Globesità: strategia ed interventi. Se ne discute oggi in Senato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Globesità: strategia ed interventi. Se ne discute oggi in Senato"

Transcript

1 CARTELLA STAMPA

2 COMUNICATO STAMPA Globesità: strategia ed interventi. Se ne discute oggi in Senato OBESITÀ E SOVRAPPESO CAUSANO OGNI ANNO 1 MILIONE DI MORTI E 12 MILIONI DI MALATI SOLO IN EUROPA: ISTITUZIONI, MONDO ACCADEMICO E SCIENTIFICO A CONFRONTO PER INDIVIDUARE PROPOSTE E SOLUZIONI ALL EPIDEMIA DEL SECOLO Roma, 6 luglio milioni di soggetti sovrappeso e oltre 5 milioni di obesi in Italia. L impatto dell obesità soprattutto dell obesità grave sui costi sociali nel nostro Paese supera ogni anno gli 8 miliardi di Euro, pari al 6,7% della spesa sanitaria nazionale, escludendo da tali valutazioni costi intangibili altrettanto gravosi, come quelli legati al nucleo sociale dell obeso, alla discriminazione lavorativa, a un più basso rendimento scolastico e, in definitiva, ai conseguenti disagi psicosociali. Ipotizzando inoltre che una persona obesa abbia una vita media attesa pari a 75 anni, un diciottenne obeso, rispetto ad un coetaneo normopeso, ha un costo sociale totale aggiuntivo stimabile in circa Euro. Questi numeri indicano come anche l Italia si trovi a dover gestire un fenomeno allarmante, un epidemia inarrestabile per proporzioni e dimensioni. Dati che dimostrano quanto sia urgente individuare soluzioni capaci di arginare una patologia che non conosce confini, né limiti sociali o demografici, con un quadro che risulta ancora più grave se si considerano le evidenze relative ai più giovani: secondo i recenti dati ISTAT, infatti, l obesità infantile è sempre più diffusa anche nel nostro Paese dove, nella fascia di età tra i 6 e i 17 anni, 1 bambino su 3 è sovrappeso e 1 su 4 è obeso. Temi che vengono affrontati oggi, in occasione del dibattito Globesità: strategia e interventi, promosso dall Associazione Parlamentare per la tutela e la promozione del diritto alla prevenzione e dall Università degli Studi di Roma Tor Vergata, con l obiettivo di individuare risposte concrete alla diffusione incontrollata dell obesità, soprattutto quella grave, e ai costi ad essa connessi. Questioni sollevate negli ultimi mesi anche da parte dell ONU, dell Organizzazione Mondiale della Sanità e del Consiglio d Europa. Obesità e sovrappeso devono peraltro essere analizzate anche sulla base delle diverse complicanze di cui sono responsabili, tra le quali il diabete di tipo 2, l ipertensione arteriosa e altre patologie dell apparato cardiovascolare, con ulteriori ricadute negative sui sistemi sanitari nazionali dal punto di vista economico e sociale. Uno scenario complesso rispetto al quale è necessaria un azione comune basata su un efficace sistema di alleanze e collaborazioni tra Istituzioni, mondo scientifico e accademico. Primo step in tale direzione è la nascita dell Obesity Expert Group, costituito su iniziativa del Magnifico Rettore dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata, per sottoporre proprio alle Istituzioni, proposte, progetti e idee trasformandole in call to action. L obesità è una malattia sociale complessa che necessita dell intervento di tutti gli attori coinvolti in una sfida il cui esito futuro si deciderà proprio in questi anni dichiara il Sen. Antonio Tomassini, Presidente della XII Commissione Igiene e Sanità del Senato della Repubblica e Presidente dell Associazione Parlamentare per la tutela e la promozione del diritto alla prevenzione sulla base della validità degli interventi che verranno proposti e attuati. Per affrontare i problemi legati a questa patologia, bisogna distinguere l obesità arginabile con la prevenzione e un corretto stile di vita dall obesità grave e irreversibile che rende invece indispensabile un approccio multidisciplinare per la sua gestione, continua il Sen. Tomassini. Proprio su tali presupposti sono nati due disegni di legge, unificati poi in un unico provvedimento attualmente in discussione presso la Commissione Igiene e Sanità del Senato conclude il Sen. Tomassini con l obiettivo di promuovere, ad esempio, specifici programmi di informazione nella scuola dell obbligo, percorsi di formazione sull obesità grave per la classe medica e l istituzione di un Osservatorio Nazionale sull Obesità per monitorare l evoluzione dell epidemia. Informazione, prevenzione e diffusione di una maggiore cultura dei corretti stili di vita sono alcune delle soluzioni conosciute e praticabili, ma non sembrano essere sufficienti considerando che, secondo recenti stime, circa 1 milione

3 e 100 mila bambini italiani ha problemi di peso e che, senza un intervento radicale, più di 1 milione di giovani con problemi di peso potrebbe vivere dai 10 ai 20 anni in meno rispetto ai coetanei normopeso. Per queste ragioni diventano decisive anche leve come la formazione specifica della classe medica. Esistono attualmente numerose attività di formazione, ma per poter creare figure professionali in grado di valutare in maniera corretta il paziente obeso e individuare la cura più appropriata, si dovranno predisporre percorsi universitari e post-universitari di alta specializzazione, afferma il Prof. Renato Lauro, Magnifico Rettore dell Università degli Studi di Roma di Tor Vergata. Concordo pienamente con quanto affermato dal Sen. Tomassini: obiettivo comune deve essere quello di agire secondo un approccio multidisciplinare che si basi sul potenziamento dei centri di eccellenza esistenti e sulla nascita di nuove strutture capaci di operare in stretto collegamento con la medicina del territorio, favorendo una maggiore omogeneità a livello nazionale, continua il Prof. Lauro il quale conclude: L adozione di questo approccio, soprattutto quando ci si trova di fronte all obesità grave, richiede l impegno di una vera e propria equipe integrata che comprenda l internista o l endocrinologo, il nutrizionista, lo psicologo e il chirurgo, sempre in contatto con il Medico di Medicina Generale che resta il primo punto di contatto con il paziente. Per poter intervenire in modo efficace rispetto all obesità grave sempre più diffusa è necessario inoltre raccogliere le indicazioni provenienti dai ricercatori che dimostrano come in questi casi l unica soluzione sia la chirurgia bariatrica. La chirurgia bariatrica è la tecnica utilizzata per curare in modo specifico l obesità grave, dichiara il Dott. Gianluigi Melotti, Presidente eletto della SIC, Società Italiana di Chirurgia. Esistono interventi di diversa natura tarati sulle caratteristiche del paziente. E opinione ormai consolidata conclude il Dott. Melotti presso tutta la comunità scientifica internazionale che i risultati più concreti e duraturi nel trattamento dell obesità patologica si ottengano attraverso la chirurgia bariatrica con effetti sia sul conseguimento della perdita di peso, sia su una serie di complicanze associate all obesità, come l ipertensione e il diabete di tipo 2. La prevenzione rappresenta senza dubbio, per una malattia a diffusione epidemica, l'intervento più appropriato e più efficace. La famiglia, la scuola, il servizio sanitario nazionale e i media devono essere gli attori principali di questa azione. A livello individuale è importante il costante monitoraggio del proprio peso, dichiara il Prof. Roberto Vettor, Presidente della SIO, Società Italiana dell Obesità. È necessario adottare uno stile di vita più sano, con una alimentazione corretta, senza eccedere mai in calorie ed evitando i grassi animali e gli zuccheri semplici, mangiando molta frutta e verdura e svolgendo quotidianamente attività fisica, se possibile all aperto. Educhiamo i nostri figli, i nostri alunni e i nostri pazienti ad assumere questi atteggiamenti! Naturalmente conclude il Prof. Vettor anche la terapia farmacologica può offrire buoni risultati se accompagnata alla dieta, eccetto che nei casi di obesità grave, per i quali la chirurgia rappresenta un opzione terapeutica ottimale. Sempre e soltanto se, sia prima che dopo l intervento, i pazienti vengono seguiti presso centri altamente specializzati. Obesità e sovrappeso rappresentano dunque patologie in grado di incidere negativamente sulla salute pubblica e sui sistemi sanitari nazionali. Per queste ragioni la triangolazione tra Istituzioni, mondo accademico e scientifico e associazioni dei pazienti si pone quale passaggio vitale per definire e portare avanti strategie ed obiettivi condivisi ed efficaci per combattere questa pandemia. Per ulteriori informazioni: Burson-Marsteller Tel Irma Cordella Mob Andrea Bailo Mob

4 I COSTI SOCIALI DELL'OBESITÀ Lo studio, realizzato nel 2009 dalla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, evidenzia i costi sociali dell obesità attraverso l'elaborazione di dati relativi alla prevalenza della patologia in Italia, negli USA e in Europa e la revisione approfondita di diversi studi internazionali riguardanti tali costi nelle medesime aree geografiche. Nel nostro Paese in particolare è stata registrata una prevalenza della patologia del 9,9% che corrisponde a un numero di obesi di circa 5 milioni di persone (esattamente ) che gravano sullo Stato per più di 8 miliardi di Euro ogni anno, pari a circa il 6,7% della spesa sanitaria pubblica. Se si ipotizza una vita media attesa della persona obesa di 75 anni, l'impatto economico di un diciottenne obeso sulle tasche degli italiani è stimabile complessivamente in circa Euro in più rispetto ad uno non obeso. Mentre le indicazioni riguardanti il costo sociale annuo di una generica persona obesa rivelano un costo di Euro (1.400 Euro di costi sanitari e 300 di costi non sanitari). Le Regioni che in questi anni hanno registrato i tassi più bassi di prevalenza sono Piemonte, Trentino Alto Adige e Liguria, mentre la Regione più pesante è il Molise, seguito da Puglia e Basilicata. Il complesso delle evidenze emerse dallo studio, connesse all analisi di tutti i costi diretti (sanitari e non sanitari, legati alle cure mediche per il trattamento dell obesità e delle malattie a essa associate), indiretti (come la perdita di produttività dovuta all assenteismo) e intangibili (ad esempio i disagi psicologici, le opportunità perdute e la scarsa qualità della vita) e verificate sulla base di precisi parametri epidemiologici ed economici, mostra dunque quale sia l'impatto della patologia sul tessuto socio-economico italiano, con il coinvolgimento non solo di chi ne soffre, ma anche dei familiari e, indirettamente, dell intera collettività. Per quanto riguarda gli USA, invece, secondo le rilevazioni aggiornate al 2008 del Behavioral Risk Factor Surveillance System dei CDC di Atlanta (Centers for Disease Control and Prevention, il più grande network di controllo della salute pubblica nel mondo), dal 1985 ad oggi si è assistito ad un progressivo e massiccio consolidamento della prevalenza dell obesità negli Usa, che oggi si attesta su valori che vanno dal 18,5% in Colorado a 31,4% in Alabama. Sulla base dei dati suggeriti da EUROSTAT, aggiornati al 2004, è diversa invece la dimensione della patologia in Europa, dove i numeri scendono di circa il 10% e secondo i quali è Malta lo Stato con la più alta percentuale di obesi (23%), seguito dal Regno Unito (22,7%), con la Norvegia che si distingue quale Stato europeo più magro, con una prevalenza del 6,1%. I risultati dello studio descrivono un fenomeno che deve essere analizzato tuttavia considerandone anche le ulteriori drammatiche conseguenze connesse sia al peggioramento della qualità di vita sia a un più elevato tasso di mortalità prematura, costituendo l obesità un fattore di rischio per numerose patologie come il diabete di tipo 2, l ipertensione e l ictus ischemico, l angina e l infarto miocardico acuto, i calcoli biliari, l apnea notturna, l osteoartrite, alcune forme tumorali e l infertilità.

5 Prof. Renato Lauro Magnifico Rettore dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dott. Gianluigi Melotti Presidente eletto della Società Italiana di Chirurgia (SIC) Prof. Roberto Vettor Presidente della Società Italiana dell Obesità (SIO) Prof. Nicola Basso Presidente della Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle Malattie Metaboliche (SICOB) Prof. Michele Carruba Direttore del Centro Studi e Ricerche sull Obesità dell Università degli Studi di Milano Prof. Carlo Rotella Prof. Ordinario di Endocrinologia dell Università degli Studi di Firenze Prof. Paolo Sbraccia Prof. Ordinario, Dipartimento di Medicina Interna dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata

6 Prof. Renato Lauro Magnifico Rettore dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata Quali possono essere le ricadute dell obesità in termini sociali ed economici? In Italia vi sono circa 16 milioni di soggetti sovrappeso e oltre 5 milioni di obesi, un fenomeno a dir poco allarmante che ha raggiunto, anche a livello mondiale, le proporzioni di una vera e propria epidemia. Come testimoniano i recenti dati ISTAT, preoccupano principalmente le evidenze relative all obesità infantile, sempre più diffusa anche nel nostro Paese dove, nella fascia di età tra i 6 e i 17 anni, 1 bambino su 3 è sovrappeso e 1 su 4 è obeso. Da un punto di vista economico l impatto della patologia è altrettanto imponente se si pensa che i costi sociali in Italia, soprattutto dell obesità grave, superano ogni anno gli 8 miliardi di Euro, pari al 6,7% della spesa sanitaria nazionale, esclusi costi intangibili altrettanto gravosi, come quelli legati al nucleo sociale dell obeso, alla discriminazione lavorativa, a un più basso rendimento scolastico e agli ovvi disagi psicosociali. Ipotizzando inoltre che una persona obesa abbia una vita media attesa pari a 75 anni, un diciottenne obeso, rispetto ad un coetaneo normopeso, ha un costo sociale notevolmente superiore. In che modo si può individuare un modello efficace per combattere l epidemia, portando vantaggi a tutto il Sistema Sanitario Nazionale? Per poter gestire tutte le ricadute di una patologia così complessa la situazione è drammatica al punto che già le Istituzioni nazionali e gli Organi internazionali come l ONU, l Organizzazione Mondiale della Sanità, e il Consiglio d Europa se ne stanno occupando si rende necessario e urgente un impegno organizzativo, culturale e normativo tale da poter affrontare in maniera adeguata la multifattorialità dell obesità che è causata da fattori genetici, ambientali e individuali. Solo un approccio multidisciplinare in questo senso può rappresentare in prospettiva una soluzione concreta. Questo è possibile attraverso il potenziamento dei centri di eccellenza esistenti, la nascita di nuove strutture capaci di operare in stretto collegamento con la medicina del territorio e, soprattutto quando ci si trova di fronte all obesità grave, attraverso la creazione di una vera e propria equipe integrata che comprenda l internista o l endocrinologo, il nutrizionista, lo psicologo e il chirurgo, sempre in contatto con il Medico di Medicina Generale il quale resta il primo punto di contatto con il paziente. Che ruolo ha avuto fino ad ora e che ruolo potrà avere il mondo accademico? Il mondo accademico deve porsi due obiettivi molto importanti che riguardano da una parte il sostegno alla ricerca e dall altra la formazione di figure professionali in grado di valutare in maniera corretta il paziente obeso, individuando la cura più appropriata e ricorrendo, ove necessario, al trattamento chirurgico. Per fare questo si dovranno predisporre percorsi universitari e post-universitari di alta specializzazione che forniscano strumenti e conoscenze indispensabili per offrire risposte di natura terapeutica e di natura riabilitativa. Attività che potranno avere il successo sperato solo se supportate da un azione comune basata sul principio delle alleanze tra Istituzioni, mondo scientifico e accademico, come avvenuto già ad esempio con la nascita dell Obesity Expert Group, costituito su iniziativa dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata, per sottoporre proprio alle Istituzioni, proposte, progetti e idee da trasformare in call to action.

7 Dott. Gianluigi Melotti Presidente eletto della Società Italiana di Chirurgia (SIC) Quanto costa oggi al Servizio Sanitario Nazionale un paziente obeso non trattato chirurgicamente? E stato stimato che in Italia l insieme dei costi sociali legati all obesità supera gli 8 miliardi di Euro l anno, pari al 6,7% della spesa sanitaria nazionale. Non solo. Diversi studi hanno evidenziato che, se si ipotizza una vita media attesa della persona obesa di 75 anni, l'impatto economico di un diciottenne obeso sulle tasche degli italiani è stimabile complessivamente in circa Euro, mentre le indicazioni riguardanti il costo sociale annuo di una generica persona obesa rivelano un costo di 1700 Euro (1400 Euro di costi sanitari e 300 di costi non sanitari). Che tipo di cure e di assistenza devono essere assicurate al paziente obeso dopo l intervento? Il follow up va analizzato secondo due diverse prospettive, quella del medico e quella del paziente. Nel primo caso il follow up è indispensabile per garantire il successo della terapia chirurgica dell obesità e la sua durata, considerando la cronicità della patologia di base, deve essere idealmente a tempo indeterminato e illimitato. Certo è che l incidenza del follow up in termini di tempo, spazio e risorse è notevole, come dimostrano alcune stime: ammettendo ad esempio che in un centro si effettuino in un anno 100 interventi e che ciascun paziente esegua in media tre visite di controllo/anno, dopo il primo anno le visite di controllo saranno 300, dopo 5 anni 1500, dopo 8 anni 2400 e così via. In questo senso è necessario pertanto prevedere un organizzazione adeguata (una segreteria dedicata, personale qualificato, spazi idonei) che si basi sul principio della multidisciplinarietà. Per quanto riguarda invece il paziente occorre sottolineare che è essenziale fargli comprendere la necessità di dover iniziare un percorso virtuoso sotto il controllo del medico al quale dovrà rivolgersi per sottoporsi a controlli periodici e rispettare un regime alimentare corretto. Allo stato attuale come pensa che si possano armonizzare i contributi di tutti gli attori coinvolti nella lotta all obesità e in questo contesto che ruolo avranno da qui ai prossimi anni le società scientifiche e la SIC in particolare? E necessario investire in formazione della classe chirurgica e dei Medici di Medicina Generale, così come realizzare un sistema efficiente di medicina del territorio. Non esiste infatti ad oggi una rete omogenea di centri di eccellenza multidisciplinari specializzati nella gestione integrata della cura medico-chirurgica e della riabilitazione dei soggetti obesi. E inoltre essenziale adeguare il sistema di remunerazione DRG relativo al percorso chirurgico dell obesità grave, con l obiettivo di incentivare le strutture sanitarie ad incrementare l offerta di cura. A questi obiettivi lavorerà nei prossimi anni la SIC che auspica anche che la stessa proficua collaborazione tra società scientifiche e Istituzioni di cui il position paper Globesità: Strategia ed interventi è una dimostrazione concreta, possa rappresentare il primo passo di un percorso basato sulle alleanze.

8 Prof. Roberto Vettor Presidente della Società Italiana dell Obesità (SIO) Cosa significa gestire un paziente obeso? Nella pratica clinica quotidiana non esiste l obesità, ma il paziente obeso. Gestire un paziente obeso significa quindi conoscerne le caratteristiche individuali e, dopo un accurata anamnesi e un indagine clinica approfondita, calibrare le cure proprio sulle peculiarità cliniche individuali, scegliendo una terapia dietetica o comportamentale o una terapia farmacologica per l obesità e per le sue complicanze, oppure, nei casi di obesità grave, prendere in considerazione il trattamento chirurgico. Bisogna ribadire con forza che la prevenzione è il solo modo con cui possiamo affrontare e risolvere il problema dell obesità, attraverso il controllo costante del peso corporeo e definendo lo stile di vita più appropriato a tal fine con un alimentazione corretta, senza eccedere mai in calorie ed evitando i grassi animali e gli zuccheri semplici, mangiando più frutta e verdura e svolgendo più attività fisica, possibilmente con cadenza quotidiana e all aperto. Quali sono le difficoltà principali nel convincere l obeso, soprattutto grave, che la patologia va affrontata in modo costante e puntuale? L obesità è una malattia cronica a eziologia multifattoriale: fattori genetici, ambientali e individuali concorrono a determinare un alterazione del bilancio tra introito calorico e dispendio energetico, con il conseguente accumulo di tessuto adiposo in eccesso e lo sviluppo di una serie di malattie metaboliche e cardiovascolari associate. La difficoltà maggiore consiste nel convincere quei pazienti obesi che mostrano una resistenza culturale, emotiva o psicologica rispetto ad un cambiamento radicale delle errate abitudini di vita, supportandoli con una serie di colloqui motivazionali mirati. Nel trattamento dell obesità, infatti, le richieste di cambiamento dello stile di vita sono profonde e difficili da ottenersi per il semplice fatto che gli errori sono spesso radicati nei comportamenti socio- culturali e ricevono purtroppo conferme e rinforzi dalla pubblicità e più in generale da alcuni modelli proposti dai media. Oltre alla restrizione calorica, occorre introdurre un attività fisica di bassa intensità e di lunga durata da eseguirsi quotidianamente. L esecuzione di un percorso di questo tipo corrisponde, di fatto, a un cambiamento radicale dello stile di vita del paziente che va mantenuto anche dopo il raggiungimento del peso desiderabile, pena un nuovo aumento di peso. Solo l accostarsi al paziente e seguirlo costantemente nel tempo può portare a qualche risultato, senza dimenticare ad esempio che le precedenti delusioni per tentativi mai seguiti da successo o la recidiva dopo brevi ed effimeri risultati sono elementi che ostacolano un ulteriore approccio terapeutico. La presenza infine di messaggi e indirizzi terapeutici fuorvianti operati da non specialisti del settore o da centri per l obesità con mission più estetiche che mediche spesso arrecano danni irreversibili. Qual è la strategia seguita in questi anni dalla SIO? La SIO è sicuramente tra le società più innovative in Italia sotto il profilo della proposizione scientifica, clinica e formativa nel campo specifico. Il nostro auspicio è che l attività della Società possa in breve tempo individuare delle soluzioni in grado di contribuire a limitare l espansione pandemica dell obesità e ridurre, al tempo stesso, le complicanze e le sofferenze che ne derivano per milioni di persone in Italia e nel mondo. Nei prossimi anni la SIO, i suoi soci, le società affiliate e le federazioni a cui aderisce, dovranno affrontare il difficile compito di continuare a svolgere la propria missione in un mondo sempre più complesso, nel quale la collaborazione e le alleanze sono prerequisiti fondamentali per avere successo. Assieme ci proponiamo di riscrivere le Linee Guida per l obesità definendo i nuovi standard di cura. Dedicheremo una parte rilevante della nostra attività alle iniziative di formazione per tutte le figure professionali coinvolte nella gestione dell obesità. Collaboreremo con i media, nel promuovere un adeguata e corretta informazione sull obesità e le sue complicanze e, per avviare questo processo, ci siamo proposti di identificare i centri di eccellenza clinica e della ricerca in Italia attraverso l applicazione di criteri riconosciuti a livello internazionale. Da essi dovrà emergere una ulteriore spinta per la ricerca, la prevenzione, l educazione e le terapie innovative per l obesità in Italia.

9 Prof. Nicola Basso Presidente della Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle Malattie Metaboliche (SICOB) Quali sono le caratteristiche del paziente obeso candidato ad un intervento di chirurgia bariatrica? E fondamentale innanzitutto precisare che la chirurgia bariatrica è la chirurgia che interviene per curare gli obesi gravi, cioè quei pazienti che hanno un BMI (Body Mass Index - Indice di Massa Corporea) superiore a 40 Kg/m2 oppure superiore a 35 Kg/m2 in caso di compresenza di un altra patologia, come ad esempio ipertensione arteriosa, sindrome delle apnee notturne, diabete di tipo 2, malattie osteoarticolari invalidanti. Non possono essere eletti a questa chirurgia salvavita i pazienti con disturbi cognitivi o mentali gravi, disturbi del comportamento alimentare, dipendenza da alcol e droghe e che non abbiano ricevuto valutazione medica multidisciplinare preliminare. Una precisazione merita inoltre il quadro relativo ai pazienti diabetici, rispetto ai quali è importante sottolineare come anche l American Diabetes Association (ADA) e la Società Italiana di Diabetologia abbiano inserito il capitolo relativo alla chirurgia bariatrica nei propri Standard di cura, con alcune raccomandazioni tra le quali ad esempio che la chirurgia dovrebbe essere presa in considerazione in pazienti con un BMI superiore a 35 Kg e diabete di tipo 2, soprattutto se il raggiungimento di un buon controllo metabolico risulta difficoltoso con lo stile di vita e/o con la terapia farmacologica. Qual è oggi il livello di accessibilità alla terapia chirurgica? In Italia su oltre 5 milioni di obesi solo lo 0,1% viene sottoposto ad intervento chirurgico. Una delle cause principali di questo fenomeno attiene certamente alla difficoltà di accesso alle strutture e alla difficoltà delle strutture stesse a sopportare il carico notevole e crescente dei costi degli interventi per obesità. Bisogna inoltre considerare che molti degli obesi gravi sono anche diabetici, ipertesi, affetti da apnee notturne e necessitano di terapia intensiva post-operatoria. E auspicabile quindi in un ottica di un approccio multidisciplinare, il potenziamento dei centri già esistenti e la promozione di nuovi centri su più larga scala con maggiore omogeneità sul territorio nazionale, per ottenere quei risultati che già oggi è possibile riscontrare in alcuni casi specifici come quelli legati alla risoluzione del diabete di tipo 2: numerose evidenze presenti in letteratura dimostrano infatti - sebbene siano necessari ulteriori studi clinici per confermare se la risoluzione rappresenti una semplice remissione o la vera cura della patologia che il diabete di tipo 2 viene risolto nella maggioranza dei pazienti obesi sottoposti ad interventi di chirurgia bariatrica, in funzione dell intervento eseguito. Quali sono le principali tecniche di chirurgia bariatrica? E utile sottolineare che gli interventi di chirurgia bariatrica si effettuano sempre sulla base delle caratteristiche specifiche del paziente e per questo esistono tipologie diverse di intervento per meccanismo d azione e tecnica chirurgica: le tecniche restrittive che riducono la capacità dello stomaco e rallentano il passaggio degli alimenti senza modificarne la digestione, come ad esempio il bendaggio gastrico; le tecniche miste, restrittive e malassorbitive, che riducono le dimensioni dello stomaco e diminuiscono l assimilazione di alcuni alimenti da parte dell organismo, grazie ad un corto circuito tra una parte dello stomaco e l intestino; infine le tecniche che modificano i fattori ormonali dai quali dipendono le sensazioni della sazietà e dell appetito, come ad esempio la sleeve gastrectomy.

10 Prof. Michele Carruba Direttore del Centro Studi e Ricerche sull Obesità dell Università degli Studi di Milano Quanto costa l obesità al nostro Paese? Il paziente obeso ha un peso notevole sulla società e sui bilanci del Sistema Sanitario Nazionale. Considerando ad esempio la popolazione italiana obesa e in sovrappeso, essa ha un costo di 28,2 miliardi di Euro cui vanno aggiunti circa 12 miliardi di Euro per i costi sociali connessi alla patologia (tra i quali assenteismo, minor rendimento, invalidità, ecc.) e costi intangibili di difficile quantificazione. Basti pensare che il solo consumo di farmaci è aumentato in media di 10 volte rispetto al cittadino normopeso, onere che è interamente a carico del Servizio Sanitario Nazionale, poiché il paziente obeso ha diritto all esenzione totale. Qual è la strada da percorrere per ridurre tali costi? Si deve pensare che, con interventi di natura terapeutica, si potrebbero ottenere dei livelli di risparmio tanto più significativi quanto più precoci saranno gli interventi stessi. E stato stimato ad esempio che per ogni paziente obeso la perdita di 7 Kg di peso consentirebbe un risparmio di 390 Euro/anno solamente in farmaci antidiabetici ed antiipertensivi, mentre con una maggiore diffusione della chirurgia bariatrica si potrebbe garantire una cura definitiva nel 60-80% dei casi, migliorandone la qualità di vita e riducendo al tempo stesso l impatto dei costi socio-sanitari. Non è da trascurare inoltre il fattore riguardante i DRG: attualmente gli interventi di chirurgia bariatrica sono equiparati, in termini di rimborso, ad interventi di diversa tipologia, durata, ricoveri e impiego o meno di protesi. Si tratta quindi di un aspetto migliorabile sul quale lavorare da qui ai prossimi mesi. Infine, elemento sempre fondamentale ai fini del risparmio, è la diffusione di una maggiore cultura della prevenzione: basti pensare che l obesità, oggi, è il secondo rischio prevenibile per la salute dopo il fumo e che sarebbero sufficienti misure di incentivazione dell attività fisica e una maggiore educazione alimentare, soprattutto nelle scuole. Ritiene che l Italia sia pronta per attuare un modello innovativo e moderno idoneo a combattere le obesità, considerando che ad oggi in quasi tutti i Paesi occidentali non si è ancora riusciti a intervenire in modo veramente efficace? Credo di sì, considerando che l Italia vanta diversi primati a livello mondiale: innanzitutto la longevità legata anche alle nostre tradizioni alimentari (tema a cui è stata dedicata l EXPO Milano 2015); l efficienza del nostro SSN; la ricerca scientifica che in questo ambito è, nonostante la scarsità dei finanziamenti, la più produttiva del mondo. Tale obiettivo si può raggiungere proprio grazie a iniziative come l Obesity Expert Group che vuole farsi promotore di progetti mirati a diffondere il concetto di multidisciplinarietà attraverso sinergie e azioni comuni che coinvolgano, come nella giornata di oggi, Istituzioni, mondo accademico e mondo scientifico.

11 Prof. Carlo Rotella Prof. Ordinario di Endocrinologia dell Università degli Studi di Firenze È complicato tracciare l identikit del paziente obeso? Si tratta di un processo ordinario, ma estremamente delicato, perché un anamnesi puntuale rappresenta la parte più delicata del procedimento di fenotipizzazione del paziente - ovvero il suo inquadramento clinico - che, se non realizzata in modo adeguato, può certamente pregiudicare le decisioni e gli investimenti terapeutici fino a quel momento compiuti. Sono molti i fattori che vanno analizzati: quello familiare che deve evidenziare in maniera esaustiva l eventuale presenza di precedenti di obesità, di diabete di tipo 2, di ipertensione arteriosa e di iperlipoproteinemie nei parenti di primo grado (in taluni casi anche di secondo grado); quello legato ai disordini del comportamento alimentare; quello che riguarda la valutazione della presenza di ansia, depressione e di ogni altra patologia di natura psichiatrica. In ogni caso, nell ambito dell inquadramento clinico del paziente obeso, il metodo scientifico più corretto e pratico per evidenziare quantitativamente l eccesso ponderale è rappresentato dal calcolo del BMI (Body Mass Index Indice di Massa Corporea), assieme alla misurazione della circonferenza della vita. Attualmente ci sono centri specializzati per la cura dell obesità? Come sono strutturati? Esistono centri specializzati per la cura delle obesità in alcuni dei Paesi maggiormente coinvolti da questo fenomeno epidemico tra i quali soprattutto quelli ad elevato sviluppo economico-sociale. Tuttavia ancora molto si può fare in questo senso. E fondamentale, per poter fronteggiare in modo efficace questa patologia, porre al centro il paziente obeso e creare un sistema di interazione tra tutte le strutture sanitarie presenti sul territorio, con i medici di famiglia, i pediatri e gli ospedali. Il centro specializzato ruota intorno a due figure principali, l internista con particolare competenza sull obesità e il chirurgo bariatrico, che devono avvalersi delle competenze di un team multidisciplinare composto da endocrinologo, nutrizionista, psicoterapeuta, psichiatra e dietista. Inoltre è necessaria la collaborazione di altre figure tra le quali ad esempio un cardiologo e uno pneumologo. Accanto agli interventi terapeutici il centro deve offrire percorsi educativi per i familiari, oltre che per il paziente stesso, finalizzati a far comprendere in modo chiaro le cause del problema e come attuare quotidianamente comportamenti idonei a raggiungere gli obiettivi prefissati di comune accordo con il medico. Ritiene che la medicina territoriale possa rappresentare una buona base di partenza per definire un sistema di coordinamento degli interventi e delle azioni finalizzate alla gestione dell obesità? La medicina territoriale ha un ruolo fondamentale. Dobbiamo immaginare un percorso a tappe nel quale il medico di famiglia è il primo punto di contatto con il paziente e quindi colui che può fornire le prime indicazioni diagnostico-terapeutiche ritenute opportune. Immediatamente dopo vi sono gli ambulatori specialistici delle ASL e le strutture ospedaliere con le competenze necessarie per organizzare un assistenza multidisciplinare, come detto in precedenza, grazie alla compresenza di figure specializzate in diverse aree. L azione delle strutture periferiche deve essere coordinata da Centri di Riferimento di quarto livello, che devono essere identificati all interno di Aziende Ospedaliero - Universitarie a livello Regionale.

12 Prof. Paolo Sbraccia Prof. Ordinario, Dipartimento di Medicina Interna dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata Ci può chiarire quali sono le finalità che si propone l Expert Group? La creazione dell Obesity Expert Group, costituito su iniziativa del Prof. Renato Lauro, vuole porsi quale porta d accesso verso il futuro della lotta alla patologia, attraverso un confronto continuativo con le Istituzioni a cui verranno proposti progetti e possibili soluzioni per intervenire efficacemente contro l epidemia dell obesità. Lo spirito con cui questa iniziativa ha preso forma si basa sulla medesima filosofia che anima l approccio multidisciplinare, come dimostra la composizione eterogenea dei partecipanti (chirurghi, farmacologi, endocrinologi, nutrizionisti e internisti): agire nella stessa direzione mettendo a fattor comune esperienze e capacità diverse con l unico scopo di fornire risposte concrete a tutti gli attori coinvolti in questa lotta. Perché l obesità va affrontata con un approccio multidisciplinare? Cosa si intende quando ci si riferisce all appropriatezza della cura in tema di obesità? L obesità è una patologia complessa in quanto multifattoriale. La sua insorgenza può essere legata a diverse cause che vanno dalle errate abitudini alimentari, ad una significativa riduzione dell attività fisica quotidiana, a fattori genetici e ambientali. Si tratta di un quadro generale che non può essere affidato ad un solo specialista, soprattutto se si considera che l obesità è in molti casi responsabile dello sviluppo di altre malattie correlate come quelle cardiovascolari, cerebrovascolari, il diabete di tipo 2 e alcuni tipi di tumore. Ciò significa che per intervenire efficacemente è necessaria una equipe multidisciplinare di figure altamente specializzate nella gestione di questa patologia, senza dimenticare il ruolo decisivo del Medico di Medicina Generale che rappresenta il primo punto di contatto con l obeso. Solo un approccio di questo tipo può favorire un appropriatezza della cura basata proprio sull individuazione, caso per caso, delle diverse caratteristiche e quindi esigenze terapeutiche del paziente, ancor di più quando si parla di obesità grave e quindi di interventi di chirurgia bariatrica. Come si può agire per trasformare l approccio multidisciplinare da proposito a strumento concreto? La diffusione di una maggiore cultura dell obesità e una crescente consapevolezza della dimensione della patologia in termini di rischio e di potenziali complicanze devono certamente essere poste al centro delle campagne di informazione rivolte all opinione pubblica. Accanto a questo si dovranno sempre più migliorare gli standard qualitativi di quei centri specializzati in grado di porsi quale punto di riferimento per i pazienti di tutti i livelli, da coloro che sono in sovrappeso fino agli obesi gravi, affinchè nei prossimi anni si riesca a trasformare l epidemia in una patologia gestibile come molte altre.

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche www.sicob.org Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche (S.I.C.OB.): linee guida e stato dell arte

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli