STUDI E RICERCHE DALLA DRUG ADDICTION AL BENESSERE DELL INDIVIDUO QUALE FENOMENO SOCIO-AMBIENTALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDI E RICERCHE DALLA DRUG ADDICTION AL BENESSERE DELL INDIVIDUO QUALE FENOMENO SOCIO-AMBIENTALE"

Transcript

1 STUDI E RICERCHE DALLA DRUG ADDICTION AL BENESSERE DELL INDIVIDUO QUALE FENOMENO SOCIO-AMBIENTALE di Giovanni Pieretti, Enzo Grossi Premessa Il tema della dipendenza è da tempo argomento d interesse a livello pubblico e privato, dato il tratto di criticità che tale elemento induce nell individuo, sia a livello sociale che economico. In generale il fenomeno della dipendenza è ascrivibile a due dimensioni principali, la dipendenza indotta da un comportamento reiterato, come nel caso del gioco o da media digitali, e quella derivante dall assunzione di una o più sostanze (in un certo tempo e luogo legali od illegali) con effetti psicotropi. Se in entrambi i casi si può assumere quale dinamica d innesco della dipendenza il coinvolgimento di neuro trasmettitori e recettori, profondamente diversa ne è però, nel caso di assunzione di sostanze, la modalità di attivazione, le soglie di criticità, la modalità di dosaggio che promuovono nell individuo l avvio della dipendenza. Seguendo tale impianto teorico, le definizioni proposte dalla maggiore istituzione internazionale in tema di salute come l OMS (WHO: la dipendenza patologica è una malattia, cronica e recidivante), risultano certo non esaurienti e meritano di essere confutate. La dipendenza patologica non è una malattia, non è cronica (non nell accezione corrente) e non è (necessariamente) recidivante. Nel contempo anche per le dipendenze patologiche risultano sempre valide le considerazioni di Talcott Parsons (1975) nel famosissimo The Sick Role and the role of the Physician Reconsidered, in particolare quanto alla devianza involontaria. Focalizzando l attenzione sulla dipendenza e la relazione con le sostanze psicotrope, è possibile verificare come questo tipo di sostanze promuovano nel soggetto che le utilizza due diverse tipologie dipendenti: la dipendenza di tipo fisico, che è caratterizzata da possibili disturbi, spasmi o comportamenti incontrollati, quando ad esempio venga meno l utilizzo di tali sostanze. A questa si associa un livello più profondo di dipendenza, di Università di Bologna, Fondazione Bracco Sociologia urbana e rurale n. 106,

2 Pieretti, Grossi natura psichica e psicologica, che può essere anche causa dell avvio di tale dinamica (Bottura, Dondi, 2014). In questo caso l individuo ricerca la possibilità di estraniarsi dalla realtà circostante, ad esempio dall ambiente, per ragioni oggettive e/o soggettive, in un processo nel quale l utilizzo di sostanze di natura psicotropa diviene la piattaforma ideale per entrare in un possibile mondo ideale, privo di condizionamenti o limiti (Olievenstein, 1981). La dipendenza di matrice psichica è spesso correlata all esistenza di disturbi afferenti alla dimensione cognitiva e comportamentale dell individuo (DSM V), oppure essere indotta dall essere parte - vivere ed operare - di un ambiente in cui sono presenti condizioni per l attivazione, come, a puro titolo esemplificativo, modelli di vita rapportati a fenomeni di devianza famigliare o sociale, degrado territoriale, crisi economica, povertà relazionale. Se gli elementi descritti possono concorrere a innescare fenomeni di dipendenza, altresì si configurano quali fattori di rischio, divenendo potenziali determinanti su cui agire per la costruzione di una politica di welfare, la cui matrice è costituita dalla qualità dell ambiente sociale, economico e culturale del territorio. Fino ad ora l attenzione dei policy makers in relazione alle strategie di riduzione del rischio dalla dipendenza da sostanze psicotrope, è stata guidata ex-ante da possibili elementi normativi, quali leggi, regolamenti e/o azioni di prevenzione informativa nella società sui rischi derivanti dall acquisto ed uso di tali sostanze, oppure ex-post attraverso l impiego dei servizi di natura pubblica, ad esempio detentivi o collegati alla dimensione della sanità e/o socio-assistenziali. Nella realtà emerge con sempre maggiore evidenza il valore dell ambiente nel quale un individuo vive ed opera al fine di prevenire il fenomeno della dipendenza, laddove la qualità dell ambiente diviene il possibile strumento per una politica anche e soprattutto a carattere pro-attivo nei confronti dei fenomeni di marginalità e dipendenza. In questa prospettiva gli studi illustrano come tra i determinanti che contribuiscono in maniera sostanziale alla qualità della vita degli individui, i fattori di natura relazionale rivestano una funzione preminente nella composizione della salute psichica e fisica delle persone, ed in particolare gli elementi di natura culturale (consumo, partecipazione) e comunitari (associazioni di volontariato e di vicinato), che fungono da ideali connettori attraverso i quali l individuo è in grado di configurare - e sentirsi parte di - una rete di relazioni a cui poter attingere per l appropriazione di valori, significati e norme per la propria vita. È quindi su tali aspetti che le politiche di contrasto del fenomeno della dipendenza dovrebbero concentrarsi, nell attenzione a strategie di preven- 90

3 Dalla drug addiction al benessere dell individuo quale fenomeno socio-ambientale zione che valorizzino la qualità sociale territoriale quale strumento di prevenzione del disagio. Si tratta quindi di passare da un approccio di tipo tecnico meccanicistico ad una prospettiva collegata alla correlazione territorio e benessere dell individuo, un cambio di paradigma in grado di produrre notevoli benefici sia per quanto concerne la riappropriazione da parte degli individui della propria posizione sociale e del senso della comunità, sia per quanto interessa la spesa pubblica per l assistenza erogata, nelle dimensioni della salute e dei servizi sociali, la quale potrebbe beneficiare di consistenti risparmi e ri-allocazione di risorse verso un programma di prevenzione attraverso la valorizzazione socio-territoriale, localizzata e community - based. Il presente contributo di carattere fondativo intende promuovere un nuovo percorso di ricerca ed approfondimento rispetto al tema della dipendenza, che sarà approfondito attraverso successive analisi empiriche, e che intende suscitare un potenziale dibattito e confronto sia con gli operatori professionali sia con i vari stakeholder a vario titolo conivolti nel fenomeno delle dipendenze. 1. Il benessere dell individuo, una prospettiva d insieme Nel corso degli ultimi trent anni, le indagini inerenti la qualità della vita degli individui, ovvero quali siano gli elementi che contribuiscono a far stare bene a livello di benessere una persona, hanno presentato tre gradi di sviluppo conseguenti agli approfondimenti realizzati. Tra gli anni 70 ed 80, l attenzione è stata prevalentemente diretta a verificare l incidenza delle variabili endogene individuali quali età, impiego, genere ed educazione in quanto considerate elementi prioritari rispetto all analisi della percezione del benessere nell individuo. Partendo da un approfondimento puntuale, uno dei temi maggiormente investigati è stato la relazione tra reddito e benessere delle persone. Su questo piano, si segnala in particolare lo studio condotto da Easterlin (Easterlin, 2000), in cui l autore effettua una revisione delle ricerche e survey sul tema a partire dagli anni 80, portando in evidenza come la percezione di benessere sia direttamente correlata alla crescita del reddito, ma solo fino al raggiungimento di una soglia identificabile nel corrispettivo economico necessario affinché l individuo possa trovare risposta alle necessità e bisogni primari (Blachflower, Oswald, 2002). Ulteriormente a livello invece complessivo e non puntuale come nel caso precedente Diener (1994) ha permesso di verificare possibili relazioni significative tra il benessere di un individuo e le determinanti endogene precedentemente descritte, illustrando inoltre come esista una possibile causalità tra 91

4 Pieretti, Grossi stati d animo percepiti, condizione sociale e comportamento dell individuo nella società. Questo studio porta in evidenza un dato che sarà approfondito nelle fasi successive d indagine, ovvero l influenza delle varie dimensioni del territorio sui meccanismi sociali e salute degli individui. La fase successiva, idealmente collocabile negli anni 90, ha approfondito gli studi condotti, verificando come gli elementi precedentemente descritti siano solo una parte dei fattori che configurano il paniere complessivo delle variabili da considerare nella sfera del benessere individuale. In questa seconda fase le ricerche hanno quindi cercato di comprendere il contributo delle determinanti sia di natura endogena sia esogena all individuo. Nel primo caso, variabili endogene, l attenzione è andata a focalizzarsi su aspetti propri della persona o creati dalla relazione tra questi, come ad esempio il reddito, il capitale umano e sociale, le informazioni, la salute. Nel secondo caso le variabili soggette ad indagine sono state la natura, le tecnologie, la popolazione, valori e norme, le istituzioni, l economia, ovvero all influenza delle componenti ambientali e territoriali sul benessere dell individuo. Aderendo a tale modello teorico-interpretativo, Frey e Schutzer (2002) hanno portato in evidenza come alcune variabili endogene classiche (età, posizione lavorativa, competenze e titolo di studio) abbiano nell individuo un peso relativo nella definizione del concetto di benessere, e come le variabili esogene collegate, ad esempio, a dinamiche relazionali, ovvero alla presenza di luoghi ed occasioni di socializzazione, rivestano un peso crescente, soprattutto nei paesi economicamente più sviluppati. Ulteriormente Ryan e Deci (2001), attraverso gli studi condotti illustrano come la percezione di benessere sia correlata alle abilità e capacità di cui una persona è dotata, e quindi al grado di potenziale funzionamento nell ambiente, insieme alle opportunità di auto-realizzazione che un soggetto può trovare nel territorio, ovvero alla qualità dell ambiente socioeconomico in cui vive ed opera. La terza fase, la più recente, ha concentrato l attenzione rispetto alle attività e ruoli dell individuo nella realtà, e le variabili sottoposte ad analisi sono state il lavoro, la famiglia, gli amici, l attività civica e hobby, i processi di consumo. Tale approccio ha approfondito elementi di particolare interesse nella costituzione del benessere individuale, come la sicurezza, sentimenti ed appartenenza, in aggiunta agli aspetti collegati alla rappresentazione individuale come la stima e la psicologia. In questo senso, gli studi hanno chiarito ancora meglio come siano i bisogni e le necessità di matrice relazionale, quelli che presentano la maggiore incidenza sul benessere dell individuo. Tra gli studi maggiormente esaustivi si segnalano quelli condotti da Grossi (et al., 2012) che hanno investigato la relazione tra le 92

5 Dalla drug addiction al benessere dell individuo quale fenomeno socio-ambientale attività condotte nel tempo libero e la qualità della vita percepita dagli individui. Attraverso un indagine condotta su un campione rappresentativo della popolazione italiana, gli autori hanno evidenziato come ci sia una diretta correlazione tra attività di matrice culturale, ricreativa e sociale che un individuo svolge, ed il livello di salute sia fisica che psicologica, soprattutto laddove queste attività abbiano un corrispettivo di utilità per l individuo non afferente alla dimensione economica ma relazionale, ovvero dove siano attivate pratiche di connessione e conoscenza tra le persone. Seguendo tale filone di sviluppo, Tavano Blessi (et al., 2014) hanno effettuato un approfondimento del tema, allo scopo di comprendere quali tra le attività afferenti alle dimensioni precedenti producano un maggiore beneficio in termini di benessere nell individuo. Lo studio ha portato in evidenza come siano proprio le attività riconducibili a formule relazionali, alla costruzione di connessioni tra gli individui, quelle in grado di promuovere gli effetti maggiori sul benessere delle persone, soprattutto laddove sono correlate ad un sistema locale di offerta integrata, ovvero ad un territorio infrastrutturato in termini di iniziative ed eventi, tali da condurre alla costruzione di beni relazionali (Gui, 1996). Uno studio di assoluto interesse sul ruolo dell ambiente rispetto al benessere degli individui proviene da Keyes (2010). L autore dimostra come la presenza/assenza di malattie sia solo un indicatore parziale rispetto alla misurazione del grado di salute di una persona, verificando come in assenza di una strategia di effettivo miglioramento delle condizioni di benessere, che l autore identifica nella capacità di auto-realizzazione e nella presenza di un humus sociale propositivo, gli individui saranno più propensi ad innescare patologie di natura mentale e devianze (alcolismo, uso di sostanze stupefacenti). Keys rimarca inoltre come le terapie sanitarie adottate siano scarsamente efficaci in termini terapeutici laddove non venga presa in seria considerazione l inserimento del trattamento terapeutico all interno di un quadro complessivo d intervento che preveda quali strumenti d azione anche l ambiente e le opportunità di sviluppo che la realtà può fornire ad una persona. Il modello delineato quindi distingue due grandi categorie di soggetti, coloro che rientrano nella tipologia definita Languishing, ovvero che languiscono in uno stato non consapevole di malessere conclamato, ma in realtà soggette a questo stato e alla conseguente perdita di qualità sociale, e Fluorishing, coloro che invece fioriscono e si muovono verso una crescita del livello di benessere e salute, in cui la variabile di sviluppo individuale divengono la qualità sociale e dell ambiente ove vivono ed operano. Keys delinea quindi la possibile strategia per la salute delle persone, ovvero ampliare le capacità di realizzazione dell individuo, agendo affinché sia possi- 93

6 Pieretti, Grossi bile generare un percorso di sviluppo del territorio in grado di fornire i canali di sbocco per l effettiva realizzazione delle persone, una strategia utile tra l altro a diminuire la spesa pubblica nei settori della sanità e servizi socio-assistenziali sia ex-ante che ex-post l insorgenza di fenomeni di malessere. Le ricerche hanno quindi portato a coagulare le variabili identificate al fine di ottenere un quadro concettuale analitico unitario, dal quale scaturisce come sia il territorio, nelle sue varie dimensioni, a divenire il principale vettore per la qualità della vita degli individui. È proprio sul territorio con riferimento agli spazi maggiormente antropizzati come le aree urbane, che negli ultimi anni le ricerche hanno posto attenzione alla relazione tra ambiente e benessere degli individui. In particolare due studi di Ballas (2013) e Florida (2013) illustrano con dovizia di dati come la qualità dell ambiente urbano sia elemento portante per la promozione del benessere e della salute degli individui. Ulteriormente, a livello di valutazione della relazione tra patrimonio urbano, inteso quali infrastrutture ed ambiente naturale, un recente articolo ha permesso di verificare il collegamento tra aree verdi, parchi, giardini e benessere degli individui, quale possibile piattaforma di relazionalità tra gli individui (Pieretti et al., 2012). Emerge quindi con sempre maggiore evidenza la funzione delle risorse socio-territoriali nella costruzione del benessere delle persone, ma anche e soprattutto il ruolo di piattaforma per un welfare comunitario in grado di configurare la rete di protezione dell individuo dall insorgenza di fenomeni dipendenti, in particolare quelli derivanti dall assunzione di sostanze psicotrope. 2. Per un approccio ermeneutico: liberalizzare il dibattito Quanto sostenuto assume particolare significato per oltrepassare, riguardo al tema delle dipendenze patologiche, contrapposizioni obsolete quali liberalizzazione vs proibizione delle sostanze d abuso. Il tema delle dipendenze può essere affrontato sia dal punto di vista scientifico sia da quello del senso comune, inserendolo direttamente nell ampia cornice della Public Health, per sua natura attenta al ruolo del territorio. I riferimenti normativi, stando al nostro paese, stanno naturalmente nell art. 32 della Carta Costituzionale, nella legge n. 833/78 e nella legge n. 328/2000, mentre il riferimento più ampio è da ricercarsi nel diritto sociale europeo (Santuari, 2014). Se il centro dell interesse è la salute del cittadino, numerose sono le sostanze, legali, semilegali ed illegali ad interessare, così come comportamen- 94

7 Dalla drug addiction al benessere dell individuo quale fenomeno socio-ambientale ti compulsivi e coatti (gioco d azzardo patologico, per tutti) che tuttavia, tramite la neuroradiologia per immagini, è doveroso considerare come vere e proprie sostanze (ovviamente non chimiche) d abuso (Cambria, 2004). In questo quadro è da considerare che il numero di soggetti coinvolti nelle dipendenze patologiche, se si considerano anche le sostanze non illegali e le sostanze-non sostanze (le addictions non chimiche), come potremmo chiamarle, in questo periodo storico nel nostro paese, assommano numeri tanto inquietanti quanto non facilmente approssimabili se non con stime o, come si è usi, tramite survey. Dall uso indiscriminato di benzodiazepine (e dalla prescrizione easy delle medesime) all alcol, giusto per citare le evidenze meno discutibili, al dilagare del gioco d azzardo in tutte le fasce della popolazione italiana (circa 1500 euro pro-capite per anno, secondo autorevoli stime), la quantità di popolazione italiana in grado di affrontare la vita senza cogenti forme di addiction è in vistosa crescita. Non è peraltro chi non veda il prevalere inevitabile di un atteggiamento di consumo nel cercare di risolvere, attutire o mitigare ogni difficoltà della vita tramite il ricorso all addiction. La logica compulsiva tossicomanica ben si sposa con il sistema inespresso di calcolo dei costi di schumpeteriana memoria, ovvero il principio cardine dell utilitarismo ( massimo risultato con il minimo sforzo ). Siamo soliti considerare sostanze d abuso le droghe tradizionali, per molti versi con giusta ragione. Il dibattito langue, da oltre trent anni, pertanto, intorno a politiche proibizioniste o antiproibizioniste. La legislazione in materia, nel corso degli anni, ha subito modificazioni che, in ogni caso, sono state influenzate dal prevalente problema delle sostanze d abuso illegali. Così le politiche messe in campo si sono concentrate prevalentemente sulle sostanze illecite anche dal punto di vista delle strategie di prevenzione (peraltro quasi assenti negli anni più recenti). Gli stessi media appaiono attenti ad una lettura del problema delle dipendenze patologiche che si concentra sulle sostanze d abuso illecite e più diffuse in determinati ambienti sociali. Nel frattempo, cioè dagli anni Settanta, le cose si sono complicate e le abitudini più o meno direttamente tossicomaniche si sono diffuse in strati vastissimi della popolazione, anche quelli che non hanno mai assunto sostanze illegali. All alcolismo si sono aggiunti, in modo subdolo e massiccio, gli psicofarmaci, in particolare le benzodiazepine, finendo per estendersi a ogni strato sociale e ad ogni fascia d età. Il farmaco più venduto in Italia, esclusi i farmaci da banco ed i salvavita, è appunto una nota benzodiazepina, prescritta con sorprendente leggerezza ed assunta con tranquillo 95

8 Pieretti, Grossi stato d animo. I comportamenti tossicomanici, compulsivi e coatti, toccano ormai una gran parte della popolazione, a partire da addictions non tradizionali ma non per questo ugualmente produttive di danni non tanto collaterali. 3. Dipendenze e benessere: verso una tassonomia d insieme Come delineato nelle sezione precedenti, il fenomeno delle dipendenze può essere ricondotto all interno di due fondamentali modelli: il modello definito come neurobiologico, ovvero collegato alle necessità di tipo psichico e psicologico, e il modello di matrice bio-comportamentale, laddove la presenza di un determinato ambiente, in termini di caratteristiche territoriali, diviene un potenziale elemento di predisposizione, in senso causale rispetto ai fattori di rischio individuali, per il successivo utilizzo di sostanze di natura psicotropa. È spesso difficile identificare gli elementi di causa - effetto in tale processo, ovvero promuovere un ideale ranking degli elementi puntuali, come da esempio condizione sociale e/o famigliare, relazioni, crisi economica solo per citarne alcune in riferimento alla dimensione biocomportamentale innescanti tale dinamica. Si rende però necessario quanto meno promuovere una chiara evidenza dei fattori ambientali, sia di rischio sia difensivi, in grado di proteggere l individuo dall insorgenza di tale problematica, in questo precedendo dalla comprensione dei meccanismi che fungono da base per la dipendenza dalle sostanze psicotrope, per quindi successivamente evidenziare quali siano gli elementi ambientali in grado di frapporsi in tali dinamiche sia ex-ante sia ex-post. Un soggetto che assume una sostanza psicotropa effettua un esperienza che genera uno stato di gratificazione che, riconosciuto dai circuiti cerebrali, renderà più semplice il ripetersi dell evento. La dipendenza è quindi il risultato dell interazione tra gli impatti di natura fisiologica che una sostanza attiva nel cervello dell individuo, insieme a cause definibili intrinseche dell individuo, presenti ex-ante la somministrazione, come nel caso delle motivazioni ed emozioni. Ecco emergere quindi un dato d analisi su cui basare le possibili strategie sia di prevenzione sia di cura ex-post, ovvero le aree collegate alle motivazioni ed emozioni, che sono anche identificabili come indicatori della possibile efficienza dell individuo in termini di autorealizzazione, tutti elementi che hanno una profonda relazione con l ambiente, ovvero con le opportunità di costruzione di un individuo che un territorio è in grado di fornire. Partendo dall accezione del benessere di una persona, è possibile osservare come questa condizione sia espressione più 96

9 Dalla drug addiction al benessere dell individuo quale fenomeno socio-ambientale generale rispetto alla mera risposta ai bisogni primari attraverso il mercato, e sia correlata prevalentemente con due dimensioni: - la capacità di realizzare i propri obiettivi; - la presenza delle condizioni ambientali in grado di fornire tali opportunità di realizzazione. Il principio generale su cui si fonda questa teoria è collegata al concetto di libertà di Sen (2000), che partendo dall idea di libertà negativa cara a Isaiah Berlin (Berlin & Ricciardi, 2000) analizza qual è il possibile perimentro di elementi attraverso i quali un soggetto (una persona o una collettività) può operare al fine di fare o di essere ciò che è senza interferenze e condizionamenti, dirige l attenzione sul risultato della relazione tra opportunità ed ambiente in prospettiva di sviluppo del benessere degli individui. Sen illustra come la libertà delle persone sia composta da due concetti fondamentali che sono il funzionamento (human functioning) e le capacitazioni (capabilities). Il concetto di funzionamento riguarda ciò che una persona può desiderare - in quanto gli dà valore - di fare o di essere. I funzionamenti a cui viene riconosciuto valore vanno dai più elementari, come l essere nutrito a sufficienza, essere libero inteso quale possibilità di liberta versus sfruttamento, vivere in un ambiente sano e non inquinato, avere opportunità di crescita sociale e professionale, a condizioni personali molto complesse come l avere rispetto di sé (autostima) e motivazioni. La capacitazione di una persona non è che l insieme delle combinazioni possibili di funzionamenti che essa è in grado di realizzare. È dunque una sorta di libertà: la libertà effettiva di comporre più combinazioni alternative di funzionamenti, ovvero di modificare e realizzare più stili di vita. Mentre la combinazione dei funzionamenti effettivi di una persona rispecchia la sua riuscita reale, l affrancamento dagli impedimenti, l insieme delle capacitazioni rappresenta la sua libertà di riuscire, le composizioni alternative di funzionamenti tra cui l individuo può scegliere all interno della realtà in cui vive ed opera. Laddove mancano queste opportunità, ovvero il territorio non sia in grado di fornire adeguati supporti a tale processo di sviluppo, vengono meno le condizioni per un effettivo stato di benessere delle persone, con profonde ripercussioni in termini di impatti sul funzionamento sociale e disagio, che potenzialmente può sfociare in fenomeni di marginalizzazione e dipendenza. In tale prospettiva, gli elementi ambientali divengono quindi potenziali determinanti dell insorgenza della dipendenza, collegati alla presenza di degrado sociale, povertà, instabilità, cultura sociale, carente presidio del territorio da parte delle istituzioni sia rispetto, ad esempio, alla dimensione formativa (educazione, formazione, lavoro), assistenziale, e di sicurezza 97

10 Pieretti, Grossi nonché alla prevalenza di determinati modelli di sviluppo. A questi si associano poi potenziali determinanti soggettivi, ovvero individuali, come descritti in precedenza, che vengono ad essere amplificati dalla correlazione con la qualità del territorio rispetto alle dimensioni citate. Non bastano quindi la presenza in un individuo di caratteristiche come, ad esempio, abilità sociali, competenze, comportamenti autoprotettivi, interesse verso il proprio benessere, resistenza alla pressione sociale, per configurare un adeguato livello di benessere in grado di prevenire e/o definire strategie per la cura dalla dipendenza. Se certamente questi fattori sono una base di partenza importante, è il confronto con la realtà dove un soggetto vive ed opera, ovvero con l ambiente, a divenire la piattaforma in grado di amplificare le potenzialità e le caratteristiche di un individuo. In questa direzione quindi, gli elementi protettivi che un territorio può fornire riguardano ad esempio la possibile situazione economica e lavorativa, l essere parte di un gruppo e quindi integrazione nel tessuto sociale, ulteriormente la presenza dei cosiddetti life events che se di matrice positiva sono in grado di definire le condizioni per aiutare l individuo a prevenire l insorgenza degli elementi che possono condurre alla necessità di attingere a sostanze psicotrope per uscire da una dimensione ambientale scarsamente soddisfacente, carente in termini di opportunità e mancante degli elementi in grado di valorizzare una persona rispetto alla crescita delle capabilities individuali. Ecco quindi emergere con chiarezza come la qualità del territorio, in tutte le sue dimensioni (economica, sociale, ambientale, culturale) quale strumento di prevenzione e trattamento a livello individuale, nella direzione di sviluppare il benessere di una persona e protezione dall insorgenza della dipendenza. Conclusioni Le ricerche nel settore delle scienze sociali hanno dimostrato che gli individui hanno tanto bisogni materiali quanto bisogni relazionali. Mentre la quasi totalità dei primi possono essere soddisfatti attraverso attività collegate al mercato, per giungere alla soddisfazione dei secondi è richiesto necessariamente la presenza di due elementi, ovvero il coinvolgimento di altre persone, e dunque una qualche forma di partecipazione sociale, insieme alla possibilità di realizzare le proprie capacità in un ambiente che fornisca le opportunità per il miglioramento delle condizioni di vita, lavoro e relazione dell individuo. Le società contemporanee, soprattutto quelle dei paesi occidentali, hanno portato i bisogni materiali ad un inedito e particolarmente 98

11 Dalla drug addiction al benessere dell individuo quale fenomeno socio-ambientale elevato livello di soddisfazione. È più difficile affermare che questo modello di sviluppo abbia generato un analogo andamento anche per ciò che riguarda i bisogni relazionali e delle opportunità di sviluppo effettive (non materiali) degli individui. Da tempo, quindi, è in atto un dibattito che con sempre maggiore insistenza vuole promuovere nuovi indicatori che possano raffigurare il benessere di un individuo e del territorio, che tengano in considerazione una serie di variabili diverse dalla mera dimensione economica, come ad esempio la disponibilità di tempo libero, la salute, l educazione, i modelli culturali, la qualità della vita comunitaria ed in famiglia, la tutela delle caratteristiche locali, la conoscenza, il benessere psicologico. Sono questi gli elementi su cui un individuo valuta il suo stato di benessere e la qualità della vita, che in caso di assenza divengono la causa scatenante di malessere e possibili patologie come nel caso della dipendenza da sostanze psicotrope. Ecco quindi in quale direzione dovrebbe essere indirizzata l attenzione delle politiche di welfare per le dipendenze, verso la promozione del benessere, parola che deve essere intesa quale risultato dell integrazione della dimensione sociale e di quella della sanità e inserita nel campo della Public Health. Si tratta di un cambio radicale di paradigma, uno spostamento dell attenzione e dell intervento dalla dimensione ex-post a quella ex-ante, ricercando le condizioni ottimali per lo sviluppo di un individuo. È questa una nuova prospettiva pro-attiva per la salute delle persone, correlata al concetto di sostenibilità dei processi di sviluppo delle società, in particolare quelle maggiormente industrializzate, che se adottata può divenire una lungimirante strategia indirizzata a promuovere l incremento del benessere a livello individuale e collettivo, producendo al contempo un risparmio in termini economici rispetto ai servizi di prevenzione e trattamento delle dipendenze, quali che siano, come fino ad ora pianificati. Riferimenti bibliografici Easterlin R.A. (2000). Income and Happiness: Towards a Unified Theory. The Economic Journal, 473, doi: / Ballas D. (2013). What makes a happy city? Cities, 32, doi: /j.cities Berlin I., Ricciardi M. (2000). Due concetti di libertà. Milano: Feltrinelli. Blanchflower D.G., Oswald A.J. (2002). Well-being over time in Britain and the USA. Journal of Public Economics, 7-8, doi: /S (02) Bottura N., Dondi M. (2014). Tracce di emozioni: L ascolto e la parola nella Comunità Terapeutica Educativa. Mantova: Universitas Studiorum. 99

12 Pieretti, Grossi Cambria S. (2004). Tossicodipendenza e servizio sociale. Elementi di psichiatria delle tossicodipendenze. Milano: FrancoAngeli. Diener E. (1994). Assessing subjective well-being: Progress and opportunities. Social Indicators Research, 2, doi: /BF Florida R., Mellander C., Rentfrow P.J. (2013). The happiness of cities. Regional Studies, 4, doi: / Frey B., Schutzer L., (2000). Happiness and Economics. Princeton: Princeton University Press. Grossi E., Tavano Blessi G., Sacco P.L., Buscema M. (2012). The interaction between culture, health and psychological well-being: Data mining from the Italian culture and wellbeing project. Journal of Happiness Studies, 1, doi: /s x Gui B. (1996). On relational goods : strategic implications of investment in relationships. International journal of social economics, 23, 10/11, doi: / Keyes C.L. (2010). Flourishing. New York: John Wiley & Sons, Inc. Olievenstein C. (1981). La presa in carico dell adolescente tossicomane. Archivio di psicologia, neurologia e psichiatria, 3-4, Parsons T. (1975). The sick role and the role of the physician reconsidered. The Milbank Memorial Fund Quarterly. Health and Society, doi: / Pieretti G., Grossi E., Ferilli G., Tavano Blessi G. (2012). Aree urbane, ambiente naturale e benessere. Il caso della città di Milano. Sociologia Urbana e Rurale, 99, doi: /SUR Ryan R.M., Deci E.L. (2001). On happiness and human potentials: A review of research on hedonic and eudaimonic well-being. Annual review of psychology, 1, doi: /annurev.psych Santuari A. (2014). I servizi sociali e socio-sanitari nel contesto europeo. In Sesta M. (Ed.). L erogazione della prestazione medica tra diritto alla salute, principio di autodeterminazione e gestione ottimale delle risorse sanitarie. Milano: Maggioli. Sen A. (2000). Sviluppo è liberta. Milano: Mondadori. Tavano Blessi G., Grossi E., Pieretti G., Sacco P.L., Ferilli G. (2014). Cultural Participation, Relational Goods and Individual Subjective Well-Being: Some Empirical Evidence. Review of Economic & Finance, 4,

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO www.magellanopa.it INDICE INTRODUZIONE... 3 1. IL QUADRO STORICO DI RIFERIMENTO... 5 2. IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA PA... 7 www.magellanopa.it 2 INTRODUZIONE

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Schirone Maria Giovanna 2011 La psicologia positiva la Psicologia Positiva non è niente

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

La costruzione del benessere organizzativo: variabili strutturali e sovrastrutturali

La costruzione del benessere organizzativo: variabili strutturali e sovrastrutturali CONVEGNO ORDINE DEGLI PSICOLOGI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA CRISI DEL LAVORO, LAVORATORI IN CRISI La psicologia per il benessere delle persone e delle organizzazioni PORDENONE 14 settembre 2013 La costruzione

Dettagli

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra Le Dipendenze Patologiche Dott. Vincenzo Balestra C è dipendenza e dipendenza L essere umano, per sua natura, è dipendente Esiste, pertanto, una dipendenza che è naturale, fisiologica Quando la dipendenza

Dettagli

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Mariano Giacchi U.O.C. Promozione della salute AOUS CREPS Dip. Fisiopatologia, Medicina Sperimentale e Sanità Pubblica

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente! Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!, in un ottica di prevenzione della salute, si è proposto di offrire ai ragazzi del secondo anno un occasione di discussione e di riflessione all interno

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI NELLA PRESA IN CARICO DELLE FRAGILITA

LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI NELLA PRESA IN CARICO DELLE FRAGILITA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI SCIENZE SOCIALI CONVEGNO PER UN WELFARE SOSTENIBILE LEA E LIVEAS: MODELLI REGIONALI A CONFRONTO TAVOLA ROTONDA LEA E LIVEAS NELLA PRESA IN CARICO

Dettagli

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ SENSORIALI DELL UDITO NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

POLITICA DELLA QUALITA

POLITICA DELLA QUALITA 05.3 LE POLITICHE DEL GRUPPO GAVIO POLITICA DELLA QUALITA Fornire un servizio di trasporto che soddisfi pienamente richieste, esigenze ed aspettative dei Clienti; Fornire un servizio di trasporto conforme

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE www.istvap.it 1 ISTVAP ha quattro anni di vita ISTVAP sta per compiere quattro anni di vita. Anni di attività che hanno portato alla scoperta dell importanza del concetto di

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Dieci punti per una politica delle pensioni nel settore edile improntata alla sostenibilità.

Dieci punti per una politica delle pensioni nel settore edile improntata alla sostenibilità. Dieci punti per una politica delle pensioni nel settore edile improntata alla sostenibilità. Le organizzazioni affiliate alla FETBB sono ben consapevoli delle sfide presenti e future per riuscire ad attuare

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 Definiamo il gioco d azzardo come un attività ludica che si caratterizza per il rischiare una più o meno ingente somma di

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

Istituto comprensivo XX Settembre Catania

Istituto comprensivo XX Settembre Catania Istituto comprensivo XX Settembre Catania Anno scolastico 2010/2011 Destinatari: alunni della scuola primaria Referente: Ins. Laureanti Floriana 1 Premessa La Salute definita, nella Costituzione dell'organizzazione

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

ANIMATORE di COMUNITÁ

ANIMATORE di COMUNITÁ M.I.U.R. ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI SOCIO SANITARI Giuseppe Moscati Via Urbano II - Salerno - Tel. 089253151 Fax 089253794 Codice Fiscale: 80023220652 Codice Meccanografico: SARF04000N

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE Giuseppe Clerico, Università del Piemonte orientale, Facoltà di Giurisprudenza, Dipartimento di Scienze giuridiche ed economiche Negli ultimi cinquantanni

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA PROGETTO IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA Anno 2010 1 Progetto In-Contro Nuovi spazi di comunicazione. Percorsi di partecipazione giovanile

Dettagli

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune REGIONANDO 2001 Parte 1: Anagrafica REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune Titolo del Progetto: Aspetti di qualità della vita nel Comune Amministrazione

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

Viale Trastevere, 251 Roma

Viale Trastevere, 251 Roma PROGETTO SPORTELLO DI ASCOLTO ATTIVITA DI COUNSELING PSICOLOGICO RIVOLTO AGLI STUDENTI, INSEGNANTI E FAMIGLIE ISTITUTO SAN GAETANO Viale Trastevere, 251 Roma ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Una proposta a cura

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma

Comune di Morlupo Provincia di Roma Prot. n. 8942 Morlupo, 27/07/12 OGGETTO: Attività sportive e culturali a favore di minori in età evolutiva provenienti da famiglie multiproblematiche e/o a rischio di devianza e minori disabili. PREMESSA

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli

Processi e strumenti di valutazione

Processi e strumenti di valutazione Processi e strumenti di valutazione Outcome,, Verona 19 dicembre 2006 Augusto Consoli Dipartimento Patologia delle Dipendenze Asl 4 di Torino Alcuni interrogativi sulla valutazione nei servizi Si valuta

Dettagli

I Martedì della Scuola

I Martedì della Scuola I Martedì della Scuola Dipartimento di Medicina e Sanità pubblica Sezione di Medicina legale Bologna, 27 marzo 2007 MILA FERRI Regione Emilia-Romagna LUISA GAROFANI Azienda Usl di Ferrara Coordinamento

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 MARKETING SOCIALE Il Marketing Sociale è l'utilizzo delle strategie e delle tecniche del marketing per influenzare un gruppo target ad accettare, modificare o abbandonare

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano

Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano Premesso che il PNP individua tra gli obiettivi di salute la promozione di uno stile di vita attivo da

Dettagli

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 www.ibs.it www.bol.it Di Gianluigi Mangia estratto Negli ultimi decenni si è realizzato un profondo cambiamento

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Misurare il benessere: La cultura, elemento fondamentale Annalisa Cicerchia. 29 Gennaio 2014

Misurare il benessere: La cultura, elemento fondamentale Annalisa Cicerchia. 29 Gennaio 2014 Misurare il benessere: La cultura, elemento fondamentale Annalisa Cicerchia 29 Gennaio 2014 Il Benessere Equo e Sostenibile Il progetto Istat-Cnel BES - Benessere equo e sostenibile» è un contributo al

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello

Dettagli

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI La contabilità ambientale: uno strumento per la sostenibilità La contabilità ambientale può essere definita come un sistema

Dettagli

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi 1 Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi INTRODUZIONE L Associazione Family Time nasce con l obiettivo di offrire un contributo alla tutela dei minori e delle loro famiglie.

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

Comportamento del cliente

Comportamento del cliente Comportamento del cliente Obiettivi conoscitivi Inquadrare l analisi del comportamento del cliente nelle diverse prospettive disciplinari che hanno affrontato l argomento Comprendere la sequenza delle

Dettagli

Pronto intervento ambientale: le professionalità necessarie per gestire l inaspettatol AIG Europe Limited e Norton Rose Fulbright Ing. Claudia Ferrari Regione Emilia Romagna Direzione Generale Ambiente

Dettagli

F.I.S.M. - FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Per la Provincia di Arezzo. Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia

F.I.S.M. - FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Per la Provincia di Arezzo. Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia Formazione Insegnanti a.s. 2014-2015 «[ ] perché l intelligenza funzioni, occorre un motore che sia affettivo. Non si cercherà mai di risolvere un problema

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI

Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI Non posso cambiare la direzione del vento, ma posso sistemare le vele in modo da poter raggiungere la mia destinazione IL COUNSELING

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO Fabio Voller Alice Berti Settore Sociale Osservatorio di Epidemiologia Presentazione del volume GAP - Il gioco d azzardo patologico Orientamenti per la prevenzione e la

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ?

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? L'attuale complessità sociale e l'affermazione di nuovi modelli socio-economici e culturali hanno portato dei notevoli cambiamenti nella scuola e nella famiglia.

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE.

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. MEDICINA PREVENTIVA Branca della Medicina che, mediante il potenziamento

Dettagli

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta Valeria Aquaro E essenzialmente un attività di AIUTO, con proprie e specifiche caratteristiche. Si è sviluppata a partire dagli anni 60 come fenomeno sociale

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Operatore socio-sanitario. Standard

Operatore socio-sanitario. Standard Operatore socio-sanitario Standard Settore: Socio sanitario e pubblica amministrazione Indirizzo: Pova finale unificato o con criteri unificati: Sì Comparto: Attività di erogazione di servizi socioassistenziali

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE ANALISI dei BISOGNI Compito istituzionale della Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori (LILT) è la PREVENZIONE, considerata nelle sue tre valenze: PRIMARIA,

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Lucio Galdangelo - Fieramilano 02/10/2014 Come cambierà la norma ISO 9001 2015 ISO 9001:2015 2012 New Work Item Proposal per

Dettagli

A QUALI PROBLEMI FUNZIONALI RISPONDE, NEL SUO INSIEME, IL RIPETUTAMENTE DESCRITTO SISTEMA DEI SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA?

A QUALI PROBLEMI FUNZIONALI RISPONDE, NEL SUO INSIEME, IL RIPETUTAMENTE DESCRITTO SISTEMA DEI SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA? ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 1 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n.

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Gabriella Geraci La comunicazione La comunicazione serve per trasmettere delle informazioni per mezzo di messaggi

Dettagli

Istituto Albert di Lanzo

Istituto Albert di Lanzo Istituto Albert di Lanzo Profilo Quadro orario Prospettive di studio e occupazionali www.istituto-albert.it Profilo del Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: aver acquisito le conoscenze

Dettagli

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA Premesso che - dalla Legge n. 220 del 13 dicembre 2010, emerge la necessità che il Ministero dell Economia

Dettagli

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità

DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità DG Prevenzione Sanitaria Ufficio VII Lavori in corso sul sistema disabilità Presso la Conferenza Unificata fra lo Stato, le Regioni, le Province Autonome e le Autonomie Locali era stato istituito, nel

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

L IMPATTO SOCIO-ECONOMICO DELLA DEPRESSIONE NEI PAESI DELL UNIONE EUROPEA

L IMPATTO SOCIO-ECONOMICO DELLA DEPRESSIONE NEI PAESI DELL UNIONE EUROPEA L IMPATTO SOCIO-ECONOMICO DELLA DEPRESSIONE NEI PAESI DELL UNIONE EUROPEA PART T Parte Tecnica 1. Background La depressione è ormai uno dei principali problemi in materia di salute pubblica. L Organizzazione

Dettagli