MASTER PLANNING AEROPORTUALE. Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MASTER PLANNING AEROPORTUALE. Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano"

Transcript

1 MASTER PLANNING AEROPORTUALE Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano 1 1

2 Definizioni Aeroporto Cos è un aeroporto? - sistema complesso - infrastruttura attrezzata per il decollo e l atterraggio degli aerei - punto di interscambio tra differenti modalità di trasporto - elemento di collegamento tra sistemi di scala diversa Da che cosa è caratterizzato? - infrastrutture di volo - area terminale - sistemi di accesso Come si pianifica lo sviluppo di in aeroporto? - Piano Regolatore Aeroportuale 2

3 Definizioni Aeroporto = sistema di collegamento intermodale Malpensa Linate 3

4 Caratteristiche generali Il progetto di un infrastruttura complessa come un aeroporto richiede lo studio di una rete di relazioni (funzionali, architettoniche, sociali, ambientali, economiche, ecc.) in continua evoluzione. Il Piano Regolatore Aeroportuale: - analizza le diverse funzioni, - tiene conto delle regole e dei vincoli esistenti, - sviluppa delle previsioni, - individua le necessità, - considera i rapporti con il territorio, - definisce le modalità di evoluzione dei diversi sottosistemi. 4

5 Infrastrutture air side Le varie funzioni si sviluppano su uno schema base infrastrutturale costituito da pista (o piste) di volo, piazzali di sosta aeromobili e vie di rullaggio 5

6 Infrastrutture air-side 6

7 Infrastrutture land side L elemento più rappresentativo e simbolico è costituito dal terminal passeggeri, che richiede analisi accurate in termini di dimensionamento, schemi funzionali, forme architettoniche e spaziali. 7

8 Infrastrutture land side 8

9 Infrastrutture land side 9

10 Le principali funzioni dell aeroporto (sotto-sistemi) In uno schema base, gli elementi essenziali che compongono il Piano Regolatore Aeroportuale sono: - le infrastrutture air side (pista/e di volo, vie di rullaggio, piazzali di sosta aeromobili) - l area passeggeri - l area merci - i sistemi di accesso - l area tecnica (centrali di produzione, aree per la manutenzione, ) - la torre di controllo (localizzazione adeguata per idonea visuale) - la stazione dei Vigili del Fuoco - il deposito carburanti Inoltre possono essere presenti: area aviazione generale (aerei privati per lavoro/turismo, aerotaxi); hangar per ricovero e manutenzione aerei; altri edifici e attività di supporto (palazzine uffici, hotel, aree commerciali, caserme Enti di Stato, ) 10

11 Le principali funzioni dell aeroporto (sotto-sistemi) 11

12 Le principali funzioni dell aeroporto (sotto-sistemi) 12

13 Le principali funzioni dell aeroporto (sotto-sistemi) 13

14 Le principali funzioni dell aeroporto (sotto-sistemi) 14

15 La zonizzazione AREA DI MOVIMENTO: pista, vie di rullaggio, piazzale 1. AREA PASSEGGERI 2. AREA MERCI 3. AREE TECNICHE (centrale tecnologica, manutenzione, depositi) 4. AVIAZIONE GENERALE 5. MANUTENZIONE AA/MM DEP. CARB. TORRE DI CONTROLLO VV.F Accessibilità: strada (parcheggi) ferrovia 4 15

16 Ruolo dell aeroporto Per definire correttamente le caratteristiche di un aeroporto, bisogna considerare il suo possibile ruolo ed effettuare una stima del traffico previsto, così da poterne delineare lo schema di base: numero delle piste, dimensioni dei piazzali, dimensione e tipologia delle aree terminali passeggeri e merci, ecc. Il ruolo dell aeroporto ( locale, regionale, internazionale, intercontinentale ; hub, point to point ; traffico prevalente di aviazione commerciale o di aviazione generale, ) condiziona fortemente i flussi di traffico (in termini di volumi e tipologie). Il traffico che viene accolto in aeroporto (la domanda ) costituisce l elemento base per il dimensionamento di tutti i sotto-sistemi, che devono poter offrire una capacità adeguata. 16

17 Ruolo dell aeroporto Schema point-to point CPH Schema HUB (and spokes) CPH WAW WAW LYS MXP LYS MXP ATH ATH TUN TUN 17

18 Le piste di volo La conformazione di un aeroporto è fortemente condizionata dal numero, dalla posizione e dall orientamento delle piste. Il numero delle piste dipende dall entità del traffico e dalle condizioni anemometriche. L orientamento tiene conto di diversi parametri: orografia, caratteristiche meteorologiche (vento), destinazioni d uso del territorio circostante, rumore che viene generato sul territorio stesso. 18

19 La zonizzazione Una volta definite le caratteristiche della/e pista/e, lo schema urbanistico dell aeroporto deve considerare la posizione del principale centro di attività, ovvero il terminal passeggeri. La posizione reciproca tra area terminale e piste comporta distanze - e quindi tempi di percorrenza - che si traducono in costi per le compagnie aeree e per i viaggiatori. 19

20 La zonizzazione Tenendo conto che gran parte delle merci viaggia nella stiva degli aerei passeggeri, bisogna considerare il rapporto (e la distanza) tra area passeggeri e area merci. Quest ultima può essere dotata di proprie infrastrutture e deve anch essa essere collegata ai sistemi di accesso. Non si può poi prescindere da alcuni vincoli operativi per la collocazione dei servizi fondamentali per il controllo e la sicurezza delle operazioni: torre di controllo, stazione dei Vigili del Fuoco: - la torre di controllo deve avere visuale libera sull area di manovra, in modo da poter controllare le distanze e la posizione relativa degli aerei (riflessi su posizione e altezza); - la stazione dei VV.F. deve essere collocata in modo da garantire l intervento in modi e tempi codificati dalle norme (il punto più lontano di una pista deve essere raggiunto entro 3 min. da un eventuale allarme). 20

21 Rapporti con il territorio ferrovia Se pensiamo all aeroporto come punto di interscambio modale, assume particolare importanza lo studio delle relazioni con il territorio circostante in termini di accessibilità stradale e ferroviaria, e risulta indispensabile valutare la capacità e l efficienza della rete di adduzione. MALPENSA autostrada A8 A4 MILANO 21

22 Rapporti con il territorio Per quanto riguarda le aree limitrofe all aeroporto, è importante verificare il grado di compatibilità tra il territorio e l attività aeronautica, tenendo conto sia degli effetti negativi provocati dall aeroporto (rumore, traffico veicolare indotto, rischio di incidenti), sia dei disturbi che eventuali attività presenti sul territorio possono produrre sulle operazioni di volo (ostacoli, ciminiere, luci, presenza di volatili, ). Gli strumenti urbanistici saranno quindi caratterizzati da: - destinazioni d uso compatibili con l attività aeroportuale e di sorvolo, - vincoli di salvaguardia imposti sul territorio. 22

23 Regole e vincoli 1) Schema generale della/e pista/e di volo - traffico stimato: numero di decolli e atterraggi/ora (una o più piste) - orientamento in funzione dell orografia della zona e dei venti - orientamento in funzione dell urbanizzazione circostante (inquinamento acustico - sorvoli) 2) Relazione tra funzioni - aeroporto / territorio: accessibilità per passeggeri e merci - aerostazione passeggeri (piazzale) / pista di volo: tempi operativi - area passeggeri / area merci: gran parte delle merci viaggia nei voli passeggeri - aree di servizio (assistenza rampa, catering): rapidità di acceso al piazzale - torre di controllo e stazione VV.F.: necessità di posizioni adeguate - centrale tecnologica (produzione di energia, caldo e freddo): baricentrica 23

24 Schemi tipo Da quanto sopra discendono i vari tipi e schemi di aeroporto: PISTA SINGOLA PISTE PARALLELE PISTE PERPENDICOLARI PISTE A V 24

25 Esempi di aeroporti Atlanta, è l aeroporto più trafficato del mondo con quasi 90 milioni di passeggeri/anno Ha cinque piste parallele. L aerostazione si trova al centro, con un corpo principale per le diverse funzioni base e vari moli paralleli per l attracco degli aerei. 25

26 Esempi di aeroporti 26

27 Esempi di aeroporti Chicago, serve attualmente circa 65 milioni di passeggeri/anno ha sette piste di volo, con una configurazione mista tra quelle degli schemi presentati. Anche i terminal passeggeri presentano tipologie di vario genere. 27

28 Esempi di aeroporti 28

29 Esempi di aeroporti Parigi, serve circa 58 milioni di passeggeri/anno, dispone di quattro piste parallele, con due aree terminali passeggeri e una vasta area merci. La vecchia aerostazione è ad anello, mentre la nuova è costituita da moduli e ingloba la stazione del TGV. AREE TERMINALI AREA TECNICA CARGO CITY 29

30 Esempi di aeroporti Francoforte, registra circa 54 milioni di passeggeri/anno; dispone di tre piste (due delle quali parallele non indipendenti, mentre la terza è stata realizzata anche per attenuare i problemi di impatto ambientale) e due terminal passeggeri. AREA TECNICA CARGO CITY AREA TERMINALE 30

31 Esempi di aeroporti Monaco di Baviera, costituisce un esempio di buona pianificazione aeroportuale, ha due piste parallele distanti 2 km (indipendenti), con l area passeggeri al centro. Serve un traffico di circa 34 milioni di passeggeri/anno. CARGO CITY AREA TECNICA AREA TERMINALE 31

32 Gli aeroporti di Milano La città di Milano dispone di due aeroporti: Linate copre una superficie di circa 350 ettari ed è dotato di una pista principale di 2,4 km e di una pista minore (600 m) per l aviazione generale. Nel 2010 ha registrato un traffico di ca. 8,3 milioni di passeggeri/anno (ma in passato è giunto a servire fino ad oltre 14 milioni di passeggeri/anno). Malpensa presenta una superficie di circa ettari e ha due piste parallele lunghe circa 4 km e distanziate di ca. 800 m. Dispone di due aree terminali e nel 2010 ha registrato un traffico di quasi 19 milioni di passeggeri/anno (quasi 24 milioni di pass./anno nel 2007). 32

33 Gli aeroporti di Milano Aerostazione Cargo Av. Generale MILANO - LINATE 33

34 Gli aeroporti di Milano 34

35 Gli aeroporti di Milano MILANO - MALPENSA T 2 T 1 CARGO CITY 35

36 Gli aeroporti di Milano Il Terminal 2 di Malpensa venne realizzato nell immediato dopoguerra e si è successivamente sviluppato nel corso degli anni; è posizionato in fondo alle piste perché in origine il traffico aereo era assai modesto e l intervallo tra l arrivo di un aereo e la partenza di un altro era tale da consentire decolli e atterraggi contrapposti. Si potevano così ridurre al minimo i percorsi di rullaggio a terra degli aerei. La nuova area terminale è stata sviluppata ad ovest delle piste e comprende tutte le principali funzioni aeroportuali; in particolare l aerostazione passeggeri (Terminal 1) è articolata in un corpo principale e tre satelliti dove attraccano gli aerei. Le due piste parallele non hanno una separazione sufficiente a garantire l indipendenza dei movimenti e, quindi, la possibilità di due atterraggi contemporanei, tuttavia l aeroporto può comunque gestire fino a 70 movimenti/ora. 36

37 Gli aeroporti di Milano L aeroporto di Malpensa negli anni 60 37

38 Gli aeroporti di Milano Il Terminal 1 di Malpensa (superficie ca m 2 ) 38

39 Gli aeroporti di Milano Il Terminal 1 di Malpensa La torre di controllo 39

40 Gli aeroporti di Milano Il Terminal 1 di Malpensa 40

41 L aerostazione passeggeri Gli schemi funzionali Il terminal passeggeri costituisce l elemento più significativo di un grande aeroporto. Esistono vari tipi di aerostazioni, con differenti schemi funzionali: - lineare, - modulare, - con finger e/o satelliti, - a uno o più livelli 41

42 L aerostazione passeggeri Gli schemi funzionali Schema base Piazzale aerei Aerostazione 42

43 L aerostazione passeggeri Gli schemi funzionali Schema lineare Piazzale aerei Aerostazione 43

44 L aerostazione passeggeri Gli schemi funzionali Schema lineare Piazzale aerei Aerostazione 44

45 L aerostazione passeggeri Gli schemi funzionali Amsterdam Schiphol (6 piste; 45 milioni pass./anno) 45

46 L aerostazione passeggeri Gli schemi funzionali Schema a satelliti Piazzale aerei Aerostazione 46

47 L aerostazione passeggeri Gli schemi funzionali Milano Malpensa 47

48 L aerostazione passeggeri Gli schemi funzionali Piazzale aerei Schema a moduli Aerostazione Accesso Aerostazione Piazzale aerei 48

49 L aerostazione passeggeri Gli schemi funzionali Parigi Roissy Charles de Gaulle Sviluppo modulare 49

50 L aerostazione passeggeri Gli schemi funzionali Parigi Roissy Charles de Gaulle 50

51 L aerostazione passeggeri Gli schemi funzionali Parigi Roissy Charles de Gaulle 51

52 L aerostazione passeggeri Gli schemi funzionali Parigi Roissy Charles de Gaulle 52

53 L aerostazione passeggeri Gli schemi funzionali Schema a 1 livello Piazzale aerei Riconsegna bagagli N SCH Partenze Nsch BHS Check-in Partenze sch Riconsegna bagagli SCH Controlli pass. X-ray X-ray arrivi Atrio pubblico arrivi Strada Strada partenze arrivi Piazzale aerei sezione trasversale 53

54 L aerostazione passeggeri Gli schemi funzionali Schema a 2 livelli Piano terra 1 piano arrivi partenze Viadotto Check-in partenze Strada arrivi Piazzale aerei sezione trasversale 54

55 L aerostazione passeggeri Il progetto Il terminal passeggeri viene normalmente suddiviso in tre unità : - unità di traffico, - unità commerciale (e amministrativa), - unità tecnologica. L unità di traffico occupa in genere circa il 50-55% della superficie complessiva e costituisce l area direttamente utilizzata per il servizio dei passeggeri (in partenza / in arrivo / in transito) e dei loro bagagli; l unità commerciale (negozi, ristoranti e bar, sale VIP, uffici, ) occupa circa il 25-30% della superficie complessiva e costituisce un importante fonte di reddito per l aeroporto; il restante 15-20% va riservato all unità tecnologica, che comprende impianti e servizi. 55

56 L aerostazione passeggeri Il progetto 56

57 L aerostazione passeggeri Il progetto L unità di traffico comprende: - Flusso in partenza - atrio check-in (collegato al sistema smistamento bagagli) - zona controlli (sicurezza e passaporti) - zona di attesa - aree di imbarco (da cui si accede agli aerei) - Flusso in arrivo - sbarco e zone controlli (passaporti, sanitari, sicurezza) - sale di riconsegna bagagli - atrio arrivi (uscita verso i trasporti di superficie) - Percorsi per i passeggeri in transito 57

58 L aerostazione passeggeri Il progetto Il corretto dimensionamento di tutti i vari sotto-sistemi che compongono il terminal presuppone la conoscenza della domanda di traffico (numero di passeggeri/anno; numero di passeggeri nell ora di punta ; quota di passeggeri in transito rispetto a quelli originanti ; ripartizione tra traffico business e traffico turistico; ) e richiede di stabilire le prestazioni che si vogliono garantire (livello di servizio). Il traffico di riferimento deve essere definito mediante previsioni a anni. Utilizzando parametri di riferimento definiti a livello internazionale, si possono così determinare le dotazioni necessarie in termini di spazi ed attrezzature (ad esempio: numero di banchi di check-in, numero di postazioni di controllo, numero di gates, numero di nastri per la riconsegna dei bagagli, ). Come dato di riferimento preliminare si possono considerare ca m 2 per ogni milione di passeggeri/anno, oppure m 2 per pass./hpt. 58

59 L aerostazione passeggeri Il progetto La progettazione deve tenere conto per quanto possibile della prevedibile evoluzione dei parametri operativi (tempi medi di controllo dei passeggeri, curve di presentazione, ) e dello sviluppo tecnologico (ad es.: self ticketing, self check-in, ). Un elemento fondamentale per garantire un corretto utilizzo degli spazi e per agevolare i passeggeri è inoltre costituito dagli elementi di comunicazione presenti all interno del terminal. 59

60 L aerostazione passeggeri Il Terminal 1 di Malpensa Lay-out soluzione A 60

61 L aerostazione passeggeri Il Terminal 1 di Malpensa Lay-out soluzione B 61

62 L aerostazione passeggeri Il Terminal 1 di Malpensa Lay-out soluzione C 62

63 L aerostazione passeggeri Il Terminal 1 di Malpensa 63

64 L aerostazione passeggeri Il Terminal 1 di Malpensa Land-side Air-side Check-in Partenze Arrivi CORPO PRINCIPALE SEZIONE TRASVERSALE 64

65 L aerostazione passeggeri Il Terminal 1 di Malpensa 65

66 L aerostazione passeggeri Il Terminal 1 di Malpensa 66

67 L aerostazione passeggeri Il Terminal 1 di Malpensa 67

68 L aerostazione passeggeri Il Terminal 1 di Malpensa 68

69 L aerostazione passeggeri Il Terminal 1 di Malpensa 69

70 L aerostazione passeggeri Il Terminal 1 di Malpensa 70

71 I prossimi sviluppi A

72 I prossimi sviluppi A

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto nodo

Dettagli

I PROGETTI METROPOLITANI L AEROPORTO L. Mantecchini CdA SAB. Convegno stato attuazione PTCP Bologna, 15 Maggio 2013

I PROGETTI METROPOLITANI L AEROPORTO L. Mantecchini CdA SAB. Convegno stato attuazione PTCP Bologna, 15 Maggio 2013 I PROGETTI METROPOLITANI L AEROPORTO L. Mantecchini CdA SAB Convegno stato attuazione PTCP Bologna, 15 Maggio 2013 MASTERPLAN AEROPORTUALE ANALISI INIZIALE 1) DEFINIZIONE DI MASTERPLAN 2) STUDIO DEL TRAFFICO

Dettagli

GLI AEROPORTI parte 1/2 GLI AEROPORTI

GLI AEROPORTI parte 1/2 GLI AEROPORTI corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica a.a. 2008-2009 GLI AEROPORTI GLI AEROPORTI parte 1/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale

Dettagli

LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO INFRASTRUTTURALE DEI GRANDI AEROPORTI NAZIONALI ROMA, MILANO, VENEZIA

LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO INFRASTRUTTURALE DEI GRANDI AEROPORTI NAZIONALI ROMA, MILANO, VENEZIA DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE AEROPORTI E SPAZIO AEREO LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO INFRASTRUTTURALE DEI GRANDI AEROPORTI NAZIONALI ROMA, MILANO, VENEZIA AGENDA 1. IL PIANO NAZIONALE AEROPORTI 2. I

Dettagli

MASTER PLAN 2014-2029 AEROPORTO DI FIRENZE A. VESPUCCI

MASTER PLAN 2014-2029 AEROPORTO DI FIRENZE A. VESPUCCI MASTER PLAN 2014-2029 AEROPORTO DI FIRENZE A. VESPUCCI FIRENZE PALAZZO VECCHIO 6 NOVEMBRE 2014 OBIETTIVI E ASSUNTI DEL NUOVO MASTER PLAN IL NUOVO MASTER PLAN 2014-2029 Il Nuovo Master Plan si pone l obiettivo

Dettagli

Gestione operativa dei movimenti nell Apron. Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA

Gestione operativa dei movimenti nell Apron. Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA Gestione operativa dei movimenti nell Apron Sommario: Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA SEA Milan MXP -LIMC Layout aeroportuale 1 MXP Hub Master

Dettagli

Gli acquisti in SEA Aeroporti di Milano. Roma, venerdì 11 ottobre 2013

Gli acquisti in SEA Aeroporti di Milano. Roma, venerdì 11 ottobre 2013 Gli acquisti in SEA Aeroporti di Milano Roma, venerdì 11 ottobre 2013 Il gruppo SEA: chi siamo Il Gruppo SEA gestisce il sistema aeroportuale milanese in base alla Convenzione, di durata quarantennale,

Dettagli

INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI CORSO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI A. A. 2007-08

INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI CORSO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI A. A. 2007-08 INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI CORSO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI A. A. 2007-08 Prof. Giovanni Leonardi, 2007 1 Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto nodo

Dettagli

IL PIANO REGOLATORE GENERALE

IL PIANO REGOLATORE GENERALE DOSSIER TORINO Lo sviluppo dell aeroporto di Torino Caselle è regolato da un Piano Regolatore Generale (Master Plan), definito dalla Società di gestione nel 1986, che individua le aree su cui devono essere

Dettagli

AEROPORTI GARDERMOEN E ARLANDA AEROPORTI E TERRITORIO La tutela e la ricerca della compatibilità e dell equilibrio per gli scali aeroportuali rappresenta un elemento ormai centrale, sia nella progettazione

Dettagli

L AEROPORTO INTERNAZIONALE DI ZURIGO-KLOTEN

L AEROPORTO INTERNAZIONALE DI ZURIGO-KLOTEN INTEGRAZIONE AEROPORTO ZURIGO L AEROPORTO INTERNAZIONALE DI ZURIGO-KLOTEN Lo scalo svizzero è un esempio di integrazione delle funzioni modali e accessorie, tra loro e con la città, ma anche di ruolo urbano

Dettagli

La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità. L opportunità offerta da Milano Malpensa Cargo

La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità. L opportunità offerta da Milano Malpensa Cargo La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità L opportunità offerta da Milano Malpensa Cargo Giulio De Metrio Chief Operating Officer and Deputy CEO SEA Aeroporti di Milano

Dettagli

Gli Aeroporti milanesi per. Milano, 22 ottobre 2013

Gli Aeroporti milanesi per. Milano, 22 ottobre 2013 Gli Aeroporti milanesi per 2015 Milano, 22 ottobre 2013 Gli Aeroporti milanesi per Expo 2015 Numerose sono le azioni che SEA sta sviluppando ed intende sviluppare per Expo 2015 e numerosi sono i progetti

Dettagli

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA AEROPORTO DI VENEZIA MARCO POLO S.P.A. SAVE Profilo del Gruppo pag. 1 La storia pag. 2

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA AEROPORTO DI VENEZIA MARCO POLO S.P.A. SAVE Profilo del Gruppo pag. 1 La storia pag. 2 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA AEROPORTO DI VENEZIA MARCO POLO S.P.A. Profilo del Gruppo pag. 1 La storia pag. 2 Le aree di attività pag. 3 I risultati pag. 6 Il Gruppo in sintesi pag. 7 Venezia,

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Airside: classificazione degli aeroporti Gli aeroporti sono classificati in diversi modi.

Dettagli

MALPENSA: LA TERZA PISTA A cura di Beppe Balzarini

MALPENSA: LA TERZA PISTA A cura di Beppe Balzarini Somma Lombardo, 28 novembre 2009 CONVEGNO: STRUMENTI PER CAPIRE MALPENSA Organizzato da C.U.V. (Comitato Urbanistico Volontario) CONTRIBUTO DI UNI.CO.MAL. LOMBARDIA (Unione Comitati del Comprensorio di

Dettagli

Accessibilità e connettività per i trasporti a medio e lungo raggio in Lombardia

Accessibilità e connettività per i trasporti a medio e lungo raggio in Lombardia Accessibilità e connettività per i trasporti a medio e lungo raggio in Lombardia Indice Analisi congiunturale Indicatori di accessibilità 2 Analisi congiunturale 3 Aeroporti e segmenti di mercato Mercato

Dettagli

ADF. PROGETTO AEROPORTO FROSINONE Strutture ed infrastrutture aeroportuali ed eliportuali e loro integrazione con le reti di mobilità terrestre

ADF. PROGETTO AEROPORTO FROSINONE Strutture ed infrastrutture aeroportuali ed eliportuali e loro integrazione con le reti di mobilità terrestre www.aeroportofrosinone.it AEROPORTO PROGETTO AEROPORTO FROSINONE Strutture ed infrastrutture aeroportuali ed eliportuali e loro integrazione con le reti di mobilità terrestre Progetto Aeroporto Frosinone

Dettagli

Venezia Marco Polo (VCE/LIPZ) STORIA

Venezia Marco Polo (VCE/LIPZ) STORIA Venezia Marco Polo (VCE/LIPZ) STORIA L aeroporto di Venezia Tessera intitolato a Marco Polo fu aperto nel 1960 con lo scopo di divenire un punto di riferimento per i passeggeri del nord est. 1 Esso sorge

Dettagli

IL CANTIERE FIUMICINO

IL CANTIERE FIUMICINO PROGETTI ROMA IL CANTIERE FIUMICINO L aeroporto intercontinentale di Roma Fiumicino procede verso la sua completa ristrutturazione attraverso una politica dei piccoli passi, condizionata dai finanziamenti

Dettagli

Frankfurt Hahn (HHN/EDFH)

Frankfurt Hahn (HHN/EDFH) Frankfurt Hahn (HHN/EDFH) STORIA L aeroporto di Francoforte Hahn si trova a 120 km dalla città di Francoforte, ed è stato per lungo tempo una base aerea della NATO che ospitava il cinquantesimo squadrone

Dettagli

Capitolo 5. Network. Analisi di un sistema aeroportuale: il caso Gesac

Capitolo 5. Network. Analisi di un sistema aeroportuale: il caso Gesac Capitolo 5 * Network Analisi di un sistema aeroportuale: il caso Gesac SOMMARIO: Introduzione. 2. Tema. Le relazioni inter-organizzative di un network aeroportuale. 2.1. Il caso Gesac. 3. Conclusioni.

Dettagli

Cpt G. MANSUTTI - CEDRA Aeroporti & Ambiente Safety & Security

Cpt G. MANSUTTI - CEDRA Aeroporti & Ambiente Safety & Security PIANO DEI RISCHI IN ITALIA PIANI DI RISCHIO Il piano di rischio rappresenta lo strumento per la gestione del rapporto tra aeroporto e territorio come misura di tutela reciproca. A tal fine il Piano di

Dettagli

Il travel retail di AdR nel sistema degli aeroporti italiani Prospettive di crescita. Fulvio Fassone Direttore Commerciale AdR

Il travel retail di AdR nel sistema degli aeroporti italiani Prospettive di crescita. Fulvio Fassone Direttore Commerciale AdR Il travel retail di AdR nel sistema degli aeroporti italiani Prospettive di crescita Fulvio Fassone Direttore Commerciale AdR Il sistema aeroportuale gestito da Aeroporti di Roma Aeroporti di Roma gestisce

Dettagli

D I R I T T I E T A R I F F E

D I R I T T I E T A R I F F E DIRITTI E TARIFFE Edizione Dicembre 2013 DEFINIZIONE DEI TERMINI Definizione dei termini Società il soggetto cui spetta l esecuzione delle operazioni aeroportuali. Vettore la persona giuridica che svolge

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI. Simona Pianese Assistenza Legale Operazioni e Rapporti con gli Enti Pubblici SEA Aeroporti di Milano 1

ASPETTI NORMATIVI. Simona Pianese Assistenza Legale Operazioni e Rapporti con gli Enti Pubblici SEA Aeroporti di Milano 1 ASPETTI NORMATIVI Simona Pianese Assistenza Legale Operazioni e Rapporti con gli Enti Pubblici SEA Aeroporti di Milano 1 Commercial Safety and Security National bodies for Safety, Security and Operations

Dettagli

3.0 NUOVA CONFIGURAZIONE DEL SISTEMA AEROPORTO. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI E CARATTERISTICHE TECNICHE DELLE INFRASTRUTTURE IN PROGETTO NEL P.S.A.

3.0 NUOVA CONFIGURAZIONE DEL SISTEMA AEROPORTO. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI E CARATTERISTICHE TECNICHE DELLE INFRASTRUTTURE IN PROGETTO NEL P.S.A. 3.0 NUOVA CONFIGURAZIONE DEL SISTEMA AEROPORTO. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI E CARATTERISTICHE TECNICHE DELLE INFRASTRUTTURE IN PROGETTO NEL P.S.A. In questo capitolo vengono integrati e aggiornati gli

Dettagli

Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza

Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza Contesto operativo aeroportuale Conformità delle infrastrutture e procedure operative alle norme tecniche ed alle norme di Sicurezza SOGAER AEROPORTO di CAGLIARI - ELMAS Ing. Mario Orrù Direttore Infrastrutture

Dettagli

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa Aeroporti e territorio: il caso Malpensa * Aeroporti, magneti di imprese Nella storia le trasformazioni economiche hanno da sempre avuto forti riflessi sulla società, inducendo cambiamenti nel modo di

Dettagli

Fiumicino e Malpensa: due sistemi aeroportuali a confronto. IL SISTEMA DEI VALICHI ALPINI Monitoraggio dei flussi e valutazione degli effetti sulle

Fiumicino e Malpensa: due sistemi aeroportuali a confronto. IL SISTEMA DEI VALICHI ALPINI Monitoraggio dei flussi e valutazione degli effetti sulle Fiumicino e Malpensa: due sistemi aeroportuali a confronto Maggio 2007 IL SISTEMA DEI VALICHI ALPINI Monitoraggio dei flussi e valutazione degli effetti sulle 1 Premessa La presentazione che segue si pone

Dettagli

- SERVIZI DI PULIZIA - SISTEMAZIONE DEL VERDE

- SERVIZI DI PULIZIA - SISTEMAZIONE DEL VERDE IL GRUPPO SOGAER SOGAER S.p.A. GESTIONE AEROPORTUALE N Occupati 130 SOGAERDYN SERVIZI DI HANDLING N Occupati 111 Tempo indet 22 Tempo det. SOGAER SECURITY SERVIZI DI SICUREZZA N Occupati 93 Tempo indet

Dettagli

NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE

NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE AEROPORTI & FRANCOFORTE NAVETTE E ALTA VELOCITÀ PER FRANCOFORTE Con la recente inaugurazione del nuovo terminal 2 il maggiore scalo tedesco guarda al futuro del trasporto aereo, affidandosi a un complesso

Dettagli

FIRENZE FIRENZE SI RINNOVA

FIRENZE FIRENZE SI RINNOVA AEROPORTI FIRENZE FIRENZE SI RINNOVA L aeroporto del capoluogo toscano ha inaugurato nel dicembre scorso la nuova aerostazione passeggeri con la quale, in attesa del prolungamento della pista e del complessivo

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE DELL AEROPORTO

1. DESCRIZIONE GENERALE DELL AEROPORTO 1. DESCRIZIONE GENERALE DELL AEROPORTO CARATTERISTICHE FISICHE DELL AEROPORTO L infrastruttura aeroportuale copre un sedime di 245 ettari ed è suddivisa nelle sue sottostrutture land side e air side così

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti ferroviari

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

REGOLAMENTO DI SCALO dell Aeroporto di Linate

REGOLAMENTO DI SCALO dell Aeroporto di Linate Aeroporti di Milano Pag. 1 di 255 REGOLAMENTO DI SCALO dell Aeroporto di Linate S.E.A. - Società p.a. Esercizi Aeroportuali Mauro Zanini POST HOLDER AREA DI MOVIMENTO E TERMINAL Pag. 2 di 255 Edizione

Dettagli

AEROPORTO VALERIO CATULLO DI VERONA VILLAFRANCA RAMP SAFETY 1.0 1/30

AEROPORTO VALERIO CATULLO DI VERONA VILLAFRANCA RAMP SAFETY 1.0 1/30 AEROPORTO VALERIO CATULLO DI VERONA VILLAFRANCA RAMP SAFETY 1.0 1/30 DISCLAIMER Le immagini riprodotte in questo manuale sono a scopo puramente illustrativo e possono non riprodurre fedelmente reali distanze

Dettagli

Gli aeroporti. Paola Monti. Le Infrastrutture in Italia: dotazione, realizzazione, programmazione Università Bocconi, Milano, 23 gennaio 2012

Gli aeroporti. Paola Monti. Le Infrastrutture in Italia: dotazione, realizzazione, programmazione Università Bocconi, Milano, 23 gennaio 2012 Gli aeroporti Paola Monti Le Infrastrutture in Italia: dotazione, realizzazione, programmazione Università Bocconi, Milano, 23 gennaio 2012 Dotazione, realizzazione, programmazione come si declina per

Dettagli

CLIMA ACUSTICO E RUMORE AEROPORTUALE

CLIMA ACUSTICO E RUMORE AEROPORTUALE cap 09 rumore 1-03-2004 17:02 Pagina 93 93 CAPITOLO 9 CLIMA ACUSTICO E RUMORE AEROPORTUALE L a Lombardia occupa una posizione di primo piano nel contesto economico nazionale ed europeo. Se è vero che la

Dettagli

CORSO DI TRASPORTI AEREI Prof. Luigi La Franca GESTIONE AEROPORTUALE

CORSO DI TRASPORTI AEREI Prof. Luigi La Franca GESTIONE AEROPORTUALE CORSO DI TRASPORTI AEREI Prof. Luigi La Franca GESTIONE AEROPORTUALE Le infrastrutture degli aeroporti statali italiani destinati al traffico commerciale sono, per la massima parte, di proprietà demaniale

Dettagli

Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei S.p.A.

Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei S.p.A. Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei S.p.A. Pisa International Airport Pisa International Airport Affidamento del servizio di progettazione preliminare, definitiva, esecutiva, coordinamento sicurezza

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT)

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) 1 PREFAZIONE Il presente Regolamento Operativo costituisce una piccola raccolta di disposizioni,norme e criteri operativi che devono essere

Dettagli

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone

Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone Procedura accesso, circolazione, sosta mezzi ed attrezzature in air side Aeroporto di Crotone 1. Descrizione e scopo La presente procedura disciplina le modalità di accesso, circolazione e sosta di mezzi

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture Programma Operativo Nazionale Trasporti 2000-2006

Ministero delle Infrastrutture Programma Operativo Nazionale Trasporti 2000-2006 Titolo del progetto RADDOPPIO ED ELETTRIFICAZIONE BARI LECCE Misura I.1 RFI Costo ammissibile 115,5 Meuro Descrizione Si tratta del programma di interventi che prende il nome di Raddoppio ed elettrificazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Conoscenza di lingue estere attestata da Istituti specializzati

CURRICULUM VITAE. Conoscenza di lingue estere attestata da Istituti specializzati CURRICULUM VITAE Ing. nato il 26 marzo 1960 a Palagiano (TA) (CF DRADNT60C26G252V) residente in 70122 Bari Via Roberto da Bari, 62 Tel. 328 6112909 TITOLI CULTURALI Specializzazione universitaria, post-laurea

Dettagli

Prospettive di sviluppo del trasporto aereo nel Nord Italia. Milano, 10 febbraio 2009

Prospettive di sviluppo del trasporto aereo nel Nord Italia. Milano, 10 febbraio 2009 Prospettive di sviluppo del trasporto aereo nel Nord Italia Milano, 10 febbraio 2009 1 Il Nord Italia rappresenta oltre il 60% del traffico originante e di quello business Biglietti venduti, traffico pax

Dettagli

Carta dei Servizi Merci Edizione 2013

Carta dei Servizi Merci Edizione 2013 Carta dei Servizi Merci Edizione 2013 Gentile Cliente, Benvenuto nella nuova edizione 2013 della Carta dei Servizi Merci dell aeroporto di Malpensa sviluppata dalla SEA. Il documento presenta gli obiettivi

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

Manutenzione. Piste, runway e taxiway Apron Aerostazione Radioaiuti Luci

Manutenzione. Piste, runway e taxiway Apron Aerostazione Radioaiuti Luci Manutenzione Aeroportuale Piste, runway e taxiway Apron Aerostazione Radioaiuti Luci Aeronautica Impianto Propulsivo Superfici aerodinamiche Impianti di pressurizzazione Avionica Servizi Luci Sistemi ausiliari

Dettagli

01/06/2014-1 - AEROPORTO DI MILANO-BERGAMO

01/06/2014-1 - AEROPORTO DI MILANO-BERGAMO 01/06/2014-1 - AEROPORTO DI MILANO-BERGAMO LA PORTA D ACCESSO DELLA ZONA EST DELLA REGIONE LOMBARDIA Uno dei principali fattori di successo dell Aeroporto di Milano Bergamo è dato dalla posizione geografica,

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n.9175.arpl

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n.9175.arpl L aeroporto di Bergamo Orio al Serio insiste sul territorio dei comuni di Orio al Serio, di Grassobbio e di Seriate, e si trova a pochi chilometri dal centro di Bergamo. Lo sviluppo programmato a partire

Dettagli

IL COMPLESSO DI MALPENSA NORD

IL COMPLESSO DI MALPENSA NORD AEROPORTI MALPENSA NORD IL COMPLESSO DI MALPENSA NORD L attuale aerostazione di Malpensa, scalo intercontinentale del nord Italia e maggiore aeroporto italiano per il traffico charter, è da tempo oggetto

Dettagli

Piano di sviluppo al 2044 di Aeroporti di Roma S.p.A.

Piano di sviluppo al 2044 di Aeroporti di Roma S.p.A. Nota informativa per la stampa Piano di sviluppo al 2044 di Aeroporti di Roma S.p.A. Sommario 1. Tratti salienti 2. Il Piano di sviluppo al 2044 3. Occupazione: più di 230mila posti di lavoro 4. Grande

Dettagli

Aiuto di Stato N 45/2009 - Italia Progetto relativo a interventi integrati per il sistema aeroportuale toscano

Aiuto di Stato N 45/2009 - Italia Progetto relativo a interventi integrati per il sistema aeroportuale toscano COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 8.04.2009 C(2009) 2462 definitivo Oggetto: Aiuto di Stato N 45/2009 - Italia Progetto relativo a interventi integrati per il sistema aeroportuale toscano Signor Ministro,

Dettagli

I PROCESSI MANUTENTIVI IN AEROPORTO

I PROCESSI MANUTENTIVI IN AEROPORTO MaintenanceStories 2013 Kilometro Rosso 13 Novembre 2013 I PROCESSI MANUTENTIVI IN AEROPORTO Ing. Felice Cottino Presidente dell Osservatorio sulle attività di Manutenzione degli Aeroporti INDICE Premessa

Dettagli

METODOLOGIA, ANALISI PRELIMINARI E LINEE GUIDA DEL MASTERPLAN DI SVILUPPO DELL AEROPORTO DI MALPENSA. 9 novembre 2015

METODOLOGIA, ANALISI PRELIMINARI E LINEE GUIDA DEL MASTERPLAN DI SVILUPPO DELL AEROPORTO DI MALPENSA. 9 novembre 2015 METODOLOGIA, ANALISI PRELIMINARI E LINEE GUIDA DEL MASTERPLAN DI SVILUPPO DELL AEROPORTO DI MALPENSA 9 novembre 2015 Executive Summary Una nuova metodologia di lavoro I mutamenti del contesto e le prospettive

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Intervento Giuseppe Castelli Vice Presidente Assolombarda Seminario LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Sala Falck Assolombarda 10 febbraio 2009 Tutte le relazioni

Dettagli

Politecnico di Bari. Costruzioni di strade, ferrovie e aeroporti Prof. Pasquale Colonna A.A. 2008-2009. Aeroporti

Politecnico di Bari. Costruzioni di strade, ferrovie e aeroporti Prof. Pasquale Colonna A.A. 2008-2009. Aeroporti Aeroporti Politecnico di Bari La regolazione del traffico aereo La regolazione del traffico aereo (1) Le caratteristiche del trasporto aereo rendono necessarie la cooperazione internazionale L attività

Dettagli

ANALISI DEI COSTI DEL TRASPORTO AEREO

ANALISI DEI COSTI DEL TRASPORTO AEREO CORSO DI TRASPORTI AEREI Prof. Luigi La Franca DEL TRASPORTO AEREO A.A. 2004/05 PROCESSO ANALISI DI DEREGULATION DEI COSTI DIRITTI AEROPORTUALI SERVIZI DI SICUREZZA INFRASTRUTTURE CENTRALIZZATE DIRITTI

Dettagli

INDICE. 1 Livello di prestazione...4 2 Metodo di verifica in fase progettuale...5 3 Metodo di verifica a lavori ultimati...6

INDICE. 1 Livello di prestazione...4 2 Metodo di verifica in fase progettuale...5 3 Metodo di verifica a lavori ultimati...6 INDICE 1 Livello di prestazione...4 2 Metodo di verifica in fase progettuale...5 3 Metodo di verifica a lavori ultimati...6 Pag. 2 di 6 Premessa Il Requisito I1 Controllo dell inquinamento acustico ha

Dettagli

PIANO NAZIONALE DEGLI AEROPORTI

PIANO NAZIONALE DEGLI AEROPORTI PIANO NAZIONALE DEGLI AEROPORTI QUADRO NORMATIVO L art. 117 della Costituzione prevede che gli aeroporti rientrino tra le materie oggetto di legislazione concorrente Stato-Regioni L art. 698 del Codice

Dettagli

Atlante degli aeroporti italiani - One Works, KPMG, Nomisma. 1094 L area Sardegna (SA)

Atlante degli aeroporti italiani - One Works, KPMG, Nomisma. 1094 L area Sardegna (SA) 1094 L area Sardegna (SA) Atlante degli aeroporti italiani - One Works, KPMG, Nomisma 7 - L AREA SARDEGNA (SA) One Works, KPMG, Nomisma - Atlante degli aeroporti italiani L area Sardegna (SA) 1095 7.1

Dettagli

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria?

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? FFS Infrastruttura, luglio 2015 Il prezzo della traccia copre circa il 40 percento delle spese infrastrutturali. Mediante

Dettagli

Salzburg Maxglan (SZG/LOWS)

Salzburg Maxglan (SZG/LOWS) (Aggiornata 2014) Salzburg Maxglan (SZG/LOWS) STORIA L aeroporto internazionale di Salisburgo si trova a circa 3 kilometri dal centro della città e nacque nel lontano 1910 quando un primo aeromobile decollò

Dettagli

1. L AEROPORTO DI PARMA

1. L AEROPORTO DI PARMA 1. L AEROPORTO DI PARMA Nel corso dell anno 2013 i volumi di traffico dell Aeroporto di Parma hanno registrato un sensibile aumento rispetto all anno precedente, chiudendo con 196.822 passeggeri (+10,7%),

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI comprese nel cosiddetto secondo pacchetto Cielo unico europeo, riprendendo le questioni già evidenziate nella

Dettagli

REVISIONE 1 AEROPORTO LEONARDO DA VINCI FIUMICINO INDICE REGOLAMENTO DI SCALO. Ultimo aggiornamento 18/01/2013. pag. 1 0 1.

REVISIONE 1 AEROPORTO LEONARDO DA VINCI FIUMICINO INDICE REGOLAMENTO DI SCALO. Ultimo aggiornamento 18/01/2013. pag. 1 0 1. INDICE Ultimo aggiornamento 18/01/2013 pag. 1 0 1. INDICE INDICE pagina 21/10/11 pag. 1 1 1. INDICE...1 0 2. AGGIORNAMENTI...2 0 2.1 Scheda riepilogativa degli aggiornamenti...2 1 2.2 Stato delle revisioni

Dettagli

Mettere in pista un organizzazione perfetta

Mettere in pista un organizzazione perfetta Mettere in pista un organizzazione perfetta Aeroporti & Hub IL RIFACIMENTO COMPLETO DELLA PISTA DELL AEROPORTO IL CARAVAGGIO DI ORIO AL SERIO SI È CONCLUSO IN MODO POSITIVO. UN CANTIERE MOLTO COMPLESSO,

Dettagli

Innsbruck Kranebitten (INN/LOWI)

Innsbruck Kranebitten (INN/LOWI) (Aggiornata 2014) Innsbruck Kranebitten (INN/LOWI) STORIA L idea di costruire un aeroporto nell area di Innsbruck nasce dal governo provinciale tirolese nel 1920, che avvia la stesura dei progetti e l

Dettagli

LA FINANZA DI PROGETTO per gli AEROPORTI MINORI/ELIPORTI

LA FINANZA DI PROGETTO per gli AEROPORTI MINORI/ELIPORTI Università LA SAPIENZA - DEMETRA - ENAC Master in GESTIONE dell AVIAZIONE CIVILE LA FINANZA DI PROGETTO per gli AEROPORTI MINORI/ELIPORTI Ing. MARCO ROSATI A.D. ESPERIA AVIATION SERVICES SpA 12 Aprile

Dettagli

Complessità e specificità dell area industriale di Padova

Complessità e specificità dell area industriale di Padova COMUNE di PADOVA Complessità e specificità dell area industriale di Padova Patrizio Mazzetto, Capo Settore Ambiente del Comune di Padova Dennis Wellington, Settore Ambiente del Comune di Padova Padova,

Dettagli

(Aggiornata 2014) Frankfurt Main (FRA/EDDF)

(Aggiornata 2014) Frankfurt Main (FRA/EDDF) (Aggiornata 2014) Frankfurt Main (FRA/EDDF) 1 STORIA L aeroporto di Francoforte vide la sua apertura nel Luglio del 1936 su esplicita necessità vista la continua crescita del traffico passeggeri dovuto

Dettagli

Aeroporto Sede. Società concessionaria. Introduzione tipo di aeroporto, dimensioni, Localizzazione e vie d accesso. Collegamenti

Aeroporto Sede. Società concessionaria. Introduzione tipo di aeroporto, dimensioni, Localizzazione e vie d accesso. Collegamenti Aeroporto Sede Società concessionaria Introduzione tipo di aeroporto, dimensioni, Localizzazione e vie d accesso Collegamenti Aeroporto Valerio Catullo Aeroporto Valerio Catullo di Verona Villafranca 37060

Dettagli

Conferenza Programmatica PD ROMA Ottobre 2014

Conferenza Programmatica PD ROMA Ottobre 2014 Conferenza Programmatica PD ROMA Ottobre 2014 Il sistema multimodale dei trasporti: Comune di Roma, di Fiumicino e Aeroporto Internazionale di Roma Leonardo da Vinci Introduzione Lo studio ha come obiettivo

Dettagli

Cyber Security Come governare la sicurezza informatica nella gestione di un aeroporto internazionale

Cyber Security Come governare la sicurezza informatica nella gestione di un aeroporto internazionale Cyber Security Come governare la sicurezza informatica nella gestione di un aeroporto internazionale Mario De Pascale Information Technology Aeroporto di Pisa mario.depascale@toscana-aeroporti.com Agenda

Dettagli

UNIONCAMERE LOMBARDIA. Rapporto semestrale

UNIONCAMERE LOMBARDIA. Rapporto semestrale UNIONCAMERE LOMBARDIA Rilevazione e analisi di indicatori di accessibilità e connettività per i trasporti a medio e lungo raggio in Lombardia TRT Trasporti e Territorio Milano, febbraio 2013 INDICE 1 INTRODUZIONE...

Dettagli

Contenuti. 2 Masterplan aeroportuale. 3 Conclusioni: su cosa vorremmo impegnarci. 1 Situazione attuale e contesto di riferimento

Contenuti. 2 Masterplan aeroportuale. 3 Conclusioni: su cosa vorremmo impegnarci. 1 Situazione attuale e contesto di riferimento ADR - Come sarà il nuovo aeroporto Leonardo da Vinci Presentazione del progetto finale 26 luglio 2012 1 Contenuti 1 Situazione attuale e contesto di riferimento 2 Masterplan aeroportuale 3 Conclusioni:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO SAT S.p.A. e AdF S.p.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO SAT S.p.A. e AdF S.p.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO SAT S.p.A. e AdF S.p.A. I CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE DI SAT E ADF APPROVANO IL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ADF IN SAT La società quotata si chiamerà Toscana Aeroporti

Dettagli

MONITORAGGIO INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI DEL SUD ITALIA

MONITORAGGIO INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI DEL SUD ITALIA MONITORAGGIO INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI DEL SUD ITALIA AGOSTO 2015 Premessa al documento Il presente documento espone lo stato degli investimenti effettuati sugli aeroporti delle Regioni Abruzzo, Calabria,

Dettagli

AEROPORTO DI MILANO MALPENSA NUOVO MASTER PLAN AEROPORTUALE RELAZIONE TECNICA-DESCRITTIVA

AEROPORTO DI MILANO MALPENSA NUOVO MASTER PLAN AEROPORTUALE RELAZIONE TECNICA-DESCRITTIVA AEROPORTO DI MILANO MALPENSA NUOVO MASTER PLAN AEROPORTUALE RELAZIONE TECNICA-DESCRITTIVA Pianificazione Aeroportuale Gruppo di lavoro Definizione generale del Master Plan Aeroportuale Post Holder Progettazione

Dettagli

10. Gli aeroporti per la Provincia

10. Gli aeroporti per la Provincia 10. Gli aeroporti per la Provincia L aeroporto Galilei Analisi della condizione attuale dell aeroporto Galilei L Aeroporto Galileo Galilei si trova nella zona sud del territorio comunale di Pisa in località

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture Ministero delle Infrastrutture VALUTAZIONE DELLA COERENZA DEGLI INTERVENTI AEROPORTUALI COFINANZIATI NELL AMBITO DEL QCS 2000-2006 RAPPORTO FINALE EXECUTIVE SUMMARY Roma, 29 dicembre 2006 1 Obiettivi dello

Dettagli

Trasporti e mobilità Per il programma di governo della Regione Lombardia

Trasporti e mobilità Per il programma di governo della Regione Lombardia Trasporti e mobilità Per il programma di governo della Regione Lombardia La Lombardia rappresenta la massima concentrazione nazionale dei traffici e degli operatori del trasporto. Affrontare i problemi

Dettagli

Progetto FATTORE K - Analisi dell impatto delle politiche aeroportuali sul turismo

Progetto FATTORE K - Analisi dell impatto delle politiche aeroportuali sul turismo Ministero dello Sviluppo Economico Progetto FATTORE K - Fase comune di EsplorAzione knowledge assets - Gli investimenti immateriali per il successo internazionale del sistema delle PMI turistiche e agro-alimentari

Dettagli

La sicurezza antincendio in ambito aeroportuale: Piazzali ed aree di manovra

La sicurezza antincendio in ambito aeroportuale: Piazzali ed aree di manovra La sicurezza antincendio in ambito aeroportuale: Piazzali ed aree di manovra A cura di P.I. Gianmario Gnecchi Vice-Responsabile Distaccamento Aeroportuale Vigili del Fuoco di Orio al Serio - 1997 - sicurezza

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A MALPENSA

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A MALPENSA ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A MALPENSA Dicembre 2011 1. Inquadramento territoriale e programmatico L aeroporto di Malpensa è localizzato in una delle aree

Dettagli

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it Incidente occorso in data 2 febbraio 2013, sull aeroporto di Roma Fiumicino, all aeromobile ATR 72 marche di identificazione YR-ATS: raccomandazioni di sicurezza relative alle operazioni di ricerca e soccorso.

Dettagli

Al Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Viale Cristoforo Colombo 44 00147 ROMA

Al Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Viale Cristoforo Colombo 44 00147 ROMA .., /.. /.. Al Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Viale Cristoforo Colombo 44 00147 ROMA OGGETTO : Valutazione di Impatto Ambientale ai sensi dell art.26 del D.lgs 152/06

Dettagli

Allegato alla Circolare n. 4 del 13 aprile 2007

Allegato alla Circolare n. 4 del 13 aprile 2007 Allegato alla Circolare n. 4 del 13 aprile 2007 LINEE GUIDA PER IL CLASSAMENTO DELLE UNITA IMMOBILIARI CENSIBILI NELLE CATEGORIE DEL GRUPPO E E PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI IMMOBILI O DELLE LORO PORZIONI

Dettagli

Prima Sessione Tema: Agenti Fisici

Prima Sessione Tema: Agenti Fisici IL MONITORAGGIO DEL RUMORE DELLE INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI Angela Alberici, Italia, ARPA Lombardia, Direttore del Settore Agenti Fisici Maurizio Bassanino, Italia, ARPA Lombardia, Responsabile Rumore

Dettagli

Atlante degli aeroporti italiani - One Works, KPMG, Nomisma. 38 L area Nord Ovest (NO)

Atlante degli aeroporti italiani - One Works, KPMG, Nomisma. 38 L area Nord Ovest (NO) 38 L area Nord Ovest (NO) Atlante degli aeroporti italiani - One Works, KPMG, Nomisma 1 - L AREA NORD OVEST (NO) One Works, KPMG, Nomisma - Atlante degli aeroporti italiani L area Nord Ovest (NO) 39 1.1

Dettagli

Principali compagnie aeree

Principali compagnie aeree I trasporti aerei Il trasporto aereo, fino alla fine degli anni settanta, si presentava come uno dei settori più severamente e strettamente controllati dalle politiche pubbliche adottate dai vari Governi,

Dettagli

ASSEMBLEA PUBBLICA informativa sulla realizzazione della nuova Pista dell AEROPORTO di FIRENZE. Scuderie Medicee 14/11/2014

ASSEMBLEA PUBBLICA informativa sulla realizzazione della nuova Pista dell AEROPORTO di FIRENZE. Scuderie Medicee 14/11/2014 COMUNE DI POGGIO A CAIANO ASSEMBLEA PUBBLICA informativa sulla realizzazione della nuova Pista dell AEROPORTO di FIRENZE Scuderie Medicee 14/11/2014 Nuova Pista Aeroporto di Firenze Assemblea convocata

Dettagli

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino PROGETTO PER IL CONCORSO PER IL CENTRO DIREZIONALE DI TORINO 1 Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino B63f/1 Terzo premio Operazione 70-1970 L area destinata dal P.R.G. di Torino

Dettagli

Toscana, Europa. Il People Mover di Pisa

Toscana, Europa. Il People Mover di Pisa 5 febbraio 2013, Auditorium di Palazzo Blu, Lungarno Gambacorti, Pisa Toscana, Europa. Il People Mover di Pisa SAT - Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei - S.p.A Gina Giani, Amministratore Delegato

Dettagli

Piano Nazionale degli Aeroporti

Piano Nazionale degli Aeroporti Febbraio 2012 Il è stato completato nel febbraio 2012. I dati e le informazioni utilizzate derivano da fonti nazionali (centrali e locali), organismi comunitari ed internazionali, pubbliche amministrazioni,

Dettagli

Analisi del contesto e impatti principali

Analisi del contesto e impatti principali Analisi del contesto e impatti principali 37 Analisi del contesto e impatti principali Principali trend dell industria del trasporto aereo A livello mondiale, il traffico aereo (passeggeri e cargo, internazionale

Dettagli

Data ultimo aggiornamento. 21 gennaio 2015

Data ultimo aggiornamento. 21 gennaio 2015 Data ultimo aggiornamento Ente di gestione 21 gennaio 2015 Società Aeroporto di Venezia (Save) Spa www.veniceairport.it Sede Viale G. Galilei, 30/1 30173 Tessera-Venezia (Ve) Presentazione Save Spa è la

Dettagli