IL TERZO ANNO DELLA GRANDE CRISI E IL CASO ITALIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TERZO ANNO DELLA GRANDE CRISI E IL CASO ITALIANO"

Transcript

1 IL TERZO ANNO DELLA GRANDE CRISI E IL CASO ITALIANO FRANCO LOCATELLI Il terzo anno della Grande Crisi, la più grave degli ultimi ottant anni e la prima davvero globale, potrebbe essere definito l anno delle 2R dalle iniziali della recessione e della ri-regulation. Se il 2007 è stato l anno in cui dal 9 di agosto il mondo è cambiato perché, dopo varie avvisaglie, fu allora che scoppiò la scintilla dei subprime e fu allora che esplose la crisi finanziaria scolpita nella memoria collettiva dalle impressionanti file di risparmiatori britannici corsi all assalto degli sportelli della Northern Rock per ritirare precipitosamente i loro depositi e immortalati dai media di tutto il mondo, il 2008 è stato l anno in cui, con il sorprendente fallimento della Lehman Brothers del 14 di settembre altra data simbolo da annotare sul calendario e altra immagine indelebile legata all addio dei money manager della grande banca americana con gli scatoloni in mano la crisi si è fatta globale e sistemica investendo l intero sistema finanziario e ponendo le premesse per contagiare l economia reale del pianeta. Minaccia puntualmente realizzatasi nel 2009, quando l economia mondiale per la prima volta dopo 60 anni e malgrado l eccezione della Cina e di poche altre aree emergenti, è caduta in recessione (-1,4% secondo le stime di luglio del Fondo Monetario Internazionale) e il commercio internazionale è visto in flessione del 9%. Al tempo stesso, dopo l abbondante liquidità immessa nel sistema finanziario delle banche centrali, la riduzione dei tassi d interesse al minimo storico e i numerosi piani di stabilizzazione di banche e imprese dei Governi che, al netto dei piani di stimolo fiscale, in pochi mesi, e specialmente nell autunno del 2008 quando l intero sistema capitalistico sembrava sull orlo del tracollo, hanno bruciato somme (1.500 miliardi di dollari) pari o addirittura superiori secondo un recente calcolo della Fondazione Eni Enrico Mattei ai proventi per gli Stati dell intera epoca delle privatizzazioni dai tempi della signora Thatcher ai giorni nostri, i LA COMUNITÀ INTERNAZIONALE FASC. 2/2009 pp EDITORIALE SCIENTIFICA SRL

2 360 LA COMUNITÀ INTERNAZIONALE Governi e le banche centrali, con il fondamentale contributo del Financial Stability Board (FSB) guidato dal Governatore Mario Draghi, hanno cominciato non solo a pensare ma a mettere mano alle nuove regole del gioco. Quando la crisi si è venuta snodando in tutto il mondo e in tutta la sua portata, l idea originaria di dar vita a una nuova Bretton Woods ha perso il suo slancio iniziale e rivelato la buona dose di ingenuità di chi non aveva considerato che gli accordi del 1944 erano incentrati sul ruolo guida del dollaro e che difficilmente gli Stati Uniti potrebbero autonomamente rinunciare alla centralità della loro divisa nel sistema dei pagamenti internazionali, anche se oggi da parte della Cina, del Brasile, della Russia e di altre potenze emergenti cresce la spinta ad affiancare al dollaro una diversa moneta di pagamento. Dopo le raccomandazioni dell FSB e dopo il rapporto De Larosière, nel giugno del 2009 il nuovo presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha lanciato quella che con qualche enfasi è stata definita la più grande ri-regulation della recente storia della finanza americana incentrata sul rafforzamento della FED alla quale, con ben minori velleità, ha fatto seguito il mini-accordo sulla supervisione e sulla vigilanza finanziaria dei 27 Paesi dell Unione Europea e a cui dovrebbe aggiungersi, entro l anno, il Global Legal Standard promosso dal Ministro dell Economia italiano Giulio Tremonti, sulla scorta dei lavori preparatori dell OCSE, degli accordi maturati nei summit dei capi di Governo e di Stato e dei successivi approfondimenti del FSB. Per valutare se le nuove regole della finanza del dopo-crisi possano davvero rappresentare una svolta in grado di dare trasparenza e stabilità ai mercati finanziari varrebbe la pena di considerare il paradigma interpretativo suggerito ultimamente dagli economisti Emilio Barucci e Marcello Messori nel loro Oltre lo shock (Egea editrice) secondo cui le novità che andrebbero messe in campo sono almeno tre e cioè: 1) l eliminazione di ogni arbitraggio regolamentare di medio periodo tra i diversi Paesi; 2) l introduzione di limiti all instabilità dei mercati senza che ciò porti al bando delle innovazioni finanziarie di prodotto; 3) l abbandono della massimizzazione dei profitti di breve periodo come unica guida strategica. Ma, al di là del merito delle nuove regole della finanza, la domanda centrale che si pone oggi è se esse possano essere sufficienti a tirare fuori il mondo intero dalla Grande Crisi e la risposta non può essere che negativa. Basta ricordare le origini e gli effetti per comprenderne

3 LA GRANDE CRISI E IL CASO ITALIANO 361 le ragioni. La Grande Crisi è economica o finanziaria? Gli studiosi si dividono in differenti scuole di pensiero. C è chi pensa che il grande crollo sia nato dalle distorsioni e dall esuberanza irrazionale della finanza, ma c è chi pensa che l origine della crisi sia invece principalmente economica, perché le avventurose anomalie della finanza erano solo gli effetti a valle di una crisi che era da anni sotto gli occhi di tutti con i suoi evidenti squilibri macroeconomici. Per troppo tempo gli americani hanno seguitato a consumare e a vivere al di sopra dei loro mezzi e a indebitarsi con il resto del mondo, i cinesi a consumare poco e a risparmiare troppo e gli europei a indebitarsi ma a investire in piani di sviluppo molto meno di quanto la modernizzazione delle economie richiederebbe, con ciò rendendo insostenibile non il capitalismo tout court ma certamente la forma di capitalismo conosciuta nell ultimo ventennio. Nella prefazione al suo recente libro La veduta corta Conversazione con Beda Romano sul Grande Crollo della finanza, edito da Il Mulino, l ex Ministro ed ex banchiere centrale Tommaso Padoa- Schioppa offre però un interpretazione ancora più ampia della crisi e scrive: «L aggettivo finanziaria, inizialmente usato per definire la crisi, si è rapidamente rivelato insufficiente (perché) economica e sociale ne è la sostanza. E poiché la componente del sistema economico che è mancata è l intelaiatura di regole, controlli, azioni di governo che in un economia di mercato costituiscono il complemento della libera ricerca del tornaconto individuale da parte di individui e imprese, la crisi è in realtà politica e istituzionale; è un fallimento della politica economica prima che della finanza e dei mercati. Infine, e in senso più generale, il disastro ha forti radici nel terreno della cultura, intellettuale ed antropologica, perché scaturisce da atteggiamenti mentali, idee, comportamenti divenuti prevalenti nelle nostre società» e ispirati e dall incapacità di guardare lontano e di cogliere in tempo i mutamenti profondi dell economia e della società nell era della globalizzazione. Certamente tutte le crisi hanno tratti comuni e una loro particolarità ma l origine di quella che stiamo vivendo ha più di un padre. L ex Ministro ed ex presidente della Consob Luigi Spaventa spiega nel volume Treccani-Terzo millennio di prossima pubblicazione che «l espansione del credito, e pertanto dell indebitamento, che è un tratto comune a precedenti episodi, è avvenuta a ritmi straordinari e con modalità inconsuete» ed è stata «favorita da almeno tre fattori: gli squilibri macroeconomici mondiali; l innovazione finanziaria nell am-

4 362 LA COMUNITÀ INTERNAZIONALE bito del nuovo modello di trasferimento del rischio di credito (Ndr dalle banche al mercato); il sostegno della teoria economica all ideologia prevalente» caratterizzata da una buona dose di fondamentalismo liberista che l ha spesso indotta a pensare erroneamente che il mercato potesse promuovere uno sviluppo ininterrotto e soprattutto fosse in grado di autoregolarsi autonomamente. In realtà e arriviamo così a capire perché nuove regole della finanza, dopo il fallimento o l assenza di quelle precedenti, sono assolutamente fondamentali ma non sufficienti insieme al corretto e trasparente funzionamento dei mercati, bisogna rimuovere le contraddizioni macroeconomiche a monte per riavviare l economia mondiale sul sentiero della crescita. Ma, come avverte Marco Onado in I nodi al pettine La crisi finanziaria e le regole non scritte, edito da Laterza, «la finanza è stata negli ultimi venti anni l elemento che ha impedito a queste contraddizioni di esplodere, concedendo credito a piene mani a tutti e in particolare alle famiglie americane, il cui indebitamento ha sfiorato il 150% del reddito disponibile». È stato in questo modo che la finanza ha finito per diventare sempre più grande, sempre più opaca, sempre più incontrollata, sempre più autoreferenziale e sempre più slegata dalla produzione, perché l assenza di regole che ne disciplinassero le attività e la inducessero a una più attenta valutazione del rischio faceva comodo a tutti. Non solo ai banchieri, ai trader e ai manager della finanza, ma alle famiglie e alle imprese che cercavano credito, e naturalmente ai politici che potevano più agevolmente trarre vantaggio del generale benessere dei loro elettori. Il rovescio della medaglia è stato però come ricorda Orazio Carabini in Generazione no risk (Fazi editore) «una lunga serie di crack e di truffe che ha generato nei risparmiatori paura e rifiuto verso gli strumenti finanziari e gli investimenti che comportano dei rischi: un atteggiamento inevitabile dopo i dissesti economici a cui abbiamo assistito». A tutto ciò bisogna reagire sia attivando strumenti di autodifesa dei risparmiatori sia spingendo la finanza a ritornare al suo vero mestiere di procacciatrice di ricchezza in funzione del benessere collettivo. Ben vengano, dunque, nuove regole per la finanza, soprattutto se avranno l accortezza di essere severe nel modo giusto ma non inutilmente intrusive e se sapranno accrescere la trasparenza senza imbrigliare ogni genere di transazione economica e finanziaria. La riforma di Obama, le nuove regole sulla vigilanza dell Europa e il Global legal standard a cui si sta lavorando nei summit internazionali rispondono a questi criteri o sono soltanto dichiarazioni di principio? Un

5 LA GRANDE CRISI E IL CASO ITALIANO 363 giudizio puntuale potrà essere dato quando i tre differenti interventi regolatori verranno approvati in via definitiva da Governi e parlamenti e diventeranno norme effettive ma, pur con tutte le cautele del caso, non si può non notare che l asticella del piano Obama, contro il quale non a caso si stanno scatenando le lobbies bancarie e finanziarie americane, è stata posta ad un livello decisamente più alto del nuovo codice della vigilanza dell Europa. Nel Vecchio continente le resistenze britanniche e, in modo meno evidente ma non per questo meno efficace, di qualche banchiere centrale hanno finora impedito di arrivare a quella supervigilanza europea, in capo alla BCE, che consentirebbe di riunificare politica monetaria e vigilanza bancaria e di affrontare sul piano internazionale problemi e soggetti (specialmente nel caso delle grandi banche) che operano ben oltre i confini domestici di ogni singolo Paese. Insieme e oltre alla ri-regulation finanziaria resta il problema di assorbire i titoli tossici in circolazione e in portafoglio di banche, hedge fund e società finanziarie e ripulire i bilanci dei diversi soggetti in campo, ma resta soprattutto la necessità di ridefinire e di coordinare sul piano internazionale le politiche economiche dei diversi Paesi e delle diverse aree del mondo anche con una maggior presenza dei Paesi emergenti all interno del Fondo Monetario e della Banca Mondiale e di tutte le altre istituzioni politiche ed economiche internazionali. Bisogna però aver ben presente che nessuno sa ancora esattamente quando finirà la Grande Crisi, ma che niente sarà più come prima. Già ora la crisi finanziaria ci ha reso più poveri e solo nel 2008 il crollo dei prezzi delle case, delle azioni e dei titoli ha ridotto la ricchezza delle famiglie americane di 11 mila miliardi di dollari, cioè di oltre il 70% del reddito nazionale, mentre in Italia, solo considerando la componente finanziaria, la perdita è stata di 278 miliardi di euro, pari oltre un sesto del nostro reddito. Ma il problema che abbiamo davanti non è solo questo e non è nemmeno solo quello delle accresciute diseguaglianze che la crisi ha finito per accentuare. Il problema dei problemi è oggi quello di fare i conti con la sgradevole certezza che, per un buon numero di anni dopo la fine della crisi, il mondo non crescerà più come prima ma crescerà molto meno. Meno debito, meno rischio e meno credito sono soluzioni obbligate dopo la crisi ma il loro effetto non può essere che una minor crescita. Nel suo saggio su La crisi economica mondiale Dieci considerazioni, edito da Bollati Boringhieri, lo storico dell economia Giulio Sapelli sostiene che, malgrado la crescita della Cina e di altri Paesi emergenti, il ruolo

6 364 LA COMUNITÀ INTERNAZIONALE degli USA nella crescita mondiale resta fondamentale e che la centralità americana è iscritta nella storia del mondo e nelle quote del commercio internazionale. Il che non vuol dire che altri motori non possano affiancarsi a quello americano ma che, almeno per un certo numero di anni, è improbabile che un altra locomotiva economica, fosse pure quella cinese, possa sostituire quella statunitense prendendo la guida del convoglio mondiale. La riduzione del deficit dei conti pubblici e dei conti con l estero e la riduzione dei consumi di cui gli USA devono farsi carico per correggere gli squilibri che sono all origine della Grande Crisi, nata a differenza delle altre più recenti proprio nel cuore dell America e di Wall Street, significano anche in questo caso meno crescita e una minore spinta al commercio internazionale. È in questo contesto che un economia come la nostra, che si fonda principalmente sulle esportazioni e che dipende in buona misura dalla Germania la quale, a sua volta, dipende dal trend economico americano, deve collocare le proprie prospettive future ed è in questo nuovo contesto che va letto, in tutta la sua particolarità, il caso italiano. Se si confronta l andamento del nostro Pil (-0,9% nel 2008 e 5% previsto per il 2009) con quello delle altre economie occidentali nel biennio della crisi il risultato non è per noi incoraggiante. Se però si guarda in prospettiva l Italia presenta diversi punti di forza che, a certe condizioni, potrebbero permetterle di cogliere prima e meglio i frutti della ripresa quando essi cominceranno a manifestarsi. Nel suo La crisi mondiale e l Italia, edito da Il Mulino, l economista Marco Fortis ricorda che fino alla vigilia del fallimento della Lehman Brothers e dunque alla trasformazione della crisi finanziaria in crisi sistemica, l export italiano aveva letteralmente surclassato l export della Francia, della Spagna e del Regno Unito e che proprio la vitalità delle nostre imprese, soprattutto quelle di media dimensione che esprimono il dinamismo della parte più innovativa di una sempre robusta industria manifatturiera, l elevata propensione al risparmio delle famiglie e l ancoraggio al territorio e al retail delle nostre banche sono elementi che rovesciano le interpretazioni più pessimistiche sul futuro della nostra economia. Se anziché considerare il solo debito pubblico, si prende in esame il debito aggregato (pubblico e privato) il posizionamento della nostra economia non è dei più grami ma soprattutto denota che, pur essendo negli ultimi dieci anni risultata inferiore a quella dei maggiori partner europei, la sua non è stata una crescita drogata dal debito ma una crescita vera anche se modesta.

7 LA GRANDE CRISI E IL CASO ITALIANO 365 Il persistente differenziale di crescita con il resto dell Europa e soprattutto la minor crescita rispetto non solo al periodo del boom economico ma anche rispetto agli anni Settanta, Ottanta e Novanta obbliga però a riflessioni approfondite specialmente in ragione del fatto che la ripresa del commercio internazionale a livelli pre-crisi richiederà anni e che noi non possiamo attendere immobilisticamente la ripartenza delle locomotive americane e tedesche o puntare esclusivamente sulle nuove opportunità che la svolta della politica economica cinese in favore della crescita del mercato interno offrirà anche noi. Non c è dubbio che il benefico arrivo dell euro renda più urgenti le riforme e il rafforzamento delle infrastrutture materiali e immateriali che, in mancanza della scorciatoia delle periodiche svalutazioni della lira, sono diventate più importanti di ieri nella difesa e nel sostegno della competitività del sistema-italia. L ufficio studi della Confindustria ha calcolato che, in assenza di immediate riforme che riguardino la Pubblica amministrazione, la semplificazione burocratica, le pensioni, la formazione, la ricerca, le liberalizzazioni, ci vorrebbero almeno cinque anni per tornare al modesto livello di crescita che il nostro Paese aveva conosciuto prima della crisi e che l unica possibilità di accelerare, senza perdere il controllo dei conti pubblici, passa attraverso la riduzione della spesa pubblica improduttiva e l immediata approvazione delle riforme che, in molti casi, non costano nulla. Riforme e sviluppo delle infrastrutture consentirebbero di incrementare investimenti e consumi e cioè di tonificare la domanda interna in attesa di una piena ripresa di quella estera, ma consentirebbero anche alle nostre imprese di diventare ancora più competitive, dal lato della qualità ancor più che da quello dei costi, nella divisione internazionale del lavoro. La maggior parte delle imprese italiane, non solo le grandi ma anche le medie e perfino le piccole, ha compreso da tempo che la globalizzazione e l allargamento dell Unione Europea hanno completamente cambiato il contesto competitivo e che il loro campo di gioco non può più essere il giardino di casa e il mercato domestico. L internazionalizzazione delle imprese, che non vuol dire solo esportare i prodotti e delocalizzare gli impianti ma anche radicarsi sui mercati esteri, è una necessità prima che una scelta. Ma, come suole dire l economista Enzo Rullani della Venice International University, nella società e nell economia della conoscenza noi italiani non siamo più da tempo i cinesi dell Europa perché l ingresso nell euro e l affacciarsi sulla scena internazionale dei Paesi emergenti non ci permettono di

8 366 LA COMUNITÀ INTERNAZIONALE competere sui costi e ci spingono a puntare tutto sulla qualità. Innovazione, sia aziendale che di sistema, e internazionalizzazione delle imprese sono dunque le due facce della sfida che l Italia ha già sperimentato con buoni risultati negli anni scorsi e che la Grande Crisi rende ancora più impegnativa. L industria manifatturiera italiana ha avviato da tempo un ampia ristrutturazione, che è alla base del recupero di efficienza e dell exploit delle esportazioni, ma la recessione, che secondo le previsioni più accreditate provocherà nel 2009 una caduta del nostro Pil attorno al 5%, coglie parte delle nostre imprese a metà del guado. Illuminanti sono i risultati di una recente indagine campionaria condotta tra le imprese dalla Banca d Italia e di cui le Considerazioni finali del Governatore Draghi hanno dato conto nell Assemblea annuale del 29 di maggio. Secondo l indagine della banca centrale, circa metà delle 5 mila imprese dell industria e dei servizi con almeno 20 addetti sono state coinvolte nel processo di ristrutturazione, ma a fare la differenza, oltre ai diversi mercati di riferimento, sono il grado di avanzamento della ristrutturazione e soprattutto la solidità patrimoniale delle imprese. Circa 5mila di esse, che impiegano quasi un milione di addetti e che sono finanziariamente più solide e hanno già completato la ristrutturazione, sono in grado di attutire le avversità della congiuntura consolidando il primato tecnologico e diversificando gli sbocchi di mercato. Alcune di esse si stanno addirittura avvantaggiando nella crisi in termini di riposizionamento sul mercato. Al polo opposto ci sono invece almeno 6mila imprese con quasi un milione di occupati che, pur essendo state virtuose perché hanno deciso di accrescere le dimensioni aziendali, di rafforzarsi sul piano tecnologico e di aprirsi ai mercati internazionali, soffrono maggiormente la crisi sia perché hanno avviato più tardi la ristrutturazione incappando nella crisi in piena transizione sia perché si sono indebitate per affrontare il cambiamento. Il risultato è che, con il prosciugarsi dei flussi di cassa e le restrizioni dell accesso al credito e al mercato dei capitali, queste imprese sono in forte difficoltà e rischiano in qualche caso di uscire dal mercato per asfissia finanziaria. Sarebbe grave che l impresa globale che in questi anni si è sviluppata anche in Italia e che ha dato luogo al fenomeno delle cosiddette multinazionali tascabili a capitalismo familiare tornasse indietro e si rifugiasse dentro le mura domestiche. Per resistere, oltre alla determinazione dell imprenditore, servono però la lungimiranza e il sostegno delle istituzioni centrali e locali e del sistema bancario. Proprio perché la sfida sui mercati si gioca per noi più sulla qualità che

9 LA GRANDE CRISI E IL CASO ITALIANO 367 sui costi, oltre alle riforme che possono rafforzare ed incrementare la competitività, è importante saper produrre al meglio e saper valorizzare i frutti del Made in Italy (che vuol dire principalmente industria meccanica ed alimentare, prodotti per la casa e per la persona). Tuttavia, in una fase come questa nella quale le nostre imprese pagano soprattutto il crollo della domanda sui mercati di sbocco (USA, Regno Unito, Spagna e Russia in primis), è ancora più decisivo di prima saper vendere al meglio e scovare nuovi mercati. Una rilevazione periodica del Servizio studi e ricerche del gruppo bancario Intesa Sanpaolo ha accertato che, nella prima parte del 2009, solo 11 dei 104 distretti industriali italiani hanno difeso o addirittura incrementato le loro esportazioni, proprio in virtù della loro particolare specializzazione produttiva ma anche della saggia diversificazione sui mercati internazionali di sbocco. Pur nella crisi generale che vede il fatturato estero delle nostre imprese distrettuali ridursi in tre mercati su quattro, c è addirittura un mercato, quello dell Algeria, dove l export delle nostre aziende per effetto di un ampio programma di infrastrutturazione di quel Paese del Nord Africa, continua a crescere. Dalla prima crisi globale che attraversa le nostre economie sarebbe vano pensare di uscire con soluzioni e terapie puramente domestiche che non facciano i conti con i complessi problemi di una nuova governance internazionale. Ma, per importante che tutto questo sia, la dimensione della crisi non può nascondere le responsabilità e i doveri che ognuno ha e i cambiamenti che ogni Paese deve mettere in campo. Bisogna sapere scrive Giuliano Amato nella raccolta di saggi promossa da Astrid e pubblicata dall editore Passigli sotto il titolo Governare l economia globale Nella crisi e oltre la crisi che «non meno innovativo dei cambiamenti di governance globale è ciò che va fatto sul piano delle riforme interne, includendo tra queste le stesse innovazioni europee anche in vista di un decisivo recupero dell Agenda e del Trattato di Lisbona» dopo l elezione del nuovo Parlamento Europeo. Anche stavolta la crisi non è solo sofferenza, ma può diventare una grande opportunità di cambiamento. A patto di saperla cogliere e di rinnovare politiche e comportamenti.

10

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Adottare una prospettiva di più lungo periodo

Adottare una prospettiva di più lungo periodo Adottare una prospettiva di più lungo periodo Discorso di Jaime Caruana, Direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali in occasione dell Assemblea generale ordinaria della Banca tenuta

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due decenni più tardi, nel 2001, solo lo 0,98 per cento della popolazione del pianeta risiede ancora nel nostro Paese. La perdita

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Patto per una Svizzera produttiva

Patto per una Svizzera produttiva Unia Segretariato centrale Weltpoststrasse 20 CH-3000 Berna 15 T +41 31 350 21 11 F +41 31 350 22 11 www.unia.ch Patto per una Svizzera produttiva La Svizzera ha bisogno di un fondo per la produzione basato

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco

Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco Il modello tedesco ha una grande rilevanza pratica nell Europa di oggi e la capacità di Berlino di portare a termine riforme economiche può servire

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014.

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015 anno esercizio centoventunesimo esercizio CXXI Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centoventunesimo esercizio Roma, 26 maggio 2015 Signori

Dettagli

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura ABBONATI RIVISTE ONLINE! TROVA AZIENDE EDILBOX CONTATTI HOME NEWS! AZIENDE ECONOMIA EDILIZIA IMMOBILI APPUNTAMENTI! LEGGI & NORME Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura CERCA

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica 32 l uscita dall euro non è la soluzione più pratica Lorenzo Bini Smaghi, precedentemente parte del del consiglio d amministrazione della BCE, e per molti anni uomo italiano a Francoforte (sede della BCE),

Dettagli

La governance dell innovazione: libero mercato e concertazione nell economia della conoscenza

La governance dell innovazione: libero mercato e concertazione nell economia della conoscenza PAROLE CHIAVE La governance dell innovazione: libero mercato e concertazione nell economia della conoscenza Riccardo Cappellin* Università degli Studi di Roma Tor Vergata L articolo illustra il modello

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione L economia della demografia: quota sette miliardi Siamo in piena rivoluzione demografica: se ora siamo 7 miliardi, nel 2050 avremo probabilmente superato i 9 miliardi. Si sposta così il centro di gravità

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli