RESOCONTO PROGETTO DI RICERCA TERMINOLOGIA E GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE AZIENDE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESOCONTO PROGETTO DI RICERCA TERMINOLOGIA E GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE AZIENDE"

Transcript

1 RESOCONTO PROGETTO DI RICERCA TERMINOLOGIA E GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE AZIENDE Autrice: Elena Chiocchetti Indice 1. Disegno della ricerca... 2 Obiettivi... 2 Metodologia... 2 Campione intervistato Contesto della ricerca... 3 Il contesto economico... 3 Il contesto linguistico... 3 La gestione della conoscenza Risultati dell indagine... 6 Situazione attuale... 6 Problematiche riscontrate Spunti ed esempi virtuosi Conclusioni Bibliografia citata Allegati Allegato A: Traccia degli argomenti trattati nelle interviste Allegato B: Piano delle interviste Allegato C: Bibliografia di consultazione Bolzano,

2 1. Disegno della ricerca Obiettivi L obiettivo dell assegno di ricerca consiste nell analizzare alcuni aspetti legati alla gestione della conoscenza all interno delle aziende altoatesine, con un chiaro focus sulla comunicazione e il fattore linguistico. Si sono dunque indagate la gestione della redazione e traduzione dei testi, nonché la gestione della terminologia. Lo studio si prefigge di individuare le strategie già note ed eventuali esempi virtuosi presenti sul territorio, come anche di evidenziare possibili lacune e margini di miglioramento. L indagine si è concentrata sulle piccole e medie imprese localizzate in Alto Adige tenendo in mente due assunti di base: a) Essendo l Alto Adige una zona storicamente multilingue, le problematiche della comunicazione intralinguistica e intraculturale si presume siano emerse prima che in altre zone d Italia. Ci si può perciò attendere di trovare degli approcci più maturi e sistematici agli aspetti che interessano la ricerca. b) Trovandosi geograficamente al confine tra il mondo di lingua tedesca e quello di lingua italiana, l Alto Adige ha sempre svolto un ruolo di ponte tra le due culture e di veicolo di innovazione, in particolar modo dall Austria e Germania verso l Italia. Poiché i Paesi germanofoni sono attualmente sicuramente più avanzati e attenti per quanto riguarda gli aspetti linguistici legati alla gestione della conoscenza, è lecito supporre che una parte di queste strategie siano già state prese in considerazione nella Provincia di Bolzano. Gli argomenti citati sono anche due dei punti di forza segnalati da Lechner e Moroder (2010: 26) nel loro ritratto dell economia altoatesina, ovvero la posizione geografica favorevole tra il mercato tedesco, austriaco e italiano lungo una delle principali linee di collegamento in Europa e il bilinguismo della popolazione. Metodologia La metodologia della ricerca sociale adottata per lo svolgimento della ricerca è l intervista semistrutturata (Corbetta 2003III: 69-93). A tale scopo è stato stilato un elenco di argomenti e spunti di conversazione da approfondire durante i colloqui con i soggetti della ricerca (cfr. allegato A). Tuttavia, poiché il campione si è rivelato particolarmente eterogeneo per formazione, esperienza e punti di vista, si è cercato di privilegiare di volta in volta gli aspetti per cui il soggetto intervistato poteva risultare maggiormente informativo, approfondendo con ognuno gli aspetti a cui sembrava dare maggiore importanza o in cui avesse esperienze più significative. Diverse interviste si sono dunque rivelate molto informative grazie alla decisione di staccarsi in parte dalla lista degli argomenti preordinati per approfondire alcuni aspetti specifici, mettendo così anche a proprio agio gli intervistati. Previa autorizzazione dei partecipanti all indagine, le interviste sono state registrate e trascritte in maniera riassuntiva. 23 soggetti hanno concesso la propria autorizzazione alla registrazione. Nonostante fosse stata data l assicurazione che le informazioni sarebbero state anonimizzate in un eventuale fase di pubblicazione ed utilizzate esclusivamente a fini scientifici, quattro soggetti hanno scelto di non firmare l autorizzazione. 2

3 La maggior parte delle interviste è stata condotta durante colloqui personali, mentre quattro si sono svolte al telefono. Campione intervistato Il campione di 27 persone intervistate si compone di tre principali categorie (cfr. Fig.1): 9 rappresentanti delle imprese, 5 associazioni di categoria o enti che lavorano a favore delle aziende (in qualità di osservatori privilegiati), 13 agenzie o mediatori linguistici professionisti (traduttori, interpreti, redattori). soggetti intervistati agenzie/mediatori linguistici 48% 33% 19% imprese enti e associazioni agenzie/mediatori 38% 23% 39% impiegati freelance agenzie Fig. 1: Distribuzione del campione per categoria Fig. 2: Suddivisione dei mediatori linguistici per tipologia I rappresentanti delle aziende sono per la maggior parte responsabili della comunicazione e/o del marketing, due intervistati ricoprono invece posizioni manageriali. Per quanto riguarda i professionisti della traduzione, il campione si divide in parti uguali per quel che riguarda i freelance e le agenzie di traduzione, mentre i traduttori impiegati come dipendenti interni presso le aziende sono tre (cfr. Fig. 2). Per una lista dettagliata dei soggetti che hanno partecipato alla ricerca, si veda l allegato B. 2. Contesto della ricerca Il contesto economico L economia in Provincia di Bolzano è caratterizzata dalla prevalenza di piccole imprese (Lechner & Moroder 2010: 6). Nel 2010 alla Camera di Commercio di Bolzano risultavano iscritte imprese, con una media di quattro dipendenti (Lechner & Moroder 2010: 12). Le imprese medio-grandi sono qualche dozzina, concentrate principalmente nell area di Bolzano e Brunico. Alcune delle aziende più grandi risalgono agli insediamenti produttivi dell era fascista (es. Acciaierie Valbruna), altre sono sedi di multinazionali estere (es. Birfield), a cui si aggiungono le imprese locali cresciute nel corso degli anni (es. Forst, Leitner, Durst) (cfr. Benedikter 2001: 35-36). I settori economici principali in Alto Adige sono il turismo, il commercio, l industria manifatturiera e l agricoltura. Il contesto linguistico Sul territorio della Provincia Autonoma di Bolzano vivono due minoranze linguistiche, rispettivamente di lingua tedesca e ladina. All ultimo censimento nazionale del 2001 la popolazione della Provincia si componeva per il 69,15% di persone appartenenti al gruppo linguistico tedesco, del 26,47% di cittadini di lingua italiana e di un 4,37% di popolazione appartenente al gruppo linguistico ladino (ASTAT 2002). 3

4 La popolazione di lingua italiana si concentra nelle città e nei centri urbani più grandi, la minoranza ladina nelle due valli dolomitiche di Gardena e Badia, mentre gli altoatesini di lingua tedesca risiedono in prevalenza nel restante territorio. Le lingue minoritarie sono fortemente tutelate dallo Statuto di Autonomia (DPR 670/1972), che all art. 99 sancisce la parificazione della lingua tedesca a quella italiana. Nello specifico, lo Statuto conferisce alla popolazione di lingua tedesca il diritto di utilizzare la propria lingua nei rapporti con tutti gli organi ed enti pubblici (art. 100). Nel settore privato non vige alcun obbligo di bilinguismo istituzionale, tuttavia è chiaro che le aziende site sul territorio si debbano confrontare con il fatto che i dipendenti, i fornitori, la clientela e il mercato parlino due o tre lingue (nelle valli ladine) a livello locale. Inoltre, la globalizzazione ha portato anche in Alto Adige la necessità di conoscere la lingua inglese per operare sui mercati internazionali. Al naturale bilinguismo o trilinguismo già radicato sul territorio si aggiunge pertanto un ulteriore lingua da gestire a livello della comunicazione e organizzazione aziendale. Le competenze linguistiche sono infatti necessarie sia per le funzioni interne sia per quelle esterne, ovvero da un lato per lo svolgimento delle mansioni di direzione e organizzazione dell impresa e dall altro per le funzioni che prevedono contatti esterni (es. logistica, vendite, ecc.). (cfr. Vinatzer 2009: 19). In Alto Adige, le aziende che operano solo sul mercato locale utilizzano principalmente la lingua italiana e tedesca, mentre quelle attive a livello internazionale non possono rinunciare all inglese (ibid.: 19). Alcune imprese richiedono, se possibile, anche nozioni di francese e di lingue dell est europeo, poiché hanno sedi distaccate o ampie fette di mercato in quelle zone. Secondo uno studio recente su Competenze linguistiche sul mercato del lavoro in Alto Adige, le strategie utilizzate dalle aziende in merito alle competenze linguistiche comprendono l assunzione di personale con le conoscenze desiderate (che a volte sono persino considerate prioritarie rispetto alle competenze professionali specialistiche!), nonché l incentivazione alla loro acquisizione, ma limitatamente alle funzioni per cui queste risultano fondamentali ai fini della competitività (es. a livello dirigenziale) (ibid.: 20). Nella maggioranza delle aziende altoatesine si comunica dunque in più lingue, ma permane una percentuale di ditte esclusivamente monolingui, a causa della loro ubicazione geografica e della prevalenza di personale che condivide la stessa lingua. In particolare, per quanto riguarda le aziende che utilizzano il tedesco, e più precisamente il dialetto locale, spesso sono localizzate nelle zone rurali. La lingua aziendale principale è naturalmente anche legata ai mercati a cui si rivolge l impresa (Pörnbacher 2009: 24). Se le aziende di lingua tedesca operano principalmente sui mercati germanofoni, quelle italiane e ladine puntano maggiormente al mercato italiano (ibid.: 26). La gestione della conoscenza Negli ultimi anni gli studi sulla gestione e l organizzazione d impresa si sono incentrati sulla conoscenza quale fattore di successo per le aziende e sulla sua gestione. In questa cosiddetta knowledge based view of the firm le imprese si definiscono in base al tipo di conoscenze di chi vi lavora, in base alle loro procedure scritte e alla loro cultura aziendale. Ogni azienda possiede delle conoscenze che si diffondono al suo interno ed esterno, creando così valore per l impresa. La gestione di questa conoscenza, la sua messa in circolo e il suo sfruttamento avvengono attraverso diversi strumenti, tra cui la progettazione organizzativa, la definizione dei ruoli professionali, la formazione del personale, la progettazione dei sistemi informativi, l implementazione dei sistemi di controllo, la valorizzazione della cultura organizzativa, ecc. (cfr. Profili 2004: 9-13). 4

5 Poiché il knowledge management, in italiano gestione della conoscenza, è un termine which has now come to be used to describe anything from organizational learning to database management tools (Ruggles 1998: 80 cit. in Profili 2004: 13) e si trovano moltissime definizioni diverse, per la ricerca si è adottata quella sufficientemente semplice e generica proposta da Abdecker (2002). Per quest ultimo la gestione della conoscenza è ein systematischer und strukturierter ganzheitlicher Ansatz, der implizites und explizites Wissen im Unternehmen als strategische Schlüsselressource versteht und daher darauf abzielt, den Umgang mit Wissen auf allen Ebenen nachhaltig zu verbessern, um Kosten zu senken, Qualität zu steigern, Innovation zu fördern und Entwicklungen zu verkürzen. La definizione di Abdecker va completata con la spiegazione di cos è la conoscenza, ovvero, secondo Nonaka & Takeuchi (1995, cit. in Profili 2004: 16), il prodotto complesso dell apprendimento, [che] deriva dall interpretazione di informazioni e credenze su relazioni causa-effetto, dall applicazione delle informazioni. In altre parole, la conoscenza è un insieme di informazioni, che non solo contiene dei significati, ma [ ] significati che investono le credenze del soggetto e ne orientano l azione (Fontana & Lorenzoni 2004: 12). Secondo Probst (2006: 22) si tratta della Gesamtheit der Kenntnisse und Fähigkeiten, die Individuen zur Lösung von Problemen einsetzen. Esistono diversi tipi di conoscenza (Nonaka & Takeuchi 1995), i quali vanno gestiti e convertiti l uno nell altro per svilupparli, applicarli e sfruttarli ai fini aziendali. La conoscenza tacita va trasformata in conoscenza esplicita e viceversa, al fine di innescare una spirale che si alimenti da sola. Fig. 3: La spirale della conoscenza secondo Nonaka & Takeuchi (Mittelmann 2005) La conoscenza tacita è insita nell individuo e spesso non si riesce a verbalizzare e articolare chiaramente (es. le abilità motorie e cognitive). Anche le imprese nelle proprie attività quotidiane operano sovente ricorrendo a un sistema di conoscenze non completamente codificato in qualche memoria organizzativa. La conoscenza esplicita è invece quella chiaramente codificata e codificabile, consapevole. (Fontana & Lorenzoni 2004: 13). Per far sì che la conoscenza tacita sia tramutata in esplicita, è necessario che quest ultima sia condivisa informalmente (processo di socializzazione), poi verbalizzata con l aiuto di metafore e modelli (processo di esternalizzazione), aggregata e sistematizzata con altra conoscenza in documenti, banche dati, eventi informativi, ecc. (processo di combinazione). Infine, questa conoscenza esplicitata e fissata su supporti esterni può essere di nuovo incorporata e automatizzata dal personale aziendale (processo di internalizzazione) (cfr. Fontana & Lorenzoni 2004, Profili 2004, Mittelmann 2005). Una buona gestione della conoscenza mira a creare plusvalore per l azienda, aumentarne l efficienza, potenziarne la capacità innovativa e costituire una rete interna di esperti che possa reagire in maniera veloce e competente a qualsiasi problema (cfr. Mittelmann 2005). 5

6 Tutti questi processi hanno un aspetto linguistico da gestire, ancor di più se la spirale della conoscenza va attivata in diverse lingue. La lingua è infatti il mezzo più importante attraverso cui si manifesta e rende trasferibile la conoscenza. È un fattore che tocca tutta la catena delle attività aziendali (Fig. 4). Fig. 4: Processi aziendali in cui si ravvisa una componente linguistica (RaDT 2009) Le competenze linguistiche (in una o più lingue) diventano dunque imprescindibili per il buon funzionamento dell impresa e per lo sfruttamento di tutto il potenziale aziendale. A ciò si aggiunga che, secondo lo studio ELAN concernente gli effetti della mancanza di conoscenze delle lingue straniere sull economia europea (CILT 2006), un notevole numero di PMI perde opportunità di lavoro come diretta conseguenza della mancanza di competenze linguistiche e interculturali. La presente indagine mira ad analizzare alcuni aspetti specifici della gestione della conoscenza in chiave multilingue, concentrandosi sulla presenza di documentazione, sulla gestione e organizzazione del processo traduttivo e comunicativo, nonché sul management e sulla condivisione di terminologia. 3. Risultati dell indagine Situazione attuale Poche imprese altoatesine hanno dei traduttori impiegati in house. Si tratta di aziende grandi, in parte con una casa madre all estero presso la quale sono impiegati altri traduttori. La maggior parte delle aziende in Provincia di Bolzano si affida a professionisti esterni oppure provvede internamente tramite i collaboratori del marketing o altri dipendenti che abbiano le competenze linguistiche necessarie. Si riscontrano tre principali politiche di gestione delle traduzioni: gli incarichi di routine o meno voluminosi sono trattati internamente, i lavori più onerosi sono affidati a esperti esterni; il reparto marketing o comunicazione redige i testi, poi coordina e controlla ove possibile le traduzioni commissionate a professionisti freelance o agenzie; 6

7 si gestisce tutto internamente, o perché ci sono dei traduttori in casa, o perché ci si rivolge ai propri collaboratori anche se questi non sono esperti mediatori linguistici. Nelle aziende intervistate in linea di massima sono i tecnici a redigere e tradurre la documentazione interna e i cataloghi delle merci. Gli esperti linguistici possono essere eventualmente coinvolti per qualche consulenza specifica. Il materiale pubblicitario o informativo, come anche il sito web, è in genere curato interamente dal marketing o da agenzie pubblicitarie esterne. Diverse aziende producono i testi nelle due lingue ufficiali della provincia al proprio interno, altrimenti ci si rivolge a traduttori freelance o agenzie di traduzione. Il ricorso sistematico al lavoro delle agenzie di traduzione, piuttosto che a singoli freelancer, è più frequente nei casi in cui la comunicazione debba avvenire in più di due o tre lingue, come nel caso di due aziende intervistate che hanno un ampio mercato a livello comunitario ed internazionale. Le aziende con dei traduttori in house hanno assunto esclusivamente persone laureate in traduzione o interpretazione. Diverse organizzazioni impiegano delle traduttrici che si occupano del tutto o in parte di comunicazione e che non necessariamente si occupano dell attività per la quale sono state formate all università. Presso alcune imprese le attività di produzione o management delle traduzioni sono gestite centralmente da un addetto o dai responsabili del marketing. In altre aziende spetta ai responsabili dei singoli progetti, ai tecnici ecc. tenere i contatti con i traduttori. È dunque comune per un traduttore avere diverse persone di contatto all interno di una stessa azienda. Tranne in alcuni casi particolarmente attenti alla comunicazione, ad esempio, perché il prodotto ha un immagine molto curata, perché il nome può incidere notevolmente sulle vendite o perché ci si rivolge a un mercato fortemente concorrenziale, non sembra che i problemi terminologici vengano riconosciuti e discussi a fondo, né all interno dell azienda né con i traduttori interni o esterni. In generale l approccio alla comunicazione multilingue è molto pragmatico. Internamente si comunica in maniera bilingue o plurilingue solo quando è veramente necessario. Spesso è la madrelingua di chi segue un progetto a determinare la lingua dei documenti relativi a quel progetto. Non tutto viene tradotto, solo ciò che è indispensabile per un qualsiasi motivo, sia esso giuridico, legato al marketing o ad altre necessità. Verso l esterno ci si rivolge nelle due lingue ufficiali della Provincia di Bolzano nella pubblicità e nel marketing, con aggiunta di altre lingue eventualmente dettate dal mercato, altrimenti la lingua scelta è di volta in volta quella del cliente o del fornitore. La comunicazione istituzionale delle associazioni di categoria è invece quasi sempre bilingue, con minori o maggior margini di flessibilità nel caso di comunicazioni che si rivolgano a un target molto specifico e uniforme dal punto di vista linguistico. Il lavoro linguistico-terminologico accompagna la nascita di un nuovo prodotto o servizio con sufficiente lungimiranza solo in rari casi. La necessità di correzioni e revisioni linguistiche o terminologiche può di conseguenza emergere in fase di traduzione verso altre lingue e dietro consiglio del traduttore. Non si riscontra un attenzione diffusa e sistematica alla gestione della documentazione e della traduzione, ancor meno a quello della terminologia. Alcune organizzazioni che hanno una propria terminologia interna, ad esempio relativa a macchinari innovativi, a etichette di prodotto o ai propri uffici e servizi, come anche le aziende che per un qualsiasi motivo hanno delle preferenze dal punto di vista terminologico, notano errori e imperfezioni nei testi stilati dai traduttori. Non sempre lo fanno 7

8 presente, ma in alcuni casi ciò può naturalmente portare alla decisione di servirsi di un altro professionista. Diversi intervistati auspicherebbero un approccio più metodico alla gestione della terminologia; tuttavia, per mancanza di tempo o di fondi raramente queste esigenze si concretizzano in progetti di lavoro. L atteggiamento più diffuso è che i problemi si affrontano e risolvono singolarmente a mano a mano che emergono. Il forte pragmatismo può portare alcune aziende a rinunciare a una lingua ufficiale della Provincia a favore dell inglese o alla lingua di un particolare mercato molto importante, oppure a differenziare il numero di informazioni e il livello di approfondimento in base alla lingua, ad esempio nei siti web. La sensazione è che investire nella sistematizzazione della terminologia o nell assunzione di un traduttore interno sarebbe un extra desiderabile, ma non necessario e sicuramente non possibile in tempi di crisi economica. Finché non si raggiunge dunque il punto in cui le procedure e le strategie consolidate si rivelano assolutamente perdenti e insostenibili, si procede come d abitudine senza operare azioni di (ri-)organizzazione più lungimiranti. L utilizzo di sistemi di traduzione assistita (CAT) o di gestione della terminologia non è molto diffuso, né all interno delle imprese né tra i traduttori freelance per cui è indispensabile che i testi siano sufficientemente omogenei e ripetitivi al fine di giustificare un investimento che può risultare anche piuttosto oneroso. I CAT utilizzati in azienda sono Trados Translator s Workbench, Atril Déjà Vu X e, in almeno un caso, Across. Le agenzie e i traduttori lavorano principalmente con i programmi commerciali (Trados, Wordfast); un agenzia ha dei collaboratori che utilizzano OmegaT. Tuttavia, è da sottolineare che non tutte le organizzazioni che impiegano uno o più traduttori interni hanno investito in sistemi di traduzione assistita: in un caso la consulenza di un fornitore di sistemi CAT ne ha sconsigliato l acquisto per l eccessiva varietà di testi trattati. Per quanto riguarda la gestione di terminologia, poche aziende si sono preoccupate di stilare dei glossari interni o addirittura di creare delle raccolte terminologiche in software dedicati, siano essi commerciali o open source. Sovente sono i traduttori o le agenzie a creare dei glossari tematici afferenti al committente, ma questi raramente vengono inviati ai clienti o richiesti da questi. La maggior parte delle questioni terminologiche che emergono internamente o in base alle domande poste dai traduttori sono risolte puntualmente con l aiuto degli esperti che lavorano per l azienda. Non è possibile fare una distinzione tra le imprese che le classifichi in base alla maggiore o minore attenzione alla comunicazione multilingue e alla sua qualità o sistematizzazione. Le opinioni dei rappresentanti delle aziende, degli osservatori privilegiati e dei traduttori divergono. I fattori di distinzione citati che sembrano più interessanti o condivisi sono i seguenti: 1. Le dimensioni dell azienda. Più grande e internazionale è l impresa, più è probabile che abbia i mezzi, il personale e le competenze per affrontare determinate problematiche insite nella documentazione, traduzione e terminologia in maniera sistematica e organica. 2. La tipologia di azienda. Chi offre un prodotto tangibile, soprattutto se di nicchia o di eccellenza, può affidarsi in parte anche alla qualità e solidità dello stesso, mentre chi offre un servizio è in un certo senso obbligato a ottimizzare la comunicazione per venderlo. Le imprese che offrono servizi sarebbero mediamente più attente al fattore linguistico rispetto a quelle che vendono un prodotto tangibile. Lo stesso vale per chi si rivolge direttamente al consumatore finale. 3. La lingua principale del management. Si tratta di un fattore piuttosto controverso, perché parrebbe che le aziende di lingua tedesca siano più attente al fattore linguistico e che abbiano minori difficoltà a comunicare a livelli adeguati in entrambe le lingue ufficiali della Provincia di 8

9 Bolzano. In realtà, molto potrebbe dipendere dal mercato a cui ci si rivolge e alle competenze del personale, come anche dalle politiche specifiche imposte dalla direzione aziendale. Un settore che merita una trattazione separata è quello del turismo. I fattori principali di cui tenere conto in questo caso sono: 1. l alto numero di imprese piccole e familiari sparse sul territorio della Provincia di Bolzano, prevalentemente gestite da cittadini di madrelingua tedesca; 2. la diversa tradizione turistica delle zone altoatesine, alcune delle quali sono frequentate da ospiti internazionali da più di un secolo; 3. l imprescindibilità di una comunicazione curata ed efficace per attirare l ospite in zone in cui la concorrenza è molto forte; 4. l aumento di turisti provenienti, oltre che dalle zone tedescofone e dal restante territorio italiano, anche da molti altri Paesi europei ed extraeuropei. Il piano delle interviste non comprende albergatori, proprio perché si tratta di una realtà particolare che meriterebbe una dettagliata analisi a se stante. Tuttavia, poiché molti freelance e agenzie di traduzione lavorano spesso o quasi esclusivamente con questo tipo di clienti, è utile fornire una breve descrizione della situazione nel settore alberghiero. In generale, la grande dimensione degli alberghi, la categoria elevata e la localizzazione in zone turistiche storiche in cui vige molta concorrenza (come le valli dolomitiche e la Val Pusteria), sembrano favorire una maggiore attenzione alla comunicazione con l ospite. Ciò si riflette sia sulla quantità di lingue utilizzate sia sulla qualità della comunicazione auspicata. Con questo tipo di committenti raramente i traduttori lamentano delle difficoltà. Diverso è il caso delle piccole strutture a gestione familiare, che spesso arrivano a contestare (non sempre a ragione) o addirittura a rinunciare al servizio dei professionisti a favore di un meno oneroso fai da te. Ne consegue che non tutte le strutture alberghiere altoatesine possono vantare un sito plurilingue e nemmeno bilingue, soprattutto se site in zone in cui la clientela proviene principalmente da Germania, Austria e Svizzera. In molti altri casi la comunicazione avviene in più lingue, ma con una scarsa coscienza delle differenze culturali insite nei diversi target da raggiungere. Di conseguenza capita, ad esempio, di trovare lodato il clima mediterraneo dell Alto Adige e una dettagliata descrizione della ricca colazione a buffet a base di cereali, formaggi e affettati anche sulle pagine web in lingua italiana. In realtà, l ospite italiano è più probabile che sia attirato dalle frescure alpine e preferisca sentirsi rassicurato sull ottima qualità del caffè espresso! Si nota che il mercato della traduzione in Alto Adige è sostanzialmente ancorato ai servizi offerti sul territorio. Le lingue più richieste sono l italiano e il tedesco, seguite dall inglese. La maggior parte delle aziende si rivolge a professionisti o agenzie locali, a meno di non avere esigenze particolari in termini di numero o tipo di lingue richieste. Molti incarichi sono affidati a mediatori linguistici consigliati da colleghi imprenditori, personalmente noti a qualcuno dei collaboratori in azienda, indicati da un traduttore già noto o raccomandati da qualche altra conoscenza. Considerato il livello delle tariffe altoatesine mediamente più alte che nel resto d Italia, il ricorso a professionisti attivi in Provincia di Bolzano è probabilmente dovuto a due motivi. Da un lato è sicuramente più facile trovare persone di madrelingua tedesca, lingua considerata particolarmente difficile, in Alto Adige rispetto al restante territorio nazionale. Dall altro lato va forse considerata la particolarità della realtà linguistica altoatesina per cui chi non conosce bene il territorio e gli usi linguistici locali potrebbe produrre un testo non necessariamente aderente alle aspettative del cliente. Di frequente anche gli incarichi svolti fuori Provincia sono affidati ad altoatesini oriundi e persino molti dei traduttori stranieri che lavorano per le imprese locali risiedono sul territorio da lungo tempo. Si tratta perciò di persone con una solida 9

10 conoscenza della realtà locale. In un pianeta globalizzato e altamente connesso, il mondo della traduzione altoatesina potrebbe definirsi quasi a chilometri zero. Il tasso di fidelizzazione del cliente sembra essere buono, in generale le aziende non cambiano facilmente un traduttore di cui apprezzano il servizio. Tuttavia, se un professionista per un qualsiasi motivo deve rifiutare più di un incarico di seguito, le probabilità che l azienda si rivolga a qualcun altro aumentano. La costanza dei rapporti tra traduttore/agenzia e cliente si basa su diversi fattori: 1. L apprezzamento e la soddisfazione relativi al lavoro svolto. In alcuni casi questo fattore prevale sul costo del servizio, per cui alcune aziende sono disposte a pagare una tariffa mediamente alta, purché l incarico sia svolto a livelli di eccellenza. A differenza del settore pubblico, di cui molti traduttori lamentano l eccessiva corsa al ribasso sui prezzi o la scarsa attenzione alla qualità del lavoro, nel privato la qualità sembra essere ancora un fattore tenuto in notevole considerazione. 2. La poca dimestichezza con il mercato della traduzione. Si tende a mantenere i rapporti già stabiliti senza porsi interrogativi sui costi e sulla qualità del lavoro, in parte non sapendo a chi altro rivolgersi, in parte perché non si sa nemmeno valutare appieno la qualità del servizio fornito. 3. Un volume di traduzioni contenuto e sporadico. Per alcune aziende è sufficiente tenere contatto con uno o due traduttori, poiché quello delle traduzioni non è da considerarsi un ambito in cui si possano ottenere risparmi significativi. A meno di riscontrare gravi carenze nel servizio fornito, non sussiste dunque l interesse a rivolgersi ad altri professionisti. 4. L assoluta puntualità in fase di consegna delle traduzioni da parte di agenzie e freelance. Sembra necessario sottolineare qui l assoluta imprescindibilità dalla puntualità di consegna, che rientra naturalmente nelle garanzie fornite da qualsiasi professionista serio, solo perché diversi traduttori lo segnalano come fattore che non di rado si rivela quasi più importante della qualità del servizio. I tagli alle traduzioni in tempi di crisi economica possono riguardare sia le lingue verso le quali si traduce, sia la quantità di testi tradotti; si stabilisce pertanto quali sono i mercati più importanti o che debbono assolutamente essere affrontati in una determinata lingua e quali possono invece essere raggiunti tramite una lingua franca, come ad esempio l inglese, in base al numero di clienti o alle abitudini linguistiche di quel preciso mercato. Allo stesso modo, si riduce il volume delle traduzioni scegliendo quali sono i testi per cui si può evitare di richiedere una versione in un altra lingua oppure è sufficiente un testo approssimativo prodotto da traduttori automatici o persone inesperte. Una soluzione molto comune è quella di cercare di coprire le proprie esigenze traduttive il più possibile con personale interno, evitando di causare costi accessori all azienda. Problematiche riscontrate Le aziende che cercano di coprire le proprie esigenze linguistiche e traduttive internamente non tengono conto del fatto che possa essere necessaria una formazione linguistica specifica per svolgere il lavoro al meglio o anche solo ai livelli di efficienza ed efficacia auspicabili. Le traduzioni sono affidate a impiegati bilingui, magari con una maturità linguistica, o a collaboratori di qualsiasi reparto che provengono dal Paese in cui si parla la lingua richiesta. Naturalmente questi ultimi non sono sempre né in grado né felici di improvvisarsi traduttori. In generale vige la falsa credenza che il lavoro di traduzione possa essere svolto da chiunque abbia una formazione linguistica, eventualmente anche come attività collaterale a quella principale di segreteria, centralino e simili. Può anche accadere che un lavoro di traduzione abbastanza regolare sia affidato a collaboratori privi di formazione specifica 10

11 che non sono nemmeno dei madrelingua. In questo caso ovviamente il discrimine va posto nel livello di competenza linguistica, nonché l esperienza e le competenze del collaboratore relative all argomento trattato. Come spesso accade a chi non ha dimestichezza con le difficoltà e le esigenze del lavoro di traduzione, la tentazione di utilizzare i traduttori interni ed esterni quasi come un dizionario vivente a cui spedire singole parole o frasi da tradurre è piuttosto forte. È sicuramente interessante la decisione di un impresa che per eliminare alla radice le difficoltà accessorie dettate dal locale bilinguismo si è trasformata in una ditta che opera largamente in una sola lingua (principalmente per motivi di snellezza burocratica), pur non essendo questa la madrelingua della proprietà, né della maggior parte dei collaboratori. Alcuni atteggiamenti condivisi contribuiscono a indicare il valore attribuito al lavoro di traduzione. Agli occhi dei traduttori il bilinguismo diffuso in Provincia di Bolzano fa sì che molti committenti sembrino ritenere che chiunque conosca entrambe le lingue ufficiali, o una qualsiasi lingua, abbastanza bene sia in grado di tradurre dall una all altra, anche testi altamente tecnici e specifici. Alcune imprese dichiarano di ricorrere al traduttore più per una presunta mancanza di tempo che non per l esigenza di un determinato tipo di competenze e professionalità che non si hanno in azienda. D altro canto accade che dal mediatore linguistico professionista ci si aspetti una competenza terminologica tanto vasta da coprire tutti i campi dello scibile, senza considerare che non è sufficiente sapere una lingua per conoscerne e utilizzare correttamente tutta la terminologia specialistica esistente. Ne consegue anche una scarsa capacità di valutare i tempi necessari a produrre una traduzione, soprattutto se di qualità. Sorprende che, persino da parte delle agenzie pubblicitarie, con cui molti freelance o agenzie di traduzione collaborano regolarmente, sia sottovalutata la difficoltà di trasferire determinati concetti in un altra lingua/cultura, di tradurre giochi di parole, come anche di operare i necessari adattamenti stilistici. Si nota una mancanza di corrispondenza tra ciò che viene genericamente indicato come politica linguistica aziendale, per cui una comunicazione corretta ed efficace viene vista come imprescindibile, e la realtà dei fatti. Se la correttezza grammaticale e linguistica delle , del materiale inviato a clienti e fornitori e dei testi pubblicitari viene descritta come molto importante, rimane la sensazione che si tratti di una presa di posizione superficiale, che non trova necessariamente riscontro in una sapiente gestione della documentazione o degli incarichi di traduzione, né in un impegno alla sistematizzazione della terminologia. Persino se il traduttore a cui ci si rivolge regolarmente fa notare che nei testi sussistono delle incongruenze terminologiche da risolvere, non tutte le ditte sono disposte a fare degli sforzi (anche minimi) per risolverle. La pubblicità è sicuramente molto più curata della documentazione tecnica dal punto di vista linguistico, poiché quest ultima raramente viene rivista da persone con competenze linguistiche al fine di ottimizzarla dopo essere stata prodotta e/o tradotta dai tecnici. D altro canto, anche la documentazione prodotta dai traduttori non viene necessariamente riletta dai tecnici. Accade che per mancanza di tempo (e non necessariamente di competenze linguistiche) alcune traduzioni consegnate da freelance o agenzie esterne non siano nemmeno rilette e controllate all interno dell azienda. All estremo opposto, diversi traduttori lamentano l eccessiva puntigliosità di alcuni committenti che insistono per apportare modifiche ai testi, che non sempre ne comportano un miglioramento. Per i traduttori altoatesini quest ultima affermazione sembrerebbe riferirsi più ai committenti di lingua tedesca. Alcune organizzazioni ammettono di essere state confrontate con dei problemi terminologici o legati alle traduzioni. Tuttavia, fatta eccezione di chi ha deciso di instaurare un servizio di traduzione o gestione terminologica interno all azienda, poche hanno affrontato le difficoltà in maniera sistematica. I problemi sono piuttosto affrontati singolarmente e a mano a mano che si presentano. Può accadere 11

12 che un rappresentante della direzione aziendale si trinceri dietro l opinione che le vendite dei propri prodotti non aumenterebbero se la documentazione per il cliente fosse migliorata dal punto di vista linguistico, senza che si consideri il sicuro risparmio che ne deriverebbe in termini di un minor numero di richieste di chiarimento e informazioni o chiamate al call center, ad esempio. In aggiunta, la mancanza di coordinazione delle traduzioni può portare a casi estremi in cui al traduttore viene spedito un testo che ha già tradotto oppure un documento che si legge chiaramente come frutto di una traduzione dalla lingua in cui lo si richiede. Poiché l originale non è a disposizione, il traduttore si ritrova a riprodurre il testo di partenza a partire da quello di arrivo. Infine, non essendo chiaro il tipo di lavoro che svolge un traduttore, il quale dopo anni di collaborazione con una stessa impresa disporrà di un accurato glossario terminologico relativo alle attività della stessa (se non su qualche supporto esterno, almeno nella propria testa), manca la coscienza che cambiare un traduttore di lunga data comporta anche la perdita di tutto quel patrimonio. Allo steso modo non ci si rende conto che, in alcuni casi, si potrebbe richiedere al professionista di produrre, oltre alle traduzioni, anche un glossario dedicato da perfezionare con l ausilio dei propri esperti e poi diffondere in azienda. Si segnala una diffusa mancanza di feedback finale ai traduttori. Accade che il committente cambi la versione consegnata dal traduttore senza informarlo, cosa che sarebbe invece importante quando si riscontrano errori o si hanno anche solo delle semplici preferenze terminologiche. Questa assenza di feedback fa sì che gli stessi errori possano ritornare in incarichi futuri; si perde così l occasione di ottimizzare il rapporto di collaborazione e la qualità dei testi. Lo stesso vale per il briefing all inizio di un incarico di traduzione o di una collaborazione, che è piuttosto scarno o inesistente. La disponibilità a fornire informazioni o materiale su richiesta puntuale del traduttore è invece sicuramente molto maggiore. La formazione dei nuovi collaboratori raramente comprende un aspetto linguistico. La terminologia aziendale viene appresa lavorando sul campo. Persino chi ha dovuto imparare con non poco impegno personale la terminologia specialistica del settore in cui lavora pare sottovalutare la difficoltà di apprendere, comprendere e tradurre detta terminologia in maniera corretta. Tutti i fattori appena descritti portano molte imprese a vedere la traduzione quasi come un male necessario che, come anche un eventuale riflessione terminologica, giunge prevalentemente alla fine del processo di sviluppo di un nuovo prodotto o servizio. Naturalmente, per motivi di tempo, capita che i testi dati in traduzione non siano quelli definitivi, con ovvie difficoltà del traduttore che poi dovrà ricontrollare e risistemare le ultime modifiche, le quali non sempre sono adeguatamente segnalate. Infine, alcuni traduttori lamentano la scarsa qualità dei testi di partenza. Ciò sembra valere in particolar modo per la lingua tedesca, in riferimento alla quale si segnalano anche la scarsa presenza sul territorio di professionisti veramente bravi e le parziali difficoltà di comprensione dei testi prodotti in Alto Adige negli altri Paesi di lingua tedesca. Spunti ed esempi virtuosi Le interviste svolte hanno messo in luce i vari e diversificati fronti su cui si sono impegnate alcune organizzazioni altoatesine per quanto riguarda la gestione della documentazione, delle traduzioni e della terminologia. Alcune aziende, ma soprattutto le associazioni di categoria per ovvi motivi di particolare attenzione alla qualità della comunicazione, seguono la buona prassi di procedere a una redazione parallela dei testi in due o più lingue. Dopo aver pianificato bene il contenuto dello scritto, la stesura è affidata separatamente e con ampia libertà di formulazione ai rispettivi madrelingua. Naturalmente ciò implica la presenza di almeno due collaboratori di lingua diversa, ma ha il vantaggio di far sì che le 12

13 comunicazioni siano sempre dei testi originali, mirati ad uno specifico target e redatti nel pieno rispetto delle convenzioni e strategie comunicative che si aspettano i lettori. Si elimina dunque il rischio di produrre testi che, troppo aderenti al testo di partenza, si leggano come delle cattive traduzioni. In queste imprese spesso vige anche la regola più o meno ufficiale che ognuno può comunicare nella propria madrelingua, poiché le competenze passive dei collaboratori sono più che sufficienti a permettere una comprensione reciproca. Per quanto riguarda i servizi di traduzione, si segnala che l assunzione di traduttori interni all azienda con il tempo porta a sfruttare il servizio sempre di più, aumentandone il personale e la dotazione tecnica con l acquisto di software di traduzione assistita che consentano un agile collaborazione tra i traduttori. Il servizio è apprezzato e sfruttato persino nelle situazioni in cui, per un classico caso di serendipity, ci si rende conto di avere in azienda dei laureati in traduzione nelle cui mansioni non era inizialmente prevista l attività di traduzione o doveva essere solo marginale. Le formule adottate sono diverse: i traduttori in house si occupano di tutta la documentazione e comunicazione interna ed esterna oppure solo di alcuni tipi di testi. Estremamente lodevole come approccio alla documentazione tecnica, il test di leggibilità dei libretti di accompagnamento e dei manuali d uso dei propri prodotti avviata dai traduttori di un azienda. Naturalmente esistono approcci diversi all impiego di personale esperto in azienda. I rappresentanti delle imprese e le agenzie di traduzione riportano qualche caso in cui i servizi linguistici sono stati quasi completamente esternalizzati. Le imprese si rivolgono di norma alle agenzie pubblicitarie per la creazione di siti web o materiale pubblicitario, che a loro volta coinvolgono i freelance o le agenzie di traduzione per la predisposizione multilingue dei testi. Altre ditte, soprattutto chi ha un mercato molto internazionale e necessita di traduzioni in diverse lingue, hanno un servizio marketing interno e tengono i contatti direttamente con le agenzie di traduzione. Solo in rari casi in cui l attenzione alla qualità della comunicazione è particolarmente viva e sussiste la volontà di affidarsi ai professionisti migliori collaborando con loro in maniera stretta e personale, si trovano uffici marketing che tengono i contatti con singoli traduttori freelance che curano lingue diverse. La disponibilità a fornire informazioni e supporto terminologico o materiale informativo ai traduttori è mediamente buona, sia a detta delle imprese sia nell opinione dei traduttori. La persona di contatto in ditta è quasi sempre disponibile a chiarire difficoltà terminologiche direttamente o tramite altri esperti in azienda in fase di produzione della traduzione, come anche a fornire materiale informativo specifico. Quando si deve avviare una collaborazione con un nuovo fornitore di servizi traduttivi, le imprese che puntano molto sulla comunicazione si prendono il tempo per un accurato briefing iniziale o l impegno di fornire indicazioni terminologiche (in forma di glossario, di testi paralleli, ecc.). Chi presta particolare attenzione al fattore linguistico-comunicativo dà sicuramente la priorità alla qualità e dunque è più probabile che limiti e selezioni il materiale da tradurre, ma che vi dedichi molta cura. Un impresa riporta di garantire una doppia o tripla lettura del lavoro consegnato dai propri traduttori da parte dei madrelingua esperti che collaborano con l azienda, altre lo controllano almeno una volta. Dal punto di vista delle soluzioni tecniche per la gestione della terminologia e delle traduzioni, oltre al ricorso a sistemi CAT commerciali, è certamente degno di nota il sistema di gestione e smistamento delle traduzioni creato per un azienda con casa madre all estero. Lo strumento centralizzato obbliga tutti coloro che hanno bisogno di una traduzione a caricarlo in un unico sistema con l indicazione dell urgenza e dei tempi di consegna. Nel momento in cui uno dei traduttori accetta l incarico anche tutti i colleghi vedono che il testo è in lavorazione. La riconsegna del testo di arrivo avviene attraverso lo stesso sistema. In questo modo si evita il rischio che un testo sia preso in carica da due traduttori in contemporanea o rimanga in qualche casella postale senza essere considerato. Le imprese più grandi 13

14 hanno anche dei glossari accessibili a tutti tramite reti locali o cartelle condivise. Un azienda ha sviluppato una propria raccolta terminologica contenente schede piuttosto complete sulla base di un software open source e chiedendo a un esperto informatico di adattare il sistema alle proprie esigenze. Essendo quest ultima un impresa in rapida espansione a livello internazionale, sta attualmente anche considerando vari sistemi per ottimizzare la condivisione interna di informazioni (ad esempio, sul materiale fotografico disponibile, sui clienti le loro esigenze, le visite effettuate dai rappresentanti di zona, ecc.). Il processo è in ancora in divenire, ma si nota una forte sensibilità nei confronti della gestione e condivisione della conoscenza aziendale. Le organizzazioni in rapida espansione non di rado sono poste davanti al problema di come affrontare nuove sfide e riorganizzarsi internamente per gestire al meglio le problematiche date da un crescente numero di collaboratori o da una sempre maggiore internazionalizzazione. È il caso di un organizzazione che, dopo diversi anni di rapida crescita e l assunzione di una buona percentuale di personale straniero con solide competenze tecniche ma non necessariamente in grado di comunicare in entrambe o in alcuna delle due lingue ufficiali della Provincia, si è trovata nell impellente esigenza di riorganizzare e far tradurre il proprio manuale organizzativo interno a fronte di un carico di richieste di informazioni e spiegazioni rivolte agli uffici amministrativi interni divenuto troppo oneroso per essere sostenibile a lungo termine. Inoltre, questo passo è considerato una buona occasione per condividere e rafforzare la cultura d impresa. Per far nascere una cultura d impresa comune anche un osservatore privilegiato ha seguito un percorso di discussione e formulazione dei propri compiti e obiettivi, impegnandosi a dare definizioni chiare e condivisibili ai termini chiave del proprio settore per poi diffonderle all interno della struttura, nata dalla fusione di due organizzazioni preesistenti. Questo processo di riorganizzazione e ridefinizione interna è stato presentato anche all esterno, raccogliendo così ulteriori feedback per migliorare la strategia comunicativa. Grazie a questo notevole impegno, ora l organizzazione può sicuramente vantare un tasso di coesione interna e condivisione degli obiettivi molto alta. Il processo si è rivelato indubbiamente oneroso in termini di tempo e sforzi necessari, forse troppo per un azienda commerciale. Tuttavia, poiché gli indicatori rilevati prima e dopo il processo ne mostrano chiaramente i primi effetti positivi, l organizzazione valuterà l opportunità di condividere le strategie e metodologie adottate anche con le aziende che si rivolgono ad essa per supporto e consulenze. Sebbene percorsa in maniera meno rigorosa e approfondita, la strategia adottata da quest ultima potrebbe servire da lezione a molte imprese a cui manca un buon livello di coesione interna, nonché di condivisione degli obiettivi e della propria cultura d impresa. Infine, spicca per il buon livello di assistenza offerto ai propri soci il lavoro di una delle associazioni di categoria, che ha selezionato dei traduttori esperti in quel determinato settore per chi avesse bisogno dei loro servizi e messo a disposizione un glossario multilingue con i termini chiave della disciplina. Il glossario non è stato stilato da linguisti, bensì da esperti e tecnici del campo e solo per i termini più difficili sono state interpellate delle agenzie di traduzione che avevano già lavorato nel settore. Il glossario e la lista dei traduttori professionisti sono accessibili solo agli associati e sembrano godere di una buona popolarità. 4. Conclusioni In base ai dati raccolti si possono individuare alcune aree di intervento per iniziare a sensibilizzare le imprese altoatesine, ma anche i professionisti della mediazione linguistica. 14

15 Da parte dei traduttori freelance altoatesini si potrebbe sicuramente rafforzare la rete di collaborazioni, che invece sembra essere più solida tra gli interpreti. Ciò è dovuto sicuramente al fatto che gli interpreti quasi sempre lavorano a coppia o in gruppo ed è nel loro interesse mettere i colleghi di cabina in condizione di lavorare al meglio, ad esempio, condividendo i propri glossari terminologici. Molti traduttori locali lavorano invece principalmente da soli e diversi professionisti non sono iscritti all Associazione Provinciale dei Traduttori (APT), che sarebbe la cornice ideale per favorire la nascita di un fitto network di collaborazioni. A sua volta, l APT sfortunatamente non ha a disposizione fondi né tempo a sufficienza per attivarsi in maniera mirata e organizzare delle campagne di networking o di sensibilizzazione rivolte alle aziende. In molti casi infatti sembra che chiarire bene quali siano i compiti e le capacità che si possono richiedere a un mediatore linguistico, i servizi principali e accessori che può offrire, i vantaggi di una collaborazione stabile e/o di una maggiore esternalizzazione dei servizi linguistici, come anche i doveri di informazione e supporto da parte dei committenti, potrebbero portare un vantaggio sia alle aziende sia ai professionisti. Alcune associazioni di categoria si adoperano già in parte in questo senso insistendo sull importanza di una buona comunicazione multilingue o mettendo persino a disposizione degli strumenti linguistici e terminologici dedicati ai propri soci. Si tratta sicuramente di esempi lodevoli da seguire e incentivare maggiormente. Un modo per invogliare le imprese ad adottare strategie diverse o più sistematiche per la gestione multilingue della propria conoscenza è presentare loro degli approcci efficaci ed efficienti già seguiti da altre aziende del proprio territorio. Naturalmente va tenuto conto del diverso settore di attività, delle possibilità finanziarie, della natura e delle dimensioni delle imprese. Oltre a una mera presentazione delle buone pratiche sarebbe dunque auspicabile presentare un pacchetto di interventi possibili che operino su diversi fronti e che richiedano un grado di impegno (sia in termini di tempo sia di investimenti) e approfondimento crescente da parte dell azienda. Si potrebbe pertanto delineare una serie di interventi operativi standard che mirino a migliorare la gestione della conoscenza in chiave multilingue da implementare singolarmente, in contemporanea o in successione per adattarli il più possibile e flessibilmente alle esigenze delle imprese. Un utile opera di sensibilizzazione in questo senso la potrebbe sicuramente fare, e molto probabilmente lo farà, uno degli osservatori privilegiati, presentando alle aziende con cui collabora il proprio percorso di riorganizzazione e conseguente ridefinizione terminologica, le metodologie seguite e i risultati ottenuti. In particolare per le start-up potrebbe rivelarsi un buon modo per partire già con le idee molto chiare e con una buona sistematizzazione e gestione della documentazione, traduzione e terminologia. Curare bene questi aspetti risulta certamente meno oneroso per un impresa che li gestisca in maniera sistematica sin dalla propria nascita che non per un azienda avviata che si debba riorganizzare. Un ulteriore strada percorribile per sensibilizzare le imprese all importanza di un corretto e coerente uso della terminologia è dato dalla collaborazione con le facoltà di traduzione delle università. Secondo un opinione informale dell Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano, diverse aziende sarebbero disposte ad accogliere degli studenti che producessero dei glossari terminologici aziendali. Non è chiara la disponibilità a remunerare il lavoro con un compenso, seppur minimo, ma la collaborazione porterebbe comunque dei vantaggi reciproci: gli studenti potrebbero elaborare dei glossari terminologici in un contesto di lavoro reale ed effettivamente utili e necessari, mentre all impresa verrebbe fornito un lavoro accurato e mirato sulle proprie esigenze. Avere un esperto di lingua e traduzione all interno dell azienda, anche se per poco tempo, potrebbe sicuramente favorire una maggiore sensibilizzazione della direzione e dei quadri all aspetto linguistico 15

16 e terminologico della comunicazione, soprattutto se confrontati con dei dati e delle problematiche concrete provenienti dalla propria attività quotidiana. In fondo, come sostiene una traduttrice esperta, i molti laureati in materie linguistiche impiegati nelle aziende del territorio, seppure con mansioni diverse a quella della traduzione, nel corso degli ultimi decenni hanno sicuramente contribuito a migliorare la qualità della comunicazione monolingue e multilingue delle imprese altoatesine. 5. Bibliografia citata Abdecker, Andreas, Hinkelmann, Knut, Maus, Heiko, & Müller, Hans Jürgen (a cura di) (2002): Geschäftsprozessorientiertes Wissensmanagement: effektive Wissensnutzung bei der Planung und Umsetzung von Geschäftsprozessen. Berlin: Springer. Benedikter, Thomas (2001): Mensch und Wirtschaft, Gesellschaft und Gewerkschaft in Südtirol. Eine aktuelle sozial- und wirtschaftskundliche Darstellung. Bozen: Arbeitsförderungsinstitut. ( ) CILT (2006) ELAN: Effects on the European Economy of Shortages of Foreign Language Skills in Enterprise. Final report. Commissionato dalla Commissione Europea. ( ) Corbetta, Piergiorgio (2003): La ricerca sociale: metodologie e tecniche. Bologna: Il Mulino, vol Fontana, Franco & Lorenzoni, Gianni (a cura di) (2004): Il knowledge management. Roma: LUISS. ASTAT - Istituto Provinciale di Statistica, Censimento della popolazione 2001: Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della provincia di Bolzano, in ASTAT informazioni, n. 17, 2002, 4. Lechner, Oswald & Moroder, Barbara (2010): Wirtschaftsporträt Südtirol. Bolzano: Istituto di Ricerca Economica della Camera di Commercio di Bolzano. ( ) Mittelmann, Angelika (2005): Wissensmanagement. ( ) Nonaka, Ikujiro & Takeuchi, Hirotaka (2005): The knowledge-creating company: creare le dinamiche dell innovazione, 5 a rist. (1 a ed. 1995). Milano: Guerini e Associati. Probst, Gilbert, Raub, Steffen & Romhardt, Kai (2006): Wissen managen. Wie Unternehmen ihre wertvollste Ressource optimal nutzen. Wiesbaden: Gabler, 5 a ed. Profili, Silvia (2004): Il knowledge management: approcci teorici e strumenti gestionali. Milano: F. Angeli. Pörnbacher, Helmuth (2009): L apprendimento delle lingue sul posto di lavoro: obbligo, opportunità o diritto?. In Provincia Autonoma di Bolzano - Ripartizione Lavoro (a cura di): Competenze linguistiche sul mercato del lavoro in Alto Adige. Bolzano: Provincia Autonoma di Bolzano, RaDT Rat für Deutschsprachige Terminologie (2009): Strategien zur Aufwertung immaterieller Vermögenswerte (documento non pubblicato). Vinatzer, Iris Maria (2009): Competenze linguistiche nel complesso tessuto economico delle aziende. In Provincia Autonoma di Bolzano - Ripartizione Lavoro (a cura di): Competenze linguistiche sul mercato del lavoro in Alto Adige. Bolzano: Provincia Autonoma di Bolzano,

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Comunicate con chiarezza: affidatevi a un professionista della lingua. Associazione Svedese dei Traduttori Professionisti

Comunicate con chiarezza: affidatevi a un professionista della lingua. Associazione Svedese dei Traduttori Professionisti Comunicate con chiarezza: affidatevi a un professionista della lingua Associazione Svedese dei Traduttori Professionisti Dobrý den! Guten Tag! Hola! Bonjour! Hej! Hello! Shalom! Un mondo più comprensibile

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli