SIATE CREDIBILI. FATE SEMPRE SEGUIRE I FATTI ALLE PAROLE. INTERVISTA A VINCENZO DI FIORE GRUPPO BURGO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SIATE CREDIBILI. FATE SEMPRE SEGUIRE I FATTI ALLE PAROLE. INTERVISTA A VINCENZO DI FIORE GRUPPO BURGO"

Transcript

1 SIATE CREDIBILI. FATE SEMPRE SEGUIRE I FATTI ALLE PAROLE. INTERVISTA A VINCENZO DI FIORE GRUPPO BURGO a cura di Nicoletta Daminato, Antonio Garganese, Francesca Maggioni, Maria Cristina Masullo (partecipanti alla XVII edizione del Master in Risorse Umane e Organizzazione) Una splendida giornata quasi primaverile sul lago di Garda accompagna la nostra visita allo stabilimento di Toscolano Maderno (Brescia) del Gruppo Burgo, dove il 17 febbraio 2012 incontriamo e conosciamo Vincenzo Di Fiore (HR Mill Manager). Appena arrivati, Di Fiore ci accoglie nel suo ufficio per poi condurci nella sala riunioni. Iniziamo l intervista presentandoci reciprocamente: Vincenzo Di Fiore ci chiede un po di noi, dei nostri studi e dei nostri progetti futuri, ma soprattutto che cosa vorremmo fare e per quale motivo abbiamo scelto il ramo HR. Inoltre, ci chiede informazioni riguardo al master e agli argomenti trattati, sottolineando il fatto che uno dei temi fondamentali da trattare è la sicurezza, come poi ribadirà e spiegherà nell intervista. Da subito appare molto disponibile per incontrare dei giovani e ragionare insieme a loro su quali siano i compiti e le funzioni HR all interno dell azienda, in particolare in uno stabilimento produttivo e non in un azienda di servizi. Ci racconti un po di sé e di come è arrivato a ricoprire questa posizione Un giorno, un amico ingegnere mi chiese come si arriva ad essere la testa di un team di HR: ebbene, non è certo una passione che accompagna un bambino durante la sua crescita, bensì un insieme di circostanze che ci fanno approdare a questo ambito. Le circostanze della vita mi hanno fatto sviluppare quelle che chiamo le mie due vite: La mia attività lavorativa era inizialmente indirizzata verso la psicoanalisi, in coerenza con i miei studi di tipo psicologico. In quel periodo avevo fondato con altri colleghi un associazione di psicologi (Centro per lo Studio della Personalità), nell ambito del quale ho conosciuto un collega che mi ha messo in contatto con l ANCIFAP (Associazione Nazionale Centri IRI Formazione e Addestramento Professionale), dove ho svolto un periodo lavorativo come formatore e scoperto il mondo dell azienda, che ho trovato molto interessante. Ho quindi deciso di lasciare la psicologia clinica (anche per motivi di sostenibilità economica ) e dedicarmi alle Risorse Umane. Tali esperienze hanno fatto in modo che la mia vita professionale fosse segnata da un susseguirsi di opportunità in diverse aziende nell ambito delle gestione delle Risorse Umane. Il mio percorso da HR Manager è iniziato nell Agusta, dove ho trascorso dieci anni ( ), occupandomi prima di organizzazione, poi anche di sviluppo e di relazioni sindacali ed arrivando alla posizione di responsabile del personale di uno stabilimento. Quindi sono passato come HR Plant Manager ad uno stabilimento di produzione vetraria per il mercato automobilistico della PPG (multinazionale statunitense), successivamente ceduto alla multinazionale europea Glaverbel, nel quale mi sono trattenuto dal 1997 al La terza

2 tappa mi ha portato a ricoprire la posizione attuale all interno del Gruppo Burgo, nel quale il mio rapporto iniziò prima nello stabilimento di Duino (Trieste), e successivamente in quelli di Tolmezzo (Udine) e Chiampo (Vicenza), oltre a gestire la funzione di organizzazione e sviluppo per le operations del Gruppo. Infine, oggi mi trovo a Toscolano (Brescia); qui ho ricoperto e ricopro tuttora la funzione di HR Mill Manager. Da sottolineare il fatto che il mio ruolo è quasi sempre stato quello del ristrutturatore e riorganizzatore. Ci può raccontare una sua giornata tipo? La giornata tipo di un HR non esiste; non adagiatevi eccessivamente su un idea di lavoro di tipo statico. Un HR manager è colui che in modo flessibile riesce ad adattarsi ed affrontare quotidianamente le molteplici problematiche che si possono presentare. Quali sono, secondo lei, le maggiori difficoltà del lavoro HR? La struttura aziendale è organizzata per ottenere dei risultati di efficienza. Nel momento in cui questo obiettivo risulta compromesso, spesso è necessario trovare il modo di rimuovere ciò che ostacola il percorso. A tal fine, la funzione della gestione delle Risorse Umane deve riuscire a conciliare due tipologie d approccio: quella soft e quella hard. La parte soft rappresenta lo sviluppo delle relazioni, la comunicazione, la formazione e lo sviluppo professionale delle persone, quella hard è spesso caratterizzata, soprattutto in tempi di crisi come questi, dallo sviluppo delle relazioni industriali e dal riuscire a mantenere la disciplina all interno dell azienda, gestendo, se necessario, anche l interruzione del rapporto lavorativo. Il buon HR manager è colui che riesce a mantenere il giusto equilibrio tra le due parti, tenendo conto delle necessità sia dell impresa che delle persone e della loro sensibilità. Una situazione critica da dover affrontare può essere la fusione tra aziende differenti, come possono essere gestite e come impattano sul personale? In che modo le persone vivono le acquisizioni dipende sia dalla capacità che si dimostra nel gestirle correttamente, che dal contesto, in particolar modo è fondamentale comprendere se ciò comporta o meno un cambiamento nell ambiente lavorativo. Dalle mie diverse esperienze, ho notato delle differenze nel modo di gestire la funzione HR durante le acquisizioni. Ad esempio quando la PPG è stata acquistata da Glaverbel, l acquisizione è stata gestita come una fusione; la funzione Hr si è occupata di stilare un elenco dei punti di forza e dei punti di debolezza di entrambe le aziende, cercando di serbare il meglio delle due aziende. Quindi, si è cercato di mantenere i punti di forza dell azienda in procinto di acquisizione e di sostituirli ai punti di debolezza dell azienda che acquista. La parte più complicata in queste circostanze è convincere ogni persona che non si è più parte della PPG, ma si è Glaverbel: è dunque necessario far accettare il cambiamento. Spesso infatti le persone si identificano fermamente con l azienda tanto da continuare a sentirsi appartenenti all azienda precedente anche quando ormai la gestione è passata ad una successiva. Nel momento in cui gestisci in modo scorretto determinate situazioni si alimenta una scontentezza complessiva, per cui gli acquisiti si sentono colonizzati, mentre coloro che acquistano sono convinti che gli altri siano trattati in modo migliore. Al contrario, e utile sin dall inizio evitare di riferirci ad un noi diverso da un loro, comunicare efficacemente e

3 concedere il medesimo rispetto ad entrambe le parti in causa. In conclusione, l azienda che acquista necessita di comprendere l azienda che sta acquistando, deve possedere le capacità di interfacciarsi con essa, deve conoscere il sistema e prendere quello che c è di buono. E quindi necessario e doveroso mettere insieme le persone. Fondamentale è quindi gestire il personale, cosa significa esattamente? Gestire il personale significa allo stesso tempo sia motivare che disciplinare le persone, in modo da uniformare i comportamenti dei dipendenti alle regole esistenti. La fabbrica è simile ad un microsistema sociale che per funzionare ha bisogno di regole condivise e da rispettare e, come direttore del personale, sei, in questo sistema, sia un poliziotto che un giudice. Fondamentale è anche la formazione e il rafforzamento dei responsabili attraverso il coaching, ad esempio. Inoltre è utile mantenere sempre una sana concretezza delle cose e tenere presente che le persone sono vere ed in carne ed ossa ed hanno il diritto di essere trattate con rispetto in ogni circostanza che ci si ritrova ad affrontare, anche e soprattutto nei casi di riduzione degli organici. Tornando alle fusioni, se le due aziende hanno una diversa modalità di gestione del personale, quale si utilizza? E necessario attuare una scelta riguardo a quale dei due sistemi di gestione utilizzare e poi estenderlo ed applicare il sistema di gestione anche all altra azienda. Ad esempio, nella Burgo la figura del funzionario era intermediaria tra quadro e dirigente; tale figura non esisteva nella Marchi e quando vi è stata la fusione è stato deciso di eliminarla definitivamente. Il problema si è presentato nel momento in cui vi era il bisogno di fare accettare ai funzionari (mantenendo la medesima retribuzione di prima) il fatto che erano formalmente dei quadri. Ciò rappresenta ancora un argomento sensibile per gli exfunzionari. Essere HR in fabbrica, cosa comporta e quali sono i rapporti con la linea produttiva? Essere il Responsabile del Personale di uno stabilimento ha le sue peculiarità, lavorare in uno stabilimento significa essere legato ai tempi della fabbrica, non hai controllo sul tuo tempo, soprattutto in fabbriche come la nostra che sono a ciclo continuo e vi è la necessità di stare dietro ai turni di lavoro e agli uomini della produzione. In particolare hai a che fare con tanti operaiacci (ride affettuosamente n.d.r.) che è necessario gestire, questo significa parlare di meno e agire di più. Nel lavoro in uno stabilimento si ha a che fare con un sistema eterogeneo, ciò comporta dei vincoli in più e ti costringe ad avere una visione a 360 gradi non solo dei vari compiti HR, ma anche della vita della fabbrica e della produzione. Significa, quindi, anche contribuire all ottimizzazione della fabbrica, come è avvenuto nel caso dello stabilimento di Duino (Trieste), in cui abbiamo modificato il processo produttivo passando alla Lean production: abbiamo realizzato una nuova struttura organizzativa, una nuova organizzazione del lavoro, in cui il capo della linea diventa più responsabile seguendo il processo produttivo dall inizio alla fine.

4 Come è necessario comportarsi in situazioni di riduzione dell'organico? Innanzitutto è necessario aver sempre presente che ci si trova di fronte a delle persone che spesso hanno un forte legame con l azienda, in cui hanno passato una buona fetta della loro vita. Quindi è utile parlargli, spiegargli la situazione e comprendere quali possono essere le leve su cui agire per far meglio accettare a loro la dura decisione che stiamo approntando. Nella riduzione dell organico bisogna affrontare dunque, oltre che le tematiche strettamente legate alla gestione pratica delle mobilità, anche questioni di natura puramente personale. Vi faccio l esempio di una situazione che mi diverto a chiamare incentivo all esodo con i boccioni. Ad esempio, quando lavoravo in PPG nello stabilimento di Roccasecca (Frosinone) mi son trovato a dover gestire una riduzione del personale, attraverso una procedura di mobilità rivolta a dipendenti che avrebbero raggiunto nel periodo di mobilità i requisiti per il pensionamento. In questa situazione uno degli operai (un carrellista), che aveva già concordato l uscita con relativo incentivo economico in quanto sarebbe arrivato alla pensione, la sera di uno degli ultimi giorni di lavoro, all inizio del turno, cominciò a dire che aveva cambiato idea e non voleva più lasciare l azienda. Venuto a conoscenza di questa situazione, ho deciso di parlargli personalmente per capire quale era il motivo che lo spingeva a rifiutare l accordo già stabilito. In realtà si trattava di un momento di crisi personale legata al fatto di sentirsi in qualche modo svuotato della sua importanza come lavoratore all interno dell azienda che era diventata negli anni il suo mondo (il problema che chiunque si pone nel momento in cui sta andando in pensione). Dopo un paio d ore di colloquio il dipendente si calmò, e per confermare definitivamente la volontà di andare via mi chiese di consentirgli di portarsi via un po di boccioni dell acqua vuoti. I boccioni erano i serbatoi contenenti l acqua da bere dei distributori che si trovavano nei reparti ed uffici. Erano molto apprezzati dai lavoratori in quanto si trattava di una zona di campagna dove serbatoi come quelli erano utili per diversi fini. All inizio lasciavamo che le persone li portassero via quando si svuotavano, poi avevamo dovuto smettere quando ci accorgemmo che li svuotavano apposta per portarli via. Tornando al nostro lavoratore, ovviamente non erano una decina di serbatoi di plastica a poterlo convincere a lasciare il lavoro, ma attraverso quella richiesta aveva sbloccato una situazione psicologica, ottenendo in qualche modo un qualcosa in più rispetto a quanto già concordato. Vi racconto questo per farvi capire che le resistenze che si possono trovare in un accordo di questo tipo, spesso, non sono di natura contrattuale, ma puramente legate alla sfera umana e personale del singolo lavoratore e vanno affrontate di conseguenza. Situazioni difficili di questo genere coinvolgono anche l attiva presenza dei sindacati, come avvengono le relazioni industriali e, in particolare, le trattative? I rapporti con i sindacati non si riducono alla semplice trattativa, questa è solo la parte conclusiva del rapporto; la trattativa, infatti, rispecchia i rapporti tra le parti che sussistono già prima di sedersi intorno al tavolo. Sia nelle trattative che nei rapporti con i sindacati, in generale, è fondamentale la gestione della comunicazione e, in particolare, la gestione della parola. Infatti è necessario essere consapevoli che queste situazioni comunicative sono diverse da quelle che si affrontano quotidianamente, come ad esempio parlare con i colleghi; la comunicazione richiesta è più strategica: vi sono contenuti che si vuole far passare a tutti e altri che è utile siano colti solo da alcuni partecipanti. Inoltre, è necessario non complicare il discorso, parlare chiaramente in modo da far capire il perché delle misure applicate (come ad esempio nel caso sopracitato della mobilità) e farle accettare.

5 E necessario perseguire gli obiettivi prefissati e per raggiungerli è fondamentale essere preparati e sapere dove si vuole andare, ma soprattutto è necessario saperci arrivare nonostante tutte le deviazioni: si ha un obiettivo da raggiungere e la maggior parte delle volte la strada per ottenerlo non è lineare, è necessario essere flessibili e non perdere mai di vista la meta che ci si prefigge. Ritengo che una delle capacità essenziali è quella di saper interpretare le resistenze che s incontrano, per poter meglio comprendere quali siano le leve giuste da usare per raggiungere l obiettivo. Ha affermato che è molto importante saper interpretare le resistenze, può meglio spiegarci cosa intende? Per farvi comprendere meglio l argomento, vi racconto un episodio che mi è accaduto qualche anno fa, quando abbiamo organizzato un intervento di Development Center per le persone chiave in azienda. I partecipanti hanno dimostrato inizialmente un atteggiamento diffidente e una resistenza ai temi trattati nel corso; siamo andati ad indagare il perché di questo atteggiamento e abbiamo scoperto che, poiché l azienda si trovava ad affrontare una riduzione di organico, molti partecipanti del corso lo avevano interpretato come un occasione per valutarli e decidere chi licenziare, quando invece il nostro scopo era quello di potenziare i talenti. Ogni cosa può avere un significato diverso a seconda del contesto che si sta vivendo; è allora importante saper interpretare le resistenze e affrontarle essendo chiari e credibili. Cosa intende con credibilità? Per essere credibili bisogna assumersi le proprie responsabilità, anche quando non si può o non si vuole decidere autonomamente non bisogna sembrare colui che deve sempre chiedere qualcosa a qualcun altro, è auspicabile rispondere semplicemente con un ci devo pensare e successivamente verificare la tua reale capacità e competenza in quella circostanza. Quindi bisogna avere responsabilità delle proprie decisioni e saper gestire le situazioni, proprio laddove non hai potere decisionale. Infine è fondamentale far sempre seguire i fatti alle parole. Abbiamo discusso di relazioni sindacali, ma le relazioni verso l esterno non sono solo queste, giusto? Quando hai a che fare con le relazioni sindacali, le relazioni esterne, con Confindustria, e con le istituzioni, è necessario ricordarti sempre che rappresenti l azienda sia verso l interno che verso l esterno. Bisogna essere sempre proattivi nel rapportarsi con le più disparate personalità (es. sindaci, consiglieri, presidenti di regioni o province) e stakeholders. A seconda del contesto ambientale in cui l azienda ha luogo ci si trova ad affrontare problematiche sempre differenti. A volte è utile far leva sull importanza economica che ha l azienda per il tessuto economico e sociale, per poter fare pressione sulla politica locale e ottenere ciò che serve per lo sviluppo della stessa

6 Per concludere, ha qualche consiglio utile da fornirci sulle qualità che deve avere un buon HR? In primis è necessario essere persone credibili. In secondo luogo, anche quando si ha a che fare con persone complicate è utile mettersi in campo e gestirle nel migliore dei modi. Inoltre, come vi ho accennato precedentemente, la sicurezza è un tema molto importante anche per il manager delle risorse umane, anche se il ruolo RSPP (Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione dei rischi) dipende solitamente dal direttore di stabilimento. Tuttavia, il problema della sicurezza non riguarda esclusivamente la sua posizione, infatti si può decidere di affrontarlo e gestirlo dall inizio oppure si decide di aspettare che si presenti il problema. Comunque in un modo o nell altro, la salute delle persone è qualcosa che ci si ritrova sul tavolo. Ad esempio, uno dei modi che si sono sperimentati alla Burgo per trattare la sicurezza è stato quello di intraprendere delle iniziative formative, in particolare all interno di un progetto di Change management per tutti i capi, sono stati affrontati gli aspetti comportamentali e di responsabilizzazione sugli infortuni. Più cose sai fare, più servi. Così Vincenzo Di Fiore, Hr manager dalle mille sfaccettature, conclude la sua intervista. Più che una conclusione, la sua è un esortazione ad essere poliedrici e flessibili nel mondo HR: ciò è rappresentato dalla ricchezza di contenuti differenti che traspare sia nella sua formazione che nella sua carriera professionale. Dalle sue parole emerge un secondo consiglio di notevole importanza: la credibilità. Nel mondo del lavoro Hr è fondamentale essere credibili, ma in che modo? Assumendosi la propria parte di responsabilità anche quando non si è completamente indipendenti, non rinviando semplicemente ad un autorità superiore. Un ulteriore aspetto rilevante è rappresentato dalla gestione di persone e cose spiacevoli : il mondo Hr è un mondo costituito non solo da componenti soft come la formazione, lo sviluppo e l organizzazione, ma anche da componenti hard come l essere in grado di licenziare persone. Complessivamente il focus agli obiettivi è l anello che chiude la catena dell intervista e la determinazione e concretezza di Di Fiore emerge chiaramente dal suo monito finale: fate sempre seguire i fatti alle vostre parole. La concretezza dimostrata durante l intervista emerge chiaramente nella sua disponibilità a mostrarci come funziona l azienda in carne ed ossa. Il nostro viaggio nello stabilimento cartario inizia, nel primo pomeriggio, con i depositi di cellulosa; ci poi viene mostrato come funziona l impianto per la depurazione dell acqua. Infatti la posizione dell azienda in riva al lago è strategica, dato il grande quantitativo di acqua che serve per il processo di creazione della carta. Il nostro giro prosegue all interno degli edifici dove sono posizionati i macchinari e si conclude nel laboratorio dove la carta prodotta è testata per verificarne la composizione e confrontarla con la ricetta richiesta dal committente.

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Business Process Redesign

Business Process Redesign Business Process Redesign I servizi offerti da Nòema 1 Riorganizzare le strutture organizzative significa cercare di conciliare l efficienza delle attività con le aspettative delle persone che costituiscono

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro?

Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro? Come può un contratto aziendale migliorare la riforma del mercato del lavoro? Il 22 giugno durante il Festival del lavoro nella splendida cornice del salone Vanvitelliano di Brescia, si è tenuto l'incontro

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero.

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Cosa fa un ingegnere petrolifero? Gli ingegneri petroliferi individuano, estraggono e

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE Quality Evolution Consulting Formazione Manageriale Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE 7 edizione Firenze 23 maggio 2015 Firenze 120 ore al sabato 23 maggio 2015 31 ottobre 2015 Agenzia Formativa

Dettagli

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 ACCORDI SINDACALI BITRON SpA IL CONTESTO Il Gruppo Bitron è presente nella provincia di Cuneo con due unità produttive In provincia

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli