STUDI E RICERCHE DALLA DRUG ADDICTION AL BENESSERE DELL INDIVIDUO QUALE FENOMENO SOCIO-AMBIENTALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDI E RICERCHE DALLA DRUG ADDICTION AL BENESSERE DELL INDIVIDUO QUALE FENOMENO SOCIO-AMBIENTALE"

Transcript

1 STUDI E RICERCHE DALLA DRUG ADDICTION AL BENESSERE DELL INDIVIDUO QUALE FENOMENO SOCIO-AMBIENTALE di Giovanni Pieretti, Enzo Grossi Premessa Il tema della dipendenza è da tempo argomento d interesse a livello pubblico e privato, dato il tratto di criticità che tale elemento induce nell individuo, sia a livello sociale che economico. In generale il fenomeno della dipendenza è ascrivibile a due dimensioni principali, la dipendenza indotta da un comportamento reiterato, come nel caso del gioco o da media digitali, e quella derivante dall assunzione di una o più sostanze (in un certo tempo e luogo legali od illegali) con effetti psicotropi. Se in entrambi i casi si può assumere quale dinamica d innesco della dipendenza il coinvolgimento di neuro trasmettitori e recettori, profondamente diversa ne è però, nel caso di assunzione di sostanze, la modalità di attivazione, le soglie di criticità, la modalità di dosaggio che promuovono nell individuo l avvio della dipendenza. Seguendo tale impianto teorico, le definizioni proposte dalla maggiore istituzione internazionale in tema di salute come l OMS (WHO: la dipendenza patologica è una malattia, cronica e recidivante), risultano certo non esaurienti e meritano di essere confutate. La dipendenza patologica non è una malattia, non è cronica (non nell accezione corrente) e non è (necessariamente) recidivante. Nel contempo anche per le dipendenze patologiche risultano sempre valide le considerazioni di Talcott Parsons (1975) nel famosissimo The Sick Role and the role of the Physician Reconsidered, in particolare quanto alla devianza involontaria. Focalizzando l attenzione sulla dipendenza e la relazione con le sostanze psicotrope, è possibile verificare come questo tipo di sostanze promuovano nel soggetto che le utilizza due diverse tipologie dipendenti: la dipendenza di tipo fisico, che è caratterizzata da possibili disturbi, spasmi o comportamenti incontrollati, quando ad esempio venga meno l utilizzo di tali sostanze. A questa si associa un livello più profondo di dipendenza, di Università di Bologna, Fondazione Bracco Sociologia urbana e rurale n. 106,

2 Pieretti, Grossi natura psichica e psicologica, che può essere anche causa dell avvio di tale dinamica (Bottura, Dondi, 2014). In questo caso l individuo ricerca la possibilità di estraniarsi dalla realtà circostante, ad esempio dall ambiente, per ragioni oggettive e/o soggettive, in un processo nel quale l utilizzo di sostanze di natura psicotropa diviene la piattaforma ideale per entrare in un possibile mondo ideale, privo di condizionamenti o limiti (Olievenstein, 1981). La dipendenza di matrice psichica è spesso correlata all esistenza di disturbi afferenti alla dimensione cognitiva e comportamentale dell individuo (DSM V), oppure essere indotta dall essere parte - vivere ed operare - di un ambiente in cui sono presenti condizioni per l attivazione, come, a puro titolo esemplificativo, modelli di vita rapportati a fenomeni di devianza famigliare o sociale, degrado territoriale, crisi economica, povertà relazionale. Se gli elementi descritti possono concorrere a innescare fenomeni di dipendenza, altresì si configurano quali fattori di rischio, divenendo potenziali determinanti su cui agire per la costruzione di una politica di welfare, la cui matrice è costituita dalla qualità dell ambiente sociale, economico e culturale del territorio. Fino ad ora l attenzione dei policy makers in relazione alle strategie di riduzione del rischio dalla dipendenza da sostanze psicotrope, è stata guidata ex-ante da possibili elementi normativi, quali leggi, regolamenti e/o azioni di prevenzione informativa nella società sui rischi derivanti dall acquisto ed uso di tali sostanze, oppure ex-post attraverso l impiego dei servizi di natura pubblica, ad esempio detentivi o collegati alla dimensione della sanità e/o socio-assistenziali. Nella realtà emerge con sempre maggiore evidenza il valore dell ambiente nel quale un individuo vive ed opera al fine di prevenire il fenomeno della dipendenza, laddove la qualità dell ambiente diviene il possibile strumento per una politica anche e soprattutto a carattere pro-attivo nei confronti dei fenomeni di marginalità e dipendenza. In questa prospettiva gli studi illustrano come tra i determinanti che contribuiscono in maniera sostanziale alla qualità della vita degli individui, i fattori di natura relazionale rivestano una funzione preminente nella composizione della salute psichica e fisica delle persone, ed in particolare gli elementi di natura culturale (consumo, partecipazione) e comunitari (associazioni di volontariato e di vicinato), che fungono da ideali connettori attraverso i quali l individuo è in grado di configurare - e sentirsi parte di - una rete di relazioni a cui poter attingere per l appropriazione di valori, significati e norme per la propria vita. È quindi su tali aspetti che le politiche di contrasto del fenomeno della dipendenza dovrebbero concentrarsi, nell attenzione a strategie di preven- 90

3 Dalla drug addiction al benessere dell individuo quale fenomeno socio-ambientale zione che valorizzino la qualità sociale territoriale quale strumento di prevenzione del disagio. Si tratta quindi di passare da un approccio di tipo tecnico meccanicistico ad una prospettiva collegata alla correlazione territorio e benessere dell individuo, un cambio di paradigma in grado di produrre notevoli benefici sia per quanto concerne la riappropriazione da parte degli individui della propria posizione sociale e del senso della comunità, sia per quanto interessa la spesa pubblica per l assistenza erogata, nelle dimensioni della salute e dei servizi sociali, la quale potrebbe beneficiare di consistenti risparmi e ri-allocazione di risorse verso un programma di prevenzione attraverso la valorizzazione socio-territoriale, localizzata e community - based. Il presente contributo di carattere fondativo intende promuovere un nuovo percorso di ricerca ed approfondimento rispetto al tema della dipendenza, che sarà approfondito attraverso successive analisi empiriche, e che intende suscitare un potenziale dibattito e confronto sia con gli operatori professionali sia con i vari stakeholder a vario titolo conivolti nel fenomeno delle dipendenze. 1. Il benessere dell individuo, una prospettiva d insieme Nel corso degli ultimi trent anni, le indagini inerenti la qualità della vita degli individui, ovvero quali siano gli elementi che contribuiscono a far stare bene a livello di benessere una persona, hanno presentato tre gradi di sviluppo conseguenti agli approfondimenti realizzati. Tra gli anni 70 ed 80, l attenzione è stata prevalentemente diretta a verificare l incidenza delle variabili endogene individuali quali età, impiego, genere ed educazione in quanto considerate elementi prioritari rispetto all analisi della percezione del benessere nell individuo. Partendo da un approfondimento puntuale, uno dei temi maggiormente investigati è stato la relazione tra reddito e benessere delle persone. Su questo piano, si segnala in particolare lo studio condotto da Easterlin (Easterlin, 2000), in cui l autore effettua una revisione delle ricerche e survey sul tema a partire dagli anni 80, portando in evidenza come la percezione di benessere sia direttamente correlata alla crescita del reddito, ma solo fino al raggiungimento di una soglia identificabile nel corrispettivo economico necessario affinché l individuo possa trovare risposta alle necessità e bisogni primari (Blachflower, Oswald, 2002). Ulteriormente a livello invece complessivo e non puntuale come nel caso precedente Diener (1994) ha permesso di verificare possibili relazioni significative tra il benessere di un individuo e le determinanti endogene precedentemente descritte, illustrando inoltre come esista una possibile causalità tra 91

4 Pieretti, Grossi stati d animo percepiti, condizione sociale e comportamento dell individuo nella società. Questo studio porta in evidenza un dato che sarà approfondito nelle fasi successive d indagine, ovvero l influenza delle varie dimensioni del territorio sui meccanismi sociali e salute degli individui. La fase successiva, idealmente collocabile negli anni 90, ha approfondito gli studi condotti, verificando come gli elementi precedentemente descritti siano solo una parte dei fattori che configurano il paniere complessivo delle variabili da considerare nella sfera del benessere individuale. In questa seconda fase le ricerche hanno quindi cercato di comprendere il contributo delle determinanti sia di natura endogena sia esogena all individuo. Nel primo caso, variabili endogene, l attenzione è andata a focalizzarsi su aspetti propri della persona o creati dalla relazione tra questi, come ad esempio il reddito, il capitale umano e sociale, le informazioni, la salute. Nel secondo caso le variabili soggette ad indagine sono state la natura, le tecnologie, la popolazione, valori e norme, le istituzioni, l economia, ovvero all influenza delle componenti ambientali e territoriali sul benessere dell individuo. Aderendo a tale modello teorico-interpretativo, Frey e Schutzer (2002) hanno portato in evidenza come alcune variabili endogene classiche (età, posizione lavorativa, competenze e titolo di studio) abbiano nell individuo un peso relativo nella definizione del concetto di benessere, e come le variabili esogene collegate, ad esempio, a dinamiche relazionali, ovvero alla presenza di luoghi ed occasioni di socializzazione, rivestano un peso crescente, soprattutto nei paesi economicamente più sviluppati. Ulteriormente Ryan e Deci (2001), attraverso gli studi condotti illustrano come la percezione di benessere sia correlata alle abilità e capacità di cui una persona è dotata, e quindi al grado di potenziale funzionamento nell ambiente, insieme alle opportunità di auto-realizzazione che un soggetto può trovare nel territorio, ovvero alla qualità dell ambiente socioeconomico in cui vive ed opera. La terza fase, la più recente, ha concentrato l attenzione rispetto alle attività e ruoli dell individuo nella realtà, e le variabili sottoposte ad analisi sono state il lavoro, la famiglia, gli amici, l attività civica e hobby, i processi di consumo. Tale approccio ha approfondito elementi di particolare interesse nella costituzione del benessere individuale, come la sicurezza, sentimenti ed appartenenza, in aggiunta agli aspetti collegati alla rappresentazione individuale come la stima e la psicologia. In questo senso, gli studi hanno chiarito ancora meglio come siano i bisogni e le necessità di matrice relazionale, quelli che presentano la maggiore incidenza sul benessere dell individuo. Tra gli studi maggiormente esaustivi si segnalano quelli condotti da Grossi (et al., 2012) che hanno investigato la relazione tra le 92

5 Dalla drug addiction al benessere dell individuo quale fenomeno socio-ambientale attività condotte nel tempo libero e la qualità della vita percepita dagli individui. Attraverso un indagine condotta su un campione rappresentativo della popolazione italiana, gli autori hanno evidenziato come ci sia una diretta correlazione tra attività di matrice culturale, ricreativa e sociale che un individuo svolge, ed il livello di salute sia fisica che psicologica, soprattutto laddove queste attività abbiano un corrispettivo di utilità per l individuo non afferente alla dimensione economica ma relazionale, ovvero dove siano attivate pratiche di connessione e conoscenza tra le persone. Seguendo tale filone di sviluppo, Tavano Blessi (et al., 2014) hanno effettuato un approfondimento del tema, allo scopo di comprendere quali tra le attività afferenti alle dimensioni precedenti producano un maggiore beneficio in termini di benessere nell individuo. Lo studio ha portato in evidenza come siano proprio le attività riconducibili a formule relazionali, alla costruzione di connessioni tra gli individui, quelle in grado di promuovere gli effetti maggiori sul benessere delle persone, soprattutto laddove sono correlate ad un sistema locale di offerta integrata, ovvero ad un territorio infrastrutturato in termini di iniziative ed eventi, tali da condurre alla costruzione di beni relazionali (Gui, 1996). Uno studio di assoluto interesse sul ruolo dell ambiente rispetto al benessere degli individui proviene da Keyes (2010). L autore dimostra come la presenza/assenza di malattie sia solo un indicatore parziale rispetto alla misurazione del grado di salute di una persona, verificando come in assenza di una strategia di effettivo miglioramento delle condizioni di benessere, che l autore identifica nella capacità di auto-realizzazione e nella presenza di un humus sociale propositivo, gli individui saranno più propensi ad innescare patologie di natura mentale e devianze (alcolismo, uso di sostanze stupefacenti). Keys rimarca inoltre come le terapie sanitarie adottate siano scarsamente efficaci in termini terapeutici laddove non venga presa in seria considerazione l inserimento del trattamento terapeutico all interno di un quadro complessivo d intervento che preveda quali strumenti d azione anche l ambiente e le opportunità di sviluppo che la realtà può fornire ad una persona. Il modello delineato quindi distingue due grandi categorie di soggetti, coloro che rientrano nella tipologia definita Languishing, ovvero che languiscono in uno stato non consapevole di malessere conclamato, ma in realtà soggette a questo stato e alla conseguente perdita di qualità sociale, e Fluorishing, coloro che invece fioriscono e si muovono verso una crescita del livello di benessere e salute, in cui la variabile di sviluppo individuale divengono la qualità sociale e dell ambiente ove vivono ed operano. Keys delinea quindi la possibile strategia per la salute delle persone, ovvero ampliare le capacità di realizzazione dell individuo, agendo affinché sia possi- 93

6 Pieretti, Grossi bile generare un percorso di sviluppo del territorio in grado di fornire i canali di sbocco per l effettiva realizzazione delle persone, una strategia utile tra l altro a diminuire la spesa pubblica nei settori della sanità e servizi socio-assistenziali sia ex-ante che ex-post l insorgenza di fenomeni di malessere. Le ricerche hanno quindi portato a coagulare le variabili identificate al fine di ottenere un quadro concettuale analitico unitario, dal quale scaturisce come sia il territorio, nelle sue varie dimensioni, a divenire il principale vettore per la qualità della vita degli individui. È proprio sul territorio con riferimento agli spazi maggiormente antropizzati come le aree urbane, che negli ultimi anni le ricerche hanno posto attenzione alla relazione tra ambiente e benessere degli individui. In particolare due studi di Ballas (2013) e Florida (2013) illustrano con dovizia di dati come la qualità dell ambiente urbano sia elemento portante per la promozione del benessere e della salute degli individui. Ulteriormente, a livello di valutazione della relazione tra patrimonio urbano, inteso quali infrastrutture ed ambiente naturale, un recente articolo ha permesso di verificare il collegamento tra aree verdi, parchi, giardini e benessere degli individui, quale possibile piattaforma di relazionalità tra gli individui (Pieretti et al., 2012). Emerge quindi con sempre maggiore evidenza la funzione delle risorse socio-territoriali nella costruzione del benessere delle persone, ma anche e soprattutto il ruolo di piattaforma per un welfare comunitario in grado di configurare la rete di protezione dell individuo dall insorgenza di fenomeni dipendenti, in particolare quelli derivanti dall assunzione di sostanze psicotrope. 2. Per un approccio ermeneutico: liberalizzare il dibattito Quanto sostenuto assume particolare significato per oltrepassare, riguardo al tema delle dipendenze patologiche, contrapposizioni obsolete quali liberalizzazione vs proibizione delle sostanze d abuso. Il tema delle dipendenze può essere affrontato sia dal punto di vista scientifico sia da quello del senso comune, inserendolo direttamente nell ampia cornice della Public Health, per sua natura attenta al ruolo del territorio. I riferimenti normativi, stando al nostro paese, stanno naturalmente nell art. 32 della Carta Costituzionale, nella legge n. 833/78 e nella legge n. 328/2000, mentre il riferimento più ampio è da ricercarsi nel diritto sociale europeo (Santuari, 2014). Se il centro dell interesse è la salute del cittadino, numerose sono le sostanze, legali, semilegali ed illegali ad interessare, così come comportamen- 94

7 Dalla drug addiction al benessere dell individuo quale fenomeno socio-ambientale ti compulsivi e coatti (gioco d azzardo patologico, per tutti) che tuttavia, tramite la neuroradiologia per immagini, è doveroso considerare come vere e proprie sostanze (ovviamente non chimiche) d abuso (Cambria, 2004). In questo quadro è da considerare che il numero di soggetti coinvolti nelle dipendenze patologiche, se si considerano anche le sostanze non illegali e le sostanze-non sostanze (le addictions non chimiche), come potremmo chiamarle, in questo periodo storico nel nostro paese, assommano numeri tanto inquietanti quanto non facilmente approssimabili se non con stime o, come si è usi, tramite survey. Dall uso indiscriminato di benzodiazepine (e dalla prescrizione easy delle medesime) all alcol, giusto per citare le evidenze meno discutibili, al dilagare del gioco d azzardo in tutte le fasce della popolazione italiana (circa 1500 euro pro-capite per anno, secondo autorevoli stime), la quantità di popolazione italiana in grado di affrontare la vita senza cogenti forme di addiction è in vistosa crescita. Non è peraltro chi non veda il prevalere inevitabile di un atteggiamento di consumo nel cercare di risolvere, attutire o mitigare ogni difficoltà della vita tramite il ricorso all addiction. La logica compulsiva tossicomanica ben si sposa con il sistema inespresso di calcolo dei costi di schumpeteriana memoria, ovvero il principio cardine dell utilitarismo ( massimo risultato con il minimo sforzo ). Siamo soliti considerare sostanze d abuso le droghe tradizionali, per molti versi con giusta ragione. Il dibattito langue, da oltre trent anni, pertanto, intorno a politiche proibizioniste o antiproibizioniste. La legislazione in materia, nel corso degli anni, ha subito modificazioni che, in ogni caso, sono state influenzate dal prevalente problema delle sostanze d abuso illegali. Così le politiche messe in campo si sono concentrate prevalentemente sulle sostanze illecite anche dal punto di vista delle strategie di prevenzione (peraltro quasi assenti negli anni più recenti). Gli stessi media appaiono attenti ad una lettura del problema delle dipendenze patologiche che si concentra sulle sostanze d abuso illecite e più diffuse in determinati ambienti sociali. Nel frattempo, cioè dagli anni Settanta, le cose si sono complicate e le abitudini più o meno direttamente tossicomaniche si sono diffuse in strati vastissimi della popolazione, anche quelli che non hanno mai assunto sostanze illegali. All alcolismo si sono aggiunti, in modo subdolo e massiccio, gli psicofarmaci, in particolare le benzodiazepine, finendo per estendersi a ogni strato sociale e ad ogni fascia d età. Il farmaco più venduto in Italia, esclusi i farmaci da banco ed i salvavita, è appunto una nota benzodiazepina, prescritta con sorprendente leggerezza ed assunta con tranquillo 95

8 Pieretti, Grossi stato d animo. I comportamenti tossicomanici, compulsivi e coatti, toccano ormai una gran parte della popolazione, a partire da addictions non tradizionali ma non per questo ugualmente produttive di danni non tanto collaterali. 3. Dipendenze e benessere: verso una tassonomia d insieme Come delineato nelle sezione precedenti, il fenomeno delle dipendenze può essere ricondotto all interno di due fondamentali modelli: il modello definito come neurobiologico, ovvero collegato alle necessità di tipo psichico e psicologico, e il modello di matrice bio-comportamentale, laddove la presenza di un determinato ambiente, in termini di caratteristiche territoriali, diviene un potenziale elemento di predisposizione, in senso causale rispetto ai fattori di rischio individuali, per il successivo utilizzo di sostanze di natura psicotropa. È spesso difficile identificare gli elementi di causa - effetto in tale processo, ovvero promuovere un ideale ranking degli elementi puntuali, come da esempio condizione sociale e/o famigliare, relazioni, crisi economica solo per citarne alcune in riferimento alla dimensione biocomportamentale innescanti tale dinamica. Si rende però necessario quanto meno promuovere una chiara evidenza dei fattori ambientali, sia di rischio sia difensivi, in grado di proteggere l individuo dall insorgenza di tale problematica, in questo precedendo dalla comprensione dei meccanismi che fungono da base per la dipendenza dalle sostanze psicotrope, per quindi successivamente evidenziare quali siano gli elementi ambientali in grado di frapporsi in tali dinamiche sia ex-ante sia ex-post. Un soggetto che assume una sostanza psicotropa effettua un esperienza che genera uno stato di gratificazione che, riconosciuto dai circuiti cerebrali, renderà più semplice il ripetersi dell evento. La dipendenza è quindi il risultato dell interazione tra gli impatti di natura fisiologica che una sostanza attiva nel cervello dell individuo, insieme a cause definibili intrinseche dell individuo, presenti ex-ante la somministrazione, come nel caso delle motivazioni ed emozioni. Ecco emergere quindi un dato d analisi su cui basare le possibili strategie sia di prevenzione sia di cura ex-post, ovvero le aree collegate alle motivazioni ed emozioni, che sono anche identificabili come indicatori della possibile efficienza dell individuo in termini di autorealizzazione, tutti elementi che hanno una profonda relazione con l ambiente, ovvero con le opportunità di costruzione di un individuo che un territorio è in grado di fornire. Partendo dall accezione del benessere di una persona, è possibile osservare come questa condizione sia espressione più 96

9 Dalla drug addiction al benessere dell individuo quale fenomeno socio-ambientale generale rispetto alla mera risposta ai bisogni primari attraverso il mercato, e sia correlata prevalentemente con due dimensioni: - la capacità di realizzare i propri obiettivi; - la presenza delle condizioni ambientali in grado di fornire tali opportunità di realizzazione. Il principio generale su cui si fonda questa teoria è collegata al concetto di libertà di Sen (2000), che partendo dall idea di libertà negativa cara a Isaiah Berlin (Berlin & Ricciardi, 2000) analizza qual è il possibile perimentro di elementi attraverso i quali un soggetto (una persona o una collettività) può operare al fine di fare o di essere ciò che è senza interferenze e condizionamenti, dirige l attenzione sul risultato della relazione tra opportunità ed ambiente in prospettiva di sviluppo del benessere degli individui. Sen illustra come la libertà delle persone sia composta da due concetti fondamentali che sono il funzionamento (human functioning) e le capacitazioni (capabilities). Il concetto di funzionamento riguarda ciò che una persona può desiderare - in quanto gli dà valore - di fare o di essere. I funzionamenti a cui viene riconosciuto valore vanno dai più elementari, come l essere nutrito a sufficienza, essere libero inteso quale possibilità di liberta versus sfruttamento, vivere in un ambiente sano e non inquinato, avere opportunità di crescita sociale e professionale, a condizioni personali molto complesse come l avere rispetto di sé (autostima) e motivazioni. La capacitazione di una persona non è che l insieme delle combinazioni possibili di funzionamenti che essa è in grado di realizzare. È dunque una sorta di libertà: la libertà effettiva di comporre più combinazioni alternative di funzionamenti, ovvero di modificare e realizzare più stili di vita. Mentre la combinazione dei funzionamenti effettivi di una persona rispecchia la sua riuscita reale, l affrancamento dagli impedimenti, l insieme delle capacitazioni rappresenta la sua libertà di riuscire, le composizioni alternative di funzionamenti tra cui l individuo può scegliere all interno della realtà in cui vive ed opera. Laddove mancano queste opportunità, ovvero il territorio non sia in grado di fornire adeguati supporti a tale processo di sviluppo, vengono meno le condizioni per un effettivo stato di benessere delle persone, con profonde ripercussioni in termini di impatti sul funzionamento sociale e disagio, che potenzialmente può sfociare in fenomeni di marginalizzazione e dipendenza. In tale prospettiva, gli elementi ambientali divengono quindi potenziali determinanti dell insorgenza della dipendenza, collegati alla presenza di degrado sociale, povertà, instabilità, cultura sociale, carente presidio del territorio da parte delle istituzioni sia rispetto, ad esempio, alla dimensione formativa (educazione, formazione, lavoro), assistenziale, e di sicurezza 97

10 Pieretti, Grossi nonché alla prevalenza di determinati modelli di sviluppo. A questi si associano poi potenziali determinanti soggettivi, ovvero individuali, come descritti in precedenza, che vengono ad essere amplificati dalla correlazione con la qualità del territorio rispetto alle dimensioni citate. Non bastano quindi la presenza in un individuo di caratteristiche come, ad esempio, abilità sociali, competenze, comportamenti autoprotettivi, interesse verso il proprio benessere, resistenza alla pressione sociale, per configurare un adeguato livello di benessere in grado di prevenire e/o definire strategie per la cura dalla dipendenza. Se certamente questi fattori sono una base di partenza importante, è il confronto con la realtà dove un soggetto vive ed opera, ovvero con l ambiente, a divenire la piattaforma in grado di amplificare le potenzialità e le caratteristiche di un individuo. In questa direzione quindi, gli elementi protettivi che un territorio può fornire riguardano ad esempio la possibile situazione economica e lavorativa, l essere parte di un gruppo e quindi integrazione nel tessuto sociale, ulteriormente la presenza dei cosiddetti life events che se di matrice positiva sono in grado di definire le condizioni per aiutare l individuo a prevenire l insorgenza degli elementi che possono condurre alla necessità di attingere a sostanze psicotrope per uscire da una dimensione ambientale scarsamente soddisfacente, carente in termini di opportunità e mancante degli elementi in grado di valorizzare una persona rispetto alla crescita delle capabilities individuali. Ecco quindi emergere con chiarezza come la qualità del territorio, in tutte le sue dimensioni (economica, sociale, ambientale, culturale) quale strumento di prevenzione e trattamento a livello individuale, nella direzione di sviluppare il benessere di una persona e protezione dall insorgenza della dipendenza. Conclusioni Le ricerche nel settore delle scienze sociali hanno dimostrato che gli individui hanno tanto bisogni materiali quanto bisogni relazionali. Mentre la quasi totalità dei primi possono essere soddisfatti attraverso attività collegate al mercato, per giungere alla soddisfazione dei secondi è richiesto necessariamente la presenza di due elementi, ovvero il coinvolgimento di altre persone, e dunque una qualche forma di partecipazione sociale, insieme alla possibilità di realizzare le proprie capacità in un ambiente che fornisca le opportunità per il miglioramento delle condizioni di vita, lavoro e relazione dell individuo. Le società contemporanee, soprattutto quelle dei paesi occidentali, hanno portato i bisogni materiali ad un inedito e particolarmente 98

11 Dalla drug addiction al benessere dell individuo quale fenomeno socio-ambientale elevato livello di soddisfazione. È più difficile affermare che questo modello di sviluppo abbia generato un analogo andamento anche per ciò che riguarda i bisogni relazionali e delle opportunità di sviluppo effettive (non materiali) degli individui. Da tempo, quindi, è in atto un dibattito che con sempre maggiore insistenza vuole promuovere nuovi indicatori che possano raffigurare il benessere di un individuo e del territorio, che tengano in considerazione una serie di variabili diverse dalla mera dimensione economica, come ad esempio la disponibilità di tempo libero, la salute, l educazione, i modelli culturali, la qualità della vita comunitaria ed in famiglia, la tutela delle caratteristiche locali, la conoscenza, il benessere psicologico. Sono questi gli elementi su cui un individuo valuta il suo stato di benessere e la qualità della vita, che in caso di assenza divengono la causa scatenante di malessere e possibili patologie come nel caso della dipendenza da sostanze psicotrope. Ecco quindi in quale direzione dovrebbe essere indirizzata l attenzione delle politiche di welfare per le dipendenze, verso la promozione del benessere, parola che deve essere intesa quale risultato dell integrazione della dimensione sociale e di quella della sanità e inserita nel campo della Public Health. Si tratta di un cambio radicale di paradigma, uno spostamento dell attenzione e dell intervento dalla dimensione ex-post a quella ex-ante, ricercando le condizioni ottimali per lo sviluppo di un individuo. È questa una nuova prospettiva pro-attiva per la salute delle persone, correlata al concetto di sostenibilità dei processi di sviluppo delle società, in particolare quelle maggiormente industrializzate, che se adottata può divenire una lungimirante strategia indirizzata a promuovere l incremento del benessere a livello individuale e collettivo, producendo al contempo un risparmio in termini economici rispetto ai servizi di prevenzione e trattamento delle dipendenze, quali che siano, come fino ad ora pianificati. Riferimenti bibliografici Easterlin R.A. (2000). Income and Happiness: Towards a Unified Theory. The Economic Journal, 473, doi: / Ballas D. (2013). What makes a happy city? Cities, 32, doi: /j.cities Berlin I., Ricciardi M. (2000). Due concetti di libertà. Milano: Feltrinelli. Blanchflower D.G., Oswald A.J. (2002). Well-being over time in Britain and the USA. Journal of Public Economics, 7-8, doi: /S (02) Bottura N., Dondi M. (2014). Tracce di emozioni: L ascolto e la parola nella Comunità Terapeutica Educativa. Mantova: Universitas Studiorum. 99

12 Pieretti, Grossi Cambria S. (2004). Tossicodipendenza e servizio sociale. Elementi di psichiatria delle tossicodipendenze. Milano: FrancoAngeli. Diener E. (1994). Assessing subjective well-being: Progress and opportunities. Social Indicators Research, 2, doi: /BF Florida R., Mellander C., Rentfrow P.J. (2013). The happiness of cities. Regional Studies, 4, doi: / Frey B., Schutzer L., (2000). Happiness and Economics. Princeton: Princeton University Press. Grossi E., Tavano Blessi G., Sacco P.L., Buscema M. (2012). The interaction between culture, health and psychological well-being: Data mining from the Italian culture and wellbeing project. Journal of Happiness Studies, 1, doi: /s x Gui B. (1996). On relational goods : strategic implications of investment in relationships. International journal of social economics, 23, 10/11, doi: / Keyes C.L. (2010). Flourishing. New York: John Wiley & Sons, Inc. Olievenstein C. (1981). La presa in carico dell adolescente tossicomane. Archivio di psicologia, neurologia e psichiatria, 3-4, Parsons T. (1975). The sick role and the role of the physician reconsidered. The Milbank Memorial Fund Quarterly. Health and Society, doi: / Pieretti G., Grossi E., Ferilli G., Tavano Blessi G. (2012). Aree urbane, ambiente naturale e benessere. Il caso della città di Milano. Sociologia Urbana e Rurale, 99, doi: /SUR Ryan R.M., Deci E.L. (2001). On happiness and human potentials: A review of research on hedonic and eudaimonic well-being. Annual review of psychology, 1, doi: /annurev.psych Santuari A. (2014). I servizi sociali e socio-sanitari nel contesto europeo. In Sesta M. (Ed.). L erogazione della prestazione medica tra diritto alla salute, principio di autodeterminazione e gestione ottimale delle risorse sanitarie. Milano: Maggioli. Sen A. (2000). Sviluppo è liberta. Milano: Mondadori. Tavano Blessi G., Grossi E., Pieretti G., Sacco P.L., Ferilli G. (2014). Cultural Participation, Relational Goods and Individual Subjective Well-Being: Some Empirical Evidence. Review of Economic & Finance, 4,

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

Uso, abuso e dipendenza da sostanze

Uso, abuso e dipendenza da sostanze Uso, abuso e dipendenza da sostanze Dipartimento Patologia delle Dipendenze ASL AL Dr. Luigi Bartoletti Paradigma di una malattia Patologia primaria Propria eziologia e fisiopatologia Presenza di sintomi

Dettagli

Che cos è l addiction?

Che cos è l addiction? Che cos è l addiction? C è un dibattito sul tema? Perchè è importante? Quali sono le diverse posizioni? Quali sono le implicazioni? Il mio punto di vista Ciò che noi pensiamo dell addiction è più importante

Dettagli

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche in collaborazione con LEGIONE CARABINIERI CAMPANIA Compagnia di Amalfi U.O. SERVIZIO TOSSICODIPENDENZE Asl Sa COMUNE DI AMALFI Politiche Sociali La

Dettagli

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 Definiamo il gioco d azzardo come un attività ludica che si caratterizza per il rischiare una più o meno ingente somma di

Dettagli

Psicologia positiva: teoria, prassi e prospettive future

Psicologia positiva: teoria, prassi e prospettive future Psicologia positiva: teoria, prassi e prospettive future Marta Bassi Società Italiana di Psicologia Positiva Obiettivo 1 numero 2000 diamerican Psychologist Seligman e Csikszentmihalyi Promuovere il funzionamento

Dettagli

Giuliano Vettorato INTRODUZIONE ALLA PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA

Giuliano Vettorato INTRODUZIONE ALLA PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA Giuliano Vettorato Eb1221 INTRODUZIONE ALLA PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA CAP I Approccio globale al problema (modello sistemico) Fattori sociali Fattori psicologici Fattori psicopatologici Sistema

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Tra il dire e il fare. Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione

Tra il dire e il fare. Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione Tra il dire e il fare Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione Cominciamo con un esempio: prevenire l Obesità è un obiettivo strategico di molte istituzioni e

Dettagli

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra Le Dipendenze Patologiche Dott. Vincenzo Balestra C è dipendenza e dipendenza L essere umano, per sua natura, è dipendente Esiste, pertanto, una dipendenza che è naturale, fisiologica Quando la dipendenza

Dettagli

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta Valeria Aquaro E essenzialmente un attività di AIUTO, con proprie e specifiche caratteristiche. Si è sviluppata a partire dagli anni 60 come fenomeno sociale

Dettagli

La costruzione del benessere organizzativo: variabili strutturali e sovrastrutturali

La costruzione del benessere organizzativo: variabili strutturali e sovrastrutturali CONVEGNO ORDINE DEGLI PSICOLOGI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA CRISI DEL LAVORO, LAVORATORI IN CRISI La psicologia per il benessere delle persone e delle organizzazioni PORDENONE 14 settembre 2013 La costruzione

Dettagli

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente! Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!, in un ottica di prevenzione della salute, si è proposto di offrire ai ragazzi del secondo anno un occasione di discussione e di riflessione all interno

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

ANIMATORE di COMUNITÁ

ANIMATORE di COMUNITÁ M.I.U.R. ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI SOCIO SANITARI Giuseppe Moscati Via Urbano II - Salerno - Tel. 089253151 Fax 089253794 Codice Fiscale: 80023220652 Codice Meccanografico: SARF04000N

Dettagli

Sintesi. Programma nazionale Alcol 2008 2012

Sintesi. Programma nazionale Alcol 2008 2012 Sintesi Programma nazionale Alcol 2008 2012 Programma nazionale Alcol 2008 2012 Genesi e contenuto del PNA Nel 2005 il Consiglio federale ha incaricato l Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) di

Dettagli

Il Disturbo Bipolare

Il Disturbo Bipolare Giovanni Fioriti Editore s.r.l. via Archimede 179, 00197 Roma tel. 068072063 - fax 0686703720. E-Mail info@fioriti.it www.fioriti.it www.clinicalneuropsychiatry.org Psichiatria: diretta da Alfonso Troisi

Dettagli

Cidiesse Cooperativa Sociale r.l. BILANCIO SOCIALE ESERCIZIO 2002

Cidiesse Cooperativa Sociale r.l. BILANCIO SOCIALE ESERCIZIO 2002 Cidiesse Cooperativa Sociale r.l. Sede in Milano Capitale Sociale 17.609 BILANCIO SOCIALE ESERCIZIO 2002 ASPETTI GENERALI In relazione all art. 3 dello statuto si conferma che i criteri che hanno guidato

Dettagli

STUPEFACENTI, ALCOOL E STRESS - A CHE PUNTO SIAMO -

STUPEFACENTI, ALCOOL E STRESS - A CHE PUNTO SIAMO - DIPARTIMENTO di PREVENZIONE SPISAL SERVIZIO PREVENZIONE IGIENE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI di LAVORO STUPEFACENTI, ALCOOL E STRESS - A CHE PUNTO SIAMO - : procedure accertative, inquadramenti diagnostici,

Dettagli

Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri

Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri E noto che la principale comorbidità dell abuso/dipendenza di qualsiasi sostanza è un altro abuso/dipendenza da sostanze di una

Dettagli

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute.

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Campagna informativa sulle dipendenze patologiche Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Cari cittadini, è con orgoglio che vi presento la prima di dieci Campagne di Comunicazione sanitaria

Dettagli

ORIENTAMENTI E STRATEGIE nel campo della prevenzione

ORIENTAMENTI E STRATEGIE nel campo della prevenzione ORIENTAMENTI E STRATEGIE nel campo della prevenzione 2 approcci concettuali: quello che persegue l astinenza dalle sostanze psicoattive proibizionismo a livello sociale e nel campo personale evitando di

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova Presentazione dell associazione: Il Centro Oncologico Ligure (COL) è un Associazione di Promozione Sociale basata sul

Dettagli

Dipendenza da sostanze. a cura di G Forza (Ser.T Padova) e M Morari (Università di Ferrara)

Dipendenza da sostanze. a cura di G Forza (Ser.T Padova) e M Morari (Università di Ferrara) Dipendenza da sostanze a cura di G Forza (Ser.T Padova) e M Morari (Università di Ferrara) Classi di sostanze 1. Alcol 2. Allucinogeni 3. Amfetamine 4. Caffeina 5. Cannabis 6. Cocaina 7. Fenciclidina 8.

Dettagli

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOLOGIA CLINICA. Il profilo di apprendimento della specializzazione di Psicologia Clinica è il seguente:

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOLOGIA CLINICA. Il profilo di apprendimento della specializzazione di Psicologia Clinica è il seguente: SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOLOGIA CLINICA Obiettivi della Scuola di Psicologia Clinica Il profilo di apprendimento della specializzazione di Psicologia Clinica è il seguente: Lo specialista in Psicologia

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Processi e strumenti di valutazione

Processi e strumenti di valutazione Processi e strumenti di valutazione Outcome,, Verona 19 dicembre 2006 Augusto Consoli Dipartimento Patologia delle Dipendenze Asl 4 di Torino Alcuni interrogativi sulla valutazione nei servizi Si valuta

Dettagli

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3 U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Centro Disturbi Alimentari TITOLO: PROGETTO EDUCATIVO PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) RIVOLTO A DOCENTI E ALLIEVI

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

Viale Trastevere, 251 Roma

Viale Trastevere, 251 Roma PROGETTO SPORTELLO DI ASCOLTO ATTIVITA DI COUNSELING PSICOLOGICO RIVOLTO AGLI STUDENTI, INSEGNANTI E FAMIGLIE ISTITUTO SAN GAETANO Viale Trastevere, 251 Roma ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Una proposta a cura

Dettagli

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Psichiatria Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Rimini, 20-22 novembre 2015 Agenda Il percorso di Senior Italia FederAnziani Obiettivi del Dipartimento Psichiatria Contesto

Dettagli

9. RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

9. RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 9. RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 9.1 Reinserimento sociale 9.2 Prevenzione dei reati droga-correlati 9.1 Reinserimento sociale I dati relativi alle implicazioni e conseguenze sociali

Dettagli

Il ruolo dei Servizi Territoriali nella

Il ruolo dei Servizi Territoriali nella Il ruolo dei Servizi Territoriali nella Promozione della Salute «la salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non la semplice assenza di malattia» (OMS, 1948) La salute è definita

Dettagli

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV)

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) In collaborazione con: Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) L Associazione Tiziana Vive A seguito del recente drammatico episodio di femminicidio che ha sconvolto la

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO MENTALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 52 del

Dettagli

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA Premesso che - dalla Legge n. 220 del 13 dicembre 2010, emerge la necessità che il Ministero dell Economia

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

I Martedì della Scuola

I Martedì della Scuola I Martedì della Scuola Dipartimento di Medicina e Sanità pubblica Sezione di Medicina legale Bologna, 27 marzo 2007 MILA FERRI Regione Emilia-Romagna LUISA GAROFANI Azienda Usl di Ferrara Coordinamento

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

DOTTORE COMMERCIALISTA. Prima Prova Scritta

DOTTORE COMMERCIALISTA. Prima Prova Scritta DOTTORE COMMERCIALISTA Prima Prova Scritta Seconda Prova Scritta Terza Prova Scritta PSICOLOGO Sez A (Laurea Specialistica) Prima Prova Scritta 1. Il candidato/a esponga le recenti teorie psicologiche

Dettagli

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione.

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione. Premessa Un due tre stella ecco MAGA BEA! Laboratorio per il potenziamento delle abilità di ascolto e di attenzione L attenzione comprende la disponibilità a recepire la capacità di selezione dello stimolo

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari

GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari GUADAGNARE SALUTE Rendere facili le scelte salutari Protocollo di Intesa tra il Ministro della Salute e il Ministro per le Politiche giovanili e le attività sportive Le iniziative da finanziare nell ambito

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

PROGETTO MY SPACE: CENTRO DIURNO PER LA RIABILITAZIONE DI ADOLESCENTI TOSSICODIPENDENTI PROGETTO A CURA DEL DIPARTIMENTO ASL 3 GENOVESE

PROGETTO MY SPACE: CENTRO DIURNO PER LA RIABILITAZIONE DI ADOLESCENTI TOSSICODIPENDENTI PROGETTO A CURA DEL DIPARTIMENTO ASL 3 GENOVESE PROGETTO MY SPACE: CENTRO DIURNO PER LA RIABILITAZIONE DI ADOLESCENTI TOSSICODIPENDENTI PROGETTO A CURA DEL DIPARTIMENTO ASL 3 GENOVESE ANNO 2008-2010 CENTRO DIURNO PER LA RIABILITAZIONE DI ADOLESCENTI

Dettagli

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Congresso: La psicologia e il sistema socio-sanitario regionale L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Mauro Percudani, Dipartimento di Salute Mentale A.O. G. Salvini Garbagnate Milanese

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

Dieci punti per una politica delle pensioni nel settore edile improntata alla sostenibilità.

Dieci punti per una politica delle pensioni nel settore edile improntata alla sostenibilità. Dieci punti per una politica delle pensioni nel settore edile improntata alla sostenibilità. Le organizzazioni affiliate alla FETBB sono ben consapevoli delle sfide presenti e future per riuscire ad attuare

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Schirone Maria Giovanna 2011 La psicologia positiva la Psicologia Positiva non è niente

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Difficoltà scolastiche

Difficoltà scolastiche Difficoltà scolastiche DSA Difficoltà Scolastiche Così come ogni individuo è diverso da un altro, differente per ciascuno sarà lo stile di apprendimento delle conoscenze. Per questo motivo quando si parla

Dettagli

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CLASSI PRIME La famiglia nella società Le nuove famiglie e le varie tipologie Una famiglia per crescere e dialogare La teoria

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE ID 991877645 COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE P.G. n. 30154/2014 ORDINANZA TL n. 299/2014 DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI

Dettagli

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 L ESPERIENZA DELL ULSS 15 DEL VENETO : 25 ANNI DI INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Gianfranco Pozzobon, direttore dei servizi sociali ULSS 15 - Padova Ho

Dettagli

Bilancio Sociale 2014

Bilancio Sociale 2014 Attività di promozione e sviluppo del sistema AIC Bilancio sociale 2014 Associazione Italiana Celiachia 3 16 3 ATTIVITÀ DI PROMOZIONE E SVILUPPO DEL SISTEMA AIC 3.1 COORDINAMENTO ATTIVITÀ ISTITUZIONALI

Dettagli

F.I.S.M. - FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Per la Provincia di Arezzo. Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia

F.I.S.M. - FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Per la Provincia di Arezzo. Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia Formazione Insegnanti a.s. 2014-2015 «[ ] perché l intelligenza funzioni, occorre un motore che sia affettivo. Non si cercherà mai di risolvere un problema

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO Fabio Voller Alice Berti Settore Sociale Osservatorio di Epidemiologia Presentazione del volume GAP - Il gioco d azzardo patologico Orientamenti per la prevenzione e la

Dettagli

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ?

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? L'attuale complessità sociale e l'affermazione di nuovi modelli socio-economici e culturali hanno portato dei notevoli cambiamenti nella scuola e nella famiglia.

Dettagli

I FATTORI DI RISCHIO COMPORTAMENTALI NELL AREA METROPOLITANA DI BOLOGNA

I FATTORI DI RISCHIO COMPORTAMENTALI NELL AREA METROPOLITANA DI BOLOGNA I FATTORI DI RISCHIO COMPORTAMENTALI NELL AREA METROPOLITANA DI BOLOGNA Alcool, Tabacco, Sostanze illegali Gioco d azzardo, Internet addiction Raimondo Pavarin Osservatorio Epidemiologico metropolitano

Dettagli

Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano

Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano Premesso che il PNP individua tra gli obiettivi di salute la promozione di uno stile di vita attivo da

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE

LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE Pesaro, 14 ottobre 2005 LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE Marco Saettoni Università di Pisa Dipartimento di Psichiatria, FNB Scuola di Psicoterapia Cognitiva Grosseto PROGRAMMA Premesse generali:

Dettagli

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento.

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. A CURA DI IGNAZIO LICCIARDI LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. di Angelina Albano biblìon COLLANA

Dettagli

CT LORUSSO CIPPAROLI PROGETTO TAKE YOUR TIME INTRODUZIONE

CT LORUSSO CIPPAROLI PROGETTO TAKE YOUR TIME INTRODUZIONE INTRODUZIONE Le trasformazioni storico culturali che caratterizzano l evoluzione sociale producono effetti in ogni aspetto della società, organizzativo, giuridico, economico, esistenziale, di costume,

Dettagli

Obiettivi generali Per gli studenti: Per i genitori: Per la scuola come istituzione educativa: Obiettivi specifici Destinatari:

Obiettivi generali Per gli studenti: Per i genitori: Per la scuola come istituzione educativa: Obiettivi specifici Destinatari: UNA SCUOLA PER AMARE Progetto sperimentale di educazione affettiva e di prevenzione del disagio adolescenziale e delle devianze rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di alcune

Dettagli

CAPITOLO 1. PRESUPPOSTI TEORICI:

CAPITOLO 1. PRESUPPOSTI TEORICI: CAPITOLO 1. PRESUPPOSTI TEORICI: ESPERIENZA OTTIMALE E QUALITÀ DELL ESPERIENZA SOGGETTIVA 1.1 IL BENESSERE Dal disagio all agio La percezione soggettiva del benessere La prospettiva eudaimonica: il benessere

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Catalogo delle Agenzie formative

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Istituto Albert di Lanzo

Istituto Albert di Lanzo Istituto Albert di Lanzo Profilo Quadro orario Prospettive di studio e occupazionali www.istituto-albert.it Profilo del Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: aver acquisito le conoscenze

Dettagli

La job-description del medico generale Malattie osteoarticolari

La job-description del medico generale Malattie osteoarticolari Rivista SIMG (www.simg.it) Numero 3, 2000 La job-description del medico generale Malattie osteoarticolari Simg - Area progettuale Ortopedico-reumatologica, Resp. Stefano Giovannoni La definizione dei settori

Dettagli

IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F.

IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F. IL PERCORSO EVOLUTIVO, I CRITERI E GLI ASPETTI FONDAMENTALI DELL I.C.F. A cura del Sociologo E-Mail: salvogarofalo1@libero.it DA HANDICAPPATO (ICIDH-1980) a PERSONA con disabilità (ICF 2001) livello Intern.

Dettagli

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE Giuseppe Clerico, Università del Piemonte orientale, Facoltà di Giurisprudenza, Dipartimento di Scienze giuridiche ed economiche Negli ultimi cinquantanni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI CALO VIALE M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI CALO VIALE M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI CALO VIALE M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA Tel.099/8290470 Fax 099/8290471 Codice meccanografico: TAIC82600L Codice fiscale: 90122060735 E-mail TAIC82600L@istruzione.it

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale.

Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale. Sportiva mente: lo Sportpertutti per la qualità della vita delle persone nell area del disagio mentale. Di Fiorino Mirabella, psicologo e psicoterapeuta, Istituto Superiore di Sanità, comitato scientifico

Dettagli

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA EFFETTI DELLA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE CONSEGUENZE DA DIPENDENZA COME USCIRE DA QUESTO FENOMENO QUANTO E DIFFUSO ATTUALMENTE NEL

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

ANZIANI E NON SOLO :PROGETTI EUROPEI E NAZIONALI

ANZIANI E NON SOLO :PROGETTI EUROPEI E NAZIONALI ANZIANI E NON SOLO :PROGETTI EUROPEI E NAZIONALI ASPASIA TALENTI DI CURA DIADE Partenariato europeo per il benessere e la dignità degli anziani EUROPEAN Appena approvato LIFE AFTER CARE ANZIANI E NON SOLO

Dettagli

STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG

STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG Marco Musella Italian Health Literacy Project (HLP-IT) DAOSan - Master Universitario di II Livello In Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni

Dettagli

e-mail: associazione.loscudo@gmail.com codice fiscale: 96017150630 P.Iva: 05026371210 CARTA DEI SERVIZI

e-mail: associazione.loscudo@gmail.com codice fiscale: 96017150630 P.Iva: 05026371210 CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1 PREMESSA. L Associazione non ha fini di lucro e persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale. l Associazione, per meglio raggiungere le sue finalità nello svolgimento delle

Dettagli

PROGETTO VELA PER DISABILI

PROGETTO VELA PER DISABILI 2006 VELA PER DISABILI Entrarono tutti nell onda..gli altri surfisti lo seguirono zigzagando L onda più perfetta che avesse mai visto, prese ad avvolgerli lentamente arrotolandosi intorno a loro fino ad

Dettagli

Roberto Volpi, Mondadori Editore

Roberto Volpi, Mondadori Editore Giuseppe Di Mauro Roberto Volpi, Mondadori Editore In realtà le famiglie crescono ad una velocità 7 volte superiore all aumento della popolazione (16 mln del 71, 22 mln nel 2001, +37%), ma vincono i single

Dettagli

Lecce, 19 Novembre 2012. - Al Ministro della Salute Prof. Renato Balduzzi

Lecce, 19 Novembre 2012. - Al Ministro della Salute Prof. Renato Balduzzi Lecce, 19 Novembre 2012 - Al Ministro della Salute Prof. Renato Balduzzi - Al Presidente della Conferenza Stato-Regioni Ministro per gli Affari regionali, Turismo e Sport, Dr. Piero Gnudi - Ai Sigg. Presidenti

Dettagli

IL COACHING. MOTIVAZIONE E POTENZIALITA.

IL COACHING. MOTIVAZIONE E POTENZIALITA. IL COACHING. MOTIVAZIONE E POTENZIALITA. INDICE a cura di: Domenico Nigro Direttore Didattico e Trainer della Scuola IN Counseling Consulente aziendale - Life e Business Coach Cap.1: Coaching & Counseling.

Dettagli

Operatore socio-sanitario. Standard

Operatore socio-sanitario. Standard Operatore socio-sanitario Standard Settore: Socio sanitario e pubblica amministrazione Indirizzo: Pova finale unificato o con criteri unificati: Sì Comparto: Attività di erogazione di servizi socioassistenziali

Dettagli

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari

Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Guadagnare Salute Rendere facili le scelte salutari Obiettivo ambizioso Incidere del 20% sugli stili di vita delle persone nei prossimi 10 15 anni Programma Europeo Programma nazionale 1. Alimentazione

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI

Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI Non posso cambiare la direzione del vento, ma posso sistemare le vele in modo da poter raggiungere la mia destinazione IL COUNSELING

Dettagli