Relazione tecnico-scientifica Anno di attività 2002

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione tecnico-scientifica Anno di attività 2002"

Transcript

1 Relazione sull attività del V anno 1 Accordo di Programma tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale - Dipartimento per i servizi tecnici nazionali - Servizio geologico e il Consiglio Nazionale delle Ricerche Relazione tecnico-scientifica Anno di attività 2002 Roma, marzo 2003

2 2 Accordo di programma

3 Relazione sull attività del V anno 3 Introduzione Funzionario Delegato: Piero Manetti

4 4Accordo di programma

5 Relazione sull attività del V anno 5 Introduzione L Accordo di Programma tra C.N.R. e DSTN, registrato alla corte dei Conti in data 15 febbraio 1997, è stato trasmesso in data 25 giugno 1997 diventando esecutivo con decreto di nomina del prof. Piero Manetti come Funzionario Delegato. Successivamente, a seguito di riunioni intercorse tra il Funzionario Delegato, i coordinatori scientifici dei vari progetti e i rappresentati del Servizio Geologico Nazionale, il 25 giugno 1998 è stato trasmesso il POL definitivo approvato con alcune puntualizzazioni il 9 luglio 1998 (SGE/ 2544/U1CARG). L accordo di programma si articola in 6 principali progetti: 1) Realizzazione e informatizzazione del foglio n. 278 della carta geologica d Italia alla scala 1: (responsabile Prof. G.Principi Dip. Scienze della Terra Firenze); 2) Informatizzazione dei fogli geologici Sestri Levante (232), Rosignano Marittima (284), Ariano Irpino (433), Ercolano (448), S. Angelo dei Lombardi (450), Melfi (451), Sorrento (466), S. Arcangelo (506), Lauria (521), Soverato (580), Taurianova (590), Bovalino (603), Melito di Porto Salvo (615), Randazzo (612), Acireale (625) (responsabile Prof. A. Cavallin Dip. Di Scienze dell Ambiente e del Territorio Milano); 3) Realizzazione e informatizzazione di cartografia geologica sperimentale relativa a settori selezionati della fascia costiera marina compresa tra il golfo di Gaeta e il golfo di Sapri. (responsabile Prof. B. D Argenio Istituto Geomare Sud Napoli); 4) Esecuzione di attività sperimentali alla formazione della carta geologica. Integrazione e relativa sperimentazione delle prescrizione tecniche e adottate per il rilevamento dei dati geologici, idrogeologici, geofisici, geomorfologici e geologico-tecnici, con particolare riguardo alla compilazione di schemi di legenda a valenza regionale, alla sperimentazione delle schede per l informatizzazione dei dati e alla realizzazione di particolari cartografie prototipali (responsabile Prof. G. Pasquarè Dip. Scienze della Terra Milano) 5) Esecuzione di attività strumentali alla formazione della carta geologica. Definizione e sperimentazione di prescrizioni tecniche per la formalizzazione e l informatizzazione di dati attraverso la realizzazione di lessici (responsabile

6 6 Accordo di programma dott. R. Potenza Centro di Studio per la Geodinamica Alpina e Quaternaria Milano) 6) Esecuzione di attività strumentali alla formazione della carta geologica. Aggiornamento e sperimentazione del codice italiano di nomenclatura stratigrafica e del catalogo delle formazioni geologiche italiane (responsabile Prof. M.B. Cita Dip. Scienze della Terra Milano). Per quanto riguarda l attività relativa ai punti 5 e 6 questa è stata terminata e gli elaborati relativi sono stati consegnati e approvati dal Sevizio Geologico. Di seguito vengono riportati i risultati scientifici raggiunti dai singoli progetti come presentati dai coordinatori scientifici al Funzionario Delegato. Si allega inoltre la relazione finanziaria 2002 che sarà inviata anche separatamente agli uffici competenti. Allegati: 1) Elenco contratti (art. 23) per i quali sono stati trasferiti i fondi al bilancio CNR. 2) Elenco personale a contratto, i cui curricula sono disponibili presso i Funzionario Delegato 3) Resoconto finanziario 2002 con gli impegni di spesa.

7 Relazione sull attività del V anno 7 Informatizzazione dei fogli geologici Sestri Levante (232), Rosignano Marittima (284), Ariano Irpino (433), Ercolano (448), S. Angelo dei Lombardi (450), Melfi (451), Sorrento (466), S. Arcangelo (506), Lauria (521), Soverato (580), Taurianova (590), Bovalino (603), Melito di Porto Salvo (615), Randazzo (612), Acireale (625) Coordinatore scientifico: Angelo Cavallin

8 8 Accordo di programma

9 Relazione sull attività del V anno 9 Informatizzazione dei fogli geologici Programma di lavoro per la informatizzazione dei 15 fogli geologici rilevati nell ambito della convenzione del CNR con il Servizio Geologico CNR (Roma): Dott. Patera Foglio 232 Sestri Levante È stato approvato il 3 SAL con alcune osservazioni da parte del Servizio Geologico Nazionale riguardanti la codifica degli elementi lineari, poco particolareggiati. La fase di codifica degli attributi, dipendente dalla ricodifica degli elementi di cui sopra, è allo stadio finale. Sono state compilate le schede campione. Foglio 451 Melfi È stato approvato il 3 SAL ed è stata autorizzata la stampa. L informatizzazione non è ancora completa. Mancano le schede campione e devono essere ricontrollati i valori immessi nella banca dati Foglio 615 Melito di Porto Salvo Il foglio è stato creato direttamente in formato digitale. È inoltre iniziata la fase di codifica e creazione della banca dati. CNR-IRPI (Perugia): Dott. Ardizzone CNR-IDPA (Milano): Dott. Sterlacchini Foglio 284 Rosignano Marittimo La banca dati relativa al foglio 284 risulta praticamente ferma ed aggiornata ai primi mesi del Infatti, a seguito della consegna avvenuta tramite plottaggi alla scala 1: (che hanno utilizzato le informazioni geologiche contenute nella banca dati), il SGN ha fatto osservazioni sia sulla carta sia sulle

10 10 Accordo di programma note illustrative. Si aggiornerà la banca dati nel momento in cui si disporrà di una base geologica definitiva che recepisca tutte le osservazioni e le correzioni richieste dal SGN. Foglio 433 Ariano Irpino È stato eseguito il primo controllo relativo alla verifica dei vincoli imposti dal SGN, al fine di verificare la consistenza e l integrità delle banche dati CARG. Dovranno poi essere recepite le correzioni che il SGN richiederà a seguito dell avvenuta consegna del III SAL e successive richieste (prima consegna III SAL: settembre 2001). Foglio 448 Ercolano La consegna del III SAL è stata fatta nel mese di marzo 2002 ricorrendo ai plottaggi alla scala 1: (che hanno utilizzato le informazioni geologiche contenute nella banca dati). Anche le osservazioni fatte dal SGN sono state recepite in banca dati al fine di allestire nuovi plottaggi finalizzati alla consegna degli elaborati definitivi al SGN. La banca dati di cui si dispone deve essere assemblata al fine di ottenere un quadro unico alla scala 1: su cui iniziare le verifiche dei vincoli imposti dal SGN. Foglio 521 Lauria L informatizzatore stampa gli Originali d Autore direttamente dalla banca dati la cui struttura è almeno in parte conforme a quella prevista dal SGN attraverso il Quaderno 6. Foglio 605 Sant Arcangelo Approvato il foglio ed anche la banca dati. Quest ultima è stata consegnata in via definitiva in data 08/02/2002. Terminata la sperimentazioni per la stampa del foglio direttamente dalla banca dati. Dopo aver recepito le correzioni richieste dal Responsabile del Foglio e dal SGN il foglio è pronto per essere stampato. Foglio 612 Randazzo La banca dati è pronta per la nuova consegna, avendo recepito le correzioni richieste dal SGN. Il foglio plottato alla scala 1: è stato spedito a Catania per la sua revisione finale prima di poterlo indirizzare al processo di stampa direttamente dalla banca dati.

11 Relazione sull attività del V anno 11 Foglio 625 Acireale Eseguiti, direttamente dalla banca dati, i plottaggi delle due sezioni e delle quattro tavolette che compongono il foglio geologico al fine di poter eseguire la consegna al SGN avvenuta in data 05/04/2002. Dal punto di vista dell informatizzazione sono già stati caricati pressoché tutti gli strati informativi.

12 12 Accordo di programma

13 Relazione sull attività del V anno 13 Esecuzione di attività strumentali alla formazione della carta geologica Integrazione e relativa sperimentazione delle prescrizioni tecniche e adottate per il rilevamento dei dati geologici, idrogeologici, geofisici, geomorfologici e geologicotecnici, con particolare riguardo alla compilazione di schemi di legenda a valenza regionale, alla sperimentazione delle schede per l informatizzazione dei dati e alla realizzazione di particolari cartografie prototipali Coordinatore scientifico: Giorgio Pasquaré

14 14Accordo di programma

15 Relazione sull attività del V anno 15 Esecuzione di attività strumentali alla formazione della carta geologica Integrazione e relativa sperimentazione delle prescrizioni tecniche e adottate per il rilevamento dei dati geologici, idrogeologici, geofisici, geomorfologici e geologico-tecnici, con particolare riguardo alla compilazione di schemi di legenda a valenza regionale, alla sperimentazione delle schede per l informatizzazione dei dati e alla realizzazione di particolari cartografie prototipali Nel corso dell anno 2002 si è completata la consegna al Servizio Geologico Nazionale di tutte le Carte Geologiche Prototipali e, in particolare, sono state inviate le seguenti carte geologiche, previa la loro informatizzazione per esigenze di grafica e leggibilità del prodotto cartografico originale: Carta geologica dell Anfiteatro del Verbano (Resp. A. Bini) Cartografia strutturale in rocce sedimentarie in contesti di tettonica da thrust: carta geologico-strutturale della zona di Miranda (Isernia) (Resp. M. Tozzi) Carta geologico-strutturale della Bassa Val di Cecina tra il T. Sterza, Montescudaio (Pi) e Bibbona (Li) (Resp. A. Cerrina Feroni). Durante il 2002 sono state trasmesse agli autori le osservazioni effettuate dal Servizio Geologico sui singoli contributi Prototipali. Gli Autori stanno apportando le modifiche richieste dal Servizio Geologico e/o rispondendo alle osservazioni. I materiali revisionati dagli Autori stanno ritornando al sottoscritto e si sta predisponendo il materiale per l allestimento dell Atlante di Carte Prototipali che sarà diffuso tramite CD e sul sito web dell Accordo di Programma. Sempre nel corso del 2002 si è completato anche il progetto di allestimento dell Atlante di Carte Prototipali soprattutto per quanto riguarda i contenuti e l impostazione.

16 16 Accordo di programma Da ultimo, si è avviata con la collaborazione dei Referenti del CNR la redazione della quota parte geologica prevista nel POL dell Accordo di Programma.

17 Relazione sull attività del V anno 17 Esecuzione di attività strumentali alla formazione della carta geologica Aggiornamento e sperimentazione del codice italiano di nomenclatura stratigrafica Coordinatore scientifico: Maria Bianca Cita Sironi

18 18 Accordo di programma

19 Relazione sull attività del V anno 19 Esecuzione di attività strumentali alla formazione della carta geologica Aggiornamento e sperimentazione del codice italiano di nomenclatura stratigrafica La terza e ultima stesura della Guida Italiana alla terminologia e classificazione stratigrafica è stata distribuita in forma di menabò a tutti i componenti la Commissione Italiana di Stratigrafia (CIS) e al Servizio Geologico per ulteriori commenti e correzioni. È stata presentata al Comitato Geologico ed approvata, salvo verifica (risoluzione n 381 del maggio 2002). Il testo (senza le figure) è stato inserito nel sito web con la sovrascritta bozza. Tutti i commenti e le correzioni sono stati recepiti. In particolare: - è stato sostituito l esempio della Formazione di Bellano (che non piaceva ad alcuni) con la Formazione di Sogno, - sono stati aggiunti due esempi riguardanti il Quaternario continentale nel capitolo della magnetostratigrafia (Leffe in Val Brembana e Valdarno superiore); - siccome nel 2002 sono state pubblicate altre guide stratigrafiche (Lituania, Gran Bretagna), sono stati pubblicati i relativi riferimenti; L introduzione delle unità a limiti inconformi e dei sintemi richiede degli esempi reali e concreti che non si trovano in letteratura, al fine di chiarire i concetti seguiti, che differiscono da quelli usati originariamente sia da Chang (1976) che da Ramsbottom (1977). Si è in attesa che questi esempi vengano presentati dagli stessi Autori che hanno utilizzato la nuova terminologia per il vulcanico (foglio Acireale) e per il Quaternario alpino in aree glacializzate (fogli Malè, Riva, Tione). Non appena questi esempi saranno disponibili, la guida verrà ultimata definitivamente e consegnata al Funzionario Delegato per l inoltro al Servizio Geologico.

20 20 Accordo di programma

21 Relazione sull attività del V anno 21 Realizzazione e informatizzazione del foglio n. 278 della carta geologica d Italia alla scala 1: Coordinatore scientifico: G. Principi Direttori del Rilevamento: V. Bortolotti, F. Sani

22 22 Accordo di programma

23 Relazione sull attività del V anno 23 Realizzazione del foglio n. 278 Pieve S. Stefano Come preannunciato nella Relazione Annuale sull attività svolta relativa all anno 2001, alla fine dello scorso anno è stato consegnato il materiale cartografico e illustrativo relativo a tutto il Foglio 278 Pieve S. Stefano. Tale materiale è costituito dai quattro quadranti alla scala 1: relativi alla geologia dell area e da tre sezioni geologiche, alla stessa scala, che tagliano trasversalmente l area del foglio allo scopo di illustrare le geometrie deformative principali, i rapporti tettonici tra le varie unità e i rapporti stratigrafici tra le varie formazioni distinte in carta. A ulteriore corredo è stato fornito, come richiesto dal SGN, uno schema di inquadramento geologico del foglio in scala 1: , uno schema tettonico del foglio alla scala 1: , uno schema crono-stratigrafico delle unità presenti. Infine tutto il materiale è stato illustrato e spiegato nelle Note illustrative del Foglio che sono state redatte allo scopo. Il SGN ha impiegato qualche mese per esaminare tutto questo materiale e ha redatto, come di consueto, un rapporto molto circostanziato (lettera SGN/ 2781/U1CARG, Prot. 24, Pos. 01, del 4 giugno 2001). Dopo la consegna del materiale così analizzato è iniziata, da parte nostra, l analisi accurata delle osservazioni effettuate e la relativa opera di correzione. Tale operazione, ancora in corso, coinvolge tutto il gruppo di lavoro, dai rilevatori agli analisti, ai direttori di rilevamento fino al coordinatore e prevede anche nuove osservazioni di campagna, analisi biostratigrafiche a conferma di datazioni incerte, nonché l aggiornamento degli elaborati. Al termine di questo lavoro verrà redatta una nuova versione aggiornata delle Note Illustrative e verrà sottoposto il tutto, presumibilmente nei primi mesi del 2003, al giudizio del SGN per la definitiva approvazione.

24 24Accordo di programma

25 Relazione sull attività del V anno 25 Realizzazione e informatizzazione di cartografia geologica sperimentale relativa a settori selezionati della fascia costiera marina compresa tra il golfo di Gaeta e il golfo di Sapri Coordinatore scientifico: Bruno D Argenio

26 26 Accordo di programma

27 Relazione sull attività del V anno 27 Realizzazione e informatizzazione di cartografia geologica sperimentale relativa a settori selezionati della fascia costiera marina compresa tra il golfo di Gaeta e il golfo di Sapri 1. INTRODUZIONE Questo progetto costituisce parte dell attuazione di un Accordo di Programma tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Servizio Geologico Nazionale e il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Accordo di Programma, Art. 2.c) che ha tra gli obiettivi principali la realizzazione di una carta geologica informatizzata in scala 1: delle aree marine ricadenti nei Fogli n Procida, n Sorrento, n Salerno, n Isola di Capri (entro l isobata dei 100 m), n 485 Termini (entro l isobata dei 100 m), della carta topografica d Italia in scala 1: (Fig. 1), sulla base di un rilievo batimetrico multibeam appositamente eseguito dall Istituto Geomare Sud CNR negli anni (Fig. 2). La presente relazione riferisce sullo stato di avanzamento dei lavori in oggetto e sulle attività svolte nel corso del ATTIVITA SVOLTE Le attività svolte nel corso del 2002, sono consistite fondamentalmente nei seguenti gruppi di lavorazioni: 1) Interpretazione dei dati Side Scan Sonar e della base batimetrica multibeam per la realizzazione di elaborati cartografici intermedi in scala 1: ) Rilevamento geologico dell area di Monte di Procida per il completamento della parte a terra del Foglio 465 Procida (in corso di restituzione su supporto cartaceo indeformabile). 3) Informatizzazione della banca dati, restituzione dell interpretazione geologica dei dati ed allestimento cartografico digitale.

28 28 Accordo di programma 4) Realizzazione della I bozza di Originale d Autore della carta geologica dell Isola di Capri (All. 1). 3. RILEVAMENTO GEOLOGICO DELL AREA DI MONTE DI PROCIDA Al fine di correlare le successioni vulcanoclastiche marine della piattaforma continentale campana con i depositi vulcanici affioranti lungo la linea di costa del golfo di Pozzuoli è stato eseguito il rilevamento, la campionatura e la rappresentazione cartografica delle aree costiere del settore meridionale dei Campi Flegrei. In dettaglio, l area rilevata ricade ad ovest nei comuni di Bacoli e Monte di Procida, mentre include ad est l isolotto di Nisida sito nel comune di Napoli. Dal punto di vista morfologico si tratta di un territorio abbastanza articolato, costituito da un alternanza di bassi ed alti topografici, questi ultimi dovuti alla presenza di centri vulcanici monogenici di limitata estensione areale. La quota massima nell area rilevata è di 132 m slm in corrispondenza del rilievo di Monte Grillo. I terreni affioranti sono esclusivamente di natura vulcanica e per la quasi totalità costituiti da depositi piroclastici, prodotti quindi durante attività vulca-

29 Relazione sull attività del V anno 29 nica di tipo esplosivo. Una cupola lavica, formata da una successione di lave spessa fino a 30 metri ed affiorante lungo il tratto di costa del Monte di Procida tra Torregaveta ed Acquamorta, rappresenta l unico prodotto associabile ad attività effusiva nell area rilevata. Il settore di maggiore interesse, dal punto di vista sia stratigrafico che vulcanologico è rappresentato dalla falesia del Monte di Procida lungo il tratto di costa che va da Torregaveta a Miliscola. In questa zona affiorano i prodotti vulcanici più antichi dell area rilevata: si tratta di una successione di numerosi depositi vulcanici che hanno caratteristiche litologiche, strutturali e tessiturali differenti e sono separati da paleosuoli sviluppati in ambiente subaereo durante periodi di stasi dell attività vulcanica. La formazione di tale successione è da imputare alla deposizione in quest area di prodotti piroclastici eruttati durante altrettante eruzioni vulcaniche esplosive, fatta eccezione per l unico evento effusivo che ha determinato la formazione del già menzionato duomo lavico. Quest ultimo, insieme al rilievo vulcanico di Monte Grillo ubicato in località Miliscola, costituiscono i termini più antichi affioranti. La paleodepressione che si era venuta a determinare tra questi due rilievi vulcanici ha costituito la sede ottimale per l accumulo e la conservazione dei prodotti successivi, fino a determinarne il totale riempimento. Tali prodotti sono costituiti nella parte bassa da livelli di pomici da caduta, separati da suoli, già identificati sull isola di Procida, e dai prodotti emessi dal vulcano di

30 30 Accordo di programma Fiumicello sito nel settore nord-occidentale dell isola di Procida. Segue verso l alto un potente strato di brecce litiche completamente sciolte, noto in letteratura col nome di Breccia Museo (Perrotta and Scarpati, 1994). La parte superiore della successione è costituita da numerosi livelli piroclastici formati per la maggior parte dalla deposizione, in aree distali, di prodotti eruttati nei Campi Flegrei. Tra questi di particolare interesse sono quelli associati al vulcano di Torregaveta e del Tufo Giallo Napoletano. Quest ultimo affiora nell area rilevata prevalentemente in facies non litificata in accordo con la distribuzione di facies proposta da Scarpati et al. (1993). Le età assolute dei depositi studiati sono riportate nelle tabelle 1 e 2. E importante sottolineare che, in alcuni casi, l età assoluta di uno stesso deposito è funzione del metodo geocronologico adottato. La restante parte del territorio oggetto di questo rilevamento è formata da depositi piroclastici costituenti quattro centri vulcanici monogenici tutti stratigraficamente più recenti del Tufo Giallo Napoletano. Tre centri vulcanici sono allineati da nord a sud a formare il bordo occidentale, interno del Golfo di Pozzuoli, il quarto centro monogenico è costituito dal vulcano di Nisida che chiude lo stesso golfo ad oriente. Questi vulcani sono dal punto di vista morfologico classificabili come tuffcone (Capo Miseno, Nisida) o tuff- ring (Punta Pennata, Bacoli) in funzione del rapporto tra l altezza massima e il diametro di base, maggiore di 1 nel primo caso, minore di 1 nel secondo. Essi sono formati da successioni di depositi da flusso piroclastico stratificati, generalmente litificati e di colore giallo nei due terzi inferiori dello spessore totale, e non litificati, di colore grigio nella parte sommitale. Centri vulcanici di questo tipo si formano

31 Relazione sull attività del V anno 31 durante eruzioni esplosive di tipo freatomagmatico in cui il magma interagisce, durante la risalita in superficie, con acque non juvenili. 4. INFORMATIZZAZIONE DELLA BANCA DATI Il processo di informatizzazione che il Geomare Sud, nell ambito del progetto CARG, sta seguendo per la stesura dei fogli geologi a mare affidatigli, si sviluppa secondo il seguente schema operativo: Organizzazione della banca dati marina alla scala 1:25000, secondo le specifiche fornite dal SGN nel Quaderno 6 e successivi aggiornamenti. Il set di dati, acquisiti nel corso delle campagne oceanografiche e costituenti il database richiesto, è il seguente: 4.1. Dati geofisici linee navigazione corrispondenti ai tracciati di acquisizione geofisica (Strato 27); polilinee relative alle isobate ricavate da profili sonar multibeam (Strato 30); polilinee relative alle isocronopache ricavate dai profili sismici (sismica monocanale, multicanale, subbottom chirp), descriventi il limite riconosciuto della sequenza deposizionale tardo-quaternaria (Strato 30); poligoni e polilinee relativi alle facies sedimentarie affioranti sul fondo marino riconosciute tramite l interpretazione dei profili Side Scan Sonar tarato mediante le campionature (Strato 18). Nello specifico sarà necessario adattare la struttura dello strato 18 a questa tipologia di informazione Dati geologici A questa categoria appartengono tutti i dati provenienti dalle campionature di un sito (informazioni puntuali), che nello specifico marino sono: carotaggi, bennate, box-cores e dragaggi. Da ciascun tipo di campionatura per ogni sito, si ricavano una serie di campioni che nel caso di carote e box-cores sono ordinati sequenzialmente lungo la verticale, quindi a profondità diverse. I campioni, dopo una prima descrizione, sono sottoposti ad una serie di analisi: granulometriche, micropaleontologiche, petrofisiche, geochimiche. I risultati delle analisi sono organizzati nelle tabelle specifiche, ognuna delle quali ha

32 32 Accordo di programma come chiave primaria l identificativo della campionatura e come chiave secondaria la profondità corrispondente al prelievo del campione (strato 17). Gli strati informativi citati costituiscono il nucleo principale della banca dati marina, a questi saranno associati le altre tipologie di strati definite dal SGN, che per la specificità del tipo di dato da rappresentare necessitano di integrare altre diciture con i relativi codici (vedi elementi morfologici e geomorfologici). Preparazione dei metadati (elementi descrittivi dei dati costituenti il database); Definizione degli oggetti grafici georeferenziati (punti, polilinee e poligoni) a cui associare gli attributi; Preparazione degli originali d autore relativi a ciascuna tipologia di oggetti grafici; Vettorializzazione degli oggetti grafici; Generalizzazione della banca dati alla scala 1: ALLESTIMENTO CARTOGRAFICO DIGITALE Nell ambito delle attività legate all informatizzazione delle aree marine ricadenti entro l isobata dei 100 m del foglio geologico n Isola di Capri si è provveduto alla realizzazione degli Originali d Autore (OA). La forma scelta, tra quelle indicate dal SGN nel Quaderno 6 e successive integrazioni, è quella dell Originale d Autore come disegno digitale; la scala utilizzata è 1:25.000, in conformità con quanto stabilito con il SGN. Questa scelta rispecchia la volontà di utilizzare all interno dei gruppi di lavoro, prodotti intermedi di alta qualità, possibilità di rapida modifica e correzione e, contemporaneamente, fornire agli operatori che si occuperanno della realizzazione della Banca Dati un prodotto digitale, velocizzando successive fasi di inserimento nella Banca Dati. Gli OA sono stati disegnati a video utilizzando come basi cartografiche il rilievo multibeam appositamente acquisito dall Istituto Geomare sud negli anni nell ambito dell Accordo di Programma in oggetto. Le basi cartografiche utilizzate per la realizzazione dei prodotti intermedi e dei disegni su supporto cartaceo indeformabile, sono state acquisite tramite scansione in toni di grigio ad una risoluzione di 600 dpi e georeferenziate utilizzando i quattro vertici della carta ed almeno altri sedici punti interni. L RMS ottenuto nella georeferenziazione è inferiore a 0.1 mm su carta.

33 Relazione sull attività del V anno 33 Le basi batimetriche per l allestimento cartografico definitivo saranno quelle fornite dall Istituto Geografico Militare per le parti a terra e dall Istituto Idrografico della Marina, appositamente elaborate per questa cartografia marina, che dovrà riportare al margine del Foglio la dizione non valida per la navigazione e la fonte di provenienza. Il disegno digitale, di tipo CAD, è stato realizzato in AUTOCAD. Durante questa fase gli elementi geometrici (geologici, geomorfologici, tettonici, etc.) di natura poligonale, lineare e puntuale sono stati disegnati su layer differenti allo scopo di favorire le successive operazioni di inserimento nella Banca Dati. Un layer è stato dedicato al disegno di punti di controllo costituiti da crocini ubicati in corrispondenza dei quattro vertici e degli incroci del reticolato chilometrico. Una volta terminato il processo di realizzazione degli OA, i singoli livelli che lo compongono sono stati esportati come file raster ad alta risoluzione. La georeferenziazione di tali raster è stata ottenuta tramite il riallineamento dei punti di controllo precedentemente inseriti con i punti omologhi delle basi cartografiche. Una volta georeferenziati i file raster sono stati vettorializzati mediante specifiche routine di vettorializzazione semiautomatica. Tali procedure generano dei file vettoriali topologicamente corretti e quindi idonei alla costruzione della Banca Dati. 6. ORIGINALE DI AUTORE DEL FOGLIO N ISOLA DI CAPRI (Sez. 1) DELLA CARTA GEOLOGICA D ITALIA IN SCALA 1: In accodo con le normative CARG espresse nel documento della Commissione per il Rilevamento delle aree marine dei fogli al (Catalano et al., 1996) e delle Nuove linee guida per il rilevamento geologico delle aree marine ricadenti nei fogli CARG (Gruppo di lavoro per la Geologia Marina del Servizio Geologico Nazionale) viene qui presentata una proposta di restituzione cartografica alla scala 1: del rilevamento delle aree marine che ricadono entro l isobata dei 100 m del Foglio n Isola di Capri (Sez. 1) della Carta Geologica d Italia in scala 1: E stato rilevato un settore di mare, che comprende sostanzialmente i fondali delle aree di piattaforma continentale dell Isola di Capri, Bocca Piccola e dell estremità sudoccidentale della Penisola Sorrentina. Tale lavoro è frutto della interpretazione di dati batimetrici multibeam, dati acustici Side-scan

34 34Accordo di programma Sonar, profili sismo-acustici di altissima risoluzione e dati sedimentologici. La restituzione cartografica con equidistanza ad un metro e la costruzione di carte shaded relief hanno evidenziato le principali morfologie tramite l analisi delle rotture di pendenza: è stato possibile infatti riconoscere gli elementi fisiografici primari, quali la piattaforma interna ed esterna, il suo limite, la scarpata continentale, ed elementi fisiografici locali, quali canyons, canali, orli di terrazzi, banchi, cordoni, barre, dune, nicchie di distacco e relativi cumuli, conoidi, blocchi isolati etc. È stato possibile dalla batimetria multibeam ottenere informazioni indirette sulle litologia dei fondali, come la presenza in affioramento di substrato roccioso o di fondi localmente duri come le biocostruzioni. In alcuni casi, nei in aree a fondo particolarmente acclive e in settori di scarpata superiore è stato possibile identificare alcune testate di strato, maggiormente rilevate rispetto i settori circostanti, perché evidenziate da processi morfoselettivi (Fig. 3). Immagini acustiche dei settori di mare indagati nel presente studio sono state ottenute tramite rilievi Side-scan Sonar. Tale metodologia si avvale di sistemi di acquisizione digitali e consente di ottenere informazioni sulla natura e la morfologia dei fondali in base alle loro proprietà acustiche. I caratteri e l intensità di backscatter consentono la definizione di facies acustiche la cui interpretazione si è basata su dati provenienti dall analisi di campioni prelevati

35 Relazione sull attività del V anno 35 dal fondo e sullo studio morfobatimetrico. Per quanto riguarda gli ecosistemi marini, sia la batimetria multifascio, sia l acquisizione di immagini acustiche, sono risultati di particolare utilità in quanto forniscono informazioni sulla presenza di Posidonia oceanica, per il particolare aspetto del segnale acustico che permane nelle registrazioni anche dopo la fase di filtraggio dei dati. Nel caso che la prateria si sviluppi su matte è stato possibile, in taluni casi, localizzare le depressioni relative alle zone di canale intra-matte o gli orli del limite inferiore. Già da una prima analisi emerge che i fondali evidenziano pendenze discrete, in genere non inferiori ad 1.5. Tale caratteristica risulta dalla presenza in subaffioramento del substrato roccioso, dalla vicinanza di una dorsale montuosa a breve distanza dalla costa e dalla presenza a fondo mare di sedimenti a granulometria prevalentemente sabbiosa. Nel settore settentrionale si osservano gradienti variabili tra 1.5 e 11 per i fondi mobili, pendenze fino ai 20 per le aree con substrato subaffiorante e oltre i 40 per le pareti incise in roccia. Il versante meridionale presenta valori delle pendenze comprese tra 2.4 e 20 per i fondi mobili, oltre i 20 per le aree con subaffioramento del substrato, e cigliate in roccia in taluni casi quasi sub-verticali Contenuto della carta Le informazioni rappresentate in carta nell OA alla scala 1: si riferiscono principalmente alla distribuzione superficiale delle diverse unità litostratigrafiche affioranti sul fondo marino e ai principali lineamenti morfologici. Dei sedimenti affioranti a fondo mare sono state definite le caratteristiche tessiturali e ulteriori indicazioni accessorie (il contenuto fossilifero, la composizione mineralogica, il tenore in carbonati, ecc.) quando questo possibile (Fig. 4). Per quanto riguarda l analisi e la classificazione dei campioni prelevati, ci si è riferiti alla classificazione binaria di Nota; i risultati ottenuti, sono stati raggruppati e semplificati in identificando 4 classi granulometriche prevalenti più una classe relativa ad affioramenti di massi derivati da arretramento di falesie: peliti sabbiose con diametro minore di mm e frazione sabbiosa, fino al 70 % in peso, con diametro generalmente inferiore ai 0,25 mm sabbie medio-fini con diametro compreso tra 0,062 e 0,5 mm sabbie medio-grossolane con diametro compreso tra 0,25 e 2mm ghiaie e ciottoli con diametro compreso tra 2 e 250 mm circa,

36 36 Accordo di programma massi di dimensioni metriche Le tessiture dei singoli campioni inseriti in tali raggruppamenti variano in funzione dell ambiente deposizionale di appartenenza e risultano dalle curve cumulative elaborate per ogni singolo campione. Per la caratterizzazione dei fondali rocciosi è stato utilizzato un criterio litostratigrafico, in analogia con quanto avviene per le carte a terra; ove possibile, le unità presenti sul fondo marino sono state correlate con quelle affioranti a terra. Sono state quindi cartografate le principali biocenosi significative dal punto di vista sedimentologico e ambientale (ad es. le praterie a Posidonia oceanica) e le strutture sedimentarie principali riconosciute sul fondo mare in base ai sonogrammi Side Scan Sonar (Fig. 5). Sono state inoltre evidenziati altri caratteri dei fondali marini quali lineamenti morfologici relitti o caratterizzanti la dinamica attuale dei sedimenti e strutture neo-tettonici emergenti o sepolte desumibili dalle registrazioni sismiche (Fig. 6). Dall interpretazione dei profili sismici a riflessione Subbottom Chirp, si sono valutati i rapporti spazio-temporali dei systems tract che contribuiscono alla progradazione ed alla aggradazione della piattaforma (Figg. 7 e 8). Sono stati infine definiti lo spessore della successione tardo quaternaria post-glaciale e di altri corpi sedimentari, eventualmente desunti dai dati sismici, secondo la metodologia della stratigrafia sequenziale Criteri di rappresentazione cartografica Un ulteriore esigenza concettuale e metodologica è stata la rappresentazione cartografica del raggruppamento delle associazioni di litofacies riconosciute in elementi deposizionali/associazioni di litofacies (cioè porzioni di systems tract), in funzione dell interpretazione degli elementi morfostrutturali rilevati e della dinamica degli ambienti sedimentari attuali. In questo modo ci si è proposto di realizzare, in particolare per la rappresentazione della geologia di superficie, una integrazione tra l approccio litostratigrafico classico, l approccio stratigrafico sequenziale e la caratterizzazione dei sistemi e degli elementi deposizionali attuali e recenti. In particolare le unità rappresentate sono i depositi della sequenza deposizionale formatisi durante l ultima oscillazione del l.m. Questi sono stati definiti e rappresentati secondo i criteri della stratigrafia sequenziale e quindi suddivisi in systems tract. Essendo delimitati da superfici tempo, essi possono trovare una equivalenza nelle UBSU e costituiscono quindi le unità base da rappresentare. Le unità così definite sono gruppi di strati delimitati da superfici prevalentemente sincrone o da intervalli ad esse assimilabili, al cui interno si

37 Relazione sull attività del V anno 37

38 38 Accordo di programma

39 Relazione sull attività del V anno 39

40 40 Accordo di programma possono riconoscere vari sistemi/elementi deposizionali, possibilmente calibrati con carotaggi e campionature del fondo mare. E da notare che i systems tract e gli elementi al loro interno costituiscono litosomi che hanno a tutti gli effetti il carattere di subsintemi e unità; in questo modo si realizza il legame concettuale e pratico con l approccio secondo i criteri delle UBSU previsto nelle aree emerse a deposizione più recente Elementi deposizionali del systems tract di stazionamento alto della sequenza tardo quaternaria I sedimenti affioranti a fondo mare in aree sottocosta e nei vari settori di piattaforma sono riferibili principalmente nell ambito del systems tract di stazionamento alto della SDTQ. Questi depositi formano un corpo prismatico (cuneo) che si assottiglia rapidamente fino a lasciare in affioramento a fondo mare intorno ai 120 m di profondità il systems tract trasgressivo, costituito da parasequenze in retrogradazione; depositi relitti di ambiente di spiaggia, relativi alla fase di transgressive/lowstand affiorano localmente o si rinvengono nell immediato sottofondo mare in piccoli settori di piattaforma continentale a sudovest di Punta Campanella e ad ovest di Capri. Attraverso l esame delle facies acustiche, della topografia del fondale, della litologia e delle tessiture e granulometrie dei campioni è stato possibile determinare una suddivisione delle aree di piattaforma in elementi deposizionali/ associazioni di litofacies. La loro estensione e localizzazione è funzione del-

41 Relazione sull attività del V anno 41 l intervallo batimetrico principalmente, ma anche degli apporti dall entroterra e del contesto idrodinamico (Fig. 6). Seguendo un profilo terra-mare si possono riconoscere quindi fino alla profondità di circa 115 m, una serie di ambienti sedimentari corrispondenti ad altrettanti elementi deposizionali/associazioni di litofacies attuali, cioè in equilibrio con l intervallo batimetrico di riferimento e le condizioni idrodinamiche (Fig. 9). Tale equilibrio può considerarsi raggiunto a meno di piccole oscillazioni e variazioni che riguardano in particolare l intervallo infralittorale, a partire dagli ultimi 5000 anni, periodo in cui si sono realizzate le condizioni di optimum climatico. In particolare, nella I bozza del foglio Isola di Capri allegata alla presente relazione sono state distinte 8 associazioni di litofacies raggruppabili in 3

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS Trieste 16-19 novembre 2009 28 Convegno Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS P. Luiso, G. Alessio, G. Gaudiosi, R. Nappi Obiettivo L obiettivo di questo lavoro

Dettagli

Progetto di Interesse strategico NEXTDATA. WP 1.5 - Dati paleoclimatici da sedimenti marini (Resp. Fabrizio Lirer, CNR-IAMC)

Progetto di Interesse strategico NEXTDATA. WP 1.5 - Dati paleoclimatici da sedimenti marini (Resp. Fabrizio Lirer, CNR-IAMC) Progetto di Interesse strategico NEXTDATA Rendicontazione scientifica per il primo anno di attività: 01/01/2012-31/12/2012 WP 1.5 - Dati paleoclimatici da sedimenti marini (Resp. Fabrizio Lirer, CNR-IAMC)

Dettagli

La Geotermia in Italia

La Geotermia in Italia La geotermia: una nuova ricchezza per l Italia L Italia rappresenta una zona straordinaria dal punto geologico e vulcanologico, per la presenza della crosta terrestre più sottile e perché al di sotto di

Dettagli

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE Una carta geologica è la registrazione di come sono distribuite sulla superficie terrestre rocce di età e natura diverse; essa è anche, e soprattutto, una

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

PANTELLERIA. 50 km. Ustica. Sicily. Pantelleria. Linosa

PANTELLERIA. 50 km. Ustica. Sicily. Pantelleria. Linosa PANTELLERIA L'isola di Pantelleria è situata nel Canale di Sicilia a 70 km dalla costa africana e a circa 100 km dalla costa sud-orientale siciliana. La sua superficie è di circa 83 kmq e la sua altezza

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

ISPRA. Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale 12 III

ISPRA. Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale 12 III ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale 12 III 1 I S P R A Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale DIPARTIMENTO DIFESA DEL SUOLO S e r v i z i o G e o l

Dettagli

La geologia marina nel Progetto di cartografia geologica alla scala 1:50.000 del Servizio Geologico d Italiad

La geologia marina nel Progetto di cartografia geologica alla scala 1:50.000 del Servizio Geologico d Italiad La geologia marina nel Progetto di cartografia geologica alla scala 1:50.000 del Servizio Geologico d Italiad S. D Angelo A. Fiorentino Dipartimento Difesa del Suolo ISPRA Progetto CARG: principi di cartografia

Dettagli

Curriculum vitae et studiorum di Erika Lai

Curriculum vitae et studiorum di Erika Lai Curriculum vitae et studiorum di Erika Lai Studi compiuti e titoli conseguiti 2007: Laurea in scienze naturali (vecchio ordinamento) conseguita presso la Facoltà di Scienze matematiche fisiche e Naturali

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra. Corso di Laurea Triennale in Scienze Geologiche (L34)

Università degli Studi di Parma. Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra. Corso di Laurea Triennale in Scienze Geologiche (L34) Università degli Studi di Parma Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra Corso di Laurea Triennale in Scienze Geologiche (L34) Proposte per la realizzazione di Tirocinio e Prova Finale A.A. 2014-2015

Dettagli

ISSN 2039-7941. Anno 2012_Numero 219. apporti. tecnici. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

ISSN 2039-7941. Anno 2012_Numero 219. apporti. tecnici. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia t ISSN 2039-7941 Anno 2012_Numero 219 apporti tecnici Rete gravimetrica di precisione all isola di Pantelleria. Monografie delle stazioni. Situazione al mese di luglio 2011 Istituto Nazionale di Geofisica

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

CONOSCENZE, VALUTAZIONI, TRASIMENO

CONOSCENZE, VALUTAZIONI, TRASIMENO CONOSCENZE, VALUTAZIONI, PROPOSTE PER IL FUTURO DEL TRASIMENO Il contesto geologico del Lago Trasimeno Campagne di esplorazione del Servizio Geologico e Sismico e risorse finanziarie utilizzate 2 campagne

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale Rilascio di permesso di ricerca idrocarburi Faenza RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALL ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA DI IDROCARBURI LIQUIDI E GASSOSI DENOMINATA FAENZA

Dettagli

3. - PROGRAMMA CARG. Anna SPAZIANI, Francesco A. VENTURA, Francesco VISICCHIO

3. - PROGRAMMA CARG. Anna SPAZIANI, Francesco A. VENTURA, Francesco VISICCHIO 22 SERVIZIO GEOLOGICO NAZIONALE - INFORMATICA E PRODUZIONE EDITORIALE 3. - PROGRAMMA CARG Anna SPAZIANI, Francesco A. VENTURA, Francesco VISICCHIO Il programma di realizzazione della nuova cartografia

Dettagli

Convenzione C.U.G.RI. Autorità di Bacino. Elaborati relativi alla I fase

Convenzione C.U.G.RI. Autorità di Bacino. Elaborati relativi alla I fase Allegato Tecnico A Relazione sui dati esistenti e sulle metodologie utilizzate AUTORITA DI BACINO REGIONALE DEL FIUME SARNO ATTUAZIONE DEL DISPOSTO DELL ART. 1, COMMA 1 DELLA LEGEE 267/98 COME MODIFICATA

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba 32 Convegno Nazionale Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba Zulima C. Rivera Álvarez (1), Julio García Peláez (2), Dario Slejko (3), Angel Medina (4) 1 National Centre of Seismological Researches,

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

10.1 Analisi litostratigrafica e zonazione litotecnica dell area

10.1 Analisi litostratigrafica e zonazione litotecnica dell area 10. RICONOSCIMENTO E LOCALIZZAZIONE DELLE DIFFERENTI STRUTTURE 1D PRESENTI ALL INTERNO DEL CENTRO STORICO DELLA CITTÀ DI PALERMO: EFFETTI ATTESI SULLA RISPOSTA SISMICA LOCALE R. Catalano, M.S. Giammarinaro

Dettagli

Analisi sommaria degli aspetti geologici, geotecnici, idraulici, idrogeologici

Analisi sommaria degli aspetti geologici, geotecnici, idraulici, idrogeologici Regione Piemonte Comune di Torino (TO) Analisi sommaria degli aspetti geologici, geotecnici, idraulici, idrogeologici per la realizzazione di un nuovo fabbricato all interno del complesso CNR di Torino

Dettagli

A cura di: Capuano P., La Rocca A., Obrizzo F., Pingue F.,Pinto S., Russo A., Tammaro U.

A cura di: Capuano P., La Rocca A., Obrizzo F., Pingue F.,Pinto S., Russo A., Tammaro U. Rete Mareografica (area Vesuviana) 11 Il monitoraggio dei movimenti verticali del suolo è effettuato, oltre che con le tecniche geodetiche classiche e satellitari, anche tramite l uso dei mareografi che

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

ALL. A AFFIDAMENTO DEI RILIEVI TOPOGRAFICI DI UN AREA COMPRESA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI ROMA CAPITOLATO TECNICO

ALL. A AFFIDAMENTO DEI RILIEVI TOPOGRAFICI DI UN AREA COMPRESA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI ROMA CAPITOLATO TECNICO ALL. A AFFIDAMENTO DEI RILIEVI TOPOGRAFICI DI UN AREA COMPRESA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI ROMA CAPITOLATO TECNICO Indice 1 PREMESSA... 3 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO TECNICO... 3 3 OGGETTO DELL AFFIDAMENTO...

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

2.1 La struttura di difesa soffolta 2.2 Ripascimento 2.3.Nucleo in massi e pietra a difesa delle fondazioni del muro di controripa.

2.1 La struttura di difesa soffolta 2.2 Ripascimento 2.3.Nucleo in massi e pietra a difesa delle fondazioni del muro di controripa. INDICE 1.PREMESSA 2. FINALITÀ E DESCRIZIONE DELL INTERVENTO. 2.1 La struttura di difesa soffolta 2.2 Ripascimento 2.3.Nucleo in massi e pietra a difesa delle fondazioni del muro di controripa. 3. ASPETTI

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA Dott. Geol. ALESSANDRO VIDALI INDAGINI GEOLOGICO-GEOTECNICHE Via Roma, 20 30027 San Donà di Piave 0421-51616 335-8336809 FAX 0421-51616 E-mail ak.vidali@aliceposta.it C.F. VDL LSN 59P15 F130X P.I. 02793580271

Dettagli

Corso di Laurea di I livello in Scienze Geologiche

Corso di Laurea di I livello in Scienze Geologiche Corso di Laurea di I livello in Scienze Geologiche Largo San Leonardo Murialdo, 1 00146 Roma Tel.: 06-54888207 fax: 06-54888201 e-mail: ccl_geo@uniroma3.it Obiettivi formativi Il Corso di Laurea di i livello

Dettagli

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo SCIENZE GEOLOGICHE 13-1414 Febbraio 2014 Legnaro-Agripolis SCIENZE GEOLOGICHE LAUREA DI 1 LIVELLO LAUREA MAGISTRALE Geologia e Geologia Tecnica (2 anni) DOTTORATO DI RICERCA Scienze della Terra (3 anni)

Dettagli

Progetto di ricerca applicata: Recupero e valorizzazione del patrimonio archeologico del sito di Stabiae, Castellammare di Stabia (NA).

Progetto di ricerca applicata: Recupero e valorizzazione del patrimonio archeologico del sito di Stabiae, Castellammare di Stabia (NA). Progetto di ricerca applicata: Recupero e valorizzazione del patrimonio archeologico del sito di Stabiae, Castellammare di Stabia (NA). Seconda Fase Coordinatore Generale Prof. Maurizio de Gennaro RISULTATI

Dettagli

Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9. Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche. Ciclo Integrato Acque SETTORE 2

Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9. Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche. Ciclo Integrato Acque SETTORE 2 Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9 Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche Ciclo Integrato Acque SETTORE 2 CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOMORFOLOGICI PER I DIFFERENTI

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale PIANO DI GESTIONE ACQUE (Direttiva Comunitaria 2000/60/CE, D.L.vo. 152/06, L. 13/09, D.L 194/09) Relazione Regionale Allegato 4 SISTEMI DI PIANI E PROGRAMMI AFFERENTI LA RISORSA IDRICA REGIONE PUGLIA Febbraio

Dettagli

Collaudo DBT 2K Agg. RT

Collaudo DBT 2K Agg. RT Tre porzioni territoriali + estensione Circa 100000 ha di aggiornamento e 10000 ha di exnovo Per ogni porzione territoriale due consegne in corso d opera, al termine di fasi intermedie di lavoro, e una

Dettagli

PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI RICERCATORE UNIVERSITARIO PER IL SETTORE SCIENTIFICO -DISCIPLINARE GEO/02

PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI RICERCATORE UNIVERSITARIO PER IL SETTORE SCIENTIFICO -DISCIPLINARE GEO/02 PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI RICERCATORE UNIVERSITARIO PER IL SETTORE SCIENTIFICO -DISCIPLINARE GEO/02 (Geologia Stratigrafica e Sedimentologica), FACOLTA DI SCIENZE

Dettagli

Stato d avanzamento del Sottoprogetto B Partner 9 - Provincia di Olbia Tempio: dinamica dei litorali.

Stato d avanzamento del Sottoprogetto B Partner 9 - Provincia di Olbia Tempio: dinamica dei litorali. P.O. Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Stato d avanzamento del Sottoprogetto B Partner 9 - Provincia di Olbia Tempio: Centro transfrontaliero per lo studio della Dr. Fabrizio Ferraro Direttore di Progetto

Dettagli

VERSO UN SISTEMA INFORMATIVO GEOLOGICO -

VERSO UN SISTEMA INFORMATIVO GEOLOGICO - VERSO UN SISTEMA INFORMATIVO GEOLOGICO - L applicativo CARGEO per la Banca Dati Geologica della REGIONE LOMBARDIA Progetto CARG Carlo Alberto Brunori (1) Gianni Siletto (2), Andrea Piccin (2), Fabrizio

Dettagli

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della INTEGRAZIONE ALLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E RIVISITAZIONE DEL MODELLO GEOLOGIGICO RELATIVAMENTE ALL URBANIZZAZIONE DEL PIP COMMERCIALE 1 LOTTO FUNZIONALE I sottoscritti geologi Anna Garippa e Gianluca Tullio,

Dettagli

CARTA GEOLOGICA INFORMATIZZATA DELLA REGIONE LAZIO

CARTA GEOLOGICA INFORMATIZZATA DELLA REGIONE LAZIO CARTA GEOLOGICA INFORMATIZZATA DELLA REGIONE LAZIO Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Scienze Geologiche Regione Lazio Agenzia Regionale Parchi Area Difesa del Suolo RELAZIONE SUL PROCESSO

Dettagli

Problematiche geoarcheologiche nella città di Roma

Problematiche geoarcheologiche nella città di Roma Problematiche geoarcheologiche nella città di Roma Carlo Rosa* *Fondazione Ing. C. M. Lerici Politecnico di Milano Istituto Italiano di Paleontologia Umana Il Piano Parcheggi di Roma: problematiche geologiche,

Dettagli

ALLEGATO B al Disciplinare di Gara. Capitolato Tecnico

ALLEGATO B al Disciplinare di Gara. Capitolato Tecnico - 1/14 - Gara europea a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per la formazione di Database Topografico alla scala nominale 1:25000 (25K) e realizzazione della corrispondente cartografia alle

Dettagli

Il ridisegno La scelta di ridisegnare l OA può essere dettata almeno da due motivazioni principali : - stato del supporto cartaceo dell OA ;

Il ridisegno La scelta di ridisegnare l OA può essere dettata almeno da due motivazioni principali : - stato del supporto cartaceo dell OA ; CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - BANCA DATI GEOLOGICI 81 4. - REALIZZAZIONE DELLA BANCA DATI Per standardizzare la produzione delle nuove informazioni geologiche, garantendo un livello comune di accuratezza

Dettagli

7.c RISCHIO GEOLOGICO

7.c RISCHIO GEOLOGICO 7.c RISCHIO GEOLOGICO I- Introduzione In questo paragrafo viene analizzato il territorio sotto l aspetto della pericolosità geologica, intesa come l attitudine del territorio a manifestare eventi di dissesto

Dettagli

IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI

IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI Studio della conoide alluvionale del Fiume Taro per la realizzazione di un modello idrogeologico per la gestione sostenibile delle risorse idriche IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI

Dettagli

Secche della Meloria. Autore: Renzo Mazzanti Anno: 2012

Secche della Meloria. Autore: Renzo Mazzanti Anno: 2012 Autore: Renzo Mazzanti Anno: 2012 Secche della Meloria I pochi elementi di Geologia marina sulla Meloria oggi disponibili La Fig. 6, riportata alla scala di 1:100.000 per il confronto immediato con le

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini CARTA U.T.M. (Universale Trasversa di Mercatore) Coordinate chilometriche La superficie della Terra è stata

Dettagli

MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4

MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4 RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA DIRETTIVA 92/437CEE DPR 357/97 MISURE DI TUTELA E CONSERVAZIONE -relazione geologica- AREA 4 IT9210142 LAGO PANTANO DI PIGNOLA Dott.ssa SARLI Serafina INDICE PREMESSA

Dettagli

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI)

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) VERIFICHE GEOLOGICHE E IDROGEOLOGICHE A SUPPORTO DELLARICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE EX ART. 208 D.LGS. 152/06 SEDE:

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 7. Lettura delle carte topografiche Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Dati identificativi

Dettagli

Escursione interdisciplinare 16-21 sett. 2002. BANFI GABRIELE mat.609876

Escursione interdisciplinare 16-21 sett. 2002. BANFI GABRIELE mat.609876 Dinamica del territorio ed evoluzione recente del paesaggio in un transetto attraverso l Appennino Centro-Meridionale:Bacino di Rieti, Sarno, Vesuvio e Campi Flegrei Escursione interdisciplinare 16-21

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale ROMA, 26 novembre 2012 Parco Regionale dell Appia Antica

Corso di Aggiornamento Professionale ROMA, 26 novembre 2012 Parco Regionale dell Appia Antica Corso di Aggiornamento Professionale ROMA, 26 novembre 2012 Parco Regionale dell Appia Antica A cura di: Maurizio D Orefice & Roberto Graciotti ISPRA - Dipartimento difesa del suolo Servizio Geologico

Dettagli

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini D. Albarello, E. Lunedei, D. Pileggi, UniSI - DST; C. Copioli, Comune di Rimini; M. Filippini,

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

Relazione geotecnica A-06

Relazione geotecnica A-06 Relazione geotecnica A-06 Elaborato A-06.doc Settembre 2009 1 Emissione Ing. Cosimo Convertino Ing. Nicola Mori Ing. Remo Chiarini INDICE 1. Introduzione... 3 2. Inquadramento generale dell area di intervento...

Dettagli

PROGETTO CARG COMACCHIO. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000. foglio 205

PROGETTO CARG COMACCHIO. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000. foglio 205 1 NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000 foglio 205 COMACCHIO a cura di G. Sarti 1, M.C. Centineo 2, L. Calabrese 2 con i contributi di A. Amorosi 3, M.L. Colalongo 3, S.C.

Dettagli

Il ruolo attuale del geologo nella progettazione delle grandi opere idrauliche. Case history in Oman

Il ruolo attuale del geologo nella progettazione delle grandi opere idrauliche. Case history in Oman Il ruolo attuale del geologo nella progettazione delle grandi opere idrauliche. Case history in Oman Geol. Guido Paliaga, PhD Geol. Luciano Minetti CONSIGLIO NAZIONALE DEI GEOLOGI Fino all ultima goccia

Dettagli

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA E dott. geol. Gianluigi Giannella IL RUOLO DEL GEOLOGO PROGETTISTA Qual è il ruolo del geologo nell esecuzione dei pozzi? Spesso è solo il tramite tra il committente e la ditta di perforazione. Altre volte

Dettagli

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs)

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs) AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 2508 Rovato (Bs) Cedimenti differenziali e fessurazioni vasca di ossidazione linea 2 ed annesso magazzino Depuratore comunale acque reflue di Chiari (Bs) INDAGINE GEOLOGICA

Dettagli

STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA

STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA Commissione tecnica per la microzonazione sismica (articolo 5, comma 7, OPCM 13 novembre 2010, n. 3907) STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA Microzonazione sismica Linee guida per l

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

USO DELLE INDAGINI HVSR PER LA DEFINIZIONE DELLA PALEOMORFOLOGIA SEPOLTA DELLA PIANA COSTIERA IONICA LUCANA

USO DELLE INDAGINI HVSR PER LA DEFINIZIONE DELLA PALEOMORFOLOGIA SEPOLTA DELLA PIANA COSTIERA IONICA LUCANA Bibliografia Berryhill J. R.; 1979: Wave-equation datuming, Geophysics, 44, 1329-1344. Da Cruz Pestana R. & Botelho M. A. B.; 1997: Migration of ground-penetrating radar data with simultaneous topographic

Dettagli

Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio

Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio Realizzato per Regione Liguria da Osservatorio Ligure Pesca

Dettagli

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Giampaolo Di Silvio^, Paolo Ronco^ e Michael Nones^, Luca Guarino* ^ Università di Padova - Dipartimento di Ingegneria Idraulica Marittima Ambientale

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 08 Unità fisiografiche del Centa, Centa Sud e Maremola ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 RELAZIONE SUL CLIMA ONDOSO AL LARGO (RO) 1 Indice

Dettagli

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA PROCEDURE AUTOMATICHE 1D - 2D - 3D Dario Flaccovio Editore Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Procedure automatiche 1D - 2D - 3D ISBN 978-88-579-0051-3

Dettagli

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO IRPI Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA GRUPPO DI GEOMONITORAGGIO - TORINO IL MONITORAGGIO DI CORSI D ACQUA E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI

Dettagli

Microzonazione sismica e forti stratificazioni antropiche

Microzonazione sismica e forti stratificazioni antropiche Microzonazione sismica e forti stratificazioni antropiche Seismic microzonation and thick anthropic cover M. Moscatelli (CNR IGAG) in collaborazione con A. Pagliaroli (CNR IGAG) e G. Raspa (SAPIENZA Univ.

Dettagli

1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4. 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5. 2.2 Area Lama Castello (Aree B)...

1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4. 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5. 2.2 Area Lama Castello (Aree B)... SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5 2.2 Area Lama Castello (Aree B)... 6 2.3 L area destinata ad insediamento residenziale C3 (Area

Dettagli

1. PREMESSA... 1 2. ASPETTI RELATIVI ALLA SIMICITÀ... 3 2.1. - NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3

1. PREMESSA... 1 2. ASPETTI RELATIVI ALLA SIMICITÀ... 3 2.1. - NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 1. PREMESSA... 1 2. ASPETTI RELATIVI ALLA SIMICITÀ... 3 2.1. - NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2. - METODOLOGIA PER L ANALISI DELLA RISPOSTA SISMICA... 3 2.3. - ANALISI DI PRIMO LIVELLO - CARTA DELLA PERICOLOSITÀ

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011 Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA CENTRO DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Report di approfondimento

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

Curriculum Vitae. Antonio Malafronte Geologo. Regione Campania AGC LLPP Genio Civile Napoli. Via A. De Gasperi 28 Tel. 0817963179 Tel.

Curriculum Vitae. Antonio Malafronte Geologo. Regione Campania AGC LLPP Genio Civile Napoli. Via A. De Gasperi 28 Tel. 0817963179 Tel. Curriculum Vitae Antonio Malafronte Geologo Regione Campania Genio Civile di Napoli Via A. De Gasperi 28 Tel. 0817963179 Tel. 0817963141 Informazioni personali Nome Data di nascita, residenza Amministrazione

Dettagli

Analisi ecologica territoriale

Analisi ecologica territoriale Come si distribuiscono gli ecosistemi nello spazio e come si possono delimitare? GEOGRAFIA DEGLI ECOSISTEMI ed ECOLOGIA DEL PAESAGGIO Sono tra le scienze che analizzano la distribuzione spaziale degli

Dettagli

Relazione Tecnica: allegato A

Relazione Tecnica: allegato A COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO Regione Lombardia Provincia di Milano Relazione Tecnica: allegato A RELAZIONE GEOLOGICA e GEOTECNICA IL SINDACO IL SEGRETARIO IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO COMUNE DI BELLINZAGO

Dettagli

Genova 22/24 settembre 2015

Genova 22/24 settembre 2015 Genova 22/24 settembre 2015 ELABORAZIONI DELLA C.T.R.: DTM E CARTE DERIVATE Rappresentazione della morfologia del territorio in Regione Liguria QUALCHE DEFINIZIONE DTM (Digital Terrain Model) o DEM (Digital

Dettagli

Carannante G., D Argenio B., Dello Jacovo B., Ferreri V., Mindszenty A, Simone L., 1988, Studi sul carsismo cretacico dell Appennino Campano.

Carannante G., D Argenio B., Dello Jacovo B., Ferreri V., Mindszenty A, Simone L., 1988, Studi sul carsismo cretacico dell Appennino Campano. Bibliografia Accordi G., Carbone F., Sirna G., 1982, Relationships among tectonic setting substratum and benthonic communities in the upper Cretaceous of north-eastern Matese (Molise, Italy). Geologica

Dettagli

studiare Scienze della Terra a Parma informazioni per i futuri studenti A.A. 2015-16

studiare Scienze della Terra a Parma informazioni per i futuri studenti A.A. 2015-16 studiare Scienze della Terra a Parma informazioni per i futuri studenti A.A. 2015-16 studiare le Scienze della Terra La Terra è, probabilmente, l unico pianeta del Sistema Solare che ospita delle forme

Dettagli

Monitoraggio dei Flussi di CO 2 al Vesuvio Il monitoraggio del processo di degassamento nell area vesuviana è stato effettuato attraverso:

Monitoraggio dei Flussi di CO 2 al Vesuvio Il monitoraggio del processo di degassamento nell area vesuviana è stato effettuato attraverso: MONITORAGGIO GEOCHIMICO DELL AREA VESUVIANA 4 La sorveglianza geochimica dell area Vesuviana, effettuata dall Unità Funzionale di Geochimica dei Fluidi dell Osservatorio Vesuviano, nel corso del 2004 ha

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA. Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA. Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO LEZIONE 6 Dott. PhD. Alessandro Marucci LA CARTOGRAFIA PER L ANALISI TERRITORIALE

Dettagli

Indagine di Tomografia Elettrica

Indagine di Tomografia Elettrica Indagine di Tomografia Elettrica 1. DESCRIZIONE DEL METODO La tomografia elettrica è utilizzata a supporto di altri metodi geofisici nell investigazione delle strutture sepolte e nella ricerca di acque

Dettagli

Orientamento. Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale. Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola. Sole. Orologio.

Orientamento. Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale. Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola. Sole. Orologio. Orientamento Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola Sole Orologio Stelle BUSSOLA Tacca di mira Ago Magnetico Cerchio graduato Ci indica

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Prescrizioni delle NTC (2008)

Prescrizioni delle NTC (2008) La progettazione di fondazioni di edifici in terreni ad alta instabilità Prescrizioni delle NTC (2008) Stefano Aversa Università degli studi di Napoli Parthenope Associazione Geotecnica Italiana Bologna

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

già Unica eccezione il substrato:

già Unica eccezione il substrato: Da Standard MS_3.0 La carta delle MOPS è costruita sulla base degli elementi predisponenti alle amplificazioni e alle instabilità sismiche già riportati nella CGT_MS. Ciò che differenzia la CGT dalle MOPS

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

La geologia del Trentino: lo studio del territorio fra esplorazione e nuove tecnologie. Modulo 1: cartografia e geomorfologia Parte II

La geologia del Trentino: lo studio del territorio fra esplorazione e nuove tecnologie. Modulo 1: cartografia e geomorfologia Parte II Trento, 1 ottobre 2009 La geologia del Trentino: lo studio del territorio fra esplorazione e nuove tecnologie Modulo 1: cartografia e geomorfologia Parte II Dott. Paolo Ferretti Le carte geologiche La

Dettagli

REGIONE LIGURIA COPERTURA TERRITORIALE COMUNI OBIETTIVO 2

REGIONE LIGURIA COPERTURA TERRITORIALE COMUNI OBIETTIVO 2 COPERTURA TERRITORIALE COMUNI OBIETTIVO 2 Provincia di Savona Provincia di Genova Provincia di La Spezia Albisola Marina Arenzano Ameglia Albisola Superiore Bargagli Arcola Altare Busalla Bolano Cairo

Dettagli

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione COMUNE DI NOCERA INFERIORE Sala Polifunzionale della Galleria Maiorino Nocera Inferiore 14 aprile 2011 Incontro informativo sul rischio da frana a Nocera Inferiore Valutazione del rischio, sistemi di allertamento

Dettagli

Indagini di Microzonazione Sismica

Indagini di Microzonazione Sismica Indagini di Microzonazione Sismica Standard di Informatizzazione Carta delle Indagini Carta Geologico-Tecnica Carta Microzone Omogenee in Prospettiva Sismica, MOPS (1 livello) Carta di Microzonazione Sismica

Dettagli