Statistiche rapide fascicolo 3/2005 Programma Statistico Nazionale BRE Indagine sulla partecipazione elettorale a Brescia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Statistiche rapide fascicolo 3/2005 Programma Statistico Nazionale 2006-2008 BRE0009 - Indagine sulla partecipazione elettorale a Brescia"

Transcript

1 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica Statistiche rapide fascicolo 3/2005 Programma Statistico Nazionale BRE Indagine sulla partecipazione elettorale a Brescia L ASTENSIONISMO A BRESCIA ELEZIONI REGIONALI 2005 E POLITICHE 2006 INTRODUZIONE Il tema dell astensionismo, che costituisce l altra faccia della partecipazione elettorale, interessa direttamente un ente locale dal momento che un'elevata partecipazione consolida il sistema democratico della rappresentanza a livello: degli organi espressi dal voto, che si legittimano in quanto rappresentanti di una effettiva e ampia maggioranza; dei raggruppamenti politici, che misurano il grado di penetrazione delle idee e proposte; dei cittadini, che individuano nelle istituzioni elettive un effettivo ed efficace strumento di rappresentanza dei propri interessi, sia individuali sia collettivi. Le ragioni precedenti portano a ritenere che una maggiore partecipazione al voto debba essere considerata un fatto positivo e che compito delle istituzioni sia di operare nella direzione di sostenerla o sollecitarla. Ne segue che l individuazione delle ragioni che riducono la partecipazione elettorale costituisce un elemento di interesse per le istituzioni, ma non solo. I raggruppamenti politici hanno un interesse forse ancora maggiore, legato alla possibilità di rappresentare le esigenze di chi attualmente non partecipa, al fine di accaparrarsene il voto, tanto più in situazioni, come quella attuale, in cui le due aggregazioni politiche contrapposte hanno un peso elettorale sostanzialmente paritario e si è in presenza di un meccanismo elettorale maggioritario con premio di maggioranza, in cui chi vince, anche per un solo voto, prende, quasi, tutto. Proprio questi aspetti rendono la conquista degli astenuti una possibile strategia elettorale. La rilevanza del tema ha portato l ufficio a seguire il fenomeno dell astensionismo prima attraverso l elaborazione dei risultati elettorali poi, a partire dalle elezioni comunali del 2003, attraverso la

2 2 Statistiche rapide realizzazione di un indagine basata sull analisi del comportamento degli iscritti nelle liste elettorali di un campione di sezioni cittadine. Il metodo di indagine permette di ottenere informazioni di dettaglio sulle caratteristiche demografiche e sociali, individuali e familiari, di chi, per qualsivoglia ragione, non ha partecipato alle elezioni, e permette di formulare e valutare alcune ipotesi circa le ragioni di tali comportamenti. La ripetizione dell indagine in due tornate successive, coinvolgendo le medesime sezioni elettorali, porta ad analizzare i comportamenti nel tempo di un medesimo gruppo di persone, quelle che non hanno modificato la propria residenza, trasformando l indagine in un vero e proprio panel. Agli aspetti di metodo viene dedicato il riquadro seguente. L INDAGINE SULLA PARTECIPAZIONE ELETTORALE Le indagini presentate nella nota riguardano la partecipazione alle elezioni politiche del 9 e 10 aprile 2006 e alle elezioni regionali del 3 e 4 aprile L impianto metodologico delle indagini segue nella sostanza quello definito in occasione della prima indagine che l Unità di Staff Statistica realizzò nel 2003 per le elezioni per il Sindaco; si veda in proposito: L astensionismo alle elezioni comunali di Brescia, Comune di Brescia, Unità di Staff Statistica, Statistiche rapide, 1/2003. La popolazione di riferimento è costituita dagli iscritti nelle liste elettorali alla data del blocco delle stesse: il 15 marzo 2005 per le elezioni regionali ed il 29 marzo 2006 per le elezioni politiche. L analisi è ristretta alle sezioni elettorali che hanno una lista elettorale di riferimento ed esclude, quindi, le sezioni speciali che non hanno iscritti: si tratta di 11 seggi, costituiti presso il carcere e le principali case di cura cittadine. L indagine, dato l elevato numero di non votanti, è di tipo campionario e tiene conto, stante la struttura politico-amministrativa cittadina, anche della suddivisione del territorio nelle circoscrizioni amministrative. La rilevanza dell elemento territoriale ha indirizzato verso un piano di campionamento che prevede l estrazione di nove campioni casuali indipendenti, uno per ogni circoscrizione. Il tasso di sondaggio, calcolato sulle sezioni del campione rispetto alle sezioni della circoscrizione, è superiore alla soglia del 10% per circoscrizione; inoltre, per ragioni di affidabilità delle stime, sono state considerate sempre almeno due sezioni per circoscrizione. Nel passaggio dalle elezioni 2005 e 2006 il campione è stato parzialmente ruotato con la sostituzione di una sezione per circoscrizione. L identificazione dei non votanti avviene rilevando dalle liste sezionali maschile e femminile delle sezioni del campione gli elementi identificativi (sezione, lista e numero di iscrizione) delle persone che non hanno partecipato alla votazione. I dati sono registrati, accoppiati alle informazioni tratte dall anagrafe e generano in tal modo i file anonimi utilizzati nelle elaborazioni.

3 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 3 I DATI Le fonti dei dati utilizzate nelle elaborazione sono: l anagrafe della popolazione residente, che comprende tutti i residenti di qualsiasi età e cittadinanza; le liste elettorali: si tratta di un sottoinsieme dell anagrafe che comprende le persone in possesso dei diritti elettorali; le liste elettorali sezionali utilizzate durante le operazioni di voto, dalle quali risulta chi ha votato; i risultati elettorali raccolti attraverso il sistema informativo comunale per il controllo delle operazioni di voto. Il dettaglio relativo alle fonti dei dati è lasciato ad un riquadro apposito. RISULTATI Presentiamo di seguito alcune elaborazioni a carattere descrittivo sull astensionismo nel Comune di Brescia, esaminando, in prima battuta, alcuni dati di contesto relativi alla dinamica del corpo elettorale e della partecipazione come desumibili dallo spoglio dei voti. Segue la presentazione dei principali risultati dell indagine sulla partecipazione elettorale realizzata nelle recenti elezioni politiche e nelle elezioni regionali del La dinamica del corpo elettorale Il corpo elettorale, gli iscritti nelle liste elettorali, costituisce una sottopopolazione della popolazione residente individuata sulla base del possesso di alcuni requisiti quali: l iscrizione all Anagrafe (con previsioni specifiche per quanto riguarda l iscrizione nell Anagrafe degli Italiani Residenti all Estero, AIRE), il superamento del limite di età per l esercizio del diritto di voto (25 anni per l elezione del Senato della Repubblica e 18 anni per tutte le altre elezioni), il possesso della cittadinanza italiana ed il possesso dei diritti politici. Il corpo elettorale ha una dinamica che dipende dagli elementi sopra elencati ed in particolare dall evoluzione della popolazione residente italiana maggiorenne. Prima degli anni 90 il corpo elettorale rappresentava oltre l 85% della popolazione residente, in pratica erano esclusi i soli minorenni. A partire dagli anni 2000 la situazione subisce una brusca modificazione che riflette le profonde trasformazioni demografiche che la città sta subendo: a fronte di una popolazione anagrafica sostanzialmente stabile oscillante tra i 194mila ed i 195mila residenti, il corpo elettorale cala fino a scendere al di sotto dei 150mila elettori delle politiche del 2006.

4 4 Statistiche rapide Tre le ragioni principali. In primo luogo l irrobustirsi del trend delle iscrizioni anagrafiche da parte della popolazione straniera regolare: a tal proposito basti il dato che nel corso del 2005 è stata superata la soglia delle 25mila unità. In secondo luogo la ripresa dei flussi migratori interni con spostamento di residenti italiani, tipicamente famiglie, verso i comuni della prima e seconda cintura cittadina. Si tratta di un fenomeno che ha subito una accelerazione a partire dall anno In terzo luogo l ulteriore calo tra il 2005 ed il 2006 è determinato dall esclusione nelle liste elettorali recenti di oltre 3600 elettori italiani iscritti nell Anagrafe degli Italiani Residenti all estero, AIRE, che da quest anno sono stati trasferiti per il voto alle circoscrizioni estere di appartenenza. Tavola 1 Indicatori della dinamica della popolazione e del corpo elettorale dal 1991 al 2006 Indicatori Reg Pol Prov. Eur Reg Pol. Popolazione residente Iscritti nelle liste elettorali % iscritti su residenti 84,0 85,2 84,1 82,9 81,9 80,5 78,9 77,4 74,9 Nota: =elezioni comunali; Eur. = elezioni europee; Prov.=elezioni provinciali; Reg.=elezioni regionali; Pol.=elezioni Camera dei Deputati. : popolazione residente al 31 dicembre dell anno precedente Figura 1 Iscritti e votanti nel Comune di Brescia dal 1990 al Eur Pol Prov. Reg Pol Prov. Eur Reg Pol Prov. Eur Reg Pol. Votanti Astenuti Nota: =elezioni comunali; Eur. = elezioni europee; Prov.=elezioni provinciali; Reg.=elezioni regionali; Pol.=elezioni Camera dei Deputati. Pur tralasciando gli aspetti legati alla capacità del corpo elettorale di rappresentare i problemi della popolazione, possiamo convenire che qualsiasi analisi del comportamento elettorale, e quindi anche della

5 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 5 partecipazione al voto, non può prescindere dalla considerazione della recente dinamica demografica ed elettorale. La partecipazione elettorale: dati storici L astensionismo almeno fino alla fine degli anni 80, costituiva una componente minima e trascurata del comportamento elettorale, tale da non impensierire le istituzioni per quanto riguarda la tenuta democratica e le forze politiche per quanto riguarda la competizione sul voto. Nelle elezioni comunali di Brescia nel 1975 votava oltre il 95% degli iscritti nelle liste elettorali, e dopo 15 anni, nel 1990, la partecipazione superava il 92%. Questo comportamento era, quasi, indipendente dal tipo di elezione: ricordiamo che nelle prime elezioni del Consiglio Regionale della Lombardia nel 1970 votò il 97% degli iscritti e venti anni dopo il 93%. Non entriamo nel merito delle ragioni, che sono di interesse degli storici, se non per segnalare come il voto avesse una forte connotazione ideologica e la competizione elettorale si svolgesse sulla capacità di conquistare consensi all altra parte. A partire dagli anni 90 la partecipazione elettorale subisce un calo evidente: l astensionismo da fisiologico che era diventa vera e propria espressione politica legata, presumibilmente, anche alla difficoltà nel riconoscersi, da parte di settori non marginali, nel nuovo quadro politico-istituzionale che si sta delineando. Figura 2 Percentuale di votanti sugli iscritti nel Comune di Brescia Prov. Reg Eur Pol Prov. Reg Pol Prov. Eur Reg Pol Prov. Eur Reg Pol. Nota: =elezioni comunali; Eur. = elezioni europee; Prov.=elezioni provinciali; Reg.=elezioni regionali; Pol.=elezioni Camera dei Deputati. I dati riportati nelle tabelle e nei grafici consentono alcune considerazioni sintetiche. Il venire meno della caratterizzazione ideologica del voto comporta, inoltre, scelte più mirate da parte degli elettori con una

6 6 Statistiche rapide partecipazione che varia, anche in modo ampio da un tipo di consultazione all altra. In passato l elettore partecipava in modo sostanzialmente uniforme a tutte le elezioni: a partire dagli anni 90 mostra un atteggiamento più libero, e sceglie a quali elezioni partecipare. La nascita di nuove opzioni politiche, tra tutte per anzianità la Lega Nord, né tanto meno l evoluzione di quelle esistenti, sembrano essere in grado di soddisfare il palato degli elettori. Individuare tendenze di fondo risulta più difficile, anche se emergono alcune regolarità di comportamento: la partecipazione elettorale raggiunge i valori massimi in corrispondenza delle elezioni politiche, sempre oltre l 85% degli iscritti, mentre il minimo viene raggiunto nelle elezioni del Parlamento Europeo, 70% nel 1999 quando non erano abbinate ad altre tornate elettorali. Ordinando i dati di partecipazione per tipo di elezione ne esce una graduatoria stabile nel tempo che vede, come si diceva, al primo posto le elezioni politiche, quindi le comunali (e circoscrizionali), le provinciali e regionali ed infine le elezioni europee. Tavola 2 Indicatori della partecipazione elettorale alle elezioni politiche dal 1994 al 2006 Descrizione Camera Senato Camera Senato Camera Senato Camera Senato Iscritti Votanti % votanti 93,7 93,2 90,9 90,8 87,6 87,7 88,9 88,8 Numeri indice per tipo di elezione con base 1994=100 Iscritti 100,0 100,0 99,0 100,4 96,7 101,4 88,2 93,5 Votanti 100,0 100,0 96,0 97,9 90,4 95,5 83,6 89,1 Fonte: Comune di Brescia sistema informativo elettorale. Tavola 3 Indicatori della partecipazione elettorale alle elezioni regionali dal 1970 al 2006 Indicatori Iscritti Votanti % votanti 96,9 96,0 92,7 95,0 93,2 85,3 76,6 75,5 Numeri indice con base 1990=100 Iscritti 100,0 109,6 112,7 113,6 115,6 115,3 112,6 106,2 Votanti 100,0 108,6 107,8 111,5 111,2 101,5 89,1 82,8 Fonte: Comune di Brescia sistema informativo elettorale comunale. La partecipazione elettorale: aspetti territoriali La figura che segue mostra, in modo immediato, due elementi più rilevanti: il brusco calo della partecipazione tra le regionali del 2005 e le politiche 2006 e la sua diffusione tra le circoscrizioni è,

7 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 7 presumibilmente, effetto di fattori generali (il tipo di elezione ) e non locali; il Centro storico, 9^ circoscrizione, si conferma zona di bassa partecipazione con una percentuale di votanti che raggiunge il minimo di 65,8% alle regionali e di 85,1% alle politiche. La circoscrizione in cui la partecipazione è maggiore è la seconda: la percentuale di votanti raggiunge il 78,1% alle regionali e l 89,6% alle politiche, preceduta, alle politiche, per un solo decimo di punto percentuale dalla terza circoscrizione. Figura 3 Percentuale di votanti per circoscrizione. Elezioni politiche 2006 ed elezioni regionali 2005 % votanti ^ 2^ 3^ 4^ 5^ 6^ 7^ 8^ 9^ Pol 2006 Reg 2005 L analisi di genere mette in mostra un aspetto che verrà approfondito di seguito, vale a dire la minore partecipazione delle femmine rispetto ai maschi. Sull intera città la differenza è dlel ordine di oltre 2 punti percentuali con una notevole variabilità tra le circoscrizioni. La differenza massima nelle elezioni regionali è raggiunta nella 2^ circoscrizione, 3,5 punti percentuali di differenza, e la minima nella 9^, 0,9 punti percentuali, mentre nelle elezioni politiche le differenze si ampliano e raggiungono i 4,0 punti percentuali nella 9^ circoscrizione ed il minimo di 1,4 punti nella 7^ circoscrizione. Le tabelle di dettaglio sono riportate in appendice. L indagine sulla partecipazione elettorale Presentiamo in apertura alcuni dati relativi alle caratteristiche e qualità dei dati dell indagine sulla partecipazione elettorale ricordando che i risultati campionari sono stime dei valori effettivi per ogni singola circoscrizione e la loro accuratezza dipende dalla numerosità del campione e dalla percentuale stessa. La disponibilità di stime per circoscrizione permette di ottenere, per ogni fenomeno considerato, la stima cittadina che è calcolata come

8 8 Statistiche rapide media ponderata dei risultati circoscrizionali, con pesi proporzionali al peso elettorale, in termini di iscritti, delle circoscrizioni stesse. L indagine venne iniziata in occasione delle elezioni comunali del 2003 ed è proseguita negli anni senza modificarne la metodologia. Dal 2003 al referendum del 2005 i campioni di sezioni per circoscrizioni non sono stati modificati, col che è possibile seguire l evoluzione della partecipazione elettorale depurandola dall effetto della dinamica demografica. I campioni utilizzati per le elezioni del 2006 sono ottenuti da quelli precedenti prevedendo la sostituzione di una sezione per circoscrizione, senza modificare, per altro, la numerosità e distribuzione dei campioni, col che l effetto determinato dalla dinamica demografica può essere preso in considerazione solo per gli iscritti compresenti. Le tabelle che seguono riportano alcuni dati di sintesi delle indagini effettuate in occasione delle elezioni regionali 2005 e delle politiche 2006 e permettono di valutare, anche in modo comparativo, le caratteristiche dell indagine campionaria. Tavola 4 Confronto tra le caratteristiche delle indagini campionarie Consultazione elettorale Tasso di Tasso di Iscritti nel campione Numero di sezioni elettorali dei campioni sondaggio sulle sezioni sondaggio sugli iscritti Femmine Maschi Totale Media campionaria delle sezioni Regionali ,3 12, Politiche ,3 12, Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Tavola 5 Confronto tra risultati campionari e risultati elettorali Consultazione elettorale Stima della percentuale di votanti (indagine sulla partecipazione) Percentuale di votanti (risultati elettorali) Femmine Maschi Totale Femmine Maschi Totale Regionali ,8 77,2 75,9 74,1 76,4 75,2 Politiche ,8 89,5 88,6 87,0 89,6 88,2 Fonte: risultati elettorali 2005 e 2006 e indagini sulla partecipazione elettorale 2005 e Età e genere nella partecipazione elettorale Scendiamo ora nell analisi degli effetti differenziali di alcuni fattori, in primo luogo il genere e l età, sulla partecipazione elettorale presentando in modo compartivo i risultati relativi alle recenti tornate elettorali. Ricordiamo che i valori cittadini della partecipazione sono ottenuti come media dei valori calcolati per circoscrizione, ponderati opportunamente. La partecipazione elettorale mostra un profilo caratteristico quando analizziamo l età dei votanti. Gli elettori molto giovani che appartengono alla prima classe di età, da 18 a 24 anni (si tratta di

9 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 9 elettori che nelle elezioni politiche non votano per il Senato della Repubblica) partecipano solitamente con percentuali molto elevate alle consultazioni elettorali. La partecipazione cala progressivamente per raggiungere un primo livello minimo nella classe di età da 35 a 40 anni, mentre riprende dopo i 40 anni di età per raggiungere il massimo nelle classi di età tra i 55 ed i 65 anni. Il seguito è noto: la partecipazione cala al crescere dell età, in modo via via più marcato fino a raggiungere i minimi per le età estreme. Tavola 6 Partecipazione elettorale per sesso ed età Classe Regionali 2005 Politiche 2006 d età Femmine Maschi Totale Femmine Maschi Totale ,2 68,4 69,4 99,9 99,6 99, ,4 66,8 67,1 88,8 82,2 85, ,8 67,5 68,1 85,9 83,2 84, ,4 71,1 73,2 90,6 85,7 88, ,5 74,8 75,6 92,7 88,2 90, ,9 78,1 80,0 92,5 92,6 92, ,3 84,4 83,9 92,7 91,2 91, ,2 85,1 85,2 93,3 92,1 92, ,7 87,3 85,8 93,8 94,7 94, ,3 88,8 86,3 92,3 93,9 93, ,1 83,5 82,6 91,0 92,4 91, ,0 76,9 70,7 81,1 87,9 83, ,5 73,3 62,1 64,4 79,8 69, ,8 63,4 43,1 51,0 73,5 57,3 90 e oltre 16,1 47,2 23,0 28,2 48,6 32,6 Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Figura 4 Partecipazione al voto delle femmine per età Elezioni comunali 2003, provinciali 2004, regionali 2005 e politiche % votanti e oltre Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale. Pol 2006 Reg 2005 Prov 2004 Com 2003

10 10 Statistiche rapide Le figure che presentiamo mostrano il profilo della partecipazione elettorale per età, distintamente per maschi e femmine, nelle quattro recenti elezioni. Commentiamo per punti gli elementi rilevanti. Il profilo per età è sostanzialmente simile nelle diverse tornate elettorali con l eccezione delle elezioni provinciali che mostrano un andamento pressoché costante al variare dell età. Ciò che cambia è, quindi, il livello della partecipazione. La partecipazione alle elezioni politiche risulta costantemente superiore con differenze che raggiungono i 30 punti percentuali in corrispondenza delle classi di età più giovani. La partecipazione alle elezioni regionali risulta la più bassa fino alle età adulte. Le differenze di genere incidono solo parzialmente sul profilo della partecipazione per età, e maggiormente sul livello. Quanto al primo aspetto notiamo che le differenze nella partecipazione per genere risultano molto contenute, entro il 5% a favore delle femmine, fino all inizio delle età anziane. Nelle fasce di età anziane la partecipazione maschile si mantiene costantemente superiore a quella femminile con differenze che superano i 20 punti percentuali. Figura 5 Partecipazione al voto dei maschi per età Elezioni comunali 2003, provinciali 2004, regionali 2005 e politiche % votanti e oltre Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale. Pol 2006 Reg 2005 Prov 2004 Com 2003

11 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 11 Figura 6 Differenza tra la partecipazione al voto tra le elezioni Politiche 2006 e le elezioni regionali 2005 per sesso ed età Femmine Maschi 35,0 35,0 30,0 30,0 25,0 25,0 20,0 20,0 15,0 15,0 10,0 10,0 5,0 0, e oltre 5,0 0, e olt r e Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Votanti sistematici ed astensionisti cronici La disponibilità delle liste elettorali nelle due tornate consente di organizzare le informazioni sugli iscritti e sui flussi secondo lo schema della contabilità demografica riportato nella tavola. Tavola 7 Contabilità degli iscritti nelle liste elettorali Valori assoluti Femmine Regionali 2005 Politiche 2006 Iscritti Usciti morte o emigrazione Totale Iscritti Entrati immigrazione o compimento dell età Totale Maschi Regionali 2005 Politiche 2006 Totale Iscritti Usciti morte o emigrazione Iscritti Entrati immigrazione o compimento dell età Totale Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e I dati evidenziano una sostanziale stabilità degli iscritti: oltre il 90% delle persone iscritte nel 2006 era iscritta anche nel 2005; con valori più alti per le femmine, 92,0%, e più bassi per i maschi, 90,7%. Come ci si poteva aspettare, anche a seguito dell esclusione degli iscritti AIRE dalle liste cittadine, gli entrati sono nettamente meno rispetto agli usciti. Anche l analisi scendendo al livello di singola sezione conferma quanto appena visto: troviamo infatti che la percentuale degli iscritti presenti in entrambi gli anni 2005 e 2006 che non hanno cambiato sezione elettorale di residenza, si attesta sempre al di sopra del 92% per le femmine, nella 9^ circoscrizione, ed il 92,9% dei maschi nella 9^ e 3^ circoscrizione.

12 12 Statistiche rapide La disponibilità di dati analitici individuali, ed il fatto che almeno una parte del campione di sezioni sia identico, in dettaglio 14 sezioni su 24, consentono di analizzare il comportamento degli elettori dal punto di vista della partecipazione elettorale in termini dinamici (facciamo riferimento a iscritti di cui 5850 femmine). Iniziamo considerando i nuovi entrati. Una percentuale variabile tra un minimo del 3% ed un massimo dell 11% degli iscritti nelle sezioni del campione 2006 non risultava iscritta nel Questi nuovi iscritti mostrano livelli più bassi di partecipazione elettorale rispetto agli iscritti già residenti. Le ragioni di ciò possono essere molteplici, citiamo al proposito il fatto che i nuovi entrati hanno età media notevolmente più bassa rispetto a chi era già residente, con differenze che, tranne una eccezione, si collocano tra gli 8 ed i 15 anni, con una punta di quasi 25 anni. Tavola 8 Partecipazione elettorale nelle regionali 2005 e politiche Iscritti entrati dopo le elezioni 2005 Circoscrizione Femmine Maschi Campionne % entrati % astenuti Età media Campio- % entrati % astenuti Età media ,0 10,3 38, ,2 3,1 38, ,0 6,7 32, ,4 9,4 39, ,2 22,2 38, ,9 14,3 38, ,9 31,8 44, ,7 14,3 38, ,2 11,1 37, ,8 16,0 37, ,9 27,8 50, ,3 26,7 42, ,5 12,2 38, ,3 16,7 36, ,3 21,4 38, ,7 14,8 43, ,8 17,0 41, ,9 13,9 41,5 Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Consideriamo ora gli iscritti che erano presenti nelle due consultazioni elettorali. I comportamenti elettorali che registriamo erano, per il singolo elettore, quattro, derivanti dalla combinazione del comportamento nella prima e seconda tornata elettorale. Li etichettiamo nel modo seguente: astensione totale (in sigla AA), vale a dire astensionismo in entrambe le votazioni. Segnaliamo che l astensione totale comprende sì una quota di elettorato che, per varie ragioni, non si sente rappresentato, ma comprende anche una quota di elettori che sono impediti per ragioni di varia natura (lavoro, ferie ecc.) o per la scarsa mobilità; astensione parziale in una delle due tornate elettorali: nella prima (in sigla AV) o nella seconda (in sigla VA); partecipazione sistematica (in sigla VV): l elettore vota in entrambe le consultazioni.

13 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 13 I dati riportati in tabella mostrano una quota di astensionismo totale in generale maggiore per le femmine rispetto ai maschi, con l eccezione della 6^ circoscrizione. Le differenze risultano al massimo dell ordine di 4 punti percentuali. La partecipazione sistematica risulta, comunque, il comportamento più diffuso con percentuali quasi sempre superiori al 75%. Si conferma, anche in questo caso, la specificità della 9^ circoscrizione nella quale la partecipazione sistematica non supera il 70% per i maschi, ed il 66% per le femmine. Tavola 9 Partecipazione elettorale nelle regionali 2005 e politiche Comportamento in entrambe le tornate elettorali Circoscrizione Femmine Maschi AA AV VA VV AA AV VA VV 1 9,0 13,3 1,3 76,3 8,0 14,6 1,7 75,7 2 7,3 12,1 2,3 78,3 5,2 11,9 2,5 80,4 3 9,4 12,0 2,0 76,6 7,9 11,0 2,1 79,0 4 9,4 16,5 2,3 71,9 9,9 12,8 1,4 75,9 5 10,0 11,0 1,2 77,7 8,1 10,1 2,2 79,6 6 8,2 12,4 2,5 76,9 9,6 13,1 3,2 74,1 7 6,3 13,8 1,5 78,5 6,3 13,1 2,2 78,4 8 14,0 12,2 1,0 72,8 6,3 13,9 2,2 77,6 9 14,0 17,3 2,7 66,0 9,8 18,3 1,9 70,0 Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Nota: AA=astenuti totali: astenuti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; AV=astenuti alle Regionali 2005 e votanti alle Politiche 2006; VA=Votanti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; VV=votanti sistematici. Tavola 10 Partecipazione elettorale per sesso ed età e comportamento di partecipazione al voto Classe Femmine Maschi d età AA AV VA VV AA AV VA VV ,1 0,4 71,6 0,3 30,1 0,3 69, ,3 23,7 1,5 65,4 13,6 18,7 3,3 64, ,5 20,1 2,3 68,1 14,5 18,7 3,1 63, ,3 17,2 1,6 74,8 10,7 16,9 2,6 69, ,3 16,7 1,2 74,9 8,9 14,4 2,4 74, ,9 10,9 1,6 81,7 5,1 12,7 1,6 80, ,2 10,7 0,8 83,3 5,6 10,1 1,8 82, ,7 8,7 1,2 85,4 5,5 8,7 1,4 84, ,8 8,7 1,7 85,8 3,9 7,0 1,0 88, ,7 8,2 1,0 85,2 3,0 6,5 2,1 88, ,8 7,5 1,5 86,3 5,4 10,9 0,6 83, ,9 12,3 3,4 69,4 7,9 6,4 2,7 82, ,1 9,9 6,1 54,9 15,7 6,3 4,9 73, ,3 13,3 3,7 42,7 13,9 3,9 9,6 72,6 90 e oltre 68,7 9,8 4,4 17,1 40,6 5,0 1,8 45,3 Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Nota: AA=astenuti totali: astenuti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; AV=astenuti alle Regionali 2005 e votanti alle Politiche 2006; VA=Votanti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; VV=votanti sistematici.

14 14 Statistiche rapide Più interessante notare, per le ben note ragioni, le caratteristiche socio demografiche dell elettorato che non ha votato nelle elezioni regionali, ma ha deciso di recarsi ugualmente alle urne per le elezioni politiche. Il dato dell età incrociato con il genere ci fornisce una traccia per l interpretazione del fenomeno. Segnaliamo, in prima battuta, un elemento, già evidenziato nelle precedenti indagini, vale a dire la maggiore tendenza alla partecipazione al voto delle donne. Il fenomeno è evidente se consideriamo il voto sistematico: la percentuale delle femmine è maggiore per tutte le classi di età fino ai 60 anni, dopo di che la partecipazione femminile inizia a decrescere più rapidamente rispetto a quella maschile: una ipotesi plausibile è che i maschi sopravviventi, che sono comunque in numero inferiore rispetto alle femmine, potrebbero godere di una salute migliore e quindi partecipare con maggiore frequenza alle elezioni. Figura 7 Partecipazione al voto delle femmine per età. Regionali 2005 e Politiche e oltre VV VA AV AA Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Nota: AA=astenuti totali: astenuti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; AV=astenuti alle Regionali 2005 e votanti alle Politiche 2006; VA=Votanti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; VV=votanti sistematici. Un secondo elemento di interesse è dato dall esame degli astensionisti parziali. A tal proposito notiamo due elementi: la maggiore capacità di attrazione che esercita sull elettorato, in particolare femminile, la contesa politica rispetto a quella regionale: il comportamento disgiunto di partecipazione alle regionali e astensionismo alle politiche è di piccola entità, maggiore comunque per i maschi;

15 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 15 il recupero dell astensionismo delle regionali è avvenuto in particolare tra gli iscritti più giovani con percentuali maggiori tra le femmine rispetto ai maschi. Rimane infine da descrivere l astensionismo assoluto: possiamo chiaramente notare come sia fortemente legato all età, nel senso banale che cresce al crescere di questa almeno a partire dalle età avanzate, superiori ai 75 anni, con due osservazioni: la classe da 18 a 24 anni, le nuove leve elettorali, ha una partecipazione più elevata rispetto alle classi di età immediatamente successive; i maschi giovani, fino a quaranta anni, mostrano percentuali di astensionismo piuttosto elevate, anche di 5 punti percentuali superiori rispetto a quelle delle femmine delle stesse età. Figura 8 Partecipazione al voto dei maschi per età. Regionali 2005 e Politiche e oltre VV VA AV AA Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Nota: AA=astenuti totali: astenuti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; AV=astenuti alle Regionali 2005 e votanti alle Politiche 2006; VA=Votanti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; VV=votanti sistematici. Famiglie e partecipazione elettorale L aggancio delle informazioni elettorali ai dati anagrafici consente la ricostruzione delle famiglie e, quindi, di esaminare l influsso delle caratteristiche familiari, in particolare della tipologia della famiglia, sulla partecipazione elettorale. La classificazione tipologica utilizzata in questa sede riprende quella definita dall Istat che prevede cinque tipi familiari, con esclusione dei residenti nelle convivenze: 1. famiglia monopersonale; 2. coppia senza figli; 3. coppia con uno o più figli; 4. famiglia composta da un solo genitore e uno o più figli;

16 16 Statistiche rapide 5. altra tipologia familiare, come tipologia residuale. L analisi del comportamento degli iscritti distinguendo per sesso e tipologia familiare, mostra alcuni elementi peculiari. Tavola 11 Partecipazione elettorale per sesso e tipologia familiare Tipologia Femmine Maschi AA AV VA VV AA AV VA VV Persona sola 15,3 13,3 2,3 69,1 16,0 13,9 2,8 67,3 Coppia sola 5,9 9,9 2,3 81,8 6,0 8,2 1,9 83,8 Coppia con figli 4,1 13,2 1,3 81,5 4,6 12,7 1,9 80,8 Genitore e figli 11,5 18,7 1,2 68,6 8,7 20,7 1,5 69,2 Altra tipologia 14,4 13,9 2,6 69,1 9,5 18,8 2,3 69,4 Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Nota: AA=astenuti totali: astenuti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; AV=astenuti alle Regionali 2005 e votanti alle Politiche 2006; VA=Votanti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; VV=votanti sistematici. Le coppie sole e con figli mostrano i livelli di partecipazione più elevati, superiori al 90% nelle recenti politiche, e stabili nel tempo. Per queste tipologie, di conseguenza, la percentuale di astensionisti totali scende ai livelli minimi, comunque inferiori al 6%. L analisi del comportamento delle persone sole conferma gli elementi già evidenziati vale a dire la rilevanza dell astensionismo totale tra i maschi giovani e le femmine anziane: due fenomeni determinati, ovviamente, da ragioni profondamente differenti. Segnaliamo, infine, i bassi livelli di partecipazione nelle famiglie composte da un genitore solo con figli o di altra tipologia. Le ragioni di questi comportamenti possono essere molteplici: citavamo, nelle precedenti analisi relative alle elezioni amministrative locali, il maggiore interesse delle coppie delle famiglie con figli rispetto alla posta in giuoco. Questa interpretazione sembra piuttosto debole, visti i dati delle recenti tornate elettorali. Una ipotesi che potrebbe essere sottoposta a verifica riguarda, invece, il possibile effetto dello stare in coppia. In altri termini la partecipazione elettorale verrebbe attuata, e forse anche decisa, con la partecipazione di entrambi i componenti della coppia e ciò per banali ragioni logistiche, si va a votare insieme, oppure, per ragioni meno banali, è proprio a livello di coppia che si formano le decisioni ed i comportamenti elettorali. Quali che siano le ragioni ci attendiamo che i partner delle coppie mostrino un comportamento omogeneo: in effetti i due partner mostrano un comportamento congiunto (partecipano o meno con le stesse modalità) quasi nell 87% delle coppie.

17 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 17 LE FONTI DEI DATI L Anagrafe della popolazione residente I dati relativi alle caratteristiche demografiche e sociali degli individui e delle famiglie sono ricavati dal Sistema Informativo della Popolazione, SIPo, e sono riferiti ad uno scarico dell archivio anagrafico al 31 dicembre I dati anagrafici più significativi comprendono informazioni demografiche e sociali individuali certificabili (come sesso, luogo e data di nascita ed altre informazioni derivanti dallo stato civile) e non certificabili (titolo di studio e professione) oltre alle informazioni sulla famiglia (numero dei componenti e tipologia familiare). Quanto alla qualità dei dati è noto che i dati certificabili, avendo valenza amministrativa e giuridica, si possono ritenere di buona o ottima qualità. Diverso il caso dei dati non certificabili che hanno qualità variabile, in generale scarsa, sia per quanto riguarda l aggiornamento (non esiste una cadenza codificata, ma l aggiornamento è lasciato quando si verifica l occasione, come nel caso del rinnovo della carta d identità) sia perché le informazioni rilevate derivano esclusivamente dalle dichiarazioni degli interessati e non vengono verificate dall ufficio. L interpretazione dei risultati relativi a questi dati richiede una certa cautela. Le liste elettorali La possibilità di voto è legata all iscrizione nelle liste elettorali del comune. L ufficio elettorale comunale effettua l iscrizione d ufficio per tutti i cittadini che possiedono i requisiti previsti dalla legge vale a dire la residenza nel comune, il possesso della cittadinanza italiana o di altro paese dell Unione europea, il raggiungimento della età utile al momento del voto (18 anni per l elezione della Camera dei Deputati e 25 anni per l elezione del Senato della Repubblica) ed infine il possesso dei diritti politici per l esercizio dell elettorato attivo. L archivio elettorale costituisce, a tutti gli effetti, un sottoinsieme dell archivio anagrafico e come tale viene gestito dalla procedura informatica anagrafica, SIPo, che permette di estrarre le liste sezionali, maschili e femminili, alle scadenze previste dalla legge per le revisioni ordinarie o straordinarie. I dati utilizzati derivano dalle liste elettorali prodotte in occasione delle due tornate elettorali riferite alla data blocco delle liste stesse. È possibile che vi siano piccole differenze, dell ordine di qualche centinaio di casi, tra i dati derivati dalle liste elettorali e dalle liste sezionali cartacee determinati da registrazioni effettuate manualmente sulle liste cartacee successivamente alla stampa.

18 18 Statistiche rapide Le liste elettorali sezionali L effettiva partecipazione elettorale individuale è stata ricavata dalla consultazione delle liste elettorali sezionali, maschili e femminili, messe a disposizione dalla Segreteria della Prima Presidenza del Tribunale di Brescia che istituzionalmente ha il compito di conservare la documentazione delle elezioni. Presso ogni sezione elettorale sono presenti le due liste femminile e maschile nelle quali sono riportati i dati identificativi degli iscritti così come previsto dalla legge e precisamente: il numero di iscrizione nella lista, il nome e cognome, il cognome del coniuge per le donne coniugate, la data di nascita, l indirizzo, il titolo di studio e la professione risultanti in anagrafe. Al momento del voto i componenti della commissione elettorale attestano l avvenuta votazione apponendo la propria firma ed il timbro della sezione in corrispondenza del nome dell elettore. La consultazione delle liste consente di individuare, attraverso la chiave univoca del numero della sezione, della lista elettorale maschile e femminile e del numero di iscrizione nella lista, le persone che hanno votato, e per complemento quelle che non hanno votato. Il collegamento con gli archivi elettorali ed anagrafici consente poi di completare la base di dati collegando la partecipazione con ulteriori le variabili demografiche e sociali individuali e familiari. I risultati elettorali L ultima base di dati utilizzata è costituita dai risultati delle consultazioni elettorali per sezione che derivano dal sistema informativo che il Comune utilizza per il monitoraggio delle operazioni elettorali. I dati aggregati per sezione sono raccolti da personale comunale presso i presidenti dei seggi in vari momenti della consultazione e riguardano i votanti ed i voti espressi a favore dei candidati e delle liste. I dati raccolti per queste finalità sono provvisori e comprendono, tra l altro, le schede contestate e provvisoriamente assegnate, sulle quali si esprimeranno le autorità competenti.

19 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 19 La partecipazione elettorale nel comune di Brescia Dati storici Tab. 1 Partecipazione elettorale alle elezioni comunali dal 1975 al I turno 1994 Ball I turno 1998 Ball I turno 2003 Ball. Iscritti Votanti % di votanti 95,4 92,0 94,3 92,5 89,3 86,1 74,4 76,8 60,7 77,2 72,2 su iscritti Bianche % bianche 1,6 2,5 1,9 2,0 1,4 1,5 1,8 1,7 1,1 1,1 0,5 Nulle % nulle 0,9 1,9 2,0 2,2 2,6 2,7 2,8 2,4 1,9 1,9 1,1 Voti validi Fonte: Comune di Brescia -sistema informativo elettorale. Tab. 2 Partecipazione elettorale alle elezioni provinciali dal 1970 al I turno 1999 Ball I turno 2004 Ball. Iscritti Votanti % di votanti 96,4 96,0 92,2 94,8 93,1 85,2 70,0 40,9 75,9 58,9 su iscritti Bianche % bianche 2,3 2,0 3,6 3,2 3,2 1,9 3,1 1,7 2,2 0,6 Nulle % nulle 1,2 0,7 1,7 2,0 2,1 7,3 2,7 2,3 3,1 1,5 Voti validi Fonte: Comune di Brescia -sistema informativo elettorale. Tab. 3 Partecipazione elettorale alle elezioni regionali dal 1970 al presidente 2000 presidente 2005 presidente Iscritti Votanti % di votanti 96,9 96,0 92,7 95,0 93,2 85,3 76,6 75,5 Bianche % bianche 1,9 1,7 2,8 2,2 2,2 1,8 1,2 0,9 Nulle % nulle 1,5 1,0 2,0 2,0 2,4 4,1 3,3 2,6 Voti validi Fonte: Comune di Brescia -sistema informativo elettorale. Documentazione statistica

20 20 Statistiche rapide Tab. 4 Partecipazione elettorale alle elezioni europee dal 1989 al Iscritti Votanti % di votanti su iscritti 89,0 81,5 70,1 75,9 Bianche % bianche 2,1 0,9 1,9 2,2 Nulle % nulle 2,7 2,4 2,9 3,1 Voti validi Fonte: Comune di Brescia -sistema informativo elettorale. Tab. 5 Partecipazione elettorale alle elezioni della Camera dei deputati dal 1987 al suppletive collegio 24 proporzionale Iscritti Votanti % di votanti su iscritti 94,1 92,7 93,7 90,9 45,6 87,6 88,9 Bianche % bianche 1,4 1,1 1,4 1,5 3,0 1,7 0,7 Nulle % nulle 2,0 0,3 1,6 2,2 2,8 1,7 1,1 Voti validi Fonte: Comune di Brescia -sistema informativo elettorale. Figura 9 Percentuale di votanti sugli iscritti nel Comune di Brescia. Elezioni della Camera dei deputati dal 1987 al suppletive collegio Documentazione statistica

Statistiche rapide fascicolo 2/2006

Statistiche rapide fascicolo 2/2006 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica Statistiche rapide fascicolo 2/2006 I MOLTI SIGNIFICATI DEL VIVERE COME UNA FAMIGLIA LE UNIONI NON MATRIMONIALI A BRESCIA INTRODUZIONE

Dettagli

I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città

I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città Anche se l espressione flussi elettorali viene spesso usata impropriamente per intendere qualsiasi analisi

Dettagli

Elezioni Politiche 2008 Valutazioni e previsioni nell utenza Internet

Elezioni Politiche 2008 Valutazioni e previsioni nell utenza Internet Human Highway Elezioni Politiche 2008 Valutazioni e previsioni nell utenza Internet Milano, 14 1 Obiettivi dell indagine Analisi delle valutazioni sul prossimo voto politico La ricerca si pone l obiettivo

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5.1 Considerazioni generali Il livello di informatizzazione delle famiglie toscane è stato esaminato, oltre che sulla base del territorio, anche tenendo

Dettagli

Capitolo V IL CORPO ELETTORALE

Capitolo V IL CORPO ELETTORALE Capitolo V IL CORPO ELETTORALE 1 1. POPOLO, CORPO ELETTORALE, NAZIONE, POPOLAZIONE Popolo Corpo elettorale Nazione Popolazione Insieme di tutti i cittadini Titolare della sovranità Insieme dei soggetti

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004)

Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004) Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004) Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni congiunte V del Senato della Repubblica

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Ecomia, Università Roma Tre La rilevazione delle ha come obiettivo la produzione delle stime ufficiali sugli occupati e sulle persone

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Provincia di Cremona 1 2015 Nel primo 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare quasi 210.000 nuovi contratti di

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Elementi di statistica descrittiva I 31 Marzo 2009

Elementi di statistica descrittiva I 31 Marzo 2009 Il Concetti generali di Statistica) Corso Esperto in Logistica e Trasporti Elementi di Statistica applicata Elementi di statistica descrittiva I Marzo 009 Concetti Generali di Statistica F. Caliò franca.calio@polimi.it

Dettagli

una mobilità dedicata alla famiglia ancora troppo... in auto!!

una mobilità dedicata alla famiglia ancora troppo... in auto!! una mobilità dedicata alla famiglia ancora troppo... in auto!! In questa fermata si propone un approfondimento su uno spaccato della domanda di mobilità che comprende circa un terzo degli spostamenti:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C.

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. Art. 1 Indizione delle elezioni 1. Il Consiglio Direttivo convoca l Assemblea degli

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE PARTE I Elezione dei delegati in rappresentanza dei lavoratori per la costituzione

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA Dal 31/12/2007 al 30/6/20 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO N. 8/20 Ottobre 20 Fonte dati Banca d'italia Elaborazioni Ufficio Studi ed Informazione Statistica

Dettagli

1. Roma e le altre metropoli europee: la popolazione residente

1. Roma e le altre metropoli europee: la popolazione residente 1. e le altre metropoli europee: la popolazione residente Dal confronto tra le principali città europee - classificate secondo una tassonomia che distingue le metropoli globali dalle capitali politico-aministrative

Dettagli

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI N.57 MARZO 2014 I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI E PRIVATI AUTORIZZATI OVERVIEW Analizzare i canali attraverso cui i lavoratori trovano un, costituisce un esercizio di grande interesse per la conoscenza

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO: LE LEGGI

IL QUADRO NORMATIVO: LE LEGGI IL QUADRO NORMATIVO: LE LEGGI Legge 27 ottobre 1988, n. 470 Anagrafe e censimento degli italiani all estero Decreto del presidente della Repubblica 6 settembre 1989, n. 323 Approvazione del regolamento

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

Elettorale. Stampa dei verbali, degli elenchi e degli altri modelli delle revisioni in formato.rtf personalizzabile o.pdf.

Elettorale. Stampa dei verbali, degli elenchi e degli altri modelli delle revisioni in formato.rtf personalizzabile o.pdf. Stampa dei verbali, degli elenchi e degli altri modelli delle revisioni in formato.rtf personalizzabile o.pdf. Albo scrutatori: creazione, revisione, nomine per Elezioni e relativi verbali, notifiche ed

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 2840 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VELTRONI, PERINA, LEOLUCA ORLANDO,

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre L Indagine sui bilanci delle famiglie italiane è un indagine campionaria condotta (ogni due anni)

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

L ABITUDINE AL FUMO E L OBESITA : DUE MINACCE PER LA SALUTE NEL COMUNE DI FERRARA Anno 2003

L ABITUDINE AL FUMO E L OBESITA : DUE MINACCE PER LA SALUTE NEL COMUNE DI FERRARA Anno 2003 Questo numero e' stato realizzato da: Servizio Statistica del Comune di Ferrara - Dirigente Lauretta Angelini Collaboratori: Stefania Agostini, Caterina Malucelli, Micaela Pora, Claudia Roversi, Michele

Dettagli

Indagine sul Commercio Elettronico

Indagine sul Commercio Elettronico Definizione dei target e delle abitudini di acquisto degli individui acquirenti http://research.onetone.it/ FEBBRAIO 2003 OBIETTIVI DEL LAVORO L obiettivo della seguente indagine è stato di delineare le

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO

REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO Articolo 1 CORPO ELETTORALE 1. Le votazioni per l elezione dei componenti elettivi dell

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012)

VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012) VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca I LICENZIAMENTI NEGLI ANNI DELLA CRISI (2008-2012) MISURE/45 Aprile 2013 1. Introduzione e sintesi Il numero di licenziamenti registrati in Italia nel corso del 2012,

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI COMUNE DI FLORIDIA PROVINCIA DI SIRACUSA Area Affari Generali - Programmazione REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 23/11/2009

Dettagli

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1.

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. 6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. Introduzione Secondo un recente studio comparativo dell OECD, gli Stati Uniti hanno

Dettagli

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014 Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014 Ai Signori Sindaci e Commissari Straordinari, Signori Segretari Comunali e Signori Ufficiali Elettorali dei Comuni della provincia LORO SEDI Ai Signori

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI Trieste novembre 2012 Riproduzioni e stampe dovranno riportare in modo visibile la fonte e la proprietà dell informazione. Inoltre, su richiesta al Servizio Statistica

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive S Studi di Settore PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive L analisi dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore offre molteplici spunti di riflessione in relazione

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

P ROVOCAZIONI, MA NON TROPPO: STOP ALLE AUTO NELLE ORE DI PUNTA, TRASPORTO PUBBLICO GRATUITO

P ROVOCAZIONI, MA NON TROPPO: STOP ALLE AUTO NELLE ORE DI PUNTA, TRASPORTO PUBBLICO GRATUITO P ROVOCAZIONI, MA NON TROPPO: STOP ALLE AUTO NELLE ORE DI PUNTA, TRASPORTO PUBBLICO GRATUITO AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Febbraio 2010 LE FERMATE AUDIMOB S U L

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

Elettorale. Stampa dei verbali, degli elenchi e degli altri modelli delle revisioni in formato.rtf personalizzabile o.pdf.

Elettorale. Stampa dei verbali, degli elenchi e degli altri modelli delle revisioni in formato.rtf personalizzabile o.pdf. Elettorale Stampa dei verbali, degli elenchi e degli altri modelli delle revisioni in formato.rtf personalizzabile o.pdf. Albo scrutatori: creazione, revisione, nomine per Elezioni e relativi verbali,

Dettagli

I bolognesi e il mutuo sulla prima casa

I bolognesi e il mutuo sulla prima casa I bolognesi e il mutuo sulla prima casa Il profilo dei cittadini che hanno dichiarato oneri deducibili per un mutuo contratto per l acquisto dell abitazione principale nell anno d imposta 2011 Settembre

Dettagli

NOTA DI RILASCIO SERVIZI DEMOGRAFICI

NOTA DI RILASCIO SERVIZI DEMOGRAFICI Servizi Demografici Ascot3 - Ascot Web Pag.1 di 13 NOTA DI RILASCIO SERVIZI DEMOGRAFICI Compilato: Rita Klingendrath Autorizzato: Versione: Variante: Tutti i diritti riservati. Proprietà INSIEL SpA. Documento

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Statistica: l uso delle banche dati del MIUR

Statistica: l uso delle banche dati del MIUR RI Glossario Statistica: l uso delle banche dati del MIUR Dove si trovano, come si estraggono e come si possono usare i dati scolastici rilevati annualmente dal MIUR DI ANNA MASSA L a statistica, strumento

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 LE LEGGI ELETTORALI Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 Introduce sul modello francese il consiglio come assemblea rappresentativa. Regno Subalpino Regno di Sardegna Legge

Dettagli

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Lombardia Statistiche Report N 2 / 14 aprile 2014 I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Sintesi La spesa media per consumi delle famiglie lombarde nel 2012 è di

Dettagli

Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015

Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015 Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015 La gestione dei permessi elettorali in vista delle elezioni amministrative 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, durante il corrente mese di

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

Europee 2014 Analisi del voto In Italia a cura di Ipsos PA

Europee 2014 Analisi del voto In Italia a cura di Ipsos PA Europee 2014 Analisi del voto In Italia a cura di Ipsos PA Europee 2014 - commento La consultazione europea ha avuto l effetto di un terremoto che ha modificato il panorama politico in profondità. La nettissima

Dettagli

IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI

IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI per IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI ELEMENTI DI SINTESI INVESTIMENTI IN OPERE PUBBLICHE: 3,9 miliardi il valore degli investimenti in opere pubbliche

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2014 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro del Dipartimento Programmazione coordinato dal Capo Dipartimento

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

IL RAPPORTO ORES 2009

IL RAPPORTO ORES 2009 IL RAPPORTO ORES 2009 SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI Con ORES, Osservatorio Regionale sull Esclusione Sociale della Lombardia, l ente regionale si è dotato di uno strumento in grado di integrare i dati

Dettagli

Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013. Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013

Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013. Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013 Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Permessi elettorali: guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia Introduzione 1. Obiettivi e caratteristiche dell indagine L indagine è progettata dal Settore Pianificazione Integrata

Dettagli

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale.

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale. Serie schede tematiche gennaio 2007 - n. 27 - cod. 67447 pag. 1 I pensionati italiani: quanti sono, quanto percepiscono, dove risiedono i pensionati di nord, centro, sud, estero le pensioni sociali in

Dettagli

FONDAPI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E DELLE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO

FONDAPI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E DELLE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO FONDAPI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E DELLE CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO 1. Descrizione delle caratteristiche delle rendite da erogare stabilite dal Fondo a. Tipologia di Rendita:

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

n. 30 / luglio 2011 Banca Dati Elettorale Confronto tra elezioni

n. 30 / luglio 2011 Banca Dati Elettorale Confronto tra elezioni n. 30 / luglio 2011 Banca Dati Elettorale Confronto tra elezioni 1 INDICE 1 INDICE...1 2 PREMESSA: LA BDE E LE SUE NOVITA...3 3 I SISTEMI WEB GIS...5 4 ARCHITETTURA DEL SISTEMA...6 5 PAGINA DI ACCCESSO

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Lombardia Statistiche Report N 1 / 8 febbraio 2016 Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Sintesi Al 2013 la diffusione di limitazioni nello svolgimento delle attività

Dettagli

CONSULTAZIONI ELETTORALI PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEI CONSIGLIERI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE 2014

CONSULTAZIONI ELETTORALI PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEI CONSIGLIERI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE 2014 CONSULTAZIONI ELETTORALI PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEI CONSIGLIERI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE 2014 ISTRUZIONI INTEGRATIVE REGIONALI PER GLI UFFICI ELETTORALI DI SEZIONE INDICE 1) pagine

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

Lo stato di salute della scuola torinese

Lo stato di salute della scuola torinese Lo stato di salute della scuola torinese Gli indicatori di salute riferiti al mondo scolastico sono numerosi ma non sempre di facile lettura e reperibilità. Un analisi dettagliata e puntuale della situazione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015 30 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 24 e il 28 gennaio 2015 con metodologia

Dettagli

Elezioni politiche del 2013. I flussi elettorali in 9 città: Torino, Brescia, Padova, Bologna, Firenze, Ancona, Napoli, Reggio Calabria, Catania

Elezioni politiche del 2013. I flussi elettorali in 9 città: Torino, Brescia, Padova, Bologna, Firenze, Ancona, Napoli, Reggio Calabria, Catania Elezioni politiche del 2013 I flussi elettorali in 9 città: Torino, Brescia, Padova, Bologna, Firenze, Ancona, Napoli, Reggio Calabria, Catania L'Istituto Cattaneo ha effettuato un'analisi dei flussi elettorali

Dettagli

I processi decisionali all interno delle coppie

I processi decisionali all interno delle coppie 9 aprile 2003 I processi decisionali all interno delle coppie Nel 2001 l indagine Panel europeo sulle famiglie ha dedicato una particolare attenzione agli aspetti legati ai processi decisionali all interno

Dettagli

Rilevazione sulle assenze dei dipendenti pubblici

Rilevazione sulle assenze dei dipendenti pubblici Rilevazione sulle assenze dei dipendenti pubblici Anna Ceci Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazionel Gerolamo Giungato Istat Roma, 10 giugno 2010 Indice 1. Le norme 2. La Legge n. 133/08

Dettagli

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 27 marzo 2006 La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA Nel corso degli anni 90, il numero di permessi di soggiorno per l ingresso in Italia di minori stranieri è aumentato notevolmente. Si calcola infatti che negli ultimi

Dettagli

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1.

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1. STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Paragrafo 1.2 ASPETTI SANITARI Novembre 2003 1.2.1 DEMOGRAFIA Il contesto demografico Il

Dettagli

Censimento della popolazione 2011. Gli esiti della revisione anagrafica post-censuaria

Censimento della popolazione 2011. Gli esiti della revisione anagrafica post-censuaria Censimento della popolazione 2011 Gli esiti della revisione anagrafica post-censuaria giugno 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione

Dettagli

I redditi 2012 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2012 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2012 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli