Statistiche rapide fascicolo 3/2005 Programma Statistico Nazionale BRE Indagine sulla partecipazione elettorale a Brescia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Statistiche rapide fascicolo 3/2005 Programma Statistico Nazionale 2006-2008 BRE0009 - Indagine sulla partecipazione elettorale a Brescia"

Transcript

1 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica Statistiche rapide fascicolo 3/2005 Programma Statistico Nazionale BRE Indagine sulla partecipazione elettorale a Brescia L ASTENSIONISMO A BRESCIA ELEZIONI REGIONALI 2005 E POLITICHE 2006 INTRODUZIONE Il tema dell astensionismo, che costituisce l altra faccia della partecipazione elettorale, interessa direttamente un ente locale dal momento che un'elevata partecipazione consolida il sistema democratico della rappresentanza a livello: degli organi espressi dal voto, che si legittimano in quanto rappresentanti di una effettiva e ampia maggioranza; dei raggruppamenti politici, che misurano il grado di penetrazione delle idee e proposte; dei cittadini, che individuano nelle istituzioni elettive un effettivo ed efficace strumento di rappresentanza dei propri interessi, sia individuali sia collettivi. Le ragioni precedenti portano a ritenere che una maggiore partecipazione al voto debba essere considerata un fatto positivo e che compito delle istituzioni sia di operare nella direzione di sostenerla o sollecitarla. Ne segue che l individuazione delle ragioni che riducono la partecipazione elettorale costituisce un elemento di interesse per le istituzioni, ma non solo. I raggruppamenti politici hanno un interesse forse ancora maggiore, legato alla possibilità di rappresentare le esigenze di chi attualmente non partecipa, al fine di accaparrarsene il voto, tanto più in situazioni, come quella attuale, in cui le due aggregazioni politiche contrapposte hanno un peso elettorale sostanzialmente paritario e si è in presenza di un meccanismo elettorale maggioritario con premio di maggioranza, in cui chi vince, anche per un solo voto, prende, quasi, tutto. Proprio questi aspetti rendono la conquista degli astenuti una possibile strategia elettorale. La rilevanza del tema ha portato l ufficio a seguire il fenomeno dell astensionismo prima attraverso l elaborazione dei risultati elettorali poi, a partire dalle elezioni comunali del 2003, attraverso la

2 2 Statistiche rapide realizzazione di un indagine basata sull analisi del comportamento degli iscritti nelle liste elettorali di un campione di sezioni cittadine. Il metodo di indagine permette di ottenere informazioni di dettaglio sulle caratteristiche demografiche e sociali, individuali e familiari, di chi, per qualsivoglia ragione, non ha partecipato alle elezioni, e permette di formulare e valutare alcune ipotesi circa le ragioni di tali comportamenti. La ripetizione dell indagine in due tornate successive, coinvolgendo le medesime sezioni elettorali, porta ad analizzare i comportamenti nel tempo di un medesimo gruppo di persone, quelle che non hanno modificato la propria residenza, trasformando l indagine in un vero e proprio panel. Agli aspetti di metodo viene dedicato il riquadro seguente. L INDAGINE SULLA PARTECIPAZIONE ELETTORALE Le indagini presentate nella nota riguardano la partecipazione alle elezioni politiche del 9 e 10 aprile 2006 e alle elezioni regionali del 3 e 4 aprile L impianto metodologico delle indagini segue nella sostanza quello definito in occasione della prima indagine che l Unità di Staff Statistica realizzò nel 2003 per le elezioni per il Sindaco; si veda in proposito: L astensionismo alle elezioni comunali di Brescia, Comune di Brescia, Unità di Staff Statistica, Statistiche rapide, 1/2003. La popolazione di riferimento è costituita dagli iscritti nelle liste elettorali alla data del blocco delle stesse: il 15 marzo 2005 per le elezioni regionali ed il 29 marzo 2006 per le elezioni politiche. L analisi è ristretta alle sezioni elettorali che hanno una lista elettorale di riferimento ed esclude, quindi, le sezioni speciali che non hanno iscritti: si tratta di 11 seggi, costituiti presso il carcere e le principali case di cura cittadine. L indagine, dato l elevato numero di non votanti, è di tipo campionario e tiene conto, stante la struttura politico-amministrativa cittadina, anche della suddivisione del territorio nelle circoscrizioni amministrative. La rilevanza dell elemento territoriale ha indirizzato verso un piano di campionamento che prevede l estrazione di nove campioni casuali indipendenti, uno per ogni circoscrizione. Il tasso di sondaggio, calcolato sulle sezioni del campione rispetto alle sezioni della circoscrizione, è superiore alla soglia del 10% per circoscrizione; inoltre, per ragioni di affidabilità delle stime, sono state considerate sempre almeno due sezioni per circoscrizione. Nel passaggio dalle elezioni 2005 e 2006 il campione è stato parzialmente ruotato con la sostituzione di una sezione per circoscrizione. L identificazione dei non votanti avviene rilevando dalle liste sezionali maschile e femminile delle sezioni del campione gli elementi identificativi (sezione, lista e numero di iscrizione) delle persone che non hanno partecipato alla votazione. I dati sono registrati, accoppiati alle informazioni tratte dall anagrafe e generano in tal modo i file anonimi utilizzati nelle elaborazioni.

3 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 3 I DATI Le fonti dei dati utilizzate nelle elaborazione sono: l anagrafe della popolazione residente, che comprende tutti i residenti di qualsiasi età e cittadinanza; le liste elettorali: si tratta di un sottoinsieme dell anagrafe che comprende le persone in possesso dei diritti elettorali; le liste elettorali sezionali utilizzate durante le operazioni di voto, dalle quali risulta chi ha votato; i risultati elettorali raccolti attraverso il sistema informativo comunale per il controllo delle operazioni di voto. Il dettaglio relativo alle fonti dei dati è lasciato ad un riquadro apposito. RISULTATI Presentiamo di seguito alcune elaborazioni a carattere descrittivo sull astensionismo nel Comune di Brescia, esaminando, in prima battuta, alcuni dati di contesto relativi alla dinamica del corpo elettorale e della partecipazione come desumibili dallo spoglio dei voti. Segue la presentazione dei principali risultati dell indagine sulla partecipazione elettorale realizzata nelle recenti elezioni politiche e nelle elezioni regionali del La dinamica del corpo elettorale Il corpo elettorale, gli iscritti nelle liste elettorali, costituisce una sottopopolazione della popolazione residente individuata sulla base del possesso di alcuni requisiti quali: l iscrizione all Anagrafe (con previsioni specifiche per quanto riguarda l iscrizione nell Anagrafe degli Italiani Residenti all Estero, AIRE), il superamento del limite di età per l esercizio del diritto di voto (25 anni per l elezione del Senato della Repubblica e 18 anni per tutte le altre elezioni), il possesso della cittadinanza italiana ed il possesso dei diritti politici. Il corpo elettorale ha una dinamica che dipende dagli elementi sopra elencati ed in particolare dall evoluzione della popolazione residente italiana maggiorenne. Prima degli anni 90 il corpo elettorale rappresentava oltre l 85% della popolazione residente, in pratica erano esclusi i soli minorenni. A partire dagli anni 2000 la situazione subisce una brusca modificazione che riflette le profonde trasformazioni demografiche che la città sta subendo: a fronte di una popolazione anagrafica sostanzialmente stabile oscillante tra i 194mila ed i 195mila residenti, il corpo elettorale cala fino a scendere al di sotto dei 150mila elettori delle politiche del 2006.

4 4 Statistiche rapide Tre le ragioni principali. In primo luogo l irrobustirsi del trend delle iscrizioni anagrafiche da parte della popolazione straniera regolare: a tal proposito basti il dato che nel corso del 2005 è stata superata la soglia delle 25mila unità. In secondo luogo la ripresa dei flussi migratori interni con spostamento di residenti italiani, tipicamente famiglie, verso i comuni della prima e seconda cintura cittadina. Si tratta di un fenomeno che ha subito una accelerazione a partire dall anno In terzo luogo l ulteriore calo tra il 2005 ed il 2006 è determinato dall esclusione nelle liste elettorali recenti di oltre 3600 elettori italiani iscritti nell Anagrafe degli Italiani Residenti all estero, AIRE, che da quest anno sono stati trasferiti per il voto alle circoscrizioni estere di appartenenza. Tavola 1 Indicatori della dinamica della popolazione e del corpo elettorale dal 1991 al 2006 Indicatori Reg Pol Prov. Eur Reg Pol. Popolazione residente Iscritti nelle liste elettorali % iscritti su residenti 84,0 85,2 84,1 82,9 81,9 80,5 78,9 77,4 74,9 Nota: =elezioni comunali; Eur. = elezioni europee; Prov.=elezioni provinciali; Reg.=elezioni regionali; Pol.=elezioni Camera dei Deputati. : popolazione residente al 31 dicembre dell anno precedente Figura 1 Iscritti e votanti nel Comune di Brescia dal 1990 al Eur Pol Prov. Reg Pol Prov. Eur Reg Pol Prov. Eur Reg Pol. Votanti Astenuti Nota: =elezioni comunali; Eur. = elezioni europee; Prov.=elezioni provinciali; Reg.=elezioni regionali; Pol.=elezioni Camera dei Deputati. Pur tralasciando gli aspetti legati alla capacità del corpo elettorale di rappresentare i problemi della popolazione, possiamo convenire che qualsiasi analisi del comportamento elettorale, e quindi anche della

5 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 5 partecipazione al voto, non può prescindere dalla considerazione della recente dinamica demografica ed elettorale. La partecipazione elettorale: dati storici L astensionismo almeno fino alla fine degli anni 80, costituiva una componente minima e trascurata del comportamento elettorale, tale da non impensierire le istituzioni per quanto riguarda la tenuta democratica e le forze politiche per quanto riguarda la competizione sul voto. Nelle elezioni comunali di Brescia nel 1975 votava oltre il 95% degli iscritti nelle liste elettorali, e dopo 15 anni, nel 1990, la partecipazione superava il 92%. Questo comportamento era, quasi, indipendente dal tipo di elezione: ricordiamo che nelle prime elezioni del Consiglio Regionale della Lombardia nel 1970 votò il 97% degli iscritti e venti anni dopo il 93%. Non entriamo nel merito delle ragioni, che sono di interesse degli storici, se non per segnalare come il voto avesse una forte connotazione ideologica e la competizione elettorale si svolgesse sulla capacità di conquistare consensi all altra parte. A partire dagli anni 90 la partecipazione elettorale subisce un calo evidente: l astensionismo da fisiologico che era diventa vera e propria espressione politica legata, presumibilmente, anche alla difficoltà nel riconoscersi, da parte di settori non marginali, nel nuovo quadro politico-istituzionale che si sta delineando. Figura 2 Percentuale di votanti sugli iscritti nel Comune di Brescia Prov. Reg Eur Pol Prov. Reg Pol Prov. Eur Reg Pol Prov. Eur Reg Pol. Nota: =elezioni comunali; Eur. = elezioni europee; Prov.=elezioni provinciali; Reg.=elezioni regionali; Pol.=elezioni Camera dei Deputati. I dati riportati nelle tabelle e nei grafici consentono alcune considerazioni sintetiche. Il venire meno della caratterizzazione ideologica del voto comporta, inoltre, scelte più mirate da parte degli elettori con una

6 6 Statistiche rapide partecipazione che varia, anche in modo ampio da un tipo di consultazione all altra. In passato l elettore partecipava in modo sostanzialmente uniforme a tutte le elezioni: a partire dagli anni 90 mostra un atteggiamento più libero, e sceglie a quali elezioni partecipare. La nascita di nuove opzioni politiche, tra tutte per anzianità la Lega Nord, né tanto meno l evoluzione di quelle esistenti, sembrano essere in grado di soddisfare il palato degli elettori. Individuare tendenze di fondo risulta più difficile, anche se emergono alcune regolarità di comportamento: la partecipazione elettorale raggiunge i valori massimi in corrispondenza delle elezioni politiche, sempre oltre l 85% degli iscritti, mentre il minimo viene raggiunto nelle elezioni del Parlamento Europeo, 70% nel 1999 quando non erano abbinate ad altre tornate elettorali. Ordinando i dati di partecipazione per tipo di elezione ne esce una graduatoria stabile nel tempo che vede, come si diceva, al primo posto le elezioni politiche, quindi le comunali (e circoscrizionali), le provinciali e regionali ed infine le elezioni europee. Tavola 2 Indicatori della partecipazione elettorale alle elezioni politiche dal 1994 al 2006 Descrizione Camera Senato Camera Senato Camera Senato Camera Senato Iscritti Votanti % votanti 93,7 93,2 90,9 90,8 87,6 87,7 88,9 88,8 Numeri indice per tipo di elezione con base 1994=100 Iscritti 100,0 100,0 99,0 100,4 96,7 101,4 88,2 93,5 Votanti 100,0 100,0 96,0 97,9 90,4 95,5 83,6 89,1 Fonte: Comune di Brescia sistema informativo elettorale. Tavola 3 Indicatori della partecipazione elettorale alle elezioni regionali dal 1970 al 2006 Indicatori Iscritti Votanti % votanti 96,9 96,0 92,7 95,0 93,2 85,3 76,6 75,5 Numeri indice con base 1990=100 Iscritti 100,0 109,6 112,7 113,6 115,6 115,3 112,6 106,2 Votanti 100,0 108,6 107,8 111,5 111,2 101,5 89,1 82,8 Fonte: Comune di Brescia sistema informativo elettorale comunale. La partecipazione elettorale: aspetti territoriali La figura che segue mostra, in modo immediato, due elementi più rilevanti: il brusco calo della partecipazione tra le regionali del 2005 e le politiche 2006 e la sua diffusione tra le circoscrizioni è,

7 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 7 presumibilmente, effetto di fattori generali (il tipo di elezione ) e non locali; il Centro storico, 9^ circoscrizione, si conferma zona di bassa partecipazione con una percentuale di votanti che raggiunge il minimo di 65,8% alle regionali e di 85,1% alle politiche. La circoscrizione in cui la partecipazione è maggiore è la seconda: la percentuale di votanti raggiunge il 78,1% alle regionali e l 89,6% alle politiche, preceduta, alle politiche, per un solo decimo di punto percentuale dalla terza circoscrizione. Figura 3 Percentuale di votanti per circoscrizione. Elezioni politiche 2006 ed elezioni regionali 2005 % votanti ^ 2^ 3^ 4^ 5^ 6^ 7^ 8^ 9^ Pol 2006 Reg 2005 L analisi di genere mette in mostra un aspetto che verrà approfondito di seguito, vale a dire la minore partecipazione delle femmine rispetto ai maschi. Sull intera città la differenza è dlel ordine di oltre 2 punti percentuali con una notevole variabilità tra le circoscrizioni. La differenza massima nelle elezioni regionali è raggiunta nella 2^ circoscrizione, 3,5 punti percentuali di differenza, e la minima nella 9^, 0,9 punti percentuali, mentre nelle elezioni politiche le differenze si ampliano e raggiungono i 4,0 punti percentuali nella 9^ circoscrizione ed il minimo di 1,4 punti nella 7^ circoscrizione. Le tabelle di dettaglio sono riportate in appendice. L indagine sulla partecipazione elettorale Presentiamo in apertura alcuni dati relativi alle caratteristiche e qualità dei dati dell indagine sulla partecipazione elettorale ricordando che i risultati campionari sono stime dei valori effettivi per ogni singola circoscrizione e la loro accuratezza dipende dalla numerosità del campione e dalla percentuale stessa. La disponibilità di stime per circoscrizione permette di ottenere, per ogni fenomeno considerato, la stima cittadina che è calcolata come

8 8 Statistiche rapide media ponderata dei risultati circoscrizionali, con pesi proporzionali al peso elettorale, in termini di iscritti, delle circoscrizioni stesse. L indagine venne iniziata in occasione delle elezioni comunali del 2003 ed è proseguita negli anni senza modificarne la metodologia. Dal 2003 al referendum del 2005 i campioni di sezioni per circoscrizioni non sono stati modificati, col che è possibile seguire l evoluzione della partecipazione elettorale depurandola dall effetto della dinamica demografica. I campioni utilizzati per le elezioni del 2006 sono ottenuti da quelli precedenti prevedendo la sostituzione di una sezione per circoscrizione, senza modificare, per altro, la numerosità e distribuzione dei campioni, col che l effetto determinato dalla dinamica demografica può essere preso in considerazione solo per gli iscritti compresenti. Le tabelle che seguono riportano alcuni dati di sintesi delle indagini effettuate in occasione delle elezioni regionali 2005 e delle politiche 2006 e permettono di valutare, anche in modo comparativo, le caratteristiche dell indagine campionaria. Tavola 4 Confronto tra le caratteristiche delle indagini campionarie Consultazione elettorale Tasso di Tasso di Iscritti nel campione Numero di sezioni elettorali dei campioni sondaggio sulle sezioni sondaggio sugli iscritti Femmine Maschi Totale Media campionaria delle sezioni Regionali ,3 12, Politiche ,3 12, Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Tavola 5 Confronto tra risultati campionari e risultati elettorali Consultazione elettorale Stima della percentuale di votanti (indagine sulla partecipazione) Percentuale di votanti (risultati elettorali) Femmine Maschi Totale Femmine Maschi Totale Regionali ,8 77,2 75,9 74,1 76,4 75,2 Politiche ,8 89,5 88,6 87,0 89,6 88,2 Fonte: risultati elettorali 2005 e 2006 e indagini sulla partecipazione elettorale 2005 e Età e genere nella partecipazione elettorale Scendiamo ora nell analisi degli effetti differenziali di alcuni fattori, in primo luogo il genere e l età, sulla partecipazione elettorale presentando in modo compartivo i risultati relativi alle recenti tornate elettorali. Ricordiamo che i valori cittadini della partecipazione sono ottenuti come media dei valori calcolati per circoscrizione, ponderati opportunamente. La partecipazione elettorale mostra un profilo caratteristico quando analizziamo l età dei votanti. Gli elettori molto giovani che appartengono alla prima classe di età, da 18 a 24 anni (si tratta di

9 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 9 elettori che nelle elezioni politiche non votano per il Senato della Repubblica) partecipano solitamente con percentuali molto elevate alle consultazioni elettorali. La partecipazione cala progressivamente per raggiungere un primo livello minimo nella classe di età da 35 a 40 anni, mentre riprende dopo i 40 anni di età per raggiungere il massimo nelle classi di età tra i 55 ed i 65 anni. Il seguito è noto: la partecipazione cala al crescere dell età, in modo via via più marcato fino a raggiungere i minimi per le età estreme. Tavola 6 Partecipazione elettorale per sesso ed età Classe Regionali 2005 Politiche 2006 d età Femmine Maschi Totale Femmine Maschi Totale ,2 68,4 69,4 99,9 99,6 99, ,4 66,8 67,1 88,8 82,2 85, ,8 67,5 68,1 85,9 83,2 84, ,4 71,1 73,2 90,6 85,7 88, ,5 74,8 75,6 92,7 88,2 90, ,9 78,1 80,0 92,5 92,6 92, ,3 84,4 83,9 92,7 91,2 91, ,2 85,1 85,2 93,3 92,1 92, ,7 87,3 85,8 93,8 94,7 94, ,3 88,8 86,3 92,3 93,9 93, ,1 83,5 82,6 91,0 92,4 91, ,0 76,9 70,7 81,1 87,9 83, ,5 73,3 62,1 64,4 79,8 69, ,8 63,4 43,1 51,0 73,5 57,3 90 e oltre 16,1 47,2 23,0 28,2 48,6 32,6 Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Figura 4 Partecipazione al voto delle femmine per età Elezioni comunali 2003, provinciali 2004, regionali 2005 e politiche % votanti e oltre Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale. Pol 2006 Reg 2005 Prov 2004 Com 2003

10 10 Statistiche rapide Le figure che presentiamo mostrano il profilo della partecipazione elettorale per età, distintamente per maschi e femmine, nelle quattro recenti elezioni. Commentiamo per punti gli elementi rilevanti. Il profilo per età è sostanzialmente simile nelle diverse tornate elettorali con l eccezione delle elezioni provinciali che mostrano un andamento pressoché costante al variare dell età. Ciò che cambia è, quindi, il livello della partecipazione. La partecipazione alle elezioni politiche risulta costantemente superiore con differenze che raggiungono i 30 punti percentuali in corrispondenza delle classi di età più giovani. La partecipazione alle elezioni regionali risulta la più bassa fino alle età adulte. Le differenze di genere incidono solo parzialmente sul profilo della partecipazione per età, e maggiormente sul livello. Quanto al primo aspetto notiamo che le differenze nella partecipazione per genere risultano molto contenute, entro il 5% a favore delle femmine, fino all inizio delle età anziane. Nelle fasce di età anziane la partecipazione maschile si mantiene costantemente superiore a quella femminile con differenze che superano i 20 punti percentuali. Figura 5 Partecipazione al voto dei maschi per età Elezioni comunali 2003, provinciali 2004, regionali 2005 e politiche % votanti e oltre Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale. Pol 2006 Reg 2005 Prov 2004 Com 2003

11 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 11 Figura 6 Differenza tra la partecipazione al voto tra le elezioni Politiche 2006 e le elezioni regionali 2005 per sesso ed età Femmine Maschi 35,0 35,0 30,0 30,0 25,0 25,0 20,0 20,0 15,0 15,0 10,0 10,0 5,0 0, e oltre 5,0 0, e olt r e Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Votanti sistematici ed astensionisti cronici La disponibilità delle liste elettorali nelle due tornate consente di organizzare le informazioni sugli iscritti e sui flussi secondo lo schema della contabilità demografica riportato nella tavola. Tavola 7 Contabilità degli iscritti nelle liste elettorali Valori assoluti Femmine Regionali 2005 Politiche 2006 Iscritti Usciti morte o emigrazione Totale Iscritti Entrati immigrazione o compimento dell età Totale Maschi Regionali 2005 Politiche 2006 Totale Iscritti Usciti morte o emigrazione Iscritti Entrati immigrazione o compimento dell età Totale Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e I dati evidenziano una sostanziale stabilità degli iscritti: oltre il 90% delle persone iscritte nel 2006 era iscritta anche nel 2005; con valori più alti per le femmine, 92,0%, e più bassi per i maschi, 90,7%. Come ci si poteva aspettare, anche a seguito dell esclusione degli iscritti AIRE dalle liste cittadine, gli entrati sono nettamente meno rispetto agli usciti. Anche l analisi scendendo al livello di singola sezione conferma quanto appena visto: troviamo infatti che la percentuale degli iscritti presenti in entrambi gli anni 2005 e 2006 che non hanno cambiato sezione elettorale di residenza, si attesta sempre al di sopra del 92% per le femmine, nella 9^ circoscrizione, ed il 92,9% dei maschi nella 9^ e 3^ circoscrizione.

12 12 Statistiche rapide La disponibilità di dati analitici individuali, ed il fatto che almeno una parte del campione di sezioni sia identico, in dettaglio 14 sezioni su 24, consentono di analizzare il comportamento degli elettori dal punto di vista della partecipazione elettorale in termini dinamici (facciamo riferimento a iscritti di cui 5850 femmine). Iniziamo considerando i nuovi entrati. Una percentuale variabile tra un minimo del 3% ed un massimo dell 11% degli iscritti nelle sezioni del campione 2006 non risultava iscritta nel Questi nuovi iscritti mostrano livelli più bassi di partecipazione elettorale rispetto agli iscritti già residenti. Le ragioni di ciò possono essere molteplici, citiamo al proposito il fatto che i nuovi entrati hanno età media notevolmente più bassa rispetto a chi era già residente, con differenze che, tranne una eccezione, si collocano tra gli 8 ed i 15 anni, con una punta di quasi 25 anni. Tavola 8 Partecipazione elettorale nelle regionali 2005 e politiche Iscritti entrati dopo le elezioni 2005 Circoscrizione Femmine Maschi Campionne % entrati % astenuti Età media Campio- % entrati % astenuti Età media ,0 10,3 38, ,2 3,1 38, ,0 6,7 32, ,4 9,4 39, ,2 22,2 38, ,9 14,3 38, ,9 31,8 44, ,7 14,3 38, ,2 11,1 37, ,8 16,0 37, ,9 27,8 50, ,3 26,7 42, ,5 12,2 38, ,3 16,7 36, ,3 21,4 38, ,7 14,8 43, ,8 17,0 41, ,9 13,9 41,5 Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Consideriamo ora gli iscritti che erano presenti nelle due consultazioni elettorali. I comportamenti elettorali che registriamo erano, per il singolo elettore, quattro, derivanti dalla combinazione del comportamento nella prima e seconda tornata elettorale. Li etichettiamo nel modo seguente: astensione totale (in sigla AA), vale a dire astensionismo in entrambe le votazioni. Segnaliamo che l astensione totale comprende sì una quota di elettorato che, per varie ragioni, non si sente rappresentato, ma comprende anche una quota di elettori che sono impediti per ragioni di varia natura (lavoro, ferie ecc.) o per la scarsa mobilità; astensione parziale in una delle due tornate elettorali: nella prima (in sigla AV) o nella seconda (in sigla VA); partecipazione sistematica (in sigla VV): l elettore vota in entrambe le consultazioni.

13 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 13 I dati riportati in tabella mostrano una quota di astensionismo totale in generale maggiore per le femmine rispetto ai maschi, con l eccezione della 6^ circoscrizione. Le differenze risultano al massimo dell ordine di 4 punti percentuali. La partecipazione sistematica risulta, comunque, il comportamento più diffuso con percentuali quasi sempre superiori al 75%. Si conferma, anche in questo caso, la specificità della 9^ circoscrizione nella quale la partecipazione sistematica non supera il 70% per i maschi, ed il 66% per le femmine. Tavola 9 Partecipazione elettorale nelle regionali 2005 e politiche Comportamento in entrambe le tornate elettorali Circoscrizione Femmine Maschi AA AV VA VV AA AV VA VV 1 9,0 13,3 1,3 76,3 8,0 14,6 1,7 75,7 2 7,3 12,1 2,3 78,3 5,2 11,9 2,5 80,4 3 9,4 12,0 2,0 76,6 7,9 11,0 2,1 79,0 4 9,4 16,5 2,3 71,9 9,9 12,8 1,4 75,9 5 10,0 11,0 1,2 77,7 8,1 10,1 2,2 79,6 6 8,2 12,4 2,5 76,9 9,6 13,1 3,2 74,1 7 6,3 13,8 1,5 78,5 6,3 13,1 2,2 78,4 8 14,0 12,2 1,0 72,8 6,3 13,9 2,2 77,6 9 14,0 17,3 2,7 66,0 9,8 18,3 1,9 70,0 Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Nota: AA=astenuti totali: astenuti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; AV=astenuti alle Regionali 2005 e votanti alle Politiche 2006; VA=Votanti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; VV=votanti sistematici. Tavola 10 Partecipazione elettorale per sesso ed età e comportamento di partecipazione al voto Classe Femmine Maschi d età AA AV VA VV AA AV VA VV ,1 0,4 71,6 0,3 30,1 0,3 69, ,3 23,7 1,5 65,4 13,6 18,7 3,3 64, ,5 20,1 2,3 68,1 14,5 18,7 3,1 63, ,3 17,2 1,6 74,8 10,7 16,9 2,6 69, ,3 16,7 1,2 74,9 8,9 14,4 2,4 74, ,9 10,9 1,6 81,7 5,1 12,7 1,6 80, ,2 10,7 0,8 83,3 5,6 10,1 1,8 82, ,7 8,7 1,2 85,4 5,5 8,7 1,4 84, ,8 8,7 1,7 85,8 3,9 7,0 1,0 88, ,7 8,2 1,0 85,2 3,0 6,5 2,1 88, ,8 7,5 1,5 86,3 5,4 10,9 0,6 83, ,9 12,3 3,4 69,4 7,9 6,4 2,7 82, ,1 9,9 6,1 54,9 15,7 6,3 4,9 73, ,3 13,3 3,7 42,7 13,9 3,9 9,6 72,6 90 e oltre 68,7 9,8 4,4 17,1 40,6 5,0 1,8 45,3 Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Nota: AA=astenuti totali: astenuti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; AV=astenuti alle Regionali 2005 e votanti alle Politiche 2006; VA=Votanti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; VV=votanti sistematici.

14 14 Statistiche rapide Più interessante notare, per le ben note ragioni, le caratteristiche socio demografiche dell elettorato che non ha votato nelle elezioni regionali, ma ha deciso di recarsi ugualmente alle urne per le elezioni politiche. Il dato dell età incrociato con il genere ci fornisce una traccia per l interpretazione del fenomeno. Segnaliamo, in prima battuta, un elemento, già evidenziato nelle precedenti indagini, vale a dire la maggiore tendenza alla partecipazione al voto delle donne. Il fenomeno è evidente se consideriamo il voto sistematico: la percentuale delle femmine è maggiore per tutte le classi di età fino ai 60 anni, dopo di che la partecipazione femminile inizia a decrescere più rapidamente rispetto a quella maschile: una ipotesi plausibile è che i maschi sopravviventi, che sono comunque in numero inferiore rispetto alle femmine, potrebbero godere di una salute migliore e quindi partecipare con maggiore frequenza alle elezioni. Figura 7 Partecipazione al voto delle femmine per età. Regionali 2005 e Politiche e oltre VV VA AV AA Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Nota: AA=astenuti totali: astenuti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; AV=astenuti alle Regionali 2005 e votanti alle Politiche 2006; VA=Votanti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; VV=votanti sistematici. Un secondo elemento di interesse è dato dall esame degli astensionisti parziali. A tal proposito notiamo due elementi: la maggiore capacità di attrazione che esercita sull elettorato, in particolare femminile, la contesa politica rispetto a quella regionale: il comportamento disgiunto di partecipazione alle regionali e astensionismo alle politiche è di piccola entità, maggiore comunque per i maschi;

15 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 15 il recupero dell astensionismo delle regionali è avvenuto in particolare tra gli iscritti più giovani con percentuali maggiori tra le femmine rispetto ai maschi. Rimane infine da descrivere l astensionismo assoluto: possiamo chiaramente notare come sia fortemente legato all età, nel senso banale che cresce al crescere di questa almeno a partire dalle età avanzate, superiori ai 75 anni, con due osservazioni: la classe da 18 a 24 anni, le nuove leve elettorali, ha una partecipazione più elevata rispetto alle classi di età immediatamente successive; i maschi giovani, fino a quaranta anni, mostrano percentuali di astensionismo piuttosto elevate, anche di 5 punti percentuali superiori rispetto a quelle delle femmine delle stesse età. Figura 8 Partecipazione al voto dei maschi per età. Regionali 2005 e Politiche e oltre VV VA AV AA Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Nota: AA=astenuti totali: astenuti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; AV=astenuti alle Regionali 2005 e votanti alle Politiche 2006; VA=Votanti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; VV=votanti sistematici. Famiglie e partecipazione elettorale L aggancio delle informazioni elettorali ai dati anagrafici consente la ricostruzione delle famiglie e, quindi, di esaminare l influsso delle caratteristiche familiari, in particolare della tipologia della famiglia, sulla partecipazione elettorale. La classificazione tipologica utilizzata in questa sede riprende quella definita dall Istat che prevede cinque tipi familiari, con esclusione dei residenti nelle convivenze: 1. famiglia monopersonale; 2. coppia senza figli; 3. coppia con uno o più figli; 4. famiglia composta da un solo genitore e uno o più figli;

16 16 Statistiche rapide 5. altra tipologia familiare, come tipologia residuale. L analisi del comportamento degli iscritti distinguendo per sesso e tipologia familiare, mostra alcuni elementi peculiari. Tavola 11 Partecipazione elettorale per sesso e tipologia familiare Tipologia Femmine Maschi AA AV VA VV AA AV VA VV Persona sola 15,3 13,3 2,3 69,1 16,0 13,9 2,8 67,3 Coppia sola 5,9 9,9 2,3 81,8 6,0 8,2 1,9 83,8 Coppia con figli 4,1 13,2 1,3 81,5 4,6 12,7 1,9 80,8 Genitore e figli 11,5 18,7 1,2 68,6 8,7 20,7 1,5 69,2 Altra tipologia 14,4 13,9 2,6 69,1 9,5 18,8 2,3 69,4 Fonte: indagine sulla partecipazione elettorale 2005 e Nota: AA=astenuti totali: astenuti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; AV=astenuti alle Regionali 2005 e votanti alle Politiche 2006; VA=Votanti alle Regionali 2005 e astenuti alle Politiche 2006; VV=votanti sistematici. Le coppie sole e con figli mostrano i livelli di partecipazione più elevati, superiori al 90% nelle recenti politiche, e stabili nel tempo. Per queste tipologie, di conseguenza, la percentuale di astensionisti totali scende ai livelli minimi, comunque inferiori al 6%. L analisi del comportamento delle persone sole conferma gli elementi già evidenziati vale a dire la rilevanza dell astensionismo totale tra i maschi giovani e le femmine anziane: due fenomeni determinati, ovviamente, da ragioni profondamente differenti. Segnaliamo, infine, i bassi livelli di partecipazione nelle famiglie composte da un genitore solo con figli o di altra tipologia. Le ragioni di questi comportamenti possono essere molteplici: citavamo, nelle precedenti analisi relative alle elezioni amministrative locali, il maggiore interesse delle coppie delle famiglie con figli rispetto alla posta in giuoco. Questa interpretazione sembra piuttosto debole, visti i dati delle recenti tornate elettorali. Una ipotesi che potrebbe essere sottoposta a verifica riguarda, invece, il possibile effetto dello stare in coppia. In altri termini la partecipazione elettorale verrebbe attuata, e forse anche decisa, con la partecipazione di entrambi i componenti della coppia e ciò per banali ragioni logistiche, si va a votare insieme, oppure, per ragioni meno banali, è proprio a livello di coppia che si formano le decisioni ed i comportamenti elettorali. Quali che siano le ragioni ci attendiamo che i partner delle coppie mostrino un comportamento omogeneo: in effetti i due partner mostrano un comportamento congiunto (partecipano o meno con le stesse modalità) quasi nell 87% delle coppie.

17 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 17 LE FONTI DEI DATI L Anagrafe della popolazione residente I dati relativi alle caratteristiche demografiche e sociali degli individui e delle famiglie sono ricavati dal Sistema Informativo della Popolazione, SIPo, e sono riferiti ad uno scarico dell archivio anagrafico al 31 dicembre I dati anagrafici più significativi comprendono informazioni demografiche e sociali individuali certificabili (come sesso, luogo e data di nascita ed altre informazioni derivanti dallo stato civile) e non certificabili (titolo di studio e professione) oltre alle informazioni sulla famiglia (numero dei componenti e tipologia familiare). Quanto alla qualità dei dati è noto che i dati certificabili, avendo valenza amministrativa e giuridica, si possono ritenere di buona o ottima qualità. Diverso il caso dei dati non certificabili che hanno qualità variabile, in generale scarsa, sia per quanto riguarda l aggiornamento (non esiste una cadenza codificata, ma l aggiornamento è lasciato quando si verifica l occasione, come nel caso del rinnovo della carta d identità) sia perché le informazioni rilevate derivano esclusivamente dalle dichiarazioni degli interessati e non vengono verificate dall ufficio. L interpretazione dei risultati relativi a questi dati richiede una certa cautela. Le liste elettorali La possibilità di voto è legata all iscrizione nelle liste elettorali del comune. L ufficio elettorale comunale effettua l iscrizione d ufficio per tutti i cittadini che possiedono i requisiti previsti dalla legge vale a dire la residenza nel comune, il possesso della cittadinanza italiana o di altro paese dell Unione europea, il raggiungimento della età utile al momento del voto (18 anni per l elezione della Camera dei Deputati e 25 anni per l elezione del Senato della Repubblica) ed infine il possesso dei diritti politici per l esercizio dell elettorato attivo. L archivio elettorale costituisce, a tutti gli effetti, un sottoinsieme dell archivio anagrafico e come tale viene gestito dalla procedura informatica anagrafica, SIPo, che permette di estrarre le liste sezionali, maschili e femminili, alle scadenze previste dalla legge per le revisioni ordinarie o straordinarie. I dati utilizzati derivano dalle liste elettorali prodotte in occasione delle due tornate elettorali riferite alla data blocco delle liste stesse. È possibile che vi siano piccole differenze, dell ordine di qualche centinaio di casi, tra i dati derivati dalle liste elettorali e dalle liste sezionali cartacee determinati da registrazioni effettuate manualmente sulle liste cartacee successivamente alla stampa.

18 18 Statistiche rapide Le liste elettorali sezionali L effettiva partecipazione elettorale individuale è stata ricavata dalla consultazione delle liste elettorali sezionali, maschili e femminili, messe a disposizione dalla Segreteria della Prima Presidenza del Tribunale di Brescia che istituzionalmente ha il compito di conservare la documentazione delle elezioni. Presso ogni sezione elettorale sono presenti le due liste femminile e maschile nelle quali sono riportati i dati identificativi degli iscritti così come previsto dalla legge e precisamente: il numero di iscrizione nella lista, il nome e cognome, il cognome del coniuge per le donne coniugate, la data di nascita, l indirizzo, il titolo di studio e la professione risultanti in anagrafe. Al momento del voto i componenti della commissione elettorale attestano l avvenuta votazione apponendo la propria firma ed il timbro della sezione in corrispondenza del nome dell elettore. La consultazione delle liste consente di individuare, attraverso la chiave univoca del numero della sezione, della lista elettorale maschile e femminile e del numero di iscrizione nella lista, le persone che hanno votato, e per complemento quelle che non hanno votato. Il collegamento con gli archivi elettorali ed anagrafici consente poi di completare la base di dati collegando la partecipazione con ulteriori le variabili demografiche e sociali individuali e familiari. I risultati elettorali L ultima base di dati utilizzata è costituita dai risultati delle consultazioni elettorali per sezione che derivano dal sistema informativo che il Comune utilizza per il monitoraggio delle operazioni elettorali. I dati aggregati per sezione sono raccolti da personale comunale presso i presidenti dei seggi in vari momenti della consultazione e riguardano i votanti ed i voti espressi a favore dei candidati e delle liste. I dati raccolti per queste finalità sono provvisori e comprendono, tra l altro, le schede contestate e provvisoriamente assegnate, sulle quali si esprimeranno le autorità competenti.

19 SISTAN - Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica 19 La partecipazione elettorale nel comune di Brescia Dati storici Tab. 1 Partecipazione elettorale alle elezioni comunali dal 1975 al I turno 1994 Ball I turno 1998 Ball I turno 2003 Ball. Iscritti Votanti % di votanti 95,4 92,0 94,3 92,5 89,3 86,1 74,4 76,8 60,7 77,2 72,2 su iscritti Bianche % bianche 1,6 2,5 1,9 2,0 1,4 1,5 1,8 1,7 1,1 1,1 0,5 Nulle % nulle 0,9 1,9 2,0 2,2 2,6 2,7 2,8 2,4 1,9 1,9 1,1 Voti validi Fonte: Comune di Brescia -sistema informativo elettorale. Tab. 2 Partecipazione elettorale alle elezioni provinciali dal 1970 al I turno 1999 Ball I turno 2004 Ball. Iscritti Votanti % di votanti 96,4 96,0 92,2 94,8 93,1 85,2 70,0 40,9 75,9 58,9 su iscritti Bianche % bianche 2,3 2,0 3,6 3,2 3,2 1,9 3,1 1,7 2,2 0,6 Nulle % nulle 1,2 0,7 1,7 2,0 2,1 7,3 2,7 2,3 3,1 1,5 Voti validi Fonte: Comune di Brescia -sistema informativo elettorale. Tab. 3 Partecipazione elettorale alle elezioni regionali dal 1970 al presidente 2000 presidente 2005 presidente Iscritti Votanti % di votanti 96,9 96,0 92,7 95,0 93,2 85,3 76,6 75,5 Bianche % bianche 1,9 1,7 2,8 2,2 2,2 1,8 1,2 0,9 Nulle % nulle 1,5 1,0 2,0 2,0 2,4 4,1 3,3 2,6 Voti validi Fonte: Comune di Brescia -sistema informativo elettorale. Documentazione statistica

20 20 Statistiche rapide Tab. 4 Partecipazione elettorale alle elezioni europee dal 1989 al Iscritti Votanti % di votanti su iscritti 89,0 81,5 70,1 75,9 Bianche % bianche 2,1 0,9 1,9 2,2 Nulle % nulle 2,7 2,4 2,9 3,1 Voti validi Fonte: Comune di Brescia -sistema informativo elettorale. Tab. 5 Partecipazione elettorale alle elezioni della Camera dei deputati dal 1987 al suppletive collegio 24 proporzionale Iscritti Votanti % di votanti su iscritti 94,1 92,7 93,7 90,9 45,6 87,6 88,9 Bianche % bianche 1,4 1,1 1,4 1,5 3,0 1,7 0,7 Nulle % nulle 2,0 0,3 1,6 2,2 2,8 1,7 1,1 Voti validi Fonte: Comune di Brescia -sistema informativo elettorale. Figura 9 Percentuale di votanti sugli iscritti nel Comune di Brescia. Elezioni della Camera dei deputati dal 1987 al suppletive collegio Documentazione statistica

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI 1 ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 12 ottobre 2014 PROVINCIA DI POTENZA VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 2 VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 1. INSEDIAMENTO DELL

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 1. Il Senato della

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE NOTA INFORMATIVA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 Aprile 2014 PREMESSA Le prossime elezioni amministrative, fissate per il 25 maggio, segneranno il rinnovo di 4106 amministrazioni comunali.

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

ELEZIONI RSU PUBBLICO IMPIEGO 5 7 MARZO 2012. Le domande e le risposte.

ELEZIONI RSU PUBBLICO IMPIEGO 5 7 MARZO 2012. Le domande e le risposte. ELEZIONI RSU PUBBLICO IMPIEGO 5 7 MARZO 2012 Le domande e le risposte. La Commissione elettorale 1. Componenti della Commissione Elettorale e scrutatori. Comunicazione all'amministrazione I componenti

Dettagli

Piano regionale degli interventi per la famiglia

Piano regionale degli interventi per la famiglia Piano regionale degli interventi per la famiglia Sommario Introduzione... 5 Parte I. Il contesto... 9 La famiglia in Friuli Venezia Giulia... 10 L approccio culturale del Piano... 44 La dimensione strategica

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di fondazione

Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di fondazione Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva LPP Swiss Life, Zurigo (Fondazione) Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

La ricostruzione della carriera del personale della scuola

La ricostruzione della carriera del personale della scuola La ricostruzione della carriera del personale della scuola Se guardiamo gli ultimi 50 anni, l evoluzione della progressione di carriera aveva subito parecchie variazioni, ma sostanzialmente un principio

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW)

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Adottata dall Assemblea generale delle NU il 18.12.1979, in vigore internazionale dal 3.9.1981.

Dettagli

AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE

AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE La iscrizione all'aire e' obbligatoria se la durata prevista per il soggiorno all' estero e' superiore ai dodici mesi.

Dettagli

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO Previsioni elaborate con i modelli della Ragioneria Generale dello Stato aggiornati al 2014 Roma, Giugno 2014 Il presente

Dettagli

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Elezioni comunali, provinciali e regionali Pubblicazione n. 14 Elezione diretta del presidente

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Calcolo combinatorio Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Istruzioni per le operazioni dei seggi

Istruzioni per le operazioni dei seggi Parlamento europeo Pubblicazione n. 4 Elezione del Parlamento europeo Istruzioni per le operazioni dei seggi Le pagine che seguono sono una proposta di riformulazione delle Istruzioni per le operazioni

Dettagli

Direzione della Ricerca. CARLO BUZZI responsabile scientifico ed organizzativo

Direzione della Ricerca. CARLO BUZZI responsabile scientifico ed organizzativo Direzione della Ricerca CARLO BUZZI responsabile scientifico ed organizzativo GIOLO FELE PIERANGELO PERI FRANCESCA SARTORI del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell Università degli Studi di

Dettagli

Istruzioni per le operazioni dell ufficio centrale

Istruzioni per le operazioni dell ufficio centrale DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI Elezioni comunali, provinciali e regionali Pubblicazione n. 20 Elezione diretta del sindaco e del consiglio

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli