Responsabilità Amministrativa delle Imprese Decreto Legislativo 231/2001 e s.m.i. III Edizione Realizzato da

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Responsabilità Amministrativa delle Imprese Decreto Legislativo 231/2001 e s.m.i. III Edizione Realizzato da"

Transcript

1 Responsabilità Amministrativa delle Imprese Decreto Legislativo 231/2001 e s.m.i. III Edizione Realizzato da

2 Indice Introduzione Formazione Parte 1 Cosa prevede la legge Principali riferimenti legislativi Contenuti del decreto Principali reati Sanzioni Esonero della responsabilità Realizzato da GC Governance Consulting 2

3 Indice Parte 2 Il Modello Organizzativo GEMMO ex D.Lgs. 231/01 Elaborazione del Modello Gestione del Modello Comunicazione Realizzato da GC Governance Consulting 3

4 Introduzione DESTINATARI E OBIETTIVI Realizzato da GC Governance Consulting 4

5 Introduzione Il presente corso destinato ai collaboratori di Gemmo S.p.A. fa parte delle iniziative intraprese dalla Società per ottemperare ai requisiti previsti dal D. Lgs. 231/2001. Obiettivo: rendere noti a tutti i dipendenti e collaboratori i contenuti del Decreto e gli obblighi previsti per la Società ed per i suoi dipendenti. Realizzato da GC Governance Consulting 5

6 Formazione L attività di formazione ha come destinatari i soggetti coinvolti nei processi sensibili Rendere coscienti tutti sui comportamenti vietati e su quelli obbligatori Creare consapevolezza sui relativi comportamenti etici Promuovere una cultura di gruppo nella gestione dei rischi aziendali Realizzato da GC Governance Consulting 6

7 PARTE 1 COSA PREVEDE LA LEGGE Realizzato da GC Governance Consulting 7

8 Principali Riferimenti Legislativi Il D.Lgs. 231/01 Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche risponde all esigenza di un adeguamento dell Italia a: Convenzione del 26 luglio 1995 (tutela degli interessi finanziari della Comunità Europea) Convenzione di Bruxelles del 26 maggio 1997 (lotta alla corruzione nella quale sono coinvolti funzionari della Comunità Europea o degli Stati membri) Convenzione OCSE del 17 dicembre 1997 (lotta alla corruzione di pubblici ufficiali stranieri nelle operazioni economiche ed internazionali) Realizzato da GC Governance Consulting 8

9 Contenuti del decreto Il D.Lgs. 231/01 introduce, per la prima volta, nel nostro Ordinamento Giuridico una RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETÀ per attività illecite derivanti da reati commessi da persone fisiche che operano in nome e per loro conto e, in ogni caso, nel loro interesse. Realizzato da GC Governance Consulting 9

10 Realizzato da GC Governance Consulting 10 Contenuti del decreto Il D.Lgs. 231/01 risulta una norma innovativa perché prevede l introduzione: di una responsabilità aggiuntiva (amministrativa) a carico degli Enti (persona giuridica Enti forniti di responsabilità giuridica; Società; Associazioni anche prive di personalità giuridica.

11 Realizzato da GC Governance Consulting 11 Contenuti del decreto Questa nuova responsabilità si aggiunge a quella della persona fisica che commette uno tra i reati penali previsti dal Decreto. Vengono inoltre introdotti concetti di: organizzazione aziendale e controllo all interno di una norma di natura penale

12 Realizzato da GC Governance Consulting 12 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELLA NUOVA RESPONSABILITA

13 Contenuti del decreto Responsabilità ibrida: amministrativa in ambito penale Possiede due caratteristiche principali: la COMPETENZA ad accertare la responsabilità dell ente è del giudice penale (che giudica anche il reato commesso dal dipendente/amministratore); le SANZIONI che il giudice può applicare all ente non sono penali come quelle inflitte agli autori dei reati (detenzione, multa, ecc.), ma di tipo amministrativo (sanzioni pecuniarie, interdizione dall esercizio dell attività, revoca di autorizzazioni, ecc.). Realizzato da GC Governance Consulting 13

14 Realizzato da GC Governance Consulting 14 ENTI ESCLUSI DALLA RESPONSABILITA EX. D.LGS. 231

15 Realizzato da GC Governance Consulting 15 I soggetti esclusi dalla disciplina del Decreto 231 Fra gli enti esclusi dalla disciplina, vanno ricordati innanzitutto: lo Stato le pubbliche amministrazioni gli enti pubblici territoriali (regioni, province e comuni, Camere di Commercio) Altri enti pubblici non economici (es.: ACI, Croce Rossa)

16 Realizzato da GC Governance Consulting 16 I soggetti esclusi dalla disciplina del Decreto 231 Quelli che svolgono funzioni di rilievo costituzionale, ad esempio: i partiti politici i sindacati le Camere del Parlamento la Corte Costituzionale il Consiglio Superiore della Magistratura Le micro imprese: le imprese esercitate in forma individuale, anche se sotto forma di impresa familiare

17 Realizzato da GC Governance Consulting 17 I PRESUPPOSTI SOGGETTIVI: SOGGETTI APICALI E SOTTOPOSTI

18 Contenuti del decreto L Ente è responsabile per i reati commessi nel suo interesse o a suo vantaggio: da SOGGETTI APICALI soggetti con funzioni di rappresentanza, amministrazione, direzione dell Ente o di una sua articolazione interna (dotata di autonomia funzionale e finanziaria) che esercitano anche di fatto la gestione ed il controllo dell Ente. (ad es. membri del Consiglio di Amministrazione, del comitato esecutivo, direttori generali, resp. funzione.) Realizzato da GC Governance Consulting 18

19 Realizzato da GC Governance Consulting 19 Contenuti del decreto da PERSONE SOTTOPOSTE ALLA DIREZIONE O ALLA VIGILANZA DEI SOGGETTI APICALI soggetti i quali, pur potendo agire in autonomia e potendo dunque astrattamente compiere i reati di cui al D.Lgs. 231/01, sono tuttavia sottoposti alla direzione o vigilanza dei soggetti apicali. (dipendenti, collaboratori, parasubordinati)

20 Realizzato da GC Governance Consulting 20 IL DIVERSO ONERE DELLA PROVA PER APICALI E SOTTOPOSTI

21 Realizzato da GC Governance Consulting 21 Contenuti del decreto Reato commesso da un SOGGETTO APICALE: l onere della prova ricade sull Ente, deve dimostrare l esenzione o esclusione della responsabilità per l illecito commesso, ossia di dimostrare che l atto commesso non è espressione della politica aziendale.

22 Realizzato da GC Governance Consulting 22 Contenuti del decreto Reato commesso da un SOTTOPOSTO: l onere della prova ricade sull accusa, che dovrà dimostrare l esistenza di una negligenza organizzativa (carenza di direzione o vigilanza da parte dei soggetti apicali)

23 Realizzato da GC Governance Consulting 23 I PRESUPPOSTI OGGETTIVI INTERESSE O VANTAGGIO DELL ENTE

24 La condizione per l accertamento della responsabilità della società LA CONDIZIONE perché l ente sia considerato responsabile è che la persona fisica abbia commesso uno dei reati presi in considerazione dal Decreto: nell interesse dell ente o a vantaggio dell ente Senza necessariamente procurare all ente un vantaggio materiale in termini di profitto Cioè procurando all ente un profitto, anche se il reato non é commesso nell interesse dell ente stesso (l aver agito nell interesse esclusivo proprio o di terzi esclude la responsabilità della società) Realizzato da GC Governance Consulting 24

25 Realizzato da GC Governance Consulting 25 I REATI OGGI PREVISTI DAL D.Lgs.231 SONO PIÙ DI 100

26 Realizzato da GC Governance Consulting 26 Principali reati Categorie di reati previsti dal D.Lgs.231 (I) Reati contro la Pubblica Amministrazione; Delitti informatici e trattamento illecito di dati; Delitti di criminalità organizzata; Reati di falsità in monete; Delitti contro l'industria e il commercio; Reati Societari; Reati con finalità di terrorismo;

27 Realizzato da GC Governance Consulting 27 Principali reati Categorie di reati previsti dal D.Lgs.231 (II) Pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili; Delitti contro la personalità individuale; Abuso di mercato; Reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell'igiene e della salute sul lavoro;

28 Realizzato da GC Governance Consulting 28 Principali reati Categorie di reati previsti dal D.Lgs.231 (III) Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita; Delitti in materia di violazione del diritto d'autore; Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all'autorità giudiziaria;

29 Realizzato da GC Governance Consulting 29 Principali reati Categorie di reati previsti dal D.Lgs.231 (IV) Reati transnazionali (p.e. associazione per delinquere, contrabbando, traffico stupefacenti); Reati Ambientali*; Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all'autorità giudiziaria. * Novità 2011

30 Realizzato da GC Governance Consulting 30 Principali reati ART. 24 Indebita percezione di erogazioni, malversazione, truffa in danno dello Stato o di un ente pubblico, frode informatica in danno dello Stato o di un ente pubblico

31 Realizzato da GC Governance Consulting 31 Principali reati ART. 25 Concussione e corruzione

32 Realizzato da GC Governance Consulting 32 Principali reati ART. 25ter Reati societari

33 Realizzato da GC Governance Consulting 33 Principali reati ART. 25quater Delitti con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

34 Realizzato da GC Governance Consulting 34 Principali reati ART. 25quinquies Delitti contro la personalità individuale

35 Realizzato da GC Governance Consulting 35 Principali reati ART. 25quater 1 Pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili

36 Realizzato da GC Governance Consulting 36 Principali reati ART. 25 sexies Abusi di mercato

37 Principali reati ART. 25 septies Omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell'igiene e della salute sul lavoro Realizzato da GC Governance Consulting 37

38 Principali reati DATA L IMPORTANZA DELL ARGOMENTO VEDASI L APPROFONDIMENTO NELL APPOSITA SEZIONE DEL CORSO! Realizzato da GC Governance Consulting 38

39 Realizzato da GC Governance Consulting 39 Principali reati ART. 24 bis Delitti informatici e trattamento illecito dei dati

40 Realizzato da GC Governance Consulting 40 Principali reati ART. 25octies Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

41 Realizzato da GC Governance Consulting 41 Principali reati ART. 25novies Delitti in materia di diritto d autore, segni di riconoscimento

42 Realizzato da GC Governance Consulting 42 Principali reati ART. 25decies Reati contro la giustizia (induzione a non rendere dichiarazioni all Autorità Giudiziaria)

43 Realizzato da GC Governance Consulting 43 Principali reati ART. 25undecies Reati ambientali

44 Principali reati DATA L IMPORTANZA DELL ARGOMENTO VEDASI L APPROFONDIMENTO NELL APPOSITA SEZIONE DEL CORSO! Realizzato da GC Governance Consulting 44

45 Principali reati Nel frattempo, il Consiglio dell Unione Europea, con due decisioni quadro (prese nel corso del 2003) ha previsto che gli Stati Membri adottino: entro il 26/12/2010, le misure necessarie al perseguimento in sede penale dei COMPORTAMENTI CONTRARI ALLA TUTELA DELL AMBIENTE (Direttiva 2008/99/CE) Realizzato da GC Governance Consulting 45

46 Realizzato da GC Governance Consulting 46 LE SANZIONI PREVISTE: INTERDITTIVE E PECUNIARIE

47 Sanzioni Le sanzioni principali previste dal Decreto 231 colpiscono il patrimonio dell ente o la sua libertà di azione. Si tratta, infatti, di: SANZIONI PECUNIARIE (secondo un sistema per quote) SANZIONI INTERDITTIVE (interdizione dall attività, revoca di autorizzazioni, ecc.) Il Decreto 231 prevede anche due sanzioni accessorie: CONFISCA del profitto del reato PUBBLICAZIONE della sentenza Realizzato da GC Governance Consulting 47

48 Realizzato da GC Governance Consulting 48 Sanzioni SANZIONI PECUNIARIE: multa o ammenda SANZIONI INTERDITTIVE (aggiuntive) interdizione dall esercizio dell attività sospensione o revoca delle autorizzazioni, licenze o concessioni funzionali alla commissione dell illecito divieto di contrattare con la pubblica amministrazione esclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi e sussidi e revoca di quelli già eventualmente concessi divieto di pubblicizzare beni e servizi

49 Realizzato da GC Governance Consulting 49 Sanzioni CONFISCA DEL PREZZO/PROFITTO PUBBLICAZIONE DELLA SENTENZA

50 Sanzioni Le sanzioni interdittive sono applicabili solo per alcune fattispecie di reato: reati verso la Pubblica Amministrazione falsità in monete e carte di credito terrorismo tratta di persone, pedopornografia, infibulazione reati transnazionali omicidio colposo e lesioni colpose (sicurezza sul lavoro) ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita reati ambientali (sanzioni previste nel disegno di legge) Realizzato da GC Governance Consulting 50

51 Realizzato da GC Governance Consulting 51 COME PUÒ LA SOCIETA PROTEGGERSI DAI COMPORTAMENTI DEI PROPRI DIPENDENTI O DIRIGENTI?

52 Realizzato da GC Governance Consulting 52 MEDIANTE: 1) L ADOZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IDONEO

53 Realizzato da GC Governance Consulting 53 2) LA COSTITUZIONE DI UN ORGANISMO DI VIGILANZA

54 Realizzato da GC Governance Consulting 54 Esonero della responsabilità Il D.Lgs. 231/01 introduce il principio dell esimente da responsabilità per gli Enti che scatta se l Ente si è dotato in anticipo di un: Modello di Organizzazione e Gestione idoneo a prevenire i reati Organismo di Vigilanza e di Controllo, efficacemente operativo quindi le persone possono commettere il reato solo eludendo fraudolentemente il Modello

55 Realizzato da GC Governance Consulting 55 PARTE 2 IL MODELLO ORGANIZZATIVO EX D.LGS. 231/01

56 Realizzato da GC Governance Consulting 56 Elaborazione del Modello Obiettivi generali del Modello: Prevenire o mitigare ogni forma di irregolarità o ipotesi di irregolarità che possa concretizzarsi in uno dei reati previsti; Costituire valide evidenze obiettive, in tema di onere della prova, al fine di escludere la responsabilità societaria nel caso siano commesse irregolarità da parte di rappresentanti infedeli o impreparati; Assicurare l efficienza, l efficacia e la trasparenza della gestione per garantire la reputazione di integrità societaria nei rapporti con le controparti private e istituzionali.

57 Realizzato da GC Governance Consulting 57 Elaborazione del Modello Il Modello deve rispondere alle seguenti esigenze (art. 6 comma 2) a) Individuare le attività nel cui ambito possono essere commessi i reati (attività di risk analysis) b) Prevedere specifici protocolli diretti a programmare la formazione e l attuazione delle decisioni dell ente in relazione ai reati da prevenire (attività di controllo) c) Individuare modalità di gestione delle risorse finanziarie idonee ad impedire la commissione dei reati d) Prevedere obblighi di informazione nei confronti dell organismo deputato alla vigilanza sui modelli e) Introdurre un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello

58 Realizzato da GC Governance Consulting 58 ELEMENTI COSTITUTIVI DEL MODELLO

59 Realizzato da GC Governance Consulting 59 Elementi costitutivi del Modello Codice Etico Organismo di Vigilanza Mappa attività a rischio MODELLO 231 Sistema sanzionatorio Flussi informativi Protocolli di decisione

60 Realizzato da GC Governance Consulting 60 IL CODICE DI COMPORTAMENTO I PROTOCOLLI LE PROCEDURE

61 Realizzato da GC Governance Consulting 61 Elaborazione del Modello Rappresenta i valori etici della Società Codice Etico Contiene l insieme dei diritti, doveri e responsabilità della Società nei confronti dei portatori di interesse (stakeholder) Contiene l insieme delle regole di condotta cui tutto il personale ha il dovere di uniformarsi nell esercizio dell attività lavorativa E parte integrante del Modello 231 ed è alla base di tutto il sistema organizzativo di prevenzione

62 Realizzato da GC Governance Consulting 62 VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO

63 Realizzato da GC Governance Consulting 63 Processo di Risk management 1) Mappatura processi a rischio 2) Elenco rischi potenziali (per processo) Mappa Rischi 3) Analisi del sistema di controllo preventivo esistente (protocolli) 4) Valutazione dei rischi residui (non coperti da controlli preventivi) Rischio accettabile? Si No SISTEMA DI CONTROLLO IN GRADO DI PREVENIRE I RISCHI Adeguamento Sistema di Controllo preventivo (protocolli)

64 Il risk management ed il concetto di rischio accettabile Un concetto cruciale nel processo di risk management è quello di Rischio accettabile Comunemente, un rischio può essere definito accettabile quando l adozione di eventuali misure aggiuntive volte a scongiurarlo costerebbe più della risorsa da proteggere, e pertanto è sconsigliabile economicamente (ad esempio: le comuni automobili sono dotate di antifurto e non anche di un vigilante armato) Realizzato da GC Governance Consulting 64

65 Il rischio accettabile nell ottica del Decreto 231 In particolare, ai fini dell applicazione del Decreto 231, è necessario definire una soglia effettiva che consenta di porre un limite alla quantità/qualità delle misure di prevenzione da introdurre per evitare la commissione dei reati considerati. In assenza di una previa determinazione del rischio accettabile, la quantità/qualità di controlli preventivi istituibili è infatti virtualmente infinita, con la conseguenza di intralciare pesantemente l operatività aziendale. La SOGLIA concettuale di accettabilità è rappresentata dall istituzione di un: SISTEMA DI PREVENZIONE TALE DA NON POTER ESSERE AGGIRATO SE NON INTENZIONALMENTE Realizzato da GC Governance Consulting 65

66 Il rischio accettabile (segue) Una soglia di questo tipo è in linea con la logica della elusione fraudolenta del modello organizzativo, che abbiamo visto essere una delle condizioni espresse dal Decreto 231 per l esclusione della responsabilità della società: le persone hanno commesso il reato eludendo fraudolentemente i modelli di organizzazione e di gestione. AGGIRAMENTO INTENZIONALE DEL MODELLO ELUSIONE FRAUDOLENTA RESPONSABILITA DELLA SOCIETA Realizzato da GC Governance Consulting 66

67 Realizzato da GC Governance Consulting 67 Il rischio accettabile (segue) Pertanto, il sistema di risk management deve essere in grado di: ESCLUDERE che un qualunque soggetto operante all interno della società possa giustificare la propria condotta adducendo l ignoranza delle direttive aziendali EVITARE che, nella normalità dei casi, il reato possa essere causato dall errore umano nella valutazione delle direttive aziendali PREVENIRE quanto più possibile l aggiramento intenzionale del modello, attraverso l istituzione di un sistema di controllo adeguato

68 Realizzato da GC Governance Consulting 68 MODELLO PARTE GENERALE E PARTE SPECIALE

69 Realizzato da GC Governance Consulting 69 Elaborazione del Modello Il Modello di Gestione, organizzazione e controllo contiene: Modello 231 PARTE GENERALE: Quadro normativo: responsabilità, reati, sanzioni, contenuti del Decreto 231; Definizione dei Processi sensibili; Organismo di Vigilanza (O.d.V.): funzioni e poteri; Formazione e Comunicazione; Sistema sanzionatorio; Protocolli generali di prevenzione.

70 Realizzato da GC Governance Consulting 70 Elaborazione del Modello PARTI SPECIALI Le schede esplicative dei reati; Protocolli di Decisione Protocolli specifici di prevenzione; Mappatura delle aree di rischio; Valutazione del sistema preventivo (Organizzazione, Procedure, Controlli Formazione); Valutazione dei rischi residui.

71 Realizzato da GC Governance Consulting 71 ADEGUATEZZA DEL MODELLO A PREVENIRE I COMPORTAMENTI ILLECITI

72 Realizzato da GC Governance Consulting 72 Gestione del Modello Tuttavia non é sufficiente aver adottato un Modello Adeguatezza del Modello é necessario: gestirlo con continuità monitorarne l efficacia curarne l aggiornamento

73 Realizzato da GC Governance Consulting 73 Gestione del Modello L Adeguatezza del Modello è garantita da meccanismi di controllo che, seguendo un approccio dinamico, devono apportare migliorie ed adeguamenti Il Modello deve infatti: adattarsi nel tempo ai mutamenti di contesto (legislativi, organizzativi, tecnologici, ecc.) fronteggiare anche i rischi di nuova insorgenza

74 Realizzato da GC Governance Consulting 74 COSTITUZIONE DELL ORGANISMO DI VIGILANZA AI SENSI DEL D.LGS.231/2001

75 Realizzato da GC Governance Consulting 75 Gestione del Modello Organismo creato ad hoc all interno dell azienda; Organismo di Vigilanza opera continuativamente; effettua attività di vigilanza.

76 Realizzato da GC Governance Consulting 76 Gestione del Modello Deve essere dotato di requisiti fondamentali quali: Organismo di Vigilanza un sufficiente grado di: indipendenza imparzialità di giudizio autonomia operativa competenza professionale continuità di azione

77 Realizzato da GC Governance Consulting 77 Gestione del Modello Compiti di vigilanza sul funzionamento e sull osservanza del Modello. Organismo di Vigilanza verifiche sulla conformità dei comportamenti aziendali rispetto a quanto previsto dal Modello, attraverso controlli sull osservanza delle regole e delle disposizioni in esso contenute (ex post) verifica dell adeguatezza del Modello per la prevenzione di rischi aziendali (ex ante)

78 Realizzato da GC Governance Consulting 78 Gestione del Modello L O.d.V. vigila attraverso: Organismo di Vigilanza raccolta ed elaborazione delle informazioni rilevanti verifica sulle attività a rischio di reato aggiornamento della mappatura delle aree a rischio di reato accertamento di possibili violazioni

79 Realizzato da GC Governance Consulting 79 I FLUSSI INFORMATIVI VERSO L ORGANISMO DI VIGILANZA

80 Realizzato da GC Governance Consulting 80 Gestione del Modello L O.d.V. nelle sue attività si avvale del supporto di: Flussi informativi Responsabili di Direzione invio flussi informativi controlli sull effettivo rispetto dei protocolli per le aree di competenza aggiornamento e diffusione Modello segnalazioni all O.d.V. di violazioni del Modello Internal Audit (o funzione assimilabile) raccolta dei flussi informativi esame delle relazioni periodiche aggiornamento protocolli e procedure verifiche di audit

81 Realizzato da GC Governance Consulting 81 Gestione del Modello Le attività di verifica dell O.d.V. Organismo di Vigilanza L O.d.V. può affidare all Internal Audit le verifiche ai sensi del Modello 231 In tal caso l Internal Audit propone all O.d.V. un piano di interventi, possibilmente integrato nel Piano di Audit complessivo Il piano di verifiche ha per oggetto tutte le attività a rischio Le attività di verifica hanno come obiettivo la compliance con i dettami del Modello

82 Realizzato da GC Governance Consulting 82 Comunicazione L efficacia dell operato dell O.d.V. dipende dalle informazioni in suo possesso: Organismo di Vigilanza Deve avere libero accesso ad ogni documento, dato, contratto aziendale, residente su supporto informatico o cartaceo Devono essere previsti obblighi di informazione attraverso l istituzione di un apposito e adeguato flusso informativo

83 Realizzato da GC Governance Consulting 83 Comunicazione Flussi informativi: da soggetti ben indivduati nel Modello Comunicazione Segnalazioni delle violazioni: da parte di chiunque venga a conoscenza Le informazioni previste possono includere: le eventuali anomalie ed infrazioni riscontrate i risultati delle attività di controllo di linea, ossia poste in essere dalle varie funzioni dell Ente altre informazioni (ad es. da organi di polizia giudiziaria)

84 Realizzato da GC Governance Consulting 84 Comunicazione I Responsabili delle Direzioni e delle BU redigono periodicamente un rapporto di segnalazione; L O.d.V. riceve i flussi, ne analizza il contenuto e redige per il C.d.A. ed il Collegio Sindacale una relazione contenente: stato di attuazione del Modello e esiti dell attività di vigilanza interventi organizzativi / gestionali da implementare piano delle verifiche da effettuare Flussi Informativi

85 Realizzato da GC Governance Consulting 85 OBBLIGHI DELLE FUNZIONI E DEI DIPENDENTI

86 Realizzato da GC Governance Consulting 86 Soggetti Apicali e ODV come comportarsi e informazioni utili A tutti i dipendenti e collaboratori è richiesto che: Formazione di partecipare alle attività di formazione organizzati dalla Società; di conoscere le previsioni del Codice di Comportamento reperibile sul sito aziendale; di adottare comportamenti conformi alle previsioni del Codice di Comportamento.

87 Realizzato da GC Governance Consulting 87 Soggetti Apicali e ODV come comportarsi e informazioni utili I Soggetti Apicali, e tutti i dipendenti in genere, possono effettuare segnalazioni all ODV scegliendo fra queste due opzioni: Via scrivendo all indirizzo di posta elettronica dell O.d.V. : Via posta ordinaria a: Organismo di Vigilanza ex D. Lgs. 231/01 VIALE DELL'INDUSTRIA, ARCUGNANO (VI) In ogni caso viene garantita la massima riservatezza e tutela del segnalante

88 FINE MODULO Realizzato da GC Governance Consulting 88

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo Dlgs D.lgs. 231/01 Responsabilità amministrativa delle società e Modelli di organizzazione, gestione e controllo 1 D.lgs. 231/2001: introduce 2 grandi novità per l ordinamento italiano (Necessità di allinearsi

Dettagli

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs. n. 231/2001

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs. n. 231/2001 Studio Bolzoni Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs. n. 231/2001 Introduzione Il decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 ha introdotto nell ordinamento italiano la responsabilità degli

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001. 28 aprile 2009

LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001. 28 aprile 2009 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001 28 aprile 2009 Relatore: Co-relatore: Avv. Riccardo Nalin Ing. Andrea Semino D. LGS. 231/2001 Responsabilità Amministrativa Persone Giuridiche

Dettagli

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 4 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Indice Pag. 2 di 4 I) PARTE GENERALE INTRODUZIONE 1 PRESENTAZIONE

Dettagli

Avv. Carlo Autru Ryolo

Avv. Carlo Autru Ryolo Gestione della responsabilità amministrativa L'apparato organizzativo della D.Lgs. 231/01 e il Sistema di Gestione della Responsabilità Amministrativa L'APPARATO ORGANIZZATIVO DELLA D.LGS. 231/01 Disciplina

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001)

DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001) DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001) Disciplina della responsabilita' amministrativa delle persone giuridiche, delle societa' e delle

Dettagli

Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001. Presentazione

Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001. Presentazione Corso di formazione Il ruolo e l adeguatezza dei modelli organizzativi previsti D. Lgs 231/2001 Presentazione Il decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa

Dettagli

IL D.LGS. 231/2001 STUDIO QUAGLIA & ASSOCIATI

IL D.LGS. 231/2001 STUDIO QUAGLIA & ASSOCIATI IL D.LGS. 231/2001 INTRODUZIONE Su delega legislativa il Governo italiano ha emanato il D.lgs. 231/2001 intitolato Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 231/01

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 DECRETO LEGISLATIVO 231/01 Il Decreto Legislativo 231/2001 ha introdotto per la prima volta nell ordinamento giuridico italiano il principio della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Dettagli

SALVI SAPONARA & ASSOCIATI

SALVI SAPONARA & ASSOCIATI Via Tibullo 10-00193 Roma Tel (+39) o6 97996050 Fax (+39) 06 97996056 D.lgs 231/01 e responsabilità amministrativa (penale) delle società. Sostanziale obbligo di adozione di specifici modelli organizzativi

Dettagli

Meda 26-27 novembre 2014. Gruppo Poltrona Frau. Il Decreto Legislativo 231/2001: la Responsabilità amministrativa degli Enti

Meda 26-27 novembre 2014. Gruppo Poltrona Frau. Il Decreto Legislativo 231/2001: la Responsabilità amministrativa degli Enti Meda 26-27 novembre 2014 Gruppo Poltrona Frau Il Decreto Legislativo 231/2001: la Responsabilità amministrativa degli Enti Agenda Prima parte Il D.Lgs. n. 231/2001 1. La norma 2. Le misure sanzionatorie

Dettagli

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project IL MANUALE È AD USO ESCLUSIVO DEI CORSISTI: NE È VIETATA LA RIPRODUZIONE 1 Il D.Lgs. 231/01 Il D.Lgs.

Dettagli

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE D&D srl offre servizi di consulenza per la responsabilità d impresa (D. Lgs. n. 231/01) e la privacy agli Enti, alle PMI e alle

Dettagli

BREVE SINTESI DEL MOGC

BREVE SINTESI DEL MOGC BREVE SINTESI DEL MOGC 1. Il d.lgs. 231/01 Con il decreto legislativo 231 del 2001 è stata introdotta la responsabilità amministrativa degli enti in conseguenza di reati commessi o tentati, da soggetti

Dettagli

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN INFORMATION SECURITY MANAGEMENT 8ª EDIZIONE, ROMA FEBBRAIO 2011- SETTEMBRE 2011 ICT Risk Management Aspetti legali L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi

Dettagli

D.lgs. 231/2001 Modelli di Organizzazione. CONFAPI Bari, 19 novembre 2010

D.lgs. 231/2001 Modelli di Organizzazione. CONFAPI Bari, 19 novembre 2010 D.lgs. 231/2001 Modelli di Organizzazione CONFAPI Bari, 19 novembre 2010 Decreto Legislativo 231/2001 Ha introdotto la c.d. responsabilità amministrativa e penale delle Società. Reato Responsabilità individuale

Dettagli

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Corporate Governance La Corporate Governance è l insieme dei processi per indirizzare

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS 13 febbraio 2013 Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Sandro Celli Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

ICT SECURITY N. 52 Gennaio/Febbraio 2007 Sicurezza informatica e responsabilità amministrativa degli enti. Autore: Daniela Rocca

ICT SECURITY N. 52 Gennaio/Febbraio 2007 Sicurezza informatica e responsabilità amministrativa degli enti. Autore: Daniela Rocca Sommario - I fatti illeciti a vantaggio o nell interesse dell organizzazione - Le fattispecie di reato rilevanti - I modelli di organizzazione e controllo e la mappatura dei processi a rischio Il D. Lgs.

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 Studio Legale avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via G. Verdi 14 Oggetto del Decreto 231/01 Il Decreto 231/01

Dettagli

FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Via Alessandro Volta n. 4-20090 Assago (MI) Tel 02/45.700.758. - Fax 02/89.77.06.74.

FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Via Alessandro Volta n. 4-20090 Assago (MI) Tel 02/45.700.758. - Fax 02/89.77.06.74. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.Lgs. n. 231/01 DELLA FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Approvato dal Consiglio d Amministrazione con deliberazione n. 16 del 06.10.2015 1 Cronologia delle

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE Presentazione MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ex D.Lgs. 231/01 Pag 1 di 6 PREMESSA Con l introduzione nell ordinamento giuridico italiano del D.Lgs. 8 giugno 2001, n.231 qualsiasi soggetto giuridico

Dettagli

1.1 La responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica

1.1 La responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica PARTE GENERALE 1. Il Decreto Legislativo n. 231/2001 1.1 La responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica Il D.Lgs

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

L applicazione del D.Lgs 231/2001

L applicazione del D.Lgs 231/2001 L applicazione del D.Lgs 231/2001 Prof. Avv.Dario Soria Dottore Commercialista Scuola di formazione Aldo Sanchini White collar crimes prevention and punishment Roma, 10 Giugno 2010 Indice La responsabilità

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01. VICINI S.p.A.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01. VICINI S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01 VICINI S.p.A. INDICE PRIMA PARTE... 4 1) Il decreto legislativo n. 231/ 2001... 4 2) La struttura del decreto... 4 3) Sanzioni applicabili... 7 4) Azioni

Dettagli

Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001

Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001 Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001 Allegato al Codice Comportamento Aziendale.docV. 1.1 del 01/07/2013 1 Introduzione Il Codice di

Dettagli

INCONTRO SUL TEMA: D. LGS. N. 81/2008, ART. 300

INCONTRO SUL TEMA: D. LGS. N. 81/2008, ART. 300 INCONTRO SUL TEMA: D. LGS. N. 81/2008, ART. 300 La norma applica a tutti i casi di omicidio colposo o lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme sulla salute e sicurezza sul

Dettagli

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it La Corporate Governance nelle recenti best practices - I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it 27 Febbraio 2012 1 INTRODUZIONE Con il D. Lgs. 231/2001, il legislatore

Dettagli

Sisthema & Analisi S.r.l. Titolo

Sisthema & Analisi S.r.l. Titolo Titolo LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI D. Lgs. 231/01 e s.m.i., CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO E AGLI ILLECITI AMBIENTALI Viterbo, 09/02/2012

Dettagli

Circolare Informativa

Circolare Informativa Circolare Informativa Spett. Clienti, Loro Sedi Treviso, il 7 marzo 2010 RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA PER LE SOCIETÀ DI CAPITALI EX D.LGS. N.231/2001 CERTIFICAZIONE SICUREZZA AZIENDALE OHSAS 18001 Ricordiamo

Dettagli

Circolare informativa: settore consulenza aziendale - tributaria

Circolare informativa: settore consulenza aziendale - tributaria Bosin & Maas & Stocker Wirtschaftsberatung Steuerrecht Arbeitsrecht Revisoren dottori commercialisti consulenti del lavoro revisori dr. F. J. S c h ö n w e g e r dr. M a n f r e d B o s i n dr. G o t t

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI

INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI RHRG00 INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI Rev. 01 2014.10.20 Pagine 10 Pagina 1 RHRG00 REVISIONE 01 INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI RAVENNA HOLDING S.P.A. Via Trieste, 90/A - 48122 Ravenna

Dettagli

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 1 1. PREMESSA Il presente documento costituisce il Modello di Organizzazione e di Gestione ex D.Lgs. n. 231/2001, che sarà adottato dal CORISA- CONSORZIO DI RICERCA

Dettagli

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte Stefano Bonetto e Francesco

Dettagli

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE... MODELLO ORGANIZZATIVO D. Lgs. 231/2001 Data emissione: Luglio 2006 Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3 I Soggetti...4 I Reati...5 Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...8

Dettagli

PRINCIPI DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ex D. Lgs. n. 231 del 8 giugno 2001. ( Modello 231 )

PRINCIPI DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ex D. Lgs. n. 231 del 8 giugno 2001. ( Modello 231 ) PRINCIPI DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ex D. Lgs. n. 231 del 8 giugno 2001 ( Modello 231 ) Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 23 settembre 2014 SINTESI Sede Legale Via Bronzino 9,

Dettagli

Novità e aggiornamenti D.Lgs. 231/2001

Novità e aggiornamenti D.Lgs. 231/2001 Novità e aggiornamenti D.Lgs. 231/2001 Evoluzione della normativa e della giurisprudenza Dr. Ennio Battistoli Milano, 15 gennaio 2015 D.Lgs. 231/2001 Il Decreto in sintesi Prevede la responsabilità degli

Dettagli

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo. ai sensi del D. Lgs. 231/2001

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo. ai sensi del D. Lgs. 231/2001 Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 1 Le origini del decreto 1977 (USA): Foreign Corrupt Practices Act 1995 (UE): Convenzione sulla tutela finanziaria delle Comunità

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

Mittel S.p.A. Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.lgs. 231/01 SINTESI DEL MODELLO

Mittel S.p.A. Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.lgs. 231/01 SINTESI DEL MODELLO Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.lgs. 231/01 SINTESI DEL MODELLO Sintesi - Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.lgs. 231/01 Aggiornamento Aprile 2013 1 INDICE SINTETICO

Dettagli

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001:

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001: MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 ADECCO ITALIA S.P.A. - ELENCO DEI REATI 231 - Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione

Dettagli

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto);

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); APPENDICE 1 REATI ED ILLECITI (Generale)* I II Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); Reati informatici e trattamento illecito di dati (art. 24 bis del

Dettagli

Modello Organizzativo di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01 PARTE GENERALE Pagina 1 di 13 INDICE PARTE GENERALE 1. PREMESSA 3 2. STRUTTURA DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 3 3. DESTINATARI

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Adottato ai sensi del Decreto Legislativo 231 del 2001 SINTESI DEL MODELLO INDICE SOMMARIO I. IL DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001: PRESUPPOSTI NORMATIVI

Dettagli

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili Meda Pharma SpA - Allegato A al Modello Organizzativo Reato non rilevante Reato rilevante Articolo D.Lgs Fattispecie iilecito amministrativo Anno introduzione Reato Articolo 23 D. Lgs. Inosservanza delle

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Il presente documento ha lo scopo di illustrare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato

Dettagli

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs.

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS.

Dettagli

Temi. Marco Frey Scuola Superiore Sant Anna e IEFE Università Bocconi

Temi. Marco Frey Scuola Superiore Sant Anna e IEFE Università Bocconi I sistemi di gestione ambientale EMAS e ISO 14001, la presunzione di conformità del modello organizzativo ex D. Lgs. 231/2001 e le indicazioni emergenti dall esperienza dell art. 30 del D. Lgs. 81/2008.

Dettagli

Linee Guida. per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo

Linee Guida. per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo Linee Guida per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo Ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 «Disciplina

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

OHSAS 18001: 2007 un nuovo Standard

OHSAS 18001: 2007 un nuovo Standard SALUTE & SICUREZZA nelle Strutture Sanitarie OHSAS 18001: 2007 un nuovo Standard Modena, 09-10-08 Franco Pugliese SG Formaz. SG Manutenz. SGSL SG L. 231/01 SGA SGQ Il D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 ha introdotto

Dettagli

Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015

Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015 Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015 PREMESSA: per compilare le tabelle che seguono sono stati inizialmente presi in considerazione tutti i reati previsti dal D.lgs.

Dettagli

Corso Governance Prof. Alberto Nobolo, Prof.Daniele Bernardi. Università degli studi d i Milano Bicocca- Dott. Daniele Bernardi

Corso Governance Prof. Alberto Nobolo, Prof.Daniele Bernardi. Università degli studi d i Milano Bicocca- Dott. Daniele Bernardi Corso Governance Prof. Alberto Nobolo, Prof.Daniele Bernardi 1 NORMATIVA A D.LGS. 231/01 Modello Organizzativo - Codice Etico- Organismo di Vigilanza Agenda 2 DEFINIZIONE D.LGS. 231/2001 SOGGETTI COINVOLTI

Dettagli

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1 Pagina 1 di 7 APPENDICE 1 Il D.Lgs 231/2001, recante la disciplina in tema di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, superando il principio che individuava nella persona fisica l unico

Dettagli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Assemblea Annuale di Assifero Venezia 7 Maggio 2010 Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Avv. Roberto Randazzo Sommario La Responsabilità Amministrativa degli Enti ex D.Lgs. 231/2001

Dettagli

Corso di qualifica per Auditor 231, componente OdV 231 ed Esperto 231

Corso di qualifica per Auditor 231, componente OdV 231 ed Esperto 231 Corso di qualifica per Auditor 231, componente OdV 231 ed Esperto 231 dedicato all Un percorso formativo che permette di certificare il possesso di requisiti e competenze necessarie a realizzare, gestire

Dettagli

Il decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa Prima parte

Il decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa Prima parte S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa Prima parte Avv. Francesco Santi 1 20

Dettagli

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi

Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2. Relazione di sintesi Cassa del Trentino S.p.A. Analisi delle attività sensibili ex D.Lgs. 231/01 art. 6 comma 2 Relazione di sintesi Marzo 2013 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 3 1.2. METODOLOGIA...

Dettagli

Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex d.lgs. 231/01

Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex d.lgs. 231/01 Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex d.lgs. 231/01 Approvato dal Consiglio di Indirizzo il 26 gennaio 2016 1 Definizioni...5 Parte Generale......7

Dettagli

Newton Management Innovation S.p.A.

Newton Management Innovation S.p.A. Newton Management Innovation S.p.A. PRINCIPI DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D. LGS. N. 231/2001 Novembre 2013 1 Indice Definizioni 4 PARTE GENERALE 7 1. Il Decreto Legislativo n.

Dettagli

D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011

D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 REATI INFORMATICI (artt. 24bis D. Lgs. 231/2001) Dott. Carlo SALOMONE Gruppo 231 ODCEC Torino Ivrea Pinerolo

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1 ALITALIA SOCIETÀ AEREA ITALIANA S.p.A. ALLEGATO 1 ELENCO REATI 1 Adottato con delibera del 25/03/2016. INDICE I Reati previsti dal Decreto

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 e s.m.i. Compliance aziendale, responsabilità d'impresa, analisi del rischio e Modelli di Organizzazione e Gestione

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 e s.m.i. Compliance aziendale, responsabilità d'impresa, analisi del rischio e Modelli di Organizzazione e Gestione ANDREA MENEGOTTO DECRETO LEGISLATIVO 231/01 e s.m.i. Compliance aziendale, responsabilità d'impresa, analisi del rischio e Modelli di Organizzazione e Gestione Rev. 00 novembre 2012 Il decreto legislativo

Dettagli

FORMAZIONE E DIFFUSIONE. Codice Documento: MOG 231 PFD

FORMAZIONE E DIFFUSIONE. Codice Documento: MOG 231 PFD FORMAZIONE E DIFFUSIONE Codice Documento: MOG 231 PFD 1 COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 22/02/2012 1 REVISIONE 03/12/2013 2 3 4 5 Tutti i cambiamenti sono sottoposti

Dettagli

Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A.

Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A. Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A. PARTE GENERALE e ORGANISMO di VIGILANZA 3 Adeguamento ed aggiornamento del Modello adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21 gennaio

Dettagli

MODELLO DI ORgANIZZAZIONE gestione E CONTROLLO

MODELLO DI ORgANIZZAZIONE gestione E CONTROLLO MODELLO DI ORgANIZZAZIONE gestione E CONTROLLO (ai sensi del D. Lgs. 8 giugno 2001 N. 231) 1 INDICE IL DECRETO LEgISLATIVO N. 231/2001 E LA NORMATIVA RILEVANTE...7 IL REgIME DI RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA...7

Dettagli

MODELLO di Organizzazione, Gestione e Controllo

MODELLO di Organizzazione, Gestione e Controllo MODELLO di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Testo adottato dal Consiglio di Amministrazione di SOPAF S.p.A. ( 13 Novembre 2007) Modificato dal

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 PARTE GENERALE

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 PARTE GENERALE Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 PARTE GENERALE 1. Premessa Il Decreto legislativo 8 giugno 2001, n 231 (d ora in avanti D. Lgs. 231/01 o il decreto)

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali. "D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda"

D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali. D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda D.Lgs. 231/2001 Novità normative e orientamenti giurisprudenziali "D.Lgs. n. 231/2001 e la sua applicazione in azienda" Il quadro di riferimento L evoluzione normativa e l introduzione di nuove fattispecie

Dettagli

AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012

AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012 ucci UTILIZZO DI FINANZIAMENTI INAIL SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA, MODELLI 231 SEMPLIFICATI PER LA PREVENZIONE DEI REATI SULLA SICUREZZA AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012 AGENDA Il Bando

Dettagli

STILMAS MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. N. 231/2001¹

STILMAS MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. N. 231/2001¹ STILMAS MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. N. 231/2001¹ ¹ Approvato dall Assemblea dei Soci di Stilmas S.p.A. in data 6 marzo 2012 INDICE DEGLI ARGOMENTI TRATTATI PARTE GENERALE

Dettagli

3.1 Individuazione delle attività sensibili...17. 4.1 Codice di condotta...20 4.2 Principi di comportamento...20

3.1 Individuazione delle attività sensibili...17. 4.1 Codice di condotta...20 4.2 Principi di comportamento...20 Modello organizzativo di gestione e controllo di ETRA SPA per esimere la società dalla responsabilità amministrativa per i reati contemplati nel D.Lgs. 231/2001 e seguenti commessi nell interesse o a vantaggio

Dettagli

INAZ SRL Società Unipersonale MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

INAZ SRL Società Unipersonale MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. INAZ SRL Società Unipersonale MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Gennaio 2014 1 INDICE PARTE GENERALE... 3 1 - DESCRIZIONE DEL QUADRO

Dettagli

VERONA, 20 Settembre 2010. Ing. Flavia Lepore Senior Inspector HSE. - Copyright Bureau Veritas

VERONA, 20 Settembre 2010. Ing. Flavia Lepore Senior Inspector HSE. - Copyright Bureau Veritas Il modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/01 e il reato connesso ad omicidio o lesioni personali gravi e gravissime in violazione di norme sulla prevenzione degli infortuni

Dettagli

elenchitelefonici DOCUMENTO DI SINTESI del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO

elenchitelefonici DOCUMENTO DI SINTESI del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO DOCUMENTO DI SINTESI del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO Ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 e successive modifiche ed integrazioni approvato con delibera dell Amministratore

Dettagli

INFORMAZIONI EDITORIALI IE SRL

INFORMAZIONI EDITORIALI IE SRL INFORMAZIONI EDITORIALI IE SRL Informazioni Editoriali IE S.r.l. Sede Sociale Via Bergonzoli 1/5 20127 Milano Capitale sociale Euro 115.000 i.v. C.F. 07501560150 - n. iscrizione R.I. Milano 1164963 MODELLO

Dettagli

Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231

Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Articolo 300 D.Lgs. 81/08 Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 1. L articolo 25-septies del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, è sostituito dal seguente: «Art. 25-septies (Omicidio

Dettagli

D.LGS. 231/01: responsabilità penale-amministrativa degli enti

D.LGS. 231/01: responsabilità penale-amministrativa degli enti D.LGS. 231/01: responsabilità penale-amministrativa degli enti Il Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231, recante la Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società

Dettagli

PREMESSE. - soggetti che occupano una posizione apicale all interno dell ente ( ossia chi esercita, anche di fatto, le funzioni di rappresentanza,

PREMESSE. - soggetti che occupano una posizione apicale all interno dell ente ( ossia chi esercita, anche di fatto, le funzioni di rappresentanza, 1. Il regime di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche per i reati commessi nel loro interesse ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 2001 Il D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 (di seguito Decreto ),

Dettagli

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 PARTE GENERALE

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 PARTE GENERALE ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 PARTE GENERALE ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA DESCRIZIONE APPROVAZIONE 01 28/07/15 Modello 231/01-

Dettagli

L applicazione della responsabilità amministrativa degli Enti ai reati ambientali

L applicazione della responsabilità amministrativa degli Enti ai reati ambientali L applicazione della responsabilità amministrativa degli Enti ai reati ambientali Avv. Dario Soria Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Roma Roma, 3 Marzo, 2011 White collar crimes

Dettagli

Decreto Legislativo 231/2001: PRINCIPI E LINEE GUIDA DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231

Decreto Legislativo 231/2001: PRINCIPI E LINEE GUIDA DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 Decreto Legislativo 231/2001: PRINCIPI E LINEE GUIDA DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 INDICE Premessa Pag. 3 1. Il Decreto Legislativo n.231/2001 Pag. 4 2. Modello di organizzazione, gestione e controllo

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Sede Legale in Milano, Via Bonfadini 148 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 120.000,00 Registro delle Imprese di Milano n. 03673440966 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. SMA S.p.A.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. SMA S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO SMA S.p.A. Ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche,

Dettagli

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Formazione Laboratori Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Avv. Emanuele Montemarano Presidente dell Organismo di Vigilanza ACCREDIA 1 Un errore nel titolo... La normativa oggetto della

Dettagli

Aloja&Partners. Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231

Aloja&Partners. Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Aloja&Partners Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Aloja&Partners Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01 1.1 Attività di consulenza e gestione

Dettagli

ERM Enterprise Risk Management Gestione del Rischio di impresa e modelli di compliance; COSO Framework

ERM Enterprise Risk Management Gestione del Rischio di impresa e modelli di compliance; COSO Framework ERM Enterprise Risk Management Gestione del Rischio di impresa e modelli di compliance; COSO Framework Gazoldo degli Ippoliti MN_28 nov 2014 Dr. Giancarlo Campilli_Resp. Divisione Formazione 1 Di cosa

Dettagli

D. Lgs. 231/2001 Modello Organizzativo

D. Lgs. 231/2001 Modello Organizzativo D. Lgs. 231/2001 Modello Organizzativo Modello di organizzazione, gestione e di controllo previsto dal Decreto legislativo 8 Giugno 2001, n. 231 Codice documento: Data: 27-03-2013 1-CMS-2008-205-04 Società

Dettagli

Kiron Partner S.p.A. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001

Kiron Partner S.p.A. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001 Kiron Partner S.p.A. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001 Milano, 18/12/2014 INDICE PARTE GENERALE 4 1. LA NORMATIVA 5 1.1 IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 5 1.2.

Dettagli

Compliance aziendale Ex D.lgs. 231/01

Compliance aziendale Ex D.lgs. 231/01 Compliance aziendale Ex D.lgs. 231/01 Consultec Srl Cos è il D.Lgs. n. 231/01 Il D.Lgs. n. 231/2001 ha introdotto nel nostro ordinamento il principio della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Dettagli

- ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E ARTICOLI DEL CODICE PENALE RICHIAMATI DALL ART 4 DEL D.LGS. 231/2001)

- ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E ARTICOLI DEL CODICE PENALE RICHIAMATI DALL ART 4 DEL D.LGS. 231/2001) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI WIND RETAIL S.R.L. AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 231/2001 Responsabilità amministrativa della Società - ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo. delle. attività di BIOGEST S.r.l. per la

Modello di organizzazione, gestione e controllo. delle. attività di BIOGEST S.r.l. per la Modello di organizzazione, gestione e controllo delle - 1 - attività di BIOGEST S.r.l. per la prevenzione di comportamenti illeciti o contrari alle previsioni del codice etico Approvato da Presidente del

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI CARDIOLOGIA FINSIC SRL. D. LGS.231/2001 Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

SOCIETA ITALIANA DI CARDIOLOGIA FINSIC SRL. D. LGS.231/2001 Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche SOCIETA ITALIANA DI CARDIOLOGIA FINSIC SRL D. LGS.231/2001 Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche IL MODELLO ORGANIZZATIVO, L ORGANISMO DI CONTROLLO E IL SISTEMA DISCIPLINARE Approvato

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli