Aggiornamenti. Rassegna degli studi di costo efficacia relativi ad interventi terapeutici o preventivi «not enough value for money»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aggiornamenti. Rassegna degli studi di costo efficacia relativi ad interventi terapeutici o preventivi «not enough value for money»"

Transcript

1 Giornale italiano di Farmacia clinica, 22, 2, 2008 Aggiornamenti Rassegna degli studi di costo efficacia relativi ad interventi terapeutici o preventivi «not enough value for money» Sara Simbula 1 Giulia Burchini 1 Benedetta Santarlasci 1 Sabrina Trippoli 1 Andrea Messori 1 Introduzione. In diversi paesi da diverso tempo si applica il principio del «value for money», il cui obiettivo principale è quello di massimizzare i benefici minimizzando i costi, cercando perciò di ottenere quanta più salute possibile con il finanziamento disponibile. Gli indicatori tradizionali di efficacia sono il QALY (quality adjusted life year) che è una misurazione combinata della qualità e della quantità di salute prodotta ed il costo per QALY, che è il rapporto tra quanto si spende e il ritorno di salute. In diversi paesi sono stati stabiliti dei valori soglia del costo per QALY in funzione della propria willingness to pay (disponibilità a sostenere i costi). Tali limiti sono intorno ai in Europa, intorno ai $ negli Stati Uniti e circa nel Regno Unito. Poiché tradizionalmente le rassegne sugli studi di costo efficacia sono prevalentemente o esclusivamente focalizzate sulle situazioni aventi rapporto costo efficacia sotto il valore soglia, scopo di quest articolo è stato quello di esaminare selettivamente gli studi in cui questo valore soglia veniva superato. Materiali e metodi. Gli studi sono stati identificati attraverso una ricerca MEDLINE. Le parole chiave utilizzate sono state: «year gained» AND (cost[titl] OR economic[titl]). Tra tutti gli studi estratti sono stati analizzati gli abstract dei 500 studi più recenti. Tra questi ultimi, sono stati infine selezionati gli studi in cui il rapporto costo efficacia superava una qualsiasi delle seguenti soglie: , $ oppure Per ciascuno studio sono state estratte le informazioni sul problema clinico, la terapia nuova, la terapia vecchia, il costo per anno di vita, il costo per QALY. Risultati. A partire dai 500 articoli inizialmente estratti da MEDLINE sono stati selezionati 56 studi focalizzati su interventi con «not enough value for money». Relativamente a questi 56 studi, 19 riguardano i farmaci, 8 i dispositivi medici, 5 i vaccini, 14 gli screening ed i restanti 10 sono relativi ad altri interventi sanitari. Tra gli studi selezionati quelli che presentano un rapporto costo efficacia particolarmente sfavorevole sono: la terapia profilattica vs la terapia on demand nel trattamento dell emofilia ( per QALY ); il trattamento con omalizumab vs corticosteroidi nell asma allergico da Riassunto 1 Laboratorio SIFO di Farmacoeconomia, Firenze.

2 2 Giornale italiano di Farmacia clinica, 22, 2, 2008 moderato a severo ( per QALY ); l emofiltrazione vs sodio bicarbonato nella prevenzione della nefropatia da contrasto in pazienti con malattia renale cronica (fino a per QALY ); lo screening mediante pap test vs nessuno screening nella prevenzione del cancro vaginale dopo isterectomia per malattia benigna (fino a per anno di vita ). Conclusioni. Da questa valutazione emerge che in letteratura sono riportati numerosi esempi di analisi costoefficacia in cui il valore soglia è macroscopicamente superato. Dall esame dei dati emerge inoltre che i casi di «not enough value for money» spesso riguardano settori in forte espansione quali farmaci oncologici, nuovi dispositivi medici o strategie di screening. Questo lavoro ha perciò identificato alcune strategie sanitarie potenzialmente caratterizzate da un forte spreco di risorse pubbliche. Parole chiave: costo efficacia, anni di vita guadagnati, QALY guadagnati. Introduction. In the application of the principle of «value for money», the main objective is to maximise benefits and minimise costs and to consequently gain as much health as possible per unit of economic expenditure. The traditional indexes to monitor these processes include the number of QALYs gained (QALY= quality adjusted life year) and the cost per QALY gained. Thresholds for acceptability of cost per QALY gained differ between countries, but are generally around (Europe), (UK), and $ (US). Typical analyses of the literature on cost/effectiveness are mainly focused on interventions with a favourable profile. In contrast, the literature on interventions with unfavourable cost/effectiveness profile has never been systematically reviewed. This article has specifically been aimed at reviewing the literature evaluating these latter interventions. Materials and methods. Pertinent studies were selected by a standard MEDLINE search. Key words used for this search included «year gained» AND (cost[titl] OR economic[titl]). Studies selected through this procedure were examined individually, but our assessment was limited to the most recent 500 to avoid an excessive workload for the investigators. In examining these 500 reports, we identified the subgroup of studies that reported interventions with unfavourable cost/effectiveness (cost per life year gained or cost per QALY gained exceeding at least one of the three following threshold values: , $ or ). These thresholds were assumed to represent areas where there is undisputed agreement that the intervention is not value for money. All of the studies focused on interventions with unfavourable cost/effectiveness were finally tabulated by presenting the therapeutic problem, the innovative treatment, the reference treatment, and the index expressing the degree of cost/effectiveness. Results. Our initial MEDLINE search extracted a total of 500 articles; of these 56 reported interventions with unfavourable cost/effectiveness. Among these 56 reports, 19 were focused on drugs, 8 on medical devices, 5 on vaccines, and the remaining 14 on other types of healthcare interventions. Some interventions for haemophilia patients headed the list of poor cost/effectiveness. For example, one report evaluating regular prophylaxis with factor VIII versus ondemand administration showed a cost/effectiveness of per QALY gained; another report focused on the comparison of omalizumab vs Abstract Costeffectiveness analysis of therapeutic or preventive interventions «not enough value for money»: a review of the literature

3 Simbula S., et al.: Rassegna degli studi costoefficacia 3 steroids in allergic asthma ( per QALY gained); the same range of poor cost/effectiveness was found for hemofiltration to prevent contrast mediainduced nephropathy (up to per QALY gained). Conclusions. Our survey of the literature explored an issue that had not been specifically addressed previously. Interventions with poor or very poor cost/effectiveness are numerous and have been adequately reported in the past. However, the awareness that there are proven cases of unfavourable costeffectiveness is still limited: in fact, some of these interventions are still in current use at many institutions. Key words: costeffectiveness analysis, life year gained, QALY gained. Introduzione Nelle agenzie regolatorie di diversi paesi (ad es. Regno Unito, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Svezia) e nella comunità scientifica internazionale si applica, oramai da diverso tempo, quello che in termini anglosassoni viene definito «value for money»(1, 2). In realtà sarebbe più informativo parlare di «clinical value for money» che può essere tradotto come «valore clinico in cambio di denaro». Si tratta di una metodologia o meglio di uno strumento di lavoro la cui «mission» principale è quella di massimizzare i benefici minimizzando i costi, ovvero ottenere quanta più salute possibile con il finanziamento sanitario che la società destina agli interventi sanitari. Nell ambito del finanziamento da parte del SSN è infatti importante identificare, ed eventualmente correggere, le situazioni di uso inappropriato rispetto a quelle di uso appropriato del denaro pubblico. L'uso è inappropriato quando l'entità della spesa per un determinato intervento terapeutico è sproporzionatamente grande rispetto alla quantità di salute prodotta dall'intervento stesso. L'uso appropriato di denaro pubblico si ha invece quando l entità della spesa per l intervento è proporzionata o addirittura piccola rispetto alla quantità di salute prodotta dall intervento. Non è quindi sbagliato di per sé spendere tanto (es. trapianto di midollo osseo oppure trapianto di fegato), ma è fondamentale avere «un ritorno di salute» proporzionatamente grande quando la spesa è grande. In caso contrario risulta non solo sbagliato ma è addirittura antietico destinare tanto denaro pubblico ad un intervento in cui torna indietro poca o addirittura pochissima salute. Nella metodologia del value for money gli indicatori tradizionali di efficacia sono il QALY (quality adjusted life year) che è una misurazione combinata della qualità e della quantità di salute prodotta e il costo per QALY che è il rapporto tra la spesa per quell intervento sanitario ed il rispettivo ritorno di salute. In diversi paesi sono stati definiti dei valori soglia per il costo per QALY in funzione della willingness to pay (disponibilità a sostenere i costi). Tali valori sono intorno ai euro in Europa, intorno ai dollari negli Stati Uniti e circa sterline nel Regno Unito (3). Si tratta di valori «spartiacque» tra i soldi spesi bene e i soldi spesi male. I paesi più ricchi riusciranno a tarare la soglia più in alto, i più poveri (o chi vuole spendere di meno) più in basso. L obiettivo di questo lavoro è quello di presentare una rassegna di studi di costoefficacia nei quali questo valore del costo per QALY è stato macroscopicamente superato; si tratta quindi di casi «not enough value for money». Materiali e metodi Gli studi di costo efficacia sono stati identificati attraverso una ricerca MEDLINE (PubMed

4 4 Giornale italiano di Farmacia clinica, 22, 2, 2008 Data Base, indirizzo Internet: pubmed.org; accesso al sito eseguito il ). Le parole chiave utilizzate sono state: «year gained» AND (cost[titl] OR economic[titl]). Tra gli studi estratti sono stati analizzati solo gli abstract dei 500 studi più recenti che corrispondevano a quelli pubblicati dopo la metà del Tra questi 500, sono stati selezionati gli studi in cui il costo per QALY o il costo per anno di vita superava uno qualsiasi dei seguenti tre valori soglia: , $ oppure Sono stati esclusi gli studi che non riportavano dati originali. Risultati Tra i 500 studi estratti da MEDLINE sono stati selezionati 56 lavori di costoefficacia nei quali il valore del costo per anno di vita o per QALY superava almeno uno dei tre valori limite. I risultati sono stati riassunti in 5 Tabelle nelle quali è riportato, per ciascun studio, il problema clinico, la terapia nuova, la terapia vecchia, il costo per anno di vita e/o il costo per QALY. Inoltre per rendere confrontabili i dati è stata aggiunta una colonna nella quale il costo per QALY (o in sua assenza il costo per anno di vita ) viene comunque espresso (anche) in Euro. Nelle Tabelle gli interventi sono stati elencati secondo un ordine decrescente di costo per anno di vita. Dei 56 studi di costoefficacia analizzati in questo articolo, 19 riguardano i farmaci (Tabella I), 8 i dispositivi medici (Tabella II), 5 i vaccini (Tabella III), 14 gli screening (Tabella IV); i restanti 10 sono relativi ad altri interventi sanitari (Tabella V). Studi di costo efficacia relativi ai farmaci La Tabella I riporta i 19 studi di costoefficacia riguardanti i farmaci. I primi 3 presentano un costo per QALY superiore a ; i 16 studi che seguono hanno un rapporto costo efficacia inferiore a ma superiore a ; la maggior parte dei restanti interventi si attesta intorno ai Nel campo dello sviluppo di nuovi farmaci e dell innovazione terapeutica in generale, uno dei settori a più rapido sviluppo è quello oncologico. Questa considerazione si riflette nei risultati trovati dalla nostra analisi, in cui 7 studi su 19 riguardano i farmaci antitumorali. I rapidi progressi in questo settore farmacologico e l alto costo di queste molecole sottolineano difatti l esigenza di valutare questi farmaci sia da un punto di vista di efficacia clinica sia da un punto di vista di costoefficacia. Lo studio che riporta il valore più alto di costo per QALY è relativo al trattamento dell emofilia (4). Lo scopo dello studio di Lippert et al (4). è stato quello di valutare nella terapia dell emofilia il rapporto costoefficacia della terapia profilattica ininterrotta versus quella ondemand. Il rapporto costoefficacia per la prima terapia verso la seconda è stato di per QALY in pazienti di età < 30 anni e HIV positivi e per QALY in pazienti di età < 30 anni e HIV negativi. L'uso del trattamento profilattico è stato globalmente più efficace nella terapia ondemand e nei giovani emofilici, ma con un profilo costoefficacia almeno 20 volte superiore rispetto al valore soglia. Il secondo studio (5) valuta il rapporto costoefficacia dell omalizumab nel trattamento dell asma allergico da moderato a severo. Per i pazienti con asma moderato, omalizumab implica un rapporto costoefficacia di $ per QALY. Per i pazienti più gravi, il rapporto costoefficacia è stato di $ per QALY. Gli autori concludono che, dati gli alti costi del farmaco, è opportuno

5 Simbula S., et al.: Rassegna degli studi costoefficacia 5 che i clinici valutino altri farmaci prima di iniziare il trattamento con omalizumab. L obiettivo del terzo studio (6) riportato in Tabella I era valutare la via di somministrazione degli inibitori di pompa protonica (PPI) nella terapia dell ulcera peptica emorragica. La terapia endovena con PPI è più efficace rispetto alla terapia per via orale, ma è più costosa e richiede 72 ore di degenza ospedaliera postemostasi per completare un intero corso terapeutico. Dato che nessuno studio clinico ha confrontato le due opzioni di somministrazione dei PPI, gli autori hanno utilizzato un modello decisionale per misurare i risultati clinici ed economici di queste due alternative terapeutiche. Il rapporto costoefficacia della somministrazione di PPI per endovena versus la somministrazione per os è risultato pari a $ per anno di vita. Questo studio ha valutato anche la terapia con anti H2 per endovena, che tuttavia ha dimostrato un profilo sfavorevole perché rispetto alla terapia con PPI è risultata essere più costosa e meno efficace. Due lavori di farmacoeconomia (14,16) sono stati utilizzati dal NICE (National Institute for Health and Clinical Excellence) per formulare le raccomandazioni a proposito di due trattamenti controversi. Come è noto in Gran Bretagna gli studi di costoefficacia rappresentano uno strumento importante per i «decisori» al fine di ammettere o meno alla rimborsabilità un intervento terapeutico. Lo studio di Tappenden et al. (14) ha valutato il bevacizumab + chemioterapia standard vs chemioterapia standard da sola nel trattamento di prima linea del cancro colon retto metastatico. Quando si considera come terapia standard fluorouracile + acido folinico (FU/AF) il rapporto di costoutilità della combinazione innovativa assume un valore pari a per QALY. Se invece si considera, come chemioterapia standard, irinotecan + fluorouracile + leucovorina (IFL) il valore del costo per QALY diventa pari a Sulla base di questi risultati, nelle linee guida del NICE il bevacizumab nel cancro del colon retto metastatico non è stato considerato costoefficace (in quanto superiore al valore soglia di ), quindi non è stato raccomandato per l utilizzo. Un altro studio che è stato utilizzato come base per le raccomandazioni del NICE è l analisi costoutilità di Green et al. (16) relativa agli inibitori delle colinesterasi utilizzati nella malattia di Alzheimer da lieve a moderatamente grave. L analisi farmacoeconomica condotta con un orizzonte a 5 anni trova un valore compreso da a per QALY. Sulla base di questi risultati, il NICE ha ritenuto che l utilizzo di questi farmaci non fosse costoefficace per il sistema sanitario inglese. Questi farmaci infatti non dovrebbero essere considerati come opzione nel trattamento dei pazienti affetti da malattia di Alzheimer di gravità da lieve a moderata. Tabella I. Studi di costoefficacia relativi ai farmaci. Problema clinico Trattamento dell emofilia Terapia nuova Terapia profilattica Terapia on demand anno di vita QALY per pz. di età <30 anni e HIV neg per pz. di età <30 anni e HIV pos. Valore espresso in Euro* per pz. di età <30 anni e HIV neg per pz. di età <30 anni e HIV pos. Referenza Lippert et al (4)

6 6 Giornale italiano di Farmacia clinica, 22, 2, 2008 Problema clinico Asma allergico da moderato a severo Terapia dell emorragia da ulcera peptica Trattamento preventivo delle fratture in donne postmenopausa con osteopenia Terapia nuova anno di vita QALY Valore espresso in Euro* Omalizumab Corticosteroidi $ Inibitori di pompa intravena Alendronato Inibitori di pompa per os Nessun trattamento $ $ a $ Da a Referenza Wu et al (5) Spiegel et al (6) Schousboe et al (7) Glioma maligno Temozolomide Lomustina Da $ a $ Da a Mabasa et al (8) Leucemia mieloide cronica Carcinoma mammario metastatico HER2 Nevralgia posterpetica Prevenzione del cancro della prostata Tumore stromale gastrointestinale non resecabile e / o metastatico, KIT pos. Cancro del colon retto metastatico prima linea Imatinib Chemioterapia + Trastuzumab 1. Interferone alfa 2. Idrossicarbamide Chemioterapia da sola 1. Da a ; 2.Da a Da a Da a Da a Da a Gabapentin Pregabalin $ Finasteride Imatinib Bevacizumub + chemioterapia standard Terapia standard Terapia standard Chemioterapia standard: 1. fluorouracile acido folico (FU/AF) 2. irinotecan fluorouracile e leucovorina (IFL) $ $ Da a (dopo 2 anni) Dalziel et al (9) Norum et al (10) O' Connor et (11) Zeliadt et al (12) Wilson et al (13) Tappenden et (14) Malattia coronarica Fitosteroli Placebo Da a (nelle donne) Da a (nelle donne) Martikainen et (15)

7 Simbula S., et al.: Rassegna degli studi costoefficacia 7 Problema clinico Malattia di Alzheimer da lieve a moderatamente grave Controllo dell anemia durante la terapia antivirale per l epatite C Cancro del colon retto metastatico Mesotelioma pleurico non resecabile in pz. chemioterapia naive. Trattamento di seconda linea tumore al seno metastatico Cancro colon rettale metastatico Profilassi antitrombotica dopo artoplastica dell anca Terapia nuova Inibitori delle colinesterasi Eritropoietina Bevacizumab + chemioterapia standard Pemetrexed + cisplatino Gemcitabina + placlitaxel Cetuximab/irinotec an Eparine a basso peso molecolare Riduzione della dose di ribavirina e interferone peghilato Chemioterapia standard: Prima linea: 1. 5 fluorouracile leucovorina (FU/LV) 2. infusione FULV oxaliplatino (FOLFOX6) 3. bolo FULV oxaliplatino (bfol) anno di vita QALY Da a (orizzonte a 5 anni) $ (per il genotipo 2/3) Valore espresso in Euro* Da a $ $ $ Seconda linea: 4. FOLFOX 4 2.$ ,66 Cisplatino Paclitaxel supporto Warfarin $ Referenza Green et al (16) Chapko et al (17) Shiroiwa et (18) Dundar et (19) Takeda et (20) Starling et (21) Skedgel et (22) Nota: * Assumendo 1 UK = 0,7875, 1 US $ = 1,5736, 1 CAN $ = 0,6262 al 26 marzo È riportato il valore in Euro del costo per QALY, o il costo per anno di vita, qualora il primo non sia stato riportato.

8 8 Giornale italiano di Farmacia clinica, 22, 2, 2008 Studi di costo efficacia relativi ai dispositivi medici Per quanto concerne i DM (vedi Tabella II), sono riportati 8 studi di costoefficacia. Il primo studio (23) è un analisi costoefficacia che ha valutato l emofiltrazione per prevenire la nefropatia da mezzo di contrasto in pazienti con malattia renale cronica. I risultati di questo articolo mettono in evidenza che il profilo di costoefficacia dell emofiltrazione per la prevenzione della nefropatia da mezzo di contrasto può assumere valori molto diversi in termini di costo per QALY a seconda del comparator che viene considerato. In particolare, le terapie di valutate nello studio sono state il bicarbonato di sodio, l Nacetilcisteina e l idratazione con soluzione salina. Per nessuno di questi tre interventi terapeutici esistono studi che confrontano la loro efficacia clinica verso quella dell emofiltrazione; quindi la stima del calcolo del beneficio incrementale si è basata su confronti indiretti. Un valore di costo per QALY che ha raggiunto $ è stato ottenuto nel confronto tra emofiltrazione e il sodio bicarbonato come terapia di, mentre un valore estremamente favorevole, $ per QALY, è stato ottenuto dal confronto tra emofiltrazione e idratazione con soluzione salina in soggetti ad alto rischio (creatinina media sierica di 265 micromoli/l). Tre analisi costoefficacia hanno valutato il profilo farmacoeconomico dei defibrillatori cardiaci impiantabili (24, 25, 26). In particolare, lo studio di Goldenberg et al (24) relativo al confronto tra defibrillatori cardiaci impiantabili e il trattamento senza nessun defibrillatore in pazienti con aritmia cardiaca ereditaria mostra che il costo per QALY è compreso in un range estremamente ampio di valori, ossia tra $3.328 e $ I valori più alti quindi più sfavorevoli del costo per QALY (compresi in un range da $ a $ ) sono quelli relativi a pazienti a basso rischio con cardiopatia ereditaria o con sindrome da QT lungo o cardiomiopatia ipertrofica. Un range altrettanto ampio di valori del rapporto di costoefficacia dei defibrillatori cardiaci impiantabili per il trattamento delle aritmie, è stato stimato anche nella review di Bryant (25). In questa review si calcola che il costo per anno di vita oscilla da Can $ a Can $ e il costo per QALY varia da Can $ a Can $ Lo studio di AlKhatib et al. (27) riporta una analisi di costoefficacia relativa alla valutazione dei defibrillatori cardiaci impiantabili verso la terapia medica in pazienti con una storia di infarto del miocardio. I dati di efficacia clinica utilizzati in questo studio sono stati tratti dal trial MADITII il quale aveva dimostrato che, in pazienti con infarto del miocardio e con frazione di eiezione inferiore o uguale a 0,3, i defibrillatori impiantabili determinavano un aumento significativo della sopravvivenza rispetto alla terapia farmacologica. Sulla base dei risultati di questo studio clinico il guadagno di sopravvivenza per i defibrillatori cardiaci impiantabili verso la terapia medica è di 1,80 anni ed il costo per anno di vita è di $ con un orizzonte lifetime dell analisi (27). Se l orizzonte dell analisi cambia, il costo per anno di vita assume valori più sfavorevoli fino ad arrivare a circa $ per anno di vita (come riportato in Tabella II).

9 Simbula S., et al.: Rassegna degli studi costoefficacia 9 Tabella II. Studi di costoefficacia relativi ai dispositivi medici. Problema clinico Terapia nuova anno di vita QALY Valore espresso in Euro Referenza Prevenzione della nefropatia da contrasto in pazienti con malattia renale cronica Emofiltrazione Sodio bicarbonato Fino a $ Fino a Klarenbach et al (23) Cardiopatia ereditaria in pazienti a basso rischio con sindrome da QT lungo o cardiomiopatia ipertrofica Defibrillatori impiantabili Nessun defibrillatore Da $ a $ Da a Goldenberg et al (24) Aritmie Defibrillatori impiantabili Terapia farmacologica Da $ a $ Da $ a $ Da a Bryant et al (25) Prevenzione morte improvvisa Defibrillatori esterni automatici Senza defibrillatore esterno > $ ,49 Sharieff et (26) Pazienti con storia di infarto del miocardio e frazione di eiezione < o = 0.3 Defibrillatori impiantabili Terapia medica convenzionale $ per un orizzonte di 3 anni $ per un orizzonte di 6 anni $ per un orizzonte di 9 anni AlKhatib et al (27) Controllo del ritmo cardiaco Pacing fisiologico Pacing ventricolare dollari canadesi ,89 O'Brien et al (28) Determinazione della stadiazione preoperatoria del tumore del polmone stadio I Tomografia computerizzata Tomografia a emissione di positroni $ Meyers et al (29) Soccorso stradale Dispositivi di telemedicina «Automatic Accident Alert» versione base e full Nessun dispositivo per la versione base, per la versione full Auerbach et al (30)

10 10 Giornale italiano di Farmacia clinica, 22, 2, 2008 Studi di costo efficacia relativi a vaccini e screening La prevenzione, intesa sia come vaccinazione che come strategia di screening, è spesso considerata dall opinione pubblica come il mezzo più efficace per interviene sulla malattia. Inoltre prevenire è generalmente ritenuto meno costoso rispetto a trattare la malattia. In realtà negli interventi di profilassi, così come negli interventi terapeutici, la valutazione va fatta caso per caso, ed è quindi errato parlare in termini generici riferiti all intera categoria: esiste infatti la prevenzione costoefficace e quella non costoefficace, come pure esistono le terapie costoefficaci e quelle non costoefficaci. In linea generale si può comunque affermare che le strategie di prevenzione devono essere preferibilmente basate su una individuazione selettiva dei gruppi a rischio. Questo è chiaramente dimostrato dagli studi di costoefficacia riassunti nelle Tabelle III e IV. Lo studio di Allsup et al. (31) calcola un valore pari a per QALY per la vaccinazione antiinfluenzale nelle persone che non presentano fattori di rischio (cioè malattie croniche cardiache, polmonari o malattia renale, diabete, o immunodepressione) di età compresa tra 6574 anni. Anche la vaccinazione antinfluenzale nei neonati e nei bambini ha un profilo di costoefficacia sfavorevole come riportato nello studio di Skowronski et al (32). Il costo per anno di vita è difatti uguale a $ La Tabella IV riporta 14 studi condotti per valutare strategie di screening. Su 14 studi, 8 riguardano lo screening di patologie oncologiche. Tra questi, i primi 2 studi hanno un valore di rapporto costoefficacia superiore a In particolare lo studio di Fetters et al (36) ha valutato lo screening del cancro vaginale mediante pap test dopo isterectomia per malattia benigna vs nessuno screening, trovando una costo per anno di vita pari a $ se la strategia inizia all età di 40 anni. Un valore cosi sfavorevole è dovuto al minuscolo beneficio incrementale determinato dallo screening in questa popolazione di pazienti. Il secondo studio (37) valuta, negli Stati Uniti, il rapporto costoefficacia dello screening dei donatori di sangue per la prevenzione, nei soggetti trasfusi, della malattia del virus del Nilo occidentale. La modalità attuale di screening prevede l uso sistematico di un questionario per i donatori (a prescindere dalla stagionalità). Questa strategia vs lo screening stagionale di campioni «pooled» ha un rapporto costo utilità pari a $ Anche lo screening del melanoma, secondo quanto riportato da Losina et al. (39), mostra che, se eseguito annualmente, produce un rapporto di costoefficacia sfavorevole sia nella popolazione generale sia in quella con familiarità. Se analizzati in maggior dettaglio i risultati di questo studio evidenziamo che, nella popolazione generale, lo screening eseguito annualmente produce un guadagno di QALYs uguale a 5,2 ogni 1000 pazienti rispetto al non eseguire nessuno screening (a cui corrisponde un costo per QALY di $ ). Se invece questo screening viene svolto ogni due anni, l efficacia incrementale diminuisce (i QALYs diventano infatti uguali a 4,4 per 1000 pazienti), ma diminuiscono anche i costi determinando quindi un valore di rapporto di costoefficacia meno sfavorevole, ossia un costo per QALY di $ Nella popolazione con familiarità lo screening per il melanoma risulta più efficace rispetto alla popolazione generale; difatti i QALYs guadagnati in caso di intervento annuale sono uguali a 11,4 per 1000 pazienti con un valore di costo per QALY di

11 Simbula S., et al.: Rassegna degli studi costoefficacia 11 $ 257,800. Lo screening per il melanoma diventa costoefficace solo in un sottogruppo di pazienti con familiarità e ad alto rischio e nel caso in cui lo screening sia eseguito ogni due anni. In questa situazione i QALYs guadagnati sono uguali a 9,9 per 1000 pazienti ed il costo per QALY assume un valore di $ 35,500. Tabella III. Studi di costoefficacia relativi ai vaccini. Problema clinico Terapia nuova anno di vita QALY Valore espresso in Euro Referenza Prevenzione dell influenza in persone sane tra i 65 ei 74 anni Vaccinazione antinfluenzale Placebo Allsup et al (31) Prevenzione dell influenza per i neonati e i bambini (da 6 a 23 mesi) per ridurre gli alti tassi di ospedaliazzazione. Vaccino antinfluenzale Nessun vaccino $ Skowronski et al (32) Prevenzione delle infezioni da streptococco pneumoniae Vaccino eptavalente coniugato anti streptococco pneumoniae Nessun vaccino (considerando la vaccinazione di massa a tutti i bambini) (considerando la vaccinazione di massa a tutti i bambini) Wisløff et al (33) Malattia pneumococcica Vaccino coniugato eptavalente (Prevenar) Nessuna vaccinazione Lloyd et al 2007 (34) Vaccinazione antimengococco negli adolescenti Vaccinazione antimengococco MCV4 Vaccinazione antimengococco MCVC $ De Wals et (35) Tabella IV. Studi di costoefficacia relativi ai screening. Problema clinico Terapia nuova anno di vita QALY Valore espresso in Euro Referenza Prevenzione del cancro vaginale dopo isterectomia per malattia benigna Screening mediante Pap test Nessuno screening $ se la strategia inizia a 40 aa; $ se la strategia inizia a 50 aa Fetters et al (36) Prevenzione della malattia del virus del Nilo occidentale negli USA Screnning stagionale nei donatori di sangue Screening annuale $ Korves et al (37)

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII MULTINATIONAL ASSOCIATION OF SUPPORTIVE CARE IN CANCER CONSENSUS CONFERENCE SULLA TERAPIA ANTIEMETICA PERUGIA, 29-31 marzo, 2004 Ultimo aggiornamento: 1 settembre

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Valutazione delle tecnologie emergenti

Valutazione delle tecnologie emergenti Dott Tom Jefferson Consulente Sez. Innovazione, Sperimentazione e Sviluppo Valutazione delle tecnologie emergenti Dispositivi Impiantabili: revisioni legislative" - Roma, 7 novembre 2013 L Agenzia Ente

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Un appello globale ai Leaders del G8 e gli altri donatori per far fronte alle sfide connesse alla salute materno infantile.

Un appello globale ai Leaders del G8 e gli altri donatori per far fronte alle sfide connesse alla salute materno infantile. Un appello globale ai Leaders del G8 e gli altri donatori per far fronte alle sfide connesse alla salute materno infantile Aprile 2008 1 Un appello globale ai Leaders del G8 e gli altri donatori per far

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dr.ssa La Seta Concetta INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo Telefono La Seta Concetta 10 Febbraio 1963 Palermo Italiana

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli