SECOND LIFE: NUOVO SPAZIO VIRTUALE DELL ALTRO E DELL ALTROVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SECOND LIFE: NUOVO SPAZIO VIRTUALE DELL ALTRO E DELL ALTROVE"

Transcript

1 Monica Morazzoni, Patrizia De Ponti Second Life: nuovo spazio virtuale dell altro e dell altrove Monica Morazzoni, Patrizia De Ponti* SECOND LIFE: NUOVO SPAZIO VIRTUALE DELL ALTRO E DELL ALTROVE Premessa Questo lavoro si propone di esaminare alcuni aspetti del mondo virtuale, con particolare riferimento a Second Life (SL), un network di spazi virtuali condivisi che, per dimensioni, caratteristiche e diffusione di utilizzo, affascina oggi più di 7 milioni di utenti (Manzotti, 2007). Una rete di oltre 2 mila calcolatori sparpagliati nel globo mantiene in vita questo mondo, dove si possono incontrare altre persone sotto forma del loro doppio virtuale. Attraverso un particolare uso prostetico del calcolatore è infatti possibile simulare uno spazio virtuale all interno del quale proiettare un proprio simulacro al fine di interagire con simulacri proiettati da altri. Ma perché recarsi in un mondo virtuale per fare una chiacchierata? Perché dedicare una mole di tempo ed energie per progettare, realizzare, apprendere forme complesse di interazione in mondi inesistenti? Perché comunicare in uno spazio simulato quando esistono alternative largamente diffuse e disponibili, più dirette e di più semplice utilizzo? In definitiva: che cosa offre in più uno spazio virtuale condiviso? SL, per esempio, soddisfa una duplice esigenza: interagire con i propri simili (si può decidere se condurre una conservazione romantica, impegnata, politica, filosofica o di molti altri generi) e creare luoghi alternativi o complementari a quelli reali, al fine di scambiare e condividere emozioni ed esperienze soggettive di vario tipo. Si tratta di una replica del nostro mondo, che amplifica pregi e difetti della nostra società, resa viva perché gli utenti vi versano dentro tempo, denaro ed emozioni reali. Il motore di SL è costituito sia dalla possibilità di visualizzare scenari immaginari che dalla relazione reale tra utenti reali con sentimenti, idee, pensieri, sensazioni reali. SL supera il mondo fisico e si muove nel mondo delle idee e dei pensieri, reso visibile e quasi tangibile dalla potenzialità tecnologica. SL offre, quindi, la possibilità di eliminare l interfaccia fisica, contingente e accidentale, e di sostituirla con un immagine mentale esattamente corrispondente ai propri desideri. Lo spazio virtuale è, dunque, un nuovo spazio del vivere umano? Se lo spazio virtuale è un estensione, nel senso usato da Mc Luhan, del pensare, del percepire e dell agire proprio della natura umana nello spazio, con modalità, ambienti e identità proprie, allora non ci rimane che chiederci: per la Geografia, lo spazio virtuale è una nuova frontiera di ricerca? * Università degli Studi di Messina.

2 710 Monica Morazzoni, Patrizia De Ponti 1. Tecnologia, spazio virtuale, community on line di Monica Morazzoni Tra gli elementi più significativi delle trasformazioni del secolo XX bisogna porre in primo luogo le straordinarie innovazioni tecnologiche che la ricerca scientifica ha reso possibili nei campi più disparati della vita. Con capacità di comunicazione sempre maggiore, le tecnologie informatiche hanno stabilito forti legami conoscitivi tra popoli e popoli, tra persone e persone. In particolare, hanno messo in evidenza modalità diverse del vivere e hanno evidenziato gli squilibri profondi esistenti tra esse. Da ciò anche la loro carica rivoluzionaria (Corna Pellegrini, 2002). I nuovi mezzi di comunicazione, quali Internet, sono al tempo stesso strumenti di standardizzazione planetaria, ma anche elementi di nuova identificazione di molte culture locali. Sono, inoltre, strumenti che, col progredire delle tecniche informatiche, potranno sempre più influenzare i meccanismi della memorizzazione, quelli dei sogni e perfino quelli dei sentimenti. Lo sviluppo tecnologico apre e condiziona altresì nuove possibilità di sfruttamento, di organizzazione e di percezione dello spazio. Indagando il ruolo della tecnologia (e insieme ad essa le numerose possibilità di comunicazione che offre) possiamo evidenziare le interazioni tra uomo, ambiente, e società che sono alla base della produzione di spazio e dunque del sapere geografico. Le reti di telecomunicazione sono oggi il motore della globalizzazione, della deterritorializzazione e della virtualizzazione degli spazi; aumentano l azione modificatrice della globalizzazione sulle strutture territoriali tradizionali, a partire dal ruolo degli Stati fino all organizzazione dei più semplici territori. Anche il nuovo spazio del vivere umano, quello virtuale, è stato creato ormai da tempo grazie ai progressi delle tecnologie informatiche. Attraverso la digitalità, infatti, si riesce a superare i limiti posti dalla distanza e dal tempo nello spazio materiale. In particolare, l utilizzo prostetico di strumenti tecnologici amplifica e amplia le possibilità di interazione tra esseri umani. Il progresso tecnologico domina lo spazio del sapere, dell informazione e della comunicazione prodotto su un supporto immateriale (il codice binario che sta alla base della digitalizzazione), deterritorializzato (il file virtuale disponibile su Internet non è in un luogo preciso ma può essere contemporaneamente in più luoghi e ovunque vi sia un collegamento con la rete), eppure reale e concreto, tanto da essere acquistato e pagato. Alla base della cultura creata dalle innovazioni tecnologiche vi è la virtualità. Negli ultimi due decenni il virtuale è stato, quasi sistematicamente, associato alle simulazioni spaziali tridimensionali. Ma la storia di questo termine risale alla filosofia scolastica medievale e, più precisamente, al latino virtualis, utilizzato per indicare ciò che esiste in potenza e non in atto. Il virtuale va quindi inteso (partendo appunto dalla terminologia filosofica) come una modalità dell essere, che, insieme alla sua controparte dialettica, l attuale, definisce il reale. Ad esempio un seme è virtualmente un albero e un albero è l attualizzazione delle potenzialità virtuali di un seme (Lévy, 1999). Di conseguenza, equivalenze del tipo virtuale = fittizio, così come contrapposizioni nette tra reale e virtuale, pur essendo largamente diffuse nel senso comune, risultano prive di fondamento. Nel momento in cui mi siedo di fronte al terminale del mio computer e lancio un applicativo che mi consente di proiettare un mio simulacro in un ambiente sintetizzato artificialmente e condiviso

3 Second Life: nuovo spazio virtuale dell altro e dell altrove 711 da altre persone, lo spazio virtuale contenuto nelle stringhe archiviate nei database, cui la mia applicazione attinge, si attualizza, fornendomi un esperienza reale a tutti gli effetti, capace di coinvolgere i miei sensi e condivisibile con altri esseri umani. Va sottolineato come questo tipo di virtualizzazione dell esperienza non sia una novità introdotta dall avvento del digitale: prima della comparsa dei calcolatori elettronici era presente grazie al telefono, alla carta stampata, al racconto orale, a tutte le forme di narrazione che l uomo ha messo a punto a partire da quando ha iniziato a tracciare segni sulle pareti delle caverne (Giorda, 2000). Semmai la tecnologia ha consentito un aumento di possibilità offerte dagli strumenti utilizzati per esperire le zone del virtuale, con la conseguenza di coinvolgere un numero in costante crescita di persone e attività. Lo sviluppo di spazi virtuali e di meccanismi di simulazione, come quelli proposti da SL, consente a chiunque di sperimentare, verificare, ridefinire la propria posizione e la propria identità sulla Terra, oltre che condividere esperienze all interno della comunità virtuale In essa, ogni individuo, indipendentemente dal proprio indirizzo fisico sul territorio, si conosce, si frequenta, interagisce e condivide idee, obiettivi e ruoli. Scrive Lévy (1999, p. 124): lo sviluppo delle comunità virtuali si costruisce su affinità di interessi e conoscenze, sulla condivisione di progetti, in un processo di scambio, e tutto ciò indipendentemente dalla prossimità geografica e dalle appartenenze istituzionali. Dunque, la comunità virtuale non ha nulla di irreale o di immaginario: la cultura della simulazione costruisce spazi immaginari che sono tuttavia abitati ore ed ore da persone reali, che sviluppano in questi luoghi parte del proprio sé, costruiscono sensi di appartenenza, vivono esperienze percettive e relazionali che fino a pochi anni fa potevano svolgersi solo in luoghi fisici, sul territorio (Turkle, 1997). Quando le persone iniziano a ritrovarsi ogni giorno a discutere con altri individui conosciuti all interno della comunità virtuale, è difficile non parlare di senso di identità e di radicamento. Non a caso, i neofiti che si introducono nei mondi virtuali hanno durante i primi giorni vere crisi di spaesamento, alienazione ed estraneità. Il senso di appartenenza (o anche, il nuovo senso di territorialità) si forma, come il legame con i luoghi reali, con lo stratificarsi delle interazioni, delle conoscenze, del sapere comune e dell affettività divisi con gli altri abitanti del luogo. In sintesi, se accettiamo l idea del mondo virtuale come nuovo spazio del vivere umano, possiamo adattargli i paradigmi pensati per i luoghi materiali (oltre che evidenziarne di nuovi), come quelli della geografia umanistica che, da tempo, ci racconta del rapporto affettivo tra uomo e luoghi (topofilia), del ruolo simbolico dei luoghi nella costruzione dell identità umana, del valore del senso di appartenenza e del pericolo dell estraneità dai luoghi Second Life: una seconda vita? di Patrizia de Ponti La realtà virtuale di SL prende spunto dal cyberspace di Gibson e dal Metaverse di Stepehenson, autori di fantascienza appartenenti alla corrente letteraria del Cyberpunk. Nei capolavori di questi scrittori (Neuromancer, 1984 e Snow Crash, 1995) i personaggi hanno degli elettrodi applicati al cranio o delle speciali mascherine in grado di proiettare immagini e sensazioni che il cervello interpreta come oggetti fisici. Analogamente il mondo di SL, plasmato dalla Linden Lab, sembra essere pensato per catalizzare questo tipo di esperienze inoculate di stimoli artificiali che, tuttavia, risultano essere diverse rispetto al mondo fantastico dei videogiochi.

4 712 Monica Morazzoni, Patrizia De Ponti Nel 2003, quando nasce SL, esistevano già videogiochi multiutente on line ed erano state sperimentate tecniche immersive di chat che utilizzavano ambienti 3D. SL non nasce però come videogioco, bensì per offrire all utente una vera e propria Seconda Vita (e non un tour guidato sintetico, avente come inizio e fine il videogioco stesso e in cui il giocatore assume un ruolo insolito), nella quale ogni desiderio, difficilmente realizzabile nella vita reale, è possibile. L utente di SL dispone di una piattaforma neutra, per accedervi deve registrarsi gratuitamente presso i database del sito; creare un proprio alter-ego; entrare nel mondo virtuale, in cui ha a disposizione un kit completo per lo sviluppo di oggetti multimediali; comprare isole virtuali, nelle quali concretizzare i propri progetti; esplorare i luoghi creati da altri utenti, interagire e collaborare con essi. Sostanzialmente SL ha lo scopo di sondare le possibili derive evolutive nell uso delle reti di calcolatori; gli aspetti ludici servono solo come esca per raggiungere il fine ultimo che, come dichiara Philip Linden (presidente della Linden Lab) è la creazione di una nuova versione del mondo in grado di ospitare contemporaneamente centinaia di milioni di abitanti aventi un ventaglio inedito di possibilità. In effetti, attualmente gli utenti di SL superano i 7 milioni, dei quali 40 mila collegati ogni momento; ma la rapida crescita (si parla del 20% mensile) non accenna a diminuire (Manzotti, 2007). Il traguardo è stato ottenuto grazie ad un software open source, caratterizzato da un tipo di licenza che ne consente il libero utilizzo. Ciò implica la possibilità di modificare la piattaforma stessa sulla quale il mondo virtuale prende forma, consentendo così di plasmare il proprio spazio virtuale. Questo spazio virtuale viene percepito come del tutto simile a quello fisico: i territori rispettano le caratteristiche geomorfologiche del mondo reale, nonché le leggi fondamentali della fisica (anche se facilmente violabili). Questa rappresentazione mimetica dello spazio sintetico facilita un debrayage (disconnessione) dal mondo reale e proietta l utente, attraverso un embrayage (connessione), nella Seconda Vita. Tuttavia, la mimesi è solo apparente, poiché ogni oggetto o avatar di SL è posizionato all interno di una griglia (the grid), che ha delle coordinate x, y e z (che ricordano latitudine, longitudine e altezza del mondo reale), e di una regione (regions), che identifica il particolare spazio cartesiano a cui fare riferimento. Ciò fa capire come, a differenza dello spazio reale, che è continuo, quello virtuale è di natura ipertestuale. Infatti, è possibile spostarsi in maniera continua all interno della stessa grid, ma non nella stessa regions, poichè lo spostamento in regioni diverse avviene tramite l interruzione della simulazione spaziale in atto, seguita dal caricamento della nuova region e, quindi, attraverso il teletrasporto. Di conseguenza, il moto continuo del mondo fisico assume nel mondo virtuale un ruolo accessorio e specialistico, utilizzato per fini ludici, mimetici, estetici. Analoghe considerazioni si possono fare per il tempo: SL utilizza coordinate temporali proprie, un proprio fuso orario, così da garantire un immediatezza comunicativa con altri utenti che risulterebbe impensabile usando i fusi orari del mondo reale. I concetti di spazio e tempo, tanto importanti nella vita reale, in SL perdono di significato, lasciando come unico criterio di valutazione l appetibilità di un luogo rispetto ad un altro. Inoltre, l esperienza del virtuale offre una realtà sensoriale ridotta: in alcuni casi prevede un coinvolgimento tattile e cinestetico, ma gli stimoli sensoriali, ad eccezione di quelli

5 Second Life: nuovo spazio virtuale dell altro e dell altrove 713 uditivi e visivi non raggiungono un livello equiparabile alla vita reale, nonostante la dimensione immersiva (Fulco, 2006). Risulta, invece, reale l esperienza con il denaro. Il Linden dollar, moneta virtuale, può essere scambiato in ogni momento in dollari USA. In pratica, per comprare qualsiasi cosa in SL è necessario versare con la propria carta di credito, alla Linden Lab, dollari reali per acquistare dollari virtuali. SL è anche arte: artistici e critici si incontrano, tengono conferenze e dibattiti; aprono gallerie e vendono quadri per le loro case reali o virtuali. Tuttavia, gli artisti più conservatori, come G.H. Hovagimyan, sostengono che quando si consente a un ingegnere di decidere come espletare la propria creatività e quale forma deve prendere, si rinuncia alla propria creatività artistica. Insomma, in SL c è tutto e il contrario di tutto; e tutto appare mescolato e confuso; si tratta di un mondo con un numero infinito di mondi e possibilità, dove gli utenti vagano alla ricerca di se stessi, di altri avatar, di altri uomini Spazio materiale/spazio virtuale di Monica Morazzoni e Patrizia de Ponti L espressione spazio virtuale nel linguaggio comune è divenuto sinonimo di spazio sintetico generato dal computer ; in realtà però il concetto di virtualizzazione dello spazio (nel senso sopra esposto) rimanda più alla geografia che all informatica: le carte geografiche, le mappe mentali, le carte politiche o demografiche di un territorio, ad esempio, sono tutte proiezioni virtuali dello spazio. Le carte virtualizzano lo spazio materiale attraverso il segno geometrico, così come lo spazio è una produzione culturale umana, dove il linguaggio consente di produrre luoghi. È possibile dunque pensare lo spazio reale come composto da una componente materiale e una virtuale. La componente materiale comprende il mondo fisico, quella virtuale rimanda alla materiale attribuendole nomi, valori, significato. L attuale (ovvero lo spazio materiale in senso geografico), infatti, non avrebbe senso se non avesse dei nomi, un linguaggio e degli esseri che hanno pensato e condiviso quei nomi. Il nome è probabilmente la prima delle virtualizzazioni, la prima decontestualizzazione dell attuale in una virtualità (Giorda, 2000). Le metafore, i simboli, le rappresentazioni sono tutte realtà virtuali. L uomo vive contemporaneamente in entrambe le componenti, potremmo dire che esperisce lo spazio materiale attraverso lo spazio virtuale: posto di fronte ad un bosco fisico, fatto di piante e molecole di legno ne registra l estensione, la disposizione dei singoli alberi, l odore, il calore, le emozioni che provoca e, con questi dati, ne crea una mappa mentale. Se il bosco fosse generato tramite grafica computerizzata, la situazione rimarrebbe fondamentalmente la stessa: creerei una mappa mentale di un luogo sintetico. Di conseguenza è possibile fare alcune considerazioni: gli spazi virtuali (digitali e non) e le esperienze vissute all interno di essi sono assolutamente reali; l uomo da sempre vive all interno degli spazi virtuali, riflette su di essi e ne crea dei nuovi; gli spazi virtuali digitali non sono concettualmente dissimili dagli altri spazi virtuali. Questi hanno ottenuto il primato della definizione di spazi virtuali per antonomasia, poiché sono i più recenti ad essersi sviluppati, per la versatilità della tecnologia materiale

6 714 Monica Morazzoni, Patrizia De Ponti che utilizzano e per il loro sviluppo e la loro diffusione esplosiva. In un tempo molto breve si sono imposti come una realtà quotidiana con cui una buona parte dell Umanità trova a confrontarsi. La prospettiva adottata in questo lavoro è, dunque, orientata a superare la dicotomia tra spazio reale e spazio virtuale. È aperta, invece, ad un modello che include lo spazio virtuale fra le entità del reale e pone la digitalizzazione nel contesto della cultura umana senza confinarla in una sfera della vita non definita. Pertanto, la nostra riflessione ha adottato la distinzione fra spazio materiale (spazio fisico manufatti attuale) e spazio virtuale (metafore rappresentazioni in potenza). Collocando la digitalizzazione nel campo del virtuale, questi diviene parte della cultura umana e il continuo progresso tecnico non fa altro che potenziare lo sviluppo di una fra le tante possibili linee evolutive della storia dell Umanità. Ritornando ora a SL, quale esempio di mondo virtuale, esso è un estensione dei territori reali, un nuovo mondo che gli utenti costruiscono virtualizzando i tradizionali spazi sociali, ma anche un territorio con strutture completamente nuove che ri-configurano l organizzazione degli spazi materiali. Quindi, SL non è solo l espressione di una nuova rappresentazione (mentale) del mondo, ma anche un possibile protagonista della creazione di nuove realtà spaziali. SL, al pari di altri mondi on line, potrebbe essere l occasione per osservare come attraverso l azione delle nuove tecnologie stiano cambiando i significati di concetti geografici tradizionali (distanza, confine, tempo, stato, nazione ), ma anche per riconsiderare i confini classici del soggetto, i limiti e le proprietà del rapporto tra soggetto e oggetto. SL, infine, quale luogo creato dalle nuove tecnologie dell informazione, dove i prodotti dell interazione fra esseri umani e spazi (identità, territorialità, comunità) vengono realizzati in forma digitale è uno strumento di comunicazione aperto all interconnessione mondiale dei computer e delle memorie informatiche. I suoi confini sono in costante ampliamento e un numero sempre più elevato di persone si lega a tale struttura di conoscenza e comunicazione. Anche questa è globalizzazione! Bibliografia ARGYLE M. (1988), Bodily Communication, International Universities Press, Madison. CATRONOVA E. (2007), Universi sintetici, Mondatori, Milano. CORNA PELLEGRINI G. (2002), Il mosaico del mondo, Carocci, Roma. DAL LAGO A. (2002), Un certo sguardo, Laterza, Bari. DIODATO R. (2005), Estetica del virtuale, Paravia Bruno Mondatori Editori, Milano. FULCO I. (2006), Virtual Geographic, Costa & Nolan, Milano. GALIMBERTI C., RIVA G. (1997), La comunicazione virtuale. Dal computer alle reti telematiche: nuove forme di interazione sociale, Guerini e Associati, Milano. GEROSA M. (2007), Second Life, Roma, Meltemi. GIBSON W. (1986), Neuromancer, Editrice Nord, Milano. GIORDA C. (2000), Cybergeografia, Tirrenia Stampatori, Torino.

7 Second Life: nuovo spazio virtuale dell altro e dell altrove 715 GOFFMAN E. (1959), La vita quotidiana come rappresentazione, Il Mulino, Bologna. JOHANSSON T.D. (2000), Visualization in cybergeography, Casa-University College, Londra. LÉVY P. (1996), L intelligenza collettiva. Per un antropologia del cyberspazio, Feltrinelli, Milano. LÉVY P. (1997), Il virtuale, Raffaello Cortina Editore, Milano. LÉVY P. (1999), Cybercultura. Gli usi sociali delle nuove tecnologie, Feltrinelli, Milano. MALDONATO T. (1992), Reale e virtuale, Feltrinelli, Milano. MANZOTTI R. (2007), Second Life. Quando il virtuale diventa reale, in Il Secolo XIX, Sabato 30 Giugno 2007, p. 13. MC LUHAN M. (1986) Gli strumenti del comunicare, Garzanti, Milano. MC LUHAN M. (1988) La galassia Gutemberg, Armando, Roma. PARADISO M. (2007), Dalla Geografia delle Tecnologie di Informazione e Comunicazione ad azioni di piano, in Di Blasi A. (a cura di), Geografia. Dialogo tra generazioni, Atti del XXIX Congresso Geografico Italiano, Vol.I, Pàtron, Bologna, pp RHEINGOLD H. (1993), La realtà virtuale, Baskerville, Bologna. RHEINGOLD H. (1994), Comunità virtuali, Sperling & Kupfer, Milano. SCHAEFFER J.M. (2002), Addio all estetica, Sellerio, Palermo. SPADARO A. (2007), «Second Life : il desiderio di un altra vita», Civiltà Cattolica, , pp STEPHENSON N. (1995), Snow Crash, Shake, Milano. TURKLE S. (1997), La vita sullo schermo, Apogeo, Milano. TYLOR E. (1871), Primitive Culture, Harper & Brothers, New York.

8

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life Form@re, ISSN 1825-7321 Edizioni Erickson, www.erickson.it Questo articolo è ripubblicato per gentile concessione della casa editrice Edizioni Erickson. Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Micro.Stat Workshop laboratori

Micro.Stat Workshop laboratori Promozione e diffusione della cultura statistica Micro.Stat Workshop laboratori I numeri raccontano storie a chi li sa leggere. Le statistiche parlano di ciò che siamo e della società in cui viviamo. Chi

Dettagli

Second Life: un mondo educativo tridimensionale Una panoramica sugli usi educativi

Second Life: un mondo educativo tridimensionale Una panoramica sugli usi educativi Second Life: un mondo educativo tridimensionale Una panoramica sugli usi educativi Monica Banzato, Università Ca Foscari, Venezia banzato@unive.it Domenico Corcione, consulente multimediale ed esperto

Dettagli

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 La capacità di godere richiede cultura, e la cultura equivale poi sempre alla capacità di godere. Thomas Mann 1 Oggetto Il progetto consiste nella creazione

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli 01 Nei secoli, ci siamo abituati a leggere in molti modi (pietra, pergamena, libri). I cambiamenti continueranno e noi

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

RUOLO DELLE TECNOLOGIE NELL INNOVAZIONE SCOLASTICA. Qualsiasi tecnologia, una volta introdotta, viene a modificare il luogo sociale che l accoglie.

RUOLO DELLE TECNOLOGIE NELL INNOVAZIONE SCOLASTICA. Qualsiasi tecnologia, una volta introdotta, viene a modificare il luogo sociale che l accoglie. RUOLO DELLE TECNOLOGIE NELL INNOVAZIONE SCOLASTICA Introduzione Qualsiasi tecnologia, una volta introdotta, viene a modificare il luogo sociale che l accoglie. Se pensiamo all ambiente propriamente scolastico,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

guida utente showtime

guida utente showtime guida utente showtime occhi, non solo orecchie perché showtime? Sappiamo tutti quanto sia utile la teleconferenza... e se poi alle orecchie potessimo aggiungere gli occhi? Con Showtime, il nuovo servizio

Dettagli