Report soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Report soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia"

Transcript

1 Report soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia Processo: Monitoraggio della soddisfazione dell utenza nei servizi educativi per la prima infanzia P 5.2 Pagina 1 di 8 Questionari per la valutazione della qualità dei Servizi educativi per la prima infanzia del Comune di Sesto Fiorentino Anno educativo 2012/2013. Indagine sulla soddisfazione dei genitori della qualità dell offerta. Qualità percepita dalle famiglie dei bambini/e che frequentano i servizi educativi per la prima infanzia comunali. Sintesi dei dati emersi dalla rilevazione. L indagine proposta alle famiglie dei bambini* che frequentano i servizi educativi per la prima infanzia comunali, intende misurare, per il decimo anno educativo, il grado di soddisfazione per il Servizio erogato. La percezione dei genitori, sebbene non sia l unico indicatore della qualità delle attività proposte, è un indicatore importante per orientare pedagogicamente le pratiche di accoglienza e la costruzione di relazioni che favoriscano il coinvolgimento e la partecipazione delle famiglie alla vita del Servizio, caratterizzato dai processi educativi e di socializzazione proposti ai loro figli. La soddisfazione dei genitori non è quindi un sondaggio di opinione orientato ad una raccolta di dati attraverso la somministrazione di un questionario: rappresenta un sistema di ascolto per facilitare il confronto, lo scambio di idee e di pensieri e favorire una discussione dialogata che valorizzi il significato del progetto educativo, un dialogo trasformativo insieme alle famiglie, capace di modificare ed arricchire i reciproci punti di vista e le stesse identità, un valido modo di esercitare una partecipazione attiva. I servizi per la prima infanzia sono luoghi molto delicati, luoghi di costruzione ed elaborazione sociale e culturale, luoghi di senso per l identità culturale di una comunità, un sistema di sistemi, di relazioni e di comunicazioni fra bambini, educatori, genitori. Il nido e i servizi integrativi sono luoghi aperti, accoglienti, attivi, caratterizzati da una cultura compartecipata, in cui si esplicitano pensieri, scelte valoriali ed etiche, dove l ascolto sostiene e valorizza le soggettività e le complessità, luoghi dove l immagine del bambino conduce all idea di un bambino competente, soggetto attivo e protagonista del suo processo di sviluppo e delle sue esperienze, che accredita diritti, forti competenze e potenzialità. Luoghi che svolgono azioni di sostegno ai bisogni genitoriali attraverso la pedagogia dell ascolto e dello scambio relazionale con le famiglie, creando opportunità di incontro e di scambio per promuovere un senso dell educare coerente, condiviso e valoriale. Il Sistema di Gestione della Qualità dei servizi educativi per la prima infanzia comunali si è così concretizzato grazie al contributo di tutti gli attori che si occupano dell erogazione del Servizio - personale educativo, personale amministrativo, indirizzi politici - e grazie al contributo espresso negli anni dalle famiglie utenti attraverso la partecipazione attiva alla vita del Servizio e la compilazione del questionario, in un percorso di condivisione e di riflessione sulle linee-guida che caratterizzano il Progetto Pedagogico dei servizi comunali e sulle modalità educative attraverso le quali si realizzano, esplicitate poi nel Manuale di Qualità dei servizi per la prima infanzia, in grado di individuare obiettivi, indicatori, linee di azione che governano tutti i processi relativi alla gestione pedagogica, educativa, organizzativa, strutturale del Servizio. *Con il termine bambini si intendono le bambine/i bambini. 1/8

2 La Dimensione della Qualità tiene conto di tre livelli di Qualità: Qualità percepita, che vede i genitori co-autori del Servizio nel condividere le scelte educative attraverso la partecipazione e l utilizzo di Questionari di soddisfazione e nel dare il loro contributo con suggerimenti e indicazioni. La scelta di certificare i servizi per la prima infanzia comunali, certificati UNI EN ISO 9001:2008 dal 17 gennaio 2012, è stata un importante contributo per esplicitare in maniera chiara un sistema di regole con standard e indicatori di qualità e modalità di verifica che oltre a favorire la conoscenza della Qualità erogata dal Servizio, facilitano la valutazione oggettiva da parte delle famiglie: la puntuale informazione sulle esperienze proposte ai loro bambini e la possibilità di esprimersi sistematicamente sulle attività del Servizio sono necessarie per un servizio di qualità. Intendendo per Qualità erogata un servizio educativo pensato in tutti i suoi aspetti, pedagogici, metodologici, amministrativi, gestionali, organizzativi che concretizza le sue azioni dal momento della richiesta della famiglia di iscrivere il proprio figlio/a al Servizio, fino al termine del suo percorso formativo al nido, accompagnandolo, insieme ai genitori, alla conoscenza del ciclo successivo - la scuola dell infanzia- per favorire il passaggio fra le due agenzie educative, attraverso visite conoscitive e schede curricolari condivise con la famiglia. Attraverso le procedure del sistema qualità è stato monitorato più volte il gradimento delle famiglie utenti, un importante contributo rispetto alle attività proposte dal Servizio, relativo al primo incontro di presentazione del progetto pedagogico con i genitori nuovi-utenti prima dell ambientamento dei loro bambini, alle loro riflessioni post ambientamento, al gradimento dei laboratori pratici proposti ai genitori per costruire un giocattolo con materiali di recupero, o semplicemente per fare esperienze sensoriali e riprovare le sensazioni dei propri bambini. I report sui monitoraggi effettuati nel corso dell anno educativo, la presentazione e la consegna delle programmazioni didattiche delle sezioni, in cartaceo e per mail, come strumento di dialogo, le verifiche condivise con i genitori, hanno poi permesso al gruppo educativo di riferimento di riflettere sui bisogni espressi dalle famiglie e sulle modalità relazionali da proporre e di confrontare le loro riflessioni e proposte educative con i genitori in sede di consiglio del nido e di assemblea di sezione. Il Sistema Qualità permette un reale controllo sulle attività proposte dal Servizio e condivise con le famiglie, che confermano, firmando i moduli e i questionari di gradimento, che ciò che viene proposto, è effettivamente realizzato. Il 22 novembre 2012, l Ente certificatore, Det Norske Veritas Italia S.R.L. (DNV), ha effettuato, con esito positivo, la verifica periodica di mantenimento del Sistema Gestione Qualità di Istituzione Sesto Idee relativa all anno solare 2012, redigendo una relazione di sintesi per la Direzione, che evidenzia il buon funzionamento del Sistema. Di seguito sono riportate le considerazioni espresse nel Rapporto di audit dal Team leader di DNV: Commenti positivi Il sistema di gestione per la qualità, anche se di recente applicazione, risulta ottimamente implementato, gestito ed applicato dal personale tutto. Il sistema di indicatori sviluppato per il monitoraggio degli obiettivi di direzione, è stato sviluppato, i dati raccolti sono stati analizzati, uniformando anche la periodicità della loro rilevazione, questo fa si che i dati rilevati risultino particolarmente significativi nella valutazione delle performance dell Istituzione. Grande disponibilità e competenza del personale. Impegno direzionale e dei vari responsabili nella gestione del sistema. Asili Nido: Manutenzione ordinaria e straordinaria di elevato livello, ambienti confortevoli e idonei all erogazione dei servizi. Dalle considerazioni dell ente certificatore emerge che il sistema qualità applicato è coerente con la politica e gli obiettivi per la qualità esplicitati, proprio per la rappresentatività e la significatività 2/8

3 dei dati raccolti attraverso gli indicatori dei processi osservati: a livello quantitativo, in quanto misurabili e a livello qualitativo, perché confrontabili. Esempio di un utilizzo dei dati attraverso il monitoraggio degli indicatori: Dati a confronto: Questionario di gradimento assemblea delle famiglie nuove utenti del Servizio valore atteso indicatore 70% Report Questionario di gradimento assemblea delle famiglie nuove utenti del Servizio a.e. 2011/2012 Questionari consegnati alle famiglie: 134 Questionari riconsegnati: % Domanda proposta alle famiglie importanza soddisfazione Come considera l incontro informativo? 9,64 9,08 Le informazioni fornite sono state chiare? 9,48 9,00 La documentazione didattica e le indicazioni cartacee contenute nella Cartellina consegnata, quanto sono utili? 9,24 9,00 Report Questionario di gradimento assemblea delle famiglie nuove utenti del Servizio a.e. 2012/2013 Questionari consegnati alle famiglie: 126 Questionari riconsegnati: ,85% Domanda proposta alle famiglie importanza soddisfazione Come considera l incontro informativo? 9,40 9,18 Le informazioni fornite sono state chiare? 9,44 9,24 La documentazione didattica e le indicazioni cartacee contenute nella Cartellina consegnata, quanto sono utili? 9,30 9,33 Dal confronto dei dati dei 2 anni educativi si nota l aumento percentuale del numero di questionari restituiti dai genitori e l aumentata soddisfazione espressa dalle famiglie che hanno partecipato al primo incontro informativo. Offrire alle famiglie elementi significativi e valutabili presentando loro il progetto pedagogico rivolto ai bambini, che indirizza l azione educativa del Servizio per condividere e riflettere insieme sulle linee guida pedagogiche, documentando le attività realizzate all interno del nido e richiedendo ai genitori pareri, riflessioni e una valutazione sul benessere del loro bambino in relazione a momenti significativi come il passaggio dall ambiente familiare a quello del nido - ambientamento -, a momenti di quotidianità come il pranzo, il sonno (routines), alle relazioni con adulti diversi da quelli conosciuti e con i pari, alle emozioni di scoprire realtà diverse dalla famiglia e dal nido - uscite didattiche, passaggio alla scuola dell infanzia - favorisce la Qualità partecipata e attiva delle famiglie nella vita del nido, come parte integrante di un luogo pensato per stare insieme con altri genitori condividendo iniziative e progetti. In questo report sono riportati i dati più significativi relativi all anno educativo in corso, emersi dalla ricerca condotta con la collaborazione dei genitori dei bambini che frequentano i servizi per la prima infanzia comunali e privati accreditati del territorio. Attraverso la compilazione del questionario, il 79,75% delle famiglie-utenti, un dato molto rappresentativo, ha partecipato alla rilevazione, esprimendo le proprie opinioni sull esperienza sperimentata nel Servizio. Le rilevazioni periodiche della qualità percepita forniscono, di volta in volta, dati reali per misurare lo scostamento e/o la coincidenza fra l opinione dell utente e la qualità del servizio erogato, nell ottica del miglioramento continuo. La metodologia adottata per realizzare l indagine misura la qualità attesa in rapporto alla qualità percepita, attraverso lo strumento del questionario, rivolto ai genitori dei bambini iscritti nei servizi per la prima infanzia. L elaborazione dei dati permette di presentare una panoramica generale della soddisfazione delle famiglie per il Servizio erogato, che anche per questo anno educativo ne conferma la qualità. 3/8

4 Obiettivi dell indagine - Verificare la percezione del livello qualitativo del Servizio attualmente offerto - Individuare le opinioni delle famiglie rispetto a un numero cospicuo di fattori costitutivi il Servizio offerto - Definire il grado di soddisfazione e di importanza attribuito alle diverse competenze del Servizio - Cogliere eventuali esigenze non soddisfatte nell organizzazione del Servizio, per lo sviluppo di percorsi di miglioramento, concretamente percorribili e verificabili - Comparare le valutazioni espresse dai genitori nel corso degli anni. I dati evidenziati illustrano i risultati relativi all anno educativo 2012/2013: Questionari consegnati alle famiglie che frequentano i servizi educativi comunali Questionari consegnati alle famiglie che frequentano i servizi educativi privati accreditati del territorio Totale questionari consegnati alle famiglie 259* 235** 494 *Il numero minore di questionari consegnati nei servizi comunali è dovuto al fatto che non sono stati somministrati ai genitori dei piccoli del nido Querceto, che hanno iniziato gli ambientamenti a metà aprile, con il rientro in sede a conclusione della ristrutturazione della cucina interna. **Si conferma come per l anno educativo 2011/2012 la riduzione di n 50 bambini/e nei servizi privati accreditati con rif. a.e. 2010/2011: distribuiti 569 questionari: 278 utenti servizi comunali, 285 utenti servizi privati accreditati. Questionari compilati e riconsegnati dalle famiglie che frequentano i servizi educativi comunali Questionari compilati e riconsegnati dalle famiglie che frequentano i servizi educativi privati accreditati del territorio Totale questionari compilati e riconsegnati dalle famiglie Complessivamente sono stati compilati e restituiti 394 questionari con una percentuale di risposta del 79,75%. I dati sono riferiti rispettivamente a 192 questionari provenienti dai servizi comunali, pari al 74,13% dell intera utenza e a 202 questionari provenienti dai servizi privati accreditati del territorio, pari all 85,95% dell intera utenza, che comprende anche 32 posti-nido in convenzione. La metodologia - La rilevazione delle caratteristiche socio-demografiche delle famiglie-utenti dei servizi educativi per la prima infanzia - La rilevazione della qualità percepita dai genitori espressa attraverso l analisi dei punteggi attribuiti ai 25 elementi ritenuti caratterizzanti del servizio su una scala di valori da 1 (pessimo) a 10 (eccellente), sia relativamente al grado di importanza che a quello di soddisfazione di ciascun elemento - In conclusione è stato lasciato spazio per eventuali suggerimenti, nella forma di domanda aperta. I dati relativi ai 25 elementi indicati nel questionario sono un utile riferimento per una prima valutazione sulla qualità percepita dalle famiglie-utenti dei nidi d infanzia comunali Alice, Il Gatto e la Volpe, Elio Marini, Il Pentolino Magico, Gianni Rodari, Querceto e del Centro Gioco Educativo pomeridiano La Coccinella. I dati relativi ai servizi privati accreditati del territorio saranno elaborati e inviati ai gestori dei servizi che li pubblicizzeranno secondo proprie modalità. 4/8

5 Le caratteristiche socio-demografiche delle famiglie-utenti dei servizi comunali: diminuisce la percentuale dei questionari compilati dalla madre 81,25% e aumenta la compilazione da parte del padre 10,93% e dei genitori che lo compilano insieme 7,81%; si abbassa l età media della coppia genitoriale, 37 anni e mezzo rispetto all età media del precedente anno educativo ( 40 anni e mezzo); si riconferma la tendenza di avere figli ben oltre la soglia dei trent anni, anche se nel nostro caso per molti genitori si tratta del secondo figlio; la struttura del nucleo familiare è di tipo tradizionale nel 67,18% dei casi, la percentuale dei genitori non coniugati 32,81%, con nuclei familiari ricostituiti a seguito di rottura di precedenti legami familiari per il 4,73%; nel 4,68%, è presente un solo genitore, in genere la madre; nel 95,28% dei casi il bambino vive con entrambi i genitori, indipendentemente dal loro stato civile, nel 4,71% dei casi con un solo genitore; il grado di istruzione dei genitori evidenzia che il 90,10% delle madri possiede un diploma di scuola media superiore o laurea rispetto al 75,52% dei padri; rispetto alla percentuale totale delle madri occupate, 82,29%, l 82,27% ha un lavoro dipendente:il 69,23% di tipo impiegatizio, il 17,69 operaio, il 7,69% dirigenziale, il 4,61% insegnante; nel restante 17,72% si tratta di lavoro autonomo in cui prevale la libera professione 53,57% e a seguire con il 39,28% le attività commerciali e artigiane. Fra le madri non occupate, il 13,54%, il 50% sono disoccupate, il 42,3% casalinghe e il 7,69% studentesse e il 4,16% non risponde; i padri occupati sono in totale il 91,14%: l attività lavorativa è percentualmente suddivisa tra lavoro dipendente 68,57% e lavoro autonomo 31,42%. Le tipologie di lavoro dipendente sono per il 45% di tipo impiegatizio, il 34,16% operaio, dirigenziale il 15,83% e militari il 6,66%. Nel lavoro autonomo prevalgono la libera professione 47,27% e le attività commerciali, 25,45%; il 16,36% sono attività in proprio e il 12,72% di tipo imprenditoriale. Il 5,22% è in stato di disoccupazione e il 3,64% non risponde; tra gli occupati il 96,04% degli uomini lavora full-time e il 30,06% delle donne part-time; nel 28,27% dei casi il nucleo familiare è composto dai genitori e 1 figlio, nel 58,11% dai genitori e 2 figli, nel 10,47% sono presenti 3 figli, nel 3,14% più di 3 figli. I motivi della scelta del Servizio da parte dei genitori sono legati alla convinzione che i servizi per la prima infanzia offrono alla famiglia una risposta alle necessità organizzative lavorative (31,25%) e al bambino/a un importante esperienza educativa (26,04%), altro l 1,5%. Nel 41,14% le risposte contemplano entrambi gli aspetti. Quindi nel 67,18% delle risposte, le famiglie riconoscono l aspetto educativo del Servizio. I questionari sono stati compilati per il 56,85% dalle famiglie i cui figli frequentano il Servizio per il 1 anno, per il 35,78% dalle famiglie i cui figli frequentano il Servizio per il 2 anno, e solo dal 7,36% dalle famiglie che usufruiscono del Servizio per il 3 anno. Complessivamente, analizzando i valori assegnati a ciascuno dei 25 fattori per quanto riguarda la soddisfazione dei genitori, gli indicatori di soddisfazione globale sono superiori al punteggio di otto. Il risultato generale fa emergere un quadro indubbiamente soddisfacente e quegli elementi del servizio che conseguono una minore valutazione, seppur positiva, costituiranno comunque gli obiettivi di miglioramento, così come saranno attentamente considerati i numerosi suggerimenti dei genitori. Considerando i macro elementi: 5/8

6 - struttura e ambiente: fornisce le informazioni che l occhio può cogliere, esamina l ambiente fisico in cui si sviluppano le attività, considerando anche le caratteristiche strutturali come la cura dell edificio, la cura degli arredi, la varietà dei giochi, la presenza di vivacità dell ambiente - foto, lavori dei bambini -, la gradevolezza, la presenza di uno spazio esterno strutturato, la pulizia dei locali, - aspetti educativi: l interesse si sposta verso il coinvolgimento dei genitori nell ambito didattico, con la possibilità di esprimere proprie esigenze educative, di visionare il materiale realizzato dal bambino, i materiali utilizzati,. - partecipazione delle famiglie: l intento è quello di comprendere il coinvolgimento dei genitori alle attività e alla vita del nido, il punto di collegamento fra casa e nido; - organizzazione del servizio: la sua accessibilità, intesa come canoni della reale accessibilità del servizio, disponibilità di posti, aspetti economici, raggiungibilità fisica della struttura (viabilità, parcheggi, presenza di mezzi pubblici), accessibilità alle informazioni sui servizi. Il personale educativo: le famiglie affidano i propri figli alle cure del personale educativo; è fondamentale capire come i genitori vedono questi professionisti, quanto li considerano capaci e quanto si sentano sicuri nell affidare loro i propri bambini. Quindi gli aspetti valutati sono la competenza, l affidabilità, la disponibilità, la serenità dell ambiente educativo, l attenzione e l affettuosità nei confronti dei bambini, la capacità di gestire situazioni problematiche del bambino in particolari momenti di crescita o disagio come elementi indicatori della qualità erogata dai servizi comunali, si evidenziano quelli ritenuti dalle famiglie di maggiore importanza e la loro percezione di soddisfazione. Anno educativo 2012/2013 importante soddisfatto struttura e ambiente 9,30 8,77 aspetti educativi 9,23 8,92 partecipazione delle famiglie 8,93 8,84 organizzazione del servizio 9,50 8,88 Se confrontiamo i dati relativi agli anni educativi indicati nella tavola Valori a confronto, osserviamo sia il progressivo miglioramento sia la conferma dei valori attribuiti dalle famiglie a ciascuno dei macro elementi per quanto riguarda la qualità percepita: Valori a confronto 2007/ / / / / /2013 struttura e ambiente 8,43 8,62 8,72 8,96 8,89 8,77 aspetti educativi 8,42 8,61 8, ,82 8,92 partecipazione delle famiglie 7,98 8,25 8,41 8,56 8,54 8,84 organizzazione del servizio 8,51 8,71 8,73 8,83 8,88 8,88 I macro elementi sono costituiti da sotto indicatori, che ne specificano gli elementi caratterizzanti. Per gli aspetti relativi a Struttura e ambiente, nella scala d importanza i genitori attribuiscono alla Cura e igiene dell ambiente (9,80), all Organizzazione degli spazi (9,21), alla Presenza di spazi stimolanti per i bambini (9,47), la massima importanza, che trova risposta di soddisfazione rispettivamente con 9,19 per quanto riguarda la cura e l igiene dell ambiente, 8,65 per l organizzazione degli spazi e 8,87 per gli spazi stimolanti per i bambini. 6/8

7 Fra gli Aspetti educativi i genitori sottolineano con valori molto elevati l importanza del momento dell ambientamento del bambino, la qualità delle routine, la documentazione sulle attività svolte dagli educatori con i bambini e le informazioni sul benessere del bambino. Indicatore 2009/ / / /2013 importante soddisfatto importante soddisfatto importante soddisfatto importante soddisfatto Modalità di ambientamento del bambino Momenti di routine:accoglienza, cambio, pranzo, sonno.. Informazione e documentazione sulle attività e sul bambino 9,57 8,93 9,72 9,19 9,65 9,07 9,62 9,16 9,46 9,03 9,56 9,22 9,55 9,08 9,52 9,05 9,45 8,62 9,39 8,86 9,39 8,67 9,43 8,73 I 192 questionari compilati dai genitori confermano che il 95,31% delle famiglie ha partecipato agli incontri di presentazione del progetto pedagogico del servizio ritenendo la presentazione importante per il 9,01 con un gradimento pari all 8,88. L importanza attribuita alla condivisione degli obiettivi del progetto (8,94) e alla loro verifica (8,86) trova soddisfazione rispettivamente con 8,83 e 8,66. I valori attribuiti alle voci indicate evidenziano l attenzione dei genitori alla trasparenza dell agire pedagogico all interno del Servizio, sia per conoscere strategie e modalità educative finalizzate al benessere del bambino, sia per condividere con fiducia il percorso evolutivo proposto al bambino dagli educatori di riferimento. La partecipazione delle famiglie, fra i macro elementi, è in costante crescita rispetto ai dati degli anni educativi precedenti: l indicatore Avere dei colloqui individuali con il personale supera il valore nove, con 9,52 e una soddisfazione percepita di 8,78; le altre voci, partecipazione agli incontri generali o di sezione, 8,76 importante per le assemblee generali con gradimento 8,66, 8,77 per gli incontri di sezione, con soddisfazione 8,68. I valori relativi al dato sulla partecipazione attiva delle famiglie alle attività proposte nei servizi, mostrano importanza 8,67 e una soddisfazione 8,53, in linea con gli altri indicatori del macro elemento. I cinque indicatori che compongono l ultimo macro elemento Organizzazione del servizio hanno indici di importanza tutti superiori al nove: si richiede la massima competenza del personale educativo, con 9,71, con una soddisfazione percepita pari al 9,29 e viene attribuito al clima organizzativo del servizio un importanza pari al 9,58, percepita 9,09. Per quanto riguarda l importanza attribuita all adeguatezza degli orari di apertura e chiusura del servizio, 9,52, la soddisfazione delle famiglie si attesta su 8,72. Domande generali anno educativo anno educativo anno educativo anno educativo 2009/ / / /2013 Immagine prevalente del servizio fra la gente 8,53 8,85 8,87 8,92 Complessivamente quanto si ritiene soddisfatto 9,00 9,27 9,14 9,08 Si confermano l immagine prevalente del servizio fra la gente e la soddisfazione media complessiva, superiore al valore 9 insieme alle leve di successo del servizio: competenza, affidabilità e disponibilità del personale 7/8

8 benessere e apprendimento del bambino: routine ed attività cura e igiene dell ambiente Le leve di miglioramento sulle quali si orienta l impegno dei gruppi educativi e del Coordinamento Pedagogico comunale sono ancora: la documentazione dell agire pedagogico come strumento di informazione, di conoscenza, di riflessione e condivisione con le famiglie e la città la qualità della relazione educativa per favorire la partecipazione delle famiglie al percorso di crescita del figlio/a e la conoscenza-condivisione degli indirizzi pedagogici del servizio. Si ringraziano tutti coloro che hanno partecipato alle indagini di soddisfazione dei genitori sulla qualità dell offerta relativa ai servizi educativi comunali per la prima infanzia: il loro contributo è attentamente analizzato e considerato nel processo migliorativo per rispondere a eventuali carenze e ottimizzare la qualità del Servizio erogato. I questionari elaborati relativi all anno educativo 2012/2013, sono distribuiti a tutte le famiglieutenti, con i dati relativi al Servizio frequentato. Sesto Fiorentino, 21 maggio 2013 per il Coordinamento Pedagogico del Comune di Sesto Fiorentino Dott.ssa Rossella Lanni 8/8

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

ASILO AZIENDALE BPM. Il patto di valori e servizi tra BPM e BD Bimbi srl. Milano, 25 gennaio 2011

ASILO AZIENDALE BPM. Il patto di valori e servizi tra BPM e BD Bimbi srl. Milano, 25 gennaio 2011 ASILO AZIENDALE BPM Il patto di valori e servizi tra BPM e BD Bimbi srl Milano, 25 gennaio 2011 BREVE STORIA L asilo nido Il giardino di Bez nasce per volontà del consiglio di amministrazione della Banca

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA 7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA Via San Giovanni Bosco, 171 - Modena tel. 059.223752 / fax 059.4391420 VADEMECUM IMPEGNI DI RECIPROCITA NEI RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA Premessa Dal POF 2009/2010 del 7 Circolo

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Direzione Scuola e Politiche Giovanili Settore Gestione Servizi per l Infanzia e le Scuole dell Obbligo Via di Francia

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27

Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27 Comune di Brescia Settore Pubblica Istruzione Servizio scuole dell infanzia Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27 Piano Offerta Formativa anno scolastico 2012/2013 PROGETTO EDUCATIVO Profilo

Dettagli

Risultati dell indagine per la rilevazione del grado di soddisfazione del Centro Diurno Disabili del Comune di Calolziocorte

Risultati dell indagine per la rilevazione del grado di soddisfazione del Centro Diurno Disabili del Comune di Calolziocorte Risultati dell indagine per la rilevazione del grado di soddisfazione del Centro Diurno Disabili del Comune di Calolziocorte 01 A cura di Àncora Servizi Premessa metodologica Àncora Servizi, in collaborazione

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

PREMESSE GENERALI Direzione Politiche Educative Via di Francia 1 16149 GENOVA. Segreteria tel. 010 5577254

PREMESSE GENERALI Direzione Politiche Educative Via di Francia 1 16149 GENOVA. Segreteria tel. 010 5577254 Delibera n.34/2011 Carta dei Servizi Sistema Educativo Integrato dei servizi ai bambini di 0-6 anni Anno Scolastico 2011-2012 PREMESSE GENERALI Direzione Politiche Educative Via di Francia 1 16149 GENOVA

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 189 del 12/06/2012 Introduzione Il sistema

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA Progetto organizzativo - gestionale 1. Descrizione del contesto La cooperativa sociale Istituto San Giuseppe e la cooperativa sociale Sant Agostino hanno individuato

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Imperia Giocare per crescere 2014 Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Minori Giorni /ore di servizio N.

Dettagli

Doveri della famiglia

Doveri della famiglia MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA Via Figurella, 27 Catona 89135 Reggio di Calabria (RC) Telefax 0965302500-0965600920 C.F. 92081350800 C.M. RCIC868003 PEC rcic868003@pec.istruzione.it A.S.

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA

CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione 1 PROGETTO ASILO NIDO GESTIONE DEL SERVIZIO ASILO NIDO E DEL POST-NIDO Premessa: La traccia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

Centro Intercomunale di Servizi per la Prima Infanzia Le Coccinelle

Centro Intercomunale di Servizi per la Prima Infanzia Le Coccinelle Centro Intercomunale di Servizi per la Prima Infanzia Le Coccinelle In cosa consiste il sevizio Il Centro Intercomunale di Servizi per la Prima Infanzia Le Coccinelle è un servizio socioeducativo per la

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

Micronido BIM BUM BAM!!

Micronido BIM BUM BAM!! Micronido BIM BUM BAM!! Per i bimbi fino ai 3 anni aperto tutto l'anno dalle 07.30 alle 18.30 (orari e frequenze liberi!!) per info.: 049 9387559 via Dante, 5\B a Trebaseleghe CARTA DEI SERVIZI settembre

Dettagli

La voce dei cittadini I risultati dell indagine sulla soddisfazione degli utenti degli asili nido comunali

La voce dei cittadini I risultati dell indagine sulla soddisfazione degli utenti degli asili nido comunali 64 La voce dei cittadini I risultati dell indagine sulla soddisfazione degli utenti degli asili nido comunali Nell ambito del processo di formazione del bilancio sociale, il Comune ha affidato ad una società

Dettagli

PROTOCOLLO CONTINUITA

PROTOCOLLO CONTINUITA PROTOCOLLO CONTINUITA Premessa La Continuità nasce dall esigenza primaria di garantire il diritto del bambino/ragazzo a un percorso formativo organico e completo[ ] a livello psicologico, pedagogico e

Dettagli

C.I.M. MAPPANO. Restituzione risultati del QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE ASILO NIDO IL MAPPAMONDO 2014

C.I.M. MAPPANO. Restituzione risultati del QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE ASILO NIDO IL MAPPAMONDO 2014 Restituzione risultati del QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE ASILO NIDO IL MAPPAMONDO 2014 C.I.M. MAPPANO La rilevazione è stata effettuata nel mese di aprile 2014, a circa un anno dalla precedente. L obiettivo

Dettagli

Il ciliegio. Nido d infanzia. Nido comunale d infanzia Gualtieri RE. Comune di Gualtieri

Il ciliegio. Nido d infanzia. Nido comunale d infanzia Gualtieri RE. Comune di Gualtieri Nido d infanzia Comune di Gualtieri Il ciliegio Nido comunale d infanzia Il ciliegio Gualtieri RE Via G. di Vittorio tel. 0522 828603 nidociliegio@alice.it www.asbr.it storia 1978 Il nido d infanzia Il

Dettagli

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE 4. LA SCUOLA DELL INFANZIA 4.1 L OFFERTA FORMATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA rimane aperta dalle ore 8.00 alle ore 15.45 ed offre un servizio

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

RELAZIONE FINALE QUESTIONARI DI AUTOVALUTAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO G. CEDERLE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO

RELAZIONE FINALE QUESTIONARI DI AUTOVALUTAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO G. CEDERLE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca - Dipartimento della Programmazione - D.G. per gli Affari Internazionali Ufficio V Programmazione e gestione dei fondi strutturali europei e nazionali

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

Comune di Lodi Vecchio. Assessorato ai Servizi Sociali

Comune di Lodi Vecchio. Assessorato ai Servizi Sociali Comune di Lodi Vecchio Assessorato ai Servizi Sociali ASILO NIDO COMUNALE La Coccinella di Lodi Vecchio A.e. 2015/2016 Il Nido è un servizio socio-educativo che in collaborazione con la famiglia contribuisce

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO CONTESTO: Un percorso di crescita e continuità educativa: bambini 0-6 anni La nostra struttura si occupa dell infanzia e della gioventù dal 2002 offrendo un servizio di Nido d

Dettagli

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Scainelli Stefania e Pallotti Alessandra PREMESSA - L INGRESSO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA. L ingresso alla Scuola dell Infanzia è una tappa

Dettagli

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO

ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO Premessa ASILO NIDO MATER PROGETTO EDUCATIVO L asilo nido MATER è stato adeguato per l accoglienza di n. 24 bambini della fascia di età da 12 a 36 mesi. Uno spazio è poi riservato a un piccolo numero di

Dettagli

REFEZIONE SCOLASTICA TRASPORTO SCOLASTICO ASILO NIDO

REFEZIONE SCOLASTICA TRASPORTO SCOLASTICO ASILO NIDO CITTA DI MORTARA (Provincia di Pavia) UFFICIO PUBBLICA ISTRUZIONE INDAGINE CONOSCITIVA SUI SERVIZI DI: REFEZIONE SCOLASTICA TRASPORTO SCOLASTICO ASILO NIDO Elaborazione dati questionario 2009 Realizzato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REPORT INDAGINE Provincia di Lecce RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Dicembre 2013 REPORT: UFFICIO DI STATISICA FONTE DATI: UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO INDICE

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

Scuole dell Infanzia Istituto Comprensivo di Leno

Scuole dell Infanzia Istituto Comprensivo di Leno Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO Via F.lli De Giuli 1, 25024 LENO ( Brescia) ; Tel. 030.9038250 Fax 030.9068974 codice ministeriale BSIC89600Q - C.F.

Dettagli

Questionario genitori scuola dell'infanzia

Questionario genitori scuola dell'infanzia www.survio.com 23/06/2015 11:36:10 Generale Nome sondaggio Questionario genitori scuola dell'infanzia Autore ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE SUD Lingua Italiano URL Sondaggio http://www.survio.com/survey/d/g4t6y5e1l5y8h3h7x

Dettagli

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza www.lecito.org info@lecito.org Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza Il Convegno A scuola di Competenze del 29 ottobre 2013 ha avuto una partecipazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29

Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29 Comune di Brescia Settore Scuole dell Infanzia Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29 Piano Offerta Formativa anno scolastico 2013/2014 PROGETTO EDUCATIVO Profilo territorio La scuola comunale dell

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO 4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO Il sistema scolastico deve essere efficace ed efficiente affinché l alunno raggiunga il successo formativo e sia in grado di decodificare ed interagire in modo

Dettagli

Progetto Organizzativo

Progetto Organizzativo Progetto Organizzativo CRITERI DI ACCESSO AL SERVIZIO Il bambino per il quale si richiede il servizio deve avere un età compresa dai 3 mesi e i 13 anni. Date le esigenze delle famiglie, punti di forza

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ FRA SCUOLA E FAMIGLIA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ FRA SCUOLA E FAMIGLIA Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Landriano Via B. Brecht, 1 27015 Landriano (PV) Tel. 038264103 Fax 038264143 - sito web: www.iclandriano.gov.it

Dettagli

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E POLITICHE SOCIALI allegato e Gruppo di Coordinamento Provinciale dei servizi integrativi SPAZI PER BAMBINI E ADULTI QUESTIONI, RIFLESSIONI

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

Il Nido Infanzia si presenta

Il Nido Infanzia si presenta Il Nido Infanzia si presenta Il Nido Infanzia Albero d oro è situato nel cuore del popoloso quartiere di San Fruttuoso ma la sua posizione lo rende comodo anche per l utenza degli altrettanto popolosi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE. Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE

CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE. Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE Via Guido Reni 17/1 - Padova Tel. 049 611333 - Fax 049 611923

Dettagli

Identità e filosofia di un ambiente

Identità e filosofia di un ambiente Comune di Novellara nido comunale d infanzia Birillo Identità e filosofia di un ambiente Storia Il nido d infanzia comunale Birillo viene inaugurato nel 1971. Nasce come nido costituito da due sezioni

Dettagli

PROCESSO AVA-ANVUR Autovalutazione, Valutazione e Accreditamento. Claudia Moscheni

PROCESSO AVA-ANVUR Autovalutazione, Valutazione e Accreditamento. Claudia Moscheni PROCESSO AVA-ANVUR Autovalutazione, Valutazione e Accreditamento Claudia Moscheni AGENZIA NAZIONALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA UNIVERSITARIO E DELLA RICERCA (ANVUR) Legge 24 Novembre 2006, n. 286 Art.

Dettagli

Questionario genitori Scuola Primaria

Questionario genitori Scuola Primaria www.survio.com 23/06/2015 11:32:42 Generale Nome sondaggio Questionario genitori Scuola Primaria Autore ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE SUD Lingua Italiano URL Sondaggio http://www.survio.com/survey/d/i9m4l2p7a9r4a1j9r

Dettagli

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE Servizio Progetti alla Persona Aias di Milano Onlus Vigevano, 25 settembre 2009 Settembre 2001 In convenzione con il Comune di San Donato avvio del Progetto di coordinamento,

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l.

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l. MICRONIDO l ABBRACCIO VIA SAN CARLO 11 CASCINA POGLIANASCA ARLUNO (MILANO) CARTA DEI SERVIZI 2013/14 La Carta dei Servizi è un documento che evidenzia in tutta trasparenza le modalità di erogazione del

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano)

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano) CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano) Sommario LA CARTA DEI SERVIZI...3 Sezione I...4 Introduzione al servizio...4 CHI SIAMO...5 DOVE SIAMO...5 CALENDARIO DI FUNZIONAMENTO...5 I NOSTRI

Dettagli

Fattorie Didattiche, processi di costruzione delle qualità e sistemi di indicatori. Giovanni Borgarello Consorzio Pracatinat

Fattorie Didattiche, processi di costruzione delle qualità e sistemi di indicatori. Giovanni Borgarello Consorzio Pracatinat Fattorie Didattiche, processi di costruzione delle qualità e sistemi di indicatori Giovanni Borgarello Consorzio Pracatinat Perché un processo di qualità? Perché un SIQ? Uno strumento in mano alle FD per

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Pagina 1 di 7 CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità L Istituto Aniene Srl si pone come obiettivo quello di raccordare le finalità formative con i bisogni e la

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI

LA CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO LA CULLA D ORO gestito da consorzio arcobaleno LA CARTA DEI SERVIZI 1 INDICE 1. LA CARTA DEI SERVIZI 1.1 Che cos è la Carta dei Servizi 1.2 Quali sono i principi a cui si ispira 2. IL SERVIZIO

Dettagli

Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato

Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato Roma, 14 maggio 2014 Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato Sistema di educazione e istruzione per la prima infanzia Alcune

Dettagli

Cooperativa CO.S.S.A.G.I.

Cooperativa CO.S.S.A.G.I. CARTA DEI SERVIZI Cooperativa CO.S.S.A.G.I. Aggiornata con CdA del 31/10/2014 Cooperativa Sociale CO.S.S.A.G.I. Onlus sede legale e amministrativa Corso Italia n. 22 09092 Arborea (Or) e-mail coop.soc.cossagi@tiscali.it

Dettagli

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Piano di studio Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Stato del documento: Approvato dalla Direzione DFA il 15 giugno 2011 Introduzione Il

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3 ANNI NEL COMUNE DI CORNATE D ADDA

INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3 ANNI NEL COMUNE DI CORNATE D ADDA Comune di Cornate d Adda Assessorato alle politiche sociali Laboratorio Territoriale Brianza Est PIC Equal II Fase Rif. IT-G2-LOM-061 INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Mission della struttura L Associazione Cultura d Impresa è un ente senza finalità di lucro, nasce nel 1999 come progetto formativo professionale

Dettagli

Il nido infanzia si presenta

Il nido infanzia si presenta Il nido infanzia si presenta Il Nido Infanzia Albero d oro è situato nel cuore del popoloso quartiere di San Fruttuoso ma la sua posizione lo rende comodo anche per l utenza degli altrettanto popolosi

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Il CPP come sede di confronto e di sintesi a livello di sistema territoriale Marina Maselli maselli.marina@virgilio.it

Dettagli

C I T T A D I M O R T A R A ( P r o vi nc i a d i P a via ) Elaborazione dati questionario 2014-2015

C I T T A D I M O R T A R A ( P r o vi nc i a d i P a via ) Elaborazione dati questionario 2014-2015 C I T T A D I M O R T A R A ( P r o vi nc i a d i P a via ) U F F I C I O P U B B L I C A I S T R U Z I O N E INDAGINE CONOSCITIVA SERVIZIO ASILO NIDO Elaborazione dati questionario 214-215 Realizzato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

COMUNE DI PISA PROGETTO STRATEGICO 2003 QUESTIONARIO SOTTOPROGETTO N. 10. Rilevazione gradimento dell utenza: per i servizi erogati dagli

COMUNE DI PISA PROGETTO STRATEGICO 2003 QUESTIONARIO SOTTOPROGETTO N. 10. Rilevazione gradimento dell utenza: per i servizi erogati dagli COMUNE DI PISA PROGETTO STRATEGICO 2003 QUESTIONARIO SOTTOPROGETTO N. 10 Rilevazione gradimento dell utenza: per i servizi erogati dagli Asili nido a gestione diretta e indiretta COMUNE DI PISA SERVIZIO

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TINOZZI-PASCOLI PESCARA PROGETTO CONTINUITÀ EDUCATIVA E DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2007/2008 1) Cosa significa Continuità educativa e didattica La Continuità è un processo

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

LETTURA E INTERPRETAZIONE DEI DATI

LETTURA E INTERPRETAZIONE DEI DATI LETTURA E INTERPRETAZIONE DEI DATI ESEMPI GLSNV AICQ EducationER -Progetto Formazione DPR 80 Relatore/i Sheila Bombardi Renzana Gallo PRESUPPOSTO L autovalutazione/valutazione, in generale, è sempre l

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

Scuola dell Infanzia Statale ARCOBALENO DAI MILLE COLORI Tressano di Castellarano (RE) LA NOSTRA SCUOLA.

Scuola dell Infanzia Statale ARCOBALENO DAI MILLE COLORI Tressano di Castellarano (RE) LA NOSTRA SCUOLA. Scuola dell Infanzia Statale ARCOBALENO DAI MILLE COLORI Tressano di Castellarano (RE) LA NOSTRA SCUOLA. LA SCUOLA DELL INFANZIA Il nostro sistema scolastico è riuscito attraverso una felice convergenza

Dettagli

Presentazione dei lavori laboratoriali

Presentazione dei lavori laboratoriali Presentazione dei lavori laboratoriali «Progetto NEVERSTOPLEARNING» Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Dott.ssa Raffaella Gentile Psicologa Insegnante organizzazione: gli insegnanti

Dettagli