SIL -UNIPI REGIONE LIGURIA. Assessorato alle politiche del lavoro e dell occupazione, politiche dell immigrazione e dell emigrazione, trasporti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SIL -UNIPI REGIONE LIGURIA. Assessorato alle politiche del lavoro e dell occupazione, politiche dell immigrazione e dell emigrazione, trasporti"

Transcript

1 REGIONE LIGURIA Assessorato alle politiche del lavoro e dell occupazione, politiche dell immigrazione e dell emigrazione, trasporti Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro SIL -UNIPI Manuale operativo per la presentazione del Prospetto Informativo Disabili Versione: Febbraio 2014

2 SIL -UNIPI pag.1/ 65 Sommario Sommario 1 1 Premessa 3 2 Esclusione / obbligo invio del Prospetto Disabili 3 3 Variazioni importanti rispetto all invio del Prospetto Sanzioni 4 5 Cose da sapere prima di presentare un Prospetto Informativo Disabili 5 6 Flusso Logico dei dati e loro gestione 7 7 Utilizzo dispositivi con la combinazione Windows 8 + Explorer 10 e successivi (es. Explorer 11) 10 8 Modalità di accesso alla funzione di invio telematico del Prospetto Informativo Disabili 13 9 Deleghe Nuovo prospetto Informativo Disabili Selezione criteri della domanda Inserimento Prospetto Informativo Disabili Dati Azienda Q Dati Prospetto Datore di lavoro Dati referente Gradualità Sospensione a carattere nazionale Note Dati Provinciali Q Quadro 2 Sottosezioni Pagina Principale - Dati Provinciali Dati Provinciali Non Computabili Dati Provinciali Elenco Lavoratori Dati Provinciali Mansioni Dati Provinciali Compensazioni Dati Provinciali Autorizzazioni Riepilogo e verifica Prospetto Informativo Disabili Riepilogo Q3 42

3 SIL -UNIPI pag.2/ Riepilogo Nazionale Riepilogo Provinciale Ricevuta Invio telematico Prospetto Informativo Disabili Verifica corretto invio Prospetto Informativo Disabili Rettifica Annullamento Elenco Prospetti Disabili e Recupero Bozze salvate Modifica e Salva Bozza Gestione Unità Locali Gestione Aziende Assistenza alle Comunicazioni Prospetto Informativo Disabili On Line 65

4 SIL -UNIPI pag.3/ 65 1 Premessa L'art. 40 comma 4 della Legge 6 agosto 2008 n. 133 prevede l'invio telematico dei prospetti informativi relativi alla gestione dei lavoratori disabili di cui alla legge 68/99. Viene pertanto istituito il Servizio informatico per l invio telematico del prospetto informativo dei lavoratori disabili, che si basa sulla interoperabilità dei sistemi informatici realizzati dalle Regioni e dalle Province Autonome di Trento e Bolzano, secondo gli standard tecnologici definiti con il Decreto Interministeriale del 02 novembre Tale decreto introduce una regolamentazione organica, definendo il modulo di comunicazione, i dizionari terminologici, le modalità di trasmissione e di trasferimento dei dati. Scopo del presente documento è quello di specificare in forma analitica e sistematica le regole d uso del sistema, con riguardo ai singoli aspetti procedurali, tecnici e gestionali. 2 Esclusione / obbligo invio del Prospetto Disabili Normalmente, l invio del prospetto non è previsto per i datori di lavoro con meno di 15 dipendenti ad esclusione dei seguenti casi: datori di lavoro che, per effetto delle esclusioni dalla base di computo, abbiano un ampiezza al di sotto dei 15 dipendenti per gli obblighi di cui all art.3, ma superiore ai 50 per quel che riguarda l art.18. In tal caso vengono applicate tutte le fattispecie previste per le aziende in categoria A relativamente all art.18 datori di lavoro con meno di 15 dipendenti che contraggono l obbligo di invio del Prospetto perché oggetto della compensazione della capogruppo. 3 Variazioni importanti rispetto all invio del Prospetto 2013 I Datori di lavoro che, per effetto delle esclusioni dalla base di computo, abbiano un ampiezza al di sotto dei 15 dipendenti per gli obblighi di cui all art.3, o si trovino in categoria B (base computo compresa fra 36 e 50 dipendenti) o in categoria C (base computo compresa fra 15 e 35 dipendenti), ma superiore ai 50 dipendenti per quel che riguarda l art.18. contrarranno l obbligo di assunzione di Categorie Protette, la cui Quota Riserva verrà determinata secondo il seguente criterio: a) Aziende da 51 a 150 dipendenti (Base computo Art.18). 1 unità da conteggiare sulla sede legale b) 1% della base computo, in caso di aziende con più di 150 dipendenti (Base computo Art.18). La quota risultante viene arrotondata all unità superiore se la parte decimale è maggiore di 0,50. Se la parte decimale è uguale o inferiore a 0,50 viene indicata la quota intera (priva della parte decimale). Nel caso in cui non sia possibile determinare la sede provinciale ove conteggiare le unità di scopertura, le suddette unità verranno assegnate automaticamente alla sede legale. Nel caso in cui la sommatoria delle Quote di riserva calcolata per le varie province fosse superiore rispetto alla quota di riserva nazionale, le unità in eccedenza andranno detratte dalla Quota di riserva della provincia per cui il resto frazionario è maggiore.

5 SIL -UNIPI pag.4/ 65 Nel caso in cui la sommatoria delle Quote di riserva calcolata per le varie province fosse inferiore rispetto alla quota di riserva nazionale, le unità mancanti andranno assegnate alla Quota di riserva della provincia nella quale è ubicata la sede legale In generale, alle aziende in Categoria B e C, che a seguito di tale criterio di determinazione della quota riserva, sorge l obbligo di assunzione di una o più categorie protette, vengono applicate tutte le fattispecie previste per le aziende in categoria A relativamente all art.18 (Utilizzo eventuali esuberi per abbattimento scoperture disabili, compensazioni categorie protette, sia provinciali che intergruppo, ). 4 Sanzioni Il ritardato (o mancato) invio del prospetto è punito con la sanzione amministrativa progressiva, come previsto dall art. 15, comma 1, della Legge 12 marzo 1999 n. 68. Tale sanzione non si applica ai datori di lavoro che, occupando da 15 a 35 dipendenti alla data di entrata in vigore della Legge n. 68/1999, non effettuino nuove assunzioni.

6 SIL -UNIPI pag.5/ 65 5 Cose da sapere prima di presentare un Prospetto Informativo Disabili L accesso al sistema informatico è possibile tramite il portale messo a disposizione da Regione Liguria con le credenziali personali di accesso consegnate dal Centro per l Impiego di riferimento (vedi capitolo 8 Modalità di accesso alla funzione di invio telematico del Prospetto Informativo Disabili a pag. 13) I datori di lavoro che, rispetto all'ultimo prospetto telematico inviato, non hanno subito cambiamenti nella situazione occupazionale tali da modificare l'obbligo o da incidere sul computo della quota di riserva, non sono tenuti ad inviare il Prospetto Informativo, salvo in caso di compensazione intergruppo in cui l azienda che viene eventualmente indicata per le unità assunte in eccedenza o riduzione dovrà presentare Prospetto Informativo anche nel caso non sia obbligata. La Comunicazione deve essere effettuata esclusivamente per via telematica, costituendo mancato adempimento l invio con strumenti diversi. La preparazione del Prospetto può essere eseguita soltanto se la Sede Legale dell azienda è in stato di Delega (vedi capitolo 9 Deleghe presente a pag. 15) E possibile preparare un nuovo prospetto Disabili partendo da zero, cioè inserendo tutti i dati richiesti, oppure è possibile partire ricaricando i dati presenti nell ultimo prospetto inviato negli anni scorsi (vedi capitolo 11 Inserimento Prospetto Informativo Disabili presente a pag. 20) E possibile compilare il prospetto anche per aziende che abbiano la Sede Legale in altre regioni italiane oltre che in Liguria E possibile predisporre una bozza del Prospetto in qualsiasi momento per recuperarla e proseguire la compilazione in un momento successivo (vedi capitolo 15.1 Modifica e Salva Bozza presente a pag. 58)

7 SIL -UNIPI pag.6/ 65 In stato di bozza l adempimento non risulta completato, ne consegue che per rendere valida la trasmissione, la bozza deve essere Inviata telematicamente (vedi capitolo 13 Invio telematico Prospetto Informativo Disabili a pag. 50) L adempimento si considera completato quando il prospetto risulta nello stato Inviata sia nel nodo Regionale sia nel nodo Nazionale (vedi capitolo 14 Verifica corretto invio Prospetto Informativo Disabili a pag. 52) Il termine massimo per l invio telematico del Prospetto è il giorno 15 febbraio compreso E possibile rettificare un prospetto già inviato entro il termine massimo di 5 giorni dall invio telematico. Non esistono limiti all esecuzione di rettifica di una rettifica, rimane valido il termine massimo dei 5 giorni a partire dal primo invio (vedi capitolo 14.1 Rettifica a pag. 54) Es. Prospetto inviato il giorno 15 febbraio potrà essere rettificato anche più volte sino al 20 febbraio Sino al 15 febbraio compreso sarà possibile annullare l operazione eseguita di invio di un prospetto, naturalmente dopo questa operazione l adempimenti risulterà non eseguito (vedi capitolo 14.2 Annullamento a pag. 54) Si sottolinea che la predisposizione di più bozze contemporaneamente, in caso di invio di una di queste comporta la cancellazione di tutte le altre bozze presenti e dei dati in esse inseriti.

8 SIL -UNIPI pag.7/ 65 6 Flusso Logico dei dati e loro gestione Al fine di semplificare la presentazione del Prospetto informativo e di garantire la corretta gestione dei calcoli viene di seguito riepilogato il flusso di compilazione del Prospetto e i calcoli che devono essere effettuati. Innanzi tutto va ricordato che l obbligo dei datori di lavoro deve essere rispettato a livello nazionale: ne consegue che le modalità di calcolo delle varie sezioni dovranno essere eseguite prima per la parte nazionale e successivamente per le parti provinciali. Al fine di facilitare la compilazione e il calcolo automatico il datore di lavoro procederà a indicare tutti i dati dei vari quadri provinciali come definito di seguito. 1 fase Il datore di lavoro, dopo aver compilato il Quadro 1, compila tutti i dati a livello provinciale, raggruppando i dati di tutte le unità produttive del territorio provinciale, e specificatamente: n lavoratori in forza dettaglio part time e intermittenti (senza riproporzione) categorie escluse disabili in forza categorie protette in forza, di cui in forza al posti lavoro disponibili, esoneri, sospensioni, gradualità e convenzioni 2 fase Il sistema effettua i calcoli di livello nazionale utilizzando i dati dei rispettivi quadri provinciali e determina: il totale nazionale dei lavoratori (TNL): somma delle voci dai rispettivi quadri provinciali; la quota massima di lavoratori art.18 da escludere dalla base di computo: calcolo dell 1% del TNL con eventuale arrotondamento all unità superiore se la parte decimale è maggiore di 0,50. Se la parte decimale è uguale o inferiore a 0,50 viene indicata la quota intera (priva della parte decimale). la base computo per art.3 e art.18: o il sistema somma tutti i dati utili alla determinazione della Base di Computo dai rispettivi campi dei quadri provinciali; o successivamente calcola la riproporzione dei lavoratori part time ed intermittenti. Tale riproporzione avviene sommando le ore settimanali dei lavoratori e rapportate al proprio orario contrattuale con la seguente formula: (Parte intera( Orario settimanale part time / Orario settimanale contrattuale ) x numero lavoratori) + 0 se la parte decimale è minore o uguale a 0.50, 1 se la parte decimale è maggiore di 0.50 o dopodiché calcola la Base Computo nazionale con le seguenti modalità: TNL sottratto categorie non computabili, lavoratori assunti come disabili, categorie protette in forza nel limite dell 1% (come precedentemente calcolato). La base di computo per art.3 e art.18 differisce per il fatto che nell art.18 non sono esclusi dalla base computo il personale viaggiante e il personale impegnato nei cantieri; la quota di riserva art.3: o 7% della base computo per azienda in categoria A - Oltre i 50 dipendenti. La quota risultante viene arrotondata all unità superiore se la parte decimale è maggiore di 0,50. Se la parte decimale è uguale o inferiore a 0,50 viene indicata la quota intera (priva della parte decimale);

9 SIL -UNIPI pag.8/ 65 o 2 lavoratori per azienda in categoria B - Da 36 a 50 dipendenti; o 1 lavoratore per azienda in categoria C - Da 15 a 35 dipendenti rispetto al valore della base computo; eventuali esuberi art.18 per le aziende di categoria A che abbattono la scopertura art.3: gli esuberi vengono determinati dalla differenza data dal numero totale dei lavoratori in forza art.18 e quelli utilizzati a copertura della quota di riserva art.18. Il numero massimo di unità che abbattono la scopertura art.3 non può superare l 1% della base di computo art.18 e il numero indicato nel campo di cui in forza al 17/01/2000. la scopertura art. 3: quota di riserva sottratto i lavoratori esonerati, i disabili in forza e gli eventuali esuberi art.18; la quota di riserva art.18: 1% della base computo art. 18 per i datori di lavoro della categoria A; la scopertura art.18: quota di riserva sottratto il totale dei lavoratori in forza art fase Il sistema effettua i calcoli di livello provinciale attribuendo base di computo, quote e scoperture sulla base dei dati inseriti dai datori di lavoro nei vari quadri provinciali. Le eventuali discordanze tra il Riepilogo nazionale e quello provinciale verranno gestite con le seguenti modalità: lavoratori part time e intermittenti: dato che la riproporzione viene effettuata a livello nazionale, nel caso in cui la somma nazionale riproporzionata determini unità di lavoratori part time o intermittenti in più o in meno rispetto alla distribuzione provinciale, tali unità verranno sommate ai lavoratori della sede provinciale che presenta il minor numero di unità part time/intermittenti o sottratte ai lavoratori della sede provinciale che presenta il maggior numero di unità part time/intermittenti. Tale modalità prevede che in caso di esaurimento delle unità presenti presso una sede provinciale per la sottrazione si procederà con le ulteriori sedi che presentano un maggior numero di unità; qualora, a seguito dei precedenti calcoli, si presentino casi di ulteriore parità di unità, verranno prese in considerazione prima le province che presentano il maggior numero nel campo totale lavoratori dipendenti e, in caso di ulteriore parità, si procederà secondo l ordine di inserimento del Quadro 2 all interno del prospetto. N Categorie protette in forza (L.68/99 art.18) limitatamente all 1% calcolato sul Totale lavoratori dipendenti a livello provinciale: nel caso in cui la somma del N Categorie protette in forza (L.68/99 art.18) limitatamente all 1% calcolato sul Totale lavoratori dipendenti a livello provinciale sia superiore o inferiore al N Categorie protette in forza (L.68/99 art.18) limitatamente all 1% calcolato sul Totale lavoratori in forza a livello nazionale, le unità in più verranno sottratte al N Categorie protette in forza (L.68/99 art.18) limitatamente all 1% della sede che ha il maggior N Categorie protette in forza (L.68/99 art.18) e le unità in meno verranno sommate al N Categorie protette in forza (L.68/99 art.18) limitatamente all 1% della sede che ha il minor N Categorie protette in forza (L.68/99 art.18 ) a condizione che ciò non comporti un valore negativo nella base di computo provinciale. In tal caso deve essere presa in considerazione la provincia successiva che presenta il maggior numero nel campo N Categorie protette in forza (L.68/99 art.18 ). lavoratori disabili e categorie protette: nel caso in cui la sommatoria delle Quote di riserva calcolata per le varie province fosse superiore rispetto alla quota di riserva nazionale, le unità in eccedenza andranno detratte dalla Quota di riserva della provincia per cui il resto frazionario è maggiore fino all esaurimento delle unità, ed a seguire ad altre province, sempre considerando il maggior resto frazionario. Nel caso in cui la sommatoria delle Quote di riserva calcolata per le varie province fosse inferiore rispetto alla quota di riserva nazionale, le unità mancanti andranno assegnate alla Quota di riserva della provincia nella quale è ubicata la sede legale. gestione eventuali esuberi art.18: il sistema calcola l abbattimento delle unità di scopertura art.3 provinciali con le seguenti modalità: o preventivamente viene determinata la percentuale data dal rapporto tra numero lavoratori art.18 in esubero che abbattono la scopertura a livello nazionale e la scopertura art.3 nazionale; o o la suddetta percentuale abbatte le unità di scopertura provinciali art.3; eventuali arrotondamenti all unità inferiore o superiore (nelle modalità descritte nel calcolo della quota di riserva nazionale) verranno effettuate sulla quota che decurta la scopertura provinciale art.3;

10 SIL -UNIPI pag.9/ 65 o in caso di più quadri provinciali la redistribuzione verrà effettuata partendo dalle province che hanno le maggiori scoperture, fino al raggiungimento delle unità da abbattere. 4 fase In caso di Compensazioni territoriali o all interno di un gruppo di impresa il datore di lavoro compila la sezione apposita. Al termine della compilazione della sezione il datore di lavoro sarà avvisato che, essendoci una compensazione che interessa diverse aziende (se presente), il sistema provvederà ad inviare ai servizi competenti i prospetti informativi delle diverse aziende interessate alla compensazione intergruppo. 5 fase In caso di presenza di compensazioni intergruppo il sistema ridetermina le scoperture nazionali art.3 e art.18 valutando le relative compensazioni. In questo caso: Alla scopertura provinciale art.3 il N Compensazione disabili viene sottratto in caso di Categoria compensazione disabili = R o sommato in caso di Categoria compensazione disabili = E Alla scopertura provinciale art.18 il N Compensazioni categorie protette viene sottratto in caso di Categoria compensazione categorie protette = R o sommato in caso di Categoria compensazione disabili = E Infine il sistema effettuerà nuovamente i calcoli previsti per rideterminare le scoperture provinciali in relazione alle compensazioni inserite nella stessa azienda e/o intergruppo

11 SIL -UNIPI pag.10/ 65 7 Utilizzo dispositivi con la combinazione Windows 8 + Explorer 10 e successivi (es. Explorer 11) Le funzionalità di inoltro telematico web delle comunicazioni obbligatorie (CO) attraverso il nodo di Regione Liguria, alla data di pubblicazione di questa guida, risultano compatibili con il browser MS Explorer fino alla versione 9. Per l utenza che utilizza la combinazione di sistema operativo Windows 8 + browser Explorer 10, pur non garantendo la completa compatibilità come per la versione sopra citata, è possibile impostare per Explorer 10 la modalità di compatibilità con le versioni precedenti. Inoltriamo le seguenti istruzioni per eseguire tale operazione. La seguente guida è relativa all utilizzo di Explorer 10 per il desktop, quindi NON per Explorer 10 nell interfaccia utente Windows, ottimizzata per i dispositivi di tocco e selezionabile dalla pagina Start cliccando direttamente su Explorer. Si raccomanda quindi di eseguire le istruzioni come indicato. Dalla schermata principale di Figura 1 cliccare su Desktop FIGURA 1 Aprire MS Explorer 10 (doppio clic sulla consueta icona, nell esempio di Figura 2) per il desktop

12 SIL -UNIPI pag.11/ 65 FIGURA 2 Aperta la schermata di Explorer di Figura 4, inserire l indirizzo del sito per accedere alle CO (nell esempio ) quindi clic su invio. Cliccare quindi sul simbolo evidenziato nella stessa riga dell indirizzo (tale simbolo è ingrandito nell esempio di Figura 3): il colore del simbolo deve diventare di colore azzurro (quando l opzione di compatibilità non è attiva ha un colore grigio) FIGURA 3 FIGURA 4 Cliccare nello specifico su Comunicazioni on line e proseguire con le attività sul Sistema Regionale. In generale, per dispositivi che abbiano installato versioni successive più recenti (es. Explorer 11) è possibile configurare la compatibilità seguendo le seguenti istruzioni (vedi esempio di Figura 5): Clic sul pulsante Strumenti, in alto a destra della schermata Explorer 11 Dal menu visualizzato, clic su Impostazioni Visualizzazione Compatibilità

13 SIL -UNIPI pag.12/ 65 FIGURA 5 Nella finestra visualizzata (vedi esempio di Figura 6), dove risulta inserito liguria.it come Sito Web da aggiungere:, clic su Aggiungi. A questo punto liguria.it risulterà inserito nei Siti Web in Visualizzazione compatibilità quindi clic su Chiudi. FIGURA 6 Data la continua evoluzione tecnologica, le istruzioni sopra riportate sono ovviamente valide alla data di rilascio del presente manuale

14 SIL -UNIPI pag.13/ 65 8 Modalità di accesso alla funzione di invio telematico del Prospetto Informativo Disabili Per inviare un prospetto Disabili è necessario essere in possesso delle credenziali (Nome utente e Password) ricevute dal Centro per l Impiego di competenza quindi occorre collegarsi attraverso internet al Sistema di Regione Liguria per l invio delle CO, raggiungibile a uno dei seguenti indirizzi internet: > > > cliccando sull apposito box:. Nella schermata visualizzata (vedi Figura 7) cliccare su Prospetto informativo disabili Figura 7 e nella successiva maschera che viene caricata (vedi Figura 8) digitare Nome utente e Password quindi cliccare su Login Figura 8 In caso di smarrimento o dimenticanza della Password è possibile, avendo a disposizione il Nome Utente e l indirizzo mail inserito in fase di registrazione, impostare una nuova password cliccando sopra Dimenticata password? quindi seguire le indicazioni a schermo.

15 SIL -UNIPI pag.14/ 65 Dopo aver effettuato l accesso al sistema, verrà caricata a schermo la maschera principale di Figura 9, mediante la quale sarà possibile scegliere l apposita funzione. Figura 9

16 SIL -UNIPI pag.15/ 65 9 Deleghe L opzione Deleghe di Figura 9 permette di operare per conto di altre aziende: è vincolante delegarsi esclusivamente alle aziende per le quali è stato ricevuto mandato. Il programma non pone limiti all utente Delegato al numero di aziende a cui si può delegare: si sottolinea che ogni attivazione e/o disattivazione di delega viene tracciata dal sistema e può essere utilizzata in caso di utilizzo non coerente con i mandati ricevuti. Per poter eseguire le attività di domanda di mobilità in deroga, si rimarca la necessità per l utente Delegato di doversi effettivamente delegare all azienda, secondo la modalità di seguito illustrata. Cliccando su Deleghe, viene caricata la maschera di Figura 10 attraverso la quale è possibile ricercare l azienda alla quale ci si vuole delegare: L impostazione dei criteri di ricerca avviene mediante l inserimento di valori negli appositi campi della sezione che la maschera propone e che fungono da chiavi di ricerca. E possibile effettuare la ricerca in base alla Denominazione UL, Partita IVA UL, ecc. quindi cliccare su Cerca Esiste inoltre la possibilità di inserire la spunta per estrarre soltanto le UL per cui l utente è delegato e/o soltanto le Sedi Legali Figura 10 Nell esempio di Figura 11 è stata eseguita la ricerca delle Aziende che hanno una Denominazione che inizia con dat ; nel risultato ottenuto sono presenti 4 risultati e per nessuno di essi risulta la delega attiva, non essendo presente il segno di spunta sotto la colonna Delegato. Figura 11

17 SIL -UNIPI pag.16/ 65 E possibile predisporre una nuovo Prospetto Disabili soltanto se è attiva la funzione di Delega sulla Sede Legale di riferimento dell azienda. Per impostare lo stato di delega, in corrispondenza delle UL da delegare, è necessario cliccare sotto la colonna Del/Rev (vedi Figura 12, cliccare nella realtà nell area dove è stata inserita per esemplificare la scritta CLIC QUI ) E possibile eseguire l operazione di delega oppure di revoca contemporaneamente per più istanze, quindi per più righe contemporaneamente FIGURA 12 Nello spazio dove è stato cliccato (vedi esempio di Figura 13), viene visualizzato il testo Delega ; per confermare la scelta di delegare cliccare sopra conferma FIGURA 13 Viene quindi visualizzata la schermata di Figura 14; l Unità Locale risulta quindi Delegata essendo presente il segno di spunta sotto la colonna Delegato. Cliccare quindi su OK per proseguire

18 SIL -UNIPI pag.17/ 65 FIGURA 14 Similarmente all operazione di delega, è possibile eseguire la revoca di una delega (sempre per 1 o più istanze contemporaneamente cliccando su più righe), cliccando nello spazio indicato in Figura 12: verrà visualizzato il testo Revoca indicato in Figura 15, quindi per confermare Clic su Conferma FIGURA 15 Cliccando sopra l opzione Filtro, presente nelle figure di esempio appena commentate, il sistema riporta alla schermata di Figura 10.

19 SIL -UNIPI pag.18/ Nuovo prospetto Informativo Disabili Selezionando la voce Nuovo Prospetto Informativo Disabili dalla maschera principale (Figura 9) viene caricata la schermata di gestione delle comunicazioni (Figura 16) che si presenta in modalità filtro ed è utilizzata per effettuare le ricerche sulle Sedi Legali gestite dal soggetto in modo da selezionare la sede legale dell azienda per cui si effettua la comunicazione. L impostazione dei criteri di ricerca avviene mediante l inserimento di valori negli appositi campi della sezione che la maschera propone e che fungono da chiavi di ricerca. E possibile effettuare la ricerca anche in base alla Provincia, al Comune, all indirizzo, al numero civico ed infine al C.A.P. In caso si tratti di una ricerca eseguita da un Delegato il criterio di ricerca sarà rappresentato dalla denominazione, dalla partita iva e codice fiscale. Sarà visualizzato il risultato filtrato in virtù delle aziende per le quali il delegato possiede la delega. Le opzioni presenti nel menu a destra: Nuova UL: Inserimento di una NUOVA Azienda/Unità Locale NON ancora presente nel sistema; andranno riempiti i campi presenti nella schermata caricata, quindi prima di uscire sarà necessario cliccare su Salva altrimenti le informazioni inserite saranno perse. Pulisci: riporta la maschera vuota cioè senza nessun valore preimpostato nei campi Ricerca: permette di estrarre le Aziende/Unità Locale già presenti sul sistema che trovano corrispondenza con i valori digitati nei campi (è ammesso il metacarattere % inteso come un carattere che, all interno di una stringa, non rappresenta sé stesso ma un insieme di altri caratteri; es1. %logo, cioè tutte le parole che terminano con suffisso logo; es2. capo% cioè tutte le parole che iniziano con prefisso capo), vedi Figura 17 Esci: il sistema riporta alla maschera principale di Gestione Invio Prospetti Disabili di Figura Selezione criteri della domanda Impostati i criteri di selezione si preme il bottone Ricerca FIGURA 16 In questo modo vengono visualizzate le sedi legali che soddisfano i criteri impostati. Facendo ciò, appare la lista di quelle disponibili (vedi esempio di Figura 17). Le opzioni presenti nel menu a destra:

20 SIL -UNIPI pag.19/ 65 Nuova UL: Inserimento di una NUOVA Azienda/Unità Locale NON ancora presente nel sistema; andranno riempiti i campi della Figura 9, quindi prima di uscire sarà necessario cliccare su Salva altrimenti le informazioni inserite saranno perse. Filtro: riporta alla maschera Ricerca Unità Locale di Figura 16 Esci: il sistema riporta alla maschera principale di Gestione Invio Prospetti Disabili di Figura 9 FIGURA 17 Si ricorda che per un utente Delegato è necessario per ogni nuova Sede Legale dichiarare di essere in possesso di regolare delega attraverso l apposita funzionalità Deleghe presente nella schermata principale di Gestione Invio Prospetti Disabili di Figura 9.

21 SIL -UNIPI pag.20/ Inserimento Prospetto Informativo Disabili Selezionando la voce Prospetto corrispondente alla Sede Legale oggetto della comunicazione (Figura 17), il sistema verifica se esiste nella base dati un prospetto Informativo inviato precedentemente per l azienda selezionata ed in tal caso richiede all utente se vuole recuperare i dati inseriti, presentando la maschera Figura 18: FIGURA 18 Quindi viene caricata la maschera di Figura 19. Il modulo di inserimento dati è suddiviso in 4 quadri Dati Azienda Q1 (si rimanda al capitolo 11.1 Dati Azienda Q1 a pagina 21 per la descrizione). Dati Provinciali Q2 (si rimanda al capitolo 11.2 Dati Provinciali Q2 a pagina 26 per la descrizione). Riepilogo Q3 (si rimanda al capitolo 12.1 "Riepilogo Q3 a pagina 42 per la descrizione) Ricevuta (si rimanda al capitolo Ricevuta a pagina 50 per la descrizione). che dovranno essere compilati in successione, i capitoli successivi descriveranno nel dettaglio i singoli riquadri. Le opzioni del menu a destra della Figura 19 sono le seguenti: Lista Aziende: tramite questo tasto si ritorna nella pagina di elenco aziende per l inserimento di un prospetto informativo. NB questa funzionalità non salva automaticamente i dati inseriti, a supporto dell utente il sistema propone una maschera che ricorda che cliccando su OK i dati non salvati andranno persi; per non perdere il lavoro eseguito è quindi necessario procedere ad un salvataggio in bozza. Salva Bozza: tramite questo tasto è possibile interrompere la compilazione del Prospetto e riprenderla in un momento successivo. Una volta salvata, la Comunicazione deve essere ricercata attraverso la funzionalità Elenco Prospetti Disabili presente nella schermata principale Gestione Invio Prospetto Disabili Invia: tramite questo tasto viene effettuato l invio del Prospetto Informativo. Il programma effettuerà un controllo sui campi obbligatori e sulla coerenza degli stessi secondo gli standard definiti dal Ministero del Lavoro. Una volta inviata, se eventualmente errata, la comunicazione dovrà essere modificata attraverso l apposita funzionalità di rettifica. La comunicazione di rettifica è possibile entro 5 giorni successivi all Invio telematico. Esci: tramite questo tasto si ritorna alla schermata principale Gestione Invio Prospetto Disabili. NB questa funzionalità non salva automaticamente i dati inseriti, a supporto dell utente il sistema propone una maschera che ricorda che cliccando su OK i dati non salvati andranno persi; per non perdere il lavoro eseguito è quindi necessario procedere ad un salvataggio in bozza.

Prospetto Informativo L.68/99

Prospetto Informativo L.68/99 Prospetto Informativo L.68/99 Modelli e regole Versione Gennaio 2013 Revisione 009 Sommario NOTE GENERALI... 3 IL SERVIZIO INFORMATICO PER LA GESTIONE DEL PROSPETTO INFORMATIVO... 3 OBBLIGO DI TRASMISSIONE

Dettagli

Progetto SINTESI. Modulo Applicativo COB. Prospetto Informativo aziendale 2012. Versione 1.4.13 del 13/01/2012

Progetto SINTESI. Modulo Applicativo COB. Prospetto Informativo aziendale 2012. Versione 1.4.13 del 13/01/2012 Progetto SINTESI Modulo Applicativo COB Prospetto Informativo aziendale 2012 Versione 1.4.13 del 13/01/2012 1 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Aspetti generali 3 2 Flusso di presentazione dei Prospetti Informativi

Dettagli

Prospetto Informativo L.68/99. Modelli e regole

Prospetto Informativo L.68/99. Modelli e regole Prospetto Informativo L.68/99 Modelli e regole Versione Febbraio 2016 Sommario Note generali... 3 Il servizio informatico per la gestione del prospetto informativo... 3 Obbligo di trasmissione informatica...

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo L.68/99 Modelli e regole Versione 3.1 Sommario NOTE GENERALI... 3 IL SERVIZIO INFORMATICO PER LA GESTIONE DEL PROSPETTO INFORMATIVO...

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo L.68/99 Modelli e regole Versione 3.1 Sommario NOTE GENERALI...3 IL SERVIZIO INFORMATICO PER LA GESTIONE DEL PROSPETTO INFORMATIVO...3

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo L.68/99 Modelli e regole Versione 3.0 Sommario NOTE GENERALI... 3 IL SERVIZIO INFORMATICO PER LA GESTIONE DEL PROSPETTO INFORMATIVO...

Dettagli

Manuale utente per l invio telematico obbligatorio del Prospetto Informativo Legge n. 68 del 1999 tramite il sistema SINTESI

Manuale utente per l invio telematico obbligatorio del Prospetto Informativo Legge n. 68 del 1999 tramite il sistema SINTESI Settore Lavoro, Formazione, Politiche Sociali Manuale utente per l invio telematico obbligatorio del Prospetto Informativo Legge n. 68 del 1999 tramite il sistema SINTESI 28 Gennaio 2013 1 Introduzione

Dettagli

sistema piemonte ProDis Prospetto Disabili Manuale d'uso versione 1.1 sistemapiemonte.it

sistema piemonte ProDis Prospetto Disabili Manuale d'uso versione 1.1 sistemapiemonte.it sistema piemonte ProDis Prospetto Disabili Manuale d'uso versione 1.1 sistemapiemonte.it Indice generale 1.Introduzione...4 1.1.Regole per l'invio delle comunicazioni...4 1.1.1.I datori di lavoro con sedi

Dettagli

PRODIS PROSPETTO DISABILI

PRODIS PROSPETTO DISABILI Sistemapiemonte PRODIS PROSPETTO DISABILI Manuale d uso versione 3.0 sistemapiemonte.it INDICE 1. Introduzione... 5 1.1. REGOLE PER L INVIO DELLE COMUNICAZIONI... 5 1.1.1. Datori di lavoro con sedi operative

Dettagli

Progetto SINTESI. Modulo Applicativo COB. Prospetto Informativo aziendale 2011. manuale nuovo prospetto informativo mantova v1_4_1.

Progetto SINTESI. Modulo Applicativo COB. Prospetto Informativo aziendale 2011. manuale nuovo prospetto informativo mantova v1_4_1. Progetto SINTESI Modulo Applicativo COB Prospetto Informativo aziendale 2011 1 Versione 1.4.2 del 21/01/2011 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Le novità introdotte 3 2 Compilazione del prospetto 5 2.1 Modalità

Dettagli

Progetto SINTESI. Modulo Applicativo COB

Progetto SINTESI. Modulo Applicativo COB Progetto SINTESI Modulo Applicativo COB Prospetto Informativo aziendale 2011 1 Versione 1.4.1 del 14/01/2011 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Le novità introdotte 3 2 Compilazione del prospetto 5 2.1 Modalità

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on line Manuale Utente Soggetti Obbligati/Abilitati/ Agenzie di Somministrazione Versione manuali 3.1 Indice 1. Indice 1. Indice...

Dettagli

sistemapiemonte ProDis Prospetto Disabili Manuale d'uso versione 1.1 sistemapiemonte.it

sistemapiemonte ProDis Prospetto Disabili Manuale d'uso versione 1.1 sistemapiemonte.it sistemapiemonte ProDis Prospetto Disabili Manuale d'uso versione 1.1 sistemapiemonte.it Indice generale 1.Introduzione...4 1.1.Come cambiano gli adempimenti...5 1.1.1.I datori di lavoro con sedi operative

Dettagli

SIL DOMANDE MOBILITA IN DEROGA

SIL DOMANDE MOBILITA IN DEROGA REGIONE LIGURIA Assessorato alle politiche del lavoro e dell occupazione, politiche dell immigrazione e dell emigrazione, trasporti Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro SIL DOMANDE MOBILITA IN

Dettagli

PRODIS PROSPETTO DISABILI

PRODIS PROSPETTO DISABILI Sistemapiemonte PRODIS PROSPETTO DISABILI Manuale d uso versione 4.0 sistemapiemonte.it INDICE 1. Introduzione... 6 1.1. Regole per l invio delle comunicazioni... 7 1.1.1. Datori di lavoro con sedi operative

Dettagli

SIL DOMANDE CIG IN DEROGA

SIL DOMANDE CIG IN DEROGA REGIONE LIGURIA Assessorato alle politiche del lavoro e dell occupazione, politiche dell immigrazione e dell emigrazione, trasporti Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro SIL DOMANDE CIG IN DEROGA

Dettagli

Prospetto informativo on-line

Prospetto informativo on-line Prospetto informativo on-line Quadro 1- Dati aziendali Dati prospetto data riferimento prospetto * prospetto presentato dalla Capogruppo * codice fiscale Capogruppo (*) data seconda assunzione (DPR. 333/2000)

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO del LAVORO di REGIONE LIGURIA

SISTEMA INFORMATIVO del LAVORO di REGIONE LIGURIA Pag. 1/18 SISTEMA INFORMATIVO del LAVORO di REGIONE LIGURIA ASSESSORATO ALLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO E DELL'OCCUPAZIONE, POLITICHE DELL'IMMIGRAZIONE E DELL'EMIGRAZIONE, TRASPORTI. Dipartimento Istruzione,

Dettagli

Prospetto Informativo on line

Prospetto Informativo on line Prospetto Informativo on line Manuale Utente Soggetti Obbligati/Abilitati/ Agenzie di Somministrazione Versione manuali 1.7 Indice 1. Indice 1. Indice... 1 2. Introduzione... 2 2.1 Ambito di applicazione

Dettagli

sistema piemonte ProDis Prospetto Disabili Frequently Asked Questions versione 1.1 sistemapiemonte.it

sistema piemonte ProDis Prospetto Disabili Frequently Asked Questions versione 1.1 sistemapiemonte.it sistema piemonte ProDis Prospetto Disabili Frequently Asked Questions versione 1.1 sistemapiemonte.it 1. REGOLE DI COMPILAZIONE 1.1. Quando si presenta il "Prospetto Informativo Disabili"? La presentazione

Dettagli

MANUALE PROSPETTI ONLINE VIA S.A.RE.

MANUALE PROSPETTI ONLINE VIA S.A.RE. Sistema Informativo Lavoro Regione Emilia - Romagna MANUALE PROSPETTI ONLINE VIA S.A.RE. Bologna, 24/01/2008 Versione 1.0 Nome file: Manuale Prospetti doc Redattore: G.Salomone, S.Terlizzi Stato: Bozza

Dettagli

SIL -IRIDE REGIONE LIGURIA. Assessorato alle politiche del lavoro e dell occupazione, politiche dell immigrazione e dell emigrazione, trasporti

SIL -IRIDE REGIONE LIGURIA. Assessorato alle politiche del lavoro e dell occupazione, politiche dell immigrazione e dell emigrazione, trasporti REGIONE LIGURIA Assessorato alle politiche del lavoro e dell occupazione, politiche dell immigrazione e dell emigrazione, trasporti Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro SIL -IRIDE Manuale operativo

Dettagli

Comunicazioni Obbligatorie. Dominio transitorio

Comunicazioni Obbligatorie. Dominio transitorio Comunicazioni Obbligatorie Sistema informatico CO Dominio transitorio Manuale Utente Centro per l Impiego Versione manuale 2.4 Indice 1. Indice 1. Indice... 1 2. Introduzione... 2 2.1 Obbligo di trasmissione

Dettagli

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA (Vers. 4.5.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Documenti... 8 Creazione di un nuovo documento... 9 Ricerca di un documento... 17 Calcolare

Dettagli

Manuale Utente. Guida all utilizzo della procedura telematica per la richiesta d'iscrizione al Registro Generale delle Organizzazioni di Volontariato

Manuale Utente. Guida all utilizzo della procedura telematica per la richiesta d'iscrizione al Registro Generale delle Organizzazioni di Volontariato REGIONE PUGLIA SEZIONE BANDI TELEMATICI Servizio Politiche di benessere sociale e pari opportunità Manuale Utente Guida all utilizzo della procedura telematica per la richiesta d'iscrizione al Registro

Dettagli

Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Sportello Unico Immigrazione Sistema inoltro telematico Manuale Utente Versione per Decreto Flussi 2010 per l ingresso di lavoratori non stagionali Data

Dettagli

Funzionalità del sistema ADELINE per il Prospetto Informativo Disabili

Funzionalità del sistema ADELINE per il Prospetto Informativo Disabili Funzionalità del sistema ADELINE per il Prospetto Informativo Disabili Istruzioni per la compilazione e l invio telematico da parte dei datori di lavoro o dei loro intermediari del Prospetto Informativo

Dettagli

INTRODUZIONE. Il Prospetto Informativo Aziendale

INTRODUZIONE. Il Prospetto Informativo Aziendale INTRODUZIONE Il Prospetto Informativo Aziendale La disciplina sul diritto al lavoro dei disabili, legge 12 marzo 1999, n. 68, recante Norme per il diritto al lavoro dei disabili, prevede che tutti i datori

Dettagli

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni EdilnetSoldo EdilnetWeb Sistema On Line Denunce Operai Sportello virtuale per gli utenti aperto h24 CfpInformaticaSrl Release1.4

Dettagli

Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Sistema inoltro telematico Manuale utente Versione 10 Data aggiornamento: 14/09/2012 Pagina 1 (25) Sommario 1. Il sistema di inoltro telematico delle

Dettagli

GESTIONE DEL PROFILO

GESTIONE DEL PROFILO Manuale di supporto all utilizzo di SINTEL per stazione appaltante GESTIONE DEL PROFILO Data pubblicazione: 19/10/2015 Pagina 1 di 22 INDICE 1. Introduzione... 2 1.1. Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Presentazione della pratica online

Presentazione della pratica online Presentazione della pratica online Dalla prima pagina del sito del comune http://www.comune.ficulle.tr.it/, selezionate Sportello Unico Attività Produttive ed Edilizia Selezionate ora ACCEDI nella schermata

Dettagli

SINTESI MANUALE DI RIFERIMENTO PROCEDURA DI REGISTRAZIONE

SINTESI MANUALE DI RIFERIMENTO PROCEDURA DI REGISTRAZIONE SINTESI MANUALE DI RIFERIMENTO PROCEDURA DI REGISTRAZIONE - 1 - ISTRUZIONI OPERATIVE PER LA REGISTRAZIONE AL PORTALE SINTESI DI AZIENDE ED ALTRI DATORI DI LAVORO Questa guida è uno strumento di supporto

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Sistema inoltro telematico Manuale utente Versione 10 Data aggiornamento: 14/09/2012 Pagina 1 (25) Sommario 1. Il sistema di inoltro telematico delle

Dettagli

RECUPERO CREDENZIALI PER L ACCESSO AI SERVIZI SAL REGIONALI... 8. B informazioni Generali...11 Medico selezionato...11

RECUPERO CREDENZIALI PER L ACCESSO AI SERVIZI SAL REGIONALI... 8. B informazioni Generali...11 Medico selezionato...11 Sommario ASSISTENZA TECNICA AL PROGETTO... 2 PREREQUISITI SOFTWARE PER L INSTALLAZIONE... 3 INSTALLAZIONE SULLA POSTAZIONE DI LAVORO... 3 INSERIMENTO LICENZA ADD ON PER L ATTIVAZIONE DEL PROGETTO... 4

Dettagli

SIFORM MANUALE PROGETTI FORMATIVI

SIFORM MANUALE PROGETTI FORMATIVI SIFORM MANUALE PROGETTI FORMATIVI AVVIO ATTIVITA GESTIONE DIDATTICA GESTIONE OPERATIVA 1 Amministrazione...3 1.1 Profili utente...3 1.2 Profilazione...4 1.3 Utenti...5 2 Sezione Anagrafica delle Imprese...7

Dettagli

GESTIONE PRESENZE MANUALE PER COMINCIARE

GESTIONE PRESENZE MANUALE PER COMINCIARE GESTIONE PRESENZE MANUALE Gestione archivi La prima operazione da effettuare, per poter utilizzare gestione presenze, è la creazione dell archivio dove saranno memorizzati tutti i dati riconducibili ad

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Controlli di coerenza dei dati Documento: UNIPI.Controlli Revisione : 13.0 Data : 03/03/2016 Commenti : 1. CONTROLLI SUL PI...

Dettagli

S.I.N. S.R.L. SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE

S.I.N. S.R.L. SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE Edizione 1.0 Marzo 2010 S.I.N. S.R.L. SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE PER LO SVILUPPO IN AGRICOLTURA Sviluppo Rurale 2007 2013 Misure Strutturali Compilazione domanda di aiuto Manuale Operativo Utente Controllo

Dettagli

Portale Tesoro MANUALE UTENTE Versione 7.0

Portale Tesoro MANUALE UTENTE Versione 7.0 Portale Tesoro MANUALE UTENTE Versione 7.0 Aggiornato al 28 Luglio 2015 Versione 7.0 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 1.2. VERSIONI DEL DOCUMENTO... 3 1.3. DEFINIZIONI ED ACRONIMI...

Dettagli

Metano 4.3. Acquisizione su file della dichiarazione di consumo di gas metano per l anno d imposta 2006. Manuale utente

Metano 4.3. Acquisizione su file della dichiarazione di consumo di gas metano per l anno d imposta 2006. Manuale utente Metano 4.3 Acquisizione su file della dichiarazione di consumo di gas metano per l anno d imposta 2006 Manuale utente Versione 4.3 Ottobre 2006 Manuale utente Pagina 2 di 31 INDICE 1. PRESENTAZIONE...

Dettagli

MANUALE D USO DEL SOFTWARE DoRA-Express

MANUALE D USO DEL SOFTWARE DoRA-Express MANUALE D USO DEL SOFTWARE DoRA-Express Sommario LA STRUTTURA DI DoRA-Express... 1 COME ACQUISIRE DoRA-Express... 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE... 1 SEZIONE 1 ANAGRAFICHE / DOMANDA... 2 SEZIONE 2 ESPRESSIONI

Dettagli

DFPA 2013 (Dispositivo Fondo Pensione Aziende)

DFPA 2013 (Dispositivo Fondo Pensione Aziende) DFPA 2013 (Dispositivo Fondo Pensione Aziende) MANUALE UTENTE Pagina 1 SOMMARIO 1. ACCESSO AL SISTEMA... 3 1.1 PRIMO ACCESSO... 3 1.2 ACCESSO SUCCESSIVO... 5 1.3 PASSWORD DIMENTICATA... 6 2. HOMEPAGE...

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Soggetto che effettua la comunicazione 001 - Consulenti del Lavoro (art. 1, co. 1, L.. 12/79) Codice

Dettagli

Comunicazioni Obbligatorie Manuale Utente Agenzia di Somministrazione

Comunicazioni Obbligatorie Manuale Utente Agenzia di Somministrazione Comunicazioni Obbligatorie Manuale Utente Agenzia di Somministrazione Indice 1. Indice 1. Indice... 1 2. Introduzione... 3 3. Accesso al sistema... 3 4. Funzionalità dell interfaccia... 6 4.1 Legenda delle

Dettagli

SIREA: SISTEMA DI REVISIONE DELLE ANAGRAFI. Manuale d uso. Versione 14/05/2012 INDICE

SIREA: SISTEMA DI REVISIONE DELLE ANAGRAFI. Manuale d uso. Versione 14/05/2012 INDICE SIREA: SISTEMA DI REVISIONE DELLE ANAGRAFI Manuale d uso. Versione 14/05/2012 INDICE Note tecniche per l utilizzo del Sistema Sirea..2 Sistema di autenticazione.2 Operatori...6 Variazione Responsabile

Dettagli

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati

Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati . Servizio di Invio Telematico delle Schedine Alloggiati 1. Login Fig.1.1: Maschera di Login Per accedere all applicativo inserire correttamente nome utente e password poi fare clic sul pulsante Accedi,

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTER DEL LAVR E DELLE PLITICHE SCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Tipo comunicazione Codice comunicazione 01 - Prospetto informativo 1802214B00054723 Data invio 30/01/2014

Dettagli

S.I.N. S.R.L. SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE

S.I.N. S.R.L. SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE Edizione 1.0 Marzo 2010 S.I.N. S.R.L. SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE PER LO SVILUPPO IN AGRICOLTURA Sviluppo Rurale 2007 2013 Misure Strutturali Compilazione domanda di pagamento Manuale Operativo Utente

Dettagli

AZIONI DENOMINATE APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE PERCORSO C

AZIONI DENOMINATE APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE PERCORSO C Guida alla procedura informatica per la Presentazione di proposte formative su AZIONI DENOMINATE APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE PERCORSO C Ottobre 2014 INDICE 1. ACCESSO

Dettagli

Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione SUI Sportello Unico Immigrazione Sistema inoltro telematico Manuale utente Versione 9 Data aggiornamento 19/11/2010 17.19.00 Pagina 1 (1) Sommario 1.

Dettagli

Guida alla presentazione dell offerta e alla gestione dei servizi per il lavoro mediante lo strumento della dote

Guida alla presentazione dell offerta e alla gestione dei servizi per il lavoro mediante lo strumento della dote Sistema informativo SINTESI Guida alla presentazione dell offerta e alla gestione dei servizi per il lavoro mediante lo strumento della dote Provincia Settore Cultura, Formazione e Lavoro Servizio Politiche

Dettagli

Regione Campania. Comunicazioni Obbligatorie. Manuale Utente Centro per l Impiego. Versione manuale 2

Regione Campania. Comunicazioni Obbligatorie. Manuale Utente Centro per l Impiego. Versione manuale 2 Regione Campania Comunicazioni Obbligatorie Regione Campania Manuale Utente Centro per l Impiego Versione manuale 2 Indice 1. Indice 1. Indice... 1 2. Introduzione... 3 2.1 Obbligo di trasmissione informatica...

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Manuale procedura Iscrizione e Variazione Azienda su web internet Versione 25/6/2014

Dettagli

Manuale d Uso. Portale ERM Gestione Risorse Umane Web

Manuale d Uso. Portale ERM Gestione Risorse Umane Web Manuale d Uso Portale ERM Gestione Risorse Umane Web ACCESSO AL SISTEMA... 3 Apertura del programma... 3 Primo accesso al sistema... 4 UTILIZZO DEL PORTALE... 7 Il layout principale... 7 GESTIONI ANAGRAFICHE

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Manuale Utente. Sistema Informativo Ufficio Centrale Stupefacenti

Manuale Utente. Sistema Informativo Ufficio Centrale Stupefacenti Manuale Utente Sistema Informativo Ufficio Sistema di registrazione Registrazione Utenti.doc Pag. 1 di 18 Accesso al sistema Il, quale elemento del NSIS, è integrato con il sistema di sicurezza e di profilatura

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE ONLINE ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE ONLINE ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI BARI GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE ONLINE ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE aprile 2013 RIPARTIZIONE SVILUPPO ECONOMICO SUAP Sportello Unico per le Attività Produttive SOMMARIO

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 22 luglio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Di seguito vengono elencati i passi logici che verranno affrontati dalla procedura Comunicazione Unica:

Di seguito vengono elencati i passi logici che verranno affrontati dalla procedura Comunicazione Unica: Fino ad oggi le imprese ed i loro intermediari evadevano gli obblighi riguardanti il Registro delle Imprese, l Agenzia delle Entrate, l INAIL e l INPS con procedure diverse per ogni Ente e, soprattutto,

Dettagli

REGIONE PUGLIA SEZIONE BANDI TELEMATICI

REGIONE PUGLIA SEZIONE BANDI TELEMATICI REGIONE PUGLIA SEZIONE BANDI TELEMATICI Servizio Politiche di benessere sociale e pari opportunità Servizio Programmazione Sociale e Integrazione Sociosanitaria Procedura telematica per l'inoltro delle

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE Modelli e regole Marzo 2009 1 Indice 1 Note generali... 4 1.1 Il servizio informatico delle comunicazioni obbligatorie... 4 1.2

Dettagli

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Edilnet Soldo Edilnet Web Sistema On Line Denunce Operai Sportello virtuale per gli utenti aperto h24 Cfp Informatica Srl

Dettagli

9.1. Nuova fattura fase 1...12 9.2. Nuova fattura Aggiungi voce...13 9.3. Nuova fattura fase 2...13 9.4. Nota di credito...14 10. Pagamenti...14 11.

9.1. Nuova fattura fase 1...12 9.2. Nuova fattura Aggiungi voce...13 9.3. Nuova fattura fase 2...13 9.4. Nota di credito...14 10. Pagamenti...14 11. Sommario 1. SOMMARIO... 3 1. Guida introduttiva... 3 2. L ACCESSO... 3 1. MASCHERA PRINCIPALE... 4 1.1 Codice... 4 1.2 Marca... 4 1.3 Descrizione... 4 1.4 Descrizione 2... 4 1.5 Taglia o Confezione...

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Comunicazioni Obbligatorie Sistema informatico CO Dominio transitorio Manuale Utente Questura Versione manuale 2.8-1 - 1. Indice 1. Indice... 2 2. Introduzione...

Dettagli

1 Tesoreria Statale - Articolo 18 Sistema informatico gestione dati -Manuale Utente v.1.0

1 Tesoreria Statale - Articolo 18 Sistema informatico gestione dati -Manuale Utente v.1.0 Manuale Utente 1 PREMESSA In forza di quanto disposto dall art.18, comma 1, del decreto legge 1 luglio 2009, n.78, convertito con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n.102 è stato emanato il decreto

Dettagli

RILEVAZIONE CAMPIONARIA SULLE AZIENDE LEGNOSE AGRARIE. Manuale d uso. Versione 1 10 luglio 2012 INDICE

RILEVAZIONE CAMPIONARIA SULLE AZIENDE LEGNOSE AGRARIE. Manuale d uso. Versione 1 10 luglio 2012 INDICE RILEVAZIONE CAMPIONARIA SULLE AZIENDE LEGNOSE AGRARIE SGR-ILA: SISTEMA DI GESTIONE DELLA RILEVAZIONE Manuale d uso. Versione 1 10 luglio 2012 INDICE Introduzione... 3 Sistema di autenticazione... 4 OPERATORI...

Dettagli

Gruppo Engineering Portale PAGE. 1.Manuale per la qualificazione all albo fornitori. 2.Manuale per la fatturazione

Gruppo Engineering Portale PAGE. 1.Manuale per la qualificazione all albo fornitori. 2.Manuale per la fatturazione [Digitare il testo] [Digitare il testo] Gruppo Engineering [Digitare il testo] Portale PAGE Gruppo Engineering Portale PAGE Il presente documento è suddiviso in due parti: 1.Manuale per la qualificazione

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI DEI CONTI GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO PER I REVISORI LEGALI E LE SOCIETA DI REVISIONE Versione 1.0 del 31 maggio 2013 Sommario PREMESSA... 4 LA PROCEDURA

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Comunicazioni Obbligatorie Sistema informatico CO Dominio transitorio Manuale Utente Centro per l Impiego Versione manuale 4.2 Indice 1. Indice 1. Indice...

Dettagli

MANUALE UTENTE SEMPLICE. Servizi Online

MANUALE UTENTE SEMPLICE. Servizi Online Pag. 1 di 24 - - - Pag. 2 di 24 Sommario 1. Scopo del documento... 3 2. Strumenti per l accesso al servizio... 3 2.1 Eventuali problemi di collegamento... 3 2.2 Credenziali di accesso... 4 3. Consultazione

Dettagli

Manuale per la compilazione del modello mediante la PROCEDURA ONLINE

Manuale per la compilazione del modello mediante la PROCEDURA ONLINE Programma Statistico Nazionale Rilevazione IST-02082 Le tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle Pubbliche amministrazioni locali Manuale per la compilazione del modello mediante la PROCEDURA

Dettagli

Come accedere al portale Prima Infanzia

Come accedere al portale Prima Infanzia Come accedere al portale Prima Infanzia Per accedere al portale Prima Infanzia è necessario collegarsi al sito https://sociale.regione.veneto.it e cliccare su Area Operatori Fig. 1 Apparirà una schermata

Dettagli

ECV Gestione Certificati Verdi

ECV Gestione Certificati Verdi ECV Gestione Certificati Verdi Manuale d uso Manuale ECV-WEB Status: Definitivo Data: 9/12/2013 Pagina 1 di 84 Indice 1 Premessa... 3 2 Home... 4 2.1 Home page - Sezione sinistra... 5 2.2 Home page - Sezione

Dettagli

U N I O N C A F GUIDA ALLA COMPILAZIONE ONLINE DEL MODELLO 730/2016

U N I O N C A F GUIDA ALLA COMPILAZIONE ONLINE DEL MODELLO 730/2016 U N I O N C A F GUIDA ALLA COMPILAZIONE ONLINE DEL MODELLO 730/2016 PREMESSA ISCRIZIONE: ricordiamo agli utenti che la USERNAME e la PASSWORD di accesso hanno durata annuale. Per fruire del servizio di

Dettagli

Manuale utente. Selezione on-line Manuale.docx. Id documento: Versione: versione 2.4

Manuale utente. Selezione on-line Manuale.docx. Id documento: Versione: versione 2.4 Manuale utente Id documento: Selezione on-line Manuale.docx Versione: versione 2.4 Revisioni: Aggiunte le funzioni Copia in e Sposta in nella sezione Curriculum (paragrafo 4.5) Data: 17/01/2014 Pagina

Dettagli

I.N.A.I.L. Certificati Medici via Internet. Manuale utente

I.N.A.I.L. Certificati Medici via Internet. Manuale utente I.N.A.I.L. Certificati Medici via Internet Manuale utente CERTIFICATI MEDICI... 1 VIA INTERNET... 1 MANUALE UTENTE... 1 COME ACCEDERE AI CERTIFICATI MEDICI ON-LINE... 3 SITO INAIL... 3 PUNTO CLIENTE...

Dettagli

Sistema Informativo Gestione Fidelizzazione Clienti MANUALE D USO

Sistema Informativo Gestione Fidelizzazione Clienti MANUALE D USO Sistema Informativo Gestione Fidelizzazione Clienti MANUALE D USO Login All apertura il programma controlla che sia stata effettuata la registrazione e in caso negativo viene visualizzato un messaggio.

Dettagli

http://sintesi.provincia.taranto.it/portale

http://sintesi.provincia.taranto.it/portale Registrazione portale SINTESI Aggiornato al 23 gennaio 2008 rev 1.1 del 12/02/2008 Questo documento è una guida alle aziende per la registrazione al portale: http://sintesi.provincia.taranto.it/portale

Dettagli

Portale Sintesi Procedure Base e di Registrazione

Portale Sintesi Procedure Base e di Registrazione Provincia di Lecce Settore Politiche Culturali, Sociali, di Parità e del Lavoro Servizio Formazione e Lavoro Portale Sintesi Procedure Base e di Registrazione Versione 1.0 Marzo 2012 Sommario Portale Sintesi...3

Dettagli

Manuale Operativo. Utilizzo Programma

Manuale Operativo. Utilizzo Programma UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Manuale Operativo Utilizzo Programma Il presente manuale non affronta problematiche di tipo contabile, è un manuale puramente tecnico INDICE Introduzione pag. 1 Convenzioni

Dettagli

SINTESI. Modulo Applicativo. Comunicazioni Obbligatorie (COB)

SINTESI. Modulo Applicativo. Comunicazioni Obbligatorie (COB) SINTESI Modulo Applicativo Comunicazioni Obbligatorie (COB) 1 Versione 3.14 del 18/06/2008 INDICE 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti Client necessari per l utilizzo

Dettagli

ECV Emissione Certificati Verdi

ECV Emissione Certificati Verdi ECV Emissione Certificati Verdi Manuale Utente Ambito Internet Manuale WEB ECV Status: Definitivo Data: 11/03/2015 Pagina 1 di 88 INDICE 1 Premessa... 4 2 Home... 4 2.1 Home page - Sezione sinistra...

Dettagli

GUIDA ALL USO DEL PORTALE DI PRENOTAZIONE LIBRI ON LINE

GUIDA ALL USO DEL PORTALE DI PRENOTAZIONE LIBRI ON LINE Introduzione Benvenuto nella guida all uso della sezione ecommerce di shop.libripertutti.it/coop dove è possibile ordinare i tuoi testi scolastici e seguire lo stato del tuo ordine fino all evasione. si

Dettagli

Manuale Utente. Versione 1.0 Data: 11/11/2015 1 /98

Manuale Utente. Versione 1.0 Data: 11/11/2015 1 /98 Manuale Utente Versione 1.0 Data: 11/11/2015 1 /98 1. ACCESSO AL SERVIZIO... 3 1.1 REGISTRAZIONE... 3 1.1.1 Registrazione Privati... 4 1.1.2 Registrazione Aziende/Professionisti... 6 1.2 LOGIN... 8 1.2.1

Dettagli

Questionario scuola - I e II Ciclo di istruzione Manuale di compilazione

Questionario scuola - I e II Ciclo di istruzione Manuale di compilazione - I e II Ciclo di istruzione Sommario Introduzione... 3 Comunicazione di invito alla compilazione del Questionario scuola on-line... 3 Prerequisiti per l accesso al Questionario scuola on-line.... 3 Come

Dettagli

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton SOMMARIO CENNI GENERALI... 3 STAMPA ORDINI... 18 STAMPA PACKING LIST... 21 STAMPA SCONTRINI... 24 STAMPA ARTICOLI VENDUTI... 30 STAMPA

Dettagli

SPOT. Sistema Puglia per l Osservatorio Turistico

SPOT. Sistema Puglia per l Osservatorio Turistico SPOT Sistema Puglia per l Osservatorio Turistico Innovazione e semplificazione nella gestione delle informazioni turistiche Modalità Completa Manuale d uso del sistema Ver. 2.0 maggio 2014 Progetto Sistema

Dettagli

RILEVAZIONE PRESENZE-ASSENZE PERSONALE

RILEVAZIONE PRESENZE-ASSENZE PERSONALE MANUALE UTENTE RILEVAZIONE PRESENZE-ASSENZE PERSONALE REGIONALE MANUALE UTENTI WEB - DIPENDENTI PROGETTO 00132009195 ATTIVITÀ Formazione CLIENTE Regione Autonoma Valle d Aosta RIFERIMENTO CLIENTE PROTOCOLLO

Dettagli

------------------------------------------------------------------------------------------------------------ MANUALE SOFTWARE LOCAZIONI

------------------------------------------------------------------------------------------------------------ MANUALE SOFTWARE LOCAZIONI MANUALE SOFTWARE LOCAZIONI 1. Introduzione... 2 2. Accesso al programma... 2 2.1. Menù principale... 3 3. Dati Fornitura... 3 3.1. Sezione - Dati Fornitura... 4 3.2. Sezione Soggetto richiedente la registrazione...

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE GUIDA D USO PER LA REGISTRAZIONE E L ACCESSO Ver 1.7 del 11/03/2010 Pag. 1 INDICE DEI CONTENUTI ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE... 1 GUIDA D USO PER LA REGISTRAZIONE E L

Dettagli

U N I O N C A F GUIDA ALLA COMPILAZIONE ONLINE DEL MODELLO 730/2015

U N I O N C A F GUIDA ALLA COMPILAZIONE ONLINE DEL MODELLO 730/2015 U N I O N C A F GUIDA ALLA COMPILAZIONE ONLINE DEL MODELLO 730/2015 REGISTRATI AL SERVIZIO ED UTILIZZA INTERNET EXPLORER USERNAME E PASSWORD DI ACCESSO HANNO DURATA ANNUALE. PER FRUIRE DEL SERVIZIO DI

Dettagli

Guida alla procedura informatica per la Presentazione di proposte formative nell ambito della GARANZIA GIOVANI - AZIONI DENOMINATE FORMAZIONE MIRATA

Guida alla procedura informatica per la Presentazione di proposte formative nell ambito della GARANZIA GIOVANI - AZIONI DENOMINATE FORMAZIONE MIRATA Guida alla procedura informatica per la Presentazione di proposte formative nell ambito della GARANZIA GIOVANI - AZIONI DENOMINATE FORMAZIONE MIRATA ALL INSERIMENTO LAVORATIVO PERCORSO B INDICE 1. ACCESSO

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL CENSIMENTO RIFIUTI URBANI SUL PORTALE WWW.AMBIENTEINLIGURIA.IT

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL CENSIMENTO RIFIUTI URBANI SUL PORTALE WWW.AMBIENTEINLIGURIA.IT ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL CENSIMENTO RIFIUTI URBANI SUL PORTALE WWW.AMBIENTEINLIGURIA.IT Febbraio 2015 Pulsanti di interfaccia... 3 Modalità di richiesta creazione nuovo utente... 4 Profilazione

Dettagli

PIATTAFORMA PER L APPRENDISTATO IN CAMPANIA

PIATTAFORMA PER L APPRENDISTATO IN CAMPANIA PIATTAFORMA PER L APPRENDISTATO IN CAMPANIA In attuazione Avviso "PIU' APPRENDI PIU' LAVORI" Decreto Dirigenziale n. 259 del 22/12/2010 Aggiornata al D.D N.3 del 31/01/2011 Avviso apprendistato Integrazione

Dettagli

SOMMARIO 1. SETUP COLLOCAMENTO TELEMATICO 5

SOMMARIO 1. SETUP COLLOCAMENTO TELEMATICO 5 M:\Manuali\Circolari_mese\2008\02\collocamento telematico.doc COLLOCAMENTO TELEMATICO SOMMARIO 1. SETUP COLLOCAMENTO TELEMATICO 5 1.1. ELENCO DEI SETUP...5 1.2. ASPETTI TECNICI...5 1.2.1 INSTALLER (NON

Dettagli

Affari Generali. Manuale Utente. AGSPR - Produzione Lettere Interne e In Uscita. Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001

Affari Generali. Manuale Utente. AGSPR - Produzione Lettere Interne e In Uscita. Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001 Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001 Indice e Sommario 1 PRODUZIONE LETTERE INTERNE ED IN USCITA 3 1.1 Descrizione del flusso 3 1.2 Lettere Interne 3 1.2.1 Redazione 3 1.2.2 Firmatario

Dettagli