Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich. Regolamento Piano di base 1 valido dal 1 0 gennaio 2015

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich. Regolamento Piano di base 1 valido dal 1 0 gennaio 2015"

Transcript

1 Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich Regolamento Piano di base valido dal 0 gennaio 05

2 Indice DISPOSIZIONI GENERALI.... Definizioni.... Scopo.... Soggetto giuridico Organizzazione Definizioni Anno di assicurazione e data di riferimento Età Età termine Assicurazione preliminare assicurazione principale Salario annuo computabile Salario assicurato / deduzione di coordinamento Obblighi di informazione Liquidazione parziale e totale Sottocopertura... 8 AMMISSIONE AL PIANO DI BASE Cerchia delle persone assicurate Inizio e fine dell'assicurazione Riserve per ragioni di salute... 9 PRESTAZIONI Panoramica Estensione della copertura Coordinamento con altre prestazioni.... Cessione e costituzione in pegno....5 Disposizioni di versamento / Liquidazione in capitale....6 Adattamento all'evoluzione dei prezzi....7 Accrediti di vecchiaia / Avere di vecchiaia....8 Prestazioni in caso di pensionamento....9 Rendita transitoria....0 Rendita per coniugi a Convivenza di vita simile al matrimonio b Unione domestica registrata secondo la Legge sull'unione domestica registrata Capitale di decesso Rendita per orfani Prestazioni in caso d invalidità Rimborso di prestazioni riscosse indebitamente Diritto d informazione... 9 FINANZIAMENTO Contributi ordinari Apporto di prestazioni di libero passaggio / Versamenti facoltativi... 0

3 5 SCIOGLIMENTO ANTICIPATO DEL RAPPORTO DI PREVIDENZA.. 5. Prestazione di libero passaggio Prolungamento della copertura / Rimborso della prestazione di libero passaggio... 6 PROMOZIONE DELLA PROPRIETÀ DI ABITAZIONI E DIVORZIO Costituzione in pegno e prelievo anticipato Matrimonio e divorzio... 7 DISPOSIZIONI TRANSITORIE Avere di vecchiaia Avere di vecchiaia per gli assicurati nel primato delle prestazioni Avere di vecchiaia per gli assicurati nel primato dei contributi Contributi straordinari per il mantenimento delle aspettative delle rendite di vecchiaia secondo il primato delle prestazioni Rendite in corso Prestazioni d'invalidità Età termine delle donne nate tra il 90 e il 950 secondo il primato delle prestazioni Prestazioni supplementari in caso di pensionamento anticipato Prestazioni supplementari Rendita transitoria DISPOSIZIONI TRANSITORIE PER GLI EX COLLABORATORI DELLA GENEVOISE Rendite in corso Prestazioni d'invalidità Pensionamento anticipato delle donne nate tra il 9 e il Prestazioni supplementari in caso di pensionamento anticipato DISPOSIZIONI FINALI Modifica del regolamento Entrata in vigore... 8 Appendice A Accrediti di vecchiaia / Ammontare dei contributi Appendice B Aliquote di conversione per varie età pensionabili / anni Appendice C Massimo acquisto possibile Appendice D Costi di una rendita transitoria Appendice E Promozione della proprietà d'abitazioni Appendice F Liquidazione parziale Appendice G Disposizioni transitorie per il pensionamento anticipato secondo la cifra 7.6 Appendice G* Disposizioni transitorie per il pensionamento anticipato secondo la cifra 8. Appendice H Rendite di vecchiaia ridotte in % della rendita di vecchiaia proiettata Appendice I Parametri importanti

4 DISPOSIZIONI GENERALI. Definizioni Compagnie: Zurigo Compagnia di Assicurazioni SA, e altre compagnie del gruppo assicurativo Zurich in Svizzera affiliatesi alla cassa pensioni. Cassa pensioni: Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich. Piano di base : piano previdenziale in conformità al presente regolamento: per tutti le collaboratrici e tutti i collaboratori delle compagnie, con l'eccezione degli membri della direzione. Collaboratrici e collaboratori: persone che hanno un rapporto di lavoro con le compagnie; sono equiparati alle collaboratrici e ai collaboratori gli agenti indipendenti e i loro collaboratori, a condizione che il contratto d agenzia preveda la loro ammissione alla cassa pensioni e il regolamento non stabilisca disposizioni particolari. Persone assicurate: le persone assicurate sono le collaboratrici e i collaboratori che in base alla cifra. del presente regolamento vengono ammessi al piano di base. Leggi e ordinanze: LPGA Legge federale sulla parte generale del diritto delle assicurazioni sociali AVS Legge federale sull'assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti AI Legge federale sull assicurazione per l'invalidità LPP Legge federale del 5 giugno 98 sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità OPP Ordinanza n. del 8 aprile 98 relativa alla LPP LFLP Legge federale del 7 dicembre 99 sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità OLP Ordinanza del ottobre 99 relativa alla LFLP OPPA Ordinanza del ottobre 99 sulla promozione della proprietà d abitazioni mediante i fondi della previdenza professionale LAINF Legge federale del 0 marzo 98 sull assicurazione contro gli infortuni CO Codice delle obbligazioni del 0 marzo 9 CC Codice civile svizzero del 0 dicembre 907 LAM Legge federale sull assicurazione militare del 9 giugno 99. Scopo La cassa pensioni si prefigge garantire una copertura contro le conseguenze economiche legate al pensionamento, al decesso e all invalidità. Detta copertura, complementare alle prestazioni secondo AVS, AI, LAINF e LAM, è riservata alle persone assicu-

5 rate e ai loro superstiti, conformemente alle disposizioni contenute nel presente regolamento.. Soggetto giuridico Lo scopo sopra definito viene raggiunto tramite l istituzione di una fondazione costituita a norma dell art. 8 LPP e dell art. 80 segg. CC, e registrata secondo la LPP. Il nome della fondazione è «Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich»; la sua sede è a Zurigo.. Organizzazione Il consiglio di fondazione rappresenta la cassa pensioni verso l esterno e gestisce la sua amministrazione. Il consiglio di fondazione si compone di almeno 8 membri. Le compagnie e le persone assicurate designano ciascuna un ugual numero di rappresentanti per il consiglio di fondazione. Il numero e i dettagli concernenti l elezione dei rappresentanti delle collaboratrici e dei collaboratori sono definiti nel regolamento elettorale. L organo di revisione designato dal consiglio di fondazione verifica annualmente la gestione, la contabilità e la situazione patrimoniale. La cassa pensioni viene annualmente controllata da un esperto in casse pensioni designato dal consiglio di fondazione. Gli organi della cassa pensioni e le persone incaricate della gestione sono vincolati al segreto professionale. Essi non possono fornire a terzi non autorizzati informazioni sulle situazioni personali e finanziarie delle persone assicurate..5 Definizioni.5. Anno di assicurazione e data di riferimento L'anno di assicurazione corrisponde all'anno civile. La data di riferimento è il gennaio..5. Età Per il calcolo delle prestazioni fa stato l età effettivamente raggiunta, espressa in anni e in mesi. Non viene considerato il lasso di tempo che intercorre fra il giorno del compleanno e il primo giorno del mese successivo. Per il calcolo dei contributi e della prestazione minima in caso di uscita vale come età la differenza tra l anno civile e l anno di nascita..5. Età termine Quale età termine ordinaria regolamentare è considerata determinante per il calcolo delle prestazioni secondo la cifra.5.. l età di 65 anni. Resta riservata la cifra 7.5 del presente regolamento. 5

6 .5. Assicurazione preliminare assicurazione principale Appartengono all assicurazione preliminare, fino all ammissione nell assicurazione principale, le persone assicurate che alla data di riferimento hanno compiuto il 7º anno di età. L assicurazione preliminare prevede prestazioni di decesso e d invalidità. Appartengono all assicurazione principale le persone assicurate che alla data di riferimento hanno compiuto il º anno di età. L assicurazione principale prevede prestazioni di decesso, d invalidità e di vecchiaia..5.5 Salario annuo computabile Il salario annuo computabile funge da base per il calcolo del salario assicurato. Equivale al salario base concordato con la società, e comunque al massimo al salario AVS effettivamente pagato. Per i collaboratori del servizio interno non viene presa in considerazione nessun'altra componente di compensazione. Sono esclusi i rimborsi spese, provvigioni, premi spontanei di merito, Short Term Incentive Plan (STIP), bonus e simili, nonché gli assegni per famigli, le componenti salariali occasionali (quali gli anniversari di servizio), i supplementi di vitto ecc.. Per i responsabili delle aree di mercato viene prese in considerazione il premio di produttività (Leistungszusatz) effettivamente maturato nell anno precedente, fino ad un massimo dell 80% della base di calcolo di tale premio. Il salario annuo computabile di agenti generali e consulenti viene fissato per gli accrediti di vecchiaia secondo il salario AVS determinante dell anno civile precedente e per i contributi di rischio e le prestazioni di rischio, invece, in base alla media del salario AVS determinante degli ultimi tre anni civili. Se il calcolo del salario annuo computabile non può essere effettuato in base al salario determinante AVS del salario precedente (o della media degli ultimi tre anni civili), esso viene calcolato proiettando su un anno il salario AVS determinante dell anno corrente (oppure in base alla media degli ultimi salari annui computabili disponibili). Non vengono però prese in considerazione i premi spontanei di merito, bonus e simili, nonché gli assegni per famigli, le componenti salariali occasionali (quali gli anniversari di servizio), i supplementi di vitto ecc.. È determinante il salario annuo computabile che risulta nel caso di un grado d'occupazione pari al 00%. 5 Le parti di salario superiori a un determinato importo limite vengono conteggiate solo in ragione di due terzi (appendice I). 6 Il consiglio di fondazione fissa l'importo limite in base al capoverso 5 così come il salario massimo computabile (appendice I). 7 Se, per ragioni diverse dalla malattia o dall infortunio, il salario annuo computabile, moltiplicato per il grado d'occupazione attuale, diminuisce e risulta costantemente inferiore al salario minimo previsto dalla LPP, la persona assicurata esce dall assicurazione. 6

7 8 Se una persona assicurata percepisce inoltre un salario da una compagnia diversa da quelle elencate alla cifra., non si tiene conto dello stesso..5.6 Salario assicurato / deduzione di coordinamento Per determinare il salario assicurato, il salario annuo computabile viene ridotto di una deduzione di coordinamento e moltiplicato per il grado d'occupazione attuale. Questa deduzione di coordinamento ammonta al 0% della rendita di vecchiaia massima dell'avs, più il 0% del salario annuo computabile, al massimo tuttavia al 00% della rendita di vecchiaia massima dell'avs (appendice I). Se il salario annuo computabile di una persona assicurata cambia, il salario assicurato viene adattato in conformità. Se il salario annuo computabile diminuisce in seguito a servizio militare o civile, malattia o infortunio, l'attuale salario assicurato continua a valere fintantoché è corrisposto un salario sostitutivo. Per le persone assicurate, il cui salario annuo computabile, moltiplicato per il tasso di occupazione, dopo i 58 anni diminuisce come minimo del 5 percento e come massimo della metà, su richiesta della persona assicurata viene continuata la previdenza per il salario precedentemente assicurato. È determinante il salario annuo computabile, moltiplicato per il tasso di occupazione, che costituisce la base per il calcolo degli accrediti di vecchiaia. Con il proseguimento dell'assicurazione, anche il salario assicurato per il calcolo dei contributi di rischio e delle prestazioni di rischio si continua. La persona assicurata deve comunicare per iscritto alla cassa pensioni il proseguimento dell'assicurazione del salario precedentemente assicurato, al più tardi mesi dopo il salario annuo computabile, moltiplicato per il tasso di occupazione, è diminuito. Il proseguimento del precedente salario assicurato finisce su proposta scritta della persona assicurata, ma non oltre l età termine ordinaria regolamentare. Il finanziamento da parte della persona assicurata e delle società avviene secondo la cifra...6 Obblighi di informazione Il beneficiario delle prestazioni è tenuto a segnalare alla cassa pensioni gli eventi che possono avere ripercussioni sulle prestazioni assicurative, quali ad esempio: - modifiche del grado d'invalidità in base alla decisione dell'ai; - decesso di beneficiari di rendite; - conclusione della formazione dei figli maggiori di 0 anni, per i quali vengono percepite delle rendite; - matrimonio di persone rimaste vedove. I beneficiari di rendite d'invalidità devono notificare alla cassa pensioni tutti i redditi derivanti da attività lucrativa o da prestazioni di altre assicurazioni sociali. Per far valere il diritto alle prestazioni è necessario inoltrare alla cassa pensioni i relativi documenti (certificato comprovante l età, certificato di decesso, certificato medico, ecc.). Alla cassa pensioni va altresì indicato il nome del nuovo istituto di previdenza o di libero passaggio per il trasferimento della prestazione d uscita. 7

8 La persona assicurata deve informare la cassa pensioni in merito a tutti i suoi rapporti di previdenza nonché ai relativi salari annui assicurati, se la somma di tutti i salari e i redditi soggetti all AVS supera dieci volte il limite massimo ai sensi dell art. 8 cpv. LPP. Il servizio del personale della compagnia in questione aggiorna costantemente la cassa pensioni su tutti i dati necessari per la gestione del portafoglio assicurativo. 5 La cassa pensioni non risponde di conseguenze dovute all'inosservanza degli obblighi di informazione..7 Liquidazione parziale e totale Per la liquidazione parziale della cassa pensioni valgono le disposizioni nell appendice F. In caso di liquidazione totale si applicano le disposizioni degli artt. 5 lett. c LPP, 5 lett. d LPP e art. LFLP..8 Sottocopertura Se dal bilancio attuariale ai sensi dell art. OPP risulta una sottocopertura (grado di copertura inferiore al 00%), il Consiglio di fondazione, previa consultazione dell esperto in materia di previdenza professionale ed eventualmente di altri esperti, adotta immediatamente le misure necessarie per ristabilire l'equilibrio finanziario. In particolare, il Consiglio di fondazione emana le opportune basi regolamentari per la realizzazione del pacchetto di provvedimenti, esaminato dall autorità di vigilanza, in considerazione degli articoli 65d LPP e OPP. Le compagnie possono inoltre versare contributi facoltativi alla cassa pensioni o rinunciare temporaneamente all impiego di riserve contributive del datore di lavoro. Nel conto annuale le riserve contributive del datore di lavoro con rinuncia all utilizzo vengono indicate separatamente. La rinuncia all utilizzo può essere revocata soltanto dopo che la sottocopertura è stata interamente eliminata. AMMISSIONE AL PIANO DI BASE. Cerchia delle persone assicurate Sono assicurato nel piano di base tutte le collaboratrici e tutti i collaboratori che il º gennaio hanno compiuto il 7º anno di età e il cui salario annuo computabile, moltiplicato per il grado d'occupazione attuale, supera il salario minimo previsto dalla LPP. Non sono assicurato nel piano di base : a) persone assicurate nel piano di base (membri della direzione); b) le collaboratrici e i collaboratori con i quali è stato stipulato un contratto di lavoro della durata di mesi o meno (con riserva di quanto previsto dall'art. k OPP ); c) le collaboratrici e i collaboratori che sono già assicurati obbligatoriamente altrove per un attività lucrativa esercitata a titolo principale, o che come professione principale esercitano un attività lucrativa indipendente; 8

9 d) le collaboratrici e i collaboratori, che ai sensi dell Assicurazione invalidità federale (AI) sono invalidi almeno al 70%; e) gli agenti indipendenti e i loro collaboratori, se il capitolato d agenzia non prevede la loro ammissione alla cassa pensioni. Con il consenso di una delle compagnie, le persone non indicate al cpv. possono, in via eccezionale, essere ammesse alla cassa pensioni o rimanere assicurate presso la cassa pensioni dopo la risoluzione del rapporto di lavoro con le compagnie, a condizione che venga conclusa una convenzione che garantisca il finanziamento dei contributi e di eventuali versamenti unici necessari al finanziamento delle prestazioni di vecchiaia. È possibile mantenere la copertura assicurativa di un salario AVS non maturato per un massimo di anni.. Inizio e fine dell'assicurazione L assicurazione nel piano di base inizia il giorno concordato con la persona assicurata per l entrata in servizio. Essa termina quando si prevede che il salario annuo computabile, moltiplicato per il grado d'occupazione attuale, sarà stabilmente inferiore al salario minimo previsto dalla LPP, al momento del trasferimento al piano di base oppure quando il rapporto di lavoro con le compagnie viene sciolto e non giunge a scadenza alcuna rendita di vecchiaia, per i superstiti o d'invalidità. È fatta salva la cifra. cpv.. I rischi di decesso e d'invalidità restano assicurati finché la persona assicurata inizia un nuovo rapporto di previdenza, al massimo tuttavia fino a un mese dopo la conclusione del rapporto di lavoro. L assicurazione dei rischi di decesso e d invalidità cessa in ogni caso con il raggiungimento dell età termine regolamentare, anche se la persona assicurata mantiene la propria attività lucrativa presso una delle compagnie affiliate oltre l età termine ordinaria regolamentare (cfr. anche cifra.8 cpv. 5 e. cpv. ). Se una persona assicurata esercita la propria attività lucrativa oltre l età termine ordinaria regolamentare presso una delle compagnie affiliate, le prestazioni per i superstiti in caso di decesso vengono calcolate come se la persona assicurata deceduta fosse andata in pensionamento appena prima del suo decesso.. Riserve per ragioni di salute Le persone che entrano la cassa pensioni sono tenute a dare informazioni sul proprio stato di salute e sull'esistenza di eventuali riserve per ragioni di salute. La cassa pensioni può esigere che la persona entrante si sottoponga a una visita presso il medico di fiducia. In base alla esame dei rischi può essere fissata una riserva per ragioni di salute. Se un caso di prestazione che riguarda un affezione che è oggetto di riserva si manifesta entro il termine definito di cinque anni, l esclusione delle prestazioni si applica in modo permanente per la parte di prestazioni sovraobbligatorie. La copertura previdenziale acquisita con le prestazioni d uscita apportate non può essere ridotta da una nuova riserva per ragioni di salute. 9

10 Le riserve per ragioni di salute decadono al più tardi 5 anni dopo l ammissione alla cassa pensioni. Il periodo di una riserva trascorso presso la precedente cassa pensioni viene computato alla durata della nuova riserva. Le persone assicurate che escono dalla cassa pensioni per intraprendere direttamente un attività lavorativa presso un azienda straniera appartenente al gruppo assicurativo Zurich e che immediatamente dopo questa attività professionale presso una società straniera appartenente al gruppo assicurativo Zurich lavorano nuovamente per la Zurigo Compagnia di Assicurazioni SA o per un altra azienda svizzera appartenente al gruppo assicurativo Zurich, vengono accettate dalla cassa pensioni senza doversi sottoporre a un ulteriore esame dello stato di salute. PRESTAZIONI. Panoramica La seguente tabella riporta le possibili prestazioni:. Estensione della copertura La cassa pensioni s impegna a rispettare le disposizioni della LPP, e in ogni caso a corrispondere almeno le prestazioni prescritte dalla legge. 0

11 . Coordinamento con altre prestazioni Le prestazioni esigibili secondo il presente regolamento non possono superare, insieme con altri redditi conteggiabili, il 90% del salario presumibilmente perso. Rientrano nel salario presumibilmente perso: a) il salario annuo computabile (per agenti generali e consulenti: il salario annuo computabile per prestazioni di rischio) moltiplicato per il grado di occupazione immediatamente prima della scadenza delle prestazioni sostitutive, adattato all indice nazionale dei prezzi al consumo quando giungono a scadenza le prime prestazioni della cassa pensioni. Se nel corso degli ultimi tre anni il salario annuo computabile è diminuito senza che vi sia stata una riduzione del grado d'occupazione, viene conteggiato il salario annuo computabile più elevato percepito in questo periodo, il quale non deve tuttavia risultare superiore del 5% rispetto al salario computabile per prestazioni di rischio; b) eventuali assegni per figli nella misura in cui non siano corrisposti altrimenti; c) la media delle componenti salariali variabili corrisposte negli ultimi tre anni civili, nella misura in cui esse non siano già comprese nel salario computabile. Sono considerati redditi computabili tutte le prestazioni versate alla persona avente diritto al momento della questione della riduzione, soprattutto le rendite o le prestazioni in capitale al loro valore di trasformazione in rendite, provenienti da assicurazioni sociali svizzere ed estere e da istituti di previdenza, ad eccezione degli assegni per grandi invalidi, di indennizzi o di simili prestazioni. Ai beneficiari di prestazioni d invalidità viene inoltre conteggiato il reddito dell attività lucrativa o il reddito sostitutivo tuttora ottenuto o presumibilmente ottenibile. I redditi percepiti dalla vedova o dal vedovo vengono sommati a quelli percepiti dagli orfani. Nell ambito dell art. 5 cpv. OPP, la cassa pensioni non è tenuta a compensare prestazioni rifiutate o ridotte dall assicurazione contro gli infortuni o dall assicurazione militare. 5 Al raggiungimento del limite di età ordinario come da AVS rientrano nei redditi computabili anche le prestazioni di vecchiaia riconosciute da assicurazioni sociali nazionali ed estere e da istituti previdenziali, fatta eccezione per gli assegni per grandi invalidi, indennizzi e prestazioni simili. 6 La cassa pensioni può verificare in qualsiasi momento i presupposti e il volume di una riduzione e adeguare le relative prestazioni, qualora le circostanze dovessero subire notevoli cambiamenti. 7 Dal coordinamento sono escluse le indennità per menomazione dell integrità e altre prestazioni a titolo di riparazione morale. 8 Nei confronti di terzi che rispondono di un caso assicurato, la cassa pensioni subentra al momento dell evento e fino a concorrenza delle prestazioni legali nei diritti della persona assicurata, dei suoi superstiti e di altri beneficiari. 9 La cassa pensioni può esigere da una persona richiedente una prestazione per superstiti e d invalidità che egli gli ceda, fino a concorrenza dell obbligo delle ulteriori prestazioni regolamentari, i diritti che gli spettano per il sinistro nei confronti di terzi

12 responsabili. La cassa pensioni può sospendere le prestazioni sovraobbligatorie fino a quando la cessione richiesta non avviene. 0 Se, in virtù di disposizioni legali vincolanti, la cassa pensioni è obbligata ad anticipare delle prestazioni, quali prestazioni anticipate vengono erogate unicamente le prestazioni di rischio LPP legali. Non appena è stato definito l istituto tenuto a versare delle prestazioni, la cassa pensioni ha il diritto di esercitare regresso nei suoi confronti.. Cessione e costituzione in pegno I diritti alle prestazioni derivanti dal presente regolamento non possono essere né ceduti né costituiti in pegno prima della loro scadenza. Restano riservate le disposizioni riguardanti la promozione della proprietà d abitazioni secondo la cifra 6. e in merito al divorzio secondo la cifra Disposizioni di versamento / Liquidazione in capitale Di regola, le prestazioni vengono versate sotto forma di rendite. Il versamento avviene anticipatamente a scadenza mensile sul conto in Svizzera notificato alla cassa pensioni. Gli aventi diritto residenti in uno Stato UE/EFTA possono indicare un conto in tale Stato. In mancanza di un relativo conto, le prestazioni di previdenza vengono erogate presso la sede della cassa pensioni. La persona assicurata può percepire fino al 00% della prestazione di vecchiaia sotto forma di capitale. Una richiesta in tal senso deve essere inoltrata dalla persona assicurata al più tardi mesi prima che maturi la prima rendita di vecchiaia. Da quel momento in poi, la richiesta non può più essere revocata. Per la parte della rendita di vecchiaia erogata sotto forma di capitale tutti gli altri diritti vengono a cadere. In particolare si riducono proporzionalmente le rendite coassicurate in aspettativa per coniugi e per figli. Una persona assicurata, che al raggiungimento dell età termine ordinaria regolamentare è invalida, può percepire la rendita di vecchiaia sotto forma di capitale solo se ha inoltrato richiesta per una prestazione in capitale prima che subentrasse l incapacità lavorativa. Il versamento sotto forma di capitale a una persona assicurata sposata è consentito solo se il coniuge dà il proprio consenso scritto e provvisto di firma autenticata. Se una persona assicurata sposata muore prima del pensionamento, il coniuge superstite può farsi versare fino al 00% della rendita per coniugi sotto forma di capitale. La relativa richiesta va inoltrata entro tre mesi dal decesso della persona assicurata. Le prestazioni vengono erogate indipendentemente dal diritto successorio e spettano ai superstiti aventi diritto di una persona assicurata anche se rinunciano all'eredità. 5 Le prestazioni erogate in eccesso a seguito di un errore o di violazione degli obblighi di informazione devono essere restituite alla cassa pensioni. Se il rimborso non ha luogo, queste prestazioni possono venire compensate con le prestazioni assicurative. 6 Le prestazioni assicurative che per un motivo qualsiasi non vengono erogate agli aventi diritto come pure i rimborsi spettano alla cassa pensioni.

13 .6 Adattamento all'evoluzione dei prezzi Dopo tre anni di decorrenza le rendite per i superstiti e quelle d invalidità devono essere adattate all evoluzione dei prezzi fino al raggiungimento dell età di pensionamento ordinaria AVS (appendice I), qualora le rendite non superino le prestazioni minime LPP. Le rendite che superano le prestazioni minime LPP così come le rendite di vecchiaia possono essere adeguate all evoluzione dei prezzi in funzione dei mezzi disponibili. Il consiglio di fondazione decide ogni anno in merito a questo tipo di aumenti in base alle possibilità finanziarie della cassa pensioni e tenendo conto della perizia dell esperto in materia di previdenza professionale..7 Accrediti di vecchiaia / Avere di vecchiaia Per ogni persona assicurata, a partire dal gennaio dopo il compimento del anno d età viene gestito un conto di vecchiaia sul quale si accumula l'avere di vecchiaia. Su questo conto di vecchiaia individuale vengono accreditati: a) gli accrediti di vecchiaia senza interessi per l anno civile trascorso; b) le prestazioni di libero passaggio apportate, derivanti da precedenti rapporti di previdenza; c) eventualmente altre prestazioni di entrata e versamenti; d) l interesse annuale sull avere di vecchiaia in base al saldo del conto alla fine dell anno precedente e l interesse pro rata sui versamenti. Vengono dedotti e) il prelievo anticipato per la promozione della proprietà d abitazioni; f) la prestazione d uscita versata in seguito a divorzio; g) l interesse pro rata su prelievi anticipati per la promozione della proprietà d abitazioni e sulle prestazioni d uscita versate in seguito a divorzio. Gli accrediti di vecchiaia annuali vengono calcolati in percentuale del salario assicurato secondo la scala nell appendice A. Il tasso d interesse per l anno in corso viene stabilito dal consiglio di fondazione verso la fine dell anno in corso (appendice I). Per le modifiche effettuate durante l anno si applica il tasso d interesse minimo LPP..8 Prestazioni in caso di pensionamento Il diritto alla rendita di vecchiaia matura il giorno del mese successivo al raggiungimento dell età termine ordinaria regolamentare (cifra.5.) e si estingue alla fine del mese in cui è deceduto l avente diritto. L ammontare della rendita di vecchiaia annuale viene calcolato in percentuale dell avere di vecchiaia, moltiplicando l avere di vecchiaia individuale con l aliquota di conversione. L aliquota di conversione è stabilita dal consiglio di fondazione (appendice B). Le persone assicurate cui spetta una rendita di vecchiaia hanno diritto a una rendita complementare per ogni figlio che, alla loro morte, potrebbe richiedere una rendita

14 per orfani; l'ammontare della rendita per i figli è uguale al 0% della rendita di vecchiaia percepita. In caso di più bambini, la somma delle rendite per figli non può superare il 0% della rendita di vecchiaia percepita. L importo delle prestazioni minime previste per legge ai sensi della LPP viene tuttavia garantito. La durata del diritto si basa sulle disposizioni vigenti per la rendita per orfani. Una persona assicurata può andare in pensione al più presto cinque anni prima del raggiungimento dell età termine ordinaria regolamentare. Per il diritto alla rendita di vecchiaia è determinante, secondo la cifra.5., il giorno del mese successivo. Il momento del pensionamento anticipato deve essere comunicato alla cassa pensioni con almeno mesi di anticipo. La rendita di vecchiaia in caso di pensionamento anticipato viene determinata in base all avere di vecchiaia disponibile al momento del pensionamento anticipato, a un eventuale capitale di risparmio del piano di risparmio supplementare e alle aliquote di conversione dell appendice B. 5 Il versamento della rendita di vecchiaia può essere differito totalmente o parzialmente al massimo di cinque anni, purché la persona assicurata continui ad esercitare la propria attività lucrativa oltre l'età termine ordinaria regolamentare in base a un accordo scritto con una delle compagnie affiliate. Il differimento del versamento di prestazioni di vecchiaia nella misura della continuazione del rapporto di lavoro e il versamento parziale o totale delle prestazioni di vecchiaia differite devono essere annunciati con mesi di anticipo. Nel periodo del differimento, l avere di vecchiaia disponibile all età termine ordinaria regolamentare viene remunerato al tasso d interesse fissato dal consiglio di fondazione (appendice I). L aliquota di conversione in caso di pensionamento differito viene stabilita dal consiglio di fondazione (appendice B). 6 Nel caso di un pensionamento parziale anticipato o di un differimento parziale delle rendite, il grado di pensionamento deve almeno essere pari al 0%. Previo consenso della compagnia, il grado di pensionamento parziale scelto una volta può essere aumentato un'altra volta del 0-0% osservando il termine di notifica; esso non può però venir ridotto. Il tasso di occupazione residuo deve essere almeno del 0%. Un pagamento sotto forma di capitale è consentito al massimo per delle fasi di pensionamento possibili. 7 Le prestazioni in caso di pensionamento vengono ridotte, se l obiettivo regolamentare di prestazioni all età termine ordinaria regolamentare viene superato di oltre il 5% e il superamento dell obiettivo di prestazioni è dovuto ad acquisti mediante mezzi propri nel piano di risparmio supplementare..9 Rendita transitoria In caso di pensionamento anticipato, la persona assicurata ha la possibilità di riscuotere una rendita transitoria fino all età termine ordinaria secondo l AVS, a condizione che il finanziamento ai sensi del capoverso sia garantito. Il finanziamento della rendita transitoria viene effettuato dalla persona assicurata. I mezzi necessari possono essere apportati mediante l eventuale capitale di risparmio disponibile nel piano di risparmio supplementare e/o tramite una riduzione della rendita di vecchiaia vitalizia (per la parte non finanziata tramite il piano di risparmio supplementare ).

15 L importo della rendita transitoria ammonta al massimo al 00% della deduzione di coordinamento, moltiplicata per il grado d occupazione retrospettivo medio degli ultimi anni. Le spese per la rendita transitoria sono indicate nell appendice D..0 Rendita per coniugi Se una persona assicurata muore prima del pensionamento, e se al momento del decesso era coniugata, diventa esigibile una rendita per coniugi. Se una persona assicurata muore dopo il pensionamento, e se al momento del decesso era coniugata, diventa esigibile una rendita per coniugi purché il matrimonio abbia avuto luogo prima del pensionamento oppure, al momento del decesso, sia durato almeno 5 anni. La durata di una convivenza di vita simile al matrimonio ai sensi della cifra.0a viene aggiunta alla durata del matrimonio. rispet- La rendita annuale per coniugi ammonta al /% del salario tivamente al 66 /% di una rendita d invalidità o di vecchiaia corrisposta. Se il coniuge superstite ha più di 5 anni meno della persona assicurata, la rendita integrale viene ridotta del % del suo importo totale per ogni anno intero o frazionato che supera i 5 anni di differenza d'età. In ogni caso è accordata la rendita per coniugi in base al minimo LPP. Il diritto alla rendita per coniugi inizia il primo giorno del mese successivo al decesso della persona assicurata, al più presto tuttavia con la conclusione del pagamento continuato del salario, rispettivamente dopo la cessazione del diritto a una rendita di vecchiaia o d invalidità. La rendita per coniugi si estingue alla fine del mese, in cui è deceduto il coniuge. 5 In caso di nuovo matrimonio, il diritto alla rendita del coniuge superstite si estingue. Quest'ultimo riceve un'indennità unica pari a volte la rendita annua per coniugi corrisposta. 6 Relativamente al diritto ad una rendita, il coniuge divorziato della persona assicurata è equiparato, in caso di decesso di quest'ultima, al coniuge superstite, a condizione che il matrimonio sia durato almeno 0 anni. Il coniuge divorziato ha diritto alle prestazioni solo se nella sentenza di divorzio gli è stata assegnata una rendita oppure un indennità in capitale per una rendita vitalizia. Relativamente all ammontare della rendita però, le prestazioni versate a un coniuge divorziato sono limitate alle prestazioni obbligatorie previste ai sensi dell art. 0 OPP. 7 Se l'avere di vecchiaia supera il capitale necessario per le prestazioni per i superstiti, la differenza viene corrisposta al coniuge come capitale di decesso..0a Convivenza di vita simile al matrimonio Una convivenza di vita simile al matrimonio, anche fra persone dello stesso sesso, viene equiparata al matrimonio per quanto riguarda il diritto alle prestazioni ai sensi della cifra.0 a condizione che: 5

16 a) nessuno dei due partner sia coniugato e che fra di loro non esista un legame di parentela; b) al momento del decesso sia possibile provare che la convivenza di vita con economia domestica comune (ossia inclusa notifica nello stesso appartamento o nella stessa casa) sia durata almeno 5 anni senza interruzione oppure che vi siano uno o più figli comuni da mantenere e che la convivenza sussistesse ancora al momento del decesso; c) la cassa pensioni sia in possesso di un modulo di richiesta scritto inoltratogli dalla persona assicurata quando era ancora in vita. bis Il diritto a queste prestazioni esiste solamente se la persona assicurata soddisfa i presupposti conformemente al capoverso. In caso di decesso di un pensionato è inoltre necessario che le condizioni per il diritto alla prestazione secondo il cpv. lett. a. e c. fossero già soddisfatte al momento del pensionamento e che la convivenza definita secondo il cpv. lett. b. sussistesse già prima del pensionamento. Qualora il pensionamento abbia avuto luogo prima del gennaio 008, non esiste alcuno diritto a queste prestazioni. Spetta al beneficiario dimostrare che sono soddisfatte le condizioni del cpv.. Egli è tenuto a inoltrare la richiesta di prestazioni alla cassa pensioni al più tardi tre mesi dopo il decesso dell'assicurato. Non esiste alcun diritto se il beneficiario percepisce già altrove una prestazione per i superstiti della previdenza professionale oppure una prestazione equivalente. La rendita per partner si estingue in caso di decesso o di matrimonio della persona avente diritto. La cifra.0 cpv. 5 si applica per analogia..0b Unione domestica registrata secondo la Legge sull'unione domestica registrata Tutte le disposizioni del presente regolamento riguardanti le persone assicurate coniugate si applicano per analogia ai partner la cui unione domestica è considerata registrata in base alla Legge sull'unione domestica registrata. Ciò vale anche per le disposizioni che regolano le conseguenze del divorzio, del nuovo matrimonio, dell'opzione di capitale e del versamento in contanti della prestazione di libero passaggio.. Capitale di decesso Se una persona assicurata decede prima del pensionamento, senza che sia maturato alcun diritto a una rendita per i superstiti secondo la cifra.0,.0a o.0b, viene corrisposto un capitale in caso di decesso corrispondente al 00% dell avere di vecchiaia disponibile al momento del decesso, almeno tuttavia al 00% del salario assicurato. Il capitale di decesso viene corrisposto indipendentemente dal diritto successorio, secondo l ordine seguente: a) i figli che secondo la cifra. hanno diritto alla rendita; in loro mancanza b) le persone designate per iscritto dalla persona assicurata, le quali sono state assistite in misura preponderante dalla stessa o le persone che negli ultimi cinque anni 6

17 prima del suo decesso gestivano con essa ininterrottamente un'economia domestica oppure che dovevano provvedere al sostentamento di uno o più figli in comune, in loro mancanza c) i figli non aventi diritto alla rendita, in loro mancanza c) i genitori della persona assicurata, in loro mancanza c) i fratelli/sorelle della persona assicurata, in loro mancanza d) gli altri eredi legali, ad eccezione dell'ente pubblico, per la metà del capitale di vecchiaia disponibile. La persona assicurata è tenuta a comunicare per iscritto alla cassa pensioni i beneficiari secondo il capoverso lettera b. Se sussistono più beneficiari all interno di una cifra e nel caso in cui manchi l assegnazione a una determinata quota, il diritto va diviso in parti uguali. Se non ci sono prestazioni da versare, il capitale di decesso rimane alla cassa pensioni. 5 La rivendicazione delle prestazioni e i relativi giustificativi sono a carico del richiedente. In mancanza di un giustificativo, allo scadere di mesi dal decesso della persona assicurata, la cassa pensioni è autorizzato a procedere con il pagamento a favore dei beneficiari ad esso noti.. Rendita per orfani Hanno diritto a percepire una rendita per orfani i figli ai sensi dell art. 5 CC. Ad essi sono equiparati i figliastri e i figli elettivi che sono stati mantenuti interamente o in maniera preponderante dalla persona assicurata. La rendita per orfani inizia il primo giorno del mese successivo al decesso della persona assicurata, al più presto tuttavia con l estinzione del pagamento continuato del salario, ovvero dopo la cessazione del diritto a una rendita di vecchiaia e d invalidità. La rendita annuale per orfani equivale per ogni orfano al,8% del salario assicurato rispettivamente al 0% di una rendita d invalidità o vecchiaia percepita. Per orfani di entrambi i genitori il diritto si raddoppia, a meno che non sussista il diritto a una rendita per orfani nei confronti della cassa pensioni dell altro genitore. La rendita per orfani viene versata fino al compimento del 0 anno d età del figlio. Per i figli ancora in formazione, il diritto alla rendita si estende fino alla conclusione della formazione, al più tardi tuttavia fino al compimento del 5 anno d età. Per i figli che al compimento del 0 anno d età risultano invalidi presumibilmente a vita, il diritto alla rendita sussiste in base al grado d'invalidità secondo la cifra. cpv. 7 fino al recupero della totale capacità di guadagno. Eventuali rendite d invalidità dei figli derivanti dalla previdenza professionale, dall assicurazione contro gli infortuni o dall assicurazione militare vengono conteggiate.. Prestazioni in caso d invalidità È considerata invalidità l incapacità di guadagno totale o parziale presumibilmente permanente o di lunga durata. È considerata incapacità di guadagno la perdita, totale o parziale, provocata da un danno alla salute fisica, mentale o psichica e che perdura dopo aver sottoposto l assicurato alle cure e alle misure d integrazione esigibili, della 7

18 possibilità di guadagno sul mercato del lavoro equilibrato che entra in considerazione. Sono determinanti gli articoli 7 e 8 LPGA. La persona assicurata ha diritto alle prestazioni in caso di invalidità, a condizione che al momento dell insorgere dell incapacità lavorativa, la cui causa ha comportato l invalidità, essa risulti assicurata presso la cassa pensioni. La determinazione del grado d invalidità poggia sostanzialmente sul grado d invalidità definito dall assicurazione federale per l invalidità. Per le prestazioni che rientrano nell'ambito della previdenza sovraobbligatoria, il consiglio di fondazione può, in deroga alle disposizioni vigenti, stabilire un grado d'invalidità in base a una visita effettuata da un medico di fiducia. In tal caso è tenuto a motivare la propria decisione. Se una persona assicurata diventa invalida temporaneamente o permanentemente prima del suo pensionamento completo o prima del raggiungimento dell'età termine ordinaria regolamentare, essa ha diritto a una rendita d'invalidità. Il diritto a prestazioni in caso d invalidità nasce con il diritto a una rendita dell AI, al più presto tuttavia dopo la cessazione del diritto della persona assicurata al pagamento continuato del salario e alle indennità giornaliere per malattia o infortunio. Un grado d invalidità di almeno il 70% dà diritto a una rendita integrale d'invalidità, un grado d'invalidità di almeno il 60% a una rendita di tre quarti e un grado d'invalidità di almeno il 50% a metà rendita. Un grado d invalidità tra il 5% e il 50% comporta una rendita equivalente al grado d invalidità. Un grado d invalidità al di sotto del 5% non dà diritto ad alcuna rendita. 5 La rendita annuale integrale d'invalidità ammonta al 6% del salario assicurato. 6 Si ha diritto alla rendita finché dura l invalidità, al massimo tuttavia fino all età termine ordinaria regolamentare. Al raggiungimento di quest ultima, la rendita d invalidità viene sostituita da una rendita di vecchiaia. 7 Le persone assicurate, alle quali spetta una rendita d invalidità dalla presente assicurazione, hanno diritto, per ogni figlio che in caso del loro decesso potrebbe richiedere una rendita per orfani ai sensi della cifra., oltre alla loro rendita d invalidità, anche a una rendita per figli d invalido. La rendita annuale per figli d invalido ammonta al 0% della rendita d invalidità e inizia contemporaneamente alla rendita d invalidità. La durata del diritto si basa sulle disposizioni vigenti per la rendita per orfani. 8 Le compagnie e la persona assicurata sono esonerate, in base al grado d invalidità, dal pagamento di altri contributi, non appena la rendita d'invalidità viene versata. Le spese dell esonero dal pagamento dei contributi sono a carico della cassa pensioni.. Rimborso di prestazioni riscosse indebitamente Le prestazioni riscosse indebitamente devono essere restituite. Il consiglio di fondazione può decidere di non riscuotere il rimborso se il beneficiario era in buona fede e il rimborso comporterebbe un onere eccessivo. 8

19 Il diritto al rimborso cade in prescrizione alla scadenza di un anno dopo che la cassa pensioni ne è venuta a conoscenza, al più tardi tuttavia cinque anni dopo il versamento della prestazione. Se il diritto al rimborso deriva da un reato per il quale il diritto penale stabilisce una prescrizione più lunga, si applica quest'ultima..5 Diritto d informazione Le persone assicurate ricevono ogni anno un attestato d assicurazione dal quale sono desumibili le prestazioni assicurate e l ammontare dell avere di vecchiaia, nonché il rapporto annuale della cassa pensioni. Su richiesta, le persone assicurate ricevono il conto annuale. Sono garantiti gli ulteriori diritti d informazione come da art. 86b LPP. Uscita Le persone assicurate che lasciano la cassa pensioni hanno diritto a un conteggio d'uscita e vengono informate in merito alle possibilità legali e regolamentari per il mantenimento della copertura previdenziale. Matrimonio La cassa pensioni è tenuta a comunicare alla persona assicurata la sua prestazione d uscita al momento del matrimonio. Divorzio In caso di divorzio, alle persone assicurate vengono fornite, su richiesta, informazioni in merito alla prestazione d uscita al momento del matrimonio e al momento del divorzio. 5 Promozione della proprietà d abitazioni mediante i fondi della previdenza professionale (LPPA) In caso di prelievo anticipato o costituzione in pegno nonché su richiesta scritta, la cassa pensioni informa la persona assicurata in merito: a) al capitale a sua disposizione per la proprietà d'abitazioni; b) alla riduzione di prestazioni in caso di prelievo anticipato o costituzione in pegno; c) all obbligo fiscale; d) al diritto alla restituzione delle imposte versate in caso di rimborso. FINANZIAMENTO. Contributi ordinari L obbligo di contribuzione inizia con l ammissione e cessa con l uscita, il decesso o il pensionamento anticipato, al più tardi tuttavia con l'età termine ordinaria regolamentare. Se la persona assicurata diventa invalida o nel caso di pensionamento parziale, l obbligo di contribuzione si limita al salario assicurato conseguito in base all effettiva prestazione lavorativa. I contributi delle persone assicurate e delle compagnie sono indicati nell appendice A. Le compagnie deducono mensilmente i contributi dai salari delle persone assicurate. 9

20 I contributi di rischio contengono anche i versamenti per il fondo di garanzia. Le compagnie versano mensilmente alla cassa pensioni i propri contributi assieme a quelli delle persone assicurate.. Apporto di prestazioni di libero passaggio / Versamenti facoltativi Al momento dell'ammissione nella cassa pensioni, le persone assicurate devono apportare le loro prestazioni di libero passaggio. Queste vengono accreditate all avere di vecchiaia personale, a condizione che non superino l importo calcolato secondo l appendice C. In caso di pensionamento anticipato auspicato, l importo eccedente può essere apportato nel piano di risparmio supplementare, in base alle disposizioni del relativo regolamento. Con l'eventuale importo eccedente è possibile mantenere la copertura previdenziale con un'altra forma di previdenza ammessa (polizza o conto di libero passaggio). Le persone assicurate possono aumentare il loro avere di vecchiaia con versamenti facoltativi. Inoltre, il datore di lavoro può effettuare versamenti unici. L avere di vecchiaia non può superare l importo calcolato secondo l appendice C. Dall importo massimo della somma di acquisto vengono dedotti l avere del pilastro a ai sensi dell art. 60a cpv. OPP nonché l avere di libero passaggio ai sensi dell art. 60a cpv. OPP. Per le persone provenienti dall estero che non sono mai state affiliate a un istituto di previdenza in Svizzera resta inoltre riservato l art. 60b OPP. I versamenti facoltativi sono possibili fino all insorgere di un evento assicurativo, tuttavia al massimo due volte all anno. Le prestazioni che risultano dai versamenti facoltativi possono essere percepite sotto forma di capitale al più presto anni dopo l acquisto. Questa restrizione non si applica in caso di riacquisti in seguito a divorzio. Se la persona assicurata ha effettuato un prelievo anticipato ai fini della promozione della proprietà d abitazioni, potrà procedere a versamenti facoltativi soltanto dopo aver rimborsato il prelievo per intero. Qualora non fosse più consentito effettuare un rimborso del prelievo anticipato per la promozione della proprietà di abitazioni tre anni prima della nascita del diritto alle prestazioni di vecchiaia (art. 0d cpv. lett. a LPP) è possibile effettuare versamenti facoltativi, a condizione che non superino, con i prelievi anticipati, i diritti massimi previsti dal regolamento di previdenza. Se gli acquisti vengono finanziati mediante fondi propri, restano riservate le prescrizioni del diritto federale. Le prestazioni di libero passaggio e i versamenti facoltativi apportati vengono remunerati, a partire dalla data in cui sono stati accreditati sul conto della cassa pensioni, al tasso d interesse definito dal consiglio di fondazione per l anno in corso (appendice I). 0

Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich. Regolamento Piano di risparmio supplementare 1 valido dal 1 0 gennaio 2015

Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich. Regolamento Piano di risparmio supplementare 1 valido dal 1 0 gennaio 2015 Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich Regolamento Piano di risparmio supplementare valido dal 0 gennaio 05 Indice DISPOSIZIONI GENERALI... 3. Cerchia delle persone assicurate... 3. Scopo... 3.3

Dettagli

Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità

Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (Ordinanza sul libero passaggio, OLP) 831.425 del 3 ottobre 1994 (Stato 1 gennaio 2009) Il Consiglio

Dettagli

PIANO DI PREVIDENZA F10

PIANO DI PREVIDENZA F10 REGOLAMENTO 1 a PARTE PIANO DI PREVIDENZA F10 A partire dal 1 gennaio 2012, per tutte le persone assicurate nel piano di previdenza F10 entra in vigore l ordinamento per la previdenza professionale ai

Dettagli

Regolamento di previdenza del 15 giugno 2007 per gli impiegati e i beneficiari di rendite della Cassa di previdenza della Confederazione

Regolamento di previdenza del 15 giugno 2007 per gli impiegati e i beneficiari di rendite della Cassa di previdenza della Confederazione Regolamento di previdenza del 15 giugno 2007 per gli impiegati e i beneficiari di rendite della Cassa di previdenza della Confederazione (RPIC) Modifica del 26 giugno 2012 Approvata dal Consiglio federale

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2013

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2013 Cassa pensione Coiffure & ESTHÉTIQUE (proparis Fondazione di previdenza arti e mestieri Svizzera) REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2013 Prima parte: piano di previdenza B3 A partire dal 1 luglio 2013 entra in

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2014

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2014 Cassa pensione Macellai (proparis Fondazione di previdenza arti e mestieri Svizzera) REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2014 Prima parte del piano di previdenza: S1 - S4 risp. S1U - S4U Per la previdenza professionale

Dettagli

Previdenza professionale delle persone disoccupate secondo la LADI e la LPP

Previdenza professionale delle persone disoccupate secondo la LADI e la LPP Dipartimento federale dell'economia DFE EDIZIONE 2009 716.201 i Informazione complementare all Info-Service Disoccupazione Un opuscolo per i disoccupati Previdenza professionale delle persone disoccupate

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2015

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2015 Cassa pensione Macellai (proparis Fondazione di previdenza arti e mestieri Svizzera) REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2015 Prima parte del piano di previdenza: S5 o S5U Per la previdenza professionale descritta

Dettagli

Promemoria relativo alla polizza di previdenza vincolata (pilastro 3a), valido a partire dal 1 gennaio 2008

Promemoria relativo alla polizza di previdenza vincolata (pilastro 3a), valido a partire dal 1 gennaio 2008 Promemoria relativo alla polizza di previdenza vincolata (pilastro 3a), valido a partire dal 1 gennaio 2008 1. Ordinamento dei beneficiari I contratti del pilastro 3a devono comprendere obbligatoriamente

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2013

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2013 Cassa pensione PANVICA (proparis Fondazione di previdenza nelle arti e mestieri Svizzera) REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2013 Prima parte: piano di previdenza KU33a A partire dal 1 luglio 2013 per tutte le

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2013

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2013 Ifangstrasse 8, Casella postale, 8952 Schlieren, Tel. 044 253 93 80, Fax 044 253 93 94 info@vorsorge-gf.ch, www.vorsorge-gf.ch (proparis Fondazione di previdenza arti e mestieri Svizzera) REGOLAMENTO DI

Dettagli

Piano previdenziale in complemento al Regolamento di previdenza della Cassa Pensione del Gruppo C&A. Piano base per i collaboratori della C&A Mode SA

Piano previdenziale in complemento al Regolamento di previdenza della Cassa Pensione del Gruppo C&A. Piano base per i collaboratori della C&A Mode SA Piano previdenziale in complemento al Regolamento di previdenza della Cassa Pensione del Gruppo C&A Piano base per i collaboratori della C&A Mode SA Valido dal 1 o gennaio 2015 Indice Art. 1 Regolamento

Dettagli

del 22 giugno 1998 (Stato 1 gennaio 2008)

del 22 giugno 1998 (Stato 1 gennaio 2008) Ordinanza sul «Fondo di garanzia LPP» (OFG) 831.432.1 del 22 giugno 1998 (Stato 1 gennaio 2008) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 56 capoversi 3 e 4, 59 capoverso 2 e 97 capoverso 1 della

Dettagli

REGOLAMENTO 2013. Prima parte: piano di previdenza A40.3. (proparis Fondazione di previdenza arti e mestieri Svizzera)

REGOLAMENTO 2013. Prima parte: piano di previdenza A40.3. (proparis Fondazione di previdenza arti e mestieri Svizzera) Ifangstrasse 8, Postfach, 8952 Schlieren, Tel. 044 253 93 92, Fax 044 253 93 94 info@pkschreiner.ch, www.pkschreiner.ch (proparis Fondazione di previdenza arti e mestieri Svizzera) REGOLAMENTO 2013 Prima

Dettagli

2 pilastro, LPP Previdenza professionale

2 pilastro, LPP Previdenza professionale 2 pilastro, LPP Previdenza professionale La previdenza professionale è parte integrante del secondo pilastro e serve a mantenere il tenore di vita abituale. 1. Contesto In Svizzera la previdenza per la

Dettagli

Il vostro attestato di previdenza spiegato in modo semplice. Previdenza professionale della Fondazione colle va Vita e della Zurich Assicurazioni

Il vostro attestato di previdenza spiegato in modo semplice. Previdenza professionale della Fondazione colle va Vita e della Zurich Assicurazioni Il vostro attestato di previdenza spiegato in modo semplice Previdenza professionale della Fondazione colle va Vita e della Zurich Assicurazioni Il vostro attestato di previdenza A prima vista, il vostro

Dettagli

Prima parte del piano di previdenza: S1 - S4 risp. S1U - S4U

Prima parte del piano di previdenza: S1 - S4 risp. S1U - S4U Cassa pensione Macellai (proparis - Previdenza arti e mestieri Svizzera) REGOLAMENTO 2009 Prima parte del piano di previdenza: S1 - S4 risp. S1U - S4U Per la previdenza professionale descritta nelle Disposizioni

Dettagli

3.03 Prestazioni dell AVS Renditi per superstiti dell AVS

3.03 Prestazioni dell AVS Renditi per superstiti dell AVS 3.03 Prestazioni dell AVS Renditi per superstiti dell AVS Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le rendite per superstiti hanno lo scopo di evitare che, al decesso del coniuge, di uno o di entrambi i genitori,

Dettagli

Regolamento sulla liquidazione parziale delle casse di previdenza della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale

Regolamento sulla liquidazione parziale delle casse di previdenza della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale Regolamento sulla liquidazione parziale delle casse di previdenza della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale (Edizione dicembre 2009) La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2013

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2013 Cassa pensione PANVICA (proparis Fondazione di previdenza arti e mestieri Svizzera) REGOLAMENTO DI PREVIDENZA 2013 Prima parte: piano di previdenza BB A partire dal 1 luglio 2013 entra in vigore per le

Dettagli

Regolamento di previdenza della Bâloise-Fondazione collettiva per la previdenza professionale obbligatoria

Regolamento di previdenza della Bâloise-Fondazione collettiva per la previdenza professionale obbligatoria Regolamento di previdenza della Bâloise-Fondazione collettiva per la previdenza professionale obbligatoria Edizione gennaio 2015 La vostra sicurezza ci sta a cuore. Indice I. Generalità 1. Basi 3 2. Obbligo

Dettagli

Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità

Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (Ordinanza sul libero passaggio, OLP) 831.425 del 3 ottobre 1994 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio

Dettagli

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi 2.09 Stato al 1 gennaio 2010 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Regolamento sulla liquidazione parziale e totale delle casse di previdenza

Regolamento sulla liquidazione parziale e totale delle casse di previdenza Regolamento sulla liquidazione parziale e totale delle casse di previdenza Bâloise-Fondazione collettiva per la previdenza professionale obbligatoria Edizione dicembre 2009 2 Regolamento Indice I. Oggetto

Dettagli

3.03 Prestazioni dell AVS Rendite per superstiti dell AVS

3.03 Prestazioni dell AVS Rendite per superstiti dell AVS 3.03 Prestazioni dell AVS Rendite per superstiti dell AVS Stato al 1 gennaio 2016 In breve Le rendite per superstiti hanno lo scopo di evitare che, al decesso del coniuge, di uno o di entrambi i genitori,

Dettagli

Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità

Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità Ordinanza sul libero passaggio nella previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (Ordinanza sul libero passaggio, OLP) 831.425 del 3 ottobre 1994 (Stato 1 gennaio 2012) Il Consiglio

Dettagli

CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER LE RENDITE VITALIZIE DIFFERITE

CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER LE RENDITE VITALIZIE DIFFERITE Edizione 2014 CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER LE RENDITE VITALIZIE DIFFERITE INDICE 1. Definizioni 2 1.1 Periodo di rendita 2 1.2 Riserva matematica di inventario 2 1.3 Riserva matematica sufficiente 2 1.4

Dettagli

3.03 Stato al 1 gennaio 2011

3.03 Stato al 1 gennaio 2011 3.03 Stato al 1 gennaio 2011 Rendite per superstiti dell AVS Rendite per superstiti 1 Le rendite per superstiti hanno lo scopo di evitare che, al decesso del coniuge, del padre o della madre, i superstiti

Dettagli

Regolamento per la previdenza professionale della cassa pensione pro

Regolamento per la previdenza professionale della cassa pensione pro Regolamento per la previdenza professionale della cassa pensione pro validi dallo 31.12.2012 cassa pensione pro Bahnhofstrasse 4 Casella postale 434 CH-6431 Svitto t + 41 41 817 70 10 f + 41 41 817 70

Dettagli

Cassa pensione del Credit Suisse Group (Svizzera) Spiegazioni sul certificato d assicurazione Assicurazione di risparmio

Cassa pensione del Credit Suisse Group (Svizzera) Spiegazioni sul certificato d assicurazione Assicurazione di risparmio Cassa pensione del Credit Suisse Group (Svizzera) Spiegazioni sul certificato d assicurazione Assicurazione di risparmio In vigore dal 1 gennaio 2015 FACSIMILE Personale Signor Gianni Modello Via Modello

Dettagli

Portrait. Contributi e prestazioni. Piani assicurativi e le loro possibilità di combinazione Disposizioni comuni

Portrait. Contributi e prestazioni. Piani assicurativi e le loro possibilità di combinazione Disposizioni comuni Portrait Contributi e prestazioni Piani assicurativi e le loro possibilità di combinazione Disposizioni comuni Sono determinanti le disposizioni del Regolamento Berna, febbraio 2008 I nostri Piani delle

Dettagli

Regolamento di previdenza Gennaio 2014

Regolamento di previdenza Gennaio 2014 Istituto di previdenza Regolamento di previdenza Gennaio 2014 In caso di divergenze giuridiche tra il testo originale e la traduzione in italiano è determinante quello in lingua tedesca. Copyright by Profond

Dettagli

PREVIDENZA OGGI E DOMANI. ASCOM PENSIONSKASSE (APK) BREVE GUIDA

PREVIDENZA OGGI E DOMANI. ASCOM PENSIONSKASSE (APK) BREVE GUIDA PREVIDENZA OGGI E DOMANI. ASCOM PENSIONSKASSE (APK) BREVE GUIDA PREVIDENZA GLOBALE TRE È IL NUMERO PERFETTO In Svizzera la previdenza globale si fonda su tre pilastri Come lavoratori dipendenti siete assicurati

Dettagli

Cassa pensione della Società svizzera di Farmacia. Aggiunta 3 al Regolamento 2005. In vigore dal 1 luglio 2007

Cassa pensione della Società svizzera di Farmacia. Aggiunta 3 al Regolamento 2005. In vigore dal 1 luglio 2007 Cassa pensione della Società svizzera di Farmacia Aggiunta 3 al Regolamento 2005 In vigore dal 1 luglio 2007 1 Preambolo 1. A seguito della decisione del 3 maggio 2007, il Consiglio di fondazione della

Dettagli

2 1 0 2 E L IA C O S O T N E M A L O G E R REGOLAMENTO SOCIALE

2 1 0 2 E L IA C O S O T N E M A L O G E R REGOLAMENTO SOCIALE REGOLAMENTO SOCIALE 2012 REGOLAMENTO SOCIALE valido a partire dal 1 o gennaio 2012 S U I S A Regolamento sociale 3 Indice 1 Scopo 5 2 Finanziamento della fondazione 5 3 Prestazioni della fondazione 5

Dettagli

Regolamento abbreviato della Cassa pensioni BonAssistus

Regolamento abbreviato della Cassa pensioni BonAssistus Regolamento abbreviato della Cassa pensioni BonAssistus a partire da 1 Gennaio 2013 Sommario I. Disposizione generali Art. 1 Ammissione Art. 2 Controllo sanitario Art. 3 Salario assicurato Art. 4 Accrediti

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita (Ordinanza sull assicurazione vita, OAssV) Modifica del 24 marzo 2004 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza sull assicurazione vita del 29

Dettagli

Regolamento quadro. GEMINI Sammelstiftung

Regolamento quadro. GEMINI Sammelstiftung Regolamento quadro GEMINI Sammelstiftung Valido dal 1 gennaio 2012 Fa fede la versione originale in tedesco. Indice A Basi e struttura 5 1 Nome e scopo 5 2 Struttura della previdenza 5 3 Affiliazione alla

Dettagli

Ordinanza sulla promozione della proprietà d abitazioni mediante i fondi della previdenza professionale

Ordinanza sulla promozione della proprietà d abitazioni mediante i fondi della previdenza professionale Ordinanza sulla promozione della proprietà d abitazioni mediante i fondi della previdenza professionale (OPPA) 831.411 del 3 ottobre 1994 (Stato 1 gennaio 2008) Il Consiglio federale svizzero, visti gli

Dettagli

Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità

Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (LPP) (Finanziamento degli istituti di previdenza

Dettagli

1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale

1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale 1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale La previdenza statale, nell ambito dell AVS/ AI, garantisce il minimo di sussistenza a tutta la popolazione. 1. Contesto In Svizzera la previdenza

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

Regolamento della previdenza della Tellco fondazione di libero passaggio

Regolamento della previdenza della Tellco fondazione di libero passaggio Regolamento della previdenza della Tellco fondazione di libero passaggio valevoli dal 06.06.2011 Tellco fondazione di libero passaggio Bahnhofstrasse 4 Casella postale 713 CH-6413 Svitto t + 41 41 817

Dettagli

Atto di fondazione. Atto di fondazione 1/6

Atto di fondazione. Atto di fondazione 1/6 Atto di fondazione Atto di fondazione 1/6 Indice Art. 1 Nome e sede...3 Art. 2 Scopo...3 Art. 3 Patrimonio...4 Art. 4 Consiglio di fondazione...4 Art. 5 Revisione...5 Art. 6 Successione giuridica, scioglimento

Dettagli

Cassa pensione della Società svizzera di Farmacia. Aggiunta 4 al Regolamento 2005. In vigore dal 1 luglio 2008

Cassa pensione della Società svizzera di Farmacia. Aggiunta 4 al Regolamento 2005. In vigore dal 1 luglio 2008 Cassa pensione della Società svizzera di Farmacia Aggiunta 4 al Regolamento 2005 In vigore dal 1 luglio 2008 1 Preambolo 1. A seguito della decisione del 7 maggio 2008, il Consiglio di fondazione della

Dettagli

Cassa pensione Mikron Regolamento. 1 gennaio 2014

Cassa pensione Mikron Regolamento. 1 gennaio 2014 Cassa pensione Mikron Regolamento 1 gennaio 2014 Indice 1. Denominazioni 1 2. Prefazione 2 3. Affiliazione alla Cassa 2 Art. 1 Principio 2 Art. 2 Inizio 2 Art. 3 Informazioni all inizio del rapporto di

Dettagli

6.02 Stato al 1 gennaio 2010

6.02 Stato al 1 gennaio 2010 6.02 Stato al 1 gennaio 2010 Indennità in caso di maternità Aventi diritto 1 Hanno diritto all indennità di maternità le donne che al momento della nascita del bambino: esercitano un attività lucrativa

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Pension Fund GF Machining Solutions. Regolamento della previdenza 2016

Pension Fund GF Machining Solutions. Regolamento della previdenza 2016 Pension Fund GF Machining Solutions Regolamento della previdenza 2016 Pension Fund GF Machining Solutions Regolamento della previdenza In caso di litigio, fa fede il testo del regolamento tedesco. Edizione

Dettagli

INFORMAZIONE SUL PIANO DI RISANAMENTO DELL ISTITUTO DI PREVIDENZA DEL CANTONE TICINO CHE ENTRERÀ IN VIGORE IL 1 GENNAIO 2013

INFORMAZIONE SUL PIANO DI RISANAMENTO DELL ISTITUTO DI PREVIDENZA DEL CANTONE TICINO CHE ENTRERÀ IN VIGORE IL 1 GENNAIO 2013 dicembre 2012 Agli Assicurati dell Istituto di previdenza del Cantone Ticino INFORMAZIONE SUL PIANO DI RISANAMENTO DELL ISTITUTO DI PREVIDENZA DEL CANTONE TICINO CHE ENTRERÀ IN VIGORE IL 1 GENNAIO 2013

Dettagli

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento 3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l età ordinaria di pensionamento. Gli

Dettagli

A Definizioni 04. F Organizzazione e amministrazione 21 Art. 21 Consiglio di fondazione Art. 22 Amministrazione della fondazione

A Definizioni 04. F Organizzazione e amministrazione 21 Art. 21 Consiglio di fondazione Art. 22 Amministrazione della fondazione Cassa pensioni Schindler Regolamento Edizione del 1 gennaio 2012 Index Pagina A Definizioni 04 B Fondazione, basi tecniche dell assicurazione 05 Art. 01 Nome e scopo della fondazione Art. 02 Cerchia degli

Dettagli

CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER LE ASSICURAZIONI SULLA VITA AGGANCIATE A PARTI DI FONDI

CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER LE ASSICURAZIONI SULLA VITA AGGANCIATE A PARTI DI FONDI Editionen 2014 CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER LE ASSICURAZIONI SULLA VITA AGGANCIATE A PARTI DI FONDI INDICE 1. Definizioni 2 1.1 Parti acquisite 2 1.2 Riserva matematica 2 1.3 Valore di riscatto 2 1.4 Valori

Dettagli

Regolamento di previdenza

Regolamento di previdenza Regolamento di previdenza Liberty 3a Fondazione di previdenza Sommario Art. 1 Scopo Art. 2 Oggetto del regolamento Art. 3 Stipulazione dell accordo di previdenza Art. 4 Contributi Art. 5 Imposte Art. 6

Dettagli

Il certificato di previdenza. Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale.

Il certificato di previdenza. Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale. Il certificato di previdenza. Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale. Il certificato di previdenza, allestito e spedito dal vostro istituto di previdenza del personale (fondazione) ogni

Dettagli

Regolamento per la promozione della proprietà dell abitazione

Regolamento per la promozione della proprietà dell abitazione Regolamento per la promozione della proprietà dell abitazione Fondazione SEF Konsumstrasse 22A 3000 Berna 14 www.eev.ch Promozione della proprietà dell abitazione mediante i fondi della previdenza professionale

Dettagli

Le prestazioni previdenziali della Cassa pensioni SRG SSR idée suisse Conto complementare (gennaio 2011)

Le prestazioni previdenziali della Cassa pensioni SRG SSR idée suisse Conto complementare (gennaio 2011) PKS CPS Le prestazioni previdenziali della Cassa pensioni SRG SSR idée suisse Conto complementare (gennaio 2011) Il presente documento, che completa il prospetto informativo sul primato delle prestazioni,

Dettagli

La mia cassa pensione

La mia cassa pensione La mia cassa pensione 2015 GastroSocial la sua cassa pensione L esercizio nel quale lavora è assicurato presso la Cassa pensione GastroSocial. La cassa opera nel rispetto delle disposizioni della Legge

Dettagli

Fondazione di previdenza dell'asg REGOLAMENTO 2014

Fondazione di previdenza dell'asg REGOLAMENTO 2014 Fondazione di previdenza dell'asg REGOLAMENTO 2014 Prima parte: piano di previdenza R A partire dal 1 gennaio 2014 entra in vigore per le persone assicurate nei piani il presente ordinamento per la previdenza

Dettagli

Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich. Regolamento Piano di capitale 1 valido dal 1 0 gennaio 2015

Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich. Regolamento Piano di capitale 1 valido dal 1 0 gennaio 2015 Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich Regolamento Piano di capitale valido dal 0 gennaio 05 Indice DISPOSIZIONI GENERALI 3 AVERI 3 3 LIVELLI PREVIDENZIALI 3 4 VERSAMENTI VOLONTARI 4 5 PRESTAZIONI

Dettagli

La vostra previdenza presso PUBLICA

La vostra previdenza presso PUBLICA La vostra previdenza presso PUBLICA Versione ridotta del Regolamento di previdenza per gli impiegati e i beneficiari di rendite della Cassa di previdenza della Confederazione Il presente opuscolo vi fornisce

Dettagli

Regolamento di previdenza

Regolamento di previdenza emanato dalla Commissione amministrativa il maggio 0 vista la legge sulla Cassa pensioni dei Grigioni (LCPG) I. In generale Art. La Cassa pensioni dei Grigioni (Cassa pensioni) offre ai suoi assicurati

Dettagli

Regolamento Scala. Previdenza professionale 2015

Regolamento Scala. Previdenza professionale 2015 Regolamento Scala Previdenza professionale 2015 Indice Introduzione Articolo 1 Scopo 2 Articolo 2 Gestione 2 Disposizioni e termini generali Articolo 3 Persone da assicurare 3 Articolo 4 Età/Età di pensionamento

Dettagli

05.2 Assicurazione di rendite. Assicurazione di rendite

05.2 Assicurazione di rendite. Assicurazione di rendite 05.2 Assicurazione di rendite Assicurazione di rendite Cassa pensione Novartis Regolamento dell assicurazione di rendite Editore: Cassa pensione Novartis Valido dal 1 o gennaio 2005 Indice A Art. 1 Art.

Dettagli

Regolamento di previdenza

Regolamento di previdenza Regolamento di previdenza Cassa Pensioni Musica e Educazione (di seguito denominata «Cassa pensioni») Valido a partire dal 1 gennaio 2015 Marktgasse 5, 4051 Basel T +41 61 906 99 00, F +41 61 906 99 01

Dettagli

Fondazione di previdenza dell'asg REGOLAMENTO 2009

Fondazione di previdenza dell'asg REGOLAMENTO 2009 Fondazione di previdenza dell'asg REGOLAMENTO 2009 Prima parte: piano di previdenza R A partire dal 1 gennaio 2009 entra in vigore per le persone assicurate nei piani R1 R3 il presente ordinamento per

Dettagli

Regolamento concernente la promozione della proprietà d abitazioni della cassa pensione pro

Regolamento concernente la promozione della proprietà d abitazioni della cassa pensione pro Regolamento concernente la promozione della proprietà d abitazioni della cassa pensione pro validi dallo 01.01.2011 cassa pensione pro Bahnhofstrasse 4 Casella postale 434 CH-6431 Svitto t + 41 41 817

Dettagli

Regolamento concernente la previdenza professionale Sistema misto dei primati

Regolamento concernente la previdenza professionale Sistema misto dei primati com Plan Regolamento concernente la previdenza professionale Sistema misto dei primati Valido dal 1 gennaio 2015 Il presente regolamento è ottenibile anche in tedesco, francese e inglese. Indice 4 Nome

Dettagli

Ordinanza concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero

Ordinanza concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero Ordinanza concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero (Ordinanza sull istruzione degli Svizzeri all estero, OISE) 418.01 del 29 giugno 1988 (Stato 1 gennaio 2008) Il Consiglio

Dettagli

Previdenza professionale

Previdenza professionale Agrisano Pencas Previdenza professionale Piani: A B C E F Regolamento di previdenza LPP valido dal 1 gennaio 2014 Indice Regolamento di previdenza 2014... 2 A. Introduzione... 2 Art. 1 - Scopo / Basi...

Dettagli

1.1 Generalità 1. 1.2 Basi dell assicurazione 1. 2.1 Cerchia di persone 1. 2.2 Anno assicurativo 1

1.1 Generalità 1. 1.2 Basi dell assicurazione 1. 2.1 Cerchia di persone 1. 2.2 Anno assicurativo 1 Condizioni generali d assicurazione applicabili all assicurazione complementare di rischio per i destinatari della Cassa pensioni Swatch Group (previdenza individuale libera 3b) Edizione 01/2015 Sommario

Dettagli

172.220.111.310.3 Ordinanza del DFF concernente i mutui ipotecari agevolati tramite il patrimonio di PUBLICA 1

172.220.111.310.3 Ordinanza del DFF concernente i mutui ipotecari agevolati tramite il patrimonio di PUBLICA 1 Ordinanza del DFF concernente i mutui ipotecari agevolati tramite il patrimonio di PUBLICA 1 (Ordinanza sui mutui ipotecari DFF) del 10 dicembre 2001 (Stato 14 giugno 2005) Il Dipartimento federale delle

Dettagli

Certificato di previdenza

Certificato di previdenza www.allianz.ch Certificato di previdenza Marzo 2014 Scheda informativa per l assicurato Il certificato di previdenza del singolo lavoratore viene creato annualmente. Il documento fornisce importanti informazioni

Dettagli

FIAS. Federazione svizzera degli impiegati delle assicurazioni sociali. Commissione centrale d esame. Esame professionale 2013

FIAS. Federazione svizzera degli impiegati delle assicurazioni sociali. Commissione centrale d esame. Esame professionale 2013 FIAS Federazione svizzera degli impiegati delle assicurazioni sociali Commissione centrale d esame Esame professionale 203 Previdenza professionale (PP) Numero della/del candidata/o: Durata dell esame:

Dettagli

05.3 Assicurazione Incentive/Bonus. Assicurazione Incentive/Bonus

05.3 Assicurazione Incentive/Bonus. Assicurazione Incentive/Bonus 05.3 Assicurazione Incentive/Bonus Assicurazione Incentive/Bonus Cassa pensione Novartis Regolamento dell assicurazione Incentive/Bonus Pubblicato dalla Cassa pensione Novartis Valido dal 1 o gennaio 2005

Dettagli

Ordinanza dell Assemblea federale concernente la legge sulle indennità parlamentari 1

Ordinanza dell Assemblea federale concernente la legge sulle indennità parlamentari 1 Ordinanza dell Assemblea federale concernente la legge sulle indennità parlamentari 1 171.211 del 18 marzo 1988 (Stato 1 gennaio 2010) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo

Dettagli

Cambiamento nella vita professionale. La previdenza dopo lo scioglimento del rapporto di lavoro.

Cambiamento nella vita professionale. La previdenza dopo lo scioglimento del rapporto di lavoro. Cambiamento nella vita professionale. La previdenza dopo lo scioglimento del rapporto di lavoro. Cambiamento nella vita professionale. La previdenza dopo lo scioglimento del rapporto di lavoro. Inizio

Dettagli

Regolamento di previdenza della Cassa Pensione del Gruppo C&A. Valido dal 1 o gennaio 2015

Regolamento di previdenza della Cassa Pensione del Gruppo C&A. Valido dal 1 o gennaio 2015 Regolamento di previdenza della Cassa Pensione del Gruppo C&A Valido dal 1 o gennaio 2015 Regolamento di previdenza della Cassa Pensione del Gruppo C&A Valido dal 1 o gennaio 2015 2 QUADRO D ASSIEME DELLE

Dettagli

Contributi degli indipendenti all AVS, all AI e alle IPG

Contributi degli indipendenti all AVS, all AI e alle IPG 2.02 Contributi Contributi degli indipendenti all AVS, all AI e alle IPG Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve L assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (AVS), l assicurazione invalidità (AI) e

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Regolamento concernente la promozione della proprietà di un abitazione della Tellco Pensinvest

Regolamento concernente la promozione della proprietà di un abitazione della Tellco Pensinvest Regolamento concernente la promozione della proprietà di un abitazione della Tellco Pensinvest valevoli dal 24.07.2012 Tellco Pensinvest Bahnhofstrasse 4 Casella postale 434 CH-6431 Svitto t + 41 41 817

Dettagli

Piano di previdenza Perspective

Piano di previdenza Perspective Composizione, contributi e prestazioni in breve Stato 1 gennaio 2014 0 Pagina 1 Questa versione ridotta del Regolamento è stata concepita per permettervi di trovare subito le risposte alle vostre domande

Dettagli

Ordinanza sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità

Ordinanza sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità Ordinanza sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (OPP 2) Modifica del 19 settembre 2008 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 18 aprile 1984 1 sulla

Dettagli

La Cassa pensioni Posta

La Cassa pensioni Posta La Cassa pensioni Posta Perché un opuscolo? Con questo opuscolo desideriamo aiutarla a comprendere meglio la complessa materia della previdenza professionale e del regolamento di previdenza. L opuscolo

Dettagli

Temi specifici della Cassa pensione Coop. 1 Gennaio 2015

Temi specifici della Cassa pensione Coop. 1 Gennaio 2015 Temi specifici della Cassa pensione Coop 1 Gennaio 2015 Informazioni sull affiliazione alla CPV/CAP 2 Tema Informazioni essenziali Informazioni sull affiliazione alla CPV/CAP Che cos è la CPV/CAP? La CPV/CAP

Dettagli

Regolamento generale LPP. Parte generale del Regolamento in vigore dall 1.1.2011 Loyalis Fondazione collettiva LPP

Regolamento generale LPP. Parte generale del Regolamento in vigore dall 1.1.2011 Loyalis Fondazione collettiva LPP Regolamento generale LPP. Parte generale del Regolamento in vigore dall 1.1.2011 Loyalis Fondazione collettiva LPP Indice I. Definizioni generali 1. Basi contrattuali 2. Finalità 3. Affiliazione di una

Dettagli

Cassa pensione della Società svizzera di Farmacia. Aggiunta 1 al Regolamento 2005. In vigore dal 1 gennaio 2006

Cassa pensione della Società svizzera di Farmacia. Aggiunta 1 al Regolamento 2005. In vigore dal 1 gennaio 2006 Cassa pensione della Società svizzera di Farmacia Aggiunta 1 al Regolamento 2005 In vigore dal 1 gennaio 2006 1 Preambolo 1. Tramite la decisione del 3 novembre 2005, il Consiglio di fondazione della Cassa

Dettagli

Regolamento di previdenza Vita Classic. Fondazione collettiva Vita, Zurigo

Regolamento di previdenza Vita Classic. Fondazione collettiva Vita, Zurigo Regolamento di previdenza Vita Classic Fondazione collettiva Vita, Zurigo Sommario Regolamento di previdenza 3 1 Introduzione 3 1.1 Quali termini e abbreviazioni vengono utilizzati? 3 1.2 Qual è lo scopo

Dettagli

Traduzione 1. Conchiuso il 9 luglio 1947 Entrato in vigore il 9 luglio 1947

Traduzione 1. Conchiuso il 9 luglio 1947 Entrato in vigore il 9 luglio 1947 Traduzione 1 0.946.294.545 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica Italiana concernente il regolamento dei rapporti d assicurazione e di riassicurazione tra i due Paesi Conchiuso il 9 luglio

Dettagli

Regolamento quadro LPP. Edizione 2014

Regolamento quadro LPP. Edizione 2014 Regolamento quadro LPP Edizione 2014 Regolamento quadro Parte generale del regolamento, valido dal 01.01.2014 Loyalis Fondazione collettiva LPP Loyalis Fondazione collettiva LPP Regolamento quadro 2014

Dettagli

05.4 Assicurazione lavoro a turni. Assicurazione lavoro a turni

05.4 Assicurazione lavoro a turni. Assicurazione lavoro a turni 05.4 Assicurazione lavoro a turni Assicurazione lavoro a turni Cassa pensione Novartis Regolamento per l Assicurazione lavoro a turni Pubblicato dalla Cassa pensione Novartis Basilea Valido dal 1 o gennaio

Dettagli

Condizioni generali d assicurazione applicabili alle assicurazioni di rischio per i destinatari della cassa pensioni FFS Edizione 09/2014

Condizioni generali d assicurazione applicabili alle assicurazioni di rischio per i destinatari della cassa pensioni FFS Edizione 09/2014 Condizioni generali d assicurazione applicabili alle assicurazioni di rischio per i destinatari della cassa pensioni FFS Edizione 09/2014 (Capitale di invalidità, capitale in caso di decesso) Sommario

Dettagli

CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER L ASSICURAZIONE SULLA VITA VINCOLATA A PARTECIPAZIONI PAX-DIAMONDLIFE FINANZIATA CON PREMI PERIODICI

CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER L ASSICURAZIONE SULLA VITA VINCOLATA A PARTECIPAZIONI PAX-DIAMONDLIFE FINANZIATA CON PREMI PERIODICI Edizione 2014 CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER L ASSICURAZIONE SULLA VITA VINCOLATA A PARTECIPAZIONI PAX-DIAMONDLIFE FINANZIATA CON PREMI PERIODICI INDICE 1. Definizioni 2 1.1 Emittente 2 1.2 Prodotto strutturato

Dettagli

Il certificato della cassa pensione spiegato in parole povere/

Il certificato della cassa pensione spiegato in parole povere/ Il certificato della cassa pensione spiegato in parole povere/ A prima vista il certificato della cassa pensione sembra incomprensibile. Basta però qualche nozione in più per sapersi districare fra tutti

Dettagli

1 Il calcolo anticipato della rendita informa sulle rendite

1 Il calcolo anticipato della rendita informa sulle rendite 3.06 Stato al 1 o gennaio 2007 Calcolo anticipato della rendita Informazioni sulla rendita futura 1 Il calcolo anticipato della rendita informa sulle rendite AVS/AI a cui si avrà verosimilmente diritto.

Dettagli

Regolamento della Cassa pensione Novartis 2

Regolamento della Cassa pensione Novartis 2 Regolamento della Cassa pensione Novartis 2 Cassa pensione Novartis Regolamento della Cassa pensione Novartis 2 Pubblicato da: Cassa pensione Novartis valido dal 1 o gennaio 2011 Panoramica delle prestazioni

Dettagli

1.2011 Stato al 1 gennaio 2011

1.2011 Stato al 1 gennaio 2011 1.2011 Stato al 1 gennaio 2011 Modifiche concernenti contributi e prestazioni in vigore dal 1 gennaio 2011 Indice Cifra Contributi 1-5 Prestazioni dell AVS 6-7 Prestazioni dell AI 8-9 Prestazioni complementari

Dettagli

Valida dal 1 gennaio 1994. Stato: 1 gennaio 2005. 318.102.07 i 6.07

Valida dal 1 gennaio 1994. Stato: 1 gennaio 2005. 318.102.07 i 6.07 Circolare sui contributi dovuti all AVS AI e IPG, dalle persone esercitanti un attività lucrativa che hanno raggiunto l età conferente il diritto alla rendita di vecchiaia Valida dal 1 gennaio 1994 Stato:

Dettagli

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione (Legge sulla CPC) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 34 quater e 85 numeri 1 e 3 della Costituzione

Dettagli