A proposito di sussidiarietà. Una nuova alleanza fra cittadini e amministrazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A proposito di sussidiarietà. Una nuova alleanza fra cittadini e amministrazioni"

Transcript

1 Intervista a Gregorio Arena A proposito di sussidiarietà. Una nuova alleanza fra cittadini e amministrazioni a cura di Francesca Amadori e Federica Frioni L art. 118 u.c. della Costituzione recita Stato, Regioni, Province, Città metropolitane e comuni favoriscono l autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà introducendo così il principio di sussidiarietà orizzontale. Ne abbiamo parlato con Gregorio Arena, professore di Diritto amministrativo nell Università di Trento, presidente nazionale di Cittadinanzattiva e presidente del Laboratorio per la sussidiarietà-labsus. La riforma del Titolo V della Costituzione rappresenta la fine del paradigma bipolare in materia di amministrazione pubblica e l inizio dell amministrazione condivisa. Cosa significa? In realtà non si tratta di una sostituzione, ma di un affiancamento. Di fatto in molti campi l amministrazione continuerà ad operare secondo il paradigma tradizionale, quello fondato su un rapporto di tipo verticale, gerarchico e autoritario fra amministrazione e amministrati, un rapporto cioè in cui uno dei due soggetti, la persona amministrata, è passivo destinatario di prestazioni o provvedimenti. Ma la novità sta nel fatto che nel modello dell amministrazione condivisa c è una relazione paritaria tra il soggetto pubblico 4

2 ed i cittadini che collaborano con l amministrazione, trovando soluzioni condivise ai problemi di interesse generale. In questo modello da un lato è l amministrazione stessa che chiede aiuto ai cittadini (e questo succedeva anche prima della modifica nel 2001 del Titolo V della Costituzione); dall altra invece (e questa è la novità dell art.118 u.c.della Costituzione), sono i cittadini che in determinate circostanze si attivano per risolvere problemi della collettività e in tal caso l amministrazione, dice la Costituzione, ha il dovere di sostenerli. Le nuove risorse messe in circolo sono in tal modo pienamente legittimate, mentre finora non rientrando nel paradigma dominante non si riusciva nemmeno a riconoscerle come fisiologicamente facenti parte del sistema. E successo un po come nel mondo delle scienze naturali, quando un fenomeno già conosciuto si riesce a spiegare solo con l avvento di nuove teorie. Il principio di sussidiarietà orizzontale è la legittimazione costituzionale di questo nuovo rapporto fra amministrazioni e cittadini e l amministrazione condivisa è il modello teorico che spiega quello che sta succedendo. Ma con l avvento di un amministrazione condivisa, non si corre il rischio di una certa confusione di ruoli tra cittadini e amministrazioni? Non intravedi, cioè, il pericolo di de-responsabilizzazione da parte delle amministrazioni o di un eccessivo protagonismo da parte dei cittadini attivi, magari a discapito di chi sceglie di non attivarsi? Insomma, alla fine, a chi spetta la responsabilità di individuare qual sia l interesse generale? Anche se può sembrare paradossale, per evitare la confusione dei ruoli e mantenere la distinzione di responsabilità la prima cosa che le amministrazioni dovrebbero fare è integrare la presenza dei cittadini attivi nel proprio modo normale di funzionare. Il termine favoriscono dell art u.c. si dovrebbe intendere come qualcosa che riguarda il funzionamento strutturale dell amministrazione e non come qualcosa di estemporaneo basato sul fatto che un gruppo di cittadini si attiva per prendersi cura di un bene pubblico e le amministrazioni li sostengono. La presenza delle nuove risorse apportate dai cittadini dovrebbe invece risultare fin dalla programmazione interna delle attività e già al momento di predisporre il bilancio, con una chiara distinzione dei rispettivi ruoli. Per fare un esempio concreto (la sussidiarietà è fatta appunto di cose molto concrete) un Municipio di Roma, nel programmare la propria attività, dovrebbe tenere presente il fatto che, in ipotesi, un gruppo di cittadini con la passione per le piante si è offerto di tenere in ordine alcuni spazi verdi all interno del Municipio e quindi considerare le risorse di tempo e di capacità di questi cittadini attivi come un contributo non estemporaneo alla manutenzione di quel bene comune rappresentato dal verde pubblico. In sostanza il problema della distinzione dei ruoli e delle responsabilità lo si risolve affrontandolo prima, programmando e prevedendo, per quanto possibile, le varie iniziative dei cittadini attivi. Descrivi in sostanza quel che già è previsto dalla L. n. 328/2000, grazie alla quale i cittadini partecipano tanto alla fase programmatoria quanto a quella di realizzazione degli interventi e dei servizi sociali? Sì, in effetti c è già un esempio normativo che precede l art. 118 u.c., rappresentato appunto dalla riforma degli interventi e dei servizi sociali. Ma per terminare il discorso sulla responsabilità si deve tenere anche conto di ciò che ne scaturisce: ad esempio, i cittadini che si impegnano potrebbero farsi male mentre si 5

3 prendono cura di un bene comune e allora si deve prevedere un contratto di assicurazione specifico per tutelare sia l amministrazione, sia i cittadini attivi, rispetto alle conseguenze di eventuali incidenti. Infine, se si oggettiva l interesse pubblico, cioè si accetta l idea che un interesse è pubblico non perché affidato alle cure di un soggetto pubblico, ma perché attiene alle esigenze della comunità, allora anche i cittadini possono individuare e perseguire fini di interesse generale. In questo i cittadini attivi sono quasi dei sensori di nuovi problemi che riguardano la comunità, da individuare appena si presentano e sui quali poi può intervenire anche la pubblica amministrazione. Certo questo è un tema molto delicato, perché si può creare un corto circuito fra i cittadini che in alcuni casi decidono autonomamente cosa è di interesse generale e chi, in quanto eletto, ha la legittimazione democratica per farlo sulla base del mandato ricevuto dagli elettori. Da una parte sostieni che non esistano categorie di soggetti sussidiari per definizione (a prescindere, cioè, dalle azioni poste in essere), dall altra proponi una scala di cittadinanza nella quale individui diversi livelli di intensità con cui si esprime cittadinanza: dal livello minimo (nel quale annoveri chi non paga le tasse, non rispetta le leggi, ecc.) ad un livello di cittadini-extra, che definisci come i volontari. Con questo termine non sembri, però, voler richiamare esplicitamente la categoria dei volontari, ovvero di coloro che si attivano in un organizzazione di volontariato. Allora ti chiedo: i volontari sono o non sono soggetti che realizzano il principio di sussidiarietà? Si, i volontari sono sicuramente cittadini attivi (ma stiamo parlando del volontariato non assistito in tutto, soprattutto nelle risorse, dalle istituzioni). Non è vero però il contrario, cioè che tutti i cittadini attivi siano volontari. Il punto cruciale è che si può essere cittadini attivi senza inserirsi in un organizzazione di volontariato e che quello che conta è l attività svolta, non l etichetta. Anche l impresa sociale, ad esempio, non è automaticamente espressione di cittadinanza attiva; può essere uno strumento che i cittadini attivi utilizzano per le loro iniziative, ma ciò va visto di volta in volta. I volontari sono cittadini attivi organizzati, che si prendono un impegno stabile nel tempo, si muovono all interno di una struttura, mentre i cittadini attivi possono essere anche un gruppo di persone che individua un problema che riguarda la collettività e decide di intervenire nell interesse generale. E il fatto importante è che questo prima dell entrata in vigore dell art. 118 u.c. non era consentito. Mentre il volontariato la propria legittimazione se l è conquistata sul campo, era il cittadino attivo semplice, quello che io vorrei si mobilitasse, a non essere riconosciuto. Fra l altro attivandosi impara ad assumersi delle responsabilità verso i beni comuni e ad impegnarsi per risolvere i problemi insieme con gli altri. Questa è la scommessa, perché tutto questo è politica, è partecipazione, è esercizio di democrazia, sia pure in forme diverse da quelle tradizionali. Hai fatto riferimento al volontariato assistito. Quello dell autonomia del volontariato è un tema molto importante e sentito, e in questo senso le risorse erogate dal soggetto pubblico appaiono essere l elemento determinante. Però, se letto in controluce con i temi sollevati dal principio di sussidiarietà, il problema assume un ulteriore dimensione, in cui diviene ancora più chiaro quello che chiamiamo istituzionalizzazione del volontariato : la perdita di autonomia 6

4 va cioè rintracciata anche nel tipo di rapporto che le associazioni finiscono spesso per stabilire con l Amministrazione, divenendo quasi un pezzo dell ingranaggio nella macchina istituzionale, più a servizio, che in rapporto alla pari con questa Per quanto riguarda la perdita di autonomia del volontariato rispetto alle istituzioni, si tratta di vedere quale concezione dell autonomia si utilizza. Se si accetta un idea dell autonomia per cui c è un centro e c è una periferia che reclama la propria autonomia rispetto a questo ipotetico centro (è il caso delle regioni rispetto allo Stato o dei comuni rispetto alle regioni), allora il volontariato diventa uno snodo di un articolazione periferica e in quanto tale dipende dalle decisioni del centro. Di fatto, è il centro a decidere per conto delle articolazioni periferiche. Il volontariato perde autonomia rispetto a un centro (l istituzione) perché non ha più libertà di scelta o non vuole averla. In questo senso forse si può usare il termine istituzionalizzazione del volontariato. La grande differenza fra il potere discrezionale dell amministrazione e l autonomia dei privati è che questa ultima è libera nel fine, mentre, al contrario, il potere discrezionale dell amministrazione comporta una scelta limitata dall obiettivo indicato dal legislatore. Essa agisce sulla base del principio di legalità e l amministrazione quindi non può decidere di non occuparsi dell interesse pubblico, non è libera né nel fine né nel mezzo. Allora se il volontariato si istituzionalizza è come se si dicesse che è meno libero nel fine, cioè la sua autonomia non è più quella di un privato, ma è condizionata. Per fare qualche esempio? Penso ai vigili del fuoco volontari in Trentino. Agiscono come volontari, ma di fatto sono parte di un istituzione. Hanno tanti mezzi anche perché l amministrazione provinciale sa bene che se venissero meno i pompieri volontari non ce la farebbe in termini finanziari a pagare migliaia di persone che oggi operano sulla base di una scelta di volontariato. Ma una volta entrati nel meccanismo l autonomia dei pompieri volontari è annullata dal fatto che c è una pianificazione, c è un organizzazione complessa, c è un piano di intervento: sono diventati come le rotelle di un ingranaggio che non si può fermare. In molti casi ormai l amministrazione fa affidamento sul volontariato e questo da una parte è positivo perché le persone si sentono responsabili nel far parte di un tutto, dall altra parte però c è una limitazione della loro autonomia. In particolare si assiste ad un cambio di direzione della responsabilità, il volontario non si sente più responsabile verso il soggetto a cui fornisce il servizio, bensì verso l amministrazione che paga per l attività. E allora la responsabilità diventa di nuovo verticale e non più orizzontale. Se invece intendiamo l autonomia come io penso debba essere intesa e cioè come un sistema di relazioni a rete, allora i vari soggetti del volontariato recuperano la loro autonomia. Nella rete da pescatore se uno dei nodi viene sciolto il resto regge, magari meno bene, però regge. Questo può essere utile perché in effetti uno dei maggiori problemi delle associazioni di volontariato è il fatto che non sempre possono contare sull impegno continuativo dei volontari e ciò spesso viene visto come un problema. Al contrario invece bisognerebbe trovare dei meccanismi in cui tutto questo viene vissuto come un qualcosa che consente alle persone di comportarsi come i cittadini attivi, il che consentirebbe di entrare ma anche di uscire da un organizzazione di volontariato. Insomma, se una volta 7

5 decidi di pulire i giardini pubblici non sei condannato a farlo per tutta la vita. Naturalmente se si ha una struttura a rete all interno dell associazione, per coerenza, bisognerebbe averla anche nel rapporto con le istituzioni e tra le associazioni fra di loro. Non si può avere una struttura a rete nell associazione e poi una struttura a ruota di carro, del tipo centro-periferia, con le istituzioni. Ma, nel concreto, in che modo le amministrazioni possono favorire l autonoma iniziativa dei cittadini? Se prendiamo i comuni come esempio questi possono integrare la prospettiva della cittadinanza attiva nel loro agire quotidiano e quindi partire dal presupposto che i cittadini attivi ci sono e sono una risorsa su cui fare affidamento. Nei comuni più piccoli, questo è ancora più evidente: se i cittadini si prendono cura dei beni comuni, la differenza si vede. Come dimostra il progetto di Idee in Comune a Roma, le amministrazioni dovrebbero realizzare attività di promozione e di informazione riguardanti il principio di sussidiarietà, perché la maggioranza delle persone non ha idea di quello che possono fare grazie alla sussidiarietà. La gente magari agisce, ma pensando che stia facendo delle cose illegali, per cui se si facessero delle buone campagne di comunicazione pubblica molte più persone si mobiliterebbero. La voglia di fare c è, manca la comunicazione per farla emergere e canalizzarla. L altra azione importante per favorire l autonoma iniziativa dei cittadini nell interesse generale è formare i dipendenti per evitare che gente di buona volontà si scontri con dirigenti o funzionari ostili. Questo è un problema che riguarda la struttura delle amministrazioni. Io vedrei bene, a livello di staff, quindi proprio sotto il sindaco, un funzionario o un dirigente che tenga i rapporti con le associazioni di volontariato ed i cittadini attivi. Come c è l URP per tutti i cittadini, ci potrebbe essere un interfaccia specializzata per la sussidiarietà. Questo darebbe alla struttura un segnale forte, farebbe capire che la cittadinanza attiva è una cosa molto importante e il funzionario in questione diventerebbe un punto di riferimento per i cittadini che vogliono darsi da fare nell interesse generale. Insomma per favorire l autonoma iniziativa dei cittadini l amministrazione deve prevedere nella programmazione della propria azione la presenza della cittadinanza attiva, la deve stimolare attraverso l informazione, deve formare i dipendenti e poi magari predisporre il bilancio sociale in modo tale che emerga il contributo dei cittadini attivi alla soluzione di problemi di interesse generale. L amministrazione ha sempre fatto la guerra da sola, ora si deve rendere conto che ha degli alleati per combattere meglio insieme contro un avversario comune, la complessità del mondo che abbiamo messo in piedi. Il principio di sussidiarietà può essere immediatamente messo in pratica o ha bisogno di ulteriori specifiche normative? Se ci fossero Leggi regionali, anche per indicare alle amministrazioni comunali come organizzarsi, questo sarebbe molto utile. La prima a muoversi in tal senso è stata la Regione Umbria, che con la L. n. 16/2006 ha specificato in maniera più dettagliata come applicare il principio di sussidiarietà. C è bisogno di specifiche norme che indichino come affrontare problemi pratici, in che cosa consiste il favoriscono della Costituzione, quali strumenti utilizzare per sostenere i cittadini attivi, e così via. In fondo i cittadini attivi se da una parte sono degli alleati dell amministrazione, dall altra stimolano anche l amministrazio- 8

6 ne a comportarsi diversamente, dimostrano che le cose si possono fare in modi diversi da quelli consolidati. Per esempio, in una casa di riposo di Taio, un paesino della Val di Non in Trentino, i parenti di alcune persone ricoverate non autosufficienti hanno cominciato anni fa ad aiutare i propri parenti durante i pasti e la struttura ha avuto l intelligenza di accoglierli e facilitare il loro intervento. E da qui poi sono nate anche altre attività di intrattenimento per gli ospiti della casa di riposo, sempre organizzate dai parenti dei ricoverati. Invece a pochi chilometri da Taio, in un altra struttura per anziani, questo tipo di attività sussidiarie sono viste con sfavore e ostacolate, privandosi così di un contributo prezioso di cittadinanza attiva. È l atteggiamento dell amministrazione quindi a fare la differenza; di esempi del genere ce ne sono migliaia in un paese come l Italia, sarebbe bello riuscire a conoscerli. Per promuovere e diffondere il principio di sussidiarietà è nato Labsus. Di cosa si tratta? Formalmente, Labsus è un associazione fondata da un gruppo di associazioni (Mo.V.I., Cittadinanzattiva, Astrid, l Associazione Nazionale delle cooperative di servizi e turismo della Lega Coop, il Movimento difesa del cittadino e Legambiente), che, dopo aver promosso nel 2005 il Comitato Quelli del 118 per promuovere l applicazione dell art. 118 u.c., hanno dato vita circa due anni fa al Laboratorio per la sussidiarietà Labsus. Labsus è al tempo stesso una rivista on line e un centro di ricerca sulla sussidiarietà, di cui sono presidente. Il sito è pensato per aiutare ad orientarsi nei vari aspetti riguardanti la sussidiarietà: vi sono cinque sezioni, una dedicata ai casi ed esperienze di cittadinanza attiva, una alle norme ed alla giurisprudenza, una alla bibliografia, una alla documentazione in generale ed una agli appuntamenti ed agli editoriali. La redazione è composta da ricercatori universitari, giovani funzionari, studiosi della materia. Siamo on line dall 11 maggio 2006 ma il lavoro è iniziato già precedentemente e al momento è tutto lavoro volontario. Quanto prima daremo vita anche ad una newsletter. La collaborazione a Labsus è aperta a chiunque sia interessato a questi temi, per cui sono benvenute segnalazioni di esperienze di cittadinanza attiva, di incontri, articoli, iniziative e così via. 9

Cittadinanzattiva Come promuovere l empowerment dei pazienti partendo dalla consapevolezza dei loro diritti

Cittadinanzattiva Come promuovere l empowerment dei pazienti partendo dalla consapevolezza dei loro diritti Cittadinanzattiva Come promuovere l empowerment dei pazienti partendo dalla consapevolezza dei loro diritti Giuseppe Scaramuzza Premessa Questo intervento non ha un taglio dottrinale ma racconta e riporta

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE Progetto di mediazione linguistica e culturale per l integrazione di richiedenti asilo, rifugiati e beneficiari di protezione internazionale in Italia attraverso il volontariato

Dettagli

Evoluzione della comunicazione pubblica

Evoluzione della comunicazione pubblica INTERVENTO DELLA PROF.SSA ELENA ESPOSITO DOCENTE DI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE UNIVERSITA DI MO.RE Evoluzione della comunicazione pubblica RELAZIONE PRESENTATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO, PROMOSSO DALLA

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica

Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica Lezioni sulla democrazia Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica LUISS, Roma Lezioni sulla democrazia >> >> Livorno 28.11.2014 Livorno 28.11.2014 2 1 Di cosa parleremo 1. Che cos è la democrazia

Dettagli

DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE

DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE Corso Base di formazione per allievi Volontari di Protezione Civile Todi 20 maggio 2014 Tecnici ANCI Umbria Protezione Civile CULTURA Il concetto moderno di

Dettagli

News letter. La Valutazione nella Riforma Brunetta. Editoriale

News letter. La Valutazione nella Riforma Brunetta. Editoriale News letter Numero 8 15 aprile 2010 Editoriale La Valutazione nella Riforma Brunetta Valutare significa assumersi responsabilità Imre Kertész, Kaddish per il bambino non nato Sommario La valutazione nella

Dettagli

Intervento del Presidente Vasco Errani

Intervento del Presidente Vasco Errani Intervento del Presidente Vasco Errani Ci sono aspetti del confronto tra Governo e Regioni sui temi della crisi, dell utilizzo dei fondi comunitari e degli ammortizzatori sociali che vanno chiariti. La

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Progetto finanziato dal Dipartimento della Gioventù Contesto e giustificazione del progetto L idea progettuale nasce dalle analisi effettuate sulle esperienze

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

FORUM REGIONALE PER L EDUCAZIONE E LA SCUOLA PIEMONTE

FORUM REGIONALE PER L EDUCAZIONE E LA SCUOLA PIEMONTE FORUM REGIONALE PER L EDUCAZIONE E LA SCUOLA PIEMONTE Progetto Riprendiamoci la scuola promosso con le associazioni professionali: AIMC (Associazione Italiana Maestri Cattolici) AEDE (Associazione Europea

Dettagli

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo Indice Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo PARTE PRIMA - La RSU 11 Capitolo I Che cosa è la RSu 13 Capitolo II Come lavora la RSu 18 Capitolo III - Il negoziato: tempi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo Francesco Sardu 8 agosto 2003 indice 1. Apprendimento organizzativo, individuale e generativo 2. Le cinque discipline per

Dettagli

Per un mercato sostenibile

Per un mercato sostenibile Intervista a Sebastiano Maffettone Per un mercato sostenibile A cura di Mauro Buonocore Il capitalismo, in assoluto, è un sistema giusto o sbagliato? Se vogliamo trovare una risposta definitiva a questa

Dettagli

Valori Essenziali Finalità Organizzazione Rapporti con la Società Risorse

Valori Essenziali Finalità Organizzazione Rapporti con la Società Risorse Consulta Ecclesiale d e g li Organismi Socio-Assistenziali Riflessioni su Caratteristiche e Valori portanti del Volontariato che incontra le Istituzioni Sociali Valori Essenziali Finalità Organizzazione

Dettagli

Email Marketing Vincente

Email Marketing Vincente Email Marketing Vincente (le parti in nero sono disponibili nella versione completa del documento): Benvenuto in Email Marketing Vincente! L email marketing è uno strumento efficace per rendere più semplice

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1

Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 Pubblicato dalla rivista FORUM n.4/2002 1 POLITICHE DI COMUNITA LE RETI DI RESPONSABILITA ATTIVAZIONE E GOVERNO. Responsabilità e compiti dei servizi sociali. Mauro Perino. E da tempo evidente che i servizi

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Il ruolo strategico della comunicazione attraverso lo strumento delle Relazioni Pubbliche e delle attività di Lobby

Il ruolo strategico della comunicazione attraverso lo strumento delle Relazioni Pubbliche e delle attività di Lobby Il ruolo strategico della comunicazione attraverso lo strumento delle Relazioni Pubbliche e delle attività di Lobby di Vincenzo Mascellaro Mantova, 27_10_08 La comunicazione d Impresa La comunicazione

Dettagli

L identità di una università non statale

L identità di una università non statale L identità di una università non statale Rettore dell Università LUMSA (Libera Università Maria Ss. Assunta) di Roma di Giuseppe Della Torre Nell ultimo decennio il numero delle università non statali

Dettagli

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE I C PADRE GEMELLI-TORINO COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE Sapersi relazionare anno scolastico 2013-14 Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

Occhi aperti sul territorio A scuola di cittadinanza anno scolastico 2012-13

Occhi aperti sul territorio A scuola di cittadinanza anno scolastico 2012-13 In caso di mancato recapito ritornare all'ufficio Postale Roma Romanina per la restituzione previo addebito. Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. In L. 27/02/2004

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Assistenza Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI Argomento n. 4 all ordine del giorno: ITR N. 3113 Bando per l'accesso alla "Dote

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 Leggi attentamente le seguenti affermazioni e indica il grado di accordo con ciascuna

Dettagli

MANUALE DI AUTODIFESA DEL DATORE DI LAVORO

MANUALE DI AUTODIFESA DEL DATORE DI LAVORO Dipartimento di prevenzione SPISAL-Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro MANUALE DI AUTODIFESA DEL DATORE DI LAVORO Capitolo 1.3 Burocrazia e valutazione del rischio (v. 1.0

Dettagli

SUL REFERENDUM DI BOLOGNA CHE CHIEDE DI ELIMINARE I CONTRIBUTI ALLE SCUOLE PARITARIE

SUL REFERENDUM DI BOLOGNA CHE CHIEDE DI ELIMINARE I CONTRIBUTI ALLE SCUOLE PARITARIE COMUNICATO STAMPA SUL REFERENDUM DI BOLOGNA CHE CHIEDE DI ELIMINARE I CONTRIBUTI ALLE SCUOLE PARITARIE Roma, 11 gennaio Il 26 maggio prossimo i cittadini bolognesi saranno chiamati al voto per un referendum

Dettagli

Oggetto: Analisi tecnico-amministrativa in tema di funzioni trasferibili all Unione Gerundo.

Oggetto: Analisi tecnico-amministrativa in tema di funzioni trasferibili all Unione Gerundo. Castelleone, 14 Marzo 2011 Al Consiglio dell Unione Gerundo Sede Oggetto: Analisi tecnico-amministrativa in tema di funzioni trasferibili all Unione Gerundo. 1. Il perché di un analisi. Nell ambito dell

Dettagli

DOCUMENTO SULLA ORGANIZZAZIONE DELLA FILT VERSO IL CONGRESSO NAZIONALE

DOCUMENTO SULLA ORGANIZZAZIONE DELLA FILT VERSO IL CONGRESSO NAZIONALE DOCUMENTO SULLA ORGANIZZAZIONE DELLA FILT VERSO IL CONGRESSO NAZIONALE Nel percorso che ci porterà ai congressi nazionali della Filt e della Cgil abbiamo ritenuto opportuno, anche a seguito del confronto

Dettagli

R ELAZIONE DEL PRESIDENTE

R ELAZIONE DEL PRESIDENTE R ELAZIONE DEL PRESIDENTE Assemblea degli iscritti anno 1999 Il 1998 è stato caratterizzato da grandi attese e da rinvii infiniti per la professione infermieristica, accompagnato da eventi importanti per

Dettagli

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE di Daniela Morandi Prefazione di Barry Sears. Con la partecipazione di Claudio Belotti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-409-3 Prefazione del dottor Barry

Dettagli

LA QUALITA COME DIRITTO: I PROGETTI EUROPEI A DIFESA DELLA QUALITA DI VITA DELLE PERSONE CON AUTISMO

LA QUALITA COME DIRITTO: I PROGETTI EUROPEI A DIFESA DELLA QUALITA DI VITA DELLE PERSONE CON AUTISMO LA QUALITA COME DIRITTO: I PROGETTI EUROPEI A DIFESA DELLA QUALITA DI VITA DELLE PERSONE CON AUTISMO Dr.ssa D. Pagetti Vivanti ( presidente associazione AUTISME EUROPE, Bruxelles) Buonasera a tutti, grazie

Dettagli

IMMIGRAZIONE: ANDARE OLTRE L EMERGENZA PER GARANTIRE UNA NUOVA STAGIONE DI DIRITTI FONDAMENTALI, DI TOLLERANZA E D INTEGRAZIONE DEI MIGRANTI

IMMIGRAZIONE: ANDARE OLTRE L EMERGENZA PER GARANTIRE UNA NUOVA STAGIONE DI DIRITTI FONDAMENTALI, DI TOLLERANZA E D INTEGRAZIONE DEI MIGRANTI IMMIGRAZIONE: ANDARE OLTRE L EMERGENZA PER GARANTIRE UNA NUOVA STAGIONE DI DIRITTI FONDAMENTALI, DI TOLLERANZA E D INTEGRAZIONE DEI MIGRANTI Dell attuale situazione migratoria in Italia ed in Calabria,

Dettagli

CHE COS E IL MENTORING

CHE COS E IL MENTORING CHE COS E IL MENTORING E un dato di fatto che il numero delle donne che lavorano è in sensibile aumento in ogni paese, ma nonostante questo, e malgrado molte donne rivestano posizioni anche altamente professionali,

Dettagli

LE PROVE INVALSI NELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO: DALLA PARTE DEGLI INSEGNANTI. Accademia dei Lincei 24 Ottobre 2013

LE PROVE INVALSI NELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO: DALLA PARTE DEGLI INSEGNANTI. Accademia dei Lincei 24 Ottobre 2013 LE PROVE INVALSI NELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO: DALLA PARTE DEGLI INSEGNANTI Accademia dei Lincei 24 Ottobre 2013 Possono essere usate per discutere di matematica? lavoro di raccolta di informazioni

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16 Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 OFFERTE LAVORO PSICOLOGI: Consigli per trovare lavoro in psicologia Trovare lavoro come psicologi non è sempre semplice.

Dettagli

Intervista a Nicola Sanese

Intervista a Nicola Sanese Intervista a Nicola Sanese di Lorenza Violini Segretario generale della Regione Lombardia Nel suo ruolo di dirigente pubblico condivide l attuazione pratica del principio di sussidiarietà all interno della

Dettagli

I DUE POLI DELLA RAPPRESENTANZA NEL TERZO SETTORE

I DUE POLI DELLA RAPPRESENTANZA NEL TERZO SETTORE IL VOLONTARIATO VA di Paola Springhetti I DUE POLI DELLA RAPPRESENTANZA NEL TERZO SETTORE Non si possono difendere i diritti dei più deboli senza un adeguato lavoro di lobby con i decisori pubblici. Ma

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

DIPARTIMENTO RISORSE UMANE. Percorsi di Cittadinanza Attiva

DIPARTIMENTO RISORSE UMANE. Percorsi di Cittadinanza Attiva DIPARTIMENTO RISORSE UMANE Percorsi di Cittadinanza Attiva INDICE 1. Premessa 2. Roma Capitale : volontariato e sussidiarietà orizzontale 3. La valorizzazione delle competenze acquisite : la sperimentazione

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Versione 26 dicembre 2013 Questa guida fornisce qualche consiglio di metodo per l impostazione e la stesura della tesi di laurea

Dettagli

Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Tariffazione, regolazione, ruolo di pubblico e privato

Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Tariffazione, regolazione, ruolo di pubblico e privato Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Marisa Abbondanzieri, Presidente A.N.E.A. Pagina 1 di 4 Il compito che mi è stato assegnato è quello di fare una riflessione sul futuro degli ATO nel nuovo contesto

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

www.almaiura.it Titolo dell intervista: La questione dell operatore qualificato Intervistato: Prof. Avv. Gioacchino La Rocca

www.almaiura.it Titolo dell intervista: La questione dell operatore qualificato Intervistato: Prof. Avv. Gioacchino La Rocca Titolo dell intervista: La questione dell operatore qualificato Intervistato: Prof. Avv. Gioacchino La Rocca 1. Professore, in passato, sull operatore qualificato la giurisprudenza di merito si è divisa

Dettagli

IL NUOVO PATTO PER IL WELFARE

IL NUOVO PATTO PER IL WELFARE IL NUOVO PATTO PER IL WELFARE di REGIONE LOMBARDIA BOZZA documento da sottoporre all Assemblea dei Sindaci Ambito Valle Brembana per l inoltro in Regione Lombardia Regione Lombardia imposta tutta la sua

Dettagli

AGENDA DIGITALE RAVENNA

AGENDA DIGITALE RAVENNA FOCUS GROUP AZIENDE 3 Sala Maraldi 19/11/2013 AGENDA PARTECIPANTI: 11 uditori (3 tecnici del Comune di Ravenna +1 Lepida + Assessore Cameliani) GENERE: 10 uomini e 1 donna ETA MEDIA: 47 NAZIONALITA : italiana

Dettagli

Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario

Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario L organizzazione delle pubbliche amministrazioni dopo la riforma del Titolo

Dettagli

avv. Ilario Maio (Avvocatura INPS)

avv. Ilario Maio (Avvocatura INPS) LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE avv. Ilario Maio (Avvocatura INPS) Sommario: I- La costituzione della previdenza complementare; II- Destinatari della previdenza complementare; III- Realizzazione della previdenza

Dettagli

Risposta del Sindaco Buono al manifesto del Cons. Aspriello

Risposta del Sindaco Buono al manifesto del Cons. Aspriello In relazione alle informazioni riportate nella interrogazione del Cons. ASPRIELLO e al conseguente manifesto da lui pubblicato con la presente si specifica quanto segue: 1. Le essenziali informazioni riportate

Dettagli

Impresa Sociale, Diritti di Cittadinanza e Governance del Territorio

Impresa Sociale, Diritti di Cittadinanza e Governance del Territorio IV Edizione Le Giornate di Bertinoro per l Economia Civile 15-16 OTTOBRE 2004 BERTINORO (FC) Impresa Sociale, Diritti di Cittadinanza e Governance del Territorio Il Soggetto Promotore: A.I.C.CO.N..è un

Dettagli

IPOTESI DI COLLABORAZIONE FRA ANCI E LA RETE ITALIANA CITTA SANE OMS

IPOTESI DI COLLABORAZIONE FRA ANCI E LA RETE ITALIANA CITTA SANE OMS IPOTESI DI COLLABORAZIONE FRA ANCI E LA RETE ITALIANA CITTA SANE OMS L adesione della Rete Italiana delle Città Sane OMS all ANCI, formalizzata nel 2006, rappresenta il segno e l occasione di una positiva

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI

PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI VINCENZO ACQUAVIVA FEDERMANAGERQUADRI A SOSTEGNO DELLA

Dettagli

La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015

La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015 La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015 FESTA DI PRIMAVERA Il 29 marzo la Casa di Riposo Gallazzi Vismara ha dato ufficialmente il benvenuto alla primavera, una stagione

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

Michela Eugenia Vasari. (Avvocato) 21 marzo 2007

Michela Eugenia Vasari. (Avvocato) 21 marzo 2007 IL MANDATO QUALE LIMITE DEL DIRITTO DI ACCESSO DEI CONSIGLIERI COMUNALI, ORA ANCHE SOTTO IL PROFILO DELLE MODALITÀ DI ESERCIZIO (NOTA A SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO N. 6960/2006) di Michela Eugenia

Dettagli

Gruppo provinciale di formazione permanente degli assistenti sociali della provincia di Mantova

Gruppo provinciale di formazione permanente degli assistenti sociali della provincia di Mantova Gruppo provinciale di formazione permanente degli assistenti sociali della provincia di Mantova 1 Percorso di aggiornamento e formazione per assistenti sociali Mantova 3 aprile 2013 Secondo modulo- secondo

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ SOCIALE: POTENZIALITÀ E PROMOZIONE IN RETE

IMPRENDITORIALITÀ SOCIALE: POTENZIALITÀ E PROMOZIONE IN RETE NOTA ISRIL ON LINE N 2-2013 IMPRENDITORIALITÀ SOCIALE: POTENZIALITÀ E PROMOZIONE IN RETE Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it IMPRENDITORIALITÀ

Dettagli

Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011. Bruxelles, 26 gennaio 2011. Fa fede solo il discorso pronunciato

Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011. Bruxelles, 26 gennaio 2011. Fa fede solo il discorso pronunciato Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011 Bruxelles, 26 gennaio 2011 DISCORSO DI MERCEDES BRESSO, PRESIDENTE DEL COMITATO DELLE REGIONI Fa fede solo il discorso pronunciato

Dettagli

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Istituzioni scolastiche, famiglie e territorio uniti in un esperienza finalizzata a incoraggiare e orientare i ragazzi nell avventura

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

"Le Comunità di Pratica favoriscono il Knowledge Management " ovvero l innovazione e l apprendimento individuale ed organizzativo

Le Comunità di Pratica favoriscono il Knowledge Management  ovvero l innovazione e l apprendimento individuale ed organizzativo "Le Comunità di Pratica favoriscono il Knowledge Management " ovvero l innovazione e l apprendimento individuale ed organizzativo Marco Bianchini Premessa Il Knowledge Management, come sostenuto da Peter

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

UDINE: UN COMUNE FUORI DAL COMUNE PROPOSTE DI BILANCIO PARTECIPATIVO

UDINE: UN COMUNE FUORI DAL COMUNE PROPOSTE DI BILANCIO PARTECIPATIVO 1 UDINE: UN COMUNE FUORI DAL COMUNE PROPOSTE DI BILANCIO PARTECIPATIVO 2 Serata Conclusiva CORSO di FORMAZIONE COSTRUIAMO UN COMUNE FUORI DAL COMUNE Quale bilancio partecipativo per la nostra città? Proposte

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Non riflette la qualità dell insegnamento Ma tornando adesso allora a chi sono i Contadini di adesso

Non riflette la qualità dell insegnamento Ma tornando adesso allora a chi sono i Contadini di adesso Intervistato: Sebastiano Villani, Dirigente Scolastico di Stigliano e Aliano Soggetto: «Luigini» e «Contadini» oggi Luogo e data dell intervista: Stigliano, agosto 2007 Audio file: Villani Il problema

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio )

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Fino ad ora, l istituzione scolastica ha basato la sua azione,

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Infrastrutture e legge urbanistica, le novità preparate dal governo 06-04 - 2014

Infrastrutture e legge urbanistica, le novità preparate dal governo 06-04 - 2014 Segreteria Ordine Architetti L'Aquila Da: Segreteria Ordine Architetti L'Aquila [infolaquila@archiworld.it] Inviato: lunedì 7 aprile 2014 10:21 A: 'arch.m.bruno@virgilio.it' Oggetto: I: [Inu - Istituto

Dettagli