LA PROSODIA DEL FOCUS CONTRASTIVO. UN ACCENTO PARTICOLARE?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PROSODIA DEL FOCUS CONTRASTIVO. UN ACCENTO PARTICOLARE?"

Transcript

1 LA PROSODIA DEL FOCUS CONTRASTIVO. UN ACCENTO PARTICOLARE? Cinzia Avesani Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione Sezione di Padova Fonetica e Dialettologia - Padova 1. INTRODUZIONE Tra le funzioni pragmatiche dell intonazione, il ruolo di segnalare all ascoltatore lo status di informazione contrastiva del referente di un elemento lessicale è svolto dagli accenti intonativi. Se la distribuzione degli accenti nell enunciato può aiutare nel discriminare un focus contrastivo da un focus identificativo o semantico (cfr. [3]) quando il primo si collochi in posizione non finale di frase, la presenza di un accento intonativo nucleare sull ultima voce lessicale di un enunciato può essere indifferentemente indice di focalizzazione identificativa o contrastiva. Si è molto dibattuto in letteratura sull esistenza di tratti fonologici specifici che distinguano gli accenti che marcano il focus contrastivo (accenti contrastivi ) dagli accenti che marcano informazione nuova nei casi di focus informativo, ampio o ristretto (accenti di novità o non contrastivi ). Questi tratti, ese sistono, potrebbero infatti essere cruciali per distinguere prosodicamente tra le due tipologie di focalizzazione. Le posizioni variano da quella, radicale, di Bolinger [4], secondo il quale nulla, nell intonazione, è propriamente contrastivo, e quella di chi che nega l esistenza di alcuna differenza [17], a quella di chi ammette che delle differenze tra i due tipi di accento possano esistere. Tra questi ultimi, c è chi sostiene che il significato di contrasto è trasmesso da accenti intonativi particolari, che differiscono dagli quelli usati per marcare informazione nuova o perché sono più prominenti (cfr. ad es. [5], [18]) o perché sono di tipo diverso (cfr. ad es. [6], [24]). Ladd [18]), ad esempio, propone il tratto [raised peak] per descrivere tale distinzione (ibid.:736), sostenendo che certi usi linguistici dell altezza melodica (pitch height) possono essere sistematicamente distinti dall espansione espresssiva dell estensione melodica (pitch range). Pierrehumbert and irschberg [24] propongono invece che in inglese si usino accenti tipologicamente diversi: L+* in contesti contrastivi, e * nel contesto di informazione nuova ma non contrastiva. Khramer e Swerts [17], al contrario, mostrano per l olandese che in sintagmi nominali complessi (Agg-N) in cui si vari sistematicamente lo status informativo dei componenti, accenti di novità e contrastivi non differeiscono né in prominenza né nella forma se si collocano nella stessa posizione nel sintagma nominale. Una forma diversa l accento l acquista solo nel caso costituisca l unica prominenza del sintagma nominale e si collochi in posizione non finale. Per quanto riguarda l italiano, all interno di costituenti sintattici, Swerts et al. [28] non trovano differenze di prominenza negli accenti associati al nome o all aggettivo in sintagmi nominali complessi quando il loro status informativo venga sistematicamente variato. Nel dominio frasale invece, una differenza tra focus informativo (ampio) e focus contrastivo (ristretto) è stata rilevata per il pisano [12], il barese e il napoletano [15]. Nella prima varietà il focus informativo (ampio) è segnalato da un accento (L+)* seguito da un tono di confine L, mentre il focus contrastivo (ristretto) è segnalato da un accento (L+)*+L; nella seconda +L* è usata per il focus informativo (ampio o ristretto) e *+L per il focus contrastivo, nella terza, +L* è usata per il focus informativo e L+* per il

2 focus contrastivo. Una proposta recente [21] suggerisce infine che focus ristretto informativo e contrastivo abbiano diverse rappresentazioni fonologiche che influirebbero però solamente sulla scansione prosodica (phrasing) dell enunciato e non sulla sua rappresentazione accentuale. 1.2 In questo lavoro affronteremo il problema analizzando enunciati prodotti da locutori fiorentini nei quali il focus contrastivo si estende sull ultima parola dlla frase, e confronteremo i risultati ottenuti con i dati relativi agli accenti di novità prodotti nelle stesse condizioni contestuali in focus informativo ([2], [3]). In posizione finale di frase possibili effetti di ristrutturazione nella scansione prosodica sono neutralizzati (cfr. anche [3]). Pertanto, se l accento contrastivo si rivelerà diverso da quello di novità, ne dedurremo che le caratteristiche accentuali possono costituire indici prosodici fondamentali nella disambiguazione del tipo di focus. Le analisi che seguono sono dedicate a stabilire quale tipo di rappresentazione in termini di fonologia autosegmentale-metrica dell intonazione si possa adeguatamente assegnare all accento contrastivo. La decisione sarà guidata dai dati acustici relativi alla collocazione temporale (allineamento) e all altezza relativa (scaling) dei punti target che ne definiscono l andamento. I dettagli fonetici della sincronizzazione degli accenti intonativi al testo hanno ricevuto molta attenzione nella letteratura recente (cfr. [23], [26], [14], [24], [1], [3], [20], [7], [8], [11], [12], [19]). Uno dei risultati più importanti di questo filone di ricerca è aver mostrato l importanza che diversità di allineamento, anche minime, sono alla base di distinzioni percepite come categorialmente diverse e dotate di significati pragmatici diversi. Ad esempio, un accento ascendente in inglese può indicare incertezza e incredulità se allineato tardi nella sillaba o, diversamente, asserzione se allineato prima nella sillaba ([29]); in napoletano, frasi assertive sono distinte da domande si/no solo grazie ad una differenza nell allineamento del picco dell accento nucleare pari a 40 ms ([9]). Le nostre argomentazioni saranno in linea con la letteratura citata. 2. METODO Il corpus è costituito da 4 frasi inserite in brevi brani dialogici concepiti per fornire un contesto che evochi un insieme chiuso di alternative al referente della parola finale di frase, atto quindi a portare ad una lettura della frase con focus contrastivo finale. In ciascuna frase la struttura accentuale della parola target è sistematicamente variata per ottenere una serie che comprenda parole ossitone, piane, sdrucciole, bisdrucciole ( va, Gio vanni / valium, vandali, con validano ). La sillaba tonica può essere iniziale o interna alla parola; può essere seguita da un numero di sillabe atone che varia da 0 a 3; e può essere preceduta da un intervallo interaccentuale pari a 2 o 4 sillabe. La struttura della sillaba tonica è la seguente: C 1 V o C 1 VC 2, dove C 1 =/v/, V= /a/ and C 2 =/n, l/. Il corpus è stato letto 5 volte da 3 locutori in modo molto naturale, alla velocità più confortevole per ciascuno di essi. Di queste, abbiamo analizzato 4 ripetizioni. Le frasi, digitalizzate a 44Kz e sottocampionate a 11 Kz, sono state analizzate acusticamente con Praat. I targets sulla sillaba tonica sono stati identificati secondo i criteri seguenti: h = è il massimo locale di F0 alla fine di un movimento ascendente. Nel caso la sillaba sia interessata non da una salita ma da un movimento alto-costante di F0 (plateau), h corrisponde all ultimo punto del plateau (cfr. [8]). Se il plateau è lievemente discendente, h corrisponde al punto in cui la discesa cambia velocità ed

3 inizia una discesa ripida. l = corrisponde ad un minimo locale all inizio di un movimento ascendente o alla fine di uno discendente di F0, che precede o segue un massimo locale, e che si mantiene costante per almeno 3 frames (cfr. [2]). Il valore scelto è il primo di tali frames. L allineamento di h e l ai segmenti è considerato in relazione all onset della sillaba, e viene espresso in termini percentuali rispetto alla durata dell unità di riferimento (cfr. [26]). 3. RISULTATI Il focus contrastivo è espresso dai nostri locutori con due tipi diversi di accento intonativo, che potremmo chiamare alto-ascendente e ascendente, rappresentati rispettivamente nelle figure 1 e 2. Il primo tipo di accento, alto-ascendente, è usato dal locutore RR in 15 casi su 16; e da MF in un caso; il secondo tipo è usato da SS in 16/16 casi e da MF in 11/16. L accento alto-ascendente è prodotto con un massimo locale di F0, picco o un plateau, sia sulla sillaba tonica che su quella pretonica. Il secondo, ascendente, è prodotto con una salita ripida che culmina nella sillaba tonica e il cui inizio si colloca o immediatamente prima dell onset della tonica (SS: 16/16 casi), oppure entro la sillaba tonica (MF, 9/16 casi). Rappresentando i massimi e i minimi locali che definiscono tali andamenti come target h e l, possiamo analizzarne le caratteristiche di altezza relativa e di allineamento ai segmenti L li con va lidano Time (s) Figura 1. Guarda che loro i progetti li convalidano. Locutore RR. 100 li con 'va lidano Figura 2. Guarda che loro i progetti li convalidano. Locutrice SS. 3.1 Accento intonativo alto-ascendente. La figura 3 rappresenta la distribuzione dei punti massimi nelle due sillabe contigue e la loro altezza. In ascissa sono indicate le durate normalizzate dei singoli punti misurati, in ordinata i valori in z normalizzati in base allafrequenza fondamentale media dell enunciato. In ascissa, hanno valori negativi i punti misurati nella sillaba pretonica, valori positivi quelli nella tonica; 0 rappresenta il confine tra pretonica e tonica.

4 F0 normalizzata 1,25 1,2 1,15 1,1 1,05 1,95,9,85,8 sillaba pretonica sillaba tonica -,6 -,4 -,2 0,2,4,6,8 Posizione nella sillaba. Durata normalizzata convalidano vandali Giovanni Figura 3. Altezza e posizione nella sillaba pretonica e tonica dei targets h. Locutore RR. In tutte le frasi la sillaba tonica e la sillaba pretonica appaiono acusticamente di pari altezza e sono percettivamente molto prominenti. Un analisi della varianza a due vie condotta sui dati di altezza della pretonica e della tonica in cui i fattori sono l affiliazione del target (alla sillaba pretonica o tonica) e il numero di sillabe postoniche (da 0 a 3), mostra che l affiliazione al tipo di sillaba è non significativa (F:(1,22)=0,034 p=.85), mentre il numero di sillabe che separano i targets h dal confine di parola/frase influisce significativamente sulla loro altezza (F(3,22)= 22,19 p=.<.0001). Poiché anche l interazione dei due fattori è significativa (F(3,22)=3,75 p=.02) abbiamo condotto una serie di tests post hoc, per identificare i particolari di tale variazione. I tests rivelano che l altezza di entrambi i targets h diminuisce in progressione lineare a partire dalla serie di parole parossitone (si veda la figura 4). (Tutti i confronti tra coppie di frasi sono significativi ad accezione della coppia Giovanni vs. va e convalidano vs. va : Games/owell post-hoc test). L abbassamento è particolarmente evidente sul target h della sillaba tonica nelle parole ossitone, che risulta essere quello linearmente più vicino al confine di frase. Considerando la struttura della parola, sembra quindi che maggiore la distanza che separa le sillabe considerate dal confine di frase, maggiore sia l abbassamento finale. Il fatto che i targets in parole proparossitone non si allineino a tale progressione ( convalidano è più basso di vandali ) risulta compatibile con l idea di un abbassamento finale che operi su una finestra temporale fissa (che esclude in questo caso distanze pari a 4 sillabe dal confine), entro la quale la forza esercitata aumenta progressivamente. Se invece consideriamo, oltre alla distanza di ciascun target dal confine di parola/frase, la durata totale della frase, risulta che quest utima è maggiore nelle frasi con parole proparossitone rispetto a quelle con parole parossitone; se consideriamo inoltre la posizione del picco della tonica nella frase, risulta che è molto più avanzata nel tempo per le proparossitone che per le parossitone (2484 vs. 765 ms). Questi dati spiegano la minore altezza di entrambi i target in convalidano, e permettono una interpretazione dell abbassamento progressivo non in termini locali ma in termini di un abbassamento asintotico progressivo di dimensione frasale ( declination ). va

5 1,2 RR- altezza F0 normanlizzata 1,15 1,1 1,05 1,95 pretonica tonica,9 convalidano vandali Giovanni va Figura 4. Altezza dei targets h. Considerando ora la collocazione temporale dei targets rispetto alla sillaba, notiamo che entrambi sono allineati centralmente rispettivamente alla tonica e alla pretonica. Nella tonica, h si allinea non prima del 26% della durata della sillaba e non oltre il 68%; in quella pretonica h si allinea non prima del 46% e non oltre l 83% della durata della sillaba. Per valutare se tale variazione nell allineamento sia legata al variare delle condizioni contestuali, abbiamo condotto una serie di analisi della varianza a una via per verificare se i targets mostrino spostamenti statisticamente significativi possibilmente legati: i) alla posizione della sillaba tonica nella parola e quindi al numero di sillabe atone che la separano dal tono di confine associato al sintagma intonativo (da 0 a 3); ii) alla presenza di un confine di parola tra i due targets (la sillaba pretonica può comparire nella stessa parola della tonica o nella parola precedente); iii) alla grandezza dell intervallo interaccentuale precedente, e dunque alla distanza che separa il target dai toni che lo precedono (2 o 4 sillabe atone). Se i targets tonali non mostrano variazioni significative del loro allineamento indotte o dalla composizione tonale dell enunciato (contiguità con altri toni) o dalla presenza di un confine prosodico (di parola) siamo legittimati a pensare che siano eventi di natura fonologica, toni, che entrano nella composizione di un accento intonativo. Per quanto riguarda la sillaba tonica, l analisi della varianza mostra che l allineamento di h rispetto all onset della sillaba non varia al variare del numero delle sillabe postoniche (F(3,11)=2,511 p=112). Per quanto riguarda la sillaba pretonica, la posizione di h rispetto all onset della sillaba non varia significativamente né in relazione alla presenza/assenza di un confine di parola seguente (F(3,11)=0,045 p=.834), né in relazione al numero di sillabe atone che costituiscono l intervallo interaccentuale (F(1,13)=0,601 p=.452). Questi risultati permettono di concludere che i targets considerati sono stabilmente allineati rispettivamente alla sillaba pretonica e tonica, e che tale allineamento non è sensibile al contesto. Possono quindi essere considerati toni che entrano nella composizione di un accento intonativo bitonale +* Accento intonativo ascendente Il secondo tipo di accento ha andamento diverso (cfr. figura 2). Si tratta di un andamento ascendente che culmina entro la tonica e che ha una partenza bassa allineata immediatamente prima dell onset (SS) oppure entro la sillaba tonica (MF). Le figure 5 e 6 mostrano rispettivamente i dati normalizzati relativi alla posizione nella sillaba e all altezza del punto di attacco (l) e della fine (h) della salita di F0 per le

6 locutrici SS e MF. Si può notare come per entrambi i soggetti il picco di F0 si allinei non prima del 35% e non oltre 85% della durata della sillaba tonica (rispettivamente: SS = 40%- 78,5%; MF = 34%-85%). Analisi della varianza a una via condotte separatamente per i due soggetti mostrano che la posizione del target h non varia in modo statisticamente significativo al variare del numero di sillabe atone postoniche (SS: F(3,12)=16,729 p=.0001; MF: F(3,7)=1,186 p=.382); anche se, per MF, i dati mostrano una tendenza di h ad allinearsi prima nella sillaba tonica nel monosillabo rispetto ai polisillabi. F0 normalizzata 1,4 1,3 1,2 1,1 1,9,8,7,6 pretonica tonica -,4 -,2 0,2,4,6,8 1 Posizione nella sillaba. Durata normalizzata Figura 5. Altezza e posizione nella sillaba pretonica e tonica dei target s h. Locutrice SS. F0 normalizzata L 1,8 1,6 1,4 1,2 1,8,6 pretonica tonica -,4 -,2 0,2,4,6,8 1 Posizione nella sillaba. Durata normalizzata Figura 6. Altezza e posizione nella sillaba pretonica e tonica dei target s h. Locutrice MF. L Le due locutrici differiscono invece nell allineamento del target l. Per SS il punto di attacco della salita è stabilmente allineato alla fine della sillaba pretonica (non prima dell 82% e non oltre la fine della sillaba), non mostra variazioni significative dovute alla grandezza dell intervallo interaccentuale precedente (F(1,14)=1,655, p=.21), né alla presenza di un confine di parola seguente (F(1,14)=3,653, p=.077). Per MF invece, l si allinea con la sillaba pretonica solo nel caso in cui il focus contrastivo cada su una parola monosillabica; se la parola è polisillabica, l è realizzato all interno della sillaba tonica (cfr. figura 7). L va Giovanni vandali convalidano -,3 -,2 -,1 0,1,2,3,4,5,6,7,8 Posizione nella sillaba. Durata normalizzata Figura 7. Allineamento di l e h. Locutrice MF. Questa variabilità di allineamento non risulta però determinata né dalla grandezza dell intervallo interaccentuale precedente (F(1,9)=0,753, p=.4), né dalla presenza di un confine di parola seguente (F(1,9)=0,682, p=.43); risulta legata invece alla struttura della

7 parola su cui cade l accento nucleare: mono o polisillabica (F(1,9)=6,569, p=.03), e alla distanza della sillaba accentata dal confine di parola/frase (F(3,7)=9,163, p=.008). Abbiamo visto che dai dati risulta che anche il target h si allinea prima nella sillaba rispetto alle parole polisillabiche (tale variazione non è però statisticamente significativa). Considerati insieme, questi risultati sembrano indicare che nei monosillabi è l intero gesto articolatorio che presiede alla realizzazione dell accento ascendente ad essere anticipato nel tempo; fenomeno, questo, compatibile con dall ipotesi della repulsione tonale (Silverman e Pierrehumbert, 1990). In base a tale ipotesi, se due eventi tonali devono essere prodotti nella stessa unità linguistica in questo caso, la sillaba, il gesto articolatorio atto a produrre il primo tono verrà anticipato nel tempo per permettere che anche il secondo tono possa essere realizzato completamente entro i confini dell unità assegnata. Nel nostro caso, sullo stesso monosillabo devono essere prodotti due gesti diversi: quello ascendente che genera la salita propria dell accento intonativo, e quello discendente atto a realizzare il tono L associato al confine del sintagma intonativo in frasi dichiarative. Questa ipotesi spiegherebbe dunque perché entrambi i targets lh dell accento intonativo siano anticipati nel tempo: a fronte di un allineamento anticipato del picco sulla tonica, l attacco della salita risulta significativamente anticipato alla sillaba pretonica 1. Riassumendo, i dati analizzati sono compatibili con una rappresentazione bitonale L dell accento intonativo ascendente. Nel caso della locutrice SS, il tono è associato alla sillaba tonica nucleare e il tono L alla sillaba atona prenucleare; nel caso di MF possiamo considerare entrambi i toni come associati alla sillaba tonica nucleare, poiché l anticipazione di L alla sillaba pretonica è una variante dovuta al contesto prosodico. La rappresentazione proposta è dunque L+* per SS e (L+)* per MF (cfr. [20]). 4. DISCUSSIONE 4.1 La rappresentazione fonologica. In generale, i nostri locutori producono la sillaba nucleare del costituente in focus contrastivo con andamenti intonativi alti (RR) o ascendenti (SS, MF), i cui massimi e minimi non mostrano variabilità significativamente legata al contesto, e che pertanto possono essere considerati toni e L. La successione temporale dei toni e L su sillabe contigue e il loro stabile allineamento entro ciascuna di esse portano a ritenere che la loro organizzazione fonologica possa essere quella di un accento intonativo bitonale entro il quale solo il secondo tono è associato alla sillaba tonica. La differenza di realizzazione tra i locutori risiede nel tipo di tono che precede (leading tone): per RR e L per SS e MF. I due accenti intonativi risultano pertanto essere +* e L+* (quest ultimo con la variante (L+)*). La tavola 1 fornisce la distribuzione degli accenti nei nostri dati. Accento +* L+* +L* * Locutori SS 100% RR 100% MF 6,25% 68,7% 25%(18,7%) (6,25%) Tavola 1. Distribuzione degli accenti intonativi nel corpus considerato. 1 Se confrontiamo gli allineamenti per il monosillabo con quelli del polisillabo piano ( Giovanni ), notiamo che la durata della salita è la stessa (la distanza l-h, normalizzata in base alla durata della frase, è in entrambi i casi ).

8 Una rappresentazione dell accento alto ascendente come ++ ha una solida base fonetica, come abbiamo visto, include distinzioni di pitch range direttamente nella stringa tonale - alla stessa stregua di accenti L+*, L*+ o +L*, ma viola apertamente l Obligatoty Contour Principle (OCP) perché prevede due specificazioni identiche e adiacenti nella rappresentazione fonologica ([16]). Questo problema si era già presentato nella letteratura autosegmentale-metrica dell intonazione: Pierrehumbert [22] aveva proposto accenti *+ nella sua analisi originale dell intonazione inglese, poi abbandonati nelle formulazioni successive; Sosa [27] aveva proposto un accento +* distinto da * per lo spagnolo latino-americano; e Grice [14] aveva mostrato la necessità di un accento *+!* distinto da +L* in inglese. Il problema fonologico posto dalla violazione di OCP - principio, questo, suggerito come un universale dell organizzazione fonologica - potrebbe essere risolto accogliendo la proposta formulata da Grice [13] e perfezionata successivamente [14], secondo la quale gli accenti intonativi hanno una struttura interna. Tale struttura permette un trattamento diverso del primo tono di un accento bitonale (leading tone) dagli altri tipi di toni. In [13], ad esempio, gli accenti intonativi (PA) sono un nodo nella gerarchia prosodica che domina due supertoni: uno forte, t s, e uno debole, t w. PA I leading tones (T) sono dominati dalla parte opzionale dell accento intonativo (t w ), mentre gli altri toni (Ts e Tw) sono dominati dalla parte essenziale dell accento, t s. Se si restringe l applicazione di OCP ai nodi sorella, accenti come +* risultano ammessi. In [14], invece, i due toni di un accento bitonale sono indipendentemente associati a due sillabe diverse: il tono asteriscato con la sillaba asteriscata e il tono non asteriscato con la sillaba precedente. tw ts T Ts Tw 4.2 Focus contrastivo e focus identificativo. Gli accenti contrastivi +* e L+* si oppongono all accento usato dai locutori fiorentini per segnalare il focus informativo nella stessa posizione di frase, sia quando questo abbia portata ampia ([2]), sia quando abbia portata ristretta ([3]): +L*. La figura 8 illustra tale contrasto, mostrando la media normalizzata su base sillabica dell andamento di F0 sulla stessa parola focalizzata contrastivamente (linea continua: L+*, locutore RR, e linea tratteggiata: +*, locutrice SS), e informativamente con portata ampia (linea a tratti e punti: L+*, locutore RR). La differenza risiede nella polarità del tono associato alla tonica: * per i due accenti contrastivi, L* per l accento non contrastivo. L andamento di quest ultimo è discendente: partendo da un target, la discesa raggiunge un minimo nella seconda metà della sillaba tonica.

9 Figura 8. Media normalizzata dell andamento di F0 sul costituente finale della frase Guarda che loro i progetti li convalidano. Linea tratteggiata: +*, focus contrastivo, locutore RR; linea continua: L+*, focus contrastivo, locutrice SS; linea a tratti e punti: +L*, focus informativo, locutore RR. I nostri dati dunque provano l esistenza di un accento contrastivo che è tipologicamente diverso dall accento usato per segnalare informazione nuova non contrastiva, in linea con le altre varietà di italiano ([12],[15]) e con quanto sostenuto per l inglese da Pierrehumbert e irschberg, [24] e da Chafe [6]. Ma non escludono che, oltre a questo, l accento contrastivo sia anche più saliente dell accento informativo, non solo intrinsecamente - in virtù della diversa polarità del tono associato alla sillaba tonica (* vs L*) - ma anche estrinsecamente, in virtù di un uso sistematicamente diverso del pitch range. Una conferma in tal senso si ricava direttamente dalla figura 8, confrontando l andamento di due accenti che condividono lo stesso leading tone: +* e +L* prodotti dallo stesso locutore RR. Figura 9. Media normalizzata dell andamento di F0 sul costituente finale delle frasi quei ragazzi sono dei vandali e. sono stati i vandali. Linea continua: L+*, focus contrastivo, locutrice SS; linea a tratti e punti: +L*, focus informativo, locutrice SS. Appare evidente che la parola focalizzata contrastivamente (curva tratteggiata) è prodotta su un range globalmente più esteso rispetto alla parola focalizzata informativamente (curva a tratti e punti). Un confronto sistematico per gli altri locutori non è proponibile a causa della polarità invertita dei toni implicati nel confronto: L+* vs. +L*. E possibile invece per la locutrice SS, limitatamente alla coppia minima Quei ragazzi sono dei vandali vs. Sono stati i vandali. La prima frase, prodotta in un contesto di focalizzazione informativa ampia, è stata pronunciata da SS con connotazione esclamativa. L accento nucleare impiegato non è +L*, come nel resto della serie di frasi

10 con lo stesso tipo di focus, ma *. La seconda frase, prodotta in un contesto di focalizzazione contrastiva, ha come accento nucleare L+*. Le curve medie normalizzate corrispondenti al costituente finale sono riportate nella figura 9. Confrontando i toni asteriscati di uguale polarità si evince che, come nel caso precedente, l accento contrastivo (linea continua) risulta più alto dell accento informativo (linea a tratti e punti). BIBLIOGRAFIA [1] Arvaniti A., Ladd D.R. e Mennen I. (2000), What is a starred tone? Evidence from Greek. In M. Broe and J. Pierrehumbert (eds), Papers in laboratory phonology V, pp , Cambridge University Press, Cambridge, MA. [2] Avesani C. and Vayra M. (2000), Costruzioni marcate e non marcate in italiano. Il ruolo dell intonazione". In Atti delle X Giornate di Studio del GFS, Napoli, dicembre 1999, [3] Avesani C. e Vayra M. (2003), Broad, narrow and contrastive focus in Florentine Italian. In Proceedings of the 15th International Congress of Phonetic Sciences. [4] Bolinger D. (1989), Intonation and its uses: melody in grammar and discourse. Edward Arnold, London. [5] Brown G., Currie K. e Kensworthy J. (1980), Questions of Intonation, Croom elm, London. [6] Chafe W. (1976), Giveness, contrastiveness, definiteness, subjects, topics and point of view. In C. Li ( ed), Subject and topic, Academic Press, New York, pp [7] D Imperio, M. (2001), Tonal alignment, scaling and slope in Italian question and statement tunes. In Proceedings of Eurospeech 2001, Vol. 1, pp [8] D Imperio, M. (2002), Language-specific and universal constraints on tonal alignment: the nature of targets and anchors. In Speech Prosody Proceedings of the 1st International Conference on Speech Prosody, pp [9] D Imperio M e ouse D (1997). Perception of questions and statements inneapolitan Italian. In Proceedings of Eurospeech 97, Vol. 1, pp [10] Face T. (2001), Focus and early peak alignment in Spanish intonation, Probus, Vol. 2, [11] Frota S. (2002), Tonal association and target alignment in European Portuguese nuclear falls. In C. Gussenhoven e N. Warner (eds), Laboratory Phonology VII Mouton de Gruyter, Berlino, pp [12] Gili Fivela B. (2002), Tonal alignment in two Pisa Italian peak accents. In Speech Prosody Proceedings of the 1st International Conference on Speech Prosody, pp [13] Grice M. (1995a), The intonation of interrogation in Palermo Italian. Implications for intonation theory, Max Niemeyer Verlag, Tübingen. [14] Grice M. (1995b), Leading tone and downstep in English, Phonolog,y, Vol.12, pp [15] Grice M., D Imperio M, Savino, M. and Avesani C. (in corso di stampa), Towards a strategy for ToBI labelling varieties of Italian. In S-A. Jun (edr), Prosodic Typology and Transcription: A Unified Approach, Oxford University Press, Oxford. [16] Goldsmith, J. (1976), Autosegmental phonology, Garland Press, New York. [17] Khramer E. and Swerts, M, On the alleged existence of contrastive accents, Speech Communication, Vol. 34, pp , 2001.

11 [18] Ladd, R. (1983). Phonological features of intonational peaks, Language, 59, Vol. 4, pp [19] Ladd R. and Schepman A. (2003), Sagging transitions between high pitch accents in English: experimental evidence, Journal of Phonetics, Vol. 31, pp [20] Marotta G. (2000), Allineamento e trascrizione dei toni accentuali complessi: una proposta. In D. Locchi (a cura di), Il parlante e la sua lingua. Atti delle 10e giornate di studio del Gruppo di Fonetica Sperimentale, pp [21] Nespor M. and Guasti M.T. (2002), L allineamentro tra focus e accento, Lingue e Linguaggi, Vol.1. [22] Pierrehumbert J. (1980), The phonology and phonetics of English intonation, PhD Thesis,MIT, pubblicata da IULC nel [23] Pierrehumbert J. e Steele S.A. (1989), Categories of tonal alignment in English, Phonetica, Vol. 46, [24] Pierrehumbert J. and irschberg J. (1990), "The meaning of intonation contours in the interpretation of discourse". In Cohen P., Morgan J. e Pollack M. (eds.), Intentions in Communication, MIT Press, Cambridge MA, [25] Prieto P., van Santen J. e irschberg J. (1995), Tonal alignment patterns in Spanish, Journal of Phonetics, 23, pp [26] Silverman K. e Pierrehumbert J. (1990), The timing of prenuclear high accents in English. In J. Kingston e M. Beckman (eds), Papers in Laboratory Phonology I: Beween the grammar and the physics of speech, Cambridge University Press, Cambridge, pp [27] Sosa J.M. (1991), Fonética y fonologia de la entonaciòn del Español ispanoamericano. PhD thesis, University of Massachussetts, Amherst. [28] Swerts M., Krahmer E. e Avesani C. (2002), Prosodic marking of information status in Dutch and Italian: a comparative analysis, Journal of Phonetics, Vol. 30, [29] Ward G. e irschberg J. (1985), Implicating uncertainty: the pragmatics of fall-rise intonation, Language, Vol. 61,pp

TRANSFER INTONATIVO NELL INGLESE L2 PRODOTTO DA PARLANTI PADOVANI: IL CASO DELLE DOMANDE POLARI

TRANSFER INTONATIVO NELL INGLESE L2 PRODOTTO DA PARLANTI PADOVANI: IL CASO DELLE DOMANDE POLARI Atti del IX Convegno dell Associazione Italiana Scienze della Voce TRANSFER INTONATIVO NELL INGLESE L2 PRODOTTO DA PARLANTI PADOVANI: IL CASO DELLE DOMANDE POLARI Antonio Stella, Maria Grazia Busà Università

Dettagli

DEFINIZIONE ED ANNOTAZIONE PROSODICA DI UN DATABASE DI PARLATO-LETTO USANDO IL FORMALISMO TOBI

DEFINIZIONE ED ANNOTAZIONE PROSODICA DI UN DATABASE DI PARLATO-LETTO USANDO IL FORMALISMO TOBI DEFINIZIONE ED ANNOTAZIONE PROSODICA DI UN DATABASE DI PARLATO-LETTO USANDO IL FORMALISMO TOBI Cinzia Avesani +, Piero Cosi +, Elisabetta Fauri*, Roberto Gretter*, Nadia Mana*, Silvia Rocchi*, Franca Rossi*

Dettagli

Tavola Rotonda MODELLI DI ANALISI E SISTEMI DI ETICHETTATURA PROSODICA A CONFRONTO

Tavola Rotonda MODELLI DI ANALISI E SISTEMI DI ETICHETTATURA PROSODICA A CONFRONTO Tavola Rotonda MODELLI DI ANALISI E SISTEMI DI ETICHETTATURA PROSODICA A CONFRONTO Il Convegno ha costituito una preziosa occasione per riunire, in uno stesso contesto di confronto scientifico, esponenti

Dettagli

DUE REALTÀ LINGUISTICHE URBANE A CONFRONTO (ROMA E MILANO): QUALI PARAMETRI PROSODICI PER UN MODELLO PLAUSIBILE?

DUE REALTÀ LINGUISTICHE URBANE A CONFRONTO (ROMA E MILANO): QUALI PARAMETRI PROSODICI PER UN MODELLO PLAUSIBILE? DUE REALTÀ LINGUISTICHE URBANE A CONFRONTO (ROMA E MILANO): QUALI PARAMETRI PROSODICI PER UN MODELLO PLAUSIBILE? Elena Sardelli Università di Pisa elenasardelli@infinito.it 1. SOMMARIO L esigenza di un

Dettagli

1 Qualche spunto di riflessione è reperibile in Jones & Munhall (2000; 2005).

1 Qualche spunto di riflessione è reperibile in Jones & Munhall (2000; 2005). Giovanna Marotta, Anna Molino, Chiara Bertini^ Università di Pisa, ^Scuola Normale Superiore di Pisa gmarotta@ling.unipi.it, annamolino@hotmail.it, c.bertini@sns.it 1. ABSTRACT Vengono qui presi in considerazione

Dettagli

Definizione ed annotazione prosodica di un database di parlato-letto usando il formalismo ToBI

Definizione ed annotazione prosodica di un database di parlato-letto usando il formalismo ToBI Definizione ed annotazione prosodica di un database di parlato-letto usando il formalismo ToBI Cinzia Avesani +, Piero Cosi +, Elisabetta Fauri*, Roberto Gretter*, Nadia Mana*, Silvia Rocchi*, Franca Rossi*

Dettagli

LA PROSODIA DELLE INTERROGATIVE POLARI IN SPAGNOLO: ANALISI DELLA VARIETÀ MADRILENA

LA PROSODIA DELLE INTERROGATIVE POLARI IN SPAGNOLO: ANALISI DELLA VARIETÀ MADRILENA LA PROSODIA DELLE INTERROGATIVE POLARI IN SPAGNOLO: ANALISI DELLA VARIETÀ MADRILENA THE PROSODY OF SPANISH YES-NO QUESTIONS: ANALYSIS OF THE VARIETY IN MADRID EMPAR DEVÍS HERRAIZ Universitat de Barcelona

Dettagli

La modulazione di frequenza in due varietà toscane (Pisa e Firenze). Una indagine preliminare *

La modulazione di frequenza in due varietà toscane (Pisa e Firenze). Una indagine preliminare * Silvia Calamai, Giovanna Marotta, Elena Sardelli La modulazione di frequenza in due varietà toscane (Pisa e Firenze). Una indagine preliminare * 1. INTRODUZIONE Alla varietà di italiano parlato a Pisa

Dettagli

APA: un prototipo di sistema automatico per l analisi prosodica *

APA: un prototipo di sistema automatico per l analisi prosodica * APA: un prototipo di sistema automatico per l analisi prosodica * Leandro D Anna - Massimo Petrillo Fondazione Ugo Bordoni Napoli - CIRASS Università di Napoli Federico II 1. SOMMARIO Viene qui proposto

Dettagli

LA PROSODIA NELL INTERFERENZA TRA L1 E L2: IL CASO DELLE INTERROGATIVE POLARI TRA VENETI E CATALANI

LA PROSODIA NELL INTERFERENZA TRA L1 E L2: IL CASO DELLE INTERROGATIVE POLARI TRA VENETI E CATALANI LA PROSODIA NELL INTERFERENZA TRA L1 E L2: IL CASO DELLE INTERROGATIVE POLARI TRA VENETI E CATALANI EMPAR DEVÍS HERRAIZ Università degli Studi di Bologna amparo.devisherraiz@unibo.it La prosodia nell interferenza

Dettagli

FOCUS RISTRETTO e FOCUS CONTRASTIVO IN ITALIANO

FOCUS RISTRETTO e FOCUS CONTRASTIVO IN ITALIANO FOCUS RISTRETTO e FOCUS CONTRASTIVO IN ITALIANO Cinzia Avesani * e Mario Vayra ** Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del CNR Sezione di Padova Fonetica e Dialettologia **Università di Siena

Dettagli

L intonazione delle dichiarative neutre e delle interrogative polari in quattro varietà friulane: Agrons, Beivars, Tesis e Gradisca d Isonzo

L intonazione delle dichiarative neutre e delle interrogative polari in quattro varietà friulane: Agrons, Beivars, Tesis e Gradisca d Isonzo L intonazione delle dichiarative neutre e delle interrogative polari in quattro varietà friulane: Agrons, Beivars, Tesis e Gradisca d Isonzo 1. Introduzione Paolo Roseano, Ana Ma. Fernández Planas Questo

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE OBIETTIVI FORMATIVI (LINGUISTICO) LINGUA INGLESE Obiettivi formativi del Biennio Funzioni linguistico-comunicative - Funzioni linguistico-comunicative necessarie

Dettagli

LA PROSODIA DIRETTIVA IN ITALIANO L2. STUDIO PILOTA

LA PROSODIA DIRETTIVA IN ITALIANO L2. STUDIO PILOTA LA PROSODIA DIRETTIVA IN ITALIANO L2. STUDIO PILOTA Dalia Gamal Università di Ain Shams, Il Cairo daliagamal60@hotmail.com 1. SOMMARIO Con il presente studio mi propongo di esplorare alcuni aspetti prosodici

Dettagli

Introduzione alla Linguistica Computazionale

Introduzione alla Linguistica Computazionale Introduzione alla Linguistica Computazionale Salvatore Sorce Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica Ludici Adattati da Alessandro Lenci Dipartimento di Linguistica T. Bolelli

Dettagli

L INTERFACCIA SINTASSI-FONOLOGIA: INTERPRETAZIONE E IMPLICAZIONI TEORICHE *

L INTERFACCIA SINTASSI-FONOLOGIA: INTERPRETAZIONE E IMPLICAZIONI TEORICHE * L INTERFACCIA SINTASSI-FONOLOGIA: INTERPRETAZIONE E IMPLICAZIONI TEORICHE * Lunella Mereu, Mara Frascarelli Università degli Studi Roma Tre mereu@uniroma3.it, frascare@uniroma3.it 1. SOMMARIO Questo lavoro

Dettagli

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA - CLASSE TERZA NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE ASCOLTO E PARLATO Strategie essenziali dell ascolto. Processi di controllo da mettere in atto durante l ascolto

Dettagli

Guida per lo studente in autoapprendimento 1

Guida per lo studente in autoapprendimento 1 Guida per lo studente in autoapprendimento 1 0. Presentazione della Guida Questo documento è una guida per l uso del corso di lingua italiana per adulti realizzato dall Università per Stranieri di Siena

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Percezione della musica e del linguaggio

Percezione della musica e del linguaggio 11 Percezione della musica e del linguaggio 11 Music and Speech Perception Musica Linguaggio 11 Music La musica come mezzo per esprimere pensieri ed emozioni Pitagora: Numeri e intervalli musicali Alcuni

Dettagli

Le regole fonologiche nella fonologia segmentale/lineare

Le regole fonologiche nella fonologia segmentale/lineare Le regole fonologiche nella fonologia segmentale/lineare Nella teoria segmentale della fonologia, la rappresentazione consiste in una sequenza lineare di segmenti (consonanti, vocali ed approssimanti)

Dettagli

Linguistica generale a.a. 2014-2015. Acquisizione del linguaggio

Linguistica generale a.a. 2014-2015. Acquisizione del linguaggio Linguistica generale a.a. 2014-2015 Acquisizione del linguaggio Alcune teorie sull acquisizione Teoria comportamentista: rinforzo della associazione fra stimolo e risposta. Critica di Chomsky (1959). Teoria

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

http://liceu.uab.cat/~joaquim/publicacions/ Alfano_Savy_Llisterri_07_Durata_Vocalica_ Italiano_Spagnolo.pdf

http://liceu.uab.cat/~joaquim/publicacions/ Alfano_Savy_Llisterri_07_Durata_Vocalica_ Italiano_Spagnolo.pdf Alfano, I., Savy, R., & Llisterri, J. (29). Sulla realtà acustica dell acento lessicale in italiano ed in spagnolo: La durata vocalica in produzione e percezione. In L. Romito, V. Galatà, & R. Lio (Eds.),

Dettagli

Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso

Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso Sintesi delle regole per l'armonizzazione del basso Il punto di riferimento della musica tonale è la scala, in quanto essa è la sintesi di tutte le note che appartengono ad una data tonalità. Inoltre,

Dettagli

Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici

Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici Progetto Finale: Modelli semantici dei dati in domini applicativi specifici Roberto Basili, Marco Pennacchiotti Corso di Fondamenti di Informatica a.a. 2003-2004 Definizioni Generali e Regole d esame Il

Dettagli

I sistemi di scrittura. Linguaggio orale e linguaggio scritto. La lettura di parole singole. Ipotesi della profondità ortografica

I sistemi di scrittura. Linguaggio orale e linguaggio scritto. La lettura di parole singole. Ipotesi della profondità ortografica Linguaggio orale e linguaggio scritto La percezione, comprensione e produzione del linguaggio parlato si sviluppano molto precocemente e sfruttano meccanismi biologici specializzati e universali La percezione,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

COOPERATIVE LEARNING

COOPERATIVE LEARNING COOPERATIVE LEARNING RELAZIONE ANNO SCOLASTICO 2003-2004 LICEO SCIENTIFICO VILLA SORA INSEGNANTE: LOVAGLIO MARY MATERIA: INGLESE CLASSI: 3 LICEO SCIENTIFICO A/B, 5 LICEO SCIENTIFICO A/B MOTIVAZIONI L apprendimento

Dettagli

STEFAN RABANUS Forschungsinstitut für deutsche Sprache/Deutscher Sprachatlas, Marburg

STEFAN RABANUS Forschungsinstitut für deutsche Sprache/Deutscher Sprachatlas, Marburg Atti delle X Giornate di Studio del G.F.S. Napoli, 13-15 Dicembre 1999 PROCEDURE INTONATIVE STEFAN RABANUS Forschungsinstitut für deutsche Sprache/Deutscher Sprachatlas, Marburg Abstract Intonation is

Dettagli

GRAMMATICA APPLICATA: APPRENDIMENTO, PATOLOGIE, INSEGNAMENTO

GRAMMATICA APPLICATA: APPRENDIMENTO, PATOLOGIE, INSEGNAMENTO GRAMMATICA APPLICATA: APPRENDIMENTO, PATOLOGIE, INSEGNAMENTO a cura di Maria Elena Favilla - Elena Nuzzo studi AItLA 2 studi AItLA 2 GRAMMATICA APPLICATA: APPRENDIMENTO, PATOLOGIE, INSEGNAMENTO a cura

Dettagli

Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità

Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità Listening. Learning. Leading. Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità Comprendere i punteggi del test TOEFL Junior Per scoprire il proprio potenziale. Per estendere le proprie opportunità.

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Sociolinguistica a.a. 2005-2006 IV. Regole variabili e Scale implicazionali

Sociolinguistica a.a. 2005-2006 IV. Regole variabili e Scale implicazionali Sociolinguistica a.a. 2005-2006 IV Regole variabili e Scale implicazionali 1 Regole variabili La regola variabile rappresenta il versante descrittivo (punto di vista esterno) della variabilità linguistica

Dettagli

Istituto Comprensivo Stefano D Arrigo Venetico anno scolastico 2010-2011. Una sperimentazione didattica per il consolidamento delle competenze

Istituto Comprensivo Stefano D Arrigo Venetico anno scolastico 2010-2011. Una sperimentazione didattica per il consolidamento delle competenze Istituto Comprensivo Stefano D Arrigo Venetico anno scolastico 2010-2011 Una sperimentazione didattica per il consolidamento delle competenze In data 02.09.2010 il Collegio dei Docenti ha deliberato,

Dettagli

La durata delle vocali in pisano: lavori in corso

La durata delle vocali in pisano: lavori in corso Monica Dell Aglio La durata delle vocali in pisano: lavori in corso (GFS 2002, Pisa, 28-30 novembre 2002. Versione estesa) 1. Premessa * I primi studi condotti nel Laboratorio di Linguistica della Scuola

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

Il software didattico ELSE e il suo ruolo nella riabilitazione di studenti affetti da disturbi specifici dell apprendimento

Il software didattico ELSE e il suo ruolo nella riabilitazione di studenti affetti da disturbi specifici dell apprendimento 1 Erika Firpo Il software didattico ELSE e il suo ruolo nella riabilitazione di studenti affetti da disturbi specifici dell apprendimento INTRODUZIONE I software sono i veri protagonisti degli interventi

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

XII Ciclo Scuole di Dottorato di Ricerca TESI DI DOTTORATO

XII Ciclo Scuole di Dottorato di Ricerca TESI DI DOTTORATO XII Ciclo Scuole di Dottorato di Ricerca DOTTORATO DI RICERCA IN STUDI LETTERARI E LINGUISTICI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO TESI DI DOTTORATO Validità delle metriche ritmiche: un analisi e verifica

Dettagli

Sonia Cristofaro, Università di Pavia. Semantic maps and mental representation

Sonia Cristofaro, Università di Pavia. Semantic maps and mental representation Sonia Cristofaro, Università di Pavia Semantic maps and mental representation 1. Premessa Il presente articolo mira ad esaminare le implicazioni di modelli di multifunzionalità cross-linguistica, così

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E L apprendimento di due lingue comunitarie permette

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

RIASSUNTI DELLE COMUNICAZIONI

RIASSUNTI DELLE COMUNICAZIONI Associazione Italiana di Scienze della Voce 2 Convegno Nazionale ANALISI PROSODICA teorie, modelli e sistemi di annotazione RIASSUNTI DELLE COMUNICAZIONI Dati empirici e modelli fonologici: il caso dei

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA PER LA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA PER LA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO (BG) CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA PER LA SCUOLA PRIMARIA elaborazione del gruppo di lavoro coordinato dall'insegnante GIULIA LORENZI ABATI CRISTINA BOLIS LAURA BRUGALI

Dettagli

L intelligenza numerica

L intelligenza numerica L intelligenza numerica Consiste nel pensare il mondo in termini di quantità. Ha una forte base biologica, sia gli animali che i bambini molto piccoli sanno distinguere poco e molto. È potentissima e può

Dettagli

Linguistica Computazionale. Tokenizzazione

Linguistica Computazionale. Tokenizzazione Linguistica Computazionale Tokenizzazione Sai Tokenizzare (~contare : )) iniziamo giocando poi lavoriamo Quanti token (~parole) nella frase C era una volta un pezzo di legno. Sai Tokenizzare (~contare

Dettagli

RADDOPPIAMENTO FONOSINTATTICO (RF) E RISTRUTTURAZIONE SILLABICA: IL RUOLO DELL ALLINEAMENTO TONALE NELLA PRODUZIONE DEL RF NELL ITALIANO DI NAPOLI.

RADDOPPIAMENTO FONOSINTATTICO (RF) E RISTRUTTURAZIONE SILLABICA: IL RUOLO DELL ALLINEAMENTO TONALE NELLA PRODUZIONE DEL RF NELL ITALIANO DI NAPOLI. RADDOPPIAMENTO FONOSINTATTICO (RF) E RISTRUTTURAZIONE SILLABICA: IL RUOLO DELL ALLINEAMENTO TONALE NELLA PRODUZIONE DEL RF NELL ITALIANO DI NAPOLI. Caterina Petrone Laboratoire Parole et Langage, UMR 657

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo

Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo Asse linguistico Propedeutico al 1 livello 1 periodo Competenza 1: Partecipare a scambi comunicativi in modo collaborativo ed efficace Durata del modulo: Declinazione competenza Abilità 1. Comprendere

Dettagli

La comunicazione e il linguaggio

La comunicazione e il linguaggio Linguaggio = sistema di simboli, suoni, significati e regole per la loro combinazione che costituisce la modalita primaria di comunicazione tra gli esseri umani Caratteristiche fondamentali del linguaggio:

Dettagli

Sommario. 1 Realizzazione del STG. Introduzione. 1 traduzione delle specifiche informali in specifiche formali (STG o

Sommario. 1 Realizzazione del STG. Introduzione. 1 traduzione delle specifiche informali in specifiche formali (STG o Sommario Sintesi di macchine a stati finiti 1 Realizzazione del ST M. avalli 2 utoma minimo di SM completamente specificate 6th June 2007 3 Ottimizzazione di SM non completamente specificate Sommario ()

Dettagli

ASCOLTO (comprensione orale) -Comprende i punti essenziali di semplici discorsi e testi su argomenti relativi alla vita quotidiana e di studio.

ASCOLTO (comprensione orale) -Comprende i punti essenziali di semplici discorsi e testi su argomenti relativi alla vita quotidiana e di studio. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Venezia, 15-66020 SAN GIOVANNI TEATINO (CH) www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE I SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO INGLESE SVILUPPO

Dettagli

Produzione e comprensione dei verbi di azione in Italiano e in Lingua dei Segni Italiana

Produzione e comprensione dei verbi di azione in Italiano e in Lingua dei Segni Italiana Produzione e comprensione dei verbi di azione in Italiano e in Lingua dei Segni Italiana 11 GIUGNO 2015 Elena Tomasuolo ISTC CNR Meeting Firenze Introduzione Una larga parte del lessico verbale consiste

Dettagli

Patrizia Sorianello (Professore associato L-LIN/01-Glottologia e Linguistica generale)

Patrizia Sorianello (Professore associato L-LIN/01-Glottologia e Linguistica generale) Patrizia Sorianello (Professore associato L-LIN/01-Glottologia e Linguistica generale) patrizia.sorianello@uniba.it Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate P.zza Umberto

Dettagli

Introduzione. Motivi di un percorso per la comprensione grammaticale

Introduzione. Motivi di un percorso per la comprensione grammaticale Introduzione Motivi di un percorso per la comprensione grammaticale Questo percorso è finalizzato al recupero delle difficoltà di comprensione morfo-sintattica in bambini con disturbo specifico di linguaggio

Dettagli

Ing. Simone Giovannetti

Ing. Simone Giovannetti Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Ing. Simone Giovannetti Firenze, 29 Maggio 2012 1 Incertezza di Misura (1/3) La necessità di misurare nasce dall esigenza

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

Mining Positive and Negative Association Rules:

Mining Positive and Negative Association Rules: Mining Positive and Negative Association Rules: An Approach for Confined Rules Alessandro Boca Alessandro Cislaghi Premesse Le regole di associazione positive considerano solo gli item coinvolti in una

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA CLASSI seconde CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA LINGUA ITALIANA l alunno utilizza in maniera appropriata il codice linguistico per descrivere, narrare argomentare. si esprime in modo

Dettagli

3-5 mesi: Il bambino produce pianti, gorgheggi, sorrisi e gridolini, ma non intenzionalmente.

3-5 mesi: Il bambino produce pianti, gorgheggi, sorrisi e gridolini, ma non intenzionalmente. L apprendimento della lingua nativa 3-5 mesi: Il bambino produce pianti, gorgheggi, sorrisi e gridolini, ma non intenzionalmente. 6-8 mesi: Il bambino comincia ad utilizzare l apparato articolatorio, giocando

Dettagli

Nievo-Matteotti MUSICA

Nievo-Matteotti MUSICA Scuola media statale Nievo-Matteotti PIANO DI LAVORO DI MUSICA Prof.ssa CALORIO Carla Prof.ssa DONNINI Sonia Prof.ssa PIASTRELLONI Gerardina Prof.ssa SESSO Eleonora Prof. MANTOVANI Lidio PROGRAMMAZIONE

Dettagli

SIGNIFICATO DELL ENUNCIATO E INTENZIONE DEL PARLANTE

SIGNIFICATO DELL ENUNCIATO E INTENZIONE DEL PARLANTE SIGNIFICATO DELL ENUNCIATO E INTENZIONE DEL PARLANTE SCOPO Capire come analizzare la singola frase non solo considerando gli elementi che compongono la frase e i rapporti tra essi, ma interpretando l enunciato

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Analisi della risorsa eolica Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Spettro di frequenza del vento Zona di lavoro di una torre anemometrica (tempi di campionamento

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

PERSISTENZA DELL ACCENTO STRANIERO. UNO STUDIO PERCETTIVO SULL ITALIANO L2

PERSISTENZA DELL ACCENTO STRANIERO. UNO STUDIO PERCETTIVO SULL ITALIANO L2 PERSISTENZA DELL ACCENTO STRANIERO. UNO STUDIO PERCETTIVO SULL ITALIANO L2 Giovanna Marotta a, Philippe Boula de Mareüil b a Dipartimento di Linguistica, Università di Pisa, b LIMSI-CNRS, Orsay gmarotta@ling.unipi.it,

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

PREVEDERE LE VENDITE PER IL REVENUE MANAGEMENT

PREVEDERE LE VENDITE PER IL REVENUE MANAGEMENT Lezione n. 2 - PREVISIONE 1 PREVEDERE LE VENDITE PER IL REVENUE MANAGEMENT AUTORI Paolo Desinano Centro Italiano di Studi Superiori sul Turismo di Assisi Riccardo Di Prima Proxima Service INTRODUZIONE

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

Anno di corso: Contenuti - temi - attività CLASSE 1^

Anno di corso: Contenuti - temi - attività CLASSE 1^ TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE NUCLEO FONDANTE: Corrisponde a un nucleo tematico della disciplina, a un argomento forte della disciplina; caratterizza una parte consistente del curricolo disciplinare e si sviluppa

Dettagli

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 2 Aprile 26 Sia dato il sistema di controllo a controreazione di Fig. 1, in cui il processo ha funzione di trasferimento P (s) = 1 (1 +.1s)(1 +.1s).

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

INSEGNARE CON I TASK Appunti

INSEGNARE CON I TASK Appunti INSEGNARE CON I TASK Appunti 1. Condizioni per l apprendimento Esposizione alla lingua da apprendere Opportunità per l uso della lingua Motivazione l uso della lingua in attività di ascolto, parlato, lettura

Dettagli

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang.

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Incontro di aggiornamento per Genitori COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN 17 Maggio 2008 Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Università di Liegi, Belgio Professore

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio L elasticità Cap.4 L elasticità Fin ora abbiamo visto come domanda e offerta di un bene reagiscano a variazioni del prezzo del bene Sono state tutte considerazioni qualitative (direzione del cambiamento)

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 Ordine delle parole in italiano 2 2 Sintagmi e ordine dei costituenti 3 3 I test di costituenza 3 4 Grammatica dell italiano

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO Via Pertini, 1 73020 UGGIANO LA CHIESA (LE) tel 036 17370 fax 036 14535 LEIC4300C@istruzione.it www.comprensivouggiano.it codice

Dettagli

Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura

Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura Conversione del risultato in informazione utile È necessario fare alcune considerazioni sul

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

LA CORRELAZIONE LINEARE

LA CORRELAZIONE LINEARE LA CORRELAZIONE LINEARE La correlazione indica la tendenza che hanno due variabili (X e Y) a variare insieme, ovvero, a covariare. Ad esempio, si può supporre che vi sia una relazione tra l insoddisfazione

Dettagli

Premesse alla statistica

Premesse alla statistica Premesse alla statistica Versione 22.10.08 Premesse alla statistica 1 Insiemi e successioni I dati di origine sperimentale si presentano spesso non come singoli valori, ma come insiemi di valori. Richiamiamo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

Programmazione di Italiano L2 LIVELLO 1

Programmazione di Italiano L2 LIVELLO 1 Programmazione di Italiano L2 LIVELLO 1 1) ASCOLTARE E COMPRENDERE 1a) Ascoltare e comprendere semplici e brevi messaggi orali ricorrenti nel linguaggio della classe e del laboratorio 1.a.1. - rispondere

Dettagli

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre ITALIANO (Voto numerico espresso in decimi e riportato in lettere) Prestare attenzione, comprendere e riferire i contenuti di

Dettagli

PIANO DI LAVORO PER IL BIENNIO CLASSE 1 CM A.S. 2013-2014 DOCENTE SITUAZIONE DI PARTENZA

PIANO DI LAVORO PER IL BIENNIO CLASSE 1 CM A.S. 2013-2014 DOCENTE SITUAZIONE DI PARTENZA c.f. 93020970427 LICEO DI STATO C. RINALDINI Liceo Classico - Liceo Musicale - Liceo delle Scienze Umane con opzione Economico Sociale Via Canale, 1-60122 ANCONA - 071/204723 fax 071/2072014 e-mail: segreteria@rinaldini.org

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME

MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Ascoltare, analizzare e rappresentare fenomeni sonori e linguaggi musicali - Classificare i fenomeni acustici in base ai concetti di silenzio, suono, rumore - Individuare

Dettagli