PRIMA SESSIONE SEQUENZA DOMANDE, AD OGNI TEMATICA (CAMBIACOLORE) SI FERMANO E ASPETTANO RISPOSTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIMA SESSIONE SEQUENZA DOMANDE, AD OGNI TEMATICA (CAMBIACOLORE) SI FERMANO E ASPETTANO RISPOSTE"

Transcript

1 PRIMA SESSIONE SEQUENZA DOMANDE, AD OGNI TEMATICA (CAMBIACOLORE) SI FERMANO E ASPETTANO RISPOSTE Castelli simone weill classe1a G -siamo tutti concordi sul fatto che un computer ha un peso minore dei libri e di questi ci rallegriamo; -la lavagna interattiva ci aiuta nello studio, anche se non tutti i professori l'adoperano; -la rete wi-fi è troppo lenta e in una classe numerosa come la nostra andare su internet è difficoltoso; -il nostro istituto ha anticipato i soldi per finanziare il progetto ( ha già pagato i device ), ma in tempo di crisi quei soldi avrebbero giovato, quindi perché lo stato si è concesso il lusso di garantire dei fantomatici finanziamenti che in realtà non sono ancora arrivati? Arriveranno? E quando? Come possiamo far sentire la nostra voce presso le case editrici? Come spero sia emerso dalle nostre riflessioni, (che non volevano avere un tono provocatorio, ma semplicemente rispecchiavano le nostre esperienze) è chiaro che siamo disposti a continuare il progetto, se questo verrà migliorato, se gli strumenti di studio cambieranno e se i programmi renderanno i libri interattivi. Ad oggi studiare con i libri digitali è stato molto faticoso e confidiamo che nel futuro le cose cambino. Carlotta Cuciniello, E un dato di fatto che i tablet ci sono e non tarderanno ad arrivare in massa nelle scuole. La maggior parte dei ragazzi ha dimestichezza con le nuove tecnologie, ma come influira questo prevedibile cambiamento sulla didattica dei professori? Entro quanto tempo si potrà avere docenti aggiornati sulla questione? Quanto costa formare un docente preparato e competente per l utilizzo di tecnologie legate all apprendimento? rigoni stern Se la scuola ci propone un apprendimento digitale e che sviluppa competenze, l esame di stato sarà ancora cartaceo e nozionistico? Salesiani Mauro Bertola 1) In ottica sperimentale, le nuove metodologie didattiche proposte dagli insegnanti, portano a una valutazione più efficace del nostro lavoro svolto, analizzando e valutando le competenze rispetto alle conoscenze. Ma in vista poi dell Esame di Stato alla fine di questo triennio (perplessità condivisa anche dai nostri stessi insegnanti) come verremo valutati? 9 - Gli studenti di un prossimo futuro siederanno ancora in classe dietro un banco o ci sarà la possibilità di abbattere le pareti e seguire ad esempio le lezioni da casa? E importante non solo la formazione attraverso l uso delle tecnologie, cosiddetto apprendimento tecnologico, ma anche la formazione all utilizzo della stessa. Come rendere la scuola preparata anche a questo?

2 Salesiani Mauro Bertola alberto mangili Mangili Lussana rigoni stern Salesiani Mauro Bertola lorenzo aresi Walter Cella Del bello Lujssana 7 - Mi capita spesso che, durante le ore scolastiche o lo studio, mi facciano male gli occhi a seguito di un prolungato utilizzo dell ipad. Non si potrebbe diminuire la dannosità di questo strumento per la salute degli studenti? 5) Alcuni compagnii sono disturbati dall uso del tablet per più ore durante la mattinata e per lo studio a casa. Esistono in merito consigli e suggerimenti che creino meno disturbo alla vista? o soluzioni future degli schermi? E possibile creare uno schermo antiriflesso in modo tale che la luce, ad esempio di un lampada, non dia fastidio agli occhi? Utilizzando il tablet c'è rischio di problemi agli occhi? Essendo un studente della sperimentazione ipad noto che dalla prima superiore, in soli due anni, il 23 % dei ragazzi della mia classe ha dovuto mettere gli occhiali. Non è possibile sviluppare delle communities tutelate e garantite, con adeguate banche dati, dedicate alle singole aree disciplinari che raduni interessi e materiali degli studenti e progetti delle scuole che nel tempo vadano a costituire una biblioteca in continua evoluzione che sostituisca i testi scolastici? 3) I libri digitali sono trasposizioni semplici di file in PDF. Non esistono contenuti digitali. Avete informazioni dalle case editrici in merito ad un reale passaggio al libro digitale? 2_ come abbiamo potuto constatare quest anno le informazioni disponibili in internet superano di gran lunga l immaginazione: ha ancora senso il libro di testo, anche se in versione digitale? Può esserci una app/ un ambiente diverso da scuola book dato che su questa app è quasi impossibile condividere informazioni se non attraverso delle foto e anche lavorare sui file è scomodo non si riesce a scriverci sopra? I libri di testo saranno sempre semplici PDF o conterranno davvero contenuti multimediali? Wikipedia è uno dei siti più utilizzati dai ragazzi durante le ricerche scolastiche. Le fonti però non sono spesso giuste e per questo molti professori non accettano i documenti che provengono da wikipedia. Non si potrebbe creare un sito dove i docenti e gli esperti possano caricare materiale scolastico di qualunque tipo? alessandr o dolci È realizzabile l ipotesi di un formato di file leggibile da qualunque dispositivo, mobile e fisso? Al giorno d oggi, è fondamentale avere un linguaggio comune per consentire il trasferimento e la condivisione di file tra persone, che siano studenti e non, per consentire una migliore lavoro tra soggetti che possono elaborarlo tramite qualunque supporto. (Il pdf, per quanto diffuso, difficilmente puó essere modificato e spesso funge solo come formato statico, che non consente modifiche, fondamentale nel lavoro di gruppo) Francesco Marangi, G.Galilei, (PV) alberto turini Con la tecnologia vorrei non avere i seguenti problemi: lentezze con file molto grandi, inaffidabilità delle App, possibilità di leggere i libri digitali in modo più naturale Sarà possibile fare esercizi di matematica col tablet (piani cartesiani, ecc.) direttamente all interno dell ebook? È possibile inserire negli esercizi di completamento la possibilità di aggiungere le parti mancanti direttamente col tablet nell ebook?

3 Ayman Bourrai Dylan Alpegiani harroui Nella scuola del futuro il libro non è cartaceo. Chiedo come sarà, se digitale oppure ci sono altre alternative. Se sarà digitale mi chiedo inoltre se gli editori miglioreranno Scuolabook (al momento IMPROPONIBILE) oppure creeranno altre applicazioni utili all acquisto/utilizzo di libri scolastici. Secondo quali criteri stabilite quali funzioni aggiungere ai nuovi ebook? L applicazione Scuolabook, usata dagli studenti per visualizzare i libri digitali sui tablet, ha diverse limitazioni, in particolare nello scrivere sui testi, cosa molto più facile e immediata con altre applicazioni per la modifica di file pdf. Queste limitazioni di certo non aiutano il passaggio dal libro cartaceo a quello digitale: possiamo aspettarci un aggiornamento che ovvi a questi problemi? Inoltre, quale sarà il futuro del libro digitale? Le case editrici proporranno nuovi testi maggiormente interattivi e con contenuti multimediali? stanga crema classe 3D Castelli simone weill classe1a G Manuela zollo, classico sassi paolo Salesiani Mauro Bertola stanga crema classe 3D Vorrei uno strumento più specifico per il latino e il greco sul tablet: esempio i due maggiori dizionari (IL-GI) che potrebbero funzionare anche offline da usarli durante le verifiche Quali vantaggi in termini di risparmio dei materiali deriverebbero dalla sostituzione dei libri con e-book e altre tecnologie? - E' possibile prevedere più flessibilità nelle classi di generazione web, l'anno prossimo, per permettere di adottare il tablet o il libro cartaceo a seconde delle preferenze, nella stessa classe? meno della metà della classe (circa 6/7 studenti su 29) è entusiasta del progetto, essi preferirebbero tornare ai libri cartacei, perché ritengono che gli strumenti di studio NON siano adeguati (computer lenti, programmi per leggere i libri con problemi, carenza di interattività nei libri), inoltre anche gli studenti che vorrebbero proseguire con il progetto ammettono che questo necessiterebbe delle migliorie; Il 16 dicembre 2002 nacque la Creative Commons, la prima licenza con cui si è aperta l era del diritto d autore per il mondo digitale. Ma si tratta davvero del metodo più efficace per tutelare le proprie idee Non è possibile che una sola azienda, competente e affidabile, abbia il monopolio nella scuola italiana? come ora so che non è possibile ma chiedo se è possibile, ma non si puotrebbe chiedere all azienda più competente, sia in hardware ma in soprattutto in software, per una condivisione totale e senza vincoli. 4) Creare dei libri digitali dopo i nostri lavori di gruppo apre scenari legali di fronte ai diritti d autore. Come è possibile oltrepassare questo vincolo? Esistono strumenti che permettano di copiare parti di altri siti senza doversi scontrare con i copyright? - Perchè il possesso del libro sul tablet ha una durata limitata? 10 - Durante l'anno scolastico in corso nella mia classe sono stati adoperati principalmente e-book, ma per la preparazione all'esame di inglese abbiamo fatto anche ricorso a un libro cartaceo. A mio parere quest ultima tipologia di testi è più efficace per quanto riguarda gli esercizi di completamento. Date queste premesse, volevo chiedere se per i prossimi anni sono previste modifiche negli e-book che soddisfino tali esigenze.

4 Castelli simone weill classe1a G questo progetto dovrebbe essere finalizzato a migliorare il nostro modo di studiare e a facilitarci in questo compito, ma con strumenti lenti e di bassa qualità, stiamo faticando a svolgere il nostro dovere: studiare. Tutta la classe apprezzerebbe il progetto se gli strumenti, (che sono il mezzo attraverso cui raggiungere lo scopo e non lo scopo stesso) fossero adeguati e i libri diventassero interattivi Ian Di Dio 1r Lussana Sara Bordoli, Gaia Rognoni IISS Torno Ghezzi mangili serena salvi Andrea Clerici, -Avete intenzione di ampliare le funzioni dei libri digitali (nel nostro caso quelli proposti da ScuolaBook) rendendoli più innovativi, per esempio aggiungendo video, esercizi interattivi, aumentando le foto,migliorando le funzioni di scrittura e di appunti in tutti i libri, oppure continuerete a mantenere il concetto di libro digitale a sola scannerizzazione del libro cartaceo? I tablet sono sempre più diffusi, portando -come stiamo vedendo- molti benefici e vantaggi. Mi chiedo però: queste nuove tecnologie potrebbero avere anche un ruolo più determinante, ovvero promuovere e aiutare l'alfabetizzazione nei paesi del terzo mondo? Mi riferisco ad esempio al progetto in Africa "One laptop per child". Oggi l utilizzo della tecnologia in classe pone l attenzione sull attendibilità e l autorevolezza delle fonti. Chi ci garantisce che Wikipedia rispetti questi parametri? Ebook: dato che stiamo facendo varie ricerche in varie materie, sarebbe bello concludere l'anno con un ebook intitolato 'IV GINNASIO' (caso di esempio) che racconti tutto il percorso fatto nell'anno. Come si possono costruire avendo android? vorrei Vedere sul tablet quello che vede il prof. / una App che converte la voce del prof in testo. Vorrei che i professori sapessero mandare agli studenti tutto quello producono per l'insegnamento (mappe concettuali sulla LIM etc), e che i prof potessero controllare i tablet dei ragazzi Ci sarà presto disponibile la funzione di copiare o condividere le note presenti su un libro aperto con scuolabook? È giusto vendere libri digitali ed essere vincolati ad usarli su un applicazione molto limitata come Scuolabook? I libri digitali si possono scaricare da Scuolabook, una libreria multimediale che consente i download solamente su applicazioni proprie e che ovviamente non si possono esportare per motivi di copyright. Questa applicazione purtroppo è molto limitata e di conseguenza rende ancora più difficile il lavoro con essa. Come noi studenti possiamo utilizzare i video? Molte volte noi ragazzi vorremmo poter registrare le lezioni per poi rivederle, ma non sempre abbiamo il permesso di filmare. Come possiamo noi essere sicuri che i video sui vari web siano controllati e certificati? Quali siti possiamo consultare? Presupposto che non sono un "conservatore", non sono però convinto che questo passaggio ai tablet così rapido possa portare benefici su tutti i fronti. Consideriamo l'elevato numero di case editrici presenti in Italia: se si dovesse passare in breve tempo a un' abolizione totale dei libri, che risvolti economici si avrebbero? Quanti posti di lavoro si perderebbero? Non è meglio dare tempo al mercato per riassorbire coloro che hanno perso il lavoro?

5 Uno strumento già pensato per l'uso scuola serrato: per esempio Samsung Galaxy note, che ha s-note come applicazione, avrebbe bisogno di sviluppare maggiormente questa app: essa funziona bene con file leggeri ma quando a scuola costruiamo giornalmente ile molto pesanti iniziano problemi. Inoltre in futuro tutti i file prodotto dagli studenti aumenteranno e andranno archiviato come frutto del percorso scolastico, e questo deve essere previsto. Quindi vorremmo uno strumento pensato e dedicato alla scuola (le case produttrici potreb ero fare di più). Altro esempio: i tablet sandbox (ipad e Samsing Galaxy) hanno troppa poca RAM e processore per uso impegnativo a scuola: ci vorrebbe la potenza di calcolo di un computer su un mezzo leggero come il tablet. mangili mangili 3BS del Carlo Porta di Monza Walter Cella marco brevi Alberto Neri Può la tecnologia aiutare gli studenti diversamente abili? In che modo? Se il tablet deve sostituire il quaderno per gli appunti, lo schermo non dovrebbe essere effettivamente grande come un foglio A4 per organizzare meglio gli spazi di lavoro? Uno stesso tablet può supportare l intera durata di un? Utilizzando lo stesso ipad già da due anni noto un lieve rallentamento nelle sue funzioni. Inoltre si presenta il rischio di rottura in classe poiché ragazzini di quattordici anni corrono e si muovono infantilmente fra i banchi urtandoli e creando il rischio di far cadere i tablet. Uno degli usi prevalenti che facciamo dell ipad è quello della presa di appunti e troviamo Documents poco flessibile. Esiste un programma che facilita la presa degli appunti inserendo grafici/frecce/collegamenti? E uno per prendere gli appunti di matematica? Come affrontare il problema della batteria del device? In un paio d anni si esaurisce e spesso la sua durata non è sufficiente per un intera mattinata di lezioni Io sono dislessico: mi sto trovando bene con il mio tablet ma non ci sarebbero dei modi migliori per sfruttare le nuove tecnologie al fine di riuscire a diminuire i problemi di noi DSA? È come? Si potrà avere la possibilità di seguire direttamente sul tablet ciò che c'è sulla lim? SECONDA SESSIONE DOPO L'INTERVALLO Ayman Bourrai marco ghezzi È giusto permettere a tutti gli studenti collegarsi a internet? o bisogna dare delle pass per ogni device così da limitare l'accesso alla rete della scuola? Che ne pensa dell utilizzo di internet per la ricerca di informazioni? Quali sono i rischi e le opportunità connessi a questa attività? Come si può migliorare la connessione internet nella scuola dato che non funziona quando molti studenti sono collegati? Non si puo creare uno spazio di condivisione come icloud libero e con possibilità di spazio più ampi? Nella scuola del futuro dovrebbe essere implementato il Wi-Fi, mi chiedo come i gestori hanno intenzione di coprire intere scuole Il problema della rete è abbastanza significativo poichè per la nostra didattica internet è uno strumento essenziale. Vorrei porre una domanda, se anzichè avere una rete internet a disposizione per tutta la scuola, le varie compagnie telefoniche potrebbero fare una promozione per noi studenti ed avere una connessione 3G personale così da poter navigare senza problemi. Quanto è estesa la rete wi-fi in Italia rispetto agli altri paesi? Sarebbe vantaggioso in termini sia di salute che di efficienza economica estenderla? Come?

6 Sveva Colombo. Ayman Bourrai marco ghezzi Strutturare le nuove classi con harkness table: tavolo ovale per lavorare in gruppi di studenti intorno a un tavolo col professore Come si può modificare la struttura delle aule della scuola così da migliorare la condivisione degli studenti anche fisicamente oltre che nel cloud In Danimarca la scuola del futuro è già realtà: non più pareti, banchi e sedie, fogli e matite, ma vetrate luminose, comodi divanetti e tablet per tutti gli studenti. Questo tipo di scuola, che per noi può apparire utopistica, arriverà a diffondersi, prima o poi, in tutta Italia, corrispondentemente con le possibilità economiche del nostro Paese, o rimarrà solo nel nostro immaginario? È giusto permettere a tutti gli studenti collegarsi a internet? o bisogna dare delle pass per ogni device così da limitare l'accesso alla rete della scuola? Che ne pensa dell utilizzo di internet per la ricerca di informazioni? Quali sono i rischi e le opportunità connessi a questa attività? Come si può migliorare la connessione internet nella scuola dato che non funziona quando molti studenti sono collegati? Non si puo creare uno spazio di condivisione come icloud libero e con possibilità di spazio più ampi? Nella scuola del futuro dovrebbe essere implementato il Wi-Fi, mi chiedo come i gestori hanno intenzione di coprire intere scuole Il problema della rete è abbastanza significativo poichè per la nostra didattica internet è uno strumento essenziale. Vorrei porre una domanda, se anzichè avere una rete internet a disposizione per tutta la scuola, le varie compagnie telefoniche potrebbero fare una promozione per noi studenti ed avere una connessione 3G personale così da poter navigare senza problemi. Quanto è estesa la rete wi-fi in Italia rispetto agli altri paesi? Sarebbe vantaggioso in termini sia di salute che di efficienza economica estenderla? Come? Sveva Colombo. Ayman Bourrai Strutturare le nuove classi con harkness table: tavolo ovale per lavorare in gruppi di studenti intorno a un tavolo col professore Come si può modificare la struttura delle aule della scuola così da migliorare la condivisione degli studenti anche fisicamente oltre che nel cloud In Danimarca la scuola del futuro è già realtà: non più pareti, banchi e sedie, fogli e matite, ma vetrate luminose, comodi divanetti e tablet per tutti gli studenti. Questo tipo di scuola, che per noi può apparire utopistica, arriverà a diffondersi, prima o poi, in tutta Italia, corrispondentemente con le possibilità economiche del nostro Paese, o rimarrà solo nel nostro immaginario? È giusto permettere a tutti gli studenti collegarsi a internet? o bisogna dare delle pass per ogni device così da limitare l'accesso alla rete della scuola? Che ne pensa dell utilizzo di internet per la ricerca di informazioni? Quali sono i rischi e le opportunità connessi a questa attività? Come si può migliorare la connessione internet nella scuola dato che non funziona quando molti studenti sono collegati? Non si puo creare uno spazio di condivisione come icloud libero e con possibilità di spazio più ampi? Nella scuola del futuro dovrebbe essere implementato il Wi-Fi, mi chiedo come i gestori hanno intenzione di coprire intere scuole

7 marco ghezzi Il problema della rete è abbastanza significativo poichè per la nostra didattica internet è uno strumento essenziale. Vorrei porre una domanda, se anzichè avere una rete internet a disposizione per tutta la scuola, le varie compagnie telefoniche potrebbero fare una promozione per noi studenti ed avere una connessione 3G personale così da poter navigare senza problemi. Quanto è estesa la rete wi-fi in Italia rispetto agli altri paesi? Sarebbe vantaggioso in termini sia di salute che di efficienza economica estenderla? Come? Sveva Colombo. Elisabetta Miragoli, Federica Riva, Strutturare le nuove classi con harkness table: tavolo ovale per lavorare in gruppi di studenti intorno a un tavolo col professore Come si può modificare la struttura delle aule della scuola così da migliorare la condivisione degli studenti anche fisicamente oltre che nel cloud In Danimarca la scuola del futuro è già realtà: non più pareti, banchi e sedie, fogli e matite, ma vetrate luminose, comodi divanetti e tablet per tutti gli studenti. Questo tipo di scuola, che per noi può apparire utopistica, arriverà a diffondersi, prima o poi, in tutta Italia, corrispondentemente con le possibilità economiche del nostro Paese, o rimarrà solo nel nostro immaginario? L utilizzo della tecnologia in maniera costante può portare ad una distorsione delle relazioni umane all interno del sistema classe, tra studenti e tra il professore e gli stessi? E ormai evidente la necessità di riformare la scuola facendo in modo che quanto studiato diventi un possesso dello studente e uno strumento di comprensione della realtà. Creando una scuola digitale sarà veramente possibile realizzare questo progetto? L I-pad sarà davvero il futuro dell educazione scolastica? Quali sono i vantaggi e gli svantaggi previsti? Alla luce del pensiero di Pierre Lévy riguardo ^l'intelligenza collettiva in contesto antropologico^, secondo il quale il fine più rivoluzionario della rete internet è quella di permettere uno scambio di conoscenze senza precedenti nella storia dell'umanità, anche Facebook e Twitter possono favorire la trasmissione del sapere? Lucia Colombo, classico Ayman Bourrai Secondo Pierre Lévy, lo sviluppo del cyberspazio non rappresenta affatto la fine della lettura e della scrittura, ma, al contrario, mostra che lettura e scrittura sono sempre più importanti. Ciò si può anche notare dal successo del progetto di Negroponte One laptop per child. Ma quali conseguenze cognitive e psicologiche potrà produrre affidare il primo apprendimento della lettura e della scrittura ad applicazioni tecnologiche? E si smetterà del tutto di scrivere a mano? 1 - Da molto tempo si sente parlare di bullismo all interno dell ambiente-scuola e da un po' anche della sua versione tecnologica, il cyberbullismo. Vorrei conoscere più nel dettaglio di cosa si tratta e sapere quali precauzioni possono essere adottate per evitare di essere cyberbullizzati. È possibile fare un integrazione social alla scuola tramite social-network?

8 Agnese Galatà, CLassico o Volta Lucia Colombo, classico Martina Morreale, elvira costelli Maria Montessori, con la sua pedagogia attiva, ha dato vita a un metodo grazie al quale i suoi bambini imparavano a leggere ^da soli^. una volta offerte le necessarie sollecitazioni (ambienti di apprendimento in primis). In che misura il suo insegnamento può ritenersi valido anche oggi, nella sfida che le nuove tecnologie pongono alla scuola? Quanto le tecnologie possono essere utili nell insegnamento se i professori continuano a fare lezione in modo tradizionale? Come si può migliorare questa situazione? A partire dalla definizione di nativi digitali, proposta da Paolo Ferri, avete a tutt oggi elementi per giudicare come stia evolvendosi il modo di ragionare e di pensare degli adolescenti e dei bambini? Cosa vi colpisce di più? Giovanni Sartori, nel libro Homo videns, espose la sua teoria sulla graduale trasformazione dell uomo, che da homo sapiens diviene progressivamente homo videns. Sartori sostiene che la diffusione delle nuove tecnologie sia accompagnata da un involuzione dell individuo, che diviene atrofizzato nel capire, perde la capacità di pensare per concetti e non distingue più ciò che è vero da ciò che è falso. Si tratta di un rischio reale?e in quale misura? 4 - La mia domanda parte da una constatazione: un numero crescente di ragazzi rinuncia alla socialità per rintanarsi nel mondo delle amicizie online e delle piazze virtuali. Ora ci si mette anche la scuola! Si corre forse il rischio che la tecnologia diventi sempre più un fattore di isolamento? in che modo l apprendimento/insegnamento digitale può modificare il fare scuola 3BS del Carlo Porta di Monza Salesiani Mauro Bertola 3. Con l uso dell ipad abbiamo riscontrato che in alcuni momenti le relazioni fra compagni sono migliorate, perché grazie alla chat o alla videochiamate possiamo aiutarci a vicenda e studiare insieme a distanza. In altri casi,invece, abbiamo verificato che la comunicazione avviene quasi solo esclusivamente tramite lo strumento e non attraverso un contatto umano più completo. Volevamo rivolgere questa domanda a chi utilizza l ipad da più tempo di noi: l utilizzo del tablet modifica le relazioni all interno della classe? 4 - La mia domanda parte da una constatazione: un numero crescente di ragazzi rinuncia alla socialità per rintanarsi nel mondo delle amicizie online e delle piazze virtuali. Ora ci si mette anche la scuola! Si corre forse il rischio che la tecnologia diventi sempre più un fattore di isolamento? 2) Alcuni insegnanti di discipline tecniche faticano a sfruttare lo strumento e lo usano soltanto come depository di documenti. Non vale la pena allora investire in una spesa come quella del tablet se poi dobbiamo recuperare documenti in dropbox non bastava la bacheca della scuola da cui attingere le dispense? 3 - L'ipad potrebbe essere visto come mezzo di distrazione per gli studenti in quanto, senza restrizioni, consente il libero accesso alla rete e quindi a siti, giochi e social network. In che modo è possibile ridurre e controllare l'accesso a fonti di distrazione extrascolastiche? L utilizzo costante di tecnologia sotto forma di cellulari, computer e tablet può condurre all alienazione dello studente?

9 Mangili Marina Gasparro, Letizia Dallavalle, lorenzo aresi Chiara Garavaglia IISS Torno Ian Di Dio 1r Lussana Sveva Colombo. Martina Morreale, lorenzo aresi Piazzalun ga Utilizzando il nuovo metodo didattico dei lavori a gruppi, non vengono valutati incorrettamente ed ingiustamente alunni di uno stesso gruppo? Come affrontare il problema del cyberbullismo fra adolescenti? Il termine, coniato dall educatore canadese Bill Belsey, fa riferimento agli atti di molestia esercitati tramite strumenti elettronici di diversi generi (dal telefono cellulare ai social network), i quali, rispetto al bullismo tradizionale, sono caratterizzati da anonimato e assenza di limiti spazio-temporali. Tra i tanti aspetti positivi della rivoluzione della rete ne emerge uno estremamente pericoloso: quali possibili soluzioni? In che modo le nuove tecnologie possono essere un aiuto per lo studente al fine di esprimere meglio le proprie abilità? Raffaele Simone, noto studioso di linguistica e filosofia del linguaggio, ha recentemente sostenuto che il modello ipertestuale attraverso cui si veicola l uso di Internet nella didattica, potrebbe far correre il rischio di perdersi nella rete, in quanto la conoscenza sarebbe vista come inebriamento: si parte da un argomento e si arriva a qualcosa di completamente diverso dal punto di partenza, che talora addirittura si dimentica. Concretamente, a scuola, come si può evitare di incorrere in tali rischi? 3_ recentemente è emerso il fenomeno delle spotted pages. spesso queste sono diventate il luogo per offendere i compagni di classe. In che modo ci si può attrezzare affinché episodi del genere non si ripetano? E come queste doverose limitazioni si possono conciliare con la libertà della rete? Può la tecnologia rafforzare l'identità dell'individuo a fronte di una globalizzazione? Come vedete la didattica a scuola tra 5 anni? Mettere gli studenti davanti ad un computer potrebbe significare per l insegnante perdere la propria centralità? Come dimostra il progetto attuato da Nicholas Negroponte e dalla sua associazione One Laptop per Child, che si propone di distribuire un tablet ai bambini del terzo mondo, i docenti nel prossimo futuro non saranno più i detentori della conoscenza, ma più che altro guide per i loro allievi. Come è possibile attuare questo cambiamento della figura dell insegnante, che attualmente opera ancora con una pedagogia tradizionale? Giovanni Sartori, nel libro Homo videns, espose la sua teoria sulla graduale trasformazione dell uomo, che da homo sapiens diviene progressivamente homo videns. Sartori sostiene che la diffusione delle nuove tecnologie sia accompagnata da un involuzione dell individuo, che diviene atrofizzato nel capire, perde la capacità di pensare per concetti e non distingue più ciò che è vero da ciò che è falso. Si tratta di un rischio reale?e in quale misura? 4_ in futuro avrà ancora senso recarsi fisicamente a scuola visto che le tecnologie permettono di collegarsi anche a grandi distanze e di lavorare in maniera collaborativa mediante la condivisione di file e progetti? L informatizzazione della scuola, ma più in generale del settore pubblico, è un avvenimento assimilabile alla diffusione della scrittura e a quella della stampa. Questi ultimi due fenomeni hanno apportato cambiamenti di proporzioni epocali, ma a loro tempo sono stati avversati enormemente. Nonostante il mondo sia, al giorno d oggi, molto più propenso ai mutamenti, esistono ancora ostacoli e difficoltà che si frappongono tra noi e una realtà digitalizzata? Sarah Mainini IISS Torno Perchè non si parla di un modello didattico nell utilizzo delle tecnologie?il sistema educativo pensato oggi è quello di un tempo e non va più bene per gli studenti di oggi.

10 lorenzo aresi 3BS del Carlo Porta di Monza 3BS del Carlo Porta di Monza 1-l uso delle nuove tecnologie a scuola non rischia di aumentare il divario fra noi alunni, dividendoli fra coloro che le sanno usare e e coloro che invece non ci riescono? Essendo stato dimostrato che l utilizzo del computer maggiore del 20% del tempo lavorativo comporta un calo dell attenzione, adoperando questa tecnologia nell ambito didattico non si va incontro alla stesso rischio? Il lavoro svolto in biblioteca è stato ottimo. È utile lavorare sia sulla sitografia ma anche su risorse cartacee, che nel nostro caso sono tante e facilmente accessibili: le fonti devono essere solo digitali? miste? cartacee? e il libro di testo? 4. Uno dei maggiori problemi che abbiamo riscontrato utilizzando questo strumento è che è una fonte di distrazione. Lo riscontrate anche nella vostra esperienza? Siete riusciti a risolvere il problema nel caso in cui ci fosse stato? 1. Stiamo pensando all ipotesi di non adottare manuali scolastici almeno in alcune materie (es. Italiano e latino). Ci interessa conoscere pregi e difficoltà di altri che abbiano già fatto questa scelta. Una delle nostre perplessità riguarda l utilizzo prolungato del tablet per lo studio. A questo proposito chiediamo se esiste la possibilità di ascoltare a casa un lettore che legga un testo o degli appunti anche nel caso in cui fosse in un altra lingua (es. latino). Usare di più la flipped lesson: ricevere a casa il materiale di studio, esercitarsi molto in classe con il professore. 5 - La scuola sta cercando di mantenere il passo con l'evoluzione in corso arrivando a sradicare la scuola tradizionale a favore di una scuola senza pareti. È infatti possibile connettersi anche con altri studenti provenienti da ogni parte del mondo per confrontarsi con altre modalità di studio e pensiero. Perché allora non incentivare uno scambio interculturale virtuale? Non tutti hanno il coraggio e la possibilità di passare un anno all'estero: perché non organizzare videoconferenze con classi dall'altra parte del mondo? Stefano roncoroni, stanga crema classe 3D Paola Ghellini Maxwell In rete è possibile condividere appunti, lezioni, contenuti multimediali e approfondimenti. Quali sono gli ostacoli che impediscono o rallentano tale processo, che porterebbe a sicuri vantaggi economici per gli utenti? Che ne pensa dell utilizzo di internet per la ricerca di informazioni? Quali sono i rischi e le opportunità connessi a questa attività? Nella nostra scuola per la preoccupazione che i tablet fossero usati con poca respondabilità ci hanno bloccato in classe l'accesso a internet, cosa ne pensate di queste misure?? Si può creare una scuola in modo da poter fare lezioni tra più classi in modo virtuale così da poter insegnare a più classi contemporaneamente senza però diminuire il livello di attenzione e di apprendimento? Per la didattica: più lavori hands-on, es. Scienze apprendere con immagini, progetti, laboratorio... Arte, studiare sulle immagini, manipolare le immagini. Come può cambiare la lezione con il tablet perchè non sia usato solo come libro di testo e, poi, come è possibile studiare efficaciemente senza libri di testo?

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per L e-book a scuola Arriviamo così a un ultimo tema su cui vorrei spendere qualche parola. Un tema che richiederebbe peraltro, per essere trattato con l attenzione e il rigore che sarebbero necessari, ben

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

Guida per il partecipante

Guida per il partecipante CORSO DI ALFABETIZZAZIONE DIGITALE PER CITTADINI Primo Livello COMPUTER/TABLET Guida per il partecipante Indice dei contenuti Introduzione al corso... 2 Destinatari dei Corsi... 2 Obiettivi del corso...

Dettagli

Dal f lipped all EAS

Dal f lipped all EAS Dal flipped all EAS Lo sviluppo della tecnologia e i piani nazionali permettono oggi di portare con sempre maggior costanza e diffusione le TIC all interno della classe, il luogo per definizione deputato

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri.

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri. Libr@ Verifica anno 2013/14 ASPETTI PUNTI DI FORZA LIMITI MIGLIORAMENTO Motivazione e organizzazione Interesse, motivazione e coinvolgimento da parte di tutti. Uso del web Possibilità di reperire in Internet

Dettagli

Tablet in spalla. Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci»

Tablet in spalla. Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci» Tablet in spalla Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci» Progetto pilota su tre scuole secondarie di 1 grado di Lucca Scuola G. Carducci IC Lucca 1 Scuola D. Chelini

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie -

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie - M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E, D E L L U N I V E R S I T A E D E L L A R I C E R C A ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE JEAN MONNET Istruzione Tecnica e Liceale Via S. Caterina 3 22066 MARIANO

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica Descrizione dell unità Titolo English with Seurat Autore Francesca Panzica Tematica Come motivare i ragazzi all apprendimento della lingua straniera rendendoli protagonisti attivi del proprio apprendimento

Dettagli

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA)

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) 10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) FRANCESCO ZAMBOTTI LIBERA UNIVERSITÀ DI BOLZANO, GRIIS www.integrazioneinclusione.wordpress.com

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD)

Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD) Sezione 1 di 10 Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD) Facciamo il punto della nostra situazione nell'ambito

Dettagli

Commissione Informatica/Multimedialità

Commissione Informatica/Multimedialità Quando un uomo siede un'ora in compagnia di una bella ragazza, sembra sia passato un minuto. Ma fatelo sedere su una stufa per un minuto e gli sembrerà più lungo di qualsiasi ora. Questa è la relatività.

Dettagli

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 (stralci dal compito in classe di Italiano sul testo argomentativo) La tecnologia mi ha reso più motivato nel mio studio e più attento e più partecipe in classe

Dettagli

Introduzione Surfing time,navigare nel tempo, è stato il filo conduttore che il consiglio di classe si è dato per sviluppare il progetto, come illustrato nella mappa inserita nel documento di progettazione.

Dettagli

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza. CORSO DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti didattici 2.0 Ricordo a tutti quanti che le lezioni in presenza avranno un taglio teorico ma anche operativo dal momento che

Dettagli

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica di Valentina Gabusi DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica - Valentina Gabusi

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

Relazione per l adozione del testo L AVVENTURA DEL LETTORE versione compatta con espansioni multimediali di S. Beccaria - I. Bosio - E.

Relazione per l adozione del testo L AVVENTURA DEL LETTORE versione compatta con espansioni multimediali di S. Beccaria - I. Bosio - E. Scuola Anno scolastico Sezioni Relazione per l adozione del testo L AVVENTURA DEL LETTORE versione compatta con espansioni multimediali di S. Beccaria - I. Bosio - E. Schiapparelli Edizioni il capitello,

Dettagli

Sondaggio Lettura, Testi Testi scolastici, libri libri digitali e uso uso dell'e book reader

Sondaggio Lettura, Testi Testi scolastici, libri libri digitali e uso uso dell'e book reader Scuola media Foscolo Bolzano Sondaggio Lettura, Testi Testi scolastici, libri libri digitali e uso uso dell'e book reader 1 Descrizione Il presente sondaggio Lettura, Testi scolastici, libri digitali e

Dettagli

CLASSE 2.0 Progetto APPLE

CLASSE 2.0 Progetto APPLE CLASSE 2.0 Progetto APPLE L A MIGLIORE CLASSE 2.0 DEL MONDO! La classe ideale si basa sulle migliori tradizioni pedagogiche che insistono sul principio della partecipazione attiva dello studente. Partecipare

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA 1 INS. BORTOLATO GIUSEPPINA CLASSE E7 RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA Il progetto LA STORIA OLTRE LA STORIA è stato realizzato per far comprendere al bambino, che quando, ci sono modifiche

Dettagli

L evoluzione dei libri di testo verso la scuola digitale

L evoluzione dei libri di testo verso la scuola digitale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO L evoluzione dei libri di testo verso la scuola digitale Relatore Prof.ssa Paola Dubini Gaia Passi A.A. 2009 2010 Con la manovra finanziaria dell estate 2008 il Governo

Dettagli

DIPARTIMENTO D INFORMATICA PERCORSO ABILITANTE PAS 21-06 - 2014 RELAZIONE PROVA UNIFICATA D ESAME PER I CORSI:

DIPARTIMENTO D INFORMATICA PERCORSO ABILITANTE PAS 21-06 - 2014 RELAZIONE PROVA UNIFICATA D ESAME PER I CORSI: DIPARTIMENTO D INFORMATICA PERCORSO ABILITANTE PAS 21-06 - 2014 RELAZIONE PROVA UNIFICATA D ESAME PER I CORSI: APS - LP LABORATORIO DIDATTICO PEDAGOGICO INTEGRATO PER L INSEGNAMENTO DELL INFORMATICA 1

Dettagli

L'innovazione che ci renderà protagonisti della scuola

L'innovazione che ci renderà protagonisti della scuola I.T.E.Tambosi-Battisti Trento Relazione Scientifica Progetto Tamba Team L'innovazione che ci renderà protagonisti della scuola Essere protagonisti della scuola significa, per noi che presentiamo questo

Dettagli

QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE

QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE Caro collega, grazie per la tua disponibilità. Compilando questo questionario, che richiederà solo 5 10 minuti, ci aiuterai a calibrare meglio la scelta

Dettagli

Every Child Needs a Teacher Traccia per le attività

Every Child Needs a Teacher Traccia per le attività Every Child Needs a Teacher Traccia per le attività FOCUS TEMATICO: Perché gli insegnanti? Ogni bambino nel mondo ha diritto ad un educazione di qualità e nessuno ha la possibilità di esercitare questo

Dettagli

Libro digitale a scuola: norme e proposte. di Paola Ricci

Libro digitale a scuola: norme e proposte. di Paola Ricci Libro digitale a scuola: norme e proposte di Paola Ricci Scuola digitale: norme e leggi a partire dal 2008 Dal 2008 in poi, con frequenza regolare, compaiono circolari e progetti, che introducono/rafforzano

Dettagli

MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo.

MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo. PAOLA LIPAROTO Classe F3 - Anno scolastico 2008 2009 MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo. Relazione finale Titolo del progetto: Piccoli Narratori Contenuti:

Dettagli

SPERIMENTAZIONE PROGETTO GENERAZIONE WEB Schema generale

SPERIMENTAZIONE PROGETTO GENERAZIONE WEB Schema generale Schema generale Vengono definite diverse tipologie di corsi che verranno attivate a seconda dei bisogni rilevati. 1) Corso A Rivolto alla maggior parte dei docenti dove vengono affrontate le tematiche

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB)

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Prot. N.3548 a/19 Atti Albo Pretorio Sito web PER I DOCENTI SCUOLA PRIMARIA (SECONDO BIENNIO) E SECONDARIA DI PRIMO GRADO Estratto da articolo di Cornoldi e al., 2010: Il primo strumento compensativo per

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

E-book: un testo in cerca di identità. Convegno Parole in Rete 20 aprile 2012 c/o S.M.S. Don Milani Elena Mosa

E-book: un testo in cerca di identità. Convegno Parole in Rete 20 aprile 2012 c/o S.M.S. Don Milani Elena Mosa E-book: un testo in cerca di identità Convegno Parole in Rete 20 aprile 2012 c/o S.M.S. Don Milani Elena Mosa Non è mai troppo tardi Rendere l apprendimento l più attraente costituisce l obiettivo 2.2

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h 88 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o A10 LA LUCE Tempi In aula: 9 h A casa: 4 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore 1 PC per lavori individuali Per alcune

Dettagli

GLI STRUMENTI COMPENSATIVI

GLI STRUMENTI COMPENSATIVI GLI STRUMENTI COMPENSATIVI La Sintesi Vocale Le mappe concettuali e mentali I programmi di Video Scrittura I Software delle Cooperativa Anastasis LA SINTESI VOCALE Un sintetizzatore vocale è un software

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici.

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Descrizione dell unità Titolo Le proiezioni ortogonali Autore Sabrina Rosano Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Finalità e obiettivi di apprendimento Far comprendere

Dettagli

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 ANALISI DELLA SITUAZIONE/DELLE SITUAZIONI SPECIFICHE CUI SI RIVOLGE IL PROGETTO Per quanto concerne le

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità»

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» PROGRAMMA Obiettivi dell incontro: Conoscenza reciproca e condivisione di obiettivi e strategie Aspetti normativi ed implicazioni

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

Vediamo ora come funziona il nostro seminario in rete:

Vediamo ora come funziona il nostro seminario in rete: Cari colleghi, questo breve documento vi illustra le funzioni principali per un immediato e semplice utilizzo del programma WebEx che utilizzeremo per le nostre video conferenze. Prima di cominciare permettetemi

Dettagli

UN CORSO DI STENOGRAFIA ONLINE CHE, IN BRASILE, È UN GRANDE SUCCESSO

UN CORSO DI STENOGRAFIA ONLINE CHE, IN BRASILE, È UN GRANDE SUCCESSO 1 UN CORSO DI STENOGRAFIA ONLINE CHE, IN BRASILE, È UN GRANDE SUCCESSO Ad opera di: Waldir Cury Stenografo-revisore in pensione dell Assemblea Legislativa dello Stato di Rio de Janeiro Professore di Stenografia

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

INFORMATICA E DSA L'USO PRATICO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI. Dr. Enrico Rialti

INFORMATICA E DSA L'USO PRATICO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI. Dr. Enrico Rialti INFORMATICA E DSA L'USO PRATICO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI Dr. Enrico Rialti INFORMATICA NEI DSA COME MAI COMPITI COGNITIVI COMPITI ASSOCIATIVI STRUMENTO COMPENSATIVO PER LA LETTURA LA SCRITTURA IL RAGIONAMENTO

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON UNIVERSITÀ DI MACERATA

IN COLLABORAZIONE CON UNIVERSITÀ DI MACERATA I P S I A SAN BENEDETTO DEL TRONTO 20 settembre 2014 PROJECT WORK IN COLLABORAZIONE CON UNIVERSITÀ DI MACERATA Progettare l inclusione con le tecnologie 2 Dall aprile 2014, l IPSIA di San Benedetto del

Dettagli

Sezione AID di Salerno Via Manganario, 34/A

Sezione AID di Salerno Via Manganario, 34/A Sezione AID di Salerno Via Manganario, 34/A Tel. 089233546 - Cell. 3401449889 E-mail: salerno@dislessia.it Indirizzo web: www.aiditalia.org PRESIDENTE GRAZIA THEA QUARANTA Sorta a Bologna nel 1997, l Associazione

Dettagli

Comunicare e relazionarsi in Rete. Marco Gui Marina Micheli

Comunicare e relazionarsi in Rete. Marco Gui Marina Micheli Comunicare e relazionarsi in Rete Marco Gui Marina Micheli Prima parte L evoluzione dei media STAMPA TELEVISIONE 1456 d.c. 1940 3000 a.c. fine 1800 d.c. anni 90 SCRITTURA CINEMA INTERNET I media digitali

Dettagli

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI.

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI. PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI. PREMESSA L utilizzo delle tecnologie didattiche nel processo d insegnamento

Dettagli

Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica

Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica 1. Il Progetto strategico Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica 1.1. Descrizione del progetto: L Istituto espazia ha una rete parziale cablata all interno della

Dettagli

5 Campus a San Marino 2 Campus per Adolescenti 54 corsi per allievi con DSA 4 Forma Campus 32 corsi per genitori, insegnanti, tecnici

5 Campus a San Marino 2 Campus per Adolescenti 54 corsi per allievi con DSA 4 Forma Campus 32 corsi per genitori, insegnanti, tecnici Luca Grandi Il ruolo dell'informatica nella didattica nei DSA: Strumenti compensativi Progetto Informatica per l autonomia (2001/2008) 5 Campus a San Marino 2 Campus per Adolescenti 54 corsi per allievi

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

Il punto di partenza siete voi

Il punto di partenza siete voi Il punto di partenza siete voi Parte da voi la scuola che cambia Costruiamo il futuro, evolviamo insieme! A partire dai libri di testo, che Mondadori Education ha messo a norma già dal 2009,, e che oggi

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

Dianora Bardi La rete delle scuole per un modello di didattica nel mobile device

Dianora Bardi La rete delle scuole per un modello di didattica nel mobile device Dianora Bardi La rete delle scuole per un modello di didattica nel mobile device La rete delle scuole per una didattica innovativa a.s. 2010/2011: Liceo Scientifico F.Lussana la 4L inserisce l ipad come

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Art. 15, comma 3, lett. a) e b) Legge 6 agosto 2008, n. 133 Caratteristiche tecniche e tecnologiche libri di testo PREMESSA Il libro di testo, nella sua versione a stampa, on line e mista, costituisce

Dettagli

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email...

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email... Dott.ssa Vera Blasutti 1 FIGLI ALLE PRESE COI SOCIAL NETWORK: COME SENTIRSI AL SICURO Come i genitori possono educare i figli ad un utilizzo attento della rete COSA SONO I SOCIAL NETWORK Si tratta di siti

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA Dr. Andrea Bertucci Psicologo e Dottore di Ricerca in Scienze Cognitive E mail: andrea.bertucci@yahoo.com

Dettagli

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA ( Scheda analitica dell idea progettuale 2.0 ) DATI ANAGRAFICI SCUOLA CODICE MECCANOGRAFICO DENOMINAZIONE ISTITUTO meic83503 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE Curriculum: Esperto di formazione a distanza DISSERTAZIONE FINALE Raccontami :

Dettagli

IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO

IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO SCUOLA: Istituto comprensivo di Crespellano (Valsamoggia, Bologna) MUSEO: Museo civico archeologico Arsenio Crespellani di Bazzano (Valsamoggia, Bologna) ALTRI PARTNER:

Dettagli

DIDASCALIE LA NOTIZIA. 2013: inizia una nuova fase

DIDASCALIE LA NOTIZIA. 2013: inizia una nuova fase LA NOTIZIA DIDASCALIE 2013: inizia una nuova fase I lettori di didascalie/informa, e innanzitutto i circa settemila insegnanti della scuola in Trentino, assieme ai presidi e al resto del personale, si

Dettagli

STRUMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI. A cura della prof.ssa Giusi Piras

STRUMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI. A cura della prof.ssa Giusi Piras STRUMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI A cura della prof.ssa Giusi Piras Gli strumenti compensativi e dispensativi sono strumenti di facilitazione che danno a coloro che hanno delle difficoltà l opportunità

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

I.C. G. MAMAELI - a.s. 2014/2015. docenti

I.C. G. MAMAELI - a.s. 2014/2015. docenti docenti bbiamo scelto di dare un taglio più semplice e pratico ad una tematica così vasta e piena di variabili quale è quella degli alunni con D.S.A., evitando il più possibile termini tecnici o specialistici

Dettagli

Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale

Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale Valentina Gabusi Zanichelli Editore S.p.A. vgabusi@zanichelli.it Dal 2014 a oggi sono più di 14.000 i docenti che hanno

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DSA Decreto n. 5669 del 12 luglio 2011, attuativo della legge 170 dell 8 ottobre 2010

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DSA Decreto n. 5669 del 12 luglio 2011, attuativo della legge 170 dell 8 ottobre 2010 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

Le tecnologie digitali e la didattica: il Wiki come ambiente di apprendimento

Le tecnologie digitali e la didattica: il Wiki come ambiente di apprendimento Le tecnologie digitali e la didattica: il Wiki come ambiente di apprendimento Com'è nato il nostro progetto: Contesto: classe quinta scuola primaria 25 alunni discipline: storia, geografia e tecnologie

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ QUANDO LE SCUOLE SI INCONTRANO CON IL TERRITORIO VITA QUOTIDIANA E STRATEGIE D INTERVENTO PER GLI ALUNNI DISABILI

Dettagli

Internet e Storia. Internet. INTERNET, uno strumento per la didattica della storia

Internet e Storia. Internet. INTERNET, uno strumento per la didattica della storia INTERNET, uno strumento per la didattica della storia Internet e Storia Internet Internet è come la più grande rete mondiale ed anche detta rete delle reti che collega centinaia di milioni di computer.

Dettagli

dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013

dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013 dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013 DSA - disturbi specifici dell apprendimento L apprendimento Ciascun allievo impara in maniera diversa, ognuno con un proprio stile di apprendimento. L insegnamento deve tener

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF. LUCCHI ENEA MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE 1 A - 1 B - 1 C Competenze di base

Dettagli

Il «digiuno digitale» per riscoprire il gusto delle relazioni personali

Il «digiuno digitale» per riscoprire il gusto delle relazioni personali COS È Il tempo per noi nasce da una riflessione attorno alla crescente influenza che i nuovi strumenti di comunicazione hanno nella vita di ciascuno di noi, nel cambiamento di abitudini e comportamenti

Dettagli

RE Registro Elettronico

RE Registro Elettronico RE Registro Elettronico Premessa Il RE Registro Elettronico è la sezione della piattaforma WEB che consente, ai Docenti, di utilizzare le funzionalità di Registro di classe e di Registro del professore.

Dettagli

FLIPPED CLASSROOM. Come e perché capovolgo la classe?

FLIPPED CLASSROOM. Come e perché capovolgo la classe? FLIPPED CLASSROOM Come e perché capovolgo la classe? Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it La Classe Capovolta 2 Come funziona? Faccio studiare prima della lezione: I ragazzi arrivano a lezione con delle

Dettagli

Informazioni Statistiche

Informazioni Statistiche Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Aprile 2015 I CITTADINI TOSCANI E LE NUOVE TECNOLOGIE- ANNO 2014 In sintesi: Il 67% delle

Dettagli

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da Il nuovo servizio multimediale per la formazione e la didattica DESY è un applicazione web, dedicata a docenti e formatori, che consente, in

Dettagli

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi)

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi) RIFLESSIONE SULLA PROGETTAZIONE Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Fare Scienze con un approccio innovativo: l Apparato Circolatorio. Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

PROGETTO ARGG! A.S. 2012/2013 PAOLA GIULIANI

PROGETTO ARGG! A.S. 2012/2013 PAOLA GIULIANI PROGETTO ARGG! ISC GABICCE MARE E GRADARA A.S. 2012/2013 PAOLA GIULIANI I SOGGETTI COINVOLTI Istituto Scolastico Comprensivo di Gabicce Mare e Gradara Comune di Gradara Comune di Gabicce Mare Università

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

La nostra soluzione integrata

La nostra soluzione integrata Avagliano ischool nasce dalla consolidata esperienza in campo editoriale di Avagliano editore, marchio di prestigio dell editoria libraria tradizionale che vanta più di trent anni di attività La casa editrice

Dettagli

L avvento di Internet nella nostra esperienza professionale di docenti

L avvento di Internet nella nostra esperienza professionale di docenti Laboratorio 4 L avvento di Internet nella nostra esperienza professionale di docenti Internet e insegnamento Negli ultimi anni la professionalità degli insegnanti è stata modificata dalla diffusione massiva

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

Progetto Generazione Web al Liceo Manzoni

Progetto Generazione Web al Liceo Manzoni Progetto Generazione Web al Liceo Manzoni Anno Scolastico 2014-2015 Si ringrazia per la concessione dell Auditorium Bando Regione Lombardia! Classi 2.0 dispositivi individuali per gli studenti! Finanziamento

Dettagli

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD FORMAZIONE INTERNA: stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l organizzazione di laboratori formativi (senza essere necessariamente

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

Il social learning con edmodo

Il social learning con edmodo Il social learning con edmodo gestire ed utilizzare una classe virtuale Cos'è edmodo cos è edmodo È un social network adatto per la creazione di comunità di apprendimento; permette di lavorare e mantenere

Dettagli

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Diploma On Line secondo anno 2006/07 Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Corsista: Orazio Rapisarda classe C1 Il progetto scaturisce dall opportunità di lavorare con un gruppo di alunni che avevano

Dettagli

PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020

PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 LA CLASSE OLTRE I CONFINI PER UNA DIDATTICA 3.0 Progetto dell Istituto Comprensivo Vittorio Veneto 1 Lorenzo Da Ponte NOME DEL PROGETTO: LA CLASSE

Dettagli

Gli studenti sono immersi nelle tecnologie ma sono carenti nel loro utilizzo dal punta di vista metodologico. Tocca agli insegnanti avviare un

Gli studenti sono immersi nelle tecnologie ma sono carenti nel loro utilizzo dal punta di vista metodologico. Tocca agli insegnanti avviare un AULA 2.0 La sperimentazione aula 2.0, basata sulla didattica in rete o e_learning o FAD di III generazione, implica inevitabilmente la trasformazione della didattica che passa da una tipologia comunicativa

Dettagli