Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO"

Transcript

1 Direzione centrale Organizzazione Direzione centrale Risorse Umane Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO DICEMBRE

2 A. Premessa La somministrazione del questionario relativo all Indagine sul personale dipendente promosso dall ANAC ai sensi dell'art.14, comma 5, del D. Lgs. n.150/2009, avviato in Istituto con msg 5737 del 1 luglio e con msg 6520 del 8 agosto 2014, segue di alcuni mesi un analoga iniziativa, questa volta prodotta autonomamente dall Istituto, avviata a gennaio 2014, con msg nr 679 del 14/01/2014. Il questionario era finalizzato a: rilevare le opinioni dei dipendenti rispetto all organizzazione e all ambiente di lavoro; identificare, di conseguenza, possibili azioni per il miglioramento delle condizioni generali dei dipendenti pubblici. Vagliando ed analizzando le risposte al questionario ANAC, oltre ad assolvere un obbligo di legge, si rende possibile anche un confronto con le altre pubbliche amministrazioni secondo dati omogenei e uniformi. Il questionario è stato somministrato online a tutto il personale dell Istituto, in forma volontaria e completamente anonima, ed è rimasto online dal 1 luglio al 30 settembre 2014, per un totale di 6542 compilazioni effettuate. B. Il questionario Il questionario è strutturato in 4 sezioni: 1) Benessere organizzativo (domande da A a I ); 2) Grado di condivisione del sistema di valutazione (domande da L a N); 3) Valutazione del superiore gerarchico (Domande O e P); 4) Dati anagrafici. 2

3 Le domande si distribuiscono in 14 aree tematiche: Benessere organizzativo A- Sicurezza e salute sul luogo di lavoro e stress lavoro correlato; B- Le discriminazioni; C- L equità nella mia Amministrazione; D- Carriera e Sviluppo professionale; E- Il mio lavoro; F- I miei colleghi; G- Il contesto di lavoro; H- Il senso di appartenenza; I- L immagine della mia amministrazione; Grado di condivisione del sistema di valutazione L- La mia Organizzazione; M- La mie performance; N- Il funzionamento del sistema; La valutazione del superiore gerarchico O- Il mio capo e la mia crescita; P- Il mio capo e l equità; Le domande all interno delle aree tematiche sono strutturate secondo il modello scala Likert da un punteggio minimo di 1 (completamente in disaccordo) ad un massimo di 6 (completamente in accordo). C. Composizione del campione Si nota una leggera predominanza del sesso femminile (56% contro il 44% di uomini, la medesima percentuale che si riscontra nella popolazione INPS) ed il personale al 98% risulta essere a tempo indeterminato. 3

4 sesso donna 56% uomo 44% Tavola1 La distribuzione per età vede più della metà dei rispondenti (53%) collocarsi nella fascia di età dai 51 ai 60 anni. Età fino a 30 dai 31 ai 40 dai 41 ai 50 dai 51 ai 60 oltre i 60 9% 0% 6% 32% 53% Tavola 2 4

5 Rispetto all anzianità di servizio la stragrande maggioranza dei rispondenti ha oltre 20 anni di servizio corrispondente al 67%, dagli 11 ai 20 anni il 24% mentre con meno di 5 anni di servizio solo il 3,2%. Se si tiene conto, quindi, che nella popolazione INPS la % di persone con più di 20 anni di anzianità è del 54% sembra confermata la tendenza, evidenziata nell indagine effettuata dall Amministrazione a gennaio/febbraio 2014, che vedeva una maggior propensione a partecipare a queste iniziative da parte del personale con maggior anzianità di servizio. Anzianità di servizio meno di 5 anni da 5 ai 10 anni da 11 a 20 anni oltre 20 anni 3% 6% 24% 67% Tavola 3 Infine, rispetto alla qualifica, la Dirigenza rappresenta il 2,9% dei rispondenti, tendendo quindi a risultare partecipativa in misura maggiore tenendo conto che la medesima percentuale, nella popolazione INPS, si attesta solo al 1,75% dell intero personale in forza. 5

6 D. I risultati Prendendo in considerazione le aree di indagine del questionario, si nota come, considerando una scala di misurazione del grado di benessere che va da 1 a 6, molte di queste si collocano in una fascia alta ( media di tutti gli items superiore a 4), in particolare quella relativa all assenza di discriminazioni, che con un punteggio medio di 4,8 denota come questa problematica possa dichiararsi assente o debolmente presente nell Istituto. percezione aree di indagine IL MIO CAPO E l'equita' IL MIO CAPO E LA MIA CRESCITA IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA LE MIE PERFORMANCE LA MIA ORGANIZZAZIONE L'IMMAGINE DELLA MIA AMMINISTRAZIONE IL SENSO DI APPARTENENZA IL CONTESTO DEL MIO LAVORO I MIEI COLLEGHI IL MIO LAVORO CARRIERA e SVILUPPO PROFESSIONALE l'equita' LE DISCRIMINAZIONI SICUREZZA e SALUTE 3,7 3,6 2,9 3,3 3,4 4,4 4,3 3,3 4,1 4,2 2,9 3 4, Tavola 4 A seguire le aree relative all Immagine dell amministrazione (4,4), al Senso di appartenenza (4,3), al proprio lavoro e ai rapporti con i colleghi (4,2 e 4,1), che, come emerso nel questionario costruito dalla D.C. Organizzazione a somministrato a gennaio al personale INPS, rappresentano aree positive e fonte di benessere più che di malessere per i dipendenti. 6

7 Parimenti alcune aree tematiche ottengono invece un punteggio medio pari o inferiore a 3: sono quelle della carriera e sviluppo professionale (2,9), il funzionamento del sistema di valutazione (2,9), l equità (3). Si tratta delle aree con maggiore criticità dove sembrano annidarsi possibili fattori di malessere e insoddisfazione. In particolare le due tavole seguenti mostrano i punteggi medi di alcuni items. Nella tavola 5 sono evidenziati i punteggi medi più bassi, (inferiori al 3) che rappresentano i punti critici di malessere del personale INPS. aspetti critici ritengo che vi sia equità nell'assegnazione dei carichi di lavoro giudico equibrato il rapporto tra impegno richeisto e mia retribuzione il mio ente da la possibilità di sviluppare capacità e attidtudini il percorso di sviluppo è ben delineato e chiaro 2,9 2,8 2,7 2,6 Il sistema di misurazione è stato adeguatamente illustrato al personale la differenziazione della retribuzione ripetto al lavoro svolto è euqilibrata la mia amministrazione premia le persone capaci e che si impegnano le possibilità di carriera sono legate al merito 2,6 2,5 2,4 2, Serie1 Tavola 5 7

8 I dati sembrano evidenziare che i dipendenti percepiscano in maniera insoddisfacente l effettiva possibilità di sviluppo professionale e di carriera, carente il livello di equità nell assegnazione dei carichi di lavoro e inadeguati i criteri meritocratici reali. In particolare i dipendenti che hanno compilato il questionario non ritengono che le possibilità di carriera siano legate al merito (2,3, il punteggio più basso in assoluto, con il 57% dei rispondenti che dichiarano di essere per nulla o poco in accordo con l affermazione) e che non venga premiato l impegno profuso (2,4, il punteggio più basso con il 54% di persone per nulla o poco in accordo). La tavola 6 mostra invece i punti di forza (punteggi medi superiori a 4), che rappresentano i fattori motivanti per il personale INPS. 8

9 Aspetti positivi ho la possibilità di prendere sufficienti pause so cosa ci si aspetta dal mio lavoro ho un adeguato livello di aiutonomia nel mio lavoro nel mio ufficio viene rispettato il divierto di fumo ho le competenze necessarie per svolgere il mio lavoro sono stimato e trattato con rispetto dai colleghi la mia famiglia pensa che il mio ente sia importante per la collettività sono orgoglioso quando il mio ente raggiunge un buon risultato mi dispiace se qualcuno parla male del mio ente mi rendo disponibile per autare i colleghi 4,1 4,2 4,4 4,3 4,6 4,6 4,6 4,7 4, Serie1 Tavola 6 Oltre che la già citata assenza di discriminazioni, essi sono caratterizzati, dai rapporti con i colleghi, dal senso di appartenenza e dalla consapevolezza di svolgere un ruolo utile alla collettività, dall autonomia e dalle competenze possedute, dalla stima per il capo diretto alla possibilità di prendere sufficienti pause e al rispetto del divieto di fumo. Il questionario chiedeva ai rispondenti anche di attribuire, sempre su di una scala da 1 a 6, il grado di importanza che ciascuna della aree tematiche riveste nella determinazione delle condizioni di benessere organizzativo. Il dato era presente anche nel questionario distribuito a gennaio/febbraio 2014, anche se in modo più dettagliato, per ciascun item e non soltanto per area tematica. I risultati di oggi confermano sostanzialmente quanto scaturito 9

10 nella prima indagine: tutte le aree infatti sono ritenute più importanti di quanto esse vengano percepite nella realtà lavorativa. importanza e percezione ,2 4,8 5 5,2 4,9 5, ,9 5 4,2 4,1 4,3 4,4 3,3 3 2,9 percezione importanza Tavola 7 Il divario più evidente si nota ad equità (2,2), carriera e sviluppo (2) e contesto di lavoro(1,6). Tale divario, che può essere rappresentato come possibile indice di malessere, e mostra gli ambiti dove sarebbe auspicabile intervenire, in quanto di grande importanza per le persone, ma scarsamente percepiti come presenti nella realtà lavorativa. E. Le differenza anagrafiche e funzionali 1) Genere Dal punto di vista di genere non si notano differenze di rilievo se non una minore soddisfazione generalizzata delle donne rispetto agli uomini su quasi tutti gli ambiti, accompagnata da una generale maggior attribuzione di importanza su tutti gli ambiti, ma le differenze restano nell ambito di 0,3, 0,4 punti e sono quindi poco significative. 2) Età e anzianità di servizio 10

11 Dal punto di vista dell età si nota un fenomeno che vede la fascia di età più giovane generalmente più soddisfatta su tutti gli ambiti rispetto alle altre fasce di età, in particolare per alcuni item che si riferiscono alle tematiche legate allo sviluppo, alla valutazione e al rapporto con il capo diretto Età 5,5 6 4,5 5 3,5 4 2,5 3 1,5 2 1 equilibrio tra impegno e retribuzone l'ente da possibilità di sviluppare capacità e attitudini ritengo di essere valutato sulla base di elemnti importanti sono chiari i risultati attesi dal mio lavoro il mio capo è sensibile ai miei bisogni personali il mio capo riconosce quando svolgo bene il mio lavoro il mio capo prende in considerazione le mie proposte fino a 30 dai 31 ai 40 dai 41 ai 50 dai 51 ai 60 oltre 60 Tavola 8 Il medesimo fenomeno si ripete riguardo alla variabile anzianità di servizio, anche se meno accentuato anzianità 5,5 6 4,5 5 3,5 4 2,5 3 1,5 2 1 meno di 5 anni da 5 a 10 da 11 a 20 più di 20 3) Qualifica funzionale Tavola 9 11

12 Il questionario permetteva di differenziare soltanto fra due gruppi: e. Questa differenziazione ha prodotto risultati significativi in termine di livello di benessere percepito, in sostanziale accordo con quelli ottenuti nell indagine precedente, mostrando molti fenomeni di grande interesse che vengono qui di seguito analizzati 3.1) La distribuzione anagrafica Dirigenti donne 34% uomini 66% Tavola 10 Tra i il sesso maschile risulta più numeroso, quasi i tre quarti dei che hanno risposto sono maschi, contro il solo 44% della totalità del campione Il gruppo dei risulta leggermente più vecchio rispetto ai non : i con età superiore a 50 anni sono il 65%, contro il 61% dei Riguardo all anzianità di servizio invece i con più di 20 ani di servizio sono leggermente inferiori (60%) ai (68%), mentre quelli con meno di 5 anni di servizio sono più numerosi (9% contro il 3% dei non ) 3.1) Importanza degli ambiti di indagine e qualifica 12

13 Importanza immagine amministarzione appartenenza ol contesto di lavoro i miei colleghi il mio lavoro carriera e sviluppo equità discriminazioni sicurezza e salute 5,0 5,0 5,0 5,1 5,0 5,1 5,0 5,1 5,1 5,2 4,9 5,1 5,2 5,2 5,0 4,9 5,2 5,0 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Tavola 11 Tutto il personale attribuisce molta importanza a tutti gli ambiti di indagine, le differenza fra qualifiche sono irrisorie, anche se si nota come il personale non dirigente attribuisca più importanza all area sicurezza e salute e stress lavoro correlato e all assenza di discriminazione, mentre il personale con qualifica dirigenziale attribuisce più importanza al fattore carriera e sviluppo. 3.2) La percezione di benessere del personale dirigente Prendendo in considerazione i diversi ambiti di indagine si vede che per l area SALUTE E SICUREZZA, che si è visto essere più importante, anche se leggermente, per il personale non dirigenziale rispetto ai, la percezione di adeguatezza e quindi di soddisfazione rispetto ai vari fattori compresi nell area stessa è superiore tra i, essi infatti ritengono di aver ricevuto formazione appropriata sui rischi e sulla 13

14 prevenzione e ritengono il proprio luogo di lavoro sicuro in misura di 0,7 punti rispetto ai, anche ritmi di lavoro e pause vengono percepiti come più adeguati dai rispetto al restante personale, mentre e ottengono punteggi simili solo per quanto riguarda l avvertire situazioni di malessere psicofisico sul luogo di lavoro, A-Salute e sicurezza malessere ritmi lavoro pause divieto fumo molestie mobbing caratteristiche soddisfacenti formaz appropriata luogo sicuro 3,2 3,0 3,6 4,2 4,1 4,7 4,3 4,5 2,0 1,9 2,3 2,6 3,6 4,4 3,7 4,4 3,7 4,4 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Tavola 12 Riguardo all area delle DISCRIMINAZIONI, come abbiamo visto tutto il personale rinviene in massa l assenza di discriminazioni di ogni tipo, il gruppo dei lo ritiene in ancor maggior misura per quasi tutti gli ambiti, con l esclusione dell età e del genere, dove i due gruppi si equivalgono 14

15 B - Le discriminazioni no discr disabilità mo discr sessuale discr età no discr linguistica no discr etnica discrim di genere no dscr religiosa non discr politica no discr sindacale 2,7 2,7 2,5 2,5 4,8 5,3 5,1 5,4 5,1 5,5 5,1 5,4 5,0 5,3 4,7 5,1 4,5 4,9 0,0 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Tavola 13 Le differenza si fanno evidenti analizzando le aree dell EQUITA e della CARRIERA E SVILUPPO PROFESSIONALE C - L'equità responsabile imparziale 3,8 4,3 retribuzione e lavoro svolto 2,5 3,3 impegno e retribuzione equi responsabilità equa carico lavoro equo 2,7 2,9 2,9 3,8 3,8 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Tavola 14 15

16 Per quanto concerne l equità si nota una differenza di 1,2 punti rispetto all equilibrio percepito tra retribuzione ed impegno profuso, e per tutti gli atri item le differenza sono intorno ai 0,9, 0,8 punti, mostrando quindi una percezione molto diversa fra i due gruppi riguardo a questa tematica D- Carriera e sviluppo soddisfazione percorso ruolo adeguato 3,2 3,4 4,2 4,3 sviluppo capacità carriera legata a merito percorso prof chiaro 2,3 2,7 2,6 3,1 3,5 3,3 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Tavola 15 Riguardo all area carriera e sviluppo i si dichiarano soddisfatti del percorso professionale fino a questo momento raggiunto con una differenza di un punto rispetto a (4,2, contro 3,2), sono soddisfatti per il ruolo svolto che ritengono adeguato al loro profilo professionale (4,3 contro il 3,4 del restante personale), per tutti gli altri item, pur presentando valori superiori a quelli dei, anche il gruppo dei non raggiunge il punteggio 4, in particolare per quanto riguarda la percezione che la carriera sia legata al merito, che rappresenta la criticità maggiore in assoluto con 2,3 per il personale non dirigente, anch essi raggiungono un punteggio di 3,1, che mostra come questo fattore non possa essere considerato un punto di forza per la totalità del personale INPS 16

17 Riguardo alla valutazione del PROPRIO LAVORO le differenza si fanno meno evidenti, in particolare l autonomia percepita nel lavoro è identica e superiore al 4 per ambedue i gruppi. E - Il mio lavoro il mio lavoro mi realizza ho adeguata autonomia ho risorse e strumenti ho competenze necessarie so cosa ci si apsetta da lavoro 3,7 4,1 4,4 4,4 4,0 4,6 4,2 4,5 5,1 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Tavola 16 Differenza poco marcate anche per l ambito relativo ai RAPPORTI CON I COLLEGHI, area positiva per la totalità del personale F - I miei colleghi lavoro di gruppo 3,6 4,1 info disponibili 4,0 4,3 sono stimato sono disponibile aiutare 4,6 4,9 5,0 5,2 mi sento parte squadra 3,5 4,0 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 3,5 4,0 4,5 5,0 5,5 Tavola 17 17

18 Valutando invece l adeguatezza del CONTESTO DI LAVORO dove sono inseriti (area all interno della quale nessun punteggio raggiunge il 4, e quindi non considerabile di eccellenza), si notano alcune differenza significative, (nell ordine di 0,6 punti) riguardo alla percezione che l organizzazione investa sulle persone con adeguata formazione e che i ruoli di ciascuno siano ben definiti G - Il contesto di lavoro conciliazione tempi vita e lavoro 3,2 3,7 circolazione adeguata info 3,4 3,8 ruoli e compiti definiti 3,3 regole definite adeguata formqzione 3,1 3,5 3,7 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Tavola 18 Le differenza si fanno di nuovo poco evidenti analizzando l area relativa al SENSO DI APPARTENENZA, che abbiamo visto essere un punto di forza in termini di soddisfazione e benessere per tutto il personale INPS. Anche in questo caso il gruppo dei si mostra maggiormente dotato di senso di appartenenza, ma con differenza poco marcate 18

19 H- il senso di appartenenza se potessi cambierei ente 2,5 2,5 valori coerenti con i propri 3,7 4,1 mi dispiace se parlano male di INPS orgoglio per risultato ente 4,8 4,7 5,2 5,1 orgoglio di lavorare all'inps 4,4 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 3,5 4,0 4,5 5,0 5,5 Tavola 19 Lo stesso vale per l area di indagine relativa all IMMMAGINE DELLA MIA AMMINISTRAZIONE, in particolar sull importanza del ruolo sociale dell INPS, che si conferma un punto di forza e fonte di soddisfazione per tutto il personale a prescindere dalla qualifica ricoperta I - L'immagine dell'amministrazione la gente in generale pensa che INPS utile alla collettività Gli utenti pensano che INPS utile alla collettività la famiglia pensa che INPS utile alla collettività 4,1 4,6 4,2 4,7 4,7 4,7 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Tavola 20 19

20 Passando ora all analisi sul grado di condivisione del sistema di valutazione, le differenza fra i due gruppi ritendono a salire. Rispetto all area di indagine relativa alla condivisione e conoscenza di obiettivi e strategie dell organizzazione INPS il gruppo dei distacca quello dei di 0,7 punti riguardo alla conoscenza delle strategie e di 0,6 punti per tutti gli altri fattori L - La mia organizzazione è chiaro il mio contributo 3,7 4,1 sono chiari i risultati 3,3 condivido obiettivi 3,3 conosco le strategie 3,2 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Tavola 21 Rispetto all area relativa alla misurazione delle PERFORMANCE i risultati sono piuttosto simili, anche se leggermente superiori per il gruppo dei, nessuno degli item raggiunge il punteggio 4, non si tratta quindi di un area considerabile un punto di forza a prescindere dalla qualifica rivestita 20

21 M- Le mie performance so coem migliorare miei risultati 3,1 3,5 sono informato su valutazione 3,2 3,6 sono chiari obiettivi attesi da me sono valutato in basa ad elementi importanti 3,3 3,5 4,0 3,8 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Tavola 22 Le differenza riprendono a crescere quando si osserva invece il FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE. Notevole la differenza sulla percezione che vengano premiate le persone capaci (da 2,4 del personale non dirigente al 3,2 dei ) e sull adeguata illustrazione del sistema di valutazione Anche in questo caso si tratta di un area non considerabile un punto di forza per il personale nel suo complesso, ed un punto di grave debolezza (con due punteggi inferiori al 3) per il personale non dirigenziale 21

22 N - Il funzionamento del sistema il sistema di valutazione e illustrato al perosnale prtemio a persone capaci la valutazione migliora perfromance sono tutelato se non sono d'accordo sono coinvolto nel definire obiettivi 2,4 2,6 3,2 3,2 3,1 3,5 3,0 3,4 3,3 3,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 3,5 4,0 4,5 5,0 5,5 6,0 Tavola 23 L ultima parte del questionario è dedicata alla valutazione del CAPO DIRETTO. Come si è visto si tratta di un area tutto sommato positiva per il personale INPS nel suo complesso, in modo più marcato per quello con qualifica dirigenziale, che sembra apprezzare in modo marcato (con punteggi di gradimento superiori al 4) il ruolo del proprio capo nell ascoltare i propri bisogni e nel riconoscere il valore del lavoro svolto O - Il mio capo e la mia crescita mi ascolta riconosce quando svolgo bene mio lavoro è sensibile ai miei bisogni personali rriesce a motivarmi il mio capo mi aiuta a raggiungere obiettivi 3,8 4,2 4,2 4,1 3,3 3,4 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Tavola 24 22

23 La medesima tendenza riguarda la percezione di EQUITA nel comportamento del capo diretto, con una leggera predominanza del gruppo dei che raggiunge il punteggio medio d i4,6 nel dichiarare di avere stima del proprio capo e considerarlo una persona competente e di valore P - Il mio capo e l'equità stimo il mio capo 4,1 4,6 gestisce efficacemnete problemi 3,6 4,2 Agisce con equità secondo i colleghi Agisce con equità secondo me 3,5 3,6 4,1 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 Tavola 25 23

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Allegato A Indagini sul personale dipendente Gentilecollega, La

Dettagli

Benessere Organizzativo

Benessere Organizzativo Benessere Organizzativo Grazie per aver scelto di partecipare a questa indagine sul benessere organizzativo. Rispondere alle domande dovrebbe richiedere non più di 15-20 minuti. Attraverso il questionario

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO INDAGINI SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELATIVE ALL ANNO 2013 Documento

Dettagli

Indagini sul personale dipendente

Indagini sul personale dipendente AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Indagini sul personale dipendente Gentile Collega, La ringraziamo per aver scelto di partecipare a questa indagine sul benessere

Dettagli

Relazione sul benessere organizzativo (2013)

Relazione sul benessere organizzativo (2013) Relazione sul benessere organizzativo (0) ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE PROVINCIA DI PISTOIA Dott.ssa Elena Gori Via Boschetti e Campano, 8 09 Quarrata (PT) Tel. 7 0880 E-mail elena.gori@unifi.it

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO Anno di indagine 2014 A cura dei RLS Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Università degli Studi di Bergamo Elaborazione conclusa a Giugno 2015 1 INDICE

Dettagli

Quanto si trova in accordo con le seguenti affermazioni? (scala di valutazione compresa tra 1, per nulla in accordo, e 6, del tutto in accordo)

Quanto si trova in accordo con le seguenti affermazioni? (scala di valutazione compresa tra 1, per nulla in accordo, e 6, del tutto in accordo) QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO A Sicurezza e salute sul luogo di lavoro e stress lavoro correlato 1) Il mio luogo di lavoro è sicuro (impianti elettrici, misure antincendio e di emergenza, ecc.)

Dettagli

RELAZIONE IL BENESSERE ORGANIZZATIVO, IL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO

RELAZIONE IL BENESSERE ORGANIZZATIVO, IL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELAZIONE IL BENESSERE ORGANIZZATIVO, IL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO Documento allegato al verbale del NdV della seduta del 15 settembre 2014

Dettagli

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale

Indagine sul Benessere organizzativo aziendale Indagine sul Benessere organizzativo aziendale L'Azienda Sanitaria ASM di Matera ha avviato L'indagine sul "Benessere Organizzativo Aziendale" nell'anno 2015, secondo le indicazione del Decreto legislativo

Dettagli

NUCLEO DI VALUTAZIONE O.I.V. INDAGINE 2013 BENESSERE ORGANIZZATIVO RELAZIONE ILLUSTRATIVA

NUCLEO DI VALUTAZIONE O.I.V. INDAGINE 2013 BENESSERE ORGANIZZATIVO RELAZIONE ILLUSTRATIVA NUCLEO DI VALUTAZIONE O.I.V. INDAGINE 2013 BENESSERE ORGANIZZATIVO RELAZIONE ILLUSTRATIVA NUCLEO DI VALUTAZIONE O.I.V. La presente relazione è stata redatta dal Nucleo di Valutazione di Ateneo Organismo

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano. A cura del Servizio del Personale. Anno 2013

Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano. A cura del Servizio del Personale. Anno 2013 Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano A cura del Servizio del Personale Anno 2013 Indice Introduzione 4 Obiettivi dell indagine 5 Note metodologiche 6 Caratteristiche

Dettagli

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014

Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 Risultati dell indagine sul benessere dei dipendenti 2014 (art. 14 comma 5 - d.lgs 150/2009) sintesi dati Generali, per Area e tipologia di dipendente Le Amministrazioni pubbliche, nella prospettiva di

Dettagli

Relazione 2014 sui risultati del Sistema di misurazione e valutazione e delle indagini rivolte al personale dipendente

Relazione 2014 sui risultati del Sistema di misurazione e valutazione e delle indagini rivolte al personale dipendente Relazione 04 sui risultati del Sistema di misurazione e valutazione e delle indagini rivolte al personale dipendente ANNO 03 . I riferimenti normativi Il decreto legislativo 7 ottobre 009, n. 50 in materia

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO Analisi dei dati effettuata a cura del Nucleo di Valutazione

Dettagli

BENESSERE ORGANIZZATIVO I RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SPERIMENTALE

BENESSERE ORGANIZZATIVO I RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SPERIMENTALE BENESSERE ORGANIZZATIVO I RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SPERIMENTALE La prima indagine in via sperimentale L indagine è stata avviata, su iniziativa del Responsabile della prevenzione della corruzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Indagine Benessere organizzativo nel Ministero dello Sviluppo Economico 01 1 PREMESSA La presente indagine sul benessere organizzativo, realizzata nel marzo 01, costituisce

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Testo revisionato e approvato dalla Commissione il 29/05/2013

Dettagli

Seguono: Documento Benessere Organizzativo formato PDF (82 Kb) Allegato A Indagini su personale dipendente formato PDF (177 Kb)

Seguono: Documento Benessere Organizzativo formato PDF (82 Kb) Allegato A Indagini su personale dipendente formato PDF (177 Kb) Modelli per la realizzazione di indagini sul benessere organizzativo, sul grado di condivisione del sistema di valutazione e sulla valutazione del superiore gerarchico. La Commissione, all esito della

Dettagli

Piano triennale Azioni positive 2014 2016 La rilevazione del fabbisogno

Piano triennale Azioni positive 2014 2016 La rilevazione del fabbisogno Piano triennale Azioni positive 2014 2016 La rilevazione del fabbisogno Questionario sul benessere organizzativo interno, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico

Dettagli

Relazione indagine sul Benessere Organizzativo dell A.O.U.P. P. Giaccone di Palermo anno 2014

Relazione indagine sul Benessere Organizzativo dell A.O.U.P. P. Giaccone di Palermo anno 2014 Relazione indagine sul Benessere Organizzativo dell A.O.U.P. P. Giaccone di Palermo anno 2014 INDICE 1. Premessa Pag. 1 2. Normativa di riferimento Pag. 2 3. Il questionario Pag. 2 4. Criteri generali

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA Provincia di Catania PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 Approvato con Delibera di G.M. nr. 178 del 20.12.2013 1 FONTI: Legge

Dettagli

Indagine sul Benessere Organizzativo Anno 2014

Indagine sul Benessere Organizzativo Anno 2014 Indagine sul Benessere Organizzativo Anno 2014 Relazione CUG 1 INDICE 1 PREMESSA... 3 PRIMA PARTE... 4 2 METODOLOGICA ADOTTATA... 4 3 MODALITÀ DI COINVOLGIMENTO DEL PERSONALE... 4 4 LIVELLO PARTECIPAZIONE...

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

Indagine sul personale dipendente del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura 2013. Relazione di presentazione dei risultati

Indagine sul personale dipendente del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura 2013. Relazione di presentazione dei risultati Indagine sul personale dipendente del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura 2013 Relazione di presentazione dei risultati Indice 1 Premessa 3 2 Nota metodologica 3 3 La fasi di condivisione

Dettagli

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8 Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazionee e valutazione del superiore gerarchico g Sintesii dei risultati dell indagine 2013 svolta sul s personale ASI ai sensi

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

L adesione a tale progetto è da considerarsi come esperienza che possa consentire di raggiungere più obiettivi:

L adesione a tale progetto è da considerarsi come esperienza che possa consentire di raggiungere più obiettivi: Dott. Giuseppe MONTAGANO Dirigente Generale del Dipartimento Salute, Sic. E Sol. Soc. Servizi alla Persona ed alla Comunità S E D E Spett.le CANTIERI DIARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA ROMA Oggetto Benessere

Dettagli

Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico

Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico 2013 Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico Sintesi dei risultati delle indagini svolte sul personale CiVIT ai sensi

Dettagli

Benessere del personale e stress lavoro correlato Sondaggio PREVIMIL 2013

Benessere del personale e stress lavoro correlato Sondaggio PREVIMIL 2013 Questionario sul benessere del personale Resoconto PREVIMIL 2013 Benessere del personale e stress lavoro correlato Sondaggio PREVIMIL 2013 Questionario sul benessere del personale Resoconto PREVIMIL 2013

Dettagli

L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie. D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO

L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie. D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO Convegno di studio e confronto Invecchiamento e lavoro in sanità Milano 30 settembre 2015 Il Tema dei

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Testo revisionato e approvato dalla Commissione il 29/05/2013

Dettagli

Benessere Organizzativo. 17-18-20-21-26 novembre 2014

Benessere Organizzativo. 17-18-20-21-26 novembre 2014 Benessere Organizzativo 17-18-20-21-26 novembre 2014 Benessere Organizzativo cos è «la capacità di un organizzazione di promuovere e di mantenere il più alto grado di benessere fisico, psicologico e sociale

Dettagli

Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati

Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati 10 settembre 2012 Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati Tra il 6 marzo e il 24 aprile 2012, il Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione

Dettagli

Indagine sul personale in servizio presso le Sedi Centrali del Ministero della Salute Risultati 2011

Indagine sul personale in servizio presso le Sedi Centrali del Ministero della Salute Risultati 2011 Stress Lavoro-Correlato e Indagine sul personale in servizio presso le Sedi Centrali del Ministero della Salute Risultati 2011 Obiettivi Rilevare il livello di benessere percepito dai lavoratori attraverso

Dettagli

IL MIO PERCORSO PERSONALE. Questionario Utenti Input

IL MIO PERCORSO PERSONALE. Questionario Utenti Input IL MIO CORSO SONALE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e del percorso di

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1

SDA Bocconi School of Management. Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1 SDA Bocconi School of Management Osservatorio Diversity Management 9 febbraio 2012 1 Agenda Il disegno di ricerca Il campione di analisi Alcuni risultati della ricerca Le riflessioni 2 3 DISEGNO DI RICERCA:

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

Ministero della Salute 6. il processo di redazione della relazione sulla performance

Ministero della Salute 6. il processo di redazione della relazione sulla performance 5 PARI OPPORTUNITÀ E BILANCIO DI GENERE La presente Relazione, oltre a contenere informazioni in merito ai risultati organizzativi e individuali raggiunti, rispetto ai singoli obiettivi programmati e alle

Dettagli

Il BENESSERE ORGANIZZATIVO PER IL PERSONALE TECNICO- AMMINISTRATIVO DI SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA

Il BENESSERE ORGANIZZATIVO PER IL PERSONALE TECNICO- AMMINISTRATIVO DI SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA Il BENESSERE ORGANIZZATIVO PER IL PERSONALE TECNICO- AMMINISTRATIVO DI SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA INDICE 1. L indagine: obiettivi, rilevazione e strumenti p. 3 1.1. L indagine p. 3 1.2. Il questionario

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

INDAGINE SUL PERSONALE DIPENDENTE

INDAGINE SUL PERSONALE DIPENDENTE INDAGINE SUL PERSONALE DIPENDENTE D.Lgs n.150/2009 art.14 rubricato Organismo indipendente di valutazione della performance D.Lgs n.33/2013 art.20 rubricato Obblighi di pubblicazione dei dati relativi

Dettagli

condizione di benessere lavorativo e organizzativo del personale docente di Sapienza Comitato per il personale docente con funzioni analoghe al CUG

condizione di benessere lavorativo e organizzativo del personale docente di Sapienza Comitato per il personale docente con funzioni analoghe al CUG Indagine conoscitiva sulla condizione di benessere lavorativo e organizzativo del personale docente di Sapienza Comitato per il personale docente con funzioni analoghe al CUG Gli obiettivi delle attività

Dettagli

Livello di Benessere Organizzativo, Grado di condivisione del Sistema di Valutazione e Valutazione del superiore gerarchico

Livello di Benessere Organizzativo, Grado di condivisione del Sistema di Valutazione e Valutazione del superiore gerarchico AZIENDA SANITARIA LOCALE - BRINDISI Via Napoli n. 8-72100 Brindisi - Casale - C.F. P. IVA - 01647800745 Web:http://www.sanita.puglia.it Livello di Benessere Organizzativo, Grado di condivisione del Sistema

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA

QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA', LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI (CUG) QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA DATI ANAGRAFICI SESSO

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa

PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014. Premessa PIANO DI AZIONI POSITIVE PER IL TRIENNIO 2012 2014 Premessa Nell ambito delle finalità espresse dalla L. 125/1991 e successive modificazioni ed integrazioni, ossia favorire l occupazione femminile e realizzare

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora

Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora Il questionario sul benessere lavorativo ed organizzativo e la valorizzazione del benessere di chi lavora Sottoposto a tutti i dipendenti della Stazione Zoologica nell aprile 2013 I punti fondamentali

Dettagli

Relazione di sintesi su La valutazione del rischio da stress lavoro-correlato all interno dell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti : analisi dei risultati Metodologia, strumenti e procedura La rilevazione

Dettagli

L indagine è online. Per rispondere al questionario visita il sito: www.vitadaprofessionisti.it. La ricerca è condotta da:

L indagine è online. Per rispondere al questionario visita il sito: www.vitadaprofessionisti.it. La ricerca è condotta da: L indagine è online. Per rispondere al questionario visita il sito: www.vitadaprofessionisti.it La ricerca è condotta da: Associazione Bruno Trentin Consulta del Lavoro Professionale-Cgil Filcams-Cgil

Dettagli

Questionario di gradimento rivolto a Genitori e Studenti. a. s. 2014/15

Questionario di gradimento rivolto a Genitori e Studenti. a. s. 2014/15 Questionario di gradimento rivolto a Genitori e Studenti a. s. 2014/15 Il questionario genitori è stato somministrato durante il secondo colloquio quadrimestrale. Pertanto il campione esaminato è costituito

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 INDICE Premessa Le fasi del progetto di valutazione Indagine e divulgazione dei dati (Fase

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE dell Università degli Studi di FOGGIA

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE dell Università degli Studi di FOGGIA RELAZIONE SULLA PERFORMANCE dell Università degli Studi di FOGGIA 2013 INDICE 1. PRESENTAZIONE DELLA RELAZIONE Pag. 2 2. SINTESI DELLE INFORMAZIONI DI INTERESSE PER I CITTADINI E GLI ALTRI STAKEHOLDER

Dettagli

C o m u n e d i S c a n d i a n o INDAGINE SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO NEL COMUNE DI SCANDIANO

C o m u n e d i S c a n d i a n o INDAGINE SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO NEL COMUNE DI SCANDIANO C o m u n e d i S c a n d i a n o INDAGINE SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO NEL COMUNE DI SCANDIANO B significativi L indagine sul Benessere Organizzativo Il Comune di Scandiano ha promosso la ricerca per analizzare

Dettagli

di opinione sulla comunicazione interna della Provincia di Chieti.

di opinione sulla comunicazione interna della Provincia di Chieti. PROVINCIA DI CHIETI Ufficio per le Relazioni con il Pubblico Indagine di opinione sulla comunicazione interna della Provincia di Chieti. Caro collega, oggi ti chiediamo di contribuire al miglioramento

Dettagli

RELAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ISPRA - ANNO 2012

RELAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ISPRA - ANNO 2012 RELAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ISPRA - ANNO 202 La presente relazione costituisce la prima analisi della situazione del personale ISPRA effettuata dal CUG, riferita all anno 202, riguardante

Dettagli

La valutazione rischio stress lavoro-correlato in una PMI del Nord Italia

La valutazione rischio stress lavoro-correlato in una PMI del Nord Italia CONVEGNO AIAS VALUTAZIONE RISCHIO STRESS E BENESSERE ORGANIZZATIVO. DAL RISK ASSESSMENT AL RISK MANAGEMENT Giovedì 5 Maggio 2011 La valutazione rischio stress lavoro-correlato in una PMI del Nord Italia

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08 Ufficio stage "formazienda" Incubatore di imprese innovative (Centro ISO - Industrial Spin-Off); Sportello informativo Start-up I.F.eG. (Imprenditorialità Femminile e Giovanile) Rilevazione annuale presso

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO (art. 28 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) RISULTATI DELL INDAGINE

VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO (art. 28 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) RISULTATI DELL INDAGINE Indagine conoscitiva sullo stato di avanzamento della VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO (art. 28 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) RISULTATI DELL INDAGINE Si presentano di seguito i risultati dell

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 Il presente Piano ha durata triennale e si sviluppa in obiettivi suddivisi a loro volta in azioni positive. PREMESSE Il Decreto

Dettagli

Seminario Gli obiettivi della nuova programmazione 2014-2020 dei Fondi Strutturali Europei I risultati INVALSI, strumenti per la scuola

Seminario Gli obiettivi della nuova programmazione 2014-2020 dei Fondi Strutturali Europei I risultati INVALSI, strumenti per la scuola Seminario Gli obiettivi della nuova programmazione 2014-2020 dei Fondi Strutturali Europei I risultati INVALSI, strumenti per la scuola Il Questionario insegnante e il Questionario scuola: quadro di riferimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Relazione sull Opinione degli Studenti sulla didattica A.A. 2009-2010 Premessa Ai sensi dell art. 1, comma 1 e 2, della Legge 19 ottobre 1999, n.370 le università adottano un sistema di valutazione interna

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA

DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA QUESTIONARIO Obiettivo: indagare il grado di soddisfazione dei cittadini sui servizi

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLE ESIGENZE, ASPETTATIVE E PROSPETTIVE DEI QUADRI NEL SETTORE ELETTRICO

INDAGINE CONOSCITIVA SULLE ESIGENZE, ASPETTATIVE E PROSPETTIVE DEI QUADRI NEL SETTORE ELETTRICO Federazione Lavoratr Aziende Elettriche Italiane Università degli Studi dell Aquila INDAGINE CONOSCITIVA SULLE ESIGENZE, ASPETTATIVE E PROSPETTIVE DEI QUADRI NEL SETTORE ELETTRICO F E D E R A Z I O N E

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REPORT INDAGINE Provincia di Lecce RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Dicembre 2013 REPORT: UFFICIO DI STATISICA FONTE DATI: UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO INDICE

Dettagli

Indagine di benessere organizzativo in aziende metalmeccaniche della provincia di Verona. Dr.ssa Antonia Ballottin

Indagine di benessere organizzativo in aziende metalmeccaniche della provincia di Verona. Dr.ssa Antonia Ballottin Indagine di benessere organizzativo in aziende metalmeccaniche della provincia di Verona Dr.ssa Antonia Ballottin STUDIO SULL INCIDENZA DEI COSTI DIRETTI ED INDIRETTI RIFERIBILI ALLE PATOLOGIE DA MOBBING

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Indagine sul benessere organizzativo

Indagine sul benessere organizzativo Indagine sul benessere organizzativo (Comitato t di Direzione i 26/03/2014) Piano operativo proposta del Gruppo di Lavoro SERVIZIO SVILUPPO ORGANIZZATIVO FORMAZIONE EDUCAZIONE AMBIENTALE premessa il 12

Dettagli

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO COMUNE di LENTATE SUL SEVESO Provincia di Monza e della Brianza PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio 2015/2017 Riferimenti normativi: - Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 «Codice delle pari opportunità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Nucleo di Valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Nucleo di Valutazione Relazione sulla rilevazione delle opinioni degli studenti laureandi per l anno solare 2009 Roma 11 Maggio 2010 INDICE INTRODUZIONE 3 CARATTERISTICHE

Dettagli

Survey ANIARTI Sanità transculturale: nuove necessità nella cura e nell'assistenza allo straniero. Report di ricerca

Survey ANIARTI Sanità transculturale: nuove necessità nella cura e nell'assistenza allo straniero. Report di ricerca Survey ANIARTI Sanità transculturale: nuove necessità nella cura e nell'assistenza allo straniero. Report di ricerca Matteo Cecchi*, Laura Rasero** *Infermiere, PhD Scienze Cliniche Indirizzo Scienze Infermieristiche

Dettagli

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA

COMUNE DI POLLENA TROCCHIA COMUNE DI POLLENA TROCCHIA PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2015-2017 i (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 13 del 26.02.2015) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

Sintesi dei risultati del Questionario per gli Assegnisti di Ricerca

Sintesi dei risultati del Questionario per gli Assegnisti di Ricerca Sintesi dei risultati del Questionario per gli Assegnisti di Ricerca 1 Caratteristiche del questionario 5 giugno 2013: invio a tutti gli assegnisti di ricerca della richiesta di compilazione entro la scadenza

Dettagli

Rapporto dal Questionari Insegnanti

Rapporto dal Questionari Insegnanti Rapporto dal Questionari Insegnanti SCUOLA CHIC81400N N. Docenti che hanno compilato il questionario: 60 Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il Questionario Insegnanti ha l obiettivo di rilevare la

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Rocco Micciolo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

I RISULTATI DELLA RICERCA

I RISULTATI DELLA RICERCA L INDAGINE SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO IN ARPA EMILIA-ROMAGNA I RISULTATI DELLA RICERCA Bologna, 16 dicembre 2010 Gruppo di progetto: Adriano Libero, Michele Banzi, Gabriella Sandon, Giovanni Sabattini,

Dettagli

Il processo di pianificazione e controllo

Il processo di pianificazione e controllo CONTROLLO METODI LA GESTIONE DI UN SISTEMA RETRIBUTIVO MERITOCRATICO PER LA CRESCITA INTERNA di Alberto Fochi Mario Fochi e Associati S.a.S., Torino 28 Il processo di pianificazione e controllo deve riuscire

Dettagli

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE

PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 III DIREZIONE GESTIONE DEL PERSONALE E SERVIZI INFORMATICI SERVIZIO GESTIONE GIURIDICA DEL PERSONALE Ufficio

Dettagli

Lo sportello d ascolto per i dipendenti

Lo sportello d ascolto per i dipendenti ULSS 13 Dolo-Mirano-Noale U.O. SORVEGLIANZA SANITARIA DEI LAVORATORI E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Responsabile dr. Fabrizio Fiorini Lo sportello d ascolto per i dipendenti Dott.ssa Stefania Menin

Dettagli

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 - Direzione centrale personale e organizzazione - Sommario 1. Premessa... 3 2. I presupposti del

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION

CUSTOMER SATISFACTION PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA Denominata Libero Consorzio comunale ai sensi della LR n. 8/214 I Dipartimento 2 Servizio Bilancio e Partecipate Indagine di ricerca condotta tra il personale dipendente

Dettagli

Indagine 2011 Customer Satisfaction. Marzo 2011

Indagine 2011 Customer Satisfaction. Marzo 2011 Indagine 2011 Customer Satisfaction Marzo 2011 Obiettivi Per il terzo anno consecutivo, l UFFICIO MARKETING DI FIRE ha SVOLTO un indagine sul grado di soddisfazione dei propri CLIENTI, in base a un sistema

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

La motivazione del personale 2013

La motivazione del personale 2013 La motivazione del personale 2013 Federica Bandini Concetto fondamentale Necessario garantire continua compatibilità tra: Esigenze del sistema organizzativo (ente) Esigenze di individui e gruppi Assicurare

Dettagli

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E)

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E) PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E) a cura di Domenico Cerasuolo, Manuela Furlan, Stefania Pizzini, Maria Giulia Sinigaglia INTRODUZIONE La valutazione interna riguarda la verifica della soddisfazione

Dettagli

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 20 DEL 25.06.2014 Anno 2014 giorno 25 mese giugno alle ore 8.30 sede di Via dell'artigliere n. 9 a seguito di regolare convocazione si è riunito il C.d.A. dell'esu

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Piano di Azioni Positive 2013-2015 approvato dal Comitato Unico di Garanzia con propria deliberazione n. 2 del 15 maggio 2013

Piano di Azioni Positive 2013-2015 approvato dal Comitato Unico di Garanzia con propria deliberazione n. 2 del 15 maggio 2013 Premessa Il Piano delle Azioni Positive - PAP, è documento programmatico redatto a norma dell'art. 48 del D.Lgs. 198/2006 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della legge

Dettagli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli Tutela della salute e sicurezza sul lavoro Ufficio prevenzione e protezione Giunta regionale d Abruzzo 1 I Continenti che si incontrano e non vanno alla deriva Lo sviluppo del capitale umano in tutte le

Dettagli

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015 Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CASI DI MALATTIA DA STRESS LAVORO CORRELATO 4000 denunce all INAIL negli ultimi

Dettagli

Report. Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli. Indice

Report. Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli. Indice Report SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO CS OFF-LINE Indagine di soddisfazione relativa al Servizio Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) Comune di Napoli Indice Le fasi per la realizzazione dell indagine...2

Dettagli