MOD.X140 MACCHINA CC ECCITAZIONE DERIVATA MOD.X150 MACCHINA CC ECCITAZIONE SERIE MOD.X160 MACCHINA CC ECCITAZIONE COMPOSTA MANUALE D ISTRUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MOD.X140 MACCHINA CC ECCITAZIONE DERIVATA MOD.X150 MACCHINA CC ECCITAZIONE SERIE MOD.X160 MACCHINA CC ECCITAZIONE COMPOSTA MANUALE D ISTRUZIONE"

Transcript

1 MOD.X140 MACCHINA CC ECCITAZIONE DERIVATA MOD.X150 MACCHINA CC ECCITAZIONE SERIE MOD.X160 MACCHINA CC ECCITAZIONE COMPOSTA (X SIGNIFICA CHE QUESTO MANUALE È VALIDO PER TUTTI I MODELLI ) MANUALE D ISTRUZIONE italtec srl Sistemi Tecnici Didattici Via privata Liguria FIZZONASCO - MILANO - ITALY Tel Fax COPYRIGHT NOTICE Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, fotocopiata o archiviata in sistemi di scrittura o trasmessa, in qualsiasi forma e con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, o registrato in qualsiasi altro modo, senza il nostro preventivo permesso scritto. ITX140MN Rev Made in Italy Pag. 1

2 LE MACCHINE A CORRENTE CONTINUA MACCHINA CC ECCITAZIONE DERIVATA - Esame della macchina - Generalità - Osservazione delle spazzole MACCHINA CC ECCITAZIONE SERIE - Esame della macchina - Generalità - Osservazione delle spazzole MACCHINA CC ECCITAZIONE COMPOSTA - Esame della macchina - Generalità - Osservazione delle spazzole MACCHINA CC ECCITAZIONE DERIVATA - Collegamento della macchina - verifica del funzionamento MACCHINA CC ECCITAZIONE SERIE - Collegamento della macchina - verifica del funzionamento MACCHINA CC ECCITAZIONE COMPOSTA - Collegamento della macchina - verifica del funzionamento MISURA DELLA RESISTENZA DEGLI AVVOLGIMENTI - Misura della resistenza dl indotto - Misura della resistenza degli avvolgimenti dell'eccitazione serie - Misura della resistenza dell'avvolgimento di eccitazione derivata PROVA DIRETTA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA - Schema dei collegamenti - Effettuazione della prova - Caratteristiche - Rilievo della caratteristica di regolazione PROVA A VUOTO DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA - Schema dei collegamenti - Effettuazione della prova DETERMINAZIONE DEL RENDIMENTO CONVENZIONALE DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA Pag. 2

3 RACCOMANDAZIONI PER IL FUNZIONAMENTO SICURO ED EFFICIENTE Per operare in piena sicurezza e ottenere buoni risultati ricordate che: ATTENZIONE ALTA TENSIONE PRESENTE Al MORSETTI MANEGGIATE LE MACCHINE CON ATTENZIONE E PRUDENZA 1) Tutte le esercitazioni devono prevedere il collegamento a terra 2) Tutti i collegamenti devono essere eseguiti prima di alimentare il circuito 3) Dopo aver terminato i collegamenti nessun cavetto deve essere lasciato con una estremità libera; se cosi fosse siete sicuramente in presenza di un errore di collegamento non dovete ricontrollare il circuito 4) Nessun collegamento deve essere staccato durante la prova 5) L' eventuale osservazione delle spazzole delle macchine in CC o degli anelli va effettuata a macchine ferme e non collegate. 6) L'accoppiamento di due macchine va effettuato a macchine ferme 7) Seguire sempre la procedura suggerita in ogni esperimento 8) Non effettuate varianti alle esperienze senza chiedere il consenso al Docente. Pag. 3

4 SISTEMA DIDATTICO EMMS ACCOPPIAMENTO DELLE MACCHINE Corretto posizionamento delle macchine nel laboratorio EMMS Generatore o freno Giunto di accoppiamento Motore Basamento antivibrante Basamento antivibrante Staffa di giunzione Coprigiunto. In presenza del coprigiunto si può fare a meno della staffa di giunzione Ogni macchina è dotata di apposita base già allineata con le altre macchine del sistema. Le macchine vanno semplicemente poste sulla superficie piana del banco e accostate inserendo il giunto in gomma nei mozzi prima di avvicinarle. Spingerle a fondo e poi bloccarle con le apposite manopole filettate interponendo il coprigiunto o le staffe di giunzione. Per la sicurezza operativa effettuare sempre il collegamento di terra e inserite il coprigiunto prima di avviare le macchine. Pag. 4

5 MACCHINA CC ECCITAZIONE DERIVATA ESAME DELLA MACCHINA GENERALITÀ - OSSERVAZIONE DELLE SPAZZOLE Dati tecnici (Riportare i dati di targa presenti sulla macchina) Potenza: W Velocità giri/min Tensione armatura V Corrente armatura A Tensione eccitazione V Corrente eccitazione A La morsettiera della macchina si presenta come sotto indicato: M-G DC SHUNT MACHINE OSSERVAZIONE DELLE SPAZZOLE E DELL'INTERNO Morsettiera Svitando questo coperchio si può osservare l'interno della macchina BASAMENTO Non allentare mai le viti che fissano la macchina al basamento perché si perderebbe l'allineamento dato in fabbrica Pag. 5

6 MACCHINA CC ECCITAZIONE SERIE ESAME DELLA MACCHINA GENERALITÀ - OSSERVAZIONE DELLE SPAZZOLE Dati tecnici (Riportare i dati di targa presenti sulla macchina) Potenza: W Velocità giri/min Tensione armatura V Corrente armatura A Tensione eccitazione V Corrente eccitazione A La morsettiera della macchina si presenta come sotto indicato M-G D1 D2 DC SERIE MACHINE OSSERVAZIONE DELLE SPAZZOLE E DELL'INTERNO Morsettiera Svitando questo coperchio si può osservare l'interno della macchina BASAMENTO Non allentare mai le viti che fissano la macchina al basamento perché si perderebbe l'allineamento dato in fabbrica Pag. 6

7 MACCHINA CC ECCITAZIONE COMPOSTA ESAME DELLA MACCHINA GENERALITÀ - OSSERVAZIONE DELLE SPAZZOLE Dati tecnici (Riportare i dati di targa presenti sulla macchina) Potenza: W Velocità giri/min Tensione armatura V Corrente armatura A Tensione eccitazione V Corrente eccitazione A La morsettiera della macchina si presenta come sotto indicato M-G D1 D2 DC COMPOUND MACHINE OSSERVAZIONE DELLE SPAZZOLE E DELL'INTERNO Morsettiera Svitando questo coperchio si può osservare l'interno della macchina BASAMENTO Non allentare mai le viti che fissano la macchina al basamento perché si perderebbe l'allineamento dato in fabbrica Pag. 7

8 MACCHINA CC ECCITAZIONE DERIVATA COLLEGAMENTO DELLA MACCHINA VERIFICA DEL FUNZIONAMENTO Effettuate i collegamenti sotto riportati e alimentate la macchina a vuoto. La rotazione dovrà essere oraria, + 220V CC max - M-G MACCHINA CC CON ECCITAZIONE DERIVATA Il reostato di eccitazione non è indispensabile. Per questa verifica si potrebbe anche omettere. E2 DC SHUNT MACHINE Realizzate ora il seguente collegamento e osservate come la rotazione della macchina avvenga in senso antiorario V CC max - M-G Per invertire la rotazione di una macchina CC ad eccitazione derivata è sufficiente invertire la polarità dell eccitazione (o dell'armatura) E2 DC SHUNT MACHINE Pag. 8

9 MACCHINA CC ECCITAZIONE SERIE COLLEGAMENTO DELLA MACCHINA VERIFICA DEL FUNZIONAMENTO Effettuate i collegamenti sotto riportati e alimentate la macchina a vuoto. La rotazione dovrà essere oraria, + CC 0-20/30V SE A VUOTO - ATTENZIONE D1 M-G D2 Effettuate i collegamenti a fianco indicati e alimentare la macchina a vuoto aumentando la tensione molto lentamente e con prudenza. Questa macchina quando è a vuoto tende alla fuga: la sua velocità aumenta improvvisamente e molto rapidamente fino a raggiungere velocità pericolose, a volta, per la propria integrità. La rotazione dovrà essere oraria osservando l'albero dal lato principale. DC SERIE MACHINE Realizzate ora il seguente collegamento e osservate come la rotazione della macchina avvenga in senso antiorario. + CC 0-20V SE A VUOTO - M-G MACCHINA CC CON ECCITAZIONE SERIE D1 D2 Per invertire la rotazione di una macchina CC ad eccitazione SERIE è sufficiente invertire la polarità dell eccitazione (o dell'armatura) DC SERIE MACHINE Pag. 9

10 MACCHINA CC ECCITAZIONE COMPOSTA COLLEGAMENTO DELLA MACCHINA VERIFICA DEL FUNZIONAMENTO Effettuate i collegamenti sotto riportati e alimentate la macchina a vuoto. La rotazione dovrà essere oraria, V CC MAX - M-G D1 D2 DC COMPOUND MACHINE Realizzate ora il seguente collegamento e osservate come la rotazione della macchina avvenga in senso antiorario V CC MAX - MACCHINA CON ECCITAZIONE COMPOSTA D1 M-G D2 Per invertire la rotazione di una macchina CC ad eccitazione derivata è necessario invertire sia la polarità dell eccitazione derivata che quella dell'eccitazione serie (o dell'armatura) DC COMPOUND MACHINE Pag. 10

11 MISURA DELLA RESISTENZA DEGLI AVVOLGIMENTI TEORIA La resistenza degli avvolgimenti serve per calcolare il rendimento convenzionale e la caduta di tensione ohmica. Gli avvolgimenti contenuti nelle macchine in esame sono i seguenti: avvolgimento dell' indotto avvolgimento dell' eccitazione serie avvolgimento dell' eccitazione derivata I primi due, essendo percorsi dalla corrente dell'indotto, presentano di solito basse resistenze. L'avvolgimento di eccitazione derivata essendo collegato in parallelo all'alimentazione ha una resistenza più elevata. La misura va eseguita in CC e a macchina ferma. E' anche opportuno effettuare la misura a macchina inattiva da alcune ore in modo che in ogni sua parte si sia raggiunta la temperatura ambiente. OSSERVAZIONI Si noti che il voltmetro deve essere sempre inserito a valle dell'amperometro perché e preferibile usare tale collegamento essendo certamente in presenza di una resistenza incognita di basso valore Per misurare correttamente le cadute di tensione dell'avvolgimento d indotto sarebbe consigliabile (se la macchina in esame lo consente) di inserire il voltmetro a valle delle spazzole, toccando con i puntali direttamente le lamelle di rame del collettore per evitare di misurare anche la resistenza di contatto che esiste tra spazzola e collettore. Raccomandiamo di effettuare le misure separatamente e alimentando un solo circuito alla volta poiché, se tali misure fossero effettuate contemporaneamente si potrebbe creare una coppia motrice che metterebbe il motore in rotazione. Poiché l'avvolgimento di eccitazione derivata presenta elevata induttanza, consigliamo di inserire il voltmetro dopo aver alimentato il circuito e sconnetterlo prima della disattivazione del circuito altrimenti si potrebbe danneggiare. Pag. 11

12 MISURA DELLA RESISTENZA Dl INDOTTO La misura della resistenza d indotto di una macchina a corrente continua è necessaria, perché tale parametro determina sia la potenza persa nel rame sia la caduta di tensione interna. Per la misura prescinderemo dalla presenza delle spazzole la cui resistenza di contatto non e costante come avviene per le resistenze metalliche. SCHEMA DEI COLLEGAMENTI La misura della resistenza del circuito indotto può essere eseguita con il metodo voltamperometrico. Il circuito comprende una sorgente di alimentazione continua a b voltmetro con fondo scala 1 o 3V e un amperometro con nominale della macchina Fig.13. Alimentare con tensione tale che la corrente circolante sia poco inferiore alla corrente nominale + - V A M-G Fig.13 Misura della resistenza d indotto di una macchina a CC D1 D2 La resistenza d indotto e data dalla relazione: Ri = V A DC COMPOUND MACHINE Lo schema sopra riprodotto consente misure sufficientemente precise anche se per una più esatta definizione della resistenza si dovrebbero sollevare le spazzole e collocare i puntali del voltmetro direttamente fra due lamelle poste sotto due spazzole successive per avere lo strumento connesso direttamente alla resistenza da misurare. Pag. 12

13 Osservazioni La misura della resistenza d indotto deve escludere le spazzole, delle quali si tiene conto successivamente. In qualche caso tuttavia, quando non occorra una grande precisione nei risultati e si voglia avere un valore orientativo della resistenza interna totale della macchina, si può effettuare la misura collegandosi fra una spazzola e quella successiva di polarità contraria. La resistenza trovata è la resistenza di indotto compresa quella di contatto alle spazzole. Per diminuire l'errore di questa misura, si deve effettuare la prova con il valore della corrente vicino al valore nominale. Questa procedura si applica sovente alle macchine di limitata potenza, e non è contemplato dalle norme per la determinazione del rendimento convenzionale. La misura della resistenza di indotto si riferisce alla temperatura ambiente, alla quale è stata eseguita la prova, temperatura che occorre rilevare in modo da poter procedere al riporto della stessa a 75 C. Pag. 13

14 MISURA DELLA RESISTENZA DEGLI AVVOLGIMENTI DELL'ECCITAZIONE SERIE Alimentare con una tensione tale da far circolare + - una corrente poco inferiore alla corrente nominale Vs As Fig.14 Circuito per la misura della resistenza dell'avvolgimento d eccitazione serie M-G D1 D2 La resistenza dell'avvolgimento serie è data dalla relazione: Rs = Vs As DC COMPOUND MACHINE NOTA Il valore che si otterrà sarà molto simile al valore di resistenza degli avvolgimenti d indotto e quindi si potranno utilizzare gli stessi strumenti della misura precedente Pag. 14

15 MISURA DELLA RESISTENZA DELL'AVVOLGIMENTO DI ECCITAZIONE DERIVATA + Alimentare con una tensione tale da far circolare - negli avvolgimenti la corrente di eccitazione nominale V A Fig.15 Circuito per la misura della resistenza dell'avvolgimento di eccitazione derivata D1 M-G D2 La resistenza dell'avvolgimento d eccitazione derivata è data dalla relazione: Rd = Vd Ad E2 DC COMPOUND MACHINE NOTA Il valore che si otterrà sarà di valore molto più elevato rispetto ai valori della resistenza di indotto e dell'eccitazione serie. Il voltmetro deve aver fondo scala di 250V e l'amperometro fondo scala di 1A Pag. 15

16 PROVA DIRETTA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA La prova diretta di un motore a corrente continua, si esegue applicando alla macchina un carico meccanico di valore variabile da zero sino a un sovraccarico del 20-25%, e controllando il comportamento della macchina stessa deducendone il rendimento e la caratteristica meccanica. I sistemi di frenatura possono essere: Il freno elettromagnetico a correnti parassite "Pasqualini" La dinamo freno Il generatore tarato. Scegliamo una dinamo freno considerando che con questo sistema la prova può durare più a lungo che con un freno elettromagnetico a causa del surriscaldamento di tale freno. SCHEMA DEI COLLEGAMENTI Il motore in prova deve essere alimentato da una sorgente, che fornisca una tensione pari al valore della tensione nominale del motore e che deve rimanere costante per tutta la durata della prova. Il circuito da realizzare e rappresentato in fig Ravv Aarm Ad Aecc Recc Motore CC Dinamo Freno E2 Vd Aecc E2 - Vm Circuito di eccitazione della Carico della dinamo Fig.20 - Prova diretta di un motore a corrente continua con dinamo freno Il circuito del motore comprende: un reostato Ravv per l'avviamento e unorecc di eccitazione un voltmetro Vm di portata corrispondente alla tensione nominale Pag. 16

17 un amperometro Aarm con portata tale da poter leggere un sovraccarico del 20-25% del valore nominale della corrente. L'erogazione della dinamo freno è collegata a un reostato di carico attraverso un amperometro Ad in serie e un voltmetro Vd non indispensabile. La dinamo freno è eccitata tramite un alimentatore esterno regolabile. Ricordiamo che la dinamo freno è una macchina generatrice a corrente continua ed è costruita con la carcassa oscillante. Sui bracci graduati della carcassa sono applicati due pesi, uno per la taratura e uno di misura. Il raggiungimento di equilibrio dello statore consente la misura della coppia che è data dalla formula: C= p b in kgm/rad oppure : C= 981, p b in joule/rad essendo p il peso di misura in kg e b il braccio in metri. Misurando poi la velocità potremo calcolare anche la potenza meccanica all'albero in watt con la formula: P = 1027, p b n La dinamo freno può esercitare la sua azione di carico meccanico variabile sia variando la resistenza del reostato di carico, sia modificando la corrente di eccitazione. EFFETTUAZIONE DELLA PROVA Motore eccitato in derivazione. (Tutti i modelli x140) Si avvia il motore tramite il reostato d avviamento, ricordando che l'operazione deve avvenire con la corrente di eccitazione massima. Regolando successivamente l'eccitazione, e senza più ritoccarla in seguito, per la tensione nominale, si fa raggiungere a vuoto al motore la velocità nominale. Si esegue un calcolo preventivo della lunghezza del braccio al 100% e cioè:bn Pn = 1027, pn dove Pn è la potenza nominale del motore in prova, p è il peso in kg di cui si dispone, n è la velocità nominale del motore in prova. Con la stessa formula si calcolano poi i bracci per altri punti significativi a 75%, 50% e 25% del carico. Per ciascun punto, iniziando dal più elevato, si raggiunge l'equilibrio dello statore agendo sul carico e sull'eccitazione della dinamo freno. All'equilibrio si rilevano la tensione, la corrente d armatura e la velocità di rotazione. La coppia è data da: C= 981, p b in joule/rad; La potenza resa è data da: Pr = 1027, p b n in watt La potenza assorbita è data da: Pa = Vm Aarm Pag. 17

18 Tabella dei rilievi n 0 b (m) p (N) n (giri/mi n) Presa (W) Aarm (A) Iecc (A) Pass (W) η 25% 50% 75% 100% 125% Pag. 18

19 CURVE CARATTERISTICHE RENDIMENTO Il rapporto fra potenza resa e potenza assorbita ci fornisce il rendimento della macchina. Tracciando il grafico con i valori del rendimento percentuale in funzione della potenza resa si ottiene questa importante curva caratteristica. Caratteristica del rendimento di un motore a cc η =f(pr) Pr Pn Fig.21 caratteristica del rendimento di un motore a corrente continua: η=f(pr) L'andamento tra il 70% ed il 100% del carico è quasi piatto. Pag. 19

20 Caratteristica meccanica Per ottenere la caratteristica meccanica si riportano nel diagramma le coppie di valori della C=f(n). La caratteristica è una linea quasi verticale che presenta una piccola diminuzione della velocità in corrispondenza dell'aumento della coppia applicata. Caratteristica meccanica di un motore a c.c. con eccitazione separata e derivata C no n Fig.22 Caratteristica meccanica di un motore a corrente continua con eccitazione separata e derivata Pag. 20

21 CARATTERISTICA MECCANICA DEL MOTORE ECCITATO IN SERIE Per il motore eccitato in serie si procede in modo analogo a quello visto finora. Poiché questo tipo di motore è a velocità variabile, la preventiva messa a punto della velocità deve essere fatta applicando il carico nominale. Dopo aver rilevato i dati al carico nominale si toglie gradatamente il carico fino al 25%. Il valore minimo del 25 % non deve essere superato. Molta cautela è necessaria per controllare la velocità quando si diminuisce il carico perché la velocità aumenterà moltissimo e potrebbe assumere valori elevatissimi se dovesse mancare improvvisamente il carico. Per questa prova, procedere in due e un operatore dovrà essere pronto a premere l'emergenza qualora inavvertitamente si dovesse avvertire un improvviso elevato aumento dei giri del motore. La caratteristica meccanica del motore a eccitazione serie presente forti variazioni di velocità a seguito delle variazioni della coppia frenante. Vedi fig. 23 Caratteristica meccanica di un motore c.c. con eccitazione serie C f( ) C no n Caratteristica meccanica di un motore a eccitazione composta Per il motore con eccitazione composta si procede come per il motore con eccitazione derivata. Pag. 21

22 RILIEVO DELLA CARATTERISTICA DI REGOLAZIONE Per i motori a eccitazione derivata, o a eccitazione separata, o a eccitazione composta, si può anche rilevare con la prova diretta, la caratteristica di regolazione. Si realizza il circuito come per la prova diretta già illustrata ma si effettua la prova modificando la corrente d eccitazione mentre varia il carico in modo da compensare la variazione di velocità che si verifica, riportandola sempre al valore nominale. Le coppie di valori Iecc=f(I) forniscono la caratteristica di regolazione. Caratteristica di regolazione di un motore a corrente continua con eccitazione derivata, separata o composta Iecc I Fig.24 Caratteristica di regolazione di un motore a corrente continua con eccitazione derivata, separata o composta La curva è discendente poiché la velocità viene compensata diminuendo il campo eccitazione quando il carico aumenta. Pag. 22

23 PROVA A VUOTO DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA La prova a vuoto di un motore serve a determinare le perdite meccaniche e nel ferro. Per questa prova non b necessario separare l'eccitazione, purché si possa misurare soltanto la potenza assorbita dall'indotto. Molto semplicemente si può collegare il motore con eccitazione indipendente. SCHEMA DEI COLLEGAMENTI La prova deve essere fatta a tensione variabile e per questo il circuito di alimentazione deve poter variare la tensione da valori superiori del 10% della tensione nominale della macchina fino a valori molto bassi. Il circuito è in fig Ravv Aarm Recc Vm Motore CC in prova Aecc E2 D2 - D1 In caso di eccitazione composta il collegamento della eccitazione serie sarà da realizzarsi come indicato nella linea tratteggiata Fig. 25 Prova a vuoto di un motore a corrente continua a eccitazione separata o composta. La regolazione di tensione è facilmente ottenibile grazie alle sorgenti variabili previste in tutti i nostri alimentatori. In mancanza si può anche utilizzare un reostato in serie al motore che, possa adattarsi alla corrente assorbita a vuoto, e che abbia un valore di resistenza tale da produrre una caduta sensibile. Si potrebbe usare anche una regolazione con reostato in collegamento potenziometrico se si vogliono raggiungere valori di tensione molto bassi Nel circuito di alimentazione sono inseriti: Pag. 23

24 un voltmetro Vm di portata corrispondente al valore di tensione nominale, un amperometro Aarm per misurare la corrente a vuoto della macchina, di valore circa il 10% della corrente nominale. L'amperometro Aecc non è indispensabile. Gli strumenti devono essere per corrente continua, meglio se con bobina mobile. Sarà opportuno proteggere l'amperometro con corto circuito all'avviamento per evitare che si danneggi con la corrente di spunto. Nel circuito di eccitazione inseriremo un reostato per permettere la graduale diseccitazione della macchina almeno sino al 20% del valore nominale. EFFETTUAZIONE DELLA PROVA Avviato il motore e regolata la tensione al valore prestabilito, in genere per una sovratensione del 10-20%, si regola successivamente l'eccitazione in modo da ottenere la velocità nominale. Per questa condizione si legge potenza assorbita a vuoto: Po = V Io Tale potenza comprende: Ie perdite meccaniche, dipendenti dalla velocità; Ie perdite nel ferro, dipendenti dalla tensione; Ie perdite nel rame a vuoto, dipendenti dalla corrente. Queste ultime sono tuttavia trascurabili, data la loro piccola entità, per cui potremo scrivere: Po = Pm+ P Diminuendo poi gradualmente la tensione per valori discreti e compensata la diminuzione di velocità con un progressivo indebolimento dell'eccitazione, in modo da riportarla al valore normale, si ripetono punto per punto le letture anzidette. Mettendo in un diagramma cartesiano le coppie di valori Po = f (v), si ottiene una curva ad andamento parabolico che intercetta l'asse delle ordinate in un punto corrispondente alle sole perdite meccaniche. Pag. 24

25 Caratteristica della potenza vuoto di un motore a C.C. Po=f(V) e separazione delle perdite nel ferro e meccaniche Po Pf Pm Vn V Fig.26 Caratteristica della potenza a vuoto di un motore a corrente continua Po = f (V) e separazione delle perdite nel ferro e meccaniche. La parallela condotta dall'ordinata all'origine separa il diagramma in due campi dei quali il superiore fornisce appunto, per ogni valore di tensione, le corrispondenti perdite nel ferro. L'estrapolazione si rende necessaria perché la prova non può estendersi per valori troppo piccoli di tensione, in quanto il motore, sollecitato da una coppia motrice troppo debole, non riesce a mantenere la velocità prefissata oltre un determinato limite inferiore. Per migliorare l'operazione di estrapolazione ci si può riferire a una scala quadratica della tensione, in modo che la funzione, pressoché rettilinea, consenta un estrapolazione più sicura. Fig 27. Pag. 25

26 Caratteristica della potenza vuoto di un motore a C.C. Po=f(V 2 ) e separazione delle perdite nel ferro e meccaniche Po Pf Vn 2 V 2 Fig.27 Caratteristica della potenza a vuoto di un motore a corrente continua Po = f (V 2 ) e separazione delle perdite nel ferro e meccaniche Pm Pag. 26

27 DETERMINAZIONE DEL RENDIMENTO CONVENZIONALE DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA Il procedimento per il calcolo del rendimento di un motore in corrente continua è molto simile a quello relativo alla dinamo, proprio per la reversibilità della macchina che può funzionare sia da generatore sia da motore, senza modifiche strutturali. I motori a corrente continua possono assumere modi di funzionamento diversi in relazione al tipo di eccitazione che posseggono per cui, nei calcoli che seguono, distingueremo i vari tipi. Per il calcolo del rendimento convenzionale occorre poter determinare in funzione della potenza assorbita, tutte le perdite presentate dalla macchina in modo da risalire indirettamente alla potenza resa: Pr = Pa - Pp La potenza assorbita sarà calcolata con la formula: Pa = Vn I dove: Vn è la tensione nominale della macchina I è la corrente assorbita assunta successivamente pari ai vari quarti della corrente nominale e per carichi successivi sino al valore del 125%. Calcoliamo ora le perdite che devono entrare nel computo. Perdite meccaniche Pm Sono tratte dalla prova a vuoto della macchina e ritenute costanti a tutti i carichi. Perdite nel ferro Pf Anche queste perdite sono tratte dalla prova a vuoto e lette sulla caratteristica Po = f(v) per il punto a tensione nominale. Sono costanti al variare del carico per la costanza della tensione di alimentazione. Perdite nel rame Pcu Per perdite nel rame intendiamo le perdite nell'avvolgimento di indotto. Si calcolano con 2 la formula:. Pcu = Ri Ii La resistenza del circuito di indotto, dovrà essere riportata alla temperatura convenzionale di 75 C. C Ciò si esegue mediante il coefficiente di temperatura: Kt = 309, 5 234, 5 + t in cui t è la temperatura ambiente di prova. Per misurare la corrente di indotto si seguono diversi procedimenti in funzione del tipo di eccitazione che presenta la macchina. Per motori con eccitazione separata e con l'eccitazione serie la corrente di indotto coincide con la corrente assorbita li = I e il calcolo è immediato. Pag. 27

28 Per i motori con eccitazione derivata, conoscendo la caratteristica di regolazione lecc=f (I), si ricava dalla corrente assorbita la corrente di eccitazione e quindi si calcola la corrente di indotto sottraendole: li = I - lecc. In mancanza di tale caratteristica si può ritenere valida la corrente di eccitazione individuata sulla caratteristica di eccitazione della macchina in relazione al valore della fem di carico. Per calcolare E si procede anzitutto valutando la caduta interna: ( ) V = Vsp + Ri + Raux I in cui : Vsp è la caduta per contatto alle spazzole uguale a circa 2 V per spazzole di carbone; 0,6 V per spazzole di contenuto metallico; Ri la resistenza di indotto a 75 C, Raux la resistenza degli eventuali poli ausiliari e avvolgimenti compensatori, riportata a 75 C; I è la corrente assorbita. Si calcola quindi la fem sottraendo la caduta al valore nominale di tensione: E = Vn V Nel calcolo precedente si considera una corrente di indotto I anziché li e inoltre non si tiene conto, (né si potrebbe), della reazione di armatura. Tuttavia le approssimazioni introdotte influiscono soltanto sul termine V e i risultati che si ottengono sono perfettamente soddisfacenti. Per i motori con eccitazione composta, formula e i procedimenti sono in tutto simili al caso dell'eccitazione in derivazione in cui e: li = I - lecc Perdite di eccitazione: Pecc Le perdite di eccitazione sono dovute al circuito di eccitazione e quindi dovranno essere determinate in modo diverso secondo il tipo di macchina, coi valori di resistenza riferiti a 75 C. Per l'eccitazione separata e derivata, le perdite di eccitazione si calcolano con la formula in cui V e Iecc sono i valori nominali della macchina Pecc = V lecc Per i motori con eccitazione serie, le perdite dipendono dalla corrente assorbita, che è 2 anche la corrente di eccitazione. Si calcolano perciò con la formula Pecc = Recc I Nel caso di eccitazione composta, le perdite sono la somma delle perdite nelle due eccitazioni Il calcolo può eseguirsi valutando separatamente le due perdite e sommando poi i risultati: Pecc = Pd + Ps in cui è: Pa = V lecc Ps = Rs I ; Le perdite dell'eccitazione derivata; 2 Le perdite dell'eccitazione serie; Pag. 28

29 Perdite alle spazzole Psp. Queste perdite, intese come perdite per contatto spazzole - collettore, sono valutate convenzionalmente in: Psp = 2I per spazzole in grafite Psp = 0,6 I per spazzole con contenuto metallico La formula si richiama a una caduta di tensione convenzionale di 2 V oppure 0,6 V per i due tipi di spazzole suddette. Perdite negli avvolgimenti ausiliari Paux Se il motore fosse munito di poli di commutazione e avvolgimenti di compensazione, detta Raux la resistenza di detti elementi a 75 C, la perdita da essi prodotta 2 sarà: Paux = Raux I Perdite addizionali Pad Per convenzione si stabilisce nello 0,5% della potenza resa il valore di tutte le perdite che non rientrano fra quelle fin qua elencate. Calcolate tutte le perdite come indicato, se ne esegue la somma ottenendo la potenza totale perduta dalla macchina: Pp = Pm + Pf + Pcu + Pecc + Psp + Paux + Pad Il rendimento e dato dalla formula: η = Pp Pa I valori del rendimento si pongono in diagramma in funzione della potenza resa, e si ottiene un grafico simile a quello riprodotto in fig. 27. Caratteristica del rendimento convenzionale di un motore a corrente continua: η = f (Pr) η Pn Pr Fig.27 Caratteristica del rendimento convenzionale di un motore a corrente continua η = f (Pr) Pag. 29

PROVE SULLA MACCHINA A CORRENTE CONTINUA

PROVE SULLA MACCHINA A CORRENTE CONTINUA LABORATORIO DI MACCHINE ELETTRICHE PROVE SULLA MACCHINA A CORRENTE CONTINUA PROVE SULLA MACCHINA A C. C. Contenuti Le prove di laboratorio che verranno prese in esame riguardano: la misura a freddo, in

Dettagli

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase La prova di laboratorio considerata consente di determinare le prestazioni dei motori ad induzione con il metodo

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

OPENLAB APPLICAZIONI

OPENLAB APPLICAZIONI IL SISTEMA DL 10280 È COSTITUITO DA UN KIT DI COMPONENTI ADATTO PER ASSEMBLARE LE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI, SIA PER CORRENTE CONTINUA CHE PER CORRENTE ALTERNATA. CONSENTE ALLO STUDENTE UNA REALIZZAZIONE

Dettagli

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA. MAE10DNT - Laboratorio Macchine Elettriche

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA. MAE10DNT - Laboratorio Macchine Elettriche ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA MAE10DNT - Laboratorio Macchine Elettriche Generalità La Didacta Italia ha progettato una unità di studio, estremamente versatile per le prove ed i controlli di velocità sulle

Dettagli

MicroLab TRASFORMATORI DL 10100 TRASFORMATORE TRIFASE DL 10103 TRASFORMATORE MONOFASE

MicroLab TRASFORMATORI DL 10100 TRASFORMATORE TRIFASE DL 10103 TRASFORMATORE MONOFASE TRASFORMATORI Le macchine statiche sono dimensionate per una potenza standard con bassa tensione di lavoro, mentre gli avvolgimenti sono suddivisi in più sezioni per consentire il maggior numero possibile

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua Servomeccanismi 1 1. Il motore elettrico in corrente continua Descrizione fisica Il motore è contenuto in una cassa che in genere è cilindrica. Da una base del cilindro fuoriesce l albero motore; sulla

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO DI UN MAT

BILANCIO ENERGETICO DI UN MAT BILANCIO ENERGETICO DI UN MAT Come ben noto il mat e una macchina rotante che assorbe potenza elettrica da una rete a tensione e frequenza costanti e la converte in potenza meccanica resa all albero motore.

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

Motore sincrono trifase

Motore sincrono trifase Indice generale Motore sincrono trifase... Motore asincrono trifase... Motore in corrente continua... Motori ad eccitazione separata o indipendente. (ecc.s.)... Motori ad eccitazione derivata (ecc.d.)...

Dettagli

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare A.S. 2015/2016 Indirizzo: ELETTROTECNICA Disciplina: ELETTROTECNICA E ELETTRONICA Classe: 5Aes Ore settimanali previste: 5 (2) INSEGNANTI: SCIARRA MAURIZIO

Dettagli

Motori asincroni monofase

Motori asincroni monofase Motori asincroni monofase Pubblicato il: 30/07/2003 Aggiornato al: 30/07/2003 di Massimo Barezzi I motori asincroni monofase possono essere utilizzati nelle più svariate applicazioni, in particolare nell'ambito

Dettagli

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it Impianti navali B Parte 5 II semestre 2013 giulio.barabino@unige.it danilo.tigano@unige.it 1 Motore a induzione (o asincrono) (I) il motore a induzione è una macchina elettrica rotante nella quale il rotore

Dettagli

M6 - Macchine in corrente continua.

M6 - Macchine in corrente continua. M6 - Macchine in corrente continua. M6-1. Struttura elettromagnetica. Le macchine a corrente continua (fig. M6-1) vengono principalmente utilizzate come motori. Fig. M6-1 161 Esse sono costituite da: -

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento Guida tecnica N. 7 Il dimensionamento di un azionamento 2 Guida tecnica N. 7 - Il dimensionamento di un azionamento Indice 1. Introduzione... 5 2. L azionamento... 6 3. Descrizione generale di una procedura

Dettagli

Alcune nozioni sui motori in corrente continua

Alcune nozioni sui motori in corrente continua Alcune nozioni sui motori in corrente continua Perché scegliere un motore in corrente continua Molte applicazioni necessitano di una coppia di spunto elevata. Il motore in corrente continua, per natura,

Dettagli

Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone

Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone Capitolo 5 5.1 Macchine asincrone Le macchine asincrone o a induzione sono macchine elettriche rotanti utilizzate prevalentemente come motori anche se possono funzionare come generatori. Esistono macchine

Dettagli

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica 1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica in corrente continua Si hanno a disposizione : 1 alimentatore di potenza in corrente continua PS 2 multimetri digitali 1

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 MANUTENTORI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini MACCHINE PER LA GENERAZIONE

Dettagli

FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE

FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE F. e. m. indotte dal campo rotante negli avvolgimenti di statore e rotore. Scorrimento. Le linee di induzione del campo rotante che attraversano

Dettagli

Regole della mano destra.

Regole della mano destra. Regole della mano destra. Macchina in continua con una spira e collettore. Macchina in continua con due spire e collettore. Macchina in continua: schematizzazione di indotto. Macchina in continua. Schematizzazione

Dettagli

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Manuale di Elettrotecnica e Automazione, Hoepli;

Dettagli

Energia Eolica Parte ottava

Energia Eolica Parte ottava Energia Eolica Parte ottava Generatori elettrici per l energia eolica Corso di ENERGETICA A.A. 2012/2013 Docente: Prof. Renato Ricci Introduzione al generatore La quasi totalità della potenza elettrica

Dettagli

Impianti navali B. Parte 4. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it

Impianti navali B. Parte 4. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it Impianti navali B Parte 4 II semestre 2013 giulio.barabino@unige.it danilo.tigano@unige.it 1 Convertitore CA-CC monofase controllato 2 Convertitore CA-CC trifase controllato 3 Tiristore 4 Convertitore

Dettagli

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SBD (AB1 E )

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SBD (AB1 E ) ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SBD (AB1 E ) ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE 1) CARATTERISTICHE GENERALI pag. 1 2) ATTENZIONE pag. 1 3) DATI TECNICI pag. 1 4) INSTALLAZIONE pag. 2 5) COLLEGAMENTI

Dettagli

CARATTERISTICHE MOTORE CORRENTE ALTERNATA TRIFASE

CARATTERISTICHE MOTORE CORRENTE ALTERNATA TRIFASE 11.1 ATL 10 BSA 10 CARATTERISTICHE MOTORI CARATTERISTICHE MOTORE CORRENTE ALTERNATA TRIFASE Motori asincroni trifase in esecuzione non ventilata, con rotore equilibrato dinamicamente. Per l attuatore ATL

Dettagli

MOTORI ASINCRONI TRIFASI AUTOFRENANTI A CORRENTE ALTERNATA SERIE FE

MOTORI ASINCRONI TRIFASI AUTOFRENANTI A CORRENTE ALTERNATA SERIE FE MOTORI ASINCRONI TRIFASI AUTOFRENANTI A CORRENTE ALTERNATA SERIE FE MANUALE ISTRUZIONI PARTI FRENANTI MM-2CA-rev 00-IT AVVERTENZE GENERALI SULLA SICUREZZA...3 I MOTORI ASINCRONI TRIFASI AUTOFRENANTI...4

Dettagli

FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE

FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE FUNZIONAMENTO DEL MOTORE ASINCRONO TRIFASE E SUE CARATTERISTICHE F. e. m. indotte dal campo rotante negli avvolgimenti di statore e rotore. Scorrimento. Le linee di induzione del campo rotante che attraversano

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE Non si tratta di una vera e propria dispensa, ma semplicemente della traccia seguita durante le lezioni. Questi appunti non possono in ogni caso sostituire il testo adottato:

Dettagli

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 )

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 ) ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SERIE SEF (AR2 ) ISTRUZIONI PER IL MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE Leggere le istruzioni prima dell'uso. Questo dispositivo di controllo deve essere installato secondo i regolamenti

Dettagli

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI DL 1010B DL 1010D DL 1012Z KIT PER TRASFORMATORI E MOTORI KIT PER IL MONTAGGIO

Dettagli

Il motore in corrente continua

Il motore in corrente continua Capitolo 4 Il motore in corrente continua 4.1 Introduzione Lo scopo di questa dispensa è quello di mettere in rilievo i principi fondamentali di funzionamento dei motori DC con particolare interesse alle

Dettagli

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI Oggetto e scopo VERIFICA: insieme delle operazioni necessarie per accertare la rispondenza di un impianto elettrico a requisiti stabiliti (rispondenza alle prescrizioni

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

ELETTROTECNICA: LE MACCHINE ELETTRICHE PARTE PRIMA

ELETTROTECNICA: LE MACCHINE ELETTRICHE PARTE PRIMA ELETTROTECNICA: LE MACCHINE ELETTRICHE PARTE PRIMA Lezioni di Delucca Ing. Diego Cominciamo con il definire cosa si intende per Macchina Elettrica. Una macchina elettrica è un dispositivo in grado di trasformare

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONE ED USO SCHEDE ELETTRONICHE DI FRENATURA PER MOTORI C.A. FRENOMAT-2, FRENOSTAT R

MANUALE DI ISTRUZIONE ED USO SCHEDE ELETTRONICHE DI FRENATURA PER MOTORI C.A. FRENOMAT-2, FRENOSTAT R MANUALE DI ISTRUZIONE ED USO SCHEDE ELETTRONICHE DI FRENATURA PER MOTORI C.A. FRENOMAT-2, FRENOSTAT R Utilizzo: Le schede di frenatura Frenomat2 e Frenostat sono progettate per la frenatura di motori elettrici

Dettagli

MAGNETISMO. rappresentazione del campo magnetico di un magnete

MAGNETISMO. rappresentazione del campo magnetico di un magnete MAGNETISMO Per magnetismo si intende la proprietà di attirare dei pezzettini di ferro. Un pezzo di materiale che è dotato di magnetismo si chiama magnete o calamita. In natura esistono delle rocce che

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI IN CORRENTE ALTERNATA

MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI IN CORRENTE ALTERNATA RICHIAMI SUI SISTEMI TRIFASE E SUI TRASFORMATORI - Ripasso generale sui sistemi trifase. - Ripasso generale sulle misure di potenza nei sistemi trifase. - Ripasso generale sui trasformatori monofase e

Dettagli

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione:

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione: Misura di resistenza con il metodo voltamperometrico. Esperimentatori: Marco Erculiani (n matricola 454922 v.o.) Noro Ivan (n matricola 458656 v.o.) Durata dell esperimento: 3 ore (dalle ore 9:00 alle

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

Original Article: CONTROLLO PWM DC ELECTRIC

Original Article: CONTROLLO PWM DC ELECTRIC Peer Reviewed, Open Access, Free Online Journal Published monthly : ISSN: 2308-832X Issue 1(22); January 2015 Original Article: CONTROLLO PWM DC ELECTRIC Citation Beliaev V.P. Controllo PWM DC Electric..

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 INTRODUZIONE La Norma CEI 64-8/6 tratta delle verifiche per gli impianti elettrici in BT. Le prove eseguibili sono in ordine sequenziale dirette a verificare e/o misurare: continuità dei conduttori di

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA COSTANTE BALISTICA DI UN GALVANOMETRO E MISURA DI CAPACITA INCOGNITE

DETERMINAZIONE DELLA COSTANTE BALISTICA DI UN GALVANOMETRO E MISURA DI CAPACITA INCOGNITE DETERMINAZIONE DELLA COSTANTE BALISTICA DI UN GALVANOMETRO E MISURA DI CAPACITA INCOGNITE Un galvanometro viene utilizzato come balistico quando lo si fa percorrere da una corrente impulsiva la cui durata

Dettagli

Alcune nozioni sui motori sincroni

Alcune nozioni sui motori sincroni Alcune nozioni sui motori sincroni Perché scegliere un motore sincrono? Per ottenere un certo numero di movimenti in un lasso di tempo ben definito. In questo caso ci si serve del prodotto come base di

Dettagli

Strumenti per la Misura di Grandezze Elettriche

Strumenti per la Misura di Grandezze Elettriche Introduzione Strumenti per la Misura di Grandezze Elettriche Gli strumenti elettromeccanici possono essere schematicamente rappresentati da un organo mobile sul quale agisce una coppia motrice C m, la

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

1 di 7 08/06/2010 19.40

1 di 7 08/06/2010 19.40 1 di 7 08/06/2010 19.40 Community emmepi347 Profilo Blog Video Sito Foto Amici Esplora Il motore in corrente continua Costruttivamente parlando un motore a corrente continua è identico ad una dinamo. Ovviamente

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Motore passo-passo a riluttanza variabile

Motore passo-passo a riluttanza variabile I motori passo-passo, anche se ideati all'inizio del secolo scorso, hanno avuto una diffusione abbastanza recente, ciò e dovuto all'avvento del microprocessore e all'aumento dell'impiego di sistemi digitali.

Dettagli

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS A34 Prove sui quadri elettrici 1. Premesse Nel testo apparecchiatura è sinonimo di quadro. Si definisce quadro elettrico la combinazione, in un unico complesso, di apparecchiature elettriche destinate

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI

IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI indice ALIMENTATORE TRIFASE ALIMENTATORE CC ALIMENTATORI DL 2102AL DL 2102ALCC MODULI PULSANTE DI EMERGENZA TRE PULSANTI TRE LAMPADE DI SEGNALAZIONE CONTATTORE RELE TERMICO RELE A TEMPO SEZIONATORE SENSORE

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE UNILAB 1 kw

MACCHINE ELETTRICHE UNILAB 1 kw indice MOTORI MONOFASE MOTORE A FASI DIVISE DL 1028 MOTORE A CONDENSATORE DL 1028C MOTORE UNIVERSALE DL 1029 MOTORE A REPULSIONE DL 1029R MOTORI ASINCRONI TRIFASE MOTORE ASINCRONO TRIFASE A GABBIA DL 1021

Dettagli

Definizione di mutua induzione

Definizione di mutua induzione Mutua induzione Definizione di mutua induzione Una induttanza produce un campo magnetico proporzionale alla corrente che vi scorre. Se le linee di forza di questo campo magnetico intersecano una seconda

Dettagli

Norme di rappresentazione grafica di reti e impianti elettrici. Classificazione dei materiali d interesse in relazione alle proprietà elettriche

Norme di rappresentazione grafica di reti e impianti elettrici. Classificazione dei materiali d interesse in relazione alle proprietà elettriche IPIA PLANA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SEDE PROGRAMMA DI TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI CLASSE 3A MANUTENTORI E ASSISTENZA TECNICA PROF S. SECCIA CONTENUTI Norme di rappresentazione grafica

Dettagli

DISPENSE DI MACCHINE ELETTRICHE

DISPENSE DI MACCHINE ELETTRICHE DISPENSE DI MACCHINE ELETTRICHE IL TRASFORMATORE IL TRASFORMATORE MONOFASE Il trasformatore è una macchina elettrica statica (priva cioè di parti fondamentali in movimento) che permette di trasferire potenza

Dettagli

I motori asincroni trifase possono essere considerati tra le macchine elettriche più affidabili; svolgono la loro funzione per molti anni con

I motori asincroni trifase possono essere considerati tra le macchine elettriche più affidabili; svolgono la loro funzione per molti anni con MOTORE ASINCRONO Il Motore Asincrono Trifase (MAT), venne per la prima volta realizzato da Galileo Ferraris nel 1885. Esso viene alimentato direttamente dalla rete di distribuzione, a tensione e frequenza

Dettagli

Motori Sincroni. Motori Sincroni

Motori Sincroni. Motori Sincroni Motori Sincroni Motori Sincroni Se ad un generatore sincrono, funzionante in parallelo su una linea, anziché alimentarlo con una potenza meccanica, gli si applica una coppia resistente, esso continuerà

Dettagli

- semplicità delle macchine generatrici (alternatori) - possibilità di utilizzare semplicemente i trasformatori

- semplicità delle macchine generatrici (alternatori) - possibilità di utilizzare semplicemente i trasformatori ITCG CATTANEO CON LICEO DALL AGLIO - via M. di Canossa - Castelnovo ne Monti (RE) SEZIONE I.T.I. Le Correnti Alternate Come vedremo è piuttosto semplice produrre tensioni, e di conseguenza correnti, che

Dettagli

L argomento trattato nella presente dispensa riguarda la macchina elettrica piú diffusa in

L argomento trattato nella presente dispensa riguarda la macchina elettrica piú diffusa in "!#%$& '( )* +-,./10 243#,5768)9;: / Nella presente trattazione verranno analizzate alcuni aspetti dell avviamento del motore asincrono trifase ed alcuni problemi relativi. L argomento trattato nella presente

Dettagli

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI TRAZIONE NEL CAMPO DEGLI ELEVATORI Ing. Vittorio Mazzoni

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI TRAZIONE NEL CAMPO DEGLI ELEVATORI Ing. Vittorio Mazzoni EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI TRAZIONE NEL CAMPO DEGLI ELEVATORI Ing. Vittorio Mazzoni È ormai noto che in campo ascensoristico si usano e si sono usati i più diversi sistemi di trazione. 1)- Fino alla metà

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Sezione 10.1: Motori DC senza spazzole Problema 10.1 Macchina sincrona bifase a sei poli a magnete permanente. L ampiezza della tensione di fase a circuito aperto

Dettagli

Azionamenti in Corrente Continua

Azionamenti in Corrente Continua Convertitori La tensione variabile necessaria per regolare la velocità in un motore a c.c. può essere ottenuta utilizzando, a seconda dei casi, due tipi di convertitori: raddrizzatori controllati (convertitori

Dettagli

MOSKITO-F. Sensore infrarosso omnidirezionale da esterno. Manuale di installazione ed uso. Made in Italy 14.05-M2.0-H1.0-F1.0

MOSKITO-F. Sensore infrarosso omnidirezionale da esterno. Manuale di installazione ed uso. Made in Italy 14.05-M2.0-H1.0-F1.0 MOSKITO-F Sensore infrarosso omnidirezionale da esterno 14.05-M2.0-H1.0-F1.0 Manuale di installazione ed uso Made in Italy PRIMA DI INSTALLARE IL SISTEMA LEGGERE CON ATTENZIONE TUTTE LE PARTI DEL PRESENTE

Dettagli

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione Classificazione Turbine idrauliche 1/8 Una turbina è una macchina che estrae energia da un fluido in possesso di un carico idraulico sufficientemente elevato. Tale carico (o caduta) è generato dal dislivello

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

MISURE ELETTRICHE AUTOMATIZZATE

MISURE ELETTRICHE AUTOMATIZZATE MISURE ELETTRICHE AUTOMATIZZATE Sistema di acquisizione dati e automazione nelle misure elettriche e macchine elettriche di qualsiasi potenza e caratteristiche elettriche modello ETC-E Il sistema di misure

Dettagli

MANUALE ISTRUZIONI. Cod. 100 REGOLATORE DI TENSIONE UNIVERSALE MONOFASE. Motori, azionamenti, accessori e servizi per l'automazione

MANUALE ISTRUZIONI. Cod. 100 REGOLATORE DI TENSIONE UNIVERSALE MONOFASE. Motori, azionamenti, accessori e servizi per l'automazione MANUALE ISTRUZIONI Cod. 100 REGOLATORE DI TENSIONE UNIVERSALE MONOFASE CONFORMITA EMC Motori, azionamenti, accessori e servizi per l'automazione Via Ugo Foscolo, 20 - CALDOGNO - VICENZA - ITALIA Tel.:0444-905566

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

IL TRASFORMATORE. A cosa serve un trasformatore. Allegato 1

IL TRASFORMATORE. A cosa serve un trasformatore. Allegato 1 Allegato 1 IL TRASFORMATORE Una notevole distanza intercorre, spesso, tra il luogo in cui l energia elettrica viene prodotta (la centrale elettrica) e quello in cui viene utilizzata (industrie, abitazioni,

Dettagli

Veicoli Elettrici e Ibridi Sistemi Elettrici di Bordo

Veicoli Elettrici e Ibridi Sistemi Elettrici di Bordo Veicoli Elettrici e Ibridi Sistemi Elettrici di Bordo Sistemi di avviamento del motore a combustione interna Sistemi Elettrici di Autoveicoli - Avviamento MCI 1 Perché uno starter distinto dall alternatore

Dettagli

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO E PARTICOLARITÀ COSTRUTTIVE DEI MOTORI ASINCRONI POLIFASI

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO E PARTICOLARITÀ COSTRUTTIVE DEI MOTORI ASINCRONI POLIFASI Fig. 1 Motore asincrono secondo lo schema di Galileo Ferraris. PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO E PARTICOLARITÀ COSTRUTTIVE DEI MOTORI ASINCRONI POLIFASI Principio di funzionamento. I motori asincroni polifasi,

Dettagli

Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio

Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio I motori elettrici si possono suddividere in varie categorie (vedi figura 1), che si differenziano a seconda della tensione di alimentazione

Dettagli

Motore passo passo: Laboratorio di Elettronica 1

Motore passo passo: Laboratorio di Elettronica 1 Motore passo passo: Laboratorio di Elettronica 1 Motore passo passo: Cuscinetto Rotore Cuscinetto Statore Laboratorio di Elettronica 2 Motore passo passo: Statore ( #8 bobine contrapposte a due a due:

Dettagli

Progetto gruppo trazione carrello per gru a cavalletto

Progetto gruppo trazione carrello per gru a cavalletto Premessa Progetto gruppo trazione carrello per gru a cavalletto 1 La gru a cavalletto si caratterizza per la presenza di un proprio sostegno che le permette di essere installata in ambienti esterni senza

Dettagli

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come 49 Motori brushless 1. Generalità I motori brushless sono idealmente derivati dai motori in DC con il proposito di eliminare il collettore a lamelle e quindi le spazzole. Esistono due tipi di motore brushless:

Dettagli

PIANO DI LAVORO COMUNE

PIANO DI LAVORO COMUNE PIANO DI LAVORO COMUNE Anno Scolastico 2015 2016 Materia: Elettrotecnica Elettronica Classe: 5^ elettrotecnici DOCENTE FIRMA Cottini Marzio Data di presentazione: 14-09-2015 Pagina 1 di 10 OBIETTIVI D

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in

La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in MOTORI CORRENTE ALTERNATA: CARATTERISTICA MECCANICA La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in funzione della velocità di rotazione del rotore n r Alla partenza la C

Dettagli

La macchina a collettore (o in corrente continua) 1 parte

La macchina a collettore (o in corrente continua) 1 parte La macchina a collettore (o in corrente continua) 1 parte Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it 1 La macchina in c.c. La macchina

Dettagli

MOTORE PASSO PASSO NOTIZIE STORICHE. E un motore alimentato con forme d onda impulsive: ad ogni impulso corrisponde una rotazione del motore di un

MOTORE PASSO PASSO NOTIZIE STORICHE. E un motore alimentato con forme d onda impulsive: ad ogni impulso corrisponde una rotazione del motore di un Motore Passo Passo - Introduzione MOTORE PAO PAO OTIZIE TORICHE I primi tentativi di costruzione dei motori step risalgono all inizio del 900, ma solo nel 1930 apparve la prima realizzazione industriale

Dettagli

Appendice Il trasformatore monofase

Appendice Il trasformatore monofase Appendice l trasformatore monofase - Appendice l trasformatore monofase - rincipio di funzionamento Schema generale l trasformatore è un dispositivo costituito da un nucleo in materiale ferromagnetico

Dettagli

Capitolo 3. Motore asincrono

Capitolo 3. Motore asincrono Capitolo 3 Motore asincrono 3.1 Introduzione 3.2 Principio di funzionamento ed aspetti costruttivi 3.3 Interpretazione fisica del circuito equivalente 3.4 Funzioni e curve caratteristiche 3.5 Avviamento,

Dettagli

Istruzioni per l uso e la manutenzione di motori per atmosfere potenzialmente esplosive Serie PE

Istruzioni per l uso e la manutenzione di motori per atmosfere potenzialmente esplosive Serie PE ELECTRO ADDA S.p.A COSTRUZIONI ELETTROMECCANICHE 23883 BEVERATE di BRIVIO (LECCO) ITALY Via Nazionale, 8 Tel. 039 / 5320621 Fax 039 / 5321335 E-mail electro.adda@electroadda.it Istruzioni per l uso e la

Dettagli

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO

ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO ATTUATORE ELETTRICO ROTATIVO SED (AR2 SE ) ISTRUZII PER IL MTAGGIO E LA MANUTENZIE 1. NOTE GENERALI 1 2. DATI TECNICI 2 3. MTAGGIO 2. COLLEGAMENTI ELETTRICI 3 5. TARATURE 5.1 FINE CORSA 5.2 MICROINTERRUTTORI

Dettagli

SCHEDA DI CONTROLLO MOTORE BRUSHLESS BBL_198

SCHEDA DI CONTROLLO MOTORE BRUSHLESS BBL_198 SCHEDE GUIDA ESERCITAZIONI NR. 1 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO PAG. 1 2 FUNZIONAMENTO E USO DISPOSITIVO 5 3 ANALISI E VERIFICA PILOTAGGIO UNIPOLARE 6 4 ANALISI E VERIFICA PILOTAGGIO A STELLA 9 5 MISURA DELLA

Dettagli

PARTE TERZA INSTALLAZIONE

PARTE TERZA INSTALLAZIONE PARTE TERZA INSTALLAZIONE 57 58 Lo scopo della presente sezione è di fornire una guida generale all installazione dei cavi elettrici energia ad isolamento minerale; i sistemi d installazione, i materiali

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

CONFRONTO tra MOTORI AC e DC

CONFRONTO tra MOTORI AC e DC APPUNTI DI ELETTROTECNICA CONFRONTO tra MOTORI AC e DC Come il motore asincrono sta sostituendo il motore in corrente continua, rendendolo ormai obsoleto A cura di Marco Dal Prà Versione n. 3.1 - Gennaio

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli