Tenendo conto che la funzione di probabilità per una v.c. binomiale X è definita dalla seguente notazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tenendo conto che la funzione di probabilità per una v.c. binomiale X è definita dalla seguente notazione"

Transcript

1 APPENDICE I. TAVOLE STATISTICHE Si ribadisce al lettore che in questa Appendice si riportano le procedure di Excel e di R che gli permettono di trovare qualsiasi valore di probabilità cercato e una guida per leggere le principali tavole statistiche. AI.1 TAVOLA STATISTICA PER LA DISTRIBUZIONE BINOMIALE La Tavola delle probabilità relative alla distribuzione binomiale riporta, per alcune combinazioni dei parametri n e p, le probabilità che competono ai diversi valori della v.c. discreta binomiale X. ESEMPIO 1. Si supponga di dover calcolare la probabilità che X = 3 per la combinazione dei parametri n=4 e p=0,1 e si voglia trovare il valore corrispondente della funzione di probabilità e quello di ripartizione. Tenendo conto che la funzione di probabilità per una v.c. binomiale X è definita dalla seguente notazione 4! P(X = 3)= 0,1 3 (1-0,1) 4-3 = 0,0036 3!(4-3)! Per il calcolo si utilizza la procedura di Excel. Aprire un foglio di lavoro; cliccare su f(x) sulla barra degli strumenti; selezionare funzioni statistiche; selezionare distribuzione binomiale; appare una schermata con le seguenti finestre: il numero di successi sulla quale si inserisce il valore della X, prove dove si inserisce il valore di n, probabilità_s dove si inserisce la probabilità p del numero di successi in n prove, cumulativo in cui si inserisce l opzione Vero se si vuole ottenere il valore della probabilità cumulata o Falso se si vuole quella di massa o funzione di probabilità. Si riprenda l esempio 1. Nella videata si inseriscono rispettivamente i valori 3, 4, 0,1 e falso e si ottiene quello riportato nella tavola 0,0036. Se si vuole ottenere la probabilità cumulata basta inserire gli stessi dati numerici più il Vero e si ottiene 0,999. Nella Tavola AI.1 si riporta la modalità di lettura della tavola binomiale per l esempio 1. Tavola AI.1. Tavola statistica per la distribuzione binomiale TAVOLE STATISTICHE (BINOMIALE) Si riporta qui di seguito l estratto di Tavola di cui sopra. Il valore trovato dall applicazione della formula si può leggere dalla tavola incrociando il valore di colonna di p=0,10 sulla parte superiore e quello di riga per la combinazione di n=4 X=3 nella parte sinistra della tabella in quanto p<0,5 n X 0,01 0,02 0,10..0,15..0,40..0,50 X n 2 0 0,9801 0,9604 0,8100 0,7225 0,3600 0, ,0198 0,0392 0,1800 0,2550 0,4800 0, ,0001 0,0004 0,0081 0,0225 0,1600 0, ,0000 0,0000 0,0036 0,0115 0,1536 0,2500 n X 0,99 0,98 0,90 0,85 0,60 0,50 X n 543

2 AI.2 TAVOLA STATISTICA PER LA DISTRIBUZIONE DI POISSON La Tavola AI.2 delle probabilità relative alla distribuzione di Poisson riporta, per il parametro λ, le probabilità che competono ai diversi valori della v.c. discreta di Poisson X. Si riporta qui di seguito un estratto di Tavola. ESEMPIO 2. Si supponga di dover calcolare la probabilità che X = 2 con parametro λ = 3. La P(X) sarà: P(X)= -3 e 2 (3) 2! = 0,2240 Si evidenzia la modalità di ricerca nella Tavola A1.2. Tavola AI2. Tavola statistica per la distribuzione di Poisson TAVOLE STATISTICHE (DI POISSON) Si riporta qui di seguito l estratto di Tavola di cui sopra λ X 0,1 0,2 0,9 1,5 2,0 3,0 4,0 0 0,9048 0,8187 0,4066 0,2231 0,1353 0,0498 0, ,0905 0,1637 0,3659 0,3347 0,2707 0,1494 0, ,0045 0,0164 0,1647 0,2510 0,2707 0,2240 0, ,0000 0,0002 0,0027 0, ,0001 0,0006 Questa distribuzione non è trattata con Excel. Si rimanda il lettore al Paragrafo AI.11 in fondo all Appendice. AI.3 TAVOLA STATISTICA PER LA NORMALE STANDARDIZZATA La Tavola AI.3 delle probabilità relative alla distribuzione normale standardizzata riporta, per i cosiddetti punteggi Z, le probabilità che competono ai diversi valori della v.c. continua normale standardizzata X. Se si è in presenza, ad esempio, di una v.c. continua normale standardizzata i punteggi Z sono espressi sull asse delle ascisse del piano cartesiano. Va precisato che nella parte inferiore della distribuzione si associa al valore Z ( da - a Z) la cosiddetta Φ(z) mentre nella parte superiore (da Z a + ) al valore Z si associa il complementare 1 - Φ(z). 544

3 ESEMPIO 3. Si consideri una distribuzione di probabilità normale N~(7, 9) che si legge con valore atteso μ = 7 e varianza quindi: 2 σ = 9 e si voglia calcolare la probabilità che X<6. Si standardizza al fine di individuare la z e X - μ Z = σ Tavola AI.3. Tavola statistica per la distribuzione normale standardizzata = = 0,33 Tavole statistiche (normale standardizzata) P(- Z 1)=0, Per il calcolo della relativa probabilità cumulata si può utilizzare la procedura di Excel. Aprire un foglio di lavoro; cliccare su f(x) sulla barra degli strumenti; selezionare funzioni statistiche; selezionare distribuzione normale standardizzata; appare una schermata con la sola finestra della Z; si inserisce il valore 0,33 e si ottiene la probabilità cumulata pari a 0,6293. Qualora si disponesse della probabilità e si volesse ricercare il valore della Z empirico basta selezionare Inv.Norm.St. dalle funzioni statistiche e inserire la probabilità stessa per ottenere il valore cercato. AI.4 TAVOLA STATISTICA PER LA t di STUDENT La distribuzione t di Student viene utilizzata per piccoli campioni ed in altre circostanze. La Tavola restituisce la probabilità cumulata per un valore di t. ESEMPIO 4. Si prendano in considerazione sette campioni con valori pari a 34, 35, 36, 37, 42, 31 e 38, provenienti da una popolazione Normale con media 35. Il valore di t è pari a 0,8799. Esso non è riportato nelle tavole e quindi si sarebbe nell impossibilità di calcolare la probabilità. Occorre pertanto utilizzare la procedura di Excel. 545

4 Aprire un foglio di lavoro; cliccare su f(x) sulla barra degli strumenti; selezionare funzioni statistiche; selezionare distrib t; appare una schermata con la finestra della X dove si riporta il valore della t=0,8799, quella dei gradi di libertà dove si inserisce 6( 7-1=6) e quella delle code nella quale va selezionata l opzione 1 se si vogliono calcolare solo i percentili nella coda destra oppure la 2 per le due code. La probabilità risulta 0, per una coda. Ovviamente esattamente il doppio per le due code in quanto la distribuzione t di Student è simmetrica. Qualora si disponesse della probabilità e si volesse ricercare il valore di F empirico basta selezionare Inv.distr.t dalle funzioni statistiche e inserire la probabilità stessa e i gradi di libertà per ottenere il valore cercato. AI.5 TAVOLA STATISTICA PER LA DISTRIBUZIONE DI WEIBULL La Tavola statistica per la v.c. di Weibull permette di calcolare i valori della funzione di densità e di distribuzione. Questa distribuzione si utilizza nelle analisi di affidabilità, come il calcolo della durata media di un dispositivo. X è il valore in cui calcolare la funzione. Alfa e Beta sono parametri per la distribuzione. ESEMPIO 5. Si supponga di dover calcolare la probabilità che X = 2 con parametri alfa=5 e beta=1 Nella Tavola AI.5 si evidenzia la modalità con cui si ricerca il valore della funzione di densità estraendo il valore dall incrocio del valore di X e il valore dei parametri, distinguendo tra i valori della densità da quelli della distribuzione cumulativa. Tavola AI.5. Tavola statistica per la distribuzione di Weibull (funzione di densità) TAVOLE STATISTICHE (WEIBULL) Si riporta qui di seguito l estratto di una Tavola di Weibull per la funzione di densità parametro alfa X par beta , Per questa distribuzione non è trattata con Excel si rimanda il lettore al Paragrafo AI.11. AI.6 TAVOLA STATISTICA PER LA DISTRIBUZIONE CHI-QUADRATO Per calcolare i valori critici della Chi-quadrato occorre stabilire il livello di significatività e i gradi di libertà. Sulle colonne è riportata la probabilità ovvero l area destra della distribuzione; sulle righe i valori di Chiquadrato corrispondenti ai gradi di libertà. ESEMPIO 6. Si prenda il caso in cui i gradi di libertà siano 22 e il livello di confidenza del 95%. Ciò significa che nella coda destra sta un area pari a 0,05 (essendo la distribuzione a una coda o unilatera). Per calcolare il 546

5 Chi-quadrato critico occorre incrociare il valore della riga 22 (corrispondente ai gradi di libertà) e la colonna 0,05 (corrispondente al livello di significatività) come si evince dalla Tavola A1.6. Tavola AI.6. Tavola statistica per la distribuzione Chi-quadrato TAVOLE STATISTICHE (CHI-QUADRATO) Area a destra è pari a 0,05 e il valore della Chi è pari a 33,924 Attraverso l utilizzo della procedura di Excel si ottiene invece direttamente la probabilità. Supposto che il valore empirico della Chi-quadrato sia 58,345 si deve: aprire un foglio di lavoro; cliccare su f(x) sulla barra degli strumenti; selezionare dalle funzioni statistiche distrib.chi.; appare una schermata con la finestra della X dove si riporta il valore della Chi-quadrato, quella dei gradi di libertà dove si inserisce 22. Si dà invio e si ottiene la probabilità pari 0,0001. Qualora si disponesse della probabilità e si volesse ricercare il valore di t empirico basta selezionare Inv.Chi. dalle funzioni statistiche e inserire la probabilità stessa e i gradi di libertà per ottenere il valore cercato. AI.7 TAVOLA STATISTICA PER LA DISTRIBUZIONE F DI FISHER Per calcolare i valori critici della F di Fisher occorre stabilire due valori per i gradi di libertà, uno riferito al numeratore disposto sulle colonne e l altro riferito al denominatore disposto sulle righe, dato un predeterminato livello di significatività. ESEMPIO 7. Si prenda il caso in cui i gradi di libertà al numeratore, riportati sulle colonne, siano 12 e quelli al denominatore, riportati sulle righe, siano 22 e il livello di significatività sia pari a 0,05. Ciò significa che nella coda destra sta un area pari a 0,025 (essendo la distribuzione F a due code o bilatera). Per calcolare il valore F critico occorre incrociare il valore della riga 22 con quello della colonna 12 al livello di significatività del 5% come è evidenziato nella Tavola AI.7 547

6 Tavola AI.7. Tavola statistica per la distribuzione F di Fisher TAVOLE STATISTICHE (F DI FISHER) Se invece si dovesse ricercare la probabilità si utilizza la procedura di Excel. Supposto che il valore empirico di F sia 1,345 si deve: aprire un foglio di lavoro; cliccare su f(x) sulla barra degli strumenti; selezionare funzioni statistiche; selezionare distrib.f; appare una schermata con la finestra della X dove si riporta il valore della F trovato 1,345, quella dei gradi di libertà al numeratore e al denominatore rispettivamente 12 e 22. Si dà invio e si ottiene la probabilità che risulta pari a 0, Qualora si conoscesse la probabilità e si volesse ricercare il valore di F empirico basta selezionare Inv.F dalle funzioni statistiche e inserire la probabilità stessa e i gradi di libertà al numeratore e al denominatore per ottenere il valore cercato. AI.8 TAVOLA STATISTICA PER LA DISTRIBUZIONE GAMMA La Tavola statistica AI.8 consente di identificare i valori della distribuzione Gamma. È possibile utilizzare questa funzione per studiare le variabili che potrebbero avere una distribuzione asimmetrica. La distribuzione Gamma viene in genere utilizzata nell'analisi delle code. X è il valore in cui si desidera calcolare la distribuzione. Alfa è un parametro per la distribuzione. Beta è un parametro per la distribuzione. Se Beta = 1, la distribuzione Gamma restituirà la distribuzione Gamma standard. La tavola delle probabilità relative alla Gamma può essere costruita identificando il valore della X e i parametri Alfa e Beta. ESEMPIO 8. Si riporta qui di seguito un estratto di Tavola per pochi valori come esempio. 548

7 Tavola AI.8. Tavola statistica per la distribuzione Gamma Parametri Alfa Beta Valore della funzione di probabilità di massa di Gamma X , , , , Un metodo più efficace e valido per qualsiasi valore cercato è quello di utilizzare la procedura di Excel. Aprire un foglio di lavoro; cliccare su f(x) sulla barra degli strumenti; selezionare funzioni statistiche; distrib.gamma; appare una schermata con la finestra della X dove si riporta il valore della gamma empirica, e con quella dei parametri Alfa e Beta. Si dà invio e si ottiene la probabilità. Qualora si disponesse della probabilità e si volesse ricercare il valore dello stesso Gamma empirico basta selezionare Inv.Gamma dalle funzioni statistiche e inserire la probabilità stessa e i valori dei parametri Alfa e Beta per ottenere il valore cercato. AI.9 TAVOLA STATISTICA PER LA DISTRIBUZIONE ESPONENZIALE Per calcolare i valori della distribuzione esponenziale occorre stabilire il valore della relativa funzione che è riportato sulle colonne e quello del parametro che è riportato sulle righe. ESEMPIO 9. Si prenda l esempio in cui il valore della funzione esponenziale, che è riportato sulle colonne, sia pari a 0,3 e il valore del parametro, che è riportato sulle righe, sia pari a 7. La Tavola A1.8 restituisce una probabilità pari a 0,8775. Tavola AI.9. Tavola statistica per la distribuzione esponenziale Valore della funzione esponenziale Parametro 0,1 0,2 0,3... Lambda 1 0,0951 0,1813 0,2592 0, ,1813 0,3297 0,4512 0, ,2592 0,4512 0,5934 0, ,3935 0,6321 0,7769 0, ,5434 0,7534 0,8775 0, ,6988 0,9093 0,9727 0, ,7769 0,9052 0,9889 0, ,9052 0,9975 0,9999 0, ,9993 0,9999 0,9999 1,0000 Un metodo più efficace e valido per qualsiasi valore cercato è quello di utilizzare la procedura di Excel. Aprire un foglio di lavoro; cliccare su f(x) sulla barra degli strumenti; selezionare dalle funzioni statistiche distribexp; appare una schermata con la finestra della X dove si riporta il valore della esponenziale empirica, quella del parametro Lambda dove si riporta il relativo valore e quella Cumulativo dove si inserisce l opzione Falso se si vuole ottenere un valore della funzione di densità oppure Vero se si intende ricercare quello della funzione di ripartizione che corrisponde alla probabilità cumulata. Qualora si disponesse della probabilità e si volesse ricercare il valore dello stesso esponenziale empirico basta 549

8 selezionare Inv.Exp dalle funzioni statistiche e inserire nella prima finestra lo stesso valore di probabilità e nelle altre due il Lambda e il Cumulativo. AI.10 TAVOLA STATISTICA PER LA DISTRIBUZIONE UNIFORME La Tavola AI.10 riporta il valore della probabilità indicato dalle frecce quando la v.c. X assuma il valore 2. Tavola AI.10. Tavola statistica per la distribuzione Uniforme continua X 0,1 0,2 0,9 1,5 2,0 3,0 4,0 0 0,9048 0,8187 0,4066 0,2231 0,1353 0,0498 0, ,0905 0,1637 0,3659 0,3347 0,2707 0,1494 0, ,0045 0,0164 0,1647 0,2510 0,2707 0,2240 0, ,0000 0,0002 0,0027 0, ,0001 0,0006 Per questa distribuzione, non trattata in Excel, si rimanda il lettore al succesivo Paragrafo AI.11. AI.11 Nella Tabella AI.11 vengono riportate le istruzioni di R per il calcolo dei valori delle funzione di probabilità, di ripartizione e dell inversa per le distribuzioni binomiale e poissoniana; dei valori delle funzione di probabilità, di ripartizione e dell inversa per le distribuzioni normale standardizzata, t di Student, Chi-quadrato, F di Fisher, Uniforme continua, di Weibull, Esponenziale, Gamma (Si fa presente al lettore che nella Tabella A1.10 è ricompreso anche il valore rnorm(n) riferito al campione casuale che in questa sede non viene trattato ma che viene, comunque, messo a disposizione per un suo eventuale utilizzo). Tab. AI Istruzioni di R # ############################################ # VARIABILE CASUALE NORMALE STANDARD # ############################################## # dnorm(x) # pnorm(q) # qnorm(p) # rnorm(n) pnorm(1 # ###################################### # VARIABILE CASUALE CHI-QUADRATO # ####################################### dchisq(x, df) pchisq(q, df) qchisq(p, df) rchisq(n, df) qchisq(0.95, 22) # ############################################ # VARIABILE CASUALE UNIFORME CONTINUA # ############################################# # dunif(x, min=0, max=1) # punif(q, min=0, max=1) # qunif(p, min=0, max=1) # runif(n, min=0, max=1) punif(6, 3, 8) # ################################ # VARIABILE CASUALE WEIBULL # 550 # ################################# # VARIABILE CASUALE t-student # ################################## # dt(x, df) # pt(q, df) # qt(p, df) # rt(n, df) 1 - pt(0.8799, 6) # ############################### # VARIABILE CASUALE F-FISHER # ################################ # df(x, df1, df2) # pf(q, df1, df2) # qf(p, df1, df2) # rf(n, df1, df2) qf(0.975, 12, 22) 1 - pf(1.345, 12, 22) # ################################ # VARIABILE CASUALE WEIBULL # ################################# # dweibull(x, shape, scale) # pweibull(q, shape, scale) # qweibull(p, shape, scale) # rweibull(n, shape, scale) dweibull(2, 1, 5) # ###################################### # VARIABILE CASUALE ESPONENZIALE # (segue)

9 ################################# # dweibull(x, shape, scale) # pweibull(q, shape, scale) # qweibull(p, shape, scale) # rweibull(n, shape, scale) dweibull(2, 1, 5) # ################################ # VARIABILE CASUALE GAMMA # ################################## # dgamma(x, shape, rate, scale = 1/rate) # pgamma(q, shape, rate, scale = 1/rate) # qgamma(p, shape, rate, scale = 1/rate) # rgamma(n, shape, rate, scale = 1/rate) pgamma(0.7, 4, 12) # ################################## # VARIABILE CASUALE BINOMIALE # #################################### #dbinom(x, size, prob) #pbinom(q, size, prob) #qbinom(p, size, prob) #rbinom(n, size, prob) dbinom(3, 4, 0.10) ####################################### # dexp(x, rate) # pexp(q, rate) # qexp(p, rate) # rexp(n, rate) pexp(0.3, 7) # ################################## # VARIABILE CASUALE BINOMIALE # #################################### #dbinom(x, size, prob) #pbinom(q, size, prob) #qbinom(p, size, prob) #rbinom(n, size, prob) dbinom(3, 4, 0.10) # ################################ # VARIABILE CASUALE POISSON # ################################# #dpois(x, lambda) #ppois(q, lambda) #qpois(p, lambda) #rpois(n, lambda) dpois(2, 3) La legenda è la seguente: d = densità, p= ripartizione, q = inversa (o quantile) r = campione casuale ESEMPIO 1. Per ottenere l output relativo al calcolo della densità per la v.c. standardizzata per X uguale a 1,96; la probabilità cumulata e l inversa per lo stesso valore egli evidenzia con il tasto destro rispettivamente la istruzione dnorm(x), pnorm(x) e qnorm(x) contenute nel riquadro 1 e sceglie l opzione copia; apre la versione di R di cui dispone. Clicca sul comando File dal menù a tendina e quindi sceglie l opzione Nuovo script. Gli appare una schermata in bianco Senza titolo Editor- sulla quale dà con il tasto destro il comando Incolla. Nella schermata appaiono copiate le istruzioni. Sostituisce alla x il valore 1,96 nelle prime due istruzioni e 0,975 nella terza (Attenzione: non si deve evidenziare il simbolo cancelletto e non si deve usare la virgola ma il punto!!!). Le evidenzia e le manda in esecuzione una alla volta con il comando Esegui linea o selezione e gli appare la schermata di output riportata nella Tavola AI

10 Tavola AI Tavola dei valori di densità, di probabilità cumulata e di inversa (o quantile) per la v.c. normale standardizzata (Si lascia al lettore la possibilità di calcolare qualsiasi valore per tutte le altre v.c.) 552

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Modelli di Variabili Aleatorie Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Sulla base della passata esperienza il responsabile della produzione di un azienda

Dettagli

19txtI_BORRA_2013 18/11/13 10:52 Pagina 449 TAVOLE STATISTICHE

19txtI_BORRA_2013 18/11/13 10:52 Pagina 449 TAVOLE STATISTICHE 19txtI_BORRA_2013 18/11/13 10:52 Pagina 449 TAVOLE STATISTICHE Nell inferenza è spesso richiesto il calcolo di alcuni valori critici o di alcune probabilità per le variabili casuali che sono state introdotte

Dettagli

DISTRIBUZIONI DI PROBABILITÀ

DISTRIBUZIONI DI PROBABILITÀ Metodi statistici e probabilistici per l ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile A.A. 2009-10 Facoltà di Ingegneria, Università di Padova Docente: Dott. L. Corain 1 LE PRINCIPALI DISTRIBUZIONI

Dettagli

LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE

LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE LABORATORIO-EXCEL N. 2-3 XLSTAT- Pro Versione 7 VARIABILI QUANTITATIVE DESCRIZIONE DEI DATI DA ESAMINARE Sono stati raccolti i dati sul peso del polmone di topi normali e affetti da una patologia simile

Dettagli

Istituzioni di Statistica e Statistica Economica

Istituzioni di Statistica e Statistica Economica Istituzioni di Statistica e Statistica Economica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia, Assisi, a.a. 2013/14 Esercitazione n. 3 A. Sia una variabile casuale che si distribuisce secondo

Dettagli

Statistica Applicata all edilizia: alcune distribuzioni di probabilità

Statistica Applicata all edilizia: alcune distribuzioni di probabilità Statistica Applicata all edilizia: Alcune distribuzioni di probabilità E-mail: orietta.nicolis@unibg.it 7 marzo 20 Indice Indici di curtosi e simmetria Indici di curtosi e simmetria 2 3 Distribuzione Bernulliana

Dettagli

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario:

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: Esempi di domande risposta multipla (Modulo II) 1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: 1) ha un numero di elementi pari a 5; 2) ha un numero di elementi

Dettagli

Facciamo qualche precisazione

Facciamo qualche precisazione Abbiamo introdotto alcuni indici statistici (di posizione, di variabilità e di forma) ottenibili da Excel con la funzione Riepilogo Statistiche Facciamo qualche precisazione Al fine della partecipazione

Dettagli

IN MATLAB distribuzione di frequenza. >> x(1)=7.5; >> for i=2:7 x(i)=x(i-1)+5; end. IN MATLAB distribuzione di frequenza

IN MATLAB distribuzione di frequenza. >> x(1)=7.5; >> for i=2:7 x(i)=x(i-1)+5; end. IN MATLAB distribuzione di frequenza IN MATLAB distribuzione di frequenza 2-1 4. Usare la function histc(dati,x) 2-2 1. Riportare i dati in un file (ad esempio dati.mat); 2. load ascii dati: viene creata una variabile dati contenente il campione;

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste perlopiù nella traduzione da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data set contenuto nel foglio excel esercizio2_dati.xls.

Dettagli

Excel. A cura di Luigi Labonia. e-mail: luigi.lab@libero.it

Excel. A cura di Luigi Labonia. e-mail: luigi.lab@libero.it Excel A cura di Luigi Labonia e-mail: luigi.lab@libero.it Introduzione Un foglio elettronico è un applicazione comunemente usata per bilanci, previsioni ed altri compiti tipici del campo amministrativo

Dettagli

Esercizio 1. Nella Tabella A sono riportati i tempi di percorrenza, in minuti, di un tratto autostradale da parte di 40 autoveicoli.

Esercizio 1. Nella Tabella A sono riportati i tempi di percorrenza, in minuti, di un tratto autostradale da parte di 40 autoveicoli. Esercizio 1 Nella Tabella A sono riportati i tempi di percorrenza, in minuti, di un tratto autostradale da parte di 40 autoveicoli. Tabella A 138 150 144 149 164 132 125 157 161 135 150 145 145 142 156

Dettagli

Esercitazione n.1 (v.c. Binomiale, Poisson, Normale)

Esercitazione n.1 (v.c. Binomiale, Poisson, Normale) Esercizio 1. Un azienda produce palline da tennis che hanno probabilità 0,02 di essere difettose, indipendentemente l una dall altra. La confezione di vendita contiene 8 palline prese a caso dalla produzione

Dettagli

Laboratorio di Statistica con R

Laboratorio di Statistica con R Laboratorio di Statistica con R R è un vero e proprio linguaggio di programmazione. Il suo nome, è dovuto probabilmente al nome dei suoi sviluppatori:robert Gentleman e Ross Ihaka Le principali funzioni

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

ELEMENTI DI CALCOLO DELLE PROBABILITA

ELEMENTI DI CALCOLO DELLE PROBABILITA Statistica, CLEA p. 1/55 ELEMENTI DI CALCOLO DELLE PROBABILITA Premessa importante: il comportamento della popolazione rispetto una variabile casuale X viene descritto attraverso una funzione parametrica

Dettagli

INTRODUZIONE A R Lezione 3

INTRODUZIONE A R Lezione 3 INTRODUZIONE A R Lezione 3 Silvia Bacci e Silvia Pandolfi 1 Creare grafici in R R consente di realizzare, con semplicità, grafici di qualità professionale. Questi sono poi esportabili come file in numerosi

Dettagli

Analisi dei dati con R

Analisi dei dati con R Analisi dei dati con R Riccardo Massari riccardo.massari@uniroma1.it Corso di STATISTICA Facoltà di Ingegneria Sapienza Università di Roma (Corso di statistica) Analisi dei dati - R. Massari 1 / 96 ANALISI

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard DISTRIBUZIONE DI FREQUENZE PER CARATTERI QUALITATIVI Questa nota consiste per la maggior parte nella traduzione (con alcune integrazioni) da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000,

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

LABORATORIO EXCEL XLSTAT 2008 SCHEDE 2 e 3 VARIABILI QUANTITATIVE

LABORATORIO EXCEL XLSTAT 2008 SCHEDE 2 e 3 VARIABILI QUANTITATIVE Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.unige/pls_statistica Responsabili scientifici M.P. Rogantin e E. Sasso (Dipartimento di Matematica Università di Genova) LABORATORIO EXCEL

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste perlopiù nella traduzione da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data set contenuto nel foglio excel esercizio1_dati.xls.

Dettagli

Matlab per applicazioni statistiche

Matlab per applicazioni statistiche Matlab per applicazioni statistiche Marco J. Lombardi 19 aprile 2005 1 Introduzione Il sistema Matlab è ormai uno standard per quanto riguarda le applicazioni ingegneristiche e scientifiche, ma non ha

Dettagli

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra:

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra: Capitolo 9 I GRAFICI Si apra il Foglio3 e lo si rinomini Grafici. Si crei la tabella seguente: Figura 104. Tabella grafico Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico.

Dettagli

Statistica 4038 (ver. 1.2)

Statistica 4038 (ver. 1.2) Statistica 4038 (ver. 1.2) Software didattico per l insegnamento della Statistica SERGIO VENTURINI, MAURIZIO POLI i Il presente software è utilizzato come supporto alla didattica nel corso di Statistica

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla

Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla 21 Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla Analizza Regressione Statistiche Grafici Metodo di selezione Analisi dei dati 21.1 Introduzione 21.2 Regressione lineare multipla con SPSS 21.3 Regressione

Dettagli

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico

L analisi dei dati. Capitolo 4. 4.1 Il foglio elettronico Capitolo 4 4.1 Il foglio elettronico Le più importanti operazioni richieste dall analisi matematica dei dati sperimentali possono essere agevolmente portate a termine da un comune foglio elettronico. Prenderemo

Dettagli

Excel Terza parte. Excel 2003

Excel Terza parte. Excel 2003 Excel Terza parte Excel 2003 TABELLA PIVOT Selezioniamo tutti i dati (con le relative etichette) Dati Rapporto tabella pivot e grafico pivot Fine 2 La tabella pivot viene messa di default in una pagina

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL RAPPRESENTAZIONE GRAFICA E ANALISI DEI DATI SPERIMENTALI CON EXCEL 1 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Per l analisi dati con Excel si fa riferimento alla versione 2007 di Office, le versioni successive non differiscono

Dettagli

Metodi statistici per le ricerche di mercato

Metodi statistici per le ricerche di mercato Metodi statistici per le ricerche di mercato Prof.ssa Isabella Mingo A.A. 2013-2014 Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione Corso di laurea Magistrale in «Organizzazione e marketing per

Dettagli

Corso integrato di informatica, statistica e analisi dei dati sperimentali Altri esercizi_esercitazione V

Corso integrato di informatica, statistica e analisi dei dati sperimentali Altri esercizi_esercitazione V Corso integrato di informatica, statistica e analisi dei dati sperimentali Altri esercizi_esercitazione V Sui PC a disposizione sono istallati diversi sistemi operativi. All accensione scegliere Windows.

Dettagli

Analisi di dati di frequenza

Analisi di dati di frequenza Analisi di dati di frequenza Fase di raccolta dei dati Fase di memorizzazione dei dati in un foglio elettronico 0 1 1 1 Frequenze attese uguali Si assuma che dalle risposte al questionario sullo stato

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

R - Esercitazione 5. Lorenzo Di Biagio dibiagio@mat.uniroma3.it. Lunedì 2 Dicembre 2013. Università Roma Tre

R - Esercitazione 5. Lorenzo Di Biagio dibiagio@mat.uniroma3.it. Lunedì 2 Dicembre 2013. Università Roma Tre R - Esercitazione 5 Lorenzo Di Biagio dibiagio@mat.uniroma3.it Università Roma Tre Lunedì 2 Dicembre 2013 Intervalli di confidenza (1) Sia X 1,..., X n un campione casuale estratto da un densità f (x,

Dettagli

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro,

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro, EXCEL PER WINDOWS95 1.Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

Appunti: Teoria Dei Test

Appunti: Teoria Dei Test Appunti: Teoria Dei Test Fulvio De Santis, Luca Tardella e Isabella Verdinelli Corsi di Laurea A + E + D + G + R 1. Introduzione. Il test d ipotesi è un area dell inferenza statistica in cui si valuta

Dettagli

RELEASE NOTE PROSPETTO DI CONCILIAZIONE CONTO ECONOMICO CONTO DEL PATRIMONIO CON EXCEL 2.00.00

RELEASE NOTE PROSPETTO DI CONCILIAZIONE CONTO ECONOMICO CONTO DEL PATRIMONIO CON EXCEL 2.00.00 PROGETTO ASCOT COD. VERS. : 2.00.00 DATA : 15.04.2002 RELEASE NOTE CONTO ECONOMICO CONTO DEL PATRIMONIO CON EXCEL 2.00.00 AGGIORNAMENTI VER. DATA PAG. RIMOSSE PAG. INSERITE PAG. REVISIONATE 1 2 3 4 5 6

Dettagli

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 4

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 4 Simona Sacone - DIST Corso di Automazione Corso Industriale di 1 Automazione Industriale 1 Capitolo 4 Analisi delle prestazioni tramite l approccio simulativo Aspetti statistici della simulazione: generazione

Dettagli

Nell esempio verrà mostrato come creare un semplice documento in Excel per calcolare in modo automatico la rata di un mutuo a tasso fisso conoscendo

Nell esempio verrà mostrato come creare un semplice documento in Excel per calcolare in modo automatico la rata di un mutuo a tasso fisso conoscendo Nell esempio verrà mostrato come creare un semplice documento in Excel per calcolare in modo automatico la rata di un mutuo a tasso fisso conoscendo - la durata del mutuo in anni - l importo del mutuo

Dettagli

Lezione 6: Forma di distribuzione Corso di Statistica Facoltà di Economia Università della Basilicata. Prof. Massimo Aria

Lezione 6: Forma di distribuzione Corso di Statistica Facoltà di Economia Università della Basilicata. Prof. Massimo Aria Lezione 6: Forma di distribuzione Corso di Statistica Facoltà di Economia Università della Basilicata Prof. Massimo Aria aria@unina.it Standardizzazione di una variabile Standardizzare una variabile statistica

Dettagli

Foglio di calcolo. Il foglio di calcolo: Excel. Selezione delle celle

Foglio di calcolo. Il foglio di calcolo: Excel. Selezione delle celle Foglio di calcolo Il foglio di calcolo: Excel I dati inseriti in Excel sono organizzati in Cartelle di lavoro a loro volta suddivise in Fogli elettronici. I fogli sono formati da celle disposte per righe

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste per la maggior parte nella traduzione (con alcune integrazioni) da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data

Dettagli

Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003. Excel 2003 Excel 2010

Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003. Excel 2003 Excel 2010 Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003 Excel 2003 Excel 2010 INTRODUZIONE A EXCEL EXCEL è un programma di Microsoft Office che permette di analizzare grandi quantità di dati (database)

Dettagli

Indice Statistiche Univariate Statistiche Bivariate

Indice Statistiche Univariate Statistiche Bivariate Indice 1 Statistiche Univariate 1 1.1 Importazione di un file.data.............................. 1 1.2 Medie e variabilità................................... 6 1.3 Distribuzioni di frequenze...............................

Dettagli

Guida alla costruzione di tavole con i database

Guida alla costruzione di tavole con i database Guida alla costruzione di tavole con i database Al fine di fornire all utente uno strumento di analisi flessibile, oltre a rendere disponibili alcune tavole riepilogative in questo volume, viene data la

Dettagli

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS

Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Strumenti informatici 2.1 - Realizzare grafici e tabelle con Excel e SPSS Realizzare un grafico con Excel è molto semplice, e permette tutta una serie di varianti. Il primo passo consiste nell organizzare

Dettagli

Progetto PON C1-FSE-2013-37: APPRENDERE DIGITANDO SECONDARIA VERIFICA INTERMEDIA CORSISTA NOME E COGNOME:

Progetto PON C1-FSE-2013-37: APPRENDERE DIGITANDO SECONDARIA VERIFICA INTERMEDIA CORSISTA NOME E COGNOME: Progetto PON C-FSE-0-7: APPRENDERE DIGITANDO SECONDARIA VERIFICA INTERMEDIA CORSISTA NOME E COGNOME:. Quando si ha un documento aperto in Word 007, quali tra queste procedure permettono di chiudere il

Dettagli

Grafici delle distribuzioni di frequenza

Grafici delle distribuzioni di frequenza Grafici delle distribuzioni di frequenza L osservazione del grafico può far notare irregolarità o comportamenti anomali non direttamente osservabili sui dati; ad esempio errori di misurazione 1) Diagramma

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

per immagini guida avanzata Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Uso delle tabelle e dei grafici Pivot Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Una tabella Pivot usa dati a due dimensioni per creare una tabella a tre dimensioni, cioè una tabella

Dettagli

i=1 Y i, dove Y i, i = 1,, n sono indipendenti e somiglianti e con la stessa distribuzione di Y.

i=1 Y i, dove Y i, i = 1,, n sono indipendenti e somiglianti e con la stessa distribuzione di Y. Lezione n. 5 5.1 Grafici e distribuzioni Esempio 5.1 Legame tra Weibull ed esponenziale; TLC per v.a. esponenziali Supponiamo che X Weibull(α, β). (i) Si consideri la distribuzione di Y = X β. (ii) Fissato

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Esercitazioni di Statistica con Matlab

Esercitazioni di Statistica con Matlab Dalmine, 28 aprile 2004 Esercitazioni di Statistica con Matlab Dott. Orietta Nicolis orietta.nicolis@unibg.it 1 0.8 0.6 0.4 0.2 0-0.2-0.4 40 30 20 10 0 0 5 10 15 20 25 30 35 V.c.d. di Poisson P(X = x)

Dettagli

Strumenti Informatici 8.1. Realizzare il test della binomiale (o test dei segni) con Excel e SPSS

Strumenti Informatici 8.1. Realizzare il test della binomiale (o test dei segni) con Excel e SPSS 1 Strumenti Informatici 8.1 Realizzare il test della binomiale (o test dei segni) con Excel e SPSS Il test della binomiale (o test dei segni) può essere eseguito con Excel impostando le formule adeguate

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Strumenti informatici 2.3 - Le statistiche descrittive con Excel e SPSS

Strumenti informatici 2.3 - Le statistiche descrittive con Excel e SPSS Strumenti informatici 2.3 - Le statistiche descrittive con Excel e SPSS Per ottenere le statistiche descrittive di una o più variabili in Excel occorre utilizzare le funzioni, che sono operatori matematici,

Dettagli

LABORATORIO Excel N.1 VARIABILI QUALITATIVE

LABORATORIO Excel N.1 VARIABILI QUALITATIVE LABORATORIO Excel N.1 VARIABILI QUALITATIVE DESCRIZIONE DEI DATI DA ESAMINARE A un campione di studenti del Michigan sono state poste una serie di domande per capire quali obiettivi si pongono per il futuro.

Dettagli

USO DI EXCEL COME DATABASE

USO DI EXCEL COME DATABASE USO DI EXCEL COME DATABASE Le funzionalità di calcolo intrinseche di un foglio di lavoro ne fanno uno strumento eccellente per registrarvi pochi dati essenziali, elaborarli con formule di vario tipo e

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO NELLA SESSIONE N.

PROGRAMMA SVOLTO NELLA SESSIONE N. Università C. Cattaneo Liuc, Corso di Statistica, Sessione n. 1, 2014 Laboratorio Excel Sessione n. 1 Venerdì 031014 Gruppo PZ Lunedì 061014 Gruppo AD Martedì 071014 Gruppo EO PROGRAMMA SVOLTO NELLA SESSIONE

Dettagli

Esercitazione di riepilogo 23 Aprile 2013

Esercitazione di riepilogo 23 Aprile 2013 Esercitazione di riepilogo 23 Aprile 2013 Grafici Grafico a barre Servono principalmente per rappresentare variabili (caratteri) qualitative, quantitative e discrete. Grafico a settori circolari (torta)

Dettagli

Indice Prefazione xiii 1 Probabilità

Indice Prefazione xiii 1 Probabilità Prefazione xiii 1 Probabilità 1 1.1 Origini del Calcolo delle Probabilità e della Statistica 1 1.2 Eventi, stato di conoscenza, probabilità 4 1.3 Calcolo Combinatorio 11 1.3.1 Disposizioni di n elementi

Dettagli

STATISTICA ESERCITAZIONE 11 Dott. Giuseppe Pandolfo 3 febbraio 2015. Modelli continui di probabilità: la v.c. uniforme continua

STATISTICA ESERCITAZIONE 11 Dott. Giuseppe Pandolfo 3 febbraio 2015. Modelli continui di probabilità: la v.c. uniforme continua STATISTICA ESERCITAZIONE 11 Dott. Giuseppe Pandolfo febbraio 2015 Modelli continui di probabilità: la v.c. uniforme continua Esercizio 1 Anna ha una gift card da 50 euro. Non si sa se sia mai stata utilizzata

Dettagli

Manuale di istruzioni per l inserimento dei dati delle PROVE PQM PON

Manuale di istruzioni per l inserimento dei dati delle PROVE PQM PON Manuale di istruzioni per l inserimento dei dati delle PROVE PQM PON 1 SI PREGA DI LEGGERE ATTENTAMENTE QUESTO MANUALE PRIMA DELLA COMPILAZIONE DELLA MASCHERA INSERIMENTO DATI Download del file per l inserimento

Dettagli

Word processor funzione Stampa Unione

Word processor funzione Stampa Unione Word processor funzione Stampa Unione La funzione Stampa unione permette di collegare un documento che deve essere inviato ad una serie di indirizzi ad un file che contenga i nominativi dei destinatari.

Dettagli

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL)

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) 1. Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei Personal computer. Essi

Dettagli

REGISTRARSI E EFFETTUARE L'ACCESSO (possiamo farlo anche dopo) (si può accedere anche tramite altri profili come Google e Facebook)

REGISTRARSI E EFFETTUARE L'ACCESSO (possiamo farlo anche dopo) (si può accedere anche tramite altri profili come Google e Facebook) http://www.google.com/finance http://it.finance.yahoo.com/ REGISTRARSI E EFFETTUARE L'ACCESSO (possiamo farlo anche dopo) (si può accedere anche tramite altri profili come Google e Facebook) ANDIAMO ALLA

Dettagli

Riassunto 24 Parole chiave 24 Commenti e curiosità 25 Esercizi 27 Appendice

Riassunto 24 Parole chiave 24 Commenti e curiosità 25 Esercizi 27 Appendice cap 0 Romane - def_layout 1 12/06/12 07.51 Pagina V Prefazione xiii Capitolo 1 Nozioni introduttive 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Cenni storici sullo sviluppo della Statistica 2 1.3 La Statistica nelle scienze

Dettagli

Appunti di: MICROSOFT EXCEL

Appunti di: MICROSOFT EXCEL Appunti di: MICROSOFT EXCEL INDICE PARTE I: IL FOGLIO ELETTRONICO E I SUOI DATI Paragrafo 1.1: Introduzione. 3 Paragrafo 1.2: Inserimento dei Dati....4 Paragrafo 1.3: Ordinamenti e Filtri... 6 PARTE II:

Dettagli

Metodi statistici per le ricerche di mercato

Metodi statistici per le ricerche di mercato Metodi statistici per le ricerche di mercato Prof.ssa Isabella Mingo A.A. 2014-2015 Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione Corso di laurea Magistrale in «Organizzazione e marketing per

Dettagli

Scheda n.1: il software R

Scheda n.1: il software R Scheda n.1: il software R September 30, 2008 1 Introduzione Il software denominato R si può scaricare gratuitamente da rete, all indirizzo http://www.r-project.org/, seguendo le istruzioni di download.

Dettagli

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel Il Foglio Elettronico 1 Parte I Concetti generali Celle e fogli di lavoro.xls Inserimento dati e tipi di dati Importazione di dati Modifica e formattazione di fogli di lavoro FOGLIO ELETTRONICO. I fogli

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2014/2015 Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2014/2015 Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2014/2015 Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Nome N. Matricola Ancona, 14 luglio 2015 1. Tre macchine producono gli stessi pezzi

Dettagli

USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI

USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI In queste lezioni impareremo ad usare i fogli di calcolo EXCEL per l elaborazione statistica dei dati, per esempio, di un esperienza di laboratorio. Verrà nel seguito spiegato:

Dettagli

MAUALE PIATTAFORMA MOODLE

MAUALE PIATTAFORMA MOODLE MAUALE PIATTAFORMA MOODLE La piattaforma moodle ci permette di salvare e creare contenuti didattici. Dal menù principale è possibile: inviare dei messaggi agli altri docenti che utilizzano la piattaforma:

Dettagli

Uso di base delle funzioni in Microsoft Excel

Uso di base delle funzioni in Microsoft Excel Uso di base delle funzioni in Microsoft Excel Le funzioni Una funzione è un operatore che applicato a uno o più argomenti (valori, siano essi numeri con virgola, numeri interi, stringhe di caratteri) restituisce

Dettagli

Come costruire una distribuzione di frequenze per caratteri quantitativi continui

Come costruire una distribuzione di frequenze per caratteri quantitativi continui Come costruire una distribuzione di frequenze per caratteri quantitativi continui Consideriamo i dati contenuti nel primo foglio di lavoro (quello denominato dati) del file esempio2.xls. I dati si riferiscono

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Prima parte AA 2013/2014 COS E EXCEL? Microsoft Excel è uno dei fogli elettronici più potenti e completi operanti nell'ambiente Windows. Un foglio elettronico è un programma che

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access sergiopinna@tiscali.it Seconda Parte: Ms Access (lezione #2) CONTENUTI LEZIONE Query Ordinamento Avanzato Maschere Report Query (interrogazioni) Gli strumenti

Dettagli

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI

LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI LABORATORIO DI ANALISI DEI SISTEMI Si utilizzerà, come strumento di lavoro, un foglio elettronico, il più diffuso Excel o anche quello gratuito di OpenOffice (www.openoffice.org). Tale scelta, pur non

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul Web

On-line Corsi d Informatica sul Web On-line Corsi d Informatica sul Web Corso base di Excel Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo 1 ELEMENTI DELLO SCHERMO DI LAVORO Aprire Microsoft Excel facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano

Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano Esercizio 1 Nella seguente tabella è riportata la distribuzione di frequenza dei prezzi per camera di alcuni agriturismi, situati nella regione Basilicata.

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE E VALORE ATTESO

VARIABILI ALEATORIE E VALORE ATTESO VARIABILI ALEATORIE E VALORE ATTESO Variabili aleatorie Variabili discrete e continue Coppie e vettori di variabili aleatorie Valore atteso Proprietà del valore atteso Varianza Covarianza e varianza della

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

Strumenti informatici 13.1

Strumenti informatici 13.1 1 Strumenti informatici 1.1 I test post-hoc nel caso del confronto fra tre o più proporzioni dipendenti e la realizzazione del test Q di Cochran in SPSS Nel caso dei test post-hoc per il test Q di Cochran,

Dettagli

Il foglio elettronico: Excel

Il foglio elettronico: Excel Il foglio elettronico: Excel Laboratorio di Informatica Corso di Laurea triennale in Biologia Dott. Fabio Aiolli (aiolli@math.unipd.it) Dott.ssa Elisa Caniato (ecaniato@gmail.com) Anno accademico 2007-2008

Dettagli

Servizi di consulenza specialistica per IGRUE 2009 2012

Servizi di consulenza specialistica per IGRUE 2009 2012 Allegato 9A Metodo della stima delle differenze Descrizione della procedura Il metodo della stima delle differenze è indicato qualora il controllore ritenga che la popolazione sia affetta da un tasso di

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (A-O) Università di Roma La Sapienza

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (A-O) Università di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (A-O) Università di Roma La Sapienza CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA ESAME DEL 28/05/2015 NOME: COGNOME: MATRICOLA: Esercizio 1 Nel gico del

Dettagli

Statistica Sociale Laboratorio 2

Statistica Sociale Laboratorio 2 CORSO DI STATISTICA SOCIALE Statistica Sociale Laboratorio 2 Dott.ssa Agnieszka Stawinoga agnieszka.stawinoga@unina.it Le variabili qualitative ( mutabili ) Le variabili qualitative (mutabili) assumono

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo . Laboratorio di Informatica Facoltà di Economia Università di Foggia Prof. Crescenzio Gallo Word è un programma di elaborazione testi che consente di creare, modificare e formattare documenti in modo

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio. Foglio elettronico Foglio elettronico EXCEL Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Il foglio elettronico è un programma interattivo, che mette a disposizione dell utente una matrice di righe

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli