Convergenza di Opinioni in Ambito Territoriale: Proposta di un Real Time Spatial Delphi. Simone Di Zio Università G. d Annunzio, Chieti-Pescara

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convergenza di Opinioni in Ambito Territoriale: Proposta di un Real Time Spatial Delphi. Simone Di Zio Università G. d Annunzio, Chieti-Pescara"

Transcript

1 Convergenza di Opinioni in Ambito Territoriale: Proposta di un Real Time Spatial Delphi Simone Di Zio Università G. d Annunzio, Chieti-Pescara Abstract Per convergenza di opinioni s intende un processo che canalizza più pensieri verso conclusioni il più possibile condivise. Nell ambito dei metodi per la convergenza di opinioni il metodo Delphi è considerato il capostipite. Una recente innovazione, denominato Spatial Delphi (Di Zio e Pacinelli, 2011), parte dall assunto che molte decisioni devono tenere conto del territorio, per cui la scelta da condividere riguarda un luogo geografico. In tale metodo è necessario utilizzare supporti cartografici che permettano agli esperti di indicare i luoghi su cui è opportuno fare un intervento o dove è maggiormente probabile il verificarsi di un evento futuro. Qui si propone un evoluzione di tale metodo che, come il Real Time Delphi di Gordon (2009), viene gestito on-line su una piattaforma WebGIS. Ad ogni valutazione un software genera un cerchio di convergenza che, in tempo reale, viene visualizzato sulla carta. Tale cerchio rappresenta l area di convergenza all interno della quale gli esperti sono invitati a fornire ulteriori punti opinione. Alla fine si arriva ad un cerchio finale che rappresenta la convergenza delle opinioni su problema oggetto di analisi. 1. Introduzione La consultazione tramite uso di panel implica più interviste dello stesso gruppo di persone in tempi successivi. Il metodo Delphi consente la comunicazione attraverso i componenti un panel, permettendo anche la cosiddetta convergenza di opinioni. Con questa espressione si intende un processo di comunicazione strutturata in cui i pensieri individuali vengono convogliati verso una conclusione condivisa. Il metodo Delphi fu sviluppato negli anni 50 dalla Rand Corporation (California) e si ritiene che permetta una migliore interazione rispetto ad altri metodi di lavoro in gruppo. L anonimato dei partecipanti, infatti, elimina una serie di errori tipici della comunicazione faccia a faccia. Nel Delphi, un panel di esperti viene consultato almeno tre volte consecutivamente e, attraverso delle elaborazioni statistiche, è possibile restringere il campo di valutazione fino al punto che si ritiene soddisfacente ai fini della ricerca (Dalkey e Helmer, 1963). La versatilità di tale strumento fa sì che le sue applicazioni sono tantissime: dalle problematiche della salute e dell economia alle innovazioni tecnologiche, dalle questioni di genere fino alla protezione ambientale e alle decisioni aziendali, possiamo trovare in letteratura tantissime applicazioni (si veda, fra gli altri, Brockhaus e Mickelsen, 1975). 1

2 Una recente versione del Delphi, denominata Spatial Delphi, riproduce i tratti salienti di tale metodo in un ambito di applicazione territoriale, ovvero in tutte quelle situazioni in cui la decisione sul luogo più adatto per operare una scelta può essere sottoposta ad un gruppo di esperti. Un primo possibile sviluppo di tale metodo riguarda l implementazione di un WebGIS per la gestione delle risposte degli esperti. Infatti, elemento fondamentale dello Spatial Delphi (Di Zio e Pacinelli, 2011) sono le cartografie sulle quali gli esperti devono indicare i propri punti opinione. Ad ogni round queste valutazioni devono essere elaborate attraverso un modello geometrico, per poi sottoporre il risultato agli esperti durante il round successivo. Così, si propone una seconda evoluzione, riguardante proprio il calcolo automatico, e in tempo reale, del modello geometrico per la convergenza delle opinioni. In tal modo si arriva a un Real Time Spatial Delphi (RTSD). 2. Il metodo Delphi e la sua versione territoriale Il metodo Delphi fu proposto per la prima volta da Dalkey e Helmer (1963) e, tramite la somministrazione ripetuta di questionari, permette di ottenere un dibattito virtuale, chiamato anche conferenza Delphi (Pacinelli, 2008), fra i partecipanti a un panel. Gli esperti esprimono il loro parere, in forma anonima, rispetto la questione e questo permette di evitare tutte le problematiche che scaturiscono dalla comunicazione faccia a faccia, come ad esempio il pensiero di gruppo 1, la spirale del silenzio 2 o l errore di leadership 3. Dopo la prima consultazione le valutazioni degli esperti sono raccolte ed elaborate dal ricercatore tramite sintesi statistiche (Glenn, 2009). Più esattamente si calcola il primo e terzo quartile sulla distribuzione delle risposte, ottenendo un intervallo (detto intervallo interquartile) che contiene il 50% delle valutazioni degli esperti. Questo intervallo costituisce una finestra di risposta da sottoporre agli esperti al round successivo. Nella seconda consultazione il quesito proposto è sempre lo stesso, ma in questo caso ogni esperto è invitato a rispondere dentro l intervallo interquartile. In questo modo già dalla seconda consultazione inizia il processo di convergenza delle opinioni. Nel caso in cui un partecipante volesse fornire una valutazione esterna all intervallo lo può fare a condizione 1 Con l espressione pensiero di gruppo (in inglese groupthink ) si indica la situazione in cui, per minimizzare i conflitti e raggiungere il consenso per prendere una decisione, i singoli individui rinunciano alle proprie idee e opinioni. I dubbi individuali sono messi da parte per il bene del gruppo, fino al punto di raggiungere persino decisioni irrazionali. 2 In un lavoro di gruppo può accadere che un singolo sia restio nell'esprimere la sua opinione se questa è contraria alla maggioranza, per paura di riprovazione e isolamento da parte degli altri componenti del gruppo. La persona quindi tace, e questo fa aumentare la percezione del gruppo che l idea prevalente sia condivisa da tutti, rafforzando ancora di più il timore iniziale del singolo, in una spirale chiamata appunto spirale del silenzio. 3 Quando in un gruppo ci sono delle gerarchie, se il primo ad esprimere la propria opinione è il più alto in grado, allora può accadere che gli altri, pur avendo una diversa opinione, si allineino ad essa per paura di contrastare l opinione del capo. 2

3 che venga data una motivazione scritta. Sono proprio queste motivazioni che innescano la conferenza Delphi, cioè il dibattito anonimo che porta gli esperti a rivedere le proprie valutazioni, e ragionare sui possibili cambiamenti di opinione. Si procede così con i round successivi e, in genere, il campo di variazione fra il primo e terzo quartile si restringe sempre di più, fino a che non si raggiunge un intervallo abbastanza piccolo tale che la convergenza delle opinioni si ritiene sufficiente. La particolare struttura di questo metodo consente sia di raccogliere le singole opinioni degli esperti sia la creazione di un dibattito (anonimo, virtuale e alla pari) fra i partecipanti. Quindi, il valore della tecnica sta non solo nella possibilità di avere opinioni condivise, ma anche di stimolare una discussione sul problema analizzato. Anche se dalla sua creazione ad oggi si sono sviluppate tantissime versioni del Delphi, possiamo di seguito elencare quelle che sono considerate le fasi principali della sua versione base: Definizione del problema: il tema oggetto di ricerca o il problema decisionale devono essere identificati con precisione; Costruzione del panel: la fase più delicata è proprio la scelta degli esperti che devono comporre il panel. Mentre nelle indagini statistiche campionarie si assume che i partecipanti siano rappresentativi di una popolazione e senza particolari conoscenze, nel Delphi, viceversa, ci si avvale di individui con particolari competenze e non rappresentativi di alcun collettivo. L obiettivo non è formare un panel più numeroso possibile o rappresentativo di un collettivo più ampio, ma bisogna scegliere in modo mirato le persone che posseggono il giusto expertise rispetto al problema proposto; Fase esplorativa: si costruisce il primo questionario da somministrare al panel, contenente una serie di domande aperte e di carattere generale, con lo scopo di raccogliere punti di vista per inquadrare il tema di ricerca. Questo permetterà al ricercatore di delineare con precisione i concetti su cui verterà il resto della ricerca; Fase analitica: si costruisce e somministra il secondo questionario, in cui ci sono i concetti emersi nella fase esplorativa. In questa fase ogni esperto ha la possibilità sia di ritrovare alcune sue affermazioni, sia di ragionare sui concetti espressi dagli altri esperti. Inizia in questo modo il dibattito e il confronto in forma anonima. Ogni esperto fornisce una valutazione per ogni domanda del questionario e le eventuali motivazioni scritte. Fase Valutativa: il ricercatore raccoglie tutte le risposte e calcola l intervallo interquartile per ogni domanda del questionario. Viene preparato un secondo questionario che, oltre alle domande del primo round contiene, per ognuna di esse, anche l intervallo interquartile all interno del quale l esperto è invitato a rispondere. 3

4 Dunque, le domande sono sempre le stesse, ma sono accompagnate da un intervallo (centrato sulla mediana) che include il 50% delle risposte del round precedente; Iterazioni: si procede con successive iterazioni fino a che non si ritiene sia stata raggiunta una sufficiente convergenza di opinioni o fino a un numero massimo di iterazioni prestabilito. L uso della tecnica Delphi è indicato quando la problematica da analizzare ha una natura incerta e i dati disponibili per l applicazione di metodi più robusti sono insufficienti o sono del tutto inesistenti. Nello Spatial Delphi le fasi sono le stesse, ma la problematica da analizzare deve avere una base territoriale di riferimento. Le possibili applicazioni sono raggruppabili in tre diverse categorie (Di Zio e Pacinelli, 2011). La prima categoria riguarda il presente, ovvero tutte le volte che si ha la necessità di scegliere il sito migliore per localizzare un bene o un servizio (ad esempio un magazzino, un negozio, un centro commerciale o una fermata di un autobus). Nella seconda categoria rientrano le problematiche relative al verificarsi di eventi futuri. Gli autori, ad esempio, fanno una interessante applicazione riguardo la localizzazione di aree ad alto rischio in caso di un evento sismico nella zona de L Aquila (Figura 1). Infine, un ultima categoria, riguarda i problemi legati al sottosuolo, tipo il luogo dove esiste una maggiore probabilità di trovare un sito archeologico oppure dove è maggiormente probabile vi sia un giacimento di minerali. Figura 1. Esempio di punti opinione e primo cerchio di convergenza 4

5 Il metodo presuppone l utilizzo di una adeguata cartografia (con l inquadramento del territorio su cui insiste il problema di ricerca), sulla quale gli esperti possono fornire i loro punti opinione. Ogni esperto indica direttamente sulla carta con un punto (chiamato punto opinione) il luogo che, secondo il suo expertise, è migliore per gli obiettivi della ricerca. Indicando con n la cardinalità del panel, al primo round si ha una nuvola di n punti opinione, che rappresenta le risposte dei partecipanti. Dopo la somministrazione del primo questionario, il ricercatore costruisce un cerchio che racchiude il 50% dei punti forniti dagli esperti, in analogia all intervallo interquartile del Delphi classico. Si tratta, in pratica, di cercare un cerchio contenente n 2 punti opinione. Ma su un piano ci sono infiniti cerchi con questa caratteristica, per cui bisogna imporre dei vincoli. Per prima cosa si considerano solo i cerchi con centro sugli n punti opinione, e in tal modo i cerchi disponibili si riducono a n. Fra questi poi si sceglie il cerchio con area minore, dato che l obiettivo è la riduzione dell area di territorio al fine di ottenere la convergenza delle opinioni. In tal modo si avrà un solo cerchio centrato su un punto opinione, contenente il 50% delle valutazioni e con area minima. Nella seconda iterazione, agli esperti viene sempre sottoposta la stessa domanda, ma questa volta sulla cartografia è disegnato il primo cerchio di convergenza. Ogni esperto è invitato a riposizionare il suo punto opinione, possibilmente entro il cerchio, ma nel caso volesse dare una valutazione esterna deve fornire una motivazione. Si procede poi con le iterazioni successive fino a che l area del cerchio finale non è sufficientemente piccola in relazione al problema trattato. Inoltre, considerando la nuvola dei punti di ogni iterazione, si possono calcolare degli indicatori che forniscono una misura della velocità di convergenza di tutto il processo. Di Zio e Pacinelli (2011) propongono la K-funcion e la Dimensione Frattale. Una variante di tale metodo consiste nel dare la possibilità agli esperti di fornire non uno ma un certo numero k di punti opinione, numero che diminuisce ad ogni iterazione. Così, indicando con k 1 il numero di punti dati al primo round e con m il numero totale di iterazioni, possiamo scrivere: k k Questa possibilità produce un notevole vantaggio: se ad esempio m=3 ogni esperto deve fornire 3 punti al primo round, 2 punti al secondo e 1 solo punto al terzo e ultimo round. Questo significa che alla seconda iterazione l esperto può eliminare uno dei tre punti precedentemente dati (in genere quello più lontano dal cerchio di convergenza) e lasciare intatti gli altri due o spostarli per includerli nel cerchio. Questo fatto viene accettato meglio dal punto di vista psicologico, rispetto alla situazione di un solo punto. In altri termini un individuo è più propenso a eliminare un punto e lasciare gli altri che invece spostare ogni k m 5

6 volta un unico punto, perché in questo ultimo caso significa cambiare ogni volta la sua opinione. 3. Real Time Spatial Delphi Nel Real Time Delphi di Gordon (Gordon and Pease, 2006; Gordon, 2009) gli esperti sono invitati a partecipare ad una consultazione in tempo reale su una pagina web. Su di essa appaiono una serie di domande alle quali l esperto deve rispondere e, per ogni domanda, è presente uno spazio per la risposta (in genere si tratta di valori numerici su una scala Likert), la mediana delle risposte di tutti coloro che hanno partecipato fino a quel momento, il numero dei rispondenti e una finestra per scrivere i commenti. Questi commenti possono essere letti da tutti e in tempo reale, facendo così innescare la conferenza anonima. La mediana delle valutazioni date e il numero dei rispondenti vengono aggiornate in tempo reale, mano a mano che un nuovo partecipante fornisce le proprie valutazioni. A differenza del Delphi classico la mediana viene calcolata in tempo reale, e resa subito disponibile agli altri partecipanti. Se una risposta è maggiore/minore di un certo valore costante sopra/sotto la mediana, al rispondente viene chiesta la motivazione della sua valutazione. Quindi non ci sono round successivi ma il tutto avviene in tempo reale, e ogni esperto può rivalutare le proprie posizioni quando vuole; dopo un ora, un giorno o una settimana. Un ulteriore vantaggio dell utilizzo del web consiste nel poter raggiungere esperti praticamente di ogni angolo del mondo. Una recente applicazione del metodo, conclusasi nel mese di gennaio 2012, ha riguardato una ricerca sugli stereotipi sulle donne, e ha visto coinvolti oltre 250 esperti da 57 paesi diversi. Qui proponiamo il Real Time Spatial Delphi (RTSD), quindi una versione in tempo reale dello Spatial Delphi. Sullo schermo ogni esperto ha una cartografia relativa al territorio su cui svolgere la ricerca, e su di essa appare la domanda. Ad esempio: Indichi il punto che secondo lei è più adatto per la costruzione di un asilo. Cliccando sulla carta (ad esempio attraverso lo ArcSketch della Esri) le coordinate del punto vengono registrate e il cerchio di convergenza, contenente la metà dei punti forniti fino a quel momento, viene visualizzato. Dunque, l esperto è invitato a rispondere dentro il cerchio altrimenti, se posiziona il punto opinione all esterno, deve dare una motivazione. Maggiori sono i punti inseriti nel cerchio e maggiore sarà la velocità con cui il cerchio si restringe. Se nel corso delle prime consultazioni si identificano due o più nuvole di punti significa che i luoghi ritenuti opportuni sono più di uno e in tal caso l amministratore del sistema può decidere di costruire due o più cerchi di convergenza. In questo modo si porteranno avanti due o più analisi Delphi parallele. Riteniamo che, anche alla luce delle sperimentazioni con lo Spatial Delphi, il RTSD apra la strada ad una notevole quantità di applicazioni, data la sua semplicità e intuitività. 6

7 4. Conclusioni Nell ambito dei problemi decisionali i metodi che fanno uso di pareri di esperti sono considerati scientificamente deboli, in contrapposizione a quelli forti che si basano invece su dati statistici (Pacinelli, 2008). Accade spesso però che, per la particolarità del problema, i dati sono incompleti o del tutto inesistenti e in tal caso il ricorso alle opinioni soggettive diventa una via molto utile, se non addirittura l unica possibile. Il Delphi, lo Spatial Delphi ed il Real Time Delphi sono metodi basati su pareri di panel di esperti e, nel corso degli ultimi anni, hanno avuto una grande varietà di applicazioni. In questo lavoro si è proposto una evoluzione del Delphi che mette insieme i vantaggi del Real Time Delphi, legati alla gestione in tempo reale delle risposte, e quelli dello Spatial Delphi, consistenti nella possibilità di fornire delle risposte/opinioni semplicemente posizionando un punto su una carta. Bibliografia Brockhaus W.L., Mickelsen J.F., (1975) An analysis of prior Delphi applications, Technol. Forecast. Soc. Change 10 (1), Dalkey N.C., Helmer O., (1963) An Experimental Application of Delphi Method to the Use of Experts, Manage. Sci., 9,pp Di Zio S., Pacinelli A., (2011) Opinion convergence in location: A Spatial version of the Delphi method. Technological Forecasting & Social Change, 78(9), pp Glenn J. C., (2009) Participatory methods, in: J. C. Glenn, T. J. Gordon (Eds.), Futures Research Methodology Version 3.0, The Millennium Project, American Council for the United Nations University. Gordon T. J., (2009) The Real-Time Delphi Method, in: J.C. Glenn, T.J. Gordon (Eds.), Futures Research Methodology Version 3.0, The Millennium Project, American Council for the United Nations University. Gordon T.J., Pease A., (2006) RT Delphi: An efficient, round-less almost real time Delphi method, Technol. Forecast. Soc. Change, 73, Pacinelli A., (2008) Metodi per la ricerca sociale partecipata, Franco Angeli, Milano. 7

1.1 Le origini e l evoluzione del metodo Delphi.

1.1 Le origini e l evoluzione del metodo Delphi. SIMONE DI ZIO Report Interno 1.1 Le origini e l evoluzione del metodo Delphi. 1.1.1 Introduzione Il metodo Delphi è una tecnica di indagine che utilizza le risposte (tipicamente opinioni) a un questionario

Dettagli

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose,

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, IL METODO DELPHI Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, in ogni caso impegnative. L importanza

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli

SardegnaFotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE

SardegnaFotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE SardegnaFotoAeree La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA [2] Indice 1. Introduzione 2. Navigatore 5 7 8 9 2.1. Strumenti di navigazione 2.2. Ricerca

Dettagli

Statistica 4038 (ver. 1.2)

Statistica 4038 (ver. 1.2) Statistica 4038 (ver. 1.2) Software didattico per l insegnamento della Statistica SERGIO VENTURINI, MAURIZIO POLI i Il presente software è utilizzato come supporto alla didattica nel corso di Statistica

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico. Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico. Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate Il progetto Obiettivi: progettare, realizzare e utilizzare

Dettagli

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I GENNAIO 2005 eprocurement pubblico Clausola di esclusione della responsabilità Commissione europea Original document

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

La Gestione della Complessità

La Gestione della Complessità La Gestione della Complessità Only variety can destroy variety (Ross. W. Ashby) Prof. Claudio Saita 1 La struttura del modello cognitivo proposto, conosciuto più comunemente in letteratura come la legge

Dettagli

Provincia di Ferrara. Comune di Ferrara. Aprile 2004

Provincia di Ferrara. Comune di Ferrara. Aprile 2004 Provincia di Ferrara Comune di Ferrara Aprile 2004 Una chiave di lettura del territorio: la partecipazione INQUADRAMENTO DEL TEMA La denominazione di partecipazione copre oggi i più svariati significati

Dettagli

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati 2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati Per tracciare un primo quadro dei contesti indagati si presentano di seguito alcuni macro indicatori riguardanti

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO Stefano Campostrini Ca Foscari FEBBRAIO 2011 Approcci d indagine qualitativi Strumenti qualitativi Raccolta dati / informazioni Interpretare Gruppo (interazione) singoli

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Seminario Gli obiettivi della nuova programmazione 2014-2020 dei Fondi Strutturali Europei I risultati INVALSI, strumenti per la scuola

Seminario Gli obiettivi della nuova programmazione 2014-2020 dei Fondi Strutturali Europei I risultati INVALSI, strumenti per la scuola Seminario Gli obiettivi della nuova programmazione 2014-2020 dei Fondi Strutturali Europei I risultati INVALSI, strumenti per la scuola Il Questionario insegnante e il Questionario scuola: quadro di riferimento

Dettagli

INDAGINE SUL PERSONALE DIPENDENTE

INDAGINE SUL PERSONALE DIPENDENTE INDAGINE SUL PERSONALE DIPENDENTE D.Lgs n.150/2009 art.14 rubricato Organismo indipendente di valutazione della performance D.Lgs n.33/2013 art.20 rubricato Obblighi di pubblicazione dei dati relativi

Dettagli

IL TELELAVORO ANALISI DI FATTIBILITÀ DI UN PROGETTO DI DELOCALIZZAZIONE DEL LAVORO APPENDICE

IL TELELAVORO ANALISI DI FATTIBILITÀ DI UN PROGETTO DI DELOCALIZZAZIONE DEL LAVORO APPENDICE APPENDICE 5.b - Sintesi dell indagine di Ateneo sulle condizioni di introduzione del telelavoro PROGETTO OSSERVATORIO: I RISULTATI DELL ANALISI QUANTITATIVA - SEZIONE DEDICATA AL TELELAVORO 1 - Premessa

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione

Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Esercitazione in Laboratorio: risoluzione di problemi di programmazione lineare tramite Excel il mix di produzione Versione 11/03/2004 Contenuto e scopo esercitazione Contenuto esempi di problema di programmazione

Dettagli

Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2

Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2 Indagine sulle imprese industriali e dei servizi BIRD Bank of Italy Remote access to micro Data Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2 novembre 2014 Indice Indice... 2 Disegno campionario

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

Manuale del portale internet e del servizio FaD di Clinical Forum Sommario

Manuale del portale internet e del servizio FaD di Clinical Forum Sommario Manuale del portale internet e del servizio FaD di Clinical Forum Sommario Note su questo documento... 2 Introduzione al portale di Clinical Forum... 3 La home page: www.clinicalforum.eu... 3 La sezione

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

LE INDAGINI STATISTICHE

LE INDAGINI STATISTICHE LE INDAGINI STATISTICHE Una indagine statistica può essere assimilata ad un processo di produzione che sinteticamente può essere individuato nelle seguenti fasi: 1. Definizione degli obiettivi e ipotesi

Dettagli

Verifica e Validazione del Simulatore

Verifica e Validazione del Simulatore Verifica e del Simulatore I 4 passi principali del processo simulativo Formulare ed analizzare il problema Sviluppare il Modello del Sistema Raccolta e/o Stima dati per caratterizzare l uso del Modello

Dettagli

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano Luigi De Rosa. ENEA, luigi.derosa@enea.it Parole chiave: VGI; Emergenze urbane; smart city; sicurezza ABSTRACT Obiettivo di

Dettagli

Indagine sul bullismo nella scuola bergamasca

Indagine sul bullismo nella scuola bergamasca Indagine sul bullismo nella scuola bergamasca Marzo 2013 Bozza 11/07/2013 Introduzione... 1 Metodi... 1 Risultati... 1 Discussione... 5 Conclusioni... 6 Introduzione Nell ottobre 2012, in seguito ad un

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 16 aprile 2014 Spett.le Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Direzione Osservatorio, Vigilanza e Controlli Piazza Cavour 5 20121 Milano Oggetto: Osservazioni al DCO AEEG

Dettagli

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia Analizzare e gestire il CAMBIAMENTO tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Le aziende sono sempre più di frequente poste di fronte al cambiamento. Oggi ai manager si richiede

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

Costruzione ed uso di un questionario

Costruzione ed uso di un questionario Costruzione ed uso di un questionario Italo Nofroni Statistica medica Il questionario strutturato si è affermato in ogni campo della ricerca sociale e sanitaria come strumento imperfetto, migliorabile,

Dettagli

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente 1. Introduzione Il Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli (SGSS) rappresenta l evoluzione dell ambiente

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

[SINTESI DELLE CARATTERISTICHE]

[SINTESI DELLE CARATTERISTICHE] [SINTESI DELLE CARATTERISTICHE] INTRODUZIONE Lumos! è una piattaforma online che permette a gruppi di ricercatori, professionisti della salute ed istituti che si occupano di ricerca di disegnare questionari

Dettagli

Che cosa sono gli ebook

Che cosa sono gli ebook Che cosa sono gli ebook Per capire meglio che cosa sono gli ebook proviamo ad attivare una discussione preliminare sulle caratteristiche e i significati di questa nuova tecnologia del libro. Questo stesso

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1 MATEMATICA COMPETENZE Dimostra conoscenze matematiche che gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l'attendibilità delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico INDAGINE SULLA CUSTOMER SATISFACTION DELL "HELPDESK REACH 214 Sintesi dei risultati Roma, febbraio 215 Indagine sulla customer satisfaction dell Helpdesk REACH - 214

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

FotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE

FotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE FotoAeree La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA [2] Indice 1. Introduzione 2. Navigatore 5 7 8 9 2.1. Strumenti di navigazione 2.2. Ricerca 3.

Dettagli

3) COSA PENSANO I GIOVANI DEL LAVORO CHE LI ATTENDE..Questionario (Report Collettivo)

3) COSA PENSANO I GIOVANI DEL LAVORO CHE LI ATTENDE..Questionario (Report Collettivo) 4f Cassiano da Imola anno 2003/2004 3) COSA PENSANO I GIOVANI DEL LAVORO CHE LI ATTENDE..Questionario (Report Collettivo) Dati emersi tramite questionario effettuato su un totale di 80 persone, con maggioranza

Dettagli

PROGETTO REGIONALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE VENETE

PROGETTO REGIONALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE VENETE PROGETTO REGIONALE MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE VENETE Analisi dinamica dei dati dei questionari per le biblioteche di pubblica lettura. GLI INDICATORI Gli indicatori sono particolari rapporti

Dettagli

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014 Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER LE INSEGNANTI Al fine di ottenere una valutazione del livello di gradimento delle insegnanti

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

MICROSOFT WORD LA STAMPA UNIONE

MICROSOFT WORD LA STAMPA UNIONE La stampa unione è una funzione di Microsoft Word che permette di unire un documento Word, che contiene le informazioni destinate a restare invariate in tutte le stampe (il documento principale) con un

Dettagli

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Obiettivi. Affrontare i primi passi della produzione del software: la definizione dei requisiti ed il progetto architetturale che porta alla definizione delle

Dettagli

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva Brugnaro Luca Progetto formativo complessivo Obiettivo: incrementare le competenze degli operatori sanitari nelle metodiche

Dettagli

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Pagina 1 di 8 Indice 1. Gli obiettivi del corso...3 2. I contenuti del corso...3 3. Il percorso didattico...4 3.1 Studio individuale...4

Dettagli

R S U E S S E L U N G A CORBETTA

R S U E S S E L U N G A CORBETTA Analisi questionario Questa relazione nasce dalla necessità di sintetizzare ed analizzare il risultato del questionario proposto ai lavoratori Esselunga di Corbetta. Il sondaggio (anonimo) ideato e realizzato

Dettagli

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento SCELTA DELL APPROCCIO A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento 1 SCELTA DELL APPROCCIO l approccio all autovalutazione diffusa può essere normale o semplificato, a seconda delle

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

Sistema per la Gestione di una Flotta di Veicoli

Sistema per la Gestione di una Flotta di Veicoli Sistema per la Gestione di una Flotta di Veicoli Documentazione Tecnica Descrizione Servizio Il sistema GESTIONE FLOTTE S-SYSTEM è nato per soddisfare tutti i quesiti, logistici e non, che scaturiscono

Dettagli

Kit di autovalutazione, un opportunità in più di allenamento per gli iscritti all Albo Nazionale degli Esperti in Analisi Sensoriale del Miele

Kit di autovalutazione, un opportunità in più di allenamento per gli iscritti all Albo Nazionale degli Esperti in Analisi Sensoriale del Miele Kit di autovalutazione, un opportunità in più di allenamento per gli iscritti all Albo Nazionale degli Esperti in Analisi Sensoriale del Miele Marcazzan Gian Luigi Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione

Dettagli

Processi decisionali individuali e di gruppo

Processi decisionali individuali e di gruppo Processi decisionali individuali e di gruppo Modelli decisionali In fase decisionale, il modello razionale propone al manager una sequenza razionale articolata in quattro fasi: Identificazione del problema

Dettagli

Dall opac a BiblioEst: i servizi di Front office del Polo TSA

Dall opac a BiblioEst: i servizi di Front office del Polo TSA Dall opac a BiblioEst: i servizi di Front office del Polo TSA paola poli Abstract Perché affiancare all Opac già in uso un altro strumento di ricerca? In questo intervento vengono illustrate le ragioni

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

Donne e welfare. Novembre 2010

Donne e welfare. Novembre 2010 Donne e welfare Novembre 2010 1 Metodologia Universo di riferimento Donne residenti residenti in Italia Numerosità campionaria 800 donne disaggregate per età(giovani adulte anziane), condizione professionale

Dettagli

Valutare gli esiti di una consultazione online

Valutare gli esiti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Valutare gli esiti di una consultazione online Autore: Antonella Fancello, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

ascoltare ispirare e motivare miglioramento problem solving Flex360 pianificare comunicare la vision organizzare

ascoltare ispirare e motivare miglioramento problem solving Flex360 pianificare comunicare la vision organizzare Flex360 La valutazione delle competenze online comunicare la vision ascoltare problem solving favorire il cambiamento proattività pianificare miglioramento organizzare ispirare e motivare Cos è Flex360

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE COMUNI A TUTTI GLI INDICATORI

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE COMUNI A TUTTI GLI INDICATORI INFANZIA I bambini esplorano continuamente la realtà e imparano a riflettere sulle proprie esperienze descrivendole, rappresentandole, riorganizzandole con diversi criteri. Pongono così le basi per la

Dettagli

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro.

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro. Adotta il futuro ovvero Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro Promosso e realizzato da: Ufficio Scolastico Provinciale

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA PASSO 1 Per prima cosa pensiamo al formato generale della pagina: i margini richiesti da una tesi sono quasi sempre più ampi di quelli di un testo normale. Apriamo ora

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con Chi si difende da chi? E perché? I dati della prima ricerca nazionale sulla Medicina Difensiva Roma, 23 novembre 2010 Senato della Repubblica, Sala Capitolare in collaborazione con Chi si difende da chi?

Dettagli

La costruzione di un Project Work

La costruzione di un Project Work CORSO DI ALTA FORMAZIONE Il lavoro sociale nei contesti della complessità: gli assistenti sociali verso nuovi saperi A.A 2007/2008 La costruzione di un Project Work Materiale didattico a cura di Dante

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Rocco Micciolo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Indagine sul Commercio Elettronico

Indagine sul Commercio Elettronico Definizione dei target e delle abitudini di acquisto degli individui acquirenti http://research.onetone.it/ FEBBRAIO 2003 OBIETTIVI DEL LAVORO L obiettivo della seguente indagine è stato di delineare le

Dettagli

REPORT DI VALUTAZIONE

REPORT DI VALUTAZIONE Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Svizzera 2007-2013 Le opportunità non hanno confini. Oltre la frontiera: occasioni di cooperazione REPORT DI VALUTAZIONE Unione europea Fondo Europeo Sviluppo

Dettagli

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati

Progetto Turismo Pisa. Sommario dei risultati 2012 Progetto Turismo Pisa Sommario dei risultati 0 Studio realizzato per il Comune di Pisa da KddLab ISTI-CNR Pisa Sommario 1 Progetto Turismo Pisa: Sintesi dei risultati... 1 1.1 L Osservatorio Turistico

Dettagli

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia Introduzione 1. Obiettivi e caratteristiche dell indagine L indagine è progettata dal Settore Pianificazione Integrata

Dettagli

NUOVO SITO COLLEGIO GEOMETRI

NUOVO SITO COLLEGIO GEOMETRI NUOVO SITO COLLEGIO GEOMETRI Il nuovo sito è: Più accessibile e veloce Interfaccia è più moderna e intuitiva Rapidità di inserimento delle notizie. Contenuti più fruibili e ricercabili Molte sono le nuove

Dettagli

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud)

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) I BAMBINI e il TEMPO di CRISTIANA BOTTO Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) PERCHE LA SCELTA DI FREQUENTARE UN LABORATORIO SUL TEMA DEL TEMPO Necessità di: aumentare le proprie competenze

Dettagli

l opinione delle imprese del terziario sulla pedonalizzazione del tridente

l opinione delle imprese del terziario sulla pedonalizzazione del tridente l opinione delle imprese del terziario sulla pedonalizzazione del tridente novembre 2014 rapporto di ricerca roma, 17 novembre 2014 (2014-269aw R03) roma, 17 novembre 2014 2 agenda considerazioni generali

Dettagli

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Febbraio 2010 Agenas Sezione Qualità e Accreditamento Osservatorio Buone Pratiche

Dettagli

TREND ANALYSIS PER IL MODERN TRADE

TREND ANALYSIS PER IL MODERN TRADE TREND ANALYSIS PER IL MODERN TRADE "Non so da dove cominciare disse il Coniglio Bianco. ''Comincia dal principio disse il Re, con aria grave e vai avanti finche' non arrivi alla fine: allora fermati".

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE La presente Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione di questo sito di proprietà di Consorzio dei Commercianti del Centro Commerciale di Padova, in

Dettagli

Premessa. 1. Funzionalità del portale.. 1. Servizi per gli utenti esterni all Amministrazione Scolastica... 3

Premessa. 1. Funzionalità del portale.. 1. Servizi per gli utenti esterni all Amministrazione Scolastica... 3 edumonitor MONITORAGGIO ED ANALISI DEI PERCORSI SCOLASTICI REALIZZATI PER PREVENIRE IL DISAGIO GIOVANILE Guida al Portale Premessa. 1 Funzionalità del portale.. 1 Servizi per gli utenti esterni all Amministrazione

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO La nostra Società è nata nel 1992 e negli anni si è particolarmente radicata nei territori dell Emilia Romagna e Toscana. Dal 2012 ha sede anche in Veneto. Abbiamo sviluppato una profonda competenza nelle

Dettagli

Outlook Express è un programma la cui finalità principale è permettere l utilizzo e la gestione della posta elettronica.

Outlook Express è un programma la cui finalità principale è permettere l utilizzo e la gestione della posta elettronica. PREMESSA Outlook Express è un programma la cui finalità principale è permettere l utilizzo e la gestione della posta elettronica. Per poter fare ciò è necessario innanzitutto disporre di un collegamento

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard DISTRIBUZIONE DI FREQUENZE PER CARATTERI QUALITATIVI Questa nota consiste per la maggior parte nella traduzione (con alcune integrazioni) da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000,

Dettagli

Paola Mosconi Laboratorio di ricerca sul coinvolgimento dei cittadini in sanità. Milano, 26 ottobre 2011

Paola Mosconi Laboratorio di ricerca sul coinvolgimento dei cittadini in sanità. Milano, 26 ottobre 2011 Paola Mosconi Laboratorio di ricerca sul coinvolgimento dei cittadini in sanità Milano, 26 ottobre 2011 Salute: dal modello paternalista a quello partecipativo Paziente ruolo passivo Paziente ruolo passivo

Dettagli