Rapporto di autovalutazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto di autovalutazione"

Transcript

1 Rapporto di autovalutazione

2 Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale Griglie di autovalutazione Esiti Contesto e risorse Processi Individuazione obiettivi di miglioramento Obiettivo Obiettivo Obiettivo Obiettivo Motivare il collegamento fra obiettivi individuati e risultanze interne all autovalutazione Nota metodologica

3 1. Codice meccanografico istituto principale PDIC Griglie di autovalutazione 2.1 Esiti AREA Livello assegnato Spiegazione del livello Elencare brevemente le ragioni principali che vi hanno portato a decidere per questo livello, facendo riferimenti a dati ed evidenze (massimo 1000 caratteri per ciascuna area). Per la descrizione delle Aree, degli indicatori e dei dati utili per la compilazione della scheda consultare Le linee guida per l autovalutazione par. 5.1 pag. 12 Successo scolastico Dagli esiti degli scrutini si rileva che il 96,43% degli studenti è ammesso alla classe successiva o agli esami e il 100% degli ammessi agli esami è promosso. Le % dei voti di licenza sono: 38,2% con il 6, 30,3% con 7, 16,4 con 8, 13,8 con 9, 1,3 con 10. I risultati dell' Istituto mostrano una % di ammessi leggermente superiore ai valori di riferimento. Questo è motivato dalla scelta del collegio dei docenti: a fronte di alunni con risultati in prove standardizzate sempre sotto la media dell indice di facilità, in ingresso in 1^primaria, ha deciso di considerare e valutare il percorso dall alunno e non solo il risultato oggettivo conseguito al termine. Nell Istituto, inoltre, attraverso un analisi compiuta dai docenti a inizio anno, si individuano gli alunni che richiedono un percorso facilitato e/o l inserimento in corsi di recupero pomeridiani, attuati dalla scuola fin dai primi mesi dell a.s. Si investono inoltre risorse per risolvere situazioni di possibile abbandono scolastico Competenze di base Nonostante i livelli iniziali rilevati attraverso le prove standardizzate di istituto collochino gli alunni in ingresso in una fascia medio bassa, i risultati ottenuti alle prove INVALSI mostrano, al termine della scuola primaria, punteggi al di sopra delle medie di riferimento, sia per Italiano sia per Matematica Al termine del primo ciclo, i risultati delle prove sono al di sopra della media nazionale per italiano e matematica, complessivamente e nelle sottoanalisi di parti del testo, processi e ambiti. I risultati sono confermati anche in comparazione con scuole di pari contesto socio-culturale. Un analisi più approfondita sarà necessaria per comprendere la correlazione tra i risultati delle prove Invalsi e i voti di ammissione all esame di licenza. Il comportamento, come competenza sociale e di esercizio di cittadinanza responsabile, viene valutato secondo parametri plurali e oggettivi e mostra un evoluzione positiva. Equità degli esiti In generale, la media di istituto corrisponde alla media, reale fatta eccezione per una tendenza evidenziata nelle scuola primaria in sezioni parallele di differente tempo scuola: si rilevano esiti migliori nella sezione a tempo pieno nei plessi con i due tempi scuola. Si ritiene significativo il risultato della sezione musicale alla secondaria, in cui gli alunni hanno conseguito risultati nettamente superiori alle altre dello stesso plesso sia per italiano, sia per matematica. Spesso la scelta dell indirizzo musicale interessa alunni e famiglie particolarmente motivate alla crescita culturale, dato che spiega il risultato conseguito. Negli altri due plessi si registrano differenze negli esiti: questo risultato sarà oggetto di analisi per individuarne le motivazioni. In merito alla distribuzione degli esiti, si rileva che il 22% degli alunni dell Istituto per italiano e il 29% per matematica, occupano le fasce più basse contro il dato nazionale di 34% e 44%. Risultati a distanza Il successo formativo degli ex-alunni del 6 Istituto, rilevato a distanza di 2/3 anni dal superamento dell esame di licenza, è in linea con quello degli Istituti Comprensivi limitrofi: la media di ragazzi che prosegue senza ripetenze si colloca in un intervallo che va dall 85% al 90%. Dall anno di inizio del funzionamento dell Istituto (2007) si è rilevato un significativo incremento di scelte scolastiche coerenti con il consiglio orientativo, attualmente corrispondente, pur nella varianza tra le classi, al 70% di adesioni. Si è avviato un percorso per reperire dati, dagli Istituti Secondari di 2 grado, che consentano di verificare l eventuale correlazione tra il successo/insuccesso formativo e lo scostamento dal consiglio orientativo. L Istituto è impegnato a garantire il positivo inserimento scolastico degli alunni nel ciclo successivo, con particolare attenzione ai disabili e BES, attraverso varie modalità (informazioni alle famiglie, incontri con Dirigenti Scolastici, stage). 3

4 2.2 Contesto e risorse AREA Descrizione Descrivere sinteticamente l area, utilizzando i dati più rilevanti in termini di potenzialità e problemi per la scuola, facendo riferimento a dati ed evidenze (massimo 1000 caratteri per ciascuna area). Per la descrizione delle Aree, degli indicatori e dei dati utili per la compilazione della scheda consultare Le linee guida per l autovalutazione par. 5.2 pag. 14 Ambiente Capitale sociale Risorse economiche e materiali Il nostro Istituto è situato alla periferia est di Padova, zona molto esposta a nuovi insediamenti abitativi, sia per la presenza di edilizia popolare, che per la vicinanza alla zona industriale. I numerosi alloggi PEEP vengono assegnati a punteggio, cioè riservati a famiglie in situazione di disagio socio-economico. Proprio per tali motivi, sono presenti fenomeni costanti e sensibili di immigrazione sia di stranieri (incremento del 200 % in 10 anni) che di italiani. La maggioranza delle famiglie presenta una struttura mononucleare, con un attività lavorativa svolta da entrambi i genitori. La popolazione scolastica è composita, con un alto numero di situazioni di disagio socio-culturale (circa il 30%). Numerosi sono gli alunni disabili (42). Inoltre sono presenti a Mortise un campo nomadi ( su terreno privato) e a Ponte di Brenta l Istituto Bettini, per minori in condizione di adozione o affidamento. In entrambi i casi gli alunni sono inseriti nelle nostre scuole. L Istituto può disporre delle risorse presenti nel quartiere e, soprattutto, nella città. Anche in base a Convenzioni con l Ente locale, si è resa possibile l attuazione dei seguenti Progetti: integrazione alunni stranieri (assegnazione mediatori e contributi per facilitazione linguistica); prevenzione dispersione scolastica (contributi per corsi di recupero, di rimotivazione, sportelli di ascolto, percorsi integrati con CFP), Vivipadova (arricchimento offerta formativa); educazione ambientale (supporto per piedibus, raccolta differenziata e risparmio energetico). Numerosi sono le Associazioni e gli Enti con cui l Istituto si rapporta per la realizzazione di ulteriori progetti e attività (oltre alle altre Scuole, il C.d.Q,, il CTI e le ASL, per l integrazione dei disabili, l Università di Padova, la Fondazione Cariparo, Unindustria, per l orientamento, le Associazioni culturali e di volontariato, ecc). Vengono utilizzate anche le competenze dei genitori (v. settimana delle scienze) Le risorse economiche dell Istituto, basate in larga misura sulle assegnazioni del MIUR e dell Ente Locale, vengono incrementate dai genitori (contributo medio di 12,44 per alunno utilizzato per i progetti). Abbiamo progressivamente ampliato partnership con enti pubblici e privati per aumentare le risorse. L Istituto ha destinato parecchi fondi negli ultimi anni per l acquisto e la manutenzione delle tecnologie. Nei laboratori i PC sono in rete, in tutti i plessi c'è la connessione ad internet e da 4 anni si utilizzano le LIM, il cui n. è incrementato ogni anno. L Istituto è dotato di un alto n. di laboratori distribuiti nei plessi (lab. scientifici, informatici, linguistici, artistici), mentre non tutti dispongono dela palestra. Ogni scuola ha una biblioteca fornita (circa volumi tot.) ed il prestito, incentivato dal Progetto Lettura, supera il 43% dei volumi. Gli edifici sono complessivamente sicuri e l Ente locale sta completando le certificazioni di sicurezza. Risorse professionali Gli insegnanti a TI risultano, dal QS, pari all 80% medio tra i due ordini di scuola; si fa presente, però, che nell Istituto lavorano da diversi anni con continuità docenti a TD che ricoprono posti assegnati nell organico di fatto non disponibili per trasferimenti stabili. La % di docenti che hanno presentato domanda di trasferimento è in media più bassa di quella provinciale. L età media dei docenti è inferiore ai valori di riferimento, così come il numero medio di assenze per malattia. I titoli in possesso del personale risultano per alcune voci in % inferiore ai valori medi di riferimento, ma riteniamo che le competenze e la professionalità dei docenti dell Istituto, non siano ben rappresentati dalle voci di Scuola in Chiaro (titoli universitari o certificazioni informatiche e linguistiche) perchè non comprendono ad es. corsi specifici e altamente qualificanti di altri Enti non universitari. Il DS, di ruolo da 29 anni, dirige l Istituto da 25 anni, il DSGA è stabile da 29 anni. 4

5 2.3 Processi AREA Livello assegnato Spiegazione del livello Elencare brevemente le ragioni principali che vi hanno portato a decidere per questo livello, facendo riferimento a dati ed evidenze (massimo 1000 caratteri per ciascuna area). Per la descrizione delle Aree, degli indicatori e dei dati utili per la compilazione della scheda consultare Le linee guida per l autovalutazione par. 5.3 pag. 16 Selezione dei saperi, scelte curricolari e offerta formativa Il 6 I.C. di Padova ha istituito commissioni di docenti per ciascuna disciplina, con lo scopo di formulare un curricolo verticale, per tutte le classi della primaria e della secondaria, capace di garantire equità formativa tra i 7 plessi. I curricoli disciplinari elaborati (vedi Sito web), pur tenendo conto delle indicazioni nazionali ministeriali precedenti, sono ancora legati a "programmazioni" ma hanno una struttura flessibile, per adattarsi alle caratteristiche cognitive di ciascuna classe. I dipartimenti disciplinari hanno, poi, enucleato dal curricolo gli obiettivi di competenza, dai minimi ai più complessi, a cui far corrispondere il giudizio nel certificato delle competenze. Ogni anno, collegialmente, i docenti propongono ampliamenti dell Offerta Formativa (teatro, lettorato in lingua2, percorsi di metodo di studio, sicurezza stradale, uso responsabile delle tecnologie ) complementari ai curricoli. Progettazione della didattica e valutazione degli studenti I docenti si riuniscono tre volte all anno nei dipartimenti. In base ai risultati dell a.s. precedente e alle caratteristiche delle classi, si adattano le programmazioni, si predispongono i PDP e si concordano prove strutturate comuni. Si utilizzano strumenti standardizzati per: orientare le scelte metodologiche e contenutistiche,rilevare le competenze, individuare e valutare gli esiti in uscita sugli obiettivi di competenza più significativi. Le prove, validate per indici psicometrici di varianza, omogeneità e facilità, sono graduate per una valutazione personalizzata di tutti gli alunni. Il processo di valutazione è sintetizzato in un vademecum condiviso.l orario delle classi, elaborato valutando sia il carico cognitivo giornaliero che l uso di aule e laboratori (utilizzati per l intero orario), è regolamentato dagli OOCC, e pianificato, oltre che concordato, dai docenti. Alcuni progetti si svolgono per classi aperte e laboratori (MINDLAB, teatro) coinvolgendo le famiglie. Sviluppo della relazione educativa e tra pari L Istituto riconosce come mission (Stare bene a scuola insieme) la promozione del benessere individuale attraverso le relazioni interpersonali, necessaria per realizzare apprendimenti autentici. Il Dirigente,sensibile alle tematiche relazionali e punto di riferimento per i docenti, garantisce il mantenimento del Servizio Psicopedagogico di Istituto, per l individuazione di percorsi formativi individuali o collettivi, per il superamento delle difficoltà di relazione degli alunni e per la mediazione del dialogo scuola/famiglia. Nella didattica i docenti ricorrono a strategie di apprendimento cooperativo e lavori di gruppo. L arricchimento dell Offerta Formativa, connesso alla mission prevede: Progetti Accoglienza per le classi prime (primaria e secondaria), percorsi di ed. affettivo-relazionale, teatrali e psicomotori, sportello spazio-ascolto (secondaria), i viaggi di istruzione per tutte le classi e corsi di formazione specifici per i docenti sulle dinamiche relazionali. Inclusione, integrazione, differenziazione L Istituto è impegnato da anni in azioni di personalizzazione dell insegnamento. La didattica dell inclusione prevede interventi disciplinari calibrati, proposte graduate all intera classe, facilitate o individualizzate anche per piccoli gruppi, la stesura comune dei PEI e dei PDP, incontri costanti (legge 104) coordinati dalla psicopedagogista. Vengono organizzati Corsi di recupero, di potenziamento (es: matematica, latino), di facilitazione linguistica, gratuiti e con docenti interni. Partecipiamo inoltre al Progetto E-talent della Regione Veneto, per alunni con plusdotazione. Un attenzione particolare è rivolta agli alunni con BES: dall a.s. 2007/2008 è in atto un progetto che prevede l identificazione precoce degli alunni con sospetti DSA e l attuazione di strategie mirate (l Istituto ha vinto i Premi Gold e A scuola di dislessia ). Le finalità, le procedure e gli strumenti che regolano l attuazione di didattiche inclusive sono contenute in un Vademecum, aggiornato ogni anno. 5

6 AREA Livello assegnato Spiegazione del livello Elencare brevemente le ragioni principali che vi hanno portato a decidere per questo livello, facendo riferimento a dati ed evidenze (massimo 1000 caratteri per ciascuna area). Per la descrizione delle Aree, degli indicatori e dei dati utili per la compilazione della scheda consultare Le linee guida per l autovalutazione par. 5.3 pag. 16 Continuità e orientamento Nella scuola sono attive commissioni per la realizzazione di percorsi di continuità educativa tra i vari ordini di scuola. Accanto a procedure consolidate, per la raccolta e il passaggio delle informazioni sugli alunni e la reciproca conoscenza (Scuola Aperta e Open Day), vengono realizzate unità didattiche-ponte (teatro, cineforum, lezioni-concerto) e il Progetto Accoglienza. L orientamento scolastico, rivolto agli studenti della secondaria, prende avvio nella primaria con interventi formativi volti al superamento degli stereotipi di genere e alla riflessione sugli stili cognitivi personali. Ogni alunno della secondaria riceve un quaderno per l orientamento, diverso per le tre classi, utilizzato dai docenti per potenziare i processi cognitivi che concorrono ad una scelta consapevole. In terza, gli alunni partecipano a Ministage presso le secondarie di 2 grado, visitano aziende e accedono allo sportello orientamento. Sono previsti incontri formativi ed informativi per le famiglie. Identità strategica e capacità di direzione della scuola (leadership) La politica dell Istituto è volta a un clima di promozione umana e professionale, a un progetto educativo orientato alla persona per una scuola al servizio della comunità. E presente una leadership diffusa e coordinata, impegnata per una scuola ben funzionante, accogliente, positivamente presente nel territorio e che opera tenendo sempre presente il POF, strumento operativo delle politiche e strategie dell Istituto. I leader condividono mission, vision e valori, che vengono diffusi anche nella realtà circostante, coinvolta nelle sue varie componenti. L attenzione alla persona, al clima educativo e alla responsabilizzazione sono le peculiarità dell Istituto: i leader sono impegnati a mantenerle nel mutare delle condizioni e nel ricambio del personale. Le decisioni vengono prese sempre collegialmente, secondo i criteri concordati (coinvolgimento, condivisione, capacità di autogestione, processi decisionali aperti, diffusione della leadership, attenzione specifica alle diverse esigenze). Gestione strategica delle risorse Tutte le risorse disponibili nel Programma annuale vengono utilizzate per la realizzazione dei Processi chiave, alla base del POF. La gestione avviene attraverso una definizione chiara dei criteri e delle procedure, indicate in un Regolamento. L Istituto ritiene le risorse umane il proprio punto di forza: si promuovono iniziative per il reperimento degli organici, il coinvolgimento e la valorizzazione del personale, anche attraverso l assegnazione ai ruoli più adeguati ed i riconoscimenti tangibili (FIS) e intangibili (encomi). Tutti gli incarichi sono finalizzati all attuazione del POF, inseriti nell organigramma e corredati da specifici mansionari. Viene privilegiata una leadership allargata, che consente una diffusa responsabilizzazione del personale. L Istituto si impegna a reperire e utilizzare le informazioni necessarie a comprendere i bisogni degli alunni, del personale e del territorio: a sua volta, ha incrementato negli anni la comunicazione verso l esterno (vedi sito web). Sviluppo professionale delle risorse Nell Istituto ci sono gruppi di lavoro su tutte le tematiche elencate nel QS, con alta varietà di argomenti trattati e n. di insegnanti coinvolti (1 doc. per plesso che coordina i progetti nella propria scuola). In particolare per ogni progetto permanente opera una commissione, coordinata da FS, che elabora linee di intervento e percorsi comuni. I corsi di formazione attivati (in n. doppio rispetto alla media QS), sono incentrati su metodologia didattica, tecnologie e inclusione alunni, temi centrali nelle nostre scelte strategiche e nel POF. La scelta delle tematiche avviene attraverso il confronto e la votazione negli OOCC. Per la docenza, se possibile, si utilizza personale interno valorizzandone le competenze. Nel QS, in base ai criteri individuati, la % media dei docenti coinvolti in formazione e il n. di ore per insegnante, risultano bassi, ma a tal proposito si evidenzia che la formazione è più diffusa perché viene proposta da parte delle FS. anche all interno delle commissioni. 6

7 AREA Livello assegnato Spiegazione del livello Elencare brevemente le ragioni principali che vi hanno portato a decidere per questo livello, facendo riferimento a dati ed evidenze (massimo 1000 caratteri per ciascuna area). Per la descrizione delle Aree, degli indicatori e dei dati utili per la compilazione della scheda consultare Le linee guida per l autovalutazione par. 5.3 pag. 16 Capacità di governo del territorio e rapporti con le famiglie L Istituto instaura e mantiene, in modo coerente con le proprie politiche e strategie, un interazione attiva con gli EELL, le associazioni e altre organizzazioni del territorio, realizzando varie attività di partnership e progetti educativi che arricchiscono in modo significativo l Offerta Formativa (es: orientamento, integrazione alunni BES, disabili e stranieri, ed. ambientale, progetto MINDLAB). Le varie partnership hanno inoltre consentito di massimizzare valore per la scuola (es: sconti e servizi per personale e famiglie, formazione per docenti, aule multimediali). Veniamo scelti spesso per iniziative del Comune (es: PAT, Commm.ne Cultura) e per lanci di progetti (Informambiente, Piedibus, Unicef). Ritenendo la partecipazione un valore fondamentale, in particolare quella delle famiglie, presentiamo ogni attività in fase di progettazione, per ricevere pareri e collaborazione diretta (esperti in classe) e la valutiamo insieme, anche in incontri specifici (con il Consiglio di I.) Attività di autovalutazione L Istituto è impegnato da 10 anni in attività di autovalutazione utilizzando i modelli EFQM e CAF. Ha partecipato a diversi Premi Qualità regionali e nazionali per PPAA e scuole (con visite di valutatori esterni) risultando più volte tra i vincitori. La Funzione Strumentale all Autovalutazione e al Miglioramento coordina una commissione costituta da un docente per ogni plesso e dal DS, il DSGA viene coinvolto negli step di competenza. L autovalutazione è realizzata ogni 2 anni e ad ogni RAV fa seguito un piano di miglioramento articolato in azioni di miglioramento (logica PDCA). Per la rilevazione delle opinioni del personale e delle famiglie vengono utilizzati questionari, interviste e focus group. I progetti presenti nel POF vengono monitorati attraverso schede progetto (3 fasi annue), griglie osservative e questionari di soddisfazione finali. Il processo di autovalutazione e il RAV vengono comunicati ai diversi stakeholder in incontri specifici (tra cui gli OO.CC ) e sul il sito web 7

8 3. Individuazione obiettivi di miglioramento 3.1 Obiettivo 1 OBIETTIVO Migliorare le prestazioni degli alunni, attraverso la revisione dei curricoli, in ordine ai risultati delle prove INVALSI e delle prove standardizzate di Istituto in relazione a: ITALIANO: riflessione sulla lingua, riordino di frasi (primaria), interpretare e valutare (secondaria) MATEMATICA: concetti e procedure, argomentazioni (secondaria), numeri (primaria) INDICATORE % increm risult. alunni in ambiti considerati Situazione attuale INVALSI: seguenti risultati < media naz. 2^ prim. Ita: riordino frasi, rifl. lingua; Mate: numeri, conc. e proced.. 1^ sec. Ita: rifl. lingua, Interp. e Valutare; Mate: concetti e proc, argometazioni Valori di Riferimento (se presenti) Media nazionale dei risultati INVALSI negli ambiti e processi considerati DATI Risultato atteso (target) Incremento del punteggio medio dell'istituto dell'1% Prove SNV Risultato conseguito (a seguito di piano di miglioramento) da verificare alla somministrazione successiva di prove standardizzate al termine dell'a.s. 2013/ Obiettivo 2 OBIETTIVO Incrementare la rilevazione dei risultati degli alunni ottenuti a distanza di 2/3 anni dal superamento dell esame di licenza (RISULTATI A DISTANZA) INDICATORE Numero (%) di situazioni rilevate Situazione attuale Rilevazione dei risultati non sistematizzata, percentuale di dati rilevati inferiore al 50% Valori di Riferimento (se presenti) Non disponibile DATI Risultato atteso (target) dati forniti dagli Istituti Secondari di 2 grado in misura corrispondente al 70% degli alunni Risultato conseguito (a seguito di piano di miglioramento) da verificare al termine dell a.s. 2013/2014 8

9 3.3 Obiettivo 3 OBIETTIVO Adeguare i curricoli disciplinari di Istituto alle Indicazioni nazionali 2012 e ai traguardi delle competenze (SELEZIONE DEI SAPERI, SCELTE CURRICOLARI) INDICATORE Numero di curricoli adeguati predisposti Situazione attuale Programmazioni disciplinari curricolari verticali, declinate su base annuale, con l indicazione di competenze correlate solo per alcune discipline. Valori di Riferimento (se presenti) Non disponibile DATI Risultato atteso (target) Curricoli elaborati in misura corrispondente all 80% alla fine dell a.s. 2013/2014 e al 100% nell a.s. 2014/2015 Risultato conseguito (a seguito di piano di miglioramento) da verificare al termine dell a.s. 2013/2014 e dell'a.s. 2014/ Obiettivo 4 OBIETTIVO Incrementare la percentuale di partecipazione dei docenti dell Istituto ai percorsi di formazione nei prossimi 2 anni scolastici (SVILUPPO PROFESSIONALE DELLE RISORSE) INDICATORE N. doc. partecipanti; N. h formazione x doc. Situazione attuale 11,79%: Percentuale media di insegnanti coinvolti nei progetti di formazione o aggiornamento attivati (P_047) QS 0.15 : N. medio di h di formazione per ins. (P_049) QS Valori di Riferimento (se presenti) 22,1 %: percentuale media di insegnanti coinvolti nei progetti di formazione - dato scuole VALES 0,28: n. medio h di formazione per ins.- dato scuola VALES DATI Risultato atteso (target) Incremento del 10% dei docenti coinvolti in formazione, incremento delle ore di formazione per ciascun insegnante pari al valore medio nazionale rilevato nel QS (0,28) Risultato conseguito (a seguito di piano di miglioramento) da verificare al termine dell a.s. 2013/2014 e dell a.s 2014/2015 9

10 3.5 Motivare il collegamento fra obiettivi individuati e risultanze interne all autovalutazione Il Nucleo di Autovalutazione ha preso in esame tutti i risultati disponibili sia rispetto al percorso VALES, sia in relazione ai percorsi dell'istituto. La situazione complessiva è stata messa in relazione ai PROCESSI CHIAVE dell'istituto (Realizzazione della continuità educativa, Didattiche, Orientamento, Ampliamento dell'offerta Formativa, Valutazione didattico-educativa, Autovalutazione e Miglioramento). Gli obiettivi delle azioni di miglioramento sono stati prescelti in base ai seguenti criteri: 1) corrispondenza ai Processi Chiave, in un'ottica di sistema (collegamento delle azioni tra di loro e delle stesse ai processi). 2) corrispondenza agli esiti da migliorare ritenuti più significativi (in relazione ai Processi e alle Politiche e Strategie dell'istituto) emersi nel RAV 2) attribuzione di priorità in base alla valutazione dell'impatto (ampia ricaduta nell'istituto) e della fattibilità (risorse necessarie). 4. Nota metodologica Quale è la composizione del nucleo di valutazione? Da chi è stato elaborato il RA? Nella compilazione del RA avete riscontrato problemi o difficoltà? Se sì, quali? Il Nucleo di Autovalutazione coincide con la commissione di Istituto "Autovalutazione e Miglioramento" costituita da 7 docenti (uno per plesso, 3 di scuola secondaria e 4 di scuola primaria), il DS e la FS specifica. Il RAV è stato abbozzato in commissione per le linee generali, è stato redatto dalla FS, da un docente e dalla DS, inviato a tutta la commissione per la revisione e approvato dal Nucleo di Autovalutazione in un incontro collegiale. Non sono stati rilevati particolari problemi nella stesura del RAV, ad eccezione del ridotto numero di battute, che, in alcuni casi, hanno limitato una descrizione più dettagliata rispetto a quanto richiesto nelle linee guida. Si evidenzia il fatto che i risultati dei questionari docenti/studenti/genitori sono state inviati abbastanza tardi rispetto ai tempi della compilazione del Rapporto. Data compilazione 08/05/

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art.

Dettagli

Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione

Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione Novembre 2014 INDICE della MAPPA INDICATORI 1 Contesto... 2 1.1 Popolazione scolastica... 2 1.2 Territorio e capitale sociale... 3 1.3 Risorse economiche

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative 1 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Indicazioni operative Priorità strategiche della valutazione - Riduzione della

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

L utilizzo di informazioni qualitative e quantitative per la valutazione delle scuole

L utilizzo di informazioni qualitative e quantitative per la valutazione delle scuole ROMA 24-25-26 novembre 2015 L utilizzo di informazioni qualitative e quantitative per la valutazione delle scuole Paola Di Natale Valutazione delle scuole: percorsi di formazione/informazione per i Dirigenti

Dettagli

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI

Direzione Didattica Statale G. MAZZINI Direzione Didattica Statale G. MAZZINI Progetto A.M.I.C.O. Azioni Metodologiche ed Iniziative per la Cooperazione aa.ss. 2014/2015 Sede/i di realizzazione del progetto: Plessi di scuola primaria della

Dettagli

COME COMPILARE IL RAV IL PROCESSO. Roma 5 marzo 2015 Incontro della Rete Scuole del II Municipio

COME COMPILARE IL RAV IL PROCESSO. Roma 5 marzo 2015 Incontro della Rete Scuole del II Municipio COME COMPILARE IL RAV IL PROCESSO Roma 5 marzo 2015 Incontro della Rete Scuole del II Municipio Micaela Ricciardi Come compilare il RAV: riflessioni per la Rete scuole Municipio II 5 marzo 2015 1 QUALE

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

ESITI DEGLI STUDENTI

ESITI DEGLI STUDENTI ALLEGATO Priorità e Traguardi evidenziati nel Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola NAIC812007 "CAMPO DEL MORICINO" ESITI DEGLI STUDENTI 1. Risultati scolastici Studenti

Dettagli

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infa Prim Med 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) N.n. 7 14. Ø

Dettagli

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.I.S. DON MILANI MONTICHIARI a.s. 2015 2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Autovalutazione e miglioramento continuo

Autovalutazione e miglioramento continuo Autovalutazione e miglioramento continuo Percorso formativo per i Dirigenti Scolastici della Regione Abruzzo 2^ giornata Relatore: Germano Cipolletta Questo documento è stato ideato per una fruizione a

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

RAPPORTO AUTOVALUTAZIONE ISTITUTO RAV

RAPPORTO AUTOVALUTAZIONE ISTITUTO RAV RAPPORTO AUTOVALUTAZIONE ISTITUTO RAV Risultati Questionario Istituto di Istruzione Superiore Cambi Serrani ANIS002001 L ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CAMBI SERRANI E LA SICUREZZA L ISTITUTO DI ISTRUZIONE

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini"

Istituto Scolastico Comprensivo Statale R. Fucini Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini" Scuola Infanzia Primaria e Secondaria di I di Monteroni d Arbia e Murlo Viale Rimembranze,127 Tel 0577375118 53014 - MONTERONI D'ARBIA (SI) e. mail siic80800q@istruzione.it

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell infanzia-scuola primaria-scuola secondaria di 1 a indirizzo musicale BOER-VERONA TRENTO Via XXIV Maggio,

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE Scuola LICEO SCIENTIFICO STATALE E. FERMI di MASSA a.s. 2014/2015 PIA ANNUALE PER L INCLUONE Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità ISTITUTO COMPRENVO STATALE POLO EST LUMEZZANE a. s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infanzia Primaria Sec.I grado

Dettagli

All'albo della scuola e sul sito web

All'albo della scuola e sul sito web Prot. n. 4684 Roma, 28 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E p.c. Al Consiglio d istituto Alle famiglie Agli alunni Al personale ATA All'albo della scuola e sul sito web OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE Priorità strategiche della valutazione - Riduzione della dispersione e dell insuccesso scolastico. - Rafforzamento delle competenze di base degli studenti rispetto alla situazione

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill

Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill analisi e verifica servizio: rapporto autovalutazione e piano miglioramento valutazione

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16 Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 Staff del Dirigente e Funzioni strumentali al POF 2 FS1 - Qualità e valutazione di sistema Gestisce la documentazione relativa

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE a. s. 2015-2016 Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE a. s. 2015-2016 Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado Prot. n 2475/A36 San Costantino Cal. 29.04.2015 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE a. s. 2015-2016 Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado Il Coordinatore del G.L.I. 1 PARTE I Obiettivi di miglioramento dell

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapportodiautovalutazione VALES Valutazioneesviluppodellascuola Sommario 1. Codicemeccanograficoistitutoprincipale...3 2. Grigliediautovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contestoerisorse...4 1.3 Processi...5

Dettagli

Scuola: I.P.S.S.S. E. DE AMICIS ROMA a.s. 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola: I.P.S.S.S. E. DE AMICIS ROMA a.s. 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione Scuola: I.P.S.S.S. E. DE AMICIS ROMA a.s. 2013/2014 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI. Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D

Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI. Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D 1. Contesto e risorse 1.1 Popolazione scolastica 1.2 Territorio e capitale sociale 1.3 Risorse economiche

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO PADRE VITTORIO FALSINA Via Scuole, 14 25045 Castegnato

Dettagli

P i a n A n n u a l e

P i a n A n n u a l e ISTITUTO COMPRENSIVO VADO - MONZUNO P i a n o A n n u a l e dell Inclusività ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Quadro di sintesi delle risorse a disposizione della scuola : Risorse di personale : Dirigente Scolastico,

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Statale Paolo Ruffini Scuola dell infanzia primaria secondaria di I grado Via del

Dettagli

CRUSCOTTO REGIONALE INDICATORI PER L AUTOVALUTAZIONE CON IL MODELLO CAF

CRUSCOTTO REGIONALE INDICATORI PER L AUTOVALUTAZIONE CON IL MODELLO CAF CRUSCOTTO REGIONALE INDICATORI PER L AUTOVALUTAZIONE CON IL MODELLO CAF (vademecum elaborato dal gruppo tecnico regionale: Dirigenti Scolastici Niccoletta Cipolli, Franca Da Re, Nicola Marchetti, Catterina

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso

Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso A.S. 2015-2016 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA Direttiva M. 27/12/2012 e CM n 8 del 6/3/2013 A.S. 2015-2016 Nei punti che seguo so riportate

Dettagli

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

B. Risorse professionali specifiche Prevalentemente utilizzate in Sì / No Insegnanti di sostegno Attività individualizzate e di.

B. Risorse professionali specifiche Prevalentemente utilizzate in Sì / No Insegnanti di sostegno Attività individualizzate e di. Istituto Comprensivo Statale di Gavirate a.s._2013/14 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili INCLUSIVITÀ a Integrazione del disagio Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili Il POF d istituto riconosce pienamente il modello d istruzione italiano in termini

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016-19 PREMESSA

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016-19 PREMESSA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazza Volta 4/a 22077 OLGIATE COMASCO (CO) tel. 031-944033 / 947207 cod.min. COIC80700A - cod.fisc. 80013700135 e.mail

Dettagli

P.A.I. Piano Annuale per l Inclusione Direttiva M. 27/12/2012 e CM n 8 del 6/3/2013 A.S. 2016-17 Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

P.A.I. Piano Annuale per l Inclusione Direttiva M. 27/12/2012 e CM n 8 del 6/3/2013 A.S. 2016-17 Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Prot.n. 3695/C6 Casamicciola Terme, 20/06/2016 P.A.I. Piano Annuale per l Inclusione Direttiva M. 27/12/2012 e CM n 8 del 6/3/2013 A.S. 2016-17 Parte I analisi dei punti di forza e di criticità 1. Situazione

Dettagli

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DUCA DEGLI ABRUZZI Via Garibaldi, 90 26812 Borghetto Lodigiano (LO) - C.M. LOIC80400A C.F. 92517390156 Tel. 0371/80389

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

D.D. G MAZZINI Torino Scuola Primaria a.s. 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione

D.D. G MAZZINI Torino Scuola Primaria a.s. 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione D.D. G MAZZINI Torino Scuola Primaria a.s. 2013/2014 Piano Annuale per l Inclusione 1 Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

L I C E O S C I E N T I F I C O S T A T A L E D A L E S S A N D R O BA G H E R I A

L I C E O S C I E N T I F I C O S T A T A L E D A L E S S A N D R O BA G H E R I A 55 risposte su 70 email inviate. 78 % Contesto e Risorse La struttura dell'edificio è considerata in modo positivo 98,1 % dei docenti. I laboratori sono adeguatamente attrezzati per il 66 % dei docenti.

Dettagli

LE PRIORITÀ E GLI STRUMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA STRUTTURA DEL RAV Tivoli, 10 marzo 2015

LE PRIORITÀ E GLI STRUMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA STRUTTURA DEL RAV Tivoli, 10 marzo 2015 LE PRIORITÀ E GLI STRUMENTI DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA STRUTTURA DEL RAV Tivoli, 10 marzo 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 Contesto e risorse 2 3 4 5 Esiti Processi Il Processo di Autovalutazione

Dettagli

La compilazione del RAV sezioni 4 e 5. Tivoli 14 aprile 2015

La compilazione del RAV sezioni 4 e 5. Tivoli 14 aprile 2015 La compilazione del RAV sezioni 4 e 5 Tivoli 14 aprile 2015 di che parliamo oggi come è fatto il RAV la raccolta dati dall auto-analisi all auto-valutazione dall auto-valutazione al piano di miglioramento

Dettagli

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF La compilazione del RAV mira a: MAPPA RAV 2015 a) individuare, analizzare e capire i punti di forza e i punti di debolezza; b) confrontarsi con i dati nazionali/regionali/provinciali

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA VISTO l art. 3 comma 4 del D.P.R. 275/1999 come modificato dall art. 1, comma 14, della Legge

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione a.s. 2013/2014

Piano Annuale per l Inclusione a.s. 2013/2014 Istituto Comprensivo n 2 di Imola Piano Annuale per l Inclusione a.s. 2013/2014 Riferimento normativo La Direttiva ministeriale del 2012 Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali

Dettagli

PIANO ANNUALE DI INCLUSIONE I.C. DI CARBONERA

PIANO ANNUALE DI INCLUSIONE I.C. DI CARBONERA PIANO ANNUALE DI INCLUSIONE I.C. DI CARBONERA PREMESSA Le finalità della scuola devono essere definite a partire dalla persona che apprende, con l originalità del suo percorso individuale e le aperture

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI + RODARI SESTU

ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI + RODARI SESTU ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI + RODARI SESTU Via Dante, 1- Cap. 09028 SESTU Tel.070/260144 - Fax. 070/262518 - C.F. 92200240924 - C.M. CAIC89400B - Email:caic89400b@istruzione.it PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO CAF E TEMPI Avvio attività processo AV Processo AV Predisposizione Piano di miglioramento Periodo di riferimento 8 mesi GLI STEP DEL VIAGGIO CAF FASI PROCESSO AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

I.S.I.S.S. «Marco Polo»

I.S.I.S.S. «Marco Polo» Certificazione di qualità Committed to ecellence in Europe I.S.I.S.S. «Marco Polo» E sezioni associate ITC e ITA Cattaneo Piano Annuale per l Inclusione A.S. 2013-14 Parte I analisi dei punti di forza

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G.Rodari Via Aquileia, 1 20021 Baranzate (MI) Tel/fax 02-3561839 Cod. Fiscale 80126410150 Cod. meccanografico MIIC8A900C

Dettagli

PROGETTO DI ISTITUTO A SCUOLA DI LABORATORIO

PROGETTO DI ISTITUTO A SCUOLA DI LABORATORIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO Daniele Spada Scuola dell infanzia, primaria e secondaria di primo grado 24060 SOVERE (BG) via Silvestri, 1 035-981233 -

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

PDM Istituto Comprensivo di Castel San Pietro Terme

PDM Istituto Comprensivo di Castel San Pietro Terme ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTEL SAN PIETRO TERME SCUOLA DELL INFANZIA STATALE GABRIELLA GRANDI DI OSTERIA GRANDE SCUOLA PRIMARIA STATALE GUSTAVO SEROTTI DI OSTERIA GRANDE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Dettagli

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORIANO NEL CIMINO Viale Ernesto Monaci, 37-01038 SORIANO NEL CIMINO (VT) -

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità (nell anno scolastico 2013/2014) A. Rilevazione dei BES presenti:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO

ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI DI PESARO Piano Annuale per l Inclusione a.s.2015-2016 Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

Scuola : LICEO CLASSICO STATALE "C. BECCARIA" - MILANO - a.s.2015-16 Piano Annuale per l Inclusione

Scuola : LICEO CLASSICO STATALE C. BECCARIA - MILANO - a.s.2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Scuola : LICEO CLASSICO STATALE "C. BECCARIA" - MILANO - a.s.2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua.

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua. SCUOLA PRIMARIA Denominazione progetto Priorità cui si riferisce (L.107/2015)e Traguardi di risultato Obiettivo di processo CLIL SCIENCE Sviluppare e potenziare le competenze chiave di cittadinanza. Rispondere

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO GALILEI Via Danimarca, 54 90146 Palermo c.f. 80012700821 Telefono 091 515231 - Fax 091 520622 www.liceoggalileipalermo.gov.it - paps010002@istruzione.it paps010002@pec.istruzione.it

Dettagli

Casella di posta elettronica (PEC): apic83600e@pec.istruzione.it. Istituto Comprensivo Statale n. 1 PORTO SANT ELPIDIO (FM) a.s.

Casella di posta elettronica (PEC): apic83600e@pec.istruzione.it. Istituto Comprensivo Statale n. 1 PORTO SANT ELPIDIO (FM) a.s. ' ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N. 1 DI PORTO SANT ELPIDIO Via Fontanella, 2 PORTO SANT ELPIDIO (FM) Tel. 0734/992287 - C.F. 90055060447 e-mail:apic83600e@istruzione.it Fax : 0734/801181 URL:www. primocircolopse.it/isc1pse

Dettagli

Istituto Comprensivo "SAN GIULIO" a.s.2015 /2016

Istituto Comprensivo SAN GIULIO a.s.2015 /2016 Istituto Comprensivo "SAN GIULIO" a.s.2015 /2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE secondo il Modello CAF. Questionari di gradimento e Indicatori di risultato

AUTOVALUTAZIONE secondo il Modello CAF. Questionari di gradimento e Indicatori di risultato AUTOVALUTAZIONE secondo il Modello CAF Questionari di gradimento e Indicatori di risultato Cristina Cosci Dirigente scolastico Valutatore EFA (External Feedback Actor) Firenze 22 aprile 2013 QUESTIONARI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale "Duca degli Abruzzi" di Borghetto Lodigiano. a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione

Istituto Comprensivo Statale Duca degli Abruzzi di Borghetto Lodigiano. a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione Istituto Comprensivo Statale "Duca degli Abruzzi" di Borghetto Lodigiano a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti:

Dettagli

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale Piazza delle Regioni - 85100 Potenza INCONTRI DEL 13/19/25 FEBBRAIO 2015 AVVIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno SCHEDA DI PROGETTO INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno Denominazione progetto Priorità cui si riferisce Per tutti e per ciascuno La difficoltà dichiarata anche nel RAV - che la scuola vive nel realizzare

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016

PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE ANTONIO PACINOTTI 84018 SCAFATI (SA) TEL 081/8030377 FAX 081/8563843 E.MAIL satf04000d@istruzione.it CF. 80103800639 C.I.SATF04000D PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016 A)Analisi

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n. lì Al Collegio dei Docenti e p.c. al Consiglio d Istituto ai genitori agli alunni al personale ATA Agli atti All albo OGGETTO: atto d indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

DIVERSI DA CHI? 2) RENDERE CONSAPEVOLI DELL IMPORTANZA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA.

DIVERSI DA CHI? 2) RENDERE CONSAPEVOLI DELL IMPORTANZA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA. DIVERSI DA CHI? Sintesi delle linee guida dell Osservatorio Nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del MIUR e protocollo di accoglienza dell IC di Porlezza 1) DIRITTO

Dettagli

priorità e traguardi: area esiti degli studenti descrizione priorità descrizione traguardo didattiche a livello d'istituto.

priorità e traguardi: area esiti degli studenti descrizione priorità descrizione traguardo didattiche a livello d'istituto. Allegato 1 M. I. U. R. Sintesi RAV ( obiettivi di miglioramento) priorità e traguardi: area esiti degli studenti descrizione priorità descrizione traguardo Risultati scolastici Competenze chiave e di cittadinanza

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE ATTIVITÀ PER L INCLUSIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE ATTIVITÀ PER L INCLUSIONE Pagina 1 di 6 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITÀ 4. PROCEDURA 4.1 Programmazione (disabilità riconducibili alla tutela L.104) 4.2 Organizzazione del lavoro 4.3 Valutazione approfondita

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

Struttura e modalità di compilazione del RAV

Struttura e modalità di compilazione del RAV Struttura e modalità di compilazione del RAV Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Area valutazione e miglioramento INDIRE Firenze m.faggioli@indire.it Struttura del rapporto di autovalutazione è articolato

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA I.I.S MASSIMILIANO RAMADU

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA I.I.S MASSIMILIANO RAMADU PIA ANNUALE PER L INCLUVITA I.I.S MASMILIA RAMADU A seguito della Direttiva M. 27/12/2012 e CM n 8 del 6/3/2013, il Campus dei Licei M. Ramadù è tenuto ad elaborare, per l Anno Scolastico 2013/14, il Piano

Dettagli