A 3D Facial Animation Framework

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A 3D Facial Animation Framework"

Transcript

1 A 3D Facial Animation Framework Andrea Brambilla 10 Dicembre Descrizione del progetto Il progetto sviluppato negli ultimi mesi presso il laboratorio IVL ha come obiettivo l animazione di volti virtuali tridimensionali; esistono già molte tecniche che si occupano dello stesso problema, ma la maggior parte di esse o sono computazionalmente molto onerose (simulatori fisici), o richiedono una frequente interazione da parte di un operatore umano (deformazioni), o, ancora, hanno bisogno di moltissimi dati preacquisiti (interpolazioni). L idea proposta è quella di combinare diversi approcci in modo da ottenere un sistema di animazione facciale che soddisfi i seguenti requisiti: qualsiasi espressione facciale deve poter esssere generata partendo da un volto neutro, cioè con tutti i muscoli rilassati; data l eccezionale sensibilità degli esseri umani ai più minimi cambiamenti di un espressione facciale, il sistema deve poter modellare anche i più piccoli movimenti percettibili; il sistema deve poter essere controllato in modo intuitivo e gli interventi esterni devono essere minimi; il sistema deve essere strutturato in modo tale che possa essere utilizzato come base per lo sviluppo di tool con un maggior livello di astrazione; una certa combinazione dei parametri di controllo deve generare approssimativamente la stessa animazione anche su volti diversi; Andrea Brambilla - matricola Tel mail Università degli Studi di Milano Bicocca Corso di Laurea Magistrale in Informatica Imaging & Vision Laboratory (www.ivl.disco.unimib.it) Relatore: Raimondo Schettini Correlatore: Alessandro Colombo i tempi di esecuzione devono essere almeno prossimi al real-time. Nel prossimo paragrafo verranno illustrati nel dettaglio i fondamenti teorici di tutte le tecniche impiegate (parametrizzazione MPEG-4, modellazione fisica dei tessuti elastici e 3D morphing); nel paragrafo 3 verrà invece descritto l approccio proposto con i relativi dettagli implementativi, mentre nel 4 verranno presentati i risultati ottenuti, il tutto seguito da delle brevi conclusioni. Si sottolinea che i modelli facciali di riferimento per lo sviluppo del sistema provengono dal database BU 3D-FE della Binghamton University [6], che contiene 100 diversi soggetti acquisiti tramite uno scanner 3D, ma l approccio sviluppato è tranquillamente utilizzabile su qualsiasi tipo di volto virtuale su cui sia possibile posizionare i feature points MPEG-4. 2 Fondamenti teorici Il sistema proposto è composto da tre componenti principali: un modello parametrico, per l esattezza quello definito dallo standard MPEG-4 [1], permette di definire sia un volto che le relative animazioni usando una serie di parametri, un simulatore fisico stabilisce come il volto in esame reagisca durante una certa animazione, ed infine un algoritmo di morphing deforma il soggetto iniziale per ottenere il risultato desiderato. La parametrizzazione MPEG-4 Lo specifiche MPEG-4 sono molto diffuse principalmente nell ambito della compressione e trasmissione di dati audio e video, ma in realtà lo standard è molto più ampio: in particolare l MPEG-4 Facial Animation standard definisce una serie di regole per la descrizione e l animazione di volti generici. 1

2 2 FONDAMENTI TEORICI 2 Lo standard definisce una serie di 84 Facial Description Parameters (FDP), detti anche Feature Points (FP), che identificano la posizione delle principali caratteristiche di un volto, come ad esempio la punta del naso (FP 9.3)o gli angoli della bocca (FP 8.3 e FP 8.4). Il volto di partenza di qualsiasi animazione deve trovarsi in uno stato neutro anch esso definito dalle specifiche MPEG Facial Animation Parameters (FAP) sono utilizzati per controllare le animazioni del volto: ognuno di essi è legato ad un preciso movimento di un dato FP, ad esempio il FAP 63 controlla gli spostamenti verticali del FP 9.3 (la punta del naso); fanno eccezione i FAP 1 e 2: essi sono considerati FAP high-level e, anzichè controllare direttamente dei singoli movimenti, essi sono usati per esprimere rispettivamente uno dei 14 possibili visemi (l equivalente grafico dei fonemi) e una tra le 6 espressioni facciali primarie (felicità, tristezza, rabbia, paura, sorpresa e disgusto). Alcuni FAP sono unidirezionali (come l apertura della mandibola, FAP 3) e altri sono bidirezionali (come i movimenti delle sopracciglia, FAP 31 38), inoltre ad ognuno di essi è legato un certo valore di intensità che sta ad indicare l ampiezza del movimento richiesto. Le intensità dei FAP non sono numeri puri, ma vengono indicate utlizzando come unità di misura le distanze tra alcune delle principali feature di una faccia; ad esempio il FAP 39 muove orizzontalmente la guancia sinistra (FP 5.1) e la sua intensità è misurata prendendo come riferimento 1/1024 della distanza tra i centri delle pupille. Questo garantisce che, applicando gli stessi FAP a volti diversi, il risultato ottenuto sia analogo. Il modello fisico Figura 1: Alcuni dei feature points definiti dallo standard MPEG-4 FA. I modelli fisici puntano alla precisa simulazione della struttura anatomica del volto umano, in modo da determinarne con precisione i movimenti causati dall azione di uno o più muscoli; per questo progetto è stato utilizzato il modello proposto da Terzopoulos e Waters nel 1990 [5], già largamente utilizzato in ambito di animazione facciale per via della sua forte scalabilità e per l alta qualità dei suoi risultati. La pelle del volto, ma in generale qualsiasi tessuto elastico, può essere vista come un reticolo deformabile formato da un insieme di nodi interconnessi da una serie di molle (figura 2); ogni nodo i ha una sua posizione x i (t) al tempo t e una sua massa m i, ogni molla k ha una certa lunghezza l k (t) al tempo t ed un suo coefficiente di elasticità c k : una molla che abbia come estremi i nodi i e j esercita sul nodo i una forza pari a s k (t) = c k (x j (t) x i (t)) lk(t) l k (0) l k (t) (1) Figura 2: L elemento base del modello di Terzopoulos e Waters; il tessuto epidermico è simulato affiancando diversi di questi elementi.

3 3 DETTAGLI IMPLEMENTATIVI 3 Banalmente la forza totale g i (t) esercitata sul nodo i si ottiene sommando le s k di tutte le molle k incidenti in i. A questo punto, utilizzando l equazione del moto di Lagrange, l intero reticolo si può modellare utilizzando un sistema di equazioni differenziali ordinarie del tipo passaggio matematico si avrà ( N ) 1 v = (v p v ) w viˆp T viˆp w vi vjˆp T vjˆq +q vj v i=1 j=1 (4) dove m i d 2 x i dt 2 +γ dx i i dt g (t) = f i i i = 1, 2,..., N (2) p v = i=1 w vip i i=1 w vi q v = i=1 w viq i i=1 w vi dove f i rappresenta una generica forza esterna esercitata sul nodo i (tipicamente l azione di un muscolo) e γ i (dx i /dt) rappresenta l attrito, dipendente dalla velocità. Il sistema può essere risolto utilizzando metodi iterativi come il metodo esplicito di Eulero o quello di Runge-Kutta, in ogni caso alla fine si ottengono le posizioni aggiornate dei nodi, cioè la deformazione subita dal tessuto epidermico. Il morphing Il morphing è una tecnica che permette di deformare un generico oggetto manipolando solo un insieme ridotto di punti di controllo posizionati su di esso (detti landmarks); più precisamente, nel caso di una mesh tridimensionale la deformazione viene specificata modificando la posizione di alcuni punti della mesh stessa, dopodichè la posizione dei restanti vertici viene determinata tramite interpolazione. Il fulcro di un algoritmo di morphing è proprio il tipo di interpolazione utilizzata: per questo progetto sono stati utilizzati i Moving Least Squares (MLS), proposti da Levin nel 1998 [3] e già utilizzati in diverse tecniche di deformazione. L algoritmo non è altro che una versione pesata dei classici Minimi Quadrati: la posizione finale di un generico vertice v della mesh è data dalla trasformazione lineare v = vm v + T v che minimizzi e v = N pi 2 w vi M v + T v q i i=1 (3) dove p i e q i sono rispettivamente le posizioni iniziali e finali dei landmarks, mentre w vi sono dei pesi dipendenti dalla distanza tra v e p i. Con qualche ˆp vi = p i p v ˆq vi = q i q v Come è abbastanza evidente dalla complessità dell ultima formula, la deformazione finale è abbastanza onerosa da calcolare, ma questo tipo di interpolazione simula abbastanza fedelmente il comportamento della pelle; inoltre più avanti si vedrà come, con alcuni accorgimenti, è possibile velocizzare l intero processo di morphing. 3 Dettagli Implementativi L approccio proposto consiste nell utilizzare i parametri dello standard MPEG-4 per specificare i movimenti da eseguire, dopodichè il simulatore fisico valuta gli spostamenti di tutti gli FP lavorando su una mesh elastica costruita ad-hoc, ed infine l animazione viene ottenuta deformando con gli MLS il volto iniziale in base alle nuove posizioni degli FP. Il primo problema è stato dover adattare i volti del database BU 3D-FE allo standard MPEG-4: dato che i landmark definiti sui volti a disposizione sono molto differenti rispetto agli FP cercati, i feature point MPEG-4 sono stati stimati secondo delle apposite euristiche; inoltre i volti BU 3D-FE non presentano tutte le feature richieste quindi alcuni FP sono stati tralasciati (come l attaccatura dei capelli, FP 11.1, o la lingua, FP ) ed i FAP legati a tali FP non sono stati implementati (ad esempio i movimenti delle orecchie, FAP 65 68). Passando al livello sottostante, la mesh su cui lavora il simulatore fisico è stata costruita usando solo gli FP MPEG-4: per ottenere un maggiore realismo, viene stimato una sorta di cranio virtuale del volto in esame (semplicemente spostando gli FP lungo le loro normali), dopodichè la mesh elastica viene costruita inserendo per prima cosa delle molle tra ogni FP ed il relativo punto del cranio, e poi

4 4 RISULTATI OTTENUTI 4 Figura 3: In rosso le molle della mesh elastica a livello della pelle. posizionando delle molle tra gli FP stessi, secondo lo schema in figura 3. Allo stesso modo, seguendo l idea proposta in [2], viene aggiunto anche un secondo cranio esterno (figura 4), in modo che i punti della pelle si muovano tendenzialmente lungo le tangenti al volto, rendendo l intera animazione più naturale. I nodi sui due teschi, tranne quelli della mandibola, sono immobili, mentre quelli a livello della pelle possono spostarsi in seguito all applicazione di forze esterne; i movimenti sono quindi realizzati traducendo i FAP in forze da applicare ai rispettivi feature point, oppure, per i movimenti della mandibola, spostando direttamente i punti del cranio coinvolti. La simulazione viene portata a termine risolvendo sistema di equazioni della formula 2 tramite il metodo esplicito Eulero [4], ottenendo così le posizioni finali degli FP. La fase di morphing, ora che si hanno a disposizione le posizioni iniziali e finali degli FP, consiste banalmente nel calcolo della formula 4; l unica cosa che vale la pena sottolineare è che tutta la prima parte dell equazione viene in realtà precomputata: i coefficienti ( N ) 1 k vj = (v p v ) w viˆp T viˆp w vi vjˆp T vj i=1 sono indipendenti dalle posizioni finali dei landmarks, e quindi possono essere calcolati nel momento in cui il volto viene caricato. Di conseguenza tutte le varie deformazioni possono essere ottenute con la semplice formula v = N k vjˆq vj + q v j=1 molto meno onerosa rispetto alla 4. Infine, per dimostrare le potenzialità del framework, è stata aggiunta la possibilità di controllare le trasformazioni anche ad un livello di astrazione più alto, scegliendo tra alcune espressioni facciali predefinite e specificandone l intesità richiesta; al momento sono state inserite solo le sei espressioni facciali primarie (felicità, tristezza, disgusto, paura, sorpresa e rabbia) e alcune espressioni di medio livello (inarcamento delle sopracciglia, qualche tipo di sorrisi, ecc.), ma, dato che un espressione non è altro che una combinazione di FAP, crearne di nuove è un compito estremamente banale. Inoltre l utilizzo delle espressioni facciali non pone nessun tipo di limitazione, possono essere tranquillamente applicate ad un volto già deformato e possono essere ulteriormente ritoccate specificando dei singoli FAP. É bene sottolineare che le sei espressioni primarie non sono state implementate con l obiettivo di rappresentare correttamente uno stato d animo (la cui valutazione è del tutto soggettiva), ma solo per dare un idea delle capacità del sistema. 4 Risultati ottenuti Figura 4: Struttura del sistema con doppia scatola cranica: in rosso i nodi della pelle, in verde e in blu rispetivamente i nodi del teschio interno ed esterno. In figura 5 sono riportati alcuni dei volti ottenuti col metodo proposto: il primo volto sulla sinistra è quello originale nello stato neutro, mentre i successivi sono quelli ottenuti applicando le espressioni

5 4 RISULTATI OTTENUTI 5 Figura 5: Esempi di volti generati con l approccio proposto. facciali felice, arrabbiato e sorpreso ; sulla seconda riga sono riportati gli stessi volti senza texture, per poter meglio apprezzare la deformazione della mesh. Come si può osservare i modelli sono molto accurati e di qualità elevata, ma già in questo semplice esempio si presentano tre situazioni ben diverse: il volto felice è decisamente un buon risultato, è molto realistico e non presenta deformazioni innaturali. Il volto arrabiato è anch esso abbastanza realistico, ma gli occhi risultano deformati in modo innaturale: questo in realtà è del tutto normale dato che la gestione degli occhi non è tra gli obiettivi del progetto, inoltre è uso comune elaborare gli occhi tramite tool di modellazione grafica, ed aggiungerli al volto solo in un secondo tempo. L ultimo volto presenta invece dei difetti nella zona delle labbra, dovuti a due diversi problemi di fondo: per prima cosa le mesh dei volti utilizzati non prevedono che le labbra siano separate, vi sono effettivamente dei triangoli che uniscono il labbro superiore a quello inferiore. La seconda ragione è che, durante il morphing, i pesi sono calcolati in funzione della distanza euclidea, pertanto i landmark del labbro inferiore influenzano pesantemente anche alcuni punti del labbro superiore e viceversa. Il primo problema può essere risolto modificando la mesh, ma per il secondo è invece necessario rivedere l algoritmo di morphing in modo che tenga conto della topologia del volto. Su una macchina con un processore da 2 GHz e 2 Gb di RAM, il tempo necessario per generare una deformazione di un volto (composto da circa vertici), è mediamente di 0.41 secondi; il tempo necessario per la sola simulazione fisica è di circa 0.05 secondi, mentre circa 0.36 secondi vengono spesi

6 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI 6 per l algoritmo di morphing. Sono tempi ancora un po troppo elevati per ottenere un animazione fluida in real-time, ma i margini di miglioramento dell algoritmo sono ampi, inoltre è importante notare che i tempi di esecuzione sono completamente indipendenti dal numero e dall intensità dei FAP applicati. Infine si sottolinea che la mesh elastica, il cranio e le azioni dei FAP sono completamente personalizzabili: per il momento sono stati implementati solo a scopo di test, ma lavorandoci sopra più approfonditamente è sicuramente possibile ottenere dei risultati ancora migliori. 5 Conclusioni Il sistema presentato è in grado di animare volti virtuali 3D con un buon grado di realismo e con tempi di esecuzione contenuti; lo standard MPEG-4 permette di deformare qualsiasi modello su cui siano stati definiti gli FP necessari, ed inoltre consente di controllare le animazioni in modo semplice ed intuitivo. Infine la possibilità di personalizzare le principali componenti coinvolte nell animazione rende l intero sistema estremamente versatile e scalabile. Per quanto riguarda gli sviluppi futuri, sicuramente verranno apportate delle modifiche all algoritmo di morphing, cercando di ridurre i tempi di esecuzione e tenendo conto della topologia del volto. Altre funzionalità interessanti da aggiungere potrebbero essere la creazione di una mesh elastica a risoluzione variabile, in modo da poter bilanciare a piacimento il rapporto realismo/prestazioni, oppure dare la possibilità di specificare delle espressioni facciali personalizzate. Se poi si volesse aumentare ulteriormente il realismo delle animazioni, sarebbe interessante cercare di definire mesh elastica, FAP ed espresisoni facciali utilizzando tecniche di machine learning su volti acquisiti tramite uno scanner 3D. [2] K. Kahler, J. Haber, and H.P. Seidel. Geometry-based muscle modeling for facial animation. In Graphics Interface, pages Citeseer, [3] D. Levin. The approximation power of moving least-squares. Mathematics of Computation, 67(224): , [4] W.H. Press, S.A. Teukolsky, W.T. Vetterling, and B.P. Flannery. Numerical recipes in C. Cambridge Univ. Press Cambridge MA, USA, [5] D. Terzopoulos and K. Waters. Physicallybased facial modeling, analysis, and animation. Journal of visualization and Computer Animation, 1(2):73 80, [6] L. Yin, X. Wei, Y. Sun, J. Wang, and M.J. Rosato. A 3D facial expression database for facial behavior research. In 7th International Conference on Automatic Face and Gesture Recognition (FGR06), pages Citeseer, Riferimenti bibliografici [1] Moving Picture Experts Group. ISO/IEC MPEG-4 International Standard. ISO/IEC, 1998.

Animazione Facciale. Sommario

Animazione Facciale. Sommario Animazione Facciale N. Alberto Borghese N.B.: Il diritto di scaricare questo file è riservato solamente agli studenti regolarmente iscritti al corso di Animazione Digitale. 1/50 Sommario Introduzione.

Dettagli

Ottimizzazione strutturale di un pannello aeronautico in materiale composito attraverso tecniche di free-mesh morphing

Ottimizzazione strutturale di un pannello aeronautico in materiale composito attraverso tecniche di free-mesh morphing Ottimizzazione strutturale di un pannello aeronautico in materiale composito attraverso tecniche di free-mesh morphing Giuseppe Quaranta, Angelo Colbertaldo, Marco Sirna L articolo presenta l applicazione

Dettagli

Engineering Computation. 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti

Engineering Computation. 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti Engineering Computation Vol. 1 N. 1 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti Marzo ITERA S.r.l. è una società di ingegneria che da molti anni opera nel mercato della simulazione numerica. Una delle attività

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica, orientamento Robotica ed Automazione Tesi di Laurea Interazione Visuo-Aptica con Oggetti Deformabili

Dettagli

Università degli studi Roma Tre

Università degli studi Roma Tre Università degli studi Roma Tre Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali Relazione di fine tirocinio Software di rappresentazione grafica 3D: Grasshopper

Dettagli

Information Visualization

Information Visualization Information Visualization Introduzione alla CG Prof. Andrea F. Abate abate@unisa.it http://www.unisa.it/docenti/andreafrancescoabate/index CG e VR: cosa sono e a cosa servono Con il termine Computer Graphics,

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Chirurgia Cranio Maxillo - Facciale Direttore: prof. Luigi Clauser

DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Chirurgia Cranio Maxillo - Facciale Direttore: prof. Luigi Clauser DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Chirurgia Cranio Maxillo - Facciale Direttore: prof. Luigi Clauser I TRAUMI DEL VOLTO Nella foto, da sinistra: Riccardo Tieghi, Stefano Denes, Giovanni

Dettagli

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1)

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1) 1 L Oscillatore armonico L oscillatore armonico è un interessante modello fisico che permette lo studio di fondamentali grandezze meccaniche sia da un punto di vista teorico che sperimentale. Le condizioni

Dettagli

Lez.8 - Multimedia. Prof. Giovanni Mettivier

Lez.8 - Multimedia. Prof. Giovanni Mettivier Lez.8 - Multimedia Prof. Giovanni Mettivier Dott. Giovanni Mettivier, PhD Dipartimento Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via Cintia, I-80126, Napoli mettivier@na.infn.it

Dettagli

Publishing & Editing Immagini

Publishing & Editing Immagini Publishing & Editing Immagini Un'immagine digitale è la rappresentazione numerica di una immagine bidimensionale. La rappresentazione può essere di tipo vettoriale oppure raster (altrimenti detta bitmap);

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

AMBIENTE VIRTUALE UTENTE

AMBIENTE VIRTUALE UTENTE Moduli logici di un Ambiente Virtuale Sintesi Campionamento Comportamenti Proprietà AMBIENTE VIRTUALE Management Rendering Interazione UTENTE È il processo che porta alla descrizione di un oggetto (modello),

Dettagli

AMBIENTE VIRTUALE. Moduli logici di un Ambiente Virtuale. Modellazione. Management Rendering Interazione. Sintesi. Comportamenti.

AMBIENTE VIRTUALE. Moduli logici di un Ambiente Virtuale. Modellazione. Management Rendering Interazione. Sintesi. Comportamenti. Moduli logici di un Ambiente Virtuale Sintesi Campionamento Comportamenti Proprietà AMBIENTE VIRTUALE Management Rendering Interazione UTENTE È il processo che porta alla descrizione di un oggetto (modello),

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 4) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Il 3D nel campo della Chirurgia Maxillo-Facciale: dalla pianificazione virtuale e la simulazione, alla navigazione intraoperatoria

Il 3D nel campo della Chirurgia Maxillo-Facciale: dalla pianificazione virtuale e la simulazione, alla navigazione intraoperatoria Il 3D nel campo della Chirurgia Maxillo-Facciale: dalla pianificazione virtuale e la simulazione, alla navigazione intraoperatoria Alberto Bianchi M.D., Filippo Giorgini M.D., Claudio Marchetti M.D. U.O.

Dettagli

Esercizi di Ricerca Operativa I

Esercizi di Ricerca Operativa I Esercizi di Ricerca Operativa I Dario Bauso, Raffaele Pesenti May 10, 2006 Domande Programmazione lineare intera 1. Gli algoritmi per la programmazione lineare continua possono essere usati per la soluzione

Dettagli

Mondi virtuali in multi-utenza e formazione

Mondi virtuali in multi-utenza e formazione varie potenzialità del software potranno arrivare a degli ottimi risultati. Nel sito di Seamless3D 1 è presente un forum in cui gli utenti possono confrontarsi con gli sviluppatori del software o aiutarsi

Dettagli

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA ANDREA MARIO FRANCHINI I VANTAGGI DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA La fusione sinergica delle conoscenze meccaniche, elettroniche e informatiche consente di giungere a nuovi concetti di macchina e a uno

Dettagli

La nascita di un corto

La nascita di un corto La nascita di un corto Short Animated Movie in 3D Vertici Modellazione Modellare significa disegnare nello spazio 3D ciò che prima è stato progettato. Lati Una mesh è un reticolo poligonale che definisce

Dettagli

Diagnosi Ortodontica - Il "check-up" Ortodontico

Diagnosi Ortodontica - Il check-up Ortodontico Diagnosi Ortodontica - Il "check-up" Ortodontico Articolo a cura di: Alberto Gentile / Impaginazione a cura di: Mile Sito web: www.albertogentile.it Per impostare un corretto piano di trattamento ortodontico

Dettagli

Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/2010

Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/2010 Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/010 L esperienza, basata sullo studio di una molla a spirale in condizioni di equilibrio e di oscillazione, ha diversi scopi e finalità, tra

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Procedure di calcolo implicite ed esplicite

Procedure di calcolo implicite ed esplicite Procedure di calcolo implicite ed esplicite Il problema della modellazione dell impatto tra corpi solidi a medie e alte velocità. La simulazione dell impatto tra corpi solidi in caso di urti a media velocità,

Dettagli

Simulazione Anatomica di Muscoli Facciali per Volti Virtuali Generici

Simulazione Anatomica di Muscoli Facciali per Volti Virtuali Generici Università degli studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Tesi di Laurea in Ingegneria Informatica Simulazione Anatomica di Muscoli Facciali per Volti Virtuali Generici Relatore Prof. Marco Schaerf

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni 2009-200 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 3 Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni Lez. 3 Calcolatore e Informazione Tutti i

Dettagli

Introduzione alla Computer Graphics

Introduzione alla Computer Graphics Introduzione alla Computer Graphics Informatica Grafica CdLS a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura a.a. 2008/09 Computer Graphics e Image Processing Image processing Insieme di teorie ed algoritmi

Dettagli

TecnoBody. Rehabilitation Systems ISOMOVE

TecnoBody. Rehabilitation Systems ISOMOVE TecnoBody Rehabilitation Systems TM ISOMOVE L Isocinetica elastica In natura sappiamo che il movimento isocinetico non esiste ma è stato costruito in laboratorio per ottimizzare il processo di recupero.

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

TeraHertz Imaging System

TeraHertz Imaging System Pietro Tedeschi FB: https://www.facebook.com/lordgroove TeraHertz Imaging System for Medical and Security Systems Le onde THz Le onde Terahertz (THz light o T-rays) sono radiazioni elettromagnetiche con

Dettagli

L informatica ed il pensiero computazionale

L informatica ed il pensiero computazionale L informatica ed il pensiero computazionale Paolo Ciancarini Dipartimento di Informatica Università di Bologna Liceo Scientifico Rosetti San Benedetto del Tronto 10 3 2015 Sommario L informatica è una

Dettagli

A) La Protesi Totale

A) La Protesi Totale A) La Protesi Totale A cura del dott. Raffaello Pagni e del dott. Alessio Casucci. Nei rari casi in cui un paziente, per mancanza di una corretta attuazione della Prevenzione, diviene completamente edentulo,

Dettagli

Indice. Introduzione...6. Capitolo 1: Realtà virtuale e computer vision..10. Capitolo 2: Riconoscimento facciale..34

Indice. Introduzione...6. Capitolo 1: Realtà virtuale e computer vision..10. Capitolo 2: Riconoscimento facciale..34 Indice Introduzione...6 Capitolo 1: Realtà virtuale e computer vision..10 Introduzione.....10 1.1 Realtà virtuale immersiva 11 1.2 Dispositivi per l interazione 12 1.3 Gradi di immersione...14 1.4 Realtà

Dettagli

lcosmo@dsi.unive.it Computer Vision, in particolare Nonrigid Matching.

lcosmo@dsi.unive.it Computer Vision, in particolare Nonrigid Matching. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome COSMO LUCA Indirizzo 6, VIA ACHILLE GRANDI, 31038 PAESE, TREVISO, ITALIA Telefono +39 349 1580861 E-mail lcosmo@dsi.unive.it Nazionalità

Dettagli

Introduzione al Calcolo Scientifico

Introduzione al Calcolo Scientifico Introduzione al Calcolo Scientifico Corso di Calcolo Numerico, a.a. 2008/2009 Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari Francesca Mazzia (Univ. Bari) Introduzione al Calcolo Scientifico

Dettagli

E-LEARNING E FACCE PARLANTI: NUOVE APPLICAZIONI E PROSPETTIVE

E-LEARNING E FACCE PARLANTI: NUOVE APPLICAZIONI E PROSPETTIVE Atti delle XIV Giornate del GFS Viterbo, 4-6 dicembre 2003 E-LEARNING E FACCE PARLANTI: NUOVE APPLICAZIONI E PROSPETTIVE Piero Cosi e Emanuela Magno Caldognetto Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione

Dettagli

3D e Realtà Virtuale

3D e Realtà Virtuale 3D e Realtà Virtuale Modello 3D La costruzione di un modello 3D, così come la realizzazione di un plastico tradizionale, necessita di grande precisione e attenzione conoscitiva. Tale modello convoglia

Dettagli

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000 GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI INDICE parte sezione pagina 1. INTRODUZIONE. FONDAMENTI.1. Misurando,

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 4) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Controllo di posizione di un robot articolato mediante Kinect

Controllo di posizione di un robot articolato mediante Kinect UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica Mobile (Prof. Riccardo Cassinis)

Dettagli

Serie IMZ-RS400. RealShot Manager versione 4. www.sonybiz.net/nvm

Serie IMZ-RS400. RealShot Manager versione 4. www.sonybiz.net/nvm Serie IMZ-RS400 RealShot Manager versione 4 www.sonybiz.net/nvm Software di monitoraggio basato sull innovativa piattaforma DEPA (Distributed Enhanced Processing Architecture) che fornisce un analisi delle

Dettagli

Immagini vettoriali. Immagini raster

Immagini vettoriali. Immagini raster Immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori. I vettori sono segmenti definiti da un punto di origine, una direzione e

Dettagli

Introduzione alla Grafica 3D

Introduzione alla Grafica 3D Informatica Grafica per le arti Introduzione alla Grafica 3D La realizzazione di grafica tridimensionale e' un processo molto complicato che richiede notevole potenza di calcolo. Generare un'immagine tridimensionale

Dettagli

n L ambiente di lavoro

n L ambiente di lavoro n L ambiente di lavoro n Usare Cabri n Comprendere Cabri n L ambiente di lavoro 1 Che cosa è Cabri Il programma Cabri* è stato sviluppato da Jean-Marie Laborde e Franck Bellemain presso l Institut d Informatique

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Carolina Vittoria Beccari, PhD

Carolina Vittoria Beccari, PhD Carolina Vittoria Beccari, PhD CURRICULUM DELLE ATTIVITÀ SCIENTIFICHE E DIDATTICHE Dipartimento di Matematica Università di Bologna P.zza di Porta S. Donato 5 40126 Bologna beccari@dm.unibo.it DATI PERSONALI

Dettagli

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU 9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A LU 9.1 Il metodo di Gauss Come si è visto nella sezione 3.3, per la risoluzione di un sistema lineare si può considerare al posto

Dettagli

LA STEREO FOTOMETRIA, OLTRE L IMMAGINAZIONE

LA STEREO FOTOMETRIA, OLTRE L IMMAGINAZIONE MADD-SPOT, 2, 2013 LA STEREO FOTOMETRIA, OLTRE L IMMAGINAZIONE DI ROBERTO MECCA Il mercato dell animazione 3D è in forte crescita in questi anni. Stampanti tridimensionali, nuovi strumenti per l analisi

Dettagli

Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul. sistema HPC CRESCO di ENEA GRID

Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul. sistema HPC CRESCO di ENEA GRID Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul sistema HPC CRESCO di ENEA GRID NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NEPTUNIUS PROJECT 201001 NOME FILE: NEPTUNIUS201001.doc DATA: 03/08/10 STATO: Versione rivista

Dettagli

Esempio. Approssimazione con il criterio dei minimi quadrati. Esempio. Esempio. Risultati sperimentali. Interpolazione con spline cubica.

Esempio. Approssimazione con il criterio dei minimi quadrati. Esempio. Esempio. Risultati sperimentali. Interpolazione con spline cubica. Esempio Risultati sperimentali Approssimazione con il criterio dei minimi quadrati Esempio Interpolazione con spline cubica. Esempio 1 Come procedere? La natura del fenomeno suggerisce che una buona approssimazione

Dettagli

IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER

IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER fb.m. s.r.l. 1 Il continuo sviluppo della tecnica di rilievo e la ricerca continua del miglior risultato ore-lavoro, ha prodotto la strumentazione per il rilievo

Dettagli

VisIVO Server e VisIVO WEB: nuovi sistemi di visualizzazione e analisi di dati tridimensionali e di grandi dimensioni

VisIVO Server e VisIVO WEB: nuovi sistemi di visualizzazione e analisi di dati tridimensionali e di grandi dimensioni : nuovi sistemi di visualizzazione e analisi di dati tridimensionali e di grandi dimensioni P.Massimino, U.Becciani, M.Comparato, A.Costa INAF - Osservatorio Astrofisico di Catania G.Caniglia, F.Vitello

Dettagli

Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze. Modello matematico VS modello numerico

Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze. Modello matematico VS modello numerico Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze Modello matematico VS modello numerico IUAV Disegno Digitale Camillo Trevisan Capitelli hatoriani di Abu Fedah, dalla Description de

Dettagli

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano

Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Trasformazioni geometriche nel piano cartesiano Francesco Biccari 18 marzo 2013 Una trasformazione geometrica del piano è una legge (corrispondenza biunivoca) che consente di associare a un determinato

Dettagli

Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale

Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Codifica binaria dell Informazione Bit Byte Kilobyte Megabyte Gigabyte 0/1 (si/no) 00010010 (8 bit) 2 10 = 1024 byte 2 20 ~ 1.000.000 byte 2 30 ~

Dettagli

IMMAGINE BITMAP E VETTORIALI

IMMAGINE BITMAP E VETTORIALI BITMAP VETTORIALE VETTORIALE BITMAP IMMAGINE BITMAP è una immagine costituita da una matrice di Pixel. PIXEL (picture element) indica ciascuno degli elementi puntiformi che compongono la rappresentazione

Dettagli

Analizziamo le informazioni

Analizziamo le informazioni Analizziamo le informazioni Lato osservatore 27 Analizziamo le informazioni 28 Analizziamo le informazioni 29 Analizziamo le informazioni 30 Analizziamo le informazioni 1 sfondo 2 volto 3 fronte 4 occhio

Dettagli

Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti. Equazioni e Disequazioni

Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti. Equazioni e Disequazioni Liceo Scientifico F. Lussana Bergamo Programma di MATEMATICA A.S. 2014/2015 Classe 3 A C Prof. Matteo Bonetti Equazioni e Disequazioni Ripasso generale relativo alla risoluzione di equazioni, disequazioni,

Dettagli

Dispense del corso di Elaborazione di Immagini e Audio Digitali

Dispense del corso di Elaborazione di Immagini e Audio Digitali http://imagelab.ing.unimo.iting it Dispense del corso di Elaborazione di Immagini e Audio Digitali Video Processing Prof. Roberto Vezzani Dall immagine al video Un video può essere visto innanzitutto come

Dettagli

3DE Modeling Professional

3DE Modeling Professional 3DE Modeling Professional 3DE Modeling Professional è la parte di 3DE Modeling Suite che si occupa della modellazione 3D automatica di oggetti ed edifici a partire da nuvole di punti ottenute con scanner

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Elaborazione grafica in 2D 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di applicazioni grafiche Conoscenza elementare di dispositivi grafici Elementi di numerazione binaria 2 1

Dettagli

Corso di grafica vettoriale

Corso di grafica vettoriale Presentazioni Carmine De Rosa (HCSSLUG) Corso di grafica vettoriale Laboratorio Turing Dip. di Informatica ed Applicazioni Università degli Studi di Salerno Obbiettivi del corso Obbiettivo 1: Fornire le

Dettagli

Guida pratica alla valutazione

Guida pratica alla valutazione Cop.Carico incendio:copia di Legge 10.qxp N T Q u a d e r n i I N p e r C l a E 12.30 N Pagina 1 D I ANTINCENDIO O p r o g e t t a z i o n e Pagine tratte da www.epc.it - Tutti i diritti riservati A Un

Dettagli

Optimization and control: CFD as a design tool

Optimization and control: CFD as a design tool Relazione di attività del PhD student Samuele Zampini Supervisore: Prof. Maurizio Quadrio, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Aereospaziali Optimization and control: CFD as a design tool Attività di

Dettagli

e-dva - eni-depth Velocity Analysis

e-dva - eni-depth Velocity Analysis Lo scopo dell Analisi di Velocità di Migrazione (MVA) è quello di ottenere un modello della velocità nel sottosuolo che abbia dei tempi di riflessione compatibili con quelli osservati nei dati. Ciò significa

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI LABORATORIO DI CALCOLO AVANZATO Metodi Numerici per le Equazioni Differenziali Ordinarie

APPUNTI DEL CORSO DI LABORATORIO DI CALCOLO AVANZATO Metodi Numerici per le Equazioni Differenziali Ordinarie APPUNTI DEL CORSO DI LABORATORIO DI CALCOLO AVANZATO Metodi Numerici per le Equazioni Differenziali Ordinarie MARCO LIMONGI Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio Astronomico di Roma 1. EQUAZIONI

Dettagli

Qualità d immagine all avanguardia

Qualità d immagine all avanguardia ITALIANO Qualità d immagine all avanguardia L innovativo sensore intraorale Planmeca ProSensor definisce i nuovi standard in fatto di imaging nel settore odontoiatrico. Planmeca ProSensor è capace di combinare,

Dettagli

Spline Nurbs. IUAV Disegno Digitale. Camillo Trevisan

Spline Nurbs. IUAV Disegno Digitale. Camillo Trevisan Spline Nurbs IUAV Disegno Digitale Camillo Trevisan Spline e Nurbs Negli anni 70 e 80 del secolo scorso nelle aziende si è iniziata a sentire l esigenza di concentrare in un unica rappresentazione gestita

Dettagli

Un Algoritmo parallelo per l Equazione delle Onde nelle Applicazioni Geofisiche

Un Algoritmo parallelo per l Equazione delle Onde nelle Applicazioni Geofisiche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TRE FACOLTÀ DI SCIENZE M.F.N. Un Algoritmo parallelo per l Equazione delle Onde nelle Applicazioni Geofisiche Sintesi della tesi di Laurea in Matematica di Riccardo Alessandrini

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Algoritmi di channel routing per standard cells; verifica progettuale

Elettronica dei Sistemi Digitali Algoritmi di channel routing per standard cells; verifica progettuale Elettronica dei Sistemi Digitali Algoritmi di channel routing per standard cells; verifica progettuale Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema

Dettagli

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali.

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali. Indirizzi Laurea Magistrale in Matematica INDIRIZZO di LOGICA MATEMATICA L indirizzo logico si propone un duplice obiettivo: 1) la formazione di un laureato in grado di affrontare problemi di natura combinatoriale,

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

Il sistema di numerazione posizionale decimale INFORMATICA DI BASE. Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale

Il sistema di numerazione posizionale decimale INFORMATICA DI BASE. Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale INFORMATICA DI BASE Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Prof. Sebastiano Battiato Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Catania e-mail : {battiato}@dmi.unict.it Il sistema

Dettagli

RILIEVO CON TECNOLOGIA LASER SCANNER

RILIEVO CON TECNOLOGIA LASER SCANNER RILIEVO CON TECNOLOGIA LASER SCANNER LA SCANSIONE LASER 3D CONSENTE DI PENSARE IN UN MODO NUOVO ALLE ATTIVITA DI ACQUISIZIONE, ANALISI ED ARCHIVIAZIONE DATI, INDIPENDENTEMENTE DAL SETTORE APPLICATIVO IN

Dettagli

Metodologia di calcolo per pompe a ingranaggi esterni Articolo pubblicato sulla rivista oleodinamica e pneumatica 03/2013 Gibellini Matteo

Metodologia di calcolo per pompe a ingranaggi esterni Articolo pubblicato sulla rivista oleodinamica e pneumatica 03/2013 Gibellini Matteo In questo articolo verrà descritta la metodologia di calcolo per la progettazione delle pompe a ingranaggi esterni con dentatura ad evolvente sviluppato dall autore per conto di Galtech S.p.A. con l obiettivo

Dettagli

Progetto di un banco prova per l analisi del comportamento dinamico di servomotori elettrici

Progetto di un banco prova per l analisi del comportamento dinamico di servomotori elettrici Progetto di un banco prova per l analisi del comportamento dinamico di servomotori elettrici Paolo Righettini, Roberto Strada, Vittorio Lorenzi Dipartimento di Progettazione e Tecnologie, Università degli

Dettagli

Anche nel caso che ci si muova e si regga una valigia il lavoro compiuto è nullo: la forza è verticale e lo spostamento orizzontale quindi F s =0 J.

Anche nel caso che ci si muova e si regga una valigia il lavoro compiuto è nullo: la forza è verticale e lo spostamento orizzontale quindi F s =0 J. Lavoro Un concetto molto importante è quello di lavoro (di una forza) La definizione di tale quantità scalare è L= F dl (unità di misura joule J) Il concetto di lavoro richiede che ci sia uno spostamento,

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 1 RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 2 Le informazioni trovate in questo opuscolo non sostituiscono il colloquio col

Dettagli

Componenti multimediali per il Web. Modulo 14

Componenti multimediali per il Web. Modulo 14 Componenti multimediali per il Web Modulo 14 Obiettivi Valutare e usare strumenti di utilità e produzione grafica anche animata per inserire e modificare componenti multimediali (immagini, immagini animate,

Dettagli

Curricolo verticale MATEMATICA Scuola primaria CLASSE 1^

Curricolo verticale MATEMATICA Scuola primaria CLASSE 1^ Curricolo verticale MATEMATICA Scuola primaria Istituto Comprensivo Novellara CLASSE 1^ NUCLEI TEMATICI ABILITA CONOSCENZE METODOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NUMERI Tecniche e procedure

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo se si ritiene di poterlo approfondire ad un punto tale da poter formulare domande non banali con

Dettagli

Lezione 9: Video(II) Informatica e Produzione Multimediale. Docente: Umberto Castellani

Lezione 9: Video(II) Informatica e Produzione Multimediale. Docente: Umberto Castellani Lezione 9: Video(II) Informatica e Produzione Multimediale Docente: Umberto Castellani Sommario Introduzione al video Formati video Analogici digitali Il Moving picture Expert group (MPEG) Editing video

Dettagli

Introduzione al Calcolo Scientifico

Introduzione al Calcolo Scientifico Introduzione al Calcolo Scientifico Corso di Calcolo Numerico, a.a. 2010/2011 Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari Francesca Mazzia (Univ. Bari) Introduzione al Calcolo Scientifico

Dettagli

Un po di teoria dei numeri

Un po di teoria dei numeri Un po di teoria dei numeri Applicazione alla crittografia RSA Christian Ferrari Liceo di Locarno Matematica Sommario 1 L aritmetica modulare di Z n Le congruenze L anello Z n Le potenze in Z n e algoritmo

Dettagli

Come scrivere una relazione di laboratorio completa sintetica

Come scrivere una relazione di laboratorio completa sintetica Come scrivere una relazione di laboratorio Premesso che durante l esperienza di laboratorio è necessario annotare tutto ciò che è utile per poter redigere la relazione, questa deve contenere: gli strumenti

Dettagli

T E C N I C H E D I C O D I F I C A D E L L E M I C R O E S P R E S S I O N I F A C C I A L I

T E C N I C H E D I C O D I F I C A D E L L E M I C R O E S P R E S S I O N I F A C C I A L I presenta In collaborazione con T E C N I C H E D I C O D I F I C A D E L L E M I C R O E S P R E S S I O N I F A C C I A L I Spesso la nostra faccia dice di più delle nostre parole 1 PROGRAMMA DEL CORSO

Dettagli

013600 Sistema di supervisione WINMAG

013600 Sistema di supervisione WINMAG 013600 Sistema di supervisione WINMAG L importanza della visualizzazione Nei più moderni impianti di supervisione la parola d ordine è visualizzare con precisione e nel minor tempo possibile gli eveni

Dettagli

Ideato per agevolare l analisi della profondità di carbonatazione del calcestruzzo armato, permette in modo automatico di svolgere diverse funzioni:

Ideato per agevolare l analisi della profondità di carbonatazione del calcestruzzo armato, permette in modo automatico di svolgere diverse funzioni: Il Prodotto > Software REPORT carbontest Report è il software per la valutazione della profondità di carbonatazione. Ideato per agevolare l analisi della profondità di carbonatazione del calcestruzzo armato,

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Virtualizzazione e Macchine Virtuali

Virtualizzazione e Macchine Virtuali Virtualizzazione e Macchine Virtuali Gabriele D Angelo, Ludovico Gardenghi {gda, garden}@cs.unibo.it http://www.cs.unibo.it/~gdangelo/ http://www.cs.unibo.it/~gardengl/ Università di Bologna Corso di Laurea

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

Documentazione esterna al software matematico sviluppato con MatLab

Documentazione esterna al software matematico sviluppato con MatLab Documentazione esterna al software matematico sviluppato con MatLab Algoritmi Metodo di Gauss-Seidel con sovrarilassamento Metodo delle Secanti Metodo di Newton Studente Amelio Francesco 556/00699 Anno

Dettagli

Georock 3D. Parte I Georock 3D. Parte II Piano quotato. Parte III Calcolo e Grafici 3D. Parte IV Cenni teorici. Parte V Immagine raster

Georock 3D. Parte I Georock 3D. Parte II Piano quotato. Parte III Calcolo e Grafici 3D. Parte IV Cenni teorici. Parte V Immagine raster I Parte I 1 1 Importazione... di un piano quotato 2 2 Assegnazione... dei materiali 2 3 Condizioni... iniziali 3 4 Selezione... dell area di lancio 4 5 Assegnazione... delle barriere 4 6 Animazione...

Dettagli

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Obiettivi del triennio: ; elaborando opportune soluzioni; 3) utilizzare le reti e gli strumenti informatici

Dettagli

Potente semplicità. Sorprendentemente conveniente.

Potente semplicità. Sorprendentemente conveniente. Potente semplicità. Sorprendentemente conveniente. Kodak 8000/8000C Sistema per esami panoramici e cefalometrici digitali Un grande prodotto, reso ancora migliore Il nostro impegno è rivolto a migliorare

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MODELLAZIONE 3D RENDERING ANIMAZIONE

CORSO DI FORMAZIONE MODELLAZIONE 3D RENDERING ANIMAZIONE RHINOCEROS FLAMINGO PENGUIN BONGO CORSO DI FORMAZIONE MODELLAZIONE 3D RENDERING ANIMAZIONE Gabriele Verducci RHINOCEROS FLAMINGO PENGUIN BONGO INDICE:.01 cenni di informatica differenza tra files bitmap

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica dell informazione Il calcolatore memorizza ed elabora vari tipi di informazioni Numeri, testi, immagini, suoni Occorre rappresentare tale informazione in formato facilmente manipolabile dall elaboratore

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli