Steps needed to move forward in Italy A professional point of view

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Steps needed to move forward in Italy A professional point of view"

Transcript

1 Steps needed to move forward in Italy A professional point of view M Rita Gamberini DH per la Cura della Talassemia e Emoglobinopatie Dipartimento Accrescimento e Riproduzione Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Anna Ferrara, 15-Nov-2013

2 Rare Diseases and Public Healthcare in Italy National Healthcare Programme Legal protection of rare disease patients Priority interventions: realization of a National Network for rare diseases (RD)

3 Ministerial Decree (MD) 18 May 2001, no. 279 National Clinical-epidemiological Network for Prevention, surveillance, diagnosis, and RD treatment Diagnosis and Care Facilities ( Units ): accredited, preferably hospital units, identified by Regional heath cares Devoted to collaboration and health information exchange, adoption of planned specific protocols, health operator trainings, citizens and Associations health information National RD Registry (ISS): allowing national planning of interventions for RD patients protection and surveillance of the same List of RD: exemption from health service charges

4 Emilia-Romagna Region: Approval no. 160, 2 Feb 2004: ESTABLISHMENT OF REGIONAL NETWORK FOR PREVENTION, SURVEILLANCE, DIAGNOSIS, AND RD TREATMENT, MD 18-May-01, No. 279 Health Units for Specific RD: Confirmation of diagnosis, and also of possible familial genetic investigations exempted from health service charges Certification of diagnosis (RNMR) Personalised therapy program Define and adopt clinical protocols for diagnosis, health services, and drug treatments each disease, in collaboration with other Interregional and Network Units. Regional technical RD team: RD list inclusion of further diseases with recognised exemption Free supply of treatments excluded from Essential Levels of Care

5 Emilia-Romagna Region (ER): Hub&Spoke Model Regional resolution no. 1267/2002 Guidelines approval for the organisation of regional activity areas as per Hub&Spoke model The Hub&Spoke network model is adopted for those disciplines requiring identification of High Specialisation Sites, that is those with low prevalence and particular expertise

6 Hub&Spoke Network for RD RD / Discipline Congenital Haemorrhagic Disorders Establishment resolution of Hub&Spoke Network 1267/02 Genetics 1267/02 Congenital Haemolitic Anaemia 1708/05 Glycogenoses 395/06 Cystic Fibrosis 396/06 Marfan s Syndrome 1966/06 Rare Bone Diseases 1110/09 Paediatric Rare Diseases 1897/2011 Metabolic Disorders 1898/2011

7 Hub&Spoke Network for Congenital Haemolitic Anaemia Haemoglobinopathies (2011) Diagnosis 445 TM+TI 302 SCD 143 Technical Working Group: Site Physicians (Unit of Paediatrics, Internal Medicine e Blood Transfusion Service) Association Representatives (FE, RA, BO, MO) Institution Delegates

8 Triennial planning document for thalassaemia and haemoglobinopathies treatment 1. Global Health Care 1. Transfusion therapy 2. Chelation therapy 3. Clinical evaluations 1. Health Care aims 2. Drug prescription lines 3. Training and Updating 4. Specific aims of network technical group

9 Clinical evaluations in patients with haemoglobinopathy General clinical examination Laboratory assessment Instrumental evaluations Specialty assessment

10 Health Care aims : Transfusion or ex-trans dependent patients Aim 2014: 80% Result 2012 Thalassaemia Hb pre > 9 g/dl 83% Sickle Cell Disease HbS-pre : <50% 63% Improvement: Clinical evaluation (Hypersplenism? Allo-auto Ab?), counselling, flexible schedule

11 Health Care aims : Annual check-up, all patients with haemoglobinopathy Aim 2014:80% Result 2012 Laboratory assessment 90% Abdominal Ultrasound 90% Cardiovascular assessment 90% Ophthalmology assessment 50% Audiometric test ( chelating treatment ) 50% Improvement: Specialist dates availability

12 Health Care aims : Hepatic/Cardiac MRI (T2*) Aim 2014: 80% 3yr-period Transfused patients age>10 anni Result 2012: 80% of cases

13 Health Care aims : Transcranial Doppler Ultrasound (TCD) in patients with SCD, age 1-16 yrs Aim 2014: 80% of cases Result 2012: 40% Improving: avalilability of this diagnostic test at other Network Sites

14 Health Care aims Standardisation of Health Care procedures: Elaboration of common guidelines 2013: diagnostic and therapeutic recommendations for pain crisis in SCD Disclosure during meeting organised each Network ERoom 2014: Hydroxyhurea recommandations for SCD

15 Prescription of chelating agents RD Commission: clarification of Desferroxamine-Deferiprone combined chelation therapy prescription AIFA application (Mar-2013): inclusion of combined chelation treatment among the innovative drugs pursuant to law 648

16 Scientific updating Bologna 02-Mar-2013: World RD day: Thalassaemia and SCD Ferrara, 15-May-2013: Conference: RESEARCH AND INNOVATION FOR THALASSAEMIA CARE: results and new future treatments for thalassaemia and haemoglobinopathies Ferrara,11-Jun-2013: Seminar: Osteoporosis in Tahalassaemia (specialists) Ferrara, 9-Sep-2013: Seminar: Osteoporosis in Thalassaemia (patients) Ferrara, 12-Oct-2013: UPDATING SEMINAR ON CHRONIC HEPATOPATHY HCV IN THALASSAEMIA

17 Haemoglobinopathies: prevalence and ethnics (2011) Diagnosis 445 TM+TI 302 SCD 143 Extra-EU 132 (30%) TM+TI 15 SCD 117

18 Stranger residents in ER 01-Oct-2011: : total population subjects 11,3% of population 14%: children, attending public schools

19 Immigration in Emilia-Romagna Region: Countries of Origin

20 Immigrant patients (born abroad) registred from (114 cases)

21 Patients with Thalassaemia and SCD born in ER Region

22 Goal of SCD neonatal screening Birth Identify patients and refer to specialist centre significant reduction infant morbidity and mortality 2 months of age Develop a comprehensive care plan Family education: parents counselled to identify pain, fever, respiratory distress, splenomegaly, jaundice Vaccination, prophylactic penicillin Transcranial Doppler Ultrasound Genetic counselling Primary goal: prevent or minimize complications that impaired quality of life

23 SCD Neonatal Screening Italy: performed in some regions Emilia-Romagna: Modena High risk newborn, accoring to parents country of origin Parents: non assessed for haemoglobinopathies

24 Thank you for your attention

25 Hub & Spoke Model for RD

26 Hub&Spoke Model Advantages Superior health care guarantee Uniformity of diagnostic-heath care pathways Expertise reinforcement at all Network levels Epidemiological and clinical data collection Correct health planning and economic analysis of costs

27 Hub&Spoke Network for Thalassaemias and Haemoglobinopathies Network Foundation as per Regional Decree 1708/05 Technical Working Group: Site Physicians (Unit of Paediatrics, Internal Medicine e Blood transfusion Service) Association Representatives (FE, RA, BO MO) Quarterly meetings for discussion and solution of critical situations, guidelines diffusion

28 Hub&spoke Network Haemoglobinopathies Clinical trials in common: MIOT (Myocardial Iron Overload in Thalassemia) FIBROSCAN: Longitudinal evaluation of Liver Fibrosis in TM Chelation with DFX and antiviral treatment in patients with chronic HCV Genomic Erythrocytes typing donnor-recipient Clinical Trials: SPD-602: a new oral Chelator (Phase II) ACE-536 (Phase II) Neurocognitive functions in patients with SCD (Observational) Long-term observational safety study to evaluate the nature and incidence of adverse effects of deferiprone treatment in patients with beta-thalassaemia major aged from 1 month to less than 18 years (DEEP-3) CASIRE: Sickle Cell RENAL DISEASE COHORT INTERNATIONAL STUDY Protocol H7T-MC-TADO: A Phase 3, Double-Blind, Randomized, Efficacy and Safety Comparison of lprasugre and Placebo in Pediatric Patients with Sickle Cell Disease Thalamoss

29 ER: Haemoglobinopathies : prevalence and ethnics new diagnosis (2011) New Diagnosis 27 TM+TI 6 SCD 21 Extra-EU 22 (81%) TM+TI 2 SCD 20

30

31 Clinical Examination Età pediatrica Adulto Età d inizio Frequenza Frequenza Indicata per Obiettivo Visita medica Diagnosi 3-6 m 3-6 m Tutti i pazienti dimensioni organi ipocondriaci Peso-statura Diagnosi 3-6 m 6-12 m Tutti i pazienti Velocità di crescita Diagnosi 3-6 m Tutti i pazienti Stadio puberale 8-10 anni 6-12 m Tutti i pazienti Verifica stato vaccinale Colloquio individuale Diagnosi 3-12 m 12 m Tutti i pazienti Richiami Diagnosi 1-3 m Tutti i pazienti adesione alla terapia prescritta Bilancio trasfusionale (Hb pre, consumo di GR, ingresso di ferro) 6-12 m Tutti i pazienti in terapia trasfusionale Ipersplenismo Adeguamento dosaggio del chelante

32 Laboratory assessment (1) Età pediatrica Adulto Età d inizio Frequenza Frequenza Indicata per Obiettivo Glicemia, funzionalità epatica e renale, coagulazione, reticolociti Diagnosi 6-12 mesi Tutti i pazienti Indicatori di stato clinico generale Transaminasi Diagnosi Mensile nei trasfusi 3 mesi nei non trasfusi Tutti i pazienti Monitoraggio epatopatia su base siderotica o infettiva post-trasfusionale test di funzionalità epatica e renale Mensile Terapia con deferasirox Tossicità del chelante Settimanale Terapia con ferriprox Tossicità del chelante Emocromo Diagnosi Alla trasfusione Ogni 3 mesi nei non trasfusi Tutti i pazienti Indicatore della terapia trasfusionale e andamento della anemia nei non trasfusi

33 Laboratory assessment (2) Età pediatrica Adulto Età d inizio Frequenza Frequenza Indicata per Obiettivo Ferritina Terapia trasfusionale 3 mesi Tutti i pazienti in terapia chelante Monitoraggio terapia chelante Ferritina, sideremia, transferrina (%sat) 3-6 mesi OGTT >15 anni 1-2 anni Funzionalità tiroidea (FT4,TSH) Tutti i pazienti non in terapia chelante Tutti i pazienti con sovraccarico di ferro e /o in terapia chelante, epatopatia cronica, obesità, familiarità positiva >12 anni 6-12 mesi Tutti i pazienti Indicatore del possibile accumulo di ferro (TI) e di possibile carenza marziale nelle S drepanocitiche Rischio di diabete Rischio di ipotiroidismo primario ( raro centrale) Ca, P, Mg, FA, Vit D ( PTH) 2 anni 12 mesi Tutti i pazienti Rischio di ipoparatiroidismo e deficit di vit D

34 Laboratory assessment (3) Età pediatrica Adulto Età d inizio Frequenza Frequenza Indicata per Obiettivo MALB 10 anni 3 volte per anno S drepanocitica Diabete Segno precoce di glomerulosclerosi LDH Diagnosi 6 mesi S drepanocitiche HbS% Diagnosi Pre e post trasfusionale S drepanocitiche Marcatore di rischio per alcune complicanze Indicatore di efficacia della terapia trasfusionale in atto HbF% Diagnosi 6 mesi nei pazienti in terapia con idrossiurea S drepanocitiche Indicatore di efficacia della terapia con idrossiurea

35 Laboratory assessment (4) Età pediatrica Adulto Età d inizio Frequenza Frequenza Indicata per Obiettivo Tit HBsAb HCV Ab HCV-RNA quantitativo Genotipo HCV Prima dell inizio delle trasfusioni 1-2 anni Tutti i pazienti vaccinati Basso rischio di trasmissione per via trasfusionale Per terapia antivirale Per terapia antivirale Richiamo se titolo HbsAb <10UI/ml Indicatore di efficacia della terapia antivirale Schema terapeutico specifico antivirale qhbv-dna HIV-Ab HBsAg pos, HbeAg pos Basso rischio di trasmissione per via trasfusionale Per terapia antivirale HIV-RNA HIV-Ab pos In terapia antivirale HAV-Ab Profilo infettivologico esteso per virus epatotropi Consigliare vaccinazione nei pazienti negativi in caso di > ALT Diagnosi eziologica di epatite acuta posttrasfusionale o da altra trasmissione

36 Instrumental evaluations (1) Età pediatrica Adulto Eco addome Rx mano Rx colonna Densitometria ossea Età d inizio Frequenza Frequenza Indicazione Obiettivo diagnosi 3-4 anni 12 m 6 m Ogni 2 anni fino a compimento dell accrescimento Tutti i pazienti Epatopatia cronica stadio F3-F4 Pazienti in terapia con DFO 14 anni 1-2 anni Tutti i pazienti Dimensioni milza, fegato, calcoli biliari. Screening epatoca Screening displasia ossea Screening osteoporosi Efficacia terapia chelante RM fegato (alternativa: SQUID) RM cuore 8-10 anni 1-2 anni >14 anni 1-2 anni Tutti i pazienti in terapia trasfusionale e chelante Talassemia intermedia Grado di siderosi epatica Indicazione all inizio della terapia chelante Rischio di cardiopatia

37 Instrumental evaluations (2) Età pediatrica Adulto Eco Doppler transcranico vasi cerebrali (TCD) Età d inizio Frequenza Frequenza Indicazione Obiettivo 1 anno 12 mesi fino all età di 16 anni s. drepanocitica Indicazione alla terapia trasfusionale in caso di velocità flusso TCD anomalo (stenosi arterie cerebrali) RM cerebrale colonna torace >14 anni 2-3 anni Talassemia intermedia tessuto eritropoietico ectopico Biopsia epatica Epatopatia cronica Istologia Fibroscan 1-2 anni Epatopatia cronica Fibrosi epatica

38 Specialty assessment (1) Età pediatrica Adulto Età d inizio Frequenza Frequenza Indicata per Obiettivo Visita oculistica Diagnosi, Prima di iniziare la terapia chelante 12 mesi Tutti i pazienti Retinopatia diabetica, Strie angiodi nella TI Retinopatia nelle S drepanocitiche Tossicità del chelante Esame audiometrico Prima di iniziare la terapia chelante 12 m Pazienti in terapia chelante Tossicità del chelante Visita cardiologica (ECG, ECO) Diagnosi 12 m Tutti i pazienti Danno da ferro e danno da anemia cronica Visita endocrinologica 6-12 m Deficit di crescita e pubertà, ipotiroidismo, ipoparatiroidismo ipogonadismo Definire la diagnosi Valutare terapia sostitutiva (in atto o da iniziare)

39 Visita pneumologica con test di funzionalità respiratoria Visita ginecologica Visita epatologica Visita infettivologica Visita diabetologica, gastroenterologica, urologica, ortopedica, chirurgica, assistenza psicologica, ecc.. Consulenza centro Età d inizio Specialty assessment (2) Età pediatrica Adulto Frequenza Frequenza Indicata per Obiettivo 7 anni 12 m 1-2 anni 1-2 anni S drepanocitica complicata da asma e/o episodi di sindrome toracica acuta Terapia sostitutiva Terapia anticoncezionale Controllo di routine Epatite HCV-HBV HIV positività Tutti i pazienti, su indicazione clinica Talassemia major, Monitoraggio complicanza Valutare la terapia in atto Pap test ogni 2 anni dall età di 25 aa Approfondimento diagnostico Valutare terapia specifica in atto o da iniziare Approfondimento diagnostico Valutare terapia specifica in atto o da iniziare Definizione diagnostica e terapeutica Valutazione per trapianto

40 Rare Diseases and Public Healthcare in Europe 1999: the Parliament and European Council Decision n. 1295/1999/CE, adopted a Community Action Programme on rare diseases, within the frame of the Public Health Action. 2000: Regulation n.141/2000 on orphan drugs and established the community procedure for orphan drug designation. The Committee for Orphan Medicinal Products (COMP) has been created within the European Medicines Agency (EMEA) to carry out this activity. 2004: Rare Diseases Task Force (RDTF) 2010: European Union Committee of Experts on Rare Diseases (EUCERD)

DOCUMENTO DI PIANIFICAZIONE TRIENNALE 2012-2014 PER IL TRATTAMENTO DELLA TALASSEMIA E DELLE EMOGLOBINOPATIE CONGENITE

DOCUMENTO DI PIANIFICAZIONE TRIENNALE 2012-2014 PER IL TRATTAMENTO DELLA TALASSEMIA E DELLE EMOGLOBINOPATIE CONGENITE Progr.Num. 1127/2012 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di luglio dell' anno 2012 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

LE MALATTIE RARE IN ITALIA E IN EUROPA

LE MALATTIE RARE IN ITALIA E IN EUROPA LE MALATTIE RARE IN ITALIA E IN EUROPA Domenica Taruscio Dire&ore Centro Nazionale Mala0e Rare Is4tuto Superiore di Sanità Roma Roma 21 Novembre 2014 MALATTIE RARE E FARMACI ORFANI INIZIATIVE INTERNAZIONALI

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

DR. MARCELLO PERSICO (PRSMCL57M18F839K)

DR. MARCELLO PERSICO (PRSMCL57M18F839K) DR. MARCELLO PERSICO (PRSMCL57M18F839K) CURRICULUM VITAE Nato il 18-8-57 a Napoli, laureato in Medicina e Chirurgia presso l'universita' degli Studi di Napoli nel Luglio 1982. Specializzato in Gastroenterologia

Dettagli

OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI

OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI OSPEDALIZZAZIONE PER COMPLICANZE A BREVE E LUNGO TERMINE IN PAZIENTI DIABETICI Razionale Il diabete mellito è uno dei maggiori problemi sanitari dei paesi economicamente evoluti e la cui prevalenza è in

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani

Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani Probabilità nella Popolazione Generale Carcinoma mammario 11% Carcinoma dell ovaio 0.7% PERCHE UNA CONSULENZA GENETICA ONCOLOGICA?

Dettagli

Lo stato dell arte del Risk Management in Italia

Lo stato dell arte del Risk Management in Italia Sicurezza del Paziente e degli Operatori Sanitari: obiettivo comune per un assistenza di qualità A.O. San Filippo Neri Roma, 14 Dicembre 2011 Lo stato dell arte del Risk Management in Italia Alessandro

Dettagli

Attività di Research Governance Antonio Addis

Attività di Research Governance Antonio Addis L o g o EVENTO INTERNAZIONALIZZAZIONE TORINO, 08 novembre 2012 Attività di Research Governance Antonio Addis Agenda The Region in a nutshell Internationalization genesis Mapping regional research preparing

Dettagli

PROGRAMMA CCM 2010 DATI GENERALI DEL PROGETTO (MAX 1 PAGINA)

PROGRAMMA CCM 2010 DATI GENERALI DEL PROGETTO (MAX 1 PAGINA) PROGRAMMA CCM 2010 DATI GENERALI DEL PROGETTO (MA 1 PAGINA) PROPONENTE Maria Domenica Cappellini TITOLO: LA PRESA IN CARICO DEI SOGGETTI AFFETTI DA TALASSEMIA ED EMOGLOBINOPATIE:PERCORSI E STRUTTURE N

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio Fabio SAMANI RESPONSABILE NAZIONALE AREA DELLA RICERCA SOCIETÀ ITALIANA DI MEDICINA GENERALE Il

Dettagli

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia HTA e screening Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia L Aquila 20 Giugno 2012 Perchè? Obiettivi di un Sistema Sanitario Dare una risposta alle aspettative dei cittadini fornendo servizi di altà qualità

Dettagli

Monitoring healthcare in Regione Liguria

Monitoring healthcare in Regione Liguria Regione Liguria Monitoring healthcare in Regione Liguria One Conference - Turin, may 30 th 2012 Piergiulio Maryni The strategy Three-year plan for the Ligurian Information Society Healthcare Section Defines

Dettagli

L EPATITE C. Fonte: Documento inter societario SIMG AISF SIMIT sul virus dell epatite C, 2009

L EPATITE C. Fonte: Documento inter societario SIMG AISF SIMIT sul virus dell epatite C, 2009 L EPATITE C Infezione da HCV e fattori di rischio L Epatite C è un infiammazione del fegato causata da un virus della famiglia Flaviviridae appartenente al genere hepacavirus (HCV) che attacca l organo,

Dettagli

Documentazione distribuita da A.I.CHE. - Associazione Italiana CHEratoconici ONLUS (www.assocheratocono.org) 1. Siena X-linking. Siena 2 Febbraio 2007

Documentazione distribuita da A.I.CHE. - Associazione Italiana CHEratoconici ONLUS (www.assocheratocono.org) 1. Siena X-linking. Siena 2 Febbraio 2007 1 Siena X-linking Siena 2 Febbraio 2007 Andrea Paolini Comitato Etico per la sperimantazione clinica dei medicinali Azienda Ospedaliera Universitaria Senese 0577 233204 c_etico@unisi.it Fondazione Toscana

Dettagli

STUDIO DI PREVALENZA DI HIV; HCV; HBV SU 578 UTENTI DEL SER.T.DI AREZZO STUDIATI NEGLI ANNI 1998-2006

STUDIO DI PREVALENZA DI HIV; HCV; HBV SU 578 UTENTI DEL SER.T.DI AREZZO STUDIATI NEGLI ANNI 1998-2006 STUDIO DI PREVALENZA DI HIV; HCV; HBV SU 578 UTENTI DEL SER.T.DI AREZZO STUDIATI NEGLI ANNI 1998-2006 Autori Dott.ssa Fabrizia Giusti,Medico Internista, Ser.T. Arezzo, Asl 8 Dott. Paolo Edoardo Dimauro

Dettagli

Regional Health Information System

Regional Health Information System Al servizio di gente unica Regional Health Information System Trieste, July 11, 2013 Servizio sistemi informativi ed e-government Regional Health Information System Regional Health System 7.800 km sqare

Dettagli

REGISTRO ITALIANO BIOPSIE RENALI / Tracciato Record

REGISTRO ITALIANO BIOPSIE RENALI / Tracciato Record REGISTRO ITALIANO BIOPSIE RENALI / Tracciato Record ALL. CENTER ID Code City Hospital Address Zip code Phone Fax Reader name Reader email Referring name Referring email Referring phone Alternative Referring

Dettagli

IST. DI RICOV. E CURA A CARATT.SCIENT. OSPEDALE "S.DE BELLIS Incarico attuale Dirigente - Gastroenterologia 2 Numero telefonico dell ufficio

IST. DI RICOV. E CURA A CARATT.SCIENT. OSPEDALE S.DE BELLIS Incarico attuale Dirigente - Gastroenterologia 2 Numero telefonico dell ufficio INFORMAZIONI PERSONALI Nome Guglielmi Vitantonio Data di nascita 15/08/1959 Qualifica Amministrazione Dirigente medico IST. DI RICOV. E CURA A CARATT.SCIENT. OSPEDALE "S.DE BELLIS Incarico attuale Dirigente

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Dipartimento di Medicina di Laboratorio AOU Citta della

Dettagli

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE?

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Rita Iori Arcispedale Santa Maria Nuova Biblioteca Medica Reggio Emilia Chiara Bassi Ce.V.E.A.S Centro per la Valutazione della Efficacia dell Assistenza

Dettagli

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano DONATO Giuseppe*, FURNARI Giacomo, ZACCARI Clara ^ *medico di Medicina Generale (MMG) presso ASL RmF-distretto 2, medico referente

Dettagli

Caso clinico epatite cronica HCV genotipo 1. Natalia Terreni Divisione di Gastroenterologia Ospedale Valduce - Como

Caso clinico epatite cronica HCV genotipo 1. Natalia Terreni Divisione di Gastroenterologia Ospedale Valduce - Como Caso clinico epatite cronica HCV genotipo 1 Natalia Terreni Divisione di Gastroenterologia Ospedale Valduce - Como Milano 5 febbraio 2014 Milano 5 febbraio 2014 Caso clinico epatite cronica HCV genotipo

Dettagli

CURRICULUM VITAE ---- DOTT. STEFANO COLUCCI

CURRICULUM VITAE ---- DOTT. STEFANO COLUCCI CURRICULUM VITAE ---- DOTT. STEFANO COLUCCI Il sottoscritto dr. Stefano Colucci, nato a Napoli il 20/02/1963, e residente in Fontana Liri (FR), V.le XXIX Maggio 26, dichiara il seguente curriculum vitae:

Dettagli

09.15 Welcome remarks - Eugenio Gaudio Chairs: U. Julius, C. Stefanutti, B. Jaeger

09.15 Welcome remarks - Eugenio Gaudio Chairs: U. Julius, C. Stefanutti, B. Jaeger 9 th LIPIDCLUB & Therapeutic Apheresis 2014 Interdisciplinary Educational Forum Updating in Apheresis and Atherosclerosis Research Rome, June 6-7, 2014 FRIDAY, JUNE 6th - morning 09.15 Welcome remarks

Dettagli

Agenda ricchissima di questioni di attualità:

Agenda ricchissima di questioni di attualità: Agenda ricchissima di questioni di attualità: -Patto per la salute e sostenibilità -Ruolo delle evidenze -Differenze inter-regionali -Gare in equivalenza -Registri di monitoraggio -Farmaci anti-hcv -Criteri

Dettagli

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara.

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara. U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale Azienda USL Ferrara Istituita con delibera N. 2079 del 21/12/2000 in considerazione del fatto che una UNICA UO assicura più ampie garanzie di uniformità nella

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

Dall appropriatezza d uso dei farmaci alla programmazione sanitaria

Dall appropriatezza d uso dei farmaci alla programmazione sanitaria Dall appropriatezza d uso dei farmaci alla programmazione sanitaria Pierluigi Russo 26 Gennaio 2015 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono personali e

Dettagli

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm.

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm. WORKSHOP INTERASSOCIATIVO La dimensione etica della professione nella radioprotezione e nella fisica medica 19 Giugno 2015 Università degli Studi Sapienza Roma EFOMP Malaga Declaration: quale possibile

Dettagli

Web 2.0 per guadagnare salute

Web 2.0 per guadagnare salute Web 2.0 per guadagnare salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - La definizione forse più corretta

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini

La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini SC Pneumologia AO O.I.R.M.-S.ANNA -Torino 1900 STETOSCOPIO 1950 CENTRALIZZAZIONE OSPEDALIERA CURE DOMICILIARI

Dettagli

INFERMIERE ESPERTO TEAM DIABETOLOGICO. L infermiere opera in due dimensioni : collaborativa con gli altri operatori del team

INFERMIERE ESPERTO TEAM DIABETOLOGICO. L infermiere opera in due dimensioni : collaborativa con gli altri operatori del team INFERMIERE ESPERTO E TEAM DIABETOLOGICO Diabetologo L infermiere opera in due dimensioni : collaborativa con gli altri operatori del team autonoma nel processo assistenziale infermieristico di presain

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Il Processo Trasfusionale

Il Processo Trasfusionale Il Processo Trasfusionale Approvvigionamento Apparecchiature Risorse umane Sicurezza D O NA T O RE Esami di validazione e controlli Selezione del donatore Raccolta emocomponenti Preparazione emocomponenti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo VENDEMIALE GIANLUIGI VIA ELIA DEL RE, 4/D 70125 BARI Telefono 0805019031 Fax 0882410255 E-mail

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

crosio.pizzorni@asl3.liguria.it

crosio.pizzorni@asl3.liguria.it C U R R I C U L U M V I T A E DOTT. CROSIO MANLIO PIZZORNI INFORMAZIONI PERSONALI Nome PIZZORNI CROSIO MANLIO Indirizzo Telefono 010 315191 Cell. 328 0473249 E-mail VIA TRENTO 5 /15, 16145 Genova crosio.pizzorni@asl3.liguria.it

Dettagli

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON LE AUTORITÀ REGOLATORIE EUROPEE E L'AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) Marzo 2011 Restrizione dell indicazione terapeutica della specialità medicinale ZERIT

Dettagli

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT Si prega il medico di famiglia di rispondere con accuratezza ad ogni singola domanda The Medical Attendant is requested to take particular

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Settembre 2008- presente: Direttore Scientifico GVM Care&Research, presso Maria Cecilia Hospital di Cotignola (RA)

CURRICULUM VITAE. Settembre 2008- presente: Direttore Scientifico GVM Care&Research, presso Maria Cecilia Hospital di Cotignola (RA) CURRICULUM VITAE DATI ANAGRAFICI Cognome: Nome: Luogo e data di nascita: Tavazzi Luigi 14 luglio 1939, Cremona, Italia RUOLO ATTUALE: Settembre 2008- presente: Direttore Scientifico GVM Care&Research,

Dettagli

PROGETTO OBIETTIVO LA CARDIORISONANZA COME STRUMENTO DIAGNOSTICO E PROGNOSTICO IN PAZIENTI TALASSEMICI E CARDIOPATICI. Analisi di contesto

PROGETTO OBIETTIVO LA CARDIORISONANZA COME STRUMENTO DIAGNOSTICO E PROGNOSTICO IN PAZIENTI TALASSEMICI E CARDIOPATICI. Analisi di contesto 1 PROGETTO OBIETTIVO LA CARDIORISONANZA COME STRUMENTO DIAGNOSTICO E PROGNOSTICO IN PAZIENTI TALASSEMICI E CARDIOPATICI Analisi di contesto La talassemia major (o anemia mediterranea) costituisce ancora

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE Principi generali La carenza di donatori

Dettagli

Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione. Gianluca Abbati Divisione Medicina 2-CEMEF Policlinico di Modena

Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione. Gianluca Abbati Divisione Medicina 2-CEMEF Policlinico di Modena Il paziente con fattori di rischio per rapida progressione Gianluca Abbati Divisione Medicina 2-CEMEF Policlinico di Modena R.T., maschio, di anni 51, giunto alla nostra osservazione per epatite cronica

Dettagli

Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS

Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS Genova, 9 aprile 2014 Dott.ssa M.S. Rivetti Normativa Determinazioni AIFA 26.11.2012 (G.U. n. 287 del 10.12.2012) Regime

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Data e luogo di nascita Qualifica Codice Fiscale RUGGERI Gaetano 29/06/1954 Bagheria (PA) Dirigente Medico RGGGTN54H29A546V Amministrazione Azienda

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

PIANTA ORGANICA DIRIGENZA MEDICA E ODONTOIATRICA UOC UOSD TOTALE DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62

PIANTA ORGANICA DIRIGENZA MEDICA E ODONTOIATRICA UOC UOSD TOTALE DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62 DIP 91.00.00 DIPARTIMENTO DI MEDICINA 7 2 40 55 4 7 - - 44 62 UOC 26.01.00 Medicina Interna I 1 3 8 1 1 - - 4 9 UOC 26.02.00 Medicina Interna II 1 6 6 1 1 - - 7 7 UOC 58.01.00 Gastroenterologia 1 9 10

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA IN ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA UMANA E VETERINARIA (XIX CICLO)

DOTTORATO DI RICERCA IN ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA UMANA E VETERINARIA (XIX CICLO) ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA DOTTORATO DI RICERCA IN ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA UMANA E VETERINARIA (XIX CICLO) RUOLO DELL ELASTOMETRIA PULSATA MONODIMENSIONALE AD ULTRASUONI (FIBROSCAN )

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA GRADE applicato alle Linee Guida ARIA Sergio Bonini Professor di Medicina Interna Seconda Università di Napoli INMM-CNR, ARTOV, Roma se.bonini@gmail.com The ARIA initiative was developed As a state-of-the-art

Dettagli

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450 Morte naturale, preceduta da improvvisa perdita della conoscenza, che si verifica entro un ora dall inizio dei sintomi, in soggetti con o senza cardiopatia nota preesistente, ma in cui l epoca e la modalità

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Ariela Benigni. Biol.Sci.D., Ph.D.

CURRICULUM VITAE. Ariela Benigni. Biol.Sci.D., Ph.D. CURRICULUM VITAE Ariela Benigni Biol.Sci.D., Ph.D. Dati Personali: Nome: Ariela Benigni Data e luogo di nascita: 16 Dicembre, 1955 - Bergamo Cittadinanza: Italiana Tel. 035 42131 E-mail: ariela.benigni@marionegri.it

Dettagli

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I D O T T. S S A I R E N E C U T U L I INFORMAZIONI PERSONALI Data di nascita: 20.01.1958 Luogo di nascita: Laureana di Borrello Residenza: Via Orto Carmine, 7 Laureana di Borrello Domicilio: Via Trento,

Dettagli

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Luca Sangiorgi S.S.D. di Genetica Medica e Malattie Rare Ortopediche, Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna SSD di Genetica Medica IOR Roma, 25 settembre

Dettagli

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI?

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? Firenze, 31 marzo 2012 Francesco Valitutti UOC Gastroenterologia ed Epatologia Pediatrica Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria

Dettagli

Influenza: la gestione clinica dei pazienti in età pediatrica

Influenza: la gestione clinica dei pazienti in età pediatrica ISTITUTO PEDIATRICO IRCCS G. GASLINI - GENOVA Influenza: la gestione clinica dei pazienti in età pediatrica R. Giacchino U.O. Malattie Infettive Distribuzione dei casi in Europa Casi per sesso ed età 75%

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA Andrea MAGNANO Dirigente Nefrologo UOC Medicina Interna Ospedale Santa Maria di Borgo Val di Taro Azienda USL di Parma DEFINIZIONE THE

Dettagli

10 anni di Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali: uno sguardo al futuro. Luca Pani. DG@aifa.gov.it

10 anni di Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali: uno sguardo al futuro. Luca Pani. DG@aifa.gov.it 10 anni di Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali: uno sguardo al futuro Luca Pani DG@aifa.gov.it I dati nazionali della sperimentazione clinica nel contesto Europeo 3 In questo

Dettagli

World Bank Group. International Finance Corporation

World Bank Group. International Finance Corporation World Bank Group International Bank for Reconstruction and International Association International Finance Corporation Mutilateral Investment Guarantee Agency International Center for the Settlement of

Dettagli

Ministero della salute Dott.ssa Monica Capasso m.capasso@sanita.it

Ministero della salute Dott.ssa Monica Capasso m.capasso@sanita.it Ministero della salute Dott.ssa Monica Capasso m.capasso@sanita.it Decreto Legislativo 50/2007 Art. 1. Campo di applicazione 1. Il presente decreto disciplina l'adozione e l'applicazione dei principi di

Dettagli

La normativa europea. Genova 15 Marzo 2012. Luigi Cataliotti

La normativa europea. Genova 15 Marzo 2012. Luigi Cataliotti La normativa europea e le linee guida EUSOMA Genova 15 Marzo 2012 Luigi Cataliotti BU Guidelines The requirements of a specialist breast unit BU Guidelines The requirements of a specialist breast unit

Dettagli

Question 1. 2) In una paziente in post menopausa, naive agli antiretrovirali con CD4= 250 mm3 e HIV RNA <100.000 cp/ml quale approccio seguiresti?

Question 1. 2) In una paziente in post menopausa, naive agli antiretrovirali con CD4= 250 mm3 e HIV RNA <100.000 cp/ml quale approccio seguiresti? Question 1 1) In un paziente HIV di 50 anni con osteoporosi e in terapia antiretrovirale con TDF/FTC/DRV/r con successo virologico quale intervento adotteresti? 2) In una paziente in post menopausa, naive

Dettagli

CARRIERA UNIVERSITARIA E POSIZIONE ASSISTENZIALE

CARRIERA UNIVERSITARIA E POSIZIONE ASSISTENZIALE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Daliento Luciano Via Ognissanti 65.35129 Padova Telefono +39 3389391942 Fax +39 049 8211802 E-mail Luciano.daliento@unipd.it

Dettagli

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327 C U R R I C U L U M D O T T. S S A E L I S A G R O S S O NATA A CARLOFORTE IL 20/SETTEMBRE/1963 Residente a Quartu Sanr Elena, Viale Colombo, 226 09045 Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel.

Dettagli

Corrado Tinterri BREAST UNIT BOLOGNA 2014

Corrado Tinterri BREAST UNIT BOLOGNA 2014 Corrado Tinterri BREAST UNIT BOLOGNA 2014 Le BREAST UNITS : Quale integrazione con lo screening? We found that the introduction of teams providing multidisciplinary care for the treatment of breast cancer

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Masciari Peppino Data di nascita 04/11/1956

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Masciari Peppino Data di nascita 04/11/1956 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Masciari Peppino Data di nascita 04/11/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico 1 livello con posizione C1/b Percorsi

Dettagli

Vaccinazione anti-epatite B: una strategia di successo

Vaccinazione anti-epatite B: una strategia di successo Giornata di Studio in ricordo della Professoressa Fernanda ergamini Milano, 7 aprile 9 Vaccinazione anti-epatite : una strategia di successo Prof. Alessandro Zanetti Dipartimento di Sanità pubblica Microbiologia

Dettagli

Quadro globale locale dell innovazione Seconda sessione. L esperienza IRST Castrocaro Terme, venerdi 20 Novembre 2009

Quadro globale locale dell innovazione Seconda sessione. L esperienza IRST Castrocaro Terme, venerdi 20 Novembre 2009 Quadro globale locale dell innovazione Seconda sessione L esperienza IRST Castrocaro Terme, venerdi 20 Novembre 2009 ALTINI MATTIA* *Direzione Sanitaria, Responsabile innovazione e sviluppo IRST Dipartimento

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Buccianti Nello Data di nascita 31/07/1964

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Buccianti Nello Data di nascita 31/07/1964 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Buccianti Nello Data di nascita 31/07/1964 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Responsabile

Dettagli

Overlap AIH / HCV quale approccio diagnostico/terapeutico? Giampietro Gregis A.O. Papa Giovanni XXIII - BG -

Overlap AIH / HCV quale approccio diagnostico/terapeutico? Giampietro Gregis A.O. Papa Giovanni XXIII - BG - Overlap AIH / HCV quale approccio diagnostico/terapeutico? Giampietro Gregis A.O. Papa Giovanni XXIII - BG - Donna, anni 61 - Familiarità per epatite/cirrosi HCV correlata (Madre, fratello..) - Non fuma,

Dettagli

Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo

Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo Convegno Regionale AMD-SID Bologna 6 Novembre 2009 Marco Ricardi UO Nefrologia e Dialisi Ospedale Guglielmo da

Dettagli

Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014

Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014 Impact Hub Rovereto Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014 Impact Hub believes in power of innovation through collaboration Impact'Hub'is'a'global'network'of' people'and'spaces'enabling'social'

Dettagli

Samuele De Minicis: CURRUCULUM VITAE

Samuele De Minicis: CURRUCULUM VITAE Samuele De Minicis: CURRUCULUM VITAE Informazioni personali Nome: Samuele De Minicis, MD, PhD. Data di nascita: 3 Agosto, 1977 Macerata (MC), Italia Indirizzo: via Indipendenza, n7 63812 Montegranaro,

Dettagli

Corrado Tinterri Breast Unit IL PROGETTO ITALIANO BREAST UNIT

Corrado Tinterri Breast Unit IL PROGETTO ITALIANO BREAST UNIT Corrado Tinterri Breast Unit IL PROGETTO ITALIANO BREAST UNIT ITALIA Percentuale sul totale dei tumori e proporzione sul totale dei decessi per tumore. POOL AIRTUM 2006-2008. Età INCIDENZA MORTALITA 0-49

Dettagli

Giovanna Tagliabue. giovanna.tagliabue@istitutotumori.mi.it

Giovanna Tagliabue. giovanna.tagliabue@istitutotumori.mi.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Giovanna Tagliabue giovanna.tagliabue@istitutotumori.mi.it Nazionalità Italiana

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Premesse Nella ipotetica piramide a tre livelli( fig 1) il primo livello preventivo ( familiarità IFG ecc ma comunque glicemia inferiore a 126)

Dettagli

FOURTH MEDITERRANEAN CONGRESS INNOVATIVE SCENARIO IN INTERNAL MEDICINE. Palermo 6 / 7 Giugno 2014 Hotel NH Palermo Programma. Comitato Scientifico

FOURTH MEDITERRANEAN CONGRESS INNOVATIVE SCENARIO IN INTERNAL MEDICINE. Palermo 6 / 7 Giugno 2014 Hotel NH Palermo Programma. Comitato Scientifico FOURTH MEDITERRANEAN CONGRESS INNOVATIVE SCENARIO IN INTERNAL MEDICINE Palermo 6 / 7 Giugno 2014 Hotel NH Palermo Programma Comitato Scientifico Presidente: Componenti: Giuseppe Licata (Palermo) Maurizio

Dettagli

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA Direzione Medica di Presidio ARCISPEDALE SANT'ANNA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA Servizio Sanitario Nazionale Regione Emilia-Romagna REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA A cura

Dettagli

SCEGLIETE DI AFFRONTARE CON FIDUCIA IL VOSTRO PERCORSO.

SCEGLIETE DI AFFRONTARE CON FIDUCIA IL VOSTRO PERCORSO. SCEGLIETE DI AFFRONTARE CON FIDUCIA IL VOSTRO PERCORSO. Il Test innovativo per la valutazione precoce dello sviluppo dell embrione. Merck Serono You. Us. We re the parents of fertility. Il vostro viaggio

Dettagli

Il Grande Salone della Pasta. The Great Pasta Exhibition. Shanghai, China, 11-14 September 2010 PASTATREND W WW. PAS TATREND.COM

Il Grande Salone della Pasta. The Great Pasta Exhibition. Shanghai, China, 11-14 September 2010 PASTATREND W WW. PAS TATREND.COM The Great Pasta Exhibition. Shanghai, China, 11-14 September 2010 PASTATREND Il Grande Salone della Pasta. W WW. PAS TATREND.COM Workshop Internazionale L ALIMENTAZIONE E LO STILE DI VITA ITALIANI INCONTRANO

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + NEL TRAPIANTO DI RENE Principi generali Razionale La carenza di donatori d organo rappresenta

Dettagli

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Il British Medical Journal pubblica un articolo non equilibrato riguardante dabigatran Ingelheim, Germany, 23 luglio

Dettagli

EUROMEDICA ISTITUTO SCIENTIFICO

EUROMEDICA ISTITUTO SCIENTIFICO EUROMEDICA Istituto Scientifico Maggio 2010 EUROMEDICA ISTITUTO SCIENTIFICO Convenzione Sanitaria per Aziende Associate Assolombarda 1 La consulenza EUROMEDICA Una attenta e approfondita analisi delle

Dettagli

Fabio BARBONE Cattedra di Igiene ed Epidemiologia

Fabio BARBONE Cattedra di Igiene ed Epidemiologia Il contesto epidemiologico e la domanda di servizi sanitari Fabio BARBONE Cattedra di Igiene ed Epidemiologia SITI Salute, centralità del cittadino, percorsi integrati di cura Sesto al Reghena (PN), 3-4

Dettagli

Epidemiologia del diabete tipo 2. Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino

Epidemiologia del diabete tipo 2. Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino Epidemiologia del diabete tipo 2 Graziella Bruno Dipartimento di Medicina Interna Università di Torino The Worldwide Epidemic: Diabetes Trends Millions with Diabetes 400 350 300 250 200 150 100 50 0 30

Dettagli

UN IMMAGINE MIGLIORE PER CRESCERE MEGLIO BRAND DESIGN PACKAGING CORPORATE IDENTITY ADV STILL LIFE

UN IMMAGINE MIGLIORE PER CRESCERE MEGLIO BRAND DESIGN PACKAGING CORPORATE IDENTITY ADV STILL LIFE UN IMMAGINE MIGLIORE PER CRESCERE MEGLIO BRAND DESIGN PACKAGING CORPORATE IDENTITY ADV STILL LIFE Caminiti Graphic è un team di professionisti specializzati in progetti di Brand Design, Packaging, ADV,

Dettagli

Event organised in the framework of the Italian Presidency of the Council of the European Union in the Health Sector

Event organised in the framework of the Italian Presidency of the Council of the European Union in the Health Sector Event organised in the framework of the Italian Presidency of the Council of the European Union in the Health Sector Presenting the position paper of the ITALIAN Government Law No. 38 dated 15 March 2010

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Casciano Dr. Giacinto nato a Taranto il 20/01/1956 C.da Difesa Murge, cs Laterza (TA) E-mail: giacinto.casciano@gmail.

CURRICULUM VITAE. Casciano Dr. Giacinto nato a Taranto il 20/01/1956 C.da Difesa Murge, cs Laterza (TA) E-mail: giacinto.casciano@gmail. CURRICULUM VITAE Casciano Dr. Giacinto nato a Taranto il 20/01/1956 C.da Difesa Murge, cs Laterza (TA) CF: CSCGNT56A20L049D E-mail: giacinto.casciano@gmail.com ISTRUZIONE E FORMAZIONE 1981 Laurea in Medicina

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

TECNOLOGIE SANITARIE

TECNOLOGIE SANITARIE Corso di aggiornamento in cardiologia nucleare ULSS n.6 Vicenza, 18 settembre 2004 Technology assessment: aspetti metodologici Paolo Spolaore Regione Veneto Definizioni TECNOLOGIE SANITARIE Dispositivi

Dettagli

SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR

SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR METODO NAZIONALE STANDARD SIEROLOGIA DEL VIRUS DI EPSTEIN-BAAR VSOP 26 Emesso da Standards Unit, Evaluations and Standards Laboratory Centre for Infections Revisione no.3 Data di revisione 05.03.08 Emesso

Dettagli