Rapporto di autovalutazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto di autovalutazione"

Transcript

1 Rapporto di autovalutazione

2 Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale Griglie di autovalutazione Esiti Contesto e risorse Processi Individuazione obiettivi di miglioramento Obiettivo Obiettivo Obiettivo Obiettivo Motivare il collegamento fra obiettivi individuati e risultanze interne all autovalutazione Nota metodologica

3 1. Codice meccanografico istituto principale PDIC Griglie di autovalutazione 2.1 Esiti AREA Livello assegnato Spiegazione del livello Elencare brevemente le ragioni principali che vi hanno portato a decidere per questo livello, facendo riferimenti a dati ed evidenze (massimo 1000 caratteri per ciascuna area). Per la descrizione delle Aree, degli indicatori e dei dati utili per la compilazione della scheda consultare Le linee guida per l autovalutazione par. 5.1 pag. 12 Successo scolastico Dagli esiti degli scrutini si rileva che il 96,43% degli studenti è ammesso alla classe successiva o agli esami e il 100% degli ammessi agli esami è promosso. Le % dei voti di licenza sono: 38,2% con il 6, 30,3% con 7, 16,4 con 8, 13,8 con 9, 1,3 con 10. I risultati dell' Istituto mostrano una % di ammessi leggermente superiore ai valori di riferimento. Questo è motivato dalla scelta del collegio dei docenti: a fronte di alunni con risultati in prove standardizzate sempre sotto la media dell indice di facilità, in ingresso in 1^primaria, ha deciso di considerare e valutare il percorso dall alunno e non solo il risultato oggettivo conseguito al termine. Nell Istituto, inoltre, attraverso un analisi compiuta dai docenti a inizio anno, si individuano gli alunni che richiedono un percorso facilitato e/o l inserimento in corsi di recupero pomeridiani, attuati dalla scuola fin dai primi mesi dell a.s. Si investono inoltre risorse per risolvere situazioni di possibile abbandono scolastico Competenze di base Nonostante i livelli iniziali rilevati attraverso le prove standardizzate di istituto collochino gli alunni in ingresso in una fascia medio bassa, i risultati ottenuti alle prove INVALSI mostrano, al termine della scuola primaria, punteggi al di sopra delle medie di riferimento, sia per Italiano sia per Matematica Al termine del primo ciclo, i risultati delle prove sono al di sopra della media nazionale per italiano e matematica, complessivamente e nelle sottoanalisi di parti del testo, processi e ambiti. I risultati sono confermati anche in comparazione con scuole di pari contesto socio-culturale. Un analisi più approfondita sarà necessaria per comprendere la correlazione tra i risultati delle prove Invalsi e i voti di ammissione all esame di licenza. Il comportamento, come competenza sociale e di esercizio di cittadinanza responsabile, viene valutato secondo parametri plurali e oggettivi e mostra un evoluzione positiva. Equità degli esiti In generale, la media di istituto corrisponde alla media, reale fatta eccezione per una tendenza evidenziata nelle scuola primaria in sezioni parallele di differente tempo scuola: si rilevano esiti migliori nella sezione a tempo pieno nei plessi con i due tempi scuola. Si ritiene significativo il risultato della sezione musicale alla secondaria, in cui gli alunni hanno conseguito risultati nettamente superiori alle altre dello stesso plesso sia per italiano, sia per matematica. Spesso la scelta dell indirizzo musicale interessa alunni e famiglie particolarmente motivate alla crescita culturale, dato che spiega il risultato conseguito. Negli altri due plessi si registrano differenze negli esiti: questo risultato sarà oggetto di analisi per individuarne le motivazioni. In merito alla distribuzione degli esiti, si rileva che il 22% degli alunni dell Istituto per italiano e il 29% per matematica, occupano le fasce più basse contro il dato nazionale di 34% e 44%. Risultati a distanza Il successo formativo degli ex-alunni del 6 Istituto, rilevato a distanza di 2/3 anni dal superamento dell esame di licenza, è in linea con quello degli Istituti Comprensivi limitrofi: la media di ragazzi che prosegue senza ripetenze si colloca in un intervallo che va dall 85% al 90%. Dall anno di inizio del funzionamento dell Istituto (2007) si è rilevato un significativo incremento di scelte scolastiche coerenti con il consiglio orientativo, attualmente corrispondente, pur nella varianza tra le classi, al 70% di adesioni. Si è avviato un percorso per reperire dati, dagli Istituti Secondari di 2 grado, che consentano di verificare l eventuale correlazione tra il successo/insuccesso formativo e lo scostamento dal consiglio orientativo. L Istituto è impegnato a garantire il positivo inserimento scolastico degli alunni nel ciclo successivo, con particolare attenzione ai disabili e BES, attraverso varie modalità (informazioni alle famiglie, incontri con Dirigenti Scolastici, stage). 3

4 2.2 Contesto e risorse AREA Descrizione Descrivere sinteticamente l area, utilizzando i dati più rilevanti in termini di potenzialità e problemi per la scuola, facendo riferimento a dati ed evidenze (massimo 1000 caratteri per ciascuna area). Per la descrizione delle Aree, degli indicatori e dei dati utili per la compilazione della scheda consultare Le linee guida per l autovalutazione par. 5.2 pag. 14 Ambiente Capitale sociale Risorse economiche e materiali Il nostro Istituto è situato alla periferia est di Padova, zona molto esposta a nuovi insediamenti abitativi, sia per la presenza di edilizia popolare, che per la vicinanza alla zona industriale. I numerosi alloggi PEEP vengono assegnati a punteggio, cioè riservati a famiglie in situazione di disagio socio-economico. Proprio per tali motivi, sono presenti fenomeni costanti e sensibili di immigrazione sia di stranieri (incremento del 200 % in 10 anni) che di italiani. La maggioranza delle famiglie presenta una struttura mononucleare, con un attività lavorativa svolta da entrambi i genitori. La popolazione scolastica è composita, con un alto numero di situazioni di disagio socio-culturale (circa il 30%). Numerosi sono gli alunni disabili (42). Inoltre sono presenti a Mortise un campo nomadi ( su terreno privato) e a Ponte di Brenta l Istituto Bettini, per minori in condizione di adozione o affidamento. In entrambi i casi gli alunni sono inseriti nelle nostre scuole. L Istituto può disporre delle risorse presenti nel quartiere e, soprattutto, nella città. Anche in base a Convenzioni con l Ente locale, si è resa possibile l attuazione dei seguenti Progetti: integrazione alunni stranieri (assegnazione mediatori e contributi per facilitazione linguistica); prevenzione dispersione scolastica (contributi per corsi di recupero, di rimotivazione, sportelli di ascolto, percorsi integrati con CFP), Vivipadova (arricchimento offerta formativa); educazione ambientale (supporto per piedibus, raccolta differenziata e risparmio energetico). Numerosi sono le Associazioni e gli Enti con cui l Istituto si rapporta per la realizzazione di ulteriori progetti e attività (oltre alle altre Scuole, il C.d.Q,, il CTI e le ASL, per l integrazione dei disabili, l Università di Padova, la Fondazione Cariparo, Unindustria, per l orientamento, le Associazioni culturali e di volontariato, ecc). Vengono utilizzate anche le competenze dei genitori (v. settimana delle scienze) Le risorse economiche dell Istituto, basate in larga misura sulle assegnazioni del MIUR e dell Ente Locale, vengono incrementate dai genitori (contributo medio di 12,44 per alunno utilizzato per i progetti). Abbiamo progressivamente ampliato partnership con enti pubblici e privati per aumentare le risorse. L Istituto ha destinato parecchi fondi negli ultimi anni per l acquisto e la manutenzione delle tecnologie. Nei laboratori i PC sono in rete, in tutti i plessi c'è la connessione ad internet e da 4 anni si utilizzano le LIM, il cui n. è incrementato ogni anno. L Istituto è dotato di un alto n. di laboratori distribuiti nei plessi (lab. scientifici, informatici, linguistici, artistici), mentre non tutti dispongono dela palestra. Ogni scuola ha una biblioteca fornita (circa volumi tot.) ed il prestito, incentivato dal Progetto Lettura, supera il 43% dei volumi. Gli edifici sono complessivamente sicuri e l Ente locale sta completando le certificazioni di sicurezza. Risorse professionali Gli insegnanti a TI risultano, dal QS, pari all 80% medio tra i due ordini di scuola; si fa presente, però, che nell Istituto lavorano da diversi anni con continuità docenti a TD che ricoprono posti assegnati nell organico di fatto non disponibili per trasferimenti stabili. La % di docenti che hanno presentato domanda di trasferimento è in media più bassa di quella provinciale. L età media dei docenti è inferiore ai valori di riferimento, così come il numero medio di assenze per malattia. I titoli in possesso del personale risultano per alcune voci in % inferiore ai valori medi di riferimento, ma riteniamo che le competenze e la professionalità dei docenti dell Istituto, non siano ben rappresentati dalle voci di Scuola in Chiaro (titoli universitari o certificazioni informatiche e linguistiche) perchè non comprendono ad es. corsi specifici e altamente qualificanti di altri Enti non universitari. Il DS, di ruolo da 29 anni, dirige l Istituto da 25 anni, il DSGA è stabile da 29 anni. 4

5 2.3 Processi AREA Livello assegnato Spiegazione del livello Elencare brevemente le ragioni principali che vi hanno portato a decidere per questo livello, facendo riferimento a dati ed evidenze (massimo 1000 caratteri per ciascuna area). Per la descrizione delle Aree, degli indicatori e dei dati utili per la compilazione della scheda consultare Le linee guida per l autovalutazione par. 5.3 pag. 16 Selezione dei saperi, scelte curricolari e offerta formativa Il 6 I.C. di Padova ha istituito commissioni di docenti per ciascuna disciplina, con lo scopo di formulare un curricolo verticale, per tutte le classi della primaria e della secondaria, capace di garantire equità formativa tra i 7 plessi. I curricoli disciplinari elaborati (vedi Sito web), pur tenendo conto delle indicazioni nazionali ministeriali precedenti, sono ancora legati a "programmazioni" ma hanno una struttura flessibile, per adattarsi alle caratteristiche cognitive di ciascuna classe. I dipartimenti disciplinari hanno, poi, enucleato dal curricolo gli obiettivi di competenza, dai minimi ai più complessi, a cui far corrispondere il giudizio nel certificato delle competenze. Ogni anno, collegialmente, i docenti propongono ampliamenti dell Offerta Formativa (teatro, lettorato in lingua2, percorsi di metodo di studio, sicurezza stradale, uso responsabile delle tecnologie ) complementari ai curricoli. Progettazione della didattica e valutazione degli studenti I docenti si riuniscono tre volte all anno nei dipartimenti. In base ai risultati dell a.s. precedente e alle caratteristiche delle classi, si adattano le programmazioni, si predispongono i PDP e si concordano prove strutturate comuni. Si utilizzano strumenti standardizzati per: orientare le scelte metodologiche e contenutistiche,rilevare le competenze, individuare e valutare gli esiti in uscita sugli obiettivi di competenza più significativi. Le prove, validate per indici psicometrici di varianza, omogeneità e facilità, sono graduate per una valutazione personalizzata di tutti gli alunni. Il processo di valutazione è sintetizzato in un vademecum condiviso.l orario delle classi, elaborato valutando sia il carico cognitivo giornaliero che l uso di aule e laboratori (utilizzati per l intero orario), è regolamentato dagli OOCC, e pianificato, oltre che concordato, dai docenti. Alcuni progetti si svolgono per classi aperte e laboratori (MINDLAB, teatro) coinvolgendo le famiglie. Sviluppo della relazione educativa e tra pari L Istituto riconosce come mission (Stare bene a scuola insieme) la promozione del benessere individuale attraverso le relazioni interpersonali, necessaria per realizzare apprendimenti autentici. Il Dirigente,sensibile alle tematiche relazionali e punto di riferimento per i docenti, garantisce il mantenimento del Servizio Psicopedagogico di Istituto, per l individuazione di percorsi formativi individuali o collettivi, per il superamento delle difficoltà di relazione degli alunni e per la mediazione del dialogo scuola/famiglia. Nella didattica i docenti ricorrono a strategie di apprendimento cooperativo e lavori di gruppo. L arricchimento dell Offerta Formativa, connesso alla mission prevede: Progetti Accoglienza per le classi prime (primaria e secondaria), percorsi di ed. affettivo-relazionale, teatrali e psicomotori, sportello spazio-ascolto (secondaria), i viaggi di istruzione per tutte le classi e corsi di formazione specifici per i docenti sulle dinamiche relazionali. Inclusione, integrazione, differenziazione L Istituto è impegnato da anni in azioni di personalizzazione dell insegnamento. La didattica dell inclusione prevede interventi disciplinari calibrati, proposte graduate all intera classe, facilitate o individualizzate anche per piccoli gruppi, la stesura comune dei PEI e dei PDP, incontri costanti (legge 104) coordinati dalla psicopedagogista. Vengono organizzati Corsi di recupero, di potenziamento (es: matematica, latino), di facilitazione linguistica, gratuiti e con docenti interni. Partecipiamo inoltre al Progetto E-talent della Regione Veneto, per alunni con plusdotazione. Un attenzione particolare è rivolta agli alunni con BES: dall a.s. 2007/2008 è in atto un progetto che prevede l identificazione precoce degli alunni con sospetti DSA e l attuazione di strategie mirate (l Istituto ha vinto i Premi Gold e A scuola di dislessia ). Le finalità, le procedure e gli strumenti che regolano l attuazione di didattiche inclusive sono contenute in un Vademecum, aggiornato ogni anno. 5

6 AREA Livello assegnato Spiegazione del livello Elencare brevemente le ragioni principali che vi hanno portato a decidere per questo livello, facendo riferimento a dati ed evidenze (massimo 1000 caratteri per ciascuna area). Per la descrizione delle Aree, degli indicatori e dei dati utili per la compilazione della scheda consultare Le linee guida per l autovalutazione par. 5.3 pag. 16 Continuità e orientamento Nella scuola sono attive commissioni per la realizzazione di percorsi di continuità educativa tra i vari ordini di scuola. Accanto a procedure consolidate, per la raccolta e il passaggio delle informazioni sugli alunni e la reciproca conoscenza (Scuola Aperta e Open Day), vengono realizzate unità didattiche-ponte (teatro, cineforum, lezioni-concerto) e il Progetto Accoglienza. L orientamento scolastico, rivolto agli studenti della secondaria, prende avvio nella primaria con interventi formativi volti al superamento degli stereotipi di genere e alla riflessione sugli stili cognitivi personali. Ogni alunno della secondaria riceve un quaderno per l orientamento, diverso per le tre classi, utilizzato dai docenti per potenziare i processi cognitivi che concorrono ad una scelta consapevole. In terza, gli alunni partecipano a Ministage presso le secondarie di 2 grado, visitano aziende e accedono allo sportello orientamento. Sono previsti incontri formativi ed informativi per le famiglie. Identità strategica e capacità di direzione della scuola (leadership) La politica dell Istituto è volta a un clima di promozione umana e professionale, a un progetto educativo orientato alla persona per una scuola al servizio della comunità. E presente una leadership diffusa e coordinata, impegnata per una scuola ben funzionante, accogliente, positivamente presente nel territorio e che opera tenendo sempre presente il POF, strumento operativo delle politiche e strategie dell Istituto. I leader condividono mission, vision e valori, che vengono diffusi anche nella realtà circostante, coinvolta nelle sue varie componenti. L attenzione alla persona, al clima educativo e alla responsabilizzazione sono le peculiarità dell Istituto: i leader sono impegnati a mantenerle nel mutare delle condizioni e nel ricambio del personale. Le decisioni vengono prese sempre collegialmente, secondo i criteri concordati (coinvolgimento, condivisione, capacità di autogestione, processi decisionali aperti, diffusione della leadership, attenzione specifica alle diverse esigenze). Gestione strategica delle risorse Tutte le risorse disponibili nel Programma annuale vengono utilizzate per la realizzazione dei Processi chiave, alla base del POF. La gestione avviene attraverso una definizione chiara dei criteri e delle procedure, indicate in un Regolamento. L Istituto ritiene le risorse umane il proprio punto di forza: si promuovono iniziative per il reperimento degli organici, il coinvolgimento e la valorizzazione del personale, anche attraverso l assegnazione ai ruoli più adeguati ed i riconoscimenti tangibili (FIS) e intangibili (encomi). Tutti gli incarichi sono finalizzati all attuazione del POF, inseriti nell organigramma e corredati da specifici mansionari. Viene privilegiata una leadership allargata, che consente una diffusa responsabilizzazione del personale. L Istituto si impegna a reperire e utilizzare le informazioni necessarie a comprendere i bisogni degli alunni, del personale e del territorio: a sua volta, ha incrementato negli anni la comunicazione verso l esterno (vedi sito web). Sviluppo professionale delle risorse Nell Istituto ci sono gruppi di lavoro su tutte le tematiche elencate nel QS, con alta varietà di argomenti trattati e n. di insegnanti coinvolti (1 doc. per plesso che coordina i progetti nella propria scuola). In particolare per ogni progetto permanente opera una commissione, coordinata da FS, che elabora linee di intervento e percorsi comuni. I corsi di formazione attivati (in n. doppio rispetto alla media QS), sono incentrati su metodologia didattica, tecnologie e inclusione alunni, temi centrali nelle nostre scelte strategiche e nel POF. La scelta delle tematiche avviene attraverso il confronto e la votazione negli OOCC. Per la docenza, se possibile, si utilizza personale interno valorizzandone le competenze. Nel QS, in base ai criteri individuati, la % media dei docenti coinvolti in formazione e il n. di ore per insegnante, risultano bassi, ma a tal proposito si evidenzia che la formazione è più diffusa perché viene proposta da parte delle FS. anche all interno delle commissioni. 6

7 AREA Livello assegnato Spiegazione del livello Elencare brevemente le ragioni principali che vi hanno portato a decidere per questo livello, facendo riferimento a dati ed evidenze (massimo 1000 caratteri per ciascuna area). Per la descrizione delle Aree, degli indicatori e dei dati utili per la compilazione della scheda consultare Le linee guida per l autovalutazione par. 5.3 pag. 16 Capacità di governo del territorio e rapporti con le famiglie L Istituto instaura e mantiene, in modo coerente con le proprie politiche e strategie, un interazione attiva con gli EELL, le associazioni e altre organizzazioni del territorio, realizzando varie attività di partnership e progetti educativi che arricchiscono in modo significativo l Offerta Formativa (es: orientamento, integrazione alunni BES, disabili e stranieri, ed. ambientale, progetto MINDLAB). Le varie partnership hanno inoltre consentito di massimizzare valore per la scuola (es: sconti e servizi per personale e famiglie, formazione per docenti, aule multimediali). Veniamo scelti spesso per iniziative del Comune (es: PAT, Commm.ne Cultura) e per lanci di progetti (Informambiente, Piedibus, Unicef). Ritenendo la partecipazione un valore fondamentale, in particolare quella delle famiglie, presentiamo ogni attività in fase di progettazione, per ricevere pareri e collaborazione diretta (esperti in classe) e la valutiamo insieme, anche in incontri specifici (con il Consiglio di I.) Attività di autovalutazione L Istituto è impegnato da 10 anni in attività di autovalutazione utilizzando i modelli EFQM e CAF. Ha partecipato a diversi Premi Qualità regionali e nazionali per PPAA e scuole (con visite di valutatori esterni) risultando più volte tra i vincitori. La Funzione Strumentale all Autovalutazione e al Miglioramento coordina una commissione costituta da un docente per ogni plesso e dal DS, il DSGA viene coinvolto negli step di competenza. L autovalutazione è realizzata ogni 2 anni e ad ogni RAV fa seguito un piano di miglioramento articolato in azioni di miglioramento (logica PDCA). Per la rilevazione delle opinioni del personale e delle famiglie vengono utilizzati questionari, interviste e focus group. I progetti presenti nel POF vengono monitorati attraverso schede progetto (3 fasi annue), griglie osservative e questionari di soddisfazione finali. Il processo di autovalutazione e il RAV vengono comunicati ai diversi stakeholder in incontri specifici (tra cui gli OO.CC ) e sul il sito web 7

8 3. Individuazione obiettivi di miglioramento 3.1 Obiettivo 1 OBIETTIVO Migliorare le prestazioni degli alunni, attraverso la revisione dei curricoli, in ordine ai risultati delle prove INVALSI e delle prove standardizzate di Istituto in relazione a: ITALIANO: riflessione sulla lingua, riordino di frasi (primaria), interpretare e valutare (secondaria) MATEMATICA: concetti e procedure, argomentazioni (secondaria), numeri (primaria) INDICATORE % increm risult. alunni in ambiti considerati Situazione attuale INVALSI: seguenti risultati < media naz. 2^ prim. Ita: riordino frasi, rifl. lingua; Mate: numeri, conc. e proced.. 1^ sec. Ita: rifl. lingua, Interp. e Valutare; Mate: concetti e proc, argometazioni Valori di Riferimento (se presenti) Media nazionale dei risultati INVALSI negli ambiti e processi considerati DATI Risultato atteso (target) Incremento del punteggio medio dell'istituto dell'1% Prove SNV Risultato conseguito (a seguito di piano di miglioramento) da verificare alla somministrazione successiva di prove standardizzate al termine dell'a.s. 2013/ Obiettivo 2 OBIETTIVO Incrementare la rilevazione dei risultati degli alunni ottenuti a distanza di 2/3 anni dal superamento dell esame di licenza (RISULTATI A DISTANZA) INDICATORE Numero (%) di situazioni rilevate Situazione attuale Rilevazione dei risultati non sistematizzata, percentuale di dati rilevati inferiore al 50% Valori di Riferimento (se presenti) Non disponibile DATI Risultato atteso (target) dati forniti dagli Istituti Secondari di 2 grado in misura corrispondente al 70% degli alunni Risultato conseguito (a seguito di piano di miglioramento) da verificare al termine dell a.s. 2013/2014 8

9 3.3 Obiettivo 3 OBIETTIVO Adeguare i curricoli disciplinari di Istituto alle Indicazioni nazionali 2012 e ai traguardi delle competenze (SELEZIONE DEI SAPERI, SCELTE CURRICOLARI) INDICATORE Numero di curricoli adeguati predisposti Situazione attuale Programmazioni disciplinari curricolari verticali, declinate su base annuale, con l indicazione di competenze correlate solo per alcune discipline. Valori di Riferimento (se presenti) Non disponibile DATI Risultato atteso (target) Curricoli elaborati in misura corrispondente all 80% alla fine dell a.s. 2013/2014 e al 100% nell a.s. 2014/2015 Risultato conseguito (a seguito di piano di miglioramento) da verificare al termine dell a.s. 2013/2014 e dell'a.s. 2014/ Obiettivo 4 OBIETTIVO Incrementare la percentuale di partecipazione dei docenti dell Istituto ai percorsi di formazione nei prossimi 2 anni scolastici (SVILUPPO PROFESSIONALE DELLE RISORSE) INDICATORE N. doc. partecipanti; N. h formazione x doc. Situazione attuale 11,79%: Percentuale media di insegnanti coinvolti nei progetti di formazione o aggiornamento attivati (P_047) QS 0.15 : N. medio di h di formazione per ins. (P_049) QS Valori di Riferimento (se presenti) 22,1 %: percentuale media di insegnanti coinvolti nei progetti di formazione - dato scuole VALES 0,28: n. medio h di formazione per ins.- dato scuola VALES DATI Risultato atteso (target) Incremento del 10% dei docenti coinvolti in formazione, incremento delle ore di formazione per ciascun insegnante pari al valore medio nazionale rilevato nel QS (0,28) Risultato conseguito (a seguito di piano di miglioramento) da verificare al termine dell a.s. 2013/2014 e dell a.s 2014/2015 9

10 3.5 Motivare il collegamento fra obiettivi individuati e risultanze interne all autovalutazione Il Nucleo di Autovalutazione ha preso in esame tutti i risultati disponibili sia rispetto al percorso VALES, sia in relazione ai percorsi dell'istituto. La situazione complessiva è stata messa in relazione ai PROCESSI CHIAVE dell'istituto (Realizzazione della continuità educativa, Didattiche, Orientamento, Ampliamento dell'offerta Formativa, Valutazione didattico-educativa, Autovalutazione e Miglioramento). Gli obiettivi delle azioni di miglioramento sono stati prescelti in base ai seguenti criteri: 1) corrispondenza ai Processi Chiave, in un'ottica di sistema (collegamento delle azioni tra di loro e delle stesse ai processi). 2) corrispondenza agli esiti da migliorare ritenuti più significativi (in relazione ai Processi e alle Politiche e Strategie dell'istituto) emersi nel RAV 2) attribuzione di priorità in base alla valutazione dell'impatto (ampia ricaduta nell'istituto) e della fattibilità (risorse necessarie). 4. Nota metodologica Quale è la composizione del nucleo di valutazione? Da chi è stato elaborato il RA? Nella compilazione del RA avete riscontrato problemi o difficoltà? Se sì, quali? Il Nucleo di Autovalutazione coincide con la commissione di Istituto "Autovalutazione e Miglioramento" costituita da 7 docenti (uno per plesso, 3 di scuola secondaria e 4 di scuola primaria), il DS e la FS specifica. Il RAV è stato abbozzato in commissione per le linee generali, è stato redatto dalla FS, da un docente e dalla DS, inviato a tutta la commissione per la revisione e approvato dal Nucleo di Autovalutazione in un incontro collegiale. Non sono stati rilevati particolari problemi nella stesura del RAV, ad eccezione del ridotto numero di battute, che, in alcuni casi, hanno limitato una descrizione più dettagliata rispetto a quanto richiesto nelle linee guida. Si evidenzia il fatto che i risultati dei questionari docenti/studenti/genitori sono state inviati abbastanza tardi rispetto ai tempi della compilazione del Rapporto. Data compilazione 08/05/

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

PAI Piano Annuale per l Inclusione

PAI Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo GIORGIO GABER Scuola Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado Via Trieste, 85 55041 Lido di Camaiore (LU) Tel. 0584 67563 Fax 0584 67047 e-mail: luic83200q@istruzione.it

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Obiettivi dell'intervento. Scaletta

Obiettivi dell'intervento. Scaletta Obiettivi dell'intervento informazione sul SNV sensibilizzazione sulla valutazione di istituto valutazione esterna ed interna sperimentazione della procedura di AV spunti di riflessione disponibilità ad

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli