LA GESTIONE PRESTITI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE PRESTITI"

Transcript

1 LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI DI INSOLVENZA (DEFAULT) LA BANCA PUÒ RECUPERARE O MENO LA TOTALITÀ DEL CREDITO GLI EFFETTI DELL INSOLVENZA SI MANIFESTANO COME: PERDITA IN CONTO CAPITALE E IN CONTO INTERESSI (RIMBORSO PARZIALE) PERDITA IN CONTO INTERESSI (IPOTESI DI RINEGOZIAZIONE DEI TASSI O DELLE SCADENZE) COSTI DI LIQUIDITÀ (MANCATO RISPETTO DEI TERMINI CONTRATTUALI DI RIENTRO) A.A

2 RISCHIO DI CREDITO E RICONDUCIBILE AL CONCETTO DI INSOLVENZA MA ANCHE A QUELLO DI RITARDO NEI PAGAMENTI/O PAGAMENTI PARZIALI SPESSO COLLEGATO ANCHE A PROCEDURE DI RISTRUTTURAZIONE O DI RESCHEDULING DEL PRESTITO COMPORTA DI FATTO ANCHE IN QUESTO CASO UNA MODIFICA DELLA SCADENZA E DEI PREZZI (PREMIO AL RISCHIO/TASSO) HA EFFETTI SUL VALORE ATTUALE DEL PRESTITO DUE ULTERIORI PROFILI DEL RISCHIO DI CREDITO RISCHIO SETTORIALE: CORRELAZIONE TRA POSIZIONE DELL AFFIDATO E ANDAMENTO CICLICO DEL SETTORE RISCHIO DI GRUPPO: COLLEGATO ALL ESISTENZA DI RAPPORTI DI GRUPPO E OGGETTO DI SPECIFICO TRATTAMENTO DA PARTE DELLA VIGILANZA IL CONCETTO DI RISCHIO PAESE IL CONCETTO DI RISCHIO SOVRANO IL CONCETTO DI RISCHIO DI CONTROPARTE LE RELAZIONI CON LA VIGILANZA IL RUOLO DELLA VIGILANZA INFORMATIVA IL RUOLO DELLA VIGILANZA ISPETTIVA A.A CREDITI VIVI E PROBLEMATICI CLASSIFICAZIONE DELLE POSIZIONI CREDITI VIVI O IN BONIS CREDITI DUBBI PARTITE INCAGLIATE: CREDITI VERSO SOGGETTI IN TEMPORANEA SITUAZIONE DI ILLIQUIDITÀ O DIFFICOLTÀ, CHE POSSA ESSERE RIMOSSA IN CONGRUO PERIODO DI TEMPO SOFFERENZE: CREDITI VERSO SOGGETTI IN STATO DI INSOLVENZA (ANCHE NON ACCERTATO GIUDIZIALMENTE) O IN SITUAZIONI EQUIPARABILI CREDITI RISTRUTTURATI: PER I QUALI SONO STATI CONCORDATI NUOVI PIANI DI RIMBORSO A MEDIO-LUNGO TERMINE, A TASSI PIU CONTENUTI A.A

3 CRITERI DI VALUTAZIONE DEI CREDITI IN BILANCIO VIENE INIZIALMENTE ISCRITTO L IMPORTO EROGATO AL VALORE STORICO IL CREDITO VIENE PERIODICAMENTE VALUTATO ED ESPOSTO IN BILANCIO AL VALORE DI PRESUMIBILE REALIZZO ( VALORE DI MERCATO ) LA SVALUTAZIONE (RETTIFICHE DI VALORE) EQUIVALE A UNA PREVISIONE DI PERDITA, QUANTIFICATA ANCHE IN BASE AL POSSIBILE RECUPERO (REALIZZO DELLE GARANZIE) RETTIFICHE (DIRETTE): ANALITICHE, SU SINGOLE POSIZIONI VIVE O PROBLEMATICHE (A INCAGLIO O IN SOFFERENZA) FORFETTARIE, SU CREDITI VIVI O PROBLEMATICI DI BASSO IMPORTO, SULLA BASE DEL RISCHIO FISIOLOGICO OSSERVATO PER PORTAFOGLI OMOGENEI PER SETTORE, DIMENSIONE E LOCALIZZAZIONE GEOGRAFICA DEL DEBITORE CON IMPUTAZIONE DELLA RETTIFICA A CONTO ECONOMICO RETTIFICHE INDIRETTE ACCANTONAMENTI PRUDENZIALI AL FONDO RISCHI SU CREDITI (RISCHI EVENTUALI) A.A CRITERI DI VALUTAZIONE DEI CREDITI VALUTAZIONE ANALITICA EROGAZIONE DI UN PRESTITO PER 100 (2008) L ESERCIZIO SUCCESSIVO (2009) SVALUTO IL VALORE ORIGINARIO PER 2 A SEGUITO DI UN INCREMENTO DEL RISCHIO DI INSOLVENZA DEL DEBITORE Conto economico 2009 ATT Esercizio PASS Interessi attivi - Interessi passivi = Margine di interesse + Ricavi da servizi = Margine di intermediazione (-) Costi personale (-) Spese generali ATT Esercizio 2009 PASS Risultato di gestione 98 (-) Rettifiche su crediti 2 RETTIFICA DIRETTA A.A

4 CRITERI DI VALUTAZIONE DEI CREDITI VALUTAZIONE FORFETARIA PORTAFOGLIO DI PRESTITI VALUTATO PER 100 (2008) L ESERCIZIO SUCCESSIVO (2009) SVALUTO IL VALORE ORIGINARIO PER 2 A SEGUITO DI UN INCREMENTO DEL RISCHIO DI INSOLVENZA PER L INTERO PORTAFOGLIO Conto economico 2009 ATT ATT Esercizio Esercizio PASS PASS 2 Fondo rischi su crediti Interessi attivi - Interessi passivi = Margine di interesse + Ricavi da servizi = Margine di intermediazione (-) Costi personale (-) Spese generali Risultato di gestione (-) Accantonamento a fondo rischi su crediti 2 RETTIFICA INDIRETTA A.A LA POLITICA DEI PRESTITI INSIEME DI INDIRIZZI FINALIZZATO ALLA CREAZIONE DEL PORTAFOGLIO PRESTITI NEL SUO COMPLESSO ORIENTA LA BANCA NELLE SCELTE RELATIVE VOLUME PORTAFOGLIO PRESTITI CRITERI DI VALUTAZIONE (RISCHIO) DELLE SINGOLE OPERAZIONI COMPOSIZIONE PORTAFOGLIO CREDITI A.A

5 LA DIMENSIONE DEL PORTAFOGLIO PRESTITI LA CONSISTENZA DEL PORTAFOGLIO PRESTITI AD UNA CERTA DATA DIPENDE DA AVVICENDAMENTO DI NUOVE CONCESSIONI E RIMBORSI VOLUMI DI ATTIVITÀ SVOLTA E SCADENZA DELLE OPERAZIONI LA DETERMINAZIONE DEL TASSO DI CRESCITA DELLO STOCK DI PRESTITI CRESCITA MASSIMA: SI MIGLIORANO I MARGINI MA SPESSO A SCAPITO DELLE CONDIZIONI DI EQUILIBRIO REDDITUALE E FINANZIARIO (CAUSA PRINCIPALE DEI DISSESTI FINANZIARI) CRESCITA SOSTENIBILE: COMPATIBILE CON LE CONDIZIONI DI RISCHIO LA POLITICA DELLA RACCOLTA E E DELLA LIQUIDITÀ (FATTORI INTERNI) VINCOLI ESTERNI (AMBIENTE COMPETITIVO, NORME DI VIGILANZA) A.A LA SEQUENZA OPERATIVA PREVEDE: LA VALUTAZIONE: UN QUADRO D INSIEME A - IL PROCESSO PRELIMINARE DI VALUTAZIONE PROCESSO DI AFFIDAMENTO DETERMINAZIONE DEL PROFILO DEL FABBISOGNO VALUTAZIONE DELLA CAPACITA DI RIMBORSO E DEL MERITO DI CREDITO B - LA SCELTA DELLE FORME TECNICHE E LA DEFINIZIONE DELLE CONDIZIONI SCELTA DEI CONTRATTI DI FINANZIAMENTO IMPORTI E FORME TECNICHE TASSI/PREZZI GARANZIE C - IL CONTROLLO DEL CREDITO MONITORAGGIO DEL DEBITORE CONTROLLO DEGLI UTILIZZI DEL CREDITO VERIFICA DELLA CAPACITA DI RIMBORSO A.A

6 LA VALUTAZIONE DEI FIDI IL PROCESSO DI VALUTAZIONE APPREZZAMENTO DELLA CAPACITÀ DI RIMBORSO DEI SOGGETTI RICHIEDENTI CREDITO (ANALISI DEL RISCHIO DEL SINGOLO PRESTITO); RISCHIO DI CREDITO VERIFICA DELLE COMPATIBILITÀ FRA LA SINGOLA RICHIESTA E LE SCELTE DI VOLUME E COMPOSIZIONE DEL PORTAFOGLIO (OTTICA DI PORTAFOGLIO) RISCHIO DI PORTAFOGLIO A.A L ATTIVITÀ DI SELEZIONE E DI MONITORAGGIO RACCOLTA DI INFORMAZIONI DI DIVERSO TIPO PER DESCRIVERE E VALUTARE IL PROGETTO DI INVESTIMENTO (QUALITA DELL IMPRESA) TUTTAVIA IL CONTESTO RESTA DI INFORMAZIONE INCOMPLETA (L ASIMMETRIA SI PUÒ SOLO RIDURRE) L INFORMAZIONE FORNITA VA VALUTATA SOTTO IL PROFILO DELLA VERIDICITÀ E DELLA COMPLETEZZA ESISTE UN TRADE OFF TRA COSTO MARGINALE DELL INFORMAZIONE E UTILITÀ MARGINALE DELLA STESSA LA BANCA VERIFICA COSTANTEMENTE LA RISCHIOSITÀ DELLA POSIZIONE FINANZIATA (MONITORAGGIO O CONTROLLO) ATTRAVERSO SERVIZIO DEL DEBITO AFFIDABILITA DEL DEBITORE ATTRAVERSO L AGGIORNAMENTO DELLE INFORMAZIONI DI BILANCIO E DALLE INFORMAZIONI DI CENTRALE RISCHI CONTROLLO DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI CONTROLLO DEL PROFILO DEI FLUSSI DI INCASSI/PAGAMENTI (ATTRAVERSO IL RAPPORTO DI C/C) A.A

7 IL PROCESSO DI AFFIDAMENTO LE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO COMPORTANO UN MECCANISMO DI VALUTAZIONE (ISTRUTTORIA DI FIDO) VOLTO A DETERMINARE DIMENSIONI DEL FABBISOGNO, MODALITA DI COPERTURA CAPACITA DI RIMBORSO DELL AFFIDATO SCOMPONIBILI IN FASI: ANALISI DELLE QUALITA PERSONALI (PROFILO) DEL RICHIEDENTE VERIFICA DEGLI ASPETTI FORMALI DELLA DOCUMENTAZIONE ANALISI DI TIPO QUALITATIVO e QUANTITATIVO VALUTAZIONI DI SINTESI MONITORAGGIO DELLA POSIZIONE DURANTE LA VITA DEL PRESTITO A.A LA STIMA DEL RISCHIO DI CREDITO Character attitudine volontà di rimborsare Conditions condizioni del ciclo e del settore Le 5 C Capital dotazione di capitale Collateral presenza e ruolo delle garanzie Capacity attitudine a generare flussi di cassa A.A

8 IL SET INFORMATIVO PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO L ACQUISIZIONE DELLE INFORMAZIONI E FUNZIONALE A: COMPRENDERE I BISOGNI DEI CLIENTI E INDIVIDUARE I PRODOTTI PIÙ ADATTI (PROSPETTIVA COMMERCIALE) OTTENERE UNA MISURA DEL RISCHIO DI OGNI PRESTITO E DELL INTERO PORTAFOGLIO (PROSPETTIVA GESTIONALE) UTILIZZA NORMALMENTE FONTI INFORMATIVE ESTERNE INFORMAZIONI FORNITE DAL CLIENTE FONTI INFORMATIVE INTERNE E DI SISTEMA A.A LE FONTI INFORMATIVE ESTERNE A.A

9 LE INFORMAZIONI INFORMATIVE FORNITE DAL CLIENTE IMPRESA PRIVATO BILANCI PROSPETTI DI FLUSSI DI CASSA E BUDGET INFORMAZIONI SUL SETTORE DI APPARTENENZA/AREA GEOGRAFICA E SUI MERCATI DI RIFERIMENTO CERTIFICAZIONE DEL REDDITO PERCEPITO INDICAZIONE DELLE SPESE RICORRENTI (PREMI SU POLIZZE VITA) COMPORTAMENTI FINANZIARI COMPORTANO UN PROBLEMA DI AFFIDABILITÀ A.A LE FONTI INFORMATIVE INTERNE NEL CASO IN CUI IL RICHIEDENTE SIA CLIENTE DELLA BANCA E DISPONIBILE UN AMPIO SET DI INFORMAZIONI RICAVABILI DAL RAPPORTO DI CONTO CORRENTE PROFILO DEGLI UTILIZZI E DEI RIMBORSI (FABBISOGNI) E MOVIMENTAZIONE DEL CONTO (INCASSI E PAGAMENTI) TIPOLOGIA DI CONTROPARTI CREDITRICI/DEBITRICI A.A

10 LA CENTRALE DEI RISCHI DI BANCA D ITALIA SISTEMA DI CENTRALIZZAZIONE DEI RISCHI (BANCA DATI) GESTITA DALLA BANCA D ITALIA GLI INTERMEDIARI POSSONO RICHIEDERE INFORMAZIONI SULL ESPOSIZIONE DI CLIENTI GIÀ AFFIDATI PRESSO ALTRE ISTITUZIONI CREDITIZIE RILEVA L ESPOSIZIONE MENSILE DI OGNI SINGOLO CLIENTE (IMPRESA) PER CASSA, PER FIRMA O PER GARANZIE CENSISCE LE POSIZIONI SUPERIORI A EURO (AD ECCEZIONE DELLE SOFFERENZE) FLUSSO DI RITORNO PERSONALIZZATO FLUSSO DI RITORNO STATISTICO SERVIZIO DI PRIMA INFORMAZIONE = = = indebitamento complessivo del cliente e composizione per forme tecniche dati aggregati di sistema riferiti al rischio complessivo del sistema bancario informazioni su clienti non segnalati precedentemente dalla banca A.A A.A

11 GLI OBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO Selezione della clientela e assunzione di un rischio (politica della banca e vincoli di vigilanza) Pricing dei prestiti in misura adeguata al rischio al fine di: 1. coprire il costo dei fondi 2. remunerare gli azionisti 3. coprire le eventuali perdite generate dal rischio di credito A.A LA MISURAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL RISCHIO DI CREDITO È DEFINITO COME LA POSSIBILITÀ CHE IL DEBITORE NON ADEMPIA ALLA PROPRIA OBBLIGAZIONE VANNO ANCHE CONSIDERATE LE VARIAZIONI DEL MERITO DI CREDITO NEL CORSO DEL TEMPO (MIGRAZIONI TRA CLASSI DI RISCHIO O DI RATING) MISURA DI INSOLVENZA O DEL RISCHIO (DEFAULT): PERDITA CHE LA BANCA POTREBBE SUBIRE AL VERIFICARSI DELL INADEMPIMENTO E DIPENDE DA PROBABILITÀ CHE L EVENTO SI MANIFESTI (EXPECTED DEFAULT FREQUENCY O EDF) O PIU SPESSO PD (PROBABILITY OF DEFAULT) TASSO DI PERDITA IN CASO DI INSOLVENZA (LOSS GIVEN DEFAULT O LGD) ESPOSIZIONE CREDITIZIA IN CASO DI INSOLVENZA (EXPOSURE AT DEFAULT O EAD) PERDITA ATTESA: PD x LGD x EAD A.A

12 LA MISURAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO SE IPOTIZZO CHE IL DEBITORE ABBIA UNA PROBABILITA DI ANDARE IN DEFAULT DELL 1% (PD) CHE NELL IPOTESI IN CUI IL DEFAULT SI VERIFICHI LA MIA QUOTA DI PERDITA (LGD) SIA DEL 40% (LA QUOTA DI RECUPERO SIA DEL 60%) SU UNA ESPOSIZIONE DEL 100% AL MOMENTO DEL DEFAULT (EAD) PD x LGD x EAD = 0,01 x 0,40 x 1 = PERDITA ATTESA DI 0,4 (40 CENTESIMI SU 100 DI ESPOSIZIONE) IL TASSO DI PERDITA ATTESA SU UNA POSIZIONE DI 100 SARA PARI A 0,4% A.A Informazioni quantitative UN MODELLO DI RATING ANDAMENTALI DI SISTEMA ANDAMENTALI INTERNI RATING STATISTICO DATI DI BILANCIO DATI GEOSETTORIALI RATING Integrato QUESTIONARIO QUALITATIVO RATING QUALITATIVO EVENTI PREGIUDIZIEVOLI Peggioramenti automatici ALTRI EVENTI NEGATIVI RATING finale A.A

13 IL RATING FINALE RATING ASSIGNMENT RATING QUANTIFICATION A.A LA MISURAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL RISCHIO DI CREDITO SI ASSOCIA ALLA COMPONENTE INATTESA DELLE PERDITE, CIOÈ ALLA VARIABILITÀ DELLE PERDITE EFFETTIVE RISPETTO A QUELLE ATTESE. IL RISCHIO NASCE DAL GRADO DI VARIABILITA DEL TASSO DI PERDITA ATTORNO AL SUO VALORE ATTESO, CIOE DAL FATTO CHE EX POST LE PERDITE RISCONTRATE POSSONO DISCOSTARSI DA QUELLE PREVENTIVATE EX ANTE DALLA BANCA mi attendo una perdita di 5 ma ex post la perdita effettiva potrebbe essere 10 o Perdita attesa Perdita effettiva Perdita effettiva Perdite A.A

14 LA MISURAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL RISCHIO DI CREDITO SI ASSOCIA ALLA COMPONENTE INATTESA DELLE PERDITE, CIOÈ ALLA VARIABILITÀ DELLE PERDITE EFFETTIVE RISPETTO A QUELLE ATTESE. IL RISCHIO NASCE DAL GRADO DI VARIABILITA DEL TASSO DI PERDITA ATTORNO AL SUO VALORE ATTESO, CIOE DAL FATTO CHE EX POST LE PERDITE RISCONTRATE POSSONO DISCOSTARSI DA QUELLE PREVENTIVATE EX ANTE DALLA BANCA Probabilità ex post la perdita effettiva potrebbe essere molto superiore con una probabilità di accadimento via via più bassa Perdita attesa Perdita effettiva Perdite A.A LA MISURAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL RISCHIO DI CREDITO SI ASSOCIA ALLA COMPONENTE INATTESA DELLE PERDITE, CIOÈ ALLA VARIABILITÀ DELLE PERDITE EFFETTIVE RISPETTO A QUELLE ATTESE. IL RISCHIO NASCE DAL GRADO DI VARIABILITA DEL TASSO DI PERDITA ATTORNO AL SUO VALORE ATTESO, CIOE DAL FATTO CHE EX POST LE PERDITE RISCONTRATE POSSONO DISCOSTARSI DA QUELLE PREVENTIVATE EX ANTE DALLA BANCA Probabilità la copertura della perdita inattesa (il rischio effettivo) deve avvenire con capitale degli azionisti Perdita effettiva Perdite A.A

15 PERDITA ATTESA E INATTESA LA PERDITA INATTESA È UNA MISURA DELLA VARIABILITA DEL TASSO DI PERDITA ATTORNO AL VALORE ATTESO LA PERDITA ATTESA E NORMALMENTE CARICATA SULLO SPREAD DI TASSO E VIENE COPERTA DA RETTIFICHE DI VALORE E/O DA ACCANTONAMENTI AL FONDO RISCHI (VOCE DI COSTO NEL CONTO ECONOMICO) LA PERDITA INATTESA E ASSORBITA DAL CAPITALE PROPRIO E SENSIBILE AL GRADO DI CORRELAZIONE FRA SINGOLI IMPIEGHI E PUO ESSERE RIDOTTA DA UNA POLITICA DI DIVERSIFICAZIONE A.A LA DETERMINAZIONE DELLE PERDITE DEL PORTAFOGLIO PRESTITI LGD EAD PD Perdita attesa del portafoglio Aggregazione prestiti in portafoglio Correlazione fra perdite Perdita inattesa del portafoglio A.A

16 LA COMPOSIZIONE DEL PORTAFOGLIO IL CONCETTO DI DIVERSIFICAZIONE DEL PORTAFOGLIO COMBINAZIONE IN PORTAFOGLIO DI POSIZIONI DEBOLMENTE CORRELATE IN TERMINI DI RISCHIO FINALIZZATA AD OTTIMIZZARE IL MIX RENDIMENTO/RISCHIO LE SCELTE DI COMPOSIZIONE DEL PORTAFOGLIO SONO FINALIZZATE A RIDURRE IL GRADO DI RISCHIO NELLA SUA COMPONENTE SPECIFICA = CONNESSA ALLA CAPACITÀ/VOLONTÀ DI RIMBORSO DEL SINGOLO DEBITORE; SEMISPECIFICA = CONNESSA AGLI ANDAMENTI SETTORIALI/GEOGRAFICI A.A LA NOZIONE DI DIVERSIFICAZIONE Settoriale e geografica per classi dimensionali e di importo Per strutture tecniche DIVERSIFICAZIONE SETTORIALE E GEOGRAFICA SFRUTTA LE DISOMOGENEITÀ DEGLI ANDAMENTI ECONOMICI E DELLE DINAMICHE DEI FABBISOGNI FINANZIARI PER COMPARTI PRODUTTIVI E/O AREE TERRITORIALI L EFFETTO DIVERSIFICAZIONE È MASSIMO SE TRA SETTORI INTERESSATI NON INTERCORRE ALCUNA RELAZIONE ECONOMICO- COMMERCIALE LA CONCENTRAZIONE IN UN SETTORE/AMBITO GEOGRAFICO (CASO DEI DISTRETTI INDUSTRIALI) COMPORTA RISCHI: REDDITUALI: CRISI DEL SETTORE SI RIPERCUOTE DIRETTAMENTE SULL EQUILIBRIO REDDITUALE DELLA BANCA FINANZIARI: SE LE DINAMICHE UTILIZZO PRESTITI E ANDAMENTO DEPOSITI SONO ASIMMETRICHE A.A

17 LA NOZIONE DI DIVERSIFICAZIONE Settoriale e geografica per classi dimensionali e di importo DIVERSIFICAZIONE DIMENSIONALE Per strutture tecniche DIVERSIFICAZIONE PER CLASSE DIMENSIONALE DI IMPRESE (DIVERSA SENSIBILITÀ AL CICLO DI IMPRESE DI DIMENSIONI DIVERSE) RIPARTIZIONE PER CLASSI DI IMPORTO: SUDDIVISIONE DEL VOLUME DEGLI AFFIDAMENTI IN ESSERE FRA FASCE DI IMPORTO (RETAIL, MID, CORPORATE) FRAZIONAMENTO DEI RISCHI FISSAZIONE DI LIMITI ALL IMPORTO DEI PRESTITI DA CONCEDERE AD UN SINGOLO PRENDITORE, IN FUNZIONE DEI MEZZI PATRIMONIALI DELLA BANCA E/O DEL FABBISOGNO FINANZIARIO DEL SOGGETTO RICHIEDENTE (LIMITAZIONE DEI RISCHI) A.A LA NOZIONE DI DIVERSIFICAZIONE Settoriale e geografica per classi dimensionali e di importo Per strutture tecniche LA STRUTTURA TECNICA DEFINISCE GLI OBBLIGHI CONTRATTUALI DELLE PARTI (MODALITÀ DI UTILIZZO DEL CREDITO, TERMINI DI RIMBORSO, GARANZIE REALI E PERSONALI ASSOCIATE, TASSI DI INTERESSE E ONERI ACCESSORI) DIVERSIFICAZIONE PER FORME TECNICHE NON INFLUENZA LA SOLVIBILITA DEL DEBITORE E TUTTAVIA UTILE PERCHÉ L USO DI ALCUNE FORME TECNICHE FORNISCE ALLA BANCA SEGNALI PRECOCI DI INSOLVENZA E DI DEFINIRE ALCUNE DELLE MISURE DI RISCHIO A.A

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

RISPOSTA AL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA BANCA D ITALIA LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. RIFLESSI SULLE SEGNALAZIONI DI CENTRALE DEI RISCHI E DI VIGILANZA

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria Facoltà di Economia Corso di Laurea in Mercati e intermediari finanziari Le agenzie di rating e la crisi finanziaria RELATORE Prof. Claudio Boido CANDIDATO Greta Di Fabio ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Indice

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Luglio 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto

Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO Aggiornamento n. 13 di Aprile 2015 MMM00589 04/2015 Pag. 1 di 34 INDICE: PREMESSA... 3 INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA...

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli