LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA LEZIONE XII ISAAC NEWTON PROF. FABIO SELLER

2 Indice 1 Vita I Principia mathematica L ottica Il metodo scientifico di 10

3 1 Vita Isaac Newton nacque a Woolsthorpe, nel Lincolnshire (Inghilterra) il giorno di Natale del Orfano di padre (era morto tre mesi prima della sua nascita), a tre anni fu affidato alle cure della nonna materna quando la madre si risposò. Nel 1653 il patrigno di Newton morì, lasciandogli una cospicua eredità che gli consentì di pagarsi gli studi alla King s School prima, poi al prestigioso Trinity College di Cambridge, città in cui egli si trasferì nel Già durante il periodo di studi Newton aveva messo a punto alcune delle idee che avrebbe sviluppato in seguito nelle sue opere. Iniziò a sviluppare il calcolo infinitesimale, ma non pubblicò la sua scoperta per timore di critiche; il filosofo Leibniz era giunto, indipendentemente, agli stessi risultati, sebbene più tardi di dieci anni, e quando pubblicò le sue scoperte fu accusato di plagio. In realtà era stato lo stesso Newton a rivelare, in un carteggio tenuto con Leibiz, i principi del calcolo infinitesimale, e la disputa ebbe origine quando il matematico Wallis riferì che a Leibniz era riconosciuto il merito di averlo scoperto. Accusato di plagio, si appellò alla Royal Society, la quale nominò una commissione apposita che alla fine delle indagini attribuì la paternità del calcolo a Newton. Iniziò un aspra e spiacevole contesa tra i due pensatori, fatta anche di reciproche accuse sulla serietà degli studi svolti e sulle credenze religiose, che durò fino alla morte di Leibniz nel Nel 1699 Newton divenne professore di matematica a Cambridge. A partire da questa data iniziano i suoi studi sull ottica, pubblicati poi, grazie all incoraggiamento della Royal Society, nelle opere intitolate Sui colori e Ottica e Ipotesi sulla luce. Dal 1666 Newton aveva iniziato a interessarsi anche ad un altro argomento, quello della gravitazione, specialmente in connessione con le orbite dei pianeti e le leggi di Keplero, ma tenne per sé i risultati delle sue indagini, finché l astronomo Edmund Halley gli chiese la risposta a un problema di meccanica. Newton mostrò allora ad Halley le carte contenenti la sua scoperta delle leggi del moto, e l astronomo lo convinse a pubblicarle. Videro così la luce i Philosophiae naturalis principia mathematica (Principi matematici di filosofia naturale, o più brevemente Principia), opera pubblicata del 1687, considerata unanimemente uno dei pilastri della scienza moderna. Nel 1696 lavorò alla zecca reale, e ne divenne direttore qualche anno dopo. 3 di 10

4 Nel 1703 Newton divenne presidente della Royal Society e associato della Académie des sciences francese. Morì a Kensington (Londra) nel 1727, e fu sepolto nell Abbazia di Westminster. Sulla sua tomba si può leggere il seguente epitaffio: Sibi gratulentur mortales tale tantumque exstitisse umani generis decus (Si rallegrino i mortali per il fatto che sia esistito una tale e tanto grande onore del genere umano). 4 di 10

5 2 I Principia mathematica La pubblicazione dei Principia mathematica può essere a buon diritto considerata come l atto di nascita della fisica moderna. Gli argomenti in essa trattati e il metodo presentato per l indagine scientifica resteranno indiscussi fino alla nascita di nuove teorie fisiche all inizio del Novecento; ma va detto che molti dei risultati a cui giunse Newton sono validi ancora oggi in fisica, in particolare per quanto riguarda la meccanica, cioè quella branca che studia i corpi e i loro moti. Una delle principali premesse di tutta la fisica newtoniana è la considerazione dello spazio e del tempo come enti assoluti, e del moto come misura relativa. Newton si propone di introdurre delle nozioni teoretiche di spazio e tempo, diverse da quelle ingenue che possono essere concepite da chiunque in riferimento agli oggetti della percezione. Il tempo assoluto è definito come il tempo che fluisce uniformemente, senza alcun riferimento a qualcosa di esterno. Il tempo scorre indipendentemente da qualcosa che lo misuri (p.es. un orologio). Le cose sono poste nel tempo nel senso che sono in un ordine di successione tra loro. Per spazio assoluto bisogna intendere uno spazio omogeneo e immobile, in cui tutti i luoghi sono in quiete. Nei Principia viene anche data definizione della massa e della forza, che sono i concetti fondamentali della sua fisica. La definizione di massa compare all inizio del primo libro dei Principia (sebbene egli non usi il termine massa, ma l espressione quantità di materia ); la massa dipende dalla densità e dal volume di un corpo. Egli quindi rigetta sia la concezione galileiana, secondo la quale la massa dipende dal peso, sia quella cartesiana, che identificava il corpo con l estensione. La massa non può dipendere dal peso, perché uno stesso corpo varia di peso a seconda della latitudine terrestre; la massa di un corpo, invece, deve essere costante e deve rimanere inalterata anche se spostata da un luogo all altro della Terra. Legato al concetto di massa è quello di inerzia, che indica la tendenza di qualsiasi corpo a permanere nello stato (di moto o di quiete) in cui si trova, a meno che non intervenga una forza a modificarlo. L inerzia così intesa è sempre proporzionale alla massa di un corpo. Con l introduzione del concetto di inerzia Newton stravolge l idea tradizionale di moto causato sempre da una potenza motrice; un corpo, infatti, può continuare a muoversi solamente in virtù dell inerzia, e la forza che ha prodotto il moto non permane nel corpo stesso. 5 di 10

6 Dopo aver definito i concetti che stanno a fondamento della sua fisica, Newton procede nei Principia esponendo le leggi del moto. La prima legge afferma che ogni corpo persevera nello stato di quiete o moto rettilineo uniforme fino a che non intervenga un altra forza a mutare questo stato. Un esempio di applicazione di questa legge è il moto dei proietti. Un corpo lanciato nello spazio continuerebbe a procedere lungo la traiettoria di lancio, se non intervenissero la resistenza dell aria e la forza gravitazionale a modificarne il tragitto. La seconda legge del moto stabilisce che ogni cambiamento di moto (in termini moderni, ogni accelerazione) è proporzionale alla forza impressa. 1) Un corpo soggetto a una forza subisce una forza uguale e contraria, cioè della stessa intensità ma di verso opposto. Tali leggi così come i corollari che da esse seguono, e che costituiscono l argomento della dinamica sono espresse in linguaggio matematico. Nel terzo volume dei Principia è poi esposta la celebre legge della gravitazione universale, che stabilisce che tra due corpi agisce una forza che è direttamente proporzionale al prodotto delle masse dei corpi stessi, e inversamente proporzionale al quadrato delle distanze. Ciò significa che maggiore è la massa dei corpi, maggiore sarà l attrazione gravitazionale che l uno esercita sull altro; ma tale forza diminuisce con l aumentare della distanza tra i due corpi. Le leggi proposte da Newton sono semplicemente risultati, espressi in formule matematiche, dei suoi esperimenti. Quanto alle cause reali di tali forze, Newton si rifiuta di fare ipotesi, perché ciò che conta è la spiegazione dei fenomeni (come avvengono) e non la loro essenza (che cosa sono, o chi perché sono così). Grazie alla legge di gravitazione universale, Newton può spiegare tra l altro l attrazione gravitazionale tra i pianeti e calcolarne le orbite, in accordo con le leggi espresse da Keplero. 6 di 10

7 3 L ottica Attraverso l utilizzo di un prisma di vetro, Newton studiò la dispersione ottica, cioè quel fenomeno per cui la luce bianca si suddivide diversi colori che la compongono. Trattando della diffusione della luce, Newton ipotizzò l esistenza nello spazio dell etere. Non si tratta più della sostanza perfetta aristotelica, ma con questo termini egli intese una sostanza sottilissima che è responsabile della trasmissione del calore e della luce. Quest ultima è concepita non più come una qualità dei corpi, ma come un insieme di piccolissimi corpuscoli che viaggiano nello spazio. In seguito, grazie agli studi di Hooke e Huygens, prevalse l ipotesi ondulatoria, secondo la quale la luce si comporterebbe come un onda. Nel Novecento, però, entrambe le ipotesi quella corpuscolare e quella ondulatoria saranno unificate, e si parlerà di dualismo ondaparticella. 7 di 10

8 4 Il metodo scientifico Al di là del notissimo aneddoto della mela caduta da un albero, che gli avrebbe fatto intuire la legge di gravitazione universale, il modo di procedere di Newton nella sua ricerca scientifica era molto meticoloso e costante, fatto di continui tentativi ed esperimenti, molti dei quali poi messi da parte. Newton assorbì in poco tempo la maggior parte delle conoscenze scientifiche del suo secolo, attraverso un attenta lettura delle opere dei maggiori fisici e filosofi. Le scoperte di Newton sono principalmente il risultato di un metodo di lavoro e di ricerca, che noi oggi conosciamo soprattutto attraverso una serie di scritti inediti; inoltre, sebbene egli non avesse dedicato esplicitamente alcuna opera a presentare il suo metodo, ma esso può essere desunto anche seguendo i procedimenti da lui adottati nei trattati scientifici. Uno dei principi a cui si ispirò l intera sua indagine fu la convinzione che si potesse comprendere di più osservando in natura le operazioni dei corpi tra loro, che non l effetto che essi producono sui nostri sensi. Soltanto separando le operazioni reciproche dei corpi naturali dalla sensazione che essi producono in noi si rende possibile la misurazione certa delle grandezze fisiche (massa, moto, accelerazione, ecc.). Newton condivide con la maggior parte degli scienziati della sua epoca come, ad es., Cartesio l idea che la conoscenza sensibile è poco attendibile nella ricerca scientifica. Per liberarsi il più possibile dall ostacolo dei sensi, è necessario astrarre dalle qualità sensibili dei corpi, prendendo in esame solo quelle che sono utili allo studi del caso specifico. P.es., nell analisi del moto di un corpo non hanno alcun peso qualità come il colore, l odore, il sapore del corpo, per cui esse devono essere escluse dalla considerazione dello scienziato. Due sono i metodi attraverso i quali si astrae dalle qualità sensibili: quello matematico e quello dell osservazione sperimentale del comportamento dei corpi tra essi, e non rispetto a noi. Quest ultimo concetto può essere reso con l esempio dei colori. L esperienza sensibile ci fa distinguere differenti colori con diverse tonalità, tra i quali anche il bianco. Facendo interagire il raggio di luce bianca e il prisma di vetro Newton osserva che la luce bianca si scompone in una gamma di colore, il che dimostra che il bianco non è un colore come gli altri, ma li comprende tutti in sé. Per confermare questo risultato, poi, lo scienziato idea diversi esperimenti per ricomporre i colori e pervenire di nuovo al bianco. 8 di 10

9 Gli esperimenti consentono di formulare i problemi in termini matematici, per cui in conclusione si può fornire dei fenomeni fisici una legge espressa matematicamente. In ciò Newton è vicino al metodo sperimentale galileiano. Ma esiste anche un altro modo di procedere, cioè partendo dalla formula e procedendo matematicamente; attraverso i calcoli si possono raggiungere nuove leggi, che poi verranno in un secondo tempo confermate sperimentalmente. Questa seconda via fu usata da Newton per trovare la legge della forza centrifuga di un corpo che si muove di moto circolare; essa, infatti, fu ricavata utilizzando la legge della caduta dei gravi di Galileo e la terza legge di Keplero. In altri termini, ci sono due vie che si possono seguire nello studio scientifico del mondo fenomenico: la prima parte dall esperimento e ne ricava la legge formulata matematicamente; la seconda prende invece le mosse dalla formula matematica, e porta alla scoperta di nuove leggi che possono essere provate sperimentalmente. Entrambi i metodi hanno uguale dignità scientifica, e la scelta tra l uno o l altro dipende unicamente dalla convenienza rispetto all ambito di indagine di volta in volta affrontato. Dove, invece, Newton si distacca di più dall impostazione epistemologica cartesiana, è nel suo rifiuto del procedimento ipotetico. La fisica ha il compito di descrivere il mondo, e nel farlo deve provare le sue affermazioni o per mezzo di rigorose deduzioni matematiche, o attraverso il ricorso all esperimento. Per Newton è scorretto procedere nella convinzione che ciò che sta a fondamento delle leggi fisiche siano delle ipotesi soltanto plausibili, perché questo modo di procedere induce in facili errori e non rispecchia l oggettività dei fenomeni osservati. Un altro punto che va tenuto presente nella epistemologia sviluppata da Newton è la validità generale delle leggi. Una legge fisica deve non solo spiegare un particolare comportamento dei corpi, ma essere il più generalizzabile possibile, cioè valere anche per casi analoghi. Un esempio chiaro è fornito dalla legge di gravitazione che, appunto, ha meritato l attributo di universale, in quanto è applicabile a qualsiasi massa. Un caso particolare di questa legge è la gravitazione terrestre, cioè la formula che stabilisce il valore dell accelerazione con cui i corpi sono attratti verso il centro della Terra; una legge analoga si potrebbe ricavare anche per gli altri pianeti, in qualsiasi sistema solare essi si trovino. Grazie alla integrazione di matematica e sperimentazione, il metodo newtoniano di indagine fisica perfeziona e porta a pieno compimento quello elaborato da Galileo. Inoltre, Newton fornì, con le sue opere, dei validi esempi di come tale metodologia potesse essere applicata allo studio del mondo, con il risultato non solo di descriverlo e di prevederne i comportamenti, ma anche di 9 di 10

10 garantire una coerenza tra leggi universali e leggi particolari. Nasce quindi l idea di un sistema di leggi tra esse interdipendenti, che si presentano come una sorta di formulazione matematica di tutto ciò che avviene nell universo fisico. I procedimenti metodologici newtoniani e i risultati delle sue ricerche nei campi del moto, della luce, della gravitazione, furono alla base degli ulteriori sviluppi che si ebbero nei secoli successivi, grazie ai quali si andò formando una fisica distinta in più branche (meccanica, termodinamica, elettrologia, ecc.), in cui le leggi dell una non sono in contraddizione con quelle delle altre. Anzi, si può affermare che la dinamica newtoniana quell ambito che studia i moti e le forze che li causano ha trovato applicazioni anche negli altri settori della fisica, costituendo una premessa indispensabile ad altre scoperte, in quanto tutto ciò che avviene nell universo può essere in gran parte ridotto a un moto di particelle o di corpi. Questo insieme di settori della fisica che si richiama alla metodologia e alle scoperte newtoniane viene indicato come fisica classica. Bisognerà attendere gli inizi del XX secolo per individuare in alcune debolezze di questo sistema, perché esso non è in grado di dar ragione di certi fenomeni relativi allo studio del calore e della composizione microscopica della materia. Nacquero così nuovi modelli, come la teoria della relatività e la fisica quantistica, che integrarono la fisica classica, ma non per questo ne decretarono la fine; i suoi principi e le sue leggi, infatti, sono tutt ora valide, e molto utili non solo nell indagine dei fenomeni macroscopici, ma anche nelle loro applicazioni in ambito tecnologico. 10 di 10

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano Corso di Astronomia I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano attorno alla Terra con orbite circolari.

Dettagli

Relatività INTRODUZIONE

Relatività INTRODUZIONE Relatività INTRODUZIONE Un po di ordine Einstein, nel 1905, dopo aver inviato alcuni articoli alla rivista scientifica «Annalen der physik» diventa subito famoso, uno dei quali riguardava la relatività

Dettagli

LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE

LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE GRAVIMETRIA LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE r La legge di gravitazione universale, formulata da Isaac Newton nel 1666 e pubblicata nel 1684, afferma che l'attrazione gravitazionale tra due corpi è

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi 1 Forza Si definisce forza una qualunque causa esterna che produce una variazione dello stato

Dettagli

Luca Zeffiro 4C Liceo Scientifico Galileo Galilei

Luca Zeffiro 4C Liceo Scientifico Galileo Galilei Luca Zeffiro 4C Il problema sulla conservazione del moto nacque con Cartesio: nei suoi «Principia philosophiae» egli affermò la conservazione della quantità di moto a partire da Dio: gli errori presenti

Dettagli

LA FORZA E IL MOTO: ISACC NEWTON UN RE SCONTROSO

LA FORZA E IL MOTO: ISACC NEWTON UN RE SCONTROSO WebQuest Studentessa Guidi Elisabetta Corso Laurea Scienze Formazione Primaria Università di Urbino Carlo Bo LA FORZA E IL MOTO: ISACC NEWTON UN RE SCONTROSO 1) INTRODUZIONE Il 1642 è un anno storico per

Dettagli

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un CLASSE Seconda DISCIPLINA Fisica ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Test a risposta multipla MODULO U.D Conoscenze Abilità Competenze Enunciato del primo principio della Calcolare l accelerazione

Dettagli

LE COSTANTI E LE LEGGI FISICHE DIPENDONO DAL TEMPO

LE COSTANTI E LE LEGGI FISICHE DIPENDONO DAL TEMPO Pagina 1 di 8 LE COSTANTI E LE LEGGI FISICHE DIPENDONO DAL TEMPO Ing. Pier Franz Roggero, Dott. Michele Nardelli, P.A. Francesco Di Noto Abstract: This paper explains that all physical constants and consequently

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. Programmazione Individuale: Disciplina :FISICA Docente: Profssa GiardinaCLASSI: 3 CORSO: LICEO CLASSICO NOAS 2014-2015 Linee generali dell insegnamento della fisica nel liceo classico, da indicazioni ministeriali

Dettagli

Appunti dalla lezione di Fisica del Prof. Mussino

Appunti dalla lezione di Fisica del Prof. Mussino Appunti dalla lezione di Fisica del Prof. Mussino (Vercelli 11-11-05) Autore: M. Lanino Grandezza Fisica è qualsiasi ente in grado di descrivere la realtà tangibile e sperimentabile Esempi: La temperatura,

Dettagli

Definire la potenza e ricordare l unità di misura della potenza. Definire l energia e la sua unità di misura. Enunciare il teorema delle forze vive

Definire la potenza e ricordare l unità di misura della potenza. Definire l energia e la sua unità di misura. Enunciare il teorema delle forze vive Programmazione per competenze: Istituto scolastico Classe Riferimento ai documenti programmatici Liceo scientifico, indirizzo scienze applicate II Competenza N 3.2, Asse scientifico tecnologico Analizzare

Dettagli

LICEO STATALE TERESA CICERI COMO 11 settembre 2012 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013

LICEO STATALE TERESA CICERI COMO 11 settembre 2012 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013 TRIENNIO BROCCA LICEO SOCIO PSICO - PEDAGOGICO TRIENNIO BROCCA LICEO LINGUISTICO FINALITA GENERALI Il Progetto Brocca individua le seguenti finalità

Dettagli

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura.

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura. Verifica dei postulati di Einstein sulla velocità della luce, osservazioni sull esperimento di Michelson e Morley Abbiamo visto che la necessità di introdurre un mezzo come l etere nasceva dalle evidenze

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn

Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn Martina Aicardi Kliton Marku Classe 4H Docente coordinatore Prof. Bellonotto Liceo Scientifico O. Grassi Savona, 21 maggio 2013

Dettagli

ISAAC NEWTON (nato a Woolsthorpe, Inghilterra, 25 Dicembre1642, morto a Londra, 20 Marzo 1727). Isaac Newton nacque figlio postumo, discendente da

ISAAC NEWTON (nato a Woolsthorpe, Inghilterra, 25 Dicembre1642, morto a Londra, 20 Marzo 1727). Isaac Newton nacque figlio postumo, discendente da ISAAC NEWTON (nato a Woolsthorpe, Inghilterra, 25 Dicembre1642, morto a Londra, 20 Marzo 1727). Isaac Newton nacque figlio postumo, discendente da famiglie di contadini da parte di entrambi i genitori.

Dettagli

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno Test d ingresso Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno 1) Un corpo si muove di moto rettilineo a velocità costante su un piano orizzontale che possiamo considerare privo d attrito. Rappresenta

Dettagli

TESINA DI FISICA L ESPERIMENTO DI MICHELSON E MORLEY. Gioia Loprete

TESINA DI FISICA L ESPERIMENTO DI MICHELSON E MORLEY. Gioia Loprete TESINA DI FISICA L ESPERIMENTO DI MICHELSON E MORLEY Gioia Loprete 2 INDICE INTRODUZIONE 3 ESPERIMENTO STANDARD 4 ESPERIMENTO EFFETTUATO CON ROTAZIONE DI 90 7 CONCLUSIONE 8 3 INTRODUZIONE Già al tempo

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA

LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA INSEGNAMENTO DI LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA LEZIONE XI FISICA ED EPISTEMOLOGIA IN CARTESIO PROF. FABIO SELLER Indice 1 La Vita ------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Disciplina: Fisica Classe I Sezione F

Disciplina: Fisica Classe I Sezione F Pagina 1 di 6 Disciplina: Fisica Classe I Sezione F A.S. 2015/2016 Docente Lombardi Sara INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI E DEFINIZIONE DELLE LINEE COMPORTAMENTALI Nello studio della disciplina terrò presenti

Dettagli

Biografia di Isaac Newton a cura di Carmen Colabianchi Matr. 152543

Biografia di Isaac Newton a cura di Carmen Colabianchi Matr. 152543 Biografia di Isaac Newton a cura di Carmen Colabianchi Matr. 152543 Fisico e matematico Isaac Newton fu un uomo dal carattere spigoloso ed intransigente, la cui capacità intellettuale fu tuttavia una delle

Dettagli

GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642)

GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642) GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642) Opere maggiori: - Sidereus nuncius 1610 - Il Saggiatore 1623 - Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo 1632 - Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI FISICA Anno Scolastico:2014-15 CLASSI TUTTE III, IV E V LICEO DOCENTE : _ Rinaldi.

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

http://eprints.uniss.it/7315/ Documento digitalizzato dallo Staff di UnissResearch

http://eprints.uniss.it/7315/ Documento digitalizzato dallo Staff di UnissResearch Bottigli, Ubaldo (2004) Brevissima storia dell'ottica. In: Gli antichi strumenti di fisica: ottica. Sassari, EDES Editrice Democratica Sarda. p. 15-17. (Museo della scienza e della tecnica, 1). ISBN 88-86002-88-2.

Dettagli

La nascita della filosofia in Grecia

La nascita della filosofia in Grecia La nascita della filosofia in Grecia Zenone di Elea o di Cizio Socrate Platone Aristotele Anassimandro Parmenide Empedocle Pitagora Filosofi PRESOCRATICI??? Eraclito Filosofi PRESOFISTI?? Filosofi PREPLATONICI???

Dettagli

Concetto di forza. 1) Principio d inerzia

Concetto di forza. 1) Principio d inerzia LA FORZA Concetto di forza Pi Principi ii dll della Dinamica: i 1) Principio d inerzia 2) F=ma 3) Principio di azione e reazione Forza gravitazionale i e forza peso Accelerazione di gravità Massa, peso,

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO DI OTTICA GEOMETRICA

PERCORSO DIDATTICO DI OTTICA GEOMETRICA PERCORSO DIDATTICO DI OTTICA GEOMETRICA Tipo di scuola e classe: Liceo Scientifico, classe II Nodi concettuali: riflessione della luce; rifrazione della luce, riflessione totale, rifrazione attraverso

Dettagli

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché LA FORZA Concetto di forza Principi della Dinamica: 1) Principio d inerzia 2) F=ma 3) Principio di azione e reazione Forza gravitazionale e forza peso Accelerazione di gravità Massa, peso, densità pag.1

Dettagli

Lunedì 20 dicembre 2010. Docente del corso: prof. V. Maiorino

Lunedì 20 dicembre 2010. Docente del corso: prof. V. Maiorino Lunedì 20 dicembre 2010 Docente del corso: prof. V. Maiorino Se la Terra si spostasse all improvviso su un orbita dieci volte più lontana dal Sole rispetto all attuale, di quanto dovrebbe variare la massa

Dettagli

La chimica e il metodo scientifico. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

La chimica e il metodo scientifico. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti La chimica e il metodo scientifico Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti INTRODUZIONE (I) VIDEO INTRODUZIONE (II) VIDEO INTRODUZIONE (III) Fino alla fine del settecento, la manipolazione dei metalli, degli

Dettagli

Energia potenziale elettrica

Energia potenziale elettrica Energia potenziale elettrica Simone Alghisi Liceo Scientifico Luzzago Novembre 2013 Simone Alghisi (Liceo Scientifico Luzzago) Energia potenziale elettrica Novembre 2013 1 / 14 Ripasso Quando spingiamo

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

PICCOLI EINSTEIN. Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie

PICCOLI EINSTEIN. Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie PICCOLI EINSTEIN Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Il liceo scientifico Einstein, sito in via Pacini 28, propone alle singole

Dettagli

FISICA. La Dinamica: i principi. Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica

FISICA. La Dinamica: i principi. Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica FISICA La Dinamica: i principi Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica LA DINAMICA La dinamica è la parte della fisica che studia il movimento dei corpi, prendendo in considerazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: FISICA CLASSI: SECONDE CORSO: LICEO SCIENTIFICO AS 2014-2015 Linee generali dell insegnamento della fisica nel liceo scientifico, da indicazioni ministeriali In particolare

Dettagli

Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton

Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton Parte I Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton 3.1-3.2-3.3 forze e principio d inerzia Abbiamo finora studiato come un corpo cambia traiettoria

Dettagli

Teoria della gravitazione universale note tratte dalle lezioni del Prof. Fubini a cura di Edoardo Lippi e Chiara Sarti IV F (a.s.

Teoria della gravitazione universale note tratte dalle lezioni del Prof. Fubini a cura di Edoardo Lippi e Chiara Sarti IV F (a.s. Teoria della gravitazione universale note tratte dalle lezioni del Prof. Fubini a cura di Edoardo Lippi e Chiara Sarti IV F (a.s.2010/2011) Da Tolomeo a Keplero La teoria della gravitazione universale,

Dettagli

Modulo di Meccanica e Termodinamica

Modulo di Meccanica e Termodinamica Modulo di Meccanica e Termodinamica 1) Misure e unita di misura 2) Cinematica: + Moto Rettilineo + Moto Uniformemente Accelerato [+ Vettori e Calcolo Vettoriale] + Moti Relativi 3) Dinamica: + Forza e

Dettagli

OSCURI PREDATORI DI LUCE

OSCURI PREDATORI DI LUCE OSCURI PREDATORI DI LUCE LA CADUTA DI EUCLIDE IN UN BUCO NERO PAOLO DULIO DIPARTIMENTO DI MATEMATICA DI COSA PARLIAMO Ricerca e applicazioni I protagonisti di un viaggio fantastico Geometria dello spazio-tempo

Dettagli

Elettrostatica. 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici

Elettrostatica. 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici Elettrostatica 1. La carica elettrica 2. La legge di Coulomb 3. Il campo elettrostatico 4. Il potenziale elettrico 5. Condensatori e dielettrici Prof. Giovanni Ianne 1 L ELETTRIZZAZIONE PER STROFINIO Un

Dettagli

Bartoccini Marco 3 A

Bartoccini Marco 3 A Bartoccini Marco 3 A Le persone e le cose possono stare ferme oppure muoversi,e quando si muovono possono farlo a diverse velocità.il movimento si svolge nello spazio e nel tempo: esso infatti copre una

Dettagli

Studiare argomenti trattati. Esercizi 3, 5 e 6 pag.169 2/2 MARTEDÌ LAB - studio del moto rettilineo uniforme mediante rotaia a cuscino d aria.

Studiare argomenti trattati. Esercizi 3, 5 e 6 pag.169 2/2 MARTEDÌ LAB - studio del moto rettilineo uniforme mediante rotaia a cuscino d aria. Data giorno Attività svolte Compiti assegnati 2/3 MARTEDÌ LAB - filmato Tempo e orologi e questionario di comprensione in classe sul filmato visto. 25/2 GIOVEDÌ Esercizi. Es. 40 e 41 pag.196 24/2 MERCOLEDÌ

Dettagli

Percorso multidisciplinare

Percorso multidisciplinare La luce Faremo degli esperimenti atti ad indagare la natura e le caratteristiche della luce ed esporremo le principali teorie che sono state elaborate su questo argomento dagli scienziati nel corso dei

Dettagli

I LICEO prof. Francesco Barberis

I LICEO prof. Francesco Barberis I LICEO prof. Francesco Barberis Ma guardare che cosa? La REALTA,, i FENOMENI Nel tentativo di coglierne i nessi, i meccanismi, le funzioni e quindi, in ultimo, di coglierne il VERO Il bello è lo splendore

Dettagli

La fisica in ARISTOTELE ( 384 322)

La fisica in ARISTOTELE ( 384 322) 1 La fisica in ARISTOTELE ( 384 322) Le dottrine fisiche di Aristotele sono state accettate come dogmi per 60 generazioni. Nessun altra personalità nella storia della scienza ha avuto una influenza così

Dettagli

in-formazione Allergy And SPECIALISTICA w w w. i n f o r m a z i o n e s p e c i a l i s t i c a. c o m

in-formazione Allergy And SPECIALISTICA w w w. i n f o r m a z i o n e s p e c i a l i s t i c a. c o m SPECIALISTICA in-formazione w w w. i n f o r m a z i o n e s p e c i a l i s t i c a. c o m Sir Isaac Newton è stato un matematico, fisico, filosofo naturale, astronomo, teologo ed alchimista inglese.

Dettagli

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCIENZE CLASSE 1 a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICATORI DI VALUTAZIONE (Stabiliti dal Collegio Docenti) AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA CLASSE

Dettagli

Programmazione modulare 2015-16

Programmazione modulare 2015-16 Programmazione modulare 2015-16 ndirizzo: BEO Disciplina: FS lasse: Prime 1 1B 1 1G Ore settimanali previste: 3 (2 ore eoria - 1 ora Laboratorio) OPEEZE itolo odulo POLO Ore previste per modulo Periodo

Dettagli

5 Lo Spazio e il Tempo Assoluti di Newton

5 Lo Spazio e il Tempo Assoluti di Newton 5 Lo Spazio e il Tempo Assoluti di Newton Di nuovo, per poter compiere passi in avanti occorre di farne indietro. Eravamo infatti alle soglie del 1900 e torniamo a fine 1600. Eravamo giunti alle battute

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE PRIMA 1. Competenze: le specifiche competenze di base disciplinari previste dalla

Dettagli

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA -

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Danilo Saccoccioni - LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Indice Lavoro compiuto da una forza relativo ad uno spostamento pag. 1 Lavoro ed energia cinetica 3 Energia potenziale 4 Teorema di conservazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO A.S. 2013/2014

PIANO DI LAVORO A.S. 2013/2014 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE PROFESSIONALE E TECNICO COMMERCIALE A. CASAGRANDE F. CESI TERNI PIANO DI LAVORO PROF. SCIULLI PERFILIA CLASSE: I D MATERIA: SCIENZE INTEGRATE (FISICA) sez. F. CESI A.S.

Dettagli

Grandezze fisiche e loro misura

Grandezze fisiche e loro misura Grandezze fisiche e loro misura Cos è la fisica? e di che cosa si occupa? - Scienza sperimentale che studia i fenomeni naturali suscettibili di sperimentazione e caratterizzati da entità o grandezze misurabili.

Dettagli

SCIENZE INTEGRATE FISICA

SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE DISCIPLINA ORE SETTIMANALI TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO MODULO 1: Il moto e l energia I concetti di sistema di riferimento e le grandezze cinematiche. I diversi tipi di rappresentazione del

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA INDICATORI 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali 2. Osservare e sperimentare sul campo Sviluppa atteggiamenti di curiosità verso il mondo circostante

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia FISICA (secondo biennio) Anno Scolastico 2015-2016 Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof. Serafino Maria Antonia (Coordinatore di Materia) Prof. Adobbati Mauro Prof. Baderna

Dettagli

Da Newton a Planck. La struttura dell atomo. Da Newton a Planck. Da Newton a Planck. Meccanica classica (Newton): insieme

Da Newton a Planck. La struttura dell atomo. Da Newton a Planck. Da Newton a Planck. Meccanica classica (Newton): insieme Da Newton a Planck Meccanica classica (Newton): insieme La struttura dell atomo di leggi che spiegano il mondo fisico fino alla fine del XIX secolo Prof.ssa Silvia Recchia Quantomeccanica (Planck): insieme

Dettagli

Il paradosso del which way? : onda o particella? Lo decido io! Giorgio Lulli

Il paradosso del which way? : onda o particella? Lo decido io! Giorgio Lulli Il paradosso del which way? : onda o particella? Lo decido io! Giorgio Lulli Un passo avanti rispetto al dualismo onda-particella Il problema è: cosa accade se nell esperimento più bello cerchiamo di sapere

Dettagli

LINEE GUIDA TFA FISICA

LINEE GUIDA TFA FISICA LINEE GUIDA TFA FISICA PREMESSA La macchina dei TFA si è ormai messa in moto in molte Università italiane e la Commissione Didattica della SIF ha ritenuto opportuno individuare delle linee guida da proporre

Dettagli

Corso di Laboratorio di Fisica prof. Mauro Casalboni dott. Giovanni Casini

Corso di Laboratorio di Fisica prof. Mauro Casalboni dott. Giovanni Casini SSIS indirizzo Fisico - Informatico - Matematico 2 anno - a.a.. 2006/2007 Corso di Laboratorio di Fisica prof. Mauro Casalboni dott. Giovanni Casini LA LUCE La luce è un onda elettromagnetica Il principio

Dettagli

IL CONCETTO DI MODELLO

IL CONCETTO DI MODELLO Titolo: IL CONCETTO DI MODELLO Autore: Elisabetta Caroti Percorsi didattici associati: 1. Investigazioni sul modello particellare 2. Alziamo gli occhi al cielo 3. L'universo in una stanza AVVERTENZA: Le

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale

Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale Scopo: Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale Materiale: treppiede con morsa asta millimetrata treppiede senza morsa con due masse da 5 kg pallina carta carbone

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

Cosa determina il moto? Aristotele pensava che occorresse uno sforzo per mantenere un corpo in movimento. Galileo non era d'accordo.

Cosa determina il moto? Aristotele pensava che occorresse uno sforzo per mantenere un corpo in movimento. Galileo non era d'accordo. Introduzione Cosa determina il moto? Aristotele pensava che occorresse uno sforzo per mantenere un corpo in movimento. Galileo non era d'accordo. riassunto Cosa determina il moto? Forza - Spinta di un

Dettagli

BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri. Lezione n. 3

BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri. Lezione n. 3 LA BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 3 La MECCANICA teorica include tutte le leggi fondamentali del movimento meccanico di corpi solidi inanimati Verso la fine del XVII secolo la teoria

Dettagli

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI.

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. 1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. Tutti i fenomeni elettrici e magnetici hanno origine da cariche elettriche. Per comprendere a fondo la definizione di carica elettrica occorre risalire alla

Dettagli

LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante

LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante La scienza è lo studio di tutte le cose, viventi e non viventi, che ci sono sulla Terra e nell Universo. La scienza

Dettagli

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Elementi di statistica Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Statistica La statistica si può definire come: l insieme dei metodi

Dettagli

CLASSE: 1^ CAT. E 1^ GRA

CLASSE: 1^ CAT. E 1^ GRA ITS BANDINI - SIENA MATERIA DI INSEGNAMENTO: FISICA e LABORATORIO CLASSE: 1^ CAT. E 1^ GRA In relazione alla programmazione curricolare ci si prefigge di raggiungere i seguenti obiettivi disciplinari:

Dettagli

A quo moventur planetae?

A quo moventur planetae? A quo moventur planetae? La necessità di un azione per i moti curvilinei l idea di attrazione universale la ricerca di una spiegazione unica per moti celesti e terrestri L anima motrix di Keplero: Il Sole

Dettagli

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LA LUCE Un valido contributo alla comprensione della struttura dell atomo venne dato dallo studio delle radiazioni luminose emesse dagli atomi opportunamente sollecitati. Lo

Dettagli

Moto circolare uniforme

Moto circolare uniforme Moto circolare uniforme 01 - Moto circolare uniforme. Il moto di un corpo che avviene su una traiettoria circolare (una circonferenza) con velocità (in modulo, intensità) costante si dice moto circolare

Dettagli

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore LE LEGGI DEI GAS Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore alle Un video : Clic Un altro video : Clic Un altro video (in inglese): Clic Richiami sulle

Dettagli

I Solidi Regolari??-??- 2001

I Solidi Regolari??-??- 2001 I Solidi Regolari??-??- 2001 Cosa sono i Solidi Platonici 1 I Solidi Platonici sono solidi convessi delimitati da facce costitute da poligoni regolari tutti uguali tra loro. Un Solido di questo genere

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

Risultati questionario Forze

Risultati questionario Forze Risultati questionario Forze Media: 7.2 ± 3.3 Coeff. Alpha: 0.82 Frequenza risposte corrette Difficoltà domande 18 16 14 12 10 8 6 4 2 0 25% 42% 75% 92% 100% % corrette 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30%

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale SCIENZE SCIENZE COMPETENZA-CHIAVE: LA COMPETENZA DI BASE DI SCIENZE E TECNOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NUCLEO Scuola Primaria:

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' e s p e r i m e n t o d i H a f e l e e K e a t i n g È il primo dei nuovi esperimenti, realizzato nel 1971. Due orologi atomici sono stati montati su due aerei

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi Leggere, comprendere e interpretare un testo scritto delle varie tipologie previste anche in contesti non noti.

Competenze Abilità Conoscenze Tempi Leggere, comprendere e interpretare un testo scritto delle varie tipologie previste anche in contesti non noti. PRIMO BIENNIO Fisica: Primo anno Leggere, comprendere e interpretare un testo scritto delle varie tipologie previste anche in contesti non noti. Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti

Dettagli

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1 il testo: 01.1 sperimentale Le scienze studiano i fenomeni della natura (fenomeni naturali). Spesso noi osserviamo la natura e ci chiediamo perché avvengono certi fenomeni. Ad esempio, ti sarà capitato

Dettagli

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca Corso di Statistica medica e applicata Dott.ssa Donatella Cocca 1 a Lezione Cos'è la statistica? Come in tutta la ricerca scientifica sperimentale, anche nelle scienze mediche e biologiche è indispensabile

Dettagli

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA - VERIFICA E VALUTAZIONE 1. Osserva persone e oggetti nell ambiente circostante 2. Classifica, identifica relazioni, produce

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

SINCRONICITÀ autori vari

SINCRONICITÀ autori vari SINCRONICITÀ autori vari La sincronicità è un termine introdotto da Carl Jung nel 1950 per descrivere una connessione fra eventi, psichici o oggettivi, che avvengono in modo sincrono, cioè nello stesso

Dettagli

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011 Liceo Tecnico Chimica Industriale Meccanica Elettrotecnica e Automazione Elettronica e Telecomunicazioni Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Volta Via Assisana, 40/E - loc. Piscille - 06087

Dettagli

IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE

IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE A. Completa il testo a buchi inserendo le seguenti parole: metodo - leggi - fenomeni - scienziati - Galileo Galilei - metodo scientifico sperimentale Le persone che si

Dettagli

FISICA. MECCANICA: La Cinematica unidimensionale. Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica

FISICA. MECCANICA: La Cinematica unidimensionale. Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica FISICA MECCANICA: La Cinematica unidimensionale Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica LA MECCANICA La Meccanica è quella parte della fisica che studia il movimento e si compone

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Angolo di risalita = 25 Altezza massima della salita = 25,87 m Altezza della salita nel tratto lineare (fino all ultimo pilone di metallo)

Dettagli

LAVORO LABORATORIALE CLASSE IV D LINGUISTICO

LAVORO LABORATORIALE CLASSE IV D LINGUISTICO LAVORO LABORATORIALE CLASSE IV D LINGUISTICO Sulla base del documentario visionato in classe confronta personalità e filosofia dei due geni della rivoluzione astronomica: Galileo e Newton. (max 15/20 righe)

Dettagli

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico Moto di una carica in un campo elettrico uniforme Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice se il campo elettrico è uniforme,

Dettagli

Lezione 14: L energia

Lezione 14: L energia Lezione 4 - pag. Lezione 4: L energia 4.. L apologo di Feynman In questa lezione cominceremo a descrivere la grandezza energia. Per iniziare questo lungo percorso vogliamo citare, quasi parola per parola,

Dettagli

INTRODUZIONE. Nei nostri esperimenti abbiamo verificato la legge di Lenz ma non ne abbiamo sentito gli effetti.

INTRODUZIONE. Nei nostri esperimenti abbiamo verificato la legge di Lenz ma non ne abbiamo sentito gli effetti. INTRODUZIONE Il nostro lavoro muove dallo studio del superamento della visione meccanicistica avvenuta nel contesto dello studio delle interazioni elettriche e magnetiche fra la fine del 7 e l inizio dell

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli