STUDI E RICERCHE DALLA DRUG ADDICTION AL BENESSERE DELL INDIVIDUO QUALE FENOMENO SOCIO-AMBIENTALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDI E RICERCHE DALLA DRUG ADDICTION AL BENESSERE DELL INDIVIDUO QUALE FENOMENO SOCIO-AMBIENTALE"

Transcript

1 STUDI E RICERCHE DALLA DRUG ADDICTION AL BENESSERE DELL INDIVIDUO QUALE FENOMENO SOCIO-AMBIENTALE di Giovanni Pieretti, Enzo Grossi Premessa Il tema della dipendenza è da tempo argomento d interesse a livello pubblico e privato, dato il tratto di criticità che tale elemento induce nell individuo, sia a livello sociale che economico. In generale il fenomeno della dipendenza è ascrivibile a due dimensioni principali, la dipendenza indotta da un comportamento reiterato, come nel caso del gioco o da media digitali, e quella derivante dall assunzione di una o più sostanze (in un certo tempo e luogo legali od illegali) con effetti psicotropi. Se in entrambi i casi si può assumere quale dinamica d innesco della dipendenza il coinvolgimento di neuro trasmettitori e recettori, profondamente diversa ne è però, nel caso di assunzione di sostanze, la modalità di attivazione, le soglie di criticità, la modalità di dosaggio che promuovono nell individuo l avvio della dipendenza. Seguendo tale impianto teorico, le definizioni proposte dalla maggiore istituzione internazionale in tema di salute come l OMS (WHO: la dipendenza patologica è una malattia, cronica e recidivante), risultano certo non esaurienti e meritano di essere confutate. La dipendenza patologica non è una malattia, non è cronica (non nell accezione corrente) e non è (necessariamente) recidivante. Nel contempo anche per le dipendenze patologiche risultano sempre valide le considerazioni di Talcott Parsons (1975) nel famosissimo The Sick Role and the role of the Physician Reconsidered, in particolare quanto alla devianza involontaria. Focalizzando l attenzione sulla dipendenza e la relazione con le sostanze psicotrope, è possibile verificare come questo tipo di sostanze promuovano nel soggetto che le utilizza due diverse tipologie dipendenti: la dipendenza di tipo fisico, che è caratterizzata da possibili disturbi, spasmi o comportamenti incontrollati, quando ad esempio venga meno l utilizzo di tali sostanze. A questa si associa un livello più profondo di dipendenza, di Università di Bologna, Fondazione Bracco Sociologia urbana e rurale n. 106,

2 Pieretti, Grossi natura psichica e psicologica, che può essere anche causa dell avvio di tale dinamica (Bottura, Dondi, 2014). In questo caso l individuo ricerca la possibilità di estraniarsi dalla realtà circostante, ad esempio dall ambiente, per ragioni oggettive e/o soggettive, in un processo nel quale l utilizzo di sostanze di natura psicotropa diviene la piattaforma ideale per entrare in un possibile mondo ideale, privo di condizionamenti o limiti (Olievenstein, 1981). La dipendenza di matrice psichica è spesso correlata all esistenza di disturbi afferenti alla dimensione cognitiva e comportamentale dell individuo (DSM V), oppure essere indotta dall essere parte - vivere ed operare - di un ambiente in cui sono presenti condizioni per l attivazione, come, a puro titolo esemplificativo, modelli di vita rapportati a fenomeni di devianza famigliare o sociale, degrado territoriale, crisi economica, povertà relazionale. Se gli elementi descritti possono concorrere a innescare fenomeni di dipendenza, altresì si configurano quali fattori di rischio, divenendo potenziali determinanti su cui agire per la costruzione di una politica di welfare, la cui matrice è costituita dalla qualità dell ambiente sociale, economico e culturale del territorio. Fino ad ora l attenzione dei policy makers in relazione alle strategie di riduzione del rischio dalla dipendenza da sostanze psicotrope, è stata guidata ex-ante da possibili elementi normativi, quali leggi, regolamenti e/o azioni di prevenzione informativa nella società sui rischi derivanti dall acquisto ed uso di tali sostanze, oppure ex-post attraverso l impiego dei servizi di natura pubblica, ad esempio detentivi o collegati alla dimensione della sanità e/o socio-assistenziali. Nella realtà emerge con sempre maggiore evidenza il valore dell ambiente nel quale un individuo vive ed opera al fine di prevenire il fenomeno della dipendenza, laddove la qualità dell ambiente diviene il possibile strumento per una politica anche e soprattutto a carattere pro-attivo nei confronti dei fenomeni di marginalità e dipendenza. In questa prospettiva gli studi illustrano come tra i determinanti che contribuiscono in maniera sostanziale alla qualità della vita degli individui, i fattori di natura relazionale rivestano una funzione preminente nella composizione della salute psichica e fisica delle persone, ed in particolare gli elementi di natura culturale (consumo, partecipazione) e comunitari (associazioni di volontariato e di vicinato), che fungono da ideali connettori attraverso i quali l individuo è in grado di configurare - e sentirsi parte di - una rete di relazioni a cui poter attingere per l appropriazione di valori, significati e norme per la propria vita. È quindi su tali aspetti che le politiche di contrasto del fenomeno della dipendenza dovrebbero concentrarsi, nell attenzione a strategie di preven- 90

3 Dalla drug addiction al benessere dell individuo quale fenomeno socio-ambientale zione che valorizzino la qualità sociale territoriale quale strumento di prevenzione del disagio. Si tratta quindi di passare da un approccio di tipo tecnico meccanicistico ad una prospettiva collegata alla correlazione territorio e benessere dell individuo, un cambio di paradigma in grado di produrre notevoli benefici sia per quanto concerne la riappropriazione da parte degli individui della propria posizione sociale e del senso della comunità, sia per quanto interessa la spesa pubblica per l assistenza erogata, nelle dimensioni della salute e dei servizi sociali, la quale potrebbe beneficiare di consistenti risparmi e ri-allocazione di risorse verso un programma di prevenzione attraverso la valorizzazione socio-territoriale, localizzata e community - based. Il presente contributo di carattere fondativo intende promuovere un nuovo percorso di ricerca ed approfondimento rispetto al tema della dipendenza, che sarà approfondito attraverso successive analisi empiriche, e che intende suscitare un potenziale dibattito e confronto sia con gli operatori professionali sia con i vari stakeholder a vario titolo conivolti nel fenomeno delle dipendenze. 1. Il benessere dell individuo, una prospettiva d insieme Nel corso degli ultimi trent anni, le indagini inerenti la qualità della vita degli individui, ovvero quali siano gli elementi che contribuiscono a far stare bene a livello di benessere una persona, hanno presentato tre gradi di sviluppo conseguenti agli approfondimenti realizzati. Tra gli anni 70 ed 80, l attenzione è stata prevalentemente diretta a verificare l incidenza delle variabili endogene individuali quali età, impiego, genere ed educazione in quanto considerate elementi prioritari rispetto all analisi della percezione del benessere nell individuo. Partendo da un approfondimento puntuale, uno dei temi maggiormente investigati è stato la relazione tra reddito e benessere delle persone. Su questo piano, si segnala in particolare lo studio condotto da Easterlin (Easterlin, 2000), in cui l autore effettua una revisione delle ricerche e survey sul tema a partire dagli anni 80, portando in evidenza come la percezione di benessere sia direttamente correlata alla crescita del reddito, ma solo fino al raggiungimento di una soglia identificabile nel corrispettivo economico necessario affinché l individuo possa trovare risposta alle necessità e bisogni primari (Blachflower, Oswald, 2002). Ulteriormente a livello invece complessivo e non puntuale come nel caso precedente Diener (1994) ha permesso di verificare possibili relazioni significative tra il benessere di un individuo e le determinanti endogene precedentemente descritte, illustrando inoltre come esista una possibile causalità tra 91

4 Pieretti, Grossi stati d animo percepiti, condizione sociale e comportamento dell individuo nella società. Questo studio porta in evidenza un dato che sarà approfondito nelle fasi successive d indagine, ovvero l influenza delle varie dimensioni del territorio sui meccanismi sociali e salute degli individui. La fase successiva, idealmente collocabile negli anni 90, ha approfondito gli studi condotti, verificando come gli elementi precedentemente descritti siano solo una parte dei fattori che configurano il paniere complessivo delle variabili da considerare nella sfera del benessere individuale. In questa seconda fase le ricerche hanno quindi cercato di comprendere il contributo delle determinanti sia di natura endogena sia esogena all individuo. Nel primo caso, variabili endogene, l attenzione è andata a focalizzarsi su aspetti propri della persona o creati dalla relazione tra questi, come ad esempio il reddito, il capitale umano e sociale, le informazioni, la salute. Nel secondo caso le variabili soggette ad indagine sono state la natura, le tecnologie, la popolazione, valori e norme, le istituzioni, l economia, ovvero all influenza delle componenti ambientali e territoriali sul benessere dell individuo. Aderendo a tale modello teorico-interpretativo, Frey e Schutzer (2002) hanno portato in evidenza come alcune variabili endogene classiche (età, posizione lavorativa, competenze e titolo di studio) abbiano nell individuo un peso relativo nella definizione del concetto di benessere, e come le variabili esogene collegate, ad esempio, a dinamiche relazionali, ovvero alla presenza di luoghi ed occasioni di socializzazione, rivestano un peso crescente, soprattutto nei paesi economicamente più sviluppati. Ulteriormente Ryan e Deci (2001), attraverso gli studi condotti illustrano come la percezione di benessere sia correlata alle abilità e capacità di cui una persona è dotata, e quindi al grado di potenziale funzionamento nell ambiente, insieme alle opportunità di auto-realizzazione che un soggetto può trovare nel territorio, ovvero alla qualità dell ambiente socioeconomico in cui vive ed opera. La terza fase, la più recente, ha concentrato l attenzione rispetto alle attività e ruoli dell individuo nella realtà, e le variabili sottoposte ad analisi sono state il lavoro, la famiglia, gli amici, l attività civica e hobby, i processi di consumo. Tale approccio ha approfondito elementi di particolare interesse nella costituzione del benessere individuale, come la sicurezza, sentimenti ed appartenenza, in aggiunta agli aspetti collegati alla rappresentazione individuale come la stima e la psicologia. In questo senso, gli studi hanno chiarito ancora meglio come siano i bisogni e le necessità di matrice relazionale, quelli che presentano la maggiore incidenza sul benessere dell individuo. Tra gli studi maggiormente esaustivi si segnalano quelli condotti da Grossi (et al., 2012) che hanno investigato la relazione tra le 92

5 Dalla drug addiction al benessere dell individuo quale fenomeno socio-ambientale attività condotte nel tempo libero e la qualità della vita percepita dagli individui. Attraverso un indagine condotta su un campione rappresentativo della popolazione italiana, gli autori hanno evidenziato come ci sia una diretta correlazione tra attività di matrice culturale, ricreativa e sociale che un individuo svolge, ed il livello di salute sia fisica che psicologica, soprattutto laddove queste attività abbiano un corrispettivo di utilità per l individuo non afferente alla dimensione economica ma relazionale, ovvero dove siano attivate pratiche di connessione e conoscenza tra le persone. Seguendo tale filone di sviluppo, Tavano Blessi (et al., 2014) hanno effettuato un approfondimento del tema, allo scopo di comprendere quali tra le attività afferenti alle dimensioni precedenti producano un maggiore beneficio in termini di benessere nell individuo. Lo studio ha portato in evidenza come siano proprio le attività riconducibili a formule relazionali, alla costruzione di connessioni tra gli individui, quelle in grado di promuovere gli effetti maggiori sul benessere delle persone, soprattutto laddove sono correlate ad un sistema locale di offerta integrata, ovvero ad un territorio infrastrutturato in termini di iniziative ed eventi, tali da condurre alla costruzione di beni relazionali (Gui, 1996). Uno studio di assoluto interesse sul ruolo dell ambiente rispetto al benessere degli individui proviene da Keyes (2010). L autore dimostra come la presenza/assenza di malattie sia solo un indicatore parziale rispetto alla misurazione del grado di salute di una persona, verificando come in assenza di una strategia di effettivo miglioramento delle condizioni di benessere, che l autore identifica nella capacità di auto-realizzazione e nella presenza di un humus sociale propositivo, gli individui saranno più propensi ad innescare patologie di natura mentale e devianze (alcolismo, uso di sostanze stupefacenti). Keys rimarca inoltre come le terapie sanitarie adottate siano scarsamente efficaci in termini terapeutici laddove non venga presa in seria considerazione l inserimento del trattamento terapeutico all interno di un quadro complessivo d intervento che preveda quali strumenti d azione anche l ambiente e le opportunità di sviluppo che la realtà può fornire ad una persona. Il modello delineato quindi distingue due grandi categorie di soggetti, coloro che rientrano nella tipologia definita Languishing, ovvero che languiscono in uno stato non consapevole di malessere conclamato, ma in realtà soggette a questo stato e alla conseguente perdita di qualità sociale, e Fluorishing, coloro che invece fioriscono e si muovono verso una crescita del livello di benessere e salute, in cui la variabile di sviluppo individuale divengono la qualità sociale e dell ambiente ove vivono ed operano. Keys delinea quindi la possibile strategia per la salute delle persone, ovvero ampliare le capacità di realizzazione dell individuo, agendo affinché sia possi- 93

6 Pieretti, Grossi bile generare un percorso di sviluppo del territorio in grado di fornire i canali di sbocco per l effettiva realizzazione delle persone, una strategia utile tra l altro a diminuire la spesa pubblica nei settori della sanità e servizi socio-assistenziali sia ex-ante che ex-post l insorgenza di fenomeni di malessere. Le ricerche hanno quindi portato a coagulare le variabili identificate al fine di ottenere un quadro concettuale analitico unitario, dal quale scaturisce come sia il territorio, nelle sue varie dimensioni, a divenire il principale vettore per la qualità della vita degli individui. È proprio sul territorio con riferimento agli spazi maggiormente antropizzati come le aree urbane, che negli ultimi anni le ricerche hanno posto attenzione alla relazione tra ambiente e benessere degli individui. In particolare due studi di Ballas (2013) e Florida (2013) illustrano con dovizia di dati come la qualità dell ambiente urbano sia elemento portante per la promozione del benessere e della salute degli individui. Ulteriormente, a livello di valutazione della relazione tra patrimonio urbano, inteso quali infrastrutture ed ambiente naturale, un recente articolo ha permesso di verificare il collegamento tra aree verdi, parchi, giardini e benessere degli individui, quale possibile piattaforma di relazionalità tra gli individui (Pieretti et al., 2012). Emerge quindi con sempre maggiore evidenza la funzione delle risorse socio-territoriali nella costruzione del benessere delle persone, ma anche e soprattutto il ruolo di piattaforma per un welfare comunitario in grado di configurare la rete di protezione dell individuo dall insorgenza di fenomeni dipendenti, in particolare quelli derivanti dall assunzione di sostanze psicotrope. 2. Per un approccio ermeneutico: liberalizzare il dibattito Quanto sostenuto assume particolare significato per oltrepassare, riguardo al tema delle dipendenze patologiche, contrapposizioni obsolete quali liberalizzazione vs proibizione delle sostanze d abuso. Il tema delle dipendenze può essere affrontato sia dal punto di vista scientifico sia da quello del senso comune, inserendolo direttamente nell ampia cornice della Public Health, per sua natura attenta al ruolo del territorio. I riferimenti normativi, stando al nostro paese, stanno naturalmente nell art. 32 della Carta Costituzionale, nella legge n. 833/78 e nella legge n. 328/2000, mentre il riferimento più ampio è da ricercarsi nel diritto sociale europeo (Santuari, 2014). Se il centro dell interesse è la salute del cittadino, numerose sono le sostanze, legali, semilegali ed illegali ad interessare, così come comportamen- 94

7 Dalla drug addiction al benessere dell individuo quale fenomeno socio-ambientale ti compulsivi e coatti (gioco d azzardo patologico, per tutti) che tuttavia, tramite la neuroradiologia per immagini, è doveroso considerare come vere e proprie sostanze (ovviamente non chimiche) d abuso (Cambria, 2004). In questo quadro è da considerare che il numero di soggetti coinvolti nelle dipendenze patologiche, se si considerano anche le sostanze non illegali e le sostanze-non sostanze (le addictions non chimiche), come potremmo chiamarle, in questo periodo storico nel nostro paese, assommano numeri tanto inquietanti quanto non facilmente approssimabili se non con stime o, come si è usi, tramite survey. Dall uso indiscriminato di benzodiazepine (e dalla prescrizione easy delle medesime) all alcol, giusto per citare le evidenze meno discutibili, al dilagare del gioco d azzardo in tutte le fasce della popolazione italiana (circa 1500 euro pro-capite per anno, secondo autorevoli stime), la quantità di popolazione italiana in grado di affrontare la vita senza cogenti forme di addiction è in vistosa crescita. Non è peraltro chi non veda il prevalere inevitabile di un atteggiamento di consumo nel cercare di risolvere, attutire o mitigare ogni difficoltà della vita tramite il ricorso all addiction. La logica compulsiva tossicomanica ben si sposa con il sistema inespresso di calcolo dei costi di schumpeteriana memoria, ovvero il principio cardine dell utilitarismo ( massimo risultato con il minimo sforzo ). Siamo soliti considerare sostanze d abuso le droghe tradizionali, per molti versi con giusta ragione. Il dibattito langue, da oltre trent anni, pertanto, intorno a politiche proibizioniste o antiproibizioniste. La legislazione in materia, nel corso degli anni, ha subito modificazioni che, in ogni caso, sono state influenzate dal prevalente problema delle sostanze d abuso illegali. Così le politiche messe in campo si sono concentrate prevalentemente sulle sostanze illecite anche dal punto di vista delle strategie di prevenzione (peraltro quasi assenti negli anni più recenti). Gli stessi media appaiono attenti ad una lettura del problema delle dipendenze patologiche che si concentra sulle sostanze d abuso illecite e più diffuse in determinati ambienti sociali. Nel frattempo, cioè dagli anni Settanta, le cose si sono complicate e le abitudini più o meno direttamente tossicomaniche si sono diffuse in strati vastissimi della popolazione, anche quelli che non hanno mai assunto sostanze illegali. All alcolismo si sono aggiunti, in modo subdolo e massiccio, gli psicofarmaci, in particolare le benzodiazepine, finendo per estendersi a ogni strato sociale e ad ogni fascia d età. Il farmaco più venduto in Italia, esclusi i farmaci da banco ed i salvavita, è appunto una nota benzodiazepina, prescritta con sorprendente leggerezza ed assunta con tranquillo 95

8 Pieretti, Grossi stato d animo. I comportamenti tossicomanici, compulsivi e coatti, toccano ormai una gran parte della popolazione, a partire da addictions non tradizionali ma non per questo ugualmente produttive di danni non tanto collaterali. 3. Dipendenze e benessere: verso una tassonomia d insieme Come delineato nelle sezione precedenti, il fenomeno delle dipendenze può essere ricondotto all interno di due fondamentali modelli: il modello definito come neurobiologico, ovvero collegato alle necessità di tipo psichico e psicologico, e il modello di matrice bio-comportamentale, laddove la presenza di un determinato ambiente, in termini di caratteristiche territoriali, diviene un potenziale elemento di predisposizione, in senso causale rispetto ai fattori di rischio individuali, per il successivo utilizzo di sostanze di natura psicotropa. È spesso difficile identificare gli elementi di causa - effetto in tale processo, ovvero promuovere un ideale ranking degli elementi puntuali, come da esempio condizione sociale e/o famigliare, relazioni, crisi economica solo per citarne alcune in riferimento alla dimensione biocomportamentale innescanti tale dinamica. Si rende però necessario quanto meno promuovere una chiara evidenza dei fattori ambientali, sia di rischio sia difensivi, in grado di proteggere l individuo dall insorgenza di tale problematica, in questo precedendo dalla comprensione dei meccanismi che fungono da base per la dipendenza dalle sostanze psicotrope, per quindi successivamente evidenziare quali siano gli elementi ambientali in grado di frapporsi in tali dinamiche sia ex-ante sia ex-post. Un soggetto che assume una sostanza psicotropa effettua un esperienza che genera uno stato di gratificazione che, riconosciuto dai circuiti cerebrali, renderà più semplice il ripetersi dell evento. La dipendenza è quindi il risultato dell interazione tra gli impatti di natura fisiologica che una sostanza attiva nel cervello dell individuo, insieme a cause definibili intrinseche dell individuo, presenti ex-ante la somministrazione, come nel caso delle motivazioni ed emozioni. Ecco emergere quindi un dato d analisi su cui basare le possibili strategie sia di prevenzione sia di cura ex-post, ovvero le aree collegate alle motivazioni ed emozioni, che sono anche identificabili come indicatori della possibile efficienza dell individuo in termini di autorealizzazione, tutti elementi che hanno una profonda relazione con l ambiente, ovvero con le opportunità di costruzione di un individuo che un territorio è in grado di fornire. Partendo dall accezione del benessere di una persona, è possibile osservare come questa condizione sia espressione più 96

9 Dalla drug addiction al benessere dell individuo quale fenomeno socio-ambientale generale rispetto alla mera risposta ai bisogni primari attraverso il mercato, e sia correlata prevalentemente con due dimensioni: - la capacità di realizzare i propri obiettivi; - la presenza delle condizioni ambientali in grado di fornire tali opportunità di realizzazione. Il principio generale su cui si fonda questa teoria è collegata al concetto di libertà di Sen (2000), che partendo dall idea di libertà negativa cara a Isaiah Berlin (Berlin & Ricciardi, 2000) analizza qual è il possibile perimentro di elementi attraverso i quali un soggetto (una persona o una collettività) può operare al fine di fare o di essere ciò che è senza interferenze e condizionamenti, dirige l attenzione sul risultato della relazione tra opportunità ed ambiente in prospettiva di sviluppo del benessere degli individui. Sen illustra come la libertà delle persone sia composta da due concetti fondamentali che sono il funzionamento (human functioning) e le capacitazioni (capabilities). Il concetto di funzionamento riguarda ciò che una persona può desiderare - in quanto gli dà valore - di fare o di essere. I funzionamenti a cui viene riconosciuto valore vanno dai più elementari, come l essere nutrito a sufficienza, essere libero inteso quale possibilità di liberta versus sfruttamento, vivere in un ambiente sano e non inquinato, avere opportunità di crescita sociale e professionale, a condizioni personali molto complesse come l avere rispetto di sé (autostima) e motivazioni. La capacitazione di una persona non è che l insieme delle combinazioni possibili di funzionamenti che essa è in grado di realizzare. È dunque una sorta di libertà: la libertà effettiva di comporre più combinazioni alternative di funzionamenti, ovvero di modificare e realizzare più stili di vita. Mentre la combinazione dei funzionamenti effettivi di una persona rispecchia la sua riuscita reale, l affrancamento dagli impedimenti, l insieme delle capacitazioni rappresenta la sua libertà di riuscire, le composizioni alternative di funzionamenti tra cui l individuo può scegliere all interno della realtà in cui vive ed opera. Laddove mancano queste opportunità, ovvero il territorio non sia in grado di fornire adeguati supporti a tale processo di sviluppo, vengono meno le condizioni per un effettivo stato di benessere delle persone, con profonde ripercussioni in termini di impatti sul funzionamento sociale e disagio, che potenzialmente può sfociare in fenomeni di marginalizzazione e dipendenza. In tale prospettiva, gli elementi ambientali divengono quindi potenziali determinanti dell insorgenza della dipendenza, collegati alla presenza di degrado sociale, povertà, instabilità, cultura sociale, carente presidio del territorio da parte delle istituzioni sia rispetto, ad esempio, alla dimensione formativa (educazione, formazione, lavoro), assistenziale, e di sicurezza 97

10 Pieretti, Grossi nonché alla prevalenza di determinati modelli di sviluppo. A questi si associano poi potenziali determinanti soggettivi, ovvero individuali, come descritti in precedenza, che vengono ad essere amplificati dalla correlazione con la qualità del territorio rispetto alle dimensioni citate. Non bastano quindi la presenza in un individuo di caratteristiche come, ad esempio, abilità sociali, competenze, comportamenti autoprotettivi, interesse verso il proprio benessere, resistenza alla pressione sociale, per configurare un adeguato livello di benessere in grado di prevenire e/o definire strategie per la cura dalla dipendenza. Se certamente questi fattori sono una base di partenza importante, è il confronto con la realtà dove un soggetto vive ed opera, ovvero con l ambiente, a divenire la piattaforma in grado di amplificare le potenzialità e le caratteristiche di un individuo. In questa direzione quindi, gli elementi protettivi che un territorio può fornire riguardano ad esempio la possibile situazione economica e lavorativa, l essere parte di un gruppo e quindi integrazione nel tessuto sociale, ulteriormente la presenza dei cosiddetti life events che se di matrice positiva sono in grado di definire le condizioni per aiutare l individuo a prevenire l insorgenza degli elementi che possono condurre alla necessità di attingere a sostanze psicotrope per uscire da una dimensione ambientale scarsamente soddisfacente, carente in termini di opportunità e mancante degli elementi in grado di valorizzare una persona rispetto alla crescita delle capabilities individuali. Ecco quindi emergere con chiarezza come la qualità del territorio, in tutte le sue dimensioni (economica, sociale, ambientale, culturale) quale strumento di prevenzione e trattamento a livello individuale, nella direzione di sviluppare il benessere di una persona e protezione dall insorgenza della dipendenza. Conclusioni Le ricerche nel settore delle scienze sociali hanno dimostrato che gli individui hanno tanto bisogni materiali quanto bisogni relazionali. Mentre la quasi totalità dei primi possono essere soddisfatti attraverso attività collegate al mercato, per giungere alla soddisfazione dei secondi è richiesto necessariamente la presenza di due elementi, ovvero il coinvolgimento di altre persone, e dunque una qualche forma di partecipazione sociale, insieme alla possibilità di realizzare le proprie capacità in un ambiente che fornisca le opportunità per il miglioramento delle condizioni di vita, lavoro e relazione dell individuo. Le società contemporanee, soprattutto quelle dei paesi occidentali, hanno portato i bisogni materiali ad un inedito e particolarmente 98

11 Dalla drug addiction al benessere dell individuo quale fenomeno socio-ambientale elevato livello di soddisfazione. È più difficile affermare che questo modello di sviluppo abbia generato un analogo andamento anche per ciò che riguarda i bisogni relazionali e delle opportunità di sviluppo effettive (non materiali) degli individui. Da tempo, quindi, è in atto un dibattito che con sempre maggiore insistenza vuole promuovere nuovi indicatori che possano raffigurare il benessere di un individuo e del territorio, che tengano in considerazione una serie di variabili diverse dalla mera dimensione economica, come ad esempio la disponibilità di tempo libero, la salute, l educazione, i modelli culturali, la qualità della vita comunitaria ed in famiglia, la tutela delle caratteristiche locali, la conoscenza, il benessere psicologico. Sono questi gli elementi su cui un individuo valuta il suo stato di benessere e la qualità della vita, che in caso di assenza divengono la causa scatenante di malessere e possibili patologie come nel caso della dipendenza da sostanze psicotrope. Ecco quindi in quale direzione dovrebbe essere indirizzata l attenzione delle politiche di welfare per le dipendenze, verso la promozione del benessere, parola che deve essere intesa quale risultato dell integrazione della dimensione sociale e di quella della sanità e inserita nel campo della Public Health. Si tratta di un cambio radicale di paradigma, uno spostamento dell attenzione e dell intervento dalla dimensione ex-post a quella ex-ante, ricercando le condizioni ottimali per lo sviluppo di un individuo. È questa una nuova prospettiva pro-attiva per la salute delle persone, correlata al concetto di sostenibilità dei processi di sviluppo delle società, in particolare quelle maggiormente industrializzate, che se adottata può divenire una lungimirante strategia indirizzata a promuovere l incremento del benessere a livello individuale e collettivo, producendo al contempo un risparmio in termini economici rispetto ai servizi di prevenzione e trattamento delle dipendenze, quali che siano, come fino ad ora pianificati. Riferimenti bibliografici Easterlin R.A. (2000). Income and Happiness: Towards a Unified Theory. The Economic Journal, 473, doi: / Ballas D. (2013). What makes a happy city? Cities, 32, doi: /j.cities Berlin I., Ricciardi M. (2000). Due concetti di libertà. Milano: Feltrinelli. Blanchflower D.G., Oswald A.J. (2002). Well-being over time in Britain and the USA. Journal of Public Economics, 7-8, doi: /S (02) Bottura N., Dondi M. (2014). Tracce di emozioni: L ascolto e la parola nella Comunità Terapeutica Educativa. Mantova: Universitas Studiorum. 99

12 Pieretti, Grossi Cambria S. (2004). Tossicodipendenza e servizio sociale. Elementi di psichiatria delle tossicodipendenze. Milano: FrancoAngeli. Diener E. (1994). Assessing subjective well-being: Progress and opportunities. Social Indicators Research, 2, doi: /BF Florida R., Mellander C., Rentfrow P.J. (2013). The happiness of cities. Regional Studies, 4, doi: / Frey B., Schutzer L., (2000). Happiness and Economics. Princeton: Princeton University Press. Grossi E., Tavano Blessi G., Sacco P.L., Buscema M. (2012). The interaction between culture, health and psychological well-being: Data mining from the Italian culture and wellbeing project. Journal of Happiness Studies, 1, doi: /s x Gui B. (1996). On relational goods : strategic implications of investment in relationships. International journal of social economics, 23, 10/11, doi: / Keyes C.L. (2010). Flourishing. New York: John Wiley & Sons, Inc. Olievenstein C. (1981). La presa in carico dell adolescente tossicomane. Archivio di psicologia, neurologia e psichiatria, 3-4, Parsons T. (1975). The sick role and the role of the physician reconsidered. The Milbank Memorial Fund Quarterly. Health and Society, doi: / Pieretti G., Grossi E., Ferilli G., Tavano Blessi G. (2012). Aree urbane, ambiente naturale e benessere. Il caso della città di Milano. Sociologia Urbana e Rurale, 99, doi: /SUR Ryan R.M., Deci E.L. (2001). On happiness and human potentials: A review of research on hedonic and eudaimonic well-being. Annual review of psychology, 1, doi: /annurev.psych Santuari A. (2014). I servizi sociali e socio-sanitari nel contesto europeo. In Sesta M. (Ed.). L erogazione della prestazione medica tra diritto alla salute, principio di autodeterminazione e gestione ottimale delle risorse sanitarie. Milano: Maggioli. Sen A. (2000). Sviluppo è liberta. Milano: Mondadori. Tavano Blessi G., Grossi E., Pieretti G., Sacco P.L., Ferilli G. (2014). Cultural Participation, Relational Goods and Individual Subjective Well-Being: Some Empirical Evidence. Review of Economic & Finance, 4,

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Sostanze prescritte dai medici. Sostanze dopanti. Droghe, nel linguaggio comune. Alcool etabacco. Strumentali o terapeutiche.

Sostanze prescritte dai medici. Sostanze dopanti. Droghe, nel linguaggio comune. Alcool etabacco. Strumentali o terapeutiche. Droga: ogni sostanza dotata di azione farmacologica psicoattiva, la cui assunzione provoca alterazioni dell umore e dell attività mentale. Una classificazione sociologica: Legali Illegali Strumentali o

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

SOMMARIO. Editoriale 5. Messaggio del Direttore Generale 10. Schema del rapporto 12

SOMMARIO. Editoriale 5. Messaggio del Direttore Generale 10. Schema del rapporto 12 SOMMARIO Editoriale 5 Messaggio del Direttore Generale 10 Schema del rapporto 12 1. La salute mentale come parte della salute pubblica 17 Introduzione 17 Comprensione della salute mentale 19 I progressi

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile Geographical Views On Education For Sustainable Development Simposio regionale dell Unione Geografica Internazionale- Commissione sull Educazione Geografica 29-31 luglio 2007. Lucerna, Svizzera 2007. IGU

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Droga: ma il problema dov è?

Droga: ma il problema dov è? DROGA: MA IL PROBLEMA DOV È? 7 1 Droga: ma il problema dov è? 1.1 Un problema complesso È noto come il fenomeno dell uso e della diffusione di sostanze stupefacenti soprattutto nella fascia d età che tradizionalmente

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli