LE CLASSI CERAMICHE. SITUAZIONE DEGLI STUDI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE CLASSI CERAMICHE. SITUAZIONE DEGLI STUDI"

Transcript

1 CNR - ISTITUTO DI SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI CERAMICI FAENZA SOPRINTENDENZA SPECIALE AI BENI ARCHEOLOGICI DI ROMA PALAZZO MASSIMO ALLE TERME - ROMA LE CLASSI CERAMICHE. SITUAZIONE DEGLI STUDI Atti della 10 a Giornata di Archeometria della Ceramica (Roma, 5-7 aprile 2006) a cura di Sabrina Gualtieri, Bruno Fabbri, Giovanna Bandini E S T R A T T O Bari 2009

2 INDICE DEL VOLUME Presentazione di Giovanna Bandini, Bruno Fabbri, Sabrina Gualtieri Definizione e identificazione rapida delle classi ceramiche preistoriche e protostoriche di Sara T. Levi, Alessandro Vanzetti Archeometria e ceramica romana (Roma/area romana- Golfo di Napoli): stato delle ricerche e progetti in corso di Gloria Olcese Le classi ceramiche: ridefinizione archeometrica per lo sviluppo delle conoscenze dei materiali di scavo di Beatrice De Rosa, Ciro Piccioli Impasto fine, semifine o grossolano? Terminologia archeologica e classificazione archeometrica di Giulio Carpenito, Luca Corradini, Sara T. Levi Le classi ceramiche nell archeologia medievale, tra terminologie, archeometria e tecnologia di Marco Milanese Produzione e circolazione della ceramica Serra d Alto nel V millennio a.c. in Italia sud-orientale di Rocco Laviano, Italo M. Muntoni Analisi archeometriche su ceramica neolitica ingobbiata e dipinta (cultura di Lumea Noua, V millennio a.c.) da siti in Transilvania (Romania) di Paola Ricciardi, Simona Varvara, Bruno Fabbri, Sabrina Gualtieri, Mihai Gligor Studio archeometrico su ceramiche rinvenute nello scavo di Piano di Comunità a Veio di Laura Ambrosini, Alessio Argentieri, Barbara Belelli Marchesini, Anna Candida Felici, Amanda Generosi, Ciriaco Giampaolo, Sergio Lo Mastro, Barbara Paci, Mario Piacentini, Valerio Rossi Albertini, Margherita Vendittelli Indagini archeometriche su tre urnette fittili dipinte Laura Ambrosini, Giovanna Bandini, A. Candida Felici, Gabriele Fronterotta, A. Galli, Marco Martini, Chiara Nicolais, Marilena Pagliaro, Mario Piacentini, Sebastiano Sciuti, Emanuela Sibilia, Margherita Venditelli Indagini archeometriche sulla ceramica punica a vernice nera dall ex Mercato di Olbia M. Letizia Amadori, Carla Del Vais, Giuliana Raffaelli La produzione di ceramica da mensa a Solunto: un esempio di continuità tecnologica dall età arcaica a quella ellenistico-romana di Giuseppe Montana, Cristina Bonsignore, Oscar Belvedere, Aurelio Burgio, Caterina Greco, Valeria Tardo, Francesca Spatafora Studio archeometrico sulle ceramiche di epoca achemenide e post-achemenide (VI-II sec. a.c.) da Tang-e Bolaghi (Fars-Iran) di Pierfrancesco Callieri, Alireza Askari Chaverdi, Marco Loreti, M. Letizia Amadori, Sara Barcelli, Giuliana Raffaelli Ceramica altomedievale dal castrum di Cuma (Campi Flegrei): aspetti peculiari di una produzione di Celestino Grifa, Alessio Langella, Vincenzo Morra, Priscilla Munzi Le anfore fenicio-puniche prodotte nel Mediterraneo occidentale: caratteristiche petrografiche degli impasti siciliani e spagnoli di Ioannis Iliopoulos, Miguel Angel Cau, Giuseppe Montana Anfore da trasporto protobizantine di produzione cilicia: stato degli studi sulla loro produzione e commercializzazione sulla base dei nuovi rinvenimenti da Elaiussa Sebaste (Ayash-Turchia) di Adele. F. Ferrazzoli, Marco Ricci Caratteristiche tecnologiche delle porcellane di Capodimonte (Napoli, metà XVIII sec.) di Francesca Amato, Diletta Clery, Bruno Fabbri, Paola Giusti, Sabrina Gualtieri, Lorena Napoli, Luca Pinto, Andrea Ruffini Le classi ceramiche: problematiche di conservazione di Giovanna Bandini Quando l argilla non diventa ceramica: intervento pilota su manufatti iranici del III millennio a.c. di Roberta Bollati, Gabriella Ceroli, Elisabeth Huber Il Museo Gregoriano Etrusco e il restauro dei materiali ceramici: tra filologia ed estetica di Maurizio Sannibale Intervento di restauro di un pithos del VII-VI sec. a.c. proveniente da Tarquinia di E. Catalli, D. Colonello, Elisabeth Huber, M. Pastorelli, M. Elisabetta Prunas, E. Raimondi Ceramiche architettoniche cinesi: classificazione e peculiari forme di alterazione e degrado di Marina Angelini Il risarcimento formale e cromatico delle lacune della porcellana: uno studio sui materiali e proposte d intervento di Giulia Barella, Roberta Bollati, Elisabeth Huber Edipuglia srl, via Dalmazia 22/b Bari-S. Spirito tel (fax) - http: //www.edipuglia.it -

3 Le anfore fenicio-puniche prodotte nel Mediterraneo occidentale: caratteristiche petrografiche degli impasti siciliani e spagnoli di Ioannis Iliopoulos*, Miguel Angel Cau**, Giuseppe Montana*** * Department of Geology University of Patras. ** Institució Catalana de Recerca i Estudis Avançats (ICREA)/Equip de Recerca Arqueomètrica de la Universitat de Barcelona (ERAUB). *** Dipartimento di Chimica e Fisica della Terra ed Applicazioni alle Georisorse e ai Rischi Ambientali - Università di Palermo. ABSTRACT The aim of this paper is to provide well-stated petrographic reference groups for the recognition of several Sicilian and Spanish Phoenician-Punic production centres in order to facilitate an instrument of further objective support for amphorae provenance. This instrument is based on the crosschecking between data provided by typological studies and the thinsection analysis of amphorae fabrics. It is worth noting that this is only a first step within the framework of a larger research project focused in the creation of an Atlas of Phoenician and Punic Amphorae in the Western Mediterranean including both archaeological and petrographic data. In this context a systematical work on the known production centres characterizing fabrics, pastes and raw materials is the proper way to define workshops and their manufactures and to study their technological choices. Thus we shall give primarily references to well-define workshops as Mozya and Solunto in Sicily and Cadiz and Ebussus in Spain. However, some other petrographic data not obtained from the above cited workshops are also included. In those cases, the reference fabric has to be taken only as a general trend on the petrographic features of a certain large compositional space. Key-words: Pottery, Provenance, Ceramic Petrography, Petrographic Fabrics, Production Centres, Atlas of Phoenician and Punic Amphorae. 1. Introduzione La manifattura ed il commercio della ceramica avevano un ruolo rilevante nelle aree del Mediterraneo sotto l influenza fenicia e punica. Le anfore, in particolare, sono considerate molto importanti per comprendere appieno i modelli di produzione, distribuzione e consumo ed indirizzare correttamente le indagini storiche e socio-economiche. I progressi raggiunti dagli studi archeologici in diverse aree del Mediterraneo occidentale hanno consentito di migliorare la definizione tipologica e cronologica delle produzioni ceramiche fenicio-puniche. La classificazione sistematica delle anfore da trasporto è stata intrapresa negli anni 90 da Ramon Torres (1995), consentendo l acquisizione dei primi dati quantitativi sulla distribuzione dei tipi di anfore, ed evidenziando anche la presenza di diversi centri di produzione contemporaneamente attivi in aree differenti. Ciò ha indotto a ritenere determinante la ricerca di criteri oggettivi per la distinzione fra le produzioni locali e le importazioni. Un approccio puramente archeologico incontra notevoli ostacoli nel decifrare le provenienze, dato che gli impasti ceramici non sono oggettivamente distinguibili tra loro in base ad un semplice esame macroscopico. Inoltre, uno stesso tipo anforico può essere stato prodotto in più centri. Ciò motiva la necessità di uno studio archeometrico che fornisca un approfondita descrizione degli impasti ceramici e che, al tempo stesso, possa corroborare le ipotesi di provenienza formulate su base archeologica. Come noto, gli impasti ceramici caratterizzati da degrassante sabbioso a grana medio-grossolana (0,25-1 mm) possono essere proficuamente studiati mediante l osservazione delle sezioni sottili al microscopio polarizzatore. L esame petrografico consente di stabilire la compatibilità o l incompatibilità fra i frammenti litici ed i minerali che costituiscono il degrassante sabbioso dei manufatti ceramici e le caratteristiche geo-litologiche del sito di ritrovamento. 2. Approcio metodologico e campionamento I siti di ritrovamento i quali sono stati considerati in questo lavoro sono: Camposoto in Cadiz (Cadice) nella penisola Iberica, Sa Caleta, Via Roma e FE-13 in Eivissa (Ibiza nelle isole Baleari) e Solunto e Mozia 157

4 Ioannis Iliopoulos - Miguel Angel Cau - Giuseppe Montana 1. - Localizzazione dei siti di produzione di anfore puniche considerati nel presente studio (stelle) e le tipologie anforiche più diffuse in ogni sito. Sono indicati anche altri siti di produzione delle medesime tipologie ubicati nel Mediterraneo occidentale (cerchi). in Sicilia (fig. 1). Le anfore puniche ritrovate in tutti i siti sopraccitati, come verrà puntualmente specificato nei paragrafi successivi, sono già state oggetto di studi petro-chimici, più o meno recentemente, da parte degli autori di questa nota. Le caratteristiche petrografiche di seguito presentate sono basate sull esame comparativo di 144 campioni, che sono stati osservati in sezione sottile al microscopio polarizzatore (Leica DM-LSP con acquisizione digitale delle immagini). Alcuni campioni sono stati sottoposti anche ad analisi al microscopio elettronico a scansione (SEM-EDS JEOL 6300 corredato da sistema di microanalisi chimica elementare EDS della Link Analytical) per ottenere informazioni sul chimismo di certe fasi minerali (utili negli studi di provenienza) sono state indicative anche le immagini per elettroni retrodiffusi (BSEI). La Tabella 1 fornisce le informazioni riguardanti la localizzazione dei contesti archeologici, il numero di campioni che sono stati analizzati in ogni sito, la datazione dei campioni e la loro tipologia. 3. Caratterizzazione petrografica degli impasti Sia a Solunto che a Mozia, ovvero nei siti siciliani oggetto di studio, sono state individuate 2 tipologie di impasto (figg. 2a-d). Da sottolineare che, in entrambi i centri produttivi, è stata riscontrata un interessante e ricorrente differenziazione cronologica nelle caratteristiche tessiturali dei prodotti, come se ci fosse stata un evoluzione tecnologica tra un impasto ad un altro. Infatti, in generale, le anfore arcaiche possiedono un degrassante sabbioso maggiormente addensato e di taglia relativamente più grossolana rispetto alle tipolo- 158

5 Le anfore fenicio-puniche prodotte nel Mediterraneo occidentale: caratteristiche petrografiche degli impasti siciliani e spagnoli Località Sicilia Eivissa TABELLA 1 Appartenenza, numero di campioni esaminati, datazione e tipologie anforiche prevalenti nei siti archeologici considerati nel presente studio. Contesto archeologico (officine ceramiche) Campioni esaminati Solunto 59 Mozia 47 Sa Caleta (insediamento fenicio) Via Roma 5 6 Datazione VII - VI a.c., V - III a.c. VI - III a.c. VII a.c. VI a.c. Tipologie anforiche prevalenti (classificazione Ramón Torres 1995) T , T T , T T T FE III a.c. T Cadiz Camposoto Soto 15 fine VI - V a.c. T gie di manifattura più recente, realizzate solo a partire dal V secolo a.c. (Alaimo et al. 1998; Alaimo et al. 2002; Iliopoulos et al. 2002). In particolare, a Solunto l impasto realizzato in età arcaica (fig. 2a) vede predominare il quarzo monocristallino, insieme a quantità relativamente minori di componenti calcarei (biocalcareniti e calcari compatti). Il quarzo policristallino, i frammenti di selce e di quarzarenite risultano abbastanza comuni, mentre i feldspati e le miche sono sporadici o rari. Gli impasti realizzati a partire dal V secolo a.c. sono assai simili in composizione a quelli arcaici, ma sono notevolmente più fini (0,06-0,125 mm e 0,5-0,25 mm, rispetivamente) e molto meglio assortiti (fig. 2b). L addensamento del degrassante sabbioso risulta altretanto ben differenziato tra i impasti arcaici (20-30%) e quelli classico-ellenistiche (10-20%). A Mozia i due impasti locali (figg. 2c-d) si distinguono per la presenza predominante di litoclasti, da sub-arrotondati a sub-angolosi, derivanti da calcari a grana fine e/o da biocalcareniti, insieme a quarzo monocristallino arrotondato o sub-arrotondato (fig. 2c). Sporadicamente si trovano, frammenti di quarzareniti, quarzo policristallino e feldspato. Il più delle volte non restano tracce visibili dei costituenti di natura carbonatica ad esclusione dei pori da impronta che formano in seguito alla loro decomposizione termica. Gli impasti realizzati più recentemente (dopo il V secolo a.c.) possiedono un degrassante a grana relativamente più fine (0,125-0,25 mm; fig. 2d) rispetto agli impasti arcaici (0,25-0,8 mm; fig. 2c). Sia gli impasti descritti per le produzioni anforiche di Solunto che quelli relativi alle manifatture di Mozia risultano compositionalmente del tutto compatibili con le caratteristiche geo-litologiche dell area circostante i siti di produzione (Alaimo et al. 1998; Alaimo et al. 2002; Iliopoulos et al. 2002). In Eivissa, nell officina identificata come FE-13, sono stati individuati due tipi di impasto (Ramon 1997; Buxeda e Cau 1997), A e B, entrambi caratterizzati dalla presenza di degrassante di natura sedimentaria (fig. 3a-b). L impasto A (fig. 3a) risulta più ricco in carbonati (calcite e frammenti di calcari compatti), mentre quarzo e muscovite risultano più abbondanti nell impasto di tipo B (fig. 3b). Entrambi questi impasti sono notelvomente fini (0,06-0,125 mm) e il loro addensamento varia da <10% per il tipo A a 15-20% per il tipo B. Di natura sedimentaria sono pure le inclusioni presenti nelle anfore ritrovate nel sito di Via Roma, con abbondanti frammenti litici derivanti da calcari microcristallini. Questi tipi di impasto risultano compatibili con le peculiarità geolitologiche dell isola di Ibiza (IGME 1972, Cau 2003). Al contrario, la mineralogia delle anfore provenienti dal sito di Sa Caleta è chiaramente incompatibile con la geolitologia di Ibiza e, più in generale, di tutte le Isole Baleari (Cau 2003, Amadori & Fab- 159

6 Ioannis Iliopoulos - Miguel Angel Cau - Giuseppe Montana 2. - Variazione dei fabric petrografici per le anfore puniche prodotte in Sicilia. Prima fila: produzione soluntina, seconda fila: produzione moziese, colonna sinistra: produzioni arcaiche, colonna destra: produzioni classico-ellenistiche. Nei riquadri: disegni dei tipi anforici (Ramon 1995) a cui si riferiscono gli impasti. Le microfotografie sono a nicol incrociati Microfotografie degli impasti ceramici (A e B) individuati nellʼofficina FE-13 in Eivissa. I disegni dei tipi anforici nei riquadri sono da Ramon (1995). 160

7 Le anfore fenicio-puniche prodotte nel Mediterraneo occidentale: caratteristiche petrografiche degli impasti siciliani e spagnoli bri 1998). Infatti esso è caratterizzato da minerali e frammenti litici di natura metamorfica: scisti, andalusite, staurolite e granato (fig. 4). Una tale composizione mineralogica potrebbe suggerire come possibile area di produzione di questi manufatti la costa meridionale della penisola iberica, probabilmente tra Malaga e Granada, dove, come noto, erano ubicate delle officine ceramiche fenicie (Amadori & Fabbri 1998). Questo tipo di impasto mostra un distribuzione bimodale del degrassante con frammenti di rocce e minerali che loro dimensione cadde nella frazione di sabbia grossolana (0,5-1 mm) e di sabbia molto fine (0,06-0,125 mm). Infine, l impasto dell officina di Camposoto a Cadice, è caratterizzato dalla presenza di quarzo, calcite, frammenti di microfossili, quarzo policristallino e plagioclasio (fig. 5), tutti costituenti compatibili in pieno con la geolitologia locale. La dimensione degli inclusi sabiosi varia tra le classi del sabbia fine e sabbia media (0,125-0,5 mm), mentre la distribuzione areale è generalmente non uniforme e l addensamento risulta tra il 15 ed il 20% (Cau 2007) Microfotografia del fabric ceramico individuato nel sito di Sa Caleta (Eivissa), il quale risulta evidentemente incompatibile con la geologia locale a causa del prevalenza di componenti di natura metamorfica di alto grado, come è indicato dalla presenza di minerali indici quali staurolite e granato. Disegno del tipo anforico: Ramon (1995). 4. Conclusioni Lo studio al microscopio polarizzatore delle anfore fenicie e puniche ha permesso la definizione di alcuni gruppi di riferimento petrografici, come è 5. - Microfotografie dellʼimpasto tipico delle anfore puniche prodotte nellʼofficina di Camposoto a Cadice. I disegni dei tipi anforici nei riquadri sono da Ramon (1995). 161

8 Ioannis Iliopoulos - Miguel Angel Cau - Giuseppe Montana nel caso delle officine ceramiche siciliane di Solunto e Mozia ed anche per l officina di Camposoto nel sud ovest del penisola iberica e la officina FE-13 a Eivissa (Ibiza, nelle Isole Baleari). La caratterizzazione delle anfore da Sa Caleta come manufatti importati e la loro possibile attribuzione alle fabbriche fenicie ubicate nella costa sud della Spagna, può contribuire alla definizione dei markers composizionali per questa area. Infine, il materiale ceramico dal sito di ritrovamento ubicato in Via Roma a Ibiza, può essere un primo esempio delle produzioni locali realizzate a partire dal VI secolo a.c. Per alcuni siti, come quelli di Mozia e Solunto, che sono rimasti operativi per un lungo periodo, è stato possibile accertare l evoluzione della tecnologia di manifattura degli impasti nel tempo e, quindi, definire le relative ricette e acquisire nuove cognizioni sulle strategie seguite dai antichi ceramisti nel procurarsi le materie prime. L approccio presentato in questo lavoro è solo la parte preliminare di un progetto molto più ampio che intende arrivare alla redazione di un atlante delle anfore fenicio-puniche prodotte nel Mediterraneo occidentale, che comprenda dati archeologici, petrografici e chimici. L obiettivo finale, quindi, è un lavoro sistematico sui centri di produzione ad oggi attestati (e sulle relative materie prime) da cui ricavare le peculiarità composizionali e tessiturali delle diverse manifatture ed, eventualmente, una loro evoluzione in senso diacronico. Bibliografia Amadori M.L, Fabbri B., 1998, Produzione locale e importazioni di ceramiche fini da mensa (fine VIII-fine VI sec. a.c.) a Toscanos (Spagna meridionale), In: E. Acquaro, B. Fabbri (a cura di), Produzione e circolazione della ceramica fenicia e punica nel Mediterraneo: il contributo delle analisi archeometriche, Atti della II giornata di archeometria, Ravenna 14 maggio Alaimo R., Greco C., Iliopoulos I., Montana G., 1998, Le officine ceramiche di Solunto e Mozia (VII-III secolo a.c.): un primo confronto tra materie prime, fabbriche e chimismo dei prodotti finiti, Miner. Perogr. Acta, Vol. XLI, pp Alaimo R., Greco C., Iliopoulos I., Montana G., 2002, Phoenician-Punic ceramic workshops in western Sicily: compositional characterisation of raw materials and artefacts, In: Modern Trends in Scientific Studies on Ancient Ceramics, Ed. V. Kilikoglou, A. Hein and Y. Maniatis, British Archaeological Reports (BAR), S1011, pp Buxeda i Garrigós, J., Cau Ontiveros, M.A. 1997, Caracterización arqueométrica de las ánforas T del taller púnico FE-13 (Eivissa), In FE-13: un taller alfarero de época púnica en Ses Figueretes (Eivissa), J. Ramon, Treballs del Museu Arqueològic d Eivissa i Formentera, 39, Govern Balear, Cau, M. A., 2003, Cerámica tardorromana de cocina de las Islas Baleares: estudio arqueométrico, British Archaeological Reports, International Series, 1182, Archaeopress, Oxford. Cau Ontiveros M. A. 2007, Apéndice I. Caracterización mineralógica y petrográfica de los materiales anfóricos, In El taller alfarero tardoarcaico de Camposoto (San Fernando, Cádiz), J. Ramon Torres, A. Sáez Espligares, A.M. Sáez Romero, A. Muñoz Vicente, Junta de Andalucía, Arqueología Monografías, IGME 1972, Mapa geológico de España 1: , hojas 49-65, Menorca-Ibiza-Formentera, Instituto Geológico y Minero de España. Iliopoulos I., Alaimo R., Montana G., 2002, Analisi Petrografica degli impasti delle anfore fenice e puniche, In: MOZIA: Gli scavi nella Zona A dell abitato, a cura di Maria Luisa Famà, Bari, pp Ramón Torres J. 1995, Las ánforas fenicio-púnicas del Mediterráneo Central y Occidental, Barcelona. Ramón Torres, J. 1997, FE-13: un taller alfarero de época púnica en Ses Figueretes (Eivissa), Treballs del Museu Arqueològic d Eivissa i Formentera, 39, Govern Balear. 162

LE CLASSI CERAMICHE. SITUAZIONE DEGLI STUDI

LE CLASSI CERAMICHE. SITUAZIONE DEGLI STUDI CNR - ISTITUTO DI SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI CERAMICI FAENZA SOPRINTENDENZA SPECIALE AI BENI ARCHEOLOGICI DI ROMA PALAZZO MASSIMO ALLE TERME - ROMA LE CLASSI CERAMICHE. SITUAZIONE DEGLI STUDI Atti

Dettagli

ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI

ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI In questa sede verranno esaminati 11 campioni provenienti dallo scavo archeologico del Mastio e della Chiesa nell sito di Castel Pagano Apricena,

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. RISULTATI DELL ANALISI MINERALOGICO- PETROGRAFICA

1. INTRODUZIONE 2. RISULTATI DELL ANALISI MINERALOGICO- PETROGRAFICA ANALISI ARCHEOMETRICA DI REPERTI CERAMICI ALTO MEDIEVALI RINVENUTI IN TRE SITI DI SCAVO DELLA SICILIA OCCIDENTALE di R. ALAIMO *, R. GIARRUSSO **, I. ILIOPOULOS *** G. MONTANA *** * Cattedra di Archeometria,

Dettagli

SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico

SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico QUARTE GIORNATE INTERNAZIONALI DI STUDI SULL AREA ELIMA (Erice, 1-4 dicembre 2000) ATTI I Pisa 2003 Il

Dettagli

Eruzione Etna 2004 Analisi petrografiche e composizionali preliminari

Eruzione Etna 2004 Analisi petrografiche e composizionali preliminari Prot. int. n UFVG2004/104 Eruzione Etna 2004 Analisi petrografiche e composizionali preliminari Rosa Anna Corsaro - Lucia Miraglia Il campionamento dei prodotti emessi nel corso dell eruzione etnea del

Dettagli

RISULTATI DELLE ANALISI CONDOTTE SU UN PRESUNTO FRAMMENTO DI METEORITE

RISULTATI DELLE ANALISI CONDOTTE SU UN PRESUNTO FRAMMENTO DI METEORITE RISULTATI DELLE ANALISI CONDOTTE SU UN PRESUNTO FRAMMENTO DI METEORITE In data 17/12/2012, all INGV di Palermo, è stato consegnato un oggetto rinvenuto nei giorni precedenti in località Brancaccio, a Palermo.

Dettagli

IL VILLAGGIO RUPESTRE DELLA GRAVINA MADONNA DELLA SCALA A MASSAFRA (TARANTO)

IL VILLAGGIO RUPESTRE DELLA GRAVINA MADONNA DELLA SCALA A MASSAFRA (TARANTO) ROBERTO CAPRARA FRANCO DELL AQUILA IL VILLAGGIO RUPESTRE DELLA GRAVINA MADONNA DELLA SCALA A MASSAFRA (TARANTO) Contributi di Pasquale Acquafredda, Andrea Caprara, Domenico Caragnano, Antonio Greco, Giulio

Dettagli

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche:

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche: 1 DIPARTIMENTO DI CHIMICA Dott.ssa Assunta Marrocchi UNIVERSITÀ DI PERUGIA Via Elce di Sotto, 8-06123 Perugia Tel. +39-0755855547 Fax +39-0755855560 e-mail: assunta@unipg.it Segr. Tel. +39-0755855534 1.

Dettagli

RELAZIONE FINALE DELLE ANALISI RELATIVE ALLA STATUA DI CASSIUS APPARTENENTE ALLA COLLEZIONE DI PALAZZO LANCELLOTTI AI CORONARI, ROMA

RELAZIONE FINALE DELLE ANALISI RELATIVE ALLA STATUA DI CASSIUS APPARTENENTE ALLA COLLEZIONE DI PALAZZO LANCELLOTTI AI CORONARI, ROMA RELAZIONE FINALE DELLE ANALISI RELATIVE ALLA STATUA DI CASSIUS APPARTENENTE ALLA COLLEZIONE DI PALAZZO LANCELLOTTI AI CORONARI, ROMA Dott.ssa Anna Maria MECCHI Dott.ssa Susanna BRACCI Dott. Fabio FRATINI

Dettagli

www.archeologiametodologie.com

www.archeologiametodologie.com Università degli Studi di Genova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di laurea in Conservazione dei Beni Culturali A.A. 2005-2006 Tesi di Laurea in Metodologie della Ricerca Archeologica LA PRODUZIONE

Dettagli

storiche ed economiche che la presenza di questi contenitori

storiche ed economiche che la presenza di questi contenitori RAPPORTI COMMERCIALI TRA LA SICILIA OCCIDENTALE ED IL TIRRENO CENTRO- MERIDIONALE NELL VIII SECOLO ALLA LUCE DEL RINVENIMENTO DI ALCUNI CONTENITORI DA TRASPORTO di FABIOLA ARDIZZONE La Sicilia ha giocato,

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Le terrecotte architettoniche nelle coperture degli edifici templari arcaici sicelioti.

Dettagli

Le ceramiche ellenistiche del santuario periurbano settentrionale di Cuma

Le ceramiche ellenistiche del santuario periurbano settentrionale di Cuma Facem 1 P RISCILLA MUNZI V. G UARINO, A. DE B ONIS, C. G RIFA, A. L ANGELLA, V. M ORRA Le ceramiche ellenistiche del santuario periurbano settentrionale di Cuma Fig. 1. Veduta aerea di Cuma (Foto J. P.

Dettagli

Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c)

Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c) Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c) Paola Santopadre, Pierluigi Bianchetti, Giancarlo Sidoti La composizione e la tessitura

Dettagli

LRCW 3. Parma/Pisa, 26-30 marzo 2008 PRIMA CIRCOLARE CALL FOR PAPERS

LRCW 3. Parma/Pisa, 26-30 marzo 2008 PRIMA CIRCOLARE CALL FOR PAPERS LRCW 3 III CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLE CERAMICHE COMUNI, LE CERAMICHE DA CUCINA E LE ANFORE DELLA TARDA ANTICHITA NEL MEDITERRANEO: ARCHEOLOGIA E ARCHEOMETRIA Parma/Pisa, 26-30 marzo 2008 PRIMA CIRCOLARE

Dettagli

Materiali lapidei e derivati; superfici decorate dell'architettura LABORATORIO DI RESTAURO (MATERIALI LAPIDEI E DERIVATI)

Materiali lapidei e derivati; superfici decorate dell'architettura LABORATORIO DI RESTAURO (MATERIALI LAPIDEI E DERIVATI) PFP 1 Materiali lapidei e derivati; superfici decorate dell'architettura LABORATORIO DI RESTAURO (MATERIALI LAPIDEI E DERIVATI) Premessa 1. L insegnamento comprende una parte teorica (svolta con esempi,

Dettagli

Analisi SEM/EDS di schiume AFS

Analisi SEM/EDS di schiume AFS Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Analisi SEM/EDS di schiume AFS A. Rinaldi, L. Pilloni Report RdS/2011/199 ANALISI SEM/EDS

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO NAZIONALE. sulla. Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia. San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I

ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO NAZIONALE. sulla. Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia. San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO 23 CONVEGNO NAZIONALE sulla Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I a cura di Armando Gravina SAN SEVERO 2003 Stampa:

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

Osservazioni circa il possibile coinvolgimento di parte del Vallinlungo nell attività di cava San Carlo Solvay, nel Comune di San Vincenzo

Osservazioni circa il possibile coinvolgimento di parte del Vallinlungo nell attività di cava San Carlo Solvay, nel Comune di San Vincenzo GRUPPO SPELEOLOGICO ARCHEOLOGICO LIVORNESE Socio della Federazione Speleologica Toscana Socio della Società Speleologica Italiana Osservazioni circa il possibile coinvolgimento di parte del Vallinlungo

Dettagli

FACOLTÀ DI ARCHITETTURA

FACOLTÀ DI ARCHITETTURA La gran parte degli insegnamenti impartiti in tutti i corsi di laurea delle diverse facoltà dell Ateneo, prevedono dei riferimenti/contenuti/parti speciali attinenti alla Sardegna. Per quanto riguarda

Dettagli

Immensa Aequora. Una banca dei dati archeologici e archeometrici delle ceramiche prodotte in Italia centro-meridionale

Immensa Aequora. Una banca dei dati archeologici e archeometrici delle ceramiche prodotte in Italia centro-meridionale Immensa Aequora. Una banca dei dati archeologici e archeometrici delle ceramiche prodotte in Italia centro-meridionale Gloria Olcese*, Claudio Cortese**, Caterina Coletti*, Stefania Giunta*, Ilaria Manzini*

Dettagli

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino IL NON TOFET DI FAVIGNANA Giovanni Mannino Il nome tofet lo troviamo per la prima volta nella Bibbia, nel libro del profeta Geremia (7,30; circa 600 a.c.) e ne viene spiegato il significato: Hanno costruito

Dettagli

Comitato Scientifico:

Comitato Scientifico: restauro tecnologie museografia rilievo conservazione diagnostica recupero paleontologia catalogazione gestione architettura materiali patrimonio culturale valorizzazione exhibition design archeologia

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE ETRURIA NOVA ONLUS DENOMINAZIONE NOME: TIPO DI ATTIVITÀ: CODICE FISCALE: 94173540488 PRESIDENTE: VICEPRESIDENTE: TESORIERE: VICE- SEGRETARIO: Etruria Nova Onlus Tutela, valorizzazione

Dettagli

AGENDA. Dip. Scienze aziendali ed economico giuridiche Univ. Roma Tre. GdR ISMS II RM LUIGI CARROZZI Il Percorso di Ricerca 15.40 16.

AGENDA. Dip. Scienze aziendali ed economico giuridiche Univ. Roma Tre. GdR ISMS II RM LUIGI CARROZZI Il Percorso di Ricerca 15.40 16. AGENDA 14.15 14.30 DONATELLA ROSA Apertura e saluto del CD AIEA 14.30 14.50 LUIGI CARROZZI Presentazione del GdR ISMS 14.50 15.20 Prof. CARLO REGOLIOSI Dip. Scienze aziendali ed economico giuridiche Univ.

Dettagli

SCIENZIATA E SCIENZIATO DELL ARTE

SCIENZIATA E SCIENZIATO DELL ARTE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 SCIENZIATA E SCIENZIATO DELL ARTE Aggiornato il 9 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

COME CONSERVANO E VALORIZZANO I BENI NATURALISTICI MUSEALI?

COME CONSERVANO E VALORIZZANO I BENI NATURALISTICI MUSEALI? COME CONSERVANO E VALORIZZANO I BENI NATURALISTICI MUSEALI? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE ESIGENZA DI CONSERVARE E VALORIZZARE LE PRESENTI

Dettagli

Il progetto ha preso corpo da una serie di idee raccolte in quattro anni di corso presso

Il progetto ha preso corpo da una serie di idee raccolte in quattro anni di corso presso Sperimentazione di metodi di impregnazione e liofilizzazione di legni archeologici provenienti da ambienti saturi di acqua Enrico Cragnolini, Alex Sarra Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro,

Dettagli

L evoluzione del reticolo idrografico

L evoluzione del reticolo idrografico L evoluzione del reticolo idrografico romano e l urbanizzazione Uno studio dell uso del suolo in relazione al reticolo secondario del settore sud-est della Capitale, dall Unità d Italia ad oggi I depositi

Dettagli

Napoli 15 e 16 Dicembre 2011

Napoli 15 e 16 Dicembre 2011 Promuovono Secondo Convegno Internazionale Diagnosi per la conservazione e valorizzazione del Patrimonio Culturale Napoli 15 e 16 Dicembre 2011 NH Ambassador Via Medina 70 80133 NAPOLI Con il Patrocinio

Dettagli

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale Centro per i servizi educativi del museo e del territorio Proposte didattiche

Dettagli

Corsi di Laurea e di Laurea Magistrale in Lettere. Corso di Laurea Magistrale in Metodi e Tecniche della Comunicazione Digitale

Corsi di Laurea e di Laurea Magistrale in Lettere. Corso di Laurea Magistrale in Metodi e Tecniche della Comunicazione Digitale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Corsi di Laurea e di Laurea Magistrale in Lettere Corso di Laurea Magistrale in Metodi e Tecniche della Comunicazione Digitale Sede didattica:

Dettagli

CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI

CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.d.A. DI AGEC N 117 DEL 30 AGOSTO 2005 COME PREVISTO

Dettagli

CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO

CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO Indirizzo: via Gioberti 43 50121 FIRENZE Tel.: 055/679885 e 333/3698798 E-mail: l.ramacciato@inwind.it Informazioni personali Stato civile: Celibe Data di nascita:

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE

L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE SUNIA Ufficio Studi L'indagine effettuata fa parte di un monitoraggio

Dettagli

ANALISI SPAZIALI INTRA-SITE: SOLUZIONI GIS OPEN SOURCE PER LO SCAVO ARCHEOLOGICO DEL SITO DI MONTECORVINO

ANALISI SPAZIALI INTRA-SITE: SOLUZIONI GIS OPEN SOURCE PER LO SCAVO ARCHEOLOGICO DEL SITO DI MONTECORVINO Archeologia e Calcolatori Supplemento 4, 2013, 228-232 ANALISI SPAZIALI INTRA-SITE: SOLUZIONI GIS OPEN SOURCE PER LO SCAVO ARCHEOLOGICO DEL SITO DI MONTECORVINO 1. Premessa La realizzazione di un sistema

Dettagli

SCIENZE DEI BENI ARCHEOLOGICI

SCIENZE DEI BENI ARCHEOLOGICI Consiglio di Facoltà dell Luglio 200 Modificato nel CdF 22 maggio 2002 Modificato nel CdF 3 marzo 200 Modificato nel CdF del 2 gennaio 2006 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI BENI

Dettagli

Diagnosi del degrado di una pergamena di interesse storico

Diagnosi del degrado di una pergamena di interesse storico LAVORI DI RICERCA 20534 Diagnosi del degrado di una pergamena di interesse storico Stazione Sperimentale per l Industria delle Pelli e delle Materie Concianti (Azienda Speciale della Camera di Commercio

Dettagli

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI Il Direttore dei Musei Vaticani in cantiere L ufficio di Sovrintendenza ai Beni Architettonici, istituito con il regolamento promulgato dal Cardinale Governatore

Dettagli

Il mondo dei preziosi l andamento del settore secondo l opinione delle imprese del settore

Il mondo dei preziosi l andamento del settore secondo l opinione delle imprese del settore Il mondo dei preziosi l andamento del settore secondo l opinione delle imprese del settore Contanti, tracciabilità, fisco, banche, legalità. I risultati di un indagine campionaria realizzata sulle imprese

Dettagli

PRIMATI A.S. SOTTOSOPRA NUOTO MASTER BRINDISI VASCA LUNGA - aggiornato al 20/04/2015

PRIMATI A.S. SOTTOSOPRA NUOTO MASTER BRINDISI VASCA LUNGA - aggiornato al 20/04/2015 MASTER 25-29 GIOVE VINCENZO Riccione (Campionati Italiani) 26/06/2009 25.85 50 SL DE MATTEIS FEDERICA Napoli (Trofeo Il Gabbiano) 09/06/2013 33.69 TEDESCO ALESSIO Chianciano Terme (Camp. Italiani) 01/07/2007

Dettagli

ANNARITA: Il database Object Relational dell Anagrafe Nazionale delle Ricerche

ANNARITA: Il database Object Relational dell Anagrafe Nazionale delle Ricerche ANNARITA: Il database Object Relational dell Anagrafe Nazionale delle Ricerche Alex Manzo CILEA, Roma Abstract Nell ottica di un potenziamento e arricchimento dei dati dell Anagrafe Nazionale delle Ricerche

Dettagli

Due strumenti della comunicazione scientifica

Due strumenti della comunicazione scientifica 4 CAPITOLO 1 visto, l offerta in Internet, sostenuta da un crescente numero di docenti e di università, di pubblicazioni scientifiche digitali ad accesso libero e gratuito. Mutano anche i contenuti? A

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani. Giulia Ricciardi

Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani. Giulia Ricciardi Misure di resistività finalizzate allo studio ed alla modellazione della villa romana rinvenuta in località Torraccia di Chiusi (comune di San Gimignano) Relatore: Tesista : Dott. Fabio Mantovani Giulia

Dettagli

LA CASA DEI PITHOI A SERRA DI VAGLIO. UNA SPERIMENTAZIONE DI AMBIENTE 3D OPEN SOURCE PER LA FRUIZIONE DI BENI ARCHEOLOGICI.

LA CASA DEI PITHOI A SERRA DI VAGLIO. UNA SPERIMENTAZIONE DI AMBIENTE 3D OPEN SOURCE PER LA FRUIZIONE DI BENI ARCHEOLOGICI. LA CASA DEI PITHOI A SERRA DI VAGLIO. UNA SPERIMENTAZIONE DI AMBIENTE 3D OPEN SOURCE PER LA FRUIZIONE DI BENI ARCHEOLOGICI. Francesca Cantone, Angelo Chianese, Vincenzo Moscato, Saverio Serafino Università

Dettagli

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO PROPOSTA DI PROGETTO DIDATTICO Anno scolastico 2014/2015 VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO (PROPOSTA INTERATTIVA SCUOLA-TERRITORIO ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DIRETTA DEI MONUMENTI ) Discipline: Storia/Arte

Dettagli

Laboratorio di Laurea ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA- 16 CFU

Laboratorio di Laurea ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA- 16 CFU Laurea Magistrale in ARCHITETTURA Anno Accademico 2015-2016 Laboratorio di Laurea ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA- 16 CFU Coordinatore: Prof. L. NOBILE Semestre preferenziale: II INTRODUZIONE Gli scavi

Dettagli

Stage Linguistico Spagna a.s. 2014/2015. Cádiz Dal l 1-2 settembre al 12-13 settembre 2015

Stage Linguistico Spagna a.s. 2014/2015. Cádiz Dal l 1-2 settembre al 12-13 settembre 2015 Stage Linguistico Spagna a.s. 2014/2015 Cádiz Dal l 1-2 settembre al 12-13 settembre 2015 Cádiz: Andalusia Cádiz e la sua provincia La provincia di Cadice fa parte delle otto province della Comunità Autonoma

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Archeoclub di San Severo PREISTORIA, PROTOSTORIA E STORIA DELLA DAUNIA 12-13 NOVEMBRE 2011

CONVEGNO NAZIONALE. Archeoclub di San Severo PREISTORIA, PROTOSTORIA E STORIA DELLA DAUNIA 12-13 NOVEMBRE 2011 Archeoclub di San Severo Movimento di opinione al servizio dei beni culturali ed ambientali CONVEGNO NAZIONALE PREISTORIA, PROTOSTORIA E STORIA DELLA DAUNIA 12-13 NOVEMBRE 2011 Col patrocinio dell Amministrazione

Dettagli

3 Dicembre 2014. OPIFICIO DELLE PIETRE DURE Sala Conferenze Via Alfani, 78 Firenze. 4 Dicembre 2014

3 Dicembre 2014. OPIFICIO DELLE PIETRE DURE Sala Conferenze Via Alfani, 78 Firenze. 4 Dicembre 2014 DALL ANTICO EGITTO A FIRENZE Il Tempo e le Misure dell Arte 1914-2014 Nel Centenario di un restauro toscano Fabrizio Lucarini e le pitture dell antico Egitto 3 Dicembre 2014 OPIFICIO DELLE PIETRE DURE

Dettagli

ARCHEOLOGIA E CULTURE DEL MONDO

ARCHEOLOGIA E CULTURE DEL MONDO PRESENTAZIONE DEL CORSO DI STUDI IN ARCHEOLOGIA E CULTURE DEL MONDO ANTICO DIPARTIMENTO DI STORIA CULTURE CIVILTÀ AULA PRODI 7 OTTOBRE 2014, ORE 9.45 IL CORSO DI STUDI http://corsi.unibo.it/magistrale/archeol

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

Agli inizi dell arte

Agli inizi dell arte Calendario incontri mercoledì 27.10 e giovedì 11, 18 e 25.11.2010 Mercoledì, 27 ottobre Auditorium, terzo piano Giovedì, 11 novembre Auditorium, terzo piano Giovedì 18 novembre, Aula 11, Palazzo Rosso

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

LE FINITURE DELL EDILIZIA STORICA BOLOGNESE: LA SAGRAMATURA ED IL RESTAURO DELLE FACCIATE NELL ESEMPIO DI PALAZZO AGUCCHI.

LE FINITURE DELL EDILIZIA STORICA BOLOGNESE: LA SAGRAMATURA ED IL RESTAURO DELLE FACCIATE NELL ESEMPIO DI PALAZZO AGUCCHI. LE FINITURE DELL EDILIZIA STORICA BOLOGNESE: LA SAGRAMATURA ED IL RESTAURO DELLE FACCIATE NELL ESEMPIO DI PALAZZO AGUCCHI. 1. Palazzo Agucchi Uno degli interventi di restauro che ci ha permesso di fare

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DEL PERSONALE

BOLLETTINO UFFICIALE DEL PERSONALE PER USO D UFFICIO MINISTERO DELL INTERNO Roma, 02 ottobre 2010 - SUPPLEMENTO STRAORDINARIO N. 1/31 BOLLETTINO UFFICIALE DEL PERSONALE RETTIFICHE DELLA GRADUATORIA DI MERITO DEL CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI

Dettagli

La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in 3D: stato dell arte

La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in 3D: stato dell arte LA GROTTA DEI CERVI DI PORTO BADISCO IN 3D Una visita virtuale nel Castello di Otranto Otranto (LE), 25-26 novembre 2010 La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in 3D: stato dell arte Virginia Valzano (Direttore

Dettagli

RICERCHE ARCHEOMETRICHE SULLE PRODUZIONI CERAMICHE DELLA CALABRIA CENTRO-MERIDIONALE: LE INGOBBIATE MEDIEVALI di CLAUDIO CAPELLI, GIORGIO DI GANGI

RICERCHE ARCHEOMETRICHE SULLE PRODUZIONI CERAMICHE DELLA CALABRIA CENTRO-MERIDIONALE: LE INGOBBIATE MEDIEVALI di CLAUDIO CAPELLI, GIORGIO DI GANGI RICERCHE ARCHEOMETRICHE SULLE PRODUZIONI CERAMICHE DELLA CALABRIA CENTRO-MERIDIONALE: LE INGOBBIATE MEDIEVALI di CLAUDIO CAPELLI, GIORGIO DI GANGI NOTE SUI DATI ARCHEOLOGICI * A partire dal 1997 è iniziata,

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale DIAGNOSTICA E CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI. IL CONTRIBUTO DEL GEOLOGO

Corso di Aggiornamento Professionale DIAGNOSTICA E CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI. IL CONTRIBUTO DEL GEOLOGO Corso di Aggiornamento Professionale DIAGNOSTICA E CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI. IL CONTRIBUTO DEL GEOLOGO 9 maggio 2011 Bocciodromo del Centro Tecnico Federale CONI Via Fiume Bianco (zona Torrino),

Dettagli

Corso di aggiornamento Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo U.O. X per i Beni Archeologici. archeologia@storia.palermo

Corso di aggiornamento Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo U.O. X per i Beni Archeologici. archeologia@storia.palermo Corso di aggiornamento Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo U.O. X per i Beni Archeologici archeologia@storia.palermo Premessa La U.O. X per i Beni Archeologici della Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo,

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

LARES Diagnostica e conservazione di opere d arte

LARES Diagnostica e conservazione di opere d arte Palazzo Ducale Caminetti Lapidei Caminetto della sala degli Scarlatti Il caminetto che orna la Sala degli Scarlatti al primo piano di Palazzo Ducale, oggetto della proposta d intervento di restauro conservativo,

Dettagli

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA CARATTERIZZAZIONE E PROVENIENZA DI MATERIALI DI INTERESSE ARCHEOLOGICO Massimo Oddone Istituto C.N.R. per l Energetica e le Interfasi, Sezione di Pavia Dipartimento di Chimica

Dettagli

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c.

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c. Scrittura fenicia Per convenzione, la definizione di scrittura fenicia è riservata alla scrittura alfabetica (consonantica) lineare attestata dal XII sec. a.c. presso i popoli fenici. I caratteri fenici

Dettagli

Caratterizzazione della carta attraverso analisi chimiche microinvasive

Caratterizzazione della carta attraverso analisi chimiche microinvasive ISIS Leonardo da Vinci Piano Lauree Scientifiche a.s. 2010-2011 Libri, manoscritti: chimica per conservare beni fra storia, cultura ed arte Caratterizzazione della carta attraverso analisi chimiche microinvasive

Dettagli

Valutazione analitica del rifiuto contenente amianto dopo trattamento di inertizzazione con processo pirolitico

Valutazione analitica del rifiuto contenente amianto dopo trattamento di inertizzazione con processo pirolitico Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Valutazione analitica del rifiuto contenente amianto dopo trattamento di inertizzazione con processo pirolitico Giovanni Pecchini 1,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE (DICEA) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Centro Interdipartimentale di Servizio per Analisi Geomineralogiche (C.I.S.A.G.)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Centro Interdipartimentale di Servizio per Analisi Geomineralogiche (C.I.S.A.G.) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Centro Interdipartimentale di Servizio per Analisi Geomineralogiche (C.I.S.A.G.) prot. 2014/66233 PRELIEVO DI CAMPIONI PER IL MONITORAGGIO DI FIBRE AERODISPERSE

Dettagli

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm Pagina 1 di 7 LE ROCCE The rocks Premessa Rocce dell'austria Classificazione delle Rocce Rocce del Friuli Venezia Giulia Rocce sedimentarie Codice Iagine di roccia Classe Grana / Forma Principali minerali

Dettagli

Il rilievo ai fini del progetto di restauro

Il rilievo ai fini del progetto di restauro Il rilievo ai fini del progetto di restauro A. Rilievo Grafico 1. Cartografia a. Corografia in scala 1/25.000, 1/10.000 b. Planimetria urbana (pianta catastale) in scala 1/2.000, 1/1.000 c. Planimetria

Dettagli

SCHEDA DI ANALISI. Oggetti di design anonimo dalla preistoria all età contemporanea: interpretazione e lettura

SCHEDA DI ANALISI. Oggetti di design anonimo dalla preistoria all età contemporanea: interpretazione e lettura Studente Cognome: Nome: n. di matricola: Anno di corso: OGGETTO Definizione: Quantità: Pezzo unico o prodotto in serie piccola/grande/variata: Caratteristiche d uso e di funzionamento: Destinazione d uso:

Dettagli

La pianta incisa da S. Duperac e data alle stampe dal Lafrery nel 1566

La pianta incisa da S. Duperac e data alle stampe dal Lafrery nel 1566 napoli la tavola strozzi illustra il trionfo navale di Ferrante d Aragona del 1464 restituendo una immagine frontale della città da Castel dell Ovo sino al baluardo del Carmine La pianta incisa da S. Duperac

Dettagli

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 Il volume è pubblicato con i contributi erogati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

DEFINIZIONE E OBBIETTIVI DELLA STRATIGRAFIA

DEFINIZIONE E OBBIETTIVI DELLA STRATIGRAFIA DEFINIZIONE E OBBIETTIVI DELLA STRATIGRAFIA Lo scopo della stratigrafia é quello di ordinare nel tempo e nello spazio i diversi corpi litologici che costituiscono la porzione accessibile della crosta terrestre;

Dettagli

Oggetto: Decreto di Nomina dei componenti il CONSIGLIO DI CLASSE della classe 1 sezione B corso TP. IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Oggetto: Decreto di Nomina dei componenti il CONSIGLIO DI CLASSE della classe 1 sezione B corso TP. IL DIRIGENTE SCOLASTICO Oggetto: Decreto di Nomina dei componenti il CONSIGLIO DI CLASSE della classe 1 sezione B corso TP. classe 1 sezione B corso TP i Sigg. Maria Maddalena Dellarole Manuela Naso Antonella Alfa Laura Gianotti

Dettagli

Nuove ricerche nell area archeologica di S. Omobono a Roma

Nuove ricerche nell area archeologica di S. Omobono a Roma RICERCHE SUPPLEMENTI Collana del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti 3 Nuove ricerche nell area archeologica di S. Omobono a Roma a cura di Nicola Terrenato Università della Calabria 2012 Direttore

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

PARCHEGGIO. Verifica preventiva

PARCHEGGIO. Verifica preventiva FIRENZE Piazzaa del Carmine PARCHEGGIO INTERRATO PROGETTO PRELIMINARE 0 Verifica preventiva dell interesse archeologico (d. Lgs. 163/2006, art. 95 96) SOMMARIO Premessa... 1 Inquadramento archeologico...

Dettagli

TecnArt S.r.l. è uno Spin off Accademico dell'università degli Studi di Torino che opera nel settore della diagnostica scientifica applicata ai Beni

TecnArt S.r.l. è uno Spin off Accademico dell'università degli Studi di Torino che opera nel settore della diagnostica scientifica applicata ai Beni TecnArt S.r.l. è uno Spin off Accademico dell'università degli Studi di Torino che opera nel settore della diagnostica scientifica applicata ai Beni Culturali, attività nata e sviluppata in stretto contatto

Dettagli

Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre

Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre Progetto Ottobre 2007 1 Pag / indice 03 / INTRODUZIONE 03 / OBIETTIVI DEL PROGETTO 04 / PROGRAMMA ATTIVITÀ Gruppo di Lavoro

Dettagli

La radioattività dei materiali da costruzione

La radioattività dei materiali da costruzione Paolo Randaccio Università di Cagliari Dipartimento di Fisica Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Cagliari La radioattività dei materiali da costruzione Obiettivo del progetto Tutti i materiali

Dettagli

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174.

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. M. Giangiulio - M. Lombardo, Ricognizione esplorativa 1983 G.

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni Culturali. In questo calendario i semestri e periodi saranno codificati come segue:

Scuola di Lettere e Beni Culturali. In questo calendario i semestri e periodi saranno codificati come segue: Alma Mater tudiorum Università di Bologna Campus di Ravenna CALENDARIO DIDATTICO A.A. 0/4 cuola di Lettere e Beni Culturali Laurea - - Beni Culturali ubblicato alla pagina web http://corsi.unibo.it/laurea/beniculturali/agine/orario-delle-lezioni.aspx

Dettagli

D- Localizzazione La zona è vicina al centro storico di Schio, ed è situata tra la Fabbrica Alta e il torrente Leogra.

D- Localizzazione La zona è vicina al centro storico di Schio, ed è situata tra la Fabbrica Alta e il torrente Leogra. Il Quartiere operaio Nuova Schio di Schio ( Vicenza ) A- Indirizzo del sito Via Maraschin/ Torrente Leogra I-36015 SCHIO B- Contatto Arch. Farida Cavedon, Comune di Schio, Servizio Urbanistica Via Pasini

Dettagli

Primo Rapporto sul turismo in Sicilia V REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI TURISMO IN SICILIA

Primo Rapporto sul turismo in Sicilia V REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI TURISMO IN SICILIA Primo Rapporto sul turismo in Sicilia V REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI PRIMO RAPPORTO SUL TURISMO IN SICILIA VI Mercury S.r.l. RAPPORTO SUL TURISMO IN SICILIA

Dettagli

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI)

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) Nei primi mesi del 2004 la sezione pecciolese del Gruppo Archeologico Tectiana, fino a qual momento presente come realtà locale ma ancora

Dettagli

La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche

La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche Fabio Fratini Malte antiche e malte da restauro: leganti, aggregati, impasti Aosta 14 dicembre 2007 Fabio Fratini CNR-ICVBC Firenze

Dettagli

Ceramica invetriata altomedievale e medievale da alcuni siti della Sabina

Ceramica invetriata altomedievale e medievale da alcuni siti della Sabina Ceramica invetriata altomedievale e medievale da alcuni siti della Sabina Negli ultimi anni numerosi indagini archeologiche sia scavi che "survey" stanno gettando luce sulle produzioni ceramiche della

Dettagli

500 giovani per la cultura Piano per la formazione frontale

500 giovani per la cultura Piano per la formazione frontale 500 giovani per la cultura Piano per la formazione frontale Il programma di formazione frontale, comune a tutti gli ambiti disciplinari e ai diversi settori del patrimonio culturale, si articola i 100

Dettagli

La Cascata delle Marmore Tra archeologia, storia e cultura industriale

La Cascata delle Marmore Tra archeologia, storia e cultura industriale La Cascata delle Marmore Tra archeologia, storia e cultura industriale Le tabelle sui beni culturali Itinerario A) Bonifiche storiche; Itinerario B) archeologia industriale; Le altre fasi del progetto

Dettagli

I Pinakes di Locri Epizefiri

I Pinakes di Locri Epizefiri I Pinakes di Locri Epizefiri tavolette votive in terracotta prodotte a Locri fra il VI e il V sec. a.c. Il corpus analitico di 5360 frammenti dei pinakes è stato pubblicato, suddiviso in tre parti, in

Dettagli

LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE "F. DE SANCTIS" Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687

LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE F. DE SANCTIS Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687 ! LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE "F. DE SANCTIS" Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687 Programmazione Didattica Disciplinare BIENNIO: CLASSI PRIME DISCIPLINA: GEOSTORIA A.S. 2015/2016

Dettagli