Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI"

Transcript

1 Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del

2 IPOTESI PROGETTUALI

3 CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI PUNTI DI INTERESSE 1/2 AREA SPORTIVA CIMITERO SCUOLA ELEMENTARE CHIESA PARROCCHIALE CENTRO DI VITA ASSOCIATA SCUOLA MATERNA

4 CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI PUNTI DI INTERESSE 2/2 AREA SPORTIVA CIMITERO SCUOLA ELEMENTARE CHIESA PARROCCHIALE CENTRO DI VITA ASSOCIATA SCUOLA MATERNA MAGLIA STRADALE DI ACCESSO A: Servizi socio sanitari Attività commerciali Scuole Cultura e tempo libero. «Percorso Vita» Parco fluviale Maglia stradale di accesso ai servizi

5 CONSIDERAZIONI PRELIMINARI ADEGUARE ED ESTENDERE LA RETE DELLA MOBILITÀ PEDONALE E CICLISTICA AREA SPORTIVA CIMITERO SCUOLA ELEMENTARE CHIESA PARROCCHIALE CENTRO DI VITA ASSOCIATA SCUOLA MATERNA «Percorso Percorso Vita Vita» Parco fluviale Marciapiede esistente su un lato della strada Marciapiede esistente su entrambi i lati della strada

6 CONSIDERAZIONI PRELIMINARI GARANTIRE L OPERATIVITÀ DEL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Le corse sono effettuate con autobus da 55 posti a sedere, di lunghezza pari a 10,50 m. Andata Andata Città di Castello Sansepolcro Ritorno Sansepolcro Città di Castello Fermata Busitalia

7 IPOTESI PROGETTUALI Asse attrezzato per la mobilità pedonale e ciclistica su Via della Croce di collegamento tra Via S. Maria e il cimitero Rete della mobilità pedonale e ciclistica: Attraversamenti pedonali protetti Completamento di itinerari verso i punti di interesse Riqualificazione e riorganizzazione di Via S. Andrea Istituzione di Isola Ambientale Via S. Maria Via dell Ospizio inversione del S.U. di marcia Realizzazione di nuove aree di sosta su Viale Italia e Via II Giugno Circolazione e fermata autobus TPL extraurbano e scolastico Percorsi dei mezzi pesanti DOPPIO SENSO DI CIRCOLAZIONE SU VIALE NARDI E VIALE ITALIA Organizzazione della circolazione Organizzazione della sosta SENSO UNICO DI CIRCOLAZIONE SU VIALE NARDI E VIALE ITALIA Organizzazione della circolazione Organizzazione della sosta

8 IPOTESI DI PROGETTO INVARIANTI ASSE ATTREZZATO PER LA MOBILITÀ PEDONALE E CICLISTICA AREA SPORTIVA CIMITERO SCUOLA ELEMENTARE CHIESA PARROCCHIALE CENTRO DI VITA ASSOCIATA SCUOLA MATERNA «Percorso Vita» Parco fluviale (esistente) Marciapiedi esistenti su un lato della strada Marciapiedi esistenti su entrambi i lati della strada Asse attrezzato ciclo-pedonale Attraversamenti pedonali attrezzati

9 IPOTESI DI PROGETTO INVARIANTI PROGRESSIVA ESTENSIONE DELLA RETE DELLA MOBILITÀ PEDONALE E CICLISTICA Infrastrutture da realizzare «Percorso Vita» Parco fluviale (esistente) Marciapiedi esistenti su un lato della strada Marciapiedi esistenti su entrambi i lati della strada Asse attrezzato ciclo-pedonale Elementi di raccordo Isola Ambientale Attraversamenti pedonali protetti 1 Percorso pedonale verso il Cimitero 2 Riqualificazione di Via S. S Andrea 3 Isola Ambientale Via S. Maria Via dell Ospizio 4 Percorsi pedonali verso ambulatori medici e Viale Nardi da nuovo parcheggio di Viale Italia 5 Percorso p pedonale a servizio della scuola materna e del nuovo parcheggio di Via II Giugno 6 Percorso pedonale di raccordo al Percorso Vita 7 Percorso pedonale di raccordo tra asse attrezzato pedonale e maglia dei servizi

10 ASSE ATTREZZATO PER LA MOBILITÀ PEDONALE E CICLISTICA - ESEMPI

11 ASSE ATTREZZATO PER LA MOBILITÀ PEDONALE E CICLISTICA Ipotesi alternativa A: sistemazione della carreggiata di Via della Croce con marciapiedi materializzati Larghezza sezione: 7.0 m (marciapiedi inesistenti) Larghezza sezione: 8.5 m (marciapiedi inesistenti) Larghezza sezione: 9.0 m (un solo marciapiede esistente) Larghezza sezione: 9.5 m (fronte scuola) ativa di riferimento Foto esemplifica ogettuale Ipotesi pro Via delle Croce Via Umbria Via delle Croce Via Udine Via della Croce Via Trieste Via della Croce Via Roma

12 ASSE ATTREZZATO PER LA MOBILITÀ PEDONALE E CICLISTICA Ipotesi alternativa B: sistemazione della carreggiata di Via della Croce con percorsi pedonali a raso (delimitati da segnaletica orizzontale o pavimentazione colorata) ambo lati Larghezza sezione: 7.0 m (marciapiedi inesistenti) Larghezza sezione: 8.5 m (marciapiedi inesistenti) Larghezza sezione: 9.0 m (un solo marciapiede esistente) Larghezza sezione: 9.5 m (fronte scuola) nto ativa di riferimen Foto esemplifica ogettuale Ipotesi pro Via delle Croce Via Umbria Via delle Croce Via Udine Via della Croce Via Trieste Via della Croce Via Roma

13 ASSE ATTREZZATO PER LA MOBILITÀ PEDONALE E CICLISTICA Ipotesi alternativa C: sistemazione della carreggiata di Via della Croce con percorsi ciclopedonali a raso (delimitati da segnaletica orizzontale) su uno o entrambi i lati, a seconda dei casi. Larghezza sezione: 7.0 m (marciapiedi inesistenti) Larghezza sezione: 8.5 m (marciapiedi inesistenti) Larghezza sezione: 9.0 m (un solo marciapiede esistente) Larghezza sezione: 9.5 m (fronte scuola) nto ativa di riferimen Foto esemplifica ogettuale Ipotesi pro Via delle Croce Via Umbria Via delle Croce Via Udine Via della Croce Via Trieste Via della Croce Via Roma

14 IPOTESI DI PROGETTO INVARIANTI RETE MOBILITÀ PEDONALE E CICLISTICA STATO ATTUALE INTERSEZIONI AGGIORNARE

15 RETE MOBILITÀ PEDONALE E CICLISTICA - RIQUALIFICAZIONE INTERSEZIONI Focus attraversamenti pedonali a raso rialzato ATTRAVERSAMENTO PEDONALE RIALZATO semaforizzato con isola salvagente Rampa di raccordo ir = Pendenza Massimo 15% se v 50 km/h Massimo 17,5% se v 30 km/h il rialzamento dell attraversamento può essere fatto soltanto per le strade dove il limite di velocità è uguale o inferiore a 50 km/h Segnaletica orizzontale Strisce a colori alternati (Bianco e Nero o Giallo e Nero) la zona della rampa può essere resa meglio visibile mediante applicazione di strisce alternate di colori contrastanti Ar = Ampiezza Minimo 3,50m in caso di attraversamento rialzato deve essere almeno quella delle sezione diattraversamento (min 2,50 m) più un franco laterale di 0,50 m per parte L = Lunghezza (trasversale al senso di marcia dei veicoli) Al massimo 2 corsie la parte di carreggiata rialzata non deve essere superiore a due corsie, una per senso di marcia Fonte: Studio Aci linee guida attraversamenti pedonali 2011

16 Rampa IPOTESI DI PROGETTO INVARIANTI RETE MOBILITÀ PEDONALE E CICLISTICA - RIQUALIFICAZIONE INTERSEZIONI Estratto normativa sugli attraversamenti pedonali in Italia Pendenza i % 15% (MAX) dislivello max 0,15 m Larghezza totale - M 1,50 m Marciapiede (casi di rampe brevi) Larghezza al netto di rampe o ostacoli - M l 0,90 m (MIN) Larghezza - R 0,90 m (MIN) Percorso Pendenza trasversale del percorso pedonale - i t% 1% (MAX) Altezza cordolo - h c 0,10 m pedonale Pendenza longitudinale del percorso pedonale - i l% 5% Si consiglia dislivello di 8-10 cm e una pendenza tra 7% e il 10% Si consiglia di garantire una larghezza di almeno 1.5 m Attraversamenti pedonali AMPIEZZA sezione di attraversamento - A SPESSORE singola striscia - S DISTANZA tra strisce successive - D Colore 2,50 m MIN (locali, quartiere) 4,00 m MIN (altre strade) 0,50 m 0,50 m bianco Nella prassi le strisce sono talvolta omesse, soprattutto nei centri storici e in luoghi di particolare pregio storico e artistico, oppure qualora il Regolamento viario ammetta l uso di simboli diversi. Stallo di sosta longitudinale largh.: 2.0 m lungh.: 5.0m

17 RETE MOBILITÀ PEDONALE E CICLISTICA - RIQUALIFICAZIONE INTERSEZIONI Esempi

18 RETE MOBILITÀ PEDONALE E CICLISTICA - RIQUALIFICAZIONE INTERSEZIONI caso esemplificativo: Via Belzoni (PD) Difficile «leggibilità» da parte dei veicoli Immediata percezione da parte dei veicoli PRIMA DOPO Barriere architettoniche, pericolosità e diffidenza da parte dell utenza ciclopedonale Eliminazione delle barriere architettoniche e maggiore sicurezza per l utenza ciclopedonale PRIMA DOPO Non si percepisce il ruolo dell area di transito a velocità ridotta e non sono delineati gli spazi di manovra PRIMA DOPO Si riconosce un area dove procedere a velocità ridotta ed alta attenzione, sono ben delineate le aree di manovra e circolazione per ogni utenza Esempi

19 RETE MOBILITÀ PEDONALE E CICLISTICA - RIQUALIFICAZIONE INTERSEZIONI caso esemplificativo: Via Belzoni (PD) Da una ricognizione successiva si nota e si evidenzia che la «pittura» su asfalto tende a scolorire con il passare del tempo e sotto l azione degli agenti atmosferici. Si consiglia pertanto di usare l asfalto con conglomerato bitumoso pigmentato. Esempi

20 PERCORSO VERSO LAMA E CIMITERO - ATTRAVERSAMENTO PEDONALE VIA EUROPA (Criticità) ità) Assenza di marciapiede all altezza del passaggio ferroviario ambo i lati, obbligo per il pedone di passaggio in banchina o sulla carreggiata; 2. Assenza di marciapiede lato nord da via Nardi a Via Europa. Consuetudine pedonale di utilizzo della carreggiata stradale; 3. Consuetudine all attraversamento pedonale non consentito su Via Europa (lato San Giustino. Condizione di estrema pericolosità per i pedoni. 4. Attraversamento pedonale esistente su Via Europa (lato Cerbara) scarsamente utilizzato;

21 ATTRAVERSAMENTO PEDONALE VIA EUROPA (Intervento) ESEMPI APPLICATIVI ATTRAVERSAMETNO A RASO PROTRETTO DA SPARTITRAFFICO

22 ATTRAVERSAMENTO PEDONALE VIA EUROPA Fonte: Manuale della segnaletica stradale permanente

23 ATTRAVERSAMENTO PEDONALE VIA EUROPA Riferimenti tecnici

24 VIA S.ANDREA (nord) E INTERSEZIONI CON VIA DELLA CROCE E VIA S. MARIA (Criticità) Restringimento della carreggiata a 5,00 (non segnalato) Senso unico alternato (non segnalato) Criticità pedonale Via della croce: Assenza di percorso pedonale Larghezza carreggiata 3,00 m Assenza di percorso pedonale Via Santa Maria: Assenza di percorso pedonale Larghezza carreggiata 2,80m

25 VIA S.ANDREA (area centrale) (Criticità) Auto in sosta sulla carreggiata (lato est) Auto in sosta irregolare su area pedonale a ridosso delle attività (lato ovest) Alberatura a ridosso della strada Spazio di uscita ed ingresso al teatro non idoneo

26 INTERSEZIONE VIA D. OSPEDALICCHIO VIA DEL FORNO VIALE NARDI (Criticità) La sosta irregolare su Via del Forno e all altezza di Piazza V. Veneto comporta l incrocio delle traiettorie dei veicoli in svolta da e per Via S. Andrea, con riduzione della visibilità in entrambe le direzioni con conseguente pericolo di collisione; Spazi così ampi non regolamentati danno modo a comportamenti non corretti da parte dell utenza; Auto in sosta davanti ai passi carrabili; Fermata bus dismessa da demolire o ristrutturare.

27 VIA SANT ANDREA RIQUALIFICAZIONE E RIORGANIZZAZIONE Con ipotesi doppio senso di circolazione su Viale Nardi Viale Italia 1. ATTRAVERSAMENTO VIA S. ANDREA - ASSE PEDONALE E CHIUSURA VIA DELLA CROCE 2. RIQUALIFICAZIONE AREA CENTRALE 3. RIORGANIZZAZIONE PIAZZA VITTORIO VENETO

28 ATTRAVERSAMENTO VIA S. ANDREA - ASSE PEDONALE E CHIUSURA VIA DELLA CROCE Con ipotesi doppio senso di circolazione su Viale Nardi Viale Italia

29 RIQUALIFICAZIONE AREA CENTRALE Con ipotesi doppio senso di circolazione su Viale Nardi Viale Italia

30 RIORGANIZZAZIONE PIAZZA VITTORIO VENETO Con ipotesi doppio senso di circolazione su Viale Nardi Viale Italia Mini rotatoria totalmente sormontabile

31 ORGANIZZAZIONE CIRCOLAZIONE E SOSTA MAGLIA CENTRALE Con ipotesi doppio senso di circolazione su Viale Nardi Viale Italia 36 POSTI AUTO SULLA MAGLIA CENTRALE

32 VIA SANT ANDREA RIQUALIFICAZIONE E RIORGANIZZAZIONE Con ipotesi senso unico di circolazione su Viale Nardi Viale Italia 1. ATTRAVERSAMENTO VIA S. ANDREA - ASSE PEDONALE E CHIUSURA VIA DELLA CROCE 2. RIQUALIFICAZIONE AREA CENTRALE 3. RIORGANIZZAZIONE PIAZZA VITTORIO VENETO

33 ATTRAVERSAMENTO VIA S. ANDREA - ASSE PEDONALE E CHIUSURA VIA DELLA CROCE Con ipotesi senso unico di circolazione su Viale Nardi Viale Italia

34 RIQUALIFICAZIONE AREA CENTRALE Con ipotesi senso unico di circolazione su Viale Nardi Viale Italia

35 RIORGANIZZAZIONE PIAZZA VITTORIO VENETO Con ipotesi senso unico di circolazione su Viale Nardi Viale Italia Mini rotatoria (diametro xx m) totalmente sormontabile

36 ORGANIZZAZIONE CIRCOLAZIONE E SOSTA MAGLIA CENTRALE Con ipotesi senso unico di circolazione su Viale Nardi Viale Italia 54 POSTI AUTO SULLA MAGLIA CENTRALE

37 ISOLA AMBIENTALE VIA S. MARIA VIA DELLO OSPIZIO cos è un isola ambientale la rete principale urbana racchiude all'interno delle sue maglie singole zone urbane composte da strade locali alle quali viene assegnata la denominazione di Isole Ambientali. Sono dette "isole" in quanto interne alla maglia della viabilità principale p ed "ambientali" in quanto finalizzate al recupero della vivibilità degli spazi urbani. Direttive per la redazione dei Piani Urbani del Traffico - G.U Inversione del senso unico di circolazione, ingresso all isola ambientale in Via dello Ospizio e uscita in sicurezza da Via Santa Maria su Via Sant Andrea. Divieto di sosta (salvo residenti) Limite velocità a 30 km/h

38 USCITA DALLA SCUOLA ELEMENTARE CRITICITÀ (VIA della Croce) Uscita degli alunni dalla scuola direttamente sulla viabilità di scorrimento; Assenza di offerta di sosta, sosta irregolare nelle vie limitrofe che porta alla formazione di sensi unici alternati o all interruzione della viabilità; Percorsi pedonali inesistenti.

39 USCITA DALLA SCUOLA ELEMENTARE - INTERVENTO (Via della Croce)

40 NUOVA AREA DI PARCHEGGIO SU VIALE ITALIA - CRITICITÀ Percorso pedonale di accesso ambulatori medici da Viale Italia Area da acquisire per la creazione del parcheggio su Viale Italia Accesso ambulatori medici su Viale Nardi, sosta sul lato opposto Percorso pedonale di collegamento tra Viale Nardi e il nuovo o parcheggio su Viale Italia

41 NUOVA AREA DI PARCHEGGIO SU VIALE ITALIA - INTERVENTO 46 p

42 USCITA DALLA SCUOLA MATERNA (VIA II GIUGNO) - CRITICITÀ L uscita degli alunni dalla scuola su Viale Nardi avviene su marciapiede di ridotte dimensioni ed interrotto dall alberatura presente; Fermata scuolabus su carreggiata; Assenza del percorso pedonale su Via II Giugno necessario per raggiungere la fermata scuolabus o il mezzo del genitore; Le ridotte dimensioni della sede stradale unitamente al doppio senso di marcia su Via II Giugno rendono irrealizzabile il percorso pedonale.

43 USCITA DALLA SCUOLA MATERNA (VIA II GIUGNO) - INTERVENTO NUOVO ACCESSO LATO SUD Fermata scuolabus fuori dalla carreggiata; Parcheggio per i genitori e i residenti dell area limitrofa lato ovest via II Giugno; Nuovo accesso posteriore alla scuola materna.

44 IPOTESI DI PROGETTO INVARIANTI PERCORSO DI RACCORDO TRA VIA S. MARIA E IL PERCORSO VITA PARCO FLUVIALE

45 IPOTESI DI PROGETTO INVARIANTI VARIAZIONE PERCORSI E FERMATE LINEE BUS ITALIA Andata Città di Castello Sansepolcro Ritorno Sansepolcro Città di Castello Fermata Busitalia Bacino di utenza (raggio 250 m)

46 VIABILITÀ DEI MEZZI PESANTI PER LE OFFICINE DI SELCI STATO ATTUALE AREA DIVIETO DI ACCESSO AI MEZZI PESANTI ECCETTO AUTORIZZATI

47 VIABILITÀ DEI MEZZI PESANTI PER LE OFFICINE DI SELCI IPOTESI BREVE PERIODO AREA DIVIETO DI ACCESSO AI MEZZI PESANTI ECCETTO AUTORIZZATI intersezione oggetto di riqualificazione nella segnaletica orizzontale e nell illuminazione

48 VIABILITÀ DEI MEZZI PESANTI PER LE OFFICINE DI SELCI IPOTESI MEDIO PERIODO AREA DIVIETO DI ACCESSO AI MEZZI PESANTI ECCETTO AUTORIZZATI Intersezione oggetto gg di riqualificazione strutturale

49 VIABILITÀ DEI MEZZI PESANTI PER LE OFFICINE DI SELCI IPOTESI LUNGO PERIODO SELCI Intersezione oggetto di riqualificazione strutturale Nuovo svincolo

50 INTERSEZIONE VIA DELLA GAVINA VIA TEVERE CRITICITÀ Intersezione molto critica per l incrocio dei mezzi pesanti; Su Via della Gavina sono stati rilevati, nelle 24h di un giorno feriale invernale medio, complessivamente 4163 veicoli di cuii 219 mezzi pesanti; Viabilità inadeguata per il transito dei mezzi pesanti a causa 1. delle ridotte dimensioni della carreggiata; 2. Del dissesto del piano viario causato anche dal transito dei mezzi pesanti.

51 INTERSEZIONE VIA DELLA GAVINA VIA TEVERE Intervento Breve Periodo

52 INTERSEZIONE VIA DELLA GAVINA VIA TEVERE Intervento eventuale Medio Periodo

53 INTERSEZIONE VIA DELLA GAVINA VIA DELLO OSPEDALICCHIO SP100 (Criticità) 6m Intersezione tra strade con carreggiate molto strette (5m Via dello Ospedalicchio e 6m Via della Gavina e SP100) Scarsa visibilità Elevate velocità rilevate in direzione Città di Castello-Selci Rilevati circa 200 mezzi pesanti in transito sulla SP100.

54 INTERSEZIONE VIA DELLA GAVINA VIA DELLO OSPEDALICCHIO SP100 (IPOTESI BASE Lungo Periodo)

55 INTERSEZIONE VIA DELLA GAVINA VIA DELLO OSPEDALICCHIO SP100 (Lungo Periodo Soluzione di confronto)

56 IPOTESI PROGETTUALI IPOTESI ALTERNATIVE DI CIRCOLAZIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA SOSTA VEICOLARE

57 IPOTESI PROGETTUALI A - IPOTESI DOPPIO SENSO DI CIRCOLAZIONE SU VIALE NARDI E VIALE ITALIA

58 IPOTESI DOPPIO SENSO DI CIRCOLAZIONE SU VIALE NARDI E VIALE ITALIA ITINERARI PRINCIPALI intersezione i da riqualificare intersezione da riqualificare

59 IPOTESI DOPPIO SENSO DI CIRCOLAZIONE SU VIALE NARDI E VIALE ITALIA ASSETTO CIRCOLATORIO GENERALE Doppio senso Senso unico Viabilità principale Viabilità secondaria Strade senza uscita

60 IPOTESI DOPPIO SENSO DI CIRCOLAZIONE SU VIALE NARDI E VIALE ITALIA SOSTA 46 p 25p Sosta ridotta o vietata Sosta incrementata e/o regolarizzata g Aree di sosta concentrata Fermata Scuolabus Intersezione con possibile criticità

61 IPOTESI DOPPIO SENSO DI CIRCOLAZIONE SU VIALE NARDI E VIALE ITALIA SEZIONI TIPO Viale F. Nardi Viale Italia

62 PRO Senso unico e riqualificazione di Via S. Andrea che insieme a Via Umbria viene a formare una nuova maglia di collegamento con lo svincolo della E45; Incremento dell offerta di sosta del 30% al netto della realizzazione di aree di sosta concentrata su Viale Italia e Via II Giugno. CONTRO Eliminazione della sosta su Viale Nardi Eliminazione della pista ciclabile su Viale Nardi IPOTESI DOPPIO SENSO DI CIRCOLAZIONE SU VIALE NARDI E VIALE ITALIA Strada Bilancio offerta di sosta Scenario Attuale PRO e CONTRO Scenario Doppio Senso Variazione Viale Italia Viale Nardi Via Umbria Via Roma Via Gorizia Via I Maggio Via Trieste Via Croce Via S. Andrea Via Udine Via S. Maria Via XX Settembre Piazza Pace Via Del Lavoro Via G. Pastore Via Delle Macine Piazza Giabbanelli Via Trento Via II Giugno Via Palermo Via Della Pesa Via dell Ospizio Via Dello Ospedalicchio Totale ipotesi doppio senso Aumento del traffico di attraversamento su Viale Nardi (fino a veic/gg) Piazza Giabbanelli Difficoltà di incrocio dei mezzi pesanti e autobus Percentuale incremento offerta di sosta 30% Park Viale Italia Park Via II Giugno Totale con aree di sosta

63 IPOTESI PROGETTUALI B IPOTESI SENSO UNICO DI CIRCOLAZIONE SU VIALE NARDI E VIALE ITALIA

64 IPOTESI SENSO UNICO DI CIRCOLAZIONE SU VIALE NARDI E VIALE ITALIA ITINERARI PRINCIPALI intersezione i da riqualificare intersezione da riqualificare

65 IPOTESI SENSO UNICO DI CIRCOLAZIONE SU VIALE NARDI E VIALE ITALIA ASSETTO CIRCOLATORIO GENERALE Doppio senso Senso unico Strade principale Strade secondarie Strade senza uscita

66 IPOTESI SENSO UNICO DI CIRCOLAZIONE SU VIALE NARDI E VIALE ITALIA SOSTA 46 p 25p Sosta ridotta o vietata Sosta incrementata e/o regolarizzata Aree di sosta concentrata Fermata Scuolabus

67 IPOTESI SENSO UNICO DI CIRCOLAZIONE SU VIALE NARDI E VIALE ITALIA SEZIONI TIPO Viale F. Nardi Viale Italia

68 IPOTESI SENSO UNICO DI CIRCOLAZIONE SU VIALE NARDI E VIALE ITALIA PRO e CONTRO PRO Riduzione dei punti di conflitto sulla maglia principale Viale Nardi Viale Italia Sosta a dx su Viale Nardi che permette la discesa in sicurezza del passeggero Creazione di una fascia di manovra per la sosta e di discesa in sicurezza del conducente grazie all eliminazione della pista ciclabile su Viale Nardi Senso unico e riqualificazione di Via S. Andrea che insieme a Via Umbria viene a formare una nuova maglia di collegamento con lo svincolo della E45 Incremento dell offerta di sosta del 63% al netto della realizzazione di aree di sosta concentrata Viale Italia e Via II Giugno CONTRO Eliminazione della pista ciclabile su Viale Nardi Itinerari più lunghi per gli spostamenti sulla maglia principale Viale Nardi Viale Italia Possibile incremento della velocità da contrastare con interventi di arredo funzionale alle intersezioni Strada Bilancio offerta di sosta Scenario Attuale Scenario Senso Unico Variazione Viale Italia Viale Nardi Via Umbria Via Roma Via Gorizia Via I Maggio Via Trieste Via Croce Via S. Andrea Via Udine Via S. Maria Via XX Settembre Piazza Pace Via Del Lavoro Via G. Pastore Via Delle Macine Piazza Giabbanelli Via Trento Via II Giugno Via Palermo Via Della Pesa Via dell Ospizio Via Dello Ospedalicchio Totale ipotesi senso unico Percentuale di incremento offerta di sosta 63% Park Viale Italia Park Via II Giugno Totale con aree di sosta

69 IPOTESI PROGETTUALI CONFRONTO DELLE IPOTESI PROGETTUALI PR RO DOPPIO SENSO SENSO UNICO Riduzione dei punti di conflitto sulla maglia principale Viale Nardi Viale Italia. Sosta a destra su Viale Nardi per la discesa in sicurezza del passeggero Creazione di una fascia di manovra per la sosta e di discesa in sicurezza del conducente grazie all eliminazione della pista ciclabile su Viale Nardi Incremento dell offerta di sosta del 30% al netto della realizzazione di aree di sosta concentrata su Viale Italia e Via II Giugno Incremento dell offerta di sosta del 63% al netto della realizzazione di aree di sosta concentrata Viale Italia e Via II Giugno DOPPIO SENSO SENSO UNICO Divieto di sosta e fermata su Viale Nardi Viale Italia CO ONTRO Eliminazione della pista ciclabile su Viale Nardi Aumento del traffico di attraversamento su Viale Nardi (fino a veic/gg) Difficoltà di incrocio dei mezzi pesanti e autobus Eliminazione della pista ciclabile su Viale Nardi Itinerari più lunghi per gli spostamenti sulla maglia principale Viale Nardi Viale Italia Possibile incremento della velocità da contrastare con interventi di arredo funzionale alle intersezioni

70 IPOTESI PROGETTUALI CONFRONTO DELLE IPOTESI PROGETTUALI OFFERTA DI SOSTA SULLA MAGLIA CENTRALE Ipotesi doppio senso di circolazione su Viale Nardi Viale Italia Ipotesi senso unico di circolazione su Viale Nardi Viale Italia 36 POSTI AUTO SULLA MAGLIA CENTRALE 54 POSTI AUTO SULLA MAGLIA CENTRALE

71 IPOTESI PROGETTUALI CONFRONTO DELLE IPOTESI PROGETTUALI OFFERTA DI SOSTA SULLA MAGLIA PRINCIPALE OFFERTA DI SOSTA ATTUALE 23 posti auto 51 posti auto 55 posti auto IPOTESI DOPPIO SENSO DI CIRCOLAZIONE SU VIALE NARDI VIALE ITALIA 36 posti auto 36 posti auto 82 posti auto con parcheggio su Viale Italia 34 posti auto IPOTESI SENSO UNICO DI CIRCOLAZIONE SU VIALE NARDI VIALE ITALIA 54 posti auto 90 posti auto 136 posti auto con parcheggio su Viale Italia 83 posti auto

72 Comune di San Giustino GRAZIE PER L ATTENZIONE STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci Presentazione pubblica del

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 10 luglio 2002 (Pubblicato sulla GU n. 226 del 26-9-2002- Suppl. Straordinario) Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI SISTEMI DI REGOLAZIONE DEL TRAFFICO LINEE GUIDA Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione,

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

Convenzione sulla circolazione stradale

Convenzione sulla circolazione stradale Convenzione sulla circolazione stradale Conclusa a Vienna l 8 novembre 1968 Le Parti contraenti, nell intento di facilitare la circolazione stradale internazionale e di accrescere la sicurezza nelle strade

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

T.Esposito R.Mauro M.Corradini LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI

T.Esposito R.Mauro M.Corradini LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI STRADALI E LE NUOVE NORME FUNZIONALI E GEOMETRICHE PER LA COSTRUZIONE DELLE INTERSEZIONI Luglio 2007 La presente monografia costituisce l aggiornamento del Cap.11 del testo T.Esposito,

Dettagli

Sicurezza nei quartieri

Sicurezza nei quartieri Sicurezza nei quartieri Orientamento sulle sistemazioni e sui dispositivi stradali Membri del TCS gratuito (1 copia) Non membri CHF 10. touring club suisse schweiz svizzero Prefazione La prevenzione degli

Dettagli

Unione di Comuni della Romagna forlivese. Corpo Unico di Polizia Municipale. Unità Operativa Giro d'italia 2015. Martedì 19/05/2015

Unione di Comuni della Romagna forlivese. Corpo Unico di Polizia Municipale. Unità Operativa Giro d'italia 2015. Martedì 19/05/2015 Martedì 9/05/05 (semaforica) Libertà/ Oriani/Marconi Presidi fissi di viabilità: 07.5-.45 07.5-0.45.5-fine Via Oriani 07.5-.45 07.5-.45 Informazioni+viabilità (rimozioni dalle ore 08.00) Via Oriani (parcheggi

Dettagli

doc. 8A2v Relazione Opere di Urbanizzazione

doc. 8A2v Relazione Opere di Urbanizzazione Gruppo Pasini S.p.a. Programma Integrato di Intervento Ex E.Marelli - Proposta di Variante Relazione Opere di Urbanizzazione Progettisti: Gruppo Pasini S.p.a. V.le Edison 50 2099 Sesto San Giovanni (MI)

Dettagli

Impatti. Volu mi. Veloci tà

Impatti. Volu mi. Veloci tà I risultati conseguiti dagli interventi di moderazione del traffico Nella determinazione dei dati sull incidenza sulla velocità vanno tenuti presenti il luogo e il tempo del rilevamento: i conducenti rallentano

Dettagli

RENDICONTO DI FINE MANDATO

RENDICONTO DI FINE MANDATO MAGGIO 2014 RENDICONTO DI FINE MANDATO ASSESSORATO LL.PP. E VIABILITA ANNO 2009 Sistemazione aiuola via Zanchi per messa in sicurezza fermata ATB Manutenzione straordinaria spalcatura barriera verde Impianti

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Ministero dei lavori pubblici

Ministero dei lavori pubblici Ministero dei lavori pubblici ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE Prot. n. 3698 Alle Amministrazioni Comunali Loro Sedi Oggetto: Linee guida per la redazione dei piani urbani

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI

MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei piani urbani del traffico. (Art. 36 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285. Nuovo codice della strada). 1 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 1 di 29 PROGETTAZIONE DI PICCOLE STAZIONI E PARTE I PARTE TITOLO I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI PARTE II II.1 METODOLOGIA PER IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE

COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE COMUNE DI BARLETTA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE: NORME TECNICHE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 03 del 19 gennaio 2005

Dettagli

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala SOMMARIO PREMESSA 1 OBIETTIVI DEL CONCORSO 2 INQUADRAMENTO URBANO 2.1 DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL AMBITO

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI Premessa...Pag.2 1. Introduzione..Pag.2 1.a Definizione di barriera architettonica....pag.2 1.b Antropometria e quadro esigenziale.....pag.3

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

PER UNA CITTA' CICLABILE: LE COSE DA NON FARE

PER UNA CITTA' CICLABILE: LE COSE DA NON FARE PER UNA CITTA' CICLABILE: LE COSE DA NON FARE La prima e più importante questione che le azioni per la difesa e diffusione della mobilità ciclistica urbana devono saper affrontare è quella della costruzione

Dettagli

ESTRATTO ORARIO. Validità sino al 15.06.2011. Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus

ESTRATTO ORARIO. Validità sino al 15.06.2011. Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus ESTRATTO ORARIO Validità sino al 15.06.2011 Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus E tu cosa stai aspettando? Con il nuovo tram avrai corse più frequenti e veloci e un maggior

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO SCHEDA : PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 0/05 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI ARCO TEMPORALE DI VALIDITÀ DEL PROGRAMMA TIPOLOGIE RISORSE Disponibilità finanziaria

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

e zone sotto la lente

e zone sotto la lente e zone sotto la lente Condizioni Funzioni Effetti Premessa Già oggetto di una gran polemica, chiusa nel 2001 dal rifiuto massiccio del popolo d introdurre nelle località il limite generalizzato di 30 km/h,

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

CAMP2ACA. trettari. paesaggisp

CAMP2ACA. trettari. paesaggisp A trettari concorso di d idee per la riqualificazione paesaggisp stica ed urbanisticaa del d sistema dei parchi urbani RELAZIONE ILLUSTRATIVAA PREMESSA L Area centrale del comune di Ciriè ed in particolare

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2012, n. 151

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2012, n. 151 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2012, n. 151 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, concernente il regolamento di esecuzione

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città?

A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città? A piedi, in sella o al volante quant è pericoloso il traffico in città? Giornata dedicata ai media e agli ospiti Giovedì, 1 luglio 2010 Pista dei crash test a Wildhaus 1 Contenuto Benvenuto 4 Programma

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO Relatore Prof.ssa Maspoli Rossella Candidate Campagnolo Romina Panella Marta LA PERIFERIA E I SUOI SPAZI

Dettagli

PROVINCIA DI BELLUNO PROGRAMMA ANNUALE PROGETTAZIONE PROGRAMMA ANNUALE ESECUZIONE IMPORTO DI PROGETTO LIVELLO PROGETT.NE PTR NUM.

PROVINCIA DI BELLUNO PROGRAMMA ANNUALE PROGETTAZIONE PROGRAMMA ANNUALE ESECUZIONE IMPORTO DI PROGETTO LIVELLO PROGETT.NE PTR NUM. PROVINCIA DI BELLUNO 2002/2004 34 Realizzazione intervento SR 50 - Belluno - Mas - 1 stralcio. Viabilità di accesso nuova caserma Vigili dei Fuoco di Belluno Esecutivo 4.400.000,00 In corso di appalto

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

Andare a scuola da soli

Andare a scuola da soli Bollettino a cura del Progetto di Ricerca "La città dei bambini", Reparto di Psicopedagogia, Istituto Psicologia del CNR di Roma via U. Aldrovandi, 18-00197 Roma, Tel. 06 3221198, Fax 06 3217090, cittbamb@kant.irmkant.rm.cnr.it

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

LISTA PROGETT I- Fonte di finanziamento: REGIONE

LISTA PROGETT I- Fonte di finanziamento: REGIONE N. Denominazione Livello di Progett Gen Set Cat Importo in migliaia di euro 1. Pavimentazione ed arredo urbano vie, piazze, centro storico, via Bixio, Cancellieri, Dei Mille, Esecutiva 1 1 1 959 VIA CAVOUR

Dettagli

DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 138 DEL 09-11-1994 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI TESTO IN VIGORE DAL 01/01/2013

DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 138 DEL 09-11-1994 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI TESTO IN VIGORE DAL 01/01/2013 COMUNE di ROVIGO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CARTELLI PUBBLICITARI ED ALTRI IMPIANTI SIMILI E PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI http://www.comune.rovigo.it

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS. Guida alla progettazione accessibile e funzionale

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS. Guida alla progettazione accessibile e funzionale ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS Guida alla progettazione accessibile e funzionale prog_43giparte_cambion.qxp 03/08/2006 10.13 Pagina 3 PENSARE ACCESSIBILE E FUNZIONALE PER

Dettagli

Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico del Comune di Bergamo

Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico del Comune di Bergamo Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico del Comune di Bergamo Presentazione dei contenuti del Documento di Piano 5 Dicembre 2012 Bergamo LE INDAGINI Le indagini di campo sono state effettuate in un

Dettagli

Seggiolini auto: dov è il "vantaggio per le famiglie"?

Seggiolini auto: dov è il vantaggio per le famiglie? Ufficio stampa del TCS Vernier Tel +41 58 827 27 16 Fax +41 58 827 51 24 www.pressetcs.ch Comunicato stampa Seggiolini auto: dov è il "vantaggio per le famiglie"? Emmen, 15 novembre 2012. Il test del TCS

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori

Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori Manuale operativo per la gestione e la manutenzione delle strade ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori PRESENTAZIONE La presente pubblicazione si inserisce nell'ambito delle iniziative

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli