LA PROSODIA DEL FOCUS CONTRASTIVO. UN ACCENTO PARTICOLARE?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PROSODIA DEL FOCUS CONTRASTIVO. UN ACCENTO PARTICOLARE?"

Transcript

1 LA PROSODIA DEL FOCUS CONTRASTIVO. UN ACCENTO PARTICOLARE? Cinzia Avesani Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione Sezione di Padova Fonetica e Dialettologia - Padova 1. INTRODUZIONE Tra le funzioni pragmatiche dell intonazione, il ruolo di segnalare all ascoltatore lo status di informazione contrastiva del referente di un elemento lessicale è svolto dagli accenti intonativi. Se la distribuzione degli accenti nell enunciato può aiutare nel discriminare un focus contrastivo da un focus identificativo o semantico (cfr. [3]) quando il primo si collochi in posizione non finale di frase, la presenza di un accento intonativo nucleare sull ultima voce lessicale di un enunciato può essere indifferentemente indice di focalizzazione identificativa o contrastiva. Si è molto dibattuto in letteratura sull esistenza di tratti fonologici specifici che distinguano gli accenti che marcano il focus contrastivo (accenti contrastivi ) dagli accenti che marcano informazione nuova nei casi di focus informativo, ampio o ristretto (accenti di novità o non contrastivi ). Questi tratti, ese sistono, potrebbero infatti essere cruciali per distinguere prosodicamente tra le due tipologie di focalizzazione. Le posizioni variano da quella, radicale, di Bolinger [4], secondo il quale nulla, nell intonazione, è propriamente contrastivo, e quella di chi che nega l esistenza di alcuna differenza [17], a quella di chi ammette che delle differenze tra i due tipi di accento possano esistere. Tra questi ultimi, c è chi sostiene che il significato di contrasto è trasmesso da accenti intonativi particolari, che differiscono dagli quelli usati per marcare informazione nuova o perché sono più prominenti (cfr. ad es. [5], [18]) o perché sono di tipo diverso (cfr. ad es. [6], [24]). Ladd [18]), ad esempio, propone il tratto [raised peak] per descrivere tale distinzione (ibid.:736), sostenendo che certi usi linguistici dell altezza melodica (pitch height) possono essere sistematicamente distinti dall espansione espresssiva dell estensione melodica (pitch range). Pierrehumbert and irschberg [24] propongono invece che in inglese si usino accenti tipologicamente diversi: L+* in contesti contrastivi, e * nel contesto di informazione nuova ma non contrastiva. Khramer e Swerts [17], al contrario, mostrano per l olandese che in sintagmi nominali complessi (Agg-N) in cui si vari sistematicamente lo status informativo dei componenti, accenti di novità e contrastivi non differeiscono né in prominenza né nella forma se si collocano nella stessa posizione nel sintagma nominale. Una forma diversa l accento l acquista solo nel caso costituisca l unica prominenza del sintagma nominale e si collochi in posizione non finale. Per quanto riguarda l italiano, all interno di costituenti sintattici, Swerts et al. [28] non trovano differenze di prominenza negli accenti associati al nome o all aggettivo in sintagmi nominali complessi quando il loro status informativo venga sistematicamente variato. Nel dominio frasale invece, una differenza tra focus informativo (ampio) e focus contrastivo (ristretto) è stata rilevata per il pisano [12], il barese e il napoletano [15]. Nella prima varietà il focus informativo (ampio) è segnalato da un accento (L+)* seguito da un tono di confine L, mentre il focus contrastivo (ristretto) è segnalato da un accento (L+)*+L; nella seconda +L* è usata per il focus informativo (ampio o ristretto) e *+L per il focus contrastivo, nella terza, +L* è usata per il focus informativo e L+* per il

2 focus contrastivo. Una proposta recente [21] suggerisce infine che focus ristretto informativo e contrastivo abbiano diverse rappresentazioni fonologiche che influirebbero però solamente sulla scansione prosodica (phrasing) dell enunciato e non sulla sua rappresentazione accentuale. 1.2 In questo lavoro affronteremo il problema analizzando enunciati prodotti da locutori fiorentini nei quali il focus contrastivo si estende sull ultima parola dlla frase, e confronteremo i risultati ottenuti con i dati relativi agli accenti di novità prodotti nelle stesse condizioni contestuali in focus informativo ([2], [3]). In posizione finale di frase possibili effetti di ristrutturazione nella scansione prosodica sono neutralizzati (cfr. anche [3]). Pertanto, se l accento contrastivo si rivelerà diverso da quello di novità, ne dedurremo che le caratteristiche accentuali possono costituire indici prosodici fondamentali nella disambiguazione del tipo di focus. Le analisi che seguono sono dedicate a stabilire quale tipo di rappresentazione in termini di fonologia autosegmentale-metrica dell intonazione si possa adeguatamente assegnare all accento contrastivo. La decisione sarà guidata dai dati acustici relativi alla collocazione temporale (allineamento) e all altezza relativa (scaling) dei punti target che ne definiscono l andamento. I dettagli fonetici della sincronizzazione degli accenti intonativi al testo hanno ricevuto molta attenzione nella letteratura recente (cfr. [23], [26], [14], [24], [1], [3], [20], [7], [8], [11], [12], [19]). Uno dei risultati più importanti di questo filone di ricerca è aver mostrato l importanza che diversità di allineamento, anche minime, sono alla base di distinzioni percepite come categorialmente diverse e dotate di significati pragmatici diversi. Ad esempio, un accento ascendente in inglese può indicare incertezza e incredulità se allineato tardi nella sillaba o, diversamente, asserzione se allineato prima nella sillaba ([29]); in napoletano, frasi assertive sono distinte da domande si/no solo grazie ad una differenza nell allineamento del picco dell accento nucleare pari a 40 ms ([9]). Le nostre argomentazioni saranno in linea con la letteratura citata. 2. METODO Il corpus è costituito da 4 frasi inserite in brevi brani dialogici concepiti per fornire un contesto che evochi un insieme chiuso di alternative al referente della parola finale di frase, atto quindi a portare ad una lettura della frase con focus contrastivo finale. In ciascuna frase la struttura accentuale della parola target è sistematicamente variata per ottenere una serie che comprenda parole ossitone, piane, sdrucciole, bisdrucciole ( va, Gio vanni / valium, vandali, con validano ). La sillaba tonica può essere iniziale o interna alla parola; può essere seguita da un numero di sillabe atone che varia da 0 a 3; e può essere preceduta da un intervallo interaccentuale pari a 2 o 4 sillabe. La struttura della sillaba tonica è la seguente: C 1 V o C 1 VC 2, dove C 1 =/v/, V= /a/ and C 2 =/n, l/. Il corpus è stato letto 5 volte da 3 locutori in modo molto naturale, alla velocità più confortevole per ciascuno di essi. Di queste, abbiamo analizzato 4 ripetizioni. Le frasi, digitalizzate a 44Kz e sottocampionate a 11 Kz, sono state analizzate acusticamente con Praat. I targets sulla sillaba tonica sono stati identificati secondo i criteri seguenti: h = è il massimo locale di F0 alla fine di un movimento ascendente. Nel caso la sillaba sia interessata non da una salita ma da un movimento alto-costante di F0 (plateau), h corrisponde all ultimo punto del plateau (cfr. [8]). Se il plateau è lievemente discendente, h corrisponde al punto in cui la discesa cambia velocità ed

3 inizia una discesa ripida. l = corrisponde ad un minimo locale all inizio di un movimento ascendente o alla fine di uno discendente di F0, che precede o segue un massimo locale, e che si mantiene costante per almeno 3 frames (cfr. [2]). Il valore scelto è il primo di tali frames. L allineamento di h e l ai segmenti è considerato in relazione all onset della sillaba, e viene espresso in termini percentuali rispetto alla durata dell unità di riferimento (cfr. [26]). 3. RISULTATI Il focus contrastivo è espresso dai nostri locutori con due tipi diversi di accento intonativo, che potremmo chiamare alto-ascendente e ascendente, rappresentati rispettivamente nelle figure 1 e 2. Il primo tipo di accento, alto-ascendente, è usato dal locutore RR in 15 casi su 16; e da MF in un caso; il secondo tipo è usato da SS in 16/16 casi e da MF in 11/16. L accento alto-ascendente è prodotto con un massimo locale di F0, picco o un plateau, sia sulla sillaba tonica che su quella pretonica. Il secondo, ascendente, è prodotto con una salita ripida che culmina nella sillaba tonica e il cui inizio si colloca o immediatamente prima dell onset della tonica (SS: 16/16 casi), oppure entro la sillaba tonica (MF, 9/16 casi). Rappresentando i massimi e i minimi locali che definiscono tali andamenti come target h e l, possiamo analizzarne le caratteristiche di altezza relativa e di allineamento ai segmenti L li con va lidano Time (s) Figura 1. Guarda che loro i progetti li convalidano. Locutore RR. 100 li con 'va lidano Figura 2. Guarda che loro i progetti li convalidano. Locutrice SS. 3.1 Accento intonativo alto-ascendente. La figura 3 rappresenta la distribuzione dei punti massimi nelle due sillabe contigue e la loro altezza. In ascissa sono indicate le durate normalizzate dei singoli punti misurati, in ordinata i valori in z normalizzati in base allafrequenza fondamentale media dell enunciato. In ascissa, hanno valori negativi i punti misurati nella sillaba pretonica, valori positivi quelli nella tonica; 0 rappresenta il confine tra pretonica e tonica.

4 F0 normalizzata 1,25 1,2 1,15 1,1 1,05 1,95,9,85,8 sillaba pretonica sillaba tonica -,6 -,4 -,2 0,2,4,6,8 Posizione nella sillaba. Durata normalizzata convalidano vandali Giovanni Figura 3. Altezza e posizione nella sillaba pretonica e tonica dei targets h. Locutore RR. In tutte le frasi la sillaba tonica e la sillaba pretonica appaiono acusticamente di pari altezza e sono percettivamente molto prominenti. Un analisi della varianza a due vie condotta sui dati di altezza della pretonica e della tonica in cui i fattori sono l affiliazione del target (alla sillaba pretonica o tonica) e il numero di sillabe postoniche (da 0 a 3), mostra che l affiliazione al tipo di sillaba è non significativa (F:(1,22)=0,034 p=.85), mentre il numero di sillabe che separano i targets h dal confine di parola/frase influisce significativamente sulla loro altezza (F(3,22)= 22,19 p=.<.0001). Poiché anche l interazione dei due fattori è significativa (F(3,22)=3,75 p=.02) abbiamo condotto una serie di tests post hoc, per identificare i particolari di tale variazione. I tests rivelano che l altezza di entrambi i targets h diminuisce in progressione lineare a partire dalla serie di parole parossitone (si veda la figura 4). (Tutti i confronti tra coppie di frasi sono significativi ad accezione della coppia Giovanni vs. va e convalidano vs. va : Games/owell post-hoc test). L abbassamento è particolarmente evidente sul target h della sillaba tonica nelle parole ossitone, che risulta essere quello linearmente più vicino al confine di frase. Considerando la struttura della parola, sembra quindi che maggiore la distanza che separa le sillabe considerate dal confine di frase, maggiore sia l abbassamento finale. Il fatto che i targets in parole proparossitone non si allineino a tale progressione ( convalidano è più basso di vandali ) risulta compatibile con l idea di un abbassamento finale che operi su una finestra temporale fissa (che esclude in questo caso distanze pari a 4 sillabe dal confine), entro la quale la forza esercitata aumenta progressivamente. Se invece consideriamo, oltre alla distanza di ciascun target dal confine di parola/frase, la durata totale della frase, risulta che quest utima è maggiore nelle frasi con parole proparossitone rispetto a quelle con parole parossitone; se consideriamo inoltre la posizione del picco della tonica nella frase, risulta che è molto più avanzata nel tempo per le proparossitone che per le parossitone (2484 vs. 765 ms). Questi dati spiegano la minore altezza di entrambi i target in convalidano, e permettono una interpretazione dell abbassamento progressivo non in termini locali ma in termini di un abbassamento asintotico progressivo di dimensione frasale ( declination ). va

5 1,2 RR- altezza F0 normanlizzata 1,15 1,1 1,05 1,95 pretonica tonica,9 convalidano vandali Giovanni va Figura 4. Altezza dei targets h. Considerando ora la collocazione temporale dei targets rispetto alla sillaba, notiamo che entrambi sono allineati centralmente rispettivamente alla tonica e alla pretonica. Nella tonica, h si allinea non prima del 26% della durata della sillaba e non oltre il 68%; in quella pretonica h si allinea non prima del 46% e non oltre l 83% della durata della sillaba. Per valutare se tale variazione nell allineamento sia legata al variare delle condizioni contestuali, abbiamo condotto una serie di analisi della varianza a una via per verificare se i targets mostrino spostamenti statisticamente significativi possibilmente legati: i) alla posizione della sillaba tonica nella parola e quindi al numero di sillabe atone che la separano dal tono di confine associato al sintagma intonativo (da 0 a 3); ii) alla presenza di un confine di parola tra i due targets (la sillaba pretonica può comparire nella stessa parola della tonica o nella parola precedente); iii) alla grandezza dell intervallo interaccentuale precedente, e dunque alla distanza che separa il target dai toni che lo precedono (2 o 4 sillabe atone). Se i targets tonali non mostrano variazioni significative del loro allineamento indotte o dalla composizione tonale dell enunciato (contiguità con altri toni) o dalla presenza di un confine prosodico (di parola) siamo legittimati a pensare che siano eventi di natura fonologica, toni, che entrano nella composizione di un accento intonativo. Per quanto riguarda la sillaba tonica, l analisi della varianza mostra che l allineamento di h rispetto all onset della sillaba non varia al variare del numero delle sillabe postoniche (F(3,11)=2,511 p=112). Per quanto riguarda la sillaba pretonica, la posizione di h rispetto all onset della sillaba non varia significativamente né in relazione alla presenza/assenza di un confine di parola seguente (F(3,11)=0,045 p=.834), né in relazione al numero di sillabe atone che costituiscono l intervallo interaccentuale (F(1,13)=0,601 p=.452). Questi risultati permettono di concludere che i targets considerati sono stabilmente allineati rispettivamente alla sillaba pretonica e tonica, e che tale allineamento non è sensibile al contesto. Possono quindi essere considerati toni che entrano nella composizione di un accento intonativo bitonale +* Accento intonativo ascendente Il secondo tipo di accento ha andamento diverso (cfr. figura 2). Si tratta di un andamento ascendente che culmina entro la tonica e che ha una partenza bassa allineata immediatamente prima dell onset (SS) oppure entro la sillaba tonica (MF). Le figure 5 e 6 mostrano rispettivamente i dati normalizzati relativi alla posizione nella sillaba e all altezza del punto di attacco (l) e della fine (h) della salita di F0 per le

6 locutrici SS e MF. Si può notare come per entrambi i soggetti il picco di F0 si allinei non prima del 35% e non oltre 85% della durata della sillaba tonica (rispettivamente: SS = 40%- 78,5%; MF = 34%-85%). Analisi della varianza a una via condotte separatamente per i due soggetti mostrano che la posizione del target h non varia in modo statisticamente significativo al variare del numero di sillabe atone postoniche (SS: F(3,12)=16,729 p=.0001; MF: F(3,7)=1,186 p=.382); anche se, per MF, i dati mostrano una tendenza di h ad allinearsi prima nella sillaba tonica nel monosillabo rispetto ai polisillabi. F0 normalizzata 1,4 1,3 1,2 1,1 1,9,8,7,6 pretonica tonica -,4 -,2 0,2,4,6,8 1 Posizione nella sillaba. Durata normalizzata Figura 5. Altezza e posizione nella sillaba pretonica e tonica dei target s h. Locutrice SS. F0 normalizzata L 1,8 1,6 1,4 1,2 1,8,6 pretonica tonica -,4 -,2 0,2,4,6,8 1 Posizione nella sillaba. Durata normalizzata Figura 6. Altezza e posizione nella sillaba pretonica e tonica dei target s h. Locutrice MF. L Le due locutrici differiscono invece nell allineamento del target l. Per SS il punto di attacco della salita è stabilmente allineato alla fine della sillaba pretonica (non prima dell 82% e non oltre la fine della sillaba), non mostra variazioni significative dovute alla grandezza dell intervallo interaccentuale precedente (F(1,14)=1,655, p=.21), né alla presenza di un confine di parola seguente (F(1,14)=3,653, p=.077). Per MF invece, l si allinea con la sillaba pretonica solo nel caso in cui il focus contrastivo cada su una parola monosillabica; se la parola è polisillabica, l è realizzato all interno della sillaba tonica (cfr. figura 7). L va Giovanni vandali convalidano -,3 -,2 -,1 0,1,2,3,4,5,6,7,8 Posizione nella sillaba. Durata normalizzata Figura 7. Allineamento di l e h. Locutrice MF. Questa variabilità di allineamento non risulta però determinata né dalla grandezza dell intervallo interaccentuale precedente (F(1,9)=0,753, p=.4), né dalla presenza di un confine di parola seguente (F(1,9)=0,682, p=.43); risulta legata invece alla struttura della

7 parola su cui cade l accento nucleare: mono o polisillabica (F(1,9)=6,569, p=.03), e alla distanza della sillaba accentata dal confine di parola/frase (F(3,7)=9,163, p=.008). Abbiamo visto che dai dati risulta che anche il target h si allinea prima nella sillaba rispetto alle parole polisillabiche (tale variazione non è però statisticamente significativa). Considerati insieme, questi risultati sembrano indicare che nei monosillabi è l intero gesto articolatorio che presiede alla realizzazione dell accento ascendente ad essere anticipato nel tempo; fenomeno, questo, compatibile con dall ipotesi della repulsione tonale (Silverman e Pierrehumbert, 1990). In base a tale ipotesi, se due eventi tonali devono essere prodotti nella stessa unità linguistica in questo caso, la sillaba, il gesto articolatorio atto a produrre il primo tono verrà anticipato nel tempo per permettere che anche il secondo tono possa essere realizzato completamente entro i confini dell unità assegnata. Nel nostro caso, sullo stesso monosillabo devono essere prodotti due gesti diversi: quello ascendente che genera la salita propria dell accento intonativo, e quello discendente atto a realizzare il tono L associato al confine del sintagma intonativo in frasi dichiarative. Questa ipotesi spiegherebbe dunque perché entrambi i targets lh dell accento intonativo siano anticipati nel tempo: a fronte di un allineamento anticipato del picco sulla tonica, l attacco della salita risulta significativamente anticipato alla sillaba pretonica 1. Riassumendo, i dati analizzati sono compatibili con una rappresentazione bitonale L dell accento intonativo ascendente. Nel caso della locutrice SS, il tono è associato alla sillaba tonica nucleare e il tono L alla sillaba atona prenucleare; nel caso di MF possiamo considerare entrambi i toni come associati alla sillaba tonica nucleare, poiché l anticipazione di L alla sillaba pretonica è una variante dovuta al contesto prosodico. La rappresentazione proposta è dunque L+* per SS e (L+)* per MF (cfr. [20]). 4. DISCUSSIONE 4.1 La rappresentazione fonologica. In generale, i nostri locutori producono la sillaba nucleare del costituente in focus contrastivo con andamenti intonativi alti (RR) o ascendenti (SS, MF), i cui massimi e minimi non mostrano variabilità significativamente legata al contesto, e che pertanto possono essere considerati toni e L. La successione temporale dei toni e L su sillabe contigue e il loro stabile allineamento entro ciascuna di esse portano a ritenere che la loro organizzazione fonologica possa essere quella di un accento intonativo bitonale entro il quale solo il secondo tono è associato alla sillaba tonica. La differenza di realizzazione tra i locutori risiede nel tipo di tono che precede (leading tone): per RR e L per SS e MF. I due accenti intonativi risultano pertanto essere +* e L+* (quest ultimo con la variante (L+)*). La tavola 1 fornisce la distribuzione degli accenti nei nostri dati. Accento +* L+* +L* * Locutori SS 100% RR 100% MF 6,25% 68,7% 25%(18,7%) (6,25%) Tavola 1. Distribuzione degli accenti intonativi nel corpus considerato. 1 Se confrontiamo gli allineamenti per il monosillabo con quelli del polisillabo piano ( Giovanni ), notiamo che la durata della salita è la stessa (la distanza l-h, normalizzata in base alla durata della frase, è in entrambi i casi ).

8 Una rappresentazione dell accento alto ascendente come ++ ha una solida base fonetica, come abbiamo visto, include distinzioni di pitch range direttamente nella stringa tonale - alla stessa stregua di accenti L+*, L*+ o +L*, ma viola apertamente l Obligatoty Contour Principle (OCP) perché prevede due specificazioni identiche e adiacenti nella rappresentazione fonologica ([16]). Questo problema si era già presentato nella letteratura autosegmentale-metrica dell intonazione: Pierrehumbert [22] aveva proposto accenti *+ nella sua analisi originale dell intonazione inglese, poi abbandonati nelle formulazioni successive; Sosa [27] aveva proposto un accento +* distinto da * per lo spagnolo latino-americano; e Grice [14] aveva mostrato la necessità di un accento *+!* distinto da +L* in inglese. Il problema fonologico posto dalla violazione di OCP - principio, questo, suggerito come un universale dell organizzazione fonologica - potrebbe essere risolto accogliendo la proposta formulata da Grice [13] e perfezionata successivamente [14], secondo la quale gli accenti intonativi hanno una struttura interna. Tale struttura permette un trattamento diverso del primo tono di un accento bitonale (leading tone) dagli altri tipi di toni. In [13], ad esempio, gli accenti intonativi (PA) sono un nodo nella gerarchia prosodica che domina due supertoni: uno forte, t s, e uno debole, t w. PA I leading tones (T) sono dominati dalla parte opzionale dell accento intonativo (t w ), mentre gli altri toni (Ts e Tw) sono dominati dalla parte essenziale dell accento, t s. Se si restringe l applicazione di OCP ai nodi sorella, accenti come +* risultano ammessi. In [14], invece, i due toni di un accento bitonale sono indipendentemente associati a due sillabe diverse: il tono asteriscato con la sillaba asteriscata e il tono non asteriscato con la sillaba precedente. tw ts T Ts Tw 4.2 Focus contrastivo e focus identificativo. Gli accenti contrastivi +* e L+* si oppongono all accento usato dai locutori fiorentini per segnalare il focus informativo nella stessa posizione di frase, sia quando questo abbia portata ampia ([2]), sia quando abbia portata ristretta ([3]): +L*. La figura 8 illustra tale contrasto, mostrando la media normalizzata su base sillabica dell andamento di F0 sulla stessa parola focalizzata contrastivamente (linea continua: L+*, locutore RR, e linea tratteggiata: +*, locutrice SS), e informativamente con portata ampia (linea a tratti e punti: L+*, locutore RR). La differenza risiede nella polarità del tono associato alla tonica: * per i due accenti contrastivi, L* per l accento non contrastivo. L andamento di quest ultimo è discendente: partendo da un target, la discesa raggiunge un minimo nella seconda metà della sillaba tonica.

9 Figura 8. Media normalizzata dell andamento di F0 sul costituente finale della frase Guarda che loro i progetti li convalidano. Linea tratteggiata: +*, focus contrastivo, locutore RR; linea continua: L+*, focus contrastivo, locutrice SS; linea a tratti e punti: +L*, focus informativo, locutore RR. I nostri dati dunque provano l esistenza di un accento contrastivo che è tipologicamente diverso dall accento usato per segnalare informazione nuova non contrastiva, in linea con le altre varietà di italiano ([12],[15]) e con quanto sostenuto per l inglese da Pierrehumbert e irschberg, [24] e da Chafe [6]. Ma non escludono che, oltre a questo, l accento contrastivo sia anche più saliente dell accento informativo, non solo intrinsecamente - in virtù della diversa polarità del tono associato alla sillaba tonica (* vs L*) - ma anche estrinsecamente, in virtù di un uso sistematicamente diverso del pitch range. Una conferma in tal senso si ricava direttamente dalla figura 8, confrontando l andamento di due accenti che condividono lo stesso leading tone: +* e +L* prodotti dallo stesso locutore RR. Figura 9. Media normalizzata dell andamento di F0 sul costituente finale delle frasi quei ragazzi sono dei vandali e. sono stati i vandali. Linea continua: L+*, focus contrastivo, locutrice SS; linea a tratti e punti: +L*, focus informativo, locutrice SS. Appare evidente che la parola focalizzata contrastivamente (curva tratteggiata) è prodotta su un range globalmente più esteso rispetto alla parola focalizzata informativamente (curva a tratti e punti). Un confronto sistematico per gli altri locutori non è proponibile a causa della polarità invertita dei toni implicati nel confronto: L+* vs. +L*. E possibile invece per la locutrice SS, limitatamente alla coppia minima Quei ragazzi sono dei vandali vs. Sono stati i vandali. La prima frase, prodotta in un contesto di focalizzazione informativa ampia, è stata pronunciata da SS con connotazione esclamativa. L accento nucleare impiegato non è +L*, come nel resto della serie di frasi

10 con lo stesso tipo di focus, ma *. La seconda frase, prodotta in un contesto di focalizzazione contrastiva, ha come accento nucleare L+*. Le curve medie normalizzate corrispondenti al costituente finale sono riportate nella figura 9. Confrontando i toni asteriscati di uguale polarità si evince che, come nel caso precedente, l accento contrastivo (linea continua) risulta più alto dell accento informativo (linea a tratti e punti). BIBLIOGRAFIA [1] Arvaniti A., Ladd D.R. e Mennen I. (2000), What is a starred tone? Evidence from Greek. In M. Broe and J. Pierrehumbert (eds), Papers in laboratory phonology V, pp , Cambridge University Press, Cambridge, MA. [2] Avesani C. and Vayra M. (2000), Costruzioni marcate e non marcate in italiano. Il ruolo dell intonazione". In Atti delle X Giornate di Studio del GFS, Napoli, dicembre 1999, [3] Avesani C. e Vayra M. (2003), Broad, narrow and contrastive focus in Florentine Italian. In Proceedings of the 15th International Congress of Phonetic Sciences. [4] Bolinger D. (1989), Intonation and its uses: melody in grammar and discourse. Edward Arnold, London. [5] Brown G., Currie K. e Kensworthy J. (1980), Questions of Intonation, Croom elm, London. [6] Chafe W. (1976), Giveness, contrastiveness, definiteness, subjects, topics and point of view. In C. Li ( ed), Subject and topic, Academic Press, New York, pp [7] D Imperio, M. (2001), Tonal alignment, scaling and slope in Italian question and statement tunes. In Proceedings of Eurospeech 2001, Vol. 1, pp [8] D Imperio, M. (2002), Language-specific and universal constraints on tonal alignment: the nature of targets and anchors. In Speech Prosody Proceedings of the 1st International Conference on Speech Prosody, pp [9] D Imperio M e ouse D (1997). Perception of questions and statements inneapolitan Italian. In Proceedings of Eurospeech 97, Vol. 1, pp [10] Face T. (2001), Focus and early peak alignment in Spanish intonation, Probus, Vol. 2, [11] Frota S. (2002), Tonal association and target alignment in European Portuguese nuclear falls. In C. Gussenhoven e N. Warner (eds), Laboratory Phonology VII Mouton de Gruyter, Berlino, pp [12] Gili Fivela B. (2002), Tonal alignment in two Pisa Italian peak accents. In Speech Prosody Proceedings of the 1st International Conference on Speech Prosody, pp [13] Grice M. (1995a), The intonation of interrogation in Palermo Italian. Implications for intonation theory, Max Niemeyer Verlag, Tübingen. [14] Grice M. (1995b), Leading tone and downstep in English, Phonolog,y, Vol.12, pp [15] Grice M., D Imperio M, Savino, M. and Avesani C. (in corso di stampa), Towards a strategy for ToBI labelling varieties of Italian. In S-A. Jun (edr), Prosodic Typology and Transcription: A Unified Approach, Oxford University Press, Oxford. [16] Goldsmith, J. (1976), Autosegmental phonology, Garland Press, New York. [17] Khramer E. and Swerts, M, On the alleged existence of contrastive accents, Speech Communication, Vol. 34, pp , 2001.

11 [18] Ladd, R. (1983). Phonological features of intonational peaks, Language, 59, Vol. 4, pp [19] Ladd R. and Schepman A. (2003), Sagging transitions between high pitch accents in English: experimental evidence, Journal of Phonetics, Vol. 31, pp [20] Marotta G. (2000), Allineamento e trascrizione dei toni accentuali complessi: una proposta. In D. Locchi (a cura di), Il parlante e la sua lingua. Atti delle 10e giornate di studio del Gruppo di Fonetica Sperimentale, pp [21] Nespor M. and Guasti M.T. (2002), L allineamentro tra focus e accento, Lingue e Linguaggi, Vol.1. [22] Pierrehumbert J. (1980), The phonology and phonetics of English intonation, PhD Thesis,MIT, pubblicata da IULC nel [23] Pierrehumbert J. e Steele S.A. (1989), Categories of tonal alignment in English, Phonetica, Vol. 46, [24] Pierrehumbert J. and irschberg J. (1990), "The meaning of intonation contours in the interpretation of discourse". In Cohen P., Morgan J. e Pollack M. (eds.), Intentions in Communication, MIT Press, Cambridge MA, [25] Prieto P., van Santen J. e irschberg J. (1995), Tonal alignment patterns in Spanish, Journal of Phonetics, 23, pp [26] Silverman K. e Pierrehumbert J. (1990), The timing of prenuclear high accents in English. In J. Kingston e M. Beckman (eds), Papers in Laboratory Phonology I: Beween the grammar and the physics of speech, Cambridge University Press, Cambridge, pp [27] Sosa J.M. (1991), Fonética y fonologia de la entonaciòn del Español ispanoamericano. PhD thesis, University of Massachussetts, Amherst. [28] Swerts M., Krahmer E. e Avesani C. (2002), Prosodic marking of information status in Dutch and Italian: a comparative analysis, Journal of Phonetics, Vol. 30, [29] Ward G. e irschberg J. (1985), Implicating uncertainty: the pragmatics of fall-rise intonation, Language, Vol. 61,pp

LA PROSODIA NELL INTERFERENZA TRA L1 E L2: IL CASO DELLE INTERROGATIVE POLARI TRA VENETI E CATALANI

LA PROSODIA NELL INTERFERENZA TRA L1 E L2: IL CASO DELLE INTERROGATIVE POLARI TRA VENETI E CATALANI LA PROSODIA NELL INTERFERENZA TRA L1 E L2: IL CASO DELLE INTERROGATIVE POLARI TRA VENETI E CATALANI EMPAR DEVÍS HERRAIZ Università degli Studi di Bologna amparo.devisherraiz@unibo.it La prosodia nell interferenza

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Il termine indessicalità indica l onnipresente dipendenza dal contesto degli enunciati di qualunque lingua naturale, e comprende fenomeni diversissimi come

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica?

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? RISPOSTE ALLE DOMANDE DEL CAPITOLO 3 1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? I modi di analisi del suono sono tre: il percettivo, l'acustico e l'articolatorio. Possiamo ricondurre

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Responsabile del corso: Prof.ssa Letizia Sabbadini Razionale La disprassia verbale evolutiva. La disprassia verbale evolutiva

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA

Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA Carmine Emanuele Cella APPUNTI PER LO STUDIO DELL ARMONIA c Marzo 2011 0.1 Premessa Queste note sullo studio dell armonia nascono come strumento di supporto per i corsi di armonia (principale o complementare)

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

LA CORRELAZIONE LINEARE

LA CORRELAZIONE LINEARE LA CORRELAZIONE LINEARE La correlazione indica la tendenza che hanno due variabili (X e Y) a variare insieme, ovvero, a covariare. Ad esempio, si può supporre che vi sia una relazione tra l insoddisfazione

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Istruzioni per gli autori

Istruzioni per gli autori Istruzioni per gli autori Informazioni generali LO SCALPELLO OTODI Educational è la rivista ufficiale della Società Italiana degli Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri d Italia (OTODI) e pubblica articoli

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio Nascita ed evoluzione delle forme comunicative

Lo sviluppo del linguaggio Nascita ed evoluzione delle forme comunicative Primo leggere, primo scrivere Lo sviluppo del linguaggio Nascita ed evoluzione delle forme comunicative Docente Gisella Ballarè Logopedista SVILUPPO DEL LINGUAGGIO Nascita ed evoluzione delle forme comunicative

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti BIOSTATISTICA 4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati BIOSTATISTICA 3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA 1 CONCETTO DI PROVA ESPERTA Per prova esperta si intende una prova di verifica che non si limiti a misurare conoscenze e abilità,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Quanto cambia un bocchino?

Quanto cambia un bocchino? Quanto cambia un bocchino? Produzione e percezione del suono negli ottoni Massimo Zicari Malgrado il comportamento acustico degli ottoni sia determinato da diversi parametri costruttivi (spessore delle

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

* Cultura * Religione.

* Cultura * Religione. Ogni Paese è caratterizzato da tre fattori: * Lingua * Cultura * Religione. Le lingue del mondo Quante sono le lingue del mondo? Non c è una risposta precisa: si calcola che siano circa 6000 Questo numero

Dettagli

Capitolo primo La governance: che cos è?

Capitolo primo La governance: che cos è? Capitolo primo La governance: che cos è? 1. Definire la governance Governance è un termine mutuato dall inglese e se volessimo darne una definizione in italiano facendoci aiutare da un dizionario scopriremmo

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) GLI AMBITI CLASSICI DELLO SVILUPPO SV. FISICO-CEREBRALE SV. SENSORIALE-PERCETTIVO SV. MOTORIO SVILUPPO COGNITIVO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO SV.

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

INCERTEZZA DI MISURA

INCERTEZZA DI MISURA L ERRORE DI MISURA Errore di misura = risultato valore vero Definizione inesatta o incompleta Errori casuali Errori sistematici L ERRORE DI MISURA Errori casuali on ne si conosce l origine poiche, appunto,

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

Linee guida per l autor*

Linee guida per l autor* Linee guida per l autor* Margini: superiore 3,5 cm; inferiore 3,5 cm; destro 3 cm; sinistro 3 cm. Carattere: Times New Roman Dimensione del carattere: 12 per il testo, i titoli come nell esempio che segue:

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

AL MAGNIFICO RETTORE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO. Nausicaa Elena Milani Curriculum Vitae

AL MAGNIFICO RETTORE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO. Nausicaa Elena Milani Curriculum Vitae AL MAGNIFICO RETTORE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Nausicaa Elena Milani Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Luogo e data di nascita Ponte dell Olio (PC), 7 September 1984 Cittadinanza: Italiana

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli