Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico"

Transcript

1 Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e ricotta Correggio, 30 aprile 2015

2 Sintesi Il progetto: premesse e obiettivi Le fasi La metodologia I risultati Conclusioni

3 Il progetto: premesse Risultati del progetto Biovita Il processo di produzione del PR prevede l utilizzo di siero innesto e una fase di riposo sotto siero La valorizzazione del siero residuo della lavorazione del latte a Parmigiano-Reggiano era fra i temi individuati nel bando della Regione Emilia-Romagna 2013 per le aree colpite del sisma 2012

4 Il progetto: premesse Risultati del progetto Biovita Il processo di produzione del PR prevede l utilizzo di siero innesto e una fase di riposo sotto siero La valorizzazione del siero residuo della lavorazione del latte a Parmigiano-Reggiano era fra i temi individuati nel bando della Regione Emilia-Romagna 2013 per le aree colpite del sisma 2012 Valorizzazione del siero di Parmigiano-Reggiano: prodotti ad elevato contenuto di vitamina B12 Finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, Bando 2013 Zona Sisma

5 Obiettivogeneraledel progetto Valorizzare il siero residuo della lavorazione a Parmigiano-Reggiano, attraverso l esaltazione delle proprietà nutrizionali intrinseche dei derivati ad uso alimentare, nello specifico vitamina B12 nella ricotta.

6 Obiettivispecificidel progetto determinare il contenuto di vitamina B12 nel siero, nella ricotta e nella scotta da Parmigiano-Reggiano in condizioni sperimentali e in caseificio, individuare i microrganismi presenti nel siero, eventualmente responsabili della produzione di vitamina B12, identificare le tecniche più opportune per conservare i tenori di vitamina B12 nella ricotta.

7 FASE 1: LE FASI DEL PROGETTO Bilancio di massa e di nutrienti in condizioni standard di produzione e identificazione dei batteripresenti edeventualmenteproduttoridi vitamina B12 nel siero FASE 2: Verificadel contenutodi vitaminab12 in sieroe ricotta in caseificio FASE 3: Verifica dell andamento della vitamina B12 della ricotta durante la conservazione

8 FASE 1: OBIETTIVI 1. Ottenere un siero di fine lavorazione paragonabile al siero ottenuto nella produzione di PR e successivamente produrre la ricotta. 2. Effettuare i bilanci di massa e di nutrienti a scala sperimentale utilizzando un impianto pilota (Sala prove lattiero casearia di CRPA Lab)

9 FASE 1: METODOLOGIA

10 FASE 1: METODOLOGIA LATTE DI CALDAIA SIERO -INNESTO CAGLIATA SIERO 32 PROVE Estate 2014 OLTRE 250 ANALISI RICOTTA SCOTTA

11 FASE 1: RISULTATI LATTE DI CALDAIA Grasso % 2,7 Proteine % 3,3 Caseina % 2,5 Vit. B12 ng/g 5,1 SIERO -INNESTO Vit. B12 ng/g 7,6 CAGLIATA Resa % 8,0 Vit. B12 ng/g 19,4 SIERO Grasso % 0,6 Proteine % 0,8 Vit. B12 ng/g 2,3

12 FASE 1: RISULTATI SIERO Grasso % 0,6 Proteine % 0,8 Vit. B12 ng/g 2,3 RICOTTA RESA 3,5% Residuo secco 27,9% Vit. B12 ng/g 5,9 SCOTTA Grasso % 0,1 Proteine % 0,6 Vit. B12 ng/g 2,8

13 FASE 1: RISULTATI BILANCIO: USCITE -ENTRATE (VitB12 cagliata + VitB12 siero ) (VitB12 latte caldaia + VitB12 siero-innesto ) Nelle prove sperimentali il bilancio è risultato negativo: la vitamina B12 contenuta nei prodotti è inferiore a quella in ingresso. (VitB12 ricotta + VitB12 scotta ) (VitB12 siero ) In questa fase, il risultato del bilancio risulta positivo la vitamina B12 contenuta nei prodotti è superiore a quella in ingresso.

14 FASE 2: OBIETTIVI Verifica dei contenuti di vitamina B12 ottenuti nella prima fase a scala sperimentale e in caseificio

15 FASE 2: METODOLOGIA LATTE DI CALDAIA SIERO -INNESTO CAGLIATA Autunno inverno prove sperimentali e 3 prove in caseificio Oltre 100 analisi SIERO RICOTTA LATTE SCOTTA

16 FASE 2: RISULTATI LATTE DI CALDAIA Grasso % 2,6 Proteine % 3,3 Caseina % 2,6 Vit. B12 ng/g 5,2 SIERO -INNESTO Vit. B12 ng/g 10,3 CAGLIATA Resa % 7,7 SIERO Grasso % 0,8 Proteine % 1,0 Vit. B12 ng/g 7,6

17 FASE 2: RISULTATI SIERO LATTE Grasso % 0,8 Proteine % 1,0 Vit. B12 ng/g 7,6 RICOTTA RESA 3,5% Residuo secco 22,6% Vit. B12 ng/g 19,9 SCOTTA Grasso % 0,4 Proteine % 0,8 Vit. B12 ng/g 10,5

18 FASE 2: RISULTATI BILANCIO: USCITE -ENTRATE (VitB12 cagliata + VitB12 siero ) (VitB12 latte caldaia + VitB12 siero-innesto ) Nelle prove sperimentali il bilancio è positivo a differenza di quanto successo nella fase 1. (VitB12 ricotta + VitB12 scotta ) (VitB12 siero + VitB12 latte ) In questa fase, il risultato del bilancio risulta positivo la vitamina B12 contenuta nei prodotti è superiore a quella in ingresso.

19 FASE 2-CASEIFICIO: RISULTATI LATTE DI CALDAIA Grasso % 2,84 Proteine % 3,35 Caseina % 2,60 Vit. B12 ng/g 3,1 SIERO -INNESTO Vit. B12 ng/g 1,5 CAGLIATA SIERO Grasso % 0,50 Proteine % 1,04 Vit. B12 ng/g 2,37

20 FASE 2-CASEIFICIO: RISULTATI SIERO LATTE Grasso % 0,50 Proteine % 1,04 Vit. B12 ng/g 2,37 RICOTTA RESA 3,0 Vit. B12 ng/g 4,9 SCOTTA Grasso % 0,1 Proteine % 0,63 Vit. B12 ng/g 1,4

21 FASE 2 -CASEIFICIO: RISULTATI BILANCIO: USCITE -ENTRATE (VitB12 cagliata + VitB12 siero ) (VitB12 latte caldaia + VitB12 siero-innesto ) Nelle prove in caseificio il bilancio risulta negativo come nelle prove del mese di giugno. (VitB12 ricotta + VitB12 scotta ) (VitB12 siero + VitB12 latte ) In questa fase, il risultato del bilancio risulta negativo, la vitamina B12 contenuta nei prodotti è inferiore a quella in ingresso, a causa del basso contenuto di vitamina B12 nella scotta.

22 Conclusioni Le prove sono state condotte in modo standard e la composizione dei prodotti ottenuti è omogenea. È stato determinato il contenuto di vitamina B12 nelle diverse matrici che caratterizzano il processo del PR e della ricotta. Il contenuto di vit.b12 nel latte è stabile, mentre quello del siero innesto e dei derivati è variabile. Nella fase di caseificazione si registra una perdita di vitamina B12. Per contro, il processo di produzione della ricotta sembra determinare un ripresa del contenuto di vitamina B12 quanto meno nella ricotta stessa.

23 Si ringrazia per la preziosa collaborazione Latteria Villa Curta Latteria Sociale Centro Caseificio Castellazzo Elena Bortolazzo, CRPA

24 Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e ricotta Correggio, 30 aprile 2015 Elena Bortolazzo, CRPA

25 FASE 3 EVOLUZIONE DELLA VITAMINA B12 DURANTE LA CONSERVAZIONE 48 campioni 2 tipologie di imballaggio Valutazione del contenuto di vitamina B12 in 4 momenti: 24, 48, 72 e 96 ore.

FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO DOP

FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO DOP FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO DOP Descrizione Formaggio semigrasso, a pasta dura, cotta ed a lenta maturazione, prodotto con coagulo ad acidità di fermentazione, dal latte crudo di vacca, proveniente da

Dettagli

Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3

Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3 Convegno Regionale A.D.I. Dall alimento al nutriente: dal pesce agli Omega 3 Vicenza, 17 dicembre 2011 Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3 Lucia Bailoni Dipartimento di Scienze Animali

Dettagli

IL RAPPORTO GRASSO/CASEINE NEL LATTE DI CALDAIA

IL RAPPORTO GRASSO/CASEINE NEL LATTE DI CALDAIA IL RAPPORTO GRASSO/CASEINE NEL LATTE DI CALDAIA ANTICO E NUOVO PARAMETRO QUALITATIVO PER LA CASEIFICAZIONE Autori : G. Bolzoni, G. Varisco, M. Cornoldi Reference: Dr. Giuseppe Bolzoni Centro Referenza

Dettagli

Formaggi di tipo Grana:

Formaggi di tipo Grana: Formaggi di tipo Grana: Qualità del latte ed idoneità della caseificazione sui risultati produttivi Sermide (MN), 7 giugno 2013 Prof. Gian Battista Castagnetti Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroalimentari

Dettagli

Applicazioni della spettroscopia al medio infrarosso (MIRS) per la predizione di nuovi fenotipi del latte

Applicazioni della spettroscopia al medio infrarosso (MIRS) per la predizione di nuovi fenotipi del latte Applicazioni della spettroscopia al medio infrarosso (MIRS) per la predizione di nuovi fenotipi del latte M. De Marchi, M. Penasa, M. Cassandro Dipartimento di Agronomia Animali Alimenti Risorse naturali

Dettagli

LA QUALITA LATTE REGIONALE: un risultato del Piano di Assistenza Tecnica Dr. Marino Contu Direttore ARAS

LA QUALITA LATTE REGIONALE: un risultato del Piano di Assistenza Tecnica Dr. Marino Contu Direttore ARAS LA QUALITA LATTE REGIONALE: un risultato del Piano di Assistenza Tecnica Dr. Marino Contu Direttore ARAS Calcolo prezzo g di proteina e grasso Euro Lire Pecorino Romano: resa stimata e costo latte base

Dettagli

Introduzione di un minicaseificio in un azienda ovicaprina

Introduzione di un minicaseificio in un azienda ovicaprina Regione Lazio ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA Arsial AGENZIA REGIONALE PER LO SVILUPPO EL INNOVAZIONE DELL AGRICOLTURA DEL LAZIO Introduzione di un minicaseificio in un azienda ovicaprina COLLANA DEI SERVIZI

Dettagli

Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela

Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Dr.ssa Paola Modesto Dr.ssa Serena Meistro Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Prodotti

Dettagli

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo?

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo? Convegno: Le nuove frontiere della trasformazione del siero del latte: da costo a valore aggiunto Milano, 2 dicembre 2012 Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è

Dettagli

IL PARMIGIANO-REGGIANO ED IL MARKETING TERRITORRIALE. Intervento di Kees De Roest Centro Ricerche Produzioni Animali

IL PARMIGIANO-REGGIANO ED IL MARKETING TERRITORRIALE. Intervento di Kees De Roest Centro Ricerche Produzioni Animali Consorzio del Formaggio Parmigiano-Reggiano Convegno IL PARMIGIANO-REGGIANO ED IL MARKETING TERRITORRIALE Intervento di Kees De Roest Centro Ricerche Produzioni Animali La vendita del Parmigiano-Reggiano

Dettagli

Consworld. di Savoi Massimo. L unica Soluzione Globale per il Siero del Latte. newhey. destinata a tutti i Caseifici. In collaborazione con :

Consworld. di Savoi Massimo. L unica Soluzione Globale per il Siero del Latte. newhey. destinata a tutti i Caseifici. In collaborazione con : L unica Soluzione Globale per il Siero del Latte newhey destinata a tutti i Caseifici In collaborazione con : Ing.E.Vezzadini& C srl Nòrea Pancolini srl COSA SI OTTIENE DAL SIERO DEL LATTE PANNA BURRO

Dettagli

S O M M A R I O. LZIMP_20101013.csv...5 LZALL_20101013.csv...5 LZANA_20101013.csv...5 Spedizione dati...5

S O M M A R I O. LZIMP_20101013.csv...5 LZALL_20101013.csv...5 LZANA_20101013.csv...5 Spedizione dati...5 Latte Bovino Analisi su campioni di massa Regole per la generazione dei file da esportare ad AgriNet - Versione 2010.b Note Tecniche - Vers. 1.40 del 03/02/2011 [ANet_DLoad_AnLVM2010b.odt] analisi latte

Dettagli

Latte e prodotti lattiero caseari

Latte e prodotti lattiero caseari Latte e prodotti lattiero caseari Il latte rappresenta il primo alimento per l uomo e, per le sue caratteristiche nutrizionali comprese quelle dei suoi derivati si conferma come uno dei prodotti fondamentali

Dettagli

Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino

Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino Antonio Pirisi Agris Sardegna- Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura I formaggi derivano tutti

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

Data warehouse e strumenti di tipo cartografico per la descrizione della struttura produttiva e dei fenomeni economici e sociali

Data warehouse e strumenti di tipo cartografico per la descrizione della struttura produttiva e dei fenomeni economici e sociali Evoluzione della struttura produttiva e del sistema lattiero-caseario del Parmigiano-Reggiano dopo il 2013 descrizione della struttura produttiva e dei fenomeni Venerdì Tiziano Bettati e Paola Vecchia

Dettagli

Azienda Agricola Biologica Iris

Azienda Agricola Biologica Iris L'Azienda Agricola Iris si trova nel cuore dell'appennino Parmense, a Rivalta di Lesignano dè Bagni, tra i colli Matildici dove la natura e il tempo hanno un ruolo fondamentale, così come lo avevano cento

Dettagli

ATTIVITA STANDARD SPESE AMMISSIBLI - ADEMPIMENTI

ATTIVITA STANDARD SPESE AMMISSIBLI - ADEMPIMENTI ATTIVITA STANDARD SPESE AMMISSIBLI - ADEMPIMENTI SETTORE ECONOMICO - GESTIONALE 1. INTERVENTI DIVULGATIVI coerenti con gli obiettivi del progetto. la spesa ammissibile verrà valutata in base alla caratteristiche

Dettagli

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014 Bologna, 03 ottobre 2014 Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari Graziella Lasi Resp. Consumer Care, Leg.Alimentare, Nutr, Com. medico-scient. Gruppo GRANAROLO

Dettagli

La cooperazione lattiero casearia nel comprensorio Parmigiano Reggiano della provincia di Mantova

La cooperazione lattiero casearia nel comprensorio Parmigiano Reggiano della provincia di Mantova La cooperazione lattiero casearia nel comprensorio Parmigiano Reggiano della provincia di Mantova RAPPORTO CONGIUNTURALE 2011 La difficoltà non sta nelle idee nuove, ma nell emancipazione da quelle vecchie

Dettagli

I formaggi del Bitto STORIE E TRADIZIONI. Comune di Albaredo per San Marco

I formaggi del Bitto STORIE E TRADIZIONI. Comune di Albaredo per San Marco I formaggi del Bitto STORIE E TRADIZIONI Comune di Albaredo per San Marco I formaggi del Bitto STORIE E TRADIZIONI Comune di Albaredo per San Marco 4 I prodotti tipici fanno parte della tradizione locale

Dettagli

Libro bianco sul latte e i prodotti lattiero caseari Analisi delle conoscenze scientifiche e considerazioni sul valore del consumo di latte e derivati

Libro bianco sul latte e i prodotti lattiero caseari Analisi delle conoscenze scientifiche e considerazioni sul valore del consumo di latte e derivati Libro bianco sul latte e i prodotti lattiero caseari Analisi delle conoscenze scientifiche e considerazioni sul valore del consumo di latte e derivati L'alimentazione è uno dei fattori che maggiormente

Dettagli

RINTRACCIABILITA FILIERA DEL FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO: LINEE GUIDA PER GLI ADEMPIMENTI INERENTI LA. Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano

RINTRACCIABILITA FILIERA DEL FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO: LINEE GUIDA PER GLI ADEMPIMENTI INERENTI LA. Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano FILIERA DEL FORMAGGIO PARMIGIANO REGGIANO: LINEE GUIDA PER GLI ADEMPIMENTI INERENTI LA RINTRACCIABILITA Documento redatto dal Consorzio del Formaggio Parmigiano-Reggiano

Dettagli

LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani

LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani Fattori: Impossibile competere sul prezzo Diversa scelta del target dei consumatori Conosciamo gli alimenti che consumiamo? Vincenzo

Dettagli

LATTE ALTA QUALITÀ TERRA DI SAN MARINO

LATTE ALTA QUALITÀ TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE ALTA QUALITÀ TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Alta Qualità Terra di San Marino è riservata al latte fresco intero pastorizzato che rispetta le condizioni

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista Fontane di Villorba 25.06.2005 I COMPONENTI DI UN LATTE

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

UNA ANALISI CRITICA DELLA PRODUZIONE E DEL POTENZIALE DI UTILIZZAZIONE DEL SIERO IN ITALIA. Pier Luigi Vecchia, Tecnologo Alimentare

UNA ANALISI CRITICA DELLA PRODUZIONE E DEL POTENZIALE DI UTILIZZAZIONE DEL SIERO IN ITALIA. Pier Luigi Vecchia, Tecnologo Alimentare UNA ANALISI CRITICA DELLA PRODUZIONE E DEL POTENZIALE DI UTILIZZAZIONE DEL SIERO IN ITALIA Pier Luigi Vecchia, Tecnologo Alimentare Convegno DAIRYTECH - Milano, 2 dicembre 2014 STIMA DELLA SITUAZIONE PRODUTTIVA

Dettagli

1.0 REQUISITI GENERALI

1.0 REQUISITI GENERALI Tortellini con ripieno alla carne Tortellini con ripieno al prosciutto crudo e parmigiano reggiano Tortellini con ripieno ricotta e spinaci Tortellini con ripieno alla carne qualsiasi natura, non che da

Dettagli

L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare

L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare Nicolas Depuydt Sardegna, Venerdi 28 Novembre 2008 1 Parametri chimico-fisici del siero SIERO DI GRANA LATTE VACCINO SIERO DI PECORINO LATTE

Dettagli

WHERE DO WE COME FROM? WHO ARE WE? WHERE DO WE HEAD FOR?

WHERE DO WE COME FROM? WHO ARE WE? WHERE DO WE HEAD FOR? WHERE DO WE COME FROM? WHO ARE WE? WHERE DO WE HEAD FOR? PROGETTO MULTILATERALE COMENIUS IL PARMIGIANO REGGIANO Classe 2^C, SCUOLA SECONDARIA I «Galileo Galilei» - T radate Maggio 2012 AUTORI TOPPI ELISA

Dettagli

Frodi nel settore lattiero-caseario

Frodi nel settore lattiero-caseario Frodi nel settore lattiero-caseario Prof. Luisa Pellegrino Ordinario di Chimica e Tecnologia del Latte Dipartimento Scienze e Tecnologie Alimentari e Microbiologiche Università degli Studi di Milano Le

Dettagli

Parte 4 - Packaging, distribuzione, controllo di gestione e certificazione

Parte 4 - Packaging, distribuzione, controllo di gestione e certificazione VOLUME 2 Parte 4 - Packaging, distribuzione, controllo di gestione e certificazione Capitolo 21 - Il confezionamento dei prodotti lattiero caseari Flavio Levati 21.1 I materiali di confezionamento... 21-3

Dettagli

CARTELLA STAMPA PRODOTTO

CARTELLA STAMPA PRODOTTO CARTELLA STAMPA PRODOTTO Indice La storia p. 3 Il riconoscimento della DOP p. 3 Le fasi di lavorazione p. 4 Il marchio a fuoco p. 5 Un alimento ad alto valore nutrizionale p. 6 Il piacere si fa in tre

Dettagli

Progetto LATSIER Qualificazione della produzione di latte e siero vaccino

Progetto LATSIER Qualificazione della produzione di latte e siero vaccino Progetto LATSIER Qualificazione della produzione di latte e siero vaccino L ormai rodato sistema di controllo del latte, attivo da oltre trent anni, ha dato negli anni una decisiva spinta al miglioramento

Dettagli

La scelta migliore per le aziende leader del settore caseario

La scelta migliore per le aziende leader del settore caseario La scelta migliore per le aziende leader del settore caseario Sviluppo sollecitato dal mercato Relazioni di lungo termine con il cliente Noi della DSS cooperiamo coi clienti e con altri partner commerciali

Dettagli

Prodotti lattiero caseari attività di ricerca in sicurezza alimentare

Prodotti lattiero caseari attività di ricerca in sicurezza alimentare la valorizzazione del prodotto alimentare Prodotti lattiero caseari attività di ricerca in sicurezza alimentare Lucia Decastelli S.C. Controllo Alimenti e Igiene delle Produzioni IZSTO Istituto Zooprofilattico

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p)

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) Il contenuto della materia secca varia in base al tipo di latte; quello vaccino é compreso tra 11 e 13 % p/p. Apparecchiature: Bilancia analitica (0,1

Dettagli

30 25023 GOTTOLENGO (BS) TEL. 030 951007 FAX

30 25023 GOTTOLENGO (BS) TEL. 030 951007 FAX 1 Siamo uno dei più piccoli caseifici associati al Consorzio per la Tutela del Formaggio Grana Padano, ne facciamo parte fin dalla sua costituzione nel 1954. Il nostro caseificio però nasce molto prima,

Dettagli

Un armonia inimitabile di sensazioni diverse

Un armonia inimitabile di sensazioni diverse Il Divulgatore n 5/2010 Parmigiano Reggiano la qualità nasce in campo Un armonia inimitabile di sensazioni diverse L analisi sensoriale, condotta attraverso una precisa metodica che consenta anche di misurare

Dettagli

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - Caratteristiche del formaggio - Divertiti imparando - 1 - Divertiti imparando - 2

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - Caratteristiche del formaggio - Divertiti imparando - 1 - Divertiti imparando - 2 INDICE 1. Che cos'è il formaggio? 2. Come si produce? 3. Che usi si possono fare del formaggio? 4. Che importanza riveste il formaggio per l'organismo? SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - Caratteristiche

Dettagli

Valutazione della formazione

Valutazione della formazione Valutazione della formazione 1.2: separare e standardizzare la materia prima con separatore centrifugo Autovalutazione della persona in formazione sulle proprie competenze operative Secondo me, le mie

Dettagli

CONOSCERE IL VALORE NUTRITIVO DEI FORAGGI

CONOSCERE IL VALORE NUTRITIVO DEI FORAGGI Opuscolo C.R.P.A. 4.34 N. 5/2009 (spedito nel luglio 2009) ISSN 0393-5094 C.R.P.A. NOTIZIE C.so Garibaldi, 42 - REGGIO EMILIA - Periodico mensile - Autorizzazione del Tribunale di Reggio Emilia n. 387

Dettagli

Piano di formazione. Tecnologa del latte AFC Tecnologo del latte AFC

Piano di formazione. Tecnologa del latte AFC Tecnologo del latte AFC Piano di formazione relativo all'ordinanza sulla formazione professionale di base per Tecnologa del latte AFC Tecnologo del latte AFC Numero della professione: 60 del.08.0 (Stato febbraio 0) Indice Introduzione...

Dettagli

BURRO. Produzione. Estrazione della crema dal latte (3.5 40%); E un concentrato della frazione lipidica del latte

BURRO. Produzione. Estrazione della crema dal latte (3.5 40%); E un concentrato della frazione lipidica del latte BURRO Burro: Prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte o dal siero di latte di vacca, nonché dalla miscela dei due indicati prodotti che risponde ai requisiti chimici, fisici ed organolettici (L1526/56

Dettagli

DOCUMENTO UNICO REGOLAMENTO (CE) N. 510/2006 DEL CONSIGLIO «PIAVE» N. CE: IT-PDO-0005-0686-04.03.2008 IGP ( ) DOP ( X )

DOCUMENTO UNICO REGOLAMENTO (CE) N. 510/2006 DEL CONSIGLIO «PIAVE» N. CE: IT-PDO-0005-0686-04.03.2008 IGP ( ) DOP ( X ) C 234/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.9.2009 Pubblicazione di una domanda a norma dell articolo 6, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio, relativo alla protezione delle

Dettagli

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE Roberto Giangiacomo CRA Istituto Sperimentale Lattiero Caseario, Lodi Convegni Qualyfood - CremonaFiere Spa - 27 ottobre 2005 - Dairy.it:

Dettagli

Denominazione Corso:

Denominazione Corso: CODICE: 254 Addetto all approvvigionamento della cucina, conservazione delle materie prime e realizzazione di preparazioni di base Opera nelle diverse aziende della ristorazione commerciale e collettiva.

Dettagli

Grana Padano Forme. Grana Padano Tranci 00.. - FORME PV 1 004.. - FORME MARCHIATO (16 MESI) PV 1.. - FORME RISERVA (20 MESI) PV 1

Grana Padano Forme. Grana Padano Tranci 00.. - FORME PV 1 004.. - FORME MARCHIATO (16 MESI) PV 1.. - FORME RISERVA (20 MESI) PV 1 1 PRODUTTORE AL MONDO In Lombardia il settore lattiero-caseario inizia a organizzarsi nei primi anni del 1900. Sorsero allora i primi caseifici sociali e nel 1928 si costituì il Consorzio del Grana Tipico

Dettagli

Soluzioni innovative per la trasformazione e la vendita diretta dei prodotti agroalimentari MINICASEIFICIO MOBILE

Soluzioni innovative per la trasformazione e la vendita diretta dei prodotti agroalimentari MINICASEIFICIO MOBILE Soluzioni innovative per la trasformazione e la vendita diretta dei prodotti agroalimentari MINICASEIFICIO MOBILE COS È UN MINICASEIFICIO Sistema di trasformazione sufficiente per il latte di produzione

Dettagli

Le esportazioni di Parmigiano-Reggiano nel 2011

Le esportazioni di Parmigiano-Reggiano nel 2011 Le esportazioni di Parmigiano-Reggiano nel 2011 (Elaborazione Si P-R, aggiornamento 17 ottobre 2012) I dati raccolti dai produttori e dalle aziende di confezionamento e commercializzazione inserite nell'elenco

Dettagli

Mangia meglio mangia sano mangia reggiano

Mangia meglio mangia sano mangia reggiano I.C. Fermi Via Bolognesi, 2 - RE Scuola secondaria di 1 grado E.Fermi Mangia meglio mangia sano mangia reggiano classi prime a.s. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL PROGETTO La nostra Scuola Fermi, da sempre

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI CAPRINI DE LA BERGAMASCA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI CAPRINI DE LA BERGAMASCA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI CAPRINI DE LA BERGAMASCA Art. 1 Denominazione Il nome Caprini de la Bergamasca è riservato esclusivamente al prodotto che risponde alle condizioni ed ai requisiti stabiliti

Dettagli

APPENDICE 8.B5 LATTE, DERIVATI E SOSTITUTI DEL LATTE

APPENDICE 8.B5 LATTE, DERIVATI E SOSTITUTI DEL LATTE APPENDICE 8.B5 LATTE, DERIVATI E SOSTITUTI DEL LATTE (g/die) CONSUMI DEL CAMPIONE TOTALE 48 LATTE, DERIVATI E SOSTITUTI DEL LATTE Tabella 1.1- Media, deviazione standard, mediana, alti percentili del consumo

Dettagli

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO)

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Fiera di Cremona 2012 Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Introduzione La materia prima per i caseifici (mini-caseifici) è il latte, possibilmente di

Dettagli

Politecnico Innovazione 1

Politecnico Innovazione 1 AGRIZOO 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ è una piccola azienda agricola casearia che produce e vende Parmigiano Reggiano, è stata fondata nel 1976 da Antonio Minardi, che ha sempre lavorato nel settore e ha poi

Dettagli

Asa Mercati ANALISI DEI COSTI NELLA FILIERA LATTIERO-CASEARIA: IL GRANA PADANO E IL PROVOLONE VALPADANA

Asa Mercati ANALISI DEI COSTI NELLA FILIERA LATTIERO-CASEARIA: IL GRANA PADANO E IL PROVOLONE VALPADANA Asa Mercati ANALISI DEI COSTI NELLA FILIERA LATTIERO-CASEARIA: IL GRANA PADANO E IL PROVOLONE VALPADANA Aprile 2011 Responsabile della ricerca Egidio Sardo Responsabile della redazione Fabio Del Bravo

Dettagli

ALLEGATO 2.3.6.a) Modalità operative del piano di monitoraggio sui prodotti lattiero caseari derivati da latte di bufala ai sensi della L.R. 3/05.

ALLEGATO 2.3.6.a) Modalità operative del piano di monitoraggio sui prodotti lattiero caseari derivati da latte di bufala ai sensi della L.R. 3/05. ALLEGATO 2.3.6.a) Modalità operative del piano di monitoraggio sui prodotti lattiero caseari derivati da latte di bufala ai sensi della L.R. 3/05. Il piano è programmato in esecuzione della L.R. 3/05.

Dettagli

PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE DI PECORA: VARIAZIONI STAGIONALI E RELAZIONI CON LA COMPOSIZIONE CHIMICA

PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE DI PECORA: VARIAZIONI STAGIONALI E RELAZIONI CON LA COMPOSIZIONE CHIMICA ITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA NTRO NAZIONALE DI REFERENZA PER LA QUALITA DEL LATTE E DEI PRODOTTI RIVATI DEGLI OVINI E DEI CAPRINI (CRELDOC) PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI DAL LATTE

I PRODOTTI DERIVATI DAL LATTE I PRODOTTI DERIVATI DAL LATTE I LATTICINI I prodotti derivati dal latte sono : i formaggi, la panna, il burro e lo yogurt FORMAGGIO Il formaggio, è il prodotto ottenuto dalla coagulazione acida o presamica

Dettagli

VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE

VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE VERONA 19 GIUGNO 2014 BENINI DR NICOLA SERVIZIO VETERINARIO ULSS 20 VERONA ETICHETTATURA PRODOTTI DERIVATI DEL LATTE ULSS20 9 CASEIFICI CE RICONOSCIUTI 1 CASEIFICIO CE AZ. RICONOSCIUTO 16 CASEIFICI AZIENDALI

Dettagli

I FORMAGGI. Utili o dannosi? 18/06/12 1

I FORMAGGI. Utili o dannosi? 18/06/12 1 I FORMAGGI Utili o dannosi? 18/06/12 1 Dal latte al formaggio Bisogna tener presente che il formaggio è un alimento totalmente diverso dal latte, sia per le caratteristiche nutrizionali, sia per l azione

Dettagli

MIKRO AZIENDE AGRICOLE...

MIKRO AZIENDE AGRICOLE... MIKRO Aziende Agricole Sommario MIKRO AZIENDE AGRICOLE... 2 ANAGRAFICA ARTICOLI... 2 DISTINTA BASE (ESEMPIO PER CASEIFICI)... 2 MENU PRODUZIONE, DATI TECNICI DI LAVORAZIONE... 4 STAMPE... 7 MAGAZZINO,

Dettagli

Costi di produzione, prezzo del latte

Costi di produzione, prezzo del latte ASSEMBLEA APROLAV (TREVISO) 21 MAGGIO 2014 Costi di produzione, prezzo del latte Alberto Menghi (a.menghi@crpa.it) Centro Ricerche Produzioni Animali Desideria Scilla A.Pro.La.V. Le domande Il prezzo del

Dettagli

Cartella stampa Taleggio

Cartella stampa Taleggio Cartella stampa Taleggio Rev. Febbraio 2016 1. Il Taleggio D.O.P.: un prodotto d eccellenza 1.1 La Storia Il Taleggio è un formaggio di origini antichissime, anteriori al X secolo. Documenti risalenti

Dettagli

Dati personali e curriculum vitæ

Dati personali e curriculum vitæ Dati personali e curriculum vitæ Devi redigere il tuo curriculum vitæ, corredato di foto. L insegnante di cultura generale ti darà le necessarie direttive da seguire. 0.8 Dati personali e curriculum vitæ

Dettagli

Associazione Italiana Allevatori Laboratorio Standard Latte GRASSO, PROTEINE, CASEINE, LATTOSIO, UREA LATTE VACCINO. FT 001 (set da 10 campioni)

Associazione Italiana Allevatori Laboratorio Standard Latte GRASSO, PROTEINE, CASEINE, LATTOSIO, UREA LATTE VACCINO. FT 001 (set da 10 campioni) GRASSO, PROTEINE, CASEINE, LATTOSIO, UREA LATTE VACCINO FT 001 (set da 10 campioni) Descrizione del campione: campione da 80 ml di latte crudo, contenuto in provette di plastica con tappo a vite di colore

Dettagli

Introduzione Con il latte / senza il latte

Introduzione Con il latte / senza il latte Introduzione Con il latte / senza il latte è un modulo didattico del curriculum MaestraNatura, un programma sperimentale di educazione alimentare attraverso il cibo. Obiettivo del modulo è permettere ai

Dettagli

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI DIETA VEGETARIANA Nella realizzazione di una dieta vegetariana frequentemente viene seguito un percorso che passa attraverso un procedimento di eliminazione di gruppi di cibi dall architettura tipica della

Dettagli

Pecorino Toscano protagonista nel tempo di un arte antica

Pecorino Toscano protagonista nel tempo di un arte antica Abbazia di Spineto via Molino di Spineto,8 Sarteano (SI) 13 settembre 2014 Giornata di Studio Il Pecorino Toscano e Sardo- Due esperienze a confronto in terra di Siena Pecorino Toscano protagonista nel

Dettagli

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali Seminario Pavimentazioni innovative nelle stalle per vacche da latte Aspetti tecnici, sanitari ed economici e confronto con soluzioni tradizionali e impostazione prove Alessandro Gastaldo, CRPA - Reggio

Dettagli

LISTINO E MODULO DI ABBONAMENTO 2015 (da inviare a mezzo fax o email al Laboratorio Standard Latte)

LISTINO E MODULO DI ABBONAMENTO 2015 (da inviare a mezzo fax o email al Laboratorio Standard Latte) LISTINO E MODULO DI ABBONAMENTO 2015 (da inviare a mezzo fax o email al Laboratorio Standard Latte) Ente richiedente Indirizzo di spedizione Indirizzo di fatturazione Telefono Fax C. F. P. IVA Email Persona

Dettagli

La proteina nell alimentazione del suino pesante

La proteina nell alimentazione del suino pesante SEMINARIO Reggio Emilia il 5 dicembre 2012 La produzione di suini e l'agricoltura reggiana Andrea Rossi, M. Teresa Pacchioli, CRPA S.p.A. Centro Ricerche Produzioni Animali C.R.P.A. S.p.A. dietetica nella

Dettagli

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani

COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO. Presentazione di Luca dr. Valerani COME VALUTARE LA QUALITA DEL LATTE DAL SACCO AL SECCHIO Presentazione di Luca dr. Valerani NORMATIVA SUI MANGIMI Dal 01/09/2010 è entrato in applicazione il regolamento Ce n. 767/2009 sull immissione sul

Dettagli

Pagina 19. Sigla/Firma 4. OBIETTIVI DEL PROGETTO - 1

Pagina 19. Sigla/Firma 4. OBIETTIVI DEL PROGETTO - 1 4. OBIETTIVI DEL PROGETTO - 1 Obiettivo generale del progetto proposto dall ATS Aziende Casearie Riunite è definire e validare interventi di innovazione precompetitiva dei processi di produzione della

Dettagli

il Gruppo LACTALIS LEADER MONDIALE PER CAPACITÀ PRODUTTIVA E COMPETENZA TECNOLOGICA 1.500mL PRODOTTI LATTIERO-CASEARI LACTALIS LACTALIS

il Gruppo LACTALIS LEADER MONDIALE PER CAPACITÀ PRODUTTIVA E COMPETENZA TECNOLOGICA 1.500mL PRODOTTI LATTIERO-CASEARI LACTALIS LACTALIS LACTALIS il Gruppo LACTALIS LEADER MONDIALE PER CAPACITÀ PRODUTTIVA E COMPETENZA TECNOLOGICA PRODUZIONE DEL GRUPPO LACTALIS (dati 2007) 1.500mL 845mT 575mT 600mT 49mT Formaggi Prodotti industriali Carne

Dettagli

PATOLOGIE DEL VITELLO A CARNE BIANCA DERIVANTI DALL ALIMENTAZIONE LATTEA

PATOLOGIE DEL VITELLO A CARNE BIANCA DERIVANTI DALL ALIMENTAZIONE LATTEA PATOLOGIE DEL VITELLO A CARNE BIANCA DERIVANTI DALL ALIMENTAZIONE LATTEA Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista BREGANZE 16.12.2010 ORIGINE DEI COMPONENTI DEL LATTE IL LATTE INTERO

Dettagli

Valutazione del rischio Listeria monocytogenes e determinazione della shelf-life in ricotte salate prodotte nella regione Sardegna

Valutazione del rischio Listeria monocytogenes e determinazione della shelf-life in ricotte salate prodotte nella regione Sardegna Valutazione del rischio Listeria monocytogenes e determinazione della shelf-life in ricotte salate prodotte nella regione Sardegna Lucia Rossi L attività di Ricerca Corrente svolta dall Istituto Zooprofilattico

Dettagli

Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte

Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte Alessio Cecchinato Dipartimento di Agronomia, Animali, Alimenti Risorse Naturali e Ambiente - DAFNAE Università di Padova Bufala Mediterranea

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

SiQuILaCa. Centro per l Innovazione. Sicurezza e Qualità nell Industria Lattiero-Casearia. a cura di C.R.P.A. S.p.A. ISBN 978-88-901789-4-8

SiQuILaCa. Centro per l Innovazione. Sicurezza e Qualità nell Industria Lattiero-Casearia. a cura di C.R.P.A. S.p.A. ISBN 978-88-901789-4-8 Centro per l Innovazione SiQuILaCa Sicurezza e Qualità nell Industria Lattiero-Casearia a cura di C.R.P.A. S.p.A. ISBN 978-88-91789-4-8 Edito da Centro Ricerche Produzioni Animali C.R.P.A. S.p.A. Corso

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Veneto Agricoltura, Corte Benedettina 20 febbraio 2013 Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività

Dettagli

CARATTERISTICHE: di zucchero PARTICOLARITA : METODO DI LAVORAZIONE:

CARATTERISTICHE: di zucchero PARTICOLARITA : METODO DI LAVORAZIONE: YOGURT di FATTORIA Latte di vacca, fermenti lattici Il latte, di provenienza aziendale, viene pastorizzato secondo le previsioni della normativa vigente; dopo un'idonea fase di raffreddamento del latte

Dettagli

PRESENTAZIONE... 3 SISTEMA DI PAGAMENTO DEL LATTE A QUALITÀ: STORIA E SCHEMA ATTUALE... 14

PRESENTAZIONE... 3 SISTEMA DI PAGAMENTO DEL LATTE A QUALITÀ: STORIA E SCHEMA ATTUALE... 14 Indice PRESENTAZIONE... 3 CENTRO PER L INNOVAZIONE SIQUILACA... 5 LE TAPPE DEL LAVORO DI SIQUILACA... 7 BACTOSCAN: CARATTERISTICHE E PRESTAZIONI... 8 CURVA DI CONVERSIONE... 10 CARICA BATTERICA TOTALE:

Dettagli

Favino e pisello nella razione, buoni sostituti della soia

Favino e pisello nella razione, buoni sostituti della soia S SPECIALE SPERIMENTAZIONE DEL CRPA SU VACCHE DA LATTE Favino e pisello nella razione, buoni sostituti della soia La sostituzione della proteina derivante da farine di soia con altre farine proteiche non

Dettagli

QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA

QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA LA FILIERA LATTE DELL ASINO AMIATINO: VALORIZZAZIONE, INNOVAZIONE TECNOLOGICA SOSTENIBILE E CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITA QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA Prof.ssa Mina Martini Rispescia

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO IGIENICO SANITARIO NEI CASEIFICI

LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO IGIENICO SANITARIO NEI CASEIFICI LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO IGIENICO SANITARIO NEI CASEIFICI a norma del Reg. (CE) 852/2004 documento del 07.09.07 CFPR Bozza LG HACCP caseifici 20100825 acc corr 1.doc

Dettagli

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI ANNO ACCADEMICO 2009-2010 CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE DOCENTE: Maria Grazia Volpe mail:mgvolpe@isa.cnr.it FINALITA Il corso si prefigge di avviare lo studente all

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

IL FORMAGGIO PARMIGIANO-REGGIANO ED IL CONTROLLO DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA 1

IL FORMAGGIO PARMIGIANO-REGGIANO ED IL CONTROLLO DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA 1 IL FORMAGGIO PARMIGIANO-REGGIANO ED IL CONTROLLO DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA 1 Bonazzi G., Manghi E. 2 1. Premessa In Italia sono riconosciuti 31 formaggi a Denominazione di Origine Protetta,

Dettagli

ALTRI ATTI COMMISSIONE EUROPEA

ALTRI ATTI COMMISSIONE EUROPEA C 101/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 20.4.2010 ALTRI ATTI COMMISSIONE EUROPEA Pubblicazione di una domanda di modifica, a norma dell'articolo 6, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 510/2006

Dettagli

Applicazione di una Tecnica Alternativa di Salatura del Formaggio Pecorino Romano DOP

Applicazione di una Tecnica Alternativa di Salatura del Formaggio Pecorino Romano DOP A.I.Te.L 4 Congresso Lattiero-caseario, Padova 12 settembre 2014 Applicazione di una Tecnica Alternativa di Salatura del Formaggio Pecorino Romano DOP Enrico Salvatore, Massimo Pes, Stefano Furesi, Margherita

Dettagli

I PERCORSI NORMATIVI dello Sportello Alimentare. Revisione 1. I Percorsi Normativi dello Sportello Alimentare. Repertorio legislativo europeo

I PERCORSI NORMATIVI dello Sportello Alimentare. Revisione 1. I Percorsi Normativi dello Sportello Alimentare. Repertorio legislativo europeo I PERCORSI NORMATIVI dello Sportello Alimentare PRODOTTI CASEARI CONFINDUSTRIA CUNEO Sportello Alimentare Corso Dante 51 - Cuneo Rif.: d.ssa Elisabetta Nocera 31.12.2013 Revisione 1 TELEFONO 0171 455408

Dettagli

Digestione anaerobica e aspetti igienico-sanitari: risultati preliminari di test in impianto sperimentale in continuo

Digestione anaerobica e aspetti igienico-sanitari: risultati preliminari di test in impianto sperimentale in continuo BIOWASTE Sessione tecnica: IL BIORIFIUTO L.Rossi, S. Piccinini, M. Soldano Centro Ricerche Produzioni Animali CRPA Comitato Tecnico CIC Rimini, 6 novembre 2014 Centro Ricerche Produzioni Animali C.R.P.A.

Dettagli

Esperienze di di intervento partecipato e definizione di di buone pratiche per la prevenzione dei dei WMSDs nella lavorazione del Parmigiano-Reggiano

Esperienze di di intervento partecipato e definizione di di buone pratiche per la prevenzione dei dei WMSDs nella lavorazione del Parmigiano-Reggiano DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Gruppo Caseifici di Area Vasta delle Province di Reggio Emilia, Modena, Parma e Piacenza Quarto Seminario Internazionale La prevenzione e gestione del rischio da sovraccarico

Dettagli

Ruolo della Ricerca Scientifica nella Produzione Casearia di Eccellenza

Ruolo della Ricerca Scientifica nella Produzione Casearia di Eccellenza Ruolo della Ricerca Scientifica nella Produzione Casearia di Eccellenza Giovanna Battelli Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari Consiglio Nazionale delle Ricerche Un prodotto di filiera ognuno

Dettagli

CHIMICA DEGLI ALIMENTI

CHIMICA DEGLI ALIMENTI CHIMICA DEGLI ALIMENTI Alimento: sostanza che l organismo può assumere e metabolizzare per produrre l energia ed il calore necessari allo svolgimento delle funzioni vitali. Derrata alimentare (Codex Alimentarius,

Dettagli

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE PROGRAMMAZIONE 2014 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE Premessa: L unità Organizzativa complessa Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche svolge principalmente

Dettagli