Una nuova natura per la Salina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una nuova natura per la Salina"

Transcript

1 Progetto LIFE00NAT/IT/7215 Una nuova natura per la Salina Ripristino ecologico e conservazione degli habitat nella Salina del SIC Valli di Comacchio

2 Beneficiario: Regione Emilia-Romagna Partner: Parco Regionale del Delta del Po Durata del Progetto: 63 mesi; dal 1 Luglio 2001 al 30 Settembre 2006 Costo del Progetto: Euro Contributo UE: Euro (40%) Quota Regione Emilia-Romagna: Euro (50%) Quota Parco Regionale del Delta del Po: Euro (10%) Responsabile progetto RE-R (contact) Stefano Corazza c/o Istituto Beni Artistici Culturali e Naturali Regione Emilia-Romagna Via Galliera, Bologna Responsabile progetto Parco Delta (contact) Lucilla Previati c/o Parco Regionale del Delta del Po Via Cavour, Comacchio (FE) Coordinamento e Direzione del progetto Stefano Corazza - Responsabile del Progetto Regione Emilia-Romagna Lucilla Previati - Responsabile del Progetto Parco del Delta del Po Cristina Barbieri - Coordinamento Generale del Progetto Susi Carboni - Coordinamento attuativo Regione Emilia-Romagna

3 INDICE Presentazione...2 La Salina di Comacchio...3 Problemi e minacce affrontate...6 Il progetto LIFE Salina: un percorso in divenire...8 1

4 PRESENTAZIONE Un area di enorme valore naturalistico e culturale, dopo secoli di estraneità al suo territorio originata dal controllo militare del prodotto sale ivi realizzato, dopo decenni di abbandono in quanto macchina produttiva obsoleta, dopo persino alcuni anni a rischio di alienazione dalla proprietà pubblica, ricondotta oggi sotto la piena responsabilità degli enti del territorio in cui si trova. Strappata ad ipotesi molto più prossime di quanto si possa ora credere di trasformazioni tanto distruttive in senso ecologico quanto rovinose in senso economico e rifinalizzata alla conservazione dei suoi molteplici valori di riconosciuta importanza europea. Una responsabilità ed una mission, cui si è iniziato a dare corpo e movimento nella forma di opere, attività, organizzazione, risorse umane e finanziarie, strumenti a partire proprio dalla realizzazione di questo Progetto LIFE. L abbandono ultraventennale della produzione di sale da parte dei Monopoli di Stato accompagnato dal saccheggio legale e non di attrezzature, mezzi, edifici etc. ha provocato modificazioni catastrofiche nel sistema di circolazione, regolazione e contenimento delle acque e un degrado di strutture e attrezzature al punto da non consentire non solo ipotesi, peraltro economicamente incerte, di ripresa a larga scala della produzione salina, ma anche tali da rendere molto difficile persino la gestione della biodiversità legata ai diversi gradienti salini che l assetto produttivo garantiva. Qui, in questo ambiente seminaturale, forse più che altrove, ci si può rendere conto, affrontando la sfida della gestione come si è iniziato a fare, che la conservazione, come la desinenza della parola sottolinea, significa agire per mantenere attraverso quotidiane attività di manutenzione, intervento, controllo, le dinamiche che sostengono la biodiversità, in altri contesti più naturali garantite in maggiore misura dalla interazione equilibrata dei fattori naturali costitutivi. A ridosso della conclusione del progetto LIFE, dopo più di cinque anni di difficile lavoro, dobbiamo e possiamo tracciare brevemente un bilancio di ciò che siamo riusciti e non riusciti a fare, delle lezioni che abbiamo imparato e di quanto lasciamo. Abbiamo tentato di ri-conoscere la Salina. Di leggere non solo i suoi connotati in termini di presenza di habitat, specie, acque, terra ma anche la sua fisiologia in termini di strutture idrauliche e di flussi di acque possibili e potenziali ed infine il suo stato di salute. Un obiettivo che si è realizzato compiutamente rispetto a quanto previsto, ma solo in parte, (solo ora possiamo dirlo) a fronte della complessità dell organismo Salina che abbiamo di fronte. Ed è questo il primo terreno su cui occorre continuare a lavorare. L entità dei cambiamenti avvenuti nelle Saline negli ultimi vent anni è stato di un ordine di grandezza imprevedibile al momento della redazione del progetto e solo dopo molto lavoro di studio, monitoraggio e intervento si comincia a realizzarne la reale dimensione. Eravamo già consapevoli, peraltro, che l insieme degli interventi previsti in progetto sarebbero stati soltanto un primo passo per rivitalizzare la Salina e che da questa prima esperienza sarebbero maturate condizioni e convinzioni per le azioni future. In parte è già così, perché grazie al Parco del Delta sono già stati diversi gli interventi sulle strutture, le macchine, le attrezzature etc., complementari alle opere previste in progetto ma indispensabili per realizzarne fino in fondo gli obiettivi, effettuati con fondi del Parco. Possiamo dire che la Salina è oggi uscita da un lunghissimo coma, ma che solo molte ulteriori cure e una terapia riabilitativa di lungo periodo potranno darle un buono stato di forma che sarà comunque 2

5 per sempre necessario mantenere sotto stretto controllo. Di buona salute ha bisogno la Salina per garantire le funzioni che il lavoro svolto e le risorse impiegate legittimano attendersi: dal mantenimento e possibilmente accrescimento di habitat e specie che la qualificano come sito della Rete Natura 2000, a luogo di testimonianza e rappresentazione di una storia di grandi e piccoli eventi, di Stati, di guerre ma anche di uomini, fatica e sudore; da fertile terreno di studio, ricerca e sperimentazione anche di dinamiche evolutive spontanee, a luogo di conoscenza della natura e della complessità dell azione svolta per conservarla. LA SALINA DI COMACCHIO Nell area deltizia del Po, compresa tra il fiume Po di Volano ed il fiume Reno, si estende il complesso delle aree umide denominate le Valli di Comacchio. Le Valli costituiscono la più estesa palude interna d Italia e rappresentano il residuo orientale delle più vaste paludi che caratterizzavano la bassa pianura ferrarese. Le acque sono salmastre, con salinità variabili tra 0,5% e 3,5%, e sono interamente ricomprese all interno del perimetro del più grande parco dell Emilia-Romagna, il Parco Regionale del Delta del Po. Lo specchio d acqua principale, di circa ettari, presenta acque aperte nella parte centrale e complessi sistemi di dossi, barene e cordoni dunosi emergenti nelle zone perimetrali. Lo status protezionistico delle Valli deriva dalla molteplicità di habitat presenti e dalla ricchezza di specie floro-faunistiche rilevanti da un punto di vista conservazionistico. Come conseguenza del loro elevato valore ambientale, infatti, le Valli di Comacchio sono soggette a diversi vincoli di tutela. Ai sensi della Direttiva Habitat, esse rientrano tra i Siti di Interesse Comunitario (Codice SIC IT ), ma sono anche presenti nell elenco delle Zone di Protezione Speciale previste dalla direttiva Uccelli. Infine, rientrano nell elenco delle numerose Zone Ramsar del nostro paese. 3

6 La Salina di Comacchio, oggetto dell intervento LIFE Natura, si trova all interno delle Valli di Comacchio nella loro estremità nord-orientale. Si tratta di un settore nel quale sono ancora oggi individuabili tracce di diramazioni deltizie del Po di epoca romana. L area della Salina è originariamente un bacino infradunale, il cui limite orientale corrisponde al cordone dunoso di epoca tardo romana sul quale corre l attuale strada Romea. Collocato tra la Valle Campo a sud-ovest, Valle Fattibello e Valle Spatola a nord, Valle Bragiolino a ovest, ed il canale Bayon a est, il sito si estende per una superficie complessiva di circa 550 ettari. Non è del tutto chiaro quando l uomo abbia iniziato ad utilizzare il sale nelle zone del Delta del Po: si ritiene infatti che l area comacchiese abbia rifornito di sale tutta la Padania fin da tempi assai remoti, ma non è certo che i più antichi impianti fossero ubicati nella stessa zona. Non si ha tuttavia notizia di opere umane, in periodo etrusco o precedente, che abbiano cercato di sfruttare più intensivamente i favorevoli caratteri naturali. Anche nelle fonti storiche 4

7 romane non si menziona l esistenza di saline fra i rami di sbocco del Po. Le informazioni rimangono vaghe per buona parte dell alto Medioevo, almeno fino a quando non appare del tutto evidente che il sale comacchiese è a tutti gli effetti un importante fattore nell equilibrio geopolitico tra le varie forze regionali, in particolare per la Repubblica di Venezia. Dal 932, anno della distruzione Veneziana di Comacchio, fino al 1598 la produzione Salina, ridotta a non grandi quantità, è sotto il controllo Veneziano e contesa fra Ravennati ed Estensi fino a quando la Salina passa sotto il controllo del Papato (1598), che ne riattiva e regolarizza la produzione. Dopo le distruzioni successive alla caduta del dominio temporale dei papi, (XVIII sec) è dall arrivo di Napoleone che la Salina conosce progetti di rinascita che verranno completamente messi in opera nel successivo periodo di restaurazione pontificia. Sull impianto alla francese, il Regno d Italia operò, a partire dal 1862, interventi di potenziamento e modernizzazione, ne assunse la gestione diretta (1882) e attraverso ampliamenti incrementò la produzione fino a raggiungere, negli anni Trenta del Novecento, la quantità di quintali prodotti. Negli anni 60 del secolo scorso furono fatti investimenti per meccanizzare il processo produttivo ma i Monopoli di Stato nel 1985 decisero la chiusura della Salina per motivi di convenienza economica. Pur nelle vicissitudini che ne hanno contraddistinto la storia recente, la Salina di Comacchio ha mantenuto elementi di assoluto pregio ambientale, che ne fanno una delle aree più interessanti e rinomate dell intera area del Delta padano. La Salina, infatti, è caratterizzata da elementi di assoluta peculiarità ambientale, legati alla presenza di acque salate e sovrassalate che determinano la presenza di ben tre habitat considerati prioritari dalla Direttiva 92/43 CE, a testimoniare l importanza del sito ai fini della tutela della biodiversità non solo in Italia ma anche a livello europeo. Oltre alla vegetazione, a rappresentare un elemento di particolare pregio si ritrovano, entro i confini della Salina, due specie di pesci e tredici di uccelli di 5

8 importanza comunitaria. Proprio per queste ragioni, la Salina di Comacchio, come parte del complesso delle Valli di Comacchio, è sottoposta ad un articolato sistema di vincoli: è infatti zona umida di interesse internazionale per la Convenzione di Ramsar (D.M. 13 luglio 1981); tutela paesaggistica ex L. 1497/39, zona B di protezione generale del Parco del Delta del Po - Stazione Valli di Comacchio, nonché Sito di Importanza Comunitaria e Zona di Protezione Speciale ai sensi delle direttive 92/43/CEE e 79/409/CE. PROBLEMI E MINACCE AFFRONTATE Il quasi completo arresto della complessa macchina idraulica un tempo necessaria per la gestione della Salina a partire dal 1985 e la pressoché nulla manutenzione dell intero sito hanno avuto conseguenze profonde nel corso degli anni. Gli effetti dell abbandono si sono avvertiti in primo luogo sulla qualità delle acque, rese povere di ossigeno sia per la mancanza di un adeguata circolazione, sia per l apporto eccessivo di nutrienti dall intorno. In conseguenza di ciò, si sono avuti pertanto ricorrenti fenomeni di proliferazione algale e frequenti casi di anossia dei fondali, tali da minacciare l integrità della comunità ittica della Salina ed in particolare la sopravvivenza del ghiozzetto di laguna (Knipowitschia panizzae), un piccolo gobide protetto dalla Direttiva comunitaria Habitat. L alterazione dei differenziati e progressivi gradienti salini dell acqua, così governati a fini produttivi nelle diverse parti della Salina, aveva inoltre cominciato a produrre forti modificazioni sui tipi vegetazionali più caratteristici di questo ambiente e protetti per il loro valore ecologico dalla Direttiva Habitat. Anche le cenosi associate ai suoli e alla presenza di acque sovrassalate hanno subito gravi impatti, a cominciare dall Artemia salina, un piccolo crostaceo tipico di questi ambienti, di grande importanza per l alimentazione del fenicottero. All avvio del progetto, la sua presenza era confinata a due sole aree interne alla Salina. Altri importanti effetti negativi collegati all abbandono della Salina si sono avuti su componenti importanti dell ambiente e del paesaggio. Il moto ondoso di alcune vaste aree di valle ( vasche di carico dell acqua di mare che poi sarebbe stata circolata in Salina), in cui non è stato più gestito il battente idrico, ha provocato la pressoché totale scomparsa dei dossi (piccole strisce o isolette di terra emerse di pochi centimetri dal pelo dell acqua) che costituiscono i siti di nidificazione di alcune specie migratorie di notevole importanza e prioritariamente protette dalle Convenzioni Internazionali. In taluni casi, anche la minore salinità delle acque, incidendo sulla composizione vegetazionale dei dossi, ha contribuito a renderli inospitali per alcune specie protette a livello comunitario dalla Direttiva Uccelli 79/409 (Allegato 1). Tra queste, in particolare, il gabbiano corallino (Larus melanocephalus), il gabbiano roseo (Larus genei), la sterna zampenere (Gelochelidon nilotica), il fraticello (Sterna albifrons), la sterna comune (Sterna hirundo), il beccapesci (Sterna sandvicensis), specie che rappresentano una delle prioritarie emergenze naturalistiche del sito, tanto da averne determinato la designazione come Zona di Protezione Speciale (ZPS) e come Sito di Importanza Comunitaria (SIC). Lo sviluppo di una rigogliosa vegetazione erbacea ha favorito, al contrario, la nidificazione del gabbiano reale mediterraneo (Larus michaellis), specie caratterizzata da una forte plasticità ecologica, che ha sicuramente tratto vantaggio dalla chiusura della Salina. L elevata presenza numerica della popolazione del gabbiano reale mediterraneo (più di 500 coppie nidificanti 6

9 negli ultimi anni, in costante aumento) ha sicuramente impoverito la comunità ornitica della Salina, dove sono stati osservati casi di predazione sia su pulcini che su uova di altre specie. Ancora, il crollo di diversi argini e la proliferazione della vegetazione sugli stessi e sui camminamenti usati un tempo dai lavoratori delle Saline hanno provocato, oltre alle conseguenze sulla funzionalità idraulica e all impatto sul paesaggio, ulteriori problemi da un punto di vista ecologico ed ambientale. Non va infine trascurato il degrado subito nel tempo dai diversi manufatti e dagli impianti idraulici. Le chiuse e tutte le loro componenti (spallette, vasche, saracinesche, etc.) sono divenute negli anni in buona parte inutilizzabili per il disfacimento dei materiali (legno e mattoni), mentre le pompe di sollevamento hanno subito gravi compromissioni funzionali. Anche da un punto di vista architettonico, come è facile intuire, il protratto abbandono dell area (utilizzata addirittura per lo scarico dei rifiuti o soggetta al saccheggio e al vandalismo) ha comportato gravi conseguenze. La rete elettrica, ormai obsoleta, ha continuato a rappresentare una grave fonte di rischio per l avifauna, oltre a costituire un elemento di forte impatto visivo, privando la Salina della sua originaria orizzontalità ; gli edifici, in alcuni casi di indubbio pregio architettonico, sono andati incontro ad una rapida rovina, così come la vecchia decauville (linea ferroviaria a scartamento ridotto per l asporto del sale), di cui permanevano oramai solamente le tracce in seguito a una sua frettolosa asportazione quasi completa. Da ultimo, ma non per importanza, la presenza di un vecchio capannone di più recente costruzione, collocato proprio in mezzo alle vasche salare, oltre a costituire un elemento estraneo al sito, con un forte impatto visivo negativo, rappresentava un grave fattore di rischio di inquinamento ambientale, a causa della presenza delle coperture in cemento-amianto in disfacimento. Di fatto, in conclusione, negli oltre vent anni di abbandono della Salina, si è potuto assistere al progressivo affermarsi di una marginalità culturale del luogo, chiuso al pubblico, ma permeabile ad un uso predatorio (dal saccheggio di edifici e manufatti, allo scarico di rifiuti) perché percepito localmente come altro da sé, senza identità né valore. 7

10 IL PROGETTO LIFE SALINA: UN PERCORSO IN DIVENIRE Dal tempo della chiusura degli impianti delle Saline al 2000, molte intenzioni sono state affacciate nella forma di progetti spesso fortemente discutibili (con la previsione di impianti di acquacoltura, ad esempio) sul futuro destino delle Saline. Il Comune di Comacchio, che ne vedeva il valore rappresentativo della sua storia, il Parco Regionale del Delta del Po e la Regione Emilia-Romagna che ne apprezzavano il valore naturalistico e paesaggistico, hanno comunque manifestato in diversi modi l idea che le Saline fossero affidate alla gestione delle comunità locali. Questa ipotesi è parsa allontanarsi nel Marzo 2000, quando il Ministero delle Finanze aveva posto il sito nell elenco dei beni demaniali vendibili. Per evitare questa disastrosa eventualità, oltre ad agire per ribaltare nelle sedi opportune quella decisione, la Regione e il Parco hanno deciso di elaborare un progetto che definisse senza ambiguità il destino delle Saline a costituire un ambito prioritariamente dedicato alla conservazione della biodiversità e delle testimonianze materiali della storia e della cultura locale. Sessantatre mesi di lavori (iniziati nel luglio del 2001 e conclusi nel settembre 2006), euro circa di spesa complessiva, trentuno differenti azioni (dai rilievi, progetti e analisi preliminari, agli interventi sul campo, dalla divulgazione e sensibilizzazione alla gestione dell intero progetto): sono questi i dati principali del progetto intitolato Ripristino ecologico e conservazione degli habitat nella Salina del SIC (Sito di Importanza Comunitaria) Valli di Comacchio finanziato al 45% dalla Unione Europea sul programma LIFE NATURA Il primo passo è consistito nel dotarsi di una conoscenza approfondita della Salina nella sua consistenza odierna. A questo scopo è stato effettuato un rilievo topografico dell area, che ha prodotto una cartografia digitale vettoriale utilizzata successivamente come base per i dati ecologici raccolti durante il progetto. È stato poi eseguito un primo rilievo in grado di stabilire il livello di degrado della funzionalità idraulica dei manufatti e degli impianti principali. Infine, grazie all aiuto di ex salinari in pensione, è stato possibile ricostruire con precisione le modalità storiche con le quali si produceva il sale e, in generale, come funzionava l intera Salina quando era perfettamente operativa, al fine di ottenere una sorta di protocollo da utilizzare successivamente per l attività dimostrativa. Negli ultimi mesi del 2002 sono state completate le ricerche preliminari faunistiche e abiotiche (compiute dai ricercatori del dipartimento di Biologia dell Università di Ferrara), e quelle floristico-vegetazionali (realizzate dal Dipartimento di Risorse Naturali e Culturali dello stesso ateneo). Tre mesi più tardi è stata presentata la schedatura dei diversi edifici storici della Salina (alcuni dei quali risalenti al Medioevo) ed un primo piano di fruizione. Al contempo si concludeva la progettazione del sistema di monitoraggio, riguardante le acque, le condizioni meteorologiche e la divulgazione dei dati raccolti. A questo punto, giunti ormai a marzo 2003, tutto era pronto per iniziare le operazioni sul campo. Le prime opere realizzate, che sono realmente andate a mutare il paesaggio della Salina, sono state l abbattimento delle linee elettriche aeree in disuso e del capannone col tetto in cemento-amianto. Si è trattato di azioni che dovevano salvaguardare l ecosistema eliminando gravi rischi di inquinamento ed ostacoli al movimento dell avifauna ma che allo stesso tempo 8

11 hanno migliorato sensibilmente la percezione del paesaggio, eliminando elementi di disturbo a quegli spazi aperti e orizzontali tipici della Salina. La linea mediana che divide in due la Salina è costituita dal Canale Duomo. Si tratta del collettore principale del sito, una vera e propria arteria per l intera Salina, che lo attraversa longitudinalmente da nord a sud e che, direttamente o indirettamente, riceve le acque di tutti i diversi bacini della Salina. Uno degli interventi di progetto è consistito proprio nell escavazione completa del canale che, col tempo, aveva visto un accumulo eccessivo di detriti che ne compromettevano la funzionalità idraulica. I materiali scavati sono stati utilizzati per ricostruire oltre 180 m. di argine completamente eroso tra il canale e la Valle Uccelliera. Tale Valle è estremamente importante come habitat di due specie di pesci: il ghiozzetto di laguna (Aphanius fasciatus) e il nono (Knipowitschia panizzae) di importanza conservazionistica secondo la Direttiva Habitat. Ospita inoltre la sola area di presenza del Ruppieto di tutta la Salina. Lungo il nuovo argine così ricostruito, sei diverse chiaviche di regimazione consentono oggi una circolazione differenziata delle acque, garantendo il ricambio ad ogni comparto della Valle e, soprattutto, la possibilità di decidere dove, come e quando indirizzare il ricambio delle acque. Il bacino di Valle Montalbano, nella porzione occidentale della Salina, è stato destinato alla realizzazione di 19 dossi per la nidificazione delle colonie di gabbiani e sterne, secondo modalità tali da favorire queste specie e da svantaggiare il gabbiano reale. Le specie potenzialmente nidificanti sui dossi sono il gabbiano comune (Larus ridibundus), il gabbiano corallino (Larus melanocephalus), il gabbiano roseo (Larus genei), la sterna zampenere (Gelochelidon nilotica), il fraticello (Sterna albifrons), la sterna comune (Sterna hirundo) e il beccapesci (Sterna sandvicensis). I dossi realizzati si estendono su una superficie complessiva di 1,5 ettari, con una media per ciascun dosso di 0,1 ettari. Sono di forma allungata e orientati nella direzione dei venti prevalenti. Le loro rive sono irregolari e senza scarpate, ma con sponde dolcemente digradanti. I dossi hanno un altezza limitata sul livello dell acqua, dal quale devono appena affiorare nel periodo riproduttivo (tarda primavera-estate) delle specie target quando la stagione di nidificazione del gabbiano reale è già avanzata. Nel periodo invernale, invece, il mantenimento di un livello idrico nel bacino di circa 50 cm consente la loro completa sommersione, onde evitare una loro erosione da parte del moto ondoso. Anche per questa Valle sono state ripristinate chiuse che vi consentano una migliore circolazione e scambio delle acque. Diversi interventi hanno interessato l area delle macchine ove sono state sostituite le pompe di sollevamento che consentono la movimentazione e lo scarico delle acque e il restauro e rifunzionalizzazione dei manufatti esterni di smistamento da e verso i canali di afflusso e deflusso. Un altro intervento di particolare importanza per l intero progetto ha riguardato la realizzazione della cosiddetta Salinetta. In concreto, è stata realizzata una salina in miniatura, destinata a svolgere un compito sia ecologico che didattico. Le acque sovrassalate prodotte nel ciclo 9

12 della Salinetta, prima della cristallizzazione, sono funzionali al mantenimento di determinati tipi di habitat, la cui sopravvivenza è legata appunto a condizioni di elevata salinità. Tali acque possono, attraverso canali, chiuse e pompe, essere smistate nelle aree ove sono necessarie per la conservazione delle comunità vegetali e animali presenti in Salina. La produzione del sale, riattivata su una piccola scala, con le caratteristiche della tradizione salinara precedente la meccanizzazione, potrà offrire ai visitatori estivi una immediata comprensione delle diverse fasi di estrazione del sale, una sorta di museo vivente della civiltà del sale che costituisce un tratto importante della storia locale. Una delle sfide poste dal progetto è proprio quella di governare il comparto della Salina al termine della fase di intervento: solo un attenta, scrupolosa e corretta gestione idraulica dell area, infatti, potrà consentire, negli anni futuri, il mantenimento di questo ambiente unico, terra di confine tra le attività dell uomo e il lavoro della natura, vero e proprio laboratorio ambientale-idraulico-storico all aperto. Tale gestione avrà indubbiamente bisogno di numerosi ulteriori interventi dei quali, tuttavia, con il progetto si è impostato il metodo e il fine. Anche le strutture edilizie della Salina sono state oggetto di importanti interventi. In particolare, sono stati eseguiti consistenti lavori di consolidamento e adeguamento dell ex Centro Aziendale, che oggi ospita il nuovo Centro Operativo della Salina. Con un intervento di profonda ristrutturazione con rinforzo dei muri perimetrali, sostituzione del coperto e delle capriate, si è intervenuti in un primo tempo solo su un corpo (per un totale di 160 mq) dei due di cui è composto il blocco edilizio, destinato a Centro Operativo. Vi sono stati ricavati gli spazi necessari per le funzioni assegnate al Centro: un laboratorio con due postazioni: una di controllo del sistema di monitoraggio attraverso telecamere e la seconda per il lavoro di raccolta organizzazione ed elaborazione dei dati di monitoraggio; una terza postazione per l accoglienza del pubblico; una sala polifunzionale adatta anche per la visione da parte del pubblico delle immagini trasmesse dalle telecamere e per l esposizione di pannelli e materiali informativi; servizi igienici; due stanze per la custodia della Salina e dei fabbricati con relativo servizio. Per l impianto di riscaldamento e di produzione dell acqua calda sanitaria si è pensato di utilizzare tecnologie innovative, in grado si sfruttare le risorse naturali disponibili, quali l energia solare e nello stesso tempo di ridurre i costi dovuti ai consumi di energia elettrica. Il secondo capannone, (140 mq) una volta consolidato dal punto di vista delle strutture di fondazione, è stato oggetto di un restauro leggero, con opere di tinteggiatura, ripulitura, restauro dei serramenti originali (porte e finestre in ferro e vetro), installazione di un impianto elettrico a norma e messa in sicurezza per consentire la presenza del pubblico. Nel fabbricato sono stati ricollocati alcuni arredi legati alla sua funzione originaria (officina di manutenzione della decauville) e sono stati mantenuti in sito i binari di accesso ritenendo che questo costituisca un motivo di interesse connesso alla visita della Salina e integrato alla mostra che vi è stata allestita con pannelli che illustrano il progetto LIFE e alcuni oggetti e documenti testimonianze della produzione del sale. Si è così creato il vero cervello del sito, in cui ha base il personale operativo, vengono svolte le analisi delle acque, affluiscono i dati dei monitoraggi e che ha anche la fondamentale funzione di divulgare i dati del progetto al pubblico. Grazie a questa duplice funzione di 10

13 realizzare un controllo nel tempo delle condizioni ecologiche dell area e di poterne illustrare le problematiche ai visitatori, in un qualche modo il Centro Operativo sintetizza idealmente lo spirito del progetto LIFE: la conservazione della natura diventa informazione al pubblico in tempo reale. Fruibilità dunque, per questo progetto, non significa solo poter vedere, ma soprattutto poter comprendere attraverso un esperienza diretta sul campo. Seguendo questo paradigma, la difesa del territorio non viene pertanto intesa solo come protezione del patrimonio naturale da parte degli organi competenti, ma anche come possibilità offerta alla popolazione di capire a fondo i meccanismi ecologici che regolano questo piccolo mondo. Azioni come i campi scuola o le visite guidate realizzate nel corso del progetto, diventano perciò altrettanti momenti di una strategia di informazione e coinvolgimento di lungo periodo per incoraggiare i cittadini ad assumere la responsabilità di difendere e promuovere il valore del proprio territorio. Se infatti questo LIFE ha svolto i compiti più urgenti e necessari per il recupero ecologico, è importante che la società civile locale appoggi in maniera forte gli impegni futuri che dovranno garantire la continuità della conservazione delle particolarità naturalistiche e culturali della Salina. 11

14 L assetto giuridico istituzionale raggiunto grazie al progetto LIFE è da considerarsi uno step fondamentale per garantire una continuità e solidità della gestione del sito. L orizzonte immediato sta nel rinnovo della concessione da parte dell Agenzia del Demanio al Comune di Comacchio e nel connesso rinnovo della convenzione tra il Comune e il Parco Regionale per l affidamento a quest ultimo della gestione. Deve tuttavia essere affrontato il problema del troppo breve periodo della concessione e dell eventuale trasferimento definitivo della proprietà demaniale ad un ente locale (Regione, Provincia, Comune, Parco) che venga ritenuto, di comune accordo, il più adatto e attrezzato per la sua gestione. Allo Stato dovrà essere chiesto un adeguato sostegno finanziario proporzionato all importanza della conservazione di un ambiente prezioso e raro, che viene assunta dal Parco per conto dell intera comunità nazionale. I diversi attori istituzionali territoriali, sopra richiamati, dovranno comunque cooperare strettamente per garantire che alla gestione operativa di questo delicato ambiente non vengano a mancare né le necessarie risorse finanziarie, né un importante sostegno politico. Al termine del progetto, attraverso le conoscenze ottenute dai monitoraggi scientifici, e dall esperienza condotta nei cinque anni di attività del progetto è stato formulato ed adottato dal Parco il Piano di Gestione dell area (Management Plan). Si sono elaborate ipotesi programmatiche strettamente discendenti dalle conoscenze maturate e dalle lezioni apprese e oggetto, in modi formalizzati e non, di discussione e valutazione tra il Gruppo di Lavoro, i Responsabili del Progetto, la Direzione tecnica e i diversi operatori coinvolti. Le opere individuate consistono in massima parte in manutenzione ordinaria e straordinaria e in pochi casi potenziamento di strutture e attrezzature già realizzate nel corso del progetto LIFE o complementari ad esse, rivelatesi indispensabili per garantire la continuità dei risultati finora prodotti. Gli assetti organizzativi e protocolli operativi che garantiscano la continuità delle funzioni attivate col LIFE, in primis la conservazione, prendono atto delle difficoltà incontrate ed ipotizzano una evoluzione nel senso di maggiore sistematicità, efficienza ed efficacia della gestione partendo dalla fattibilità consentita dalla situazione attualmente consolidata. Le opzioni di monitoraggio individuate consentono di verificare in continuo l efficacia degli interventi, di ridefinirne i caratteri, di individuare le future esigenze regolamentari, operative e di conoscenza, ma soprattutto, garantendo la continuità delle rilevazioni di indicatori significativi relativi alle entità di maggiore importanza conservazionistica, consentono di valutare in continuo l opera di conservazione messa in atto. Le azioni gestionali elaborate per la presente strategia sono state ricondotte alle tipologie individuate nel Manuale per la gestione dei Siti Natura 2000 : - interventi attivi (IA) - regolamentazioni (RE) - programmi di monitoraggio e/o ricerca (MR) - programmi didattici (PD). 12

15 Il piano è calibrato su una durata triennale da successivamente rivedere per altri tre anni per verificare gli esiti delle azioni e l attendibilità delle ipotesi. Il compito è peraltro reso meno oneroso dall ampia base dati raccolta durante il progetto ed organizzata in un consistente ed articolato Sistema Informativo Territoriale (GIS), base conoscitiva di confronto e di supporto per ogni futuro processo decisionale. Tutte le fasi del progetto LIFE sono state documentate all interno del sito del progetto, consultabile all indirizzo Nelle pagine che ne costituiscono i contenuti, sono riportate molte informazioni utili ad inquadrare e comprendere la complessa storia del progetto, ivi compresi alcuni materiali audiovisivi. Di particolare interesse è la sezione relativa al Diario del LIFE, all interno della quale sono riportate, secondo un rigoroso ordine cronologico, tutte le azioni e le iniziative condotte nell ambito del progetto a partire dal suo avvio. Sono stati pubblicati un libro ed un CD dal titolo Una nuova natura per la Salina con traduzione in inglese e tedesco che raccontano la Salina e lo svolgimento del progetto LIFE in tutte le sue fasi. 13

16 Testi a cura di: Cristina Barbieri - Stefano Corazza - Antonio Portanova Traduzione inglese di: Harriet Phillips - Stefano Corazza

17 IL PROGETTO LIFE Ripristino ecologico e conservazione degli habitat nella Salina del SIC Valli di Comacchio E' STATO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO FINANZIARIO DELL'UNIONE EUROPEA

"Città Visibili" - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012

Città Visibili - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012 "Città Visibili" - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012 Titolo: Restyling paesaggistico : esperienze di recupero di siti produttivi

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000.

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. COSÉ LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA La valutazione di incidenza è un provvedimento indispensabile per valutare gli effetti che le pianificazioni

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e duna costiera 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata

Dettagli

Bio i d o i d v i er e s r i s t i à à in i n r e r t e e.

Bio i d o i d v i er e s r i s t i à à in i n r e r t e e. Biodiversità in rete. Studio di fattibilità della Rete Ecologica locale tra Adda e Lambro passando per il Monte Barro. Con il contributo di Il progetto nel suo contesto. Il presente progetto è stato presentato

Dettagli

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12 Un Paese spaesato Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 A cura del Comitato per la Bellezza e del Centro Studi TCI I libri bianchi del Touring

Dettagli

AZIONE A.2 MONITORAGGIO EX ANTE LO STATO DI CONSERVAZIONE DELLE AREE E DELLE SPECIE SOGGETTE ALLE AZIONI DEL PROGETTO

AZIONE A.2 MONITORAGGIO EX ANTE LO STATO DI CONSERVAZIONE DELLE AREE E DELLE SPECIE SOGGETTE ALLE AZIONI DEL PROGETTO Azioni Azioni: A: AZIONI PREPARATORIE AZIONE A.1 G.A.P. Il General Action Plan ha l obiettivo di delineare le strategie e gli obiettivi comuni per la conservazione degli habitat e delle specie per la fruizione

Dettagli

PATTO DI GEMELLAGGIO, COLLABORAZIONE ED AMICIZIA

PATTO DI GEMELLAGGIO, COLLABORAZIONE ED AMICIZIA PATTO DI GEMELLAGGIO, COLLABORAZIONE ED AMICIZIA tra IL PARCO DEL DELTA DEL PO dell Emilia Romagna (ITALIA) e L AGENZIA PER LA CONSERVAZIONE DELLA BIOSFERA DEL DANUBIO (ROMANIA) relativamente a cooperazione

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 220 del 01 marzo 2011 pag. 1/5 Relazione illustrativa La presente relazione è relativa alla proposta di individuazione di due Siti di Importanza Comunitaria

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

Lunedì 24 marzo -Passeggiando tra canneti e specchi d acqua- Le Torbiere del Sebino: una Riserva Naturale a pochi passi da casa

Lunedì 24 marzo -Passeggiando tra canneti e specchi d acqua- Le Torbiere del Sebino: una Riserva Naturale a pochi passi da casa Lunedì 24 marzo -Passeggiando tra canneti e specchi d acqua- Le Torbiere del Sebino: una Riserva Naturale a pochi passi da casa Attività presso il Centro Accoglienza Visitatori Riserva Naturale Torbiere

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio

Dettagli

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE Descrizione dell ambito L area denominata Cava Castagnole è un ambito estrattivo formato da due cave, posto lungo via Toti tra gli abitati di Castagnole e Porcellengo;

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10. Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata. Art. 2 (Finalità) PARTE PRIMA

LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10. Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata. Art. 2 (Finalità) PARTE PRIMA 8119 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10 Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata La seguente legge: IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL

Dettagli

INTERVENTI EMERGENZIALI

INTERVENTI EMERGENZIALI COMUNE DI PESCANTINA PROVINCIA DI VERONA AMPLIAMENTO DISCARICA PER LA FRAZIONE SECCA DEGLI RSU SITUATA IN LOCALITÀ FILISSINE INTERVENTI EMERGENZIALI Realizzazione argini di contenimento, canaletta e vasca

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Direttive

Dettagli

Musei e Paesaggi culturali

Musei e Paesaggi culturali La Carta di Siena Musei e Paesaggi culturali Proposta da ICOM Italia il 7 luglio 2014 alla Conferenza Internazionale di Siena 1. Il paesaggio italiano Il paesaggio italiano è il Paese che abitiamo e che

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

animale e vegetale marina

animale e vegetale marina Il ruolo del MIPAAF nel sistema nazionale e comunitario a tutela della biodiversità animale e vegetale marina Dott. Giuseppe Ambrosio Capo di Gabinetto Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050)

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone. (ex M. 313, M. 321, M. 322, 323, artt. 19 e 20 Reg. UE 1305/2013) TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) Per le spese ammissibili

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

Val.Ma.Co. Val.Ma.Co.

Val.Ma.Co. Val.Ma.Co. La gestione delle aree prative È stato redatto un Piano di Gestione agro-silvo-pastorale, coerente con le esigenze di tutela delle specie di uccelli e degli habitat di interesse comunitario, basato sui

Dettagli

Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000

Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000 Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida Attività Area Natura 2000 e Osservatorio

Dettagli

BOSCHI E BIODIVERSITÀ. Rete Natura 2000

BOSCHI E BIODIVERSITÀ. Rete Natura 2000 BOSCHI E BIODIVERSITÀ Introduzione I boschi sono un patrimonio di tutti. Li vediamo, li attraversiamo, li ammiriamo e li utilizziamo. Ma vanno anche tutelati: sono ecosistemi complessi dove molte forme

Dettagli

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi (Criteri esaminati dal Cds con procedura scritta n. 2/2012) Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi Azione a) - Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario Ripristino

Dettagli

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - pag. 1 ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI PARTE 1 a - ANALISI 1 FLORA E VEGETAZIONE Dati disponibili che verranno utilizzati per il presente lavoro: Documento anno Note, possibilità

Dettagli

Capo I Disposizioni generali

Capo I Disposizioni generali Legge regionale Sardegna 14 aprile 2006, n. 3 Disposizioni in materia di pesca. Capo I Disposizioni generali Art. 1 Finalità 1.Le presenti norme disciplinano, ad integrazione di quanto disposto dalla legge

Dettagli

INTERVENTO DEL PRESIDENTE DEL MAGISTRATO ALLE ACQUE ing. Maria Giovanna PIVA

INTERVENTO DEL PRESIDENTE DEL MAGISTRATO ALLE ACQUE ing. Maria Giovanna PIVA INTERVENTO DEL PRESIDENTE DEL MAGISTRATO ALLE ACQUE ing. Maria Giovanna PIVA Andare a vedere delle opere in corso senza avere una visione dell insieme è abbastanza riduttivo quindi pensavo di fare con

Dettagli

relazione ambientale sintesi

relazione ambientale sintesi Dgr n. 2587 del 7 agosto 2007 Allegato A3 relazione ambientale sintesi Assessorato alle Politiche per il Territorio Segreteria Regionale Ambiente e Territorio Direzione Pianificazione Territoriale e Parchi

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C ALLEGATO 2 REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C SCHEDA DI CANDIDATURA DELL'INTERVENTO Ente proponente Consorzio del Parco del Trebbia Area protetta Parco Regionale

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

AL PRESIDENTE DELLA REGIONE LIGURIA AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA

AL PRESIDENTE DELLA REGIONE LIGURIA AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL CORPO FORESTALE DI IMPERIA ALLA POLIZIA PROVINCIALE DI IMPERIA Prot.n. 251/06

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

I progetti LIFE Natura italiani nella gestione degli ecosistemi di transizione

I progetti LIFE Natura italiani nella gestione degli ecosistemi di transizione I progetti LIFE Natura italiani nella gestione degli ecosistemi di transizione Daniela Zaghi Comunità Ambiente Tra gli ambienti di transizione, la direttiva Habitat individua le Lagune costiere (habitat

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE

QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE Progetto Ideazione e realizzazione di un modello di gestione integrata delle acque dei bacini Lago di Varese, Lago di Comabbio e Palude Brabbia QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLA PERCEZIONE AMBIENTALE La

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

in uno stato di conservazione soddisfacente e che può, inoltre, contribuir ein modo significativo alla coerenza della rete ecologica Natura 2000, al

in uno stato di conservazione soddisfacente e che può, inoltre, contribuir ein modo significativo alla coerenza della rete ecologica Natura 2000, al Premessa e Fonte dati Uno degli aspetti della qualità di un territorio è la naturalità del paesaggio, dove per naturalità si intende il grado di diversità ecologica e biologica dell ambiente. Tale indicatore

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta 1 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 2 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 Art. 1 Istituzione del Parco regionale, finalità e obiettivi gestionali

Dettagli

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante.

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante. AIRONE BIANCOMAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. Più grande degli altri ardeidi bianchi (dimensioni del cenerino) ha un caratteristico sopracciglio verdastro AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore,

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale»

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future Torino, 24 marzo 2015 Mauro D Aveni Ufficio Qualità Coldiretti Torino «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» L AGRICOLTURA

Dettagli

Note sull iter del porto turistico di Otranto

Note sull iter del porto turistico di Otranto Note sull iter del porto turistico di Otranto Nel 2007, circa 7 anni fa, la Società Italiana per Condotte d Acqua ha presentato una richiesta di concessione demaniale marittima per costruire e gestire

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL TEATRO VALLE DI ROMA TRA FONDAZIONE TEATRO VALLE BENE COMUNE ASSOCIAZIONE TEATRO DI ROMA

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL TEATRO VALLE DI ROMA TRA FONDAZIONE TEATRO VALLE BENE COMUNE ASSOCIAZIONE TEATRO DI ROMA Bozza di lavoro del 28 gennaio 2015 CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL TEATRO VALLE DI ROMA TRA FONDAZIONE TEATRO VALLE BENE COMUNE E ASSOCIAZIONE TEATRO DI ROMA Con la presente scrittura privata, in duplice

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Università degli Studi di Sassari COMUNICATO STAMPA. Programma edilizio dell Ateneo: prossimi interventi

Università degli Studi di Sassari COMUNICATO STAMPA. Programma edilizio dell Ateneo: prossimi interventi Università degli Studi di Sassari Ufficio Comunicazione COMUNICATO STAMPA Programma edilizio dell Ateneo: prossimi interventi Nel corso della seduta del Consiglio di Amministrazione del 19 maggio è stato

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO

I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO PREMESSA L Associazione Italiana Centro di Informazione sul PVC ha condotto un analisi ragionata e comparata di alcuni strumenti per regolamentare la materia

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole)

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) Riferimenti normativi: Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, Titolo IV, Asse 2, Articoli 36 (a) (vi) e 41 (a) e (b) Codice

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO DEI LAVORI PREVISTI DAL PROGRAMMA DI INTERVENTI PRIORITARI DI RECUPERO E RIEQUILIBRIO DEL LITORALE - D.C.

STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO DEI LAVORI PREVISTI DAL PROGRAMMA DI INTERVENTI PRIORITARI DI RECUPERO E RIEQUILIBRIO DEL LITORALE - D.C. STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO DEI LAVORI PREVISTI DAL PROGRAMMA DI INTERVENTI PRIORITARI DI RECUPERO E RIEQUILIBRIO DEL LITORALE - D.C.R. 47/2003 - PROGETTO N 20 FOCE DEL FIUME OMBRONE PER CONTRASTARE

Dettagli

Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre

Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre Relazione Tecnica L intervento di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della Torre prevede prioritariamente i seguenti

Dettagli

Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe.

Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe. Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe.it Protocollo c/o Comune di Copparo Via Roma, 28 44034 Copparo

Dettagli

Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte. Le acque alte del 2012. Se ci fosse stato il Mose...

Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte. Le acque alte del 2012. Se ci fosse stato il Mose... 17 Gestione del Mose. Un attenta sentinella proteggerà Venezia e la laguna dalle acque alte Le acque alte del 2012 Se ci fosse stato il Mose... Dopo un anno di pausa che aveva persino distratto dal problema,

Dettagli

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA Analisi su base economico gestionale delle realtà museali provinciali, per una progettazione consapevole di sviluppo futuro del Sistema museale provinciale.

Dettagli

Art. 1 (Modifica all articolo 140 della L.R. 15/2004)

Art. 1 (Modifica all articolo 140 della L.R. 15/2004) Riserva naturale guidata "Sorgenti fiume Vera": attuazione dell articolo 140 della L.R. 26 aprile 2004, n. 15 "Legge finanziaria regionale 2004" e modifiche alle LL.RR. nn. 42/2011 e 25/2011 Art. 1 (Modifica

Dettagli

PHOINIX percorso archeologiconaturalistico

PHOINIX percorso archeologiconaturalistico IN COLLABORAZIONE CON SETTORE PROMOZIONE DEL TERRITORIO Comune di Cabras PHOINIX percorso archeologiconaturalistico Report dell incontro di presentazione del 10 aprile 2015 Progettisti: Arch. Pier Paolo

Dettagli

Programma di potenziamento della valorizzazione e fruizione del Museo Diffuso di Castello d Alceste

Programma di potenziamento della valorizzazione e fruizione del Museo Diffuso di Castello d Alceste Programma di potenziamento della valorizzazione e fruizione del Museo Diffuso di Castello d Alceste Il fattore di maggiore influenza sugli indicatori di pressione ambientale per l intervento proposto è

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 ottobre 2010, n. 2172

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 ottobre 2010, n. 2172 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 ottobre 2010, n. 2172 PO FESR 2007-2013 - ASSE IV - LINEA 4.4 INTERVENTI PER LA RETE ECOLOGICA - AZIONE 4.4.1 - ATTIVITA E - Approvazione schema di convenzione

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini P.IVA 00343840401

Comune di Cattolica Provincia di Rimini P.IVA 00343840401 Comune di Cattolica Provincia di Rimini P.IVA 00343840401 http://www.cattolica.net email:info@cattolica.net PEC: protocollo@comunecattolica.legalmailpa.it SETTORE 2: URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA AMBIENTE

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

INTESA NON ONEROSA volta a regolamentare la gestione della piattaforma INTERCET TRA

INTESA NON ONEROSA volta a regolamentare la gestione della piattaforma INTERCET TRA Allegato alla Delib.G.R. n. 46/23 del 31.10.2013 INTSA NON ONROSA volta a regolamentare la gestione della piattaforma INTRCT TRA la Regione Liguria, Regione Autonoma della Sardegna, Regione Toscana, l

Dettagli

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO 1 PREMESSA Con delibera di CC n 46 del 25/07/2007 il Comune di Coriano acquistava, per 30 anni, il diritto di superficie, sulla casa Santa Marta, per la realizzazione

Dettagli

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente Comune Siti RN2000 Santa Maria Maggiore ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande PRGC vigente Varchi SM1 INCONTRO CON IL COMUNE Comune di Santa Maria Maggiore 21/12/2010 L espansione edilizia

Dettagli

Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE

Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE Capitolo 5 MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI DEI SITI PREVISTE DALLE NORMATIVE 5.1 Normativa Nazionale Le Linee Guida per la gestione dei siti della Rete Natura 2000 del D.M. 3 settembre 2002 lasciano ampie

Dettagli

NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO

NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO Parco Lombardo della Valle del Ticino 91410 ettari suddivisi in: 22.249 Parco Naturale 69.161 Parco Regionale

Dettagli

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE 4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE PREMESSA L amministrazione comunale di Aviatico, al fine di favorire una regolare e ordinata gestione ambientale e paesaggistica delle aree prative

Dettagli

alla Provincia di Pavia piazza Italia, 2 27100 Pavia urp@provincia.pv.it

alla Provincia di Pavia piazza Italia, 2 27100 Pavia urp@provincia.pv.it Gropello Cairoli, 16 gennaio 2012 Al Soprintendente per i Beni Architettonici e il Paesaggio per le Province di Milano, Como, Lecco, Lodi, Pavia, Sondrio e Varese, Piazza del Duomo, 14 20122 Milano sbap-mi@beniculturali.it,

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE LIFE09 NAT/IT/000095 Progetto finanziato dalla Commissione Europea tramite lo strumento finanziario LIFE+

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Università degli Studi di Lecce Soprintendenza Archeologica della Puglia Provincia di Lecce Inaugurazione della Mostra Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Intervento

Dettagli

Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini. L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi.

Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini. L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi. Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi. L oggetto principale dello studio è stata l analisi della politica di aiuto umanitario dell

Dettagli

Il ruolo delle aree protette nel rilancio e nella valorizzazione del territorio appenninico

Il ruolo delle aree protette nel rilancio e nella valorizzazione del territorio appenninico Giornata Mondiale della Terra Il ruolo delle aree protette nel rilancio e nella valorizzazione del territorio appenninico Economie e identità locali, dinamiche demografiche e servizi ecosistemici nelle

Dettagli

Allegato A) OSSERVATORIO REGIONALE PERMANENTE PER LA BIODIVERSITA, IL PAESAGGIO RURALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE

Allegato A) OSSERVATORIO REGIONALE PERMANENTE PER LA BIODIVERSITA, IL PAESAGGIO RURALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE Allegato A) OSSERVATORIO REGIONALE PERMANENTE PER LA BIODIVERSITA, IL PAESAGGIO RURALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE OSSERVATORIO REGIONALE PERMANENTE PER LA BIODIVERSITA, IL PAESAGGIO RURALE E LO SVILUPPO

Dettagli

Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida

Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 27 marzo 2008 Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida SITI NATURA 2000 LAZIO DGR

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA Premessa In anticipazione rispetto al progetto complessivo, e analogamente

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia La valutazione economica delle aree marine protette: aspetti di costo e di beneficio di Rosalba Rombaldoni CONVEGNO GESTIONE DELLA PESCA E

Dettagli