PERDITA IN CONTO INTERESSI (IPOTESI DI RINEGOZIAZIONE DEI TASSI O DELLE SCADENZE) COSTI DI LIQUIDITÀ (MANCATO RISPETTO DEI TERMINI CONTRATTUALI DI RIENTRO) A.A

2 RISCHIO DI CREDITO E RICONDUCIBILE AL CONCETTO DI INSOLVENZA MA ANCHE A QUELLO DI RITARDO NEI PAGAMENTI/O PAGAMENTI PARZIALI SPESSO COLLEGATO ANCHE A PROCEDURE DI RISTRUTTURAZIONE O DI RESCHEDULING DEL PRESTITO COMPORTA DI FATTO ANCHE IN QUESTO CASO UNA MODIFICA DELLA SCADENZA E DEI PREZZI (PREMIO AL RISCHIO/TASSO) HA EFFETTI SUL VALORE ATTUALE DEL PRESTITO DUE ULTERIORI PROFILI DEL RISCHIO DI CREDITO RISCHIO SETTORIALE: CORRELAZIONE TRA POSIZIONE DELL AFFIDATO E ANDAMENTO CICLICO DEL SETTORE RISCHIO DI GRUPPO: COLLEGATO ALL ESISTENZA DI RAPPORTI DI GRUPPO E OGGETTO DI SPECIFICO TRATTAMENTO DA PARTE DELLA VIGILANZA IL CONCETTO DI RISCHIO PAESE IL CONCETTO DI RISCHIO SOVRANO IL CONCETTO DI RISCHIO DI CONTROPARTE LE RELAZIONI CON LA VIGILANZA IL RUOLO DELLA VIGILANZA INFORMATIVA IL RUOLO DELLA VIGILANZA ISPETTIVA A.A CREDITI VIVI E PROBLEMATICI CLASSIFICAZIONE DELLE POSIZIONI CREDITI VIVI O IN BONIS CREDITI DUBBI PARTITE INCAGLIATE: CREDITI VERSO SOGGETTI IN TEMPORANEA SITUAZIONE DI ILLIQUIDITÀ O DIFFICOLTÀ, CHE POSSA ESSERE RIMOSSA IN CONGRUO PERIODO DI TEMPO SOFFERENZE: CREDITI VERSO SOGGETTI IN STATO DI INSOLVENZA (ANCHE NON ACCERTATO GIUDIZIALMENTE) O IN SITUAZIONI EQUIPARABILI CREDITI RISTRUTTURATI: PER I QUALI SONO STATI CONCORDATI NUOVI PIANI DI RIMBORSO A MEDIO-LUNGO TERMINE, A TASSI PIU CONTENUTI A.A

3 CRITERI DI VALUTAZIONE DEI CREDITI IN BILANCIO VIENE INIZIALMENTE ISCRITTO L IMPORTO EROGATO AL VALORE STORICO IL CREDITO VIENE PERIODICAMENTE VALUTATO ED ESPOSTO IN BILANCIO AL VALORE DI PRESUMIBILE REALIZZO ( VALORE DI MERCATO ) LA SVALUTAZIONE (RETTIFICHE DI VALORE) EQUIVALE A UNA PREVISIONE DI PERDITA, QUANTIFICATA ANCHE IN BASE AL POSSIBILE RECUPERO (REALIZZO DELLE GARANZIE) RETTIFICHE (DIRETTE): ANALITICHE, SU SINGOLE POSIZIONI VIVE O PROBLEMATICHE (A INCAGLIO O IN SOFFERENZA) FORFETTARIE, SU CREDITI VIVI O PROBLEMATICI DI BASSO IMPORTO, SULLA BASE DEL RISCHIO FISIOLOGICO OSSERVATO PER PORTAFOGLI OMOGENEI PER SETTORE, DIMENSIONE E LOCALIZZAZIONE GEOGRAFICA DEL DEBITORE CON IMPUTAZIONE DELLA RETTIFICA A CONTO ECONOMICO RETTIFICHE INDIRETTE ACCANTONAMENTI PRUDENZIALI AL FONDO RISCHI SU CREDITI (RISCHI EVENTUALI) A.A CRITERI DI VALUTAZIONE DEI CREDITI VALUTAZIONE ANALITICA EROGAZIONE DI UN PRESTITO PER 100 (2008) L ESERCIZIO SUCCESSIVO (2009) SVALUTO IL VALORE ORIGINARIO PER 2 A SEGUITO DI UN INCREMENTO DEL RISCHIO DI INSOLVENZA DEL DEBITORE Conto economico 2009 ATT Esercizio PASS Interessi attivi - Interessi passivi = Margine di interesse + Ricavi da servizi = Margine di intermediazione (-) Costi personale (-) Spese generali ATT Esercizio 2009 PASS Risultato di gestione 98 (-) Rettifiche su crediti 2 RETTIFICA DIRETTA A.A

4 CRITERI DI VALUTAZIONE DEI CREDITI VALUTAZIONE FORFETARIA PORTAFOGLIO DI PRESTITI VALUTATO PER 100 (2008) L ESERCIZIO SUCCESSIVO (2009) SVALUTO IL VALORE ORIGINARIO PER 2 A SEGUITO DI UN INCREMENTO DEL RISCHIO DI INSOLVENZA PER L INTERO PORTAFOGLIO Conto economico 2009 ATT ATT Esercizio Esercizio PASS PASS 2 Fondo rischi su crediti Interessi attivi - Interessi passivi = Margine di interesse + Ricavi da servizi = Margine di intermediazione (-) Costi personale (-) Spese generali Risultato di gestione (-) Accantonamento a fondo rischi su crediti 2 RETTIFICA INDIRETTA A.A LA POLITICA DEI PRESTITI INSIEME DI INDIRIZZI FINALIZZATO ALLA CREAZIONE DEL PORTAFOGLIO PRESTITI NEL SUO COMPLESSO ORIENTA LA BANCA NELLE SCELTE RELATIVE VOLUME PORTAFOGLIO PRESTITI CRITERI DI VALUTAZIONE (RISCHIO) DELLE SINGOLE OPERAZIONI COMPOSIZIONE PORTAFOGLIO CREDITI A.A

5 LA DIMENSIONE DEL PORTAFOGLIO PRESTITI LA CONSISTENZA DEL PORTAFOGLIO PRESTITI AD UNA CERTA DATA DIPENDE DA AVVICENDAMENTO DI NUOVE CONCESSIONI E RIMBORSI VOLUMI DI ATTIVITÀ SVOLTA E SCADENZA DELLE OPERAZIONI LA DETERMINAZIONE DEL TASSO DI CRESCITA DELLO STOCK DI PRESTITI CRESCITA MASSIMA: SI MIGLIORANO I MARGINI MA SPESSO A SCAPITO DELLE CONDIZIONI DI EQUILIBRIO REDDITUALE E FINANZIARIO (CAUSA PRINCIPALE DEI DISSESTI FINANZIARI) CRESCITA SOSTENIBILE: COMPATIBILE CON LE CONDIZIONI DI RISCHIO LA POLITICA DELLA RACCOLTA E E DELLA LIQUIDITÀ (FATTORI INTERNI) VINCOLI ESTERNI (AMBIENTE COMPETITIVO, NORME DI VIGILANZA) A.A LA SEQUENZA OPERATIVA PREVEDE: LA VALUTAZIONE: UN QUADRO D INSIEME A - IL PROCESSO PRELIMINARE DI VALUTAZIONE PROCESSO DI AFFIDAMENTO DETERMINAZIONE DEL PROFILO DEL FABBISOGNO VALUTAZIONE DELLA CAPACITA DI RIMBORSO E DEL MERITO DI CREDITO B - LA SCELTA DELLE FORME TECNICHE E LA DEFINIZIONE DELLE CONDIZIONI SCELTA DEI CONTRATTI DI FINANZIAMENTO IMPORTI E FORME TECNICHE TASSI/PREZZI GARANZIE C - IL CONTROLLO DEL CREDITO MONITORAGGIO DEL DEBITORE CONTROLLO DEGLI UTILIZZI DEL CREDITO VERIFICA DELLA CAPACITA DI RIMBORSO A.A

6 LA VALUTAZIONE DEI FIDI IL PROCESSO DI VALUTAZIONE APPREZZAMENTO DELLA CAPACITÀ DI RIMBORSO DEI SOGGETTI RICHIEDENTI CREDITO (ANALISI DEL RISCHIO DEL SINGOLO PRESTITO); RISCHIO DI CREDITO VERIFICA DELLE COMPATIBILITÀ FRA LA SINGOLA RICHIESTA E LE SCELTE DI VOLUME E COMPOSIZIONE DEL PORTAFOGLIO (OTTICA DI PORTAFOGLIO) RISCHIO DI PORTAFOGLIO A.A L ATTIVITÀ DI SELEZIONE E DI MONITORAGGIO RACCOLTA DI INFORMAZIONI DI DIVERSO TIPO PER DESCRIVERE E VALUTARE IL PROGETTO DI INVESTIMENTO (QUALITA DELL IMPRESA) TUTTAVIA IL CONTESTO RESTA DI INFORMAZIONE INCOMPLETA (L ASIMMETRIA SI PUÒ SOLO RIDURRE) L INFORMAZIONE FORNITA VA VALUTATA SOTTO IL PROFILO DELLA VERIDICITÀ E DELLA COMPLETEZZA ESISTE UN TRADE OFF TRA COSTO MARGINALE DELL INFORMAZIONE E UTILITÀ MARGINALE DELLA STESSA LA BANCA VERIFICA COSTANTEMENTE LA RISCHIOSITÀ DELLA POSIZIONE FINANZIATA (MONITORAGGIO O CONTROLLO) ATTRAVERSO SERVIZIO DEL DEBITO AFFIDABILITA DEL DEBITORE ATTRAVERSO L AGGIORNAMENTO DELLE INFORMAZIONI DI BILANCIO E DALLE INFORMAZIONI DI CENTRALE RISCHI CONTROLLO DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI CONTROLLO DEL PROFILO DEI FLUSSI DI INCASSI/PAGAMENTI (ATTRAVERSO IL RAPPORTO DI C/C) A.A

7 IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO LE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO COMPORTANO UN MECCANISMO DI VALUTAZIONE (ISTRUTTORIA DI FIDO) VOLTO A DETERMINARE DIMENSIONI DEL FABBISOGNO, MODALITA DI COPERTURA CAPACITA DI RIMBORSO DELL AFFIDATO SCOMPONIBILI IN FASI: ANALISI DELLE QUALITA PERSONALI (PROFILO) DEL RICHIEDENTE VERIFICA DEGLI ASPETTI FORMALI DELLA DOCUMENTAZIONE ANALISI DI TIPO QUALITATIVO e QUANTITATIVO VALUTAZIONI DI SINTESI MONITORAGGIO DELLA POSIZIONE DURANTE LA VITA DEL PRESTITO A.A LA STIMA DEL RISCHIO DI CREDITO Character attitudine volontà di rimborsare Conditions condizioni del ciclo e del settore Le 5 C Capital dotazione di capitale Collateral presenza e ruolo delle garanzie Capacity attitudine a generare flussi di cassa A.A

8 IL SET INFORMATIVO PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO L ACQUISIZIONE DELLE INFORMAZIONI E FUNZIONALE A: COMPRENDERE I BISOGNI DEI CLIENTI E INDIVIDUARE I PRODOTTI PIÙ ADATTI (PROSPETTIVA COMMERCIALE) OTTENERE UNA MISURA DEL RISCHIO DI OGNI PRESTITO E DELL INTERO PORTAFOGLIO (PROSPETTIVA GESTIONALE) UTILIZZA NORMALMENTE FONTI INFORMATIVE ESTERNE INFORMAZIONI FORNITE DAL CLIENTE FONTI INFORMATIVE INTERNE E DI SISTEMA A.A LE FONTI INFORMATIVE ESTERNE A.A

9 LE INFORMAZIONI INFORMATIVE FORNITE DAL CLIENTE IMPRESA PRIVATO BILANCI PROSPETTI DI FLUSSI DI CASSA E BUDGET INFORMAZIONI SUL SETTORE DI APPARTENENZA/AREA GEOGRAFICA E SUI MERCATI DI RIFERIMENTO CERTIFICAZIONE DEL REDDITO PERCEPITO INDICAZIONE DELLE SPESE RICORRENTI (PREMI SU POLIZZE VITA) COMPORTAMENTI FINANZIARI COMPORTANO UN PROBLEMA DI AFFIDABILITÀ A.A LE FONTI INFORMATIVE INTERNE NEL CASO IN CUI IL RICHIEDENTE SIA CLIENTE DELLA BANCA E DISPONIBILE UN AMPIO SET DI INFORMAZIONI RICAVABILI DAL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE PROFILO DEGLI UTILIZZI E DEI RIMBORSI (FABBISOGNI) E MOVIMENTAZIONE DEL CONTO (INCASSI E PAGAMENTI) TIPOLOGIA DI CONTROPARTI CREDITRICI/DEBITRICI A.A

10 LA CENTRALE DEI RISCHI DI BANCA D ITALIA SISTEMA DI CENTRALIZZAZIONE DEI RISCHI (BANCA DATI) GESTITA DALLA BANCA D ITALIA GLI INTERMEDIARI POSSONO RICHIEDERE INFORMAZIONI SULL ESPOSIZIONE DI CLIENTI GIÀ AFFIDATI PRESSO ALTRE ISTITUZIONI CREDITIZIE RILEVA L ESPOSIZIONE MENSILE DI OGNI SINGOLO CLIENTE (IMPRESA) PER CASSA, PER FIRMA O PER GARANZIE CENSISCE LE POSIZIONI SUPERIORI A EURO (AD ECCEZIONE DELLE SOFFERENZE) FLUSSO DI RITORNO PERSONALIZZATO FLUSSO DI RITORNO STATISTICO SERVIZIO DI PRIMA INFORMAZIONE = = = indebitamento complessivo del cliente e composizione per forme tecniche dati aggregati di sistema riferiti al rischio complessivo del sistema bancario informazioni su clienti non segnalati precedentemente dalla banca A.A A.A

11 GLI OBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO Selezione della clientela e assunzione di un rischio (politica della banca e vincoli di vigilanza) Pricing dei prestiti in misura adeguata al rischio al fine di: 1. coprire il costo dei fondi 2. remunerare gli azionisti 3. coprire le eventuali perdite generate dal rischio di credito A.A LA MISURAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL RISCHIO DI CREDITO È DEFINITO COME LA POSSIBILITÀ CHE IL DEBITORE NON ADEMPIA ALLA PROPRIA OBBLIGAZIONE VANNO ANCHE CONSIDERATE LE VARIAZIONI DEL MERITO DI CREDITO NEL CORSO DEL TEMPO (MIGRAZIONI TRA CLASSI DI RISCHIO O DI RATING) MISURA DI INSOLVENZA O DEL RISCHIO (DEFAULT): PERDITA CHE LA BANCA POTREBBE SUBIRE AL VERIFICARSI DELL INADEMPIMENTO E DIPENDE DA PROBABILITÀ CHE L EVENTO SI MANIFESTI (EXPECTED DEFAULT FREQUENCY O EDF) O PIU SPESSO PD (PROBABILITY OF DEFAULT) TASSO DI PERDITA IN CASO DI INSOLVENZA (LOSS GIVEN DEFAULT O LGD) ESPOSIZIONE CREDITIZIA IN CASO DI INSOLVENZA (EXPOSURE AT DEFAULT O EAD) PERDITA ATTESA: PD x LGD x EAD A.A

12 LA MISURAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO SE IPOTIZZO CHE IL DEBITORE ABBIA UNA PROBABILITA DI ANDARE IN DEFAULT DELL 1% (PD) CHE NELL IPOTESI IN CUI IL DEFAULT SI VERIFICHI LA MIA QUOTA DI PERDITA (LGD) SIA DEL 40% (LA QUOTA DI RECUPERO SIA DEL 60%) SU UNA ESPOSIZIONE DEL 100% AL MOMENTO DEL DEFAULT (EAD) PD x LGD x EAD = 0,01 x 0,40 x 1 = PERDITA ATTESA DI 0,4 (40 CENTESIMI SU 100 DI ESPOSIZIONE) IL TASSO DI PERDITA ATTESA SU UNA POSIZIONE DI 100 SARA PARI A 0,4% A.A Informazioni quantitative UN MODELLO DI RATING ANDAMENTALI DI SISTEMA ANDAMENTALI INTERNI RATING STATISTICO DATI DI BILANCIO DATI GEOSETTORIALI RATING Integrato QUESTIONARIO QUALITATIVO RATING QUALITATIVO EVENTI PREGIUDIZIEVOLI Peggioramenti automatici ALTRI EVENTI NEGATIVI RATING finale A.A

13 IL RATING FINALE RATING ASSIGNMENT RATING QUANTIFICATION A.A LA MISURAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL RISCHIO DI CREDITO SI ASSOCIA ALLA COMPONENTE INATTESA DELLE PERDITE, CIOÈ ALLA VARIABILITÀ DELLE PERDITE EFFETTIVE RISPETTO A QUELLE ATTESE. IL RISCHIO NASCE DAL GRADO DI VARIABILITA DEL TASSO DI PERDITA ATTORNO AL SUO VALORE ATTESO, CIOE DAL FATTO CHE EX POST LE PERDITE RISCONTRATE POSSONO DISCOSTARSI DA QUELLE PREVENTIVATE EX ANTE DALLA BANCA mi attendo una perdita di 5 ma ex post la perdita effettiva potrebbe essere 10 o Perdita attesa Perdita effettiva Perdita effettiva Perdite A.A

14 LA MISURAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL RISCHIO DI CREDITO SI ASSOCIA ALLA COMPONENTE INATTESA DELLE PERDITE, CIOÈ ALLA VARIABILITÀ DELLE PERDITE EFFETTIVE RISPETTO A QUELLE ATTESE. IL RISCHIO NASCE DAL GRADO DI VARIABILITA DEL TASSO DI PERDITA ATTORNO AL SUO VALORE ATTESO, CIOE DAL FATTO CHE EX POST LE PERDITE RISCONTRATE POSSONO DISCOSTARSI DA QUELLE PREVENTIVATE EX ANTE DALLA BANCA Probabilità ex post la perdita effettiva potrebbe essere molto superiore con una probabilità di accadimento via via più bassa Perdita attesa Perdita effettiva Perdite A.A LA MISURAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL RISCHIO DI CREDITO SI ASSOCIA ALLA COMPONENTE INATTESA DELLE PERDITE, CIOÈ ALLA VARIABILITÀ DELLE PERDITE EFFETTIVE RISPETTO A QUELLE ATTESE. IL RISCHIO NASCE DAL GRADO DI VARIABILITA DEL TASSO DI PERDITA ATTORNO AL SUO VALORE ATTESO, CIOE DAL FATTO CHE EX POST LE PERDITE RISCONTRATE POSSONO DISCOSTARSI DA QUELLE PREVENTIVATE EX ANTE DALLA BANCA Probabilità la copertura della perdita inattesa (il rischio effettivo) deve avvenire con capitale degli azionisti Perdita effettiva Perdite A.A

15 PERDITA ATTESA E INATTESA LA PERDITA INATTESA È UNA MISURA DELLA VARIABILITA DEL TASSO DI PERDITA ATTORNO AL VALORE ATTESO LA PERDITA ATTESA E NORMALMENTE CARICATA SULLO SPREAD DI TASSO E VIENE COPERTA DA RETTIFICHE DI VALORE E/O DA ACCANTONAMENTI AL FONDO RISCHI (VOCE DI COSTO NEL CONTO ECONOMICO) LA PERDITA INATTESA E ASSORBITA DAL CAPITALE PROPRIO E SENSIBILE AL GRADO DI CORRELAZIONE FRA SINGOLI IMPIEGHI E PUO ESSERE RIDOTTA DA UNA POLITICA DI DIVERSIFICAZIONE A.A LA DETERMINAZIONE DELLE PERDITE DEL PORTAFOGLIO PRESTITI LGD EAD PD Perdita attesa del portafoglio Aggregazione prestiti in portafoglio Correlazione fra perdite Perdita inattesa del portafoglio A.A

16 LA COMPOSIZIONE DEL PORTAFOGLIO IL CONCETTO DI DIVERSIFICAZIONE DEL PORTAFOGLIO COMBINAZIONE IN PORTAFOGLIO DI POSIZIONI DEBOLMENTE CORRELATE IN TERMINI DI RISCHIO FINALIZZATA AD OTTIMIZZARE IL MIX RENDIMENTO/RISCHIO LE SCELTE DI COMPOSIZIONE DEL PORTAFOGLIO SONO FINALIZZATE A RIDURRE IL GRADO DI RISCHIO NELLA SUA COMPONENTE SPECIFICA = CONNESSA ALLA CAPACITÀ/VOLONTÀ DI RIMBORSO DEL SINGOLO DEBITORE; SEMISPECIFICA = CONNESSA AGLI ANDAMENTI SETTORIALI/GEOGRAFICI A.A LA NOZIONE DI DIVERSIFICAZIONE Settoriale e geografica per classi dimensionali e di importo Per strutture tecniche DIVERSIFICAZIONE SETTORIALE E GEOGRAFICA SFRUTTA LE DISOMOGENEITÀ DEGLI ANDAMENTI ECONOMICI E DELLE DINAMICHE DEI FABBISOGNI FINANZIARI PER COMPARTI PRODUTTIVI E/O AREE TERRITORIALI L EFFETTO DIVERSIFICAZIONE È MASSIMO SE TRA SETTORI INTERESSATI NON INTERCORRE ALCUNA RELAZIONE ECONOMICO- COMMERCIALE LA CONCENTRAZIONE IN UN SETTORE/AMBITO GEOGRAFICO (CASO DEI DISTRETTI INDUSTRIALI) COMPORTA RISCHI: REDDITUALI: CRISI DEL SETTORE SI RIPERCUOTE DIRETTAMENTE SULL EQUILIBRIO REDDITUALE DELLA BANCA FINANZIARI: SE LE DINAMICHE UTILIZZO PRESTITI E ANDAMENTO DEPOSITI SONO ASIMMETRICHE A.A

17 LA NOZIONE DI DIVERSIFICAZIONE Settoriale e geografica per classi dimensionali e di importo DIVERSIFICAZIONE DIMENSIONALE Per strutture tecniche DIVERSIFICAZIONE PER CLASSE DIMENSIONALE DI IMPRESE (DIVERSA SENSIBILITÀ AL CICLO DI IMPRESE DI DIMENSIONI DIVERSE) RIPARTIZIONE PER CLASSI DI IMPORTO: SUDDIVISIONE DEL VOLUME DEGLI AFFIDAMENTI IN ESSERE FRA FASCE DI IMPORTO (RETAIL, MID, CORPORATE) FRAZIONAMENTO DEI RISCHI FISSAZIONE DI LIMITI ALL IMPORTO DEI PRESTITI DA CONCEDERE AD UN SINGOLO PRENDITORE, IN FUNZIONE DEI MEZZI PATRIMONIALI DELLA BANCA E/O DEL FABBISOGNO FINANZIARIO DEL SOGGETTO RICHIEDENTE (LIMITAZIONE DEI RISCHI) A.A LA NOZIONE DI DIVERSIFICAZIONE Settoriale e geografica per classi dimensionali e di importo Per strutture tecniche LA STRUTTURA TECNICA DEFINISCE GLI OBBLIGHI CONTRATTUALI DELLE PARTI (MODALITÀ DI UTILIZZO DEL CREDITO, TERMINI DI RIMBORSO, GARANZIE REALI E PERSONALI ASSOCIATE, TASSI DI INTERESSE E ONERI ACCESSORI) DIVERSIFICAZIONE PER FORME TECNICHE NON INFLUENZA LA SOLVIBILITA DEL DEBITORE E TUTTAVIA UTILE PERCHÉ L USO DI ALCUNE FORME TECNICHE FORNISCE ALLA BANCA SEGNALI PRECOCI DI INSOLVENZA E DI DEFINIRE ALCUNE DELLE MISURE DI RISCHIO A.A

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il pricing delle

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie Lezione 3 Il rating interno e il sistema delle garanzie Ricordiamo i concetti... Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: l istruttoria di fido

La valutazione di affidabilità creditizia: l istruttoria di fido La valutazione di affidabilità creditizia: l istruttoria di fido Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Rischio di credito e merito creditizio

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI Fausto Galmarini Amministratore Delegato UniCredit Factoring Milano, 23 giugno 2009 Key messages Basilea 2 ha introdotto un più stretto legame tra

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO Fondata nel 1871, la Banca Popolare di Sondrio è una delle prime banche popolari italiane ispirate al movimento popolare cooperativo del credito. Nel tempo, grazie all

Dettagli

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito Corso di CB & F Elementi dell Accordo di Basilea (rischio di credito) Basilea II Si tratta della revisione del complesso di norme regolamentari internazionali che dal 1988 sono imposte alle banche dalle

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche. Giuseppe G. Santorsola 1

1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche. Giuseppe G. Santorsola 1 1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche 1 Gli Intermediari nella teoria Modalità alternative attraverso le quali avviene lo scambio 1. Scambio diretto e autonomo: datori e prenditori

Dettagli

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Agenda Basilea II: alcune considerazioni e conseguenze I 4 valori dell analisi dinamica I cambiamenti per la banca STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE in collaborazione con: Promem Sud Est S.p.A. Società per la Promozione dei Mercati Mobiliari Sud Est S.p.A. GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE a cura del Dott. Aurelio Valente Amministratore

Dettagli

I prestiti (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI: Riduzione selezione avversa Riduzione moral hazard

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea 2 - PMI e Retail Il documento pubblicato nel gennaio 2001 non prevedeva un trattamento delle PMI differenziato rispetto al portafoglio

Dettagli

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa Factoring Tour Firenze, 6 febbraio 2007 Prof. Lorenzo Gai Università di Firenze Prof. Lorenzo Gai 1 Agenda Basilea 2: principi generali Basilea 2: utilizzi

Dettagli

BISOGNI: finanziamento investimento La funzione di collegamento o intermediazione. PRODOTTI - raccolta risorse finanziarie -investimenti risparmio

BISOGNI: finanziamento investimento La funzione di collegamento o intermediazione. PRODOTTI - raccolta risorse finanziarie -investimenti risparmio BISOGNI: finanziamento investimento La funzione di collegamento o intermediazione PRODOTTI - raccolta risorse finanziarie -investimenti risparmio 1 FLUSSI DI FONDI E circuiti di collegamento informale

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Definizioni La banca può essere definita sotto due diversi profili:

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo I rating interni e Basilea 2 Giuseppe Squeo 1 I rating interni Il rating rappresenta un giudizio sintetico (voto) sul grado di affidabilità, ordinato su una base discreta (classi di rating), di un soggetto

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

Prof. Maurizio Comoli Professore ordinario di Economia Aziendale Università del Piemonte Orientale

Prof. Maurizio Comoli Professore ordinario di Economia Aziendale Università del Piemonte Orientale La valutazione del merito creditizio e la classificazione dei crediti da parte del sistema bancario nei confronti delle imprese in crisi: ricadute sulle imprese Prof. Maurizio Comoli Professore ordinario

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA Area di interesse FINANZA Oggetto: IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2: quali parametri utilizzeranno le banche per valutare il grado di rischio delle aziende? Quali sono gli indicatori cruciali

Dettagli

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Lezione 1 Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Uniformità sistema creditizio Il Comitato di Basilea fu istituito nel 1974 tra i governatori delle Banche Centrali del G10. Obiettivo

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La validità del BUSINESS PLAN per le finalità di cui all accordo di

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche A cura di: Dott. Antonio Fortarezza MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche Il 3 agosto 2009 il Ministro dell'economia e delle finanze, il Presidente

Dettagli

I servizi di investimento

I servizi di investimento I servizi di investimento Si tratta di servizi di: Negoziazione Gestione e consulenza Collocamento per gli emittenti Nella prestazione di tali servizi la banca non diviene giuridicamente debitrice nei

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

Argomento: Basilea 2 BASILEA 2. lunedì 16/10/2007 15 ottobre 2007 Gruppo di studio Basilea 2 di OPEN Dot Com

Argomento: Basilea 2 BASILEA 2. lunedì 16/10/2007 15 ottobre 2007 Gruppo di studio Basilea 2 di OPEN Dot Com BASILEA 2 1 CHE COSA E BASILEA 2 BASILEA 1 E BASILEA 2 LE NOVITA DEL NUOVO ACCORDO CRONOLOGIA DELL ENTRATA IN VIGORE DI BASILEA 2 GLI EFFETTI DI BASILEA 2 SUI PRINCIPALI ISTITUTI DI CREDITO GLI EFFETTI

Dettagli

Il merito creditizio. Giuseppe Squeo

Il merito creditizio. Giuseppe Squeo Il merito creditizio Giuseppe Squeo 1 Il rischio di credito Il rischio di credito consiste: nell eventualità che alle scadenze previste dal contratto il cliente finanziato si riveli insolvente in misura

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 Società Cooperativa Sede Sociale 47900 Rimini Via XX Settembre, 63 Iscritta al Registro Imprese C.C.I.A.A. di Rimini R.E.A. 287035 Codice Fiscale

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

Introduzione ANDREA SIRONI

Introduzione ANDREA SIRONI I Introduzione ANDREA SIRONI I.1 Il rischio di credito: un problema di definizione i.2 Il rischio di credito: una classificazione I.3 Le componenti del rischio di credito I.4 Principali approcci alternativi

Dettagli

BASILEA 2. Trapani 18/12/2007. Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1

BASILEA 2. Trapani 18/12/2007. Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1 BASILEA 2 Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1 CHE COSA E E BASILEA 2 BASILEA 1 E BASILEA 2 LE NOVITA DEL NUOVO ACCORDO CRONOLOGIA DELL ENTRATA ENTRATA IN VIGORE DI BASILEA 2 GLI EFFETTI DI

Dettagli

Conoscere il Rating. Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea

Conoscere il Rating. Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea In questa fase di difficile congiuntura economica, l accesso al credito da parte del mondo produttivo è un tema di grande attualità

Dettagli

RATING ADVISORY: NUOVE PROSPETTIVE PROFESSIONALI PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA NEI SERVIZI DI FINANZA ALLE IMPRESE

RATING ADVISORY: NUOVE PROSPETTIVE PROFESSIONALI PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA NEI SERVIZI DI FINANZA ALLE IMPRESE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RATING ADVISORY: NUOVE PROSPETTIVE PROFESSIONALI PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA NEI SERVIZI DI FINANZA ALLE IMPRESE DETERMINANTI DEL RATING E SUO UTILIZZO

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Intermediazione Creditizia: Gestione dell Attivo e Raccolta

Intermediazione Creditizia: Gestione dell Attivo e Raccolta Intermediazione Creditizia: Gestione dell Attivo e Raccolta 01 ottobre 2013 Economia e Gestione degli Intermediari Finanziari Eugenio Namor eugenio.namor@gmail.com I temi della lezione 1. I Prestiti e

Dettagli

LE POLITICHE DI RACCOLTA DELLA BANCA

LE POLITICHE DI RACCOLTA DELLA BANCA LE POLITICHE DI RACCOLTA DELLA BANCA STRUTTURA DELLA LEZIONE DEFINIZIONE E DIFFERENZE ECONOMICHE TRA RACCOLTA DIRETTA E RACCOLTA INDIRETTA FORME TECNICHE, FUNZIONI E ASSICURAZIONE DEI DEPOSITI NELLA RACCOLTA

Dettagli

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BASILEA II AL 31 DICEMBRE 2012 Indice 1 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 1.1 Informativa qualitativa... 3 1.1.1 Mappatura dei rischi... 3 1.1.2 Misurazione

Dettagli

GUIDA PRATICA A BASILEA 2

GUIDA PRATICA A BASILEA 2 GUIDA PRATICA A BASILEA 2 GUIDA PRATICA A BASILEA 2 Progetto realizzato da Confcommercio Cosenza Con il contributo della Regione Calabria La gestione del progetto è stata affida al C.A.T. - Centro Assistenza

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof.

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof. ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE 1 Ogni operazione di prestito concessa dalle banche a favore del soggetto che ne ha fatto richiesta prevede due FASI PRELIMINARI alla stipula del contratto

Dettagli

La Politica dei Prestiti

La Politica dei Prestiti Corso di Laurea in Amministrazione e Controllo Anno accademico 2009/2010 Tecnica Bancaria La Politica dei Prestiti Gruppo 5 Cognome Nome Matricola Grasso Marialuisa 632/001318 Naceto Vincenzo 632/001316

Dettagli

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al Pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 2. RISCHIO DI CREDITO:

Dettagli

La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati

La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati La recente analisi dei prestiti deteriorati condotta dalla Banca d Italia: principali caratteristiche e risultati 1. Premessa Negli anni più recenti l economia italiana ha registrato una notevole contrazione.

Dettagli

BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE

BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE L IMPORTANZA DEL CAPITALE Basilea 2 è il nuovo Accordo internazionale sui requisiti

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III

INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ISCRITTI NELL ELENCO SPECIALE (CIRC. N. 216 DEL 5 AGOSTO 1996) PILLAR III Situazione al 31/12/2013 Sommario

Dettagli

Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento

Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento Il nuovo quadro regolamentare e prudenziale: implicazioni nei rapporti di finanziamento 1. REGOLAMENTAZIONE, STABILITA E CRESCITA: QUALI PRIORITA? 2. QUALI VINCOLI «ESTERNI» ALL ATTIVITÀ DI EROGAZIONE

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle F1amiglie 2008 Sessione Parallela A2 Gestione dei rischi e

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche:

Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche: Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche: una guida metodologica Presentazione del volume Andrea Resti, università di Bergamo andrea@unibg.it Traccia di questa presentazione: Cos è il credit

Dettagli

Corso di Formazione. Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica. Padova, 04 Novembre 2014. L informatica per i Confidi

Corso di Formazione. Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica. Padova, 04 Novembre 2014. L informatica per i Confidi Corso di Formazione Aggiornamenti Normativi Antiriciclaggio e Adeguata Verifica Padova, 04 Novembre 2014 Ore 09.30 11.00 Antiriciclaggio Antiterrorismo Monitoraggio fiscale Privacy La normativa primaria,

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 L attività creditizia: questioni teoriche e pratiche I prestiti costituiscono la principale voce dell

Dettagli

Modello Interno di Rating del Segmento Retail

Modello Interno di Rating del Segmento Retail Modello Interno di Rating del Segmento Retail Ricerca Newfin FITD Università Bocconi Milano, Framework Piano di lavoro Introduzione Cenni normativi Definizione del segmento Retail Trattamento del segmento

Dettagli

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO BANCA POPOLARE DI LODI Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle BANCA POPOLARE DI LODI RETI BANCARIE H. SPA BIPIELLE

Dettagli

La gestione della raccolta bancaria (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

La gestione della raccolta bancaria (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 La gestione della raccolta bancaria (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Definizioni Nella prassi bancaria, il termine raccolta viene utilizzato per

Dettagli

RENDICONTO FINANZIARIO

RENDICONTO FINANZIARIO RENDICONTO FINANZIARIO IN OTTICA BASILEA 2 1 Utilità del Rendiconto finanziario L utilità del rendiconto finanziario trae motivo dal fatto che non si ha, quasi mai, coincidenza fra gli andamenti economici

Dettagli

Regione Liguria. Vademecum BASILEA 2. In collaborazione con

Regione Liguria. Vademecum BASILEA 2. In collaborazione con Regione Liguria Vademecum BASILEA 2 In collaborazione con BASILEA2: RISCHIO O OPPORTUNITÀ IL NUOVO ACCORDO DI BASILEA SUL CAPITALE A GARANZIA DELLA SOLVIBILITÀ DEL SISTEMA BANCARIO INTERNAZIONALE I TRE

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

Reti d Impresa. Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Padova - 5 novembre 2012

Reti d Impresa. Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Padova - 5 novembre 2012 Reti d Impresa Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Padova - 5 novembre 2012 Il presente documento è destinato esclusivamente al Personale di Rete e tutte le informazioni in esso

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO GLOSSARIO AFFIDATI (NUMERO) Soggetti (persone fisiche, persone giuridiche, cointestazioni) al nome dei quali siano pervenute, alla data di riferimento, una o più segnalazioni alla Centrale dei rischi a

Dettagli

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6

Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 Introduzione alla misurazione e gestione del rischio di liquidità Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 6 RISCHIO DI LIQUIDITA - DEFINIZIONE Per le istituzioni finanziarie: Si intende

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31/12/2013 ASCOMFIDI PIEMONTE Società Cooperativa Via Massena, 20-10128 Torino Tel. 011/5516267/5516297

Dettagli

I crediti di firma ed il credito al consumo

I crediti di firma ed il credito al consumo I crediti di firma ed il credito al consumo Economia delle aziende di credito A.A. 2008/2009 1 I crediti di firma 1) Introduzione 1.1 I crediti di firma 1.2 Funzione dei crediti di firma 2) Le accettazioni

Dettagli