PATOLOGIA VETERINARIA, ZOOTECNIA, IGIENE DEGLI ALIMENTI, CODICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PATOLOGIA VETERINARIA, ZOOTECNIA, IGIENE DEGLI ALIMENTI, CODICI"

Transcript

1 1 PATOLOGIA VETERINARIA, ZOOTECNIA, IGIENE DEGLI ALIMENTI, CODICI Classificazione delle malattie virali secondo The Veterinary Bulletin Classificazione delle malattie batteriche secondo Bergey s Manual of Determinative Bacteriology Classificazione delle malattie parassitarie e protozoarie secondo Josef Boch e Rudolf Supperer - Veterinarmedizinische Parasitologie Verlag Paul Parey - Berlin ind Hamburg e secondo Pampiglione Canestri Trotti Guida allo studio della Parassitologia Soc. Ed. Esculapio Bologna 1990 Il codice, indicato nel campo di database con NRBIBL, serve ad individuare le singole malattie o argomenti specifici. È composto di quattro elementi divisi dal segno / nel seguente ordine: 1. Settore diagnostico, indicato da un numero arabo (vedi tabella n. 1) 2. Malattia o argomento specifico, indicati con due numeri arabi divisi da un punto (Es o 12.30) (vedi elenco malattie) 3. Specie animale, indicata con lettere maiuscole (vedi tabella n. 3) 4. Settore nella malattia, indicato con numero arabo (vedi tabella n. 2) Esempi: 1/12.4/C/5 Diagnosi della bronchite infettiva del pollo 2/4.50/CT/6 Profilassi dell infezione da Riemerella anatipestifer nel tacchino 2/13.10/CA/2 Epizoologia del Mycoplasma imitans nell anitra La ricerca può essere fatta con parte del codice, ponendo un asterisco al posto della parte mancante, Ad es. 2/4.15/* = tutte le pubblicazioni sulla S. enteritidis indipendenti dalla specie animale e dal settore della malattia. Chi conosce Access sa che la ricerca bibliografica può essere effettuata direttamente sulle tabelle del database oppure su query. In quest ultimo caso è predisposta un espressione per la formulazione del dato bibliografico secondo quanto richiesto dalle riviste.

2 2 SETTORI DIAGNOSTICI 1. Malattie virali 2. Malattie da micoplasmi, chlamidie, rickettsie e batteri 3. Micosi e micotossicosi 4. Malattie protozoarie 5. Malattie parassitarie 6. Malattie metaboliche, carenziali e allergiche 7. Avvelenamenti e tossicosi 8. Malattie neoplastiche e patologia degli apparati 9. Malattie da cause accidentali, errori di allevamento, genetiche e varie 10. Argomenti non strettamente attinenti la veterinaria 11. Farmacologia, terapia, immunologia 12. Ostetricia, ginecologia, chirurgia 13. Anatomia, fisiologia 14. Zootecnia, alimentazione 15. Igiene e ispezione degli alimenti 16. Laboratori e argomenti di carattere generale Tabella n. 1 COMPARTI NELLA SINGOLA MALATTIA 1. Eziologia - Bioingegneria 2. Epizoologia, immunologia, genetica, immunità materna 3. Patogenesi, malattia sperimentale 4. Anatomia patologica 5. Diagnostica 6. Profilassi diretta e indiretta, chemioprofilassi 7. Terapia, antibioticoresistenza 8. Generalità, monografia, bibliografia, storia Tabella n.2

3 3 SPECIE ANIMALI A Bovini AB Bufalo AC Bisonte B Suini C Volatili da allevamento C Pollo CT Tacchino CF Faraona CA Anitra CO Oca CQ Quaglia giapp. CAM Anitra musch. CU Uovo embrionato CP Piccione D Ovini D Pecora DC Capra E Equini E Cavallo EM Mulo EA Asino F Coniglio G gatti e cani G Gatto GC Cane H Pesci HT Trota HC Ciprinidi HA Anguilla HS Salmone HM Molluschi HC Crostacei I Volatili selvatici da IF Fagiano (Gallif) IS Pernice (Gallif) gabbia o voliera IC Canarino IP Psittaciformi IV Pavone IT Columbiformi IB Cigno ID Coturnice (Gallif) IA Anseriformi IQ Quaglia Colino IR Ratiti IPI Pinguino IH Fringillidi (pass.) II Passeriformi IG Caradriformi IE Pelecanidi IM Falconiformi IN Strigiformi IJ Fenicotteriformi IY Apodiformi IW Piciformi IZ Coraciformi IK Ciconiformi IL Gruiformi L Mammiferi selvatici, animali da zoo, da pelliccia, da laboratorio, anfibi LV Visone, lontra LC Cincillà LF Volpe LS Scimmia LT Topo LG Cavia LH Hamster, Gerbillo, Furetto LL Lepre, coniglio LD Cetacei LA Erbivori selvat. LB Leone, tigre LR Rettili serpenti LE Cinghiale LI Tartaruga LM Leone ma. foca LP Chirotteri LQ Rana LZ Coccodrillo LO Orso LN Nutria N Api P Incubatoio S Ambiente M Uomo Q Pollai T Mangime U Uova (UC, ecc.) R Automezzi V Carne (VC, ecc.) W Latte, latticini X Più specie Z Alimenti Tabella n.3

4 4 CODICI DEI CAMPI DI BIBLIOGRAFIA IN ACCESS ID numero progressivo NRBIBL codice AU autore/i TI titolo JO Rivista o atti di Convegno JV volume della rivista JNR numero della rivista JP pagine della rivista o degli atti di Convegno JYE anno della rivista o del Convegno LA lingua LR lingue dei riassunti AJ rivista di abstract (nascosto) AV volume di abstract (nascosto) AP pagine di abstract (nascosto) AY anno di absrtact (nascosto) AN numero di abstract (nascosto) REF numero di referenze bibliografiche CX numero progressivo di fotocopia ABST annotazioni Tabella n.4 Campi usati nel singolo dato bibliografico: Espr1: [AU] & ", " & [JYE] & ", " & [TI] & ", " & [JO] & ", " & [JV] & " " & [JNR] & ", " & [JP] & ", " & [REF] Autore, Anno, Titolo, Rivista o Atti di Convegno, Volume della rivista, Numero della rivista, Pagine della rivista o degli atti del Convegno, Numero di referenze bibliografiche

5 5 1 MALATTIE VIRALI Infezioni virali comuni a più specie animali Picornaviridae 9.9 Paramixoviridae Paramixovirus Enterovirus Pneumovirus - Virus sinciziale Rinovirus 9.11 Rubulavirus Afta epizootica 9.12 Morbillivirus Picobirnavirus 2 - Herpetoviridae Adenoviridae Malattia di Aujeszky 3 - Togaviridae Iridoviridae Encefaliti da togavirus 4 - Orthomixovirodae Influenza 5 - Retroviridae Prioni Leucosi Sarcoma Astroviridae HIV 1 - HIV Lentivirus Bunyaviridae Bunyavirus Phlebovirus 6 - Papovaviridae Nairovirus Papillomavirus Hantavirus Poliomavirus Nakavirus 7 - Rhabdoviridae Arenaviridae Rabbia Stomatite vescicolare 8 - Poxviridae Parvoviridae Vaiolo 9 Caliciviridae 9.40 Circoviridae Reoviridae Orbivirus Birnaviridae 9,1 - Rotavirus Orthoreovirus Picobirnaviridae 9.7 Coronaviridae Coronavirus 9.46 Flaviviridae Flavivirus Torovirus Pestivirus Virus indeterminati

6 Virosi bovine Bluetongue Fam. Reoviridae, Gen. Orbivirus Diarrea virale, Malattia delle mucose Fam. Togaviridae, Gen. Pestivirus Enterite da coronavirus Fam. Coronaviridae Enterite da rotavirus Fam. Reoviridae Febbre catarrale maligna Fam. Herpesviridae Febbre effimera Fam. Rabdoviridae Loupingill Fam. Togaviridae Mammillite ulcerativa Fam. Herpesviridae Nodulo dei mungitori (Pseudovaiolo) Fam. Poxviridae Parainfluenza 3 - Shipping fever Fam. Paramixoviridae Peste bovina Fam. Paramixoviridae, Morbillivirus Rinotracheite inf.e vaginite pust. (IBR-IPV) Fam. Herpesviridae Stomatite papulosa Fam. Poxviridae Virus sinciziale respiratorio Fam. Paramix.,Gen.Pneumovirus Enterite emorragica invernale Fam. Coronaviridae Encefalopatia spongiforme Prioni Infezione da toroviridae (Breda virus) Fam. Toroviridae Immunodeficienza bovina Fam. Retroviridae Infezione da Herpesvirus-4 (BHV-4) Fam. Herpesviridae Infezione da Coronavirus respiratorio Fam. Coronaviridae Enterite da Norovirus fam. Caliciviridae

7 Virosi suine Diarrea da enterovirus Fam. Picornaviridae Encefalomielite da virus emoaggl.(hev) Fam. Paramixoviridae Encefalomiocardite da enterovirus (EMC) Fam. Picornaviridae Enterite da rotavirus Fam. Reoviridae Enterite trasmissibile (TGE) Fam. Paramixoviridae Gen. Coronavirus e coronavirus respiratorio Esantema vescicolare Fam. Caliciviridae Malattia del vomito e emaciazione Fam. Paramixoviridae Gen. Coronavirus Malattia di Talfan Fam. Picornaviridae Malattia di Teschen Fam. Picornaviridae Malattia vescicolare Fam. Picornaviridae Paresi enzootica benigna Fam. Picornaviridae Parvovirus(Morte embrionale e perinatale) Fam. Parvoviridae Peste africana Fam. Iridoviridae Peste classica Fam. Togaviridae Gen. Pestivirus Rinite a corpi inclusi Fam. Herpesviridae - Cytomegalovirus SMEDI Fam. Picornaviridae Diarrea epidemica Fam. Coronaviridae Sindrome riproduttiva e respiratoria (PRRS)Fam. Togaviridae (Agente di Lelystad) Inf. da circovirus (PMWS) Fam. Circoviridae Inf. da virus dell epatite E (HEV) Fam. Hepeviridae Gen. Hepevirus Inf. Da virus Nipah e Hendra Fam. Paramyxoviridae Enterite da Norovirus Fam. Caliciviridae Porcine Myocarditis Sindrome Gen. Pestivirus - Bungowannah virus Inf. da Reston Ebolavirus Fam. Filoviridae Gen. Ebolavirus Torque teno virus Fam. Circoviridae Boca-like virus Fam. Parvoviridae

8 Virosi aviarie Adenovirus tipo I (FAV) Fam. Adenoviridae Gen. Aviadenovirus Egg drop syndrome (EDS) Fam. Adenoviridae Gen. Atadenovirus Virus adenoassociati Fam. Parvoviridae Artrite virale Fam. Reoviridae Bronchite infettiva Fam. Paramixov. Gen. Coronavirus Nefrite-nefrosi Fam. Paramixov. Gen. Coronavirus Encefalomielite aviare Fam. Picornaviridae Reovirosi, enterite(cloacal pasting) e altre Fam. Reoviridae Gen. Orthoreovirus Enterite da rotavirus Fam. Reoviridae Gen. Rotavirus Enterite emorragica e Marble spleen disease Fam. Adenoviridae II Gen. Siadenovirus Enterite trasmissibile Fam. Picornaviridae Fam. Parvoviridae Epatite a corpi inclusi Fam. Circoviridae Epatite virale dell anitra Tipo I Fam. Picornaviridae Epatite virale del tacchino Fam. Picornaviridae Parvovirosi dell oca (Derzy) e dell anitra muschiata Fam. Parvoviridae Herpesvirus del piccione, strigidi, cormorano, cicogna e Malattia di Pacheco Fam. Herpesviridae Laringotracheite infettiva Fam. Herpesviridae Malattia di Gumboro Fam. Birnaviridae Malattia di Marek Fam. Herpesviridae Malattia di Newcastle Fam. Paramixoviridae Malattia linfoproliferativa Fam. Retroviridae Paralisi transitoria (vedi M. di Marek) Fam. Herpesviridae Peste dell anitra Fam. Herpesviridae Reticoloendoteliosi Fam. Retroviridae Meningoencefalite del tacchino Fam. Flaviviridae Gen. Flavivirus Paramixovirosi (Yucaipa e altri) Fam. Paramixoviridae Beak and feather disease e altre Fam. Circoviridae circovirosi Anemia infettiva (CAA) Fam. Circoviridae Sindrome da malassorbimento Fam. Orthoreoviridae, Astroviridae Proventriculite della faraona e del pollo Fam. Reoviridae, Adenoviridae Rinotracheite del tacchino (TRT) e Fam. Paramixovir. Gen. Pneumovirus Malattia della testa gonfia (SHS) Nefrite aviare virale Fam. Astroviridae Enterite da Astrovirus Fam. Astroviridae Enteriti virali varie Reovirosi dell anitra muschiata Fam. Reoviridae Gen. Reovirus Big liver and spleen disease (BLSD) Fam. Hepeviridae (già Caliciviridae) Hepatitis-splenomegaly Syndrome (HS), Epatite E Gen. Hepevirus Avian HEV Alphavirosi (EEE, HJ) Fam. Togaviridae Malattia fulminante della faraona Fam. Togaviridae Calicivirus Fam. Caliciviridae Bluecomb del tacchino Fam. Coronaviridae Budgerigars fledgling disease Fam. Papovaviridae Gen. Poliomavirus

9 Malattia della testa gonfia Vari, diversi da Pneumovirus Hydropericardium Syndrome Adenovirus? (Malattia di Angara) Nefroblastoma Fam. Retroviridae Spiking mortality syndrome Arenavirus? Epatite necrotica del piccione Adenovirus? Parvovirosi del fagiano Fam. Parvoviridae Mielocitomatosi Fam. Retroviridae Gen. Retrovirus J Epatite B dell anitra Fam. Hepadnaviridae Diftero-vaiolo Fam. Poxviridae Hemorragic Hepatoslpenomegaly Syndrome (HHS) Poults Enteritis Mortality Syndrome (PEMS) Fam. Coronaviridae e altri Istiocitosi multicentrica? Encefaliti West Nile, Saint Louis, Murrey Valley Fam Flaviviridae Epatite virale dell anitra Tipo II Fam. Astroviridae Nefrite emorragica-enterite dell oca Gen. Poliomavirus Encefalomielite e miocardite e altro Gen. Bunyavirus Coronavirus aviari vari Fam. Coronaviridae Enterite virale dell ochetta (NEVEV) Fam. Adenoviridae Inf. da virus epatite dell anitra (N-DVH) Picornaviridae Dilatazione del proventriglio degli psittacidi (PDD) Fam. Bornaviridae Infezione da virus USUTU Fam. Flaviviridae Poults Enteritis Syndrome (PEN) Fam. Astroviridae, Rotaviridae Infezione da parvovirus (Atrofia cerebellare) Papillomatosi degli psittacidi Fam. Papillomaviridea Malattia emorragica della testa gonfia dell anitra fam. Reoviridae Proventriculite necrotica del pollo (CPN) Fam. Birnaviridae Tambusu e Bagaza virus Fam. Flaviviridae Infezioni da Picobirnavirus Fam. Picobirnaviridae Infezione da Parvovirus del pollo e tacchino Fam. Parvoviridae

10 Virosi degli ovini Bluetongue Fam. Reoviridae Gen.Orbivirus Ectima contagioso Fam. Poxviridae Jaagsiekte Fam. Herpesviridae Loupingill Fam. Togaviridae Scrapie e BSE (?) Prioni Visna-Maedi Fam. Retroviridae, Lentivirus Enterite da rotavirus Fam. Reoviridae Border Disease Fam. Togaviridae Peste dei piccoli ruminanti Fam. Paramixoviridae Artrite-Encefalite (CAEV) della capra Fam. Retroviridae, Lentivirus Herpesvirosi della capra Fam. Herpesviridae Malattia di Wesselbron Fam. Flaviviridae 14 Virosi degli equini Anemia infettiva Fam. Retroviridae Arterite virale Fam. Togaviridae Malattia di Borna Fam. Bornaviridae Parainfluenza Fam. Paramixoviridae Peste equina Fam. Reoviridae Rinopolmonite, aborto virale Fam. Herpesviridae Enterite da rotavirus Fam. Reoviridae Herpesvirus 2 equino Fam. Herpesviridae, Cytomegalovirus Infezione da Morbillivirus 14.9 Encefaliti EEE, WEE, VEE Fam. Togaviridae gen. Alphavirus Encefalomielite West Nile Fam. Flaviviridae 15 Virosi dei pesci Ascite infettiva Linfocisti Fam. Iridoviridae Necrosi pancreatica infettiva Fam. Reoviridae Setticemia emorragica (EGTVED) Fam. Rabdoviridae Vaiolo Fam. Herpesviridae Virosi dei salmonidi

11 Virosi del cane Cimurro Fam. Paramixoviridae Epatite virale (Malattia di Rubarth) Fam. Adenoviridae Tracheobronchite infettiva Fam. Herpesviridae Enterite emorragica Fam. Parvoviridae Enterite da coronavirus Fam. Coronaviridae 17 Virosi del gatto Panleucopenia Fam. Parvoviridae Peritonite infettiva Fam. Coronaviridae Rinotracheite infettiva Fam. Herpesviridae Immunodeficienza felina Fam. Retroviridae (FIV) Encefalopatia spongiforme 18 Virosi del coniglio e della lepre Fibroma di shope Fam. Poxviridae Mixomatosi Fam. Poxviridae Adenovirosi Fam. Adenoviridae Enterite da rotavirus Fam. Reoviridae Malattia emorragica virale Fam. Caliciviridae Sindrome della lepre bruna europea Fam. Caliciviridae Diarrea virale Fam. Caliciviridae, Vesivirus Enteropatia epizootica?? 19 Virosi di altre specie animali visone Enterite virale Fam. Parvoviridae Malattia di Aleutian Fam. Parvoviridae Encefalopatia trasmissibile Prioni volpe Encefalomielite Fam. Adenoviridae Epatite virale scimmia Infezione da virus Herpes

12 12 1 uomo Kuru, K.J.D., G.S.S.D. Prioni Malattia di Alzheimer Febbre emorragica da Hantavirus Fam. Bunyaviridae Malattia de graffio del gatto AIDS Fam. Lentivirinae Herpes simplex e Zoster Fam. Herpesviridae Febbre emorragica Marburgo e Ebola Fam. Filoviridae Encefalite da zecche (TBE) Fam. Flaviviridae Gen. Flavivirus Febbre della valle del Rift Fam. Bunyaviridae Gen. Phlebovirus Febbre emorragica della Crimea e Congo Fam. Bunyaviridae Gen. Nairovirus Epatite E Fam. Hepeviridae Encefalite di S. Louis Fam. Flaviviridae Gen. Flavivirus Encefalite da virus Nipah e Hendra Fam. Paramyxoviridae Malattia di Creutzfeldt-Jakob variante Prioni Encefalite giapponese JE Fam. Flaviviridae Gen. Flavivirus West Nilo Encefalite e virus Usutu Fam. Flaviviridae Gen. Flavivirus Severe acute respiratory syndrome (SARS) Fam. Coronaviridae Hantavirus pulmonary sindrome (HPS) Fam. Bunyaviridae Gen.Hantavirus Epatite C Fam. Flaviviridae Gen. Gruppo Epatite C Sindbis Fam. Togaviridae Gen. Alphavirus Encefaliti equine occ., orien., venezuelana Fam. Togaviridae Gen. Alphavirus Enteriti virali Gen. Norovirus, Rotavirus, Astrovirus Epatite B Fam. Hepadnaviridae Infezioni respiratorie da MPV Fam. Metapneumoviridae Parvovirosi Fam. Parvoviridae (B19, Bocavirus) Chikungunya Fam. Togaviridae Malattia di Borna Fam. Bornaviridae Dengue Fam. Flaviviridae Gen. Flavivirus Delfino e mammiferi acquatici Infezione da morbillivirus Fam. Paramixoviridae West Nilo encefalite Fam. Flaviviridae Gen. Flavivirus

