SECOND LIFE: NUOVO SPAZIO VIRTUALE DELL ALTRO E DELL ALTROVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SECOND LIFE: NUOVO SPAZIO VIRTUALE DELL ALTRO E DELL ALTROVE"

Transcript

1 Monica Morazzoni, Patrizia De Ponti Second Life: nuovo spazio virtuale dell altro e dell altrove Monica Morazzoni, Patrizia De Ponti* SECOND LIFE: NUOVO SPAZIO VIRTUALE DELL ALTRO E DELL ALTROVE Premessa Questo lavoro si propone di esaminare alcuni aspetti del mondo virtuale, con particolare riferimento a Second Life (SL), un network di spazi virtuali condivisi che, per dimensioni, caratteristiche e diffusione di utilizzo, affascina oggi più di 7 milioni di utenti (Manzotti, 2007). Una rete di oltre 2 mila calcolatori sparpagliati nel globo mantiene in vita questo mondo, dove si possono incontrare altre persone sotto forma del loro doppio virtuale. Attraverso un particolare uso prostetico del calcolatore è infatti possibile simulare uno spazio virtuale all interno del quale proiettare un proprio simulacro al fine di interagire con simulacri proiettati da altri. Ma perché recarsi in un mondo virtuale per fare una chiacchierata? Perché dedicare una mole di tempo ed energie per progettare, realizzare, apprendere forme complesse di interazione in mondi inesistenti? Perché comunicare in uno spazio simulato quando esistono alternative largamente diffuse e disponibili, più dirette e di più semplice utilizzo? In definitiva: che cosa offre in più uno spazio virtuale condiviso? SL, per esempio, soddisfa una duplice esigenza: interagire con i propri simili (si può decidere se condurre una conservazione romantica, impegnata, politica, filosofica o di molti altri generi) e creare luoghi alternativi o complementari a quelli reali, al fine di scambiare e condividere emozioni ed esperienze soggettive di vario tipo. Si tratta di una replica del nostro mondo, che amplifica pregi e difetti della nostra società, resa viva perché gli utenti vi versano dentro tempo, denaro ed emozioni reali. Il motore di SL è costituito sia dalla possibilità di visualizzare scenari immaginari che dalla relazione reale tra utenti reali con sentimenti, idee, pensieri, sensazioni reali. SL supera il mondo fisico e si muove nel mondo delle idee e dei pensieri, reso visibile e quasi tangibile dalla potenzialità tecnologica. SL offre, quindi, la possibilità di eliminare l interfaccia fisica, contingente e accidentale, e di sostituirla con un immagine mentale esattamente corrispondente ai propri desideri. Lo spazio virtuale è, dunque, un nuovo spazio del vivere umano? Se lo spazio virtuale è un estensione, nel senso usato da Mc Luhan, del pensare, del percepire e dell agire proprio della natura umana nello spazio, con modalità, ambienti e identità proprie, allora non ci rimane che chiederci: per la Geografia, lo spazio virtuale è una nuova frontiera di ricerca? * Università degli Studi di Messina.

2 710 Monica Morazzoni, Patrizia De Ponti 1. Tecnologia, spazio virtuale, community on line di Monica Morazzoni Tra gli elementi più significativi delle trasformazioni del secolo XX bisogna porre in primo luogo le straordinarie innovazioni tecnologiche che la ricerca scientifica ha reso possibili nei campi più disparati della vita. Con capacità di comunicazione sempre maggiore, le tecnologie informatiche hanno stabilito forti legami conoscitivi tra popoli e popoli, tra persone e persone. In particolare, hanno messo in evidenza modalità diverse del vivere e hanno evidenziato gli squilibri profondi esistenti tra esse. Da ciò anche la loro carica rivoluzionaria (Corna Pellegrini, 2002). I nuovi mezzi di comunicazione, quali Internet, sono al tempo stesso strumenti di standardizzazione planetaria, ma anche elementi di nuova identificazione di molte culture locali. Sono, inoltre, strumenti che, col progredire delle tecniche informatiche, potranno sempre più influenzare i meccanismi della memorizzazione, quelli dei sogni e perfino quelli dei sentimenti. Lo sviluppo tecnologico apre e condiziona altresì nuove possibilità di sfruttamento, di organizzazione e di percezione dello spazio. Indagando il ruolo della tecnologia (e insieme ad essa le numerose possibilità di comunicazione che offre) possiamo evidenziare le interazioni tra uomo, ambiente, e società che sono alla base della produzione di spazio e dunque del sapere geografico. Le reti di telecomunicazione sono oggi il motore della globalizzazione, della deterritorializzazione e della virtualizzazione degli spazi; aumentano l azione modificatrice della globalizzazione sulle strutture territoriali tradizionali, a partire dal ruolo degli Stati fino all organizzazione dei più semplici territori. Anche il nuovo spazio del vivere umano, quello virtuale, è stato creato ormai da tempo grazie ai progressi delle tecnologie informatiche. Attraverso la digitalità, infatti, si riesce a superare i limiti posti dalla distanza e dal tempo nello spazio materiale. In particolare, l utilizzo prostetico di strumenti tecnologici amplifica e amplia le possibilità di interazione tra esseri umani. Il progresso tecnologico domina lo spazio del sapere, dell informazione e della comunicazione prodotto su un supporto immateriale (il codice binario che sta alla base della digitalizzazione), deterritorializzato (il file virtuale disponibile su Internet non è in un luogo preciso ma può essere contemporaneamente in più luoghi e ovunque vi sia un collegamento con la rete), eppure reale e concreto, tanto da essere acquistato e pagato. Alla base della cultura creata dalle innovazioni tecnologiche vi è la virtualità. Negli ultimi due decenni il virtuale è stato, quasi sistematicamente, associato alle simulazioni spaziali tridimensionali. Ma la storia di questo termine risale alla filosofia scolastica medievale e, più precisamente, al latino virtualis, utilizzato per indicare ciò che esiste in potenza e non in atto. Il virtuale va quindi inteso (partendo appunto dalla terminologia filosofica) come una modalità dell essere, che, insieme alla sua controparte dialettica, l attuale, definisce il reale. Ad esempio un seme è virtualmente un albero e un albero è l attualizzazione delle potenzialità virtuali di un seme (Lévy, 1999). Di conseguenza, equivalenze del tipo virtuale = fittizio, così come contrapposizioni nette tra reale e virtuale, pur essendo largamente diffuse nel senso comune, risultano prive di fondamento. Nel momento in cui mi siedo di fronte al terminale del mio computer e lancio un applicativo che mi consente di proiettare un mio simulacro in un ambiente sintetizzato artificialmente e condiviso

3 Second Life: nuovo spazio virtuale dell altro e dell altrove 711 da altre persone, lo spazio virtuale contenuto nelle stringhe archiviate nei database, cui la mia applicazione attinge, si attualizza, fornendomi un esperienza reale a tutti gli effetti, capace di coinvolgere i miei sensi e condivisibile con altri esseri umani. Va sottolineato come questo tipo di virtualizzazione dell esperienza non sia una novità introdotta dall avvento del digitale: prima della comparsa dei calcolatori elettronici era presente grazie al telefono, alla carta stampata, al racconto orale, a tutte le forme di narrazione che l uomo ha messo a punto a partire da quando ha iniziato a tracciare segni sulle pareti delle caverne (Giorda, 2000). Semmai la tecnologia ha consentito un aumento di possibilità offerte dagli strumenti utilizzati per esperire le zone del virtuale, con la conseguenza di coinvolgere un numero in costante crescita di persone e attività. Lo sviluppo di spazi virtuali e di meccanismi di simulazione, come quelli proposti da SL, consente a chiunque di sperimentare, verificare, ridefinire la propria posizione e la propria identità sulla Terra, oltre che condividere esperienze all interno della comunità virtuale In essa, ogni individuo, indipendentemente dal proprio indirizzo fisico sul territorio, si conosce, si frequenta, interagisce e condivide idee, obiettivi e ruoli. Scrive Lévy (1999, p. 124): lo sviluppo delle comunità virtuali si costruisce su affinità di interessi e conoscenze, sulla condivisione di progetti, in un processo di scambio, e tutto ciò indipendentemente dalla prossimità geografica e dalle appartenenze istituzionali. Dunque, la comunità virtuale non ha nulla di irreale o di immaginario: la cultura della simulazione costruisce spazi immaginari che sono tuttavia abitati ore ed ore da persone reali, che sviluppano in questi luoghi parte del proprio sé, costruiscono sensi di appartenenza, vivono esperienze percettive e relazionali che fino a pochi anni fa potevano svolgersi solo in luoghi fisici, sul territorio (Turkle, 1997). Quando le persone iniziano a ritrovarsi ogni giorno a discutere con altri individui conosciuti all interno della comunità virtuale, è difficile non parlare di senso di identità e di radicamento. Non a caso, i neofiti che si introducono nei mondi virtuali hanno durante i primi giorni vere crisi di spaesamento, alienazione ed estraneità. Il senso di appartenenza (o anche, il nuovo senso di territorialità) si forma, come il legame con i luoghi reali, con lo stratificarsi delle interazioni, delle conoscenze, del sapere comune e dell affettività divisi con gli altri abitanti del luogo. In sintesi, se accettiamo l idea del mondo virtuale come nuovo spazio del vivere umano, possiamo adattargli i paradigmi pensati per i luoghi materiali (oltre che evidenziarne di nuovi), come quelli della geografia umanistica che, da tempo, ci racconta del rapporto affettivo tra uomo e luoghi (topofilia), del ruolo simbolico dei luoghi nella costruzione dell identità umana, del valore del senso di appartenenza e del pericolo dell estraneità dai luoghi Second Life: una seconda vita? di Patrizia de Ponti La realtà virtuale di SL prende spunto dal cyberspace di Gibson e dal Metaverse di Stepehenson, autori di fantascienza appartenenti alla corrente letteraria del Cyberpunk. Nei capolavori di questi scrittori (Neuromancer, 1984 e Snow Crash, 1995) i personaggi hanno degli elettrodi applicati al cranio o delle speciali mascherine in grado di proiettare immagini e sensazioni che il cervello interpreta come oggetti fisici. Analogamente il mondo di SL, plasmato dalla Linden Lab, sembra essere pensato per catalizzare questo tipo di esperienze inoculate di stimoli artificiali che, tuttavia, risultano essere diverse rispetto al mondo fantastico dei videogiochi.

4 712 Monica Morazzoni, Patrizia De Ponti Nel 2003, quando nasce SL, esistevano già videogiochi multiutente on line ed erano state sperimentate tecniche immersive di chat che utilizzavano ambienti 3D. SL non nasce però come videogioco, bensì per offrire all utente una vera e propria Seconda Vita (e non un tour guidato sintetico, avente come inizio e fine il videogioco stesso e in cui il giocatore assume un ruolo insolito), nella quale ogni desiderio, difficilmente realizzabile nella vita reale, è possibile. L utente di SL dispone di una piattaforma neutra, per accedervi deve registrarsi gratuitamente presso i database del sito; creare un proprio alter-ego; entrare nel mondo virtuale, in cui ha a disposizione un kit completo per lo sviluppo di oggetti multimediali; comprare isole virtuali, nelle quali concretizzare i propri progetti; esplorare i luoghi creati da altri utenti, interagire e collaborare con essi. Sostanzialmente SL ha lo scopo di sondare le possibili derive evolutive nell uso delle reti di calcolatori; gli aspetti ludici servono solo come esca per raggiungere il fine ultimo che, come dichiara Philip Linden (presidente della Linden Lab) è la creazione di una nuova versione del mondo in grado di ospitare contemporaneamente centinaia di milioni di abitanti aventi un ventaglio inedito di possibilità. In effetti, attualmente gli utenti di SL superano i 7 milioni, dei quali 40 mila collegati ogni momento; ma la rapida crescita (si parla del 20% mensile) non accenna a diminuire (Manzotti, 2007). Il traguardo è stato ottenuto grazie ad un software open source, caratterizzato da un tipo di licenza che ne consente il libero utilizzo. Ciò implica la possibilità di modificare la piattaforma stessa sulla quale il mondo virtuale prende forma, consentendo così di plasmare il proprio spazio virtuale. Questo spazio virtuale viene percepito come del tutto simile a quello fisico: i territori rispettano le caratteristiche geomorfologiche del mondo reale, nonché le leggi fondamentali della fisica (anche se facilmente violabili). Questa rappresentazione mimetica dello spazio sintetico facilita un debrayage (disconnessione) dal mondo reale e proietta l utente, attraverso un embrayage (connessione), nella Seconda Vita. Tuttavia, la mimesi è solo apparente, poiché ogni oggetto o avatar di SL è posizionato all interno di una griglia (the grid), che ha delle coordinate x, y e z (che ricordano latitudine, longitudine e altezza del mondo reale), e di una regione (regions), che identifica il particolare spazio cartesiano a cui fare riferimento. Ciò fa capire come, a differenza dello spazio reale, che è continuo, quello virtuale è di natura ipertestuale. Infatti, è possibile spostarsi in maniera continua all interno della stessa grid, ma non nella stessa regions, poichè lo spostamento in regioni diverse avviene tramite l interruzione della simulazione spaziale in atto, seguita dal caricamento della nuova region e, quindi, attraverso il teletrasporto. Di conseguenza, il moto continuo del mondo fisico assume nel mondo virtuale un ruolo accessorio e specialistico, utilizzato per fini ludici, mimetici, estetici. Analoghe considerazioni si possono fare per il tempo: SL utilizza coordinate temporali proprie, un proprio fuso orario, così da garantire un immediatezza comunicativa con altri utenti che risulterebbe impensabile usando i fusi orari del mondo reale. I concetti di spazio e tempo, tanto importanti nella vita reale, in SL perdono di significato, lasciando come unico criterio di valutazione l appetibilità di un luogo rispetto ad un altro. Inoltre, l esperienza del virtuale offre una realtà sensoriale ridotta: in alcuni casi prevede un coinvolgimento tattile e cinestetico, ma gli stimoli sensoriali, ad eccezione di quelli

5 Second Life: nuovo spazio virtuale dell altro e dell altrove 713 uditivi e visivi non raggiungono un livello equiparabile alla vita reale, nonostante la dimensione immersiva (Fulco, 2006). Risulta, invece, reale l esperienza con il denaro. Il Linden dollar, moneta virtuale, può essere scambiato in ogni momento in dollari USA. In pratica, per comprare qualsiasi cosa in SL è necessario versare con la propria carta di credito, alla Linden Lab, dollari reali per acquistare dollari virtuali. SL è anche arte: artistici e critici si incontrano, tengono conferenze e dibattiti; aprono gallerie e vendono quadri per le loro case reali o virtuali. Tuttavia, gli artisti più conservatori, come G.H. Hovagimyan, sostengono che quando si consente a un ingegnere di decidere come espletare la propria creatività e quale forma deve prendere, si rinuncia alla propria creatività artistica. Insomma, in SL c è tutto e il contrario di tutto; e tutto appare mescolato e confuso; si tratta di un mondo con un numero infinito di mondi e possibilità, dove gli utenti vagano alla ricerca di se stessi, di altri avatar, di altri uomini Spazio materiale/spazio virtuale di Monica Morazzoni e Patrizia de Ponti L espressione spazio virtuale nel linguaggio comune è divenuto sinonimo di spazio sintetico generato dal computer ; in realtà però il concetto di virtualizzazione dello spazio (nel senso sopra esposto) rimanda più alla geografia che all informatica: le carte geografiche, le mappe mentali, le carte politiche o demografiche di un territorio, ad esempio, sono tutte proiezioni virtuali dello spazio. Le carte virtualizzano lo spazio materiale attraverso il segno geometrico, così come lo spazio è una produzione culturale umana, dove il linguaggio consente di produrre luoghi. È possibile dunque pensare lo spazio reale come composto da una componente materiale e una virtuale. La componente materiale comprende il mondo fisico, quella virtuale rimanda alla materiale attribuendole nomi, valori, significato. L attuale (ovvero lo spazio materiale in senso geografico), infatti, non avrebbe senso se non avesse dei nomi, un linguaggio e degli esseri che hanno pensato e condiviso quei nomi. Il nome è probabilmente la prima delle virtualizzazioni, la prima decontestualizzazione dell attuale in una virtualità (Giorda, 2000). Le metafore, i simboli, le rappresentazioni sono tutte realtà virtuali. L uomo vive contemporaneamente in entrambe le componenti, potremmo dire che esperisce lo spazio materiale attraverso lo spazio virtuale: posto di fronte ad un bosco fisico, fatto di piante e molecole di legno ne registra l estensione, la disposizione dei singoli alberi, l odore, il calore, le emozioni che provoca e, con questi dati, ne crea una mappa mentale. Se il bosco fosse generato tramite grafica computerizzata, la situazione rimarrebbe fondamentalmente la stessa: creerei una mappa mentale di un luogo sintetico. Di conseguenza è possibile fare alcune considerazioni: gli spazi virtuali (digitali e non) e le esperienze vissute all interno di essi sono assolutamente reali; l uomo da sempre vive all interno degli spazi virtuali, riflette su di essi e ne crea dei nuovi; gli spazi virtuali digitali non sono concettualmente dissimili dagli altri spazi virtuali. Questi hanno ottenuto il primato della definizione di spazi virtuali per antonomasia, poiché sono i più recenti ad essersi sviluppati, per la versatilità della tecnologia materiale

6 714 Monica Morazzoni, Patrizia De Ponti che utilizzano e per il loro sviluppo e la loro diffusione esplosiva. In un tempo molto breve si sono imposti come una realtà quotidiana con cui una buona parte dell Umanità trova a confrontarsi. La prospettiva adottata in questo lavoro è, dunque, orientata a superare la dicotomia tra spazio reale e spazio virtuale. È aperta, invece, ad un modello che include lo spazio virtuale fra le entità del reale e pone la digitalizzazione nel contesto della cultura umana senza confinarla in una sfera della vita non definita. Pertanto, la nostra riflessione ha adottato la distinzione fra spazio materiale (spazio fisico manufatti attuale) e spazio virtuale (metafore rappresentazioni in potenza). Collocando la digitalizzazione nel campo del virtuale, questi diviene parte della cultura umana e il continuo progresso tecnico non fa altro che potenziare lo sviluppo di una fra le tante possibili linee evolutive della storia dell Umanità. Ritornando ora a SL, quale esempio di mondo virtuale, esso è un estensione dei territori reali, un nuovo mondo che gli utenti costruiscono virtualizzando i tradizionali spazi sociali, ma anche un territorio con strutture completamente nuove che ri-configurano l organizzazione degli spazi materiali. Quindi, SL non è solo l espressione di una nuova rappresentazione (mentale) del mondo, ma anche un possibile protagonista della creazione di nuove realtà spaziali. SL, al pari di altri mondi on line, potrebbe essere l occasione per osservare come attraverso l azione delle nuove tecnologie stiano cambiando i significati di concetti geografici tradizionali (distanza, confine, tempo, stato, nazione ), ma anche per riconsiderare i confini classici del soggetto, i limiti e le proprietà del rapporto tra soggetto e oggetto. SL, infine, quale luogo creato dalle nuove tecnologie dell informazione, dove i prodotti dell interazione fra esseri umani e spazi (identità, territorialità, comunità) vengono realizzati in forma digitale è uno strumento di comunicazione aperto all interconnessione mondiale dei computer e delle memorie informatiche. I suoi confini sono in costante ampliamento e un numero sempre più elevato di persone si lega a tale struttura di conoscenza e comunicazione. Anche questa è globalizzazione! Bibliografia ARGYLE M. (1988), Bodily Communication, International Universities Press, Madison. CATRONOVA E. (2007), Universi sintetici, Mondatori, Milano. CORNA PELLEGRINI G. (2002), Il mosaico del mondo, Carocci, Roma. DAL LAGO A. (2002), Un certo sguardo, Laterza, Bari. DIODATO R. (2005), Estetica del virtuale, Paravia Bruno Mondatori Editori, Milano. FULCO I. (2006), Virtual Geographic, Costa & Nolan, Milano. GALIMBERTI C., RIVA G. (1997), La comunicazione virtuale. Dal computer alle reti telematiche: nuove forme di interazione sociale, Guerini e Associati, Milano. GEROSA M. (2007), Second Life, Roma, Meltemi. GIBSON W. (1986), Neuromancer, Editrice Nord, Milano. GIORDA C. (2000), Cybergeografia, Tirrenia Stampatori, Torino.

7 Second Life: nuovo spazio virtuale dell altro e dell altrove 715 GOFFMAN E. (1959), La vita quotidiana come rappresentazione, Il Mulino, Bologna. JOHANSSON T.D. (2000), Visualization in cybergeography, Casa-University College, Londra. LÉVY P. (1996), L intelligenza collettiva. Per un antropologia del cyberspazio, Feltrinelli, Milano. LÉVY P. (1997), Il virtuale, Raffaello Cortina Editore, Milano. LÉVY P. (1999), Cybercultura. Gli usi sociali delle nuove tecnologie, Feltrinelli, Milano. MALDONATO T. (1992), Reale e virtuale, Feltrinelli, Milano. MANZOTTI R. (2007), Second Life. Quando il virtuale diventa reale, in Il Secolo XIX, Sabato 30 Giugno 2007, p. 13. MC LUHAN M. (1986) Gli strumenti del comunicare, Garzanti, Milano. MC LUHAN M. (1988) La galassia Gutemberg, Armando, Roma. PARADISO M. (2007), Dalla Geografia delle Tecnologie di Informazione e Comunicazione ad azioni di piano, in Di Blasi A. (a cura di), Geografia. Dialogo tra generazioni, Atti del XXIX Congresso Geografico Italiano, Vol.I, Pàtron, Bologna, pp RHEINGOLD H. (1993), La realtà virtuale, Baskerville, Bologna. RHEINGOLD H. (1994), Comunità virtuali, Sperling & Kupfer, Milano. SCHAEFFER J.M. (2002), Addio all estetica, Sellerio, Palermo. SPADARO A. (2007), «Second Life : il desiderio di un altra vita», Civiltà Cattolica, , pp STEPHENSON N. (1995), Snow Crash, Shake, Milano. TURKLE S. (1997), La vita sullo schermo, Apogeo, Milano. TYLOR E. (1871), Primitive Culture, Harper & Brothers, New York.

8

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

Il Gioco : programmazione, realtà virtuale e Second Life

Il Gioco : programmazione, realtà virtuale e Second Life 128 Il Gioco : programmazione, realtà virtuale e Second Life Recentemente si sta animando la discussione su un argomento dove gioco, programmazione e realtà virtuale fanno da parole chiave. La stretta

Dettagli

Second Life in pillole. Stefano Cacciaguerra e Riccardo Parassiani

Second Life in pillole. Stefano Cacciaguerra e Riccardo Parassiani Second Life in pillole a cura di Stefano Cacciaguerra e Riccardo Parassiani Stefano Cacciaguerra Ph.D in Computer Science 1 Second Life in pillole Second Life è un mondo virtuale, un meta-universo concepito

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria / Secondaria I grado TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

Istituto Comprensivo 2 di Montesarchio A.S. 2014-2015 Curricolo Verticale di Geografia. GEOGRAFIA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti

Istituto Comprensivo 2 di Montesarchio A.S. 2014-2015 Curricolo Verticale di Geografia. GEOGRAFIA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Istituto Comprensivo di Montesarchio A.S. 04-05 Curricolo Verticale di Geografia Competenze GEOGRAFIA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Individuare su indicazioni le posizioni di oggetti e persone nello.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA Scuola primaria classe III Italiano Obiettivi di apprendimento Ascolto e parlato Contenuti Metodologia Verifica Traguardi

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti

La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti Franco Di Cataldo La piattaforma etwinning costituisce un riferimento importante per la valorizzazione ed il potenziamento di progetti europei

Dettagli

MOA.TODAY. Interattività per menti curiose

MOA.TODAY. Interattività per menti curiose Interattività per menti curiose About Us Dove siamo Metodologia Servizi Space sharing Progetti 2 ABOUT US Design interattivo per menti curiose Siamo creatori appassionati dell arte multimediale, di idee

Dettagli

Espressione creativa e nuovi media

Espressione creativa e nuovi media " all'innovazione" Seminario Sud e mari Lecce 22-23 Novembre 2007 Espressione creativa e nuovi media Consapevolezza ed espressione culturale Competenza chiave per l apprendimento permanente all'innovazione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE ITALIANO termine della classe L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e adulti. Legge e comprende brevi testi con correttezza e rapidità; dimostra

Dettagli

Obiettivi di apprendimento Definire la posizione di elementi presenti nello spazio vissuto.

Obiettivi di apprendimento Definire la posizione di elementi presenti nello spazio vissuto. CURRICOLO DISCIPLINARE DI GEOGRAFIA CLASSE PRIMA Disciplina GEOGRAFIA Traguardi delle competenze (prescrittivi) L alunno si orienta circostante vissuto, cogliendone gli elementi e la relazioni. Obiettivi

Dettagli

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI STORIA hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ELABORATO DAI DOCENTI

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa Maila Pentucci)

FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa Maila Pentucci) SCHEDA ANALITICA PROGETTUALE TITOLO DEL PROGETTO: LA RETE DA SCRIVERE A.S.2013-2014 FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET NELLE SCUOLE GUARDIAMOCI ATTORNO PRIMAVERA MULTIMEDIALE A ciascuno il suo punto di vista Alla scuola nel suo complesso con la varietà di ruoli Alla società

Dettagli

Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE

Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Individua le posizioni di oggetti e persone nello spazio, usando termini come avanti/dietro,

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA NELLA SCUOLA PRIMARIA- CLASSE PRIMA

CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA NELLA SCUOLA PRIMARIA- CLASSE PRIMA CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA NELLA SCUOLA PRIMARIA- CLASSE PRIMA 1a.Distinguere, descrivere con le parole e rappresentare con disegni e schemi elementi del mondo artificiale, cogliendone le differenze

Dettagli

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Ordine di scuola Scuola Primaria De Amicis Santa Maria Nuova di Jesi: classe IV B Insegnante Silvia Cherubini Tempi A discrezione

Dettagli

Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali

Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali Prof. Michela De Luca Corso di Cyberpsicologia- Lumsa Dott.Massimiliano Marzocca Psicologo Psicoterapeuta massimilianomarzocca.blogspot.it www.massimilianomarzocca.it

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

Dalla rete tante idee per costruire a Natale

Dalla rete tante idee per costruire a Natale Dalla rete tante idee per costruire a Natale Il Natale è un momento speciale per i bambini e per gli adulti, educare al senso di appartenenza alla propria comunità, con le proprie scelte di fede e di valori,

Dettagli

LIBROGIOCANDO FORMAZIONE

LIBROGIOCANDO FORMAZIONE LIBROGIOCANDO FORMAZIONE LibroGiocando è un luogo speciale, nato dall'incontro di professionisti con consolidata esperienza in ambito educativo e formativo, uniti dalla passione per il mondo dell'infanzia

Dettagli

Le proprietà generative delle tecnologie internettiane nell ambito dei servizi sociali Paolo Ferrario

Le proprietà generative delle tecnologie internettiane nell ambito dei servizi sociali Paolo Ferrario 1 CONVEGNO NAZIONALE Servizi sociali in Rete: un click per favorire processi generativi nella Comunità Professionale degli assistenti sociali e a favore dei cittadini ROMA Sabato 30 maggio 2015 Le proprietà

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Curricolo verticale di matematica

Curricolo verticale di matematica 2 Circolo Didattico Sassari Curricolo verticale di matematica Scuola Infanzia e anno ponte Scuola Primaria F.S.: Loriga Anna Maria Sanna Maria Luisa Anno scolastico 2014/15 Introduzione Tutto il percorso

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIALE SAN MARCO CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZA EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, IMPARARE A IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO VIALE SAN MARCO CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZA EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, IMPARARE A IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO VIALE SAN MARCO CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZA EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, IMPARARE A IMPARARE SCUOLA DELL'INFANZIA ABILITA' CONOSCENZE COMPETENZE COMPITO AUTENTICO

Dettagli

Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it. Pietro Maffi mpietro@yahoo.com

Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it. Pietro Maffi mpietro@yahoo.com Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it Pietro Maffi mpietro@yahoo.com CYBERSPAZIO: spazio reale o fittizio? Riduzione dei vincoli spazio-temporali Separazione dal contesto della comunicazione Utilizzo

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO

L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO Scuola dell infanzia paritaria Opera Pia G. Cavallini PROGETTO ANNUALE 2012-2013 L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO Premessa Il nostro viaggio inizia da un posto a noi molto caro e vicino: la nostra biblioteca!

Dettagli

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GEOGRAFIA PRIMARIA GEOGRAFIA L ALUNNO SI ORIENTA NELLO SPAZIO CIRCOSTANTE E SULLE CARTE GEOGRAFICHE, UTILIZZANDO RIFERIMENTI TOPOLOGICI E PUNTI CARDINALI. UTILIZZA IL LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PER

Dettagli

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni.

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni. SCUOLA DELL INFANZIA CHE AVVENTURA - Progetto educativo/didattico anno scolastico 2014 / 2015 Obiettivi di apprendimento ipotizzati per bambini di 3 anni CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura. Scuola Primaria

Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura. Scuola Primaria Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare Per la classe 1ª Primaria GEOGRAFIA Docente: Vita Maria Bonanata Istituto Scolastico Paritario

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

CURRICOLO DELL AMBITO STORICO - GEOGRAFICO

CURRICOLO DELL AMBITO STORICO - GEOGRAFICO ISTITUTO COMPRENSIVO OSSI-FLORINAS CURRICOLO DELL AMBITO STORICO - GEOGRAFICO L itinerario scolastico dai tre ai quattordici anni, pur abbracciando tre gradi di scuola caratterizzati ciascuno da una specifica

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

CURRICOLI D ISTITUTO - AREA STORICO-GEOGRAFICA DISCIPLINA: STORIA

CURRICOLI D ISTITUTO - AREA STORICO-GEOGRAFICA DISCIPLINA: STORIA CURRICOLI D ISTITUTO - AREA STORICO-GEOGRAFICA DISCIPLINA: STORIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO: L alunno si informa in modo autonomo su fatti

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI TECNOLOGIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 CURRICOLO DI TECNOLOGIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA

CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITÀ CONOSCENZE Orientarsi nello spazio circostante utilizzando riferimenti

Dettagli

PIANO ANNUALE DI LAVORO Anno scolastico 2013/2014

PIANO ANNUALE DI LAVORO Anno scolastico 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO SCUOLA PRIMARIA DI AVIO E SABBIONARA PIANO ANNUALE DI LAVORO Anno scolastico 2013/2014 Classe 2^ STORIA GEOGRAFIA Docenti M.Cristina Eccheli Barbara Marinelli STORIA COMPETENZE

Dettagli

A - ORIENTAMENTO COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI

A - ORIENTAMENTO COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI GEOGRAFIA CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA A - ORIENTAMENTO Riconosce e indica la propria posizione e quella di oggetti dati, nello spazio vissuto, rispetto a diversi punti di riferimento. a1) Riconoscere

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Grotte di Castro

ISTITUTO COMPRENSIVO di Grotte di Castro anno scolastico 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO di Grotte di Castro Curricolo verticale di geografia Fare geografia fin dall infanzia è fondamentale perché l orizzonte territoriale dei bambini, poi dei

Dettagli

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi b PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione

Dettagli

CURRICULO DI STORIA, GEOGRAFIA E STUDI SOCIALI - Scuola Primaria

CURRICULO DI STORIA, GEOGRAFIA E STUDI SOCIALI - Scuola Primaria CURRICULO DI, GEOGRAFIA E - Scuola Primaria CLASSE PRIMA Esame dei prerequisiti: i diversi concetti di tempo. Esperienze di vari concetti di tempo. Ricostruzione dei fatti del passato immediato. Suddivisioni

Dettagli

Il curricolo geografico nella scuola primaria

Il curricolo geografico nella scuola primaria Il curricolo geografico nella scuola primaria 1 La crisi dell insegnamento della geografia in Italia Curricolare (la geografia come transdisciplina) Epistemologica (quale sia il vero obiettivo dell insegnamento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche Donatella Savio Università di Pavia Con il mio intervento intendo proporre alcune riflessioni su 3 opportunità pedagogiche per

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola nazionale dell infanzia e del primo ciclo d istruzione, passim.

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola nazionale dell infanzia e del primo ciclo d istruzione, passim. FINALITA La geografia è la scienza che studia l'umanizzazione del nostro pianeta e, quindi, i processi attivati dalle collettività nelle loro relazioni con la natura. Tali processi nel corso del tempo

Dettagli

Benedetta Castiglioni Dipartimento di Geografia, Università di Padova

Benedetta Castiglioni Dipartimento di Geografia, Università di Padova Benedetta Castiglioni Dipartimento di Geografia, Università di Padova EDUCAZIONE AL PAESAGGIO: DALLA CONOSCENZA LA CREATIVITA Bologna, 7 novembre 2011 Il Montello è una collina piena di gioia! In 3KCL

Dettagli

University Press. Morlacchi Editore

University Press. Morlacchi Editore University Press Morlacchi Editore Ornella Bovi - Enrico Bocciolesi Dall arte al cervello Profili di un percorso interpretativo fra sinestesie ed emozioni Morlacchi Editore Prima edizione: 2010 Ristampe

Dettagli

TECNOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

TECNOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA TECNOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno riconosce e identifica nell ambiente che lo circonda elementi e fenomeni di tipo artificiale. E' a conoscenza

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

Investire nel valore e nell identità del Liceo economico-sociale

Investire nel valore e nell identità del Liceo economico-sociale Investire nel valore e nell identità del Liceo economico-sociale Lezioni economico-sociali Programma di aggiornamento dei docenti 11/11/2013 1 Il Progetto Nel 2011 nasce il progetto di accompagnamento

Dettagli

)SBP( Spazio di Baratto Permanente

)SBP( Spazio di Baratto Permanente )SBP( Spazio di Baratto Permanente Lo Spazio di Baratto Permanente (SBP) è un ipotesi di lavoro per la città di Bologna e per i suoi abitanti. Lo scorcio che si apre al mio sguardo è quello di una città

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA sono da rivedere alcuni aspetti del curricolo di Istituto SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA sono da rivedere alcuni aspetti del curricolo di Istituto SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA sono da rivedere alcuni aspetti del curricolo di Istituto SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria. L alunno

Dettagli

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PROGETTO CLASSI in RETE curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PREMESSA Da sempre la conoscenza ha rappresentato l elemento fondamentale di discriminazione sociale, politica

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

Curricolo di TECNOLOGIA. Scuola Primaria

Curricolo di TECNOLOGIA. Scuola Primaria Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di TECNOLOGIA Scuola Primaria Traguardi di competenza classe QUINTA Riconosce e identifica nell ambiente che lo circonda elementi e fenomeni di tipo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI-MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI-MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI-MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ARTE E IMMAGINE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Consapevolezza ed espressione culturale riguardano l importanza dell espressione

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016 Campi di esperienza coinvolti Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Il sé e l altro Il corpo in movimento Linguaggi,creatività espressione-

Dettagli

TECNOLOGIA - SCUOLA PRIMARIA

TECNOLOGIA - SCUOLA PRIMARIA TECNOLOGIA - SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE L alunno esplora e interpreta il mondo fatto dall uomo, individua le funzioni di un artefatto e di una semplice macchina, usa oggetti

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME A.S. 2014-2015 ITALIANO 1 - Ascoltare e parlare. Ascoltare, comprendere ed

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI TECNOLOGIA E INFORMATICA

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI TECNOLOGIA E INFORMATICA TRAGUARDI DELLE AL TERMINE della CLASSE I L alunno esplora e interpreta il mondo fatto dall uomo, individua le funzioni di un artefatto e di una semplice macchina, usa oggetti e strumenti coerentemente

Dettagli

Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia

Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia Le indicazioni Nazionali richiedono in tutti i gradi di scuola l inserimento dei GIS nella didattica della geografia: primo ciclo di istruzione Il raffronto

Dettagli

Introduzione alle basi di dati (prima parte)

Introduzione alle basi di dati (prima parte) Introduzione alle basi di dati (prima parte) Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 2007/2008

Dettagli

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA MODULO 1 (tot h. 49) ASSE DEI LINGUAGGI DESTINATARI: ALUNNI NON IN POSSESSO DELLE CONOSCENZE DI BASE (ZERO CREDITI FORMATIVI) ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA Interagire oralmente in maniera

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO FREZZOTTI-CORRADINI SCUOLA DELL INFANZIA DI VIA QUARTO

Dettagli

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi A. Rossi, P.L. Emiliani Seconda Parte 2012-30 anni di Ausilioteca GIORNATA DI STUDIO La proposta di tecnologie assistive: fattori di qualità

Dettagli

Le tecnologie digitali e la didattica: il Wiki come ambiente di apprendimento

Le tecnologie digitali e la didattica: il Wiki come ambiente di apprendimento Le tecnologie digitali e la didattica: il Wiki come ambiente di apprendimento Com'è nato il nostro progetto: Contesto: classe quinta scuola primaria 25 alunni discipline: storia, geografia e tecnologie

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli