La Governance nell impresa sistema vitale: tra rapporti intra e inter sistemici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Governance nell impresa sistema vitale: tra rapporti intra e inter sistemici"

Transcript

1 La Governance nell impresa sistema vitale: tra rapporti intra e inter sistemici Gaetano M. Golinelli *, Gianluca Vagnani ** Abstract La governance si qualifica come l insieme delle caratteristiche strutturali che presiedono ad una efficace azione di governo dell impresa orientata alla creazione di valore. Considerando l impresa come un sistema vitale, la cui capacità di sopravvivenza è legata, da un lato, all azione dell organo di governo e, dall altro, alle pressioni ed attese esercitate dai diversi sovra sistemi, è possibile chiedersi che cosa si intenda per governance del sistema impresa? Quali sono le condizioni di efficacia della governance del sistema impresa? La risposta a queste domande parte dall inquadrare la problematica della governance nell ambito sistemico al governo dell impresa. Keywords: Governo d impresa; Gestione d impresa; Rapporti intra ed inter sistemici; Governance nell impresa sistema vitale; Creazione di valore 1. Introduzione Il presente contributo si propone di studiare e di meglio comprendere il ruolo della governance nell ambito del sistema impresa 1. La governance si qualifica come l insieme delle caratteristiche strutturali che presiedono ad una efficace azione di governo dell impresa orientata alla creazione di valore. Caratteristiche strutturali che sono riferibili all articolazione degli organi di vertice societario, all articolazione dei controlli esercitati dai sovra sistemi di riferimento ed alle impostazioni relazionali che caratterizzano organi di vertice societario e sovra sistemi. Lo studio di tale problematica assume caratteri di attualità e di interesse. Da un lato, la crisi di grandi imprese, come la Enron, la Pacific Gas and E- lectric, la Fiat, ha stimolato, a livello sia nazionale che sovra nazionale, l emanazione di una serie di raccomandazioni (codici di autoregolamentazione) volte a creare condizioni di efficacia nell azione di governo del sistema impresa. Ci riferiamo, ad esempio, al Cadbury Code (UK), agli OECD Principles al CalPERS Governance principles (US), al Code of Best practice for Corporate Governance (Germania), al Vienot Report (Francia), al codice Preda Code (Italia). Dall altro lato, lo studio del ruolo dell organo di governo e dei diversi sovra sistemi nel governo dell impresa rappresentano un momento di importante riflessione teorica. Ci riferiamo sia ad impostazioni di carattere generale, riconducibili alla teoria degli stakeholder (Freeman, 1984), alla teoria delle contingenze organizzative (Lawrence, Lorsch, 1967), alla teoria della dipendenza dalle risorse (Pfeffer, Salancik, 1978), allo studio dei rapporti tra proprietà e management (Bearle, Means, 1932; Jensen, Meckling, 1979); sia a * Professore Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese, Università degli Studi di Roma La Sapienza. ** Ricercatore di Economia e Gestione delle Imprese, Università degli Studi di Roma La Sapienza.

2 68 studi di carattere più specifico riferiti alla rappresentanza dei diversi portatori di interesse nell ambito degli organi di vertice societario (Steiner, 1972; Lorsch, 1989), sulla composizione dei comitati di controllo (Bibeault, 1982, Daily, Dalton, 1994), sulla composizione dell assetto proprietario (Useem, 1999). La letteratura sul tema, seppure ampia, presente aspetti suscettibili di ulteriore approfondimento. In primo luogo, gli studi teorici così come le raccomandazioni sopra richiamate si incentrano più su aspetti più formali che sostanziali, trascurano, in taluni casi, le specificità che caratterizzano la singola impresa. In secondo luogo, ampio risalto è stato attribuito al ruolo di monitoraggio svolto dai diversi sovra sistemi sui potenziali comportamenti opportunistici del manager (soggetto decisore) in un contesto caratterizzato da asimmetrie informative e separazione tra direzione e rischio (Bearle, Means, 1932; Ross, 1973). Con riferimento a tale aspetto, particolare attenzione viene dedicata ai sistemi finanziario e proprietario, trascurando sia il ruolo di altri sistemi quali, ad esempio, quelli istituzionale, del lavoro e del consumo (Jensen, 2000), sia le relazioni che possono caratterizzare i diversi sovra sistemi nell esercizio di tale attività di controllo (Golinelli, 2001). Dall altro lato, concentrando l attenzione sul manager (intestatario del potere di decisione), la letteratura non ha adeguatamente esplorato la possibilità che ai comportamenti opportunistici del manager si possano associare anche comportamenti opportunisti dei sovra sistemi 2. Al riguardo, e con particolare riferimento ai rapporti tra proprietà e management, si è osservato che «[ ] non si è certo in grado di provare che, con riferimento all attuale situazione storica e a parità di dimensioni aziendali, esistono differenze sistematiche o connaturali tra motivazioni del manager proprietario (o comunque espressione del capitale di comando) e motivazioni del manager funzionario; né d altra parte può ragionevolmente assumersi che, a parità di motivazioni, il manager proprietario e il manager funzionario si differenzino sistematicamente nella scelta degli strumenti ovvero degli obiettivi destinati a soddisfare le motivazioni stesse» 3. Partendo dal considerare l impresa come sistema vitale, la cui capacità di sopravvivenza è legata, da un lato, all azione dell organo di governo e, dall altro, alle pressioni ed attese esercitate dai diversi sovra sistemi, il lavoro i propone di: (a) qualificare il concetto di governance del sistema impresa; (b) individuare le condizioni di efficacia della governance del sistema impresa. Tale studio, dunque, intende rispondere alle seguenti domande: che cosa si intende per governance del sistema impresa? Quali sono le condizioni di efficacia della governance del sistema impresa? La risposta alle seguenti domande parte dall inquadrare la problematica nell ambito dell approccio sistemico al governo dell impresa (Golinelli, 2001). In tale prospettiva l impresa si qualifica come un sistema vitale operante in un contesto caratterizzato da un reticolo di entità con qualificazioni più o meno sistemiche. Nell ambito di tale approccio, la governance del sistema impresa e le sue condizioni di efficacia sono oggetto di approfondimento sia a livello teorico che empirico.

3 69 Alla luce di tale approfondimento, verranno formulate alcune considerazioni di sintesi sul ruolo della governance nel sistema impresa, con particolare riferimento all azione dell organo di governo e dei sovra sistemi. 2. Il ruolo della governance nell impresa sistema vitale La governance del sistema impresa può essere letta con riferimento ad almeno due prospettive. In una prima prospettiva, la governance del sistema scaturisce dal considerare una serie di impostazioni atte ad implementare nel tempo la probabilità di sopravvivenza dell impresa. In un altra prospettiva, la governance dell impresa discende dal considerare una serie di impostazioni volte a contenere la possibilità di comportamenti opportunistici del manager o di altri sovra sistemi nei confronti dell impresa stessa e/o di altri sovra sistemi. Diverse definizioni di corporate governance sono rinvenibili nei diversi codici di autoregolamentazione predisposti nei diversi sistemi capitalistici. Ci riferiamo, ad esempio, a: Cadbury Code (UK) secondo cui le governance è il sistema attraverso cui le imprese sono dirette e controllate. OECD Principles secondo cui la governance riguarda un insieme di relazioni tra il management della società, il consiglio di amministrazione, gli azionisti e gli altri stakeholders. La governance, inoltre, comprende la struttura attraverso la quale vengono definiti gli obiettivi dell impresa ed i mezzi per conseguirli e controllarli. CalPERS Governance Principles (US) secondo cui la governance si riferisce alle relazione tra i diversi stakeholders nel determinare l indirizzo generale e le performance dell impresa. Gli stakeholders primari sono gli azionisti, il management guidato dal CEO ed il consiglio di amministrazione. Code of Best Practice for Corporate Governance (Germania) secondo cui la governance è un set di strumenti per rendere responsabile ed orientato alla creazione del valore chi gestisce e controlla l impresa. Le regole di Corporate governance promuovono e rinforzano la consonanza tra azionisti, finanziatori, dipendenti, business partner ed i cittadini in generale nei mercati nazionali ed internazionali. Vienot Report (Francia) secondo cui la governance consente di rendere un impresa consapevole ed orientata al perseguimento dei comuni interessi del Paese. Codice Preda (Italia) secondo cui la corporate governance è un insieme di regole attraverso le quali l impresa è gestita e controllata. Lo scopo della governance è di creare valore per l azionista. Assumendo questa ultima impostazione, una efficace governance del sistema impresa discende dalla definizione di una serie di impostazioni che, coerenti con le esigenze di sviluppo dell impresa stessa, siano in grado di contenere il possibile manifestarsi di comportamenti opportunistici. Al riguardo, nell ambito della teoria dei diritti di proprietà si è osservato che il permanere di una simmetria tra rischio e diritti di decisione in capo ai diver-

4 70 si soggetti rappresenta un momento centrale per la prevenzione dei richiamati comportamenti opportunistici 4. Tale aspetto assume significato in un contesto in cui si assume che «[ ] ogni parte tende, da un lato, a sovra utilizzare gli attributi che sono da lui controllati e sussidiati dall altra parte e, dall altro, a ridurre la fornitura di quegli attributi che lui tende a sussidiare» 5. Dalle considerazioni formulate ne discende che una via per correttamente impostare la governance del sistema impresa è quella di allocare il diritto di decisione ed il rischio allo stesso soggetto (Jensen, Meckling, 1976). La richiamata impostazione nonostante riduca sensibilmente la possibilità di comportamenti opportunistici presenta dei limiti in quanto, da un lato, porta a sacrificare i vantaggi della divisione del rischio e della specializzazione delle funzioni di decisione; dall altro, non è facilmente praticabile in quelle imprese in cui la natura e la complessità delle problematiche trattate richiede una specializzazione delle conoscenze e quindi una articolazione del processo decisionale. Si è osservato, in proposito, che solo nelle imprese in cui le conoscenze specifiche sono concentrate in capo a pochi agenti «[ ] è efficiente attribuire il controllo delle decisioni, la direzione delle decisioni ed il rischio a tali agenti» 6. Al contrario, in presenza di imprese in cui le conoscenze specifiche e, più in generale, gli investimenti specifici risultano distribuiti su più parti, l allocazione dei richiamati diritti a diversi soggetti è la soluzione preferibile. Un altra alternativa al mantenimento di una stretta relazione tra funzione di decisione e rischio è quella di mantenere una certa asimmetria e, quindi, separazione tra i due termini richiamati, scindendo, però, la fase di direzione (iniziazione ed esecuzione) da quella del controllo delle decisioni. Per quanto concerne il controllo delle decisioni, questo viene garantito sia dalla previsione di opportune impostazioni strutturali a livello di organo di governo (ad esempio, consiglio di amministrazione, comitato di controllo, ecc.) sia mediante il comportamento dei diversi sovra sistemi (es. finanziario, proprietario, del lavoro, del consumo, ecc.). Relativamente all organo di governo, l attenzione della letteratura si è soffermata ampiamente sulla struttura del consiglio di amministrazione qualificata in termini di composizione ed articolazione. Con riferimento alla composizione, la letteratura si è soffermata sul numero di amministratori, sulla adeguata rappresentanza dei diversi sovra sistemi dell impresa nel consiglio di amministrazione (Steiner, 1972) sul peso degli amministratori indipendenti sul totale degli amministratori (Lorsch, 1989). Con riferimento all articolazione, l attenzione si è incentrata sull articolazione in comitati del consiglio di amministrazione, con particolare riferimento, ad esempio, all Audit Committee, allo Stock option Committee (Bibeault, 1982; Daily, Dalton, 1994). Alla luce delle considerazioni formulate, nelle imprese caratterizzate da una adeguata composizione ed articolazione degli organi di vertice societario la possibilità che si manifestino comportamenti opportunistici risulta, a parità di altre condizioni, inferiore rispetto a quelle imprese in cui tali impostazioni non sono state implementate (Ipotesi 1).

5 71 Le richiamate impostazioni strutturali consentono, infatti, di controllare e ridurre il potenziale manifestarsi di comportamenti opportunistici connesso al permanere di una situazione di separazione tra diritti di decisione e rischio 7. Relativamente al ruolo di controllo svolto dai diversi sovra sistemi, l attenzione si incentrata sui sistemi finanziario e proprietario. Il primo, sovra sistema finanziario, esercita il monitoraggio sull impresa sia attraverso il funzionamento dei mercati finanziari e dei mercati del controllo societario sia mediante l operare degli intermediari finanziari e delle società di servizi (e.g. società di rating, società di revisione). Il secondo, sovra sistema proprietario, attraverso la fissazione di prescrizioni statutarie, la definizione di vincoli nella remunerazione dei mezzi propri, il potere di delineare caratteristiche strutturali e componenti l organo di governo del sistema impresa. Concentrando l attenzione sul sistema proprietario, assumono rilievo la composizione della proprietà ed il suo grado di concentrazione. Con riferimento alla composizione della proprietà, si ritiene, in generale, che l alternativa di allocare diritti di proprietà ai soggetti intestatari dei diritti di decisione (management) è preferibile rispetto a quella di allocare tali diritti ai soggetti depositari esclusivamente dei diritti di controllo. Ciò in relazione alla generale difficoltà/impossibilità di esercitare un controllo completo nei confronti dei soggetti depositari dei diritti di decisione (Ang J., Cole R., Wun Lin J., 2000). Dalle considerazioni formulate discende che nelle imprese in cui lo stesso soggetto è intestatario dei diritti di proprietà e dei diritti di decisione la possibilità che si manifestino comportamenti opportunistici risulta, a parità di altre condizioni, inferiore rispetto ad altre imprese in cui tali diritti sono allocati a soggetti diversi (Ipotesi 2). Nel caso in cui i diritti di proprietà vengono allocati a soggetti depositari e- sclusivamente di diritti di controllo, particolare significato assume la presenza di investitori istituzionali (Useem, 1999). Questi, infatti, possono esercitare pressioni ed attese sul sistema impresa votando contro le proposte del management e/o dei dirigenti, stimolando cambiamenti nella struttura e performance migliori, chiedendo manager differenti, incontrando frequentemente i dirigenti, richiedendo maggiori informazioni sui piani societari, reclamando sempre più spesso consigli di amministrazione più forti e indipendenti (Useem, 1999). Ne consegue dunque che nelle imprese in cui l allocazione di diritti di proprietà viene attribuita ad investitori istituzionali con ruolo di controllo la possibilità che si manifestino comportamenti opportunistici risulta, a parità di altre condizioni, inferiore rispetto ad altre imprese (Ipotesi 3). 3. Analisi empirica Le ipotesi formulate in merito alla dimensione, composizione ed articolazione del board, alla allocazione dei diritti di proprietà, tra soggetti intestatari di poteri di decisione (management) e controllo (sovra sistemi con particolare riferimento agli investitori istituzionali), sono oggetto di verifica empirica.

6 72 Verifica empirica che si basa sul comparare le caratteristiche strutturali dell organo di governo e del sovra sistema proprietario di un campione di imprese in crisi con quelle di imprese in stato di ordinaria amministrazione. Il campione è composto da 42 imprese statunitensi di grande dimensione quotate in mercati finanziari regolamentati 8. Tale scelta è da ricondurre, da un lato, all evidenza che nelle imprese di grande dimensione l ammontare degli investimenti specifici è rilevante e non risulta contrato/concentrabile in capo a pochi soggetti. Tabella 1: Il campione di analisi Settore Campione di analisi Campione di controllo Gold & Silver Ores Sunshine Mining & Refining Co Apex Silver Mines Ltd Crude Petroleum & Natural Gas Knitting Mills Apparel & Other Finished Prods of Fabrics Miscellaneous Fabricated Textile Products Petroleum Refining Plastics Products, Nec Concrete Gypsum Plaster Products Abrasive Asbestos & Misc Nonmet, Mineral Products Metalworking Machinery & Equipment Motor Vehicle Parts & Accessories Motor Vehicle Parts & Accessories Arrang. Of Transport. Of Freight & Cargo Telephone Communication Telephone Communication Wholesale-Petroleum & Petrol. Products Retail-Lumber & Build. Mater. Dealers Retail-Grocery Stores Retail-Retail Stores. Nec Services-Computer Rental & Leasing Services- Skilled Nursing Care Facilities Forcenergy Inc Fruit Of The Loom Inc Galey & Lord Inc Pillowtex Corp Huntway Refining Co Armstrong World Industries Inc Usg Corp Owens Corning Devlieg Bullard Inc Federal Mogul Corp Hayes Lemmerz International Inc Railworks Inc Icg Communications Inc Startec Global Communications Corp Enron Corp. Payless Cashways Inc Eagle Food Centers Inc Natural Wonders Inc Comdisco Inc Mariner Post Acute Network Inc Cabot Oil & Gas Corp Fab Industries Inc Gymboree Corp Westpoint Stevens Inc Amerada Hess Corp Quixote Corp Monarch Cement Co Imperial Industries Inc P&F Industries inc Edelbrock Corp Aftermarket Technology Corp Forward Air Corp At&T Corp American Tower Corp World Fuel Services Corp Lowes Companies Inc Tuesday Morning Corp King Power Intern. Group Co Ltd Ctc Communications Corp National Healthcare Corp Le imprese considerate sono state suddivise in due campioni: il primo di analisi, il secondo di controllo. Dall altro, la scelta di considerare imprese quotate permette di considerare come dato il controllo esercitato dai mercati finanziari sull impresa. Il primo campione è composto da 21 imprese che nel periodo , oltre ad aver richiesto l attivazione di una procedura concorsuale, sono state oggetto di provvedimenti dell autorità giudiziaria per comportamenti illeciti del management o di altri soggetti collegati all impresa stessa (es. società di revisione, intermediari finanziari, ecc).

7 73 Ognuna delle imprese considerate nel primo campione è stata, poi, comparata con una impresa in stato di ordinaria amministrazione, omogenea sia sotto il profilo dimensionale (totale attività) che di ambito di operatività (definito sulla base dello Standard Industrial Classification). La scelta di costruire un campione di controllo si giustifica in relazione alla necessità di isolare e controllare fattori di specificità aziendale riconducibili a condizioni economiche generali di contesto e/o di settore. Va inoltre rilevato che tale impostazione è generalmente accettata ed utilizzata anche in diversi studi sulla crisi d impresa (Altman, 1977; Sharma, Mahajan, 1980; Chaganti, Mahajan, Sharma, 1985). Per ciascuna delle imprese considerate sono stati rilevati due fattori riconducibili alla struttura dell organo di governo e della proprietà. I due fattori considerati sono stati espressi in attributi misurabili, così come risulta dalla tabella di seguito riportata. Tabella 2: Le variabili di analisi 1. Struttura dell organo di governo 2. Struttura del sovra sistema proprietario 1.1 Tipo di Consiglio di amministrazione Quota amministratori indipendenti Quota amministratori esterni espressione di intermediari finanziari 1.4 Numero di membri del board 1.5 Numero di riunioni del board 1.6 Numero di gruppi in cui è articolato il board 2.1 Quota detenuta da intermediari finanziari non captive 2.2 Quota detenuta da intermediari finanziari c/director 2.3 Quota di dipendenti non officer c/captive 2.4 Quota detenuta da imprese industriali 2.5 Quota detenuta da persone fisiche 2.6 Quota detenuta da officier direttamente 2.7 Quota detenuta da executive direttamente I dati per l analisi sono stati acquisiti dalla comunicazione annuale DEF 14A resa dalle imprese alla Security Exchange Commettee, integrato, ove necessario, dallo Standard and Poor Register of Corporation, Directors and Executives. Il periodo temporale considerato coincide con i tre anni precedenti la data in cui l impresa è ricorsa alla procedura concorsuale. Lo stesso periodo temporale è stato utilizzato per le imprese incluse nel campione di controllo. Al fine di verificare relazioni ridondanti tra gli attributi considerati abbiamo svolto una analisi di correlazione.

8 74 Tabella 3: La matrice di correlazione Dall analisi si evidenziano alcune significative correlazioni tra le grandezze caratterizzanti la struttura di governo. In particolare tra il tipo di consiglio prescelto e l articolazione in sottogruppi; tra il numero dei membri e il numero di riunioni e l articolazione in sottogruppi. 3.1 Risultati dell analisi Attraverso una analisi della varianza (ANOVA) del tipo 2x2x2 il gruppo di analisi, composto da imprese in crisi, è stato confrontato con il gruppo di controllo, composto da imprese sane, con riferimento agli attributi considerati. I risultati dell analisi sono esposti nella tabella di seguito riportata. Tabella 4: L analisi della varianza Fattore Variabile Varianza spiegata Varianza residua F-test Sig. Di F Struttura Tipo Board,3879,2533 1,53,23 dell organo di Quota amministratori indipendenti,026 1,474,35,56 governo Quota Amm. Esterni c/imprese,321,041 7,82**,37 finanziarie Numero membri del board 30,9833 8,6508 3,58,07 Numero riunioni del board 15, ,5714,41,52 Numero di gruppi in cui è articolato il 2,0742 2,2508,92,34 board 11 Struttura del Quota intermediari finanziari non captive 1,7981 1, ,24 sovra sistema proprietario Quota intermediari finanziari c/director,2188,0338 6,46**,01 Quota dipend. non officer c/captive,0008,0013,59,44 (F. pensione) Quota imprese industriali,0337,0059 5,75*,02 Quota persone fisiche,0007,0005 1,47,23 Quota officier direttamente,0359,0035 1,07,31 Quota executive direttamente,0002,0005,36,55 Grado di concentrazione societaria,4963 1,1336,43,51

9 75 Come è possibile osservare, i due campioni di imprese presentano alcune significative differenze. Per quanto attiene la composizione degli organi di vertice societario, assume particolare significato la partecipazione da parte di amministratori esterni che presentano incarichi anche in istituzioni finanziarie. Questi ultimi sono più presenti nelle imprese sane piuttosto che quelle in crisi. Per quanto attiene la composizione proprietaria ed, in particolare, con riferimento agli attributi quota detenuta da intermediari finanziaria captive c/director e quota detenuta da altre imprese industriali. Con riferimento al primo attributo, la presenza di intermediari finanziari (fondi di investimento o Trust) controllati da amministratori dell impresa è più ampia nelle imprese sottoposte a procedure concorsuali (20% in media) che in quelle sane (meno dell 1%). Rispetto al secondo attributo, invece, la presenza di una proprietà industriale è più ampia nelle imprese sane (9% in media) che in quelle sottoposte a procedura concorsuale (1% in media). Successivamente, al fine di esplorare il segno delle correlazioni osservate, si è proceduto ad una analisi di regressione secondo un modello di tipo Logit dove la variabile dipendente è lo stato dell impresa (variabile binaria con 1 stato di ordinaria gestione e 2 stato di crisi) e come predittori gli attributi della struttura dell organo di governo e della proprietà 12. Tabella 5: L analisi di regressione logit

10 76 Come risulta dal modello (Chi-quadro = 20,01**; p<0,01), la quota di azioni detenute da intermediari finanziari captive, ovvero controllati dai soggetti intestatari di diritti di direzione dell impresa, è significativa ed esercita una influenza negativa sulla probabilità di sopravvivenza dell impresa. Il coefficiente di regressione positivo segnala, infatti, che al crescere della quota detenuta da tali soggetti aumenta la probabilità che l impresa rientri tra le imprese in crisi. Di contro, la presenza di amministratori esterni con relazioni significative con intermediari finanziari, da un lato, e la presenza di un assetto proprietario composto da imprese industriali, dall altro, esercitano una influenza positiva sulla probabilità di sopravvivenza dell impresa. Il coefficiente di regressione negativo per le due variabili considerate segnala, infatti, che al crescere del valore assunto da tali variabili aumenta anche la probabilità che l impresa rientri tra quelle sane. 3.2 Discussione dei risultati dell analisi Con riferimento alla struttura dell organo di governo, i risultati dell analisi portano, da un lato, a rigettare l ipotesi secondo cui l articolazione degli organi di vertice societario rappresenterebbe, in generale, fattore discriminante tra imprese in crisi ed imprese sane. Vengono, dunque, confermati i risultati di altri lavori empirici in cui viene dimostrata la non significatività di tali aspetti (Kesner, Victor, Lamont, 1986; Daily, 1994). In questo senso tali elementi strutturali vengono a rappresentare «[ ] un prodotto istituzionalizzato adottatati principalmente per scopi di legittimazione esterna» 13. Dall altro lato, l analisi sembra evidenziare l importanza della composizione degli organi di vertice societario. In particolare, si è osservato che le imprese sane presentano una quota di amministratori esterni con incarichi in intermediari finanziari mediamente superiore a quella delle imprese in crisi. Tale risultato, tenendo conto la correlazione negativa tra la variabile considerata la quota di amministratori con incarichi in imprese industriali, porta a ritenere che le imprese sane presentano, rispetto a quelle in crisi, anche una minore quota di amministratori esterni con incarichi in imprese industriali 14. Con particolare riferimento alla struttura proprietaria si è rilevato, invece, che nelle imprese in crisi è presente una significativa partecipazione al capitale dell impresa di amministratori attraverso intermediari finanziari di cui gli stessi risultano proprietari. Tali risultati confermano alcune perplessità già espresse in letteratura circa gli effetti negativi sull impresa connessi all assommarsi in capo ad un soggetto dei ruoli di controllo e gestione senza che lo stesso subisca il rischio dell impresa. L utilizzo di strumentazioni finanziarie raffinate, quale è l utilizzo di intermediari finanziari captive per controllare l impresa, comporta, sotto un profilo generale, dei riflessi con riferimento sia al sistema proprietario sia ai rapporti tra tale sistema ed il sistema impresa. A livello di sistema proprietario tali impostazioni consentono ad un soggetto di espandere il suo potere decisionale a parità di rischio; si palesa, dunque, una peculiare soluzione al problema del soggetto controllante di espan-

11 77 dere il controllo limitando il rischio subito 15. Ove le richiamate condizioni si verifichino, si delinea una dissociazione tra potere di influenza e rischio fronteggiato; dissociazione che può portare all emergere di un sistema proprietario la cui finalità, condizionata dal soggetto controllante, può palesarsi potenzialmente in conflitto con quella dell impresa, degli azionisti di minoranza e sinanco con quella espressa dal sistema finanziario 16. Ancora, si è osservato che le imprese sane mostrano una proprietà più di carattere industriale rispetto a quelle in crisi in cui domina, invece, una proprietà caratterizzata da intermediari finanziari. Si evidenzia, quindi, la significatività della natura industriale della proprietà. Trova, dunque, conferma le proposizione che «[ ] la corrispondenza tra finanza e rischio si sta allentando, mentre altre forze si affacciano sulla soglia del rischio industriale e si propongono come interessi aggiuntivi o sostitutivi della proprietà finanziaria» 17. Proprietà industriale che può in taluni casi assumere il carattere di baricentro strategico svolgendo, in relazione al patrimonio di competenze di cui dispone ed ai rapporti fiduciari che intrattiene con altri soggetti del contesto e- conomico e sociale, il ruolo di indirizzo e stimolo allo sviluppo di nuove idee e progetti innovativi, al trasferimento delle conoscenze ed alla integrazione delle capacità qualificanti le imprese controllate 18. In tale fattispecie, il soggetto controllante viene a svolgere, nell ambito della proprietà, un ruolo assai significativo per il contenimento del rischio dell impresa controllata, esponendo nel contempo a rischio il proprio patrimonio intangibile composto da conoscenze, reputazione, relazioni fiduciarie, ecc. 3.3 Limiti dello studio Lo studio presenta alcuni limiti di carattere sia formale che sostanziale. Dal punto di vista formale vanno segnalati: la dimensione ancora limitata del campione considerato; le imprese utilizzate per costruire il campione di controllo sono state individuate sulla base di parametri di fatturato e di settore di operatività; l analisi si basa su un orizzonte temporale limitato e su un confronto di medie di periodo. Dal punto di vista formale non sono state oggetto di considerazione, anzitutto, le relazioni tra le componenti la struttura dell organo di governo dell impresa, tra le componenti del sovra sistema proprietario e tra queste e le componenti l organo di governo. In secondo luogo, il lavoro trascura di considerare il ruolo svolto nel controllo dell impresa da parte di altri sovra sistemi quali, ad esempio, il sovra sistema del lavoro, istituzionale e del consumo. 4. Prospettive di indagine Partendo dal considerare i limiti del lavoro, va rilevato che, con particolare riferimento al controllo esercitato dagli altri sovra sistemi, non si è mancato di sottolineare che il sistema proprietario, così come gli altri sovrasistemi, presenta dei limiti nel controllare la dinamica evolutiva del sistema impresa;

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015. Prof. Alessandro Minichilli. Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi.

40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015. Prof. Alessandro Minichilli. Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi. 40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015 Prof. Alessandro Minichilli Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi.it Descrizione del corso. Obiettivi: il corso intende fornire

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2013 1. Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 17 marzo 2014

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2013 1. Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 17 marzo 2014 Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2013 1 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 17 marzo 2014 (1) La Relazione è pubblicata nel sito internet della Società all indirizzo

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2014 1. Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 12 marzo 2015

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2014 1. Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 12 marzo 2015 Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2014 1 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 12 marzo 2015 (1) La Relazione è pubblicata nel sito internet della Società all indirizzo

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

Cartella stampa 2014. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk.

Cartella stampa 2014. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk.com Mangustarisk Italia s.r.l. Via Giulia, 4 00186, Roma (Italia) Tel. +39 06 45439400 Fax.

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli