Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio"

Transcript

1 AIPCR - Comitato Tecnico Nazionale C. Infrastrutture Stradali più Sicure WORKSHOP La DIRETTIVA 008/96/CE Roma, 9 luglio 009 Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio Davide Tartaro Unità Operativa Sicurezza Stradale NET Engineering S.p.A. Sommario Considerazioni relative ad una tratta autostradale appartenente alla rete stradale transeuropea Considerazioni relative a tratte stradali non appartenenti alla rete stradale transeuropea Considerazioni relative alla classificazione delle strade

2 Considerazioni relative ad una tratta autostradale appartenente alla rete stradale transeuropea Autostrada A4 Venezia Trieste Progetto definitivo per ampliamento 3 corsia sulla tratta Gonars Villesse Road Safety Inspection e Audit Attività svolte nell ambito della: Realizzazione 3^ corsia autostrada A4 nel tratto: da Gonars (UD) a Villesse (GO) dalla progr. km alla progr. km 06+05,00 - Progettazione definitiva per conto di S.p.A. Autovie Venete Autostrada A4 - incidenti tratta friulana Nodo di Palmanova incidenti con lesioni ( morto, 49 feriti) 0 incidenti con soli danni materiali Prima di procedere alle attività di ispezione è stato possibile raccogliere informazioni, anche molto dettagliate, sugli incidenti stradali avvenuti nell ultimo triennio. Le informazioni raccolte sono perfettamente rispondenti a quanto indicato in Annex IV della Direttiva Una concentrazione significativa di eventi era attesa nel nodo di Palmanova 4

3 Incidenti lungo la tratta e nel solo nodo di Palmanova TRATTA FRIULANA Ripartizione degli incidenti con lesioni secondo i veicoli coinvolti NODO DI PALMANOVA Ripartizione degli incidenti con lesioni secondo i veicoli coinvolti autovettura isolata 40% veicolo pesante - autovettura 48% autovettura isolata % veicolo pesante - autovettura 9% autovettura tt - autovettura % autovettura - autovettura 9% altro 9% veicolo pesante isolato % altro 4% veicolo pesante isolato % TRATTA FRIULANA Ripartizione degli incidenti con lesioni secondo la dinamica NODO DI PALMANOVA Ripartizione degli incidenti con lesioni secondo la dinamica Altro % Cambio di corsia % Tamponamento % Cambio di corsia 48% Tamponamento 3% Fuoriuscita 4% Fuoriuscita 30% Trieste Svincolo Palmanova 5 Localizzazione degli incidenti nel nodo di Palmanova 6 3

4 Dinamiche degli incidenti con lesioni IMMISSIONE A3 A4 DIREZIONE VENEZIA. Valutare i cambi di corsia verso destra. Intervenire sulla densità per aumentare il distanziamento tra i veicoli e favorire il rientro verso destra 3. Aumentare significativamente la lunghezza della zona di scambio Flussi di traffico nel nodo di Palmanova I veicoli che arrivano da sinistra, dopo la confluenza si trovano sulla corsia di sorpasso e, pertanto, devono portarsi a destra sulla corsia di marcia normale. Questa manovra risulta tanto più pericolosa se effettuata da veicoli pesanti. 8 Trieste Svincolo Palmanova 4

5 Adozione della micro-simulazione sul ramo verso Venezia Le diverse ipotesi progettuali sono state simulate e valutate in base alle indicazioni derivanti dalle attività di RSI e RSA Progetto preliminare / Variante UD TS + Palmanova VE 3 4 da corsia a corsia n cambi corsia totale cambi corsia 869 (Simulazione: dalle 0,00 alle 0,00 sabato 8 giugno) 9 Immissione da sinistra nodo Palmanova L incidente più frequente è stato anche oggetto di ricostruzione cinematica con operazioni di clusterizzazione sui veicoli, sulle velocità, sulle traiettorie Velocità (km/h) Severità d urto (km/h) Veicolo V crociera V urto V post ΔV EES Autovettura Peugeot 306 SW Autotreno Renault

6 Impatto delle analisi sulla progettazione Raccomandazioni derivanti dalle attività di inspecting e audit recepite in fase di progettazione definitiva, allo scopo di risolvere la criticità evidenziata in riferimento al nodo di Palmanova:. Prolungamento della zona di scambio (circa 000 metri) tra le direttrici UD-VE e TS-VE. Prolungamento della zebratura (circa 600 metri dal punto di confluenza) all interno della zona di scambio 3. Incremento delle distanze di visibilità nel nodo, con particolare attenzione nell impostazione i degli angoli di incidenza tra le rampe 4. Adeguamento della segnaletica orizzontale e verticale a supporto della configurazione del nodo Altri impatti sulla progettazione. Piazzole di sosta riallocate tenendo conto di possibili interferenze con altre manovre del flusso veicolare e portate ad una larghezza di 3,50 metri.. Pannelli VMS nella gestione di alcuni fenomeni di mobilità e sicurezza stradale che coinvolgono particolari categorie di utenti: veicoli commerciali, coinvolti nel 43% degli incidenti; conducenti stranieri, coinvolti nel 4% degli incidenti; utenti non sistematici. 6

7 Considerazioni (/). Nel settore autostradale i dati e i requisiti di base richiesti dall applicazione della Direttiva sono disponibili, anche se non strutturati e non immediatamente fruibili. La presenza di un solo organo rilevatore, con particolare competenza nel rilievo degli incidenti stradali, assicura una qualità del dato molto affidabile 3. E possibile adottare tecniche di simulazione sia per i flussi veicolari sia per la ricostruzione dell incidente per avere una valutazione più oggettiva e per adottare approcci di tipo what-if 3 Considerazioni (/) 4. Il processo di audit condotto, in modo continuo e parallelo, alla progettazione definitiva ha consentito di adottare raccomandazioni e prescrizioni senza significativi aggravi di attività 5. Non è trascurabile il contributo che può essere apportato alle connessioni con la viabilità ordinaria dove sono presenti condizioni di circolazione spesso molto variegate e complesse 4

8 Considerazioni relative a tratte stradali non appartenenti alla rete stradale transeuropea Road Safety Inspection su strade provinciali Attività svolte nell ambito del: Piano Regionale della Sicurezza Stradale per conto di Regione Lombardia e IRER Istituto Regionale di Ricerca Piano Provinciale della Sicurezza Stradale per conto della Provincia di Salerno Sito F Km 6,600: Immissione da Tangenziale SUD SP ex SS Padana Superiore 6 8

9 Sito F Km 6,600: Immissione da Tangenziale SUD. Nel triennio sono stati rilevati 3 incidenti ricadenti nella tratta in esame. Per ogni incidente sono state recuperate informazioni dettagliate sulle fasi di precrash, crash, post-crash e su alcuni elementi ritenuti significativi per le successive analisi Sito F - km 6,600: Immssione da Tangenziale Sud (Comune di Castegnato) PROGR. ID ANNO MESE GIORNO ORA RILEVATORE MORTI FERITI METEO NATURA INCIDENTE N VEICOLI VEICOLI PS BS 0 4 Pioggia Laterale Auto-Auto CC Ospitaletto 0 0 Sereno Laterale Auto-Autocarro PS BS 0 Nuvoloso Laterale Auto-Auto PS Chiari 0 Sereno Tamponamento 5 Auto-Auto-Auto-Auto PS Iseo 0 0 Sereno Laterale Auto-Auto CC Ospitaletto 0 Coperto Laterale Auto-Auto Non disponibile PS Chiari 0 0 Sereno Tamponamento Auto-Auto PS Chiari 0 Pioggia Tamponamento 3 Auto-Auto-Auto CC Ospitaletto 0 0 Non disponibile Laterale Auto-Auto PS Chiari 0 0 Sereno Laterale Auto-Auto CC RM Chiari 0 Sereno Laterale Auto-Moto PS Chiari 0 Pioggia Fuoriuscita su gasolio Auto PS BS 0 Sereno Laterale Auto-Moto Sito F Km 6,600: Immissione da Tangenziale SUD 5 GM Frutta Discount LD Immissione da Tang. Sud 3 8 9

10 Tangenziale Sud Immissione da Tangenziale SUD I veicoli provenienti dalla Tangenziale SUD percorrono la corsia di accelerazione a velocità sostenuta, spesso senza dare la precedenza. La larghezza/lunghezza della corsia di accelerazione consente all utente manovre che possono innestare ulteriori fattori di rischio La svolta a sinistra per accedere all area area commerciale è molto frequente sia da parte dei veicoli che percorrono la Sp ex SS sia da parte di veicoli che provengono dalla Tangenziale SUD 9 Sito G Km,000: Svincolo per Tangenziale SUD Concessionaria Renault Sito G - km,000: Svincolo per Tangenziale Sud (Comune di Castegnato) PROGR. ID ANNO MESE GIORNO ORA RILEVATORE MORTI FERITI METEO NATURA INCIDENTE N VEICOLI VEICOLI CC RM Chiari 0 0 Sereno Fronto-laterale Auto-Autocarro CC RM Chiari 0 0 Sereno Fronto-laterale Auto-Auto PS BS 0 Nuvoloso Tamponamento 3 Autocarro-Auto-Autocarro PS Chiari 0 4 Ghiaccio Frontale Auto-Auto CC RM Chiari 0 0 Sereno Fronto-laterale Auto-Furgone PS BS 0 Sereno Caduta Velocipede CC Ospitaletto 0 Sereno Tamponamento Auto-Autocarro PS Iseo 0 Sereno Tamponamento Auto-Moto

11 Sito G Km,000: Svincolo per Tangenziale SUD Concessionaria Renault Tangenziale Sud Svincolo per Tangenziale SUD Ospitaletto Lo svincolo per accedere alla Tangenziale SUD verso Brescia è utilizzato anche dai veicoli in transito verso Ospitaletto Il segnale di direzione obbligatoria non è sufficiente a impedire la svolta a sinistra dei veicoli

12 Ipotesi di riorganizzazione complessiva del sistema viario 3 Statistiche di supporto sulle tratte stradali esaminate exss dal km 8 al km 9 Incidenti per tipologia d'urto Periodo di osservazione % fronto-laterale 3% fronto-posteriore 39% altro o sconosciuto 3% investimento pedone % laterale 3% caduta 3% frontale 9% fuoriuscita 0% 4

13 ti Statistiche di supporto sulle tratta stradale esaminata exss dal km 8 al km 9 Distribuzione di incidenti, feriti e morti per mese dell'anno Periodo di osservazione Incidenti Feriti Morti exss dal km 8 al km 9 Distribuzione di incidenti, feriti e morti per giorno della settimana Periodo di osservazione Incidenti Feriti Morti Incidenti / Feriti / Morti gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre Morti Incidenti / Feriti / Mort lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica Morti Mese Giorno della settimana exss dal km 8 al km 9 exss dal km 8 al km 9 Distribuzione di incidenti, feriti e morti per fascia oraria Distribuzione di incidenti e flusso medio per fascia oraria Periodo di osservazione Periodo di osservazione Incidenti Feriti Morti Incidenti Veicoli Incidenti / Feriti / Morti :00-0:59 :00 - :59 :00 - :59 3:00-3:59 4:00-4:59 5:00-5:59 6:00-6:59 :00 - :59 8:00-8:59 9:00-9:59 0:00-0:59 :00 - :59 :00 - :59 3:00-3:59 4:00-4:59 Fascia oraria 5:00-5:59 6:00-6:59 :00 - :59 8:00-8:59 9:00-9:59 0:00-0:59 :00 - :59 :00 - :59 3:00-3:59 Incidenti :00-0:59 :00 - :59 :00 - :59 3:00-3:59 4:00-4:59 5:00-5:59 6:00-6:59 :00 - :59 8:00-8:59 9:00-9:59 0:00-0:59 :00 - :59 :00 - :59 3:00-3:59 4:00-4:59 5:00-5:59 6:00-6:59 :00 - :59 8:00-8:59 9:00-9:59 0:00-0:59 :00 - :59 :00 - :59 3:00-3:59 Fascia oraria Veicoli (media settimanale) 5 Infrazioni al C. d. S. Articolo Descrizione Frequenza % Art.4 Velocità 9,% Art.49 Distanza di sicurezza tra i veicoli 0 4,6% Art.45 Precedenza 8 3,% Art.86 Guida sotto l influenza di alcool,4% Art.80 Revisioni 8,0% Art.54 Cambiamento di direzione o di corsia o altre manovre 9 6,6% 6% Art.80 Possesso dei documenti di circolazione e di guida 6 4,4% Art. 6 Patente, certificato di abilitazione professionale,... 4,9% Art. 6 Regolamentazione della circolazione fuori dei centri... 3,% Art. 48 Sorpasso 3,% Art. 93 Obbligo dell assicurazione di responsabilità civile 3,% Art. Regolamentazione della circolazione nei centri abitati,5% Art. 9 Efficienza dei veicoli a motore e loro rimorchi...,5% Art. 43 Posizione dei veicoli sulla carreggiata,5% Art. 46 Violazione della segnaletica stradale,5% Art. 89 Comportamento in caso di incidente,5% Art. 8 Fasce di rispetto ed aree di visibilità ibilità nei centri abitati ti 0,% Art. 68 Caratteristiche costruttive e funzionali... dei veicoli 0,% Art. 0 Trasporto di persone,...sui veicoli a motore a due ruote 0,% Art. Uso delle cinture di sicurezza e sistemi di ritenuta... 0,% Art. 8 Guida sotto l effetto di sostanze stupefacenti 0,% Art. 8 Sanzione accessoria della sospensione della patente 0,% TOTALE 3 6 3

