Python per la Visione Artificiale: ricerca e didattica DIDAMATICA 2015 Angelo Monfroglio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Python per la Visione Artificiale: ricerca e didattica DIDAMATICA 2015 Angelo Monfroglio"

Transcript

1 Python per la Visione Artificiale: ricerca e didattica DIDAMATICA 2015 Angelo Monfroglio ITIS OMAR Via Beldì 19, Romentino (NO) Lavoro di ricerca (Full Paper) Tipologia: Esperienze e casi di studio Area tematica: Intelligenza artificiale, Interazione Persona-Calcolatore; Sistemi robotici nella didattica e per il lavoro Vengono descritte esperienze di ricerca e didattica sulla Visione Artificiale (Computer Vision) utilizzando le librerie Open Source SimpleCV (e OpenCV) in linguaggio Python. Si spiega l importanza della scelta di Python come linguaggio di programmazione Open Source, multipiattaforma (PC, tablet e smartphone, schede a microcontrollore). Si esaminano due progetti: riconoscimento del contenuto di frutta o verdura in un sacchetto di plastica al supermercato; e riconoscimento di facce di studenti e docenti all ingresso della scuola. 1. Introduzione La visione artificiale (Computer Vision) è la trasformazione di dati da una foto o video digitali in una rappresentazione o una decisione (ad esempio, muoversi in avanti, a destra, ecc.). La trasformazione è volta al raggiungimento di uno o più obiettivi. I dati in ingresso possono comprendere anche informazioni contestuali come la distanza del soggetto inquadrato, ottenute per mezzo di sensori, come localizzatori a LED, Laser, ultrasuoni, ecc. Un sistema elementare di visione (si veda([mon, 2011]) è così costituito: 1.1 Cattura delle immagini con un sensore CCD o CMOS, come nelle foto e video camere digitali. Le immagini sono memorizzate in matrici a 2 dimensioni, con le coordinate X e Y, e i valori 0 e 1; oppure un valore per la scala di grigi; oppure un valore a colori (RGB). Un insieme di operatori chiamati filtri: ad esempio, la media sui valori dei pixel; oppure la soglia: 0 tutti i valori al di sotto della soglia, 1 sopra; cambiamento di contrasto e di luminosità 1.2 Algoritmo di rilevazione del contorno o perimetro (edge detection). E il primo algoritmo fondamentale e, in alcuni semplici casi, l unico 1

2 necessario. Si estrae l oggetto dal fondo, determinando lati, angoli, ecc. L algoritmo è basato sul calcolo del gradiente (discreto) per ogni pixel lungo le direzioni vicine. Ad esempio: ordina i pixel nella matrice; per ogni pixel, analizza ognuno degli 8 pixel vicini; memorizza il valore più basso (scala dei grigi, o dei colori base RGB) e il più alto e il più basso; se (valore più alto valore più basso) > soglia riscrive il valore del pixel come 1 altrimenti scrive Rilevazione di una forma e riconoscimento di una configurazione (Shape Detection e Pattern Recognition). Un caso comune è l isolamento di una faccia e il riconoscimento di una identità. Si costruisce un data base di forme: si esegue il rilevamento dei contorni (passo precedente); si calcola il numero di lati contigui: un cambiamento repentino nella direzione significa linea diversa; se si identificano tre lati allora è un triangolo, se 4 un quadrato, se la linea è continua un cerchio, ecc 1.4 Centro di massa e rilevamento di blob (macchia di colore). L algoritmo di Blob detection si usa per determinare se un gruppo di pixel sono tra loro correlati. Se c è solo un blob, il centro di massa è facilmente determinabile. Se ce ne sono di più occorre etichettare ogni singolo blob Correlazione di immagini (Template Matching) e Riconoscimento facciale: si costruisce un data base di caratteristiche (features) e si calcola l intensità di somiglianza. Un caso molto noto è il riconoscimento di una faccia. Si vedano [Sze, 2011],[Dem, 2012]. Riassumendo, un sistema per la Visione Artificiale prevede: 1. Filtraggio dei dati iniziali, sottraendo le informazioni non necessarie o che non è possibile elaborare per le limitazioni dell hardware, e esaltando le informazioni utili riducendo i disturbi 2. Estrazione delle caratteristiche necessarie (Pattern Recognition). 2. Perché Python? Python è stato creato negli anni 90 da Guido van Rossum. È un linguaggio moderno: multi paradigma, multipiattaforma e open source. È estremamente conciso ma, al tempo stesso molto leggibile. Un programma Python di solito è lungo un terzo di un programma Java o C++. Ha un ambiente di sviluppo facile da usare: editor e interprete integrati. E uno dei pochissimi linguaggi che gira su PC (Windows e Linux), tablet e smartphone Android, scheda Arduino, ecc. Può essere usato come semplice linguaggio per un corso introduttivo di Informatica, o per corsi avanzati sulla programmazione orientata agli oggetti. Ancora, è uno dei pochissimi linguaggi a infinita precisione, come il LISP, che tuttavia è poco diffuso, difficile e costoso. Infinita precisione significa che Python è in grado di allocare la quantità di memoria necessaria al calcolo in atto, 2

3 avendo come limite solo quello della memoria fisicamente disponibile. Si veda [Lut]. Va notato che è molto significativo per la didattica in Informatica far riflettere gli studenti sulla effettiva precisione di calcolo dei PC e delle calcolatrici. Se si opera con numeri interi molto grandi e si vogliono tutte le cifre e non un approssimazione con una mantissa e un esponente, i linguaggi comuni o le calcolatrici non forniscono i risultati desiderati. Basta far calcolare un fattoriale con un numero non piccolo, anche solo 20 o 30,e si vede che le cifre esatte ottenute si fermano presto. L infinita precisione di calcolo di Python si rivela indispensabile per alcune applicazioni di Matematica, come la compilazione di tabelle per calcoli esponenziali o logaritmici, ad esempio in campo statistico. Il seguente esempio di un programma Python per calcolare e visualizzare i numeri di Fibonacci, mostra che è impossibile scrivere un programma più corto e chiaro. a,b,f=1,0 n=input("quanti numeri di Fibonacci? ") while f < n: m = a + b a = b b = m f = f + 1 print m Python è un linguaggio di programmazione ad alto livello Open Source con un ambiente di programmazione semplice e completo, che sta guadagnando ampia popolarità: oggi è già tra i più utilizzati nel mondo. La sua filosofia è multi paradigma: object and functional oriented, structured. È inoltre di facile leggibilità e molto conciso. Dispone di un ambiente di sviluppo (IDE) che integra editor, compiler e debugger. Fra le molte applicazioni di Python, si segnalano le interfacce grafiche, la visione artificiale e applicazioni di matematica. Ad esempio, una ragazza ha presentato agli esami di Stato del 2014, un applicazione di Python per la costruzione di tavole per la funzione di probabilità gaussiana con un numero di cifre di precisione mai finora realizzato. Esiste anche una versione per Android, per sviluppare app. Forniamo un esempio di programmazione per la fattorizzazione intera di un numero dispari non quadrato. 3

4 Un altro esempio: trovare i due fattori primi interi di un numero dispari con l algoritmo di Fermat num = input ("Numero da fattorizzare ") x= int(math.sqrt(num)) x= x + 1 k = 2 * x + 1 r = x ** 2 - num while math.floor(math.sqrt(r))!= math.sqrt(r): else: r = r + k k = k + 2 x= (k - 1)/2 y = math.sqrt(r) m = x - y n = x + y print("divisibile per ",int(n),int(m)) 2.1 Python per tutti Un esempio del classico saluto (Hello World) creando una nuova finestra. class LabelDemo(Frame): def init (self): Frame. init (self) self.master.title("demo") self.grid() self._label = Label(self, text = "Hello self._label.grid() def main(): 4 World")

5 LabelDemo().mainloop() main() Può essere eseguito anche su tablet o smartphone Android, con lievi modifiche: a. Entrare nel servizio SL4A (Scripting Layer for Android) b. Lanciare il Server c. Lanciare Python d. Eseguire import android e. Eseguire il programma qui riportato (senza la prima riga) Un esempio di uso di OpenCV SimpleCV con il sistema operativo Android: <manifest android:versionname="1.0" android:versioncode="1" package="org.opencv.samples.tutorial2" xmlns:android="http://schemas.android.com/apk/res/android"><supports-screens android:anydensity="true" android:largescreens="true" android:normalscreens="true" android:smallscreens="true" android:resizeable="true"/><application android:configchanges="keyboardhidden orientation" android:screenorientation="landscape" android:name="sample2nativecamera"><intent-filter><action android:name="android.intent.action.main"/><category android:name="android.intent.category.launcher"/></intent-filter></activity></application><uses-sdk android:minsdkversion="8"/><uses-permission android:name="android.permission.camera"/><uses-feature android:name="android.hardware.camera"/><uses-feature android:name="android.hardware.camera.autofocus"/></manifest> from tkinter import * 3. Python per la visione artificiale: Simple CV Nel 1999 la ricerca Intel ha reso disponibile OpenCV, una libreria di funzioni in linguaggio C e C++ per la Computer Vision. È molto ricca di algoritmi già pronti per l uso, dalle funzioni più semplici per le elaborazioni e il filtraggio dei dati iniziali da immagini registrate e in tempo reale da WevCam, fino alle funzioni avanzate di estrazione di caratteristiche. Tuttavia, non è di semplice utilizzo in una Scuola Media Superiore. Fortunatamente, è da poco disponibile SimpleCV, una libreria in linguaggio Python, che si appoggia allo strato sottostante di OpenCV, e che, come suggerisce il nome, è di facile utilizzo. Il pacchetto Open Source di installazione installa automaticamente anche OpenCV, oltre ai pacchetti di supporto in Python NumPy (una libreria potente di algoritmi di elaborazione numerica che sfrutta le caratteristiche di Python), SciPy, e Python Setup Tools. Ecco un esempio di programma che visualizza WebCam di un PC portatile: in tempo reale un immagine dalla 5

6 from SimpleCV import Camera,Display,Image cam = Camera() display = Display() img = cam.getimage() img.save(display) Effetto prodotto dall esecuzione del programma che crea un istogramma del colore per la faccia su un PC portatile con WebCam incorporata 4. Il progetto Il progetto educativo coinvolge gli indirizzi di Elettronica (Robotica) e Informatica(con Telecomunicazioni). È previsto l insegnamento del linguaggio di programmazione Python in terza e quarta(programmazione ad oggetti). In quinta viene sviluppata l applicazione di Visione Artificiale (Computer Vision). Sono stati proposti e sperimentati, in due quinte, il progetto di riconoscimento della frutta o verdura in un sacchetto di plastica presso un supermercato, e il riconoscimento delle facce di studenti e docenti (e personale di segreteria), al cancello di ingresso della scuola. Per entrambi i progetti si è sviluppata la realizzazione su PC desktop, PC portatile e (parzialmente) su tablet (o smartphone), e su microcontrollore Beaglebone (compatibile con Arduino). 4.1 Un applicazione: sacchetto della frutta e verdura in un supermercato 6

7 Una situazione comune nei supermercati è quella di inserire frutta o verdura in sacchetti di plastica trasparente, selezionare il numero corrispondente al prodotto scelto, e battere il numero sulla pesa ottenendo lo scontrino con il prezzo da appiccicare sul sacchetto. Per errore, o più spesso per intento truffaldino, è comune il caso in cui il cliente sceglie un numero corrispondente a un prodotto di minore prezzo, danneggiando ovviamente il supermercato. Infatti, alla cassa, non è quasi mai possibile, anche per la fretta, verificare la corrispondenza dell etichetta con il prodotto effettivamente presente nel sacchetto. Si è pensato allora di installare accanto alla spesa un sistema di Visione Artificiale in grado di riconoscere la merce nel sacchetto e bloccare l erogazione dell etichetta se il numero impostato non corrisponde al prodotto scelto. Abbiamo sperimentato la necessità di operare nello spazio di colore additivo HSV (conosciuto anche come HSB Hue = tinta, Saturation = saturazione, Brightness = intensità) invece dello spazio RGB usato comunemente, perché i risultati di riconoscimento sono più accurati e sicuri. 4.2Un altra applicazione: riconoscimento della faccia di uno studente o professore Il caso esaminato è quello del cancello di ingresso per studenti e docenti (e personale di segreteria o bidelli) della scuola. Alcuni istituti hanno installato un sistema di video sorveglianza che si dimostra tuttavia alquanto scomodo: il portinaio deve ogni volta controllare a distanza la persona o le persone che vogliono entrare, e aprire il cancello. Si è pensato dunque di ricorrere ad un sistema di Visione Artificiale che riconosce la faccia o le facce di chi sta per entrare. Bisogna subito distinguere il Riconoscimento di una Faccia (Face Recognition) dalla Rivelazione della presenza di un Faccia (Face Detection). Quest ultima, ormai presente in molte fotocamere e videocamere digitali, si limita a rilevare la presenza di una faccia, ma non è in grado di riconoscere la persona 7

8 corrispondente. La Face Recognition è un compito molto arduo. Per fortuna, SimpleCV mette a disposizioni alcune funzioni molto utili: riconoscimento di profili, nasi, occhi, bocche e orecchie.questi caratteri singoli sono combinati per il Template Matching, il confronto con immagini registrate per arrivare ad un certo grado di probabilità di riconoscimento. Sono queste le funzioni che abbiamo utilizzato. volto e il relativo programma Caratteristiche per il riconoscimento di un import numpy as np import cv2 import cv2.cv as cv from video import create_capture from common import clock, draw_str help_message = ''' USAGE: facedetect.py [--cascade <cascade_fn>] [--nested-cascade <cascade_fn>] [<video_source>] ''' def detect(img, cascade): rects = cascade.detectmultiscale(img, scalefactor=1.3, minneighbors=4, minsize=(30, 30), flags = cv.cv_haar_scale_image) if len(rects) == 0: return [] rects[:,2:] += rects[:,:2] return rects def draw_rects(img, rects, color): for x1, y1, x2, y2 in rects: cv2.rectangle(img, (x1, y1), (x2, y2), color, 2) if name == ' main ': import sys, getopt 8

9 print help_message args, video_src = getopt.getopt(sys.argv[1:], '', ['cascade=', 'nested-cascade=']) try: video_src = video_src[0] except: video_src = 'synth:bg=../cpp/lena.jpg:noise=0.05' args = dict(args) cascade_fn = args.get('--cascade', "../../data/haarcascades/haarcascade_frontalface_alt.xml") nested_fn = args.get('--nested-cascade', "../../data/haarcascades/haarcascade_eye.xml") cascade = cv2.cascadeclassifier(cascade_fn) nested = cv2.cascadeclassifier(nested_fn) cam = create_capture(video_src) while True: ret, img = cam.read() gray = cv2.cvtcolor(img, cv2.color_bgr2gray) gray = cv2.equalizehist(gray) t = clock() rects = detect(gray, cascade) vis = img.copy() draw_rects(vis, rects, (0, 255, 0)) for x1, y1, x2, y2 in rects: roi = gray[y1:y2, x1:x2] vis_roi = vis[y1:y2, x1:x2] subrects = detect(roi.copy(), nested) draw_rects(vis_roi, subrects, (255, 0, 0)) dt = clock() - t draw_str(vis, (20, 20), 'time: %.1f ms' % (dt*1000)) cv2.imshow('facedetect', vis) if cv2.waitkey(5) == 27: break Uso di filtri 9

10 5. Valore didattico e educativo Il primo progetto descritto è a buon punto. Il secondo richiede più tempo, anche per il lungo lavoro di registrazione dei dati morfologici e biometrici delle persone da identificare. Oggi PC, PC portatili, smartphone e tablet sono di uso comune presso gli studenti che li usano, tra l altro, per navigare in internet e scaricare applicazioni. Si è pensato di sviluppare progetti di Visione Artificiale da parte degli studenti che diventano così protagonisti attivi sia dell Intelligenza Artificiale, sia del Mobile Computing. Si può colmare la distanza fra l informatica spicciola usata dagli studenti nel gestire gli smart phone, e quella da studiare a scuola. La robotica è poi una disciplina sufficientemente complessa per educare gli studenti a gestire la complessità del mondo moderno. Il progetto di Computer Vision si è dimostrato molto coinvolgente per i partecipanti: studenti e docenti. I progetti qui descritti si inseriscono in un esperienza di 25 anni relativa alla Robotica ed Intelligenza Artificiale presso l ITIS Omar di Novara. La collaborazione con il Politecnico di Torino e quello di Milano, anche per gli allievi che sostengono il tirocinio presso l Omar, la collaborazione fra due indirizzi della scuola, l uso di linguaggi avanzati di programmazione, rappresentano nelle nostre intenzioni la migliore realizzazione dello spirito e delle finalità di Didamatica. 6. Bibliografia [Lutz] M. Lutz, Learning Python, O Reilly, 2009 [Mon] R. Szeliski, Computer Vision, Algorithms and Applications, Springer, 2011 A.Monfroglio, Visione Artificiale in un IT IS: ricerca e didattica, Didamatica, Torino, 2011 [Dem] K. Demaged, A. Oliver, N. Oostendorp, K. Scott, Practical Computer Vision with Simple CV, O Reilly, 2012 L autore Angelo Monfroglio si è laureato in Ingegneria Elettronica al Politecnico di Milano, ed è abilitato in Elettronica, Informatica e Matematica. Ha tenuto relazioni a Didamatica Milano, Torino e Pisa. Ha pubblicato libri (e ebook) e articoli su ricerca e didattica informatica, in riviste accademiche specializzate in Italiano e Inglese. 10

Visione artificiale: ricerca e didattica in un istituto tecnico industriale

Visione artificiale: ricerca e didattica in un istituto tecnico industriale Visione artificiale: ricerca e didattica in un istituto tecnico industriale Angelo Monfroglio ITIS Omar-Novara Via Beldì 19, 28068 Romentino (NO) angelomonfroglio@mclink.it Vengono descritte esperienze

Dettagli

Università degli Studi di Catania Corso di Laurea Magistrale in Informatica Multimedia 2013/14. Cantarella Danilo. OpenCV Android

Università degli Studi di Catania Corso di Laurea Magistrale in Informatica Multimedia 2013/14. Cantarella Danilo. OpenCV Android Università degli Studi di Catania Corso di Laurea Magistrale in Informatica Multimedia 2013/14 Cantarella Danilo Introduzione OpenCV (Open Source Computer Vision Library) è una libreria disponibile per

Dettagli

Sviluppo di una app per Android al fine di gestire una serie di rilievi fotografici nell ambito della sicurezza dei fiumi

Sviluppo di una app per Android al fine di gestire una serie di rilievi fotografici nell ambito della sicurezza dei fiumi 1. Android App Android App Sviluppo di una app per Android al fine di gestire una serie di rilievi fotografici nell ambito della sicurezza dei fiumi Adriano Mancini mancini@dii.univpm.it Si deve sviluppare

Dettagli

Progetto Computer Vision. Conteggio persone in una stanza

Progetto Computer Vision. Conteggio persone in una stanza Progetto Computer Vision Conteggio persone in una stanza Montanaro Teodoro (188924) Federico Ianne (188283) Sommario Obiettivo... 3 Telecamera in dotazione... 3 Ambiente di sviluppo... 4 Approcci possibili

Dettagli

Test riconoscimento automatico espressioni del volto

Test riconoscimento automatico espressioni del volto Università degli studi di Roma Tor Vergata Test riconoscimento automatico espressioni del volto Preparato per: Giovannella Carlo, Professore Preparato da: Tobia Giani e Alessandro Borelli, Studenti 10

Dettagli

Programmazione in ambiente

Programmazione in ambiente Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Programmazione in ambiente Android Laura Montanini - laura.montanini@univpm.it Corso di Tecnologie per le TLC 2013-2014

Dettagli

Elaborazione delle immagini e Pattern Recognition. Giovanni Scavello

Elaborazione delle immagini e Pattern Recognition. Giovanni Scavello Elaborazione delle immagini e Pattern Recognition Giovanni Scavello Programma dei seminari Nozioni di base del trattamento delle immagini Descrizione matematica Spazi colore Operazioni comuni Filtraggio

Dettagli

Introduzione al Python

Introduzione al Python Andrea Passerini passerini@disi.unitn.it Informatica Caratteristiche procedurale si specifica la procedura da eseguire sui dati strutturato concetto di visibililtà delle variabili orientato agli oggetti

Dettagli

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali gestione e modifica di immagini fotografiche digitali il colore e le immagini la gestione delle immagini Il computer è in grado di gestire le immagini in formato digitale. Gestire vuol dire acquisirle,

Dettagli

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Anno Accademico: 2008/2009 DOCENTI: Prof.ssa Cecilia Rossignoli Dott. Gianluca Geremia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale

Dettagli

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE IDROID 86 LAB pagg 12-13 23-04-2007 14:57 Pagina 12 I-D01 LAB UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE PROGRAMMAZIONE Alcuni comportamenti predefiniti attivabili su I-Droid01 sono facilmente riproducibili

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

ALGORITMI 1. GLI ALGORITMI 2. IL LINGUAGGIO DI PROGETTO

ALGORITMI 1. GLI ALGORITMI 2. IL LINGUAGGIO DI PROGETTO ALGORITMI 1. GLI ALGORITMI Un algoritmo è la descrizione del percorso risolutivo di un problema per giungere dai dati iniziali ai risultati finali. Scriviamo l algoritmo pensando di rivolgerci a un esecutore,

Dettagli

Arduino: domotica open source

Arduino: domotica open source Arduino: domotica open source Emanuele Palazzetti Feedback: http://tinyurl.com/arduinold2011 1 Physical Computing Costruire dei sistemi fisici interattivi tramite l'uso di software e di hardware in grado

Dettagli

Grafica Computerizzata

Grafica Computerizzata Grafica Computerizzata dott. Giancarlo Amati gamati@libero.it wxveuca@tin.it 1 Programma del Corso Lo scopo del corso è quello di dare le conoscenze di base della modellazione geometrica 2D e 3D tramite

Dettagli

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi

Parte V. Sistemi Operativi & Reti. Sistemi Operativi. Sistemi Operativi Parte V & Reti Sistema operativo: insieme di programmi che gestiscono l hardware Hardware: CPU Memoria RAM Memoria di massa (Hard Disk) Dispositivi di I/O Il sistema operativo rende disponibile anche il

Dettagli

Il telefono-guida per i non vedenti. Autore: Antonio Vincenzo Taddeo

Il telefono-guida per i non vedenti. Autore: Antonio Vincenzo Taddeo Il telefono-guida per i non vedenti Autore: Antonio Vincenzo Taddeo 19 febbraio 2010 1 Indice 1 Introduzione e Motivazioni 3 2 Phoorbu : la soluzione 4 2.1 Cos è e come funziona.................................

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Universal Gateway for ALL

Universal Gateway for ALL Laboratorio: Costruiamolo insieme. Design for all, artigiani digitali e disabilità: esperienze di progettazione partecipata UGA Universal Gateway for ALL Usare piattaforme embeddedper accedere a dispositivi

Dettagli

1. Introduzione... 4. 2. Contenuto della confezione... 4. 3. Requisiti minimi di sistema... 5. 4. Descrizione... 6. 5. Installazione...

1. Introduzione... 4. 2. Contenuto della confezione... 4. 3. Requisiti minimi di sistema... 5. 4. Descrizione... 6. 5. Installazione... Guida Rapida 2 Sommario 1. Introduzione... 4 2. Contenuto della confezione... 4 3. Requisiti minimi di sistema... 5 4. Descrizione... 6 5. Installazione... 6 6. Utilizzo... 8 3 1. Introduzione Congratulazioni

Dettagli

FT-1000/GPS-N. Sistema di monitoraggio e controllo remoto di parametri fisici

FT-1000/GPS-N. Sistema di monitoraggio e controllo remoto di parametri fisici FT-1000/GPS-N Sistema di monitoraggio e controllo remoto di parametri fisici Localizzazione di automezzi durante il trasporto con l invio dei valori di Temperatura, U.R.%, ecc. con relativi allarmi di

Dettagli

SISTEMA DI VISIONE PER LA VALUTAZIONE DEL CORRETTO IMPACCHETTAMENTO DI MOLLETTE IN PLASTICA: INDAGINE DI FATTIBILITA

SISTEMA DI VISIONE PER LA VALUTAZIONE DEL CORRETTO IMPACCHETTAMENTO DI MOLLETTE IN PLASTICA: INDAGINE DI FATTIBILITA SISTEMA DI VISIONE PER LA VALUTAZIONE DEL CORRETTO IMPACCHETTAMENTO DI MOLLETTE IN PLASTICA: INDAGINE DI FATTIBILITA Studenti: Mazzotti Daniele matr. 72857 Rossini Diego matr. 74486 1. INTRODUZIONE In

Dettagli

Linguaggio e Architettura

Linguaggio e Architettura Parte 1 Linguaggio e Architettura IL LINGUAGGIO DELL INFORMATICA 1.1 1 Importante imparare il linguaggio dell informatica L uso Lusodella terminologia giusta è basilare per imparare una nuova disciplina

Dettagli

CLASSE PRIMA Istruzione Professionale Servizi Commerciali a.s. 2013/14

CLASSE PRIMA Istruzione Professionale Servizi Commerciali a.s. 2013/14 IIS Almerico Da Schio - DISCIPLINA: Informatica e Laboratorio CLASSE PRIMA Istruzione Professionale Servizi Commerciali a.s. 2013/14 COMPETENZE ABILITÀ/ CAPACITÀ CONOSCENZE dei linguaggi L1 Utilizzare

Dettagli

2005-2015. Ing. Alessio Negri

2005-2015. Ing. Alessio Negri Software realizzati 2005-2015 Ing. Alessio Negri Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica in ambito visione stereoscopica Moduli di controllo del sistema GSM Software VB6 per l interfacciamento con

Dettagli

GHPPEditor è un software realizzato per produrre in modo rapido e guidato un part program per controlli numerici Heidenhain.

GHPPEditor è un software realizzato per produrre in modo rapido e guidato un part program per controlli numerici Heidenhain. *+33(GLWRU GHPPEditor è un software realizzato per produrre in modo rapido e guidato un part program per controlli numerici Heidenhain. Il programma si basa su un architettura di tasti funzionali presenti

Dettagli

Strutture dei Sistemi Operativi

Strutture dei Sistemi Operativi Strutture dei Sistemi Operativi Componenti di sistema Servizi del sistema operativo Chiamate di sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progetto e implementazione di sistemi

Dettagli

VISIONE ARTIFICIALE CALIBRAZIONE. delle telecamere

VISIONE ARTIFICIALE CALIBRAZIONE. delle telecamere robot zone di WALTER LUCETTI VISIONE ARTIFICIALE CALIBRAZIONE delle telecamere parte settima Nel precedente appuntamento con la visione artificiale abbiamo affrontato la teoria dei sensori visivi introducendo

Dettagli

Corso di formazione CerTIC Tablet

Corso di formazione CerTIC Tablet Redattore prof. Corso di formazione CerTIC Tablet Dodicesima Dispensa Comitato Tecnico Scientifico: Gruppo Operativo di Progetto CerticAcademy Learning Center, patrocinato dall assessorato al lavoro e

Dettagli

Guida di accesso a Grep Rainbow

Guida di accesso a Grep Rainbow Grep Rainbow è un cloud desktop accessibile ovunque, da qualsiasi dispositivo, in qualsiasi momento. In questa guida sono presentate le modalità di accesso per ogni piattaforma. E possibile accedere a

Dettagli

Capra, Lanzavechia, Rosti 1

Capra, Lanzavechia, Rosti 1 Laboratorio di Abilità Informatiche http://dcssi.istm.cnr.it/lanzavecchia/do cumenti/lodi.htm Salvatore Lanzavecchia Dipartimento di Chimica Strutturale Via G. Venezian 21 20133 Milano E-mail: labinf01@unimi.it

Dettagli

SOFTWARE. È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software:

SOFTWARE. È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software: 1 SOFTWARE È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software: SOFTWARE DI SISTEMA (o di base), che deve gestire le funzioni

Dettagli

MISSIONE AZIENDALE TRAMITE

MISSIONE AZIENDALE TRAMITE MISSIONE AZIENDALE progettazione, realizzazione, integrazione e conduzione di sistemi complessi con l utilizzo di nuove tecnologie per aziende ed enti pubblici TRAMITE Ricerca e Sviluppo per l ideazione,

Dettagli

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti Nascita di Java L uscita di Java, verso la metà degli anni novanta, fu accolta con molto entusiasmo dalla comunità dei programmatori e dei provider di servizi internet perché permetteva agli utenti del

Dettagli

Sistema di rilevamento automatico e riconoscimento volti. aspetti metodologici e pratici

Sistema di rilevamento automatico e riconoscimento volti. aspetti metodologici e pratici Introduzione Sistema di rilevamento automatico e riconoscimento volti: aspetti metodologici e pratici by Univr https://www.scienze.univr.it 24 novembre 2010 Goal Introduzione Goal Sistemi biometrici Face

Dettagli

FT-105/RF-Plus-B. ECONORMA Prodotti e Tecnologie per l Ambiente. ECONORMA S.a.s.Pagina 1 di 14

FT-105/RF-Plus-B. ECONORMA Prodotti e Tecnologie per l Ambiente. ECONORMA S.a.s.Pagina 1 di 14 FT-105/RF-Plus-B Sistema di monitoraggio e telecontrollo via radio BIDIREZIONALE ECONORMA Prodotti e Tecnologie per l Ambiente Applicazioni tipiche: Registrazione della Temperatura durante una giornata

Dettagli

E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO

E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO USO DEL MANUALE "SCRIVERE CON DIECI DITA" E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO PRIME LEZIONI Senza alcuna pretesa di volersi sostituire all abilità di ogni insegnante nel presentare l approccio alla scrittura

Dettagli

Sistema di rilevamento automatico e riconoscimento volti. aspetti metodologici e pratici

Sistema di rilevamento automatico e riconoscimento volti. aspetti metodologici e pratici Introduzione Sistema di rilevamento automatico e riconoscimento volti: aspetti metodologici e pratici by Univr https://www.scienze.univr.it 24 novembre 2010 Goal Introduzione Goal Sistemi biometrici Face

Dettagli

Ambiente Zebra Link-OS versione 2.0

Ambiente Zebra Link-OS versione 2.0 Ambiente Zebra Link-OS versione 2.0 Per rispondere ad aspettative in costante evoluzione e soddisfare la crescente domanda di dispositivi mobili, intelligenti e connessi al cloud, Zebra Technologies ha

Dettagli

Software. Definizione, tipologie, progettazione

Software. Definizione, tipologie, progettazione Software Definizione, tipologie, progettazione Definizione di software Dopo l hardware analizziamo l altra componente fondamentale di un sistema di elaborazione. La macchina come insieme di componenti

Dettagli

HORIZON SQL MODULO IMMAGINI

HORIZON SQL MODULO IMMAGINI 1-1/9 HORIZON SQL MODULO IMMAGINI 1 MODULO IMMAGINI... 1-2 Considerazioni Generali... 1-2 Miniature a tutto schermo... 1-3 Disabilitare il caricamento dei file delle miniature... 1-3 Drag&Drop... 1-3 Apri

Dettagli

Algoritmo per il rilevamento di targhe

Algoritmo per il rilevamento di targhe Algoritmo per il rilevamento di targhe 19 maggio 2008 Nell affrontare il problema del riconoscimento delle targhe sono stati sviluppati due algoritmi che basano la loro ricerca su criteri differenti. Lo

Dettagli

Fondamenti di Programmazione

Fondamenti di Programmazione Fondamenti di Programmazione Capitolo 2 Variabili, Espressioni e Comandi Prof. Mauro Gaspari: gaspari@cs.unibo.it Valori e Tipi Un valore (= value) è una delle entità fondamentali che i programmi sono

Dettagli

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano IL COMPUTER LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano LA TRASMISSIONE IN BINARIO I computer hanno un loro modo di rappresentare i

Dettagli

EyeTower. EyeTower: Software di videosorveglianza intelligente Gestione e analisi video avanzata in un solo pacchetto

EyeTower. EyeTower: Software di videosorveglianza intelligente Gestione e analisi video avanzata in un solo pacchetto VIRTUAL IMAGING TECHNOLOGY : Software di videosorveglianza intelligente Gestione e analisi video avanzata in un solo pacchetto è l unico prodotto che integra in un unica piattaforma di videosorveglianza

Dettagli

Unità B3 Strutture di controllo

Unità B3 Strutture di controllo (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: I/O su console Package Blocco di controllo Oggetto System.out Oggetto System.in Oggetto Tastiera Metodo readline() Strutture

Dettagli

Welcome to Linux 0.99pl10. > hackin structure e la 3d camera dei segreti

Welcome to Linux 0.99pl10. > hackin structure e la 3d camera dei segreti Note Autore: Emiliano Daddario. Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-no opere derivate 3.0 Italia. Per chiedere licenze diverse contattare su lookatscreen.tk Emiliano Daddario. Talk realizzato

Dettagli

06/11/2008. SAN Storage Area Network Virtualizzazione IP Telephony e VOIP Sicurezza Network e Desktop Management Open Source

06/11/2008. SAN Storage Area Network Virtualizzazione IP Telephony e VOIP Sicurezza Network e Desktop Management Open Source Le nuove frontiere dell informatica Perché ha senso virtualizzare? Dott. Giuseppe Mazzoli Presidente 3CiME Technology www.3cime.com Perché ha senso virtualizzare? Giuseppe Mazzoli - 3CiME Technology Citrix

Dettagli

Allora, cosa sappiamo fare?

Allora, cosa sappiamo fare? Allora, cosa sappiamo fare? ragionare in termini di proiezioni e sistemi di coordinate ragionare in termini di scala distinguere tra rappresentazioni vettoriali e raster del mondo Scaricare dei dati precompilati

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

In questa puntata analizzeremo

In questa puntata analizzeremo Quarta parte Implementazione del protocollo MODBUS ASCII Quinta parte Simulatore PLC Il programma di supervisione Applicazione embedded 104 In questa puntata analizzeremo l ultima parte per quello che

Dettagli

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il software L hardware non è direttamente utilizzabile Sono necessari dei programmi per far svolgere delle funzioni all insieme di circuiti Informatica 97 Il

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA SMART BOARD

GLI STRUMENTI DELLA SMART BOARD GLI STRUMENTI DELLA SMART BOARD La struttura tecnologica è formata da: Lavagna interattiva:può essere di varie misure (da 48 a94 ) e formati (4/3 o 16/9) Proiettore: può essere sia grandangolare (con molti

Dettagli

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni.

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Book 1 Conoscere i computer Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi, Sara

Dettagli

Il software ideale per la gestione delle prenotazioni GUIDA UTENTE

Il software ideale per la gestione delle prenotazioni GUIDA UTENTE Il software ideale per la gestione delle prenotazioni GUIDA UTENTE Presentazione... 2 Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Registrazione del programma... 8 Inserimento Immobile... 9 Inserimento proprietario...

Dettagli

ECONORMA S.a.s - Prodotti e Tecnologie per l Ambiente

ECONORMA S.a.s - Prodotti e Tecnologie per l Ambiente ECONORMA S.a.s - Prodotti e Tecnologie per l Ambiente Sistema di monitoraggio wireless per collaudi A.T.P. Prodotto dalla ECONORMA S.a.s., questo sistema portatile è stato progettato tenendo in considerazione

Dettagli

Esercitazioni di Programmazione I canale A-D. Alessio Malizia malizia@di.uniroma1.it

Esercitazioni di Programmazione I canale A-D. Alessio Malizia malizia@di.uniroma1.it Esercitazioni di Programmazione I canale A-D Alessio Malizia malizia@di.uniroma1.it I docenti Docente: T. Calamoneri Esercitatore: A. Malizia calamo@di.uniroma1.it Ricevimento: lun. 14.00-15.30 (mandando

Dettagli

Università degli studi di Roma LA SAPIENZA

Università degli studi di Roma LA SAPIENZA Università degli studi di Roma LA SAPIENZA Corso di ingegneria informatica e automatica Automazione I Realizzazione di una macchinina in grado di evitare le collisioni Di Alessandro Giuseppi All attenzione

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Elaborazione grafica in 2D 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di applicazioni grafiche Conoscenza elementare di dispositivi grafici Elementi di numerazione binaria 2 1

Dettagli

MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI.

MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI. MOTOROLA RHOELEMENTS SVILUPPA UNA APPLICAZIONE CHE FUNZIONI SU DIVERSI DISPOSITIVI E CON DIFFERENTI SISTEMI OPERATIVI. MOTOROLA RHOELEMENTS BROCHURE COSÌ TANTI DISPOSITIVI MOBILE. VOLETE SVILUPPARE UNA

Dettagli

Controllo remoto di SPEEDY

Controllo remoto di SPEEDY UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica per l Automazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica (Prof. Riccardo Cassinis) Controllo

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

Componenti hardware del sistema LIM

Componenti hardware del sistema LIM LIM Componenti hardware del sistema LIM Componenti hardware del sistema LIM Il modulo intende accertare nel candidato il livello di possesso delle competenze digitali relative sia ai fondamenti dell hardware

Dettagli

Appunti di Informatica www.mimmocorrado.it 1

Appunti di Informatica www.mimmocorrado.it 1 Installare Java Il programma può essere scaricato dal seguente indirizzo: http://www.java.com/it/download/windows_ie.jsp?locale=it&host=www.java.com Per installare la JDK è necessario: 1. scaricare il

Dettagli

Introduzione al Calcolo Scientifico

Introduzione al Calcolo Scientifico Introduzione al Calcolo Scientifico Corso di Calcolo Numerico, a.a. 2010/2011 Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari Francesca Mazzia (Univ. Bari) Introduzione al Calcolo Scientifico

Dettagli

Elementi di Programmazione: con Java dal Computer, al Web, al Cellulare

Elementi di Programmazione: con Java dal Computer, al Web, al Cellulare Minicorso tematico: Elementi di Programmazione: con Java dal Computer, al Web, al Cellulare Dott. Francesco Ricca Dipartimento Di Matematica Università della Calabria ricca@mat.unical.it Presentiamoci

Dettagli

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato SCP: SCHEDULER LAYER a cura di Alberto Boccato PREMESSA: Negli ultimi tre anni la nostra scuola ha portato avanti un progetto al quale ho partecipato chiamato SCP (Scuola di Calcolo Parallelo). Di fatto

Dettagli

La piattaforma per la gestione elettronica documentale integrata

La piattaforma per la gestione elettronica documentale integrata Tutti noi prendiamo decisioni, facciamo valutazioni, pianifichiamo strategie basandoci sulle informazioni in nostro possesso. Il tempo è una risorsa preziosa, ottimizzarlo rappresenta un obiettivo prioritario.

Dettagli

Oggi. Programmazione e laboratorio: introduzione al corso. Docenti: laboratorio. Docenti: teoria. Il corso. Orario.

Oggi. Programmazione e laboratorio: introduzione al corso. Docenti: laboratorio. Docenti: teoria. Il corso. Orario. Programmazione e laboratorio: introduzione al corso Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione per

Dettagli

di programmazione quali varargin/varargout, switch, i comandi e salvataggio dei dati. Tutto questo, migliorato da una maggiore

di programmazione quali varargin/varargout, switch, i comandi e salvataggio dei dati. Tutto questo, migliorato da una maggiore COMPILER 2.0 Generazione automatica di C-Mex file e impiego stand-alone. Maggior flessibilità ed efficienza nell esecuzione e nel controllo. La nuova versione del Compiler presenta tali migliorie ed aggiornamenti

Dettagli

L.I.M. Lavagna Interattiva Multimediale INTRODUZIONE

L.I.M. Lavagna Interattiva Multimediale INTRODUZIONE Liceo G. Cotta Corso L.I.M. a.s. 2011-12 Marco Bolzon L.I.M. Lavagna Interattiva Multimediale INTRODUZIONE 1 OPERAZIONI PRELIMINARI Prenotare l aula (registro vicino fotocopiatore 1 piano). Provare prima

Dettagli

Samsung SUR40: la tecnologia touch-screen che rivoluziona l interazione tra consumatore e brand

Samsung SUR40: la tecnologia touch-screen che rivoluziona l interazione tra consumatore e brand Samsung SUR40: la tecnologia touch-screen che rivoluziona l interazione tra consumatore e brand Perché Samsung SUR40 Display Surface Riconoscimento degli oggetti e delle mani Scoprite la vera differenza

Dettagli

SPERIMENTAZIONE APP per SONDAGGI IN REAL- TIME SULLA CITTA

SPERIMENTAZIONE APP per SONDAGGI IN REAL- TIME SULLA CITTA AVVISO SPERIMENTAZIONE APP per SONDAGGI IN REAL- TIME SULLA CITTA Il Comune di Firenze, per favorire la trasparenza, il dialogo e la partecipazione dei cittadini intende sperimentare nuove forme di contatto

Dettagli

Sommario. iii. Prefazione... xi Introduzione...xvii Ringraziamenti... xxi. Parte I - Concetti... 1. Capitolo 1 - L hardware del PC...

Sommario. iii. Prefazione... xi Introduzione...xvii Ringraziamenti... xxi. Parte I - Concetti... 1. Capitolo 1 - L hardware del PC... iii Prefazione... xi Introduzione...xvii Ringraziamenti... xxi Parte I - Concetti... 1 Capitolo 1 - L hardware del PC... 5 1.1 Il processore, la scheda madre e la memoria... 7 1.1.1 Il processore...7 1.1.2

Dettagli

rif.: ma-mp-color ver. 10.0.1 del 16/2/2010

rif.: ma-mp-color ver. 10.0.1 del 16/2/2010 Modulo P rif.: ma-mp-color ver. 10.0.1 del 16/2/2010 Manuale del modulo Color Grayscale per la linea di sistemi di visione artificiale HQV / Vedo. Questo manuale illustra le modalità di impiego del modulo

Dettagli

Riconoscimento targhe

Riconoscimento targhe Riconoscimento targhe AS: 2014-2015 ITT M. Buonarroti Matteo Dalponte Andrea Filippi La mia passione per l automazione L'automazione, il controllo remoto, la gestione delle immagini e la comunicazione

Dettagli

Sommario. Introduzione...7

Sommario. Introduzione...7 Sommario Introduzione...7 1. Caratteristiche e operazioni preliminari...11 Caratteristiche tecniche di iphone 4 e 4S...11 Il nuovo rapporto tra ios e itunes... 14 Scaricare itunes e creare un account itunes

Dettagli

SCRUTINIO WEB MANUALE D USO. Scrutinio Web. Manuale d uso - Docente. Versione 1.2.0 del 12-12-2011. Pagina 1 di 12

SCRUTINIO WEB MANUALE D USO. Scrutinio Web. Manuale d uso - Docente. Versione 1.2.0 del 12-12-2011. Pagina 1 di 12 Scrutinio Web Manuale d uso - Docente Versione 1.2.0 del 12-12-2011 Pagina 1 di 12 Sommario PREMESSA... 4 Requisiti minimi... 4 USO DEL PROGRAMMA... 5 Accesso Docente... 5 Registrazione Valutazione ed

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono:

Dettagli

Esperienze nell automazione di un telescopio amatoriale per fotometria CCD Giulio Cherini

Esperienze nell automazione di un telescopio amatoriale per fotometria CCD Giulio Cherini Esperienze nell automazione di un telescopio amatoriale per fotometria CCD Giulio Cherini Remote Control Observatory (RCO) - Breve riepilogo delle varie configurazioni Mio caso Le motivazioni che mi hanno

Dettagli

BREVE MANUALE DI SOPRAVVIVENZA A WINDOWS 8

BREVE MANUALE DI SOPRAVVIVENZA A WINDOWS 8 BREVE MANUALE DI SOPRAVVIVENZA A WINDOWS 8 Sui nuovi computer della sala insegnanti è stato installato Windows 8 professional, il nuovo sistema operativo di Microsoft. Questo sistema operativo appare subito

Dettagli

HP Advanced Profiling Solution Guide introduttiva

HP Advanced Profiling Solution Guide introduttiva HP Advanced Profiling Solution Guide introduttiva Benvenuti nella Guida rapida di HP APS. HP APS è stato installato correttamente sul computer ed è stato effettuato l accesso alla Guida rapida mediante

Dettagli

TESTARE E CREARE APPLICAZIONI TESTUALI JAVA PER ANDROID CON ANDROID

TESTARE E CREARE APPLICAZIONI TESTUALI JAVA PER ANDROID CON ANDROID TESTARE E CREARE APPLICAZIONI TESTUALI JAVA PER ANDROID CON ANDROID Ho deciso di scrivere questa guida per tre motivi principali: 1) Avendo un tablet che ha la possibilità di essere usato per programmare,

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Ricapitolando Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Il funzionamento di un elaboratore dipende da due fattori principali 1) dalla capacità di memorizzare i programmi e i dati 2) dalla

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Migliorare la qualità della didattica con italc

Migliorare la qualità della didattica con italc Migliorare la qualità della didattica con italc ORE 11.00 Prof.re Massimiliano Zanol massimiliano.zanol@posit.it Massimiliano Zanol Docente di informatica presso l'istituto A. Tambosi di Trento (corsi

Dettagli

Aspetti tecnici: usare breeze. funzioni base

Aspetti tecnici: usare breeze. funzioni base Aspetti tecnici: usare breeze funzioni base Moderatore (host) Come si presenta ad inizio sessione l ambiente sincrono di comunicazione Breeze Meeting. Corsista (participant) Chat testuale Spazio per eventuali

Dettagli

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Disciplina:... Anno scolastico: 20.../20... Classe/i :... Docente:... DI APPRENDIMENTO SEZIONE 1 Premesse matematiche Nozioni fondamentali sui sistemi di numerazione Sistemi di numerazione in base diversa

Dettagli

1 Che cos è bsmart.it

1 Che cos è bsmart.it Scopri quali novità ti aspettano per l anno scolastico 2013-2014 1 Che cos è bsmart.it bsmart.it è un ambiente gratuito per insegnare e per apprendere, che aprirà a insegnanti e a studenti di tutta Italia

Dettagli

Idee emerse dalla sperimentazione condotta in collaborazione al Progetto Marconi dell'ufficio Scolastico Provinciale di Bologna

Idee emerse dalla sperimentazione condotta in collaborazione al Progetto Marconi dell'ufficio Scolastico Provinciale di Bologna Idee emerse dalla sperimentazione condotta in collaborazione al Progetto Marconi dell'ufficio Scolastico Provinciale di Bologna Claudio Laurita Beatrice Andalò Budrio (BO) Domanda di fondo Perché il laboratorio

Dettagli

Ref. Prof.ri TIC e Informatica e Laboratorio A PRESENTAZIONE

Ref. Prof.ri TIC e Informatica e Laboratorio A PRESENTAZIONE UNITÀ DI APPRENDIMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE Ref. Prof.ri TIC e Informatica e Laboratorio A.S. 2015-2016 TITOLO : Il PC: un amico utile COD. U.d.A N 1/4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

LA SCHEDA DEL MODULO ARMS

LA SCHEDA DEL MODULO ARMS IDROID 68 LAB 10-13 11-12-2006 14:17 Pagina 10 LA SCHEDA DEL MODULO ARMS BRACCIA E HAND TOOL, 1 COMPONENTI 1. Inizia una nuova fase, e parte subito con un componente di importanza cruciale: una scheda

Dettagli

Mobile Phone Monitoring HRVR0404LEA HRVR0804LEL HRVR1604LEL HRVR1604HET HRVR1604HFS

Mobile Phone Monitoring HRVR0404LEA HRVR0804LEL HRVR1604LEL HRVR1604HET HRVR1604HFS Mobile Phone Monitoring HRVR0404LEA HRVR0804LEL HRVR1604LEL HRVR1604HET HRVR1604HFS Mobile Phone Sorveglianza remota tramite Telefono Cellulare Compatibilità La serie LE dei DVR HR supporta la sorveglianza

Dettagli

2. Strutture dei Sistemi Operativi

2. Strutture dei Sistemi Operativi 1 2. Strutture dei Sistemi Operativi Quali servizi un generico sistema operativo mette a disposizione degli utenti, e dei programmi che gli utenti vogliono eseguire? interfaccia col sistema operativo stesso

Dettagli

Prodotti ad alta tecnologia

Prodotti ad alta tecnologia Prodotti ad alta tecnologia per lo Studio Odontoiatrico e il Laboratorio Odontotecnico P.I. e C.F. 10879250156 CCIAA 1413986 1 Software gestionale da Studio Dentix - software gestionale Studio Odontoiatrico

Dettagli

IRISPen Air 7. Guida rapida per l uso. (Windows & Mac OS X)

IRISPen Air 7. Guida rapida per l uso. (Windows & Mac OS X) IRISPen Air 7 Guida rapida per l uso (Windows & Mac OS X) La Guida rapida per l'uso viene fornita per aiutarvi a iniziare a usare IRISPen Air TM 7. Leggere la guida prima di utilizzare lo scanner e il

Dettagli