Torino 16 gennaio 2008 Carcinoma mammario e Terapia ormonale neoadiuvante

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Torino 16 gennaio 2008 Carcinoma mammario e Terapia ormonale neoadiuvante"

Transcript

1 Torino 16 gennaio 2008 Carcinoma mammario e Terapia ormonale neoadiuvante Marinella Mistrangelo COES - Molinette - Torino

2 Trattamento e Sopravvivenza nelle donne anziane Bouchardy, JCO 2003

3 Ormonoterapia neoadiuvante: Selezione delle pazienti Pazienti con elevata percentuale di recettori ormonali: Histoscore > 80 con > 30% ER-positive cells Allred score 6-8 Le pazienti con elevata percentuale di recettori ormonali sono candidate a una minor risposta ai trattamenti chemioterapici (pcr [pathological complete remission] = 5-10%)

4 Primaria (esclusiva) Razionale per l ormonoterapia Pazienti anziane con controindicazioni maggiori alla chirurgia ed alla chemioterapia Laddove possibile, la chirurgia dovrebbe essere preferita alla radioterapia per un maggior controllo locale (Mauri, JNCI 2005) Preoperatoria Pazienti con controindicazioni maggiori alla chemioterapia; Chirurgia successiva

5

6 Tamoxifen

7 Trattamento neoadiuvante con Tamoxifene Studi di fase II in pazienti anziane: RR = 41-81% Due ampi studi randomizzati: (TAM vs SURGERY TAM) : Italian GRETA (Group for Research on Endocrine Therapy in the Elderly) British CRC (Cancer Research Campaign) Mustacchi, Ellis, 2000

8 Ormonoterapia esclusiva? GRETA (tumori piccoli) Non differenze in termini di sopravvivenza CRC (UK; tumori di > dimensioni) Aumento della sopravvivenza con chirurgia + tamoxifene Pts < 75 anni: la chirurgia di prima istanza riduce la mortalità in modo significativo (hazard ratio = 0.66) [Combined data from the GRETA and CRC trials ASCO 1998 ; abstr. 383]

9 Published Randomized Trial with TAM Reference Design Pts TAM Surgery Follow up failure failure Gazet TAM alone % local 37.5% local 36 mths (Lancet 1988 Eur J Surg Oncol 1994) Vs Surgery 13% distant 18% distant OS: p= ns Robertson (Eur J Cancer 1992 BMJ 1988) TAM alone Vs wedge mastectomy % local 10% distant 23% local 19% distant 36 mths OS: p= ns Bates (Br J Surg 1991) TAM alone Vs optimal S +TAM 381 ER UNK. 35% local 20.5% local 34 mths OS: p= n.s Mustacchi (Anticancer Res 1994) TAM alone Vs S TAM % local 8% distant 6% local 14% distant 36 mths OS: P= ns Beresford, Canc. Treat. Rew. 2007

10 Published NON Randomized Trial with TAM Beresford, Canc. Treat. Rew Reference Design Patients Pts Results Preece, 1982 TAM alone > 75 aa or frail 67 27% RC - 21% RP 25% SD Helleberg, 1982 TAM alone Stage I/II elderly 27 56% RC 26% RP/SD Bradbeer-Kyngdon, 1983 TAM alone > 70 aa % RC 34% RP Allan, 1985 Akhtar, 1991 TAM alone Elderly (median 76 aa) % RC 28% RP Margolese-Foster, 1989 TAM alone Elderly or frail or refuse surgery 30 17% RC - 47% RP 27% SD Falk, 1989 TAM alone High operative risk 43 33% RR Pain, 1990 T alone vs T+nandrolone > 70 aa 51 47% R tam 60% R tam + Nan Anderson, w TAM > 4 cm operable 61 39% signif. Regress. Hoff 3-6 month TAM > 75 aa or 47 47% RR at 6 m. 6% RC

11 Anastrozolo Studio IMPACT Studio PROACT

12 IMmediate - Preoperative Arimidex, Tamoxifen, or Combined ombined with Tamoxifen (IMPACT) 330 Intent to Treat patients 2 cm Random Pretreatment surgical assessment for Mastectomy or BCS* Anastrozole 113 Tamoxifen 108 Combination 109 Surgery 3 months * Breast conserving surgery Smith IE. Et al. J Clin Oncol, 2005

13 Objective Response (%) Overall Population (330 Intent to Treat) 50 Clinical 50 Ultrasound 40 37% 36% 39% 40 OR (%) OR (%) % 20% 28% A T C A T C A v T: OR 1.05 (0.61, 1.81) p=0.87 C v T: OR 1.15 (0.67, 2.00) p=0.61 A v T: OR 1.23 (0.65, 2.32) p=0.53 C v T: OR 1.48 (0.79, 2.79) p=0.22 Smith IE. Et al. J Clin Oncol, 2005

14 Conversion to Breast Conserving Surgery (%) 50 46% Improvement rate (%) % 26% 21/46 8/36 11/42 A T C *some pts still opted for mastectomy A v T: OR 2.94 (1.11, 7.81) p=0.03 * C v T: OR 1.24 (0.44, 3.53) p=0.68 Smith IE. et al. J Clin Oncol, 2005

15 Clinical Response (%) in HER2+ Tumours (34 out of 239 pts Treated Per Protocol) % Calliper OR (%) % 31% 7/12 2/9 4/13 0 A T C A v T: OR 4.90 (0.70, 34.30) p=0.09 C v T: OR 1.56 (0.22, 11.09) p=0.66 Smith IE et al. J Clin Oncol, 2005

16 Percentage Ki67 Change (95% CI) from Baseline* During Treatment 0 Weeks Ki A v T p=0.004 A v T p<0.001 * Via transformation of geometric mean proportion of baseline Smith IE et al. J Clin Oncol, 2005 Anastrozole Tamoxifen Combination

17 Relationship Between Ki67 Change and Objective Clinical Response Responders Non-responders 2 Weeks 12 Weeks Ki Anastrozole Tamoxifen Combination All p=0.013 p=0.735 p=0.188 p=0.655 Ki Anastrozole Tamoxifen Combination All p=0.194 p=0.157 p=0.106 p=0.771 Smith IE et al. J Clin Oncol, 2005

18 Conclusioni Risposte Obiettive: Non differenze significative Conversione a chirurgia conservativa: A > T = C Risposte Obiettive in HER-2+: A > T = C Modificazioni Ki-67: A >> T = C - a 2 settimane correlano con la risposta clinica solo nel braccio con Tamoxifene. - Nel braccio con anastrozolo le variazioni si dimostrano importanti anche nei non-responders:... Il Ki-67 potrebbe essere considerato un end-point in grado di predire il beneficio dell uso dell anastrozolo anche nel setting adiuvante

19 PROACT trial PRe-Operative therapy with Anastrozole in Comparison with Tamoxifene Tumori grandi operabili Durata: 3 mesi Popolazione complessiva: 451 pts (ammessa la CT) Sola ormonoterapia: 314 pts Cataliotti L et al. Cancer, 2006

20 Objective Response Rate (ORR) 60 Global population 60 Only hormonal therapy ORR (%) ORR (%) /228 79/223 Anastrozole (A) Tamoxifen (T) /163 Anastrozol (A) 40/151 Tamoxifen (T) A v T: 1.24 (0.84, 1.83) p=0.29 A v T: 1.57 (0.97, 2.55) p=0.07 Cataliotti L. et al. Cancer. 2006

21 Surgical Improvement 60 % Surgical improvement (inoperable at basal valuation: eligible to surgery) /142 37/120 Anastrozole (A) Tamoxifen (T) A v T: 1.69 (1.01, 2.81) p =0.04 Cataliotti L. et al. Cancer, 2006

22 Conclusioni L Anastrozolo è un farmaco attivo anche nel setting neoadiuvante in donne in post-menopausa con recettori ormonali positivi L Anastrozolo somministrato per 3 mesi riduce le dimensioni della massa tumorale e permette un trattamento chirurgico successivo anche in pazienti giudicate precedentemente inoperabili.

23 Letrozolo

24 DOUBLE BLIND RANDOMIZED STUDY OF PREOPERATIVE TAMOXIFEN VERSUS LETROZOLE (trial P024) ER and/or PgR positive Postmenopausal Not eligible for breast conservation 3 cm TAMOXIFEN 4 MONTHS LETROZOLE 4 MONTHS SURGERY Treatment at investigators discretion Objectives: Response rates by clinical measurement Rates of breast conserving surgery Response rate by ultrasound and mammography Safety

25 Outcomes in O24 % Patients responding to therapy p< % 36% Letrozole p<0.001 Tamoxifen p=0.042 p= % 25% 34% 17% 45% 35% Clinical Mammography Ultrasound Breast Conservation

26 O24: Response in ErbB1 and/or ErbB2 Positive Cancers % Letrozole Tamoxifen

27 Ki67 Changes With Tamoxifen or Letrozole in ER+, ErbB1, and/or ErbB2+ Breast Cancer P= P= Percent Ki Pre Tamoxifen Post Tamoxifen Pre Letrozole Post Letrozole Ellis et al: JCO, 2001.

28 Conclusioni Il Letrozolo si dimostra superiore al tamoxifene nel setting neoadiuvante Il Letrozolo è più efficace del tamoxifene con un 60% RR e un 48% di casi ricondotti alla chirurgia conservativa (per i casi confermati ER/PgR+) Il Letrozolo è significativamente superiore al tamoxifene (88% vs 21%, p=0.0004) in pazienti con HER-2 + Il Letrozolo produce maggiori modificazioni dell indice di proliferazione rispetto al tamoxifene

29 Exemestane

30 Neoadjuvant Exemestane vs Tamoxifen Semiglazov et al, ASCO pts Exemestane Tamoxifen 100 p<0.05 p< % Patients % 40% Clinical Response 37% 20% Breast Conserving Surgery

31 Trials comparing AI with TAM Trial Design PTS AI results TAM results p- Value Reference Letrozole 024 Let vs Tam x 4 mth pre S 337 postm ER e/o PgR + 55% Cl.Res 36% Cl.Res < Eiermann, 2001 IMPACT Ana vs Tam Vs A+T x 12 w. 330 postm ER e/o PgR + 37% Cl.Res 44% BCS 36% Cl.Res 31% BCS = 0.87 = 0.23 Smith, 2005 PROACT Ana vs Tam 314 postm 36.2% RR 26.5% RR = 0.07 Cataliotti, ER e/o PgR + only ET 43% BCS 31% BCS = Exe study Exe vs Tam x 3 mth pre S 151 postm ER + 76% RR 37% BCS 40% RR 20% BCS = 0.05 = 0.05 Semiglazov 2005 Beresford, Canc. Treat. Rew. 2007

32 Conclusioni 1. La terapia endocrina neoadiuvante è da considerarsi per il downstaging di tumori localmente avanzati e tumori operabili di grandi dimensioni. In seguito al trattamento, tumori mammari inoperabili ab initio spesso divengono resecabili e tumori inizialmente candidati alla mastectomia possono essere sottoposti con successo a terapia chirurgica conservativa.

33 Conclusioni La terapia ormonale neoadiuvante è una valida opzione terapeutica non solo per pazienti con comorbilità tali da controindicare la chemioterapia ma può anche essere considerata un alternativa alla chemioterapia in donne in postmenopausa con elevata espressione dei recettori ormonali. Fondamentale è la selezione delle pazienti per ottimizzare il trattamento neoadiuvante.

34 Domande aperte

35 AI o TAM? AI si dimostrano superiori al TAM per: Risposte cliniche Percentuale di chirurgia conservativa AI sono più efficaci del TAM in: Tutti i tumori che hanno bassi livelli di ER+ e Erb-B1/2+

36 Domande aperte

37 Durata I trials in neoadiuvante con gli AI prevedono il trattamento dei pazienti per 3-4 mesi al termine dei quali molti tumori hanno risposto in modo tale da poter essere sottoposti a chirurgia conservativa. La maggior parte delle pazienti responsive alla terapia a 3 mesi con letrozolo ottiene un ulteriore riduzione del volume tumorale proseguendo con il trattamento fino a 12 mesi. CR 3 mesi 9.5% 6 mesi 29% 12 mesi 36% Edinburgh experience (UK) ; Abstr San Antonio 2004

38 Domande aperte

39 Chemo-endocrino terapia? La somministrazione concomitante di Exemestane con basse dosi di chemioterapia (epirubicina o taxani) ha dimostrato un elevata attività citotossica in studi preclinici - Studi ongoing: GEPARDUO ( celecoxib ECTO II (±

40 CT + OT o CT? GEPARDUO Doxorubicina 50 mg/mq Docetaxel 75 mg/mq Ogni 2 settimane x 4 cicli ± TAM 250 pts, T > 3 cm pcr= 10.3% vs 9.1%

41 CT + OT o CT? ECTO II Chemioterapia + Concomitanti Inibitori dell aromatasi E.g. Exemestane + epirubicina o taxani ± celecoxib

42 Il trattamento ormonale in neoadiuvante può essere preso in considerazione anche in donne in premenopausa?

43 EORTC Pre - or post - menopausal, Stage I or II operable, ER + ve or unknown FULVESTRANT IM PLACEBO IM Surgery between day 8 and pts randomized - Objective: 1 single fulvestrant can reduce development of mts and improve DFS and OS?

44 San Antonio 2007

45 # 23: Kuter I et al. Fulvestrant 500 mg vs 250 mg: first results from NEWEST, a randomized, phase II neadjuvant trial in posmenopausal womwn with locally advanced, estrogen receptor-positive breast cancer: Schedula: mg ogni 28 giorni vs mg ogni 28 giorni (+ 500 mg al 14 giorno il primo mese) Misurazione:- core biopsy T0-T4w chirurgia T16w End Point I : - riduzione del Ki 67 LI dopo 4 settimane

46 Fulvestrant 500 mg vs 250 mg: first results from NEWEST, a randomized, phase II neadjuvant trial in posmenopausal womwn with locally advanced, estrogen receptorpositive breast cancer: Pazienti: con 500 mg/month -102 con 250 mg/month Risultati: - Con 500 mg si ha una riduzione del Ki 67 LI e delle dimensioni tumorali maggiore del 50% vs 250 mg - ORR cliniche a 16 settimane: - 22% 500 mg - 20% 250 mg - ORR strumentali a 16 settimane: - 36% 500 mg - 30% 250 mg Tolleranza: sovrapponibile per entrambe le formulazioni

47 # 2066-poster 4006: Baselga J et al. Phase II double-blind randomized trial of daily oral RAD 001 (everolimus) plus letrozole (LET) or placebo (P) plus LET as neoadjuvant therapy for ER + breast cancer RAD001 (Everolimus): inibitore del complesso mtor (la sua attivazione induce resistenza all endocrinoterapia) Schedula: - LET 2.5 mg/d + RAD mg/d x 16 sett. vs - LET 2.5 mg/d + Placebo x 16 sett. Misurazioni: - core biopsy T0-T1 (15 d) chirurgia T16 w End point I : - OR clinica

48 Phase II double-blind randomized trial of daily oral RAD 001 (everolimus) plus letrozole (LET) or placebo (P) plus LET as neoadjuvant therapy for ER + breast cancer Pazienti: RAD001 + LET Placebo + LET Risultati: - OR clinica: 68.1% RAD001 + LET RC: 13% - OR clinica: 59.1% Placebo + LET RC: 9.1% - OR strumentale (US): 58% vs 47% Tolleranza: G3/4: 22% RAD001 + LET vs 3.8% P + LET - iperglicemia (7) - stomatiti (3) - fatigue (2) - polmoniti (3) - infezioni (3) - PLTpenia (2) - ipocalliemia (2) - ALT (2) 46.4% interruzioni x RAD001 + LET vs 18.9 P + LET

49 # 2087: Frassoldati A et al. LET-LOB: Preoperative letrozole plus lapatinib or placebo in hormone-receptor positive HER2 negative operable breast cancer. Preliminary report of activity and cardiac tolerability. Schedula: - LET 2.5 mg/d + LAP 1500 mg/d x 6 months vs - LET 2.5 mg/d + P x 6 months Misurazioni: - clinica e strumentale (US) all inizio e dopo 3 e 6 mesi End point I : - OR cliniche e strumentali

50 LET-LOB: Preoperative letrozole plus lapatinib or placebo in hormonereceptor positive HER2 negative operable breast cancer. Preliminary report of activity and cardiac tolerability. Pazienti: - 26 di cui 15 valutabili per almeno 3 mesi di trattamento Risultati: - RC (US): - 0% a 3 m - N.V. a 6 m - RP (US): - 30% a 3 m - 80% a 6 m Tolleranza: - NON tossicità G3/4 - NON tossicità cardiaca

51 Ongoing Studio ACOSOG Z1031: Comparazione diretta fra: -letrozolo -anastrozolo -exemestane

Editoriali. Endocrinoterapia neoadiuvante nel carcinoma della mammella localmente avanzato

Editoriali. Endocrinoterapia neoadiuvante nel carcinoma della mammella localmente avanzato Editoriali Vol. 99, N. 1, Gennaio 2008 Pagg. 34-38 Endocrinoterapia neoadiuvante nel carcinoma della mammella localmente avanzato Gian Paolo Spinelli 1, Federica Tomao 2, Evelina Miele 3, Giulia Pasciuti

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO

MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO 1/7 MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO Nome Commerciale AFINITOR Principio Attivo everolimus Ditta Produttrice Novartis Farma spa ATC L01XE10 Formulazione Compresse Dosaggio

Dettagli

Le terapie neoadiuvanti

Le terapie neoadiuvanti Le terapie neoadiuvanti Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia TERAPIA NEOADIUVANTE definizione SINONIMI: TERAPIA PRIMARIA TERAPIA PREOPERATORIA DEFINIZIONE: trattamento medico somministrato prima

Dettagli

EXEMESTANE. Dalla malattia metastatica al trattamento adiuvante del carcinoma mammario. Simona. Maria. Anna

EXEMESTANE. Dalla malattia metastatica al trattamento adiuvante del carcinoma mammario. Simona. Maria. Anna S l i d e K i t EXEMESTANE Dalla malattia metastatica al trattamento adiuvante del carcinoma mammario Anna Maria Simona S l i d e K i t EXEMESTANE Dalla malattia metastatica al trattamento adiuvante del

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità. a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati (Ferrara)

La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità. a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati (Ferrara) Protocollo diagnostico-terapeutico per le Pazienti con carcinoma mammario La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

EVEROLIMUS - AFINITOR

EVEROLIMUS - AFINITOR giunta regionale Allegato D al Decreto n. 119 del 12 maggio 2015 pag. 1/10 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED EVEROLIMUS - AFINITOR Indicazione in esame: Everolimus

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani

Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani Probabilità nella Popolazione Generale Carcinoma mammario 11% Carcinoma dell ovaio 0.7% PERCHE UNA CONSULENZA GENETICA ONCOLOGICA?

Dettagli

Long survivors in MBC Biologia e scelte terapeutiche Caso clinico: CT vs OT

Long survivors in MBC Biologia e scelte terapeutiche Caso clinico: CT vs OT Long survivors in MBC Biologia e scelte terapeutiche Caso clinico: CT vs OT Davide Pianalto - Oncologia Medica Ospedale Moriggia Pelascini Gravedona, 22.10.10 Caso clinico: OT vs CT a) Donna 40 anni, nessuna

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi

Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi HER2Club in gastric cancer Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi Anche quest anno il consueto appuntamento di aggiornamento per gli oncologi di tutto il

Dettagli

Indicatori sulla terapia di oncologia medica

Indicatori sulla terapia di oncologia medica Indicatori sulla terapia di oncologia medica Michela Donadio Oncologia Medica Senologica Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino Torino, 2 dicembre 20 Terapie mediche neoad/adiuvanti:

Dettagli

PRI E-R Programma Ricerca e Innovazione Emilia-Romagna RACCOMANDAZIONI SULLA TERAPIA ADIUVANTE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

PRI E-R Programma Ricerca e Innovazione Emilia-Romagna RACCOMANDAZIONI SULLA TERAPIA ADIUVANTE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA PRI E-R Programma Ricerca e Innovazione Emilia-Romagna RACCOMANDAZIONI SULLA TERAPIA ADIUVANTE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA - Chemioterapia adiuvante contenente taxani nelle pazienti con carcinoma mammario

Dettagli

Documento PTR n. 134 relativo a:

Documento PTR n. 134 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 134 relativo a: PACLITAXEL ALBUMINA Agg. Marzo 2013 Luglio 2011

Dettagli

Alimentazione e Tumore della Mammella essere in forma Ti con gusto

Alimentazione e Tumore della Mammella essere in forma Ti con gusto Convegno 26 Maggio 2012 Sala E. De Pasquale del Palazzo Comunale di Latina Alimentazione e Tumore della Mammella essere in forma Ti con gusto Dott. Enzo Veltri Direttore U.O.C Oncologia Latina 1 Mortalità

Dettagli

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Più del 20% degli interventi sono ritenuti non soddisfacenti dalle pazienti.

Dettagli

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC METASTASI CEREBRALI DA CA MAMMELLA 10-30% delle pazienti con tumore mammario in fase avanzata Insorgono tardivamente nella storia naturale della malattia

Dettagli

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA Luigi Salvagno U.O. di Oncologia ANATOMIA DELLA GHIANDOLA MAMMARIA PROGRESSIONE TUMORALE La progressione neoplastica richiede

Dettagli

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica:

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica: TRASTUZUMAB per l'indicazione: in associazione ad un inibitore dell aromatasi nel trattamento di pazienti in postmenopausa affetti da carcinoma mammario metastatico positivo per i recettori ormonali, non

Dettagli

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione SINOSSI TITOLO Studio di fase I-II con Lapatinib in combinazione con capecitabina e vinorelbina come seconda linea di trattamento in pazienti con carcinoma mammario con iperespressione di ErbB2 localmente

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO Il rapporto tra ormoni e carcinomi della mammella ormonodipendenti venne dimostrato per la prima volta nel 1896 da Beatson. L ovariectomia determinava

Dettagli

Il punto di vista del clinico

Il punto di vista del clinico Il punto di vista del clinico Giulio Metro S.C. Oncologia Medica Ospedale Santa Maria della Misericordia, Azienda Ospedaliera di Perugia Registri di monitoraggio AIFA: stato dell arte ed esperienze a confronto

Dettagli

Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto

Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto La Radioterapia post-mastectomia nel carcinoma della mammella Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto LA RADIOTERAPIA POST-MASTECTOMIA I QUESITI perchè in quali pazienti sempre dopo chemioterapia

Dettagli

I nuovi farmaci hanno modificato la storia naturale della malattia?

I nuovi farmaci hanno modificato la storia naturale della malattia? AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA I nuovi farmaci hanno modificato la storia naturale della malattia? Monica Indelli U.O. Oncologia Clinica Ferrara 8 giugno 2013 La storia naturale negli ultimi

Dettagli

Eudract 2007-004326-25. Ricercatore Responsabile dello studio: Prof. PierFranco Conte Dip di Onoclogia ed Ematologia- Università di Modena

Eudract 2007-004326-25. Ricercatore Responsabile dello studio: Prof. PierFranco Conte Dip di Onoclogia ed Ematologia- Università di Modena ShortHER: TRATTAMENTO ADIUVANTE CON HERCEPTIN PER 3 MESI VERSO 12 MESI, IN ASSOCIAZIONE CON 2 DIFFERENTI REGIMI DI CHEMIOTERAPIA, NELLE PAZIENTI CON CARCINOMA MAMMARIO HER2 POSITIVE Eudract 2007-004326-25

Dettagli

Formazione interattiva multidisciplinare Torino, 19 giugno 2009 San Gallen 2009 Marinella Mistrangelo COES- Molinette Torino

Formazione interattiva multidisciplinare Torino, 19 giugno 2009 San Gallen 2009 Marinella Mistrangelo COES- Molinette Torino Formazione interattiva multidisciplinare Torino, 19 giugno 2009 San Gallen 2009 Marinella Mistrangelo COES- Molinette Torino Ormonoterapia in postmenopausa St.Gallen Breast Cancer experts panel: Seeking

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

upon EXEMESTANE Aggiornamento dalla letteratura update in oncology

upon EXEMESTANE Aggiornamento dalla letteratura update in oncology upon update in oncology EXEMESTANE Aggiornamento dalla letteratura EXEMESTANE Aggiornamento dalla letteratura Copyright 2009 by Elsevier Srl Elsevier Srl Via Paleocapa, 7 20121 Milano, Italia Tel. 02

Dettagli

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani Trial clinici in oncologia Corrado Magnani Check-list Protocollo Definizione degli obiettivi Chiarezza Aggiornamento rispetto alle conoscenze scientifiche Non replicazione / giustificazione Formulazione

Dettagli

Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale. Simona Duranti durantisimona@virgilio.it. Progetto Canoa Carcinoma Mammario

Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale. Simona Duranti durantisimona@virgilio.it. Progetto Canoa Carcinoma Mammario Progetto Canoa Carcinoma Mammario Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale Simona Duranti durantisimona@virgilio.it Ospedale Sacro Cuore Don Calabria Negrar Verona 22-23 marzo

Dettagli

Le nuove molecole in oncologia prostatica. Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta

Le nuove molecole in oncologia prostatica. Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta Le nuove molecole in oncologia prostatica Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta Castration 2013 Abiraterone 1996 Mitoxantrone 2004 Docetaxel Death Tumor volume Local Therapy

Dettagli

Intelligenti ma Costosi? Appropriatezza e Sostenibilita

Intelligenti ma Costosi? Appropriatezza e Sostenibilita Intelligenti ma Costosi? Appropriatezza e Sostenibilita dei nuovi farmaci Targeted Prof. Francesco Cognetti Direttore, Dipartimento di Oncologia Medica IRE - Istituto Nazionale Tumori Regina Elena, Roma

Dettagli

Dr.ssa Enola Maria Vezzani

Dr.ssa Enola Maria Vezzani III ZOOM Journal Club 2013 NH Hotel Bologna 21 Febbraio 2014 Radioterapia loco-regionale nelle pazienti sottoposte a chemioterapia neoadiuvante Dr.ssa Enola Maria Vezzani U.O Radioterapia Oncologica di

Dettagli

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel.

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa) Forma farmaceutica:

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della modifica di riassunto delle caratteristiche del prodotto

Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della modifica di riassunto delle caratteristiche del prodotto Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della modifica di riassunto delle caratteristiche del prodotto, etichettatura e foglio illustrativo presentati dall Agenzia europea per i medicinali 6 Conclusioni

Dettagli

ONCOGERIATRIA. Qualità e quantità della vita: una problematica clinica. Lazzaro M Repetto SC Oncologia - Ospedale Sanremo

ONCOGERIATRIA. Qualità e quantità della vita: una problematica clinica. Lazzaro M Repetto SC Oncologia - Ospedale Sanremo ONCOGERIATRIA Qualità e quantità della vita: una problematica clinica Lazzaro M Repetto SC Oncologia - Ospedale Sanremo REMESSA Incidenza e Mortalità per Tumore sono in calo Questo è vero per il giovane

Dettagli

Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008

Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008 Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008 Definizione di debulking Oncologica Resecare almeno il 90% del burden tumorale

Dettagli

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA In pazienti con carcinoma polmonare NSCLC in fase iniziale operabile, la chemioterapia adiuvante, aggiunta

Dettagli

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali Dieci anni di linfonodo sentinella: un primo bilancio L. Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia, Locarno Seno Forum 2010, Lugano Linfonodo sentinella Le metastasi linfonodali sono il fattore prognostico

Dettagli

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5 Contenuto ER MITO Epidemiologia e diagnosi biomolecolare le malattie mitocondriali in Emilia PUMANER1301 Studio comparativo tra neratinib più capecitabina in pazienti con carcinoma mammario metastatico

Dettagli

PERTUZUMAB - PERJETA

PERTUZUMAB - PERJETA giunta regionale Allegato C al Decreto n. 119 del 12 maggio 2015 pag. 1/9 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED PERTUZUMAB - PERJETA Indicazione in esame: Pertuzumab (Perjeta

Dettagli

Association Rare Tumor

Association Rare Tumor Association Rare Tumor PARP-INHIBITORS E TUMORI RARI Il laboratorio nel percorso di cura L interpretazione del clinico Dr Stefania Marsili UOC Oncologia Medica Azienda Ospedaliera Universitaria Senese

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto anni 35 - sintomatica EO: nodulo in regione infero-centrale Mammografia: quadro negativo

Dettagli

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano!

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano! GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO! WORLD NO -TOBACCO DAY 2015! ISS - Roma, 29 maggio 2015! Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto

Dettagli

IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE. A. Sardaro

IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE. A. Sardaro IL CANCRO DELLA MAMMELLA MASCHILE A. Sardaro Epidemiologia Rappresenta circa 1% di tutti i carcinomi mammari e

Dettagli

Terapie mediche adiuvanti

Terapie mediche adiuvanti Terapie mediche adiuvanti Michela Donadio Responsabile SSCVD Oncologia Medica Senologica Breast Unit A.O.U Città della Salute e della Scienza Carcinoma della mammella Prevenzione, terapie adiuvanti e riduzione

Dettagli

Introduzione. Dr Daniele Farci S.C. Oncologia Medica Ospedale Oncologico Businco - Cagliari Coordinatore AIOM Sardegna

Introduzione. Dr Daniele Farci S.C. Oncologia Medica Ospedale Oncologico Businco - Cagliari Coordinatore AIOM Sardegna Introduzione Dr Daniele Farci S.C. Oncologia Medica Ospedale Oncologico Businco - Cagliari Coordinatore AIOM Sardegna Il Trastuzumab ha cambiato la storia naturale del carcinoma mammario metastatizzato

Dettagli

Il Tumore della mammella a Ferrara:stato dell'arte e innovazione

Il Tumore della mammella a Ferrara:stato dell'arte e innovazione Il Tumore della mammella a Ferrara:stato dell'arte e innovazione La radioterapia intra-operatoria nel carcinoma mammario: presente e futuro Dr. Antonio Stefanelli U.O. Radioterapia Oncologica Az. Osp.

Dettagli

CARCINOMA DELLA MAMMELLA

CARCINOMA DELLA MAMMELLA CARCINOMA DELLA MAMMELLA TRATTAMENTO LOCO REGIONALE e ADIUVANTE NEOPLASIE INTRAEPITELIALI DELLA MAMMELLA Neoplasia Lobulare Intraepiteliale (LIN 2-3) Nessun trattamento (dopo la diagnosi) Resezione mammaria

Dettagli

Tumore mammario metastatico (I linea di terapia)

Tumore mammario metastatico (I linea di terapia) Documento PTR n.99 Raccomandazioni d'uso Tumore mammario metastatico (I linea di terapia) Bevacizumab Direzione Generale alla Sanità e alle Politiche Sociali Raccomandazioni d uso n. 5/2010 Rev. luglio

Dettagli

La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata

La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata Lara Bettinzoli Recentemente sono stati pubblicati i risultati di uno studio sulla terapia adiuvante del carcinoma mammario nelle pazienti

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO 1 PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO RECIDIVA LOCO-REGIONALE Dopo mastectomia, si definisce locale la ripresa della malattia a livello della cicatrice chirurgica o a livello

Dettagli

Le nuove strategie per sconfiggere il cancro della mammella

Le nuove strategie per sconfiggere il cancro della mammella DUE WORKSHOP INTERNAZIONALI FANNO IL PUNTO DELLA SITUAZIONE Aumentano le possibilità di cura tanto nel tumore localizzato quanto in quello in stadio avanzato. In particolare l attenzione è rivolta agli

Dettagli

I TUMORI STROMALI GASTROINTESTINALI (GIST) Dr Agostino Ponzetti S.C. Oncologia Medica 1 Città della Salute e della Scienza

I TUMORI STROMALI GASTROINTESTINALI (GIST) Dr Agostino Ponzetti S.C. Oncologia Medica 1 Città della Salute e della Scienza I TUMORI STROMALI GASTROINTESTINALI (GIST) Dr Agostino Ponzetti S.C. Oncologia Medica 1 Città della Salute e della Scienza SOMMARIO TRATTAMENTO ADIUVANTE DOPO RESEZIONE NUOVI FARMACI NELLA MALATTIA METASTICA

Dettagli

Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA OSPEDALE BUSINCO

Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA OSPEDALE BUSINCO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Farci Daniele Data di nascita 04/06/1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI CAGLIARI Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA

Dettagli

LA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA NOVITA E CONTROVERSIE ASCO 2015 TUMORI TESTA-COLLO

LA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA NOVITA E CONTROVERSIE ASCO 2015 TUMORI TESTA-COLLO LA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA NOVITA E CONTROVERSIE ASCO 2015 TUMORI TESTA-COLLO Dott.ssa Marina Schena SC Oncologia Medica I AOU Città della Salute e della Scienza di Torino Head and

Dettagli

La spesa economica a carico del SSN per la patologia carcinoma a cellule renali metastatico

La spesa economica a carico del SSN per la patologia carcinoma a cellule renali metastatico La spesa economica a carico del SSN per la patologia carcinoma a cellule renali metastatico Stefano Capri, Alessia Marocco IJPH - Year 9, Volume 8, Number 3, Suppl. 2, 2011 Revisione della letteratura

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS. LA TERAPIA NEOADIUVANTE: il ruolo dell associazione chemioradioterapica

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS. LA TERAPIA NEOADIUVANTE: il ruolo dell associazione chemioradioterapica GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS LA TERAPIA NEOADIUVANTE: il ruolo dell associazione chemioradioterapica Documento redatto da: Dr.ssa J. Fiore Dr.ssa A. Novarino Prof.U. Ricardi Oncologia Medica I.

Dettagli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli VALUTAZIONE DEL PESO E CONTROLLO DELLA GLICEMIA NEI DIVERSI SOTTOTIPI MOLECOLARI DEL CANCRO DELLA MAMMELLA. Background Negli

Dettagli

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia La crescita tumorale Classification Evoluzione dei trattamenti RR OS Sites of therapy STAGE II In colon cancer patients

Dettagli

La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia

La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia Dr. Raffaele Addeo U.O.C. Oncologia Frattamaggiore (NA) Benevento, 5 ottobre 2012 Introduzione La chemioterapia sistemica, divenuta

Dettagli

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici Percorsi e processi organizzativi nei trattamenti integrati dei tumori gastrointestinali Associazione Dossetti Roma, 25-26 ottobre 2011 Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Dettagli

Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici. 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1

Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici. 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1 Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1 Check-list per la lettura di un protocollo di trial clinico Protocollo Definizione degli obiettivi

Dettagli

GIOVANNELLI SIMONA s.giovannelli@usl2.toscana.it

GIOVANNELLI SIMONA s.giovannelli@usl2.toscana.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail GIOVANNELLI SIMONA s.giovannelli@usl2.toscana.it Nazionalità italiana Data di nascita 02-12-1975 Date (da a) DAL 1 MARZO 2012

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

Pisa, 29 gennaio 2005. Umberto Veronesi. Un modello di sperimentazione clinica di successo: l evoluzione terapeutica dei tumori del seno

Pisa, 29 gennaio 2005. Umberto Veronesi. Un modello di sperimentazione clinica di successo: l evoluzione terapeutica dei tumori del seno Pisa, 29 gennaio 2005 Umberto Veronesi Un modello di sperimentazione clinica di successo: l evoluzione terapeutica dei tumori del seno Aspetti critici della ricerca biomedica Difficoltà a rinnovare la

Dettagli

Farmaci significativi per il miglioramento della qualità della vita Gemcitabina. Dr.ssa M.Cristina Santona Ospedale C.

Farmaci significativi per il miglioramento della qualità della vita Gemcitabina. Dr.ssa M.Cristina Santona Ospedale C. Farmaci significativi per il miglioramento della qualità della vita Gemcitabina Dr.ssa M.Cristina Santona Ospedale C. Zonchello NUORO GEMCITABINA 1996: terapia del NSCLC 1999: terapia nel carcinoma del

Dettagli

II Meeting Oncologico Lariano Long survivors in MBC

II Meeting Oncologico Lariano Long survivors in MBC II Meeting Oncologico Lariano Long survivors in MBC Caso clinico: triple positive Alberto Fumagalli Anno di nascita 1952 A.P.R.: ipertensione arteriosa in trattamento con beta-bloccante. Gennaio 1989 Biopsia

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

Terapia in fase Avanzata

Terapia in fase Avanzata IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO 14 OTTOBRE 2011, ROMA Terapia in fase Avanzata Maria Sofia Rosati Oncologia A Policlinico Umberto I Roma Numeri.. e persone!! ***Solo il 56% *50% dei pz con CRC è over 70 degli

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Fasi dello studio Disegni di ricerca sperimentale Barbara Gorini, Investigator Site Development Lead, Development Operations- Pfizer ITALIA

Dettagli

CARCINOMA MAMMARIO HER2 POS - CASO CLINICO-

CARCINOMA MAMMARIO HER2 POS - CASO CLINICO- 11 11 Corso di aggiornamento in Oncologia e Ematologia CARCINOMA MAMMARIO HER2 POS - CASO CLINICO- Dott.ssa Silvia Sanguineti Sestri Levante, 18 maggio 2013 CASO CLINICO Donna di 41 anni alla diagnosi

Dettagli

Novità nel trattamento della malattia HER2+

Novità nel trattamento della malattia HER2+ PER UNA VITA COME PRIMA 7A EDIZIONE SABATO 11 MAGGIO 2013 Ospedale Sacro Cuore - Don Calabria Negrar (VR) Novità nel trattamento della malattia HER2+ Stato dell arte e prospettive Antonio Frassoldati Oncologia

Dettagli

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO COME E QUANDO GLI ASPETTI TECNICI DEI PROTOCOLLI POSSONO-DEVONO ESSERE OGGETTO-ARGOMENTO DI DECISIONI ETICHE? Fausto Roila Oncologia Medica, Terni NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE.

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE. PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE. 1. Stadiazione La stadiazione della paziente con tumore della mammella iniziale comprende l esame obiettivo, un emocromo e un

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Documenti per lo studio Giuseppe Caracciolo, Cardiologist e Clinical Research Physician, Menarini Ricerche Alessandra Milani, Coordinatore

Dettagli

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di laurea in CTF Corso: Basi biochimiche dell azione dei farmaci Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Pisa, 27/03/2014 Samuela Fabiani

Dettagli

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Che cos è Prolaris? Una misura molecolare diretta della

Dettagli

Update sulla terapia ormonale nel carcinoma della mammella

Update sulla terapia ormonale nel carcinoma della mammella Update sulla terapia ormonale nel carcinoma della mammella Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innova8ve Bologna 21 febbraio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST Istituto Nazionale

Dettagli

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella!

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella! Il trattamento stereotassico delle lesioni surrenaliche in pazienti oligometastatici affetti da NSCLC: una promettente arma per il controllo locale di malattia?! E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore,

Dettagli

Terapia target Nel melanoma maligno avanzato

Terapia target Nel melanoma maligno avanzato Terapia target Nel melanoma maligno avanzato La gestione del melanoma alla luce delle nuove evidenze Torino 07/11/2014 FABRIZIO CARNEVALE SCHIANCA DIVISIONE DI ONCOLOGIA MEDICA FPO IRCCS CANDIOLO. Outline

Dettagli

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA )

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) 1/6 MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) FARMACO IN ESAME Nome commerciale Inlyta Principio Attivo Axitinib Ditta Produttrice Pfizer Italia srl ATC L01XE17 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio 1 mg

Dettagli

Differenze di sopravvivenza e percorsi di diagnosi e trattamento in Europa

Differenze di sopravvivenza e percorsi di diagnosi e trattamento in Europa L impatto dei tumori sui sistemi sanitari: approcci ed esperienze a confronto Aula Marconi, CNR, P.le Aldo Moro, 7 - Roma 4 febbraio 2014 Differenze di sopravvivenza e percorsi di diagnosi e trattamento

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico

Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico C. Cocco 1, B. Caruso 1, E. Fiorio 2 1 Laboratorio Analisi (sede di BT) 2 Oncologia (sede di BT), AOUI,

Dettagli

IL CARCINOMA ESOFAGEO

IL CARCINOMA ESOFAGEO II Università degli tudi di Napoli Corso di laurea in Medicina e Chirurgia ede di Caserta IL CARCINOMA EOFAGEO A.A. 07/08 00 casi/anno ETIOLOGIA Alcol (per le forme squamose) Tabacco Dieta LEIONI PRECANCEROE

Dettagli

CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE:

CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE: CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE: QUALE STRATEGIA CLINICA? II Congresso Interregionale AIRO Piemonte-Liguria-Valle d Aosta Grinzane Cavour, 8 ottobre 201 1 Dimensioni del problema Dal

Dettagli

Commento a cura di Francesco Facciolo

Commento a cura di Francesco Facciolo Lee M. Krug, Harvey I. Pass, Valerie W. Rusch, Hedy L. Kindler, David J. Sugarbaker, Kenneth E. Rosenzweig, Raja Flores, Joseph S. Friedberg, Katherine Pisters, Matthew Monberg, Coleman K. Obasaju, and

Dettagli

Milano, 28-30 Ottobre 2015. Carlotta Buzzoni 1, Donella Puliti 1, Alessandro Barchielli 1, Marco Zappa 1 e Jonas Hugosson 2 per ERSPC Working2 Group

Milano, 28-30 Ottobre 2015. Carlotta Buzzoni 1, Donella Puliti 1, Alessandro Barchielli 1, Marco Zappa 1 e Jonas Hugosson 2 per ERSPC Working2 Group Approccio Incidence based mortality per la valutazione della riduzione di mortalità per carcinoma prostatico nello studio randomizzato europeo sullo screening per tumore della prostata (ERSPC) Milano,

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327 C U R R I C U L U M D O T T. S S A E L I S A G R O S S O NATA A CARLOFORTE IL 20/SETTEMBRE/1963 Residente a Quartu Sanr Elena, Viale Colombo, 226 09045 Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel.

Dettagli

La concentrazione delle immagini nella diagnostica radiologica: opportunità per lo screening oncologico

La concentrazione delle immagini nella diagnostica radiologica: opportunità per lo screening oncologico La concentrazione delle immagini nella diagnostica radiologica: opportunità per lo screening oncologico Daniele Regge Fondazione del Piemonte per l Oncologia IRCCS Candiolo-Torino Agenda Il programma Proteus

Dettagli