14 Hotel Papillon Tangenziale Sud H t Distributore TAMOIL OBI Parcheggio OBI Tratte critiche A Km 8,00 B Km 9,300 C Km,000 D Km,00 Via I Maggio Via XXV Aprile Centro Commerciale Via XXV Aprile Via XXV Aprile Via XXV Aprile Via Hotel Papillon del Perosino Via I Maggio Rotatoria SP 6 Via San Giovanni Incrocio Via San Giovanni Hotel Papillon Variante Ospitaletto Curva Variante Ospitaletto E Km 5,400 F Km 6,600 G Km,000 H Km,00 Viadotto Autostrada A4 Concessionaria Renault Immissione da Tang. Sud Distributore TAMOIL GM Frutta Discount LD Sottopasso Autostrada A4 Immissione da Tangenziale SUD Svincolo per Tangenziale SUD Località Mandolossa - OBI Tratte critiche TRATTA ETTOMETRICA INCIDENTI LOCALIZZATI MORTI FERITI Comune Km Località lesivi non lesivi totale 8,00 Girandola" A Rovato Rotatoria "La 0 0 B Rovato 9,300 Incrocio con Via S. Giovanni C Cazzago San Martino,000 Hotel Papillon D Cazzago San Martino,00 Curva Variante Ospitaletto 0 E Castegnato 5,400 Sottopasso A4 8 3 F Castegnato 6,600 Immissione da Tangenziale Sud G Castegnato,000 Svincolo per Tangenziale Sud H Castegnato/Roncadelle,00 Località Mandolossa - OBI TOTALE A B C D E F G H Su un totale di chilometri sono state individuate 8 tratte ettometriche critiche Su 8% circa del tracciato risultano localizzati il 33% degli incidenti con lesioni 8 4

15 Tratte critiche sulla S.P. 5 Provincia di Salerno A Km B Km C Km D Km +00 Incrocio con la SP35 Camping Baia dei Delfini Incrocio con Via Idrovoro Incrocio con la SP3 E Km F Km G Km 8+00 Incrocio con la SP 6 Altezza Via Cavour Incrocio con la SP30 9 Tratte critiche sulla S.P. 5 Provincia di Salerno A SP 35 Via Spineta B Baia dei Delfini C Via Idrovoro D SP 3 Via Aversana / Lido Lago KM Luogo Incidenti Morti Feriti A Incrocio con SP B Camp. Baia dei delfini C Via Idrovoro 5 0 D + 00 Incrocio SP 3 0 E Incrocio SP 6 0 F Via Cavour G Incrocio SP TOTALE 39 E SP 6 / Ospedale Campolongo F Via Cavour / Via Tommaseo Su un totale di 0 chilometri sono state individuate tratte ettometriche critiche Sul % circa del tracciato risultano localizzati il 54 % degli incidenti con lesioni Siti stradali da sottoporre prioritariamente ad analisi di sicurezza 30 G SP 30 5

16 Tratte critiche ex SS Padana Superiore (Prov BS) Incidenti totali 34 Incidenti Ettometriche Incidenti localizzati 8 n % n % Incidenti Punti neri 3 33% 8 % % localizzati 96% 58 5% 3 % Ettometriche 0 65% 0% 00% 53 50% ex SS34 Briantea (Prov BG) 00% 80% exss(bs) exss34(bg) SP5a(SA) Incidenti totali 6 Incidenti Ettometriche Incidenti localizzati 6 n % n % Incidenti Punti neri % 0 6% % localizzati 5% 88 6% 9 % Ettometriche 60 0 % 3 0% 43 00% 65 4% Incidenti 60% 40% SP5a Litoranea (Prov SA) Incidenti totali 46 Incidenti Ettometriche Incidenti localizzati 4 n % n % Incidenti Punti neri 60 54% % % localizzati 8% 8 0% 3 3% Ettometriche % 0% 00% 40 38% 0% 0% 0% 0% 0% 30% 40% 50% Ettom e triche 3 Considerazioni. Sulle strade provinciali i dati di supporto per le classificazioni e le ispezioni sono molto carenti. La raccolta porta a porta dei dati conduce a significative concentrazioni sia di incidenti sia di scenari di incidenti 3. Attività di RSI limitate alla singola tratta o al singolo incrocio potrebbero essere impoverite rispetto ad una visione complessiva della strada e con un approccio multidisciplinare 3 6

17 Considerazioni relative alla classificazione delle strade Classificazioni. Regione Lombardia e IRER, Istituto Regionale di Ricerca, hanno, da circa mesi, avviato un azione di classificazione della rete stradale in gestione alle Province in ottica di sicurezza stradale. Con le Amministrazioni Provinciali hanno concertato di intervenire sulle tratte stradali a maggior rischio, identificate attraverso una metodologia di classificazione 3. Gli interventi sono cofinanziati sia nell ambito del PNSS che nell ambito di fondi regionali 4. Le strutture tt provinciali i prima di predisporre gli interventi ti devono produrre un dossier di analisi dei fattori di rischio presenti sulle tratte oggetto di intervento 34

18 Strade e autostrade a maggior rischio in Regione Lombardia Autostrade Statali Tangenziali Media Incidenti / km (n) A 5 SS 336 A 09 SS 033 SS 358 A 04 TO-MI SS 5 SS 33 SS 06 SS 36b SS 340d SS 34 SS 3 SS 035d SS 00 A Strada SS 639 SS 343 SS 394 SS 34 SS 469 SS 59 SS 0 SS 039 SS 46 Tang Cg SS 34d SS 49 SS 94 SS 596d SS 669 La classificazione delle strade provinciali a maggior rischio. SS40 dir della Valle Brembana. SS035 dei Giovi 3. SS358 di Castelnovo 4. SS45 Paullese 5. SS494 Vigevanese 6. SS55 del Brembo. SS5 Bustese 8. SS0 Padana Superiore 9. SS33 Varesina 0. SS34 Briantea 36 8

19 Distribuzione degli incidenti sulla Padana Superiore 0 BERGAMO Incidenti (n) Milano - Milano 6 - Bergamo 9-9 Brescia Distribuzione degli incidenti sulla Padana Superiore 38 9

20 Considerazioni. I database oggi già disponibili consentono di avere una prima sommaria classificazione delle strade che dovrebbero essere prioritariamente oggetto di RSI. Un miglioramento della qualità del dato anche a valle della prima sommaria classificazione conduce a risultanti molto confortanti con una notevole restrizione delle aree/tratte di approfondimento 3. Le Amministrazioni Provinciali che hanno aderito alla iniziativa dimostrano una buona propensione all adozione di RSI 4. Alcune di esse sono già ben strutturate per rispondere efficacemente ad una eventuale direttiva in merito 39 AIPCR - Comitato Tecnico Nazionale C. Infrastrutture Stradali più Sicure WORKSHOP La DIRETTIVA 008/96/CE 9 luglio 009 Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio Davide Tartaro Unità Operativa Sicurezza Stradale NET Engineering S.p.A. 0

Evoluzione dei SIT nella sicurezza stradale

Evoluzione dei SIT nella sicurezza stradale RisorseComuni 2009 Milano 18 novembre 2009 Palazzo delle Stelline I GIS per le Infrastrutture, la Mobilità e la Sicurezza Stradale Evoluzione dei SIT nella sicurezza stradale Davide Tartaro Unità Operativa

Dettagli

L incidentalità sulla rete viaria principale Anno 2014 e Focus Abruzzo

L incidentalità sulla rete viaria principale Anno 2014 e Focus Abruzzo L incidentalità sulla rete viaria principale Anno 2014 e Focus Abruzzo Lucia Pennisi Automobile Club d Italia Pescara, 19 novembre 2015 Incidentalità su rete viaria principale Incidenti 37.092 (- 0,89%)

Dettagli

CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE PIANIFICAZIONE DEL TRAFFICO E TECNICHE DI MODERAZIONE. giovedì 20 novembre 2014 // Centro Studi PIM - Villa Scheibler

CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE PIANIFICAZIONE DEL TRAFFICO E TECNICHE DI MODERAZIONE. giovedì 20 novembre 2014 // Centro Studi PIM - Villa Scheibler CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE PIANIFICAZIONE DEL TRAFFICO E TECNICHE DI MODERAZIONE giovedì 20 novembre 2014 // Centro Studi PIM - Villa Scheibler ATTUAZIONE PIANO NAZIONALE SICUREZZA STRADALE: condizioni

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Milano Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Mantova

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Mantova I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Mantova Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA PROPOSTE DI RIQUALIFICAZIONE VIABILISTICA rapporto finale luglio 2009 Ing. Ivan Genovese ig@mobiliter.it CONTENUTI A. INQUADRAMENTO

Dettagli

Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER)

Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER) Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER) Nel corso del 2011 sul territorio della regione Emilia-Romagna si sono verificati 20.415 incidenti (268 in più rispetto

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

L epidemiologia degli incidenti stradali in Veneto

L epidemiologia degli incidenti stradali in Veneto Venezia, 26/11/2007 L epidemiologia degli incidenti stradali in Veneto Paolo Spolaore Francesco Zambon SER Sistema Epidemiologico Regionale Incidenti stradali SCENARIO Mondo: 1,2 milioni morti all anno

Dettagli

PRONTUARIO PER IL RILEVAMENTO DI INCIDENTE STRADALE CON SOLI DANNI A COSE

PRONTUARIO PER IL RILEVAMENTO DI INCIDENTE STRADALE CON SOLI DANNI A COSE (Timbro lineare dell ufficio) Prot. N. PRONTUARIO PER IL RILEVAMENTO DI INCIDENTE STRADALE CON SOLI DANNI A COSE Operatori: (qualifica, cognome e nome) DATA: LOCALITÀ: ORARIO: incidente intervento OPERAZIONI

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

INCIDENTI SULLE STRADE: 10 MORTI AD AGOSTO IN PROVINCIA DI TREVISO

INCIDENTI SULLE STRADE: 10 MORTI AD AGOSTO IN PROVINCIA DI TREVISO INCIDENTI SULLE STRADE: 1 MORTI AD AGOSTO IN Il 44% delle vittime viaggiava a piedi o su mezzi a due ruote IL PRESIDENTE MURARO: "ATTENZIONE, SEMPRE: NON SI MUORE SOLO IN AUTO" Il trend positivo in discesa

Dettagli

Incidenti stradali in Italia nel 2014

Incidenti stradali in Italia nel 2014 Incidenti stradali in Italia nel 2014 Roberta Crialesi, Silvia Bruzzone Istat 4 Roma, 3 novembre 2015 ACI - Automobile Club d Italia Sala Assemblea Gli incidenti stradali I principali risultati per l anno

Dettagli

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico.

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico. Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 3. MODELLO DI SIMULAZIONE 3.1 Generalità Il modello di simulazione del traffico è un importante strumento per la pianificazione, che consente essenzialmente

Dettagli

Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale

Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale DOCUMENTO DI SINTESI Sommario: 1.Campo d intervento... 2.Obiettivi...

Dettagli

2. GLI INCIDENTI NELLE INTERSEZIONI 3. IL CENSIMENTO DELLE ROTATORIE EXTRAURBANE 5. ANALISI DI DETTAGLIO DI ALCUNE ROTATORIE

2. GLI INCIDENTI NELLE INTERSEZIONI 3. IL CENSIMENTO DELLE ROTATORIE EXTRAURBANE 5. ANALISI DI DETTAGLIO DI ALCUNE ROTATORIE 1. IL TERRITORIO E L L INCIDENTALITA LE ROTATORIE SULLE STRADE EXTRAURBANE DELLA PROVINCIA DI, 22 FEBBRAIO 21 2. GLI INCIDENTI NELLE INTERSEZIONI 3. IL CENSIMENTO DELLE ROTATORIE EXTRAURBANE 4. DI MESSA

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia Comune di Desenzano del Garda Provincia di Brescia INDAGINI DI TRAFFICO IN FUNZIONE DEL PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PLESSO SCOLASTICO E DI UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE IN LOCALITA

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO Osservatorio trasporti PROGETTO SIRSS

PROVINCIA DI LIVORNO Osservatorio trasporti PROGETTO SIRSS PROVINCIA DI LIVORNO Osservatorio trasporti PROGETTO SIRSS Analisi multivariata degli incidenti su tutte le strade della Provincia di Livorno nell anno 2008, sulla base dei dati pervenuti al 16/11/2009.

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN AMBITO EXTRAURBANO B.4.1 INTRODUZIONE 1. Questo rapporto descrive un analisi di sicurezza di fase 5 condotta su una strada in esercizio (SS xx Km 78-90).

Dettagli

Ultimo Aggiornamento Anpas Toscana: Novembre 2010 Ultimo Aggiornamento Pubblica Assistenza Siena: Febbraio 2011 Pubblica Assistenza di Siena

Ultimo Aggiornamento Anpas Toscana: Novembre 2010 Ultimo Aggiornamento Pubblica Assistenza Siena: Febbraio 2011 Pubblica Assistenza di Siena Ultimo Aggiornamento Anpas Toscana: Novembre 2010 Ultimo Aggiornamento Pubblica Assistenza Siena: Febbraio 2011 Pubblica Assistenza di Siena Protocollo Formativo Autisti Volontari Siena 14/11 15/12/2012

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti ALCOOL E DROGHE art. 86, comma e 7 art. 87, comma 7 e 8 Guidare in stato di ebbrezza Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

La prevenzione degli incidenti stradali: prima, durante, dopo e dopo ancora

La prevenzione degli incidenti stradali: prima, durante, dopo e dopo ancora 2 Workshop Nazionale - Osservatori per gli incidenti stradali: dai dati alle azioni Strumenti per le politiche di sicurezza Settore Mobilità e Sicurezza della Circolazione Stradale La prevenzione degli

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

INCIDENTI STRADALI IN UMBRIA

INCIDENTI STRADALI IN UMBRIA 28 novembre 2014 2 0 1 1 Anno 2013 INCIDENTI STRADALI IN UMBRIA Nel 2013 si sono verificati 2.402 incidenti che hanno causato la morte di 61 persone e il ferimento di altre 3.447. Rispetto al 2012 si registra

Dettagli

LE NUOVE SCUOLE NEL GIARDINO POZZATI

LE NUOVE SCUOLE NEL GIARDINO POZZATI Settore Lavori Pubblici Quartiere Reno LE NUOVE SCUOLE NEL GIARDINO POZZATI LABORATORIO PARTECIPATO PROGETTIAMO INSIEME IL QUARTIERE 1 Incontro del TAVOLO TEMATICO MOBILITA e SICUREZZA MERCOLEDI 16 MAGGIO

Dettagli

RELAZIONE VIABILE. Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA

RELAZIONE VIABILE. Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA RELAZIONE VIABILE Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA Data: 26 febbraio 2015 Autori: arch. Roberta Patt INDICE 1 INTRODUZIONE...2

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Complemento del corridoio autostradale 5 e dei Valichi confinari Tangenziale Sud Brescia: Raccordo autostradale casello di Ospitaletto (A4), di Poncarale e l'areoporto di Montichiari

Dettagli

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine Allegato Traffico - PGT di Ospedaletto Lodigiano Premessa Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine di evidenziare ed approfondire la tematica del

Dettagli

Codice della strada. a cura di Andrea Montignani e Giorgio Perlini

Codice della strada. a cura di Andrea Montignani e Giorgio Perlini Codice della strada a cura di Andrea Montignani e Giorgio Perlini INCIDENTI STRADALI: CAUSE 60-85% eccesso di velocità guida distratta mancata precedenza mancata distanza di sicurezza assunzione di alcol

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Complemento del corridoio autostradale 5 e dei Valichi confinari Tangenziale Sud Brescia: Raccordo autostradale casello di Ospitaletto (A4), di Poncarale e l'areoporto di Montichiari

Dettagli

Gli incidenti stradali a Bologna nel 2013

Gli incidenti stradali a Bologna nel 2013 Gli incidenti stradali a Bologna nel 2013 Settembre 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza Ha collaborato:

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Accessibilità Malpensa Collegamento tra la S.S. n. 11 "Padana Superiore" a Magenta e la Tangenziale Ovest di Milano, con variante di Abbiategrasso e adeguamento in sede del

Dettagli

Cose da sapere IL BOLLINO BLU

Cose da sapere IL BOLLINO BLU Cose da sapere IL BOLLINO BLU Il Bollino Blu è un certificato che dimostra l avvenuto controllo dei gas di scarico di un automobile, per i Comuni e le aree a traffico limitato delle città in cui questo

Dettagli

8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST

8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST Tavola 8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST - Flussi di traffico sulla rete viaria locale. Fascia oraria 7:30 8:30. Veicoli equivalenti Pagina 135/145 Tavola 8.11: CONFRONTO SCENARIO

Dettagli

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Scheda n 1 3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Il segnale n. 153 indica 1) che si ha la precedenza rispetto a chi viene in senso contrario V F 2) l'inizio

Dettagli

INCIDENTALITÀ STRADALE SUI VEICOLI A DUE RUOTE IN CAMPANIA

INCIDENTALITÀ STRADALE SUI VEICOLI A DUE RUOTE IN CAMPANIA 31 luglio 2013 Anno 2011 INCIDENTALITÀ STRADALE SUI VEICOLI A DUE RUOTE IN CAMPANIA Gli obiettivi europei per la sicurezza stradale In Campania, nell anno 2011, si è registrata una diminuzione del numero

Dettagli

F00400 Fig 4 Curva a destra. Doppia croce di S. Andrea. F01500 Fig 15 Discesa pericolosa. F02200 Fig 22 Strada sdrucciolevole

F00400 Fig 4 Curva a destra. Doppia croce di S. Andrea. F01500 Fig 15 Discesa pericolosa. F02200 Fig 22 Strada sdrucciolevole Il codice dei cartelli è composto da: la sigla che si trova sotto ogni figura, : es F00100 (sull è indicata la figura del C.d.S.). Una prima lettera che identifica il formato: R = ridotto, P = piccolo,

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI DI TRAFFICO VEICOLARE

SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI DI TRAFFICO VEICOLARE SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI DI TRAFFICO VEICOLARE 1 Premessa Nello svolgimento di ogni attività sono essenziali la disponibilità di informazioni e la capacità di utilizzarle in maniera efficace. Perciò

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Avvertenza...» 8 Premessa alla quinta edizione...» 9 Abbreviazioni...» 13 Enti e sigle...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Avvertenza...» 8 Premessa alla quinta edizione...» 9 Abbreviazioni...» 13 Enti e sigle... INDICE SOMMARIO Presentazione...................... pag. 7 Avvertenza........................» 8 Premessa alla quinta edizione..........» 9 Abbreviazioni......................» 13 Enti e sigle........................»

Dettagli

Il RAPPORTO COMUNE è diviso in due parti

Il RAPPORTO COMUNE è diviso in due parti Il RAPPORTO COMUNE è diviso in due parti 1 Parte Le circostanze della catastrofe a) il tunnel del Monte Bianco nel 1999 b) consegne di sicurezza e regolamento di circolazione c) organizzazione della sicurezza

Dettagli

Tabella completa dei punteggi previsti dall art.126-bis Articolo Violazione commessa Punti

Tabella completa dei punteggi previsti dall art.126-bis Articolo Violazione commessa Punti Tabella completa dei punteggi previsti dall art.6-bis Articolo Violazione commessa Punti Velocità non commisurata alle situazioni ambientali, di sicurezza (intersezioni, centri abitati ecc.) e di visibilità

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti Come è ormai noto, alcune e ben precise violazioni del Codice della Strada danno luogo alla sanzione amministrativa ed alla decurtazione dei punti della patente in misura variabile e legata alla gravità

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti VISTO il decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, come da ultimo modificato dal decreto legislativo 18 aprile 2011, n. 59, recante Attuazione delle direttive

Dettagli

FAQ - Frequently Asked Questions "per saperne di più"

FAQ - Frequently Asked Questions per saperne di più Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova servizio per la comunicazione FAQ - Frequently Asked Questions

Dettagli

Regione Lombardia Direzione Generale Trasporti e Mobilità Servizio Opere di Viabilità Palazzo Lombardia piazza Città di Lombardia, 1 20124 Milano

Regione Lombardia Direzione Generale Trasporti e Mobilità Servizio Opere di Viabilità Palazzo Lombardia piazza Città di Lombardia, 1 20124 Milano 9/3/2015 59625 Regione Lombardia Direzione Generale Trasporti e Mobilità Servizio Opere di Viabilità Palazzo Lombardia piazza Città di Lombardia, 1 20124 Milano Prefettura di Milano C.so Monforte 31-20122

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

MODULO PER RILEVAZIONE PRESENZE

MODULO PER RILEVAZIONE PRESENZE lunedì 15 settembre 2014 martedì 16 settembre 2014 mercoledì 17 settembre 2014 giovedì 18 settembre 2014 venerdì 19 settembre 2014 lunedì 22 settembre 2014 martedì 23 settembre 2014 mercoledì 24 settembre

Dettagli

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali 5.1 Segnaletica orizzontale Capitolo 5 Segnaletica orizzontale. Segnali complementari La segnaletica orizzontale è rappresentata dai segni sulla carreggiata che si suddividono in: strisce longitudinali;

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI F12 CODICE STRADA AGG OTT 2014.qxp_Layout 1 06/10/14 11:43 Pagina 5 TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI.......................................... p. 15 Art. 1 Principi generali......................................................»

Dettagli

5 da 84,00 a 335,00. 3 da 168,00 a 674,00. 6 da 527,00 a 2.108,00. 10 da 821,00 a 3.287,00. 10 da 318,00 a 1.272,00. 4 da 41,00 a 168,00

5 da 84,00 a 335,00. 3 da 168,00 a 674,00. 6 da 527,00 a 2.108,00. 10 da 821,00 a 3.287,00. 10 da 318,00 a 1.272,00. 4 da 41,00 a 168,00 Art. 141 Comma 9, 3 periodo Articolo Norma violata Punti Velocità non regolata in relazione alle condizioni ambientali Non più operativo abrogato dalla Legge 214/2003 Sanzione amministrava 5 da 84,00 a

Dettagli

Come si guida in Croazia?

Come si guida in Croazia? Come si guida in Croazia? Senso di marcia: guida a destra, sorpasso a sinistra. Tutti i limiti per i veicoli pesanti I camion di peso superiore a 7,5 tonnellate non possono circolare in Croazia nei seguenti

Dettagli

COMUNE DI ORIO AL SERIO Provincia di Bergamo

COMUNE DI ORIO AL SERIO Provincia di Bergamo COMUNE DI ORIO AL SERIO Provincia di Bergamo STUDIO VIABILISTICO NUOVA AREA DI SERVIZIO CARBURANTI DESCRIZIONE DEL SISTEMA VIARIO, DEI TRASPORTI E DELLA RETE DI ACCESSO TRM ENGINEERING S.r.l. Via della

Dettagli

Rapporto sulle cause prevalenti degli incidenti stradali, casistica dei danni e degli effetti in Italia e negli altri Paesi

Rapporto sulle cause prevalenti degli incidenti stradali, casistica dei danni e degli effetti in Italia e negli altri Paesi Mercoledì 13 maggio 2009 GUIDA SICURA SENZA ALCOOL Rapporto sulle cause prevalenti degli incidenti stradali, casistica dei danni e degli effetti in Italia e negli altri Paesi Relatore: G. Albertazzi Incidenti

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO SULLA SICUREZZA STRADALE IN PROVINCIA DI MANTOVA

SISTEMA INFORMATIVO SULLA SICUREZZA STRADALE IN PROVINCIA DI MANTOVA SISTEMA INFORMATIVO SULLA SICUREZZA STRADALE IN PROVINCIA DI MANTOVA Arezzo, 31 gennaio 2003 Dott. Angelo Cortellazzi Responsabile Servizio Statistica e Innovazione Provincia di Mantova statistica@provincia.mantova.it

Dettagli

Allarme Sicurezza Stradale: le idee di uno scrittore per fermare la strage

Allarme Sicurezza Stradale: le idee di uno scrittore per fermare la strage Allarme Sicurezza Stradale: le idee di uno scrittore per fermare la strage Fabio Bergamo è uno scrittore salernitano conosciuto in Italia per la sua lotta contro gli incidenti e le morti stradali. Col

Dettagli

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta . S. p. A 6 Sosta, fermata, definizioni stradali Capitolo br i 6.1 Sosta La sosta è la sospensione della marcia del veicolo protratta nel tempo. La sosta non è consentita: Es se li in corrispondenza o

Dettagli

Edizione 1 2011/2012

Edizione 1 2011/2012 Edizione 1 2011/2012 Toccafondi Multimedia INDICE: 1 - Introduzione al simulatore...pag. 3 2 - Inizia la guida...pag. 5 3 - Scenari e veicoli...pag. 6 4 - Lezioni di guida...pag. 7 5 - Guida pratica...pag.

Dettagli

PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015

PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015 PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015 Agosto 2015: previsioni di traffico nella direttrice Milano - Trieste Autostrade A4 da Padova Est a Venezia Est e A57 Tangenziale di Mestre Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara.

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. 12/1/2010 Francesco Capuano 1 Articolazione strutturale dei Servizi

Dettagli

Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE. Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania

Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE. Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania Azioni variabili da traffico Azioni sugli impalcati Azioni variabili da traffico I carichi variabili da traffico

Dettagli

Muoversi in sicurezza Progetto Pilota per la riduzione degli incidenti stradali in Lombardia

Muoversi in sicurezza Progetto Pilota per la riduzione degli incidenti stradali in Lombardia Schematizzazione del fenomeno della Mobilità Muoversi in sicurezza Progetto Pilota per la riduzione degli incidenti stradali in Lombardia Automobile Club Milano Acinnova s.r.l. Gianfranco Chierchini Schematizzazione

Dettagli

Alternativa di tracciato zona sud: analisi di traffico

Alternativa di tracciato zona sud: analisi di traffico ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DELLA TANGENZIALE EST ESTERNA DI MILANO E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA DELLA MOBILITÀ DELL'EST MILANESE Alternativa di tracciato zona sud: analisi di traffico

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

Aggiornamento del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU).

Aggiornamento del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU). Aggiornamento del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU). Allegato B Rilievo delle manovre di svolta all intersezione tra la SP82 via per Treglio e Contrada Villa Martelli. 14 febbraio 2012 [2811ST]

Dettagli

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76 Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Enrico Pastori TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Indice della presentazione Stato di fatto Obiettivi del progetto Descrizione del progetto

Dettagli

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO COMUNE DI CARDANO AL CAMPO Provincia di Varese COMANDO POLIZIA LOCALE Telefono: 0331-266244 / 348-2665961 - Fax: 0331-266252 e - mail: poliziam@comune.cardanoalcampo.va.it ARTICOLO INFRAZIONE PUNTI IMPORTO/SANZIONE

Dettagli

RINA Organismo Internazionale di Certificazione. RINA Organismo Internazionale di Certificazione

RINA Organismo Internazionale di Certificazione. RINA Organismo Internazionale di Certificazione Schema RINA di Certificazione del Livello Qualitativo Autostradale (LQA) Genova, 25 ottobre 2007 Maura Moretti A chi è rivolto: Enti Gestori, Società Concessionarie per la gestione di tratte autostradali

Dettagli

articolo 56: Rimorchi articolo 57: Macchine agricole articolo 58: Macchine operatrici articolo 59: Veicoli con caratteristiche atipiche articolo 60:

articolo 56: Rimorchi articolo 57: Macchine agricole articolo 58: Macchine operatrici articolo 59: Veicoli con caratteristiche atipiche articolo 60: Indice articolo 1: Principi generali articolo 2: Definizione e classificazione delle strade articolo 3: Definizioni stradali e di traffico articolo 4: Delimitazione del centro abitato articolo 5: Regolamentazione

Dettagli

CONCESSIONARIE AUTOSTRADALI

CONCESSIONARIE AUTOSTRADALI AIPCR COMITATO TECNICO NAZIONALE C.1 Infrastrutture Stradali più Sicure [2008-2011] I RIFLESSI SULLE CONCESSIONARIE AUTOSTRADALI Ing. Antonino Galatà Autostrade per l Italia AIPCR C.1 antonino.galata@autostrade.it

Dettagli

PREMESSA. Parte speciale del Piano Neve Prefettura U.T.G. di Trieste- edizione 2014

PREMESSA. Parte speciale del Piano Neve Prefettura U.T.G. di Trieste- edizione 2014 PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE CRITICITÀ DERIVANTI DA EVENTUALE LIMITAZIONE ALLA CIRCOLAZIONE DEL MEZZI PESANTI IN SLOVENIA Parte Speciale del Piano Neve della Prefettura UTG di Trieste (ed. 2014) 1 PREMESSA

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

Assessore allíuniversità e Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Nuova Economia, Sistemi Informativi e Statistica: Prof.

Assessore allíuniversità e Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Nuova Economia, Sistemi Informativi e Statistica: Prof. Assessore allíuniversità e Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Nuova Economia, Sistemi Informativi e Statistica: Prof. Luigi Nicolais Coordinatore Area e Dirigente Settore Sistemi Informativi

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA DELLE LIMITAZIONI DI CIRCOLAZIONE SUL LUNGOLAGO

STUDIO DI FATTIBILITA DELLE LIMITAZIONI DI CIRCOLAZIONE SUL LUNGOLAGO STUDIO DI FATTIBILITA DELLE LIMITAZIONI DI CIRCOLAZIONE SUL LUNGOLAGO PRESENTAZIONE DEI RISULTATI 3 novembre 2015 METODOLOGIA : sequenza delle valutazioni modellistiche Fase 1 Attività a) Scenari complessivi

Dettagli

Piano Particolareggiato Partecipato del Traffico Urbano Relazione Tecnica 1. PREMESSA

Piano Particolareggiato Partecipato del Traffico Urbano Relazione Tecnica 1. PREMESSA Sommario 1. PREMESSA... 2 2. OBIETTIVI DEL PIANO... 3 3. VINCOLI PROGETTUALI... 3 4. METODOLOGIA E PROCEDURA... 3 5. ELABORATI DEL PROGETTO... 5 6. CONCLUSIONI... 6 1. PREMESSA Il Nuovo Codice della Strada

Dettagli

Verifiche di impatto sulla viabilità

Verifiche di impatto sulla viabilità Verifiche di impatto sulla viabilità (ai sensi della D.C.R. n 563-13414 e s.m.i.) Relazione allegata al P.E.C. del Comparto S25 per la realizzazione di nuovo insediamento commerciale-residenziale Premessa

Dettagli

Uso in italia del personal transporter

Uso in italia del personal transporter Uso in italia del personal transporter L utilizzo del personal transporter non è, allo stato, regolato da alcuna norma del Codice della Strada italiano. L unica trattazione è una lettera del Ministero

Dettagli

Le potenzialità strategiche della Direttiva Comunitaria per la gestione della sicurezza delle infrastrutture

Le potenzialità strategiche della Direttiva Comunitaria per la gestione della sicurezza delle infrastrutture L A B O RATORIO PER I L GOVERNO DELLA SICUREZZA STRADALE Le potenzialità strategiche della Direttiva Comunitaria per la gestione della sicurezza delle infrastrutture Un esempio di attuazione di interventi

Dettagli

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO

APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO APG AREA PROGETTO GENOVA SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO INDICE 1 NODO STRADALE ED AUTOSTRADALE DI GENOVA Adeguamento del Nodo di San Benigno... 3 1.1 Descrizione progetto... 3 1.2 Opere d arte... 9 1 NODO

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

CAPITOLO 3 - Pannelli integrativi, segnali di indicazione, segnali luminosi, segnali orizzontali

CAPITOLO 3 - Pannelli integrativi, segnali di indicazione, segnali luminosi, segnali orizzontali CAPITOLO 3 - Pannelli integrativi, segnali di indicazione, segnali luminosi, segnali orizzontali 03001) Ciascuno dei pannelli integrativi n. 121 V01) indica la distanza tra il segnale di pericolo sotto

Dettagli

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA»

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» «VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» SISTEMI DI INFORMAZIONE I sistemi di informazione sono apparati costituiti da strumentazione connessa

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA IL SISTEMA PEDEMONTANO

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA IL SISTEMA PEDEMONTANO ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA IL SISTEMA PEDEMONTANO Dicembre 2012 1. INQUADRAMENTO TERITORIALE Il progetto del corridoio viabilistico pedemontano rappresenta un asse trasversale

Dettagli

Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte circolanti in area urbana

Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte circolanti in area urbana XV Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE ENEA Roma, 29 aprile 2010 Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte

Dettagli

COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITÀ E TRAFFICO Codice Fiscale 00644060287

COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITÀ E TRAFFICO Codice Fiscale 00644060287 2010-03 - biciplan - regolamento viario mobilità ciclistica.doc 1/62 BICIPLAN PADOVA 2010 2015 1 LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ CICLISTICA.........3 1.1 Premessa...3 1.2 Definizioni...4 2 SPAZIO PEDONALE

Dettagli

Seminario. L AIIT e l attuazione del D.Lgs n.35/2011 sulla Gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali

Seminario. L AIIT e l attuazione del D.Lgs n.35/2011 sulla Gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali Seminario L AIIT e l attuazione del D.Lgs n.35/2011 sulla Gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali Ing. Pasquale Cialdini ACI - Sala Commissioni - Roma, 15 novembre 2012 Incidenti stradali

Dettagli

Metrotranvia Milano (Parco Nord) Seregno

Metrotranvia Milano (Parco Nord) Seregno Pag. 0 di 28 Metrotranvia Milano (Parco Nord) Seregno Bresso (Sala Consiglio) - 8.04.2008 Pag. 1 di 28 Intese e Quadro programmatico Accordo tra Regione, e Comuni in ordine alla riqualificazione della

Dettagli

GLI INVESTIMENTI SULLA RETE AUTOSTRADALE

GLI INVESTIMENTI SULLA RETE AUTOSTRADALE WORKSHOP Metodologie di gestione e politiche di investimento per il patrimonio stradale nazionale esistente: attuale insostenibilità, ipotesi di nuovi scenari e linee di intervento GLI INVESTIMENTI SULLA

Dettagli

L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno

L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno Raffaele Grimaldi, Andrea Debernardi, Emanuele Ferrara, Paolo Beria NOTA TECNICA 1/2015 APRILE 2015 TRASPOL LABORATORIO DI POLITICA

Dettagli

Capitolo 7. Infrastrutture

Capitolo 7. Infrastrutture Capitolo 7 Infrastrutture Variabili e indicatori utilizzati: Dotazione infrastrutturale viaria Dotazione infrastrutturale ferroviaria Numero di autovetture circolanti Numero di veicoli per trasporto merci

Dettagli

COLLEGAMENTI PORTO SANTO STEFANO - ISOLA DEL GIGLIO ORARI IN VIGORE DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2016 MESE DI GENNAIO 2016

COLLEGAMENTI PORTO SANTO STEFANO - ISOLA DEL GIGLIO ORARI IN VIGORE DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2016 MESE DI GENNAIO 2016 COLLEGAMENTI PORTO SANTO STEFANO - ISOLA DEL GIGLIO ORARI IN VIGORE DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2016 MESE DI GENNAIO 2016 IL GIORNO 1 GENNAIO TO TO 8,45 18,45 9,45 19,45 Partenza da P.S. Stefano Arrivo

Dettagli

Valueconsult. Assistenza Tecnica di Direzione nell ambito Automotive. Presentazione per:

Valueconsult. Assistenza Tecnica di Direzione nell ambito Automotive. Presentazione per: Valueconsult Assistenza Tecnica di Direzione nell ambito Automotive Presentazione per: Valueconsult Pagina 2 Servizi di Assistenza Tecnica di Direzione nei Procedimenti giudiziari instaurati presso le

Dettagli