13 13 2 MALATTIE DA MICOPLASMI, CHLAMIDIE, RICKETTSIE E BATTERI Malattia colonnare dei pesci Necrosi delle pinne e coda dei pesci 1 Mixobacteriaceae 2 Spirochete Fam. Spirochetaceae Gen. Treponema T. pallidum T. carateum T. paraluiscunicoli 2.10 Gen. Serpulina S. hyodyssenteriae, S. innocens Gen. Brachyspira B. intermedia, B. pilosicoli, B.alvinipulli) Gen. Borrelia Borrelia burgdorferi B. anserina altre (B. theileri, B. coriaceae) 2.25 Spirochetosi intestinale aviare Fam. Leptospiraceae 2.30 Gen. Leptospira Leptospirosi Oftalmite periodica 3 Coccobacilli e bacilli gram negativi aerobi Fam. Legionellaceae Gen. Bordetella Inf. da Bordetella bronchiseptica Bordetella avium (Corizza del tacchino), Bordetella hinzii Gen. Alcaligenes Gen. Legionella Legionella pneumophila Gen. Brucella Brucellosi Gen. Francisella Tularemia Fam. Pseudomonadaceae Gen. Pseudomonas Pseudomoniasi mastite 3.8 Gen.Burcholderia pseudomallei Melioidosi Gen.Burcholderia mallei Morva Peste rossa delle anguille

14 14 2 Fam. Neiserriaceae Gen. Neisseria Gen. Moraxella subgen. Branhamella B. catarrhalis, caviae, cuniculi, ovis subgen. Moraxella Cheratocongiuntivite infettiva (Pink eye) Gen. Acinetobacter A. baumannii, haemolyticus, junii, lwoffii. 4 Bacilli gram negativi anaerobi facoltativi Fam. Enterobacteriaceae (4.0a) Gen. Escherichia Colibacillosi in generale - enteriti - cellulite mastite coligranuloma colisetticemia GEE malattia degli edemi onfalite Escherichia coli enteroemorragico (O157. H7; O111. H-) Escherichia coli uropatogeno o verocitotossico o necrotossico (NTEC) Gen. Salmonella Metasalmonellosi (Pullorosi, Tifosi) Salmonellosi varie Aborto da S. Abortus equi e ovis Arizonosi Inf. da S. colerae suis Inf. da S. dublin Inf. da S. typhimurium Inf. da S. typhi suis Inf. da S. enteritidis Gen. Yersinia Pseudotubercolosi Y. enterocolitica, Y. pestis Gen. Proteus Gen. Shigella Gen. Serratia Gen. Klebsiella Gen. Enterobacter 4.29 Gen. Hafnia Hafnia alvei 4.55 Gen Providencia P. alcalifaciens 4.56 Gen. Morganella M. morganii (Proteus morganii)

15 15 2 Fam. Vibrionaceae (4.24a) Gen. Vibrio Vibrio colerae, V. Metschnivovic 4.25 Gen. Aeromonas A. Hydrophila, A. sobria, A. salmonicida Fam. Pasteurellaceae (4.28) Gen. Haemophilus Gen. Haemophilus H. influenzae Gen. Avibacterium paragallinarum (Corizza infettiva) Gen. Haemophilus Polisierositi, poliartriti Gen. Haemophilus H. somnus Gen. Haemophilus H. equigenitalis Mannheimia. Haemolytica, Actinob. salpingitidis Gen. Pasteurella P. multocida (Setticemia emorragica, Colera aviare) Gen. Avibacterium. (A. gallinarum, A. avium, A. volantium, A. endocarditidis ) Pasteurella-like e altre past. (P. caballi, P. canis, P. treahalosi) Gen. Actinobacillus 4.41a- A. pleuropneumoniae biov. I e II A. equuli A. lignerensis Gen. Streptobacillus Artrite del tacchino da morso di ratto 4.45 Gen Gallibacterium Past. Haemolytica, Actinobacillus salpingitidis, Gallib. anatis Fam. Flavobacteriaceae Riemerella anatipestifer Ornithobacterium rhinotracheale 4.52 Altre flavobacteriaceae (Riemerella columbina,.) Fam. Bacteroidaceae Gen. Fusobacterium Necrobacillosi Zoppina, pedaina Gen. Bacteroides 5 Batteri gram negativi anaerobi

16 Batteri gram negativi, spiraliformi, a virgola, mobili, aerobi o microaerofili Fam. Campylobacteriaceae Gen. Campylobacter C. fetus sub sp fetus e sub sp venerealis C. jejuni C. coli, C. lari C. jejuni? (Epatite della gallina) Foruncolosi dei salmonidi Peste rossa dei ciprinidi Gen. Lawsonia L. intracellularis Enterite proliferativa (PPE), adenomatosi intestinale (PIA), enteropatia proliferativa emorragica (PHE) Gen. Helicobacter H. pylori H. heilmannii (Gastrospirillum hominis); H. felix H. pullorum, H. anseris, H. brantae e altri Helicobacter Gen. Spirillum S. minus (Febbre da morso di gatto o Sodoku dell uomo) S. pulli 6.25 Gen. Arcobacter 7 Cocchi gram positivi Fam. Micrococcaceae Gen. Streptococcus Strept. vari (bovis, pluranimalium ) pyogenes dysgalactiae sub sp.zooepidemicus Mastite da Str. disgalactiae Mastite da Str. uberis disgalactiae sub.sp. equi (Adenite equina) e sub sp. equisimilis suis tipo 1 e 2 (Setticemia diplostreptococcica) pneumococco, Str.equinus, porcinus, canis, gallolyticus, gallinaceus Enterococcus faecalis, avium, hirae e altri Gen. Staphylococcus Stafilococcosi artrite botriomicosi gangrena cutanea Malattia del piede gonfio mastite piodermite Epidermite essudativa Gen. Micrococcus Gen. Planococcus halophilus

17 Bastoncelli e cocchi gram positivi con endospore Gen. Bacillus Carbonchio ematico Malattia di Tyzzer B. cereus (mastite) B. larvae (Peste americana) Gen. clostridium vari (haemolyticum, histolyticum, sordellii, difficile) Cl. Chauvoei Carbonchio sintomatico Cl. perfrigens Dissenteria degli agnelli, Enterite necrotica aviare,enterotossiemia, Pulpy kidney disease Cl. septicum Edema maligno Cl. botulinum Botulismo Cl. novyi Epatite necrotica infettiva Cl. tetani Tetano Cl. colinum Enterite ulcerativa dei volatili 9 Bastoncelli gram positivi, regolari, asporigeni Gen. Listeria monocytogenes innocua, seeligeri, welshimeri, ivanovii Gen. Erysipelothrix rhusiopathiae (Malrossino) tonsillarum e altre 9.4 Gen. Lactobacillus 10 Bastoncelli gram positivi, irregolari, asporigeni Gen. Corynebacterium Cb. Vari Cb. pseudotubercolosis (linfoadenite, linfangite ulcerativa) Cb. renale (pielonefrite bacillare) Nefrite batterica dei pesci Cb. Diphtheriae (difterite umana) Gen. Actinomyces A. bovis (actinomicosi bovina) A. pyogenes (aborto, mastite, piobacillosi) A. suis A. vari 11 Micobatteri e Nocardiformi Fam. Mycobacteriaceae Micobatteri tubercolari M. tuberculosis, M. bovis MOTT M. paratuberculosis

18 M. leprae, M. lepraemurium M. farcinogenes, M. senegalense Gruppi Runyon III Mycobacterium avium Mycobacterium intracellulare Altri micobatteri M. genavense, M. fortuitum, M. chelonae, M. smegmatis, M. celatum Gen. Nocardia Nocardiosi (Farcino bovino - polmonite) Gen. Rhodococcus R. equi (aborto e polmonite) 12 Rickettsie e Clamidie Ord. Rickettsiales: Fam. Rickettsiaceae Gen. Rickettsia Rickettsiosi (aborto, febbre da zecche etc.) Cheratocongiuntivite infettiva conorii Febbre bottonosa del Mediterraneo R. prowazekii Tifo petecchiale Gen. Coxiella Febbre Q Gen. Ehrlichia Gen Cowdria Heart water Fam. Bartonellaceae Gen. Bartonella Gen. Grahamella Gen. Rochalimaea (Bartonella) henselae, (B) clarridgeiae Malattia da graffio del gatto Fam. Anaplasmataceae Gen. Anaplasma Anaplasmosi Gen. Aegyptianella Gen. Haemobartonella Gen. Eperythrozoon Ord: Chlamydiales: Fam. Chlamydiaceae Gen. Chlamydophila pneumoniae, abortus, felis, caviae Gen. Chlamydophila psittaci Psittacosi, ornitosi Gen. Chlamydia trachomatis Tracoma Gen. Chlamydophila pecorum Gen. Chlamydia suis

19 Micoplasmi Fam. Mycoplasmataceae Agalassia contagiosa M. agalactiae Pleuropolmonite contagiosa M. mycoides sub.sp. mycoides Broncopolmonite enzootica M. hyopneumoniae Aborto, infertilità M. bovis Mastite M. bovis, M. gallisepticum MCR, Sinusite infettiva M. meleagridis M. synoviae M. iowa M. cloacale M. imitans M. aviari vari (M.gallinarum, M.gallinaceum, M.pullorum...) Pleuropolmonite contagiosa caprina M. capricolum sub.sp. capripneumoniae (F38) Gen. Ureaplasma Fam. Acholeplasmataceae Gen. Acholeplasma Fam. Spiroplasmataceae Gen. Spiroplasma Nuovi taxa 14 Batteri non classificati

20 20 3 MALATTIE MICOTICHE E MICOTOSSICOSI Dermatite micotica da Dermatophilus Saprolegnosi Tigna favosa Tricofitosi 1 Dermatomicosi 2 Micosi Aborto micotico Aspergillosi Branchiomicosi Candidiasi (Moniliasi) Coccidioimicosi da Coccidioides immitis Farcino criptococcico da Istoplasma farciminosum Ictiosporidiosi, microsporidiosi Istoplasmosi (Pneumomicosi) Linfangite epizootica Mastite micotica Mucormicosi Phoecilomices varioti Ascosferiosi delle api 2.13 Criptococcosi da Cryptococcus neoformans, C. laurentii e altri 2.14 Megabacterium Macrorhabdus ornithogaster (Ascomiceti) 2.15 Zigomicosi (ord. Mucorales, gen. Rhizopus ecc.) 2.16 Microsporidi (Encephalitozoon, enterocytozoon) 3 Micotossine e Micotossicosi Aflatossine Eczema facciale da Pithomyces chartarum Ergotismo Fusariosi da tricoteceni Ocratossine Micotossicosi tremorgeniche Micotossicosi da Fumonisine, Moniliformina e Deoxynivalenolo Gliotossina Immunodepressione da micotossicosi Ac. ciclopiazonico Ac. penicillico

21 21 4 MALATTIE PROTOZOARIE Tipo I - Sarcomastigophora 1 Sottotipo I - Classe II - Zoomastigophorea Giardia Spironucleus già Hexamita meleagridis, H. columbae Histomonas meleagridis (Tifloepatite) Leishmania Tricomonas dell apparato digerente Tricomonas dell apparato genitale Tripanosoma (Morbo coitale maligno e altre) Cochlosoma anatis 1.8 Dientamoeba fragilis Entamoeba 2 Sottotipo III - Classe Rhizopodea Tipo III - Apicomplexa - Classe Sporozoa 3 Sottoclasse Coccidiasina Eimeria, Isospora, Tyzzeria, Caryospora Fam. Eimeridae Hammondia hammondi Fam. Sarcocystidae subfam. Toxoplasmatinae Besnoitia besnoiti Fam. Sarcocystidae subfam. Toxoplasmatinae Neospora caninum Fam. Sarcocystidae subfam. Toxoplasmatinae Megaschizonti Sarcocystis Fam. Sarcocystidae subfam. Sarcocystine Toxoplasma condii Fam. Sarcocystidae subfam. Toxoplasmatinae Criptosporidium Fam. Sarcocystidae subfam Cryptosporiidae Pneumocisti Pneumocystis carinii (incerta sede) Atoxoplasma Fam. Sarcocystidae subfam. Atoxoplasmatidae

22 Sottoclasse Haemosporidia Babesia e Aegyptianella Theilerie Anaplasma Eritrocytozoon e leucocytozoon Haemoproteus Haemoproteus columbae - Laeucocytozoon aviari Plasmodi Hepatozoon canis 5 Classe Cnidosporidea Ordine Mixosporida Mixobolus pfeifferi Mixoboliasi Centosporiasi (Mixosomiasi) Ordine Microsporida Nosema Nosemiasi Microsporidiosi Nosema cuniculi Encephalitozoon cuniculi 6 Classe Ciliatea Balantidium coli Ichthyophthirius multifiiliis Ictioftiriasi Chilodonella cyprini

23 23 5 MALATTIE PARASSITARIE 1 Artropodi Classe Aracnida Zecche Fam. Ixodidae Gen. Ixodes, Rhipicephalus, Amblyomma, Boophilus, Dermatocentor, Haemophisalis, Hyalomma Zecche Fam. Argasidae Gen. Argas, Ornithodoros Acari Fam. Dermanissidae Sp. Dermanissus gallinae, Ornithony ssus sylviarum Fam. Varroidae Sp. Varroa jacobsoni Fam. Demodicidae Gen. Demodex Fam. Sarcoptidae Gen. Sarcoptes, Notoedres, Cnemidocoptes Fam. Psoroptidae Gen. Psoroptes, Chorioptes, Otodectes Fam. Cheyletiellidae Gen. Cheyletiella delle vie respiratorie Cytodites, Neonyssus, Speleognathus delle penne Syringophilus, Harpyrhynchus, Dermoglyphus delle lettiere Fam. Trombiculidi Trombicula autumnalis vari Pyemotes ventricosus, Acarapis, Leporacarus gibbus, ecc. Classe Insecta (insetti) Hexapoda Ortotteri (blatte o scarafaggi) Emitteri Fam. Cimicidae Gen. Cimex Coleotteri Mallofagi (Philopterus, Trichodectes, Bovicola, Menopon, ecc.) Anopluri Gen. Haematopinus, Pediculus Ditteri sord. Nematoceri Gen Culex, Anopheles, Phlebotomus, Culicoides, Simulium sord. Brachiceri Tafani e miasi superficiali (Calliphora, Dermatobia ecc.) Gen. Gasterophilus (miasi intestinali) Gen. Oestrus (miasi cavitarie) Gen. Hypoderma (ipodermosi) mosche, lynchia, melophagus Afanitteri (pulci) 1.31 Coleotteri (Alphitobius diaperinus e altri) Pterygota Ord. Thysanoptera

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat.

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat. Al Coordinatore dei Servizi Veterinari ASL RM A SEDE Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005 Il/la a il residente sottoscrit nat a

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Il rischio biologico nei luoghi di lavoro Schede tecnico-informative

Il rischio biologico nei luoghi di lavoro Schede tecnico-informative Il rischio biologico nei luoghi di lavoro Schede tecnico-informative Edizione 2011 Pubblicazione realizzata da INAIL Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione (CONTARP) a cura di Liliana Frusteri

Dettagli

Il rischio biologico nei luoghi di lavoro Schede tecnico-informative

Il rischio biologico nei luoghi di lavoro Schede tecnico-informative Il rischio biologico nei luoghi di lavoro Schede tecnico-informative RISCHI E PREVENZIONE Edizione 2011 Il rischio biologico nei luoghi di lavoro Schede tecnico-informative Edizione 2011 Pubblicazione

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

D.P.R. 8 febbraio 1954, n. 320. Regolamento di polizia veterinaria. pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 142 del 24 giugno 1954

D.P.R. 8 febbraio 1954, n. 320. Regolamento di polizia veterinaria. pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 142 del 24 giugno 1954 D.P.R. 8 febbraio 1954, n. 320 Regolamento di polizia veterinaria pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 142 del 24 giugno 1954 Testo aggiornato a dicembre 2006 [Le competenze dell'alto Commissario per

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

CURRICULUM VITAE. alex.nanni1@gmail.com alex.nanni@auslrn.net Maschio 06 ottobre 1980 Novafeltria (PU)

CURRICULUM VITAE. alex.nanni1@gmail.com alex.nanni@auslrn.net Maschio 06 ottobre 1980 Novafeltria (PU) INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Sesso Data e luogo di nascita Nazionalità ALEX NANNI alex.nanni1@gmail.com alex.nanni@auslrn.net Maschio 06 ottobre 1980 Novafeltria (PU) Italiana

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ----------------------------------------------------

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

RISCHIO DA AGENTI BIOLOGICI NELLE AZIENDE DI PULIMENTO. Sandro Sanna Agostino Messineo SPRESAL ASL RM H

RISCHIO DA AGENTI BIOLOGICI NELLE AZIENDE DI PULIMENTO. Sandro Sanna Agostino Messineo SPRESAL ASL RM H RISCHIO DA AGENTI BIOLOGICI NELLE AZIENDE DI PULIMENTO Sandro Sanna Agostino Messineo SPRESAL ASL RM H DEFINIZIONE DI AGENTE BIOLOGICO QUALSIASI MICROORGANISMO ANCHE SE GENETICAMENTE MODIFICATO, COLTURA

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO CONCETTI GENERALI E RIFERIMENTI NORMATIVI

RISCHIO BIOLOGICO CONCETTI GENERALI E RIFERIMENTI NORMATIVI RISCHIO BIOLOGICO CONCETTI GENERALI E RIFERIMENTI NORMATIVI Carlo Nava Medico del lavoro Dipartimento di Medicina del Lavoro Milano IL RISCHIO BIOLOGICO TITOLO VIII - D.Lgs626/94 Campo di applicazione

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

1 08/03/10 16.46 File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F 0543 401442 pascucci@agraria.it

1 08/03/10 16.46 File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F 0543 401442 pascucci@agraria.it 1 08/03/10 16.46 File Malattia di Newcastle Brescia 2000.doc Autore Silvio Pascucci T/F 0543 401442 pascucci@agraria.it Silvio Pascucci MALATTIA DI NEWCASTLE E ALTRE INFEZIONI DA PARAMYXOVIRUS AVIARI (Lezione

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO ---------------------------- Resoconto preliminare L importanza di una rete di monitoraggio Al fine di avere idee precise sulla natura e sull entità degli spopolamenti

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Italia e patologia nell'uomo Trichinella Trichinella spp. vermi cilindrici (nematodi) Edoardo Pozio Laboratorio di

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Roberto CARUSO Corso Mazzini, 11-87100 Cosenza, Italia Telefono(i) Tel. + 39 0984681824 Fax+ 39 0984681322 E-mail Cittadinanza

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili]

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] SCUOLA BUS SCUOLA BUS LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] Proposta operativa nell

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Epidemiologia delle Malattie Trasmesse da Alimenti in Emilia-Romagna

Epidemiologia delle Malattie Trasmesse da Alimenti in Emilia-Romagna Assessorato Politiche per la Salute Epidemiologia delle Malattie Trasmesse da Alimenti in Emilia-Romagna Aggiornamento al 21 In questo rapporto sono presentati i dati del sistema di sorveglianza dell Emilia-Romagna

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

malattie sessualmente trasmissibili

malattie sessualmente trasmissibili malattie sessualmente trasmissibili prevenzione, diagnosi e terapia a cura di Tiziano Cappelletto, ginecologo in collaborazione con Giampaolo Contemori, andrologo Sandro Pasquinucci, infettivologo Patrizio

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Che cosa c è di nuovo MedDRA Versione 17.0

Che cosa c è di nuovo MedDRA Versione 17.0 Che cosa c è di nuovo MedDRA Versione 17.0 Riconoscimenti RICONOSCIMENTI Il marchio MedDRA è proprietà di IFPMA per conto di ICH. Dichiarazione di responsabilità e copyright Questo documento è protetto

Dettagli

La Vitamina A La Vitamina D

La Vitamina A La Vitamina D LE VITAMINE La Vitamina A La vitamina A o retinolo è una vitamina liposolubile che serve per la differenziazione delle cellule epiteliali, la spermatogenesi, regolazione dello sviluppo osseo, il sistema

Dettagli

Fattori endogeni - Età di macellazione - Peso - Sesso - Tipo genetico (razze ibridi ecc.)

Fattori endogeni - Età di macellazione - Peso - Sesso - Tipo genetico (razze ibridi ecc.) Pollo013-2 1 Fattori endogeni - Età di macellazione - Peso - Sesso - Tipo genetico (razze ibridi ecc.) 2 1 Fattori esogeni - Tipo di alimentazione (animale-vegetale) - Tecnologia di allevamento - Ambientale

Dettagli