Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio"

Transcript

1 AIPCR - Comitato Tecnico Nazionale C. Infrastrutture Stradali più Sicure WORKSHOP La DIRETTIVA 008/96/CE Roma, 9 luglio 009 Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio Davide Tartaro Unità Operativa Sicurezza Stradale NET Engineering S.p.A. Sommario Considerazioni relative ad una tratta autostradale appartenente alla rete stradale transeuropea Considerazioni relative a tratte stradali non appartenenti alla rete stradale transeuropea Considerazioni relative alla classificazione delle strade

2 Considerazioni relative ad una tratta autostradale appartenente alla rete stradale transeuropea Autostrada A4 Venezia Trieste Progetto definitivo per ampliamento 3 corsia sulla tratta Gonars Villesse Road Safety Inspection e Audit Attività svolte nell ambito della: Realizzazione 3^ corsia autostrada A4 nel tratto: da Gonars (UD) a Villesse (GO) dalla progr. km alla progr. km 06+05,00 - Progettazione definitiva per conto di S.p.A. Autovie Venete Autostrada A4 - incidenti tratta friulana Nodo di Palmanova incidenti con lesioni ( morto, 49 feriti) 0 incidenti con soli danni materiali Prima di procedere alle attività di ispezione è stato possibile raccogliere informazioni, anche molto dettagliate, sugli incidenti stradali avvenuti nell ultimo triennio. Le informazioni raccolte sono perfettamente rispondenti a quanto indicato in Annex IV della Direttiva Una concentrazione significativa di eventi era attesa nel nodo di Palmanova 4

3 Incidenti lungo la tratta e nel solo nodo di Palmanova TRATTA FRIULANA Ripartizione degli incidenti con lesioni secondo i veicoli coinvolti NODO DI PALMANOVA Ripartizione degli incidenti con lesioni secondo i veicoli coinvolti autovettura isolata 40% veicolo pesante - autovettura 48% autovettura isolata % veicolo pesante - autovettura 9% autovettura tt - autovettura % autovettura - autovettura 9% altro 9% veicolo pesante isolato % altro 4% veicolo pesante isolato % TRATTA FRIULANA Ripartizione degli incidenti con lesioni secondo la dinamica NODO DI PALMANOVA Ripartizione degli incidenti con lesioni secondo la dinamica Altro % Cambio di corsia % Tamponamento % Cambio di corsia 48% Tamponamento 3% Fuoriuscita 4% Fuoriuscita 30% Trieste Svincolo Palmanova 5 Localizzazione degli incidenti nel nodo di Palmanova 6 3

4 Dinamiche degli incidenti con lesioni IMMISSIONE A3 A4 DIREZIONE VENEZIA. Valutare i cambi di corsia verso destra. Intervenire sulla densità per aumentare il distanziamento tra i veicoli e favorire il rientro verso destra 3. Aumentare significativamente la lunghezza della zona di scambio Flussi di traffico nel nodo di Palmanova I veicoli che arrivano da sinistra, dopo la confluenza si trovano sulla corsia di sorpasso e, pertanto, devono portarsi a destra sulla corsia di marcia normale. Questa manovra risulta tanto più pericolosa se effettuata da veicoli pesanti. 8 Trieste Svincolo Palmanova 4

5 Adozione della micro-simulazione sul ramo verso Venezia Le diverse ipotesi progettuali sono state simulate e valutate in base alle indicazioni derivanti dalle attività di RSI e RSA Progetto preliminare / Variante UD TS + Palmanova VE 3 4 da corsia a corsia n cambi corsia totale cambi corsia 869 (Simulazione: dalle 0,00 alle 0,00 sabato 8 giugno) 9 Immissione da sinistra nodo Palmanova L incidente più frequente è stato anche oggetto di ricostruzione cinematica con operazioni di clusterizzazione sui veicoli, sulle velocità, sulle traiettorie Velocità (km/h) Severità d urto (km/h) Veicolo V crociera V urto V post ΔV EES Autovettura Peugeot 306 SW Autotreno Renault

6 Impatto delle analisi sulla progettazione Raccomandazioni derivanti dalle attività di inspecting e audit recepite in fase di progettazione definitiva, allo scopo di risolvere la criticità evidenziata in riferimento al nodo di Palmanova:. Prolungamento della zona di scambio (circa 000 metri) tra le direttrici UD-VE e TS-VE. Prolungamento della zebratura (circa 600 metri dal punto di confluenza) all interno della zona di scambio 3. Incremento delle distanze di visibilità nel nodo, con particolare attenzione nell impostazione i degli angoli di incidenza tra le rampe 4. Adeguamento della segnaletica orizzontale e verticale a supporto della configurazione del nodo Altri impatti sulla progettazione. Piazzole di sosta riallocate tenendo conto di possibili interferenze con altre manovre del flusso veicolare e portate ad una larghezza di 3,50 metri.. Pannelli VMS nella gestione di alcuni fenomeni di mobilità e sicurezza stradale che coinvolgono particolari categorie di utenti: veicoli commerciali, coinvolti nel 43% degli incidenti; conducenti stranieri, coinvolti nel 4% degli incidenti; utenti non sistematici. 6

7 Considerazioni (/). Nel settore autostradale i dati e i requisiti di base richiesti dall applicazione della Direttiva sono disponibili, anche se non strutturati e non immediatamente fruibili. La presenza di un solo organo rilevatore, con particolare competenza nel rilievo degli incidenti stradali, assicura una qualità del dato molto affidabile 3. E possibile adottare tecniche di simulazione sia per i flussi veicolari sia per la ricostruzione dell incidente per avere una valutazione più oggettiva e per adottare approcci di tipo what-if 3 Considerazioni (/) 4. Il processo di audit condotto, in modo continuo e parallelo, alla progettazione definitiva ha consentito di adottare raccomandazioni e prescrizioni senza significativi aggravi di attività 5. Non è trascurabile il contributo che può essere apportato alle connessioni con la viabilità ordinaria dove sono presenti condizioni di circolazione spesso molto variegate e complesse 4

8 Considerazioni relative a tratte stradali non appartenenti alla rete stradale transeuropea Road Safety Inspection su strade provinciali Attività svolte nell ambito del: Piano Regionale della Sicurezza Stradale per conto di Regione Lombardia e IRER Istituto Regionale di Ricerca Piano Provinciale della Sicurezza Stradale per conto della Provincia di Salerno Sito F Km 6,600: Immissione da Tangenziale SUD SP ex SS Padana Superiore 6 8

9 Sito F Km 6,600: Immissione da Tangenziale SUD. Nel triennio sono stati rilevati 3 incidenti ricadenti nella tratta in esame. Per ogni incidente sono state recuperate informazioni dettagliate sulle fasi di precrash, crash, post-crash e su alcuni elementi ritenuti significativi per le successive analisi Sito F - km 6,600: Immssione da Tangenziale Sud (Comune di Castegnato) PROGR. ID ANNO MESE GIORNO ORA RILEVATORE MORTI FERITI METEO NATURA INCIDENTE N VEICOLI VEICOLI PS BS 0 4 Pioggia Laterale Auto-Auto CC Ospitaletto 0 0 Sereno Laterale Auto-Autocarro PS BS 0 Nuvoloso Laterale Auto-Auto PS Chiari 0 Sereno Tamponamento 5 Auto-Auto-Auto-Auto PS Iseo 0 0 Sereno Laterale Auto-Auto CC Ospitaletto 0 Coperto Laterale Auto-Auto Non disponibile PS Chiari 0 0 Sereno Tamponamento Auto-Auto PS Chiari 0 Pioggia Tamponamento 3 Auto-Auto-Auto CC Ospitaletto 0 0 Non disponibile Laterale Auto-Auto PS Chiari 0 0 Sereno Laterale Auto-Auto CC RM Chiari 0 Sereno Laterale Auto-Moto PS Chiari 0 Pioggia Fuoriuscita su gasolio Auto PS BS 0 Sereno Laterale Auto-Moto Sito F Km 6,600: Immissione da Tangenziale SUD 5 GM Frutta Discount LD Immissione da Tang. Sud 3 8 9

10 Tangenziale Sud Immissione da Tangenziale SUD I veicoli provenienti dalla Tangenziale SUD percorrono la corsia di accelerazione a velocità sostenuta, spesso senza dare la precedenza. La larghezza/lunghezza della corsia di accelerazione consente all utente manovre che possono innestare ulteriori fattori di rischio La svolta a sinistra per accedere all area area commerciale è molto frequente sia da parte dei veicoli che percorrono la Sp ex SS sia da parte di veicoli che provengono dalla Tangenziale SUD 9 Sito G Km,000: Svincolo per Tangenziale SUD Concessionaria Renault Sito G - km,000: Svincolo per Tangenziale Sud (Comune di Castegnato) PROGR. ID ANNO MESE GIORNO ORA RILEVATORE MORTI FERITI METEO NATURA INCIDENTE N VEICOLI VEICOLI CC RM Chiari 0 0 Sereno Fronto-laterale Auto-Autocarro CC RM Chiari 0 0 Sereno Fronto-laterale Auto-Auto PS BS 0 Nuvoloso Tamponamento 3 Autocarro-Auto-Autocarro PS Chiari 0 4 Ghiaccio Frontale Auto-Auto CC RM Chiari 0 0 Sereno Fronto-laterale Auto-Furgone PS BS 0 Sereno Caduta Velocipede CC Ospitaletto 0 Sereno Tamponamento Auto-Autocarro PS Iseo 0 Sereno Tamponamento Auto-Moto

11 Sito G Km,000: Svincolo per Tangenziale SUD Concessionaria Renault Tangenziale Sud Svincolo per Tangenziale SUD Ospitaletto Lo svincolo per accedere alla Tangenziale SUD verso Brescia è utilizzato anche dai veicoli in transito verso Ospitaletto Il segnale di direzione obbligatoria non è sufficiente a impedire la svolta a sinistra dei veicoli

12 Ipotesi di riorganizzazione complessiva del sistema viario 3 Statistiche di supporto sulle tratte stradali esaminate exss dal km 8 al km 9 Incidenti per tipologia d'urto Periodo di osservazione % fronto-laterale 3% fronto-posteriore 39% altro o sconosciuto 3% investimento pedone % laterale 3% caduta 3% frontale 9% fuoriuscita 0% 4

13 ti Statistiche di supporto sulle tratta stradale esaminata exss dal km 8 al km 9 Distribuzione di incidenti, feriti e morti per mese dell'anno Periodo di osservazione Incidenti Feriti Morti exss dal km 8 al km 9 Distribuzione di incidenti, feriti e morti per giorno della settimana Periodo di osservazione Incidenti Feriti Morti Incidenti / Feriti / Morti gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre Morti Incidenti / Feriti / Mort lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica Morti Mese Giorno della settimana exss dal km 8 al km 9 exss dal km 8 al km 9 Distribuzione di incidenti, feriti e morti per fascia oraria Distribuzione di incidenti e flusso medio per fascia oraria Periodo di osservazione Periodo di osservazione Incidenti Feriti Morti Incidenti Veicoli Incidenti / Feriti / Morti :00-0:59 :00 - :59 :00 - :59 3:00-3:59 4:00-4:59 5:00-5:59 6:00-6:59 :00 - :59 8:00-8:59 9:00-9:59 0:00-0:59 :00 - :59 :00 - :59 3:00-3:59 4:00-4:59 Fascia oraria 5:00-5:59 6:00-6:59 :00 - :59 8:00-8:59 9:00-9:59 0:00-0:59 :00 - :59 :00 - :59 3:00-3:59 Incidenti :00-0:59 :00 - :59 :00 - :59 3:00-3:59 4:00-4:59 5:00-5:59 6:00-6:59 :00 - :59 8:00-8:59 9:00-9:59 0:00-0:59 :00 - :59 :00 - :59 3:00-3:59 4:00-4:59 5:00-5:59 6:00-6:59 :00 - :59 8:00-8:59 9:00-9:59 0:00-0:59 :00 - :59 :00 - :59 3:00-3:59 Fascia oraria Veicoli (media settimanale) 5 Infrazioni al C. d. S. Articolo Descrizione Frequenza % Art.4 Velocità 9,% Art.49 Distanza di sicurezza tra i veicoli 0 4,6% Art.45 Precedenza 8 3,% Art.86 Guida sotto l influenza di alcool,4% Art.80 Revisioni 8,0% Art.54 Cambiamento di direzione o di corsia o altre manovre 9 6,6% 6% Art.80 Possesso dei documenti di circolazione e di guida 6 4,4% Art. 6 Patente, certificato di abilitazione professionale,... 4,9% Art. 6 Regolamentazione della circolazione fuori dei centri... 3,% Art. 48 Sorpasso 3,% Art. 93 Obbligo dell assicurazione di responsabilità civile 3,% Art. Regolamentazione della circolazione nei centri abitati,5% Art. 9 Efficienza dei veicoli a motore e loro rimorchi...,5% Art. 43 Posizione dei veicoli sulla carreggiata,5% Art. 46 Violazione della segnaletica stradale,5% Art. 89 Comportamento in caso di incidente,5% Art. 8 Fasce di rispetto ed aree di visibilità ibilità nei centri abitati ti 0,% Art. 68 Caratteristiche costruttive e funzionali... dei veicoli 0,% Art. 0 Trasporto di persone,...sui veicoli a motore a due ruote 0,% Art. Uso delle cinture di sicurezza e sistemi di ritenuta... 0,% Art. 8 Guida sotto l effetto di sostanze stupefacenti 0,% Art. 8 Sanzione accessoria della sospensione della patente 0,% TOTALE 3 6 3

14 Hotel Papillon Tangenziale Sud H t Distributore TAMOIL OBI Parcheggio OBI Tratte critiche A Km 8,00 B Km 9,300 C Km,000 D Km,00 Via I Maggio Via XXV Aprile Centro Commerciale Via XXV Aprile Via XXV Aprile Via XXV Aprile Via Hotel Papillon del Perosino Via I Maggio Rotatoria SP 6 Via San Giovanni Incrocio Via San Giovanni Hotel Papillon Variante Ospitaletto Curva Variante Ospitaletto E Km 5,400 F Km 6,600 G Km,000 H Km,00 Viadotto Autostrada A4 Concessionaria Renault Immissione da Tang. Sud Distributore TAMOIL GM Frutta Discount LD Sottopasso Autostrada A4 Immissione da Tangenziale SUD Svincolo per Tangenziale SUD Località Mandolossa - OBI Tratte critiche TRATTA ETTOMETRICA INCIDENTI LOCALIZZATI MORTI FERITI Comune Km Località lesivi non lesivi totale 8,00 Girandola" A Rovato Rotatoria "La 0 0 B Rovato 9,300 Incrocio con Via S. Giovanni C Cazzago San Martino,000 Hotel Papillon D Cazzago San Martino,00 Curva Variante Ospitaletto 0 E Castegnato 5,400 Sottopasso A4 8 3 F Castegnato 6,600 Immissione da Tangenziale Sud G Castegnato,000 Svincolo per Tangenziale Sud H Castegnato/Roncadelle,00 Località Mandolossa - OBI TOTALE A B C D E F G H Su un totale di chilometri sono state individuate 8 tratte ettometriche critiche Su 8% circa del tracciato risultano localizzati il 33% degli incidenti con lesioni 8 4

15 Tratte critiche sulla S.P. 5 Provincia di Salerno A Km B Km C Km D Km +00 Incrocio con la SP35 Camping Baia dei Delfini Incrocio con Via Idrovoro Incrocio con la SP3 E Km F Km G Km 8+00 Incrocio con la SP 6 Altezza Via Cavour Incrocio con la SP30 9 Tratte critiche sulla S.P. 5 Provincia di Salerno A SP 35 Via Spineta B Baia dei Delfini C Via Idrovoro D SP 3 Via Aversana / Lido Lago KM Luogo Incidenti Morti Feriti A Incrocio con SP B Camp. Baia dei delfini C Via Idrovoro 5 0 D + 00 Incrocio SP 3 0 E Incrocio SP 6 0 F Via Cavour G Incrocio SP TOTALE 39 E SP 6 / Ospedale Campolongo F Via Cavour / Via Tommaseo Su un totale di 0 chilometri sono state individuate tratte ettometriche critiche Sul % circa del tracciato risultano localizzati il 54 % degli incidenti con lesioni Siti stradali da sottoporre prioritariamente ad analisi di sicurezza 30 G SP 30 5

16 Tratte critiche ex SS Padana Superiore (Prov BS) Incidenti totali 34 Incidenti Ettometriche Incidenti localizzati 8 n % n % Incidenti Punti neri 3 33% 8 % % localizzati 96% 58 5% 3 % Ettometriche 0 65% 0% 00% 53 50% ex SS34 Briantea (Prov BG) 00% 80% exss(bs) exss34(bg) SP5a(SA) Incidenti totali 6 Incidenti Ettometriche Incidenti localizzati 6 n % n % Incidenti Punti neri % 0 6% % localizzati 5% 88 6% 9 % Ettometriche 60 0 % 3 0% 43 00% 65 4% Incidenti 60% 40% SP5a Litoranea (Prov SA) Incidenti totali 46 Incidenti Ettometriche Incidenti localizzati 4 n % n % Incidenti Punti neri 60 54% % % localizzati 8% 8 0% 3 3% Ettometriche % 0% 00% 40 38% 0% 0% 0% 0% 0% 30% 40% 50% Ettom e triche 3 Considerazioni. Sulle strade provinciali i dati di supporto per le classificazioni e le ispezioni sono molto carenti. La raccolta porta a porta dei dati conduce a significative concentrazioni sia di incidenti sia di scenari di incidenti 3. Attività di RSI limitate alla singola tratta o al singolo incrocio potrebbero essere impoverite rispetto ad una visione complessiva della strada e con un approccio multidisciplinare 3 6

17 Considerazioni relative alla classificazione delle strade Classificazioni. Regione Lombardia e IRER, Istituto Regionale di Ricerca, hanno, da circa mesi, avviato un azione di classificazione della rete stradale in gestione alle Province in ottica di sicurezza stradale. Con le Amministrazioni Provinciali hanno concertato di intervenire sulle tratte stradali a maggior rischio, identificate attraverso una metodologia di classificazione 3. Gli interventi sono cofinanziati sia nell ambito del PNSS che nell ambito di fondi regionali 4. Le strutture tt provinciali i prima di predisporre gli interventi ti devono produrre un dossier di analisi dei fattori di rischio presenti sulle tratte oggetto di intervento 34

18 Strade e autostrade a maggior rischio in Regione Lombardia Autostrade Statali Tangenziali Media Incidenti / km (n) A 5 SS 336 A 09 SS 033 SS 358 A 04 TO-MI SS 5 SS 33 SS 06 SS 36b SS 340d SS 34 SS 3 SS 035d SS 00 A Strada SS 639 SS 343 SS 394 SS 34 SS 469 SS 59 SS 0 SS 039 SS 46 Tang Cg SS 34d SS 49 SS 94 SS 596d SS 669 La classificazione delle strade provinciali a maggior rischio. SS40 dir della Valle Brembana. SS035 dei Giovi 3. SS358 di Castelnovo 4. SS45 Paullese 5. SS494 Vigevanese 6. SS55 del Brembo. SS5 Bustese 8. SS0 Padana Superiore 9. SS33 Varesina 0. SS34 Briantea 36 8

19 Distribuzione degli incidenti sulla Padana Superiore 0 BERGAMO Incidenti (n) Milano - Milano 6 - Bergamo 9-9 Brescia Distribuzione degli incidenti sulla Padana Superiore 38 9

20 Considerazioni. I database oggi già disponibili consentono di avere una prima sommaria classificazione delle strade che dovrebbero essere prioritariamente oggetto di RSI. Un miglioramento della qualità del dato anche a valle della prima sommaria classificazione conduce a risultanti molto confortanti con una notevole restrizione delle aree/tratte di approfondimento 3. Le Amministrazioni Provinciali che hanno aderito alla iniziativa dimostrano una buona propensione all adozione di RSI 4. Alcune di esse sono già ben strutturate per rispondere efficacemente ad una eventuale direttiva in merito 39 AIPCR - Comitato Tecnico Nazionale C. Infrastrutture Stradali più Sicure WORKSHOP La DIRETTIVA 008/96/CE 9 luglio 009 Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio Davide Tartaro Unità Operativa Sicurezza Stradale NET Engineering S.p.A. 0

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

T.Esposito R.Mauro M.Corradini LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI

T.Esposito R.Mauro M.Corradini LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI Luglio 2007 La presente monografia costituisce l aggiornamento del Cap.11 del testo T.Esposito,

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Convenzione sulla circolazione stradale

Convenzione sulla circolazione stradale Convenzione sulla circolazione stradale Conclusa a Vienna l 8 novembre 1968 Le Parti contraenti, nell intento di facilitare la circolazione stradale internazionale e di accrescere la sicurezza nelle strade

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA LE DISPOSIZIONI DI LEGGE NAZIONALI

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Ministero dei lavori pubblici

Ministero dei lavori pubblici Ministero dei lavori pubblici ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE Prot. n. 3698 Alle Amministrazioni Comunali Loro Sedi Oggetto: Linee guida per la redazione dei piani urbani

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI SISTEMI DI REGOLAZIONE DEL TRAFFICO LINEE GUIDA Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione,

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 10 luglio 2002 (Pubblicato sulla GU n. 226 del 26-9-2002- Suppl. Straordinario) Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali Convegno PREVENZIONE E SALUTE UN BINOMIO INSCINDIBILE SANIT Roma, 25 giugno 2009 Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali I Ciaramella SISP - ASL RM B In collaborazione con D D

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città?

A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città? A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città? Giornata dedicata ai media e agli ospiti Giovedì, 1 luglio 2010 Pista dei crash test a Wildhaus 1 Contenuto Benvenuto 4 Programma

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA. CORRIDOIO 5 Transpadano

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA. CORRIDOIO 5 Transpadano ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA CORRIDOIO 5 Transpadano Dicembre 2008 1. Inquadramento territoriale e programmatico a) Rete TEN-T europea asse prioritario n 6 Lione - Lubiana

Dettagli

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 adempimenti di inizio anno 15 lunedì C.di C. 3AG 13.30 14.15 programmazione - visite studio - varie solo docenti 15 lunedì C.di

Dettagli

POLITICA AZIENDALE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO... 4 PREMESSA... 6

POLITICA AZIENDALE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO... 4 PREMESSA... 6 LINEE GUIDA PER LA SICUREZZA DELL OPERATORE SU STRADA INDICE POLITICA AZIENDALE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO... 4 PREMESSA... 6 1. NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI PER L ESECUZIONE DELLE MANOVRE

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE PROINCIA DI TARANTO Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE A0001 A0002 A0003 A0004 A0005 A0006 Sono classificati veicoli secondo il CDS 1 le macchine uso bambini 2 i ciclomotori 3 le macchine uso disabili

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

PROVINCIA DI BELLUNO PROGRAMMA ANNUALE PROGETTAZIONE PROGRAMMA ANNUALE ESECUZIONE IMPORTO DI PROGETTO LIVELLO PROGETT.NE PTR NUM.

PROVINCIA DI BELLUNO PROGRAMMA ANNUALE PROGETTAZIONE PROGRAMMA ANNUALE ESECUZIONE IMPORTO DI PROGETTO LIVELLO PROGETT.NE PTR NUM. PROVINCIA DI BELLUNO 2002/2004 34 Realizzazione intervento SR 50 - Belluno - Mas - 1 stralcio. Viabilità di accesso nuova caserma Vigili dei Fuoco di Belluno Esecutivo 4.400.000,00 In corso di appalto

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it

Sitorna sul triciclo. da guidare e più sicuri. facili. Scooter a tre ruote. Laprova completa su Corriere.it La Laprova completa su Corriere.it Piaggio MP3 LT 30o IE Sport Quadro 350S e Peugeot Metropolis : 400 tre scooter a tre ruote prova completa. con immagini e commenti è su motori.corriere.it Sitorna sul

Dettagli

SAMEV 24/10/2013 08.57 - Pagina 1. Lunedì 30/09 Martedì 01/10 Mercoledì 02/10 Giovedì 03/10 Venerdì 04/10 8h00

SAMEV 24/10/2013 08.57 - Pagina 1. Lunedì 30/09 Martedì 01/10 Mercoledì 02/10 Giovedì 03/10 Venerdì 04/10 8h00 SAMEV 24/10/2013 08.57 - Pagina 1 Scienze Forestali e Ambientali I liv. - 3 anno - dal 30 settembre al 04 ottobre 2013 Lunedì 30/09 Martedì 01/10 Mercoledì 02/10 Giovedì 03/10 Venerdì 04/10 Aula 9 Aula

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

: il metano ha messo il turbo

: il metano ha messo il turbo Torino, 14 Giugno 2010 Nuovo DOBLO : il metano ha messo il turbo A pochi mesi dal lancio commerciale, Nuovo DOBLO ha già raggiunto la leadership nel segmento delle vetture multi spazio, riscuotendo un

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Norme e Condizioni per il Pagamento dei Parcheggi con il Telepass NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Art. 1 1.1 Le presenti norme e condizioni disciplinano l

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada

Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada (Decreto Presidente della Repubblica 16 Dicembre 1992 nr.495 aggiornato al D.P.R. 6 marzo 2006, n.153) TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI

MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei piani urbani del traffico. (Art. 36 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285. Nuovo codice della strada). 1 2

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE

Comune di Cagnano Amiterno INDICE GENERALE INDICE GENERALE INDICE GENERALE... 1 1.0 PREMESSA... 2 1.1 Il QUADRO NORMATIVO... 4 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE... 7 1.3 QUADRO CONOSCITIVO PRELIMINARE... 13

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Impatti. Volu mi. Veloci tà

Impatti. Volu mi. Veloci tà I risultati conseguiti dagli interventi di moderazione del traffico Nella determinazione dei dati sull incidenza sulla velocità vanno tenuti presenti il luogo e il tempo del rilevamento: i conducenti rallentano

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E U N O S T R U M E N T O F A C I L E, P R E C I S O E D E F F I C I E N T E ChronoMap è lo strumento ideale per le

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Sicurezza nei quartieri

Sicurezza nei quartieri Sicurezza nei quartieri Orientamento sulle sistemazioni e sui dispositivi stradali Membri del TCS gratuito (1 copia) Non membri CHF 10. touring club suisse schweiz svizzero Prefazione La prevenzione degli

Dettagli

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 domenica 7 Ottobre 2012 - ore 9.45 GORLE - BERGAMO ARRIVEDERCI alla 42a Settimana Ciclistica Bergamasca dal 2 al 7 settembre 2013 REGOLAMENTO SPECIALE DI CORSA SU STRADA

Dettagli

F.Gerola; L. Mattevi INTRODUZIONE

F.Gerola; L. Mattevi INTRODUZIONE Misurazioni fonometriche del rumore prodotto dal traffico stradale e dai veicoli F.Gerola; L. Mattevi Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente - Provincia autonoma di Trento INTRODUZIONE Il

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE

CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE Qualsiasi cosa transportate: la responsabilità vi accompagna! PREFAZIONE Egregi trasportatori, stimati conducenti di veicoli commerciali Caricare correttamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Progetto preliminare e SIA della IIIa corsia dell autostrada A 4 nel tratto tra Quarto d Altino e Duino/Sistiana Osservazioni

Progetto preliminare e SIA della IIIa corsia dell autostrada A 4 nel tratto tra Quarto d Altino e Duino/Sistiana Osservazioni Progetto preliminare e SIA della IIIa corsia dell autostrada A 4 nel tratto tra Quarto d Altino e Duino/Sistiana Osservazioni WWF Friuli Venezia Giulia e Veneto Giugno 2003 0. Premessa Si rileva ancora

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli