Einstein e la meccanica quantistica: Causalità ed azione a distanza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Einstein e la meccanica quantistica: Causalità ed azione a distanza"

Transcript

1 Einstein e la meccanica quantistica: Causalità ed azione a distanza Gennaro Auletta Istituto di Filosofia - URBINO Pontificia Università Gregoriana - ROMA

2 Sommario Breve presentazione dei Principi della meccanica quantistica. Conseguenze. Esperimento mentale di Einstein, Podolsky e Rosen mirante a provare o un'azione a distanza o la fondamentale incompletezza della meccanica quantistica. Il dibattito tra Einstein, Schrödinger e Bohr come paradigma della fisica del XX secolo. Ognuno dei protagonisti fa uso di una specifica forma di ragionamento. Cenno agli esperimenti successivi e lezioni da trarre.

3 Principio di sovrapposizione Se un sistema quantistico può stare in uno stato 1> e in uno stato 2>, può stare anche in uno stato ψ> = 1> + 2> Possiamo rappresentare la cosa con dei vettori

4 Fisica classica In fisica classica tutte le quantità fisiche (energia, velocità, posizione), a parte rare e insignificanti eccezioni, sono continue. Se un corpo si muove lungo una traiettoria, mi aspetto anche che occupi tutte le posizioni intermedie della traiettoria, e conoscendo la posizione e la velocità ai punti A e B, sono anche in grado di ricostruire tutta la traiettoria.

5 Principio di quantizzazione In fisica quantistica qualsiasi quantità fisica può essere discontinua. Questo significa che, in taluni casi, il sistema quantistico può essere nella posizione A oppure nella posizione B ma in nessuna posizione intermedia. In tale caso non posso più ricostruire una traiettoria. Anzi non ho alcuna traiettoria.

6 Principio di indeterminazione Consideriamo le cose da un altro punto di vista: se so con certezza che il sistema è nella posizione A non conosco per nulla la sua velocità in quella posizione e se so con certezza che il sistema è nella posizione B non conosco per nulla la sua velocità in quella posizione. Ma questo significa che non ho traiettoria. Supponiamo invece che conosco perfettamente la velocità del sistema. A questo punto il sistema può essere sia in A, sia in B (ricordate il principio di sovrapposizione!). E di nuovo non c'è traiettoria. Quindi la conoscenza della velocità va a scapito della conoscenza della posizione e viceversa: Principio di indeterminazione.

7 Conseguenze In meccanica quantistica non posso più parlare di causalità perché per farlo devo conoscere le traiettorie delle cose. Esempio di palla che colpisce un piatto in equilibrio verticale.

8 Einstein-Podolsky-Rosen, 1935 Einstein non ha mai accettato queste conclusioni e ha tentato per mezzo di un ragionamento e di un esperimento mentale di smentire tali conseguenze.

9 Deduzione REGOLA Se posso prevedere con certezza delle proprietà di un sistema fisico e lo posso fare senza perturbarlo, questa proprietà è oggettiva e reale (Principio di realtà). CASO Se su un sistema distante non sono in grado di fare previsioni di questo tipo, ciò è dovuto ad un'azione a distanza che effettuo mentre cerco di accertarne le proprietà (Principio di separabilità). RISULTATO Perciò sistemi che non sono perturbati da tali azioni a distanza possono essere concepiti come collezioni di proprietà oggettive (non dipendenti dalle nostre azioni) e reali.

10 Esperimento mentale 1: misuriamo la posizione Ora EPR riuscivano a provare che prendendo due particelle a e b quantistiche separate da grande distanza, e supponendo che esse possano occupare soltanto le posizioni corrispondenti agli stati 1> e 2>, se misuro su a la posizione e la trovo nello stato 1>, b deve essere nello stato 2>. Qui posso prevedere con certezza che b deve essere nello stato 2> (me lo dice la MQ), e soddisfo il Principio di realtà, ma non ho perturbato in alcun modo la b, e qui soddisfo il Principio di separabilità. Quindi il fatto che la b sia nello stato 2> è una proprietà oggettiva e reale della particella b.

11 Esperimento mentale 2: misuriamo la velocità Ma se avessi misurato la velocità di a e avessi riscontrato che è in quiete, per le leggi della MQ potrei inferire che anche b è in quiete (Principio di realtà). Anche in questo caso ho raggiunto tale risultato senza perturbare b (Principio di separabilità). E quindi che la b sia in quiete è una proprietà oggettiva e reale.

12 Conclusione dell esperimento mentale Ma a questo punto la particella b avrebbe SIA una posizione, SIA una velocità perfettamente determinate e questo contraddice il principio di indeterminazione. Per cui la conclusione di EPR è che la MQ non è in grado di descrivere tutte le situazioni fisiche possibili: è incompleta.

13 Esperimento mentale per fisici Abbiamo due sistemi distanti, 1 e 2, che sono descritti dallo stato entangled + Ψ(x 1, x 2 ) = dpψ p (x 2 )ϕ p (x 1 ), ψ p ( x 2 ) e ϕ p ( x 1 ) dove denotano rispettivamente l'autofunzione dell'impulso nella rappresentazione della posizione per il sistema 2 e per il sistema 1, e x 2 e x 1 sono le posizioni di questi due sistemi

14 Misurazione dell impulso (a) Supponiamo di misurare l'impulso sul sistema 1 e di trovare l'autovalore p'. (b) Perciò tutti gli stati descritti dalla sovrapposizione si annichilano, a parte uno soltanto, cioè ψ p ' (x 2 )ϕ p ' (x 1 ) (c) E' evidente allora che si può predire con assoluta certezza che il sistema 2 sarà nello stato ψ p ' (x 2 ) (d) Ma questo è stato previsto senza in alcun modo disturbare il sistema, in conformità con l'assunzione di separabilità. (e) Quindi, come conseguenza di (c) e (d) e del principio di realtà, il sistema 2 sarà oggettivamente in queso stato indipendentemente dalla nostra misurazione sul sistema 1.

15 Nuova espansione Ora effettuiamo il secondo protocollo. Come sappiamo dalla discussione del paragrafo precedente, uno stato entangled può essere espanso anche in un'altra base. Per cui, se decidiamo di utilizzare questa volta le autofunzioni della posizione sempre nella rappresentazione della posizione, possiamo scrivere + Ψ(x 1, x 2 ) = dxψ x (x 2 )ϕ x (x 1 ), ove le autofunzioni ψ x (x 2 ) = x 2 ψ e ϕ x (x 1 ) = x 1 ϕ sono le funzioni d'onda del sistema 2 e 1, rispettivamente.

16 Misurazione della posizione (a') Supponiamo di misurare la posizione sul sistema 1 e di trovare l'autovalore x'. (b') Perciò tutti gli stati descritti dalla sovrapposizione si annichilano a parte uno soltanto, cioè ψ x ' (x 2 )ϕ x ' (x 1 ) (c') E' evidente allora che si può predire con assoluta certezza che il sistema 2 si trova nello stato ψ x ' (x 2 ) (d') Ma questo è stato previsto senza in alcun modo disturbare il sistema 2, soddisfacendo perciò l'assunzione di separabilità. (e') Quindi, come conseguenza di (c') e (d') e del principio di realtà, il sistema 2 sarà nello stato indipendentemente dalla nostra misurazione sul sistema 1.

17 Conclusione E' evidente che le conclusioni (e) e (e') dei due protocolli sperimentali (sia pure ideali) sono incompatibili con il principio di indeterminazione, perché il sistema 2 si troverebbe contemporaneamente in un autostato dell'impulso e in un autostato della posizione. Pertanto o la meccanica quantistica fornisce previsioni contraddittorie oppure non concerne proprietà individuali dei sistemi e, in quanto teoria statistica, è incompleta.

18 Induzione NEGAZIONE DEL RISULTATO Ci sono sistemi che non sono perturbati da un'azione a distanza e che non sono collezioni di proprietà indipendenti da noi e reali. CASO Se su un sistema distante non sono in grado di fare previsioni di questo tipo, ciò è dovuto ad un'azione a distanza che effettuo mentre cerco di accertarne le proprietà (Principio di separabilità). NEGAZIONE DELLA REGOLA Predizioni di questo tipo non implicano in genere alcuna forma di realtà.

19 Abduzione REGOLA Se posso prevedere con certezza delle proprietà di un sistema fisico e lo posso fare senza perturbarlo, questa proprietà è oggettiva e reale (Principio di realtà). NEGAZIONE DEL RISULTATO Ci sono sistemi che non sono perturbati da un'azione a distanza e che non sono collezioni di proprietà indipendenti da noi e reali NEGAZIONE DEL CASO L'esistenza di sistemi non perturbati non permette predizioni del tipo EPR.

20 Conclusioni Tutti gli esperimenti hanno confermato le conclusioni di Schrödinger (e di Bohr). In meccanica quantistica non si può parlare di proprietà reali senza considerare le interazioni di un sistema quantistico con altri sistemi e non si può parlare di causalità. Einstein ha avuto torto.

21 Ma Sull'articolo di Einstein sono stati scritti qualcosa come 4 milioni di articoli, è stata trovata una nuova proprietà (l'entanglement), ne sono state viste decine di conseguenze anche tecnologiche (come il teletrasporto), e si sono inventati nuovi esperimenti. In scienza e in filosofia non è sempre necessario avere ragione. Errori intelligenti aiutano spesso di più di risultati veri. E' questo che fa di un Einstein Einstein.

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

Nielsen and Chuang, Quantum Computation ad Quantum Information, par. 2.6 EPR and the Bell s inequality

Nielsen and Chuang, Quantum Computation ad Quantum Information, par. 2.6 EPR and the Bell s inequality Nielsen and Chuang, Quantum Computation ad Quantum Information, par..6 EPR and the Bell s inequality Ing. Marco Barbato 7 aprile 015 1 Paradosso EPR e diseguaglianza di Bell Questo capitolo è focalizzato

Dettagli

Von Neumann fa anche l ipotesi che i funzionali siano lineari sull algebra:

Von Neumann fa anche l ipotesi che i funzionali siano lineari sull algebra: CAPITOLO 6 Il paradosso di Einstein Podolski Rosen Nel 1935 usciva un articolo degli autori sopra indicati, dal titolo Si può ritenere completa la descrizione quantistica della realtà fisica? L articolo

Dettagli

LA MECCANICA QUANTISTICA E IL CONCETTO DI REALTA

LA MECCANICA QUANTISTICA E IL CONCETTO DI REALTA LA MECCANICA QUANTISTICA E IL CONCETTO DI REALTA Prof. Francesco de Stefano Liceo Scientifico G.Marinelli Udine 1 NON PENSAVO DI VIVERE IN UN UNIVERSO TANTO DISGUSTOSO! Giorgio Placereani, critico cinematografico

Dettagli

Dai primi modelli atomici alla teoria moderna

Dai primi modelli atomici alla teoria moderna Dai primi modelli atomici alla teoria moderna 1 Se numerose evidenze sperimentali avevano permesso di trovare l'esistenza delle particelle subatomiche, le loro dimensioni, così infinitamente piccole, non

Dettagli

Da Newton a Planck. La struttura dell atomo. Da Newton a Planck. Da Newton a Planck. Meccanica classica (Newton): insieme

Da Newton a Planck. La struttura dell atomo. Da Newton a Planck. Da Newton a Planck. Meccanica classica (Newton): insieme Da Newton a Planck Meccanica classica (Newton): insieme La struttura dell atomo di leggi che spiegano il mondo fisico fino alla fine del XIX secolo Prof.ssa Silvia Recchia Quantomeccanica (Planck): insieme

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Sezione associata Liceo scientifico Alberti a. s. 2015-2016 classe PROGRAMMAZIONE ANNUALE V A Sezione / indirizzo Scientifico Scienze Applicate Linguistico docente materia ore settimanali di lezione Gota

Dettagli

I principi della meccanica quantistica nella scuola secondaria Un contributo

I principi della meccanica quantistica nella scuola secondaria Un contributo I principi della meccanica quantistica nella scuola secondaria Un contributo Paolo Cavallo 10 marzo 2004 Sommario Si riassume una strategia per la presentazione dei principi della meccanica quantistica

Dettagli

n. 53 giugno 2014 LA MECCANICA QUANTISTICA E LA NATURA DELLA REALTÀ FISICA di John Polkinghorne*

n. 53 giugno 2014 LA MECCANICA QUANTISTICA E LA NATURA DELLA REALTÀ FISICA di John Polkinghorne* LA MECCANICA QUANTISTICA E LA NATURA DELLA REALTÀ FISICA di John Polkinghorne* L autore ci accompagna a una rivisitazione del mondo dei quanti, le cui caratteristiche ci appaiono spesso paradossali. Il

Dettagli

Carlo Cosmelli. La visione del mondo della Relatività e della Meccanica Quantistica. Settimana 5. Lezione 5.1 La funzione d onda I parte

Carlo Cosmelli. La visione del mondo della Relatività e della Meccanica Quantistica. Settimana 5. Lezione 5.1 La funzione d onda I parte La visione del mondo della Relatività e della Meccanica Quantistica Settimana 5 Lezione 5.1 La funzione d onda I parte Carlo Cosmelli 1 Riassunto al 1924 Quindi: 1900 - Planck: lo scambio di Energia [onda

Dettagli

Interpretazioni della meccanica quantistica con particolare riferimento alla teoria di de Broglie-Bohm

Interpretazioni della meccanica quantistica con particolare riferimento alla teoria di de Broglie-Bohm Università degli Studi di Padova DIPARTIMENTO DI FISICA E ASTRONOMIA Corso di Laurea Triennale in Fisica Tesi di laurea Interpretazioni della meccanica quantistica con particolare riferimento alla teoria

Dettagli

d 2 dx ψ + 2 m E V x ψ = 0 V x = V x + a. ψ(x+a) = Q ψ(x). ψ x = e " i k x u k ψ x + a = e " i k x + a u k x + a = e " i k a e " i k x u k

d 2 dx ψ + 2 m E V x ψ = 0 V x = V x + a. ψ(x+a) = Q ψ(x). ψ x = e  i k x u k ψ x + a = e  i k x + a u k x + a = e  i k a e  i k x u k Teorema di Bloch Introduzione (vedi anche Ascroft, dove c è un approccio alternativo) Cominciamo col considerare un solido unidimensionale. Il modello è quello di una particella (l elettrone) in un potenziale

Dettagli

Il paradosso del which way? : onda o particella? Lo decido io! Giorgio Lulli

Il paradosso del which way? : onda o particella? Lo decido io! Giorgio Lulli Il paradosso del which way? : onda o particella? Lo decido io! Giorgio Lulli Un passo avanti rispetto al dualismo onda-particella Il problema è: cosa accade se nell esperimento più bello cerchiamo di sapere

Dettagli

INTRODUZIONE AI COMPUTER QUANTISTICI

INTRODUZIONE AI COMPUTER QUANTISTICI Capitolo CAPITOLO INTRODUZIONE AI COMPUTER QUANTISTICI. Richard Feynman osservò, agli inizi degli anni 80, che certi fenomeni governati dalla meccanica quantistica non potevano essere simulati efficientemente

Dettagli

PARADOSSI DEL MONDO QUANTISTICO

PARADOSSI DEL MONDO QUANTISTICO PARADOSSI DEL MONDO QUANTISTICO Franco Prati Università dell Insubria - Como NINDA URUK Il pane dei Sumeri Ricerca scientifica ed epistemologia 24 ottobtre 2012 LUCE: ONDA O CORPUSCOLO? Fisica classica:

Dettagli

FISICA QUANTISTICA. Dalla delocalizzazione al teletrasporto passando per la non località

FISICA QUANTISTICA. Dalla delocalizzazione al teletrasporto passando per la non località FISICA QUANTISTICA Dalla delocalizzazione al teletrasporto passando per la non località Lavoro di maturità Nicola Ghiringhelli Liceo di Locarno 004 005 Professore responsabile: Christian Ferrari Ringraziamenti

Dettagli

Origine del mondo, e origine della vita.

Origine del mondo, e origine della vita. Origine del mondo, e origine della vita. Chi siamo? Da dove veniamo? E dove andremo dopo la Nostra morte? di Luciano Saporito Che l Universo sia frutto di un esplosione iniziale? Che tutto sia frutto del

Dettagli

Introduzione alla Meccanica Quantistica. Fausto Borgonovi

Introduzione alla Meccanica Quantistica. Fausto Borgonovi Introduzione alla Meccanica Quantistica Fausto Borgonovi Dipartimento di Matematica e Fisica e i.l.a.m.p. Universitá Cattolica, via Musei 41, BRESCIA Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, PAVIA fausto.borgonovi@unicatt.it

Dettagli

Morte di un gatto e splitting del Multiverso

Morte di un gatto e splitting del Multiverso http://www.extrabyte.info Monografia 001 February 04th, 2015 Morte di un gatto e splitting del Multiverso Marcello Colozzo Dedicato a un gatto che non c è più Sommario Keywords: many worlds interpretation,meccanica

Dettagli

Risultati dei conteggi per l esperienza delle due fenditure eseguita con elettroni. rivelatore P 1 P 12. fonte di elettroni 2 P 2.

Risultati dei conteggi per l esperienza delle due fenditure eseguita con elettroni. rivelatore P 1 P 12. fonte di elettroni 2 P 2. BORN E L INTERPRETAZIONE STATISTICA DELLA ψ : 1926 mente. La ψ infatti è, secondo Born, un ampiezza di probabilità. Il suo modulo al quadrato non indica una densità di carica, ma una densità di probabilità.

Dettagli

SINCRONICITÀ autori vari

SINCRONICITÀ autori vari SINCRONICITÀ autori vari La sincronicità è un termine introdotto da Carl Jung nel 1950 per descrivere una connessione fra eventi, psichici o oggettivi, che avvengono in modo sincrono, cioè nello stesso

Dettagli

Il minimo teorico Tutto quello che dovete sapere per fare della (buona) fisica

Il minimo teorico Tutto quello che dovete sapere per fare della (buona) fisica Il minimo teorico Tutto quello che dovete sapere per fare della (buona) fisica Leonard susskind George Hrabovsky Traduzione di Giuseppe Bozzi Leonard Susskind e George Hrabovsky Il minimo teorico Tutto

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO VITO VOLTERRA

LICEO SCIENTIFICO VITO VOLTERRA LICEO SCIENTIFICO VITO VOLTERRA DIPARTIMENTO DI FISICA ORIETTA DI BIAGIO Penso si possa tranquillamente affermare che nessuno capisce la meccanica quantistica Richard P. Feynman Premio Nobel nel 1963 Quelli

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016

Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 Liceo Scientifico Statale A. Volta, Torino Anno scolastico 2015 / 2016 FISICA ELETTROMAGNETISMO FISICA MODERNA classe 5 B MAG. 2016 Esercitazione di Fisica in preparazione all Esame di Stato A.S. 2015-2016

Dettagli

IL LICEO N. COPERNICO DI UDINE venerdì 17 febbraio 2006

IL LICEO N. COPERNICO DI UDINE venerdì 17 febbraio 2006 IL LICEO N. COPERNICO DI UDINE venerdì 17 febbraio 2006 propone una riflessione DAI PARADOSSI DELLA MECCANICA QUANTISTICA ALLA QUANTUM INFORMATION Due conferenze al mattino, dalle 11.00 alle 13.00 nell

Dettagli

L esperimento con fotoni polarizzati

L esperimento con fotoni polarizzati 1 nsegnamento della meccanica quantistica nella scuola superiore L esperimento con fotoni polarizzati Considerazioni didattiche La presentazione dei principi della meccanica quantistica nei corsi della

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

May 5, 2013. Fisica Quantistica. Monica Sambo. Sommario

May 5, 2013. Fisica Quantistica. Monica Sambo. Sommario May 5, 2013 Bohr, Born,, Dirac e Pauli accettano in modo incondizionato la nuova fisica Einstein, De, e pur fornendo importanti contributi alla nuova teoria cercano di ottenere una descrizione CAUSALE

Dettagli

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LA LUCE Un valido contributo alla comprensione della struttura dell atomo venne dato dallo studio delle radiazioni luminose emesse dagli atomi opportunamente sollecitati. Lo

Dettagli

Misureremo e analizzeremo la distribuzione di intensità luminosa di diverse figure di diffrazione in funzione della posizione acquisite on- line.

Misureremo e analizzeremo la distribuzione di intensità luminosa di diverse figure di diffrazione in funzione della posizione acquisite on- line. 4 IV Giornata Oggi termineremo questo percorso sulla luce misurando l intensità luminosa della distribuzione di massimi e minimi delle figure di diffrazione e di interferenza. In particolare confronteremo

Dettagli

Elettrostatica e fenomeni elettrici

Elettrostatica e fenomeni elettrici Elettrostatica e fenomeni elettrici Introduzione all'elettricità La parola elettricità deriva dal greco élecktron che significa ambra. La ragione di questa etimologia è presto spiegata: la proprietà dell'ambra

Dettagli

SVILUPPO DELLA STRUTTURA DEL PESIERO FINO ALL ALGORITMO CEREBRALE SIMMETRICA.

SVILUPPO DELLA STRUTTURA DEL PESIERO FINO ALL ALGORITMO CEREBRALE SIMMETRICA. STRUTTURA DEL PENSIERO E RUOLO DELL ALGORITMO CEREBRALE NELLA GERARCHIA DELLA CONOSCENZA FISICA. Un algoritmo è soprattutto una procedura e in questo caso si tratta di una procedura evolutiva del nostro

Dettagli

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura.

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura. Verifica dei postulati di Einstein sulla velocità della luce, osservazioni sull esperimento di Michelson e Morley Abbiamo visto che la necessità di introdurre un mezzo come l etere nasceva dalle evidenze

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' i n e r z i a d e l l ' e n e r g i a L'inerzia dell'energia Questa è la denominazione più corretta, al posto della consueta equivalenza massa energia. Einstein

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

MODELLI ATOMICI. Dai primi modelli alla teoria moderna

MODELLI ATOMICI. Dai primi modelli alla teoria moderna MODELLI ATOMICI Dai primi modelli alla teoria moderna Se numerose evidenze sperimentali avevano permesso di trovare l'esistenza delle particelle subatomiche, le loro dimensioni, così infinitamente piccole,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

One-Way Quantum Computer

One-Way Quantum Computer One-Way Quantum Computer June 6, 009 Esistono vari modelli di computaione quantistica che risultano equivalenti dal punto di vista formale, cioè in grado di implementare gli stessi algoritmi quantistici,

Dettagli

Questo è uno strumento semplicissimo che vedremo poi quanto è importante per capire l intero meccanismo della meccanica quantistica.

Questo è uno strumento semplicissimo che vedremo poi quanto è importante per capire l intero meccanismo della meccanica quantistica. Questo è uno strumento semplicissimo che vedremo poi quanto è importante per capire l intero meccanismo della meccanica quantistica. Si chiama interferometro: un apparecchio che, appunto crea interferenze.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO - SCIENTIFICO TECNOLOGICO 2010 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO - SCIENTIFICO TECNOLOGICO 2010 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO - SCIENTIFICO TECNOLOGICO 2010 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica La prova Il candidato svolga una relazione su uno solo dei seguenti due temi, a sua

Dettagli

Argomento EPR e non località

Argomento EPR e non località FISICA QUANTISTICA Argomento EPR e non località Lavoro di maturità Sacha Gianini Liceo Cantonale di Locarno 006-007 Professore responsabile: Christian Ferrari Indice 1 Struttura delle teorie quantistiche

Dettagli

Il modello ondulatorio

Il modello ondulatorio LUCE E VISIONE I COLORI PPUNI DI FISIC Il modello ondulatorio I fenomeni di cui ci siamo occupati finora possono essere facilmente spiegati considerando la luce composta da corpuscoli che sottostanno alle

Dettagli

Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile

Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile Queste parole non sono parole. O non sono soltanto parole. O non sono inevitabilmente parole. Il lettore le considera

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI FISICA

PIANO DI LAVORO DI FISICA LICEO STATALE B. RAMBALDI L. VALERIANI ALESSANDRO DA IMOLA Sede Centrale: Via Guicciardini, n. 4 40026 Imola (BO) Liceo Classico - Scientifico - Linguistico, delle Scienze Umane e con opzione Economico

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

Da Galileo a Higgs: un viaggio lungo 400 anni

Da Galileo a Higgs: un viaggio lungo 400 anni Da Galileo a Higgs: un viaggio lungo 400 anni Riccardo Torre Dipartimento di Fisica - Università di Padova 12 Febbraio 2015 Masterclass 2015 Liceo L. Stefanini, Venezia-Mestre Prerequisiti un po di fisica

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. B.Pascal Roma

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. B.Pascal Roma Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE B.Pascal Roma Anno Scolastico 2012-201 PIANO DI LAVORO DELLE CLASSI PRIME MATERIA: Scienze Integrate CHIMICA

Dettagli

Università di Modena e Reggio Emilia TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO - CLASSE A049 Matematica e fisica PROVA SCRITTA - 21 settembre 2012.

Università di Modena e Reggio Emilia TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO - CLASSE A049 Matematica e fisica PROVA SCRITTA - 21 settembre 2012. busta 1 QUESITI DI MATEMATICA 1. Nel piano euclideo dotato di un riferimento cartesiano ortogonale monometrico, sia Γ il luogo dei punti che soddisfano l'equazione X 2-2X = - 4Y -Y 2. 1.1 Stabilire che

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno

Fisica quantistica. Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli. Christian Ferrari. Liceo di Locarno Fisica quantistica Introduzione alla polarizzazione e altri sistemi a due livelli Christian Ferrari Liceo di Locarno Sommario La polarizzazione della luce e del fotone Altri sistemi a due livelli L evoluzione

Dettagli

Esistenza di Dio L'esistenza di Dio non è provata secondo i canoni attuali della scienza, né lo è il contrario. Benché l'esistenza di Dio non sia logicamente incompatibile con le conoscenze scientifiche

Dettagli

Ipotesi scientifiche ed evidenze osservative

Ipotesi scientifiche ed evidenze osservative Temi filosofici dell ingegneria e della scienza /Informatica B[1] Politecnico di Milano, II Facoltà di ingegneria, a.a. 2009-10 Ipotesi scientifiche ed evidenze osservative Viola Schiaffonati Dipartimento

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

Carlo Cosmelli. La visione del mondo della Relatività e della Meccanica Quantistica. Settimana 1 Lezione 1.1 Il punto della situazione

Carlo Cosmelli. La visione del mondo della Relatività e della Meccanica Quantistica. Settimana 1 Lezione 1.1 Il punto della situazione La visione del mondo della Relatività e della Meccanica Quantistica Settimana 1 Lezione 1.1 Il punto della situazione Carlo Cosmelli 1 Il XX secolo, nascono due nuove teorie fisiche 1900: Lord Kelvin all

Dettagli

Come scrivere una relazione di laboratorio completa sintetica

Come scrivere una relazione di laboratorio completa sintetica Come scrivere una relazione di laboratorio Premesso che durante l esperienza di laboratorio è necessario annotare tutto ciò che è utile per poter redigere la relazione, questa deve contenere: gli strumenti

Dettagli

Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 17

Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 17 Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 17 la radiazione diffusa a micro-onde, la scoperta del Big Bang, Penzias e Wilson Giorgio G.C. Palumbo Università degli Studi di Bologna Dipartimento di Astronomia

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI

LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI Tre punti importanti o Dati e ipotesi In tutte le discipline scientifiche che studiano gli organismi viventi, molto raramente i dati ottenuti attraverso

Dettagli

Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte II

Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte II Laboratorio Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte II Laura Palmerio Università Tor Vergata A.A. 2005/2006 Ipotesi sperimentale o alternativa e Ipotesi zero o nulla Ipotesi

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI Numeri naturali Ordinalità Cardinalità Ricorsività Confronto Misura Valore posizionale Operazioni Contare

Dettagli

Meccanica Quantistica (MQ)

Meccanica Quantistica (MQ) Meccanica Quantistica (MQ) Antonella Vannini 1 e Ulisse Di Corpo 2 Abstract La Meccanica Quantistica (MQ) o fisica quantistica è un complesso di teorie fisiche la cui elaborazione è iniziata nella prima

Dettagli

LE GEOMETRIE NON EUCLIDEE FRA CULTURA, STORIA E DIDATTICA DELLA MATEMATICA. Dario Palladino (Università di Genova)

LE GEOMETRIE NON EUCLIDEE FRA CULTURA, STORIA E DIDATTICA DELLA MATEMATICA. Dario Palladino (Università di Genova) LE GEOMETRIE NON EUCLIDEE FRA CULTURA, STORIA E DIDATTICA DELLA MATEMATICA Dario Palladino (Università di Genova) Seconda parte Momenti della storia dei tentativi di dimostrazione del V postulato di Euclide

Dettagli

Una scoperta conferma i paradossi della fisica quantistica

Una scoperta conferma i paradossi della fisica quantistica FISICA QUANTISTICA Una scoperta conferma i paradossi della fisica quantistica La funzione d onda, concetto alla base della meccanica quantistica, non è solo un modello matematico astratto ma una realtà

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Fogli Bis e autovalutazione finale

Fogli Bis e autovalutazione finale Laboratori di matematica di 2a elementare Fogli Bis e autovalutazione finale Informazioni e annotazioni per l insegnante Quest anno, oltre ai fogli Bis, così com erano previsti e proposti nei mini laboratori

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA LICEO LINGUISTICO A. MANZONI DOCENTE: CRISTINA FRESCURA MATERIA: FISICA Classe 5 Sezione B FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PREMESSA DISCIPLINARE

Dettagli

La statistica di Fermi

La statistica di Fermi La statistica di Fermi Giorgio Parisi Se si apre una rivista di fisica contemporanea si incontra spesso il nome di Fermi, ma nel sostantivo derivato, fermione. E altre volte si entra direttamente in contesti

Dettagli

OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4

OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4 OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4 Finalità: Sistematizzare concetti e definizioni. Verificare l apprendimento. Metodo: Lettura delle OSSERVAZIONI e risoluzione della scheda di verifica delle conoscenze

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

1. Il metodo scientifico

1. Il metodo scientifico Psicologia generale Marialuisa Martelli Metodi di Ricerca 1. Il metodo scientifico! Il metodo scientifico: processo fondato sulla raccolta attenta delle prove attraverso descrizioni e misurazioni precise,

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO E SUPERCONDUTTIVITA - NODI E PCK - L INDUZIONE ELETTROMAGNETICA E LA FORZA DI LORENTZ

ELETTROMAGNETISMO E SUPERCONDUTTIVITA - NODI E PCK - L INDUZIONE ELETTROMAGNETICA E LA FORZA DI LORENTZ L INDUZIONE ELETTROMAGNETICA E LA FORZA DI LORENTZ 1) Nella tua classe hai posto il seguente problema: avendo un magnete cilindrico ed una spira in cui è inserita una lampadina, stabilisci in quale/i situazione/i

Dettagli

analisi di sistemi retroazionati (2)

analisi di sistemi retroazionati (2) : analisi di sistemi retroazionati (2) Marco Lovera Dipartimento di Elettronica e Informazione Politecnico di Milano lovera@elet.polimi.it Indice Piccolo guadagno Stabilita ingresso-uscita Guadagno L 2

Dettagli

Ancora su diagnosi. Lezione 9 giugno. Conoscenza incompleta e senso comune. Frameworks per il ragionamento basato su assunzioni

Ancora su diagnosi. Lezione 9 giugno. Conoscenza incompleta e senso comune. Frameworks per il ragionamento basato su assunzioni Ancora su diagnosi Lezione 9 giugno Ancora su diagnosi Conoscenza incompleta, senso comune e ragionamento basato su assunzioni Cenni su pianificazione Abbiamo accennato alla diagnosi di guasti. Occorre

Dettagli

Competenze. Riconoscere che una calamita esercita una forza su una seconda calamita. Riconoscere che l ago di una bussola ruota in direzione Sud-Nord.

Competenze. Riconoscere che una calamita esercita una forza su una seconda calamita. Riconoscere che l ago di una bussola ruota in direzione Sud-Nord. Ist.Magistrale G. Comi Tricase ( LE Allegata al verbale del Consiglio di classe del 19/10/2015 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE della CLASSE 5 AA Anno scolastico 2015/2016 MATERIA Fisica DOCENTE Nicolì Pasquale

Dettagli

Ecco un gruppo di cinque storielle inventate per far riflettere sull'aritmetica e i suoi fondamenti. CARLETTO E LA MATEMATICA

Ecco un gruppo di cinque storielle inventate per far riflettere sull'aritmetica e i suoi fondamenti. CARLETTO E LA MATEMATICA info@didatticaperprogetti.it PROGETTO 2.1.9 TITOLO Carletto e la matematica AREA Matematica (Aritmetica) SCUOLA Elementare: classi 3-4 - 5 Media: classe 1 OBIETTIVO Riflettere sui fondamenti della matematica

Dettagli

Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano

Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano Panico - Una bugia del cervello che può rovinarci la vita, di Rosario Sorrentino Cinzia Tani. Mondadori Editore, Milano Qualcosa si annida dentro noi e ci rende la vita difficile, complicata, come un dèmone

Dettagli

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo Statistica 1 Esercitazioni Dott. 1 1 Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche S. Vianelli, Università di Palermo ricevimento: lunedì ore 15-17 mercoledì ore 15-17 e-mail: luigi.augugliaro@unipa.it

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

Strategie alternative ai metodi sperimentali

Strategie alternative ai metodi sperimentali Strategie alternative ai metodi sperimentali 1. 2. I quasi-esperimenti (non sperimentali) prevedono la descrizione del fenomeno in esame. Il metodo descrive le variabili in esame, non prevede alcuna manipolazione

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

La conoscenza scientifica secondo Karl Popper

La conoscenza scientifica secondo Karl Popper La conoscenza scientifica secondo Karl Popper Manlio De Domenico Università degli studi di Catania In quanto le proposizioni della scienza si riferiscono alla realtà, in tanto non sono certe; e in quanto

Dettagli

IL CONCETTO DI MODELLO

IL CONCETTO DI MODELLO Titolo: IL CONCETTO DI MODELLO Autore: Elisabetta Caroti Percorsi didattici associati: 1. Investigazioni sul modello particellare 2. Alziamo gli occhi al cielo 3. L'universo in una stanza AVVERTENZA: Le

Dettagli

l insieme delle misure effettuate costituisce il campione statistico

l insieme delle misure effettuate costituisce il campione statistico Statistica negli esperimenti reali si effettuano sempre un numero finito di misure, ( spesso molto limitato ) l insieme delle misure effettuate costituisce il campione statistico Statistica descrittiva

Dettagli

PARTE TERZA Le conoscenze preliminari e la loro verifica

PARTE TERZA Le conoscenze preliminari e la loro verifica INDICE 7 Introduzione PARTE PRIMA Che cos è la Fisica oggi 13 1. Ambito, scopo e obiettivi generali 15 2. Il metodo scientifico: teoria ed esperimento 21 3. Relazioni e differenze con la matematica e l

Dettagli

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione Domande di ripasso 1. In questo capitolo abbiamo esaminato tre modelli della curva di offerta aggregata di

Dettagli

PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE

PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE Capitolo 1 PRNCP D VRAPPZNE 1.1 Principio di sovrapposizione in ottica ondulatoria: esperimento di Young Una sorgente emette un onda luminosa monocromatica di lunghezza d onda λ, come illustrato in Fig.1.1.

Dettagli

Ricerca scientifica Processo di ricerca

Ricerca scientifica Processo di ricerca Ricerca scientifica Processo di ricerca Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 1 Pedon, Gnisci (2004) Metodologia della ricerca psicologica. Mulino Cap. 2 La ricerca

Dettagli

QUESITO 1 A FISICA. Il candidato illustri il primo principio della termodinamica. Consideri poi la seguente

QUESITO 1 A FISICA. Il candidato illustri il primo principio della termodinamica. Consideri poi la seguente QUESITO 1 A Il candidato illustri il primo principio della termodinamica. Consideri poi la seguente circostanza: nel cilindro di un motore avviene una rapida espansione di un gas contro il pistone. Il

Dettagli

È COMPLETA LA DESCRIZIONE DELLA REALTÀ FISICA FORNITA DALLA MECCANICA QUANTISTICA?

È COMPLETA LA DESCRIZIONE DELLA REALTÀ FISICA FORNITA DALLA MECCANICA QUANTISTICA? È COMPLETA LA DESCRIZIONE DELLA REALTÀ FISICA FORNITA DALLA MECCANICA QUANTISTICA? Valia Allori 1 e Nino Zanghì 2 Negli anni venti del XX secolo, il fisico danese Niels Bohr, a quel tempo probabilmente

Dettagli

PARTICELLE SUBATOMICHE

PARTICELLE SUBATOMICHE MODELLI ATOMICI Il cammino per arrivare alla moderna teoria atomica è stato lungo e complesso: ogni nuova scoperta faceva venire alla luce anche nuovi problemi, che dovevano essere affrontati e risolti;

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli