bilancio sociale 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "bilancio sociale 2013"

Transcript

1 bilancio sociale 2013 Cooperativa Sociale La linea dell arco Via Balicco, Lecco - Tel. 0341/ Fax 0341/ e mail: Partita IVA COMUNITA C I T T A D I N A N Z A COMUNITA TERRITORIO CITTADINANZA A T T I V A PRENDERSI CURA T E R R I T O R I O SOCI A T T I V A IMPRENDITORIALITA S O C I A L E CO PROGETTAZIONE PRENDERSI C U R A S O C I IMPRENDITORIALITA S O C I A L E CO - PROGETTAZIONE COMUNITA

2

3 Ai Soci

4

5 INDICE LETTERA AI PORTATORI D INTERESSI 3 1. INTRODUZIONE Metodologia Modalità di comunicazione Riferimenti normativi 4 2. IDENTITA DELL ORGANIZZAZIONE Informazioni generali Storia Mission e vision Oggetto Sociale Territorio di riferimento Cooperativa Sociale La Linea dell arco in cifre STRUTTURA ORGANIZZATIVA Tipologia di governo Struttura di governo Composizione Base Sociale e Capitale Sociale PORTATORI D INTERESSE STAKEHOLDER Le Reti Volontari Clienti Fornitori Lavoro Tipologia e costi Formazione Certificazione di qualità Sicurezza e privacy ATTIVITA SVOLTE E RISULTATI SOCIALI Area prima infanzia Area formazione e consulenza Settore Centro Sociale Madre Teresa di Calcutta di Costa Masnaga Area anziani Area minori e giovani DIMENSIONE ECONOMICA Costruzione e distribuzione della ricchezza Valori e costi della produzione Distribuzione della ricchezza patrimoniale PROSPETTIVE FUTURE 49

6 Stesura a cura di Lidia Balio e Giancarla Colombo

7 3 LETTERA AI PORTATORI D INTERESSI Cari soci, Cari collaboratori e soggetti coinvolti Siamo giunti alla consueta presentazione del bilancio sociale, strumento che ormai sta diventando efficace per verificare e monitorare l andamento e le evoluzioni della nostra organizzazione. In continuità con quanto rilevato per il 2012 possiamo dire che anche il 2013 è stato un anno denso in termini di cambiamento e rinnovamento. Scorrendo il bilancio sociale è possibile ottenere una panoramica ricca ed articolata dei numerosi interventi, progetti e servizi che ci hanno visto crescere come organizzazione e come soggetto capace di stare in rete con altri impegnati nello sviluppo di politiche sociali territoriali e di comunità. La lettura di questo bilancio può essere analizzata a partire dai due fronti che negli anni si sono sempre tenuti saldi: da un lato il consolidamento e dall altro l innovazione. Il 2013, se analizzato da questi due punti, si è mosso con azioni concrete di mantenimento ma anche guardando al futuro con possibili strategie di sviluppo. Il primo punto si è concretizzato con la proposizione di uno slancio sul versante della campagna associativa e della ricapitalizzazione volto sia al reclutamento di nuovi soci che alla proposizione di un nuovo investimento da parte dei soci come supporto e attivazione visibile e concreto che ha dimostrato un grande livello di partecipazione e condivisione. L altro punto ha riguardato l avvio di un processo che guarda al futuro prospettando un cambiamento storico della nostra cooperativa e quindi l approfondimento della realizzazione di una possibile fusione con la cooperativa sociale Il Talento. Credo che questa prospettiva avviata abbia posto le basi per accrescere la consapevolezza di essere sempre più soggetti attivi nello sviluppo di interventi che ci vedono protagonisti e capaci di sviluppare strategie imprenditoriali. Ringrazio quindi tutti coloro che hanno lavorato per il raggiungimento degli obiettivi delineati, coloro che abbiamo incontrato nei servizi e nei progetti, i volontari che hanno collaborato con noi e quanti hanno lavorato alla stesura di questo bilancio sociale. Buona lettura. Il Presidente Angela Palleschi

8 4 1. INTRODUZIONE 1.1 Metodologia Il bilancio sociale della Coop. Sociale La Linea dell arco s.c.a.r.l. è lo strumento di rendicontazione annuale di tutte le attività svolte dalla Cooperativa sotto il profilo narrativo, gestionale e economico-finanziario. Il periodo di riferimento di questa settima edizione è l anno solare 2013 e le informazioni relative agli obiettivi e al contesto, agli organigrammi e alle risorse umane, ai progetti e ai contenuti, sono aggiornate al 31/12/2013. In termini metodologici la finalità della rendicontazione è quella di migliorare la qualità e la trasparenza delle informazioni destinate a tutti i portatori di interesse con particolare attenzione all ottenimento di un documento leggibile e fluido che integra indicatori economici e analisi metrica con rispettive relazioni che nel corso delle passate edizioni sono andate via via arricchendosi di contenuti. La realizzazione è stata curata dall interno, dal Responsabile Amministrativo e dal Direttore che hanno predisposto una prima bozza poi sottoposta al Consiglio di Amministrazione prima dell approvazione definitiva da parte dell Assemblea Soci. 1.2 Modalità di comunicazione Il presente bilancio sociale sarà consegnato e diffuso a tutti i soci e lavoratori della Cooperativa, alle cooperative della rete consortile e ai portatori d interesse più significativi, sia pubblici che privati, a partire da luglio Inoltre sarà disponibile e consultabile nella versione in formato elettronico all indirizzo il sito online della Cooperativa. 1.3 Riferimenti normativi Il documento è stato redatto ispirandosi liberamente sia ai Principi di Redazione del Bilancio Sociale elaborati dal Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale (GBS) del 2001 sia agli Standard Internazionali del GRI (Global Reporting Iniziative). Dal punto di vista normativo i riferimenti sono: - Decreto attuativo del Ministero della Solidarietà Sociale del 24/01/2008 contenente le Linee Guida per la redazione del bilancio sociale da parte delle organizzazioni che esercitano l impresa sociale; - Delibera della giunta regionale della Lombardia n 5536/2007. Il Bilancio Sociale 2013 è stato presentato e condiviso nell assemblea soci del 29 luglio 2014 che ne ha deliberato l approvazione.

9 5 2. IDENTITA DELL ORGANIZZAZIONE 2.1 Informazioni generali Di seguito vengono presentati i principali dati inerenti l organizzazione al 31 dicembre Denominazione Indirizzo sede legale e operativa Forma giuridica e modello di riferimento Tipologia COOPERATIVA SOCIALE LA LINEA DELL'ARCO SOC. COOP. A R.L. Via Balicco, LECCO (LC) S.p.A. Cooperativa Sociale di tipo A Data di costituzione 11/07/1986 Luogo di costituzione Lecco Rappresentante legale Palleschi Angela Codice Fiscale Partita Iva N iscrizione Albo Nazionale società cooperative N iscrizione Albo Regionale cooperative sociali A mutualità prevalente di diritto dal 25/03/2005 al n.a Sez. A n. 208 R.E.A Registro Imprese 9024 Telefono e Fax Tel Fax Sito internet PEC Partecipazioni in consorzi e cooperative Confcooperative Unione provinciale di Lecco Consorzio Consolida (Lecco) C.r.a.m.s. CooperativaSociale a.r.l. - Lecco Consorzio Cooperativo Finanziario per lo Sviluppo (RE) Consorzio Eurocoop Lecco Società Cooperativa (Lecco) Confcooperfidi Lombardia Società Cooperativa Codice ateco Certificazione Qualità La cooperativa è certificata UNI EN ISO 9001: 2008 per la progettazione e gestione di asili nido.

10 6 2.2 Storia La Cooperativa la Linea dell'arco nasce nel luglio 1986 come uno degli ambiti lavorativi dell'associazione Comunità di via Gaggio, realtà che opera nel territorio lecchese dal 1975 in attenzione al disagio giovanile (inizialmente occupandosi dei problemi legati alla tossicodipendenza) e, più in generale, dei bisogni sociali emergenti nel territorio. La cooperativa assume, come parte integrante di detta comunità, l'operatività sul fronte della prevenzione del disagio giovanile caratterizzandosi con una forte matrice di tipo "volontario". A partire dal '90 la Cooperativa la Linea dell'arco si costituisce quale realtà autonoma e nel 1992 è riconosciuta dalla Regione Lombardia come Ente Ausiliario per le tossicodipendenze, operando come Centro di Documentazione e Prevenzione. Nel 1993 opta per la propria trasformazione in Cooperativa Sociale, inserendosi tra le realtà di tipo A, secondo il dettato normativo che con il 1991 interviene a disciplinare l ambito della cooperazione sociale (L. 381/91). Nel 1994 s iscrive all'albo Regionale delle cooperative sociali. Nel frattempo gli ambiti di intervento dell organizzazione cominciano a differenziarsi e, accanto ai più consolidati servizi e progetti di prevenzione del disagio giovanile e di promozione del benessere, cominciano a svilupparsi altre aree d attività: la formazione, la ricerca, il supporto agli operatori sociali del territorio, la prima infanzia, l animazione con gli anziani, le famiglie. I tanti interventi, tuttavia, restano accomunati dalla dimensione della cura delle comunità locali nelle quali si opera, delle persone e delle organizzazioni, nei territori e nei contesti del quotidiano. 2.3 Mission e vision La cooperativa ha come principio fondamentale della sua missione quello di perseguire l interesse generale della comunità per la promozione umana e l integrazione sociale dei cittadini. Le finalità che la cooperativa pone nel suo intervento si trovano sintetizzate nel suo logo e nel suo nome. Nel logo: L omino camuno che crea un cerchio sotto un arco, in una dinamica di movimento. Indica la prospettiva antropologica che vede nella cura del benessere della persona la finalità del suo operare, ma anche l affermazione che ognuno è chiamato attivamente e responsabilmente a costruire il tessuto di solidarietà e di libertà per tutti, a partire

11 7 dai più deprivati delle risorse necessarie per raggiungere un livello dignitoso di esistenza (Cfr. Art. 3, comma 2 della Costituzione della Repubblica Italiana). Nel nome: L'immagine è quella di un arco che, collegato da una corda, viene teso e fornisce la spinta per la freccia (Gibran - Ulisse). Indica che la cooperativa è una realtà di "collegamento" e di "spinta", che intende promuovere nel territorio in cui opera una positiva tensione in ordine ai bisogni e alle risorse dei cittadini nella comunità: dare spazio e parola alla gente, ai giovani, ai gruppi, perché siano messe in tensione le energie dei soggetti, valorizzando le proprie risorse per rilanciare per sé e per altri una prospettiva per il futuro. Principi di riferimento per la progettazione e realizzazione degli interventi della cooperativa sono: a. La volontà di prendersi cura delle comunità locali, con attenzione alla valorizzazione delle soggettività e alla correlazione degli interventi. b. La promozione di una cultura della relazionalità tra soggetti, gruppi, istituzioni, organizzazioni, attraverso approcci riconducibili al lavoro di rete. c. Il radicamento territoriale, inteso come volontà di sviluppare azioni aderenti ai bisogni e alle risorse dei soggetti e del contesto, per la promozione del territorio provinciale, cui la cooperativa appartiene e di cui è espressione. d. L intenzionalità nell assicurare sinergie di competenze, sistemi operativi, metodologie e innovazione nell attivazione degli interventi, anche attraverso appartenenze a Consorzi e reti territoriali di raccordo e collegamento. Nel perseguire la propria mission la cooperativa si ispira ai seguenti valori: a. Promozione umana (centralità della persona). La cooperativa riconosce la centralità della persona e la sua valorizzazione e opera per la promozione umana del soggetto sia singolo che all interno di forme organizzate (gruppi, associazioni, collettività). b. Promozione della dimensione comunitaria (centralità della persona in relazione con). La cooperativa riconosce l importanza della dimensione relazionale e dei contesti di aggregazione e associazione, quali ambiti idonei alla crescita e promozione del singolo e delle comunità sociali. c. Il territorio come luogo di relazione tra i soggetti (prossimità). La cooperativa riconosce l importanza del territorio come luogo privilegiato nel quale i soggetti singoli e/o le loro forme organizzate agiscono la propria socialità e costruiscono le condizioni della convivenza civile. d. Partecipazione. La cooperativa riconosce la partecipazione come strumento privilegiato nella costruzione dell identità civile di una comunità locale e come processo democratico per perseguire una pacifica convivenza civile.

12 8 e. Competenza. La cooperativa riconosce l importanza della competenza come strumento per la realizzazione di interventi efficaci e migliorativi delle condizioni di vita delle persone di una comunità. 2.4 Oggetto Sociale Secondo quanto riportato nello statuto, l'oggetto sociale della cooperativa sono le attività socio assistenziali ed educative di cui all articolo 1 primo comma punto a) della legge 8 novembre 1991 n.381, da conseguirsi avvalendosi principalmente dell attività dei soci cooperatori. In relazione a ciò la cooperativa può gestire stabilmente o temporaneamente, in proprio o per conto terzi, le seguenti attività, suddivise per aree: Minori, adolescenti e giovani ; Anziani ; Area nuove povertà ed emarginazione sociale ; Prevenzione e lotta alla dipendenza da sostanze illecite e lecite ; Area cooperazione internazionale e Formazione. Area minori, adolescenti e giovani: - Asili nido e strutture similari, giardini aperti, ludoteca piccoli e grandi, spazio gioco. - Centri ricreativi diurni. - Centri di aggregazione giovanile. - Attività educativa di strada. - Attività di animazione del territorio. - Assistenza domiciliare a minori. - Comunità alloggio per minori e giovani in difficoltà. - Pronto intervento. - Centri di ascolto e counseling come relazione di aiuto e di orientamento anche scolastico e lavorativo dei giovani. - Ogni genere di servizio culturale, di animazione, ricreativo, sportivo, turistico ed educativo per i giovani. Area anziani: - Ogni genere di servizio culturale, di animazione, ricreativo per anziani. Area nuove povertà ed emarginazione sociale: - Azioni preventive del disagio sociale. - Prevenzione, prestazioni sul territorio, collocamento presso ambienti protetti, pronto intervento, coordinamento fra enti, aspetti culturali. - Vicinanza, condivisione, ascolto, orientamento, educazione, sostegno psicologico, pedagogico e sociale, tutela della salute, aiuto materiale, animazione, contatti con le persone di riferimento. - Centri di ascolto. - Comunità di accoglienza donne con figli. Area prevenzione e lotta alla dipendenza da sostanze illecite e lecite: - Progetti di prevenzione promossi in scuole, centri sociali, centri aggregazione giovanili, educativa di strada. - Centri sociali ed altre strutture con carattere animativo e finalizzate al miglioramento della qualità della vita, nonché altre iniziative per il tempo libero, la cultura ed il turismo sociale. - Attività di sensibilizzazione ed animazione delle comunità locali entro cui opera, al fine di renderla più consapevole e disponibile all attenzione ed all accoglienza delle persone in stato di bisogno. - Campagne di sensibilizzazione e di informazione.

13 9 Area formazione: - Formazione per operatori in ambito sociale. - Percorsi formativi di specializzazione in ambito educativo, espressivo e terapeutico. - Supervisione e coordinamento di progetti e servizi socio educativi. - Formazione per adulti e volontariato. Area cooperazione internazionale: - Progetti di cooperazione internazionale finalizzati alla scambio di modelli educativi e buone pratiche di intervento nel campo socio educativo. Nelle aree di intervento sopraccitate si potranno realizzare attività di: a. consulenza, promozione, ricerca, elaborazione dei dati, raccolta e/o produzione di documentazione e attivazione di centri studi; b. Progettazione, diffusione e realizzazione di materiali audiovisivi, grafici e pubblicazioni editoriali; c. organizzazione e gestione di convegni, seminari e mostre e eventi fieristici. La Cooperativa può operare anche con terzi. La cooperativa ha infine come scopo quello di fornire servizi ai propri soci. La cooperativa potrà svolgere attività produttive, attribuendo alle stesse una valenza terapeutica ed educativa, comunque non finalizzate all inserimento lavorativo; in relazione a ciò la cooperativa può gestire stabilmente o temporaneamente, aziende in proprietà o in affitto, attività di conservazione e trasformazione di prodotti propri o acquistati, lavorazioni a favore di terzi con i propri mezzi, attività finalizzate alla commercializzazione dei propri prodotti. (attività di vendita di oggettistica realizzata da persone in situazione di disagio sociale e/o a rischio di emarginazione, purché le modalità di produzione di tali manufatti abbiano precise caratteristiche di conformità ad un progetto educativo volto alla promozione umana, al reinserimento ed alla riabilitazione sociale e purché non sottintendano impegno verso commesse quantitativamente rilevanti. Le eventuali risorse ottenute saranno esclusivamente reimpiegate nelle medesime attività che le hanno generate.) Nei limiti e secondo le modalità previste dalle vigenti norme di legge la Cooperativa potrà svolgere qualunque altra attività connessa o affine agli scopi sopraelencati, nonché potrà compiere tutti gli atti e concludere tutte le operazioni di natura immobiliare, mobiliare, commerciale, industriale e finanziaria necessarie od utili alla realizzazione degli scopi sociali o comunque, sia direttamente che indirettamente, attinenti ai medesimi, compresa l istituzione, costruzione, acquisto di magazzini, attrezzature ed impianti atti al raggiungimento degli scopi sociali. Le attività di cui al presente oggetto sociale saranno svolte nel rispetto delle vigenti norme in materia di esercizio di professioni riservate per il cui esercizio è richiesta l iscrizione in appositi albi o elenchi. La Cooperativa potrà partecipare a gare d appalto indette da Enti Pubblici o Privati, direttamente o indirettamente anche in A.T.I., per lo svolgimento delle attività previste nel presente Statuto; potrà richiedere ed utilizzare le provviste disposte dalla CEE, dallo Stato, dalla Regione, dagli Enti locali o organismi Pubblici o Privati interessati allo sviluppo della cooperazione. Essa può altresì assumere, in via non prevalente, interessenze e partecipazioni, sotto qualsiasi forma, in imprese, specie se svolgono attività analoghe e comunque accessorie all attività sociale, con esclusione assoluta della possibilità di svolgere attività di assunzione di partecipazione riservata dalla legge a società in possesso di determinati requisiti, appositamente autorizzate e/o iscritte in appositi albi. Essa può aderire e partecipare ad Enti ed Organismi economici, consortili e fideiussori diretti a consolidare e sviluppare il movimento cooperativo ed agevolarne gli scambi, gli approvvigionamenti e il credito. Può concedere avalli cambiari, fideiussioni e qualsiasi altra

14 10 garanzia sotto qualsivoglia forma agli enti cui la cooperativa aderisce, nonché a favore di terzi, ter nel tassativo rispetto delle norme legislative vigenti. Favorire e sviluppare iniziative sociali, mutualistiche, previdenziali, assistenziali, culturali e ricreative sia con creazione di apposite sezioni sia con partecipazione ad Organismi ed enti idonei. La Cooperativa inoltre, per stimolare e favorire lo spirito di previdenza e di risparmio dei soci, potrà istituire una sezione di attività, disciplinata da apposito regolamento, per la raccolta di prestiti limitata ai soli soci ed effettuata esclusivamente esclusivamente ai fini dell oggetto sociale. È in ogni caso esclusa ogni attività di raccolta di risparmio tra il pubblico. La società potrà costituire fondi per lo sviluppo tecnologico o per la ristrutturazione o per il potenziamento aziendale nonché adottare procedure procedure di programmazione pluriennale finalizzate allo sviluppo o all ammodernamento aziendale, ai sensi della Legge n. 59 ed eventuali norme modificative ed integrative e potrà altresì emettere strumenti finanziari secondo le modalità e nei limiti iti previsti dalla vigente normativa. Gli amministratori sono autorizzati a compiere le operazioni indicate dall art del codice civile nei limiti e secondo le modalità ivi previste. 2.5 Territorio di riferimento La Linea dell arco opera prevalentemente prevalentemente nel territorio della provincia di Lecco. In provincia di Como gestisce l asilo nido comunale della ella città di Erba, l animazione in una RSA di Albese con Cassano. Cassano In ogni caso, la cooperativa opera privilegiando interventi locali. La riflessione su tale tema è mantenuta viva sia all interno dell organizzazione sia a livello consortile. Il Consorzio Consolida infatti è non solo il luogo di raccordo per definire strategie territoriali gestionali e operative, ma anche per valutare più estesamente il ruolo lo della cooperazione sociale nel territorio e la coerenza con la sua mission costitutiva. COMUNI DELLA PROVINCIA DI LECCO IN CUI LA COOPERATIVA OPERA Abbadia ia Lariana, Annone Brianza, Ballabio, Bellano, Bosisio Parini, Calolziocorte, Cesana Brianza, Civate, Costa Masnaga, Dervio, Dolzago, Galbiate, Garlate, Introbio, Lecco, Lierna, Lomagna, Mandello, Merate, Montevecchia, Oggiono, Olginate, Oliveto Lario, Pescate, Rogeno, Valgreghentino, Valmadrera Cooperativa Sociale La linea dell arco Bilancio Sociale S 2013

15 Cooperativa Sociale La Linea dell arco in cifre Linea dell arco Anno 2012 Anno 2013 Patrimonio Netto Capitale Sociale Soci lavoratori Soci volontari Beneficiari diretti Beneficiari indiretti Partner locali Dipendenti Età media da 31 a 40 da 31 a 40 Percentuale donne 90% 88% Collaboratori Fornitori e Consulenti Volontari attivi Volontari servizio civile 3 2 Donatori 0 0 Fondi raccolti 0 0 Contributi Progetti e servizi gestiti Ricavi per progetti Costi per progetti

16 12 3. STRUTTURA ORGANIZZATIVA 3.1 Tipologia di governo La tabella riporta gli amministratori della cooperativa nell anno I consiglieri d amministrazione sono stati eletti all unanimità con voto palese dall assemblea dei soci. Tabella 1 Composizione CdA Nome e cognome Carica Altri dati ANGELA PALLESCHI MAURO RIVA Componente dal 28/05/2012 Presidente dal 28/05/2012 Componente dal 28/05/2012 Vice Presidente dal 28/05/2012 LORENZA CHIARA Componente dal 28/05/2012 MANUELA FARINELLI Componente dal 28/05/2012 CARLO GAIATI Componente dal 28/05/2012 MONICA GHISLANZONI Componente dal 28/05/2012 Socio Lavoratore dal 01/03/2007 residente a ERBA (CO) Socio Lavoratore dal 21/01/2000 residente a GALBIATE (LC) Socio Lavoratore dal 24/12/1997 residente a COMO (CO) Socio Lavoratore dal 21/01/2000 residente a VALGREGHENTINO (LC) Socio Lavoratore dal 05/02/2001 residente a CASATENOVO (LC) Socio Lavoratore dal 31/03/1999 residente a LECCO (LC) Revisore contabile: Revisionitalia srl - Brescia. Prima e attuale nomina: 25/05/2011; in carica fino all approvazione del bilancio del terzo esercizio successivo. Compenso annuo 2013 per revisore contabili pari a 2.700,00 + IVA Compenso annuo 2013 per Consiglio di Amministrazione: non previsto 3.2 Struttura di governo Si descrivono di seguito i principali organismi e figure di governo: ASSEMBLEA DEI SOCI E costituita da tutti i soci, è il massimo organismo della Cooperativa. È l organo guida e delinea la visione, la missione della Cooperativa e gli orientamenti strategici, cui devono sottostare tutti gli organismi inferiori. Ha le seguenti funzioni: a) Nomina il Consiglio d Amministrazione, eventuali sindaci, il presidente del collegio sindacale e revisore contabile. b) Approva il bilancio, destina gli utili e delibera sui ristorni. c) Approva i regolamenti interni e i piani aziendali. d) Decide le principali linee di indirizzo della cooperativa.

17 13 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE (C.d.A.) E l organo decisionale attraverso il quale si concretizzano le strategie della Cooperativa, mediante l organizzazione e l allocazione delle risorse umane, finanziarie ed immobiliari. Ne sono membri gli amministratori eletti dall Assemblea dei Soci. Il CdA nomina la figura del Presidente. Ha i seguenti compiti: a) Cura l esecuzione delle deliberazioni dell assemblea. b) Compie tutti gli atti e le operazioni di ordinaria e straordinaria amministrazione disposti per legge e statuto. c) Definisce le strategie politiche e d impresa della Cooperativa. d) Nomina le figure di responsabilità della Cooperativa. Nell anno 2013 il Consiglio di Amministrazione si è riunito 22 volte con una partecipazione assoluta pari al 100%, mentre l Assemblea Soci si è riunita 2 volte in seduta ordinaria, si veda dettaglio a seguire. Tabella 2 Assemblee soci: presenze e ordini del giorno Anno Data N presenze in proprio N presenze per delega Ordine del giorno Maggio 30 soci 19 soci Lettura e approvazione del Bilancio d esercizio chiuso al 31/12/09 e relativa nota integrativa; Relazione revisore contabile; Varie ed eventuali Luglio 32 soci 17 soci Lettura e approvazione del Bilancio sociale chiuso al 31/12/09; Dimissioni del consigliere Bonacina Francesca ed integrazione del Consiglio di Amministrazione; Varie ed eventuali Maggio 29 soci 20 soci Lettura e approvazione del Bilancio d esercizio chiuso al 31/12/10 e relativa nota integrativa; Relazione revisore contabile; Nomina revisore contabile; Varie ed eventuali Luglio 31 soci 18 soci Lettura e approvazione del Bilancio sociale al 31/12/10; Varie ed eventuali Maggio 52 soci 21 soci Lettura e approvazione del Bilancio d esercizio chiuso al 31/12/11 e relativa nota integrativa; Relazione revisore contabile; Rinnovo cariche del Consiglio di Amministrazione; Varie ed eventuali Luglio 25 soci 30 soci Lettura e approvazione del Bilancio sociale al 31/12/11; Varie ed eventuali Maggio 30 soci 40 soci Lettura e approvazione del Bilancio d esercizio chiuso al 31/12/12 e relativa nota integrativa; Relazione revisore contabile; Varie ed eventuali Luglio 28 soci 34 soci Lettura e approvazione del Bilancio sociale al 31/12/12; Varie ed eventuali.

18 14 La struttura organizzativa della cooperativa al 31 dicembre 2013 è la seguente: 3.3 Composizione Base Sociale e Capitale Sociale Grafico 1 Andamento della base sociale per tipologia Soci categoria speciale Soci lavoratori Soci volontari Soci persone giuridiche totale soci

19 15 Il grafico 1 conferma quanto la dimensione lavorativa sia la dimensione principale entro cui si elabora il percorso di maturazione della scelta associativa. La cooperativa mantiene da sempre un investimento costante sui soci lavoratori fornendo occasioni nelle quali rielaborare la propria esperienza alla luce della qualità professionale messa in campo, ma anche della capacità di imprendere socialmente nel proprio quotidiano. Nella tabella 3 a seguire, il dettaglio del 2013 con 14 nuovi associamenti (10 soci lavoratori + 4 soci volontari) e 7 recessi soci tra volontari e lavoratori. La base sociale al 31/12 risulta essere composta in ordine prevalentemente da soci lavoratori, soci volontari in buona parte da intendersi come lavoratori dimessi e soci interessati a svolgere attività all interno dell area prima infanzia, e infine dai tre soci giuridici storici. Tabella 3 Situazione soci tutte le categorie Soci al 31/12/2012 Soci ammessi 2013 Recesso soci 2013 Decadenza/ Esclusione soci Soci al 31/12/2013 Da segnalare l assenza di persone rientranti nella categoria del socio-speciale, ad oggi utilizzata in un solo caso, nell anno 2006, a confermare la tendenza ad un passaggio diretto dalla posizione di non socio a quella di socio, senza ricorrere a fasi transitorie. Grafico 2 Soci lavoratori e volontari Suddivisione per genere anno 2013 Gli associamenti seguono in genere un periodo di lavoro di circa un paio di anni, sufficiente ad una approfondita conoscenza della cooperativa, esito sia di una sintonia del lavoratore con la cooperativa sia femmine 84 di un consolidamento del rapporto (86%) maschi lavorativo con l'impresa. 14 (14%) La conferma di una spiccata componente femminile, tratto caratterizzante del lavoro sociale, trova motivazione nella nostra cooperativa soprattutto dalla tipologia degli interventi. I servizi rivolti alla prima infanzia, che rappresentano la fetta ta maggioritaria delle attività svolte, beneficiano infatti dell impiego l impiego di personale esclusivamente femminile. Il ventaglio generazionale che compone la base sociale vede la presenza di giovani soci accanto a soci di lungo periodo, questione che chiede alla cooperativa 101

20 16 di porre in atto politiche diversificate rispetto alla base sociale, capaci di accogliere e sollecitare sia i soci più Grafico 3 Anzianità associativa dei soci lavoratori anno 2013 giovani che i soci più 40 anziani. L ètà anagrafica dei soci 30 dice di una base sociale relativamente giovane, tuttavia, una fetta 10 significativa di soci lavoratori, che 0 anagraficamente si da 0 a 4 da 5 a 9 da 10 a 12 oltre 15 collocano in una fascia d età media, portano con sé e alla cooperativa l esigenza di una seria riflessione sul tema delle carriere. L evolvere dell età rende meno flessibili rispetto all organizzazione dei tempi di lavoro e meno inclini ad alcune tipologie di lavoro sociale che, per loro natura, sono più rispondenti a persone anagraficamente giovani. Per contro, il crescere dell età anagrafica è sinonimo di crescita professionale, sapere e competenze, oltre che di sviluppo professionale personale e d impresa che la cooperativa ha sempre particolarmente in attenzione. Grafico 4 Anzianità anagrafica dei soci lavoratori anno fino a anni anni 6 oltre 50 Le politiche del lavoro applicate dalla cooperativa favoriscono fortemente la dimensione di socio-lavoratore dipendente subordinato volta a una maggiore e migliore tutela delle condizioni lavorative delle persone. Tale scelta ha ricadute di qualità sul lavoro svolto poiché consente di capitalizzare il patrimonio professionale ed esperienziale del lavoratore potenziando di conseguenza la capacità professionale e imprenditiva di tutta la cooperativa.

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

PROPOSTA DI PATTO ASSOCIATIVO CONSORTILE

PROPOSTA DI PATTO ASSOCIATIVO CONSORTILE Premessa Nell aderire ad un Consorzio, fondamentale appare l investimento in fiducia che i partecipanti devono mettere in campo. Ciò comporta naturalmente un assunzione di rischio, nella misura in cui

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE un PROTOCOLLO D INTESA tra CONSIGLIERA PARITÀ PROVINCIALE DONNE

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE STATUTO

PROVINCIA DI LECCE STATUTO PROVINCIA DI LECCE FORUM PROVINCIALE DEI GIOVANI STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE FINALITÀ E PRINCIPI GENERALI ART. 1 COSTITUZIONE E istituito il Forum Provinciale dei Giovani, di seguito Forum, della Provincia

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO.

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Dettagli

IL SEGNO SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE

IL SEGNO SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE IL SEGNO PIANO STRATEGICO 2009-2012 INDICE Premessa 1) BASE SOCIALE Partecipazione Capitalizzazione 2) SEDE 3) BILANCIO SOCIALE 4) COMUNICAZIONE 5) SOSTENIBILITA E SVILUPPO PIANO STRATEGICO

Dettagli

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO D Dgr n. 1382 del 12/05/2009 pag. 1/10 marca da bollo Indicare il motivo di esenzione : 1 organismi di volontariato iscritti al Registro regionale di cui alla L.R.

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Eccomi. Eccomi

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Eccomi. Eccomi STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Eccomi Eccomi 1 ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: Eccomi assume la forma giuridica di associazione apartitica e aconfessionale.

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA STATUTO ODV MIGRANTES SIENA 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: MIGRANTES SIENA assume la forma giuridica di associazione. E apartitica e aconfessionale. L organizzazione

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI 1 IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA Un partner per crescere API SONDRIO L Associazione Piccole e Medie Industrie di Valtellina e Valchiavenna è una realtà fortemente voluta dagli

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 All.2 Schema di Convenzione tra la Provincia di Lecco e l'azienda Sanitaria Locale di Lecco per la regolazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO Un partner per crescere API LECCO Dal 1949 l Associazione Piccole e Medie Industrie della Provincia di Lecco è stata voluta dagli imprenditori

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO A COOPERATIVE SOCIALI DI SERVIZI CHE PREVEDONO L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE DI IMPORTO INFERIORE ALLE SOMME STABILITE DALLE DIRETTIVE COMUNITARIE IL PRESENTE

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: La rosa dei venti SETTORE e Area di Intervento: SETTORE: Educazione e Promozione culturale Area di Intervento: Sportelli Informa OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO 1 Area: Servizi al Cittadino Settore: Servizi Sociali Ufficio: Piano di Zona FONDO SOCIALE REGIONALE 2014 - CRITERI DI RIPARTO APPROVATI CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI SINDACI DEL 01.10.2014. DOCUMENTO

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CAPO I NUCLEO DI VALUTAZIONE ART. 92 - NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO COMUNE DI NOICÀTTARO (Provincia di Bari) C.A.P. 70016 Tel. 080.4781313 Fax 080.4781298 C.F./P.Iva 05165930727 AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO AVVISO

Dettagli

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. e-mail (o indirizzo di posta elettronica certificata)

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. e-mail (o indirizzo di posta elettronica certificata) Spett.le Comune di Trezzo sull Adda Servizio cultura, sport, politiche giovanili Via Roma 5 20056 Trezzo sull Adda OGGETTO: CENSIMENTO DELLE ASSOCIAZIONI LOCALI Nome dell Associazione, Nome e Cognome del

Dettagli

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli.

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli. STATUTO GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO AIC ITALIA Approvato dal Comitato di Presidenza nazionale il 10 maggio 2007 Approvato dal Consiglio nazionale il 10 maggio 2007 Art. 1 - Costituzione I Gruppi

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO ART. l DENOMINAZIONE E SEDE È costituita l Associazione culturale denominata ASSOCIAZIONE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA,

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

ART. 1* (Denominazione e sede)

ART. 1* (Denominazione e sede) 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: A.V.P.C.Logistico/Gestionale VO.LO.GE-PAVIA assume la forma giuridica di associazione O.N.L.U.S. in ottemperanza al Decreto

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Pagina 1 di 14 Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Il presente questionario intende promuovere un indagine finalizzata a rilevare le informazioni necessarie per la redazione del bilancio sociale

Dettagli

ANZIANO & QUARTIERE ONLUS.

ANZIANO & QUARTIERE ONLUS. STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANZIANO & QUARTIERE ONLUS. ART. 1 (Denominazione e sede) 1. L organizzazione di volontariato, denominata: ANZIANO & QUARTIERE - Onlus, assume la forma giuridica

Dettagli

ASSOCERT - ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL SOSTEGNO E CONTROLLO DELLA CONFORMITÀ DEI PRODOTTI, DELLE PROFESSIONI E

ASSOCERT - ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL SOSTEGNO E CONTROLLO DELLA CONFORMITÀ DEI PRODOTTI, DELLE PROFESSIONI E Art. 1 - Dai suddetti comparenti, in qualità di soci fondatori, è costituita una libera associazione denominata ASSOCERT - ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL SOSTEGNO E CONTROLLO DELLA CONFORMITÀ DEI PRODOTTI,

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE Art. 1 - Finalità e oggetto. 1. La Regione del Veneto promuove l agricoltura sociale quale aspetto della multifunzionalità delle attività agricole, per ampliare

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

Deliberazione legislativa n. 87/2014 2. Art. 1 Finalità

Deliberazione legislativa n. 87/2014 2. Art. 1 Finalità Deliberazione legislativa n. 87/2014 2 Art. 1 Finalità 1. La Regione Emilia-Romagna riconosce e promuove, nell ambito delle politiche del welfare, la cura familiare e la solidarietà come beni sociali,

Dettagli

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune Il Consorzio Ingauno Energia Pulita: scopi e principali attività Perché unirsi Diritti e doveri del Consorzio

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O 1 ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita l associazione di volontariato, denominata: che assume la forma giuridica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI 79 REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 84 REG./29 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 12/04/2006 LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: assume la forma giuridica di

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 Adottato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 14 in data 09 maggio 2011 1 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella

Dettagli

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale STATUTO dell Associazione di associazioni Volontà Solidale Art. 1 COSTITUZIONE E' costituita con sede legale a Cosenza l'associazione Volontà Solidale, di seguito denominata Associazione. Volontà Solidale

Dettagli

A.I.C.S. - Solidarietà

A.I.C.S. - Solidarietà STATUTO ART.1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E costituita l Associazione Regionale fra Comitati Provinciali della Toscana dell A.I.C.S. che operano nel campo delle attività culturali, sportive e sociali

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

S T A T U T O. ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede)

S T A T U T O. ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede) S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia, l associazione

Dettagli

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale MEGAS. NET S.P.A. Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale (adottato ai sensi dell'art. 18, secondo comma, D.L. 112/2008, convertito con Legge 6 agosto 2008, n.

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

Assifact. Annuario 2012 del Factoring

Assifact. Annuario 2012 del Factoring Assifact Annuario 2012 del Factoring Assifact, Annuario 2012 del Factoring Copyright 2013 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO Avviso 26 del 4 marzo 2015 Piani formativi aziendali concordati Standard - Fondo di Rotazione SCHEDA DI PRE ADESIONE entro il 13 maggio 2015 STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO PREMESSA Venerdì 30 Gennaio

Dettagli

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di carattere informatico, per poter rilevare i fatti aziendali e quindi

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

C.R.E.A.F. S.r.l. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento degli incarichi esterni

C.R.E.A.F. S.r.l. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento degli incarichi esterni C.R.E.A.F. S.r.l. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento degli incarichi esterni 1 SOMMARIO Art. 1 - Principi generali... 2 Art. 2 - Ambito di applicazione... 2 Art. 3 - Responsabilità

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento individua principi, criteri e modalità per il conferimento di incarichi di consulenza,

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA Progetto organizzativo - gestionale 1. Descrizione del contesto La cooperativa sociale Istituto San Giuseppe e la cooperativa sociale Sant Agostino hanno individuato

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO P. zza San Pietro, 1 10020 Brusasco (TO) Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Dettagli

Associazione di promozione sociale L. 07 dicembre 2000, n 383:

Associazione di promozione sociale L. 07 dicembre 2000, n 383: Associazione di promozione sociale L. 07 dicembre 2000, n 383: 1. DEFINIZIONE : art. 2, comma 1 : "Sono considerate associazioni di promozione sociale le associazioni riconosciute e non riconosciute, i

Dettagli