PSICOLOGIA SOCIALE Gli atteggiamenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PSICOLOGIA SOCIALE Gli atteggiamenti"

Transcript

1 Facoltà di Sociologia Università di Milano-Bicocca PSICOLOGIA SOCIALE Gli atteggiamenti Simona Sacchi - 3 PERIODO - aprile-giugno 2009 Gli atteggiamenti Per atteggiamento si intende qualunque rappresentazione cognitiva che riassuma la nostra valutazione di un oggetto - oggetto di atteggiamento Si possono avere atteggiamenti verso - oggetti concreti ( quell automobile mi piace molto ) - oggetti astratti ( la solidarietà è fondamentale ) - altri individui ( Luca mi è molto simpatico - se stessi ( ho un alta stima di me ) - gruppi ( gli americani sono molto efficienti ) -. 1

2 Gli atteggiamenti Gli atteggiamenti sono caratterizzati da UNA DIREZIONE L atteggiamento verso l oggetto può essere positivo, neutro o negativo UN INTENSITÀ L atteggiamento può essere moderato o estremo Direzione e intensità possono essere misurate tramite scale di misurazione di atteggiamenti inferite tramite osservazione del comportamento La funzione degli atteggiamenti Gli atteggiamenti ci sono molto utili e svolgono per noi diverse funzioni. A- funzione conoscitiva l atteggiamento organizza e semplifica la nostra esperienza; ci mette in condizione di padroneggiare l ambiente e trattare i suoi oggetti in modo efficiente; B- funzione strumentale l atteggiamento ci indirizza verso gli oggetti che ci aiuteranno a massimizzare le nostre ricompense e a minimizzare le perdite; C- funzione di espressione gli atteggiamenti ci permettono di esprimere la nostra identità, i nostri valori, la nostra visione del mondo; definiscono chi siamo 2

3 La funzione degli atteggiamenti IL MODELLO TRIPARTITO (Rosenberg e Hovland, 1960) COGNITIVA ciò che si sa ATTEGGIAMENTO AFFETTIVA ciò che si prova COMPORTAMENTALE ciò che si fa La funzione degli atteggiamenti COMPONENTE COGNITIVA: ciò che si sa di un oggetto di atteggiamento, l insieme di convinzioni Es. sono contraria al fumo perché conosco l alto tasso di tumori ai polmoni tra fumatori COMPONENTE AFFETTIVA: ciò che si prova per l oggetto, i sentimenti, le emozioni suscitate Es. viaggio in treno perché ho paura dell aereo COMPONENTE COMPORTAMENTALE: conoscenze circa le interazioni passate, presenti e future con l oggetto Es. sono a favore delle donazioni perché, ogni anno, faccio un versamento a un associazione 3

4 La formazione degli atteggiamenti Atteggiamenti a base cognitiva Sono finalizzati a valutare un oggetto Forniscono una valutazione razionale per orientare le scelte Sono sensibili all argomentazione e alle informazioni esterne Atteggiamenti a base emotiva Sono finalizzati a valutare la piacevolezza immediata dell oggetto Intervento di valori e ideologie Poco sensibili all argomentazione razionale La formazione degli atteggiamenti Atteggiamenti a base comportamentale Nascono o si modificano per auto-percezione (Bem, 1972) Sono utili quando l atteggiamento è inizialmente assente o debole Servono a ridurre la dissonanza cognitiva provocata dal comportamento 4

5 La formazione degli atteggiamenti Esperienza diretta ricordo di precedenti esperienze con l oggetto la ripetizione dell esperienza rende automatica l attivazione dell atteggiamento è la fonte degli atteggiamenti più forti Osservazione dell esperienza altrui forma mediata di esperienza diretta legame meno forte La formazione degli atteggiamenti Comunicazione raccolta di informazioni (racconti, letture, massmedia ) legame debole Formazione on-line (sul momento) quando non disponiamo di esperienze precedenti, o queste non sono accessibili molto instabili 5

6 La formazione degli atteggiamenti Unione e armonizzazione delle informazioni utili alla formazione dell atteggiamento soppesiamo tutte le informazioni sulla base della loro rilevanza e le combiniamo algebricamente (Anderson, 1981) configuriamo le informazioni in un unità dotata di significato e lasciamo che ogni singola informazione influenzi le altre La formazione degli atteggiamenti Non tutte le informazioni contribuiscono in ugual modo alla formazione di un atteggiamento Visione unilaterale le informazioni sono squilibrate; l ambiente generalmente favorisce l accesso a informazioni che vanno in un unica direzione Accessibilità sono le informazioni accessibili a plasmare i nostri atteggiamenti; ruolo dell attenzione, della disponibilità in memoria, della salienza 6

7 Atteggiamenti e oggetto Quanto più pensiamo al nostro atteggiamento verso l oggetto, tanto più saldo diventa il legame tra oggetto e atteggiamento. - Il legame tra oggetto e atteggiamento diventa automatico Es. ragno animale disgustoso - L atteggiamento sostituirà con maggiore probabilità le nostre conoscenze - L atteggiamento diventa meno vulnerabile all influenza esterna e alla comunicazione persuasiva la persuasione e il cambiamento di atteggiamento 7

8 La persuasione CONVINCERE: adesione razionale valutazione cognitiva oggettività informazione e dati di ancoraggio plausibili scarso effetto a livello di comportamento PERSUADERE: adesione emotiva integrazione aspetti cognitivi ed emotivi soggettività contenuti di contorno effetto a livello di comportamento La persuasione informazione cognitiva convinzione comunicazione cognitiva + emotiva persuasione comportamentale comportamento 8

9 La persuasione MODELLO DI PROBABILITA DELL ELABORAZIONE (Petty e Cacioppo, 1981,1986) Il cambiamento di atteggiamento dipende dall attivazione di alte o basse risorse cognitive nell elaborazione di informazioni Sì Via centrale Cambiamento vero e duraturo degli atteggiamenti Comunicazione persuasiva Motivazione? Abilità? No Via periferica Cambiamento superficiale e temporaneo La persuasione: via periferica Via periferica il destinatario non elabora il contenuto del messaggio cambiamento basato su elementi che costituiscono il contorno (es. l attrattività e la credibilità della fonte, la lunghezza e la piacevolezza del messaggio ) l impatto del segnale periferico dovuto all attivazione ed all applicazione di semplici regole od euristiche (es., bisogna sempre fidarsi degli esperti ) minor sforzo cognitivo nessuna influenza qualità dell argomentazione Cambiamento superficiale, di breve durata, suscettibile a successivi tentativi di persuasione e con minori ricadute a livello comportamentale 9

10 La persuasione: via periferica INFORMAZIONI AFFETTIVE Effetto atmosfera Se l ambiente in cui viene trasmesso il messaggio è gradevole per il destinatario (musica, profumi, emozioni ), questa impressione piacevole può essere trasferita al messaggio stesso per condizionamento Condizionamento: uno stimolo (es. oggetto pubblicizzato) inizialmente neutro diventa capace di suscitare una risposta positiva o negativa per essere stato associato con qualcosa che solitamente suscita una risposta positiva o negativa (una bella donna, un bambino, una festa). La persuasione: via periferica QUALE MACCHINA TI PIACE DI PIÙ? 10

11 La persuasione: via periferica L ATTRATTIVA DELLA FONTE Effetti sui processi di persuasione dovuti ad un attrazione esercitata dalla fonte sul destinatario. Persuasione di ordine affettivo e generalmente espressa con una reazione emotiva e con un giudizio di valore. Effetti positivi di: piacevolezza (bellezza, apparenza fisica, cura, simpatia ) familiarità similarità (somiglianza tra fonte e destinatario per età, genere, professione, opinioni ) Effetto su processi di identificazione Importanza presenza della fonte La persuasione: via periferica LA COMPETENZA DELLA FONTE È importante che la fonte sia competente nel campo a cui fa riferimento il messaggio. ma funziona anche in altri campi (competenza generalizzata - effetto alone) esp. Montmollin et al. (1982) messaggio sui pericoli dell abuso di aspirina manipolazione fonte: medico vs. avvocato stesso effetto persuasivo sull opinione dei soggetti effetto competenza generalizzata = prestigio della fonte 11

12 La persuasione: via periferica La persuasione: via periferica LA FIDUCIA Il ricevente accorda la propria fiducia solo se la sorgente sembra obiettiva, disinteressata, senza intenzione di manipolare o ingannare. LIMITI ALLA SINCERITÀ: distorsione del sapere: assunto che l oratore conosca meglio uno solo degli aspetti del problema e che si esprima a favore di quell aspetto distorsione di rapporto: ci si attende che l oratore esprima opinioni sulla base del pubblico a cui si rivolge 12

13 La persuasione: via periferica Esp. Eagly, Wood, Chaiken (1978) discorso politico di un candidato su problema ecologico di inquinamento industriale: bisogna chiudere immediatamente la fabbrica? Procedura informazioni sull oratore (sostenitore causa ecologista vs. difensore interessi lavoratori) informazioni sull audience (discorso a gruppo ecologisti vs. industriali) La persuasione: via periferica Risultati 5 4,5 CAMBIAMENTO ATTEGGIAMENTO 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 ORATORE pro-ecologia pro-lavoratori 0 ecologisti PUBBLICO industriali Il cambiamento è massimo quando vengono disattese le aspettative di distorsione del sapere e distorsione del rapporto 13

14 La persuasione: via periferica L EURISTICA DELLA FAMILIARITÀ Effetto di mera esposizione: le persone preferiscono gli oggetti familiari e a cui sono stati esposti più volte Familiarità connotazione positiva Esp Zajonc (1968): esposizione a parole straniere come dilikli, saracik le persone preferiscono parole a cui sono state già esposte Sentimenti positivi e rassicuranti verso ciò che conosciamo Persuasione maggiore tramite ripetizione del messaggio La persuasione: via periferica IL RUOLO DELLE EMOZIONI Valutazione dell oggetto di atteggiamento tramite emozioni e sentimenti se sono contenta vuol dire che mi piace Tutto ciò che viene valutato quando siamo di buon umore risulta più positivo e piacevole di ciò che viene valutato quando siamo di cattivo umore 14

15 La persuasione: via periferica LA LUNGHEZZA DEL MESSAGGIO Più il messaggio è lungo più sembra valido Comunicazione puntigliosa Fila per le fotocopie posso passarle davanti che ho solo 5 copie? 60% si posso passarle davanti che ho solo 5 copie e sono in ritardo? 94% si posso passarle davanti che devo fare delle fotocopie? 93% si Più è caro migliore è La persuasione Via centrale il destinatario elabora attivamente il contenuto del messaggio attenta e consapevole ricognizione delle argomentazioni e delle informazioni del messaggio generazione di argomentazioni o contro-argomentazioni argomenti convincenti pensieri positivi cambiamento atteggiamenti argomenti deboli pensieri negativi messaggio non efficace o controproducente (effetto boomerang ) scarsa influenza di elementi contestuali, di contorno Cambiamento profondo, duraturo, relativamente resistente a successive modificazioni e, in generale, buon predittore del comportamento futuro. 15

16 La persuasione: via centrale ATTENZIONE AL MESSAGGIO COMPRENSIONE DEL MESSAGGIO REAZIONE AL MESSAGGIO/ELABORAZIONE ACCETTAZIONE La persuasione: quale via? Il ruolo della motivazione Accuratezza motivazione alla padronanza e all accuratezza; attenzione all integrazione di tutte le nuove informazione; elaborazione di dati incongruenti Rilevanza personale elaborazione profonda su oggetti di atteggiamenti che ci riguardano personalmente 16

17 La persuasione: quale via? Il ruolo delle capacità di elaborazione Difficoltà a comprendere informazioni complesse Argomentazioni forti e deboli hanno lo stesso effetto se il destinatario non riesce a comprenderle di concentrazione Ruolo dell attenzione La scarsa attenzione rende deboli le argomentazioni forti e forti le argomentazioni deboli La persuasione: quale via? I fattori di personalità elevato bisogno di cognizione Provo soddisfazione nel riflettere per ore e ore Preferisco i problemi complessi a quelli semplici L idea di pensare in modo astratto mi affascina focalizzazione sull immagine vs. sui valori Influenza di messaggi che puntano al miglioramento dell immagine Influenza di messaggi che puntano ai valori. 17

18 La persuasione Esp. Petty, Cacioppo, e Goldman (1981) Studenti universitari ricevevano un messaggio a favore dell introduzione di un ulteriore esame (posizione contraria alle opinioni) Disegno: 2 x 2 x 2 fonte (alta vs. bassa) x messaggio (forte vs. debole) x rilevanza (alta vs. bassa) Ad un gruppo veniva detto che il progetto era stato elaborato da una prestigiosa commissione (fonte ad alta credibilità), ad un altro che il piano era di un gruppo di studenti (fonte a bassa credibilità). A metà dei partecipanti era presentato un messaggio contenente argomentazioni di alta qualità (messaggio forte) e all altra uno sostenuto da argomenti di bassa qualità (messaggio debole). Per una metà, l eventuale cambiamento li avrebbe direttamente coinvolti (alta rilevanza), per l altra metà la modifica si sarebbe realizzata dopo anni (bassa rilevanza). La persuasione Risultati Condizione di alta rilevanza: I soggetti analizzavano in profondità il contenuto del messaggio; il loro atteggiamento era influenzato dalla forza delle argomentazioni (attivazione via centrale). Condizione di bassa rilevanza: I soggetti non approfondivano l analisi del testo e rimanevano influenzati dal prestigio della fonte (attivazione via periferica). una fonte dotata di credibilità è in grado di rendere convincente anche un messaggio debole, a condizione che chi lo riceve sia scarsamente motivato e, quindi, non vagli con attenzione le argomentazioni contenute. 18

19 La persuasione Nel modello è implicita l idea che i due percorsi siano contrapposti, escludendosi reciprocamente. In alcune circostanze, può verificarsi un funzionamento parallelo dei due processi (Eagly & Chaiken, 1993): elaborazione simultanea sia di indici periferici (ad es. esperienza attribuita alla fonte), sia della qualità dell argomentazione. Effetti additivi o interattivi. Ad es. In momenti di incertezza l indice periferico può offrire un aiuto per l interpretazione del messaggio, anche a chi percorre la via centrale. La credibilità della fonte possono indurre delle aspettative e influire sull elaborazione sistematica del messaggio. La persuasione e l emozione Importanza dell integrazione di aspetti emotivi e aspetti cognitivi. La comunicazione persuasiva ad alto contenuto emotivo: influenza il grado di favorevolezza verso il messaggio riduce la resistenza al cambiamento porta all elaborazione del testo in modo olistico piuttosto che analitico produce risposte emotive piuttosto che razionali e cognitive Importanza di emozioni negative sul cambiamento di atteggiamento (es. pubblicità contro l abuso infantile; appelli alla paura ). Utilizzo di vari registri ed elementi comunicativi (musica, immagini, scene emotive ). Limita le informazioni che il destinatario riesce a elaborare (via periferica, euristiche ). 19

20 La persuasione e l emozione PRIMA REAZIONE EMOTIVA (inconsapevole, lascia nel soggetto un impressione globale) INTEGRAZIONE (Associazione della prima reazione con l oggetto/messaggio; ad es. tramite condizionamento) VALUTAZIONE (rilevanza personale e grado di favorevolezza ) SECONDA REAZIONE EMOTIVA (segue l elaborazione cognitiva; emozione ragionata) La persuasione e l emozione 1 Appello all Ethos Insieme di argomenti che fanno riferimento o appello all autorità di un testo, di una legge religiosa o morale, di un istituzione. Autorità della tradizione. 2 - Appello al Logos Insieme di argomenti che fanno appello alla ragione o alla logica: le conclusioni sono necessariamente dedotte dalle premesse. Utilizzo della logica formale. Utilizzo di un sillogismo debole nel campo delle opinioni e degli atteggiamenti: si traggono conclusioni sulla base di credenze iniziali assunte come fatti. 20

21 La persuasione e l emozione 3 Appello al Pathos Insieme di argomenti che fanno appello alle emozioni e ai sentimenti. IL BUON UMORE I sentimenti positivi producono atteggiamenti positivi sono felice, quindi mi piace Le persone di buonumore hanno meno probabilità di elaborare sistematicamente il messaggio persuasivo per via centrale Utilizzo di euristiche La persuasione e l emozione Il BUON UMORE Agisce sulla motivazione Le persone di buon umore sottostimano il pericolo e si sentono sicure e fiduciose Se si associa l elaborazione sistematica a un miglioramento dello stato d animo, anche le persone di buon umore si impegneranno a riflettere sul messaggio Agisce sulle capacità cognitive Le persone di buon umore fanno fatica a concentrarsi Le persone di buon umore fanno fatica ad elaborare i messaggi 21

22 La persuasione e l emozione APPELLO ALLA PAURA Nella giusta misura paura e ansia aiutano le persone a elaborare il messaggio. La relazione tra paura e persuasione non è lineare. All aumentare della paura e dell ansia non sempre il messaggio risulta più persuasivo esp. Janis e Feshbach (1953) sull igiene orale Avvertimenti chiari sui pericoli di una scarsa igiene orale (carie, malattie secondarie, artrite..) messaggio forte meno efficace del messaggio debole La persuasione e l emozione La strega cattiva di Sanpatrignano 22

23 La persuasione e l emozione La persuasione e l emozione APPELLO ALLA PAURA relazione non lineare tra paura e persuasione efficacia messaggio paura Livelli troppo bassi di ansia portano il soggetto ad ignorare il messaggio Livelli troppo alti di ansia portano ad un evitamento difensivo 23

24 La persuasione e l emozione Perchè? Paura come Drive il pericolo descritto dal messaggio aumenta la probabilità che il destinatario cerchi un mezzo per evitarlo. Se il messaggio indica un mezzo, il destinatario tende ad accettarlo. Paura come Cue il pericolo è uno stimolo interno spiacevole per l individuo che cerca di farlo cessare evitando stimoli esterni che l hanno prodotto (fonte, messaggio, mezzo, problema descritto...) Quindi: Messaggi troppo deboli non risvegliano il drive; messaggi forti provocano rigetto ed evitamento perchè funzionano da cues. C è un grado ottimale di appello alla paura La persuasione e l emozione Effetti diversi su variabili diverse: sull opinione: paura forte > paura debole sul comportamento: paura debole > paura forte Rilevanza: L appello alla paura è efficace se le persone pensano che le conseguenze negative possano accadere a loro (rilevanza personale) Modalità: Rimedio indicato: paura forte > paura debole Nessun rimedio indicato: paura debole > paura forte Fonte: Fonte credibile: appello alla paura più efficace Destinatario: Destinatario poco ansioso: appello alla paura più efficace 24

25 L immunizzazione Quando l individuo sa che sta per ricevere un messaggio persuasivo aumenta la resistenza al messaggio. L avvertimento aumenta la capacità di controargomentare c è una mobilitazione e un attività cognitiva anticipatrice Alcuni soggetti non cambiano quando avvertiti perchè hanno già cambiato prima bisogno di approvazione Alcuni soggetti cambiano quando avvertiti elasticità e apertura mentale L immunizzazione Quando l individuo sa che sta per ricevere un messaggio persuasivo aumenta la resistenza al messaggio. L avvertimento aumenta la capacità di controargomentare c è una mobilitazione e un attività cognitiva anticipatrice Alcuni soggetti non cambiano quando avvertiti perchè hanno già cambiato prima bisogno di approvazione Alcuni soggetti cambiano quando avvertiti elasticità e apertura mentale 25

26 L immunizzazione Principio di vaccinazione: bisogna sottoporre gli individui a una moderata minaccia contro le proprie credenze per renderli capaci di resistere a forti attacchi nel futuro (McGuire, 1961; 1964) Esp. truismi culturali (credenze che non vengono mai contestate) Confronto 3 gruppi: immunizzazione di supporto (argomenti in favore dei truismi); immunizzazione di difesa (argomenti contro i truismi); controllo (nessuna argomentazione) Solo con immunizzazione di difesa individui resistono meglio a un successivo attacco esterno contro i truismi. Nessuna differenza tra immunizzazione di supporto e nessuna immunizzazione. Immunizzazione aumenterebbe la capacità di controargomentare. L immunizzazione Esperimenti di immunizzazione, ad es., con: ragazzi adolescenti per vaccinarli contro il vizio del fumo e contro le pressioni sociali a iniziare a fumare bambini - pubblicitari per vaccinarli contro l efficacia degli slogan adulti - per vaccinarli contro l effetto di campagne politiche diffamatorie con consumatori - per migliorare l efficacia del messaggio pubblicitario 26

27 La persuasione subliminale Tecniche subliminali: sistemi usati per trasmettere un messaggio tramite immagini o suoni molto brevi o nascosti che l individuo non è in grado di percepire in modo consapevole. Es. bevi Coca-Cola incremento vendita (1957) I METODI SUBLIMINALI HANNO EFFETTO? La persuasione subliminale effetto priming esp. Murphy e Zajonc (1993) valutazione gradevolezza di ideogrammi presentazione di un volto (allegro vs. arrabbiato) in modo subliminale presentazione ideogramma da valutare Risultati: valutazione più positiva di ideogramma preceduto da volto allegro. 27

28 La persuasione subliminale Esp. Greenwald (1991) A- metà del campione ascolta audiocassette per la memoria metà del campione ascolta audiocassette per l autostima Risultati: nessun effetto su memoria o autostima dei partecipanti B- metà del campione che ascolta audiocassette per la memoria pensa di ascoltare audiocassette per l autostima metà del campione che ascolta audiocassette per l autostima pensa di ascoltare audiocassette per la memoria. Risultati: aumento del fattore nominato non di quello manipolato. La persuasione subliminale Non ci sono prove di effetti potenti di tecniche subliminali: i risultati non sono stati replicati e non si sono rivelati affidabili; gli effetti subliminali si producono con una gamma ristretta di stimoli (semplici); riguardano bassi livelli di elaborazione; eventuali effetti vengono eliminati dall elaborazione conscia effetti più deboli di quelli ottenuti con tecniche sopraliminali; gli effetti subliminali si producono in laboratorio ma difficilemente nel contesto reale; gli effetti subliminali non attivano comportamenti contrari ai propri valori, desideri, personalità. 28

29 Gli atteggiamenti e il comportamento Atteggiamenti e comportamento Gli atteggiamenti influenzano le azioni ATTEGGIAMENTO positivo negativo AZIONE avvicinamento evitamento Le azioni influenzano gli atteggiamenti AZIONE avvicinamento evitamento ATTEGGIAMENTO positivo negativo 29

30 Azioni Atteggiamenti Le nostre azione e i nostri ruoli generano atteggiamenti. Lieberman (1956) - osservazione sull evoluzione della carriera di operai Operai promossi caposquadra consonanza atteggiamento dirigenti Operai promossi cariche sindacali posizioni più intransigenti studenti coinvolti in giochi di ruolo atteggiamenti coerenti con il ruolo assunto troviamo simpatiche le persone che aiutiamo e antipatiche quelle che trattiamo male Azioni Atteggiamenti ELABORAZIONE SUPERFICIALE Quando si elabora in modo superficiale, si basano gli atteggiamenti su associazioni con azioni. A livello superficiale anche azioni prive di sensi e movimenti muscolari possono influenzare l atteggiamento piace ciò che viene associato al sorridere, all annuire, al trarre a sé non piace ciò che viene associato al corrucciamento, al diniego e a movimenti di distanziamento 30

31 Azioni Atteggiamenti Priester, Cacioppo e Petty (1996) Presentazione di parole senza senso begrid, plicen, triwen Compito: valutare il livello di piacevolezza delle parole mentre si tirava verso di sé o si allontanava da sé una barra di metallo Risultati: le parole presentate mentre si tirava la barra vennero giudicate più piacevoli delle parole presentate mentre si spingeva la barra Interpretazione: Tirare la barra verso a sé comportamento di avvicinamento Spingere la barra lontano da sé comportamento di evitamento Dal comportamento inferisco l atteggiamento avvicinamento atteggiamento positivo allontanamento atteggiamento negativo Azioni Atteggiamenti Wells e Petty (1980) Emissione di un messaggio in cuffia durante un esercizio Compito: simulare la corsa attraverso i gesti dell annuire simulare la pedalata in bicicletta attraverso lo scuotere della testa Risultati: maggiore accettazione del messaggio durante la corsa che durante la pedalata Interpretazione: Dal comportamento inferisco l atteggiamento gesti dell annuire atteggiamento positivo gesti del diniego atteggiamento negativo 31

32 Azioni Atteggiamenti TEORIA DELL AUTOPERCEZIONE (Bem, 1972) Quando si è consapevoli delle proprie azioni, si possono fare inferenze dirette dall azione all atteggiamento Il soggetto ha un vertice auto-osservativo Gli atteggiamenti vengono inferiti dall osservazione dei propri comportamenti e delle situazioni in cui vengono messi in atto Valutazione dei fattori situazionali Es. valutazione del proprio livello di religiosità dopo aver pensato alla frequenza di pratiche religiose (Salancik, & Conway, 1975) Azioni Atteggiamenti Le associazioni superficiali tra azioni e atteggiamenti funzionano solo su materiale non rilevante per le persone annuire aumenta la piacevolezza di parole senza senso ma non di materiale significativo I meccanismi di autopercezione atteggiamenti rilevanti non entrano in gioco su Le associazioni superficiali tra azioni e atteggiamenti funzionano solo se non ci sono conseguenze concrete per le persone Es. donne che dovevano giudicare delle foto di uomini dopo feed-back sul loro battito cardiaco. Il feed-back funziona solo se non pensano di dover uscire veramente con quegli uomini Le associazioni superficiali tra azioni e atteggiamenti funzionano solo se l elaborazione non può essere più profonda o se non abbiamo altre informazioni disponibili 32

33 LA DISSONANZA COGNITIVA Psicologia cognitivista (Anni 50-60) Individuo come ricercatore di coerenza Lo stato di incoerenza fra credenze o sentimenti è di per sé motivante al ripristino della coerenza tramite cambiamento dell atteggiamento Modelli della coerenza cognitiva di Festinger (1957) e Heider (1958) LA DISSONANZA COGNITIVA Leon Festinger (1957) Le persone sono motivate al mantenimento e alla ricerca della coerenza fra le proprie conoscenze, opinioni, credenze e i propri comportamenti. L eventuale incoerenza fra ciò che si pensa e ciò che si fa crea uno stato di disagio che deve essere in qualche modo eliminato. Questo stato di tensione è detto dissonanza cognitiva. Per eliminarlo occorre modificare o il proprio comportamento o l opinione dissonante. 33

34 LA DISSONANZA COGNITIVA Comportamento: io fumo Credenza: il fumo nuoce alla salute DISSONANZA RIDUZIONE DELLA DISSONANZA il fumo non fa poi così male LA DISSONANZA COGNITIVA La dissonanza si articola in 4 fasi 1- LA PERCEZIONE DELL INCOERENZA L individuo deve rendersi conto dell incoerenza tra i propri atteggiamenti e le proprie azioni. La dissonanza si manifesta quando il comportamento ha effetti evidenti La dissonanza si manifesta quando il comportamento ha effetti negativi 2- L ASSUNZIONE DI RESPONSABILITA L individuo deve fare attribuzione interna Se il comportamento è percepito come causato da forti pressioni esterne (premi irresistibili o temibili punizioni), l individuo non prova dissonanza 34

35 LA DISSONANZA COGNITIVA 3- L ATTIVAZIONE FISIOLOGICA La dissonanza cognitiva viene esperita come uno stato spiacevole di attivazione fisiologica esp. con monitoraggio fisiologico su partecipanti indotti a scrivere un saggio contrario vs. in linea alle loro opinioni 4- ATTRIBUZIONE L individuo non solo deve esperire uno stato spiacevole di attivazione ma deve anche attribuire tale stato al comportamento. Se il disagio viene attribuito ad altri fattori (esterni), la dissonanza non si verifica e non porta a cambiamenti del comportamento. LA DISSONANZA COGNITIVA Un dollaro per una menzogna Procedura Somministrazione di un esperimento noiosissimo Richiesta di aiuto al partecipante per convincere altri studenti a sottoporsi all esperimento parlando positivamente del compito Disegno sperimentale Gruppo1: ricevono la ricompensa di 1 $ per mentire Gruppo 2: ricevono la ricompensa di 20 $ per mentire Gruppo controllo: non devono mentire Variabile dipendente Giudizio sulla gradevolezza dell esperimento 35

36 LA DISSONANZA COGNITIVA gradevolezza esperimento controllo 1 $ 20 $ Risultati Chi aveva parlato bene dell esperimento per un solo dollaro (scarsa ricompensa) giudica l esperimento più positivamente di chi mente per 20$ (ricompensa significativa) Non si può attribuire il comportamento a fattori esterni dissonanza cambiamento di atteggiamento LA DISSONANZA COGNITIVA Ho sofferto per ottenerlo, quindi mi piace Si ama ciò per cui si soffre Cambio di atteggiamento per giustificare la fatica e lo sforzo Esp Axson & Cooper (1985) 3 settimane di addestramento per riduzione del peso Gruppo 1: compiti percettivi molto difficoltosi Gruppo 2: compiti facili Risultati: il gruppo 1 perde in media circa 4 Kg, il gruppo 2 pochi Hg se ho fatto così fatica, perdere peso è importante per me! Effetti duraturi 36

37 LA DISSONANZA COGNITIVA Giustificazione post-decisionale Ogni volta che si prende una decisione e si compie una scelta si rinuncia alle alternative Rischio del rimpianto Paradosso del meno è meglio Nella fase post-decisionale, si rafforzano gli atteggiamenti positivi verso le proprie scelte e si screditano le alternative Es. si valuta molto meglio un prodotto dopo averlo acquistato LA DISSONANZA COGNITIVA Lo sforzo di giustificare e risolvere l incoerenza porta l individuo a prendere in considerazione argomentazioni e contro-argomentazioni prima trascurate L elaborazione delle informazioni è più approfondita Il nuovo atteggiamento, formatosi per ridurre la dissonanza, è generalmente solido e immune da successive modificazioni Il cambiamento di atteggiamento è di lunga durata 37

38 LA DISSONANZA COGNITIVA LE ALTERNATIVE Non sempre la dissonanza cognitiva si risolve con un cambiamento di atteggiamento L individuo può: - minimizzare l incoerenza, banalizzando il comportamento - minimizzare l incoerenza con giustificazioni razionali - tentare un attribuzione esterna - ridurre lo stato di attivazione e disagio fisiologico (alcol, droga ) - riaffermare la propria identità positiva LA DISSONANZA COGNITIVA Rubo e rubare è sbagliato Ho rubato solo una volta e una cosetta di poco valore Sono costretta a rubare perché guadagno troppo poco per vivere dignitosamente Bevo alcolici perché sono a disagio Sono a disagio non perché rubo ma perché temo che qualcuno mi veda Anche se rubo sono una brava persona e non farei del male a nessuno Rubare non è sbagliato DISSONANZA MINIMIZZAZIONE ATTRIBUZIONE ESTERNA ATTENUAZIONE ATTIVAZIONE ATTRIBUZIONE DELL ATTIVAZIONE A CAUSE ESTERE AUTOAFFERMAZIONE Cambiamento di atteggiamento e riduzione della dissonanza 38

Capitolo 4 Atteggiamenti e persuasione

Capitolo 4 Atteggiamenti e persuasione Capitolo 4 Atteggiamenti e persuasione 1 Argomenti Struttura e scopo degli atteggiamenti Modalità di apprendimento degli atteggiamenti e ruolo della socializzazione Misurazione degli atteggiamenti: tecniche

Dettagli

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 2. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 2. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 2 Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 I GRANDI NOMI DELLA COMUNICAZIONE PERSUASIVA Gaia Vicenzi - Laboratorio di 2 grandi nomi della comunicazione persuasiva.

Dettagli

GLI ATTEGGIAMENTI. Critiche: Definizioni di atteggiamenti spesso non concordanti: oltre 500 definizioni operative di atteggiamento

GLI ATTEGGIAMENTI. Critiche: Definizioni di atteggiamenti spesso non concordanti: oltre 500 definizioni operative di atteggiamento GLI ATTEGGIAMENTI Che cosa sono gli atteggiamenti? Thomas e Znaniecky (1918) i primi autore a parlare di atteggiamenti: Atteggiamenti = processi di conoscenza sociale che determinano l azione (es. la fame

Dettagli

Comunicazione persuasiva. Dott. Luca Pietrantoni Modulo formativo comunicazione interpersonale Bologna, 30 Marzo 2007

Comunicazione persuasiva. Dott. Luca Pietrantoni Modulo formativo comunicazione interpersonale Bologna, 30 Marzo 2007 Comunicazione persuasiva Dott. Luca Pietrantoni Modulo formativo comunicazione interpersonale Bologna, 30 Marzo 2007 Persuasione Processo con cui intenzionalmente si inducono altri a cambiare atteggiamenti

Dettagli

COMUNICARE LA SALUTE Le emozioni ed il framing come leve persuasive. Giorgia Paleari Università di Bergamo

COMUNICARE LA SALUTE Le emozioni ed il framing come leve persuasive. Giorgia Paleari Università di Bergamo COMUNICARE LA SALUTE Le emozioni ed il framing come leve persuasive Giorgia Paleari Università di Bergamo 1 Immagina che l Italia si sta preparando ad affrontare l arrivo di una malattia asiatica molto

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

Psicologia Sociale. Cos è la psicologia sociale? Prof. Giuseppe Carrus. Interazione sociale

Psicologia Sociale. Cos è la psicologia sociale? Prof. Giuseppe Carrus. Interazione sociale Facoltà di Scienze della Formazione Cos è la psicologia sociale? Psicologia Sociale a.a. 2014/2015 6 CFU FSRU e SDE 9 CFU SERSS Prof. Giuseppe Carrus Università Roma Tre Dipartimento di Scienze della Formazione

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

LA PERSUASIONE Capitolo 1 : ALLA RICERCA DI UNA TEORIA Nel corso dei decenni lo studio sulla persuasione ha portato gli psicologi sociali ad ottenere

LA PERSUASIONE Capitolo 1 : ALLA RICERCA DI UNA TEORIA Nel corso dei decenni lo studio sulla persuasione ha portato gli psicologi sociali ad ottenere LA PERSUASIONE Capitolo 1 : ALLA RICERCA DI UNA TEORIA Nel corso dei decenni lo studio sulla persuasione ha portato gli psicologi sociali ad ottenere una gran mole di risultati empirici, mentre il piano

Dettagli

Kurt Lewin (1890-1947)

Kurt Lewin (1890-1947) Kurt Lewin (1890-1947) Famiglia ebraica. Nasce in Prussia nella odierna Polonia. Partecipa alla I guerra mondiale. Si laurea e inizia a insegnare all università di Berlino. 1933 emigra negli USA. Sviluppa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. 2013/2014 Per il secondo anno consecutivo la nostra scuola ha continuato nelle

Dettagli

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 3. Gaia Vicenzi - Laboratorio di psicologia cognitiva - a.a. 2004-05

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 3. Gaia Vicenzi - Laboratorio di psicologia cognitiva - a.a. 2004-05 LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 3 1 LA FONTE 2 LA FONTE Fabris (1992) identifica tre principali tipi di fonte che possono interferire sul messaggio che comunicano: 1) l impresa 2) il

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

LA MEDIAZIONE EMOZIONALE NEI COMPORTAMENTI DI CONSUMO

LA MEDIAZIONE EMOZIONALE NEI COMPORTAMENTI DI CONSUMO PROGRAMMAZIONE + PSICOLOGIA DEL MARKETING LA MEDIAZIONE EMOZIONALE NEI COMPORTAMENTI DI CONSUMO StudiAssociati 2013 PARLEREMO DI: Il marketing dal punto di vista del decisore I fattori sottesi al comportamento

Dettagli

Atteggiamenti e rappresentazioni sociali

Atteggiamenti e rappresentazioni sociali Atteggiamenti e rappresentazioni sociali L importanza dello studio degli atteggiamenti risiede nella loro rilevanza per la nostra vita sociale: - a livello individuale; - a livello interpersonale; - a

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale - Settore Sviluppo Risorse Umane - SISTEMA DI VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE La gestione del colloquio di valutazione INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics

Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics Comportamento manageriale A.A. 2012/2013 Dott.ssa Monia La Verghetta Obiettivo Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics Valori

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

Difficoltà scolastiche

Difficoltà scolastiche Difficoltà scolastiche DSA Difficoltà Scolastiche Così come ogni individuo è diverso da un altro, differente per ciascuno sarà lo stile di apprendimento delle conoscenze. Per questo motivo quando si parla

Dettagli

La Persuasione: un approccio multitematico. Dott. Rizzuto Maurizio

La Persuasione: un approccio multitematico. Dott. Rizzuto Maurizio La Persuasione: un approccio multitematico 2 Dott. Rizzuto Maurizio Modelli di riferimento Mc Guire (1968): sequenza del processo persuasivo Petty e Cacioppo (1981-86): (ELM) modello della probabilità

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE. Gabriele Prati

CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE. Gabriele Prati CONFLITTI MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE Gabriele Prati COS È UN CONFLITTO? E una percezione di divergenza di interessi o obiettivi AMBITI DEI CONFLITTI Persona Gruppo Organizzazione Società Conflitti intraunità

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA L attribuzione causale Attribuzione causale Nel processo di formazione di impressioni siamo altresì interessati a cogliere le cause, le determinanti di un comportamento ATTRIBUZIONE

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Silvia Sarzanini. Rossana Macagno

Silvia Sarzanini. Rossana Macagno Studia i modi in cui i comportamenti, i pensieri e i sentimenti delle persone vengono influenzati dalla presenza reale o immaginata di altre persone o altri gruppi. Silvia Sarzanini Rossana Macagno La

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Autoefficacia e apprendimento

Autoefficacia e apprendimento Autoefficacia e apprendimento Definizione di autoefficacia Convinzione della propria capacità di fornire una certa prestazione organizzando ed eseguendo le sequenze di azioni necessarie per gestire adeguatamente

Dettagli

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 8 LEZIONE. Prof. Marta Ghini

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 8 LEZIONE. Prof. Marta Ghini DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 8 LEZIONE Prof. Marta Ghini LEADERSHIP RIPASSO... Qual è il mio stile di leadership utilizzato solitamente? (come genitore, come insegnante, come catechista... È sempre

Dettagli

DISAGIO E DIPENDENZA

DISAGIO E DIPENDENZA DISAGIO E DIPENDENZA Scuola media di Selvino anno scolastico 2008-2009 Dott. Gian Battista Marchesi Presentazione del corso Tre incontri di due ore per ogni singola classe Primo incontro: Linee di confine

Dettagli

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 Marisa Muzio Via Bronzetti 11, 20129 Milano, Italia Mobile: +39 3395070433 Phone: 02 78621901 Fax: +39

Dettagli

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE Dr.ssa Arianna Pomero Aspetto centrale dell essere essere

Dettagli

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Dott.ssa Sara Bernardelli Psicologa-Psicoterapeuta SPC-Scuola di Psicoterapia Cognitiva Cos è il disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Alessandro

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA Percepire e comprendere noi stessi In psicologia il primo studioso a mostrare interesse nei confronti del sé è stato William James (1890), il quale ha sottolineato la natura molteplice

Dettagli

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza.

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. Per definizione la Prosocialità è l insieme di quei comportamenti che, senza la ricerca di

Dettagli

come nasce una ricerca

come nasce una ricerca PSICOLOGIA SOCIALE lez. 2 RICERCA SCIENTIFICA O SENSO COMUNE? Paola Magnano paola.magnano@unikore.it ricevimento: martedì ore 10-11 c/o Studio 16, piano -1 PSICOLOGIA SOCIALE COME SCIENZA EMPIRICA le sue

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

I meccanismi di coordinamento

I meccanismi di coordinamento Scienze della comunicazione Le determinanti della complessità del problema di coordinamento Differenziazione Interdipendenza Corso di Organizzazione aziendale dott.ssa Francesca Chiara Esigenze di integrazione

Dettagli

LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO

LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO PERCEPIRE IL PROBLEMA, AVENDO BEN CHIARA LA DIFFERENZA

Dettagli

Il colloquio psicologico

Il colloquio psicologico Il colloquio psicologico Nel colloquio psicologico, a fronte di un soggetto che propone un immagine di se stesso, fornisce informazioni, esprime sentimenti e opinioni, o implicitamente una richiesta di

Dettagli

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1!

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Lo sviluppo emotivo e relazionale Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Che cos è un emozione? EMOZIONE Esperienza complessa, multidimensionale, che svolge un ruolo

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. 2012/2013 Nel corrente anno scolastico, la Scuola Media L. Pirandello ha organizzato,

Dettagli

Lo sviluppo socio-relazionale

Lo sviluppo socio-relazionale Lo sviluppo socio-relazionale È costituito dai cambiamenti che caratterizzano il modo di mettersi in relazione con le altre persone da parte del bambino. Dipende: Dallo sviluppo delle funzioni cognitive

Dettagli

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO Caratteristiche generali Bullismo = azioni di aggressione o di manipolazione sociale da parte di singoli o gruppi di pari perpetrati in maniera intenzionale e sistematica Diffuso

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

La Persuasione: un approccio multitematico. Dott. Rizzuto Maurizio

La Persuasione: un approccio multitematico. Dott. Rizzuto Maurizio La Persuasione: un approccio multitematico 5 Dott. Rizzuto Maurizio Modelli di riferimento Mc Guire (1968): sequenza del processo persuasivo Petty e Cacioppo (1981-86): (ELM) modello della probabilità

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Salvatore Settineri C. Mento - G. Gioffré N. Gambardella Università degli Studi di Messina Dipartimento di Neuroscienze, Scienze Psichiatriche e

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI Definizione e funzioni Processi decisionali di gruppo Leadership Cos è un gruppo? Lewin (1951, Field Theory in Social Science) Il gruppo non è la somma dei suoi

Dettagli

LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com

LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com www.centroaspen.it www.titania.ct.it www.benessere.com L assertività: dalle origini

Dettagli

Indice. 1 Una definizione di apprendimento --------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Una definizione di apprendimento --------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE L APPRENDIMENTO (PRIMA PARTE) PROF. BARBARA CARRETTI Indice 1 Una definizione di apprendimento --------------------------------------------------------------------- 3 2 Il comportamentismo e l

Dettagli

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari)

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Più donne per i C.d.A. e le posizioni apicali Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Regione Piemonte Torino, 2 aprile 2014 I veri Leader non nascono tali, lo diventano grazie all impegno e

Dettagli

Il gruppo: un esperienza da condividere

Il gruppo: un esperienza da condividere Dipartimento Assistenziale Integrato Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa SerT Sede Ser.T. di Ferrara Centro Psicosociale e Unità mobile di strada Il Direttore Prot. N. Ferrara, 14/10/2010

Dettagli

La comunicazione del rischio

La comunicazione del rischio La comunicazione del rischio Di Mauro Palazzi (modificata) A cura di Luigi Triggiano Medico di medicina generale 1 OBIETTIVI DEL CORSO migliorare le conoscenze sulla comunicazione e sulle sue criticità

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo 3. Lo sviluppo emotivo 1 Lo sviluppo emotivo Psicologia dello sviluppo Oltre allo sviluppo cognitivo, che viene spesso associato alle capacità intellettive, è importante comprendere il grado di competenza

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA La percezione sociale La percezione sociale La percezione sociale viene definita come lo studio del modo in cui creiamo impressioni e formuliamo giudizi riguardo gli altri facendo

Dettagli

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Abilità e competenze Qual è il confine tra abilità e competenza? Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Conoscenze indicano il risultato dell assimilazione di informazioni (fatti,

Dettagli

La Posizione di Save the Children sulla Partecipazione dei Bambini

La Posizione di Save the Children sulla Partecipazione dei Bambini La Posizione di Save the Children sulla Partecipazione dei Bambini Scopo di questo documento Questo documento delinea la posizione di Save the Children sulla partecipazione dei bambini. Spiega perché la

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

DAI SOCIAL SKILLS TRAINING ALLE

DAI SOCIAL SKILLS TRAINING ALLE PSICOTERAPIA E COMPETENZE SOCIALI: DAI SOCIAL SKILLS TRAINING ALLE TERAPIE DI TERZA GENERAZIONE Luigi Gastaldo, Antonella Bressa, Romina Castaldo, Viola Galleano, Elvezio Pirfo Dipartimento di Salute Mentale

Dettagli

STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping

STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping Scienze Umane II - Infermieristica CHE COS È UN EMOZIONE? Stato affettivo di piacere o dispiacere (EMOZIONI POSITIVE O NEGATIVE) Risposta psicologica

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

LA PSICOLOGIA SOCIALE Comportamento ed atteggiamento

LA PSICOLOGIA SOCIALE Comportamento ed atteggiamento Universita per gli stranieri DANTE ALIGHIERI LA PSICOLOGIA SOCIALE Comportamento ed atteggiamento Prof. Vincenzo Maria ROMEO Gli atteggiamenti: definizioni principali Thomas e Znaniecky (1918) i primi

Dettagli

Autostima Amica-Nemica

Autostima Amica-Nemica Autostima Amica-Nemica come influenza le nostre scelte Dott.ssa Gioia Negri Psicologa, Psicoterapeuta Dottore di Ricerca in Neuroscienze Cognitive cos è l Autostima? Definizione «psicologica» «il processo

Dettagli

LA METODOLOGIA IN PSICOLOGIA SOCIALE: Trasformare le idee in azioni di A. Manstead e G. Semin

LA METODOLOGIA IN PSICOLOGIA SOCIALE: Trasformare le idee in azioni di A. Manstead e G. Semin Riassunto schematico a cura di Paolo Falconer Università degli Studi di Trieste Facoltà di Psicologia Corso tenuto dalla p.ssa Chiara Volpato anno 2000/2001 LA METODOLOGIA IN PSICOLOGIA SOCIALE: Trasformare

Dettagli

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza VOLARE E PERICOLOSO? È certamente una domanda legittima, che molti piloti, più o meno consciamente, presto o tardi si pongono. Sorprendentemente, la risposta è a portata di mano: LA RISPOSTA E DENTRO NOI

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

Cap. 6 - STRATEGIE COMPORTAMTALI DI PERSUASIONE. Psicologia sociale e delle comunicazioni di massa a.a. 2011-12

Cap. 6 - STRATEGIE COMPORTAMTALI DI PERSUASIONE. Psicologia sociale e delle comunicazioni di massa a.a. 2011-12 Cap. 6 - STRATEGIE COMPORTAMTALI DI PERSUASIONE Psicologia sociale e delle comunicazioni di massa a.a. 2011-12 1 I pionieri Lo studio scientifico della persuasione è iniziato con il contributo di Kurt

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE Avviamento, sviluppo e potenziamento della competenza comunicativa, la chiave di volta del

Dettagli

La comunicazione efficace Il colloquio non direttivo Il feedback fenomenologico

La comunicazione efficace Il colloquio non direttivo Il feedback fenomenologico La comunicazione efficace Il colloquio non direttivo Il feedback fenomenologico URBINO 31-01-2014 Antonella Scalognini La comunicazione Aristotele ritiene che tre sono gli ingredienti fondamentali sui

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza

CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza Wilma Geromella Michela Ulcigrai Associazione GOAP Trieste Definizione di violenza domestica (Londra, Regno Unito, 2001) La violenza domestica consiste nell

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 1 Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 LA COMUNICAZIONE I TRE ELEMENTI DELLA COMUNICAZIONE PERSUASIVA Gaia Vicenzi - Laboratorio di 2 UN MODELLO PER LA COMUNICAZIONE

Dettagli

DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI

DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI GIORNATE DI SUPPORTO ALLA FORMAZIONE DEI REFERENTI PER LA DISLESSIA DELLA LOMBARDIA 22 Aprile 2008 DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI Rosy Tavazzani Montani PERCHE L INSEGNANTE DOVREBBE

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione Firenze 4/5 febbraio 2011 In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione L EDUCAZIONE PROSOCIALE IN ITALIA: INTERVENTI E PROSPETTIVE W W W. P R O S O C I A L I T A. I T I S T

Dettagli