MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO"

Transcript

1 1/7 MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO Nome Commerciale AFINITOR Principio Attivo everolimus Ditta Produttrice Novartis Farma spa ATC L01XE10 Formulazione Compresse Dosaggio 5-10 mg Categoria Terapeutica Inibitori della proteina chinasi Afinitor è indicato per il trattamento del carcinoma mammario avanzato con stato recettoriale ormonale positivo, HER2/neu negativo, in combinazione con Indicazione oggetto di valutazione exemestane, in donne in postmenopausa in assenza di malattia viscerale sintomatica dopo recidiva o progressione a seguito di trattamento con un inibitore dell aromatasi non steroideo. Classe di rimborsabilità: H Ai fini delle prescrizioni a carico del SSN i centri utilizzatori dovranno compilare la scheda raccolta dati informatizzata di arruolamento che indica i pazienti Classificazione ai fini della rimborsabilità eleggibili e la scheda di follow-up e applicare le condizioni negoziali secondo le indicazioni pubblicate sul sito dell'agenzia, piattaforma web - all'indirizzo Medicinale soggetto a prescrizione medica limitativa, da rinnovare volta per volta, vendibile al pubblico su Classificazione ai fini della fornitura prescrizione di centri ospedalieri o di specialisti - Oncologo, internista (RNRL). 30 cpr da 5 mg = 2.144,34 Prezzo SSR* 30 cpr da 10 mg = 3.049,73 SI L eleggibilità del paziente prevede una diagnosi di carcinoma mammario, con stadio della malattia localmente avanzato non candidabile a trattamento locoregionale con intento curativo o metastatico. Inoltre lo status dei recettori ormonali (ER, PgR) deve essere positivo; lo status Her2/neu, valutato tramite analisi immunoistochimica e FISH, deve essere negativo. Può essere usato in prima linea, in terapia metastatica, in Registro AIFA pazienti con recidiva durante o dopo trattamento adiuvante con inibitore dell aromatasi non steroideo. Può essere usato fino alla quarta linea, in terapia metastatica, in pazienti con progressione durante o dopo un precedente trattamento con un inibitore dell aromatasi non steroideo. Le pazienti devono essere donne in menopausa, in assenza di metastasi viscerali sintomatiche e con funzionalità epatica normale (se compromessa, non oltre il grado Child Pugh B). Payment-by-results, con rimborso per le pazienti non Ulteriori condizioni negoziali responders a 6 mesi. *Prezzo SSN al netto degli sconti negoziali e dell IVA 10%

2 2/7 Parere CTRF L associazione di everolimus più exemestane ha dimostrato di migliorare la sopravvivenza libera da progressione (PFS) nelle pazienti affette da cancro in stato avanzato della mammella pretrattate con inibitori dell aromatasi non steroidei. Infatti le pazienti con la terapia combinata hanno mostrato una PFS mediana di 11,0 mesi contro 4,1 mesi del gruppo con il solo exemestane. Inoltre, benché non siano ancora disponibili i dati di sopravvivenza globale dell analisi finale, al raggiungimento di 200 decessi la mortalità è stata del 25,4% con la terapia combinata e del 32,2% con il solo exemestane. Nonostante siano evidenti i benefici derivanti dalla terapia con everolimus, questi andrebbero soppesati in considerazione della maggiore incidenza di eventi avversi rispetto al comparator. Gli eventi avversi più comuni, di grado 3/4, sono stati: stomatiti (8% nel gruppo con everolimus più exemestane vs. 1% nel gruppo con il solo exemestane), anemia (6% vs. <1%), dispnea (6% vs. <1%), iperglicemia (4% vs. <1%), stanchezza (4% vs. <1%) e polmonite (3% vs. 0%). Da sottolineare inoltre alcune criticità relative alla scelta del comparator dello studio, evidenziate anche nella Scientific Discussion dell EMA, che riporta che i pazienti inclusi nello studio, già pesantemente pretrattati, erano refrattari agli inibitori dell'aromatasi. Inoltre l EMA, come condizione all autorizzazione all immissione in commercio, ha richiesto all azienda la sottomissione dei risultati di un ulteriore studio, grazie al quale si possa confermare l effetto sinergico/aggiuntivo di exemestane alla terapia con everolimus. Il costo di un mese di terapia con everolimus in associazione ad exemestane è di circa e risulta nettamente superiore rispetto all alternativa da studio clinico (exemestane, costo per un mese di terapia pari a 59). Se paragonato anche alle altre alternative, quali tamoxifene e fulvestrant, il costo di un mese di terapia risulta essere comunque superiore. Nell ipotesi che il numero di pazienti eleggibili al trattamento per la Regione Veneto sia compreso tra 86 e 113 pazienti per anno e tenuto conto del payment by results a 6 mesi per i pazienti non responder (30% come da studio clinico), la spesa, una volta che il farmaco vada a regime, potrebbe essere compresa tra 2,2 e 2,9 milioni/anno. In conclusione Efficacia: al di là dei buoni risultati ottenuti dallo studio registrativo non è possibile stabilire il reale valore della terapia in quanto il comparator scelto non è il solo disponibile e l EMA stessa ha richiesto ulteriori evidenze. Sicurezza: profilo peggiore rispetto al comparator utilizzato nello studio clinico. Costo: incremento elevato rispetto alle alternative. Eventuali specifiche raccomandazioni sull'utilizzo potranno essere perfezionate dalla Rete Oncologica Veneta.

3 Meccanismo d azione e posologia Everolimus è un inibitore selettivo del mtor, una serin treonin chinasi chiave la cui attività è nota per essere sovraregolata in un numero di tumori nell uomo [1]. Everolimus si lega alla proteina intracellulare FKBP 12, formando un complesso che inibisce l attività di mtor complex 1 (mtorc1). L inibizione della via del segnale di mtorc1 interferisce con la traduzione e la sintesi di proteine riducendo l attività della protein chinasi S6 ribosomiale (S6K1) e della proteina eucariotica di legame del fattore 4E di allungamento della traduzione (4EBP 1), che regolano le proteine coinvolte nel ciclo cellulare, nell angiogenesi e nella glicolisi. Si ritiene che S6K1 fosforili il dominio funzionale 1 di attivazione del recettore per gli estrogeni, che è responsabile dell attivazione ligando indipendente del recettore. Everolimus riduce i livelli del fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF), che potenzia i processi angiogenici tumorali ed inoltre inibisce la crescita e la proliferazione delle cellule tumorali, delle cellule endoteliali, dei fibroblasti e delle cellule muscolari lisce associate ai vasi sanguigni. La dose raccomandata di everolimus è di 10 mg una volta al giorno. Il trattamento deve continuare fino a quando si osserva un beneficio clinico o finché non compaia tossicità inaccettabile. Se una dose viene omessa, il paziente non deve assumere una dose aggiuntiva, ma assumere la successiva dose abituale prescritta. [1] Linee Guida Le Linee Guida AIOM aggiornate al 2013 [2] raccomandano per le pazienti con carcinoma mammario metastatico ER-positivo e/o PgR positivo in postmenopausa: - se non sono state pretrattate con ormonoterapia adiuvante o se presentano stadio IV all esordio, l uso degli inibitori dell aromatasi come prima linea ormonale (livello di evidenza: A; forza della raccomandazione: positiva forte); - se sono state pretrattate in adiuvante con tamoxifene, l uso di fulvestrant ad alte dosi (livello di evidenza: B; forza della raccomandazione: positiva debole); - se sono state pretrattate in adiuvante o in fase metastatica con inibitore delle aromatasi non steroideo, l uso di everolimus in associazione con exemestane (livello di evidenza: A; forza della raccomandazione: positiva forte). GReFO, il Gruppo Regionale Farmaci Oncologici della Regione Emilia-Romagna, sulla combinazione everolimus più exemestane esprime la seguente raccomandazione [3]: Nelle donne in postmenopausa affette da carcinoma mammario avanzato, con stato recettoriale ormonale positivo, HER2/neu negativo, in assenza di malattia viscerale sintomatica, dopo recidiva o progressione a seguito di trattamento con un inibitore dell aromatasi non steroideo, everolimus in combinazione con exemestane non dovrebbe essere utilizzato nella maggior parte delle pazienti dopo una prima linea di trattamento ormonale (forza della raccomandazione: negativa debole). Gli autori del documento prevedono che everolimus in associazione con exemestane potrebbe essere utilizzato in una minoranza di pazienti (30-40%). Tale ipotesi tiene conto del fatto che lo studio sia stato condotto in una popolazione pluritrattata e che quindi i dati di efficacia dell associazione siano trasferibili principalmente in una popolazione sottoposta a più linee di terapia ormonale. In considerazione di ciò, il comparator dello studio non sembra essere adeguato per la popolazione presa in esame, ponendo quindi grandi problemi di trasferibilità dei risultati nella pratica clinica. GReFO ritiene siano disponibili trattamenti più efficaci (fulvestrant, monochemioterapia). Efficacia L obiettivo dello studio BOLERO-2 [4,5], un RCT internazionale di fase III, in doppio cieco e multicentrico, è stato dimostrare la superiorità di everolimus in combinazione con exemestane verso il solo exemestane, in donne in postmenopausa affette da cancro avanzato della mammella ER positivo, e refrattario a precedenti trattamenti con letrozolo o anastrozolo. 3/7

4 Le pazienti incluse nello studio dovevano avere almeno una lesione evidente oppure lesioni ossee principalmente litiche, un ECOG performance status da 0 a 2, un adeguata funzionalità d organo e valori ematologici adeguati. Le pazienti che avevano assunto in precedenza altri trattamenti endocrini antitumorali ed un singolo ciclo di chemioterapia per la fase avanzata della patologia sono state comunque incluse nello studio. I precedenti trattamenti includono letrozolo o anastrazolo (100%), tamoxifene (48%), fulvestrant (16%) e chemioterapia (68%), con una media di tre precedenti linee di terapia. In questo studio, 724 pazienti sono state randomizzate (in rapporto 2:1) a ricevere everolimus per via orale (10 mg/die) o placebo, entrambi in associazione con exemestane per via orale (25 mg/die). Il trattamento è proseguito fino a progressione della malattia, sviluppo di una tossicità inaccettabile e revoca del consenso. L end-point primario dello studio era la sopravvivenza libera da progressione (PFS), valutata secondo i criteri RECIST (Response Evaluation Criteria in Solid Tumors) e basata sulla valutazione dello sperimentatore (valutazione radiologica locale). Le analisi di supporto per la PFS sono state basate sulla revisione radiologica centralizzata indipendente. Gli end-point secondari comprendevano la sopravvivenza globale (OS), il tasso di risposta obiettiva, il tasso di beneficio clinico, il tempo al peggioramento dell ECOG Performance Status, la sicurezza e la qualità di vita. Tabella 1. Dati di efficacia Referenza Trattamenti Misure di Esito Risultati Principali BOLERO-2 Analisi interim [4] BOLERO-2 Analisi finale [5] everolimus 10 mg/die + exemestane 25 mg/die (N= 485) vs. placebo + exemestane (25 mg/die) (N=239) everolimus 10 mg/die + exemestane 25 mg/die (N= 485) vs. placebo + exemestane (25 mg/die) (N=239) 1) PFS valutazione sperimentatore 2) PFS valutazione commissione indipendente 3) PFS valutazione sperimentatore 4) PFS valutazione commissione indipendente EVE: everolimus; EXE: exemestane; PBO: placebo. 4/7 Dimostrata la superiorità di EVE + EXE rispetto a per l end-point primario. 1) 6,9 mesi per EVE + EXE vs 2,8 mesi per (HR: 0,43; IC 95%: 0,35 a 0,54, p<0,001) 2) 10,6 mesi per EVE + EXE vs 4,1 mesi per (HR: 0,36; IC 95%: 0,27 a 0,47, p<0,001) Dimostrata la superiorità di EVE + EXE rispetto a per l end-point primario. 3) 7,8 mesi per EVE + EXE vs 3,2 mesi per (HR: 0,45; IC 95%: 0,38 a 0,54, p<0,0001) 4) 11,0 mesi per EVE + EXE vs 4,1 mesi per (HR: 0,38; IC 95%: 0,31 a 0,48, p<0,0001) Nell EPAR [6] inoltre sono riportati i dati di PFS valutata in diversi sottogruppi di pazienti, suddivisi per esempio sulla base del numero di linee di trattamento precedenti. In questi sottogruppi, la PFS è stata valutata come rischio relativo (RR) con un intervallo di confidenza del 95%. I risultati sono stati: 1) pazienti con una sola precedente terapia: RR = 0,52 (IC 95% = 0,31-0,88); 2) pazienti con due precedenti terapie: RR = 0,55 (IC 95% = 0,38-0,81);

5 5/7 3) pazienti con o più precedenti terapie: RR = 0,36 (IC 95% = 0,27 0,48). Attualmente i dati di OS non sono ancora disponibili, in quanto si attende il raggiungimento di 398 morti per l analisi finale. Al raggiungimento di 200 eventi, la mortalità era del 25,4% nel braccio con everolimus più exemestane e del 32,2% nel braccio con il solo exemestane. L EPAR [6] evidenzia che la scelta del comparator non è appropriata per la popolazione presa in esame, in quanto i pazienti, già pesantemente pretrattati, erano refrattari agli inibitori dell'aromatasi. Nello studio clinico si è inoltre registrato un tasso di risposta obiettiva (ORR) del 0,4% nei pazienti trattati con il solo exemestane: una percentuale di molto inferiore rispetto a quanto previsto (15%). C è quindi la possibilità che i pazienti abbiano ricevuto un trattamento sub-ottimale con exemestane. Inoltre l EMA, come condizione all autorizzazione all immissione in commercio, ha richiesto all azienda la sottomissione dei risultati dello studio BOLERO-6, uno studio randomizzato che mette a confronto il solo everolimus con everolimus più exemestane dopo precedente terapia con un inibitore dell aromatasi non steroideo. L obiettivo dello studio è di confermare l effetto sinergico/aggiuntivo di exemestane. Sicurezza La terapia con everolimus più exemestane è stata associata ad una maggiore incidenza di eventi avversi rispetto al solo exemestane [4,5]. Le reazioni avverse gravi si sono manifestate in circa il 23% delle pazienti nel gruppo con everolimus più exemestane (di cui l 11% attribuite al trattamento in studio) e nel 12% delle pazienti nel gruppo con il solo exemestane (di cui l 1% attribuite al trattamento in studio). Le reazioni avverse più comuni di grado 3/4 sono state: stomatiti (8% nel gruppo con everolimus più exemestane vs. 1% nel gruppo con il solo exemestane), anemia (6% vs. <1%), dispnea (6% vs. <1%), iperglicemia (4% vs. <1%), stanchezza (4% vs. <1%) e polmonite (3% vs. 0%). Report di HTA HAS France [7] non ha attribuito ad everolimus, utilizzato per l indicazione in esame, alcun miglioramento del servizio medico (ASMR V)1, in considerazione delle incertezze riguardanti il beneficio derivante dall aggiunta di exemestane ad everolimus, e della scelta discutibile del comparator dello studio. Infatti exemestane è stato utilizzato nei casi di recidiva o progressione della malattia a seguito del trattamento con letrozolo o anastrazolo, quindi in un indicazione diversa rispetto a quella per cui è stato autorizzato, che è limitata al fallimento degli antiestrogeni. Sebbene HAS France individui come potenziali comparator exemestane, fulvestrant e tamoxifene, ritiene che ad oggi non vi sia alcun comparator clinicamente rilevante per everolimus. Lo Scottish Medicine Consortium (SMC) [8] non raccomanda l uso di everolimus nell indicazione in esame, specificando che l analisi economica presentata dalla ditta non era sufficientemente robusta. SMC inoltre, come HAS France, esprime dubbi riguardanti il reale contributo di exemestane nella terapia combinata. L ente scozzese individua come comparator principali fulvestrant, tamoxifene ed exemestane, anche se considera quest ultimo come un alternativa subottimale. Costo dei trattamenti Si è stimato il costo di everolimus in combinazione con exemestane e dei principali competitor (exemestane, fulvestrant e tamoxifene) confrontando i costi di questi trattamenti ad un mese. 1 Il report HTA francese classifica il beneficio terapeutico apportato dal trattamento su una scala da I a V, dove I è considerato un beneficio significativo mentre V rappresenta l'assenza di miglioramento.

6 Per everolimus e fulvestrant si sono considerati i prezzi ospedalieri, mentre per exemestane e tamoxifene si sono considerati i prezzi alla convenzionata. Everolimus presenta un meccanismo di condivisione del rischio, che prevede un payment by results per i pazienti no responder a 6 mesi (rimborso in caso di progressione della malattia e/o fallimento della terapia e/o tossicità inaccettabile). Il calcolo dei costi non considera il meccanismo di condivisione del rischio previsto per everolimus: payment by results a sei mesi per i pazienti no responders. Tabella 2. Costo delle terapie a un mese 6/7 Farmaco Schedula Costo die* everolimus + exemestane 10 mg/die + 25 mg/die 111,82** + 1,98# Costo Mese di terapia* 3.414,20 exemestane 25 mg/die 1,98# 59,50 fulvestrant 500 mg mg per il primo mese 500 mg per i mesi successivi Primo mese = 936,23** Successivi = 468,12** tamoxifene 20 mg/die 20 mg/bid 0,22 6,64 0,44 13,27 *Costo comprensivo IVA 10%. **Costo Ospedaliero # Per la convenzionata si è considerato uno sconto del 9% sul prezzo al pubblico al netto dell IVA. L n 289, art 52 c.6. Per la convenzionata si è considerato uno sconto del 3.75% sul prezzo al pubblico al netto dell IVA. L n 289, art 52 c.6. Popolazione target Il Registro Tumori Regione Veneto stima un numero medio annuo di nuovi casi di tumore alla mammella che è pari a 4482 [9]; non tutti i nuovi casi sono però eleggibili alla terapia. Considerando i dati e le stime presenti nel documento di HAS France cioè: 1) 78,7% pazienti in post menopausa; 2) 60-70% HR+ e HER negativo; 3) 85-95% con tumore localizzato; 4) 8% dei casi con tumore localizzato che progredirà ad uno stato metastatico; 5) 60% che non ha utilizzato una precedente linea con exemestane, non sottoposto a chemioterapia e senza malattia viscerale sintomatica. È possibile stimare per la Regione Veneto un numero di pazienti eleggibili compresi tra 86 e 113. Impatto di budget In considerazione del numero di casi eleggibili al trattamento compreso tra 86 e 113, della durata della terapia da studio clinico, e di una percentuale di rimborso col payment by results a 6 mesi del 30%, si stima che la spesa per everolimus in associazione con exemestane sarà compresa tra 2,2 e 2,9 milioni di euro. Per il primo anno, considerando cioè un entrata graduale in terapia (6 mesi di terapia per paziente) la spesa potrebbe essere circa la metà, cioè tra 1,1 e 1,5 milioni di euro. L incremento di spesa nello scenario più conservativo, in cui lo schema di terapia con everolimus + exemestane si sostituisca al solo exemestane è circa uguale al costo del solo everolimus.

7 Bibliografia [1] Scheda tecnica Afinitor [2] Linee guida AIOM. Neoplasie della mammella. Edizione 2013 (aggiornamento a luglio 2013) [3] Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO). Everolimus nel carcinoma mammario avanzato dopo il fallimento di terapia con antiaromatasico. Raccomandazione d uso n. 24. Settembre 2013 [4] Baselga J. et al.; Everolimus in Postmenopausal Hormone-Receptor-Positive Advanced Breast Cancer. The New England Journal of Medicine 2012; 366: [5] Yardley D. et al.; Everolimus Plus Exemestane in Postmenopausal Patients with HR+ Breast Cancer: BOLERO-2 Final Progression-Free Survival Analysis. Advances in Therapy 2013; 30: [6] Afinitor-H-C-1038-II-20 : EPAR - Assessment Report Variation [7] Avis 3 aprile 2013 [8] SMC (872/13) [9] (ultimo accesso gennaio 2014) 7/7

EVEROLIMUS - AFINITOR

EVEROLIMUS - AFINITOR giunta regionale Allegato D al Decreto n. 119 del 12 maggio 2015 pag. 1/10 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED EVEROLIMUS - AFINITOR Indicazione in esame: Everolimus

Dettagli

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA )

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) 1/6 MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) FARMACO IN ESAME Nome commerciale Inlyta Principio Attivo Axitinib Ditta Produttrice Pfizer Italia srl ATC L01XE17 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio 1 mg

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI )

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) 1/7 MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) Nome Commerciale XALKORI Principio Attivo Crizotinib Ditta Produttrice Pfizer Italia Srl ATC L01XE16 Formulazione Capsule rigide Dosaggio 200 mg 250 mg Altri antineoplastici

Dettagli

MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO

MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO 1/7 MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO Nome Commerciale Avastin Principio Attivo Bevacizumab Ditta Produttrice Roche ATC L01XC07 Formulazione Concentrato per soluzione

Dettagli

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica:

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica: TRASTUZUMAB per l'indicazione: in associazione ad un inibitore dell aromatasi nel trattamento di pazienti in postmenopausa affetti da carcinoma mammario metastatico positivo per i recettori ormonali, non

Dettagli

Everolimus (AFINITOR )

Everolimus (AFINITOR ) Raccomandazioni evidence-based Everolimus (AFINITOR ) Nel carcinoma mammario avanzato dopo fallimento di terapia con inibitore dell aromatasi non steroideo A cura del gruppo di lavoro Farmaci Innovativi

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO DETERMINA 17 giugno 2013. Classificazione del medicinale per uso umano «Kristexxa», secondo procedura centralizzata. (Determina n. 583/2013).

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) (pubblicato a maggio 2014) Aggiornata alla pubblicazione della negoziazione AIFA (luglio 2014)

A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) (pubblicato a maggio 2014) Aggiornata alla pubblicazione della negoziazione AIFA (luglio 2014) Raccomandazioni evidence-based Pertuzumab Nel carcinoma mammario avanzato HER2/neu positivo (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 26 Settembre

Dettagli

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel.

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa) Forma farmaceutica:

Dettagli

Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico

Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico C. Cocco 1, B. Caruso 1, E. Fiorio 2 1 Laboratorio Analisi (sede di BT) 2 Oncologia (sede di BT), AOUI,

Dettagli

Quali strategie per un utilizzo razionale dei farmaci oncologici innovativi? L esperienza della Regione Veneto

Quali strategie per un utilizzo razionale dei farmaci oncologici innovativi? L esperienza della Regione Veneto FARMACI ONCOLOGICI INNOVATIVI: SCENARIO ATTUALE E LORO VALUTAZIONE Quali strategie per un utilizzo razionale dei farmaci oncologici innovativi? L esperienza della Regione Veneto Roberto Leone Dipartimento

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

CRIZOTINIB - XALKORI

CRIZOTINIB - XALKORI giunta regionale Allegato A al Decreto n. 253 del 28 agosto 2015 pag. 1/8 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED CRIZOTINIB - XALKORI Indicazione in esame: é indicato per

Dettagli

Commissione Regionale Farmaco LAPATINIB

Commissione Regionale Farmaco LAPATINIB Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1540/2006 e D.G.R. 490 dell 11 aprile 2011) Documento relativo a: LAPATINIB Settembre 2011 Indicazioni registrate Lapatinib Il lapatinib ha ricevuto la seguente estensione

Dettagli

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione SINOSSI TITOLO Studio di fase I-II con Lapatinib in combinazione con capecitabina e vinorelbina come seconda linea di trattamento in pazienti con carcinoma mammario con iperespressione di ErbB2 localmente

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della modifica di riassunto delle caratteristiche del prodotto

Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della modifica di riassunto delle caratteristiche del prodotto Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della modifica di riassunto delle caratteristiche del prodotto, etichettatura e foglio illustrativo presentati dall Agenzia europea per i medicinali 6 Conclusioni

Dettagli

REPORT HTA REGIONALE. Decisioni CTR Data riunione: 20/02/2012 fd. Decisione: Inserito

REPORT HTA REGIONALE. Decisioni CTR Data riunione: 20/02/2012 fd. Decisione: Inserito REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione: 20/02/2012 fd Decisione: Inserito CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PRINCIPIO ATTIVO: Pazopanib NOME COMMERCIALE: Votrient DITTA PRODUTTRICE: Glaxosmithkline

Dettagli

MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR )

MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR ) 1/10 MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR ) Nome Commerciale DIFICLIR Principio Attivo Fidaxomicina Ditta Produttrice Astellas Pharma SpA ATC A07AA12 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio 200 mg

Dettagli

MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA

MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA 1/9 MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA Nome Commerciale XARELTO Principio Attivo Rivaroxaban Ditta Produttrice Bayer S.p.a. ATC B01AF01 Formulazione Compresse rivestite

Dettagli

Specialità: Avastin(Roche spa)

Specialità: Avastin(Roche spa) BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule, non resecabile, avanzato, metastatico o in ricaduta in aggiunta a chemioterapia a base

Dettagli

Sorafenib indicazione epatocarcinoma (09-09-2008)

Sorafenib indicazione epatocarcinoma (09-09-2008) Sorafenib indicazione epatocarcinoma (09-09-2008) Specialità: Nexavar (Bayer spa) Forma farmaceutica: 112 compresse 200 mg - Prezzo: euro 5.305 ATC: L01XE05 Categoria terapeutica: Citostatici: inibitori

Dettagli

nel carcinoma a cellule chiare del rene avanzato (I e II linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO)

nel carcinoma a cellule chiare del rene avanzato (I e II linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazioni evidence-based Pazopanib nel carcinoma a cellule chiare del rene avanzato (I e II linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n.32 Direzione

Dettagli

CABAZITAXEL - JEVTANA

CABAZITAXEL - JEVTANA giunta regionale Allegato F al Decreto n. 139 del 3 giugno 2015 pag. 1/7 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED CABAZITAXEL - JEVTANA Indicazione in esame: in combinazione

Dettagli

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights 16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights RISULTATI PRELIMINARI STUDIO ITACA Lo studio Itaca è uno studio multicentrico italiano di Fase III che confronta un trattamento chemioterapico tailored

Dettagli

PERTUZUMAB - PERJETA

PERTUZUMAB - PERJETA giunta regionale Allegato C al Decreto n. 119 del 12 maggio 2015 pag. 1/9 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED PERTUZUMAB - PERJETA Indicazione in esame: Pertuzumab (Perjeta

Dettagli

upon EXEMESTANE Aggiornamento dalla letteratura update in oncology

upon EXEMESTANE Aggiornamento dalla letteratura update in oncology upon update in oncology EXEMESTANE Aggiornamento dalla letteratura EXEMESTANE Aggiornamento dalla letteratura Copyright 2009 by Elsevier Srl Elsevier Srl Via Paleocapa, 7 20121 Milano, Italia Tel. 02

Dettagli

Tipo ricetta: OSP-2 Tipo di registrazione: procedura centralizzata europea

Tipo ricetta: OSP-2 Tipo di registrazione: procedura centralizzata europea SORAFENIB RUOLO INCERTO Inibitori della proteina chinasi L01XE05 Nexavar Bayer 200 mg 112 cpr riv 3.214,71 (prezzo ex factory IVA esclusa) Sconto obbligatorio sulle forniture cedute alle strutture pubbliche

Dettagli

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione:17/04/2012 Decisione: Non Inserito Motivazioni: il farmaco, pur avendo dimostrato di prolungare la sopravvivenza di 2,4 mesi rispetto al fd mitoxantrone,

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

Documento PTR n.212 relativo a:

Documento PTR n.212 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.212 relativo a: PAZOPANIB Aprile 2014 Pazopanib Indicazioni registrate

Dettagli

Trastuzumab emtansine (TDM-1)

Trastuzumab emtansine (TDM-1) Raccomandazioni evidence-based Trastuzumab emtansine (TDM-1) nel carcinoma della mammella avanzato A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n.33 (Pubblicato a ) Aggiornato

Dettagli

NAB PACLITAXEL - ABRAXANE

NAB PACLITAXEL - ABRAXANE giunta regionale Allegato A al Decreto n. 291 del 7 ottobre 2015 pag. 1/8 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED NAB PACLITAXEL - ABRAXANE Indicazione in esame: in associazione

Dettagli

La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità. a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati (Ferrara)

La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità. a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati (Ferrara) Protocollo diagnostico-terapeutico per le Pazienti con carcinoma mammario La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati

Dettagli

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA Luigi Salvagno U.O. di Oncologia ANATOMIA DELLA GHIANDOLA MAMMARIA PROGRESSIONE TUMORALE La progressione neoplastica richiede

Dettagli

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione: 05/06/2013 e 23/11/2012 Decisione: farmaco inserito con nota Nota ufficiale: con compilazione della scheda di monitoraggio regionale fd CARATTERISTICHE

Dettagli

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Studio aperto randomizzato multicentrico di fase III di confronto tra il trattamento con Erlotinib (Tarceva ) e la chemioterapia nei pazienti affetti da carcinoma non a piccole

Dettagli

Giovanna Scroccaro Settore Farmaceutico Regione Veneto

Giovanna Scroccaro Settore Farmaceutico Regione Veneto Processi decisionali e responsabilità finanziarie Giovanna Scroccaro Settore Farmaceutico Regione Veneto Rispetto spesa farmaceutica 14,85% sul FSN REGIONE FSN Gen Dic 2013 Spesa Territoriale Spesa Ospedaliera

Dettagli

A l l eg ato 2. del 31 gennaio 2012 Monitoraggio dei farmaci oncologici ad alto costo: de-

A l l eg ato 2. del 31 gennaio 2012 Monitoraggio dei farmaci oncologici ad alto costo: de- 114 Ambiente familiare problematico Valutazione del livello di cura riabilitativo Presenza condizioni psicosociali che permettono di passare bilitativa Day hospital Ricovero Recupero o mantenimento del

Dettagli

Dr.ssa Enola Maria Vezzani

Dr.ssa Enola Maria Vezzani III ZOOM Journal Club 2013 NH Hotel Bologna 21 Febbraio 2014 Radioterapia loco-regionale nelle pazienti sottoposte a chemioterapia neoadiuvante Dr.ssa Enola Maria Vezzani U.O Radioterapia Oncologica di

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE MESSINA UFFICIO STAMPA tel 090-3992859 Oncologia Medica AOOR Papardo-Piemonte. Il COEP, Centro Oncologico di

Dettagli

18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1

18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1 Tiratura 08/2015: 443.177 Diffusione 08/2015: 285.582 Lettori Ed. II 2015: 2.095.000 Settimanale - Ed. nazionale Dir. Resp.: Umberto Brindani 18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1 Tiratura: n.d. Diffusione 12/2012:

Dettagli

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO COME E QUANDO GLI ASPETTI TECNICI DEI PROTOCOLLI POSSONO-DEVONO ESSERE OGGETTO-ARGOMENTO DI DECISIONI ETICHE? Fausto Roila Oncologia Medica, Terni NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Farmaci per il carcinoma della prostata metastatico castrazione resistente

Farmaci per il carcinoma della prostata metastatico castrazione resistente Raccomandazioni evidence-based Farmaci per il carcinoma della prostata metastatico castrazione resistente Abiraterone-Cabazitaxel-Enzalutamide A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 dott. ssa Aurora Ferrari la ricerca 9 ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 La Società Americana per l Oncologia Clinica (ASCO) ha reso noto il rapporto annuale, giunto ormai alla sua ottava edizione,

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

IL REGISTRO ONCOLOGICO COME STRUMENTO DI IMPLEMENTAZIONE DELLE DECISIONI: QUALE RUOLO NELL HTA

IL REGISTRO ONCOLOGICO COME STRUMENTO DI IMPLEMENTAZIONE DELLE DECISIONI: QUALE RUOLO NELL HTA IL REGISTRO ONCOLOGICO COME STRUMENTO DI IMPLEMENTAZIONE DELLE DECISIONI: QUALE RUOLO NELL HTA Francesca Caprari Direttore Affari Istituzionali e Relazioni Esterne Celgene srl L inizio Il Registro AIFA

Dettagli

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella!

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella! Il trattamento stereotassico delle lesioni surrenaliche in pazienti oligometastatici affetti da NSCLC: una promettente arma per il controllo locale di malattia?! E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore,

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

Sofosbuvir: Up to date in regione Veneto

Sofosbuvir: Up to date in regione Veneto Sofosbuvir: Up to date in regione Veneto Il caso Sofosbuvir è considerato il paradigma attuale e futuro di riferimento su cui basare la politica nazionale del farmaco per i farmaci ad alto costo. AIFA

Dettagli

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti:

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti: EMA/175824/2015 EMEA/H/C/000582 Riassunto destinato al pubblico bevacizumab Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato per i medicinali

Dettagli

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial H TAILR AIFA TArceva Italian Lung ptimization trial ttimizzazione dell erlotinib per il trattamento di pazienti con tumore del polmone avanzato non a piccole cellule: uno studio italiano randomizzato SISSI

Dettagli

Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali

Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali Sara De Dosso Istituto Oncologico della Svizzera Italiana Gruppo Interesse Oncologia Ticinese 20 novembre 2014 Outline Capecitabina, (S1) Regorafenib Sunitinib

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte A: Bevacizumab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata

La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata La terapia adiuvante nel tumore della mammella in età avanzata Lara Bettinzoli Recentemente sono stati pubblicati i risultati di uno studio sulla terapia adiuvante del carcinoma mammario nelle pazienti

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO 1 PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO RECIDIVA LOCO-REGIONALE Dopo mastectomia, si definisce locale la ripresa della malattia a livello della cicatrice chirurgica o a livello

Dettagli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli

Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli Anna Crispo Istitituto Nazionale dei Tumori Fondazione «G. Pascale», Napoli VALUTAZIONE DEL PESO E CONTROLLO DELLA GLICEMIA NEI DIVERSI SOTTOTIPI MOLECOLARI DEL CANCRO DELLA MAMMELLA. Background Negli

Dettagli

Il carcinoma della mammella può essere prevenuto?

Il carcinoma della mammella può essere prevenuto? Il carcinoma della mammella può essere prevenuto? A cura del Dr.G.Antonini Non esiste un modo sicuro per prevenire il cancro al seno. Ma ci sono cose che tutte le donne possono fare che potrebbero ridurre

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Indice 1. Introduzione 2. Cosa sono le targeted therapies? 3. Come funzionano le targeted therapies? 4. Perché utilizzare le targeted therapies nel

Dettagli

SCHEDA FARMACO. (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro)

SCHEDA FARMACO. (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Dabrafenib (Tafinlar)

Dettagli

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante RETTO TRATTAMENTO MEDICO 01 Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti che effettuano una terapia medica oncologica e radioterapia post-intervento

Dettagli

HIGHLIGHTS IN TEMA DI NEOPLASIA PROSTATICA: DIAGNOSI, TERAPIA, RICERCA Aviano (PN), venerdì 7 dicembre 2012

HIGHLIGHTS IN TEMA DI NEOPLASIA PROSTATICA: DIAGNOSI, TERAPIA, RICERCA Aviano (PN), venerdì 7 dicembre 2012 HIGHLIGHTS IN TEMA DI NEOPLASIA PROSTATICA: DIAGNOSI, TERAPIA, RICERCA Aviano (PN), venerdì 7 dicembre 2012 QUESTIONARIO DI APPRENDIMENTO RISPOSTE ESATTE Il test si supera se le risposte esatte sono 26

Dettagli

SINOSSI DEL PROTOCOLLO

SINOSSI DEL PROTOCOLLO SINOSSI DEL PROTOCOLLO Codice e titolo del protocollo EGF114299: Studio di fase III per confrontare la sicurezza e l'efficacia di lapatinib più trastuzumab più un inibitore dell'aromatasi (IA) rispetto

Dettagli

Specialità: Hycamtin (Glaxosmithkline Spa)

Specialità: Hycamtin (Glaxosmithkline Spa) TOPOTECAN per l'indicazione: pazienti affetti da carcinoma polmonare a piccole cellule recidivante per i quali non à considerato appropriato un ulteriore trattamento con il regime terapeutico di prima

Dettagli

nel carcinoma del pancreas esocrino metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO)

nel carcinoma del pancreas esocrino metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazioni evidence-based Nab-paclitaxel nel carcinoma del pancreas esocrino metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 40 Febbraio

Dettagli

Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Rassegna Stampa. Comunicato stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Rassegna Stampa Comunicato stampa TUMORE DEL SENO: FUNZIONA LA TERAPIA "ACCELERATA" "IL 94% DEI PAZIENTI GUARISCE CON I TEMPI DI CURA PIU' BREVI" Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via Malta,

Dettagli

Ricerca, innovazione e Competitività

Ricerca, innovazione e Competitività Ricerca, innovazione e Competitività Roma 15 novembre 2012 dott.ssa Nadia Storti Farmaci innovativi ed innovazioni terapeutiche: quali vantaggi per il paziente - Possibili vantaggi terapeutici - Controllo

Dettagli

Il Punto Senologico. Dott.ssa Elda Longhitano. 25 settembre 2009. Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena

Il Punto Senologico. Dott.ssa Elda Longhitano. 25 settembre 2009. Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena Il Punto Senologico Dott.ssa Elda Longhitano Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena 25 settembre 2009 XIII Conferenza Nazionale della Rete HPH Ospedali e Servizi

Dettagli

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di laurea in CTF Corso: Basi biochimiche dell azione dei farmaci Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Pisa, 27/03/2014 Samuela Fabiani

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Indicatori sulla terapia di oncologia medica

Indicatori sulla terapia di oncologia medica Indicatori sulla terapia di oncologia medica Michela Donadio Oncologia Medica Senologica Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino Torino, 2 dicembre 20 Terapie mediche neoad/adiuvanti:

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

Menopausa e Terapie Ormonali Sostitutive

Menopausa e Terapie Ormonali Sostitutive Menopausa e Terapie Ormonali Sostitutive Pur non essendo una malattia, la menopausa si può accompagnare a problemi che sono motivo di frequente ricorso ai medici generali da parte delle donne. L informazione

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

EXEMESTANE. Dalla malattia metastatica al trattamento adiuvante del carcinoma mammario. Simona. Maria. Anna

EXEMESTANE. Dalla malattia metastatica al trattamento adiuvante del carcinoma mammario. Simona. Maria. Anna S l i d e K i t EXEMESTANE Dalla malattia metastatica al trattamento adiuvante del carcinoma mammario Anna Maria Simona S l i d e K i t EXEMESTANE Dalla malattia metastatica al trattamento adiuvante del

Dettagli

Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1540/2006 e D.G.R. 490/2011) Documento relativo a: DEGARELIX

Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1540/2006 e D.G.R. 490/2011) Documento relativo a: DEGARELIX Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1540/2006 e D.G.R. 490/2011) Documento relativo a: DEGARELIX Aggiornamento Luglio 2015 Ottobre 2011 Indicazioni registrate Degarelix Il degarelix è indicato per il

Dettagli

Sesto San Giovanni, 26 settembre 2015

Sesto San Giovanni, 26 settembre 2015 Sesto San Giovanni, 26 settembre 2015 TUMORI DELLA MAMMELLA: TERAPIA MEDICA Dr. Claudio Vergani U. O. di Oncologia P. O. Città di Sesto Sesto S. Giovanni - Milano TERAPIA MEDICA Adiuvante: - in fase postoperatoria

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

Agenzia Italiana del Farmaco Bando di assegnazione di finanziamento per la Ricerca indipendente sui farmaci Area 2 - Studi comparativi fra farmaci e strategie farmacologiche Art. 48, commi 5 lett. g) e

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

Richiedente Nome Dosaggio Forma farmaceutica. Titolare dell autorizzazione all immissione in commercio. Via di somministrazion e Uso orale

Richiedente Nome Dosaggio Forma farmaceutica. Titolare dell autorizzazione all immissione in commercio. Via di somministrazion e Uso orale ALLEGATO I ELENCO DEI NOMI DEI MEDICINALI, DELLA(DELLE) FORMA(E) FARMACEUTICA(CHE), DEI (DEL) DOSAGGI(O), DELLA(DELLE) VIA(E) DI SOMMINISTRAZIONE, DEL(DEI) RICHIEDENTE(I), DEL (DEI) TITOLARE(I) DELL AUTORIZZAZIONE

Dettagli

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA TERAPIA DELLA PATOLOGIA MAMMARIA INDOTTA DALLA MONOTERAPIA CON ANTIANDROGENO PURO PER ADENOCARCINOMA PROSTATICO

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA TERAPIA DELLA PATOLOGIA MAMMARIA INDOTTA DALLA MONOTERAPIA CON ANTIANDROGENO PURO PER ADENOCARCINOMA PROSTATICO STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA TERAPIA DELLA PATOLOGIA MAMMARIA INDOTTA DALLA MONOTERAPIA CON ANTIANDROGENO PURO PER ADENOCARCINOMA PROSTATICO FAX: 0916552413 SITO WEB: www.gstu.it E-MAIL: gstu@gstu.it CRITERI

Dettagli

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Anche se la base comune delle neoplasie è rappresentata dalla crescita incontrollata di cellule trasformate,

Dettagli

Eudract 2007-004326-25. Ricercatore Responsabile dello studio: Prof. PierFranco Conte Dip di Onoclogia ed Ematologia- Università di Modena

Eudract 2007-004326-25. Ricercatore Responsabile dello studio: Prof. PierFranco Conte Dip di Onoclogia ed Ematologia- Università di Modena ShortHER: TRATTAMENTO ADIUVANTE CON HERCEPTIN PER 3 MESI VERSO 12 MESI, IN ASSOCIAZIONE CON 2 DIFFERENTI REGIMI DI CHEMIOTERAPIA, NELLE PAZIENTI CON CARCINOMA MAMMARIO HER2 POSITIVE Eudract 2007-004326-25

Dettagli

Accesso ai farmaci innovativi: alternative all AIC

Accesso ai farmaci innovativi: alternative all AIC Accesso ai farmaci innovativi: alternative all AIC Maria Lebboroni Servizio di Farmacia Ospedaliera ULSS 9 Treviso Premessa Sperimentazione clinica Immissione in commercio (AIC) normativa farmacovigilanza

Dettagli

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo T.E.V. E CHEMIOTERAPIA Dott. Pietro Masullo I MECCANISMI SONO MOLTEPLICI, SPESSO PRESENTI CONTEMPORANEAMENTE E NON ANCORA DEL TUTTO CHIARI LA CHEMIOTERAPIA PU0 AUMENTARE IL RISCHIO TEV ATTRAVERSO

Dettagli

Screening per il tumore della mammella Ruolo dei medici di medicina generale. Riportare al singolo paziente le evidenze dei grandi numeri

Screening per il tumore della mammella Ruolo dei medici di medicina generale. Riportare al singolo paziente le evidenze dei grandi numeri Screening per il tumore della mammella Ruolo dei medici di medicina generale Riportare al singolo paziente le evidenze dei grandi numeri Prevenzione:due direttrici parallele Gli studi di popolazione Health

Dettagli

fd Decisioni CTR Data riunione: 17/04/2012 Decisione: Allargamento approvato, con compilazione della scheda di monitoraggio AIFA.

fd Decisioni CTR Data riunione: 17/04/2012 Decisione: Allargamento approvato, con compilazione della scheda di monitoraggio AIFA. REPORT HTA REGIONALE fd Decisioni CTR Data riunione: 17/04/2012 Decisione: Allargamento approvato, con compilazione della scheda di monitoraggio AIFA. CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PRINCIPIO ATTIVO: Lapatinib

Dettagli

Roma, 9-11 novembre 2012 L endocrinologo e il paziente oncologico Take-home messages per una gestione integrata

Roma, 9-11 novembre 2012 L endocrinologo e il paziente oncologico Take-home messages per una gestione integrata L endocrinologo e il paziente oncologico Take-home messages per una gestione integrata Nadia Cremonini, Francesco Angelini, Alessandro Scoppola, Paolo Zuppi, Massimo Terzolo Pazienti oncologici e osteoporosi:

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte B: Cetuximab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

ONCOVIEW 2012. Istruzioni per la compilazione delle schede pazienti

ONCOVIEW 2012. Istruzioni per la compilazione delle schede pazienti ONCOVIEW 2012 Istruzioni per la compilazione delle schede pazienti ONCOVIEW - COME SI COLLABORA Lo studio ONCOVIEW ha l obiettivo di fornire un quadro esaustivo ed approfondito delle terapie farmacologiche

Dettagli

Rionero in Vulture (PZ), 13 giugno 2014. Michele Aieta

Rionero in Vulture (PZ), 13 giugno 2014. Michele Aieta Corso Residenziale INIBIZIONE DI mtor IN ONCOLOGIA, 13 giugno 2014 DIRETTORE Sezione di ONCOLOGIA OBIETTIVI La mammalian target of rapamycin (mtor) è una chinasi intracitoplasmatica fondamentale nei processi

Dettagli

Dott. Mauro Madarena Adenocarcinoma pancreatico: casistica personale su 17 pazienti trattati con MDB

Dott. Mauro Madarena Adenocarcinoma pancreatico: casistica personale su 17 pazienti trattati con MDB Dott. Mauro Madarena Adenocarcinoma pancreatico: casistica personale su 17 pazienti trattati con MDB Materiale e metodo Si è voluto verificare la Sopravvivenza Media (SM) e l andamento della Qualità di

Dettagli