Più qualità, meno spesa (parte II) Cosa ci insegna l esperienza della Svizzera?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Più qualità, meno spesa (parte II) Cosa ci insegna l esperienza della Svizzera?"

Transcript

1 Più qualità, meno spesa (parte II) Cosa ci insegna l esperienza della Svizzera? (Università della Svizzera Italiana) Brescia,

2 Tre peculiarità della società svizzera Un sistema politico fortemente decentrato, basato sul federalismo, la concordanza e la democrazia diretta (il ruolo della Confederazione è sussidiario rispetto ai cantoni art. 5A CF). Un sistema economico di ispirazione liberale, che (congiuntamente al federalismo) si ripercuote anche in sanità ( forte frammentazione del sistema di cure), confidando nella libertà di commercio, nella libera scelta del medico, nella concorrenza di mercato e nella legittima rappresentanza degli interessi corporativi. Una tradizione di sicurezza sociale tutta particolare; a partire dalla metà del secolo XX si assiste all introduzione di assicurazioni universali (LAVS[1946], LAI[1959], LAINF[1981], LADI[1982], LAMal[1994]) nella cui gestione giocano un ruolo essenziale il settore privato e la società civile (mutue, casse pensioni). L OMS ha definito questo modello, di ispirazione bismarckiana, sistema pluralista. 0. INTRODUZIONE (1/3) 2

3 Le «innovazioni» della Svizzera dalla prospettiva internazionale Sono essenzialmente 3 gli aspetti del sistema sanitario elvetico che suscitano interesse in altri paesi (e in particolare in quello italiano), per quanto concerne il quesito di fondo di questa lezione: 1.La scelta per il cittadino e la competizione tra compagnie assicurative private nella garanzia di una copertura sanitaria universale (obbligatoria). Domanda: il cosiddetto modello di managed competition comporta più qualità con meno spesa? 2.Il decentramento e il federalismo fiscale, all origine di scelte profondamente diverse tra i cantoni svizzeri in ambito sanitario. Domanda: gli assetti organizzativi molto diversi dei cantoni svizzeri consentono di rilevare esperienze in cui si ottiene più qualità con meno spesa? 0. INTRODUZIONE (2/3) 3

4 Le «innovazioni» della Svizzera dalla prospettiva internazionale (continua) 3. La diffusione di reti integrate di cura (managed care), rese possibili dalla riforma della sanita elvetica del Il principale merito delle reti integrate di cura (a cui può essere associata una responsabilità finanziaria) consiste nel fornire incentivi ad adottare un approccio multidisciplinare, per aumentare il coordinamento delle cure e sviluppare programmi capaci di migliorare la presa a carico dei pazienti cronici e/o affetti da polimorbilità. Purtroppo non ci sarà il tempo di entrare in questo «cantiere aperto» e stabilire in che misura la diffusione (ancora limitata) di queste reti in Svizzera stia consentendo cure di qualità superiore a costi più contenuti. 0. INTRODUZIONE (3/3) 4

5 1. Il modello della «managed competition» Brescia,

6 Interesse nei confronti della concorrenza nell assicurazione malattia universale (1) 1. Crescente interesse in Europa, negli ultimi 2 decenni, nei confronti della libera scelta dell assicuratore e della concorrenza nell ambito di un assicurazione malattia obbligaroria. Le esperienze pionieristiche di Svizzera, Belgio, Olanda e Germania, hanno portato dagli anni 90 ha implementare riforme su questa linea anche in paesi in transizione (Repubblica Ceca, 1992; Federazione Russa, 1993; Slovacchia, 1994; Georgia, per persone sotto la linea di povertà). 1. MANAGED COMPETITION (1/26) 6

7 Interesse nei confronti della concorrenza nell assicurazione malattia universale (2) 2. L Affordable Care Act del presidente americano Obama si è ispirato (in parte indirettamente, per il tramite della riforma realizzata in Massachusetts da Mitt Romney) alle esperienze olandese e svizzera. The Swiss Menace By PAUL KRUGMAN Published: August 16, 2009 ( ) So where does «Obamacare» fit into all this? Basically, it s a plan to Swissify America, using regulation and subsidies to ensure universal coverage. If we were starting from scratch we probably wouldn t have chosen this route. ( ) But a Swiss-style system of universal coverage would be a vast improvement on what we have now. And we already know that such systems work. 1. MANAGED COMPETITION (2/26) 7

8 Tipologie di sistema sanitario basato su una copertura universale (obbligatoria) SISTEMA BEVERIDGE Per lo più fornitura pubblica di servizi sanitari ed assicurazione pubblica (fiscalità generale) Interazione verticale tra sistema assicurativo e di cura Esempi: Italia, Inghilterra, Danimarca, Nuova Zelanda, Spagna, Finlandia COPERTURA NON UNIVERSALE Assicurazione sanitaria facoltativa (aziendale per i dipendenti) Compertura pubblica per anziani e poveri (Medicare/Medicaid) Ricorso al meccanismo di mercato per l erogazione delle cure Esempi: Stati Uniti SISTEMA BISMARCK Assicurazione pubblica (un unico ente assicurativo di riferimento) Ricorso al meccanismo di mercato per l erogazione delle cure Esempi: Francia, Canada, Australia, Giappone, Austria (Germania, fino al 1991) SISTEMA ENTHOVEN (MANAGED COMPETITION) Assicurazione sanitaria competitiva (libera scelta, rischio di insolvenza) Ricorso al meccanismo di mercato per l erogazione delle cure Esempi: Svizzera, Olanda, Germania (dal 1992) 1. MANAGED COMPETITION (3/26) 8

9 Funzioni dell assicurazione sanitaria Raccolta dei fondi Pooling delle risorse Acquisto di servizi sanitari (contrattazione) Adattato da WHO Regional Office for Europe, MANAGED COMPETITION (4/26) 9

10 Aspettative (teoriche) dal funzionamento di un mercato assicurativo Una volta risolto il problema di selezione avversa con l obbligo assicurativo e l imposizione di un pacchetto di prestazioni uniforme (Rothschild & Stiglitz, 1976): La possibilità per i cittadini di acquistare la copertura da compagnie diverse in concorrenza tra loro, Il rischio di insolvenza sopportato dalle compagnie, la possibilità (per le compagnie) di acquistare le prestazioni sanitarie per conto dei propri clienti spinge il sistema assicurativo ad assecondare meglio le preferenze dei cittadini, ad assicurare l efficienza, ad incrementare la performance del sistema sanitario (rapporto qualità/prezzo). 1. MANAGED COMPETITION (5/26) 10

11 La logica del sistema «Enthoven» Libera scelta Fornitori Finanziamento pubblico Rimborso dei costi + Acquisto di prestazioni Cittadini Sussidi Libera scelta Premio di comunità Tasse / contr. sociali Obbligo di assicurazione Stato Assicuratori Regolazione (Quality assurance) Compensazione dei rischi Finanziamento pubblico 1. MANAGED COMPETITION (6/26) 11

12 Differenze nella spesa sanitaria in % del PIL (2009) ,4 11,8 11,6 12,0 11,4 9,5 ITA FRA GER NL SVI US Fonte: OECD (2011), Health at a Glance 1. MANAGED COMPETITION (7/26) 12

13 Differenze nella spesa sanitaria pro capite (2009) US$ PPP (2009) ITA FRA GER NL SVI US Fonte: OECD (2011), Health at a Glance 1. MANAGED COMPETITION (8/26) 13

14 Differenze negli outcomes (2006/2007) Tasso standardizzato di mortalità (per 100,000 abitanti) derivante da cause amenable to health care ,9 55,0 76,7 65,6 54,7 95,5 0 ITA FRA GER NL SVI US Fonti: Nolte e McKee (2011) / Quaglia per la Svizzera 1. MANAGED COMPETITION (9/26) 14

15 1. MANAGED COMPETITION (10/26) 15

16 Differenze a livello di equità (2004) (Differenze nella probabilità di visita medica tra classi sociali) * Significant for income with p<0.05 / ** Significant for income and wealth with p<0.05 ** * ** Fonte: Allin et al (2009), American Journal of Public Health 1. MANAGED COMPETITION (11/26) 16

17 Risultato preliminare Nessuna evidenza schiacciante che i tre paesi che hanno adottato il modello di Enthoven (Germania, Olanda e Svizzera) si caratterizzino per una performance globale migliore rispetto a Francia (sistema Bismarck) o all Italia (Sistema Beveridge), ad eccezione dell aspetto dell equità. 1. MANAGED COMPETITION (12/26) 17

18 Sommario delle recenti riforme adottate nei paesi che hanno scelto il sistema Enthoven 1. Assicurazione sanitaria universale (obbligatoria) (1996 in SVI, 2009 in GER, 2006 in NL) 2. Libera scelta della compagnia assicurativa (1996 in SVI eger, 1991 in NL) 3. Estensione graduale del rischio di insolvenza per gli assicuratori; 4. Introduzione e affinamento della compensazione dei rischi (1993/2012 in SVI, 1995/2001/2007 in GER, 1992/2002/2004 in NL); 5. Ampliamento del ruolo di acquirente (selective contracting, integrazione verticale, altri strumenti) (1996 in SVI, 2004/2007 in GER, 2006 in NL); 1. MANAGED COMPETITION (13/26) 18

19 Sommario delle opzioni di scelta in GER/NL/SVI GER NL SVI Essere assicurati No (opting-out dalla SHI alla PHI possibile se reddito>50,000 ) No No Pacchetto di prestazioni assicurate No No No Assicuratore Si Si Si Condizioni di cambiamento Dopo 18 mesi (o entro 2 mesi sei aumentano i premi) una volta all anno due volte all anno (con preavviso di 3 mesi) Livello del premio di comunità Si Si Si Partecipazione ai costi Limitato Si Si Altri aspetti contrattuali Si (gatekeeping o reti integrate) Si (lista dei farmaci, selective contracting) Si (managed care) 1. MANAGED COMPETITION (14/26) 19

20 Pre-condizioni per il funzionamento della concorrenza tra assicuratori 1. Le persone devono essere in grado di scegliere e di cambiare compagnia assicurativa con facilità e senza dover sostenere costi di transazione (reali o percepiti) elevati. 2. La concorrenza tra assicuratori deve fondarsi su qualità e prezzo e non sulla selezione dei rischi (in caso contrario il mercato assicurativo non produrrebbe gli effetti sperati in termini di efficienza la caccia ai buoni rischi comporterebbe una concorrenza socialmente rovinosa). 3. Gli assicuratori dovrebbero disporre di strumenti che consentano loro di creare valore (e devono essere pure disposti ad usarli), come l acquisto di prestazioni per conto dei propri assicurati e la sottoscrizione di contratti selettivi. 1. MANAGED COMPETITION (15/26) 20

21 Regolamentazioni in favore del cambiamento di assicuratore GER, SVI e NL hanno introdotto regolamentazioni simili per permettere alle proprie popolazioni di cambiare facilmente compagnia assicurativa: Obbligo per gli assicuratori di accettare chiunque Copertura completa delle malattie preesistenti Premi che non riflettono il rischio di malattia Pacchetto di prestazioni uniforme (contratto standard) per faicilitare i confronti Messa a disposizione di informazioni comparative trasparenti (quotidiani, siti internet, ecc.) Introduzione di una compensazione dei rischi per redistribuire le risorse tra le compagnie in base al portafoglio di rischi assicurati. 1. MANAGED COMPETITION (16/26) 21

22 Struttura del mercato dell assicurazione sanitaria obbligatoria GER NL SVI Statuto giuridico delle compagnie SHI non profit PHI libere di scegliere la forma giuridica Enti privati che possono distribuire profitti Enti privati che non possono distribuire profitti realizzati nel comparto della copertura di base Nr. di assicuratori 169 SHI 46 PHI 28 compagnie (appartenenti a 11 holding) 82 compagnie (50% delle quali riunite in 7 holdings) Quota di mercato dei top 3 (2010) Circa 32% per SHI Circa 42% per PHI 74% per le holding 45% per le holding 28% per le singole casse Possibilità di offrire coperture supplementari Vendita di contratti sottoscritti dagli assicuratori privati Si Si Fusioni in GER e SVI, creazione di holding in NL e SVI, passaggio da piccole compagnie locali a global players in SVI. 1. MANAGED COMPETITION (17/26) 22

23 Differenze di prezzo tra compagnie Il prezzo è una buona ragione per cambiare compagnia? GER Prima del 2009: Si (negli anni 90 vi erano differenze significative nelle percentuali di contributo). Dopo il 2009 (tasso di contributo uniforme a livello nazionale): No, il premio di comunità è piccolo (massimo 100 all anno, nel 10% delle casse) Prima del 2006: No (differenze di premio trascurabili). NL SVI Dopo il 2006: Si (Sconti importanti per franchigie elevate o per polizze di gruppo differenza massima di premio : 216 nel 2010) Si (differenze significative di premio e grandi sconti per franchigie elevate e contratti managed care, fino al 50% del premio base differenze di 1000 all anno sono abituali) 1. MANAGED COMPETITION (18/26) 23

24 Tassi di cambiamento GER NL SVI Tasso minimo osservato - Prima del 2000: 1% (Laske et al, 2004) : Tasso medio di cambiamento : 4 5.8% (Portratz & Zerres, 2010) : 3 5.5% (Westert et al, 2010) 4.8%-2.1 (Frank & Lamiraud, 2009) : 3.3%-2.0% (comparis) Tasso massimo osservato : 18% (Roos & Schut, 2011) 2010: 15.4% (comparis, 2010) 1. MANAGED COMPETITION (19/26) 24

25 Evoluzione della varianza dei premi all interno dei cantoni svizzeri (log) Le notevoli differenze di premio non denotano una tendenza alla riduzione anche a 10 anni di distanza dalla riforma Fonte: Dormont et al MANAGED COMPETITION (20/26) 25

26 Incentivo alla selezione dei rischi GER NL SVI Formula di compensazione dei rischi contenente criteri di salute Si Si No (migliorata nel 2012 ospedalizzazione nell anno precedente) Pooling dei rischi No Si (90% dei costi individuali che eccedono 22,500) No (ma il 55% dei costi ospedalieri/drg finanziato dalla fiscalità generale ) Incentivo alla selezione dei rischi Elevato Moderato Molto elevato 1. MANAGED COMPETITION (21/26) 26

27 Caratteristiche di chi cambia assicuratore GER NL : 2010: Prior to 2006: : Con maggior probabilità giovani e persone in salute (Gresz et al, 2002; Knaus & Nuscheler, 2005; Zok, 1999; Schut et al, 2003) Con maggior probabilità giovani, con redditi elevati, scolarità superiore e senza patologie croniche (Zok, 2011) Persone giovani con livelli di scolarità superiori (Gresz et al, 2002; van Dijk et al, 2008) Assicurati con una salute soggettiva da buona a molto buona (Roos & Schut, 2011) SWI : Persone che hanno scelto franchigie alte; cambiamento meno frequente tra chi dispone anche di una copertura complementare, se lo stato di salute soggettivo è inferiore a molto buono (Dormont et al, 2009; Frank & Lamiraud, 2009) 1. MANAGED COMPETITION (22/26) 27

28 Possibili ostacoli al cambiamento di assicuratore 1. Status quo bias: uso «comportamentale» di percezioni soggettive (anziché di dati oggettivi) sulle compagnie. Molte persone affermano che è troppo faticoso cambiare spesso (Frank and Lamiraud, 2009; Gresz et al, 2002, Vos & Jong, 2009). 2. Uso delle coperture volontarie per legare i clienti: differenti strategie per associare la vendita di coperture di base e supplementari (Roos & Schut, 2011) 3. Credenze sbagliate: timore che il cambiamento della copertura di base comporti sanzioni nel settore supplementare (Roos & Schut, 2011, Dormond et al, 2009) 4. Ventaglio di scelta troppo ampio: in un contesto caratterizzato da un numero crescente di assicuratori e di opzioni contrattuali (Frank & Lamiraud (2009) 1. MANAGED COMPETITION (23/26) 28

29 Strumenti per l acquisto di prestazioni GER NL SWI Vertical provider integration No Yes (take-up low but growing) Yes (ban if the new MC-bill will be accepted) Selective contracting Yes (in the context of integrated care) Yes (take-up low but growing) Yes (for insured who opted for MC) Financial incentives for patients to use PP Yes (moderate take-up) Yes (take-up low but growing) Planned within the new MC-bill Guidelines, formularies, disease management Yes, (but high take-up only for DM) Yes (take-up low or moderate, but growing) Not explicitly P4P payment schemes Yes (in the context of integrated care) Yes (take-up low but growing) Yes (within MC arrangements) Public disclosure of performance indicators Yes (mandatory for certain hospital indicators) Yes (moderate take-up but growing) Yes (in the hospital sector, but modest results) 1. MANAGED COMPETITION (24/26) 29

30 Uso limitato degli strumenti di acquisto Gli assicuratori non stanno usando gli strumenti a loro disposizione per acquistare prestazioni per conto dei propri clienti. Alcuni di questi strumenti hanno come conseguenza una riduzione della libera scelta del medico e necessitano di informazioni spesso non ancora disponibili. Assicuratori che depennano dalle liste ospedaliere alcuni istituti temono di essere giudicati male, in quanto mossi da considerazioni economiche più che sanitarie (Maarse & Paulus, 2001; Boonen et al, 2011). Assicuratori che pubblicano una classifica sulla qualità degli ospedali devono far fronte con le resistenze dei regolatori e degli istituti (Sheldon, 2010, Busse at al, 2009). Le autority antitrust non di rado bloccano le integrazioni verticali, giudicandole ostili al mercato (Maarse & Paulus, 2011). 1. MANAGED COMPETITION (25/26) 30

31 Conclusioni (parte I) Il modello di managed competition non sembra (ad oggi) aver determinato in GER, NL e SVI migliori outcomes a fronte di meno spesa. Il sistema assicurativo diventa per contro più complesso e soffre di alcuni circoli viziosi: Aumento del rischio di insolvenza per gli assicuratori maggiori incentivi alla selezione dei rischi necessità di formule più sofisticate per la compensazione dei rischi; Permettere alle compagnie di diversificare i prodotti per rispondere meglio alle preferenze dei clienti (usando per es. le coperture integrative) riduzione della mobilità della clientela e difficoltà nel disegnare la compensazione dei rischi; Maggior uso del selective contracting meno libertà di scelta del medico minor mobilità dei cattivi rischi pochi incentivi a contrattare le cure adeguate per i pazienti cronici. 1. MANAGED COMPETITION (26/26) 31

32 2. Il decentramento e il federalismo fiscale Brescia,

33 Teoria economica del federalismo (Oates, JEL 1999) Molti beni e servizi pubblici hanno un carattere locale, nel senso che quelle caratteristiche che rendono pubblico un bene (non rivalità, non escludibilità), non valgono su scala nazionale, ma solo su scala locale. In presenza di beni pubblici locali la decisione di produzione e fornitura è migliore se attuata dal governo locale Quanto più le preferenze degli abitanti e i costi delle singole regioni sono eterogenei, per cui la differenziazione in soluzioni regionali è preferibile ad una scelta uniforme (di produzione e finanziamento) sul piano nazionale (secondo il motto one size fits all ) Quanto più la vicinanza del governo ai propri cittadini (grazie al maggior controllo democratico che ne consegue e alla miglior informazione) e la competizione tra regioni si ripercuote positivamente sulla performance e la capacità di innovazione delle amministrazioni pubbliche. 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (1/34) 33

34 Teoria economica del federalismo (continua) Il decentramento porta però con sé anche degli svantaggi, che sono tanto più forti, Quanto più importanti sono le economie di scala (per cui la taglia ridotta della produzione locale comporta costi medi più elevati); Quanto più importanti sono gli spillovers tra regioni. Con spillovers si intendono esternalità positive e negative, che toccano i cittadini di regioni limitrofe. Attraverso un opportuno trade-off tra costi e benefici del decentramento, il federalismo favorisce l efficienza (nel senso di un più elevato benessere sociale). 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (2/34) 34

35 Le conseguenze del federalismo Federalismo significa dunque «accettazione delle differenze fra regioni» come aumento di efficienza e stimolo all innovazione. In letteratura federalismo e decentralizzazione dei poteri sono stati considerati uno strumento per il contenimento del settore pubblico (Brennan e Buchanan, 1980), per diminuire l effetto redistributivo dei sistemi di welfare (Weingast, 1995). La mobilità dei cittadini (che votano con i propri piedi) porta ad un livello di spesa sociale inferiore all ottimale, se questa è decisa a livello regionale (Oates, 1999 race to the bottom). Diversi studi attestano che il federalismo e la decentralizzazione creano vincoli supplementari all aumento di uno Stato sociale redistributivo (vari livelli con diritto di veto; competizione fra i sistemi fiscali per attirare capitali e famiglie facoltose). Correlazione negativa tra spesa sociale in percentuale del PIL e frammentazione / decentralizzazione del potere decisionale. 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (3/34) 35

36 Il concetto di «cittadinanza sociale» e l accesso alle cure In tutti gli Stati federali, anche quelli che hanno decentralizzato fortemente le competenze in materia sanitaria, si denota una preferenza per soluzioni uniformi (dal profilo dell accesso alle cure, dell offerta sanitaria, dei livelli di spesa). Sanità come settore chiave per consolidare l identità nazionale (attraverso la garanzia a tutti i cittadini di un diritto di cittadinanza sociale e l istituzione di un servizio pubblico uniforme sul piano nazionale). Tensione naturale tra federalismo (accettazione delle differenze regionali, che riflettono le preferenze diverse delle comunità di riferimento) e cittadinanza sociale (accesso universale ad un pacchetto di prestazioni sanitarie di base) 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (4/34) 36

37 Vantaggi e svantaggi di un organizzazione sanitaria federalista (per la teoria economica) Vantaggi: Prossimità (informazione più efficace circa i desideri dei cittadini); Maggior «electoral accountability»; È possibile realizzare un «preference matching» regionale «Voting by feed» (competizione tra giurisdizioni) Possibilità di introdurre e sperimentare delle innovazioni Svantaggi: Coordinamento tra i livelli di governo coinvolti (costi di transazione possibilmente elevati) Economie di scala non sfruttate Effetti di traboccamento Difficoltà nel garantire uguali diritti di cittadinanza sociale Rischio di una «race to the bottom» 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (5/34) 37

38 La Svizzera: un piccolo Stato federale Article 3 et 42/43 de la Constitution Fédérale: 3: «I Cantoni sono sovrani per quanto la loro sovranità non sia limitata dalla Costituzione federale ed esercitano tutti i diritti non delegati alla Confederazione». 42 «La Confederazione adempie i compiti che le sono assegnati dalla Costituzione». 43a «La Confederazione assume unicamente i compiti che superano la capacità dei Cantoni o che esigono un disciplinamento uniforme da parte sua». Organizzazione del sistema sanitario elvetico: Cantoni ed autorità federali portano sussidiariamente la responsabilità per l elaborazione delle politiche sanitarie, la regolamentazione e la sorveglianza del sistema. Forte autonomia dei cantoni nell organizzazione delle cure, ruolo importante del governo federale nell ambito dell assicurazione malattia. Negli ultimi anni si assiste ad un aumento di potere del governo federale nella politica sanitaria, benché la spesa pubblica in sanità rimanga in prevalenza a carico dei cantoni. 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (6/34) 38

39 Differenze nella spesa socializzata dei cantoni svizzeri (2005) 0 1'000 2'000 3'000 4'000 5'000 6'000 7'000 GE BS NE VD TI JU BE CH BL ZH SH FR SO VS GR ZG GL AR LU SZ AG SG UR OW TG NW AI Fonti: BAG, BFS 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (7/34) 39

40 Scomposizione della spesa in prezzi e quantità Indice dei prezzi Indice delle quantità Schleiniger, Slembeck e Blöchlinger (2007) 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (8/34) 40

41 Densità di studi medici per 1000 abitanti (2006) 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (9/34) 41

42 Tasso di ricoveri in ospedali acuti 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (10/34) 42

43 Persone residenti in casa anziani (ogni 1000 abitanti in età superore ai 65) 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (11/34) 43

44 Prestazioni dell assistenza domiciliare 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (12/34) 44

45 AI SH GL SO BS SZ SG ZH TG OW FR AG LU AR GR BE NE UR JU ZG VS BL TI VD NW GE CH Differenze nel tasso standardizzato di mortalità evitabile, ogni abitanti Media Fonte: Calcoli di J. Quaglia, DSS Cantone Ticino 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (13/34) 45

46 Correlazione tra MAHC e spesa pro capite socializzata (Performance) 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (14/34) 46

47 Stima di un modello multivariato ln SHE lny ln DP 7 it 0 it ln DDI 8 1 lnun it 2 SHE = Spesa socializzata pro-capite Y = Reddito pro-capite (+) UN = Tasso di disoccupazione (+) PO = Quota di povertà (+) A75 = % di popolazione con più di 75 anni (+) A05 = % di popolazione con meno di 5 anni (+) MO = Mortalità evitabile (-) DP = Densità della popolazione (+) DDI = Indice cantonale di democrazia diretta (-) PHY = Densità di studi medici ogni 100,000 abitanti (+) BEDS = Densità di letti acuti ogni 100,000 abitanti (+) DLAT = Cantoni latini (variabile dummy) (+) T = Time trend (+) it ln PHY 9 ln PO it 3 10 it ln A75 4 ln BEDS it it 11 ln A05 5 DLAT 12 it T lnmo 6 it it Fonte: Crivelli, Filippini and Mosca (2006) 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (15/34) 47

48 Analisi empirica ( ) Indice di povertà (+) reddito pro capite (-) trend temporale (+) Tassi standard. di mortalità evitabile (-) Tasso di disoccupazione (+) Percentuale di popolazione con meno di 5 anni (-) Percentuale di popolazione con più di 75 anni (+) Spesa sanitaria socializzata pro capite Cantoni latini (+) Densità della popolazione (+) Densità di letti acuti Densità dei medici (+) Indice cantonale di democrazia diretta (-) 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (16/34) 48

49 Nuovo studio (Reich et al, 2011) PHYGP: Densità di medici di base (per abitanti) PHYSPEC: Densità di specialisti (idem) PHARM: Densità di farmacie (idem) BED: Densità di letti acuti (idem) PHYMED: Densità di medici autorizzati alla vendita diretta di farmaci (idem) MCARE: Quota dei contratti managed care (in % degli assicurati) TOBONE: Quota di fumatori regolari (% dei maggiori di 15 anni) Y: Reddito cantonale pro capite (in CHF) UN: Tasso di disoccupazione (in % della forza lavoro) PD: Densità della popolazione (abitanti per km2) FOR: Quota di stranieri (in % della popolazione) A75: Popolazione con oltre 75 anni AU5: Popolazione con meno di 5 anni 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (17/34) 49

50 50

51 Il problema dell equità nel finanziamento Il sistema attuale basato sul premio di comunità chiede un forte contributo di solidarietà ai giovani ed alle famiglie, nei confronti di persone anziane ed ammalate (patto intergenerazionale). Ci sono due modi per raggiungere una copertura assicurativa universale: un imposizione fiscale ad ampio raggio con un sussidio implicito per il povero e l ammalato o un sistema di assicurazione obbligatoria accompagnato dal versamento di un sussidio esplicito dipendente dal reddito. Tra i due preferisco il primo, poiché il secondo sistema è estremamente costoso da amministrare e determina una pesante distorsione degli incentivi; soggetti con reddito di poco superiore alla povertà devono fronteggiare un aliquota marginale che non si esiterebbe a definire predatoria se applicata alle persone benestanti 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (19/34) 51

52 Equità di finanziamento in prospettiva internazionale Evoluzione dell indice di Kakwani in Svizzera 1982 (Wagstaff et al): (Wagstaff et al): (Crivelli & Salari): Fonte: Wagstaff (JHE 1999) 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (20/34) 52

53 Pagamenti out-of-pocket medi 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (21/34) 53

54 Spese mediche out-of-pocket nell ultimo anno, in $ Percento Fonte: 2010 Commonwealth Fund International Health Policy Survey in Eleven Countries. $200 o meno $1,000 o più DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (22/34) 54

55 Ha avuto problemi seri o è stato incapace di pagare fatture mediche nell anno precedente Percentuale 40 Fonte: 2010 Commonwealth Fund International Health Policy Survey in Eleven Countries AUS CAN FR GER NETH NZ NOR SWE SWIZ UK US 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (23/34) 55

56 Evoluzione dei premi netti in % del reddito disponibile per 2 tipologie di economia domestica ( ) 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (24/34) 56

57 Differenze nel sistema di sussidi 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (25/34) 57

58 Differenze nelle strategie di finanziamento dei cantoni 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (26/34) 58

59 Una misurazione dell equità di finanziamento L indice di Kakwani K è un indicatore di diseguaglianza, misurata in termini di scostamento dalla proporzionalità. Un valore positivo (negativo) dell indice indica che il finanziamento è progressivo (regressivo). Il valore zero invece indica un finanziamento proporzionale. Φ qi = CI qi = GINIi ANTE = K i n q 1 qi K qi n q 1 qi CI qi GINI ANTE i Quota % della fonte di finanziamento q alla spesa socializzata per il catalogo LAMal nel cantone i Indice di concentrazione della fonte di finanziamento q nel cantone i. Indice di Gini del reddito disponibile equivalente, prima del finanziamento sanitario nel cantone i. * Scala di equivalenza OCSE modificata 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (27/34) 59

60 Cumulative proportion of income and payments Interpretazione dell indice di Kakwani L of income (before health financing) C della fonte 2 C della fonte 1 L= Curva di Lorenz C= Curva di concentrazione Cumulative proportion of population ranked by income (before health financing) 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (28/34) 60

61 Le banche dati utilizzate Dati individuali dal rilevamento dei redditi e die consumi delle economie domestiche (HABE), per gli anni 1998, e Il campionamento è rappresentativo a livello di macroregioni e contiene circa 3000 famiglie all anno (8000 nel 1998). Informazioni sui redditi, imposte dirette, spese per consumi, contributi sociali, premi, trasferimenti (compresa la riduzione dei premi) e composizione dell economia domestica (CI egini ANTE ). Dati macro (UFSP e UST): Quote di finanziamento φ da imposte federali, cantonali e comunali, contributi sociali e premi netti. Trend temporale: computabile solo per l intera Svizzera. Confronto cross-section: aggregazione dei dati (deflazionati) dei 7 periodi, per ottenere una stima robusta a livello cantonale (i dati di un singolo anno non sono rappresentativi per tutti i cantoni). 2. DECENTRAMENTO E FEDERALISMO (29/34) 61

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera G. M. Zanini Convegno AFI-AFTI l impatto delle nuove normative comunitarie sulla produzione dei farmaci per uso sperimentale e sulla

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

La Svizzera in cifre.

La Svizzera in cifre. ab Edizione 2014 / 2015 Addetti per divisione economica 20 8 La Svizzera in cifre. UBS Partner di Svizzera Turismo Addetti per settori Settore primario Agricoltura 12 Settore secondario Industria, artigianato

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno

Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo Chiara Saraceno Chiara Saraceno Università di Torino Trasferimenti monetari alle famiglie con figli. Un confronto Europeo 1. Modelli

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Bambini e adolescenti ai margini

Bambini e adolescenti ai margini UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 9 Bambini e adolescenti ai margini Un quadro comparativo sulla disuguaglianza nel benessere dei bambini nei paesi ricchi uniti per i bambini La Innocenti

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Il sistema fiscale svizzero

Il sistema fiscale svizzero Il sistema fiscale svizzero 2013 CONFERENZ A SVIZZERA DELLE IMPOSTE COMMISSIONE INFORMA ZIONE Il sistema fiscale svizzero Caratteristiche del sistema fiscale svizzero Le imposte cantonali e comunali Le

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

08.037. Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo. del 14 maggio 2008

08.037. Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo. del 14 maggio 2008 08.037 Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo del 14 maggio 2008 Onorevoli presidenti e consiglieri, con il presente

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

La crisi dello Stato sociale

La crisi dello Stato sociale La crisi dello Stato sociale di Giuseppe Garofalo Università della Tuscia Fac. di Economia Stato sociale Welfare state = Stato di benessere Un sistema di norme con il quale lo Stato cerca di eliminare

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

L. Crivelli, M. Filippini, D. Lunati. Dimensione ottima degli ospedali in uno Stato federale

L. Crivelli, M. Filippini, D. Lunati. Dimensione ottima degli ospedali in uno Stato federale L. Crivelli, M. Filippini, D. Lunati Dimensione ottima degli ospedali in uno Stato federale Quaderno n. 00-08 Decanato della Facoltà di Scienze economiche Via Ospedale, 13 CH-6900 Lugano. Tel. 091 912

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Workshop. Small Business Act, Statuto delle imprese e condizionalità 2014-2020: AIR e Test PMI

Workshop. Small Business Act, Statuto delle imprese e condizionalità 2014-2020: AIR e Test PMI Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Servizio analisi e verifica dell impatto della regolamentazione Programma Operativo di Assistenza Tecnica alle

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

Appendice 6 Partecipazione a Swiss Lotto tramite la PGI

Appendice 6 Partecipazione a Swiss Lotto tramite la PGI Appendice 6 Partecipazione a Swiss Lotto tramite la PGI A.6.1 Accesso a Swiss Lotto tramite PGI...2 A.6.2 Rischi...5 A.6.3 Blocco dell'accesso a Swiss Lotto tramite la PGI sia da parte del partecipante

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti

Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti 4 CAPITOLO 4 DISUGUAGLIANZE, EQUITÀ E SERVIZI AI CITTADINI Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti paesi avanzati, ivi compresa l Italia. Peraltro, per i 27 membri dell Unione Europea

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli