Il settore estrattivo in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il settore estrattivo in Italia"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Sala del Consiglio 9 aprile 2013 Il settore estrattivo in Italia Analisi e valutazione delle strategie competitive per lo sviluppo sostenibile Francesca CERUTI

2 L impianto della ricerca Analisi economicofinanziaria Obiettivi Ricerca bibliografica Metodologia Analisi della letteratura Questionario (658 imprese) Analisi statistica descrittiva Analisi componenti principali Profilo emergente del settore Linee evolutive Analisi best practices

3 L impianto della ricerca Analisi economicofinanziaria Obiettivi Ricerca bibliografica Metodologia Analisi della letteratura Questionario (658 imprese) Analisi statistica descrittiva Analisi componenti principali Profilo emergente del settore Linee evolutive Analisi best practices

4 Una metodologia di analisi per il settore estrattivo Fonti secondarie I settori di riferimento per le attività estrattive non energetiche corrispondono ai codici ATECO: B07 Estrazione di minerali metalliferi B08 Altre attività di estrazione di minerali da cave e miniere Sono stati considerati gli ultimi due bilanci (2011, 2010) Utilizzando i dati di bilancio si presentano due tipologie di problemi che obbligano ad escludere dall'analisi le corrispondenti imprese: U 1 Universo di tutte le imprese (A) Bilanci con poste non verosimili U 2 1 Universo U 1 depurato delle imprese (A) (B) Indici di bilancio con valori outlier* U 3 2,1 Universo U 2 depurato delle imprese (B) B B Totale * Metodo delle differenze interquartili con coefficiente pari a 3

5 Una metodologia di analisi per il settore estrattivo Fonti secondarie I settori di riferimento 872 imprese per rappresentano le attività estrattive non energetiche corrispondono ai codici l'85% ATECO: del fatturato B07 Estrazione di minerali metalliferi dell'universo U 2 1 B08 Altre attività di estrazione di minerali da cave e miniere Sono stati considerati gli ultimi due bilanci (2011, 2010) Utilizzando i dati di bilancio si presentano due tipologie di problemi che obbligano ad escludere dall'analisi le corrispondenti imprese: U 1 Universo di tutte le imprese (A) Bilanci con poste non verosimili U 2 1 Universo U 1 depurato delle imprese (A) (B) Indici di bilancio con valori outlier* U 3 2,1 Universo U 2 depurato delle imprese (B) B B Totale * Metodo delle differenze interquartili con coefficiente pari a 3

6 Una metodologia di analisi per il settore estrattivo Fonti secondarie I settori di riferimento per le attività estrattive non energetiche corrispondono ai codici ATECO: Universo utile B07 per Estrazione cogliere di minerali metalliferi Universo utile per l'analisi la distribuzione B08 territoriale Altre attività di estrazione economico-finanziaria di minerali da cave e del miniere delle Sono imprese stati considerati gli ultimi settore due bilanci nel suo (2011, complesso 2010) Utilizzando i dati di bilancio si presentano due tipologie di problemi che obbligano ad escludere dall'analisi le corrispondenti imprese: U 1 Universo di tutte le imprese (A) Bilanci con poste non verosimili U 2 1 Universo U 1 depurato delle imprese (A) (B) Indici di bilancio con valori outlier* U 3 2,1 Universo U 2 depurato delle imprese (B) B B Totale * Metodo delle differenze interquartili con coefficiente pari a 3

7 Una metodologia di analisi per il settore estrattivo Fonti secondarie I settori di riferimento per le attività estrattive non energetiche corrispondono ai codici ATECO: B07 Estrazione di minerali metalliferi B08 Altre attività di estrazione di minerali da cave e miniere Limitare l'analisi ai soli settori ATECO B07 e B08 è fuorviante perché Sono non tiene stati considerati conto: gli ultimi due bilanci (2011, 2010) 1. dello Utilizzando stretto legame i dati di tecnico-produttivo bilancio si presentano con due diversi tipologie settori di problemi che a obbligano valle (costruzioni, ad escludere cementiero, dall'analisi cosmetico, le corrispondenti...) imprese: 2. del fatto che (A) innumerevoli attività estrattive (B) sono realizzate U 1 U 2 1 Universo di tutte le imprese * Metodo delle differenze interquartile con coefficiente pari a 3 U 3 2,1 da imprese Bilanci che con hanno poste la loro attività Universo prevalente U 1 Indici nel di bilancio settore con ATECO Fabbricazione non verosimili di altri prodotti depurato della lavorazione delle valori di outlier* minerali non imprese (A) metalliferi Universo U 2 depurato delle imprese (B) B Necessità di estendere l'analisi al settore B Totale

8 Una metodologia di analisi per il settore estrattivo Fonti secondarie Anche per il settore ATECO Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi sono stati considerati gli ultimi due bilanci (2011, 2010) Per depurare e normalizzare il data base si è reso necessario anche discriminare fra le imprese con e quelle senza cava. A tal fine sono state contattate telefonicamente tutte le imprese con un fatturato nel 2010 superiore ai 2 milioni di Euro Ū1 Universo di tutte le imprese (A) Bilanci con poste non verosimili Ū2 1 Universo U1 depurato delle imprese (A) (B) Indici di bilancio con valori outlier* Ū3 2,1 Universo U2 depurato delle imprese (B) (non utilizzato) di cui con cava * Metodo delle differenze interquartili con coefficiente pari a 3

9 Una metodologia di analisi per il settore estrattivo Fonti secondarie Anche per il settore 190 imprese ATECO rappresentano Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali il 96,3% non del metalliferi fatturato sono stati considerati gli ultimi due bilanci (2011, 2010) dell'universo Ū2 1 Per depurare e normalizzare il data base si è reso necessario anche discriminare fra le imprese con e quelle senza cava. A tal fine sono state contattate telefonicamente tutte le imprese con un fatturato nel 2010 superiore ai 2 milioni di Euro Ū1 Universo di tutte le imprese (A) Bilanci con poste non verosimili Ū2 1 Universo U1 depurato delle imprese (A) (B) Indici di bilancio con valori outlier* Ū3 2,1 Universo U2 depurato delle imprese (B) (non utilizzato) di cui con cava * Metodo delle differenze interquartili con coefficiente pari a 3

10 Una metodologia di analisi per il settore estrattivo Fonti primarie

11 Una metodologia di analisi per il settore estrattivo Fonti primarie Al questionario hanno risposto 130 imprese (di cui 50 hanno inviato solo dati parziali) Redemption: 19,8% (12,2% se si escludono le risposte parziali) Caratteristiche del campione rispondente: Fatturato Metodologia statistica utilizzata per elaborare le risposte: PCA Principal Component Analysis

12 L impianto della ricerca Analisi economicofinanziaria Obiettivi Ricerca bibliografica Metodologia Analisi della letteratura Questionario (658 imprese) Analisi statistica descrittiva Analisi componenti principali Profilo emergente del settore Linee evolutive Analisi best practices

13 L analisi economico-finanziaria I risultati della ricerca su fonti secondarie sono articolati in quattro sezioni

14 L analisi economico-finanziaria Numero imprese Variazione Regione N. imprese % N. imprese % % Piemonte 123 7,56% 123 7,81% 0,00% Valle d'aosta 8 0,49% 7 0,44% -12,50% Liguria 38 2,33% 38 2,41% 0,00% Lombardia ,22% ,69% -6,44% Trentino-Alto Adige 62 3,81% 61 3,88% -1,61% Veneto 150 9,21% 139 8,83% -7,33% Friuli-Venezia Giulia 41 2,52% 42 2,67% 2,44% Emilia-Romagna 106 6,51% 107 6,80% 0,94% Totale Nord ,65% ,54% -3,54% Toscana ,06% ,37% -0,56% Marche 49 3,01% 49 3,11% 0,00% Umbria 26 1,60% 20 1,27% -23,08% Lazio 148 9,09% 143 9,09% -3,38% Totale Centro ,75% ,84% -2,98% Abruzzo 35 2,15% 34 2,16% -2,86% Molise 6 0,37% 6 0,38% 0,00% Campania 68 4,18% 61 3,88% -10,29% Puglia 110 6,76% 107 6,80% -2,73% Basilicata 17 1,04% 16 1,02% -5,88% Calabria 21 1,29% 22 1,40% 4,76% Sardegna 77 4,73% 65 4,13% -15,58% Sicilia 99 6,08% 108 6,86% 9,09% Totale Sud e Isole ,60% ,62% -3,23% Totale Italia % % -3,32%

15 L analisi economico-finanziaria Fatturato imprese Regione Tot. Fatturato (milioni ) % Tot. Fatturato (milioni ) Variazione % % Piemonte 424,87 11,21% ,81% -1,30% Valle d'aosta 8,98 0,24% 9,76 0,25% 8,69% Liguria 65,11 1,72% 90,95 2,34% 39,69% Lombardia 1007,59 26,58% 1053,05 27,14% 4,51% Trentino-Alto Adige 79,08 2,09% 91 2,35% 15,34% Veneto 522,96 13,79% 566,97 14,61% 8,42% Friuli-Venezia Giulia 92,49 2,44% 94,6 2,44% 2,28% Emilia-Romagna 272,79 7,19% 219,09 5,65% -19,69% Totale Nord 2473,88 65,25% ,59% 2,87% Toscana 298,02 7,86% 306,95 7,91% 3,00% Marche 136,14 3,59% 165,28 4,26% 21,40% Umbria 20,93 0,55% 14,58 0,38% -30,34% Lazio 272,37 7,18% 240 6,18% -11,99% Totale Centro 727,47 19,19% ,72% -0,13% Abruzzo 46,95 1,24% 46,88 1,21% -0,15% Molise 9,46 0,25% 10,52 0,27% 11,21% Campania 94,79 2,50% 88 2,27% -6,98% Puglia 155,81 4,11% 211,34 5,45% 35,64% Basilicata 14,12 0,37% 17,22 0,44% 21,95% Calabria 24,15 0,64% 26,25 0,68% 8,70% Sardegna 113,57 3,00% 102 2,63% -10,24% Sicilia 131,2 3,46% 106,29 2,74% -18,99% Totale Sud e Isole 590,05 15,56% ,69% 3,14% Totale Italia % % 2,34%

16 Numero imprese Fatturato imprese (migliaia ) L analisi economico-finanziaria Dimensione imprese Dimensione impresa N.Imprese Fatturato (milioni ) N. Imprese Fatturato (milioni ) Variazione N.Imprese Variazione Fatturato (milioni ) Micro , ,14-3,54% -7,26% Piccole , ,37-1,40% -2,19% Medie , ,45-14,58% -4,99% Grandi 7 762, ,11 14,29% 28,02% Micro Piccole Medie Grandi Micro Piccole Medie Grandi

17 L analisi economico-finanziaria Materiali estratti Ferrosi Non ferrosi Lapidei Sabbia Per ind. chimica (*) sono state considerate solo le imprese dell'universo U 2 1 che hanno indicato un codice ATECO di dettaglio Torba Sale Altri NCA Bitume Pomice B B B B B B B B B B Totale Piemonte Valle d'aosta Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Totale Nord Toscana Marche Umbria Lazio Totale Centro Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sardegna Sicilia Totale Sud e Isole Totale Italia

18 L analisi economico-finanziaria Materiali estratti Ferrosi Non ferrosi Lapidei Sabbia Per ind. chimica (*) sono state considerate solo le imprese dell'universo U 2 1 che hanno indicato un codice ATECO di dettaglio Torba Sale Altri NCA Bitume Pomice B B B B B B B B B B Totale Piemonte B B B B B B B B B B Totale Piemonte.. 4,55% 11,22%... 10,34%. 9,23% 8,14% Valle d'aosta Valle d'aosta.. 0,52% 0,56% ,50% Liguria Liguria.. 3,67% 1,68%... 6,90%. 1,54% 2,55% Lombardia Lombardia.. 11,01% 20,20% 10,00%. 12,50% 10,34% 50,00% 12,31% 15,65% Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige.. 7,34% 2,38%. 20,00%.... 4,25% Veneto Veneto 33,33%. 8,74% 9,26% 20,00% 40,00%. 6,90%. 10,77% 9,21% Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia.. 2,10% 3,51% 10,00%.... 4,62% 2,90% Emilia-Romagna Emilia-Romagna.. 1,92% 12,62% ,00%. 7,22% Totale Nord Totale Nord 33,33%. 39,86% 61,43% 40,00% 60,00% 12,50% 34,48% 100,00% 38,46% 50,42% Toscana Toscana. 20,00% 16,43% 7,43%. 20,00%. 6,90%. 15,38% 11,40% Marche Marche.. 1,75% 4,21%. 20,00% 12,50%.. 1,54% 3,05% Umbria Umbria.. 1,40% 1,12% ,13% Lazio Lazio 66,67% 40,00% 12,06% 5,05%.. 12,50% 13,79%. 12,31% 8,64% Totale Centro Totale Centro 66,67% 60,00% 31,64% 17,81%. 40,00% 25,00% 20,69%. 29,23% 24,22% Abruzzo Abruzzo.. 0,35% 3,51% ,91% Molise Molise.. 0,52%.... 3,45%. 1,54% 0,35% Campania Campania.. 2,97% 3,23% 20,00%.. 13,79%. 7,69% 3,61% Puglia Puglia.. 10,31% 2,81% 10,00%.. 17,24%. 4,62% 6,23% Basilicata Basilicata.. 0,35% 1,82% ,06% Calabria Calabria.. 0,35% 2,66%... 3,45%.. 1,56% Sardegna Sardegna. 20,00% 5,77% 2,10%.. 25,00% 3,45%. 7,69% 4,04% Sicilia Sicilia. 20,00% 7,87% 4,63% 30,00%. 37,50% 3,45%. 10,77% 6,59% Totale Sud e Isole Totale Sud e Isole. 40,00% 28,50% 20,76% 60,00%. 62,50% 44,83%. 32,31% 25,35% Totale Italia Totale Italia 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100%

19 L analisi economico-finanziaria Materiali estratti Ferrosi Non ferrosi Lapidei Sabbia Per ind. chimica (*) sono state considerate solo le imprese dell'universo U 2 1 che hanno indicato un codice ATECO di dettaglio Torba Sale Altri NCA Bitume Pomice B B B B B B B B B B Totale Piemonte B B B B B B B B B B Totale Piemonte.. 4,55% 11,22%... 10,34%. 9,23% 8,14% Valle d'aosta B B B B B B B B B B Totale 7 Liguria Piemonte , , , , ,45 Lombardia Valle d'aosta , , ,76 Trentino-Alto Liguria Adige , , , , ,23 Veneto Lombardia , ,63 2 2, ,78. 7,18 7 6, ,4 Friuli-Venezia Trentino-Alto Giulia Adige , , , ,86 Emilia-Romagna Veneto. 0, , ,17. 0,42. 3, , , ,66 Friuli-Venezia Totale Giulia Nord , , , , ,28 Toscana Emilia-Romagna , , , ,23 Marche Totale Nord. 0, , ,47. 20,31 1 4, ,38. 15, , ,88 Umbria Toscana , , , , , ,59 Lazio Marche , , , , ,63 Umbria Totale Centro , , ,96 Abruzzo Lazio. 0,79. 0, , , ,19. 0, , ,91 Molise Totale Centro. 0,79. 0, , , ,03. 22,36 1 1, , ,12 Campania Abruzzo , , ,7 Puglia Molise , , ,47 Basilicata Campania , ,9. 2, ,4... 7, ,47 Calabria Puglia , ,33. 36, , , ,28 Sardegna Basilicata , , ,4 Sicilia Calabria , , ,25 Sardegna Totale Sud e Isole.. 2 1, , , ,1 13 0, , ,33 Sicilia Totale Italia , , , , , , , ,66 Valle d'aosta.. 0,52% 0,56% ,50% Liguria.. 3,67% 1,68%... 6,90%. 1,54% 2,55% Lombardia.. 11,01% 20,20% 10,00%. 12,50% 10,34% 50,00% 12,31% 15,65% Trentino-Alto Adige.. 7,34% 2,38%. 20,00%.... 4,25% Veneto 33,33%. 8,74% 9,26% 20,00% 40,00%. 6,90%. 10,77% 9,21% Friuli-Venezia Giulia.. 2,10% 3,51% 10,00%.... 4,62% 2,90% Emilia-Romagna.. 1,92% 12,62% ,00%. 7,22% Totale Nord 33,33%. 39,86% 61,43% 40,00% 60,00% 12,50% 34,48% 100,00% 38,46% 50,42% Toscana. 20,00% 16,43% 7,43%. 20,00%. 6,90%. 15,38% 11,40% Marche.. 1,75% 4,21%. 20,00% 12,50%.. 1,54% 3,05% Umbria.. 1,40% 1,12% ,13% Lazio 66,67% 40,00% 12,06% 5,05%.. 12,50% 13,79%. 12,31% 8,64% Totale Centro 66,67% 60,00% 31,64% 17,81%. 40,00% 25,00% 20,69%. 29,23% 24,22% Abruzzo.. 0,35% 3,51% ,91% Molise.. 0,52%.... 3,45%. 1,54% 0,35% Campania.. 2,97% 3,23% 20,00%.. 13,79%. 7,69% 3,61% Puglia.. 10,31% 2,81% 10,00%.. 17,24%. 4,62% 6,23% Basilicata.. 0,35% 1,82% ,06% Calabria.. 0,35% 2,66%... 3,45%.. 1,56% Sardegna. 20,00% 5,77% 2,10%.. 25,00% 3,45%. 7,69% 4,04% Sicilia. 20,00% 7,87% 4,63% 30,00%. 37,50% 3,45%. 10,77% 6,59% Totale Sud e Isole. 40,00% 28,50% 20,76% 60,00%. 62,50% 44,83%. 32,31% 25,35% Totale Italia 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% Totale Sud e Isole. 2,98 163,83 227,58 46,37. 27,37 18,57. 41,84 525,56 Totale Italia 1,75 3, , ,46 66,67 4,56 49,73 57,39 15,59 302, ,55

20 L analisi economico-finanziaria Materiali estratti Ferrosi Non ferrosi Lapidei Sabbia Per ind. chimica (*) sono state considerate solo le imprese dell'universo U 2 1 che hanno indicato un codice ATECO di dettaglio Torba Sale Altri NCA Bitume Pomice B B B B B B B B B B Totale Piemonte B B B B B B B B B B Totale Piemonte.. 4,55% 11,22%... 10,34%. 9,23% 8,14% Valle d'aosta B B B B B B B B B B Totale 7 Liguria Piemonte. B B B , ,53 B B B B B ,67. B ,26 B ,45 Totale Lombardia Valle Piemonte d'aosta ,28 2,32% 144 8,48 14,99% ,17% ,71% ,76 12,03% Trentino-Alto Liguria Valle Adige d'aosta ,13 0,12% 17 39,19 0,46% , , ,23 0,29% Veneto Lombardia Liguria ,48 4,47% ,63 2,13% 2 2, ,78 3,26%. 7, ,93 0,34% ,4 2,64% Friuli-Venezia Trentino-Alto Lombardia Giulia Adige ,22 26,78% 25 34,34 23,71% 1 3,60%.. 1, ,60%.. 46,06%. 3 2,29% ,86 22,73% Emilia-Romagna Veneto Trentino-Alto Adige. 0, ,62 5,13% ,17 1,87%. 0,42. 3,22 28,51%... 0, , ,66 2,66% Friuli-Venezia Veneto Totale Giulia Nord 1 54,86% ,8 3,96% ,66 27,76% 4 17,48 0,63% 3 70,61% ,10% ,34 1,71% ,28 16,46% Toscana Emilia-Romagna Friuli-Venezia Giulia ,35 1,28% ,47 3,08%. 26,22% , ,43% ,23 2,70% Marche Emilia-Romagna Totale Nord. 0, ,87 1,15% ,47 9,98%. 20, , ,38. 15,59 53,94% 1240, ,88. 5,99% Umbria Toscana Totale Nord. 54,86% ,95 45,19% 8 77,84 77,80%. 30,46%.. 0,02 99,12%.... 0,48 65,13%. 100,00%.. 15,3 79,48% ,59 65,51% Lazio Marche Toscana ,73 17,73% 36 42,72 4,24%... 0,01 0,44% 1 18, ,84% ,05% ,63 8,34% Umbria Marche Totale Centro ,06 9,44% 127 3,9 2,32% ,22%. 2 36,54% ,96 4,77% Abruzzo LazioUmbria. 0,79. 0, ,82 0,56% 25 55,94 0,21% ,19. 0, , ,91 0,29% Molise Lazio Totale Centro. 0,79 45,14%. 0,68 18,58% 3426,57 11,87%. 180,41 3,04%... 0,03. 22,36 8,43% 1 1,45 1,69% ,3 1,65% 5 651,12 5,68% Campania Abruzzo Totale Centro. 45,14%.. 18,58%. 17 2,87 39,60% 23 37,83 9,82% ,66%.. 44,96%. 4 2,53% ,70% ,7 19,09% Puglia Molise Abruzzo ,95 0,27% 20 2,06% , ,47 1,19% Basilicata Campania Molise ,78 0,92% 13 29,9. 2, ,4... 7,63 0,17% 15 62,47 0,31% Calabria Puglia Campania ,07 1,84% 19 87,33 1,63%. 36,98 4,14% ,64 4,18%... 1,26 2,52% ,28 1,83% Sardegna Basilicata Puglia ,09 5,30% 15 16,31 4,75%. 55,47% ,54% ,42% ,4 5,67% Sicilia Calabria Basilicata ,6 0,01% 33 20,65 0,89% ,25 0,48% Sardegna Totale Calabria Sud e Isole , ,61 0,06% ,2 1,12% , ,06 8,71% , ,33 0,77% Sicilia Sardegna Totale Italia ,03 53,28% ,86 3,68% ,37 0,66% 10 6, ,27 30,36% 29 0,46 0,10% ,07 10,02% ,66 2,85% Valle d'aosta.. 0,52% 0,56% ,50% Liguria.. 3,67% 1,68%... 6,90%. 1,54% 2,55% Lombardia.. 11,01% 20,20% 10,00%. 12,50% 10,34% 50,00% 12,31% 15,65% Trentino-Alto Adige.. 7,34% 2,38%. 20,00%.... 4,25% Veneto 33,33%. 8,74% 9,26% 20,00% 40,00%. 6,90%. 10,77% 9,21% Friuli-Venezia Giulia.. 2,10% 3,51% 10,00%.... 4,62% 2,90% Emilia-Romagna.. 1,92% 12,62% ,00%. 7,22% Totale Nord 33,33%. 39,86% 61,43% 40,00% 60,00% 12,50% 34,48% 100,00% 38,46% 50,42% Toscana. 20,00% 16,43% 7,43%. 20,00%. 6,90%. 15,38% 11,40% Marche.. 1,75% 4,21%. 20,00% 12,50%.. 1,54% 3,05% Umbria.. 1,40% 1,12% ,13% Lazio 66,67% 40,00% 12,06% 5,05%.. 12,50% 13,79%. 12,31% 8,64% Totale Centro 66,67% 60,00% 31,64% 17,81%. 40,00% 25,00% 20,69%. 29,23% 24,22% Abruzzo.. 0,35% 3,51% ,91% Molise.. 0,52%.... 3,45%. 1,54% 0,35% Campania.. 2,97% 3,23% 20,00%.. 13,79%. 7,69% 3,61% Puglia.. 10,31% 2,81% 10,00%.. 17,24%. 4,62% 6,23% Basilicata.. 0,35% 1,82% ,06% Calabria.. 0,35% 2,66%... 3,45%.. 1,56% Sardegna. 20,00% 5,77% 2,10%.. 25,00% 3,45%. 7,69% 4,04% Sicilia. 20,00% 7,87% 4,63% 30,00%. 37,50% 3,45%. 10,77% 6,59% Totale Sud e Isole. 40,00% 28,50% 20,76% 60,00%. 62,50% 44,83%. 32,31% 25,35% Totale Italia 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% Sicilia Totale Sud e Isole.. 2,98 28,14% 163,83 3,14% 227,58 1,27% 46,37 9,94%.. 27,37 24,67% 18,57 0,80%.. 41,84 0,68% 525,56 2,31% Totale Totale Sud Italia e Isole 1,75. 3,66 81,42% 1.077,27 15,21% 1.837,46 12,39% 66,67 69,55% 4,56. 49,73 55,04% 57,39 32,36% 15, ,88 13,81% 3.411,55 15,41% Totale Italia 100% 100% 100% 106% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100%

21 L analisi economico-finanziaria Δ % ROE ROI ROS EBITDA/Vendite Oneri finanziari/fatturato 1,71 1,45-15,20% 2,34 2,43 3,85% 4,40 4,57 3,86% 11,78 11,70-0,68% 2,04 2,37 16,18% Indice di liquidità 0,85 0,86 1,18% Indice di disponibilità 1,13 1,13 0,00% Indice di copertura delle immobilizzazioni 1,01 1,01 0,00% Rapporto di indebitamento Indice di indebitamento a breve 2,54 2,61 2,76% 0,70 0,69-1,43% Fatturato (in milioni di Euro) 3.312, ,22-0,50% Risultato di esercizio (in milioni di Euro) 41,84 33,96-18,83%

22 L analisi economico-finanziaria Il settore è in salute nonostante il lieve calo della domanda (-0,5%) e una ben più elevata diminuzione degli utili (-18,9%) e della remunerazione dei detentori del capitale di rischio (-15,2%) Il settore appare fortemente immobilizzato con un elevata incidenza degli ammortamenti e delle svalutazioni ed esiste una forte incidenza degli oneri sul fatturato Gli indici finanziari rimangono sostanzialmente invariati: le scorte a magazzino pesano ancora sul grado di liquidabilità delle proprie risorse e le fonti finanziarie di medio-lungo periodo coprono bene le immobilizzazioni ROE ROI ROS EBITDA/Vendite Oneri finanziari/fatturato Indice di liquidità Δ % 1,71 1,45-15,20% 2,34 2,43 3,85% 4,40 4,57 3,86% 11,78 11,70-0,68% 2,04 2,37 16,18% 0,85 0,86 1,18% Indice di disponibilità 1,13 1,13 0,00% Indice di copertura delle immobilizzazioni 1,01 1,01 0,00% Rapporto di indebitamento Indice di indebitamento a breve 2,54 2,61 2,76% 0,70 0,69-1,43% Fatturato (in milioni di Euro) 3.312, ,22-0,50% Risultato di esercizio (in milioni di Euro) 41,84 33,96-18,83%

23 L analisi economico-finanziaria con cava N. imprese % Tot. Fatturato (milioni ) % N. imprese % Tot. Fatturato (milioni ) % Piemonte 323 5,04% ,98% 20 8,47% 193 2,39% Valle d'aosta 12 0,19% 16 0,05% 1 0,42% 3 0,03% Liguria 76 1,19% 319 0,93% 2 0,85% 14 0,17% Lombardia ,16% ,24% 39 16,53% ,08% Trentino-Alto Adige 119 1,86% 801 2,33% 16 6,78% 118 1,46% Veneto ,94% ,85% 20 8,47% 337 4,17% Friuli-Venezia Giulia 126 1,97% 720 2,10% 2 0,85% 18 0,22% Emilia-Romagna 617 9,63% ,65% 17 7,20% 331 4,10% Totale Nord ,97% ,14% ,58% ,63% Toscana 586 9,15% ,68% 26 11,02% 216 2,68% Marche 202 3,15% 643 1,87% 10 4,24% 47 0,59% Umbria 125 1,95% ,00% 6 2,54% 626 7,75% Lazio 477 7,45% ,75% 18 7,63% 416 5,15% Totale Centro ,70% ,30% 60 25,42% ,17% Abruzzo 170 2,65% ,57% 7 2,97% 41 0,50% Molise 34 0,53% 47 0,14%.... Campania 444 6,93% 601 1,75% 7 2,97% 56 0,70% Puglia 396 6,18% 533 1,55% 17 7,20% 90 1,11% Basilicata 52 0,81% 132 0,38% 2 0,85% 41 0,51% Calabria 168 2,62% 236 0,69% 8 3,39% 29 0,36% Sardegna 199 3,11% 256 0,75% 6 2,54% 66 0,82% Sicilia 416 6,49% 595 1,73% 12 5,08% 97 1,20% Totale Sud e Isole ,33% ,56% 59 25,00% 420 5,21% Totale Italia % % % %

24 L analisi economico-finanziaria Il settore appare in equilibrio solo dal punto di vista finanziario con una solida correlazione fra fonti e impieghi. Il fatturato e l utile sono in drastico calo e si ripercuotono sugli indici di reddittività Gli indici di reddittività mostrano bassi livelli sia di ritorno sul capitale investito sia di remunerazione dei detentori di capitale di rischio ROE ROI ROS EBITDA/Vendite Oneri finanziari/fatturato Indice di liquidità Δ % 2,07 0,61-70,53% 2,32 0,66-71,55% 4,55 1,30-71,43% 14,09 12,36-12,28% 2,87 3,17 10,45% 1,03 1,10 6,80% Indice di disponibilità 1,40 1,49 6,43% Indice di copertura delle immobilizzazioni 1,05 1,07 1,90% Rapporto di indebitamento Indice di indebitamento a breve 2,13 2,10-4,00% 0,50 0,48-1,41% Fatturato (in milioni di Euro) 8.170, ,42-4,87% Risultato di esercizio (in milioni di Euro) 153,45 43,80-71,46%

25 L impianto della ricerca Analisi economicofinanziaria Obiettivi Ricerca bibliografica Metodologia Analisi della letteratura Questionario (658 imprese) Analisi statistica descrittiva Analisi componenti principali Profilo emergente del settore Linee evolutive Analisi best practices

26 La Principal Component Analysis Per analizzare il posizionamento strategico delle imprese di settore si è considerata la strategia come risultante di: Punti di forza Obiettivi Strumenti Investimenti Tali variabili costituiscono gli oggetti da indagare mediante il metodo della PCA, dopo aver verificato l adeguatezza dell insieme di dati

27 L impianto della ricerca Analisi economicofinanziaria Obiettivi Ricerca bibliografica Metodologia Analisi della letteratura Questionario (658 imprese) Analisi statistica descrittiva Analisi componenti principali Profilo emergente del settore Linee evolutive Analisi best practices

28 Il profilo emergente del settore Punti di forza Azienda Produttività Esperienza Prodotto

29 Il profilo emergente del settore Punti di forza Azienda Produttività Esperienza Prodotto

30 Il profilo emergente del settore Obiettivi Crescita Dimensionale Economie di scala Innovazione Prodotto Differenziazione

31 Il profilo emergente del settore Obiettivi Crescita Dimensionale Economie di scala Innovazione Prodotto Differenziazione

32 Il profilo emergente del settore Strumenti Ristrutturazione Ristrutturazione Corsi di formazione R&D

33 Il profilo emergente del settore Strumenti Ristrutturazione Ristrutturazione Corsi di formazione R&D

34 Il profilo emergente del settore Investimenti Canali Disinvestimento Comunicazione Impresa Green

35 Il profilo emergente del settore Investimenti Canali Disinvestimento Comunicazione Impresa Green

36 Lo stato attuale del settore Peso non secondario sull economia nazionale anche per le implicazioni sui settori a valle della filiera produttiva Soddisfacenti condizioni economico-finanziarie Altre peculiarità: Ampia diffusione sul territorio nazionale Imprese radicate Dimensione aziendale medio-piccola fatto salvo alcune significative eccezioni Strutture organizzative semplici Partecipazione diretta della proprietà al governo e alla gestione d impresa Scarso interesse verso le opzioni di internazionalizzazione La strategia non è un processo esplicito, ma emerge da comportamenti concreti

37 L impianto della ricerca Analisi economicofinanziaria Obiettivi Ricerca bibliografica Metodologia Analisi della letteratura Questionario (658 imprese) Analisi statistica descrittiva Analisi componenti principali Profilo emergente del settore Linee evolutive Analisi best practices

38 Implicazioni manageriali Ridotta consapevolezza dei punti di forza aziendali "Marketing miopia", intesa come limitata percezione delle opportunità presenti sul mercato Tentativi di sviluppo non accompagnati dall utilizzo di adeguati strumenti (es. corsi di formazione o R&D) Scarsa importanza attribuita alla fase di pianificazione strategica Attività di comunicazione Sviluppo di capacità relazionali Sviluppo tematica «green»

39 Linee di ricerca future Affiancare all indagine quantitativa anche una fase qualitativa per interpretare al meglio i dati emersi e evidenziare maggiormente le best practice esistenti nel settore Ripetizione annuale dell analisi economico-finanziaria per creare una base dati ad aggiornamento continuo per tutti i soggetti coinvolti a vario titolo nel settore Approfondimenti in tema di «Made in Italy» e alle politiche di branding per cavatori di marmo

estrattive in Italia Un quadro di sintesi

estrattive in Italia Un quadro di sintesi La rinaturazione delle cave Dal caso studio del bacino estrattivo del Botticino alle esperienze in Italia Nuvolento, ottobre 0 Il settore delle attività estrattive in Italia Un quadro di sintesi Francesca

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Padova, 19 marzo 2014 Pierluigi Sodini Definizione L articolo 25, comma 2 del decreto legge 18 ottobre

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

FIDUCIA DEI CONSUMATORI

FIDUCIA DEI CONSUMATORI 23 Dicembre 213 Dicembre 213 FIDUCIA DEI CONSUMATORI A dicembre l indice del clima di fiducia dei consumatori in base 25= diminuisce a 96,2 da 98,2 del mese di novembre. Migliorano i giudizi sulla componente

Dettagli

Pierluigi Sodini. L impegno del sistema camerale per le start up innovative

Pierluigi Sodini. L impegno del sistema camerale per le start up innovative Pierluigi Sodini L impegno del sistema camerale per le start up innovative DEFINIZIONE L articolo 25, comma 2 del decreto legge 18 ottobre 2012 n.179, convertito con modificazioni nella legge 17 dicembre

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 1 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 06 Aprile 2015 1 Principali evidenze A fine marzo 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 STATISTICHE RELATIVE AL PERIODO 1 GENNAIO 30 SETTEMBRE 2013 Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione

Dettagli

L'importanza del Fattore Umano:

L'importanza del Fattore Umano: L'importanza del Fattore Umano: Tendenze e testimonianze dalle Eccellenti 2015 7 a Edizione Palazzo Mezzanotte 15 giugno 2015 Agenda 1 Osservatorio PMI Global Strategy PMI Italiane: competitività e eccellenza

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Connessione sicura Username e password personalizzate

Connessione sicura Username e password personalizzate ! Connessione sicura Username e password personalizzate " Esisistono due livelli di credenziali di accesso, in ottemperanza della legge sulla privacy: 1. Livello Amministrazione - è ad uso del RESPONSABILE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

Sondaggio CIMO ASMD 2013

Sondaggio CIMO ASMD 2013 Sondaggio CIMO ASMD 2013 Dati invio: target (Welfarelink) Tipologia Numeriche Medico Ospedaliero 97.065 Continuità Assistenziale 2.542 Medicina Territoriale 3.929 Medico in Casa di Cura 7.280 Totale 110.816

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Le adozioni internazionali nel 2013

Le adozioni internazionali nel 2013 Le adozioni internazionali nel 2013 Nel corso del 2013 la Commissione ha rilasciato l autorizzazione all ingresso in Italia per 2.825 bambini provenienti da 56 Paesi, adottati da 2.291 famiglie residenti

Dettagli

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia Febbraio 2015 Con il contributo scientifico di Indice Obiettivi

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 3 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 07 Ottobre 2015 Principali evidenze A fine settembre 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a) Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 1, lett. a) Report mensile I risultati al 3 aprile 215 1 Indice 1. Le domande presentate... 3 1.1 Le domande presentate nel periodo 1 gennaio-3

Dettagli

MIA BioCatering Rimini, 16 febbraio 2009 Il futuro del catering bio

MIA BioCatering Rimini, 16 febbraio 2009 Il futuro del catering bio MIA BioCatering Rimini, 16 febbraio 2009 Il futuro del catering bio Evoluzione e trend della ristorazione biologica nelle scuole Rosa Maria Bertino (Bio Bank) 791 mense bio nelle scuole italiane Secondo

Dettagli

Il Telefono Verde contro il Fumo

Il Telefono Verde contro il Fumo Il Telefono Verde contro il Fumo Dott.ssa Luisa Mastrobattista Osservatorio Fumo Alcol e Droga OSSFAD Istituto Superiore di Sanità XVII Convegno Tabagismo e Servizio Sanitario Nazionale AGGIORNAMENTO DEI

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane In collaborazione con UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Centro Studi Qualità Ambiente Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le

Dettagli

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva Un panorama del mercato del leasing in Italia realizzato in collaborazione con LOCAT Leasing e redatto dall Ufficio Studi FIMAA Milano su elaborazioni Nomisma su dati Assilea. Il leasing immobiliare: nel

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Test preliminari: candidati e ammessi per regione

Test preliminari: candidati e ammessi per regione Test preliminari: candidati e ammessi per regione A013 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE LOMBARDIA 182 101 TRENTINO ALTO-ADIGE 51 32 VENETO 126 76 LIGURIA 54 36 EMILIA ROMAGNA 110 67 TOSCANA 158 101 UMBRIA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico Decreto del direttore generale per il personale scolastico n. 82 del 24 settembre 2012: indizione dei concorsi a posti e cattedre, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento del personale docente

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI Famiglia gioco Numero Concessioni GIOCHI A BASE SPORTIVA E IPPICA 398 CONCESSIONI GIOCO ON LINE (GAD) 144 GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE 1 LOTTO E LOTTERIE 1 BINGO

Dettagli

Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione. Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2011/12 aprile 2013

Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione. Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2011/12 aprile 2013 Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2011/12 aprile 2013 1. IL QUESTIONARIO E LA SOMMINISTRAZIONE AGLI STUDENTI... 2 1.1

Dettagli

Francesca Belinghieri. Novara, 11 giugno 2014

Francesca Belinghieri. Novara, 11 giugno 2014 Novara, 11 giugno 2014 "Il Nuovo SET (Servizio Emergenze Trasporti), uno strumento operativo per la gestione delle emergenze a supporto delle Autorità Pubbliche e delle Imprese". Francesca Belinghieri

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Obbligo per le Casse dei Professionisti di dimostrare la propria sostenibilità a 50 anni previa adozione di misure dirette ad assicurare l equilibrio tra entrate

Dettagli

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia.

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia. Fondazione Impresa Via Torre Belfredo 81/e 30174 Mestre Venezia + 39 340 2388841 info@fondazioneimpresa.it www.fondazioneimpresa.it CAMPANIA, SARDEGNA E BASILICATA: I MIGLIORI MIX DI ENERGIA RINNOVABILE

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE

BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE Negli ultimi 10 anni l incremento è stato del 165,5 per cento. Purtroppo, nel 77 per cento dei casi i responsabili non vengono assicurati alla giustizia

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

PROGETTO DONNE & SCIENZA. progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere

PROGETTO DONNE & SCIENZA. progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere PROGETTO DONNE & SCIENZA progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere Contesto Normativo Nascita 1989 Comitato pari opportunità presso il Ministero della Pubblica Istruzione

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia 14 giugno 2010 L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Anno scolastico 2008/2009 L Istat diffonde i principali risultati della rilevazione rapida relativa

Dettagli

Come costruire itinerari turistico responsabili

Come costruire itinerari turistico responsabili Come costruire itinerari turistico responsabili GIUSEPPE MELIS INTRODUZIONE AL CONVEGNO ITINERARI TURISTICO-RESPONSABILI: STRUMENTI PER ATTIVARE PERCORSI DI QUALITÀ ORISTANO, 27 MAGGIO 2008 AUDITORIUM

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 I consumi culturali: La spesa delle famiglie italiane per la cultura e lo spettacolo rappresenta il 7% della loro

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA

GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA 13 dicembre 2013 Siena www.ismea.it www.ismeaservizi.it I FONDI DI GARANZIA ISMEA Garanzia di ultima istanza dello Stato ISMEA Fondo di garanzia sussidiaria Fondo di garanzia

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

totale Dal punto di vista settoriale sono particolarmente vivaci le imprese appartenenti al comparto editoria, telecomunica-

totale Dal punto di vista settoriale sono particolarmente vivaci le imprese appartenenti al comparto editoria, telecomunica- Introduzione LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE UN INDICATORE SINTETICO FRANCESCO SOLARO 1 - - ad esempio alla crescita del fenomeno e-commerce che ha fatto registrare un aumento sia degli ordini che degli

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Infratel Italia. marzo 2014

Infratel Italia. marzo 2014 Infratel Italia marzo 2014 La missione Estendere le opportunità di accesso alla banda larga, in tutte le aree sottoutilizzate del Paese, attraverso la realizzazione e l integrazione d infrastrutture di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora?

Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora? Il Sistema Sanitario Italiano esiste ancora? Salute e Sud Regioni italiane: offerta sanitaria e condizioni di salute Report n. 7/2010 REGIONI ITALIANE: OFFERTA SANITARIA E CONDIZIONI DI D SALUTE Per il

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

I principali temi. Crescita dimensionale. Reti d impresa e altre forme di alleanza. Innovazione e ricerca. Capitale umano e formazione

I principali temi. Crescita dimensionale. Reti d impresa e altre forme di alleanza. Innovazione e ricerca. Capitale umano e formazione I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale umano e formazione Internazionalizzazione: Esportazioni Investimenti diretti esteri Efficienza

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009 Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni Rapporto di sintesi Ottobre 2009 1 La rilevazione è stata realizzata dal Formez. Il questionario è stato predisposto con la collaborazione

Dettagli

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI N.57 MARZO 2014 I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI E PRIVATI AUTORIZZATI OVERVIEW Analizzare i canali attraverso cui i lavoratori trovano un, costituisce un esercizio di grande interesse per la conoscenza

Dettagli

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori)

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori) Consumo annuo (kwh) Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di energia elettrica Corrispettivi previsti dall offerta free di eni alla data del 01/02/2011, valida fino alla data del 15/04/2011

Dettagli

CONFEZIONI PER ADULTI BIANCHERIA PERSONALE, MAGLIERIA, CAMICIE OMBRELLI, GUANTI E CRAVATTE CALZATURE E ACCESSORI DI PELLETTERIA E DA VIAGGIO

CONFEZIONI PER ADULTI BIANCHERIA PERSONALE, MAGLIERIA, CAMICIE OMBRELLI, GUANTI E CRAVATTE CALZATURE E ACCESSORI DI PELLETTERIA E DA VIAGGIO STUDIO DI SETTORE VM05U ATTIVITÀ 47.71.10 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI CONFEZIONI PER ADULTI ATTIVITÀ 47.71.20 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI CONFEZIONI PER BAMBINI E NEONATI ATTIVITÀ 47.71.30 COMMERCIO AL DETTAGLIO

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Fondo per la crescita sostenibile

Fondo per la crescita sostenibile Fondo per la crescita sostenibile Intervento a favore dei Progetti di R&S negli ambiti tecnologici di Horizon 2020 (Decreti del Ministro dello sviluppo economico 20 giugno 2013 e 15 ottobre 2014) Roma,

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile?

È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile? È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile? IV Workshop 2013 Coordinamento Nazionale PASSI Dati PASSI a supporto delle politiche per la sicurezza stradale Gianluigi

Dettagli

SURVEY SUI RISTORANTI ITALIANI

SURVEY SUI RISTORANTI ITALIANI SURVEY SUI RISTORANTI ITALIANI criteri di scelta e posizionamento dei vini del Trentino Luglio 2014 UNIVERSO DI RIFERIMENTO: ristoranti/trattorie/wine bar presenti nelle principali guide italiane (Michelin,

Dettagli

IMPRESE ED ADDETTI NEI SERVIZI DI LOGISTICA E DI TRASPORTO MERCI

IMPRESE ED ADDETTI NEI SERVIZI DI LOGISTICA E DI TRASPORTO MERCI - CONFEDERAZIONE GENERALE ITALIANA DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA IMPRESE ED ADDETTI NEI SERVIZI DI LOGISTICA E DI TRASPORTO MERCI a cura del CENTRO STUDI CONFETRA QUADERNO N. 113 - MAGGIO 1999 A. PREMESSA

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia. Marzo 2015

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia. Marzo 2015 IV Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia Executive summary Marzo 2015 Con il contributo scientifico di 1 Finalità dell Osservatorio 5 Contenuto e metodologia dell

Dettagli

L Italia dei libri. Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto. Gian Arturo Ferrari. 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense

L Italia dei libri. Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto. Gian Arturo Ferrari. 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense L Italia dei libri Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto Gian Arturo Ferrari 23 marzo 2012 Roma, Biblioteca Casanatense Il metodo L affidamento a L inserimento dei libri nel Panel Consumer 3000

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE ABRUZZO L'ABRUZZO Via F. Filomusi Guelfi - 67100 -L'Aquila Tel. 0862446148-0862446142 Fax 0862446101-0862446145 E-mail: sr-abr@beniculturali.it E-mail certificata: mbac-sr-abr@mailcert.beniculturali.it

Dettagli

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale FC-VECA.A-I_SW_DOM_ DOM_DUAL - All.8 Sconta prezzo gas sul valore della componente commercializzazione all'ingrosso (componente relativa alla materia prima Materia Prima Gas (CCI) /Smc 0,414734 L offerta

Dettagli

Prendere in mano il proprio futuro

Prendere in mano il proprio futuro Prendere in mano il proprio futuro Un mese di «mia pensione» Maggio 2015 Utenti che hanno tentato l accesso: 908.935 Dei quali under 40: 222.461 Accessi all estratto conto di under 40: 356.944 Simulazioni

Dettagli