INFLAZIONE E TRANSIZIONE ALL EURO. A METÀ DEL GUADO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFLAZIONE E TRANSIZIONE ALL EURO. A METÀ DEL GUADO"

Transcript

1 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/2002 INFLAZIONE E TRANSIZIONE ALL EURO. A METÀ DEL GUADO PAOLO POGGI*- GUIDO VACCARO** Nei primi due mesi del 2002 i dati dell inflazione al consumo hanno tranquillizzato il grande pubblico ed i media: la transizione all euro non sembra aver generato ripercussioni significative sul livello dei prezzi. L euro è sparito dalle prime pagine dei giornali; il problema appare, ai più, chiuso. Ma una lettura più attenta dei dati finora noti indica, invece, che il problema è solo sopito. Se la parte già vissuta, nel bimestre di doppia circolazione lira/euro, ha prodotto effetti inflativi contenuti, quella che ancora deve venire, che si apre con il mese di marzo, potrà riservare gli effetti sostanzialmente più rilevanti. Ciò in un momento in cui «i riflettori sembra si stiano spegnendo». Cambiare moneta, tuttavia, non è un fatto istantaneo o fulmineo, che genera qualche problema di adattamento nell immediato o al più nel breve periodo; implica, per converso, un processo che comporta il cambiamento da un sistema di prezzi consolidati ad un nuovo sistema, che dovrà, col tempo, assestarsi. È un processo quindi lungo, caratterizzato da diverse fasi aventi diverso «significato» e valore, che presumibilmente avrà luogo nell arco di alcuni mesi. Gli autori analizzano le prime due fasi già trascorse (quella della doppia prezzatura e quella della doppia circolazione di lire ed euro) e ragionano, sperimentalmente, su quanto dovrà ancora accadere nei prossimi mesi, nelle successive fasi del passaggio al nuovo pricing system a diffusione europea. Essi pervengono alla conclusione che effetti inflattivi della transizione all euro si sono già in parte verificati e potranno ancora accadere, in misura anche maggiore, nelle fasi successive alla transizione. * Dirigente del Servizio Statistiche Economiche - Comune di Milano. ** Consulente statistico. Già Dirigente responsabile del Servizio delle statistiche dei Prezzi dell ISTAT. Questo contributo è stato rilasciato dagli autori agli inizi di marzo L andamento dei dati sull inflazione nei mesi immediatamente successivi non inficia le tesi in esso contenute, anzi le convalida. 47

2 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/ Il problema Tra gli Stati membri dell UE il nostro è uno di quelli che ha maggiormente convissuto, in anni non lontani, con alti livelli di inflazione. Anche se poi ne è venuto fuori già da tempo ed oggi ha un tasso d inflazione praticamente in linea con quello medio europeo (e perciò inferiore a quello di diversi altri paesi), ancora è guardato con qualche sospetto dai partner. Non è quindi casuale che Eurobarometro, il sondaggio elaborato periodicamente dalla Commissione Europea, abbia assegnato all Italia il punteggio più alto circa il timore di rigonfiamento dei prezzi al consumo generato dalla transizione all euro. È questo, infatti, un timore espresso da circa l 80 per cento degli intervistati in Italia, a fronte di una media europea comunque elevata, del 75 per cento. Questo timore si è manifestato già prima del changeover 1, allorché alcuni, specialmente le rappresentanze dei consumatori, avevano temuto artificiose variazioni al rialzo dei prezzi, manovrate allo scopo di ritrovarsi poi trasformazioni dei prezzi in euro più facilmente gestibili. Poi il timore è apparso in tutta la sua evidenza nel periodo di due mesi (gennaio e febbraio) intercorrente tra l arrivo dell euro in banconote e monete ed il ritiro delle valute nazionali. In questo periodo di doppia circolazione si è paventato che nonostante il regolamento del Consiglio dell UE del 17/6/1997 n. 1103, all articolo 5, stabilisce le più neutrali modalità di conversione ed arrotondamento dei prezzi nel passaggio dalla moneta nazionale all euro i prezzi, convertiti in euro, subissero «aggiustamenti» all ingiù e, molto più spesso, all insù, seconda la vecchia regola che i valori tondi e comodi si percepiscono e gestiscono più familiarmente di quelli minuti. Superati questi due momenti, e più avanti si esaminerà il «come», il problema non si è affatto chiuso. Anzi, dopo le prime, altre e ben più importanti fasi si aprono; e sono quelle della ricerca di nuovi equilibri nel sistema dei prezzi e nuove politiche di pricing, rese necessarie dall adozione dell euro. Pertanto si può ritenere che, per quanto riguarda il rischio inflazione della transizione all euro, alla fine del periodo di doppia circolazione delle monete non si sia che a metà del guado. È infatti chiaro che il precedente sistema dei prezzi in lire aveva una logica connessa con il valore della lira e incorporava consolidate soluzioni dei quattro classici problemi della: a) attrazione naturale dei valori di prezzi verso le cifre tonde; ¹ Con questo termine si intende il «... passaggio che comprende l arrivo dell euro in banconote e monete e il ritiro delle valute nazionali il periodo va ufficialmente dal 30 agosto 2001 al 28 febbraio 2002», in S. Barigazzi, Come Cambia la Vita con l Euro, a. 2001, Il Sole 24 Ore. 48

3 P. POGGI - G. VACCARO, INFLAZIONE E TRANSIZIONE ALL EURO. A METÀ DEL GUADO b) determinazione di prezzi psicologici, aventi la funzione di avvicinare i clienti a determinati prodotti; c) scelta e determinazione dei prezzi «civetta», aventi il compito di attirare a determinati punti di vendita; d) gestibilità delle operazioni di riscossione dei prezzi. I prezzi di lire per il parcheggio orario o di lire per una confezione di detersivo ne rappresentano due esempi. Il vecchio sistema era un sistema esperto e intelligente. La graduale trasposizione dei prezzi ha mantenuto nelle fasi iniziali tutte le soluzioni intelligenti precedentemente incorporate dal sistema dei prezzi in lire e non le ha ancora sostituite con nuove soluzioni intelligenti di prezzi in euro. La doppia prezzatura dei prodotti, in lire ed in euro, prima; poi la doppia circolazione delle due monete e la possibilità di pagare i prezzi nella moneta familiare ed in quella nuova hanno drasticamente limitato o impedito qualsiasi tentativo di aggiustamento dei nuovi prezzi in euro, perché troppo sgradito ne sarebbe risultato il vecchio, ma contestuale e più riconoscibile prezzo in lire. Quindi la trasposizione graduale, realizzata fino a che è durato il periodo della doppia circolazione, è stata un operazione di training, eminentemente meccanica, che ci ha consegnato alla fine una traduzione letterale dai vecchi ai nuovi valori monetari. Il nuovo sistema dei prezzi in euro nasce cieco, inesperto e stupido: solo in un sistema inesperto e stupido il prezzo di un prodotto da acquistare velocemente, come il giornale quotidiano, può essere di euro 0,88, prezzo da pagare con sei monete e monetine di sei diversi importi. Il nuovo sistema, dopo lo svezzamento della doppia circolazione, dovrà crescere e trovare le sue nuove soluzioni ai quattro problemi sopra citati, i suoi nuovi equilibri complessivi, i suoi nuovi assetti culturali e formali. In una parola deve diventare un sistema intelligente, come quello precedente; anzi, più di quello precedente, dal momento che la nuova moneta è comune a 12 paesi e che il nuovo pricing system italiano sarà parte di un sistema a diffusione europea. Ed è solo dopo la fine della doppia circolazione, dopo l inizio di marzo 2002, che questi processi di aggiustamento cominceranno a realizzarsi in pieno. È, se si può fare una comparazione, come tradurre un testo da una lingua ad un altra: ci si procura un dizionario (già fatto), si traduce parola per parola (già fatto), poi si controlla la morfologia e grammatica (occorrerà farlo), infine si aggiusta la sintassi ed il lessico complessivo. Sola alla fine del processo avremo un risultato intellegibile. Nuova morfologia e nuovo posizionamento relativo dei diversi prezzi sono dunque le fasi della crescita e dello sviluppo in un futuro quadro di sistema dei prezzi. Nel crescere (ancor più che alla nascita) il sistema può generare inflazione, in maniera anche molto vivace. 49

4 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/2002 Il sospetto nasce dal fatto che gli operatori economici, i «facitori» dei prezzi, nel cercare le soluzioni ai problemi sopraindicati, possano adottare sempre quelle più vantaggiose per proprio tornaconto immediato. Ed è questo il vero rischio che mette in apprensione il mondo economico e dovrà essere opportunamente valutato. In verità tale rischio è sempre esistito, perché in un economia basata sul libero mercato gli operatori possono fissare i loro prezzi sui livelli che ritengono più idonei, nei momenti e nelle misure che autonomamente decidono. Le forze che si oppongono a questo rischio non sono insignificanti. Al momento esse sono rappresentate da: la normativa europea, a partire dal Regolamento del Consiglio dell UE 1103/1997; accordi, patti e impegni di stabilità dei prezzi di grande rilievo 2 ; il potere di controllo individuale ed ancor più collettivo (realizzato attraverso le loro organizzazioni) dei consumatori; la concorrenza, che garantisce di fatto un autoregolazione dei meccanismi di mercato. Da questo punto l impiego di una moneta unica europea in un mercato che ora coinvolge un intero continente porta a un miglioramento dell elemento concorrenza e a un miglior funzionamento del mercato stesso 3. Tutte le considerazioni fatte portano alla conclusione che l effetto inflattivo di una operazione come quella che si sta vivendo si può produrre in diverse fasi, su un arco di tempo di molti mesi; e che le ² Ricordiamo: l accordo tra produttori e grande distribuzione, quale l intesa del 20 settembre 2001 del Comitato Euro effettuata presso INDICOD; l intesa presso il Ministero delle attività produttive tra Confcommercio, Confesercenti, Federcom, Faid, Conad e Coop volta al blocco dei prezzi al consumo; la proposta del presidente della Confcommercio Billè ai propri associati denominata «listini depositati», secondo cui i commercianti si impegnano a depositare i listini presso le Camere di commercio di appartenenza mantenendoli costanti fino alla fine del periodo della doppia circolazione. Questi accordi si inseriscono, d altro canto, nel più ampio patto europeo siglato il 2 aprile 2001 tra associazioni di consumatori, imprese, grande distribuzione e commercianti. Tale patto europeo sancisce il principio generale che l introduzione dell euro debba essere comunque nel complesso neutrale per i consumatori: alcuni prezzi possono aumentare ma altri debbono diminuire; cfr. S. Barigazzi, op. cit., pag. 38 segg. ³ Il fattore concorrenza, nei mercati in cui essa è presente, potrebbe determinare addirittura dei «ritocchi all ingiù» nei prezzi. Nel caso in cui l attività di changeover diventi un elemento di competizione tra imprese, allora potremmo assistere ad un uso del changeover come strumento competitivo stesso. L esito finale potrebbe portare a arrotondamenti dei prezzi verso il basso. Non si tratta di ipotesi remote: alcune aziende hanno apertamente dichiarato che, nell effettuare la conversione dei prezzi in euro, gli arrotondamenti risulteranno sempre a vantaggio dei consumatori. Il responsabile euro di Carrefour ha dichiarato al Parlamento europeo il 27 agosto 2001: «la concorrenza è feroce e l euro può essere lo strumento per guadagnare quote di mercato e anche per perderle», S. Barigazzi, op. cit., pag

5 P. POGGI - G. VACCARO, INFLAZIONE E TRANSIZIONE ALL EURO. A METÀ DEL GUADO fasi più sensibili e a rischio inflazione sono quelle di assestamento, successive a quelle già vissute in Italia fino a marzo Tale effetto deve essere tenuto sotto controllo, con valutazioni e verifiche appropriate. Qui di seguito si sviluppa un tentativo di interpretare quel che si è verificato nell immediata vigilia dell operazione e nella fase diretta del changeover e, principalmente, di stimare quanto altro potrà ancora accadere nelle ben più rischiose fasi successive. Tutti gli aspetti del problema indicato verranno analizzati con riferimento al quadro inflattivo noto per l Italia fino a febbraio 2002 e con riferimento a due applicazioni sperimentali effettuate, la prima, da ricercatori dell ISTAT e della Banca d Italia, su dati e scenari nazionali; la seconda, dal Servizio Statistiche Economiche del Comune di Milano, sugli archivi dei prezzi elementari collezionati da quel Comune, che confluiscono poi (con peso elevato) nel calcolo dell indice generale dei prezzi al consumo italiano. 2. Il quadro inflattivo all approssimarsi della transizione Alla vigilia della transizione all euro l inflazione al consumo in Italia ha presentato un aire improntato alla moderazione, non turbato affatto dall approssimarsi del changeover, anzi ancor più moderato nella sua imminenza. In effetti l inflazione italiana «marciava» su livelli pienamente accettabili da qualche anno (intorno o sotto al 2 per cento nel triennio 97-99), si è poi «accalorata» in occasione della crisi petrolifera (febbraio estate 2001). Nell anno 2001 infatti tutti gli indici dei prezzi al consumo calcolati in Italia hanno subito un incremento medio rispetto all anno precedente di 2,7 per cento, nel caso dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC) e dell indice italiano armonizzato al livello comunitario (IPCA), o di 2,6 per cento nel caso del vecchio indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati (FOI) 4. Il valore degli incrementi si riduce al 2,4 per cento per il NIC e a 2,3 per cento per l IPCA e per il FOI qualora si mettano a confronto, anziché gli indici medi annuali, quelli dell ultimo mese del 2001 e del 2000 (cosiddetta variazione tendenziale). La differenza tra la variazione media del 2001 e la variazione tendenziale di fine 2001 sta a indicare che la crescita dei prezzi della seconda metà dell anno 2001 è stata più tenue di quella della prima metà. Poiché gli andamenti dei tre indici sono ormai da tempo fortemente convergenti, ogni ragionamento che si farà su di essi, da qui in avanti, lo si farà sull indice centrale del sistema di osservazione statistica dei prezzi in Italia, che è l indice nazionale dei prezzi al consumo ⁴ A lungo e imprecisamente detto indice del costo della vita. 51

6 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/2002 per l intera collettività, salvo qualche riferimento episodico all indice armonizzato comunitario, per le comparazioni con gli altri paesi europei. Passando, perciò, a esaminare le variazioni dell indice NIC di ciascun mese del 2001 rispetto al mese precedente, ci si rende conto che l aumento dei prezzi al consumo nell anno è stata caratterizzato da due fasi. Nel primo semestre, l inflazione è cresciuta complessivamente dell 1,8 per cento, quindi ad una media di +0,3 per cento al mese, e si è mantenuta stabile intorno a valori prossimi al 3 per cento tendenziale. Poi a fine giugno hanno cominciato a manifestarsi i primi sintomi di rallentamento dell attività economica accompagnati da prezzi decrescenti dei prodotti petroliferi e delle materie prime industriali, e nel secondo semestre i prezzi al consumo sono andati via via rallentando o frenando la loro crescita. Nei sei mesi da luglio a dicembre l indice è cresciuto complessivamente di 0,5 per cento, alla media di quasi 0,1 per cento al mese. Ora, secondo gli esperti, nell analisi dei dati di inflazione un incremento di un decimo di punto al mese non è neanche inflazione, perché corrisponde (e forse neppure in pieno) a quella parte di miglioramento permanente della qualità dei prodotti venduti che il calcolo degli indici non riesce a scontare o «nettare». Anzi +0,1 per cento di inflazione al mese, protratto per più mesi, comincia a insinuare sospetti e allarmi di possibile deflazione. Dunque nella seconda metà del 2001 si è «marciato» con incrementi mensili dei prezzi al consumo molto modesti, in media +0,1 per cento. Questo andamento così moderato era nell aria, dopo il riassorbimento della crisi petrolifera (febbraio estate 2001) e per effetto dell andamento leggermente asfittico dei consumi delle famiglie. Ma era nell aria anche il timore, contrario, di lievitazione dei prezzi al consumo, dovuto all imminenza della transizione all euro. Si temeva, infatti, che nell autunno del 2001, i venditori avrebbero soggiaciuto a due impulsi volti a ritoccare i prezzi all insù: il primo era quello di giocare d anticipo, rispetto all attenzione generale che sarebbe stata riservata al problema nel periodo caldo della transizione; il secondo quello di predisporre prezzi in lire, che tradotti in euro, potessero ridurre la molestia delle imminenti monete divisionali in centesimi. Ebbene, già da una prima lettura, i dati dell ISTAT permettono di constatare la assoluta «normalità» delle situazioni. Se si leggono i dati mensili degli incrementi dei prezzi, per capitoli di spesa, si verifica che, dopo la stasi generale dei prezzi estivi, nell ultimo trimestre dell anno è accaduto quanto segue. I prodotti alimentari hanno avuto incrementi di prezzo di 1,0 per cento : incremento del tutto abituale nel periodo, dovuto in parti- 52

7 P. POGGI - G. VACCARO, INFLAZIONE E TRANSIZIONE ALL EURO. A METÀ DEL GUADO colare all impennata dei prezzi degli alimentari nel periodo natalizio; l anno precedente l aumento era stato di 1,2 per cento e quello del periodo natalizio anche più elevato (a dicembre 2000: +0,7 per cento, a dicembre 2001: +0,5 per cento). I capi d abbigliamento hanno incrementato i prezzi di 1,4 per cento: come per i prodotti alimentari, è un incremento del tutto normale, uguale a quello del 2000, dovuto al consueto aggiornamento dei prezzi del mese di ottobre (+0,8 per cento ad ottobre nel 2000 che nel 2001). I prezzi dell abitazione sono aumentati nel 2001 dello 0,7 per cento, mentre erano cresciute di 1,0 per cento nel 2000; ma in questo caso pare difficile prendersela con l imminenza dell introduzione dell euro, considerato che si tratta di prezzi in cui non c entrano niente i fattori d impulso dei prezzi di cui si è detto sopra. I servizi di istruzione, molto meno incisivi o «pesanti», sono aumentati l anno scorso di 1,5 per cento e quello precedente di 2,3 per cento: anche qui vale la considerazione che tutti gli aumenti di questo capitolo si verificano in autunno; e nel 2001 l inflazione dei prezzi di questo settore è stata più favorevole dell anno precedente. I prezzi del capitolo «ricreazione, spettacoli e cultura» sono aumentati di 0,8 per cento, rispetto ad una variazione precedente di 0,6 per cento: è una differenza che rientra nei limiti dell ordinario, ma a determinarla potrebbe anche avere inciso l attesa della transizione. Tuttavia il livello differenziale di + 0,2 per cento, moltiplicato il peso dell intero capitolo, che è di 8,7 per cento dà un impatto sull inflazione di appena +0,017 per cento. I prezzi di «mobili e articoli per la casa», di «alberghi e pubblici esercizi», degli «altri beni e servizi», sono aumentati in misura moderata ed inferiore all anno precedente (rispettivamente + 0,4, +0,4 e +0,7 per cento, contro +0,6, +0,4 e +0,5 per cento dell anno 2000). I prezzi di «bevande alcoliche e tabacchi» sono rimasti praticamente invariati, come già nell anno precedente. I prezzi di beni e servizi di «trasporti», «sanità» e «comunicazioni», quasi fermi nell ultimo trimestre del 2000, sono addirittura calati (di 0,4 per cento i primi due gruppi, di 0,1 per cento il terzo), nell ultimo trimestre del Anche osservate sul territorio, le variazioni dell indice nell ultimo trimestre dell anno 2001 non offrono alcuno spunto di riflessione utile all argomento, fin qui trattato, di una possibile manovra al rialzo dei prezzi alla vigilia dell introduzione dell euro. Salvo le leggere anomalie riscontrate in un senso ad Ancona (rialzo dei prezzi di 1,3 per cento da settembre a dicembre) e nel senso contrario ad Aosta ( nessuna variazione dei prezzi), in tutte le altre città capoluogo di Regione le variazioni trimestrali si addensano intorno alla media di +0,5 per cento, scostandosene di non più di due decimali di punto percentuale. 53

8 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/2002 L andamento complessivo dell inflazione al consumo nel secondo semestre del 2001 (con una media di +0,1 per cento per mese) e la assoluta congruità dell andamento dei prezzi nei singoli capitoli di spesa e nelle diverse aree del paese inducono a interrompere qui qualsiasi ulteriore approfondimento della ricerca e della riflessione, perché già consentono di pervenire alla conclusione che salvo casi isolati, assolutamente poco significativi per le medie generali dei fenomeni nessuna importante variazione dei prezzi si è verificata nella fase della vigilia della transizione all euro. Ovviamente qualche aggiustamento «pilotato o strumentale» ci sarà pure stato, ma niente di particolare. Non sembra neanche necessario cercare qualche esempio, vista la eseguità del fenomeno. Per effetto degli andamenti complessivi 2001, alla fine dell anno hanno cominciato a sprecarsi le stime ottimistiche del possibile livello cui si sarebbe attestata l inflazione nel 2002: per citarne una sola, la stima fatta per conto di INDIS-Unioncamere dall Istituto IRS 5 era di un incremento medio dell indice di 1,6 per cento nel 2002 e di un incremento tendenziale a fine anno di 1,5 per cento. In questo tipo di previsione le preoccupazioni che le rappresentanze dei consumatori esprimevano circa il pericolo del rigonfiamento dei prezzi nella fase della transizione all euro non sembravano prese molto in considerazione. 3. Il quadro inflattivo nei due mesi di doppia circolazione 3.1. Il quadro nazionale I due mesi di gennaio e febbraio 2002 sono stati quelli dell accavallamento della moneta che usciva dalla circolazione e di quella che vi entrava: tutti i prezzi erano contrassegnati in doppia valuta e, principalmente, ogni prezzo poteva essere pagato in lire o euro. Per ogni prodotto, il prezzo in lire assicurava il confronto diretto con il prezzo precedente, il prezzo in euro dava la esatta corrispondenza ed equivalenza nella nuova moneta. Praticamente è stata la traduzione «letterale», parola per parola, dei precedenti prezzi. Nei due mesi l inflazione è cresciuta di quasi un punto, e più precisamente di 0,9 per cento: +0,5 per cento a gennaio e +0,4 per cento (dato provvisorio) a febbraio. La circostanza non sembra aver determinato eccessiva apprensione né nei media, né presso le rappresentanze dei consumatori; anzi sembra quasi che ormai si sia tirato un sospiro di sollievo per un pericolo ormai scampato. L impressione è che questo atteggiamento sia fuorviato dall abitudine a leggere frettolosamente, tra le tante letture possibili dell indice, più la variazione rispetto allo stesso periodo del- ⁵ INDIS, Tendenze dei prezzi, anno XIV, n. 73, dicembre

9 P. POGGI - G. VACCARO, INFLAZIONE E TRANSIZIONE ALL EURO. A METÀ DEL GUADO l anno precedente (cosiddetta variazione «tendenziale», che incorpora e somma le variazioni di un arco di tempo di dodici mesi), che non la variazione «congiunturale» (mese su mese), che meglio dà l effettiva misura di ciò che sta accadendo nel breve periodo. Ebbene, nel primo bimestre del 2002 la variazione tendenziale, che era già di +2,5-2,4 per cento nei mesi terminali del 2001, è rimasta a 2,4 per cento a gennaio ed a 2,5 per cento a febbraio: tutto dunque è apparso tranquillizzante e l argomento è sparito dalle pagine dei giornali Ṁa invece le variazioni congiunturali dei prezzi dei due mesi devono generare sospetti. E questo per diversi motivi principali. Il primo è che, dopo 6 mesi di aumenti medi mensili di 0,1 per cento (totale 0,5 per cento nel secondo semestre 2001), in due mesi del 2002 si è già totalizzato un incremento di 0,9 per cento. Il secondo sta nel fatto che, spingendosi un pò più addietro nel tempo, la media degli incrementi dei prezzi di gennaio e febbraio negli ultimi 5 anni è stata di 0,6 per cento; nel bimestre appena finito è risultata invece di 0,9 per cento, cioè 3 decimi di punto in più, e non è pochissimo. Il terzo, che è anche il più grave, sta nel fatto che l effetto di trascinamento delle due variazioni di gennaio e febbraio è già pesante. Infatti il livello dell indice a febbraio è già salito a 117,9. A partire da questo livello si possono fare diverse ipotesi: la prima è quella della impossibilità: se pure non ci fosse alcun altro aumento di prezzi per tutto l anno e l indice rimanesse dunque fermo a 117,9 fino a dicembre 2002, l indice medio dell anno risulterebbe appunto di 117,9, vale a dire di 1,7 per cento superiore all indice medio del Oltre che avere già «fatto fuori» alcune delle previsioni avanzate, questo dato è una preoccupante eredità per il prosieguo dell anno; la seconda è quella della improbabilità: se nei rimanenti 10 mesi del 2002 l inflazione aumentasse soltanto di 0,1 per cento al mese (ma più avanti si esprimeranno forti perplessità al riguardo), la variazione media dell indice del 2002 sarebbe già di 2,1 per cento e la variazione tendenziale a fine anno sarebbe di 1,8 per cento; la terza è quella più empirica (anch essa difficile da realizzare) che gli incrementi congiunturali dei 10 mesi da marzo a dicembre del 2002, siano uguali a quelli medi degli ultimi 5 anni (+0,18 per cento al mese): in tal caso la variazione media annuale del 2002 risulterebbe essere di +2,3 per cento e quella tendenziale di fine anno risulterebbe pari a +2,5 per cento; la quarta ipotesi è rinviata a quando, più avanti, si avanzeranno ipotesi sull effetto complessivo della transizione all euro sui dati d inflazione. Tornando alle variazioni dei prezzi dei primi 2 mesi del 2002, e esaminandole per capitoli di spesa, si constata che, mentre i prezzi 55

10 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/2002 delle comunicazioni, delle bevande alcoliche e dei tabacchi sono leggermente diminuiti rispetto a dicembre scorso, e quelli delle abitazioni e dei servizi annessi sono rimasti invariati, mentre i prezzi dei capitoli abbigliamento, istruzione e mobili e articoli della casa sono aumentati moderatamente, gli incrementi più sostenuti si sono avuti nei capitoli: trasporti: 0,9 per cento; beni e servizi vari: +0,9 per cento; ricreazione, spettacoli e cultura: +1,2 per cento; alimentari: +1,5 per cento; servizi sanitari: +1,9 per cento. Vale allora la pena di cercare di capire cosa è accaduto in tali comparti e tentare di distinguere le variazioni di prezzo non ancora collegabili al cambiamento dei prezzi da lire in euro da quelle che a tale cambiamento possono essere già attribuite. In linea di massima si può escludere che siano ascrivibili all euro le variazioni dei prezzi di: servizi sanitari: si tratta principalmente di aumenti dei prezzi di listini dei farmaci, dei prezzi delle visite mediche specialistiche e delle rette delle case di cura, che notoriamente sono soggetti a revisione periodica, spesso all inizio dell anno, e poi restano invariate per diversi mesi. In questo caso si può sostenere che non hanno giocato arrotondamenti forzati dei prezzi verso l euro e si deve piuttosto ritenere che gli aggiustamenti dei prezzi in euro (con arrotondamenti di comodo) siano ancora da avvenire; prodotti alimentari ortofrutticoli e ittici, che hanno subito andamenti dovuti a condizioni climatiche avverse; automobili e motocicli, per i quali si sono registrati nel bimestre, come per i servizi sanitari, gli aumenti periodici dei prezzo in lire, tradotti automaticamente in euro; le assicurazioni e i servizi bancari» (del capitolo «altri beni e servizi») che da tempo registrano una dinamica sostenuta dei prezzi, indipendentemente dalla transizione all euro; molti altri prodotti che hanno mantenuto un prezzo tondo o comodo in lire, traducendolo in un prezzo scomodo in euro: ad esempio alcuni giornali quotidiani sono aumentati da a lire, traducendo il prezzo in euro in uno scomodo 0,88 centesimi di euro; alcune tariffe, per esempio quelle dei trasporti ferroviari, che volutamente sono state tenute ferme per decisione politico-amministrativa. Possono essere collegate al changeover, e quindi all intenzione di cercare già dall inizio livelli di prezzo da gestire comodamente in euro, gli incrementi di prezzo di: alberghi, ristoranti e caffè-bar, con una clientela incline a servirsi di carte di credito ed altra «moneta di plastica» e molto spesso di origine internazionale; 56

11 P. POGGI - G. VACCARO, INFLAZIONE E TRANSIZIONE ALL EURO. A METÀ DEL GUADO molti servizi ricreativi, cinema spettacoli, libri e altri servizi culturali, servizi pronostici; alcuni servizi dei trasporti: parcheggi, traslochi e talvolta anche servizi di trasporto pubblico urbano; molti servizi alla persona (barbiere, parrucchiere, e altri servizi vari). Per altri prodotti invece il problema della trasformazione dei prezzi in euro né si è posto ne si porrà in futuro. Qui si ritrovano i prodotti cosiddetti a contatore o a scheda, come l energia elettrica, i carburanti, i combustibili, le telefonate, per i quali il prezzo unitario non viene mai pagato, ma è moltiplicato per le quantità acquistate. Allo stato attuale (inizio di marzo 2002) delle informazioni, non essendo ancora possibile accedere a tutti i dati che vengono solitamente forniti dall ISTAT a distanza di un paio di mesi dall epoca di riferimento dei dati, né essendo possibile accedere ai dati elementari raccolti dai Comuni capoluoghi di provincia che effettuano la rilevazione dei prezzi, non si ha ancora la possibilità di confrontare analiticamente i prezzi dei singoli prodotti rappresentativi rilevati sul territorio e stimarne le variazioni imputabili all una o all altra famiglia di cause. Quindi non è possibile valutare l impatto della transizione sull inflazione calcolata nel primo bimestre. È però consentito azzardare l ipotesi che qualche effetto inflattivo, di misura non nota, si sia già verificato. Per tentare di avere conferme a tale ipotesi ed eventualmente avere una sia pur grossolana misura dell entità di tale effetto, alcune considerazioni possono essere dedotte da una verifica fatta sui dati del Comune di Milano che, nel bimestre, si è distinto per una accentuata attenzione al fenomeno oggetto di studio La verifica milanese Milano, come è noto, ha un peso negli indici dei prezzi al consumo nazionali di assoluto rilievo. Da una prima disanima dell inflazione comparata tra Milano e il totale Italia (Tabelle da 1 a 13 e Figura 1) notiamo, nell anno immediatamente precedente l introduzione all euro, nel 2001, una assoluta convergenza delle medie delle variazioni mensili per i 12 capitoli che compongono l indice ICN. Complessivamente, la crescita media per entrambi è di due decimi di punto/mese. Disaggregando l anno 2001 nel primo e secondo semestre si può osservare che: Nel primo il dato cumulato coincide per Milano e il totale Italia: +1,8 per cento. Nel secondo, se la crescita dei prezzi dell intero paese rallenta per le motivazioni già considerate 6, assestandosi a un livello fisiologi- ⁶ Cfr. paragrafo 3. 57

12 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/2002 co medio di +0,1 per cento-mese (+0,5 per cento nel totale secondo semestre), nel Comune di Milano il rallentamento appare assai più marcato: + 0,3 per cento nel totale secondo semestre, mediamente 0,05 per cento-mese. L immediata introduzione dell euro evidenzia, nel caso milanese, ancor più del dato nazionale, una assenza di tensione nei prezzi al consumo. Effettuando una verifica più particolareggiata entro i 12 capitoli che compongono l indice ICN, in via comparata tra Milano e il totale Italia, nel periodo più vicino all introduzione della moneta europea, gli ultimi tre mesi dell anno 2001 possiamo notare che gli andamenti più discordanti si riscontrano fra i capitoli: Prodotti alimentari, in cui il dato nazionale cresce di +1,0 per cento a fronte di un comportamento più «virtuoso» di Milano (+0,2 per cento). Servizi sanitari e spese per la salute, in cui Milano evidenzia una decrescita doppia rispetto al dato nazionale. Alberghi ristoranti pubblici esercizi in cui Milano mostra una crescita più che doppia vs il dato nazionale. Se nel comparto alberghi ristoranti pubblici esercizi sembra sia avvenuta solo una trasposizione temporale delle variazioni (nel mese di gennaio 2002 Milano rallenta la crescita e per converso accelera invece il dato nazionale), nel caso del comparto alimentare esiste un marcato e continuo differenziale di crescita tra il capoluogo lombardo e il dato nazionale. Anche nel 2002, a gennaio, i prezzi alimentari a Milano sono più «freddi», con un differenziale di 0,4 punti percentuali. Tra le ragioni che possono spiegare questo dato, di rilievo visto il peso del comparto alimentare sull intero indice 7, ne individuiamo le seguenti. I prodotti cosidetti alimentari, appartenenti al cosiddetto mass market, sono nel capoluogo lombardo canalizzati principalmente presso la distribuzione moderna. È oramai consolidata, per i consumatori milanesi, la propensione alla scelta dei punti vendita quali i supermercati, gli ipermercati, i discount, le superettes; ciò accade in specie per gli acquisti dei prodotti di massa. La rilevazione dei prezzi al consumo, per sua natura campionaria, deve tener conto di ciò. I recenti ribasamenti degli indici dei prezzi, dal 1995 in poi, hanno determinato modifiche di rilievo nel piano campionario comunale, con graduali innalzamenti della quota parte di distribuzione moderna a discapito di quella tradizionale, fino a pervenire, nell ultima revisione della base dicembre 2001, a un mix medio di distribuzione moderna dell 80 per cento vs il 20 per cento di tradizionale 8. ⁷ C.a il 16 per cento nel Comune di Milano; si tratta del capitolo avente maggior peso tra i dodici che compongono l indice. ⁸ Per i prodotti alimentari e drogheria, definiti con il termine anglosassone grocery. 58

13 P. POGGI - G. VACCARO, INFLAZIONE E TRANSIZIONE ALL EURO. A METÀ DEL GUADO È noto che i processi competitivi entro la distribuzione moderna sono molto dinamici, e in questo canale vi è molta conflittualità fra diversi gruppi e insegne. È ragionevole supporre che presso la distribuzione moderna si abbia avuto un esito non inflativo del changeover, divenuto anzi strumento di competizione 9. Per quanto attiene invece al canale della distribuzione tradizionale possono valere le seguenti considerazioni. Nel Comune di Milano in generale vi sono stati accesi dibattiti connessi all introduzione dell euro. Molte tra le associazioni dei consumatori, che qui hanno sede, hanno vissuto l arrivo della nuova moneta con sospetto, con il timore che venissero fatti aumenti indiscriminati nei prezzi al consumo. Tali timori sono stati rivolti verso i diversi decisori di pricing della filiera dei prezzi (produttori, commercianti grossisti e dettaglianti, ecc.). Molte lamentele e denunce dei consumatori, singoli o associati nelle loro categorie, sono apparse nelle cronache locali dei media. Tra l altro, il freddo intenso che ha caratterizzato l inverno ha determinato tensioni nei prezzi al consumo tra i prodotti alimentari aventi carattere stagionale, quali gli ortaggi e la frutta. Per essi, i repentini aumenti sono stati erroneamente collegati all introduzione dell euro, e hanno suscitato ulteriori malumori da parte dei consumatori nei confronti della fase del changeover. Tutto ciò ha spinto il Comune a una attività di vigilanza e sorveglianza 10, effettuata in modo tanto «casuale» quanto «improvviso» sul territorio cittadino, con l obiettivo di controllare sì le conversioni lira/euro, ma anche gli aumenti ingiustificati nei livelli dei prezzi. L attività di controllo è stata fatta verso gli esercizi di dettaglio tradizionale, quali alimentari tradizionali, drogherie, macellerie, ma anche bar, ristoranti, tabaccai. È stato questo uno strumento 11 che ha aiutato, durante la fase del changeover, a dedicare, da parte dei commercianti e degli esercenti, «attenzione» alle conversioni dalla lira all euro, alla esposizione dei doppi prezzi (dapprima con le lire e poi con l inversione lira/euro come moneta principale); ma è stato anche un «deterrente», seppur temporaneo, nei confronti di aumenti nei prezzi. Al fine di far poi crescere la consapevolezza circa il valore della nuova moneta, e far quindi meglio «funzionare» il mercato 12, il ⁹ Cfr. nota 2; alcune insegne della distribuzione moderna hanno reclamizzato una conversione lira/euro «deflativa», a vantaggio dei consumatori. ¹⁰ È stato costituito un gruppo vigilanza e sorveglianza tra i dipendenti della polizia annonaria al fine di effettuare verifiche sui prezzi presso alcuni esercizi commerciali della distribuzione tradizionale e alcuni esercenti di bar e ristoranti. ¹¹ Dagli effetti più propagandati e temuti che reali, vista l esiguità delle forze in campo atte al controllo. ¹² Con una valenza quindi di lungo periodo, al contrario dell attività di controllo e vigilanza, che ha avuto caratteristiche di breve durata. 59

14 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/2002 Comune di Milano ha attivato alcune iniziative volte ad informare, a far «cultura» ai cittadini 13. A fronte di questo quadro Milano è stata più «virtuosa» della media italiana. Tanto che ci sembra ragionevole affermare che nel capoluogo lombardo l introduzione dell euro abbia addirittura avuto il ruolo di frenare i tipici aumenti stagionali: nel capitolo Alberghi ristoranti pubblici esercizi la crescita gennaio-febbraio 2002 è risultata di un modesto +0,8 per cento verso un aumento, nel 2001 del +3,0 per cento. Nei primi due mesi del 2002, in piena doppia circolazione monetaria, il capoluogo lombardo continua ad essere più «virtuoso», con un aumento complessivo di +0,6 per cento verso lo 0,9 per cento del totale Italia. Facendo una ulteriore focalizzazione sui singoli prodotti, tra le variazioni ponderate che più hanno influenzato gli indici (NIC, tasso congiunturale), per poco più del 0,4 per cento su un totale di 0,6 per cento, troviamo: Automobili (italiane e estere) +0,094 per cento. Medicinali +0,084 per cento. Pomodori da sugo +0,074 per cento. Concorsi e pronostici +0,060 per cento. Trasporti biglietto urbano +0,057 per cento. Spesa percorso totale taxi +0,032 per cento. ¹³ A tal proposito appare significativo quanto affermato dall Assessore del Comune di Milano Carlo Magri, nel suo intervento al seminario L introduzione dell Euro causerà inflazione?, Università Cattolica del S. Cuore, Milano, 20 novembre 2001: «Parlando da amministratore pubblico, è fondamentale che i cittadini siano aiutati ad elaborare una propria percezione di valore reale non distorta, non influenzata da vecchi schemi di riferimento, peraltro molto consolidati, quali sono quelli che fanno riferimento alle lire. Penso in particolar modo alle fasce della popolazione che potrebbero avere maggiori problemi: le persone con basso livello di scolarità, e soprattutto gli anziani. L amministrazione comunale, con l obiettivo primario di aumentare la conoscenza dei propri cittadini, ha elaborato una serie di iniziative che andrò di seguito ad illustrare. È in corso d avvio un attività di informazione ai cittadini, volta a migliorare la loro conoscenza dell euro. Gli strumenti di tale attività di informazione sono: la diffusione, già avvenuta, di una guida tascabile destinata ai dipendenti; tale guida illustra le caratteristiche basilari dell euro e le fasi del changeover; l approntamento di una guida all euro per i cittadini; stampata in copie, sarà messa a disposizione dei cittadini milanesi e fornirà, oltre alle informazioni generali sull euro, informazioni sui rapporti cittadino e amministrazione nella forma di domande tipo. Un help desk che effettua i seguenti servizi per i cittadini. Risposte telefoniche al numero verde euro; l Risposte via posta elettronica (indirizzo: A tale servizio si accederà anche dalla pagina web del Comune di Milano (www/comune.milano.it). Una sezione dedicata all euro nella pagina web del comune di Milano. ( )». 60

15 P. POGGI - G. VACCARO, INFLAZIONE E TRANSIZIONE ALL EURO. A METÀ DEL GUADO Tra questi prodotti possiamo escludere l effetto «inflazione da introduzione dell euro» (visto il loro elevato valore unitario) dai prodotti automobili, dai pomodori da sugo (l aumento è, come detto, originato da fattori stagionali). Per i rimanenti, può esserci stato tale effetto. Alcuni sono tuttavia prezzi a regime tariffario, stabiliti da autorità pubbliche locali e centrali. In taluni casi, come il costo del biglietto urbano, l aumento al valore pieno di un euro dalle precedenti lire è stato compensato dalla diminuzione del costo degli abbonamenti. Tabella 1 Indice generale NIC (variazioni percentuali mensili) Milano Nazionale Milano Nazionale Gennaio 0,4 0,4 0,3 0,5 Febbraio 0,4 0,3 0,3 0,4* Marzo 0,1 0,1 Aprile 0,4 0,4 Maggio 0,2 0,3 Giugno 0,3 0,3 Luglio 0,0 0,1 Agosto 0,0 0,0 Settembre 0,1 0,0 Ottobre 0,2 0,2 Novembre 0,1 0,2 Dicembre 0,1 0,1 Media 0,2 0,2 * Stima. Tabella 2 Prodotti alimentari e bevande analcoliche (variazione percentuale) Milano Nazionale Milano Nazionale Gennaio 0,4 0,5 0,7 1,1 Febbraio 0,5 0,8 0,3 Marzo 0,0 0,3 Aprile 0,7 0,6 Maggio 0,5 0,5 Giugno 0,9 0,4 Luglio 0,2 0,1 Agosto 0,1 0,1 Settembre 0,1 0,1 Ottobre 0,3 0,3 Novembre 0,2 0,2 Dicembre 0,1 0,5 Media 0,3 0,4 61

16 Tabella 3 Bevande alcoliche e tabacchi (variazione percentuale) Milano Nazionale Milano Nazionale Gennaio 0,0 0,0 0,4 0,4 Febbraio 0,3 0,1 0,1 Marzo 0,4 0,3 Aprile 2,6 2,8 Maggio 0,1 0,1 Giugno 0,1 0,1 Luglio 0,1 0,2 Agosto 0,1 0,1 Settembre 0,1 0,0 Ottobre 0,1 0,1 Novembre 0,0 0,0 Dicembre 0,0 0,1 Media 0,3 0,3 Tabella 4 Abbigliamento e calzature (variazione percentuale) Milano Nazionale Milano Nazionale Gennaio 0,1 0,1 0,1 0,1 Febbraio 0,2 0,2 0,0 Marzo 0,1 0,3 Aprile 0,3 2,3 Maggio 0,0 0,3 Giugno 0,3 0,2 Luglio 0,0 0,0 Agosto 0,0 0,0 Settembre 0,0 0,3 Ottobre 0,9 0,8 Novembre 0,3 0,3 Dicembre 0,1 0,3 Media 0,2 0,2 Tabella 5 Abitazione, acqua, energia e combustibili (variazione percentuale) Milano Nazionale Milano Nazionale Gennaio 0,2 0,4 0,9 0,2 Febbraio 0,1 0,1 0,2 Marzo 0,0 0,0 Aprile 0,2 0,1 Maggio 0,8 0,6 Giugno 0,0 0,1 Luglio 0,5 0,1 Agosto 0,1 0,1 Settembre 0,0 0,0 Ottobre 0,0 0,1 Novembre 0,8 0,6 Dicembre 0,1 0,0 Media 0,0 0,0

17 Tabella 6 Mobili, articoli e servizi per la casa (variazione percentuale) Milano Nazionale Milano Nazionale Gennaio 0,1 0,1 0,0 0,1 Febbraio 0,6 0,5 0,3 Marzo 0,1 0,1 Aprile 0,0 0,1 Maggio 0,3 0,3 Giugno 0,1 0,1 Luglio 0,0 0,0 Agosto 0,0 0,3 Settembre 0,1 0,1 Ottobre 0,0 0,0 Novembre 0,6 0,4 Dicembre 0,0 0,0 Media 0,2 0,2 Tabella 7 Servizi sanitari e spese per la salute (variazione percentuale) Milano Nazionale Milano Nazionale Gennaio 0,9 0,7 1,3 1,3 Febbraio 0,4 0,4 0,6 Marzo 0,0 0,1 Aprile 0,0 0,0 Maggio 0,0 0,1 Giugno 0,1 0,1 Luglio 0,0 0,2 Agosto 0,0 0,2 Settembre 0,1 0,0 Ottobre 0,1 0,1 Novembre 0,0 0,3 Dicembre 0,9 0,7 Media 0,0 0,1 Tabella 8 Trasporti (variazione percentuale) Milano Nazionale Milano Nazionale Gennaio 0,7 0,5 0,1 0,3 Febbraio 0,8 0,3 0,8 Marzo 0,0 0,1 Aprile 0,2 0,3 Maggio 0,8 1,0 Giugno 0,4 0,2 Luglio 0,6 0,5 Agosto 0,6 0,3 Settembre 0,0 0,0 Ottobre 0,2 0,2 Novembre 0,5 0,3 Dicembre 0,2 0,1 Media 0,0 0,0

18 Tabella 9 Comunicazioni (variazione percentuale) Milano Nazionale Milano Nazionale Gennaio 0,5 0,5 0,2 0,3 Febbraio 0,3 0,2 0,4 Marzo 0,0 0,1 Aprile 0,1 0,1 Maggio 0,2 0,2 Giugno 0,0 0,0 Luglio 0,2 0,1 Agosto 0,3 0,2 Settembre 0,3 0,4 Ottobre 0,0 0,0 Novembre 0,0 0,0 Dicembre 0,1 0,1 Media 0,1 0,2 Tabella 10 Ricreazione, spettacoli e cultura (variazione percentuale) Milano Nazionale Milano Nazionale Gennaio 1,4 1,9 0,9 1,1 Febbraio 0,1 0,1 0,1 Marzo 0,0 0,0 Aprile 0,1 0,0 Maggio 0,0 0,1 Giugno 0,1 0,1 Luglio 0,3 0,2 Agosto 0,2 0,3 Settembre 0,0 0,2 Ottobre 0,0 0,3 Novembre 0,7 0,2 Dicembre 0,5 0,4 Media 0,3 0,3 Tabella 11 Istruzione (variazione percentuale) Milano Nazionale Milano Nazionale Gennaio 0,0 0,0 0,0 0,1 Febbraio 0,0 0,2 0,0 Marzo 0,0 0,0 Aprile 0,0 0,0 Maggio 0,0 0,0 Giugno 0,0 0,1 Luglio 0,0 0,0 Agosto 0,0 0,0 Settembre 0,3 1,0 Ottobre 1,8 1,2 Novembre 0,0 0,3 Dicembre 0,0 0,1 Media 0,2 0,2

19 Tabella 12 Alberghi, ristoranti e pubblici esercizi (variazione percentuale) Milano Nazionale Milano Nazionale Gennaio 1,8 0,7 0,6 1,3 Febbraio 1,2 0,6 0,2 Marzo 0,2 0,5 Aprile 0,0 0,6 Maggio 0,5 0,3 Giugno 0,3 0,4 Luglio 0,4 0,6 Agosto 0,1 0,2 Settembre 0,4 0,3 Ottobre 0,4 0,3 Novembre 0,4 0,0 Dicembre 0,1 0,1 Media 0,4 0,3 Tabella 13 Altri beni e servizi (variazione percentuale) Milano Nazionale Milano Nazionale Gennaio 1,2 1,0 0,1 0,2 Febbraio 0,3 0,3 0,6 Marzo 0,2 0,2 Aprile 0,9 0,7 Maggio 0,1 0,4 Giugno 0,0 0,1 Luglio 0,9 0,3 Agosto 0,0 0,2 Settembre 0,2 0,2 Ottobre 0,1 0,2 Novembre 0,1 0,3 Dicembre 0,0 0,2 Media 0,3 0,3 Fig. 1 Indice generale ICN gennaio febbraio 2002

20 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 1/ Verso un nuovo sistema di princing 4.1. Le valutazioni ISTAT La fine della doppia circolazione di lire e euro pone interrogativi ulteriori circa gli impatti sull inflazione al consumo. Tali interrogativi non trovano ancora risposte specifiche, ma al momento possono esser valutate alla luce di due ricerche sulla materia, effettuate ex ante. La prima, più generale, si deve a due ricercatori del Servizio delle Statistiche dei Prezzi dell Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT) e del Servizio Studi della Banca d Italia; i suoi risultati hanno formato oggetto di una pubblicazione dell ISTAT 14. La seconda, limitata allo spazio milanese, è stata effettuata dal Servizio Statistiche Economiche del Comune di Milano e i suoi risultati sono stati presentati nel corso di un convegno organizzato sul tema dall Università Cattolica di Milano 15. Ambedue le ricerche stimano l impatto della transizione all euro in un arco di tempo non limitato al periodo della doppia circolazione, ma proiettano la stima dell impatto su un periodo più lungo, capace di asssorbire le già attuate e le future possibili soluzioni, volte a rendere più intelligente il nuovo sistema dei prezzi in euro. La ricerca ISTAT muove dall analisi di tutto l insieme delle quotazioni di prezzo rilevate, che dà luogo al calcolo dell indice dei prezzi al consumo. Dall insieme sono escluse subito quasi un terzo delle quotazioni (precisamente 32,8 per cento) perché ritenute, per diversi motivi, non in grado di generare un reale effetto inflattivo connesso all euro: si tratta di prezzi amministrati, prezzi regolamentati, affitti, prodotti energetici, servizi assicurativi e prezzi di livello elevato, per i quali l incidenza degli aggiustamenti è ritenuta trascurabile; per altri motivi di opportunità sono stati esclusi anche numerosissimi prezzi dei prodotti ortofrutticoli e di altri prodotti alimentari freschi, il cui peso nel paniere non supera il 3,5 per cento. L analisi per tipologia di prezzo del rimanente 67,2 per cento delle quotazioni (oltre ) rilevate, oltre a numerosi altri elementi di grande interesse, mostra che in Italia l incidenza dei prezzi attraenti 16 che l 89 per cento dei prezzi è soggetto al fenomeno dell attrazione verso i valori arrotondati, di comodo o psicologici, e solo l 11 per cento ne è esente. E dimostra anche che i capitoli di spesa in cui l attrazione è quasi totale sono quelli dell abbigliamento, della salute, dei trasporti, della ricreazione, spettacoli e cultura, e degli altri beni e servizi; mentre per l abitazione (73 per cento) e i prodotti alimentari (76 ¹⁴ Una stima ex ante dell impatto del changeover sui prezzi al consumo in Italia, di F. Mostacci e R. Sabbatini - ISTAT, Contributi, n. 11/2001. ¹⁵ Cfr. capitolo 5 paragrafo 2. ¹⁶ Mostacci e Sabbatini definiscono «attraenti» i prezzi arrotondati, i prezzi psicologici e i prezzi civetta, i prezzi di comoda gestibilità. 66

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 23 febbraio 2011 Gennaio 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi A partire dai dati di gennaio 2011, la base di riferimento dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC) e

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC)

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC) 16 giugno 2011 Maggio 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di maggio, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei tabacchi, registra un aumento

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 16 novembre 2011 Ottobre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di ottobre, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei tabacchi, registra un aumento

Dettagli

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 3 febbraio 2015 Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di gennaio 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 16 Dicembre 2009 La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 A novembre, il tasso di inflazione, misurato sulla base dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività, è salito

Dettagli

Agosto 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Agosto 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 12 settembre 2013 Agosto 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di agosto 2013, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello 0,4%

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 3 gennaio 2014 Dicembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 13 luglio 2012 Giugno 2012 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di giugno, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei tabacchi, registra un aumento

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 ottobre 2013 Ottobre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 settembre 2013 Settembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di settembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 4 gennaio 2012 Dicembre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo

Dettagli

INDICI DEI PREZZI NELLA PROVINCIA DI TREVISO

INDICI DEI PREZZI NELLA PROVINCIA DI TREVISO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE Corso di Laurea Triennale in Statistica e Gestione delle Imprese ELABORATO INTEGRATIVO INDICI DEI PREZZI NELLA PROVINCIA DI TREVISO RELATORE:

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO 27 ottobre 2014 Anno 2014 LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI L inflazione (misurata dall indice armonizzato dei prezzi al consumo, IPCA), già in forte decelerazione nel 2013 (+1,3% in media d anno, dal +3,3%

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Senato della Repubblica X Commissione Permanente Industria, Commercio, Turismo Indagine conoscitiva sulla dinamica dei prezzi della

Dettagli

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100)

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) capitolo 12 prezzi Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) Capitoli Numeri indici Varizioni medie annue

Dettagli

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi...

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi... Indice Presentazione............................................................. 3 In sintesi................................................................. 4 Confronto con l Europa......................................................5

Dettagli

Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 14 gennaio 2015 Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di dicembre 2014, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, fa registrare

Dettagli

14 aprile 2015. INDICE GENERALE NIC Marzo 2014-marzo 2015, variazioni percentuali congiunturali

14 aprile 2015. INDICE GENERALE NIC Marzo 2014-marzo 2015, variazioni percentuali congiunturali 14 aprile 2015 Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di marzo 2015, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello % su base

Dettagli

NUMERI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO: UN CONFRONTO TEMPORALE E SPAZIALE

NUMERI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO: UN CONFRONTO TEMPORALE E SPAZIALE I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, POPOLAZIONE E SOCIETÀ NUMERI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO: UN CONFRONTO TEMPORALE E SPAZIALE Relatore: Chiar.mo

Dettagli

11 agosto 2015. INDICE GENERALE NIC Luglio 2014-luglio 2015, variazioni percentuali congiunturali

11 agosto 2015. INDICE GENERALE NIC Luglio 2014-luglio 2015, variazioni percentuali congiunturali 11 agosto 2015 Luglio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di luglio 2015, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisce dello %

Dettagli

Maggio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Maggio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 15 giugno 2015 Maggio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di maggio 2015, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello % sia

Dettagli

I numeri indici dei prezzi al consumo

I numeri indici dei prezzi al consumo I numeri indici dei prezzi al consumo L'inflazione è un processo di aumento continuo e generalizzato del livello generale dei prezzi dell'insieme dei beni e servizi destinati al consumo delle famiglie.

Dettagli

INDICE del CAPITOLO TABELLE GRAFICI GLOSSARIO. Capitolo 4 - Prezzi Annuario Statistico 2012

INDICE del CAPITOLO TABELLE GRAFICI GLOSSARIO. Capitolo 4 - Prezzi Annuario Statistico 2012 L'inflazione a Udine (misurata dal NIC, ovvero l'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività) per il 2012 è, in media d'anno, di +3,3%; il dato è in crescita rispetto al 2011 (+2,7%) e di poco

Dettagli

Aprile 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Aprile 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 13 maggio 2015 Aprile 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di aprile 2015, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello % su

Dettagli

ISTAT Servizio prezzi

ISTAT Servizio prezzi ISTAT Servizio prezzi Gli indici dei prezzi al consumo: aspetti relativi al sistema dei pesi e alla costruzione del paniere La determinazione del paniere dei prodotti e la metodologia di costruzione dei

Dettagli

14 ottobre 2015. INDICE GENERALE NIC Settembre 2014-settembre 2015, variazioni percentuali congiunturali

14 ottobre 2015. INDICE GENERALE NIC Settembre 2014-settembre 2015, variazioni percentuali congiunturali 14 ottobre 2015 Settembre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di settembre 2015 l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisce dello

Dettagli

Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 14 gennaio 2015 Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di dicembre 2014, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, fa registrare

Dettagli

Capitolo 4 - Prezzi Annuario Statistico 2011

Capitolo 4 - Prezzi Annuario Statistico 2011 L'inflazione a Udine (misurata dal NIC, ovvero l'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività) per il 2011 è, in media d'anno, di +2,7%; il dato è in crescita rispetto al 2010 (+1,8%), ma si

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, i consumatori, la vigilanza e la normativa tecnica Div. V - Monitoraggio

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010

Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010 Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010 23 febbraio 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009

Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009 Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009 15 gennaio 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010

Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010 16 aprile 2010 Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010 Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010 16 giugno 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010

Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010 14 luglio 2010 Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009

Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009 Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009 12 agosto 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009

Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009 Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009 16 settembre 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009 Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009 16 giugno 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, i consumatori, la vigilanza e la normativa tecnica Div. V - Monitoraggio

Dettagli

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie Osservatorio congiunturale della Fondazione Res Photo & Design Maria Izzo Fondazione Res ongiunturares Lo scenario di previsione Lo scenario inerziale La crisi in atto La ricomposizione della domanda al

Dettagli

Osservatorio prezzi Bologna. Dicembre 2012

Osservatorio prezzi Bologna. Dicembre 2012 Osservatorio prezzi Bologna Dicembre 2012 Glossario Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura Le tendenze dell

Dettagli

05 Prezzi. Introduzione

05 Prezzi. Introduzione 05 Prezzi Introduzione 3 Panorama 3 Prezzi al consumo 5 Prezzi alla produzione e all importazione 6 Prezzi delle costruzioni 7 Affitti medi delle abitazioni 8 Dati 3 Definizioni 3 Glossario 3 Fonti statistiche

Dettagli

Osservatorio prezzi Bologna. Settembre 2012

Osservatorio prezzi Bologna. Settembre 2012 Osservatorio prezzi Bologna Settembre 2012 Glossario Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura Le tendenze dell

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno Servizio Statistica Settore Economia, Promozione della città e servizi al cittadino INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L'INTERA COLLETTIVITA' NAZIONALE (NIC) L'Ufficio Statistica del Comune di Modena, secondo

Dettagli

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento roma 23 giugno 2009 i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento Chiara Fornasari riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

La rivalutazione delle pensioni dopo il decreto-legge 65/2015: effetti redistributivi e di finanza pubblica

La rivalutazione delle pensioni dopo il decreto-legge 65/2015: effetti redistributivi e di finanza pubblica La rivalutazione delle pensioni dopo il decreto-legge 65/2015: effetti redistributivi e di finanza pubblica Questo focus illustra le implicazioni della sentenza della Corte costituzionale n. 70/2015 in

Dettagli

Rilevazione dei prezzi al consumo

Rilevazione dei prezzi al consumo Dipartimento per la Produzione statistica e il Coordinamento tecnico scientifico Direzione centrale delle Statistiche strutturali sulle imprese, agricoltura, commercio con l'estero e prezzi al consumo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

L IMPATTO DELL INFLAZIONE

L IMPATTO DELL INFLAZIONE REGIONE BASILICATA UNIONCAMERE BASILICATA - CENTRO STUDI - OSSERVATORIO REGIONALE SUI PREZZI AL CONSUMO L IMPATTO DELL INFLAZIONE SULLE FAMIGLIE LUCANE OTTOBRE 2008 INDICE 1. 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 2. 2.1

Dettagli

COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA

COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo: LUGLIO 2002 Il Comune di Novara comunica che effettuata la rilevazione nel mese di luglio, gli indici

Dettagli

CONCORRENZA IN ITALIA: BENEFICI PER FAMIGLIE ED IMPRESE. UNA SIMULAZIONE.

CONCORRENZA IN ITALIA: BENEFICI PER FAMIGLIE ED IMPRESE. UNA SIMULAZIONE. CONCORRENZA IN ITALIA: BENEFICI PER FAMIGLIE ED IMPRESE. UNA SIMULAZIONE. Gennaio 2008 Il rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 30 Ottobre 2007 da un team di ricercatori ed analisti

Dettagli

Dossier 1 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici: dinamiche e confronti con il settore privato

Dossier 1 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici: dinamiche e confronti con il settore privato Dossier 1 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici: dinamiche e confronti con il settore privato Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Enrico Giovannini presso la Commissione Programmazione

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Aumento Iva: un analisi degli effetti

Aumento Iva: un analisi degli effetti Aumento Iva: un analisi degli effetti SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DA REF RICERCHE PER CENTROMARCA A partire dall ottobre 2012 potrebbe entrare in vigore l aumento di due punti percentuali dell aliquota

Dettagli

CONCORRENZA IN ITALIA: BENEFICI PER FAMIGLIE E IMPRESE. UNA SIMULAZIONE

CONCORRENZA IN ITALIA: BENEFICI PER FAMIGLIE E IMPRESE. UNA SIMULAZIONE Sintesi della ricerca CONCORRENZA IN ITALIA: BENEFICI PER FAMIGLIE E IMPRESE. UNA SIMULAZIONE Prometeia per Indicod-Ecr Introduzione A metà degli anni ottanta del secolo scorso la Comunità Europea lanciò

Dettagli

Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia.

Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia. 5. Prezzi dell energia Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia. Osservando i prezzi medi dell ultimo decennio 40 si nota che dei principali prodotti

Dettagli

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno Servizio Statistica Settore Politiche Economiche e Sport INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L'INTERA COLLETTIVITA' NAZIONALE (NIC) L'Ufficio Statistica del Comune di Modena, secondo le disposizioni e norme tecniche

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Gli indici dei prezzi alla produzione dei servizi postali e di telecomunicazione (base 2006=100)

Gli indici dei prezzi alla produzione dei servizi postali e di telecomunicazione (base 2006=100) 25 giugno 2009 Gli indici dei prezzi alla produzione dei servizi postali e di telecomunicazione (base 2006=100) (Anni 2006-2009) Direzione centrale comunicazione ed editoria tel. + 39 06 4673.2244-2243

Dettagli

LIBERALIZZAZIONI E MERCATO: PROSPETTIVE DELL INFORMAZIONE

LIBERALIZZAZIONI E MERCATO: PROSPETTIVE DELL INFORMAZIONE LIBERALIZZAZIONI E MERCATO: PROSPETTIVE DELL INFORMAZIONE Allarme prezzi e osservatori: l esperienza della Provincia di Rovigo Rosalba Sterzi Il dibattito sui prezzi e il progetto Istat/Provincia di Rovigo

Dettagli

Andamento dei mercati di Largo Consumo alla luce deil attuale contesto economico

Andamento dei mercati di Largo Consumo alla luce deil attuale contesto economico 1 Largo Consumo: le aspettative e i risultati Il Largo Consumo subisce i contraccolpi di una situazione recessiva: le nostre previsioni sono orientate verso una negatività dei volumi acquistati, in media

Dettagli

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici Corso del Popolo 30 05100 Terni Tel +39 0744.549.742-3-5 statistica@comune.tr.it INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

La povertà soggettiva in Italia

La povertà soggettiva in Italia ISTITUTO DI STUDI E ANALISI ECONOMICA Piazza dell Indipendenza, 4 Luglio 2005 00185 Roma tel. 06/444821 - fax 06/44482229 www.isae.it Stampato presso la sede dell Istituto La povertà soggettiva in Italia

Dettagli

L inflazione nel 2006: Roma in linea con la media nazionale

L inflazione nel 2006: Roma in linea con la media nazionale L inflazione nel 2006: Roma in linea con la media nazionale In Italia l inflazione media annua per l anno 2006 si è attestata intorno al 2,1%, un risultato peggiore rispetto al 2005 quando il valore medio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE Corso di laurea triennale in Statistica e Gestione delle Imprese

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE Corso di laurea triennale in Statistica e Gestione delle Imprese UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE Corso di laurea triennale in Statistica e Gestione delle Imprese TESI DI LAUREA L andamento dei prezzi al consumo a Treviso e in Italia nel

Dettagli

I prezzi al consumo in Liguria

I prezzi al consumo in Liguria La newsletter è frutto di una collaborazione tra Camera di Commercio di Genova e Ref Ricerche OSSERVATORIO REGIONALE I prezzi al consumo in Liguria n. 6 II trimestre 2015 In questo numero: L inflazione

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas.

Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas. Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L ENERGIA Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas. FABBISOGNO ENERGETICO Il consumo interno lordo del Paese

Dettagli

Gli indici dei prezzi al consumo per l anno 2009

Gli indici dei prezzi al consumo per l anno 2009 5 febbraio 2009 Gli indici dei prezzi al consumo per l anno 2009 L Istat presenta, per l anno 2009, il risultato delle operazioni annuali di aggiornamento del paniere e della struttura di ponderazione

Dettagli

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA SOCIALE NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.3/2015 I consumi privati rappresentano, in economia,

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

Analisi della crescita dei depositi in valuta estera dei residenti di Taiwan

Analisi della crescita dei depositi in valuta estera dei residenti di Taiwan Ben S. C. Fung (+852) 2878 718 ben.fung@bis.org Robert N. McCauley (+852) 2878 71 robert.mccauley@bis.org Analisi della crescita dei depositi in valuta estera dei residenti di Taiwan La domanda di depositi

Dettagli

Anticipazione degli indici dei prezzi al consumo di Bolzano del mese di FEBBRAIO 2003

Anticipazione degli indici dei prezzi al consumo di Bolzano del mese di FEBBRAIO 2003 COMUNE DI BOLZANO RIPARTIZIONE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE Ufficio Programmazione, Statistica e Tempi della Città STADTGEMEINDE BOZEN ABTEILUNG FÜR PLANUNG UND PROGRAMMIERUNG Amt für Planung, Statistik

Dettagli

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005 PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2 L AREA EURO Nonostante i timori legati all impatto dei prezzi del greggio, l economia mondiale è ancora

Dettagli

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione 2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione La creatività è uno dei principali driver della competitività del nostro sistema produttivo. Le imprese che investono in creatività e nelle capacità individuali

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA Piazza del Duomo 51100 Pistoia Tel. 0573.3711 Ufficio Statistica via dei Macelli 11/C 51100 Pistoia Tel. 0573 371 922 911 - Fax 0573 371928 - e-mail statistica@comune.pistoia.it UFFICIO

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI. Luglio 2010 COMUNE DI TERNI

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI. Luglio 2010 COMUNE DI TERNI COMUNE DI TERNI INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI Luglio 2010 I dati e le informazioni riportati di seguito sono stati validati dalla Commissione Comunale

Dettagli

- L euro tre anni dopo

- L euro tre anni dopo Coordinato da Valeria Lai agenzia adiconsum anno XVII - n. 28 22 aprile 2005 Stampato in proprio in aprile 2005 In questo numero: Speciale L euro tre anni dopo Euro - L euro tre anni dopo Registrazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio B2 - Osservatorio prezzi e tariffe

Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio B2 - Osservatorio prezzi e tariffe Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio B2 - Osservatorio prezzi e tariffe LA DINAMICA DEI PREZZI DEL PANE 11 marzo 2008 Sulla base dell

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) SETTEMBRE 2014

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) SETTEMBRE 2014 COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino e Pari Opportunità U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

SISTAN PROVINCIA DI RAVENNA

SISTAN PROVINCIA DI RAVENNA SISTAN PROVINCIA DI RAVENNA Provincia di Ravenna - Servizio Statistica L'EFFETTO SULLA CRESCITA DELLE LIBERALIZZAZIONI Febbraio 2012 Elaborazione a cura del Servizio Statistica: Dott. Paolo Montanari 1

Dettagli

1 La differenza tra i due panieri è data da due elementi: nel paniere IPCA (ma non in quello NIC/FOI) sono compresi i ticket per farmaci, prestazione

1 La differenza tra i due panieri è data da due elementi: nel paniere IPCA (ma non in quello NIC/FOI) sono compresi i ticket per farmaci, prestazione 4 febbraio 2014 Anno 2014 GLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO Aggiornamenti del paniere, della struttura di ponderazione e dell indagine Come ogni anno, l Istat rivede l elenco dei prodotti che compongono

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC)

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizi al cittadino e Pari Opportunità Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) DICEMBRE 2014

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) DICEMBRE 2014 COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino e Pari Opportunità U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

Indagine Settembre 2015

Indagine Settembre 2015 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Indagine Settembre 2015 Dati rilevati nel mese di Agosto 2015 Milano, 1 settembre Comunicato

Dettagli

Le tendenze dell inflazione a Bologna nel 2009. Febbraio 2010

Le tendenze dell inflazione a Bologna nel 2009. Febbraio 2010 Le tendenze dell inflazione a Bologna nel Febbraio 2010 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura L inflazione

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO DEL COMUNE DI MACERATA ANNO 2015 (dati riferiti al 2014)

PREZZI AL CONSUMO DEL COMUNE DI MACERATA ANNO 2015 (dati riferiti al 2014) PREZZI AL CONSUMO DEL COMUNE DI MACERATA ANNO 2015 (dati riferiti al 2014) 1 GRUPPO DI LAVORO Ufficio Statistica del Comune di Macerata Dott. Michele d Alfonso Dirigente del Servizio Servizi al cittadino

Dettagli

Sezioni primavera e anticipi nella Scuola dell infanzia: dati, analisi critica e prospettive

Sezioni primavera e anticipi nella Scuola dell infanzia: dati, analisi critica e prospettive Sezioni primavera e anticipi nella Scuola dell infanzia: dati, analisi critica e prospettive Sergio Govi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Come è noto, da alcuni anni il settore

Dettagli

SULLA FALSIFICAZIONE DELL EURO. sesta edizione (1 gennaio 30 giugno 2004)

SULLA FALSIFICAZIONE DELL EURO. sesta edizione (1 gennaio 30 giugno 2004) DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE III RELAZIONI FINANZIARIE INTERNAZIONALI UFFICIO CENTRALE ANTIFRODE MEZZI DI PAGAMENTO (UCAMP) RAPPORTO STATISTICO SULLA FALSIFICAZIONE DELL EURO sesta edizione (1 gennaio

Dettagli